L universo Donna. Dott. Donato Virgilio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L universo Donna. Dott. Donato Virgilio"

Transcript

1 L universo Donna Dott. Donato Virgilio

2 sistema riproduttivo femminile deputato alla procreazione della specie, fornendo il veicolo per il patrimonio genetico della femmina; comprende organi produttivi (ovaie), ovaie organi riproduttivi (utero), utero organo d'accoppiamento ed espulsione del feto (vagina). vagina

3 OVAIE in numero di due, situate all'interno dello scavo pelvico (max. protezione!), producono gli ovuli, cellule portatrici del patrimonio genetico della madre. la emissione di ovuli avviene in maniera ciclica, mediamente al ritmo di uno ogni 28 giorni (mese lunare). Tale unico ovulo, uscito dall'ovaio (= ovulazione), entra in un condotto detto TUBA ove si compie il suo destino: se vi incontra lo spermatozoo, avviene la fecondazione e l'avvio di una nuova vita; in caso contrario, "ritenta, sarai più fortunato! - la tuba funge da collegamento con l'organo riproduttivo vero e proprio

4

5 UTERO struttura mediana, situata nella pelvi tra vescica e retto. È un organo cavo, triangolare/conico con apertura inferiore nel fondo della vagina (collo, cervice). Nella sua parete avviene l'annidamento dell'ovulo fecondato: pertanto funzione essenziale dell'utero è garantire un ambiente nel quale può svilupparsi e crescere l'embrione, fino a divenire feto (3 mese) e nascituro (9 mese); a questo punto, l'utero si attiva per l'espulsione (parto, nascita). VAGINA organo dell'accoppiamento, collega l'imbocco dell'utero con il mondo esterno. È una cavità virtuale di forma vagamente cilindrica, situata tra vescica/uretra e retto/ano. si affaccia all'esterno con una struttura anatomica detta VULVA con funzione di "porta d'accesso condizionato", nella quale sbocca anche l'uretra.

6 dinamica ormonale Rappresenta uno dei capitoli più affascinanti della fisiopatologia umana, significando la finalizzazione naturale di ogni essere vivente, cioè la conservazione della specie. Si basa sull'interazione di 3 strutture: ipofisi autentica centralina di controllo dei flussi di produzione ormonale di tutto l'organismo; agisce sull'ovaio per mezzo di: FSH = ormone follicolostimolante: determina la maturazione degli ovuli nell'ovaio stesso, e la espulsione di uno solo di essi ogni 28 giorni da una zona detta follicolo LH = ormone luteinizzante: determina la trasformazione del follicolo che ha espulso l'ovulo in una fabbrica (corpo luteo) di progesterone, ormone necessario alla sopravvivenza dell ovulo fecondato

7 ovaie oltre a determinare la produzione di ovuli, secernono due classi di ormoni: gli estrogeni, che mantengono i caratteri sessuali secondari e indirizzano la fisiologia della donna; i progestinici, che preparano il corpo femminile a sostenere una gravidanza. entrambi agiscono direttamente sull utero la cui superficie interna (endometrio) si prepara ciclicamente ad accogliere e mantenere l'ovulo se fecondato.

8

9 Menarca Si intende la data del primo flusso mestruale Per durata di un ciclo si intende il numero di giorni intercorrenti tra l inizio di un flusso e l inizio del flusso successivo

10 Menopausa Si intende la data dell ultimo ciclo mestruale; rappresenta una tappa fondamentale nella storia fisiologica della donna. MENARCA = 1 ciclo eventuali GRAVIDANZE MENOPAUSA = ultimo ciclo Età media: 50 anni (+/- 5 anni) < PRECOCE > 55 anni TARDIVA Calcolo approssimativo: età menarca anno/gravidanza Spesso preceduta ed accompagnata da disturbo vari (CLIMATERIO) Evento caratterizzante: nuovo assetto ormonale

11 VAGINITI

12 INFIAMMAZIONE DEL CANALE VAGINALE E DELL AREA PERIVULVARE SONO PIU FREQUENTI NELL ETA POST-PUBERALE DISTURBO ABBASTANZA COMUNE DELL APPARATO GENITALE FEMMINILE

13 L'equilibrio del complesso ecosistema vaginale si realizza attraverso la reciproca interazione di più fattori, tutti legati da un'unica attività fisiologica: la secrezione di estrogeni. Nell'ambiente vaginale normale è presente una variegata flora batterica, e la specie dei Lactobacillus di Döderlein è quella predominante. Tale bacillo ha la funzione di garantire la corretta acidità al ph dei genitali esterni femminili. L'acidità dell'ambiente vaginale è il più valido sistema di difesa contro l'insediamento di microbi patogeni, in altre parole ostacola l'insorgenza di infezioni o infiammazioni come: vulviti, vaginiti e cerviti. I fattori infettivi, infatti, trovano la condizione ottimale di vita quando lo stato acido è deficitario o addirittura assente.

14 Il mantenimento del ph dipende da molti fattori, primo fra tutti un ciclo regolare. Gli ormoni estrogeni sono i primi amici del ph e dell'ecosistema fisiologico in età fertile. Quando una donna subisce un blocco mestruale (amenorrea), il ph sale e, in parallelo, l'ecosistema viene alterato, perché mutano le tribù di microrganismi. Questi germi saprofiti sono normali nell'intestino, ossia fanno parte del suo ecosistema, ma diventano causa di patologia (malattia) se invadono la vagina, dove scatenano vaginiti, e la vescica, dove sono fonte di cistiti.

15 MICROORGANISMI RESPONSABILI TRICHOMONAS VAGINALIS CANDIDA HEMOPHILUS VAGINALIS O GARDNERELLA

16 SINTOMI IMPROVVISO AUMENTO DELLA SECREZIONE (leucorrea) SECREZIONE DI VARI COLORI SECREZIONE MALEODORANTE INFIAMMAZIONE VULVARE CON IRRITAZIONE ED ESCORIAZIONI PRURITO VULVARE

17 DIAGNOSI CLINICA LA PAZIENTE RIFERISCE: PERSISTENTI PERDITE VAGINALI PRURITO VULVARE IRRITAZIONE CATTIVO ODORE VAGINALE LABORATORIO TAMPONE VAGINALE ANTIBIOGRAMMA ESAME DELLE URINE

18 TERAPIA FARMACOLOGICA: METRONIDAZOLO CLOTRIMAZOLO NISTATINA LAVANDE VAGINALI ASTINENZA (!)

19 Calluna Vulgaris Principi attivi Contiene un glucoside, tannini e sostanze amare. Proprietà Ottimo antisettico urogenitale. Come infuso e decotto si utilizza contro cistite, diarrea, per favorire l'eliminazione degli acidi urici e, in genere, per tutte le affezioni delle vie urinarie e per la loro depurazione. Preparati quali il decotto o l'infuso, aggiunti all'acqua del bidét, sono di sollievo in caso di infiammazioni cutanee e aiutano a migliorare il tono mucoso. Un indicazione fondamentale è la vaginite da candida, soprattutto nelle forme cronico-recidivanti (tintura madre), ove migliora le potenzialità antifungine del Sistema Immunitario delle mucose genitali. In questo si sinergizza ottimamente con prodotti a base di

20 Bergamotto Non è da sottovalutare l avere a disposizione un prodotto che garantisce, all interno di igienistico, un corretto tramite le approccio potenzialità antimicotiche ed antimicrobiche naturali dell essenza, una difesa della integrità dell ecosistema proliferazione locale di inquilini contro la indesiderati; questo tanto più quanto ci si rivolge ad una popolazione femminile con squilibri ormonali, cicli irregolari, pre-adolescenza, menopausa, contestuale uso di antibiotici per altre patologie, etc.-

21 Leucorree Si tratta delle perdite bianche accompagnate o meno da prurito. Qualora queste non siano ricollegabili a un'infezione, i rimedi naturali possono contrastare i sintomi e contribuire considerevolmente al processo di riequilibrio. Prima di tutto, bandire l'intimo che non sia di cotone e non eccedere nel consumo di latticini. Non dimenticare di assumere quotidianamente dei fermenti lattici per rinforzare la flora batterica. Tra le piante ad azione antisettica e astrigente, quelle che fanno al caso nostro sono: Erica Ginepro Plantago Urtica dioica Uva ursina Tutte possono essere utilizzate per via interna ed esterna.

22 INSUFFICIENZA OVARICA

23

24 RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE ORMONALE E DELLA MATURAZIONE FOLLICOLARE L INSUFFICIENZA OVARICA E CAUSA DI INFERTILITA

25 CAUSE FISIOLOGICA PER UNA PAZIENTE SUI 50 ANNI= MENOPAUSA PATOLOGICA PER PAZIENTE SOTTO I 40 ANNI

26 SINTOMI ASSENZA DI FLUSSO MESTRUALE SECCHEZZA VAGINALE VAMPATE DI CALORE PALPITAZIONI SUDORAZIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA PRECORDIALGIA INCONTINENZA URINARIA DA STRESS

27 SINTOMI ANSIA DEPRESSIONE IRREQUIETEZZA INDIFFERENZA FRIGIDITA INSONNIA LOMBALGIA INFERTILITA

28 DIAGNOSI PAZIENTE CHE RIFERISCE ASSENZA DI FLUSSO MESTRUALE A PARTIRE DA UN DATO MOMENTO O DA SEMPRE ESAMI DA CONSIDERARE CONSULENZA GINECOLOGICA DOSAGGIO ORMONALE PLASMATICO ECOGRAFIA OVARICA TAC CEREBRALE PAP TEST MAMMOGRAFIA DI CONTROLLO ECOGRAFIA MAMMELLE

29 TERAPIA ORMONALE CHIRURGICA

30 Le ricerche degli ultimi anni hanno consentito di verificare che numerosissime piante contengono dei precursori dei fitoestrogeni, che pur assomigliando agli ormoni animali, non hanno una specifica azione ormonale. Come per molti rimedi fitoterapici, le prime considerazioni su questi aspetti sono nate ad esempio dalla constatazione che le donne orientali (con alimentazione ricca di soia) godevano di una situazione ormonale postmenopausale diversa dalle loro coetanee occidentali. Alcune diversità sono state evidenziate anche nella incidenza del cancro del seno e soprattutto nella netta riduzione delle recidive tumorali in chi fa un uso costante di fitoestrogeni. Le piante che ne sono più ricche sono le leguminose, tra cui al primo posto per presenza di principi attivi è la Soia. Insieme alla soia però, altre piante, come il Trifoglio rosso, Actea racemosa e la Salvia officinalis, possono essere utilizzate in numerose condizioni femminili, e in particolare il loro impiego si propone interessante per il periodo menopausale.

31 Salvia Officinalis PROPRIETA STORICHE Già ai tempi di Dioscoride, nell antichità classica, alla Salvia venivano ascritte virtù terapeutiche per l universo femminile: veniva comunemente consigliata nelle forme disendocrine mestruali, nell infertilità, come nei disturbi della menopausa. Spesso si trova citata nelle ricette per sopprimere la lattazione, addirittura la si consigliava come stimolante le velleità primaverili. ATTUALI Oggi si accettano le proprietà emmenagoghe della pianta, legate all attività estrogenica follicolostimolante della sostanza sovrapponibile all estrone. E sempre da prendersi in considerazioni nella ipomenorree, nelle amenorree sia primarie che secondarie, ove necessiti un azione di riequilibrio sull assetto ormonale della donna.

32 INDICAZIONI PRINCIPALI Amenorrea primaria e secondaria Disturbi menopausali da ipoestrogenismo Algomenorrea, dismenorrea Sindrome climaterica Acne giovanile Defluvium capillorum Senescenza dermica

33 Cimicifuga (Actea Racemosa) Pianta erbacea perenne della famiglia delle ranuncolacee, con rizoma strisciante carnoso, tipica dell'america settentrionale. Si raccoglie quando la pianta non è più giovane. Se ne utilizza il rizoma. Principi attivi - Glicosidi triterpenici, isoflavoni (formononetina), acido isoferulico, acido salicilico, triterpeni, resine. Attività principali - Azione simil-estrogenica (dovuta all'isoflavone, che è considerato un fitoestrogeno). Questo la rende utile nei disturbi della menopausa (vampate di calore, turbe dell'umore, secchezza vaginale). E' indicata soprattutto per le manifestazioni non molto severe e come sostituto della terapia ormonale quando vi siano per questa delle controindicazioni. Turbe legate ad insufficienza estrogenica nell età fertile possono trarne beneficio specie per la sindrome premestruale.

34 Trifoglio Rosso Le prime ipotesi sulle potenzialità fitoestrogeniche della pianta derivarono dall'osservazione di 'effetti contraccettivi' sul bestiame (pecore), per la presenza di quantità significative di formononetina e biocianina, genisteina e daidzeina. E' noto che la biocianina A, nell'organismo, viene trasformata in genisteina che è uno dei fitoestrogeni più conosciuti al momento, e la formononetina in daidzeina. Gli isoflavoni del Trifoglio pratense sono attivi sui sintomi vasomotori della sindrome della menopausa e influenzano, bilanciando, le concentrazione degli ormoni sessuali nelle donne nel periodo peri-menopausale. Osservazioni positive si hanno anche sulla modificazione della densità ossea, con riduzione della perdita di massa ossea a seguito della somministrazione a lungo termine di estratti standardizzati di Trifoglio rosso.

35 Infine, non meno importante, è l'influenza sul quadro lipidico e cardiovascolare concomitante alla menopausa: il trattamento con estratti di Trifoglio contribuisce alla prevenzione del rischio cardiovascolare associato allo sbilancio estrogenico. E' controindicato l'uso in concomitanza con terapie con anticoagulanti, progesterone e altri contraccettivi. Non usare in gravidanza ed allattamento.

36 La Sindrome Premestruale un'affezione che colpisce circa il 40% delle donne; si manifesta con sintomi generali sintomi dolorosi addomino-pelvici (= Dismenorrea) mastodinia

37 Agnocasto PROPRIETA STORICHE Dal tempo degli antichi Romani veniva utilizzato sotto forma di infuso per i disturbi ginecologici, nelle mestruazioni dolorose e nell eretismo genitale. ATTUALI Equilibrante del sistema neurovegetativo a livello del plesso solare, specialmente nelle forme spasmodiche degli organi pelvici, tramite una presumibile azione a livello ipofisario: sembra che eserciti un effetto antiestrogenico mediato da una stimolazione selettiva dell ormone lutenizzante.

38 INDICAZIONI PRINCIPALI Palpitazioni Dolori del plesso solare Vertigini Spasmi del basso intestino Insonnia Dismenorrea Iperestrogenismo ASSOCIAZIONI SINERGICHE Crataegus oxiacantha palpitazioni cardiache Melissa officinalis sindromi spastiche intestinali Vaccinium vitis idaeae spasmi ureterali, ureterali, vescicali, uterini, ovarici

39 Piante ad azione drenante CARCIOFO TARASSACO FUMARIA BARDANA permettono, grazie alla loro azione sugli organi emuntori fegato e reni, l'eliminazione delle tossine e riducono alcuni degli effetti indotti dai farmaci (PILLOLA) come ad esempio la ritenzione idrica che si accompagna a sensazioni di gonfiore.

40 Piante ad azione rilassante e sedativa BIANCOSPINO, TIGLIO, PASSIFLORA, WITHANIA risultano utili per contrastare la difficoltà ad addormentarsi e i risvegli precoci al mattino. Il biancospino aiuta anche a contrastare la tensione emotiva e a ridurre palpitazioni e sbalzi di pressione.

41 Dismenorrea Il ciclo mestruale doloroso, o dismenorrea, è caratterizzato da: dolore addominale (spesso molto intenso), mal di schiena e talvolta mal di testa, nausea e diarrea. Risultati di recenti ricerche hanno rilevato delle correlazioni tra l'intensità dei disturbi e alcune caratteristiche psicologiche della donna, che possono influire negativamente sui sintomi della dismenorrea amplificandoli. La dismenorrea può essere primaria o secondaria. secondaria

42 Dismenorrea primaria Si manifesta in genere uno o due anni dopo la comparsa del menarca e scompare quasi sempre dopo la prima gravidanza. È legata ai cambiamenti ormonali dovuti ai cicli ovulatori e, in particolare, ad un'eccessiva produzione di prostaglandine (sostanze che provocano contrazioni spastiche e dolorose dell'utero). Nella dismenorrea primaria il dolore può manifestarsi qualche giorno prima dell'inizio della mestruazione e protrarsi fino ai primi tre giorni dall'inizio del flusso mestruale.

43 Dismenorrea secondaria Insorge generalmente in età più tradiva rispetto alla primaria e può essere causata dalla presenza di una malattia organica degli organi sessuali femminili, per esempio: endometriosi, infiammazione delle tube o delle ovaie, fibromi e polipi dell'utero o del collo dell'utero. dell'utero

44 Enotera, Oenothera biennis Famiglia delle Onagraceae Originaria del Nord America, viene coltivata anche in Europa Parti impiegate: i semi, la parte aerea è utile per alleviare i disturbi del ciclo mestruale e della fase iniziale della menopausa: menopausa sembra che gli acidi essenziali di cui l'enotera è ricca costituiscano i precursori di mediatori (prostaglandine PG-E1), PG-E1 che alcuni studi ritengono capace di ridurre i livelli di prolattina. prolattina Poiché elevati livelli di prolattina sono importanti nel causare i disturbi tipici della fase premestruale, questa pianta è utile nel trattamento di questi disturbi, in particolare di quelli quali irritabilità, disturbi di tipo depressivo, tensione dolorosa al seno e ritenzione di liquidi.

45 In particolare i dolori al seno rispondono bene al trattamento con enotera, come dimostrato in uno studio clinico fatto su un gruppo di donne in età fertile. Altre osservazioni cliniche riferiscono che il trattamento con questa pianta è in grado di ridurre le dimensioni delle cisti mammarie di natura benigna, di ostacolarne la formazione e di ridurre le recidive di queste cisti dopo la loro asportazione chirurgica. La tollerabilità dell'olio di enotera in tutti gli studi effettuati è stata ottima.

46 Foeniculum Vulgaris Una recente ricerca evidenzia che il finocchio sembra costituire una sicura ed efficace alternativa ai farmaci nel trattamento della dismenorrea primaria. In un recente studio è stata confrontata l efficacia di Foeniculum vulgare e quella dell acido mefenamico nel trattamento della dismenorrea primaria. E stato preso in considerazione un gruppo di 60 donne di età compresa tra i 15 e i 24 anni, che soffrivano di dismenorrea, ed è stato seguito per tre cicli mestruali: entrambi i prodotti somministrati si sono rivelati significativamente efficaci nell alleviare la dismenorrea in raffronto al ciclo di controllo. Non sono stati riportati effetti collaterali nelle pazienti trattate con acido mefenamico, mentre cinque pazienti si sono ritirate dallo studio perché non sopportavano l odore del finocchio e un caso ha riportato un lieve aumento della quantità del flusso mestruale. Sulla base dei dati di questo studio il finocchio pare rappresentare un alternativa sicura ed efficace nel trattamento della dismenorrea primaria. [Int. J. Gynaecol. Obstet Feb;80(2):153-7]

47

48 Achillea millefolium Famiglia delle Composite. Parti impiegate: fiori, estremità fiorite, i fusti. Dioscoride la raccomandava nella cura delle ferite, i Cinesi la impiegavano anche nella cura dei morsi di cani e serpenti, i medici Ayurvedici la impiegano per far abbassare la febbre. AZIONE È un ottimo antispasmodico, è digestiva quanto la camomilla, rilassa anche la muscolatura dell'utero, dell'utero e quindi aiuta nei crampi muscolari. contiene eugenolo, mentolo, quercetina, rutina, acido salicilico, che hanno proprietà antinfiammatorie e analgesiche, analgesiche tannini, terpeniolo, cineolo che agiscono come antisettici, il thujone che ha effetti simili alla marijuana, e quindi la rendono efficace come sedativo USO INTERNO usata già dagli Indiani d'america per i disturbi di stomaco, è astringente, aromatica, antiartritica; diminuisce gli spasmi dell'apparato digerente, dell'utero, dell'utero ha una azione antiemorragica, antiemorragica antiinfiammatoria, antiinfiammatoria cicatrizzante; regola il flusso mestruale, mestruale stimola i processi digestivi, ha una leggera capacità sedativa, sedativa con il Biancospino e il Vischio ha una azione ipotensiva, utile in chi soffre di pressione alta, calma i dolori reumatici e le nevralgie.

49

50 Boswellia Serrata FAMIGLIA: Burseraceae. HABITAT: HABITAT originaria delle regioni subtropicali dell'africa e dell'arabia saudita. PARTE USATA: USATA la resina. PROPRIETA' TERAPEUTICHE utile nella sindrome del colon irritabile ed in caso di emorroidi, sindrome Influenzale, dismenorrea, dismenorrea artrosi, malattie periarticolari, artrite, cefalea. EFFETTI COLLATERALI & CONTROINDICAZIONI non sono stati osservati effetti collaterali.

51 Piscidia La piscidia è una pianta dotata di attività antispasmodica ed è considerata sedativa e calmante nell'insonnia nervosa. Come tale viene tradizionalmente miscelata in parti uguali alla Melissa. La pianta viene utilmente prescritta nella dismenorrea e come antalgico dell'apparato utero-ovarico. Famiglia: Famiglia Fagaceae Parte utilizzata: utilizzata corteccia Costituenti principali: principali 3-sitosterolo; acido piscidico; piscidina, rotenone, ictinone, jamaicina, tannino; acidi organici Impiego terapeutico: terapeutico dismenorrea; dismenorrea disturbi minori del sonno Gli studi farmacologici evidenziano un'azione narcotica con midriasi, aumento della sudorazione ed azione litica sulla muscolatura liscia (azione deprimente su frammenti di intestino e utero isolati). Curiosità Si tratta di un arbusto assai diffuso nelle Antille, in particolare alla Martinica, il nome piscidia deriva da piscis (pesce) in quanto usata dagli indigeni nella pesca, per le proprietà ittiotossiche: i pesci storditi vengono a galla.

52

53 Matricaria camomilla Etimologia: Il nome di genere "matricaria" deriva dal greco "matrix" che significa "utero": ciò per il fatto che l'infuso veniva impiegato contro i dolori uterini, che oggi chiameremmo "dismenorrea". Proprietà Il principio attivo più importante della camomilla è l'essenza, essenza i cui componenti fondamentali sono un antinfiammatorio e un calmante; la pianta contiene anche flavonoidi e cumarine, cumarine oltre ad un principio amaro tonificante; questa pianta esercita molti effetti è: Calmante e antispasmodico: antispasmodico è molto utile per sedare gli spasmi dello stomaco e dell'intestino causati da nervosismo e ansia è utile anche nella cura di coliche renali, per il suo effetto notevolmente calmante e rilassante. Tonico e carminativo: carminativo la camomilla stimola il tubo digerente, e per questo si consiglia a chi è stato operato recentemente e a chi soffre di gas in eccesso, perché ne favorisce l'espulsione (effetto carminativo). la pianta, come tisana, calma la nausea e il vomito e stimola leggermente l'appetito; stimola la funzione mestruale, mestruale normalizzandone la quantità e la periodicità; allevia inoltre i dolori mestruali.

54 INFERTILITA

55 IMPOSSIBILITA ALLA GRAVIDANZA DOPO UN ANNO DI RAPPORTI NON PROTETTI, NEL TENTATIVO VANO DI CONCEPIRE

56

57 CAUSE DI INFERTILITA MANCANZA DI OVULAZIONE PER LA DONNA STRESS PSICO-FISICO PER ENTRAMBI ALTRE CAUSE, MENO FREQUENTI (IPO-AZOOSPERMIA, MALFORMAZIONI)

58 DIAGNOSI SPERMIOGRAMMA TAMPONE VAGINALE CON ANTIBIOGRAMMA DOSAGGIO ORMONALE ESAME DELLE URINE ECOGRAFIA OVARICA E UTERINA ECOGRAFIA TESTICOLARE ISTEROSALPINGO- GRAFIA

59 TERAPIA FEMMINA FARMACI INDUTTORI DELL OVULAZIONE INSEMINAZIONE ARTIFICIALE INTRAUTERINA FERTILIZZAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO IN UTERO

60 TERAPIA MASCHIO ARGININA POLIVITAMINICI CORTICOSTEROIDI E molto importante l anamnesi farmacologica considerando anche l uso ed abuso di stupefacenti sempre più frequentemente utilizzati. Secondo alcune stime solo il 25% dei casi sono dovuti a farmaci utilizzati per la terapia di altre malattie (antipertensivi, antidepressivi, ansiolitici, barbiturici, gastrointestinali, diuretici,etc.)

61 MENOPAUSA

62 CESSAZIONE DEFINITIVA DEL FLUSSO MESTRUALE L ETA MEDIA DI MENOPAUSA E 50 ANNI

63 IL CAMBIAMENTO ORMONALE IN MENOPAUSA CESSAZIONE DELLA PRODUZIONE OVARICA DI ESTROGENI e PROGESTERONE. AUMENTO DI FSH ED LH SIERICO IPOFISARIO

64

65 SINTOMI NON TUTTE LE DONNE AVVERTONO DEI DISTURBI CON LA SOSPENSIONE DEL CICLO MESTRUALE; POSSONO VERIFICARSI: VAMPATE DI CALORE ROSSORE AL VISO SUDORAZIONE NOTTURNA PALPITAZIONI TACHICARDIA PRECORDIALGIA AUMENTO PRESSIONE ARTERIOSA TENDENZA ALL ARTERIOSCLEROSI

66 ATROFIA VAGINALE RAPPORTI DOLOROSI IRRITAZIONE PRURITO VAGINALE VAGINALE CISTITI VAGINITI IRSUTISMO OSTEOPOROSI: LOMBALGIA FRATTURA DELL ANCA SCHIACCIAMENTO VERTEBRALE

67 NERVOSISMO ANSIA DEPRESSIONE INSONNIA CEFALEA PROBLEMI PSICOSOMATICI ALTERAZIONI DELL UMORE GELOSIA LOQUACITA AGGRESSIVITA DISINTERESSE SESSUALE

68

69 DIAGNOSI DONNA DI 50 ANNI CIRCA CHE RIFERISCE MESTRUAZIONI IRREGOLARI PER DIFETTO (= CLIMATERIO) FINO ALLA SCOMPARSA DELLE STESSE CON VAMPATE DI CALORE & C. DOSAGGIO ORMONALE (FSH SIERICO) DOSAGGIO ESTRADIOLO

70 TERAPIA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA: SOSTITUTIVA Per bocca o in cerotti transdermici Sostituisce la carenza naturale dell organismo in ormoni sessuali

71 Con l'aiuto del proprio ginecologo è possibile trovare la soluzione più adatta per controllare i sintomi legati alla menopausa, quale ad esempio il ricorso alla terapia sostitutiva ormonale o nei casi in cui il medico di fiducia non la ritenga necessaria, possono essere consigliati prodotti naturali a base di erbe officinali di uso consolidato per fornire un fisiologico aiuto alla donna che cerca di superare nel migliore dei modi i classici sintomi della menopausa. Trattamento fitoterapeutico La natura offre numerosi rimedi che permettono di ridurre in modo naturale la sintomatologia climaterica e limitare gli inevitabili effetti collaterali della terapia farmacologica, contribuendo così ad una sensazione generale di benessere.

72 La possibilità di utilizzare gli isoflavoni in menopausa si è ritagliata uno spazio sempre più consistente nell'interesse del pubblico e anche in quello di molte aziende, che hanno posto in commercio numerosi integratori per il trattamento dei disturbi climaterici. L'interesse scientifico verso questo gruppo di principi attivi è nato in seguito ad alcuni studi epidemiologici: fra le donne giapponesi, la cui alimentazione particolarmente ricca di soia (circa grammi di proteine di soia al giorno) assicura un apporto di fitoestrogeni quasi 10 volte superiore a quello delle donne occidentali, si è riscontrata una minore incidenza di vampate di calore, di fratture femorali e di tumori legati all'uso di ormoni.

73 Piante ad attività ormonale CIMICIFUGA, TRIFOGLIO ROSSO, LUPPOLO SALVIA contengono fitoestrogeni, sostanze simili per struttura agli ormoni sessuali femminili. Si legano agli stessi recettori di questi mimandone l'azione e determinando un miglioramento della sintomatologia climaterica riducendo le vampate di calore, prevenendo la perdita ossea, ristabilendo un bilancio di calcio positivo, migliorando l'umore e contrastando la secchezza vaginale. Sono ricchi di fitoestrogeni cereali integrali, i legumi, i semi di lino e di girasole, la cipolla, patate, carote, piselli. anche i

74 Associate agli isoflavoni, nei consigli del naturale indicati in menopausa è comprensibile l immettere piante dotate di 1) azione ansiolitica e sedativa: sedativa passiflora melissa valeriana utili per ridimensionare i problemi legati alla componente psicosomatica del climaterio, quali ansia, insonnia, ipereccitabilità nervosa;

75 2) azione specifica sulla contrattilità cardiaca: cardiaca biancospino e leonorus cardiaca capaci di regolarizzare il battito e di ridurre i problemi di aritmia, modulando la risposta del cuore alle sollecitazioni nervose. Si tratta di piante utili nel contrastare sintomi menopausali quali tachicardia, tachicardia o palpitazioni, palpitazioni soprattutto quando causate da stati d'ansia e tensione nervosa; nervosa

76 3) azione remineralizzante: remineralizzante equiseto, equiseto fieno greco lievito di birra in grado di integrare eventuali carenze di sali minerali e vitamine. Tale integrazione si rivela utile per la prevenzione dell'osteoporosi e nelle condizioni di fragilità degli annessi cutanei (capelli e unghie);

77 4) azione antisudorifera: antisudorifera salvia Oltre ad avere un'attività estrogenica, che ne giustifica l'uso in menopausa al fine di un riequilibrio ormonale, questa pianta possiede una valida azione nel contrastare i problemi di iperidrosi e quindi di sudorazione profusa (uno dei sintomi più sentiti dalla donna in menopausa), soprattutto notturna e/o di natura psicosomatica.

78 Quercus Pedonculata Esercita corteccia un azione di surrenale stimolo e sui sulla testicoli, incrementando la produzione di 17-chetosteroidi e di testosterone. testosterone Si utilizza convalescenza pertanto a nei lenta casi di progressione, ipotensione, e soprattutto nell astenia sessuale maschile oltre che manifestazioni da ipoandrogenismo. nelle

79 Sequoia Gigantea Energetico, antidepressivo, stimolante. Di aiuto nella ridotta vitalità, inappetenza, affaticamento, depressione, infiammazione prostatica. Produce una sensazione di euforia ed un recupero delle forze, utile nei casi di neuroastenia con una buona azione sia sul piano fisico, che sul piano psicologico. Il tutto mediato da un azione di stimolo sulla produzione ormonale sessuale surrenalica. surrenalica Utile specie nei disturbi dell'apparato riproduttivo, nelle malattie dell'apparato urinario, nell'atrofia dei testicoli, come coadiuvante in associazione con altre piante nella impotenza maschile, agendo da regolatore ormonale

80 Fibromi Uterini Possibilità di intervento

81 Il fibroma uterino (leiomioma) leiomioma rappresenta la più comune forma di patologia benigna del tratto genitale femminile. Studi clinici segnalano un incidenza del 25-30% della popolazione femminile in età fertile, con ricorrenza maggiore dopo i quarant anni. I fibromi possono formarsi in qualsiasi parte dell utero. Il fibroma intramurale si sviluppa nello spessore della parete uterina, il sottosieroso è situato vicino alla parete esterna dell utero, ed entrambi comportano il rischio di compressione degli organi in prossimità. Se il fibroma si sviluppa vicino alla cavità interna dell utero viene definito sottomucoso. sottomucoso I fibromi sottosierosi e sottomucosi che sporgono dall utero rimanendo collegati attraverso uno stretto istmo, vengono definiti peduncolati e sono spesso associati ad un rischio di torsione. In presenza di fibromi multipli l utero viene definito polifibromatoso. polifibromatoso

82 Cosa sono I fibromi sono costituiti da cellule di tessuto fibroso e da cellule muscolari lisce dotate di debole tasso di replicazione. L origine di questa lesione è sconosciuta, è ormonodipendente e tende a diminuire all arrivo della menopausa. Oggi sappiamo che non solo gli estrogeni ma anche il progesterone hanno un effetto favorente la crescita cellulare dei fibromi. E nota l importanza della predisposizione familiare e l esistenza di fattori significativamente associati quali l obesità, il menarca precoce, la nulliparità e l infertilità.

83 I Sintomi Il sintomo più frequente è l'emorragia uterina che può manifestarsi o con un'abbondanza delle mestruazioni o con sanguinamenti durante il ciclo. In alcune donne, che non danno peso a flussi mestruali più abbondanti del solito, può essere rivelatrice di fibroma un'anemia ipocromica. ipocromica Dolore o pressione a livello pelvico Questo sintomo può comparire in conseguenza alla compressione o peso dei fibromi che premono su altre strutture nell'area pelvica Dolore nella parte posteriore delle gambe Questo sintomo di fibroma uterino compare quando i fibromi esercitano pressione sui nervi che si estendono a pelvi e gambe Pressione sulla vescica Questo sintomo di fibroma uterino può causare minzione frequente, incontinenza urinaria o ritenzione urinaria

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

solo per lei ogni mese son dolori!

solo per lei ogni mese son dolori! solo per lei ogni mese son dolori! 64 Prima o durante il flusso mestruale molte donne soffrono di mal di schiena, cefalea, crampi all utero o umore altalenante. Colpa degli ormoni Lo specialista La dottoressa

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla

e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla Grande inchiesta di Dipiù sulla ghiandola più importante del corpo maschile e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla Ha la forma di una castagna e serve a produrre

Dettagli