IL TUMORE DELLA MAMMELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TUMORE DELLA MAMMELLA"

Transcript

1 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia IL TUMORE DELLA MAMMELLA Epidemiologia Il tumore della mammella è la neoplasia di gran lunga più frequente tra le donne nel mondo, in particolare nei paesi industrializzati, rappresentando più del 20% del complesso delle diagnosi tumorali. I tassi di incidenza più elevati si osservano in Nord America, Australia, Nuova Zelanda ed Europa Nord-Occidentale. Per contro, il rischio di insorgenza di tumore mammario è molto basso in Asia ed Africa. 15 (Figura 1) Figura 1 Confronti internazionali di incidenza. Tassi standardizzati sulla popolazione mondiale (per ) In Europa è noto un gradiente Nord-Sud: l incidenza è più elevata nei paesi nordici, come Islanda, Svezia, Finlandia, Danimarca e Gran Bretagna, ed è più bassa nel bacino mediterraneo, come in Spagna e Grecia. La Svizzera con i suoi 5300 nuovi casi anno si colloca nella media Europea (Figura 2). 1

2 Figura 2 Confronti europei di incidenza. Tassi standardizzati sulla popolazione mondiale (per ) In Ticino ogni anno circa 250 donne ammalano di tumore mammario, dato che espresso in termini di tasso di incidenza standardizzato sulla popolazione europea è pari a 115 casi ogni abitanti (periodo di riferimento ). Dal confronto dei tassi di incidenza con alcuni Registri Tumori di zone limitrofe, si osserva che il Ticino si colloca ad un livello inferiore rispetto alla realtà ginevrina, ma in media rispetto al dato nazionale e a quello italiano. 1, 2 (Figura 3). Figura 3 Confronti di incidenza con alcuni Registri Tumori di zone limitrofe. Tassi standardizzati sulla popolazione europea (per ) Donne 2

3 I trend di incidenza evidenziano in Ticino, come nel resto della Svizzera e negli altri paesi occidentali, un andamento crescente. 2 Tale scenario può essere in parte spiegato dal vero aumento del rischio di insorgenza di tumori della mammella nella popolazione; tuttavia, è anche il risultato dell'anticipazione diagnostica dei tumori trovati prima grazie alla maggiore sensibilità degli strumenti diagnostici, o segnalati prima (e con maggior frequenza) dalle persone in conseguenza della loro accresciuta attenzione alla propria e altrui salute (screening spontaneo). (Figura 4A) Figura 4A Trend di incidenza in Ticino e Svizzera. Tassi standardizzati sulla popolazione europea (per 100,000) Se si considera l andamento dei tassi di incidenza specifici per classi d età, spicca il dato delle donne tra i 50 e i 69 anni, popolazione target dello screening mammografico. (Figura 4B) Figura 4B Trend di incidenza per classi d età in Ticino e Svizzera. Tassi specifici per età (per 100,000) A differenza dei trend di incidenza che sono in aumento, i tassi di mortalità in Ticino e in Svizzera sono in diminuzione (Figura 5). Questo scenario è confermato anche quando si considerano le diverse classi d età (dato del solo Ticino). 3

4 Figura 5 Trend di mortalità in Ticino e Svizzera. Tassi standardizzati sulla popolazione mondiale (per ) Un ultimo aspetto non meno importante è rappresentato dai dati di sopravvivenza. Nonostante l elevato rischio di insorgenza, i tumori della mammella sono caratterizzati da una buona prognosi, con livelli di sopravvivenza che superano l'80% a 5 anni dalla diagnosi. La Figura 6 mostra la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi dei casi diagnosticati in Europa dall inizio degli anni 80 all inizio degli anni 90: il trend è ovunque in aumento, a conferma degli importanti progressi dei metodi di cura e diagnosi (per immagini, chirurgici e di anatomo - patologia) e della diffusione dei programmi di screening che si sono realizzati negli ultimi decenni. Tale aumento è più evidente nell Europa Nord-Occidentale rispetto all Europa dell Est, dove si osservano i livelli più bassi. 7 Figura 6 Trend di sopravvivenza in Europa. Sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi (%) EUROCARE 3 Study 4

5 Il Registro Tumori ha collaborato con l'associazione Svizzera Registri Tumori (ASRT) alla conduzione di uno studio ad hoc sulla sopravvivenza di circa casi di tumore al seno diagnosticati in Svizzera tra il 1988 e il La casistica ticinese comprendeva 626 casi di carcinoma mammario relativi al periodo Dall analisi è emerso che in Ticino circa la metà dei casi è diagnosticata quando le dimensioni del tumore sono inferiori o uguali a 2 cm (pt1), dato che è nettamente superiore rispetto alla media nazionale (49.7% vs 43.0%); per contro, la percentuale di carcinomi di grandi dimensioni, ben oltre i 5 cm (pt4), è di poco inferiore alla media nazionale (9.6% vs 10%). Questi risultati si traducono in una proporzione di sopravviventi a 5 anni dalla diagnosi pari all'84%, raggiungendo il 90% nel gruppo delle donne tra 45 e 54 anni, dati in linea con i Registri Tumori di Ginevra e Basilea e superiori a quelli ottenuti nel resto della Svizzera. Sulla base di tali differenze intercantonali è stato avviato alla fine del 2006 un secondo studio molto più dettagliato con lo scopo di valutare la relazione tra i risultati di sopravvivenza e l offerta sanitaria rivolta alla popolazione di riferimento. Il progetto è finanziato da parte di OncoSuisse e della Lega Cancro Svizzera. 5

6 Eziologia Le cause precise dell insorgenza del carcinoma della mammella non sono ancora note. Si conosce, invece, una serie di cosiddetti fattori di rischio, in presenza dei quali aumentano le probabilità di insorgenza di tali neoplasie. 26, 48, 67, 69 Oltre all età che rappresenta, come nella maggioranza dei tumori, il fattore di rischio più importante (l 80% dei tumori del seno colpisce donne con età superiore ai 50 anni), qui di seguito sono riportati i principali fattori di rischio, schematizzati anche in Figura 7. Fattori riproduttivi ed ormonali Numerosi studi hanno mostrato una relazione tra i fattori riproduttivi e il rischio di insorgenza di tumore mammario. In particolare, il rischio aumenta con il decremento dell età al primo menarca, con l aumento dell età alla prima gravidanza portata a termine, con il decremento del numero di figli e con l aumento dell età alla menopausa. 6, 22 Un ruolo protettivo è, invece, rappresentato dall allattamento: anche se l associazione non è forte, sembra ridurre il rischio di insorgenza di tumori mammari. Un ulteriore aspetto importante da esaminare è il ruolo dei contraccettivi orali: da alcuni studi è emerso che il loro uso passato e prolungato (più di 10 anni) in età molto giovani sembra aumentare il rischio di carcinoma mammario nel periodo post-menopausa. 71 Tuttavia, è noto che entro i 10 anni successivi al momento della cessazione, il rischio sembra essere simile rispetto a quello delle donne che non ne hanno mai fatto uso. 30 Infine, come dimostrato in numerosi studi di coorte e caso-controllo, anche la terapia ormonale sostitutiva post-menopausa per periodi superiori o uguali a 5 anni è correlata ad un lieve aumento del rischio di tumore mammario. Per contro, non sono disponibili sufficienti dati per valutare l effetto della dose e del tipo di composizione dei farmaci assunti nella variazione del rischio. 30 Fattori dietetici Le donne che hanno seguito una dieta di tipo occidentale (in particolare in relazione alle neoplasie post-menopausali), presentano un rischio maggiore di tumore mammario. I grassi saturi (contenuti in prevalenza nelle carni rosse o nel burro) ne sarebbero infatti i principali responsabili. Per contro, le fibre (contenute nei vegetali e nei cereali non raffinati) hanno una funzione protettiva in quanto riducono il riassorbimento intestinale degli estrogeni. Tuttavia l associazione tra il rischio e la dieta 10, 49, sembra essere piuttosto debole. Infine, anche l obesità dopo la menopausa rappresenta un fattore di rischio importante dei tumori mammari (RR ), oltre alle note conseguenze sul sistema cardio-vascolare. 26 Fattori antropometrici Numerosi fattori antropometrici possono avere un ruolo importante nel rischio di tumore mammario. L aumento dell altezza è associato ad un aumento del rischio sia prima sia dopo la menopausa. L aumento del peso (misurato dall indice di massa corporea - BMI) diminuisce il rischio prima della menopausa, ma lo aumenta dopo la menopausa. 20 Fattori familiari e predisposizione genetica Le donne con una storia familiare di tumore mammario hanno un rischio maggiore di ammalarsi. Sulla base di 52 studi epidemiologici è emerso che avere un parente di primo grado (madre, sorella, figlia) con carcinoma mammario aumenta il rischio di circa l 80%, averne due di primo grado aumenta il rischio di circa tre volte; in caso di 3 o più parenti di primo grado con carcinoma mammario il rischio diventa quadruplo rispetto alla popolazione generale, ovvero senza familiarità. 8 Tali risultati devono essere considerati come una predisposizione dei componenti di una famiglia a sviluppare il tumore e non vanno confusi con la vera e propria ereditarietà, che interessa un numero 6

7 molto limitato di casi di neoplasia mammaria. La predisposizione genetica consiste principalmente nella mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Si stima che nei paesi occidentali circa il 10% dei tumori mammari sia dovuto a tali mutazioni genetiche. Nonostante la rarità di tali alterazioni, le famiglie nelle quali si siano verificati più casi di neoplasia mammaria può essere utile eseguire i test genetici necessari a identificare la presenza della mutazione, per poter predisporre un piano di prevenzione e diagnosi precoce particolarmente accurato. Fattori ambientali Gli effetti cancerogeni sulla salute dell esposizione acuta o prolungata nel tempo a radiazioni ionizzanti (di origine ambientale, industriale o medica) sono stati valutati in modo approfondito in numerosi studi epidemiologici condotti in particolare sulla popolazione sopravvissuta ai disastri nucleari avvenuti in Giappone durante la seconda guerra mondiale o a Chernobyl nel Anche i pazienti esposti in giovane età a radiazioni per la sorveglianza e cura di alcune malattie (per esempio, la radioterapia eseguita nell area toracica per malattia di Hodgkin o per mastite post-parto, radiografie del torace ripetute nel tempo per alcune malattie polmonari, come la tubercolosi) presentano un rischio maggiore di sviluppare un tumore (nella fattispecie un tumore mammario) negli anni successivi all esposizione. 67 Consumo di tabacco e alcool Mentre i dati epidemiologici circa il ruolo del fumo di tabacco sono ancora inconsistenti, il consumo di alcool sembra essere associato positivamente al rischio di insorgenza di tumore mammario: un analisi congiunta di 53 studi epidemiologici condotta su più di donne con tumore mammario ha mostrato che un consumo giornaliero di circa 50 g di alcool è associato ad un rischio relativo pari a 1.5 (intervalli di confidenza: ). 9 Anche con un consumo giornaliero di 18 g di alcool esiste un piccolo ma statisticamente significativo aumento del rischio relativo rispetto al gruppo di donne non consumatrici di alcool. 31 Malattie benigne della mammella La malattia fibrocistica della mammella è associata ad un aumento del rischio di sviluppare nel tempo un carcinoma. Tale rischio varia rispetto al tipo istologico considerato: i maggiori livelli sono stati osservati per la malattia fibrocistica proliferativa (RR: ) e per l iperplasia duttale atipica (RR>4.0). 26 Pregressa storia di carcinoma mammario Le donne già colpite da un carcinoma della mammella in-situ o invasivo sono più esposte al rischio di un nuovo tumore invasivo (RR ). 26 7

8 Figura 7. Fattori di rischio e fattori protettivi associati ad un aumento () o diminuzione () del rischio di insorgenza di tumore mammario. Fattori riproduttivi e ormonali -Menarca precoce -Menopausa tardiva -Nulliparità -Età avanzata alla prima gravidanza portata a termine -Decremento del numero di figli -Allattamento -Contraccettivi orali -Terapia ormonale sostitutiva post-menopausa Fattori dietetici e antropometrici -Aumento del peso / Obesità (post-menopausa) -Aumento dell altezza -Dieta occidentale -Elevato apporto di fibre, frutta e verdura fresche -Consumo di alcool -Attività fisica TUMORE DELLA MAMMELLA Fattori ambientali -Radiazioni ionizzanti al momento dello sviluppo della mammella Fattori familiari e genetici -Storia familiare: parenti di primo grado con carcinoma mammario -Mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 Malattie benigne della mammella - Malattia fibrocistica proliferativa - Iperplasia duttale atipica Pregressa storia di carcinoma mammario 8

9 Prevenzione Primaria In generale la prevenzione primaria consiste nell identificazione e successivamente riduzione o eliminazione dell esposizione ai fattori di rischio che determinano l insorgenza della malattia. Come precedentemente illustrato, nel caso del tumore mammario numerosi sono i fattori che possono aumentare il rischio di ammalarsi (Figura 7). Nonostante la lista di tali fattori sia relativamente lunga, meno del 30-40% dei casi di tumore mammario può essere attribuito ai principali fattori di rischio. Infatti, la maggior parte delle donne con uno o più fattori di rischio non necessariamente sviluppa un tumore mammario, con l eccezione della piccola percentuale di donne appartenenti a famiglie con la sindrome dei tumori ereditari. 26 Il tumore della mammella è una neoplasia per cui non sempre è possibile intervenire in termini di prevenzione primaria. L età del primo menarca e della menopausa, la durata dell allattamento, il numero di figli, l età alla prima gravidanza portata a termine, l esposizione a radiazioni ionizzanti, sono tutti fattori poco o per nulla gestibili. Esistono poi alcuni fattori, come l uso di contraccettivi orali, il consumo di alcool, la dieta e l attività fisica, su cui è possibile intervenire. Le donne che consumano molte bevande alcoliche dovrebbero limitarne o cessarne l uso; le donne che soffrono di obesità dovrebbero cercare di dimagrire, seguendo una dieta ricca di verdure e frutta fresca, favorendo l attività fisica e riducendo il consumo di grassi animali. Infine, per quanto riguarda la pregressa storia di carcinoma mammario (in situ o invasivo), la presenza di malattie benigne della mammella (come la malattia fibrocistica proliferativa e l iperplasia duttale atipica) e la presenza di mutazioni genetiche, sono in studio sistemi di prevenzione primaria, quali la mastectomia sottocutanea o radicale con ricostruzione estetica (approccio più diffuso in USA) o la farmavigilanza (approccio più conservativo). 21 Quest ultima consiste nell assunzione regolare di un farmaco non steroideo con proprietà antiestrogeniche, il Tamoxifen, che può causare alcuni effetti avversi, quali vampate di calore, nausea e vomito, oligomenorrea, amenorrea, iperplasia endometriale, cisti ovariche, fibromi, secchezza e perdite vaginali, prurito vulvare, dolore osseo e tumorale, ipercalcemia, depressione, vertigini, mal di testa, alopecia, rash, disturbi epatici, cataratta, leucopenia, trombocitopenia, neutropenia, trombosi venosa profonda ed embolia polmonare. 53 Eric Wooltorton ha condotto un analisi su alcuni studi clinici che analizzano il ruolo del tamoxifene nella chemioprevenzione del cancro della mammella. 72 Per il trial, chiamato National Surgical Adjuvant Breast and Bowel Project (NSABP), sono state arruolate donne ad alto rischio (cioè quelle con un rischio a 5 anni superiore a 1,67%), di oltre 35 anni di età, a cui è stato assegnato in modo casuale il tamoxifene o il placebo, da assumere per un periodo di 5 anni. 54 I risultati del trial hanno mostrato che il cancro della mammella invasivo era meno comune nel gruppo del tamoxifene rispetto al gruppo del placebo (3,4 vs 6,8 per 1000 donne/anno, RR 0,51 95% IC 0,39-0,66). Tuttavia, 2 studi più piccoli, l Italian Tamoxifen Prevention Study, con donne arruolate, ed il Royal Marsden Hospital Tamoxifen Randomized Chemoprevention Trial, con donne, non sono giunti alle stesse conclusioni (RR 0,92 e 0,94, rispettivamente). 39 Alla luce di tali risultati, è possibile affermare che si tratta di sistemi preventivi ancora in valutazione, sia in termini di efficacia sia in termini di rapporto tra i rischi e i benefici legati alla terapia con tamoxifene. Prevenzione Secondaria Poiché non esiste (o è di difficile realizzazione) una prevenzione primaria vera e propria del carcinoma della mammella, è importante ricorrere alla prevenzione secondaria, che si identifica con la diagnosi precoce di un tumore, cioè la sua individuazione in una fase iniziale, limitata per dimensioni e localizzazione, che consente un intervento terapeutico tempestivo e una riduzione del rischio di insorgenza metastasi e/o di somministrazione di terapia ad alte dosi. Oltre agli importanti progressi dei metodi di diagnosi (per immagini, chirurgici e di anatomo - patologia) che si sono realizzati negli ultimi decenni, lo strumento principale di prevenzione secondaria dei tumori mammari è rappresentato dallo screening mammografico. Si tratta di un iniziativa di prevenzione che consiste nell offrire gratuitamente alla popolazione (donne tra anni) una mammografia 9

10 con cadenza biennale, con lo scopo di diagnosticare la malattia in una fase molto precoce del suo sviluppo, prima cioè che si manifesti. E attualmente in discussione la possibilità di ampliare la finestra d età per lo screening mammografico e portare il limite inferiore a 40 anni. Recenti evidenze suggeriscono che, con una mammografia di buona qualità e un intervallo temporale più ravvicinato, il beneficio in termini di riduzione percentuale della mortalità nelle donne in età potrebbe essere equivalente a quello ottenibile nelle donne oltre i 50 anni. D altra parte nelle donne più giovani il rapporto costi-benefici potrebbe risultare meno favorevole, a causa della minore incidenza di tumori, della maggiore proporzione di lesioni benigne e di possibile sovradiagnosi. Ecco perché il vantaggio di uno screening prima della menopausa è ancora molto dubbio, considerati anche i risultati non ancora soddisfacenti di alcuni studi randomizzati che hanno evidenziato una riduzione della mortalità, però 3, 58, 60 non significativa. E, infine, in valutazione anche la possibilità di estendere i programmi di screening mammografico alla fascia di età anni, in considerazione della maggiore attesa di vita delle donne, della elevata incidenza e mortalità dei carcinomi mammari e della crescente disponibilità di trattamenti efficaci. Tuttavia, non sono presenti ancora evidenze scientifiche sufficienti circa l efficacia dello screening mammografico nelle donne anziane. 33 Attualmente in Svizzera sei cantoni dispongono di un programma di screening: Friborgo, Ginevra, Giura, Vaud, Vallese e, dal 2007, Neuchâtel; nel cantone di San Gallo è ancora in valutazione la possibilità di attivarne uno. Nel quadro di questi programmi di screening tutte le donne fra i 50 e i 69 anni residenti nel cantone sono invitate a eseguire una mammografia ogni due anni. Le donne decidono in tutta autonomia se approfittare di questa prestazione, sapendo che i costi per le mammografie di screening sono coperti dagli assicuratori malattia e dai cantoni. La Lega svizzera contro il cancro raccomanda e sostiene gli screening mammografici, effettuati secondo le norme di qualità europee, aderendo così alla posizione dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La Lega svizzera contro il cancro ritiene, quindi, che i benefici dei programmi di screening prevalgano sugli svantaggi e che i programmi di screening rivestano grande importanza anche dal profilo sociale. A parte i cantoni citati sopra in cui è attivo un programma di screening, nel resto della Svizzera, invece, esiste unicamente una forma di screening spontaneo od opportunistico, che si basa su controlli regolari promossi dall iniziativa personale delle donne. Come è possibile valutare il buon funzionamento di un programma di screening attraverso il contributo di un Registro Tumori? Innanzitutto è bene sottolineare l importanza della dimensione temporale nella valutazione di un programma di screening: sono necessari molti anni per poter cominciare a misurarne i benefici. In generale, laddove è presente un programma di screening ciò che si dovrebbe osservare è l iniziale aumento dell incidenza, dovuto alla scoperta di un numero maggiore di forme in situ o invasive di piccole dimensioni, andamento che col passare del tempo dovrebbe raggiungere una certa stabilità, per poi cominciare a diminuire. Ad oggi i trend di incidenza sono ovunque ancora in aumento, ad eccezione di quanto recentemente riportato in uno studio americano su base di popolazione (dati di 9 Registri Tumori, SEER) che evidenzia a partire dal 2003 un decremento significativo del trend di incidenza tra le donne di età uguale o superiore a 50 anni e soprattutto dei tumori che presentano recettori estrogenici positivi. 59 Dopo aver analizzato tutti i possibili fattori potenzialmente responsabili del decremento di incidenza osservato gli autori sostengono che sia attribuibile soprattutto al drastico calo dell uso della terapia ormonale sostitutiva tra le donne americane nel periodo post-menopausale. Tale fenomeno è avvenuto in conseguenza dei risultati pubblicati di uno studio clinico randomizzato che evidenziano un rischio maggiore di insorgenza di tumore mammario nelle donne che hanno assunto terapia ormonale sostitutiva dopo la menopausa. Un secondo effetto di un programma di screening non meno importante è rappresentato dal decremento della mortalità. 31 Alcuni studi hanno quantificato tale fenomeno, come la Review condotta da Goetsche e Nielsen su sei studi clinici randomizzati avviati in Nord-America e Nord- 10

11 Europa. 25 Gli autori hanno stimato globalmente una riduzione significativa della mortalità pari al 20% a 13 anni dalla diagnosi (rischio relativo di 0.80 con intervalli di confidenza: ). Parallelamente ci si aspetta un miglioramento della sopravvivenza: come noto, le prospettive di guarigione / remissione variano a seconda dello stadio della malattia (metastasi, dimensioni del tumore) e, quindi, dalla sua aggressività. Le condizioni più favorevoli si osservano nella fase precoce, quando il tumore è di piccole dimensioni, i linfonodi non sono compromessi e non sussistono indizi di una particolare aggressività del tumore. Per tale motivo, le visite preventive sono tanto importanti, come pure l auto-esame del seno per la scoperta di alterazioni sospette e insolite del tessuto mammario da sottoporre a ulteriori analisi, con la consapevolezza di migliorare l efficacia delle terapie e la probabilità di sopravvivenza in caso di lesioni tumorali. Infine, tra gli indicatori e standards utili per la valutazione di processo dei programmi di screening del cancro della mammella, qui di seguito ne sono riportanti due, che possono essere facilmente ricavati nell ambito dell attività di un Registro Tumori: 23 la proporzione di tumori in situ, che deve variare tra il 10-20% della totalità dei casi; la proporzione di casi con diametro del tumore <=10mm, che deve essere uguale o superiore al 25% dei casi. In Ticino, dove è presente uno screening mammografico di tipo opportunistico, la proporzione di carcinomi in situ è più bassa rispetto a ciò che è stato osservato dai Registri Tumori Americani su base di popolazione (6% vs 16.2%) e rispetto ai risultati ottenuti nell ambito di programmi di screening controllati che osservano solo le donne tra anni, come quello del Canton Vaud (20.3). 23, 56 Anche la proporzione dei carcinomi invasivi con diametro 1cm osservata in Ticino è ben al di sotto delle direttive europee (15% vs 25%). In conclusione, dal momento che la maggior parte dei tumori della mammella colpisce persone che non presentano nessun fattore di rischio, tutte le donne dovrebbero sottoporsi regolarmente ad una visita senologica e, a partire da una certa età (oltre i 50 anni), ad esame mammografico, al fine di essere consigliate da un medico competente nella prevenzione del tumore della mammella. 11

12 Referenze 1. AIRT Associazione Italiana Registri Tumori, 2. ASRT Associazione Svizzera Registri Tumori, 3. Armstrong K, Moye E, Williams S, Berlin JA, Reynolds EE. Screening Mammography in Women 40 to 49 Years of Age: A Systematic Review for the American College of Physicians. Ann Intern Med. 2007;146: Berrino F, Capocaccia R, Esteve J, et al. (eds) Survival of cancer patients in Europe: the EUROCARE-2 study. IARC Scientific Publication No Lyon: IARC, Brewster A, Helzlsouer K. Breast cancer epidemiology, prevention, and early detection. Current Opinion in Oncology 2001; 13: Clavel-Chapelon F and the E3N-EPIC Group. Differential effects of reproductive factors on the risk of pre- and postmenopausal breast cancer. Results from a large cohort of French women. Br J Cancer 2002; 86: Coleman MP, Gatta G, Verdecchia A, Estive J, Sant M, Storm H, Allemani C, Ciccolallo L, Santaquilani M, Berrino F and the EUROCARE Working Group. EUROCARE-3 summary: cancer survival in Europe at the end of the 20th century. Ann of Oncol 2003; 14 (Supplement 5): v128 v Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer (CGHFBC). Familial breast cancer: collaborative reanalysis of individual data from 52 epidemiological studies including women with breast cancer and women without the disease. Lancet 2001; 358: Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer (CGHFBC). Alcohol, tobacco and breast cancer collaborative reanalysis of individual data from 53 epidemiological studies, including women with breast cancer and women without the disease. Br J Cancer 2002; 87: Dai Q, Shu X, Jin F. Consumption of animal foods, cooking methods, and risk of breast cancer. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2002; 11: DSS - Ufficio di Promozione e Valutazione Sanitaria, 12. Early Breast Cancer Trialists Collaborative Group (EBCTCG). Tamoxifen for early breast cancer: an overview of the randomised trials. Lancet 1998; 351: Emery J, Lucassen A, Murphy M. Common hereditary cancers and implications for primary care. Lancet 2001; 358: European Network of Cancer Registries (ENCR). Eurocim version 4.0, European incidence database V2.3, ICD-10 dictionary. Lyon: IARC, Ferlay J, Bray F, Pisani P, Parkin DM. GLOBOCAN 2002, Cancer Incidence, Mortality and Prevalence Worldwide. IARC CancerBase No. 5, version 2.0. Lyon: IARCPress, Fish T, Pury P, Probst N, Bordoni A, Bouchardy C, Frick H, Jundt G, De Weck D, Perret E, Lutz JM. Variation in survival after diagnosis of breast cancer in Switzerland. Ann Oncol Dec;16(12): Fisher B, Constantino JP, Wickerham DL, et al. Tamoxifen for prevention of breast cancer: report of the National Surgical Adjuvant Breast and Bowel Project P-1 study. J Natl Cancer Inst 1998; 90: Fisher B, Dignam J, Wolmark N, et al. Tamoxifen in treatment of intraductal breast cancer: National Surgical Adjuvant Breast and Bowel Project B-24 randomised controlled trial. Lancet 1999; 353: Forum svizzero sul cancro del seno, 20. Friedenreich CM. Review of anthropometric factors and breast cancer risk. Eur J Cancer Prev 2001; 10: Gail MH et al. Weighing the risks and benefits of tamoxifen treatment for preventing breast cancer. J Natl Cancer Inst 1999; 91:

13 22. Gao Y-T, Shu X-O, Dai Q, et al. Association of menstrual and reproductive factors with breast cancer risk: results from the Shanghai breast cancer study. Int J Cancer 2000; 87: Giordano L, Giorgi D, Frigerio A, Brevetti P, Paci E, Putrella M, Ponti A, Sassoli de Bianchi P e il gruppo di lavoro sugli indicatori del GISMa. Process indicators and standards for the evaluation of breast cancer screening programmes. Operative Report. Epidemiol Prev Mar-Apr;30(2 Suppl 1):5-9, Italian. 24. Goodman MT, Tung KH, Wilkens LR. Comparative epidemiology of breast cancer among men and women in the US, 1996 to Cancer Causes Control Mar;17(2): Gotzsche PC, Nielsen M. Screening for breast cancer with mammography (Review). JohnWiley & Sons, Ltd, Greenwald P, Kramer BS, Weed DL. Cancer Prevention and Control. New York; Marcel Dekker Inc., Hecht SS. Tobacco smoke carcinogens and breast cancer. Environ Mol Mutagen 2002; 39: Hermon C, Beral V. Breast cancer mortality rates are levelling off or beginning to decline in many western countries: analysis of time trends, age-cohort and age-period models of breast cancer mortality in 20 countries. Br J Cancer 1996; 73: Holford TR. The estimation of age, period and cohort effects for vital rates. Biometrics 1983; 39: International Agency for Research on Cancer. Hormonal Contraception and Post-menopausal Hormonal Therapy. IARC Press Release n. 72. Lyon, International Agency for Research on Cancer. Mammography screening can reduce deaths from breast cancer. IARC Press Release n Lyon, International Agency for Research on Cancer. Breast and colorectal cancers are associated with alcohol consumption, says IARC. IARC Press Release n Lyon, 28 mar Jonsson H, Törnberg S, Nyström L, Lenner P. Service screening with mammography of women aged years in Sweden. Effects on breast cancer mortality. Cancer Detect Prev. 2003;27(5): Key TJ, Verkasalo PK, Banks E. Epidemiology of breast cancer. The Lancet Oncology 2001; 2: Kim H-J, Fay MP, Feuer EJ, Midthune DN. Permutation tests for joinpoint regression with applications to cancer rates. Statistics in Medicine 2000; 19: Kropp S, Chang-Claude J. Active and passive smoking and risk of breast cancer by age 50 years among German women. Am J Epidemiol 2002; 156: Levine M. Clinical practice guidelines for the care and treatment of breast cancer: adjuvant systemic therapy for node-positive breast cancer. CMAJ 2001; 164: Levine M. Clinical practice guidelines for the care and treatment of breast cancer: adjuvant systemic therapy for node-positive breast cancer (summary of the 2001 update). The Steering Committee on Clinical Practice Guidelines for the Care and Treatment of Breast Cancer. CMAJ 2001; 164: Levine M et al. Chemo prevention of breast cancer. CMAJ 2001; 164: Ligue fribourgeoise contre le cancer, 41. Ligue genevoise contre le cancer, 42. Ligue jurassienne contre le cancer, 43. Ligue neuchâteloise contre le cancer, 44. Lega ticinese contro il cancro, 45. Lega svizzera contro il cancro, 46. Ligue valaisanne contre le cancer, 47. Ligue vaudoise contre le cancer, 48. McPherson K, Steel CM, Dixon JM. Breast cancer epidemiology, risk factors, and genetics. BMJ 2000; 321: Missmer SA, Smith-Warner S, Spiegelman D. Meat and dairy food consumption and breast cancer: a pooled analysis of cohort studies. Int J Epidemiol 2002; 31:

14 50. Morabia A. Smoking (active and passive) and breast cancer: epidemiological evidence up to June Environ Mol Mutagen 2002; 39: National Cancer Institute (NCI). Joinpoint Regression Program. Version March Nolvadex. In: Medwatch 2002 Safety Information Summaries. Washington: US Food and Drug Administration; Nolvadex. In: Compendium of pharmaceuticals and specialties. Ottawa: Canadian Pharmacists Association; Nolvadex. Tamoxifen citrate. Wilmington (DE): Astra Zeneca Pharmaceuticals Olivotto J, Levine M. Clinical practice guidelines for the care and treatment of breast cancer: the management of ductal carcinoma in situ. CMAJ 2001; 165: Parkin DM, Bray FI, Devesa SS. Cancer burden in the year The global picture. Eur J Cancer 2001; 37:S4-S Programme vaudois de dépistage du cancer du sein. Rapport d activité. Fondation pour le dépistage du cancer du sein, Qaseem A, Snow V, Sherif K, Aronson M, Weiss KB, Owens. Screening Mammography for Women 40 to 49 Years of Age: A Clinical Practice Guideline from the American College of Physicians. Ann Intern Med Apr 3;146(7): Ravdin PM, Cronin KA, Howlader N, Berg CD, Chlebowski RT, Feuer EJ, Edwards BK, Berry DA. The decrease in breast-cancer incidence in 2003 in United States. N Engl J Med Apr 19;356(16): Ringash J. Preventive health care, 2001 update: screening mammography among women aged years at average risk of breast cancer. CMAJ 2001;164(4): Rockhill et al. Validation of the Gail et al. model of breast cancer risk prediction and implications for chemoprevention. J Natl Cancer Inst 2001; 93: Sainsbury JRC, Anderson TJ, Morgan DAL. Breast cancer. BMJ 2000; 321: Sant M, Capocaccia R, Verdecchia A, et al. Survival of women with breast cancer in Europe: variation with age, year of diagnosis and country. Int J Cancer 1998; 77: Sant M and the Eurocare Working Group. Differences in stage and therapy for breast cancer across Europe. Int J Cancer 2001; 93: Smith-Warner S, Spiegelman D, Adami H-O. Types of dietary fat and breast cancer: a pooled analysis of cohort studies. Int J Cancer 2001a; 92: Smith-Warner S, Spiegelman D, Yaun S-S. Intake of friuts and vegetables and risk of breast cancer. A pooled analysis of cohort studies. JAMA 2001b; 285: Stewart BW, Kleihues P. World Cancer Report. Lyon; IARC Press, Terry PD, Rohan TE. Cigarette smoking and the risk of breast cancer in women: a review of the literature. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2002; 11: Tyczynski JE, Bray F, Parkin DM. Breast Cancer in Europe. ENCR Cancer Fact Sheets, Vol. 2, December Vainio H, Bianchini F. (eds.) Breast cancer screening. IARC Handbooks of Cancer Prevention. Lyon: IARCPress, Van Hoften C, Burger H, Peeters PHM. Long-term oral contraceptive use increases breast cancer risk in women over 55 years of age: the DOM cohort. Int J Cancer 2000; 87: Wooltorton E. Tamoxifen for breast cancer prevention: safety warning. JAMC 2002; 164 (4). 14

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE AL SENO CON LA MAMMOGRAFIA

SCREENING DEL TUMORE AL SENO CON LA MAMMOGRAFIA SCREENING DEL TUMORE AL SENO CON LA MAMMOGRAFIA Quali sono i benefici e i rischi della partecipazione ad un programma di screening per il tumore al seno? Quante donne beneficeranno della mammografia e

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Uniti contro il cancro del seno

Uniti contro il cancro del seno Uniti contro il cancro del seno Principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro SOMMARIO Rischio di cancro del seno 3 La diagnosi precoce 7 Cosa può fare Lei personalmente? 12

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

10 ANNI DI PROGRAMMI DI SCREENING IN ITALIA

10 ANNI DI PROGRAMMI DI SCREENING IN ITALIA Brochure_10anni_copertina_A 26/11/12 18:39 Pagina 1 10 ANNI DI PROGRAMMI DI SCREENING IN ITALIA Gli screening organizzati sono interventi efficaci di sanità pubblica offerti alla popolazione, con rigorosi

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli