Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico 01/014 Test di Logica e Cultura Generale 1. Nel Regno Unito la maggior arte degli adulti non utilizza mai er lavoro una lingua diversa dalla roria, cioè l inglese. Pertanto molti sostengono che l insegnamento delle lingue straniere in tutte le scuole britanniche sia inutile. Le aziende britanniche non risentono affatto di una carenza di ersonale con cometenze linguistiche, ma iuttosto di una mancanza di dilomati che abbiano un buon livello in inglese e in matematica. Le scuole dovrebbero concentrarsi sull insegnamento di materie utili agli studenti er le loro future carriere e che, al contemo, serviranno ad assicurare il benessere economico dell intera nazione. Quale delle seguenti affermazioni esrime il messaggio rinciale del brano recedente? A) Le lingue straniere non dovrebbero essere obbligatorie nelle scuole britanniche B) Le scuole dovrebbero solo insegnare materie utili C) Il benessere economico della nazione diende da ciò che si insegna nelle scuole D) Sono oche le aziende che risentono di una carenza di ersonale con cometenze linguistiche E) Per i dilomati le materie iù imortanti sono inglese e matematica. Non si dovrebbero bocciare rogetti er la costruzione di nuove centrali nucleari oiché sono iù verdi risetto alle centrali elettriche tradizionali alimentate a carbone. Tuttavia, ci si dovrebbe assicurare che le nuove centrali nucleari siano costruite in modo da minimizzare eventuali roblemi ambientali. Ad esemio, in Francia le centrali nucleari in zone costiere, che usano acqua marina nei sistemi di raffreddamento, sono resonsabili dello sterminio di miliardi di esci e delle loro uova che ogni anno vengono risucchiati all'interno delle centrali. In quelle regioni della Francia l'imatto ambientale uò essere così devastante che il tasso di mortalità tra alcune secie di esci è equivalente alla metà della esca commerciale. Quale delle seguenti affermazioni, se considerate vere, rafforza l argomentazione recedente? A) Il danno recato alla oolazione ittica uò essere evitato facendo uso di sistemi di raffreddamento alternativi B) L'energia nucleare genera minori gas inquinanti risetto all'energia generata da combustibili fossili C) La esca eccessiva, che in assato è stata causa di un significativo declino nelle riserve di esce, è ormai sotto controllo D) La maggior arte delle uova di esce non si schiude E) Oggigiorno si escano secie diverse che sono arezzate dai consumatori. In un suo recente comunicato stama, l Onorevole X ha dichiarato che avrebbe dato le dimissioni dal Parlamento se si fossero resentate rove a suo carico er aver falsificato il rorio rimborso sese e se avesse erso la fiducia dei rori elettori. Il quotidiano A ha ubblicato accuse dettagliate riguardo ai suoi rimborsi sese sotto inchiesta della magistratura. Il quotidiano B ha condotto un sondaggio d oinione tra gli elettori dell Onorevole X e il 60% ha dichiarato di non avere iù fiducia in lui. Il quotidiano C titola: Si dimetta Onorevole X, si dimetta! Quale delle seguenti risoste mostra l errore nel ragionamento alla base del titolo del quotidiano C? A) Le accuse e le indagini della magistratura non costituiscono rove sufficienti di colevolezza B) L Onorevole X non ha erso la fiducia di tutti i suoi elettori C) I quotidiani non devono giudicare se un olitico si deve dimettere o meno D) I quotidiani A e B forniscono resoconti contraddittori E) I sondaggi d oinione non sono attendibili 1

2 4. Numerose camagne mediatiche di sensibilizzazione hanno romosso il consumo di rodotti ortofrutticoli di stagione a chilometro zero di rovenienza locale. Tuttavia i consumatori si asettano che i suermercati offrano qualsiasi tio di frutta e ortaggi in ogni stagione. Il fatto che il cibo sia a chilometro zero non sembra un fattore rilevante er orientare le scelte dei consumatori. Quale delle seguenti affermazioni è totalmente sostenuta dal brano recedente? A) Contrariamente a tutte le asettative, le camagne mediatiche di sensibilizzazione hanno un basso imatto sui consumatori B) Le casalinghe hanno avuto l imbarazzo della scelta er troo temo nei suermercati C) L'economia agricola locale continua a soffrire D) I consumatori sono diventati maggiormente esigenti nel richiedere gli alimenti che desiderano E) È imrobabile che le emissioni di gas serra diminuiscano nell immediato futuro 5. Quali arole vanno sostituite ai numeri er dare un senso comiuto e logico alla frase seguente? Un giovane roseo e biondo che (1) un mantello raggiante di ricami a forma di sole, e offriva con la mano rotesa un dono come quelli dei Re Magi - il nostro commensale voleva robabilmente informarci della sua condizione (), della sua inclinazione al lusso e alla () A) (1) sfoggiava; () facoltosa; () rodigalità B) (1) celava; () benestante; () cuidigia C) (1) cingeva; () disagiata; () magnanimità D) (1) occultava; () agevole ; () munificenza E) (1) ostentava; () indigente; () arsimonia 6. Quale tra le coie di termini roosti comleta logicamente la seguente roorzione verbale: : Individuo = Instabile : y A) = Labile y = Gas B) = Stabile y = Benzoato C) = Inamovibile y = Soluzione D) = Sicuro y = Solvente E) = Introverso y = Aria 7. Il glaucoma è una malattia che colisce quale organo del coro? A) Occhio B) Cuore C) Orecchio D) Fegato E) Stomaco 8. Quali arole vanno sostituite ai numeri er dare un senso comiuto e logico alla frase seguente? Si (1) alla mia sottolineatura del fatto che nessuno mi () cercato in occasione della candidatura A) (1) irride; () abbia B) (1) deduce; () avessero C) (1) vince; () avrebbe D) (1) evince; () avesse E) (1) addice; () abbiano 9. Quale coia di nazioni è entrata iù di recente (007) nell Unione Euroea? A) Bulgaria e Romania B) Slovacchia e Reubblica Ceca C) Turchia e Albania D) Montenegro e Malta E) Lussemburgo e Slovenia

3 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 10. Quale dei seguenti rimati è il iù grande dell Africa centrale? A) Gorilla B) Orangutan C) Scimanzé D) Gibbone E) Babbuino 11. Il sito archeologico messicano noto come Chichen Itza è stato costruito dalla civiltà: A) Maya B) Azteca C) Inca D) Quechua E) Guaranì 1. Le oere liriche Don Giovanni e Il flauto magico sono state entrambe comoste da: A) Mozart B) Puccini C) Verdi D) Wagner E) Donizetti 1. Ritagliando lungo le linee non tratteggiate l immagine qui riortata, er oi riiegare i lati lungo le linee tratteggiate ed incollarne gli angoli, un foglio di cartoncino uò essere utilizzato er costruire una scatola riva di coerchio. Il foglio di cartoncino misura circa 0 cm 1 cm. Qual è la caienza arossimativa della scatola ottenuta da tale foglio di cartoncino, con una rofondità di 5 cm? A) 1100 cm B) 000 cm C) 100 cm D) 00 cm E) 150 cm

4 14. Maria sta arredando la cucina e vorrebbe inserire dei mobili comonibili lungo l intera arete ed includere almeno due cassetti. La arete misura metri e Maria ha intenzione di sfruttarne tutta la lunghezza. Nel catalogo di cucine comonibili sono disonibili i seguenti modelli di mobili comonibili: Qual è la combinazione iù economica che si uò montare lungo l intera arete? A) 580 B) 540 C) 590 D) 650 E) Dieci anni fa a Pietro sono stati lasciati in eredità tre quadri antichi. Doo averli fatti valutare da un antiquario una rima volta quando li ha ricevuti, ha deciso di farli valutare nuovamente ora, come mostrato da questa tabella: Quale dei seguenti grafici a barre mette a confronto correttamente l aumento PERCENTUALE del valore di ciascun quadro da quando è stato valutato dieci anni fa ad oggi? A) B) C) D) E) 4

5 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 16. Nell atrio di un hotel è stato aeso al soffitto un dado gigante che ruota in senso antiorario (visto dal basso) attorno ad un asse verticale centrale. Su ogni faccia del dado i untini sono in rilievo. Il dado in questione è un dado normale (vale a dire che la somma dei untini sulle facce ooste è 7). Quando lo si guarda lateralmente da una determinata direzione il dado aare come mostrato nella figura sottostante: Quale delle seguenti immagini corrisonde a ciò che si vede dalla stessa direzione doo che il dado ha comiuto una rotazione di un quarto? A) B) C) D) E) 5

6 17. Durante uno settacolo un restigiatore ha riiegato un ezzo di carta sottilissimo in modo tale da farlo aarire al ubblico come un triangolo rettangolo con il lato maggiore lungo il doio del lato minore. Quale delle seguenti figure è l unica che NON uò essere tale triangolo rettangolo quando il ezzo di carta viene aerto? A) B) C) D) E) 6

7 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 18. Una gru a braccio fisso che oera nella banchina di un orto si muove lungo un binario semicircolare. Essa uò ruotare descrivendo un cerchio comleto, scorrere lungo il binario e muovere il suo gancio di sollevamento verso l interno o l esterno. Nei diagrammi sotto riortati, la linea interna descrive il ercorso effettuato dalla gru, mentre la linea esterna ne raresenta il raggio d azione. In quale dei seguenti diagrammi la linea esterna raresenta il raggio d azione della gru? A) B) C) D) E) 19. L immagine sottostante raresenta la rogettazione er il giardino "Rosa Scarlatta". Nelle aiuole è stato iantato un cesuglio di rose er ogni metro quadrato. Stando all'immagine sora, qual è la ercentuale dei cesugli da cui sbocciano rose bianche risetto all insieme di tutti i cesugli di rose? A) 0% B) 16% C) 0% D) 4% E) 40% 7

8 0. Chiara ed Ilaria vanno a correre regolarmente seguendo due ercorsi circolari in un arco. Chiara (X) corre lungo il ercorso circolare interno, mentre Ilaria (Y) corre nella direzione oosta seguendo il ercorso circolare esterno, il quale è lungo il doio di quello interno. Chiara corre ad una velocità di m/s ed Ilaria ad una velocità di 4 m/s. Se entrambe iniziano a correre nei unti indicati nell immagine qui sora e, se Chiara ha raggiunto il unto P nel suo rimo giro, quale unto ha raggiunto Ilaria? A) Punto S B) Punto Q C) Punto R D) Punto T E) Punto U 8

9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Brano 1 La visione barocca di Wren Innanzitutto, la città barocca, con i suoi edifici monumentali, magnifici alazzi e rosettiva usata er centrare l attenzione su vedute maestose lungo viali ami e rettilinei, fu conceita con l obiettivo di stuire. La simmetria, con un senso classico di equilibrio ed armonia, era la sua caratteristica fondamentale. Anche se le esressioni iù stravaganti della corrente barocca furono messe a unto iù tardi a Versailles, er esemio, Karlsruhe e San Pietroburgo i suoi rincii erano ormai ben stabiliti ai temi del viaggio studio francese di Wren, e la volontà di stuire è certamente evidente nel iano er la ricostruzione di Londra che Wren resentò a Carlo II. Il iano urbanistico in sostanza divideva Londra in due sezioni: una sezione occidentale costituita da blocchi rettangolari, ed una sezione orientale di iazze oligonali unite da strade che si diramavano da ciascuna sezione. Queste due sezioni sostanzialmente diverse erano unite da due grandi arterie, che si univano a freccia er convergere a Saint Paul. C erano diverse iazze, banchine della marina mercantile, e anche una Grande Terrazza lungo il Tamigi con adiacenti sale ubbliche. Su carta, il iano urbanistico er Londra di Wren offriva una città imressionante - degna di un re anche se mancava il alazzo. Wren stesso avrebbe dovuto erò saere che il suo schema non era aroriato alle esigenze della City. A.E.J. Morris lo descrive come un esercizio notturno basato su un uso suerficiale dei lanmotifs del Rinascimento continentale. Forse sembra un o scortese, ma rafforza l imressione di Morris che il iano non era inteso a tutti, ma era semlicemente un attacco reventivo da arte di un architetto non collaudato ma ambizioso, che si remurava di stabilire il suo diritto su una quota imortante del lavoro di ricostruzione. In tal caso, il suo esercizio notturno lo riagò sicuramente. Wren divenne uno dei sei membri della commissione formata er consigliare e sovraintendere il rogramma er la ricostruzione; in seguito fu nominato Sovraintendente Generale nel 1699 e gli fu commissionato di rogettare la nuova cattedrale di Saint Paul oltre a sessanta chiese della City, nonché tante altre oere architettoniche di merito del eriodo. Nonostante i contenuti concettuali, il iano di Wren eccava da un unto di vista ratico in quanto ignorava la toografia di Londra. La nuova città fu rogettata come se si trattasse di una zona ianeggiante, mentre l ubicazione era iuttosto ondeggiante (allora iù di oggi), con le colline ad entrambi i lati dei due affluenti del Tamigi, il Fleet ed il Walbrook. I contorni delle colline avrebbero oscurato la magnifica veduta rosettica che il iano rometteva, oltre ad alterare la roosta di nitida disosizione di blocchi, di iazze ordinate e del diramarsi di strade. Nella realtà la visione barocca di Wren non sarebbe mai otuta esistere. Di fatto le robabilità erano raticamente nulle. A arte le difficoltà ratiche di incasulare un aesaggio tridimensionale in un iano bidimensionale, lo schema di Wren revedeva una quasi totale riorganizzazione di strade ed edifici all interno della City. Molti rorietari sarebbero stati costretti a ricostruire su siti diversi e ciò senza che nessuno avesse l autorità di decidere a riguardo - neanche il Re, dato il successo di Londra nel limitare il coinvolgimento reale nelle questioni riguardanti la City. Wren resentò il rogetto al re Carlo II, il quale erò non oteva fare niente senza l accordo unanime del Parlamento e di tutti i rorietari e le istituzioni di Londra. Tale consenso sarebbe stato difficile da ottenere anche sulla questione iù banale; imossibile quando tutte le arti coinvolte volevano andare avanti con l urgente comito di ricostruire le loro vite e le loro attività di sussistenza di conseguenza, Londra sarebbe otuta fallire o roserare. Il Re ad ogni modo era tutt uno con la città. Il 1 settembre ubblicò un roclama reale sulle rocedure di ricostruzione, si imegnò er la temestiva ricostruzione della Custom House, e rinunciò alle rorietà della corona nella City laddove sarebbe stato di comune beneficio. Entro la fine di settembre, si venne ad un accordo generale nell accettare le linee di strade ed i confini di rorietà già esistenti, ed all inizio di ottobre furono nominati sei commissari incaricati della sovraintendenza e l efficace controllo di tutti gli asetti tecnici dei lavori di ricostruzione. Tre furono nominati dal Re e tre dalla City. Wren fu tra quelli nominati dal Re; Hooke tra quelli della City. 1. Al centro del iano urbanistico di Wren er Londra, vi era: (vedi brano 1) A) una biartizione che enfatizzasse l armonia classica B) il luogo della nuova Cattedrale di Saint Paul C) il collegamento tra quartieri attraverso due viali rinciali D) una grande terrazza lungo il fiume E) un rinnovamento totale del vecchio iano urbanistico della città. La descrizione di A.E.J. Morris suggerisce che Wren: (vedi brano 1) A) volesse ottenere la direzione di alcuni lavori B) non fosse interessato alla commissione C) non caisse i rincii del barocco D) non fosse un architetto innovativo E) facesse un uso arofondito dei lanmotifs rinascimentali. Il iano di Wren era oco ratico erché: (vedi brano 1) A) non era adatto alla toografia del luogo B) i fiumi Fleet e Walbrook intralciavano l armonia della ianta C) le colline avrebbero oscurato la veduta D) l architettura barocca era eccessivamente innovativa E) coloro i quali avevano rorietà referivano il vecchio iano urbanistico 9

10 4. Il Re non otè ortare avanti il iano erché: (vedi brano 1) A) non aveva l autorità necessaria B) non lo riteneva idoneo C) l arovazione era una rerogativa del Parlamento D) l arovazione doveva venire da fazioni ooste E) referì nominare dei commissari tecnici 5. La rima conseguenza della roosta di Wren fu che: (vedi brano 1) A) fu nominato come uno dei sei commissari B) fu incaricato di rogettare la Cattedrale di Saint Paul C) fu incaricato di ricostruire Londra come rima D) fu nominato sovraintendente generale E) fu costretto ad abbandonare la sua visione barocca Brano Roma: centro di diffusione della cultura mediterranea Roma fu un grande centro di diffusione culturale, certo non il solo, ma sicuramente il iù imortante. All inizio del XVI secolo, Roma non era ancora una città degna di nota. In questo modo è stata vista da Rabelais nel suo rimo viaggio nel 15 e così viene descritta nella Toograhie di Marliano e in numerose altre guide. Era una iccola città al centro di un economia astorale; disseminata e contornata da monumenti antichi, sesso semidistrutti, terribilmente sfigurati, iù sesso ancora seelliti sino alle fondamenta sotto la terra e le macerie. Nella arte abitata della città si trovavano case di mattoni, viuzze strette e sordide e vasti sazi vuoti. Tuttavia nel XVI secolo la città si trasformò, si riemì di vita e vennero costruiti alazzi e chiese; la oolazione crebbe, conservandosi anche nel XVII secolo, un eoca generalmente tutt altro che favorevole alle città mediterranee. Roma divenne, dunque, un immenso cantiere. Ogni artista vi trovava lavoro, a artire da un esercito di architetti: Baldassare Peruzzi di Siena (morto nel 156), Sanmicheli di Verona (m. 1559), Jacoo Sansovino di Firenze (m. 1570), il Vignola (m. 157) originario del nord della enisola (da cui sono venuti quasi tutti i grandi architetti italiani), Ligorio di Naoli (m. 158), Andrea Palladio di Vicenza (m. 1580), Pellegrini di Bologna (m. 1596). L Olivieri, un eccezione, era romano (m. 1599). Al seguito di questi artigiani, architetti e scalellini, si affrettava l esercito dei ittori: esercito necessario in un eoca in cui la ittura ornamentale raggiunse il suo aogeo. Volte e soffitti offrivano ai ittori uno sazio illimitato, sebbene venissero talvolta loro imosti temi strettamente definiti. La ittura sacra del barocco non è altro che la conseguenza logica della sua architettura. In quest eoca venne terminata la basilica di San Pietro e fu edificata la chiesa del Gesù, tra il 1568 e il 1575, da Jacoo Vignola, che morì nel 157, senza aver avuto il temo di vedere comiuta la sua oera. Era stata edificata la rima chiesa gesuitica, che sesso doveva servire da modello in tutta la Cristianità. Ogni ordine avrebbe voluto ossedere le sue chiese a Roma e fuori Roma, con decorazioni uniche e con le immagini delle loro devozioni articolari. Così nella città eterna, oi in tutto il mondo cristiano, vennero erette le rime chiese a cuole e ornate a volute, di una geometria sobria, e di cui il Val-de-Grâce, in Francia, è un esemio iù tardo, ma ugualmente tiico. Il rodigioso sviluo di Roma richiese sese ingenti. Stendhal comrese correttamente il roblema quando notò che solo quei aesi che non dovettero temere er la loro autorità commissionarono le iù grandi oere di ittura, di scultura, di architettura dei temi moderni. Ciò ci riorta alla storia delle finanze ontificie. È un fatto accertato che i ai seero trarre grandi risorse dal loro stato ricorrendo utilmente al credito ubblico. Le loro olitiche religiose e la loro olitica in genere furono, nella Cristianità, sostenute solitamente iù a loro vantaggio che a quello delle chiese nazionali; le chiese di Francia e di Sagna furono abbandonate alle cuidigie e alle esigenze finanziarie del Cristianissimo Re francese e del Re Cattolico di Sagna. Durante il mezzo secolo di cui ci stiamo occuando, lo Stato Pontificio fece grosse sese militari solo raramente (nel 1557 e negli ultimi tre anni della Lega Santa). Il aato oté, dunque, destinare una ricca somma alle Belle Arti. L invasione del Mediterraneo da arte dell argento americano facilitò questi ingenti investimenti. Doo il venne realizzato tutto ciò che Leone X e Giulio II avevano ideato. D altro canto, gli ordini religiosi, il cui numero era stato notevolmente incrementato dall onda della ietà cattolica, unirono i loro sforzi a quelli del aato. Dato che Roma era anche la caitale di questi iccoli stati dentro lo stato, vale a dire la loro vetrina, gesuiti, domenicani, carmelitani, francescani aortarono ciascuno il loro contributo finanziario e di emulazione artistica e coiarono, fuori da Roma, i risultati raggiunti nella caitale. Se vi fu un esansione artistica e religiosa del barocco, fu grazie a questi ordini, in articolare di quello di Sant Ignazio. Fu er questa ragione che l aggettivo gesuitico sembra iù aroriato di barocco er designare questa esansione, nonostante le riserve che sono state avanzate al riguardo. 6. All inizio del XVI secolo Roma non era ancora una città degna di nota rincialmente erché: (vedi brano ) A) i monumenti erano danneggiati o arzialmente seolti B) gli edifici erano costruiti in mattoni C) era descritta come una città insignificante in alcune guide dell eoca D) il commercio non era sviluato E) alcune zone dentro le mura erano disabitate 10

11 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 7. Le trasformazioni che Roma subì avvennero rincialmente erché: (vedi brano ) A) il aato e gli ordini religiosi finanziarono la costruzione di nuove chiese B) c erano molti artigiani disonibili a realizzare i vari rogetti C) ci fu un incremento notevole della oolazione D) molti architetti risiedevano in questa città E) i nuovi elementi architettonici definirono i diinti che li decoravano 8. Il maggior contributo che gli ordini religiosi diedero all affermazione del Barocco fu il fatto che: (vedi brano ) A) diffusero i modelli realizzati a Roma nell intero Stato Pontificio B) erano imegnati a diffondere la ietà cristiana C) la cometizione tra gli ordini rodusse moltelici stili architettonici D) utilizzavano dei nuovi elementi architettonici nelle chiese E) le loro chiese avevano un sobrio stile geometrico 9. I soldi necessari alla ricostruzione di Roma furono disonibili er le seguenti ragioni tranne una. Quale? (vedi brano ) A) I Re di Sagna e Francia si aroriavano delle finanze delle chiese nazionali B) Lo Stato Pontificio era stato imegnato in oche guerre alla fine del XVI secolo C) L argento americano stava entrando nell economia euroea D) Il Paa utilizzava revalentemente a Roma le risorse dell intero Stato Pontificio E) Il credito ubblico era disonibile 0. Il maggior contributo dell esansione artistica e religiosa barocca deriva: (vedi brano ) A) dall attività culturale dei gesuiti B) dagli ordini dei frati C) dal trasferimento a Roma di architetti e ittori D) dal aato della fine del XVI secolo E) dall influenza di Leone X e di Giulio II 1. Questa casa è in stile tiicamente: Test di Storia A) Razionalista B) Futurista C) Esressionista D) Brutalista E) Postmodernista 11

12 . Cominciando dalla base, quale delle seguenti liste dà l esatta sequenza delle caratteristiche di un temio greco in stile ionico? A) Fusto della colonna, voluta, abaco, architrave, cornice B) Base della colonna, caitello, architrave, frontone, fregio C) Caitello, frontone, fregio, architrave, cornice D) Base della colonna, abaco, voluta, frontone, trabeazione E) Fusto, voluta, fregio, architrave, abaco. Tutte le seguenti citazioni sono tratte dal Manifesto del Partito Comunista, tranne: A) La nostra eoca, l eoca del regime feudale, ossiede questa distinta caratteristica: ha semlificato l antagonismo fra le classi B) La storia di ogni civiltà civile sinora esistita è storia di lotta di classi C) I roletari non hanno nulla da erdere se non le rorie catene. Essi hanno un mondo da guadagnare D) Lavoratori di ogni Paese, unitevi! E) L intera società si va scindendo semre di iù in due grandi cami nemici, in due grandi classi direttamente contraoste l una all altra: borghesia e roletariato 4. Questo diinto è oera di: A) Paolo Veronese B) Federico Barocci C) Raffaello D) Tintoretto E) Annibale Carracci 5. Quale dei seguenti movimenti influenzò il design di questa sedia? A) Bauhaus B) Arts and Crafts C) Art déco D) Neolasticismo E) Brutalismo 1

13 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 6. Qual è la sequenza cronologica corretta di questi edifici? A) e, d, a, b, c B) a, c, d, e, b C) d, e, c, b, a D) b, a, d, e, c E) c, a, b, e, d 7. La Basilica di Santa Sofia fu costruita a Costantinooli sotto il regno di quale imeratore bizantino? A) Giustiniano B) Costantino C) Manuele I Comneno D) Eraclio E) Arcadio 8. La Donazione di Costantino fu: A) Un documento di cui si avvalsero i ai medievali er rivendicare diritti laici sui territori in Italia B) Un decreto che ordinò la cessazione delle ersecuzioni dei cristiani nell Imero Romano C) Un decreto che ermise a Licinio di fare leggi nell Imero Romano d Oriente D) Un decreto che stabilí la caitale dell imero a Costantinooli E) Il documento istitutivo del Credo al Concilio di Nicea 9. Quale delle seguenti caratteristiche NON aartiene al Disotismo illuminato del XVIII secolo? A) La comleta tolleranza religiosa B) Il rifiuto di concedere una costituzione C) Il atrocinio delle arti e delle scienze D) Un governo basato sul razionalismo E) Il sostegno er l istruzione 1

14 40. Quale di queste affermazioni è vera? A) Il Muro di Berlino fu costruito nel 1961 er imedire la fuga dei cittadini della Germania Est verso la Germania Ovest B) Il Muro di Berlino fu costruito nel 1950 doo il Blocco di Berlino del C) Il Muro di Berlino fu costruito nel 1956 doo la Rivolta ungherese D) Il Muro di Berlino fu costruito su iniziativa di Stalin E) Il Muro di Berlino fu costruito nel 196 doo la Crisi cubana 41. Qual è il nome dell architetto che ha rogettato questa chiesa? A) Andrea Palladio B) Baldassarre Longhena C) Vignola D) Gian Lorenzo Bernini E) Antonio da Sangallo 4. Quale di questi fatti relativi a Pericle di Atene NON è vero? A) Morì in battaglia B) Fu un grande oratore C) Ebbe la reutazione di essere onesto D) Intrarese la costruzione del Partenone E) Fu un mecenate delle arti e della cultura 14

15 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Test di Disegno e Raresentazione 4. Abbinare ciascuna arete (1,,, 4) della stanza raresentata in rosettiva, alle risettive viste frontali (X, Z, Y, W). A) 1 Y; Z; W; 4 X B) 1 W; X; Y; 4 Z C) 1 X; Y; W; 4 Z D) 1 Y; W; Z; 4 X E) 1 X; Z; W; 4 Y 44. Quale tra le seguenti figure solide da 1 a 5 comleta il solido (U) in maniera tale da ottenere un cubo regolare? A) B) C) 5 D) 1 E) 4 15

16 45. Indicare la osizione del fotografo dalla quale è stata scattata la seguente fotografia della cattedrale. A) D B) A C) B D) C E) E 46. Quale delle seguenti figure (1,,, 4, 5) corrisonde alle roiezioni ortogonali mostrate nell immagine sotto riortata? A) 1 B) C) D) 4 E) 5 16

17 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 47. Quale dei disegni da 1 a 5 NON uò corrisondere allo sviluo dell oggetto raresentato nella figura sottostante? A) 5 B) 4 C) D) E) Quale tio di raresentazione viene mostrata risettivamente in ciascuna delle immagini sottostanti da 1 a 4? A) 1 Sezione; Piante; Prosetto e sezione; 4 Prosettiva B) 1 Piante; Sezione; Prosettiva; 4 Prosetto e sezione C) 1 Sezione; Prosetto e sezione; Piante; 4 Prosettiva D) 1 Prosettiva; Piante; Prosetto e sezione; 4 Sezione E) 1 Prosettiva; Sezione; Piante; 4 Prosetto e sezione 17

18 49. La seguente scultura è comosta da 7 cubi. Abbinare le figure geometriche da 1 a 4 alle corrisondenti sezioni definite dai iani a, b, c, d. A) a 4; b ; c ; d 1 B) a ; b ; c 1; d 4 C) a ; b 1; c 4; d D) a 1; b 4; c ; d E) a 4; b 1; c ; d 50. Un cartoncino viene iegato e forato come illustrato nelle immagini sotto riortate: Quale immagine raresenta la foratura ottenuta quando il cartoncino viene aerto? A) B) 5 C) 1 D) E) 4 18

19 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 51. Abbinare le figure tridimensionali (a, b, c, d) alle risettive figure iane sottostanti (1,,, 4). A) 1 d, c, a, 4 b B) 1 a, b, c, 4 d C) 1 d, a, c, 4 b D) 1 b, d, c, 4 a E) 1 c, d, b, 4 a 5. Dato l oggetto raresentato in assonometria, individuare tra i disegni riortati (1,,, 4, 5) quello corrisondente alla vista indicata dalla freccia. A) 4 B) 1 C) D) E) 5 19

20 0 Test di Fisica e Matematica 5. La massa media di 4 vogatori è di 85 kg. Uno dei vogatori con una massa di 86 kg si è infortunato ed è stato sostituito. La nuova media aritmetica della massa è di 87 kg. Qual è la massa del nuovo vogatore in kg? A) 94 B) 86 C) 88 D) 104 E) Semlificare la seguente esressione: A) B) ( ) C) ( )( ) ( )( ) D) + + E) Calcolare il unto medio del segmento avente come estremi i unti ( ), e ( ) 6 1, A) 4 1, B) 4 1, C) + 4 1, D) + 4 1, E) 1,

21 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 56. Si consideri una circonferenza inscritta in un quadrato. Un rettangolo di base cm ed altezza 1 cm viene inserito nello sazio tra uno dei vertici del quadrato e la circonferenza in modo tale che un vertice del rettangolo coincida con quello del quadrato ed il vertice oosto giaccia sulla circonferenza. Calcolare il raggio della circonferenza. A) 5 cm B) cm C) cm D) 5 cm E) cm Un asta omogenea di estremità A e B ha una lunghezza di 6 m ed un eso di 150 N. Essa è sistemata su un suorto osizionato esattamente al centro. Un oggetto untiforme dalla massa di 0 kg è adagiato ad una distanza di 1,5 m da A ed uno dalla massa di 4 kg è osizionato su B. A che distanza da B si deve osizionare un oggetto dalla massa di 10 kg affinché l asta si trovi in equilibrio? A) 1, m B) 4, m C) 4,8 m D) 1,8 m E) 1,5 m 58. Le dimensioni interne di un serbatoio d acqua a forma di aralleleiedo sono base quadrata di lato 80 cm e altezza di 1,5 m. Quando il serbatoio è ieno er metà qual è la massa di acqua nel serbatoio? A) 480 kg B) 9600 kg C) 960 kg D) 4800 kg E) 6000 kg 59. Una sfera dalla massa di kg si muove di moto rettilineo su una suerficie liscia e iana ad una velocità di 5 ms -1. Essa urta contro una suerficie verticale e rimbalza indietro nella stessa direzione ad una velocità di ms -1. Calcolare la variazione di quantità di moto della sfera (dovuta all'urto). A) 16 kg ms -1 B) 8 kg ms -1 C) 4 kg ms -1 D) kg ms -1 E) kg ms -1 1

12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005.

12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005. Logica matematica 12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005. In quale anno cadrà la prossima data nella

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

Ancora sulla II parte dell articolo ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI di Guido Carolla 1

Ancora sulla II parte dell articolo ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI di Guido Carolla 1 Ancora sulla II arte dell articolo ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI di Guido Carolla 1 1. Un osservazione sulle somme contratte e sul software del massimo ga Facendo seguito a quanto l autore ha iniziato

Dettagli

La riflessione della luce: gli specchi

La riflessione della luce: gli specchi APITOLO 3 La riflessione della luce: gli secchi Immaginiamo un camo di 20 ettari ( ha 0 4 m 2 ) ieno di secchi arabolici: er l esattezza 360. Grazie a un articolare sistema di tubi, la radiazione solare

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle robabilità Evento casuale Chissà quante volte vi hanno detto: Scegli una carta da questo mazzo e voi scegliete casualmente una carta. Perché casualmente? Cosa vuol dire scegliere a caso?

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao)

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Trigonometria (tratto dal sito Comito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Teoria in sintesi Radiante: angolo al centro di una circonferenza che sottende un arco di lunghezza rettificata uguale al

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY

CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Pag. 1 di 7 CALCOLO INERZIA TERMICA E CONSUMO LEGNA DEL TERMOCAMINO MERCURY Premessa La resente relazione ha l obiettivo di verificare quale sia il consumo di legna ed il temo necessario affinché il termocamino

Dettagli

La presa dei fotogrammi

La presa dei fotogrammi UNITÀ T2 La resa dei fotogrammi TEORI 1 Fotogrammetria aerea 2 Relazione tra scala dei fotogrammi e altezza di volo 3 Parametri del volo aereo fotogrammetrico 4 Gestione del volo fotogrammetrico 5 Fotogrammetria

Dettagli

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE I COTI I UNA VALUTA COMUNE Un aese che aderisce a un UNIONE MONETARIA rinuncia ad alcuni strumenti di olitica economica utili a far fronte a eventuali situazioni di squilibrio ❶ manovre del tasso di cambio

Dettagli

ROTARY. La web communication. Distretto 2040 Rotary International

ROTARY. La web communication. Distretto 2040 Rotary International ROTARY La web communication Distretto 2040 Rotary International Indice Premessa 1 Scenario 2 Perché creare un sito web er il club? 3 Come realizzare un sito web 4 I contenuti del sito 4 Il sito internazionale

Dettagli

PRATICHE DIDATTICHE PER UN PROCESSO DI MIGLIORAMENTO

PRATICHE DIDATTICHE PER UN PROCESSO DI MIGLIORAMENTO IC Premariacco PRATICHE DIDATTICHE PER UN PROCESSO DI MIGLIORAMENTO Insegnanti Laura Ferro Anna Mulloni Udine 13 novembre 2014 l'ic Premariacco, in sinergia con la rete "Curricolo e valutazione" e la rete

Dettagli

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone!

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone! L occhio come sistema ottico comlesso Corso di Princii e Modelli della Percezione Prof. Giusee Boccignone Diartimento di Scienze dell Informazione Università di Milano boccignone@dsi.unimi.it htt://homes.dsi.unimi.it/~boccignone/giuseeboccignone_webage/modelli_percezione.html

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale Corso di Imiati Tecnici a.a. 009/010 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 18 18.1 L orecchio umano La ercezione di suoni, come d altra arte già osservato al riguardo della luce, coinvolge sia asetti fisici

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Regolazione degli impianti a vapore

Regolazione degli impianti a vapore Regolazione degli imianti a vaore Ing. A. Paolo Carlucci Nel rogetto di una centrale termoelettrica intervengono numerosi fattori: utilizzazione annua, ovvero quante ore all anno una centrale deve funzionare;

Dettagli

VOGLIAMO CRESCERE. questo tipo di scelta o è un tabù o il percorso è ancora all inizio. Si possono citare almeno altri due temi su cui il

VOGLIAMO CRESCERE. questo tipo di scelta o è un tabù o il percorso è ancora all inizio. Si possono citare almeno altri due temi su cui il enso.democratico@live.it Partito Democratico Unione Comunale di Bertinoro Anno I N 3 - Dicembre 2010 Bollettino d informazione del Partito Democratico di Bertinoro Resonsabile: Chiara Budellacci Redazione:

Dettagli

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà:

E chiaro allora che, rappresentando l evento impossibile e quello certo le due situazioni limite, per un qualunque evento si avrà: CORSO ELEMENTARE SULLA PROBABILITA Eserimento aleatorio: ogni fenomeno del mondo reale il cui svolgimento è accomagnato da un certo grado di incertezza. rova (tentativo) singola esecuzione di un ben determinato

Dettagli

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010 Logistica (mn) 6 CFU Aello del Luglio 010 NOME: COGNOME: MATR: Avvertenze ed istruzioni: Il comito dura ore e quindici. Non è ermesso lasciare l'aula senza consegnare il comito o ritirarsi. Se dovessero

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e lgoritmi della Logistica 00- Scheduling: Macchina Singola CRLO MNNINO Saienza Università di Roma Diartimento di Informatica e Sistemistica Il roblema /-/ w C

Dettagli

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio Bruno Bracalente Il sistema di contabilità nazionale e la comarazione degli aggregati economici nel temo e nello sazio Disense er il corso di Statistica Economica Modulo I Università degli Studi di Perugia

Dettagli

Corporate Compliance Policy

Corporate Compliance Policy Cororate Comliance Policy Traduzione italiana dal testo originale in lingua inglese Prefazione Care collaboratrici, cari collaboratori, Bayer è un azienda che oera a livello globale. Le nostre attività

Dettagli

Economia dell'informazione

Economia dell'informazione Economia dell'informazione Disensa 3 Monoolio Martina Gambaro & Andrea Borghesan martina.gambaro@unive.it - borg@unive.it Sommario Monoolio... 1 Massimizzazione del rofitto in monoolio... Monoolio ed elasticità...

Dettagli

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η =

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η = CICLI ERMODINAMICI DIREI: Maccine termice Le maccine ce anno come scoo uello di trasformare ciclicamente in lavoro il calore disonibile da una sorgente termica sono dette maccine termice o motrici e il

Dettagli

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità Logica 1. Le roosizioni 1.1 Cosa studia la logica? La logica studia le forme del ragionamento. Si occua cioè di stabilire delle regole che ermettano di assare da un'affermazione vera ad un'altra affermazione

Dettagli

Corso di Fisica Strumentale

Corso di Fisica Strumentale Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Fisica Strumentale er Tecnici di Laboratorio Biomedico e Tecnici di revenzione ambientale e sui luoghi di lavoro Prof. R. Rolandi Il microscoio ottico Lo scoo di

Dettagli

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1 CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1. La caratterizzazione dell'equilibrio di mercato Per caratterizzare un mercato di concorrenza erfetta consideriamo un certo numero di imrese che roducono e offrono tutte

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi Comlementi ed esercizi di Idrodinamica I arte.. Prorietà fisiche dei fluidi. Densità e modulo di elasticità a comressione cubica. Come è noto la densità di massa ρ misura la massa contenuta nell unità

Dettagli

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza 1 Il camo elettrico 1.1 Azione a distanza L idea di interazione fra cori è stata semre associata all idea di un contatto: la ossibilità che un oggetto otesse esercitare un azione in una regione di sazio

Dettagli

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi Unità Esercizi In iù: esercizi interattivi Tema B SINTESI E RIEPILG Parole chiave Ascissa. 17 Asse delle ascisse. 17 Asse delle ordinate. 17 Asse. 17 Asse. 17 Coefficiente angolare. 10 Coordinata. 17 Distanza

Dettagli

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema ESERCITAZIONE 1 Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema Il sistema a cui faremo generalmente riferimento in questo corso sarà uno stabilimento di azienda manifatturiera,

Dettagli

MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico

MOSS (Mini One Stop Shop) Mini Sportello Unico MOSS (Mini One Sto Sho) Mini Sortello Unico Oerazioni di e-commerce diretto Giovedì 13 novembre 2014 Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie Gruo di lavoro oerazioni doganali e intracomunitarie

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Aunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Ca. 0. Elementi di sicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Nicola Forgione Paolo Di Marco Versione 0.0.04.0. La resente disensa

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato Prof. Gianmaria Martini Modelli ed iotesi Vi sono iù cose, Orazio, tra il cielo e la terra di quelle che

Dettagli

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T CICLI MOORI Utilizzando un motore (sorgente di lavoro meccanico oerante in maniera ciclica) che evolve secondo il ciclo isotermo-adiabatico di Carnot in maniera internamente reversibile, scambiando calore

Dettagli

AVVISO INTEGRATIVO DI EMISSIONE RELATIVO A: ABN AMRO BANK N.V. MINI FUTURES LONG E MINI FUTURES SHORT CERTIFICATES SU

AVVISO INTEGRATIVO DI EMISSIONE RELATIVO A: ABN AMRO BANK N.V. MINI FUTURES LONG E MINI FUTURES SHORT CERTIFICATES SU Avviso Integrativo della Nota Integrativa relativa al rogramma di emissione degli ABN Mini Futures Long e Mini Futures Short Certificates su Future sull Oro, sull Argento, sul Platino, sul Palladio e sul

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte Indice Vibrazioni di una macchina elettrica ANALISI DELLE VIRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI arte Lucia FROSINI Diartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI MANUALE D USO Grazie er aver acquistato un sistema di sicurezza DAITEM adeguato alle vostre esigenze di rotezione. Precauzioni L installazione del sistema deve essere effettuata

Dettagli

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Pag. 1 di 7 CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Introduzione La resente relazione ha obiettivo di calcolare indicativamente funzionamento efficacia ed efficienza di termocaminetti

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

MERCATO E FALLIMENTI DEL MERCATO

MERCATO E FALLIMENTI DEL MERCATO Lezione seconda Ricordiamo alcuni quesiti di Teoria ositiva Beni ubblici e meccanismi di decisione olitica Perché la difesa della nazione è fatta dallo stato e non da imrese rivate? in autostrada si aga

Dettagli

RUBRICA VALUTATIVA Descrizione dei livelli Avanzato Intermedio Accettabile Parziale Dimensioni Necessita di interventi

RUBRICA VALUTATIVA Descrizione dei livelli Avanzato Intermedio Accettabile Parziale Dimensioni Necessita di interventi TITOLO: Una merenda sana per diventare grandi! Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 rogetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 475 del 02 marzo 2010

ALLEGATOB alla Dgr n. 475 del 02 marzo 2010 ALLEGATO D SCHEMA DEL CONTRATTO DI GARANZIA [Nota: testo di garanzia da rivedere una volta che la Regione avrà assunto le necessarie determinazioni/leggi] CONTRATTO PER LA CONCESSIONE DI GARANZIA A PRIMA

Dettagli

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI AREA : FUNZIONI E LIMITI INSIEMI NUMERICI E FUNZIONI Per ricordare H Un insieme E si dice: itato sueriormente se esiste un numero k, non necessariamente aartenente a E, che eá maggiore o uguale di tutti

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Giornale Newspaper Zeitung N. 05 Giugno 2014

Giornale Newspaper Zeitung N. 05 Giugno 2014 Giornale Newsaer Zeitung N. 05 Giugno 04 Imegno nazionale er uno sviluo internazionale. Tutti i giorni siamo temestati da cattive notizie derivanti da una essima informazione; giornali, riviste, TV e mezzi

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma.

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma. Aunti di MECCANICA DEI FLUIDI Corso di Fisica e Laboratorio rof. Massimo Manvilli SEZIONE ITI - ITCG Cattaneo con Liceo Dall Aglio STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Solidi : Liquidi : Gas: Plasma : FluidI:

Dettagli

Il coordinamento interno e internazionale della politica economica

Il coordinamento interno e internazionale della politica economica Il coordinamento interno e internazionale della olitica economica Coordinamento interno Il roblema del coordinamento interno sorge er la resenza di Moltelicità di obiettivi e strumenti Ogni strumento è

Dettagli

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16 Sommario Pa. 1. Scoo dell eserienza 2 2. Presuosti teorici 3 3. Aarato Strumentale 6 4. Descrizione dell eserimento 8 5. Dati serimentali e loro elaborazione 9 5.1 Resistenza interna del triodo 9 5.2 Conduttanza

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

Giuliana Pinto, Christian Tarchi, Monica Camilloni Dipartimento di Psicologia (Università degli Studi di Firenze)

Giuliana Pinto, Christian Tarchi, Monica Camilloni Dipartimento di Psicologia (Università degli Studi di Firenze) Valutare qualitativamente l efficacia di un modello formativo: i rocessi di co-costruione del significato nella comrensione del testo e nella roduione ittorica. Giuliana Pinto, Christian Tarchi, Monica

Dettagli

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1

Quale numero riportato sulla piantina identifica il Partenone? A. 19 B. 17 C. 14 D. 1 E1. L immagine qui sotto è una ricostruzione dell Acropoli di Atene. L edificio indicato con P è il Partenone, tempio dedicato alla dea Atena. Osserva ora questa piantina dell Acropoli: Quale numero riportato

Dettagli

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE

COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE COMUNE DI CENTO REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA DI PERSONE ASSISTITE PRESSO STRUTTURE RESIDENZIALI AUTORIZZATE ag. 1 di 13 Premessa. L Amministrazione Comunale garantisce l inserimento ed il mantenimento

Dettagli

Fontana di Trevi Roma, Italia

Fontana di Trevi Roma, Italia Fontana di Trevi Roma, Italia Fontana di Trevi Roma, Italia Gli architetti La Fontana di Trevi è la più famosa e forse la più bella fontana di Roma. Questo imponente monumento in stile barocco, completato

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progetto Matematica e Statistica - Progetto Lauree Scientifiche Loredana Caso 1 Successioni numeriche 2 Una successione numerica è una sequenza

Dettagli

AFFASCINANTE SEMPLICITÀ MEVACO CATALOGO

AFFASCINANTE SEMPLICITÀ MEVACO CATALOGO AFFASCINANTE SEMPLICITÀ MEVACO CATALOGO Estrema varietà La nostra offerta comrende lamiere stirate, forate, reti ondulate e saldate nei materiali e nelle dimensioni iù disarate, nonché tutti gli accessori

Dettagli

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile Arofondimento Focolari differenziati secondo il tio di combustibile A. Focolari er combustibili solidi II combustibile solido viene in genere disteso in strati iù o meno sessi (a seconda della roduzione

Dettagli

1. Prefazione 2. Il progetto AGES nel quadro dei programmi UE per l innovazione delle politiche sociali

1. Prefazione 2. Il progetto AGES nel quadro dei programmi UE per l innovazione delle politiche sociali Indice 1. Prefazione 5 2. Il rogetto AGES nel quadro dei rogrammi UE er l innovazione delle olitiche sociali 7 3. Il contesto della oolazione anziana e dell assistenza a favore della stessa in Italia e

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I rocessi termodinamici che vengono realizzati nella ratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Piano di formazione er il ersonale

Dettagli

Proporzionalità diretta k = 60 kcal

Proporzionalità diretta k = 60 kcal Domanda D1. Paola, quando corre, consuma 60 kcal per ogni chilometro percorso. a. Completa la seguente tabella che indica le kcal consumate da Paola al variare dei chilometri percorsi. Chilometri percorsi

Dettagli

PROGETTO OFFERTA. Contraente. L appaltatore della fornitura del servizio e acces-sori

PROGETTO OFFERTA. Contraente. L appaltatore della fornitura del servizio e acces-sori PROGETTO OFFERTA OGGETTO ID. 014/09 PROGETTAZIONE ESECUTIVA E BONIFICA CON MISURE DI SICUREZZA DELL ARENILE DI COGOLETO RICADENTE NEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE DI COGOLETO STOPPANI - GENOVA COMMITTENTE/CONTRAENTE

Dettagli

ESERCITAZIONI DEL CORSO DI PROGETTO DELLE SOVRASTRUTTURE VIARIE - A.A. 2008-09 MATERIALI GRANULARI

ESERCITAZIONI DEL CORSO DI PROGETTO DELLE SOVRASTRUTTURE VIARIE - A.A. 2008-09 MATERIALI GRANULARI MATERIALI GRANULARI. IL COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MATERIALI GRANULARI. Introduzione I materiali granulari imiegati negli strati iù rofondi della sovrastruttura stradale (fondazione, sotto-fondazione

Dettagli

Informazioni tecniche TI-B10 Freni di sicurezza. Indice. 2 Funzionamento. 1 Scopo

Informazioni tecniche TI-B10 Freni di sicurezza. Indice. 2 Funzionamento. 1 Scopo Freni di curezza SITEMA Azionamento mediante resone neumatica Traduzione italiana della verone originale tedesca Informazioni tecniche TI-B0 Freni di curezza elevate forze di arresto mediante serraggio

Dettagli

componenti strutturali e codice alfanumerico del palo

componenti strutturali e codice alfanumerico del palo ingegneria struttura del alo Diffondendo in questi anni la conoscenza del alo a vite, abbiamo sesso riscontrato una certa titubanza nell affrontare i calcoli sulla caacità ortante di questo alo, che ha

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) Coia Conforme DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 DEL 27/09/2011 OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 L anno 2011, addì 27 del mese di Settembre

Dettagli

IL TEOREMA DI PITAGORA

IL TEOREMA DI PITAGORA GEOMETRIA IL TEOREMA DI PITAGORA E LE SUE APPLICAZIONI PREREQUISITI l conoscere le rorietaá delle quattro oerazioni ed oerare con esse l conoscere il significato ed oerare con otenze ed estrazioni di radici

Dettagli

Capitolo 4 GPS. Prof. MAURO CAPRIOLI. Capitolo 4 GPS

Capitolo 4 GPS. Prof. MAURO CAPRIOLI. Capitolo 4 GPS 89 ...89 1 - Introduzione...91 2 - Princiio di base del osizionamento GPS...92 3 - Organizzazione del sistema GPS...93 3.1 - La sezione saziale...93 3.2 - La sezione di controllo...95 3.3 - La sezione

Dettagli

W S. 1. Propagazione del suono in campo libero

W S. 1. Propagazione del suono in campo libero IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. 4/5 Lezione del 4 ottobre 4 Titolo: Proagazione del suono in ambiente esterno Docente: Arch. Antonio Carbonari 1. Proagazione del suono in camo libero La condizione

Dettagli

TUTORIAL PORTAFOGLIO MANAGEMENT. Parte 1 Rischio e Rendimento

TUTORIAL PORTAFOGLIO MANAGEMENT. Parte 1 Rischio e Rendimento TUTORIAL PORTAFOGLIO MANAGEMENT Parte Rischio e Rendimento Quando si tratta di investire del denaro ci si rosettano diverse combinazioni di rischio e rendimento. Maggiore è il rischio cui ci si esone,

Dettagli

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e ratica Enrico MOSCA TORINO 1 1. INTRODUZIONE Le atmosfere controllate si definiscono come un singolo gas o una miscela di gas, la cui comosizione

Dettagli

SoftCare² Pro Touchless

SoftCare² Pro Touchless SoftCare² Pro Touchless l IMPIANTO COMBINATO SoftCare² Pro Touchless le massime restazioni di lavaggio touchless SoftCare² Pro Touchless Sono disonibili due varianti dell'imianto: semlice oure combinata

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

[4] che, nel caso piano, assume la seguente forma: T = [4 ] Denominate a x, a y e a z le componenti del vettore traslazione t ed indicando con

[4] che, nel caso piano, assume la seguente forma: T = [4 ] Denominate a x, a y e a z le componenti del vettore traslazione t ed indicando con L'LLINEMENTO DELLE SCNSIONI LSER SCNNER MEDINTE L'IMPLEMENTZIONE DI UN INSIEME RIDONDNTE DI SISTEMI RISOLUTIVI Massimo CHILLEMI, Luigi GICOBBE DISI Facoltà di Ingegneria Università di Messina, 0903977208,

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale

Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Saienza Università di Roma - Diartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Scheduling Renato Bruni bruni@dis.uniroma.it Il materiale resentato è derivato da quello dei roff. A. Sassano

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

TECNICHE AVANZATE PER LA STIMA DI MAPPE DIGITALI DI ELEVAZIONE DA PASSAGGI SAR SATELLITARI MULTIPLI

TECNICHE AVANZATE PER LA STIMA DI MAPPE DIGITALI DI ELEVAZIONE DA PASSAGGI SAR SATELLITARI MULTIPLI TECNICHE AVANZATE PER LA STIMA DI MAPPE DIGITALI DI ELEVAZIONE DA PASSAGGI SAR SATELLITARI MULTIPLI Daniele PERISSIN, Claudio PRATI, Riccardo PIANTANIDA, Davide PICCAGLI Politecnico di Milano, Via Ponzio

Dettagli

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione 6. Scambio termico 6.. Introduzione Lo studio dei fenomeni di scambio termico si uò ricondurre a due variabili: la temeratura e il flusso di calore. La temeratura indica l energia molecolare media di un

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli