Domenico Chillemi Maria Chiarello LINGUA COMMUNIS. Lingua e civiltà latine. Vita quotidiana a Roma. percorso di civiltà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domenico Chillemi Maria Chiarello LINGUA COMMUNIS. Lingua e civiltà latine. Vita quotidiana a Roma. percorso di civiltà"

Transcript

1 Domenico Chillemi Maria Chiarello LINGUA COMMUNIS Lingua e civiltà latine Vita quotidiana a Roma percorso di civiltà

2 2 Indice VITA QUOTIDIANA A ROMA La famiglia Il matrimonio Il giorno delle nozze La scuola L insegnamento primario (ludus litterarius) L insegnamento medio L insegnamento superiore Le abitazioni: domus, insulae, villae Le domus LESSICO Ambienti della domus Le insulae Le villae LEGGIAMO I TESTI Le terme LEGGIAMO I TESTI

3 vita quotidiana a roma 3 VITA QUOTIDIANA A ROMA La famiglia Presso i Romani, il concetto di famiglia non indicava l insieme di persone legate da un rapporto di stretta parentela e affinità (padre, madre, figli ), ma aveva un significato più esteso, comprendente uomini (liberi e schiavi), animali e cose materiali, uniti da tradizioni religiose proprie e soggetti al potere assoluto di un patriarca, il pater familias, a cui veniva riconosciuto, anche quando furono istituiti organismi superiori, il potere di vita e di morte (vitae necisque) su ogni membro della famiglia stessa. Per lungo tempo la famiglia romana mantenne questa sua configurazione di vero e proprio microrganismo politico, costituito su base gentilizia, compatto e autonomo di fronte allo stato. Alla morte del pater familias i figli liberi potevano formare nuove famiglie, divenendo a loro volta patres familias; tuttavia ragioni di carattere politico ed economico imponevano di riconoscere nel più anziano dei fratelli il nuovo pater familias, così da mantenere compatta tutta la forza dell aggregato e indivise le risorse patrimoniali. L unione di più familiae costituiva una gens; le gentes (la tradizione ne conta trecento) possono essere considerate federazioni di famiglie che si riconoscevano oriunde dal medesimo capostipite. La famiglia romana era caratterizzata da un estremo rigore morale: rifiutava la poligamia, condannava il celibato e l adulterio e riteneva supremo dovere e norma morale la procreazione dei figli e la continuità della stirpe. Il pater familias amministrava il patrimonio familiare, rappresentava la famiglia nei rapporti con la comunità, offriva sacrifici agli spiriti degli antenati, i Penati (protettori della famiglia) e i Lari (gli antenati che vegliavano sulla famiglia e sui suoi beni). Esercitava la sua autorità sulle varie categorie di persone a lui soggette sotto tre forme contemplate dal diritto pubblico. Vediamole. Pranzo di famiglia, rilievo proveniente da Cizico, nell attuale Turchia.

4 4 vita quotidiana a roma La dominica potestas si esercitava sugli schiavi. Nei tempi più antichi il numero degli schiavi presso i Romani era piuttosto limitato, tanto che il nome stesso con cui venivano denominati fa supporre che nelle famiglie non ci fosse più di uno schiavo: per esempio, Lucipor (= Luci puer) era lo schiavo di Lucio. In seguito, con il crescere della popolazione e della ricchezza derivante dai territori conquistati, il numero degli schiavi aumentò enormemente e di conseguenza, mutate le condizioni e le abitudini della società, si rese necessario allontanarli dalla famiglia: alcuni a lavorare nei latifondi, altri, in qualità di operai specializzati, nelle industrie. Lo schiavo molto spesso fu considerato un essere spregevole, ingordo, pigro, falso, da tenere sotto controllo e trattare con esemplare durezza. Non godeva di nessun diritto: poteva essere percosso, venduto, ucciso. Questa concezione della schiavitù mutò parzialmente in età imperiale, come dimostrano, per esempio, gli scritti di Seneca. (Luc. V, 47). La patria potestas era esercitata sui figli. Fin dalla nascita il bambino (figlio, figlia o nipote) era in balia dell autorità del pater familias. Nessuna legge dello stato lo proteggeva. Deposto per terra nell atrio ai piedi del pater familias, il neonato era sottoposto al rito del riconoscimento: se era sollevato e preso tra le braccia (suscipĕre), entrava a far parte della famiglia e se ne festeggiava la nascita; diversamente veniva venduto o esposto, destinato a morire di freddo e di fame, a meno che qualcuno Statuetta di uno schiavo che si riposa. non lo raccogliesse per allevarlo e farne uno schiavo. Questa triste sorte toccava di solito ai figli deformi e alle bambine, quando già in famiglia ce n erano tante. Lo storico Dionigi di Alicarnasso (I secolo a.c.) cita una legge secondo cui il pater familias era in dovere di riconoscere almeno la primogenita. Nel corso del III secolo l autorità imperiale intervenne più volte per impedire l esposizione dei bambini, ma le disposizioni legislative non ebbero grande efficacia; la stesso codice giustinianeo (VI secolo d.c.) riconobbe il diritto di esposizione, limitandosi solo a proibire che i bambini esposti fossero ridotti alla condizione servile. Alcuni giorni dopo la nascita (otto per le femmine, nove per i maschi), aveva luogo il rito di purificazione. Era quello il dies lustricus, il giorno in cui il bambino veniva purificato con acqua (lustratio) e si invocavano i Fata, le divinità che presiedono al destino degli uomini. Durante la cerimonia, alla presenza di parenti e amici, si assegnava anche il nome (praenomen). Nelle famiglie di antica tradizione, ai maschi si imponevano tre nomi: il praenomen, che corrispondeva al nostro nome personale, il nomen della gens a cui apparteneva (gens Tullia, Iulia, Claudia, Cornelia ecc.) e il cognomen della famiglia, che poteva far riferimento a caratteristiche fisiche, al mestiere, alla professione, al luogo di nascita e anche al mondo degli animali o ai prodotti della terra. Alle femmine si dava solo il nome paterno volto al femminile, nome che era quello della gens (Tullia, Claudia ecc.). Se nella famiglia vi erano più donne, venivano distinte con Maior, Minor oppure con un numero ordinale (Secunda, Tertia ecc., in seguito addolcito: Tertilla, Quartilla, Quintilla). In quello stesso giorno del rito di purificazione si appendeva al collo dei bambini un medaglione rotondo di cuoio o di metallo, anche d oro (bulla), che conteneva all'interno una formula contro i malefici; i maschi lo portavano fino al momento di assumere la toga virile (all età di 17 anni), le ragazze fino al giorno delle nozze. I figli, dunque, erano del tutto soggetti all autorità dal pater familias, il quale di sua iniziativa poteva, comunque, emancipare il figlio, svincolandolo dalla sua autorità e rendendolo sui iuris. Con il volgere dei secoli, poi, nell ambito di una nuova concezione dell intero ordinamento giuridico, le rigorose norme primitive furono temperate e fu prevista una certa emancipazione

5 vita quotidiana a roma 5 dei figli maschi. La patria potestas sulle femmine rimase in vigore fino al tempo di Diocleziano ( d.c.). Questo potere fu, tuttavia, gradualmente diminuito da espedienti e stratagemmi giuridici e dalla fermezza di alcune donne, decise ad amministrare da sé i propri interessi. La manus era il diritto esercitato sulla moglie. Il termine nel linguaggio giuridico è immagine concreta che simboleggia l autorità e il possesso dell uomo sulla donna. Tuttavia il potere che il pater familias aveva su di lei non era illimitato: in caso di colpa grave, infatti, non avrebbe potuto condannarla o venderla senza il consenso dei parenti. Ma, a parte il suo stato giuridico, all interno della famiglia la moglie, in ogni periodo della storia romana, appare come compagna e cooperatrice dell uomo: è, come scrive Tacito, prospĕris dubiisque socia, cui (vir) cogitationes intĭmas, cui parvos liberos tradat (Ann. XII, 5) cioè, compagna nella buona e nell avversa fortuna, a cui il marito può affidare sia i suoi intimi pensieri sia i figlioletti, si prende cura della casa e dell educazione dei figli. La letteratura ne esalta le singolari virtù e particolarmente la pudicitia e la fides. A Roma per indicare la donna sposata vi erano più termini: uxor, termine del linguaggio della vita quotidiana applicato a tutte le donne sposate, senza alcuna connotazione morale o religiosa (vedi infra, il paragrafo sul matrimonio); mulier è la donna che può essere anche non sposata; matrona è una figura più complessa, la nobildonna sposata che ha avuto solo un uomo, al quale sarà sempre fedele, anche dopo la sua morte. Casta, pudīca, pia, univĭra sono gli attributi che qualificano la matrona. Nella società gode di grande rispetto e per le strade le si cede il passo. Lei sola ha il privilegio di indossare la stola, una sopravveste che dal collo scende fino ai piedi e le avvolge totalmente il corpo; lei sola può portare gioielli d oro, acconciarsi i capelli con bende particolari (crines e vittae) e coprire il capo con uno scialletto a frange (rica), che scende sulle spalle. Il matrimonio L istituto del matrimonio presso i Romani ha subito nelle varie epoche del diritto romano una profonda evoluzione storica, che riguarda sia la concezione stessa di matrimonio sia il complesso dei diritti e dei doveri dei coniugi. In origine, infatti, il matrimonio (connubium) era possibile solo tra cittadini romani appartenenti alla stessa classe. Non era ammesso il matrimonio misto fra patrizi e plebei o fra romani e stranieri. Tale divieto, sancito dalla legge delle XII Tavole (451 a.c.), venne meno qualche secolo dopo con la lex Canuleia, che, pacificando i due ordini, consentì il matrimonio tra patrizi e plebei. Agli schiavi non venne mai concesso di contrarre legittime nozze (iustae nuptiae), ma solo una forma di matrimonio servile detto contubernium (convivenza), per cui gli eventuali figli che nascevano erano schiavi del pater familias. Il matrimonio non era finalizzato alla formazione di una nuova famiglia: la novella sposa, secondo le disposizioni del più antico diritto Rilievo fittile raffigurante una scena di parto, dalla tomba di Scribonia Atice e Marco Ulpio Amerrimo, nella necropoli di Ostia.

6 6 vita quotidiana a roma romano, veniva accolta nella casa del pater familias dello sposo, con la particolare funzione di procreargli una discendenza legittima. Le forme di matrimonio in vigore erano due: la conventio cum manu, in vigore dall età arcaica fino a quasi tutto il periodo repubblicano, e la conventio sine manu, la forma più diffusa a partire dal principato di Augusto. Con la prima la donna perdeva ogni relazione di dipendenza con la famiglia d origine e passava sotto la potestas del marito, se questi era pater familias, o del padre di lui, se lo sposo era filius familias; con la seconda la moglie continuava ad appartenere alla famiglia paterna, soggetta alla potestas del proprio padre con diritto di eredità, e nei confronti del marito godeva di una posizione di sostanziale parità. La conventio cum manu, cioè l assoggettamento della donna all autorità del pater familias, poteva avvenire secondo tre modalità: l usus, la coëmptio, la confarreatio. L usus era la forma più antica di matrimonio e non era basato su alcun rito. Consisteva in questo: l uomo che fosse convissuto per un anno intero con una donna, con il suo consenso o di chi ne aveva l autorità, acquistava la manus su di lei, a meno che questa non si fosse allontanata dal domicilio per più di tre notti consecutive (usurpatio trinoctii). In tal caso, com era previsto dalla legge delle XII Tavole, veniva meno la manus e la donna veniva nuovamente incorporata nella famiglia d origine, sotto la potestas del pater familias. La coëmptio era il matrimonio dei plebei e consisteva in una sorta di acquisto della donna da parte del marito, in origine reale, poi simbolica. Avveniva davanti al magistrato, alla presenza di cinque testimoni. La confarreatio era il matrimonio riservato in origine ai soli patrizi. Consisteva in un solenne rito religioso officiato dagli stessi sposi, alla presenza del pontefice massimo, del flamen Dialis e di dieci testimoni. Dopo aver sacrificato a Giove Capitolino un agnello (la cui pelle, pellis lanata, veniva stesa sul sedile su cui gli sposi sedevano in alcuni momenti della cerimonia) e dopo aver compiuto le libazioni di latte e miele, la sposa, pronunciando una formula tradizionale, esprimeva la volontà di far parte della famiglia dello sposo. Quindi si sottoscrivevamo le tabulae nuptiales, il contratto di matrimonio. Seguiva poi la dexterarum iunctio, il momento più solenne della cerimonia: una matrona, un amica di famiglia che fungeva da madrina (pronŭba), prendeva le destre degli sposi ponendole l una nell altra, mentre il flamen Dialis recitava le preghiere di rito, invocando la benedizione degli dei. Alla fine gli sposi si di videvano una focaccia di farro (da cui il nome della cerimonia), come simbolo della vita comune che iniziava. Rilievo raffigurante un matrimonio romano.

7 vita quotidiana a roma 7 In età arcaica i matrimoni cum manu costituirono la regola. Con il tempo si verificò una lenta progressiva emancipazione del matrimonio come istituto giuridico dal rapporto di manus. Così, in età classica, delle tre modalità di costituzione della manus, la prima a scomparire fu l usus, mentre la coëmptio divenne sempre più rara. Il matrimonio per confarreatio sopravvisse in quella ristretta cerchia di persone tra le quali erano scelti il rex sacrorum e i flamini maggiori. Scomparve poi definitivamente nel periodo imperiale. Eliminata progressivamente la manus, il regime ma trimoniale, già a partire dal periodo augusteo, pone sostanzialmente marito e moglie su un piano di parità. Il giorno delle nozze Le ragazze potevano contrarre matrimonio al compimento del dodicesimo anno, i ragazzi al compimento del quattordicesimo. La data Gruppo scultoreo raffigurante una cerimonia nuziale. della cerimonia nuziale era scelta in seguito ai presagi degli auguri. Non tutti i giorni, infatti, erano di buon augurio per un matrimonio felice: non lo erano, per esempio, i dies parentales, consacrati ai Mani degli avi alle idi di febbraio, né i Saliorum dies all inizio di luglio. Non erano neppure di buon auspicio i giorni in cui cadevano le calende, le none e le idi. Da escludere poi era maggio, mese in cui, secondo una tradizione, sarebbe stato ucciso Romolo. Chi si fosse sposato in quel mese rischiava di morire presto. Andavano bene tutti gli altri giorni dell anno e particolarmente la seconda metà di giugno. Il giorno delle nozze la sposa vestiva la tunica recta, una veste bianca lunga fino a piedi e tessuta con fili disposti verticalmente, stretta alla vita con una cintura di lana (cingulum) con un nodo speciale detto nodus Herculeus, a cui si attribuiva significato scaramantico. Sopra il vestito portava la palla (mantello) color zafferano. Copriva il capo con un lungo velo arancione (flammeum), sotto il quale celava il viso (in seguito a quest uso, nubĕre, velare, coprire, assunse il significato di prendere marito, sposare ). Per la prima volta ornava i capelli con bende (vittae) e veniva pettinata in un modo particolare, con trecce divise in vari gruppi e tenute insieme con uno spillone (hasta caelibaris). Una ghirlanda di fiori le adornava il capo. Momento importante era la deductio: al crepuscolo la sposa veniva accompagnata dalla casa del padre a quella dello sposo. Il corteo si apriva con i portatori di torce e i suonatori di flauto. Seguiva quindi la sposa, portando il fuso e la conocchia, simboli del suo lavoro domestico. Un bambino con una torcia di albaspina, pianta sacra a Cerere, la precedeva; altri due le stavano accanto. Dietro la sposa stava una folla di parenti e amici, che, lanciando noci (nuces) come auspicio di prosperità, cantavano l inno nuziale, l epitalamio. Giunti alla casa dello sposo, questi sollevava la sposa tra le braccia e varcava la soglia, perché lei non inciampasse entrando: sarebbe stato un triste presagio. La festa si concludeva con un ricco banchetto.

8 8 vita quotidiana a roma La scuola Nella Roma antica, fin dalle origini, l istruzione fu lasciata all iniziativa privata. I primi interventi dello stato in materia d istruzione scolastica si ebbero solo nel I secolo d.c. con Vespasiano, che istituì una cattedra di retorica (corrispondente a un nostro corso universitario) affidandola a insegnanti (tra i quali lo scrittore Marco Fabio Quintiliano) con regolare stipendio annuo a carico del fisco imperiale. In seguito, nel corso del IV secolo, con gli imperatori Giuliano l Apostata ( ) e Valentiniano I ( ), anche gli altri gradi di istruzione (elementare e medio) ebbero pieno riconoscimento. Fin dalle origini della storia di Roma, erano i genitori che, sottraendo parte del loro tempo alle pubbliche e domestiche attività, si occupavano dell istruzione dei figli, insegnando loro non solo a leggere e a scrivere, ma anche a conoscere le leggi e in particolare a imparare a memoria il testo delle XII Tavole, le prime leggi scritte di Roma. Nelle famiglie facoltose, poi, i figli venivano affidati (fino all età di 12 anni) alle cure del paedagogus, uno schiavo colto, quasi sempre di origine greca, che vegliava su di loro e li assisteva in tutto l arco della giornata. L educazione mirava alla formazione del civis Romanus, rispettoso dei valori morali e religiosi della tradizione e dei doveri verso la famiglia e la patria. Alla moda di affidare l istruzione dei figli a uno schiavo greco si oppose decisamente Catone il vecchio ( a.c.), che, come scrive Plutarco, si attenne scrupolosamente ai metodi educativi del tempo antico: Appena il figlio palesò un certo risveglio nella sua intelligenza, Catone lo prese personalmente sotto le sue cure e gli insegnò a leggere, per quanto egli possedesse uno schiavo di nome Chilone, che era ben istruito e faceva l insegnante a molti altri ragazzi. Però Catone non riteneva conveniente che suo figlio dovesse essere sgridato e castigato da uno schiavo e da questi si ricevesse tirate di orecchie quando era lento e svogliato nell imparare; d altra parte non avrebbe voluto restare in obbligo con uno schiavo per una cosa tanto preziosa, quale era l educazione di un figlio. Quindi Catone divenne per suo figlio insegnante degli elementi di alfabeto, di legge, di atletica, in quanto insegnò a suo figlio il lancio del giavellotto, l uso dell armatura, l equitazione, il pugilato, a sopportare il caldo e il freddo e a nuotare fra i vortici e le onde del Tevere (Vita di Catone 20). E in effetti ai tempi di Catone, quando i contatti tra cultura latina e cultura greca divennero più intensi, si erano diffuse a Roma numerose scuole gestite da insegnanti provenienti dall Italia Meridionale e dalla Grecia. In queste scuole confluivano i figli delle famiglie meno ricche, che non potevano permettersi in casa maestri greci assai costosi. Prese quindi forma un ordinamento scolastico articolato in tre fasi: insegnamento primario o elementare, in segnamento medio, insegnamento su - periore. Scena di scuola, bassorilievo da un sarcofago di Ostia.

9 vita quotidiana a roma 9 L insegnamento primario (ludus litterarius) Per frequentare il primo ciclo scolastico, i ragazzi si alzavano molto presto, perché le lezioni cominciavano quasi all alba. Si recavano a scuola portando con sé il materiale per scrivere in una cassettina di forma cilindrica (capsa) con un coperchio. Qui li attendeva il ludi magister (maestro elementare), una figura modesta e malpagata dalle famiglie dei ragazzi. Durante le lezioni questi sedeva su una sedia con spalliera (cathedra), i ragazzi su sgabelli più o meno comodi (subsellia). Il ludi magister aveva il compito di insegnare a leggere, a scrivere e a contare, con l aiuto di piccoli sassolini (calculi). Per le operazioni matematiche più complesse veniva utilizzato l abaco (abacus), una specie di pallottoliere in cui venivano segnati i numeri in colonne verticali, da destra a sinistra, con le unità, le decine, le centinaia. Per scrivere i ragazzi tenevano sulle ginocchia delle tavolette spalmate di cera (tabellae), che si incidevano Scolaro interrogato dal maestro, rilievo, particolare di un sarcofago. con uno stilo (stilus), uno strumento d osso o di metallo (ferro, bronzo) con un estremità a punta e l altra larga e piatta per cancellare. Oltre alle tavolette, gli alunni (specialmente quelli che frequentavano scuole di grado superiore) utilizzavano carta di papiro (charta) o pergamene, su cui scrivevano con una cannuccia appuntita (calămus) o con una penna d oca (pinna) intinta nell inchiostro (atramentum), contenuto nel calamaio (atramentarium). Le lezioni si svolgevano spesso in locali fatiscenti presi in affitto o all aperto, sotto i portici. Tra i rumori provenienti dalla strada e la confusione dei ragazzi, il ludi magister fin dalle prime ore del mattino, per farsi sentire, era costretto a gridare, svegliando con i suoi urli tutto il vicinato. Da questo derivano le imprecazioni del poeta Marziale (40-104), che aveva la sfortuna di abitare vicino a una scuola: Maledetto maestro! I galli non hanno ancora rotto il silenzio e tu già tuoni con i tuoi terribili urli. Ma vuoi lasciarmi dormire? (Epigr. IX, 68). I maestri mantenevano la disciplina e stimolavano allo studio a colpi di bacchetta (virga) sulle mani e frustate sulla schiena nuda 1. Le lezioni si interrompevano a mezzogiorno per il pranzo (prandium) e riprendevano nel pomeriggio. In totale erano sei le ore di lezione che i ragazzi giornalmente dedicavano alla scuola. A questo primo ciclo d istruzione partecipavano maschi e femmine, dai sette ai dodici anni. L anno scolastico iniziava nel mese di marzo e durava fino al marzo successivo. Vi erano naturalmente anche le vacanze: ogni nove giorni in occasione del mercato (nundĭnae), nelle festività previste dal calendario e nel periodo estivo. L insegnamento medio Terminato il ciclo elementare (il solo che le femmine potevano frequentare), i ragazzi accedevano all istruzione media, sotto la guida del grammaticus, che per circa un triennio impartiva loro lezioni di lingua e letteratura latina e greca. I programmi scolastici prevedevano in particolare lo studio degli autori 1. Il poeta Orazio, vissuto al tempo di Augusto, ricorda il suo maestro Orbilio e lo definisce plagosus, cioè manesco.

10 10 vita quotidiana a roma greci e latini più importanti, come Omero, Nevio, Ennio, Virgilio, Orazio, Cicerone, Livio. Gli studenti erano addestrati al commento critico dei brani da leggere e a gustarne la bellezza dello stile. Oltre a ciò si impartivano nozioni di storia, geografia, mitologia, astronomia e fisica, discipline necessarie per la comprensione dei testi studiati e indispensabili per la formazione intellettuale degli allievi. L insegnamento superiore Dopo i anni, i ragazzi delle famiglie benestanti che intendevano intraprendere l attività politica si iscrivevano a un corso superiore di studi, tenuto dal rhetor. Fine principale dell insegnamento retorico era la formazione del futuro oratore. La capacità di parlare in pubblico, non solo per farsi intendere ma anche per convincere, era ritenuta dai Romani il livello culturale più alto a cui potesse aspirare un individuo. A tale scopo, oltre allo studio del diritto e della filosofia, i giovani approfondivano le opere degli autori classici, con particolare attenzione a quelle dei prosatori, per scoprire e acquisire gli strumenti dell arte del dire. Il rhetor proponeva inoltre delle esercitazioni graduate scritte e orali. Le prime consistevano in narrazioni su svariati argomenti, in genere su personaggi della storia romana o greca, di cui veniva lodato o biasimato l operato; le seconde consistevano in esibizioni (anche davanti ai familiari) con cui i giovani davano prova delle abilità dialettiche acquisite. Le esercitazioni orali si dividevano in suasoriae e controversiae. Le suasoriae avevano carattere deliberativo e consistevano in monologhi immaginari di personaggi mitologici o della storia passata o recente su una decisione da prendere. Il giovane doveva mettersi nei panni del personaggio ed esporre le ragioni adatte a giustificare la decisione presa e i motivi per cui sarebbe stato un grave errore una scelta diversa. Le controversiae avevano carattere giudiziale e consistevano in un dibattito tra due studenti, ognuno dei quali sosteneva la tesi opposta. Alla fine di questo terzo ciclo, i giovani che intendevano seguire corsi di perfezionamento si recavano ad Atene o a Rodi o ad Alessandria, presso scuole di retorica assai famose. L insegnamento della matematica e della medicina era lasciato quasi sempre all iniziativa di specialisti. Le abitazioni: domus, insulae, villae Le domus Gli antichi Romani facoltosi amavano abitare in case spaziose, ricche di opere d arte, con mosaici, affreschi, contornate da aiuole e alberi: erano le domus. Queste case erano quasi sempre a un solo piano, senza balconi, senza finestre (se non rare, piccole e poste in alto), chiuse dentro un muro perimetrale e quasi isolate dal resto del mondo. Ma com erano fatte all interno le domus? Certo non erano tutte uguali. Possiamo, tuttavia, farci un idea prendendo a modello quelle documentate dagli scavi di Pompei e di Ercolano. L atrio della casa del Menandro a Pompei; osserva il compluvium e l impluvium sottostante.

11 vita quotidiana a roma 11 Un alto portone di legno a due battenti (ostium) si affacciava sulla strada. Al centro di ogni battente c era un martello (malleus), con cui si batteva per farsi aprire 1. All interno ci si trovava in un corridoio (vestibŭlum), a volte abbellito da statue e colonnati, con il pavimento spesso ricoperto da un mosaico. In un lato del corridoio si apriva una stanzetta (cella ostiarii), quella del portinaio, uno schiavo addetto a controllare l ingresso. Il breve corridoio conduceva in un ambiente ampio e pieno di luce, l atrio (atrium 2 ), sala a forma rettangolare con pareti spesso ricche di affreschi dai colori vivaci, raffiguranti figure mitologiche e Scorcio del peristilio della domus detta della Venere in conchiglia a Pompei. paesaggi. Il tetto, spiovente, al centro aveva un apertura quadrangolare (compluvium), da cui ent ravano fasci di luce, ma anche l acqua piovana, che cadeva nella sottostante vasca a livello del pavimento, anch essa quadrangolare (impluvium) e abbellita spesso tutt intorno da statue. Da qui l acqua scorreva in una cisterna sotterranea. Un piccolo pozzo di marmo consentiva di attingerla per gli usi domestici. Nelle pareti laterali si aprivano alcune porte che immettevano nei vari ambienti: le camere da letto (cubicŭla), piccole, con poca luce, illuminate da lucerne; la sala da pranzo (triclinium), con al centro un tavolo basso (mensa) e intorno i divani (lecti triclinares), senza spalliera ma con appoggi alle estremità, che servivano a sostenere il gomito dei banchettanti semisdraiati; l ufficio (tablinum), dove il pater familias riceveva i suoi clienti, trattava gli affari, teneva i registri dell amministrazione (talulae accepti et expensi), i contratti di nozze (tabulae nuptiales), i testamenti (tabulae supremae) e le agende per gli appuntamenti. Ai lati dell atrio si aprivano due stanze laterali di servizio (alae). In un angolo dell atrium si trovava il lararium, dove si trovavano le statue dei Lari, dei Penati (gli dei protettori della casa e della famiglia) e dei Mani (gli spiriti degli antenati), usato per le funzioni religiose. L atrio nei tempi antichi era il centro della vita familiare: qui si svolgevano le principali attività domestiche e artigianali, qui si esponevano le immagini degli antenati, qui il pater familias celebrava i sacri riti e invocava dagli dei prosperità e benessere per tutta la famiglia. In seguito, a partire dalla fine del del II secolo II secolo a.c., a.c., dopo dopo la conquista la della della Grecia Grecia (quando (quando crebbe crebbe la ricchezza la ricchezza dello stato dello romano stato romano e si diffuse e si diffuse a Roma a e Roma in Italia e in l arte Italia greca, l arte grazie greca, ai grazie contatti ai contatti sempre sempre più frequenti più frequenti fra Romani Romani e Greci), e Greci), le domus le domus divennero divennero sempre sempre più grandi più e grandi sontuose, e sontuose, arricchendosi arricchendosi di un nuovo di un ambiente, nuovo am- de- fra biente, cisamente decisamente ampio e ricco, ampio il peristilio e ricco, il (peristylium), peristilio (peristylium), che diventò che il nuovo diventò centro il nuovo della centro vita familiare. della vita familiare. 1. In alternativa al malleus vi potevano essere, alla destra, un campanello (tintinnabulum) legato a una cordicella o, nelle domus più sfarzose, due teste leonine di bronzo con in bocca un anello, con cui si picchiava su una superficie anch essa di bronzo 2. L atrium (da ater, atra, atrum, nero, oscuro ) era detto così perché in tempi remoti, quando la casa era costituita da un solo vano (l atrium, appunto), con un apertura nel soffitto per fare entrare la luce, le pareti erano annerite dalla fuliggine e dal fumo del camino che usciva da quell apertura.

12 12 vita quotidiana a roma Al peristilio si accedeva dall atrio attraverso il corridoio (andron) che costeggiava il tablinum. Si trattava di un grande giardino (hortus), cinto tutt intorno da un porticato (porticus) a colonne, su cui si affacciavano le camere da letto (cubicula) della famiglia. Nel peristilio si aprivano la sala da pranzo (triclinium) e altri ambienti come la cucina (culina), la dispensa (cella penaria), la cantina (cella vinaria) e ripostigli vari (criptae), le stanze della servitù (cellae servorum). Durante i mesi invernali, le numerose stanze erano riscaldate con l ipocausto (hypocaustum), un sistema per il quale si immetteva aria calda proveniente da forni sotterranei in un intercapedine posta sotto il pavimento e nelle pareti. Il giardino era ricco di una grande varietà di piante e di fiori, armonicamente disposti in diverse aiuole, di piccole piscine, di statue e di fontane. Tra i nuovi ambienti introdotti con l uso del peristilio, ricordiamo il bagno (balneum o balineum), dotato di tutti i conforti delle terme (vedi infra): lo spogliatoio (apodytarium), la piscina dell acqua calda (calidarium), la piscina dell acqua tiepida (tepidarium) la piscina dell acqua fredda (frigidarium). In fondo al porticato, infine, si trovava l esedra (exedra), una sorta di ampio salotto con molti sedili, destinato a luogo di ritrovo e di conversazione. peristylium con porticus tablinum atrium andron impluvium triclinium cubiculum vestibulum cubicula cella ostiarii Ricostruzione di una domus romana, con i diversi ambienti.

13 vita quotidiana a roma 13 cubicula triclinium porticus cubiculum ala lararium exedra ostium atrium impluvium tablinum peristylium andron triclinium vestibulum ala cella ostiarii cubicula culina cellae servorum LESSICO Ambienti della domus alae, -arum: due stanze laterali all estremità dell atrio andron, -onis: corridoio che conduceva nel peristilio atrium, -ii: atrio cellae, -arum: camere laterali utilizzate come magazzini compluvium, -ii: compluvio cubiculum, -i: camera da letto culina, -ae: cucina exedra, -ae: esedra, sala di conversazione impluvium, -ii: impluvio lararium, -ii: larario, altare domestico latrina, -ae: in origine ambiente dove ci si lavava, in seguito luogo dei servizi igienici. peristylium, -ii: peristilio, cortile interno cinto da portici a colonne tablinum, -i: tablino (ufficio del pater familias) tectum, -i: tetto triclinium, -ii: triclinio (sala da pranzo e anche letto da mensa collocato ai lati di un tavolo centrale) vestibŭlum, -i: vestibolo Le insulae La maggior parte degli abitanti di Roma viveva ammassata in grossi caseggiati aventi dai tre ai cinque piani, sviluppatisi nella parte bassa della città. Queste costruzioni erano dette insulae, termine che richiama i nostri isolati. Le insulae erano gli edifici più alti della città, veri e propri grattacieli, alcuni in legno, altri in muratura. Per dare un idea di luminosità, molto spesso le pareti esterne erano ricoperte di intonaco bianco. Augusto aveva stabilito che la loro altezza non potesse superare i 21 metri e qualche secolo dopo Adriano ( ), intervenendo con una nuova legge, impose un limite massimo di 18 metri; tuttavia questi limiti non vennero quasi mai rispettati.

14 14 vita quotidiana a roma Il pianterreno era talvolta destinato ad abitazione di un ricco locatario e costituiva una vera e propria domus, con tutti i vantaggi di una casa signorile (rete idrica e fognaria, riscaldamento ecc.); più spesso era occupato da botteghe (tabernae) fornite di una scala interna che portava a un soppalco, adibito a deposito delle merci e ad abitazione dei bottegai (tabernarii). Scale interne consentivano l accesso agli appartamenti dei piani superiori (cenacula), costituiti da vani piccoli, privi di servizi igienici e di rete idrica (servizi per i quali si ricorreva ai bagni pubblici e alle terme). Le finestre erano piccole, senza vetri, con pelli, tele o sportelli di legno per impedire all aria fredda di entrare, che lasciavano filtrare poca luce. Intorno al primo piano spesso correva un balcone che univa gli appartamenti e che era considerato un vero privilegio. All interno dell insula si apriva un cortile, il cavedio (cavaedium). In queste abitazioni affollatissime (ogni insula ospitava in media duecento persone) e maleodoranti, soggette al pericolo di crolli e incendi, viveva la gente povera, pagando un canone d affitto anche quattro volte superiore a quello delle altre città. cavaedium cenaculum tabernae Ricostruzione di un insula romana.

15 vita quotidiana a roma 15 Modello che riproduce un insula romana. Le villae Conosciamo due tipi diversi di ville romane: la villa rustica e la villa urbana, la cui struttura non sempre risponde a canoni di costruzione costanti, quanto piuttosto a esigenze particolari di uso e ai gusti dei proprietari. La villa rustica era un edificio di campagna, dove saltuariamente si recava il proprietario per controllare il lavoro degli schiavi e il raccolto. La direzione era affidata al vilicus, che aveva il compito di provvedere alle varie necessità degli schiavi e alle attività agricole. Gli ambienti sorgevano intorno a un cortile, in cui vi era una vasca (piscina) usata come abbeveratoio per gli animali; un altra vasca si trovava all esterno ed era utilizzata per operazioni collegate alla coltivazione dei campi. Il vilicus abitava in una stanza accanto all ingresso. In un ambiente sotterraneo vi era l ergastulum, luogo dove erano relegati e incatenati gli schiavi indisciplinati, che si erano resi colpevoli di qualche grave mancanza. Un locale ampio e spazioso era destinato alla cucina per consumare i pasti e per le riunioni; intorno, per sfruttarne il calore, erano disposte le stalle dei buoi (bubilia) e dei cavalli (equilia), il pollaio (gallinarium); quindi le stanze dei bovari e dei pastori, la stanza per il bagno e quella degli schiavi e dei loro sorveglianti (monitores). Altri locali poi erano destinati a usi agricoli, come la cantina (cella vinaria) con il torchio (torculum) per la spremitura dell uva, i magazzini per il grano e altri cereali (horreum) e per la conservazione delle giare con l olio (cella olearia), il frantoio (trapētum) per macinare le olive, il mulino (mola). L abitazione del padrone era al piano superiore. Talvolta, per evitare incendi e altri pericoli, le derrate alimentari erano conservate in un edificio a parte, che costituiva la villa fructuaria.

16 16 vita quotidiana a roma La villa urbana 1 si sviluppò a partire dal I secolo a.c., quando, con la crescita demografica dovuta all intensificarsi delle conquiste e con l estendersi e il consolidarsi della ricchezza, l inquinamento acustico delle strade e l aumento del numero dei veicoli aveva creato non pochi disagi. Cesare, nel 45 a.c., aveva tentato di risolvere il problema consentendo la circolazione solo ai veicoli di interesse pubblico, ma a Roma erano molti i privilegiati che si potevano permettere di circolare con i mezzi propri, nonostante la legge. Marziale (40-104) in un suo epigramma (XII, 57) diceva: A Roma non esiste posto in cui un poveretto possa meditare o riposare. Al mattino non ti lasciano vivere i maestri di scuola, la notte i fornai, durante tutto il giorno il martellare dei fabbri. Le villae urbanae rispondevano, dunque, a un bisogno di evasione dalla vita caotica e convulsa della città. Vivere un periodo di riposo e di tranquillità in località di soggiorno salubri, che consentissero di ritemprare non solo il corpo ma anche lo spirito, oltre che un lusso, era ormai una necessità. Sorsero allora numerose le villae urbanae, situate in luoghi particolarmente suggestivi e gradevoli, come sulla cima di una collina o lungo le coste, dove era possibile abbracciare con lo sguardo la campagna circostante o la distesa del mare. Le villae erano dotate di ogni conforto: le camere da letto (cubilia) per la famiglia e per gli ospiti, le sale da pranzo (triclinia) per l estate e per l inverno e per i grandi ricevimenti, la biblioteca, la rete idrica e fognaria, il bagno (con annessi il tepidarium, il calidarium, il frigidarium, sul modello delle terme, vedi infra), il porticato (peristylium) per passeggiare. Si affacciavano su un grande giardino, in cui si alternavano boschetti di piante di diverse specie (mirti, bossi, lauri, platani, pini), aiuole, statue e fontane. LEGGIAMO I TESTI 1 I compiti del vilicus di una villa rustica CHE COSA RIPASSARE a. congiuntivo esortativo b. ablativo assoluto c. proposizioni finali Catone il Censore nel suo De agri cultura descrive l andamento e l organizzazione di una villa rustica; descrive anche i compiti del fattore, di cui riportiamo qui una parte. Haec erunt vilici officia. Disciplina bona utatur. Feriae serventur. Alieno manum abstineat, sua servet diligenter. Litibus familia supersedeat; siquis quid deliquerit, pro noxa bono modo vindicet. Familiae male ne sit, ne algeat, ne esuriat; opere bene exerceat, facilius malo et alieno prohibebit. Vilicus si nolet male facere, non faciet. Si passus erit, dominus inpune ne sinat esse. Pro beneficio gratiam referat, ut aliis recte facere libeat. Vilicus ne sit ambulator, sobrius siet semper, ad cenam nequo eat. Familiam exerceat, consideret, quae dominus imperaverit fiant. Ne plus censeat sapere se quam dominum. Amicos domini, eos habeat sibi amicos. Cui iussus siet, auscultet. Rem divinam nisi Conpitalibus in conpito aut in foco ne faciat. Iniussu domini credat nemini: quod dominus crediderit, exigat. Satui semen, cibaria, far, vinum, oleum mutuum dederit nemini. Duas aut tres familias habeat, unde utenda roget et quibus det, praeterea nemini. Rationem cum domino crebro putet. Operarium, mercennarium, politorem diutius eundem ne habeat die. Nequid emisse velit insciente domino, neu quid dominum celavisse velit. Parasitum nequem habeat. Haruspicem, augurem, hariolum, Chaldaeum nequem consuluisse velit. Segetem ne defrudet: nam id infelix est. Opus rusticum omne curet uti sciat facere, et id faciat saepe, dum ne lassus fiat; si fecerit, scibit in mente familiae quid sit, et illi animo aequiore facient. Si hoc faciet, minus libebit ambulare et valebit rectius et dormibit libentius. Primus cubitu surgat, postremus cubitum eat. Prius villam videat clausa uti siet, et uti suo quisque loco cubet et uti iumenta pabulum habeant. Catone, De agri cultura 5 1. Suburbanae erano dette quelle villae non lontane dalla città, concepite per essere utilizzate nei giorni in cui si era liberi dagli impegni.

17 vita quotidiana a roma 17 Le terme Le terme non sono un invenzione dei Romani. Furono i Greci, amanti degli esercizi ginnici e delle attività sportive, a innalzare a Olimpia e nella colonia greca di Sibari, già del V secolo a.c., le prime strutture architettoniche utilizzate per il bagno caldo e di sudore e per il massaggio. I Romani in seguito, assumendone la funzione e traducendola in modo razionale, fecero della struttura termale il complesso ar chitettonico più grandioso dell antichità, destinato a essere uno dei centri più importanti della vita sociale. I Romani conoscevano certamente l uso del bagno caldo; anzi, come scrive lo storico Pompeo Trogo (I secolo a.c.), furono proprio i Romani a insegnare agli altri popoli a lavarsi con acqua calda. Agli inizi della loro storia, l uso del bagno caldo non era certamente un abitudine quotidiana. Seneca ci informa che i Romani, nei primi tempi, erano soliti lavarsi tutti i giorni le braccia e le gambe per la necessaria pulizia dopo il lavoro, ma solo ogni nove giorni, in occasione del mercato, facevano un bagno completo (Epist. 86). La consuetudine del bagno caldo quotidiano cominciò a diffondersi in Italia e a Roma solo verso la fine del III secolo a.c., in seguito ai contatti culturali con l Oriente. Le famiglie nobili e facoltose destinarono a bagno una stanza adiacente alla cucina e imprenditori privati costruirono modesti impianti pubblici per soddisfare le esigenze di quanti non potevano permettersi in casa un tale servizio. I primi stabilimenti termali pubblici nacquero prima dove era possibile sfruttare le sorgenti naturali di acque calde o dotate di particolari virtù curative. Con il tempo si diffusero anche dentro le città, grazie allo sviluppo di tecniche di riscaldamento delle acque, come nelle terme di Pompei (II secolo a.c.), in cui per la prima volta troviamo un sistema di riscaldamento mediante forni alimentati a legna. A Roma il primo grande impianto termale pubblico chiamato per la prima volta thermae fu quello dell ammiraglio Marco Vipsanio Agrippa, eminente uomo politico e amico d infanzia di Augusto. Inserito nel piano di rinnovamento urbanistico voluto dal principe, l edificio venne realizzato tra il 25 e il 19 a.c. nel campo Marzio, presso il Pantheon, aperto a tutti e con ingresso gratuito: munifico dono di Agrippa al popolo romano. Resti delle terme di Caracalla: gli imperatori spesso curavano la costruzione di terme.

18 18 vita quotidiana a roma È tuttavia nella Roma imperiale che vennero realizzati con arte e magnificenza i complessi termali di maggiori dimensioni, circondati da un recinto con esedra, luogo di riposo e di conversazione, rivestiti con marmi preziosi, contornati da splendidi giardini con portici sostenuti da colonne di granito e adorni di statue, con pavimenti in mosaico, con palestre, piscine e fontane: segno della liberale potenza degli imperatori. Accanto ai locali destinati al bagno vero e proprio, al bagno di sudore e al massaggio (in alcuni stabilimenti vi era una sezione riservata agli uomini e un altra alle donne, con ingressi separati) vennero creati altri ambienti: palestre, centri sportivi, sale per le conferenze e le feste, biblioteche, librerie, botteghe, piccoli teatri per l ascolto di poesia e musica. Insomma, le terme erano una città nella città, un luogo di relax e di divertimento. Così erano le terme di Nerone (58), ammirate ed elogiate da artisti e poeti (Quid Nerone peius? Quid thermis melius neronianis? scriveva il poeta Marziale 1 ); le terme di Tito, completate per l inaugurazione del Colosseo (80); le terme di Traiano ( ), grandiosa e superba opera progettata dall architetto Apollodoro di Damasco, vicinissima al Colosseo, sul colle Oppio; le terme di Caracalla ( ), che potevano ospitare 2500 persone; le terme di Diocleziano ( ), ancora più grandiose, realizzate dove ora si trova la stazione Termini. Tutti potevano accedere alle terme. L orario di lavoro, tranne per alcune categorie, era limitato alle ore del mattino. Poi si ritornava a casa per il prandium e, dopo un breve momento di riposo (meridiatio), ci si prendeva un po di svago anche con una nuotata alle terme, che aprivano all ora ottava (circa le 14) e rimanevano aperte fino al tramonto. Il prezzo d ingresso (balneaticum) era piuttosto modesto, di solito un quadrante (circa 30 centesimi); poi naturalmente si pagavano i servizi richiesti. Il modo di fare il bagno dipendeva dai gusti e dalla salute di ciascuno; ma le operazioni da eseguire per ottimizzare il bagno erano quelle prescritte dalla dottrina medica galenica e raccomandate dai medici degli impianti termali: sudorazione intensa provocata dagli esercizi ginnici prima di entrare in acqua e con permanenza nei locali surriscaldati, bagno caldo, bagno freddo, massaggi con oli e unguenti profumati. Il tepidarium maschile delle terme del foro di Pompei. 1. Epigrammi VII, 34.

19 vita quotidiana a roma 19 piscina natatoria peristylium apodyterium femminile apodyterium maschile tepidarium maschile calidarium maschile calidarium femminile tepidarium femminile Ricostruzione delle terme Stabiane, che erano divise in due zone: area maschile e area femminile. Dopo alcuni esercizi ginnici in palestra, si accedeva, quindi, nei locali del bagno. La prima stanza era l apodyterium, lo spogliatoio, con panche in muratura. Alcune nicchie nelle pareti consentivano di deporre gli abiti, a custodia dei quali, onde evitare furti, si lasciava in genere uno schiavo, al quale venivano consegnati anche gli oggetti preziosi: sarebbe stato ridicolo, per esempio, farsi vedere nel bagno con gli anelli alle dita. Si entrava quindi nel calidarium per il bagno caldo, ambiente vasto e luminoso con bacini, tinozze e una vasca per nuotare. Accanto, per chi preferiva il bagno di sudore, vi era il laconicum, un piccolo ambiente circolare riscaldato con aria secca ad altissima temperatura. Si passava poi nel tepidarium, stanza con vasche per il bagno tiepido, che aiutava la traspirazione e abituava gradatamente alla differenza di temperatura fra il calidarium e il frigidarium, locale piccolo e alto con tetto a cupola con apertura al centro, dove infine si andava per il bagno freddo. Altri ambienti erano destinati alla ginnastica e al gioco della palla (sphaeristerium), all unzione del corpo (unctorium), ai massaggi, alla depilazione a opera dell alipilus (depilatore). Per quanti poi volessero fare semplicemente delle nuotate e prendere il sole, vi erano grandi vasche a cielo aperto (piscinae natatoriae). I vari ambienti erano riscaldati mediante un forno sotterraneo (hypocausis) alimentato a legna, che ser-

20 20 vita quotidiana a roma viva sia per riscaldare nelle vasche l acqua necessaria per l uso termale sia per irradiare aria calda, mediante una conduttura (hypocaustum) che passava sotto il pavimento ed era tenuta sospesa da colonnine dette suspensurae. Il pavimento dei bagni non era, dunque, a contatto con il suolo. L aria calda, da questo spazio vuoto in cui circolava, saliva e si diffondeva nelle intercapedini delle pareti, riscaldando l ambiente sovrastante. Sopra l hypocausis erano collocate tre vasche di rame sovrapposte e comunicanti, una per l acqua calda, l altra per l acqua tiepida, la terza, a una certa distanza dall hypocausis, per l acqua fredda, così da avere un continuo e rapido rifornimento d acqua alimentata da un acquedotto e da enormi cisterne. Le terme, tuttavia, non erano semplicemente un luogo destinato al bagno, bensì il principale centro di aggregazione e di contatto diretto dei diversi ceti sociali. Tutti vi potevano accedere. Qui si incontravano gli amici, si giocava, si facevano nuove conoscenze, si trattavano gli affari, si ascoltavano i pettegolezzi, si apprendevano le notizie. Qui, dopo una nuotata, si poteva andare nei locali appositi (popinae) per bere o mangiare. Qui gli strilloni vantavano la propria merce e i commessi delle taverne andavano in giro vendendo bibite, salsicce, pasticcini e gustosi manicaretti, in un frastuono e un via vai continuo di gente di ogni età e condizione LEGGIAMO I TESTI 2 Vitruvio spiega come si costruiscono le terme CHE COSA RIPASSARE a. perifrastica passiva b. proposizioni completive c. consecutio temporum Primum eligendus locus est quam calidissimus, id est aversus ab septentrione et aquilone. Ipsa autem caldaria tepidariaque lumen habeant ab occidente hiberno, si autem natura loci inpedierit, utique a meridie, quod maxime tempus lavandi a meridiano ad vesperum est constitutum. Et item est animadvertendum uti caldaria muliebria et virilia coniuncta et in isdem regionibus sint conlocata; sic enim efficietur ut in vasaria et hypocausis communis sit eorum utrisque. Aenea supra hypocausim tria sunt componenda, unum caldarium, alterum tepidarium, tertium frigidarium, et ita conlocanda, uti, ex tepidario in caldarium quantum aquae caldae exierit, influat de frigidario in tepidarium ad eundem modum, testudinesque alveolorum ex communi hypocausi calefaciantur. Vitruvio, De Architectura V, 10, 1

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La vita quotidiana ad Atene

La vita quotidiana ad Atene laboratorio 8 Claudia Vinassa La vita quotidiana ad Atene Prerequisiti conoscere la storia di Atene nel v secolo sapere come era strutturata la famiglia in Grecia e qual era la condizione della donna collocare

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna L altra metà del cielo l evoluzione della donna l evoluzione della donna nel tempo e nello spazio, a partire dagli anni del primo dopoguerra fino agli anni 2000. La donna è stata e continuerà ad essere

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica

ٱ punt. Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny. Spettacoli a Roma Domanda 25 codifica. ٱ Domanda 29 codifica Competenza alfabetica funzionale FASCICOLO 1 CANDIDATO Harriet e Danny Domanda 1 codifica ٱ Domanda 2 codifica ٱ Domanda 3 codifica ٱ Domanda 4 codifica ٱ Domanda 5 codifica ٱ Domanda 6 codifica ٱ Scomparsi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli