pag 1 di 27 CURRICULUM VITÆ Posizioni Professionali pag 3 Premi ed onoreficenze pag 4 Aree di competenza professionale pag 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pag 1 di 27 CURRICULUM VITÆ Posizioni Professionali pag 3 Premi ed onoreficenze pag 4 Aree di competenza professionale pag 5"

Transcript

1 pag 1 di 27 CURRICULUM VITÆ Indice Formazione pag 2 Posizioni Professionali pag 3 Premi ed onoreficenze pag 4 Aree di competenza professionale pag 5 Responsabilità di coordinamento/direzione Progetti pag 6 Principali attività didattiche pag 8 Appartenenza ad Associazioni e Società scientifiche pag 9 Attività di revisore per riviste scientifiche pag 10 Principali relazioni presentate su invito a congressi Nazionali ed internazionali pag 10

2 pag 2 di 27 Formazione 1978 Diploma di Maturità Classica, Liceo Classico G.Parini, Milano 1986 Laurea in Medicina e Chirurgia (voto: 110/110), Università di Milano 1987 Corso avanzato sulla Metodologia delle Analisi di Sopravvivenza, organizzato dall Istituto Nazionale di Statistica Medica, Università di Milano 1989 Specializzazione in Tisiologia e Malattie dell Apparato Respiratorio (70/70), Università di Milano 1990 Corso avanzato di Epidemiologia presso la Tuft University, Medford, MA (U.S.A.) Diploma Scuola Post-Doctorale di Formazione Professionale (Specialista in Ricerche Farmacologiche), conseguito presso l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano 2001 Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva (70/70), Università di Milano

3 pag 3 di 27 Posizioni Professionali Allievo Interno presso la Divisione Pneumologica dell Ospedale di Niguarda, Milano Medico Volontario presso il Servizio di Pronto Soccorso, Ospedale di Cremona Dal Novenbre 1987 al Agosto 1991 Ricercatore- borsista a tempo pieno, presso il Laboratorio di Epidemiologia Clinica, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano 1 Settembre 1991 al 31 Agosto 1992 Borsista a tempo pieno con la qualifica di Visiting Assistant Professor del Centre for Health Economics and Policy Analysis (CHEPA), Department of Clinical Epidemiology and Biostatistics,McMaster University, Hamilton, Ontario (Canada) Dal 1 settembre 1992 al 30 giugno 1993 Ricercatore borsista a tempo pieno dell Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri (Milano), presso il Laboratorio di Epidemiologia Clinica; Dal 1 luglio 1993 al 31 Dicembre 1993 dipendente a tempo pieno dell Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri (Milano), presso il Laboratorio di Epidemiologia Clinica Dal 1 gennaio 1994 al 28 febbraio 1999 dipendente a tempo pieno dell Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri (Milano), con la qualifica di dirigente-capo dell Unità di Valutazione degli Interventi Sanitari, presso il Laboratorio di Epidemiologia Clinica; Dal 1 Marzo 1999 al 30 Novembre 2000 incarico di collaborazione professionale, a tempo pieno, presso l Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali, Roma;

4 pag 4 di 27 Dal 5 Dicembre 2000 al 5 Dicembre 2003 incarico triennale ( / ), di dirigente medico con responsabilità di direzione di macrostruttura, con rapporto di lavoro esclusivo, conferito dall Azienda USL di Ravenna ai sensi dell art.15 septies, comma 1, del decreto legislativo 30/12/1992, n 502 e successive modificazioni ed integrazioni, in avvalimento presso l Agenzia Sanitaria Regionale Emilia- Romagna, con incarico di responsabile dell Area di Programma Governo Clinico. Dal 5 Dicembre 2003 al 3 Luglio 2006 incarico triennale ( / ), di dirigente medico con responsabilità di direzione di macrostruttura, con rapporto di lavoro esclusivo, conferito dall Azienda USL di Ravenna ai sensi dell art.15 septies, comma 1, del decreto legislativo 30/12/1992, n 502 e successive modificazioni ed integrazioni, in avvalimento presso l Agenzia Sanitaria Regionale Emilia- Romagna, con incarico di responsabile dell Area di Programma Governo Clinico. Dal 4 Luglio 2006 ad oggi Direttore della Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale, con atto deliberativo di Giunta numero 959 del 3/7/2006. Premi ed Onoreficenze Vincitore nel 1989 di una borsa di studio della Associazione Nazionale Aiuti ed Assistenti Ospedalieri (ANAO) per medici impegnati nella ricerca clinica. Vincitore nel 1991 di una borsa di studio della Associazione Nazionale per la Ricerca sul Cancro (AIRC) per un periodo di specializzazione presso la McMaster University, Hamilton, Ontario (Canada). Aree di Competenza Professionale Metodologia della ricerca clinica ed epidemiologica. Metodologie per la valutazione della qualità dell assistenza. Metodologie per la produzione e l implementazione di linee-guida per la pratica clinica.

5 pag 5 di 27 Metodologie per favorire il cambiamento dei comportamenti clinici ai fini di una maggiore appropriatezza clinica ed organizzativa. Metodologie per la valutazione della appropriatezza dell uso degli interventi sanitari Valutazione della qualità della letteratura scientifica Studio dei determinanti della diffusione/accettazione delle tecnologie e degli interventi sanitari. Metodologie per la sintesi quantitativa e qualitativa delle evidenze derivanti da diversi tipi di studio (revisioni sistematiche e meta-analisi). Modelli di governance nelle organizzazioni sanitarie. Governo della ricerca in ambito sanitario e studio dei fattori che ne favoriscono il trasferimento dei risultati alla pratica clinica. Governo dei processi di innovazione tecnologica, clinica ed organizzativa in sanità

6 pag 6 di 27 Responsabilità di Coordinamento/Direzione Progetti di Ricerca Dal 1989 al 1994, Coordinamento del Progetto Oncologia Femminile (ONCOFEM), progetto finanziato dal Ministero della Sanità e condotto in otto regioni italiane, finalizzato alla produzione di linee-guida nell ambito della oncologia ginecologica. Dal Settembre 1991 all Agosto 1992, consulente per il College of Physicians and Surgeons dell Ontario (Canada) per il disegno e l organizzazione dello studio "Authoritative Request versus Assisted Quality Assurance for Implementing Practice Guidelines in Ontario Independent Health Facilities", finalizzato a sperimentare differenti metodi di iplementazione di linee-guida. Dal Marzo 1994 al Marzo 1995, responsabile della Unità CNR-ACRO per il Trasferimento dei Risultati e la Produzione di Linee-guida, istituita nell ambito del Progetto Finalizzato CNR Applicazioni Cliniche della Ricerca Oncologica. Dal Giugno 1994 ad oggi membro del Comitato Editoriale della Cochrane Collaboration on Effective Professional Practice (CCEPP), gruppo della Collaborazione Internazionale Cochrane per la conduzione di revisioni sistematiche sulla efficacia degli interventi finalizzati al miglioramento della qualità dell assistenza e delle prestazioni degli operatori sanitari. Nel partecipazione al progetto della Comunità Europea BIOMED EURASSESS, finalizzato a coordinare le attività delle agenzie di valutazione delle tecnologie sanitarie dei paesi europei. Dal Dicembre 1995 al Marzo 1996, consulente del NHS Centre for Review and Dissemination (University of York, UK) per il progetto Producing Site Specific Cancer Guidance, finalizzato alla definizione di raccomandazioni basate sulle evidenze scientifiche circa la tipologia dei servizi sanitari da offrire nell ambito del Servizio Sanitario inglese alle pazienti con carcinoma della mammella. Nel 1996, Responsabile Scientifico del progetto internazionale Revisione Sistematica degli Studi sull Effetto delle Campagne di Informazione di Massa sull Uso dei Servizi Sanitari da Parte della Popolazione e sul Comportamento degli Operatori Sanitari, finanziato dall NHS Research and Development Programme (Gran Bretagna). Dal 1996 al 1998 componenente del Comitato Scientifico e del Centro di Coordinamento del progetto T.Ri.P.S.S. (Trasferire le Informazioni Scientifiche nella Pratica dei Servizi Sanitari), finanziato da 20 Aziende Sanitarie e coordinato dall Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano. Dal 1996 al 1998, Responsabile Scientifico del progetto nazionale Valutazione dei Modelli Assistenziali per i Pazienti con Sclerosi Multipla, finanziato dall Istituto Superiore di Sanità.

7 pag 7 di 27 Dall Aprile al Dicembre 1998 membro del Gruppo di Studio sulla Ossigenoterapia iperbarica del Consiglio Superiore di Sanità. Dal 1998 al 2001, partecipazione al Progetto della Comunità Europea BIOMED Strenghtening effective practice: promoting the rigorous development of clinical guidelines in Europe through the creation of a common appraisal instrument, finalizzato alla messa a punto di strumenti per la valutazione della qualità delle linee-guida per la pratica clinica. Dal marzo 1999 all ottobre 2000, responsabile della conduzione del Programma Nazionale per le Linee-guida, coordinato dalla Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali. Dal luglio 2000 al gennaio 2001 consulente per le attitià di audit clinico e quality assurance nell ambito del progetto Switzerland-World Bank Trust di assistenza tecnica al National Health Insurance Fund della Bulgaria. Dal Dicembre 2001, responsabile Area di Programma Governo Clinico, Agenzia Sanitaria Regionale Emilia-Romagna, Bologna. Dal luglio 2001, responsabile dell unità operativa Agenzia Sanitaria Regionale nell ambito del progetto biennale Definizione dei livelli essenziali di assistenza, finanziato dal Ministero della Salute. Dal marzo 2002 responsabile scientifico del progetto biennale Monitoraggio dell appropriatezza dell uso degli interventi di rivascolarizzazione coronarica, finanziato dal Ministero della Salute. Dal 2000 al 2002, partecipazione come responsabile dell Unità Operativa Agenzia Sanitaria Regionale al progetto AGREE) finanziato dalla Comunità Europea (Biomed 2 Project: PL ) Dal Gennaio 2003 al Dicembre 2005, partecipazione come responsabile dell Unità Operativa Agenzia Sanitaria Regionale al progetto A framework and tools to develop effective quality improvement programs in European Health Care, finanziato dalla Comunità Europea (Project: QLG4-CT ) Dal Settembre 2003 ad oggi, partecipazione come responsabile dell Unità Operativa Agenzia Sanitaria Regionale al progetto An intelligent support environment to improve the quality of decision processes in health communities- CARE-PATHS, finanziato dalla Comunità Europea Dal marzo 2005 responsabile scientifico del progetto biennale Valutazione della costo-efficacia della angioplastica con stent a rilascio di farmaco vs bypass aortocoronarico nei pazienti con malattia coronarica multivasala, finanziato dal Ministero della Salute. Dal febbraio 2007, membro effettivo della Commissione Nazionale per la definizione e l aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza,, su designazione della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

8 pag 8 di 27 Principali Attività Didattiche Svolte in ambito Universitario Primo Corso di Perfezionamento in: Metodologie di Valutazione e Promozione della Qualità degli Interventi Sanitari per operatori del SSN, Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Istituto di Statistica Medica e Biometria, Milano, Marzo-Ottobre Secondo Corso di Perfezionamento in: Metodologie di Valutazione e Promozione della Qualità degli Interventi Sanitari per operatori del SSN, Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Istituto di Statistica Medica e Biometria, Milano, Marzo-Ottobre Attività di docenza nell ambito del Master in Evidence based medicine e metodologia della ricerca sanitaria, realizzato dall Università degli Studi di Modena e Reggio-Emilia, anno accademico Corso di Epidemiologia per i servizi sanitari e sociosanitari nell ambito del Master in economia e gestione sanitaria e sociosanitaria, Università della Svizzera Italiana, Lugano, Gennaio, Professore a contratto presso Università degli Studi di Modena e Reggio-Emilia, insegnamento tecniche per la valutazione dei servizi sanitari, nell ambito del Master in Evidence based medicine e metodologia della ricerca sanitaria, realizzato dall Università degli Studi di Modena e Reggio-Emilia, anni accademici , , , Professore a contratto presso Università della Svizzera Italiana di Lugano (CH), insegnamento Epidemiologia per i servizi sanitari, nell ambito del Executive Master in Economia e Gestione Sanitaria, anno accademico Professore a contratto presso Università della Svizzera Italiana di Lugano (CH), insegnamento Epidemiologia per i servizi sanitari, nell ambito del Executive Master in Economia e Gestione Sanitaria, anno accademico Dal 1989 ad oggi attività di insegnamento in numerosi corsi di formazione per personale medico realizzati nell ambito di ASL ed Aziende ospedaliere Partecipazione in qualità di docente ai seguenti corsi:

9 pag 9 di 27 European Educational Programme in Epidemiology, 7th Residential Summer Course, Firenze, 27 Giugno -15 Luglio European Educational Programme in Epidemiology, 8th Residential Summer Course, Firenze, 26 Giugno -14 Luglio European Educational Programme in Epidemiology, 9th Residential Summer Course, Firenze, 24 Giugno -12 Luglio Corso Avanzato di Medicina Interna. Altavilla Milicia (Palermo), 7-10 Febbraio Management dei Servizi Sanitari e Valutazione di Qualità. Istituto Superiore di Sanità, Roma Ottobre Ricerca Clinica. Aspetti Metodologici e Regolatori. Fondazione Smith Kline, Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Perugia, Ottobre Terzo Convegno Italiano sui Sistemi di Classificazione dei Pazienti, Spoleto, Giugno 1998 Evidence-based medicine and evidence-based health care Organised by the Swiss-Bulgarian Cooperation, Sofia Novembre Accademia Nazionale di Medicina, Innovazione, Quotidianità e Controllo di Qualità in Oncologia Ginecologica, S.Margherita Ligure, Novembre Valutazione della qualità e dei costi delle tecnologie in sanità, Università Cattolica del sacro Cuore, Istituto di Igiene, Policlinico A. Gemelli, 5-9 Luglio 1999, Roma. Master in Metodologia delle Revisioni Sistematiche in Campo Medico e Sanitario, Università degli Studi di Milano, Centro Cochrane Italiano, Milano, Settembre Workshop su Valutazione della tecnologia sanitaria. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, Provincia Autonoma di Trento, Castel Ivano, Ottobre Corso di Aggiornamento obbligatorio Governo clinico e medicina basata sull evidenza: orientamenti teorici e strumenti operativi, AUSL Piacenza, 10 Ottobre e 17 Dicembre Workshop Valutazione della Tecnologia Sanitaria. La Stesura di un rapporto di technology assessment, Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento, Università degli Studi di Trento, Castel Ivano (Trento),10-11 Ottobre Appartenenza ad Associazioni e Società Scientifiche

10 pag 10 di 27 International Society for Technology Assessment in Health Care (ISTAHC) Associazione per la Ricerca sulla Efficacia dell Assistenza Sanitaria - Centro Cochrane Italiano (AREAS-CCI). Socio fondatore (gennaio 2007) della Società Italiana di Technology Assessment

11 pag 11 di 27 Attività di revisore svolta per le seguenti riviste scientifiche italiane e straniere International Journal of Technology Assessment in Health Care Journal of the American Medical Association Social Science and Medicine Epidemiologia e Prevenzione Politiche Sanitarie Attività di direzione le seguenti riviste scientifiche Dal gennaio 2008, co-direttore della rivista Politiche Sanitarie. Principali relazioni presentate su invito ai seguenti congressi nazionali ed internazionali Trends in patterns of care for breast cancer in Italy ( ). The Netherland Institute of Primary Health Care (NIVEL), University of Utrecht, European Meeting on Health Services Research, Ede (Olanda), 18 Dicembre 1989 Il Progetto Oncologia Femminile. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova, Lega Italiana Lotta Contro i Tumori, Fondazione Pascale per lo Studio e la Cura dei Tumori, Migrazioni Sanitarie e Tumori, Napoli, 7-8 giugno 1991 Le linee-guida per la pratica clinica. Associazione Italiana di Epidemiologia, Qualità ed Efficacia degli Interventi Sanitari, Bologna, Maggio, 1993 Produrre ed implementare linee-guida. Istituto di Ricerca e Formazione per la Gestione medico Ospedaliera (IRFoGeMeO), Le Linee-Guida in Ospedale, Torino, Novembre, 1994 Valutazione di efficacia degli interventi finalizzati al miglioramento della prescrizione. Ospedale Niguarda Ca Granda, Il Buon Uso dei Farmaci, Milano Novembre L impatto dei clinical trails sulla pratica clinica in oncologia. Associazione Italiana di Oncologia Medica, La Qualità in Oncologia, Latina, 5-6 Marzo, 1995 The Italian Consensus Conference on breast cancer follow-up. Società Internazionale per la Valutazione delle Tecnologie Sanitarie (ISTAHC), Stoccolma (Svezia), Giugno Interpreting research information for health practitioners NHS Research and Development Programme, Scientific Basis of Health Services, Londra (Gran Bretagna), Ottobre 1995.

12 pag 12 di 27 Fattori che influenzano l adesione alle linee-guida. Azienda USSL 39 Milano. Utilizzare le linee-guida per migliorare la qualità dell assistenza in medicina generale: è possibile?, Febbraio 1995.

13 pag 13 di 27 Evidence-based policy making. In che misura è possibile? Associazione Italiana di Epidemiologia, Metodi per l Epidemiologia, Roma, Maggio, 1996 La valutazione di costo-efficacia dei programmi di screening in oncologia. Conferenza Nazionale sui Programmi di Prevenzione Oncologica in Italia, La Prevenzione dei Tumori Femminili: Prospettive per gli Anni 2000, Roma, 14 Giugno Improving the uptake of research information in clinical practice. International Society for Technology Assessment in Health Care (ISTAHC), San Francisco (USA), Giugno Research evidence in the real world: from providing recommendations to developing policies. The Royal College of Physicians and Surgeons of Canada 1996 Annual Meeting, Symposium on The cultural context of evidence-based medicine and its relevance to oncology practice guidelines, Halifax, Nova Scotia, September I rapporti tra evidence-based medicine e linee-guida. II Riunione Annuale Network Cochrane Italiano, Evidenze Scientifiche e Attività dei Servizi Sanitari, Bologna Ottobre Valutazione metodologica ed analisi critica degli studi clinici controllati in tema di nutrizione artificiale Società Italiana di Nutrizione Parenterale ed Enterale, Riunione Nazionale Monotematica Studi Clinici Controllati in Nutrizione Artificiale, Pisa 7-8 Novembre Come modificare la pratica clinica. La Cochrane Collaboration on Effective Professional Practice. Primo Incontro Svizzero sulla Evidence-Based Medicine. Lugano, 5 Dicembre Patient preferences will naturally be considered and satisfied. 2 nd International Conference Scientific Basis of Health Services, Amsterdam, 5-8 Ottobre Le Linee-guida nell era della medicina basata sulle prove di efficacia: problemi e prospettive. Convegno Annuale Associazione Italiana di Epidemiologia Trieste, 9-11 Aprile Definizioni, obiettivi, potenzialità e rischi delle linee-guida. Convegno su Implicazioni professionali, medico legali e sociale delle linee - guida cliniche, Perugia, 27 Marzo The media and priority setting Second International Conference on Priority Setting in Health Care, BMA-BMJ, Londra, 8-10 Ottobre Evidence-based medicine and the point of view of the patient

14 pag 14 di 27 Europe Blanche XX, Vienna, Ottobre The Italian experience in quality of care evaluation Satellite meeting Practice guidelines. Beyond the usual methodological issues reflections on applicability and sustainability XV International Scientific Meeting of the International Epidemiological Society, Florence, 31 Aug-4 Sept Will evidence-based medicine principles make research information less vulnerable? 3 rd International Conference Scientific Basis of Health Services, Toronto, 1-3 Ottobre Putting evaluation into practice: how can research be part of the policy process? International Workshop on The evaluation of health interventions in the European Union, Catholic University of the Sacred Heart, Rome, 28 January The impact of mass media on health services utilization. Bertzelium Sympium 15, Stockholm, Sweden, Sept 1-2, Why measure quality of care?. Conference on Quality of Health Care. Lessons from the Evidence, organized by the Norwegian Centre for Health Technology Assessment, Oslo, Norway, March 29-30, Dalle linee-guida al governo clinico. Convegno Politiche e Strategie per una Sanità di Qualità, organizzato da Ordine Mauriziano di Torino, Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena. Torino, 6-7 Giugno Linee-guida nell era dell assistenza basata su prove di efficacia. II Forum Internazionale di EBN. MosanEcosalute 2001, IPASVI, 5 Ottobre 2001, Milano. Le linee-guida nell era del federalismo VI Riunione Annuale Network Cochrane Italiano, Napoli 19 Ottobre Dalle linee-guida al governo clinico. XI Convegno Nazionale di Neuroepidemiologia, Associazione Italiana di Neuroepidemiologia, Baveno (VB) Marzo La qualità dell assistenza in Emilia-Romagna Convegno La qualità in cardiologia e cardiochirurgia. Agenzia Sanitaria Regionale, Bologna, Settembre, L audit clinico delle lesioni da decubito in ospedale Convegno Verso l accreditamento: Nuove strategie e nuovi servizi per la qualità dell assistenza agli anziani. Agenzia sanitaria Regionale, Bologna 3-4 Febbraio, 2003.

15 pag 15 di 27 L evoluzione degli stili assistenziali clinici come induttore di processi di razionalizzazione dell offerta di posti letto ospedalieri. Convegno Devoluzione e differenziali regionali di offerta di servizi sanitari: l imaptto dei processi di razionalizzazione della rete ospedaliera. Accademia Nazionale di Medicina, Bari 7-8 Marzo Garanzie per la qualità dell assistenza in un ottica di razionalizzazione delle risorse Convegno Tutela della Salute: responsabilità ed impegno istituzionale del Collegio IPASVI Milano-Lodi, Milano, 15 Maggio, Quale modello per il governo clinico dell innovazione tecnologica Convegno Ricerca Clinica e Farmacologia, Innovazione Tecnologica e Qualità dell Assistenza. Comitati Etici ed Amministratori Sanitari a Confronto, Bologna, Maggio, Criteri di priorità per le liste di attesa: un progetto regionale Convegno Per una qualità condivisa dei servizi, Assessorato alla sanità, Regione Emilia-Romagna, Bologna, Maggio, Linee-guida: una nuova politica sanitaria Convegno Linee-guida in Oncologia: raccomandazioni di buona pratica clinica o nuova politica assistenziale?, Ferrara, 14 Ottobre Gli interventi di formazione continua: cosa sappiamo della loro efficacia e quali sono i limiti delle informazioni disponibili? Convegno L educazione medica continua (ECM): i modelli e la loro efficacia a confronto, VIII Riunione Annuale Network Cochrane Italiano, Bologna, Novembre L audit clinico come strumento ponte tra formazione ed assistenza. Convegno Formazione, Assistenza e Ricerca. Integrare per migliorare, Università degli Studi di Bologna, A.O. S. Orsola Malpighi, Bologna Dicembre What do we know about the effect of the media on consumer behaviour?. Convegno Evidence based health care and the Cochrane Collaboration, Centro Cochrane Italiano, Istituto Mario Negri, Milano, 27 Febbraio Uso degli indicatori di performance in ambito sanitario: luci ed ombre. Convegno Salute materna e infantile, Università di Bologna, Aprile 2005, Bologna. Indicatori di qualità nella rete ospedaliera della Regione Emilia-Romagna Convegno L evoluzione della risposta all emergenza intra-ospedaliera Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna, 14 Maggio 2005, Bologna. Cosa è e cosa non è il governo clinico. Seminario La gestione del rischio in medicina, CGIL Funzione Pubblica Sicilia, Messina, Settembre Governo Clinico: Quale nnovazione?. IX Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica, Società Italiana di Igiene e Medicina Preventiva, Parma Ottobre, 2005.

16 pag 16 di 27 L appropriatezza clinica: come applicare i risultati della ricerca in ambito clinico Convegno Fare le cose : l appropriatezza in medicina riabilitativa, Ferrara dicembre L arte del costruire su aree sismiche: il governo dell innovazione in sanità. I Forum Italiano per la Valutazione delle Tecnologie Sanitarie, Trento, gennaio Il governo clinico nelle aziende sanitarie. Le scelte dell Emilia-Romagna. Convegno Governo Clinico: la via toscana all equilibrio decisionale, Consiglio Sanitario Regionale della Toscana, Firenze, 5 maggio Knowledge, attitude and practice: le caratteristiche di un programma di successo. Convegno II Congresso Nazionale Società Italiana Multidisciplinare per la Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere SIMPIOS, Riccione, Maggio 2006.

17 pag 17 di 27 Produzione Scientifica Articoli Scientifici al Luglio Vignali L, Saia F, Manari A, Santarelli A, Rubboli A, Varani E, Piovaccari G, Menozzi A, Percoco G, Benassi A, Rusticali G, Marzaroli P, Guastaroba P, Grilli R, Maresta A, Marzocchi A. Long-term outcomes with drug-eluting stents versus bare metal stents in the treatment of saphenous vein graft disease: results from the REAL (REgistro Regionale AngiopLastiche Emilia- Romagna) Registry. American Journal of Cardiology in press 136 Di Tanna GL, Berti E, Stivanello E, Cademartiri F, Achenbach S, Camerlingo M, Grilli R. The value of scientific lieterature on multislice computer tomography: a systematic review. International Journal of Cardiology in press 135 Ortolani P, Balducelli M, Marzaroli P, Piovaccari G, Menozzi Al Guiducci V, Sangiorgio P, Tarantino F, Geraci G, Castriota F, Tondi S, Saia F, Cooke RMT, Guastaroba P, Grilli R, Marzocchi A, Maresta A. Two-Year Clinical Outcomes With Drug- Eluting Stents for Diabetic Patients With De Novo Coronary Lesions. Results From a Real-World Multicenter Registry. Circulation 2008;CIRCULATIONAHA. 134 Varani E, Saia F, Balducelli M, Guastaroba P, Marrozzini C, Tarantino F, Passerini F, Sangiorgio P, Percoco G, Grilli R, Marzocchi A, and Maresta A. Percutaneous treatment of multivessel coronary disesae in the drug eluting stent era: comparison of bare-metal stents, drug eluting stents and a mixed approach in a large multicentre registry. EuroInterv 2(474), Ortolani P, Marzocchi A, Marrozzini C, Palmerini T, Saia F, Aquilina M, Baldazzi F, Silenzi S, Taglieri N, Grosseto D, Bacchi-Reggiani ML, Guastaroba P, Grilli R, Branzi A. Clinical comparison of "normal-hours" vs "off-hours" percutaneous coronary interventions for ST-elevation myocardial infarction. Am.Heart J 2007;154: Ortolani P, Marzocchi A, Marrozzini C, Palmerini T, Saia F, Taglieri N et al. Predictive value of high sensitivity C-reactive protein in patients with ST-elevation myocardial infarction treated with percutaneous coronary intervention. Eur.Heart J Ortolani P, Marzocchi A, Marrozzini C, Palmerini T, Saia F, Baldazzi F, Silenzi S, Taglieri N, Bacchi-Reggiani ML, Gordini G, Guastaroba P, Grilli R, Branzi A. Usefulness of prehospital triage in patients with cardiogenic shock complicating STelevation myocardial infarction treated with primary percutaneous coronary intervention. Am.J Cardiol. 2007;100: Marzocchi A, Saia F, Piovaccari G, Manari A, Aurier E, Benassi A, Cremonesi A, Percoco G, Varani E, Magnavacchi P, Guastaroba P, Grilli R, Maresta A. Long-Term Safety and Efficacy of Drug-Eluting Stents. Two-Year Results of the REAL (REgistro AngiopLastiche dell'emilia Romagna) Multicenter Registry. Circulation 2007;115: Grilli R, Guastaroba P, Taroni F. Effect of hospital ownership status and payment structure on the adoption and use of drug-eluting stents for percutaneous coronary interventions. Canadian Medical Association Journal 2007;176: Casolari L, Antonazzo E, Fiorentini G, Grilli R. Valutazione di impatto di linee-guida per l'accesso alle prestazioni di eco(color)doppler: l'esperienza della regione Emilia-Romagna. Politiche Sanitarie 8(3), Ballini L, Grilli R. Practice guidelines by specialist societies: a jump back into the past? International Journal of Clinical Practice 61(7), Stivanello E, Grilli R. Improving the quality of health care through practice guidelines: to what extent systematic reviews support health policy? Italian Journal of Public Health 4(3), Saia F, Piovaccari G, Manari A, Santarelli A, Benassi A, Aurier E, Sangiorgio P, Tarantino F, Geraci G, Vecchi G, Guastaroba P, Grilli R, Marzocchi A. Clinical outcomes for sirolimus-eluting stent and polymer-coated paclitaxel-eluting stent in daily practice. Results from a large multicenter registry. Journal of the American College of Cardiology 48(7), Grilli R, Guastaroba P, Taroni F. Diffusion and impact of drug eluting stents for percutaneous coronary interventions: Effect of hospitals' ownership and payment system. Canadian Medical Association Journal Grilli R. Come governare l'innovazione in sanità? Recenti Progressi in Medicina 97(11), Fortuna D, Vizioli M, Contini A., Guidoni I, Biagi B, Pacini D, Carnelos G, and Grilli R. Assessing clinical performance in cardiac surgery. Does a specialised clinical database make a difference? Interactive Cardiovascular and Thoracic Surgery

18 pag 18 di Di Tanna GL, Cisbani L, Grilli R. Segnalare ai cittadini la qualità degli ospedali: il rischio della cattiva informazione. Epidemiologia e Prevenzione 30(3), Fiorini M, Guastaroba P, Taroni F, and Grilli R. Impatto di diverse politiche di adozione nella pratica clinica degli stent a rilascio di farmaco. Politiche Sanitarie 6(4), Grilli R and Taroni F. Managing the introduction of expensive medical procedures: use of a registry. Journal of Health Services Research and Policy 11(2), Marzocchi A, Piovaccari G, Manari A, Aurier E, Benassi A, Saia F, Casella G, Varani E, Santarelli A, Guastaroba P, Grilli R, Maresta A. Comparison of effectiveness of sirolimus-eluting stents vs bare metal stents for percutaneous coronary intervention in patient at high risk for coronary restenosis or clinical adverse events. American Journal of Cardiology 95, Grilli R. Gli strumenti del governo della domanda. Salute e Territorio 143, Grilli R, Taroni F. An empirical assessment of the impact of drug eluting stents on the rate of use of revascularization procedures. International Journal of Technology Assessment in Health Care 20, Cisbani L, Fortuna D, Grilli R. L'uso delle carte di controllo. Salute e Territorio 144(Maggio-Giugno), Fantini MP, Negro A, Accorsi S, Cisbani L, Taroni F, Grilli R. Development and assessment of a priority score for cataract surgery. Can.J Ophthalmol. 2004;39: Ramsay CR, Matowe L, Grilli R, Grimshaw JM, and Ruth ET. Interrupted time series design in implementation research: lessons from two systematic reviews of behaviour change strategies. International Journal of Technology Assessment in Health Care 19(4), Nobilio L, Cisbani L, and Grilli R. Perchè in sanità "piccolo non è bello"? La relazione volumi di attività-risultati clinici ed i suoi aspetti problematici. QA in press. 111 Nobilio L, Fortuna D, Vizioli M, Berti E, Guastaroba P, Taroni F, Grilli R. Impact of regionalisation of cardiac surgery in Emilia-Romagna, Italy. J Epidemiol.Community Health 2004;58: Grimshaw J, McAuley L, Alderson P, Bero L, Grilli R, Oxman A, Ramsay C, Vale L, and Zwarenstein M. Systematic reviews of the effectiveness of quality improvement strategies and programs. Quality and Safety in Health Care 12, Nobilio L, Fortuna D, Vizioli M, Berti E, Guastaroba P, Taroni F, and Grilli R. Competizione o cooperazione? Impatto del modello hub&spoke nella cardiochirurgia dell'emilia-romagna. MECOSAN 47, Grilli R and Taroni F. An empirical assessment of the impact of drug eluting stents on the rate of use of revascularization procedures. International Journal of Technology Assessment in Health Care 20(1), Fantini MP, Negro A, Accorsi S, Cisbani L, Taroni F, and Grilli R. E' possibile ridurre le liste di attesa senza aumentare la capacità produttiva? Valutazione di impatto di uno score clinico di priorità per la gestione degli accessi alla chirurgia della cataratta. Politiche Sanitarie 4(1), Berti E and Grilli R. Practice guidelines and clinical governance: do the means match with the end? A quality appraisal of local practice guidelines. Clinical Governance: An International Journal 8(4), Barazzoni F, Grilli R, Amicosante AMV, Brescianini S, Marca M, Baggi M, Biegger P, Renella R. Impact of end users involvement in implementing guidelines on preoperative routine tests. Int.J Qual.Health Care 14[4], Berti E, Grilli R. Linee-guida e governo clinico: come riconciliare il mezzo con il fine? Politiche Sanitarie 2002; 2: Cisbani L, Berti E, Tassinari C, Giovannelli N, Vizioli M, Grilli R. Imparare dall'esperienza. Applicazione delle tecniche delle carte di controllo al monitoraggio degli esiti in cardiologia. Italian Heart Journal Suppl 3[4], Henshall C, Koch P, von Below GC, Boer A, Conde-Olasagasti JL, Dillon A, Gibis B, Grilli R, Hardy C, Liaropoulos L, Martin-Moreno JM, Roine R, Schersten T. Health Technology Assessment in policy and practice. Int J Technol Assess Health Care 2002; 18: Melotti RM, Fortuna D, Chiari P, Cavicchioli A, Mongardi M, Santullo A, Grilli R. Prevalenza e modalità di prevenzione e trattamento delle lesioni da decubito. Uno studio della Regione Emilia-Romagna. Epidemiogia e Prevenzione 2003;27: The AGREE Collaboration. Development and validation of an international appraisal instrument for assessing the quality of clinical practice guidelines: the AGREE project. Quality and Safety in Health Care 12,

19 pag 19 di Grilli R. Un rapporto da ricostruire con la comunicazione. Ricerca Roche [Settembre 2001], Grilli R, Donatini A, Taroni F. Health care reform and disease management in Italy. Promoting the effectiveness and appropriateness of health service use. Disease Management & Health Outcomes 2001; 9: Grilli R. Specialization and cancer. Words with too many meanings should be handled with care. Can Med Assoc J 2001; 164: Grimshaw J, Shirran L, Thomas R, Mowatt G, Fraser C, Bero L, Grilli R, Harvey E, Oxman A, O'Brien MA. Changing provider behaviour: an overview of systematic reviews of interventions. Medical Care 2001; 39 Suppl 2:II-2-II Liberati A, Buzzetti R, Grilli R, Magrini N, Minozzi S. Which guidelines can we trust? Western Journal of Medicine 2001; 174: The Appraisal of Guidelines, Research, and Evaluation in Europe (AGREE) Collaborative Group. Guideline development in Europe. Int J Technol Assess in Health Care, 2000;16: Domenighetti G, Grilli R, Maggi JR. Does provision of an evidence-based information change public willingness to accept screening tests? Health Expectations 2000; 3: Domenighetti G, Grilli R, Guillod O, Gutzwiller F, Quaglia J. Usage personnel de tratiques relevant des medicines douces ou altrenatives parmi les medicins suisses. Med Hyg 2000; 58: Grilli R. Il Programma Nazionale per le Linee-guida. Effective Health Care (edizione italiana) 2000; Grilli R. Verso l'efficacia e l'appropriatezza clinica: il programma nazionale per le linee-guida. Epidemiogia e Prevenzione 2000; 24: Grilli R, Taroni F. Linee-guida: alcuni principi del Programma Nazionale. Recenti Prog Med 2000; 91: Grilli R, Magrini N, Penna A, Mura G, Liberati A. Practice guidelines developed by specialty societies: the need for a critical appraisal. Lancet 2000; 355(9198): Taroni F, Grilli R. E' possibile un governo clinico delle aziende sanitarie? Politiche Sanitarie 2000; 1: Grilli R. L elaborazione di linee-guida per la pratica clinica. Salute e Territorio, 1999;112/113: Barazzoni F, Beffa D, Grilli R, Bianchi P. Codage des maladies et des interventions chirurgicales: un project pilote sur le controle de qualité. Bollettino dei Medici Svizzeri 1999; 80: Barazzoni F, Grilli R, Baggi M, Biegger P, Renella R. Valutazione dell impatto di linee-guida per la razionalizzazione della prescrizione degli esami preoperatori a pazienti ASA 1 e 2 sottoposti a chirurgia elettiva]. Epidemiol Prev 1999; 23(1): Dominici P, Bellentani S, Di Biase AR, Saccoccio G, Le Rose A, Masutti F, Viola L, Balli F, Tiribelli C, Grilli R, Fusillo M, Grossi E. Familial clustering of Helicobacter pylori infection: population based study. BMJ 1999; 319: Fossati R, Mosconi P, Torri V, Grilli R, Telaro E, Rojas P, Liberati A. Follow-up nei tumori della mammella dopo trattamento curativo. Osp Ital Chir 1999; 5: Grilli R. Alcuni spunti per una riflessione su principi e strumenti per il governo della pratica clinica. Forum Trends in Experimental and Clinical Medicine 1999; 9.3 suppl 5: Grilli R, Trisolini R, Labianca R, Zola P. Come sono cambiate le opinioni degli oncology medici nei confronti delle lineeguida? Confronto tra i risultati di due studi condotti nel 1993 e Epidemiol Prev 1999; 23(1): Grilli R. Media have key role in shaping use of health services [letter]. BMJ 1999; 319(7212): Grilli R, Trisolini R, Labianca R, Zola P. Evolution of physicians' attitudes towards practice guidelines. J Health Serv Res Policy 1999; 4(4): Beghi E, Citterio A, Cornelio F, Filippini G, Grilli R, Liberati A. Practice guidelines: a more rational approach to diagnosis and treatment and a more effective use of health care resources. Ital J Neurol Sci 1998; 19: Bero L, Grilli R, Grimshaw JM, Harvey E, Oxman AD, Thomson MA. Closing the gap between research and practice: an overview of systematic reviews of interventions to promote the implementation of research findings. BMJ 1998; 317:

20 pag 20 di Bona M, Santini F, Rivolta G, Grossi E, Grilli R. Cost effectiveness of screening for subclinical hypothyroidism in the elderly. A decision-analytical model. Pharmacoeconomics 1998; 14(2): Domenighetti G, Grilli R, Liberati A. Promoting consumers' demand for evidence-based medicine. Int J Technol Assess Health Care 1998; 14(1): Grilli R, Freemantle N, Minozzi S, Domenighetti G, Finer D. L'effetto dei mass media sull'uso dei servizi sanitari. Una revisione sistematica della letteratura. Epidemiologia e Prevenzione 1998; 22: Grilli R. Le linee-guida come politiche assistenziali condivise. Epidemiologia e Prevenzione 1998; 22: Grilli R. Poco ossigeno per l'iperbarica. Occhio Clinico 1998; 1: Grilli R., Minozzi S, Tinazzi A, Labianca R, Sheldon TA, Liberati A. Do specialists do it better? The impact of specialization on the processes and outcomes of care for cancer patients. Ann Oncol 1998; 9(4): Penna A, Grilli R, Liberati A. L'esperienza francese di produzione di linee-guida e le References Medicales Opposables. ASI 1998;(25): Zaniboni A, Labianca R, Marsoni S, Torri V, Mosconi P, Grilli R, Apolone G, Cifani S, Tinazzi A. GIVIO-SITAC 01: A randomized trial of adjuvant 5-fluorouracil and folinic acid administered to patients with colon carcinoma--long term results and evaluation of the indicators of health-related quality of life. Gruppo Italiano Valutazione Interventi in Oncologia. Studio Italiano Terapia Adiuvante Colon. Cancer 1998; 82(11): Granados A, Jonsson E, Banta HD, Bero L, Bonair A, Cochet C, Freemantle N, Grilli R, Grimshaw J, Harvey E, Levi R, Marshall D, Oxman A, Pasart L, Raisanen V, Rius E, Espinas JA. EUR-ASSESS Project Subgroup Report on Dissemination and Impact. Int J Technol Assess Health Care 1997; 13(2): Grilli R. A cosa servono le linee-guida? Spunti per una riflessione su alcune delle tensioni che attraversano la medicina. Epidemiologia e Prevenzione 1997; 21: Grilli R. La promozione dell'uso delle linee-guida nelle aziende sanitarie. ASI, Agenzia Sanitaria Italiana 1997; 29, Settembre 1997: Liberati A, Grilli R, Mura G, Penna A, Telaro E. Le nuove competenze del medico-clinico. Pertinenze ed utilità delle informazioni scientifiche per la produzione di linee-guida. Forum 1997; 7 (suppl 3): Minozzi S, Grilli R. Revisione sistematica degli studi sulla efficacia degli interventi di prevenzione primaria dell'abuso di alcool fra gli adolescenti. Epidemiologia e Prevenzione 1997; 21: Penna A., Grilli R., Filardo G., Mainini F., Zola P., Liberati A. Do different panels reach similar conclusions? An assessment of the reliability of the RAND appropriateness methodology. Eur J Public Health 1997; 7: Sowden A, Aletras V, Place M, Rice N, Eastwood A, Grilli R, Ferguson B, Posnett J, Sheldon T. Volume of clinical activity in hospitals and healthcare outcomes, costs, and patient access. Qual Health Care 1997; 6(2): Ferguson B, Rice N, Sykes D, Aletras V, Eastwood A, Sheldon T, Sowden A, Place M, Posnett J, Grilli R. Hospital volume and health care outcomes, costs and patient access. Effective Health Care 1996; 2 (8). 59 Fossati R, Penna A, Grilli R, Liberati A. Follow-up delle pazienti operate: quale atteggiamento? L'Ospedale Maggiore 1996; 90: Grilli R, et al. The management of primary breast cancer. Effective Health Care 1996; Grilli R. Developing recommendations to promote the uptake of research information in clinical practice. Therapie 1996; 51(3): Grilli R, Penna A, Zola P, Liberati A. Physicians' view of practice guidelines. A survey of Italian physicians. Soc Sci Med 1996; 43(8): Melville A, Liberati A, Grilli R, Sheldon T. Management of primary breast cancer. Qual Health Care 1996; 5(4): Boccardo F., Bruzzi P., Cionini L., Confalonieri C., Fossati R., Gion M., Giuseppetti G.M., Paradiso A., Parma E., Racanelli A., Rosselli Del Turco M., Saccozzi R., Sinistrero G., Zola P., Filardo G., Grilli R. Appropriateness of the use of clinical and instrumental examinations and laboratory tests in the follow-up of surgically treated breast cancer patients. Results presented by the Working Group on the Clinical Aspects of Follow-up. Annals of Oncology 1995; 6 (suppl 2):S57-S Freemantle N, Grilli R, Grimshaw J, Oxman A. Implementing findings of medical research: the Cochrane Collaboration on

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

2 GOVERNO CLINICO E LINEE-GUIDA

2 GOVERNO CLINICO E LINEE-GUIDA 2 GOVERNO CLINICO E LINEE-GUIDA Elena Berti, Loretta Casolari, Roberto Grilli Secondo la definizione oggi più comunemente accettata, 1 il termine lineeguida indica raccomandazioni di comportamento clinico,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Sistema nazionale per le linee guida. manuale. metodologico. Come organizzare una conferenza di consenso

Sistema nazionale per le linee guida. manuale. metodologico. Come organizzare una conferenza di consenso Sistema nazionale per le linee guida manuale metodologico Come organizzare una conferenza di consenso Redazione Raffaella Daghini, Zadig, Milano Impaginazione Luisa Goglio Il presente documento è stato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Master in Hospital Risk Management

Master in Hospital Risk Management Master in Hospital Risk Management XII Edizione (2014-2015) in memoria di Leonardo la Pietra con il patrocinio di* SIC SIOT * i patrocini sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari Il master è rivolto

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna Come scrivere un articolo scientifico Con il termine "rassegna" si intende una sintesi critica dei lavori pubblicati su uno specifico argomento. Essa, pertanto, va incontro ad una esigenza particolarmente

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 1 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA Ufficio III ex DG.PROG. Manuale di formazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Manuale di formazione per il governo clinico: Appropriatezza

Manuale di formazione per il governo clinico: Appropriatezza DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA Ufficio III ex D.G.PROGS Manuale di formazione per il governo clinico:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate L EBM e le risorse bibliografiche Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate Evidence Based Medicine (EBM) Per poter comprendere la necessità della consultazione di articoli

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli