Presentazione Protonterapia. Marco Cianchetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione Protonterapia. Marco Cianchetti"

Transcript

1 Presentazione Protonterapia Marco Cianchetti

2 L uso dei protoni in radioterapia Rispetto ai raggi X: Migliore distribuzione di dose LET e RBE equivalente ( )

3 Improve the Physical Dose Distribution by Using a Different Type of Radiation DOSE low entrance dose DEPTH (CM) very narrow peak (few mm) depth of penetration depends on the proton s energy NO exit dose

4 Miglior rapporto dose-profondità dei Protoni MeV proton BP Dose (%) Depth (cm)

5

6 Raggi X Protoni

7 Proton CSI: thecal sac only Note: Whole vertebral body is treated in patients who have not completed growth. Krejcarek, Yock, IJROBP 68: , 2007

8 Vantaggi clinici della protonterapia (legati alla migliore localizzazione della dose) Minor dose ai tessuti normali Minore tossicità ai tessuti normali Migliore radiotolleranza (< interruzioni) Migliore integrazione con terapia sistemica Riduzione effetti tardivi Possibile dose-escalation Maggior controllo tumorale

9 Quali fattori hanno limitato l applicazione della protonterapia? 1. Motivi tecnici (fasci fissi, posizione seduta...) 2. Motivi organizzativi (sharing beam time, schedule...) 3. Motivi economici (n. pazienti, tecnologia...) Strutture ospedaliere dedicate (gantry, aumento n. pazienti, riduzione costi)

10 Strutture di adroterapia in fase di pianificazione o in costruzione.totale 42 nuovi progetti!

11 Centri in attività nel 2013: 40!

12

13

14

15

16

17 Documento A.I.R.O R O I Sulla base dei pazienti potenzialmente trattabili in Italia, è stata stimata la necessità di sviluppare 5 centri distribuiti nel territorio nazionale: uno ogni 8-10 milioni di abitanti

18 Categoria A: numero di pazienti trattabili con protonterapia in Italia (forte indicazione) Patients / year Treatable with protons Uveal Melanoma % Skull base Chordoma % Skull base Chondrosarcoma % Skull base Meningioma % Paraspinal Tumors % Cranial nerves Schwannoma % Hypophysis Adenoma % TOTAL %

19 Categoria B: numero di pazienti trattabili con protonterapia in Italia con potenziale vantaggio Tumor types patients / year treatable with protons Brain neuroepithelial tumors % Brain Metastases % Head neck tumors % Thyroid tumors % NSCLC % Tymomas % Esophageal tumors % Biliary tract tumors % Hepatocellular tumors % Pancreatic tumors % Rectal tumors % Cervix tumors % Bladder tumors % Prostate tumors % Pelvic recurrences after surgery >500 >250 50% Pediatric solid tumors % Non-neoplastic lesions AVMs % Macular degeneration??? TOTAL > > %

20 Tumori Oculari: localizzazione storica della PT

21 Area Bunker

22 Base del cranio-sistema Nervoso centrale

23 QUALI DATI? HGG TIPO DI TUMORE CEREBRALE NUMERO DI STUDI Cordomi e Condrosarcomi 8 Gliomi di Basso Grado (LGG) 3 Gliomi di Alto Grado (HGG) 2 Meningiomi Benigni 6 LGG Meningiomi Atipici e Maligni 4 Adenomi Ipofisari 2 Schwannomi vestibolari 4 Schwannoma vestibolare Cordoma Adenoma Ipofisario Meningioma

24 Review in neoplasie del basicranio Radiosurgery with photons or protons for benign and malignant tumours of the skull base: a review. Amichetti M, Amelio D, Minniti G. - Radiat Oncol A systematic review of proton therapy in the treatment of chondrosarcoma of the skull base. Amichetti M, Amelio D, Cianchetti M, Enrici RM, Minniti G. - Neurosurg Rev Radiotherapy and radiosurgery for benign skull base meningiomas. Minniti G, Amichetti M, Enrici RM. - Radiat Oncol Proton therapy in chordoma of the base of the skull: a systematic review. Amichetti M, Cianchetti M, Amelio D, Enrici RM, Minniti G. - Neurosurg Rev The role of fractionated radiotherapy and radiosurgery in the management of patients with craniopharyngioma. Minniti G, Esposito V, Amichetti M, Enrici RM. - Neurosurg Rev. 2009

25 Riduzione dose integrale a tessuto cerebrale normale Dosimetric Advantage of PBS over Double-Scattering for the Treatment of Brain Cancer Patients Maura Kirk, Sabina Vennarini et Al Dept. of Radiation Oncology, Hospital of the University of Pennsylvania ESSEN 2013 PTCOG 52 PBS Tecnica in funzione delle localizzazioni anatomiche!!!!!

26 IMPLEMENTAZIONE DEI PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO NEL CENTRO DI PROTONTERAPIA DI TRENTO (Principali) Patologie di interesse clinico CORDOMA e CONDROSARCOMA della BASE CRANICA GLIOMI DI BASSO GRADO MENINGIOMA ALTRE NEOPLASIE DELLA BASE CRANICA (meningioma, schwannoma vestibolare, adenomi ipofisari) CORDOMA SPINALE CRANIOFARINGIOMA EPENDIMOMA GLIOMI DI ALTO GRADO

27 RISPARMIO MEDIE-BASSE DOSI MINORI DEFICIT NEUROLOGICI MINORI DEFICIT NEUROCOGNITIVI MINORI DEFICIT IPOTALAMO-IPOFISARI MINORI DEFICIT UDITIVI RIDUZIONE NEOPLASIE RADIOINDOTTE RISPARMIO ALTE DOSI AGLI OAR RIDUZIONE RISCHIO TOSSICITA ACUTA E TARDIVA (nervi ottici, chiasma, tronco.)

28 TRATTAMENTO CON PROTONI DI NEOPLASIE PEDIATRICHE RIPORTATE IN LETTERATURA SNC tumors Low-grade glioma Optic pathway glioma Germ cell tumors Medulloblastoma, Ependymoma Craniopharyngioma Skull base tumors Pineal tumors Chordoma/chondrosarcoma Soft tissue tumors Rhabdomyosarcoma Ewing s tumor Retinoblastoma Wilm s tumor Neuroblastoma

29 Effetti delle radiazioni nei pazienti pediatrici Oltre il 70% dei tumori pediatrici sono curati Gli effetti collaterali della radioterapia possono essere severi La radiazione inibisce la crescita e lo sviluppo in maniera dose dipendente La radioterapia sul cervello altera la funzione neurocognitiva e neuroendocrina A livello extracerebrale, rischio di effetti funzionali e cosmetici Secondi tumori (10-15% a 15 anni)

30 Razionale per l uso dei protoni nel trattamento dei tumori pediatrici Benefici Potenziali : Migliorare la Qualità di vita riducendo la morbidità trattamento-correlata Ridurre la dose ai tessuti normali circostanti = ridurre morbidità acuta e tardiva Potenziale incremento del controllo locale e sopravvivenza - aumento della dose senza incremento degli eff. collaterali Riduzione secondi tumori Potenziale miglioramento della compliance alla chemioterapia

31 Proton radiation therapy for pediatric chordoma of the skull base Liebsch NJ, Krengli M, Cianchetti M 105 pazienti pediatrici dal 1981 al 2009 hanno ricevuto radioterapia post-operatoria con tecnica mista fotoni-protoni Dose mediana totale: 78,5 Gy(RBE) in frazioni da 1,8-2.0 Gy (RBE) Follow-up mediano: 9,5 anni Controllo locale a anni: 81%-78%-72%-72% Sopravvivenza globale a anni: 76%-64% Nessuna tossicità superiore al G3 Collaborazione con MGH Boston Tumori, Vol 10, Numero 2, Novembre 2010, S 76

32

33 TRATTAMENTO MEDULLOBLASTOMA PEDIATRICO 3DCRT TOMO IMPT % Gy Dose 35% Dose 10% Dose 0% Collaborazione con CRO Aviano, 2010 Mascarin M. Tumori 2010;96:316-21

34

35

36 CONFRONTO IMRT vs. IMPT IN NEUROBLASTOMA IMRT IMPT Collaborazione con MGH Boston, 2011 B. Rombi, Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2012;83:

37 Implementazione attività radio-oncologica in pediatria Rafforzamento struttura onco-ematologica attuale Necessità attività anestesiologica Sviluppo rete assistenza socio-psicologica

38

39 Protoni per i tumori del distretto testa-collo Riduzione di dose al globo oculare ed alle vie ottiche Risparmio di dose alle ghiandole salivari Riduzione di dose agli organi coinvolti nella deglutizione Possibilità di dose escalation su cellule ipossiche mantenendo al contempo la qualità di vita PTCOG 52

40 Head & Neck tumors Oropharynx Sinonasal tumours Nasopharynx Skin with perineural invasion Lacrimal gland Salivary gland Paragangliomas Sarcomas

41

42 Tomotherapy 75 Gy IMPT 1 1 Head & Neck (nasopharynx) Tumoral volumes: Macroscopic Tumor (66 Gy) Lymphnodes at risk (54 Gy) Principal OAR 1 20 Gy 1 Parotid Mucoses Chiasm Spinal cord Brainstem Larynx Esophagus Thyroid Integral Dose! Collaborazione ATreP H.S. Raffaele MI Widesott et al. Int.J.Rad.Oncol.Biol.Phys.2008,72:589-96

43

44 Collaborazione ATreP MGH Boston

45 Recidiva di parete Boost DS vs photon

46 Neoplasie comuni: ca. mammella POSSIBILI INDICAZIONI: - Anatomie sfavorevoli - Irradiazione volumi linfonodali - Lesioni avanzate (T4) - Trattamenti concomitanti - Patologie cardiache e polmonari - Parete toracica

47 Proton Beam Versus Photon Beam Dose to the Heart and Left Anterior Descending Artery for Left-Sided Breast Cancer Lilie Lin MD 1, Sabina Vennarini MD 2, Andreea Demofte PhD 1, Sonny Batra MD 1, Katie Shillington CMD 1, Stefan Both PhD 1, Francesco Dionisi MD 2, Zelig Tochner MD 1, Gary Freedman MD 1 1 Department of Radiation Oncology, Perelman University of Pennsylvania, Philadelphia, PA; 2 ATREP Agenzia Provinciale per la Protonterapia, Purpose/Objectives APSS Trento, Italy A B Ischemic cardiac disease is a known complication after radiotherapy for breast cancer(3). Dose to the whole organ heart structure has been shown to be reduced for left-sided breast radiation by techniques including photon IMRT, deep inspiration breath hold (DIBH), and proton beam irradiation(1). However, dose to the whole heart may not correlate well with dose to the critical structure for late events particularly coronary events involving the left anterior descending (LAD) artery. Our purpose was to compare the dose to heart, LAD, and lung between tangential proton and photon beam irradiation for left-sided early stage breast cancer patients receiving radiotherapy. Materials/Methods Ten women with early stage left-sided breast cancer were treated with breast-conserving surgery and radiation. Each gave permission to participate on an IRB-approved prospective study of DIBH and proton beam radiation planning. Whole breast radiation was delivered via a tangential technique utilizing DIBH (SDX ), inverse planning and sliding window IMRT (Eclipse ). The DIBH scan was used for this protocol in order to eliminate the potential effects of motion on the dose distributions. Each patient was replanned using en face PBS proton beam radiation. The heart and LAD were contoured by a single radiologist/radiation oncologist (SV) as per Feng et al(2). Prescription dose to the whole breast was 50 Gy in 2 Gy fractions with breast clinical target volume coverage of 95% >95%. Results The coverage of the breast clinical target volumes was comparable between photon and proton plans. All parameters for heart, lung, and LAD were significantly better with PBS vs photon IMRT. Table 1 summarizes the dose volume parameters to the heart, lung, LAD and Breast CTV. C Figure 1: PBS proton plan in low dose(5%) colorwash in axial (A), coronal (B), and (C) sagittal view A B C Figure 2: A) Contour of LAD in Lateral DRR; B) DVH of CTV (red), lung (purple), C)DVH of Heart (yellow) LAD (red), white arrowheads denote photons Modality Conclusions: Breast Heart Lung LAD CTV95 V20 (%) (%) V10 (%) V5 (%) Mean (%) V20 (%) V5 (%) Mean (%) Mean (%) Min (%) Max (%) D0.2 cc (cgy) Photon PBS P Value <0.001 <0.001 <0.001 < < <0.001 Table 1: Dose volume parameters for heart, lung, LAD and CTV The dose to whole heart was relatively low in this study of patients treated under conditions of DIBH. However, proton beam radiation was associated with lower minimum, maximum, and dose to 0.2 cc of the LAD which is the critical structure for late RT effects. Due to the variations in the magnitude of benefit within each patient, comparative planning may be needed for each patient prior to treatment to determine the benefit of protons. References 1) Postoperative proton radiotherapy for localized and locoregional breast cancer: potential for clinically relevant improvements? Ares C, Khan S, Macartain AM, Heuberger J, Goitein G, Gruber G, Lutters G, Hug EB, Bodis S, Lomax AJ. Int J Radiat Oncol Biol Phys Mar 1;76(3): ) Development and validation of a heart atlas to study cardiac exposure to radiation folowing treatment for breast cancer. Feng M, Moran JM, Koelling T, Chughtai A, Chan JL, Freedman L, Hayman JA, Jagsi R, Jolly S, Larouere J, Soriano J, Marsh R, Pierce LJ. Int J Radiat Oncol Biol Phys Jan 1;79(1): )Risk of ischemic heart disease in women after radiotherapy for breast cancer. Darby SC, Ewertz M, McGale P, Bennet AM, Blom-Goldman U, Brønnum D, Correa C, Cutter D, Gagliardi G, Gigante B, Jensen MB, Nisbet A, Peto R, Rahimi K, Taylor C, Hall P. N Engl J Med Mar 4;368(11):

48 Clinical experience with proton therapy for GI cancers: a review F. Dionisi, D. Amelio, M. Cianchetti, E. Iannacone, D. Ravanelli, B. Rombi, S. Vennarini, L. Vinante, M. Amichetti Gastroenterol. Hepatol. Res. accepted October Thus, the clinical experience is still scarce. Most of the studies regarding the use of PT in GI cancer treatment focused on HCC and reported good outcomes. A survival benefit could also be achieved in pancreatic cancer. A potential benefit can be presumed in all other malignancies by the reduction of treatment-related toxicity with a possible improvement in cancer survivors' quality of life. Several trials are currently ongoing such as

49 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 S. Batra 1, F. Dionisi 2, M. Kirk 1, S. Both 1, S. Vennarini 2, J. McDonough 1, J. M. Metz 1, J. P. Plastaras 1 1 Dep. of Radiation Oncology, Hospital of the University of Pennsylvania, 2 ATREP Agenzia provinciale per la Protonterapia, APSS Trento, Italy AIM To report the initial experience using pencil beam scanning proton therapy (PBSPT) in the treatment of locally advanced rectal cancer (LARC), to evaluate initial outcomes, and to compare dosimetric results with photon therapy plans. METHODS Patients with LARC were treated concurrently with continuous infusion 5-FU 225mg/m 2 /d and radiotherapy to a dose of 50.4 Gy RBE preoperatively. Pts were positioned supine with a comfortably full bladder. Clinical target volumes included the mesorectum and the regional nodes. In addition to a planning target volume, a proton specific target volume was created to account for range uncertainty in the beam direction. PBSPT was delivered using a fixed beam line with two opposed lateral fields. Daily pretreatment verification was performed with orthogonal kilovoltage images registered to bony anatomy and weekly offline CT scans were performed for verification purposes. Back-up photon treatment plans were devised using volumetric arc therapy (RapidArc, RA). For PBSPT vs. RA plan comparison, conformity index (CI), homogeneity index, main organ at risk (OAR) sparing and the integral dose (ID) were calculated. Fig. 1 Dose distribution of PBST(left) and RA (right) for pt. 1 RESULTS Outcomes of the first 3 pts who completed neoadjuvant PBSPT are presented. Dosimetric Both PBSPT and RA covered 99% of the PTVs with 95% of the prescription dose. CI was slightly better with RA and homogeneity (0.95 ± 0.11 PBSPT vs 1.01 ± 0.14 RA) was similar (fig. 1,2). PBSPT achieved better OAR sparing (small bowel, femoral heads, bladder) and lower ID values (fig. 3,4) Clinical The average overall treatment time was 41.3 days. No G3 toxicities were observed. No major perioperative complications were reported. With an average post-radiation interval of 8.5 weeks both downstaging (to Stage I) and downsizing were obtained in the two patients that underwent surgery as of May Fig. 3 Comparison of OAR sparing and Integral dose between PBSPT and RA PTCOG ESSEN 52 Trento - UPENN Fig. 2 Residual dose (pt. 1) from RA minus PBSPT Fig. 4 DVH evaluation of target coverage and OAR sparing (pt 2) bladder PT Small bowel RA R Femoral head RA PTV PT R Femoral head PT Small bowel PT bladder RA PTV RA CONCLUSIONS These preliminary results suggest a potential role for PT to minimize morbidity, especially bowel related, in the treatment of LARC with a possible impact on patients quality of life. Future opportunities include investigation of hypofractionation and novel chemotherapies with PT. A clinical protocol is under development.

50 Fegato Proton therapy in the treatment of Hepatocellular carcinoma (HCC): systematic review F. Dionisi, L. Widesott, S. Lorentini, M. Amichetti Submitted to Radiother. & Oncol.

51

52

53

54 Protontherapy for pleural mesothelioma IMRT IMPT IMRT-IMPT Collaborazione con Ist. del Radio Univ. Brescia Lorentini S. et al. Strahlenther. Onkol. 2012

55

56 Loggia prostatica Tomoterapia IMPT 2 campi 78 Gy 10 Gy collaborazione ATreP S. Raffaele Widesott et al. IJROBP 2011; 80: 1589

57 Linfonodi pelvici Tomoterapia IMPT 2 campi 78 Gy 10 Gy collaborazione ATreP S. Raffaele Widesott et al. 2009

58 ASTRO s five recommendations 2013: Don t initiate whole breast radiotherapy as a part of breast conservation therapy in women age 50 with early stage invasive breast cancer without considering shorter treatment schedules. Don t initiate management of low-risk prostate cancer without discussing active surveillance. Don t routinely use extended fractionation schemes (>10 fractions) for palliation of bone metastases. Don t routinely recommend proton beam therapy for prostate cancer outside of a prospective clinical trial or registry. Don t routinely use intensity modulated radiation therapy (IMRT) to deliver whole breast radiotherapy as part of breast conservation therapy.

59 Sarcomi tessuti molli - Osteosarcomi 1-field proton spot scanning 9-field IMRT Tumore desmoide recidivante in ragazzo di 12 anni Collaborazione ATreP PSI Villigen (SWI)

60 Collaborazioni sul tema sarcomi Partecipazione in teleconsulto agli incontri multidisciplinari e valutazione casi clinici Sarcoma Unit Royal Marsden Hosp. Londra Partecipazione attiva medici agli incontri multidisciplinari e valutazione casi clinici presso Istituto Rizzoli e Università di Bologna CRO Aviano Collaborazione a carattere di ricerca e formativa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

61 Collaborazioni sul tema sarcomi Confronto fra Protonterapia ad intensità modulata e Tomoterapia elicoidale nel trattamento dei sarcomi retroperitoneali Marco Bettuzzi, Tesi Laurea Anno Accademico , Università di Modena e Reggio Emilia

62 Protonterapia: necessità di collaborazione in tema psicologico TEMATICHE: pazienti pediatrici - adolescenti problema cancro ambiente con grosso carico tecnologico accettazione varie fasi del trattamento (CT, RM, immobilizazione, anestesia, trattamento al gantry) più figure di riferimento provenienza extraregionale, spiazzamento formazione ex-novo del team reinserimento follow - up psicologia del lavoro

63 Attività U.O. Protonterapia in corso 1. Test di accettazione delle attrezzature 2. Attività di commissioning 3. Attività di preparazione alla clinica

64 Individuazione patologie da affrontare A. PATOLOGIE IN FASE DI AVVIO Tumori della base cranica (cordomi, condrosarcomi, meningiomi, schwannomi) Neoplasie del capo-collo (seni mascellari, carcinomi adenoideo cistici, rinofaringe) Neoplasie pediatriche selezionate (cerebrali, sarcomi) Neoplasie cerebrali (gliomi basso grado) Neoplasie prostatiche selezionate Lesioni della colonna vertebrale B. PATOLOGIE IN FASE EVOLUTIVA Neoplasie della mammella Lesioni toraco-mediastiniche (timoma, mesotelioma) Neoplasie pediatriche complesse (medulloblastoma, neuroblastoma) Sarcomi degli arti e retroperitoneali Neoplasie app. gastroenterico (pancreas, retto, esofago) C. PATOLOGIE IN FASE AVANZATA Neoplasie degli organi di movimento (polmone, fegato)

65 APPROCCIO AI TRATTAMENTI EVOLUZIONE DA CASI RELATIVAMENTE «SEMPLICI» A CASI VIA VIA PIU COMPLESSI SELEZIONE DEI CASI SULLA BASE DI UN CONFRONTO ALL INTERNO DEI GRUPPI DI LAVORO MULTIDISCIPLINARI TRATTAMENTI DEDICATI PREFERENZIALMENTE A PATOLOGIE STORICAMENTE NON AFFRONTATE DALLA RADIOTERAPIA CONVENZIONALE SELEZIONE DI SOTTOGRUPPI DI PAZIENTI TRATTABILI CON BENEFICIO ALL INTERNO DI SPECIFICI GRUPPI DI PATOLOGIA

66 Capacità potenziale di trattamento fino a regime Sale di trattamento/turni Turni sala Turni sala Sale in uso Ore per turno gg. funzionamento downtime 10% 10% 10% 10% Durata sessione Turni per giorno Sedute/settimana Sedute/periodo N. pazienti

67 Programmazione attività clinica Preparazione protocolli di trattamento Preparazione PDTA Simulazione percorsi Esercizi di contornamento target Esecuzione simulata piani di trattamento Attività di collegamento/cooperazione con altri centri

68 Contornazione volumi di irraggiamento VOLUMI CONDIVISI LIBRERIE ESERCIZI TESTO DEFINITO (LINEE GUIDA)

69 Studio percorsi pazienti e personale

70 Percorsi pazienti e personale LIVELLO 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO 4 LIVELLO DOCUMENTAZIONE Documento generale che descrive le fasi in successione dalla presa in carico alla dimissione del paziente specificando le diverse fasi successive ed il loro scopo a. Descrizione specifica per distretto (tipo capo-collo.) delle singole operazioni e della loro successione (es. TAC: mdc, spessore slice.) b. Riassunto ad uso clinico (per ambulatorio) c. Riassunto ad uso tecnico (per simulatore ) Protocollo di trattamento dettagliato con bibliografia per singola patologia con specifica di caratteristiche del piano e dose-volume Protocolli di trattamento di specifici gruppi cooperativi o di studi sperimentali

71 INTERNA ed ESTERNA Comunicazione

72 Rischio clinico Identificazione, analisi, trattamento, monitoraggio rischio clinico (Gestione del rischio) Estensione bozza manuale di qualità

73 Conclusioni Ortovoltaggio Co 60 Linacs 3D-CRT IMRT Tomo IMAT Protoni IMPT Migliore distribuzione di dose I protoni possono essere considerati il passo successivo nell avanzamento della radioterapia I protoni non sono necessariamente competitivi con la radioterapia Potrebbero semplicemente fornire un altra modalità di trattamento per quei casi che non possono essere trattati adeguatamente con i fotoni

74

75 Grazie per l attenzione

La protonterapia nel paziente pediatrico. Dott.ssa Barbara Rombi U.O. di Protonterapia APSS Trento

La protonterapia nel paziente pediatrico. Dott.ssa Barbara Rombi U.O. di Protonterapia APSS Trento La protonterapia nel paziente pediatrico Dott.ssa Barbara Rombi U.O. di Protonterapia APSS Trento Sommario 1) La protonterapia in ambito pediatrico il razionale all uso dei protoni le principali indicazioni

Dettagli

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione

Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Possibilità tecnologiche e tecniche di esecuzione nella radioterapia ad intensità modulata: il punto della situazione Emanuele Pignoli S. C. Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Dettagli

Roma, 9 Maggio 2012. Erminio Borloni (Presidente) Sandro Rossi (Segretario Generale) Roberto Orecchia (Direttore Scientifico e Medico)

Roma, 9 Maggio 2012. Erminio Borloni (Presidente) Sandro Rossi (Segretario Generale) Roberto Orecchia (Direttore Scientifico e Medico) IL CENTRO NAZIONALE DI ADROTERAPIA ONCOLOGICA Roma, 9 Maggio 2012 Erminio Borloni (Presidente) Sandro Rossi (Segretario Generale) Roberto Orecchia (Direttore Scientifico e Medico) Creata dal Ministero

Dettagli

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma

Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma Problematiche tecniche nel planning del carcinoma polmonare non microcitoma I Volumi nella Stereotassi F.Casamassima U.O.Radiobiologia Clinica Università Firenze Taranto Gennaio 2006 L ICRU 50 e ICRU 62

Dettagli

Adroterapia: i Dott.ssa Viviana Vitolo. Viviana Vitolo Visita Rappresentanti del Personale T.T.A. INFN 9 Giugno 2010

Adroterapia: i Dott.ssa Viviana Vitolo. Viviana Vitolo Visita Rappresentanti del Personale T.T.A. INFN 9 Giugno 2010 Pavia, 9 giugno 2010 Adroterapia: Razionale ed Indicazioni i i cliniche i Dott.ssa Viviana Vitolo Viviana Vitolo Visita Rappresentanti del Tra le terapie innovative in ambito oncologico l ADROTERAPIA sta

Dettagli

!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!!

!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!! !!! Tra%amen)!sistemici!e!radioterapia!nel!Carcinoma!Prosta)co:!! Ruolo!della!Radioterapia!nel!paziente!oligometasta)co!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!!! UOC!di!Radioterapia!Oncologica!;!AOU!Policlinico!of!Modena!

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA

PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA PET E RADIOTERAPIA : EVOLUZIONI DELLE METODICHE ESPERIENZA ASMN DI REGGIO EMILIA FINALITA DELL IMAGING IN RADIOTERAPIA VISUALIZZAZIONE DELLA NEOPLASIA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL VOLUME BERSAGLIO VALUTAZIONE

Dettagli

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia

micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia CRO AVIANO Michele Avanzo micro: un software per il calcolo della dose equivalente in radioterapia SOC Fisica Medica, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, PN Venezia, 19/11/2010 Game of life - J.H.

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Radiotherapy: from the beginning until today

Radiotherapy: from the beginning until today IL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DI ONCOLOGIA TORACICA DELL AOU DI PARMA NUOVE TECNICHE DI RADIOTERAPIA Dr.ssa N. D Abbiero, Dr.ssa C.Dell Anna U.O.C. Radioterapia Azienda-Ospedaliero

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO S.C Oncologia Medica DIPO XVI - Lecco Appropriatezza Appropriato:

Dettagli

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Pisa, 29 gennaio 2005 Umberto Veronesi Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Aspetti critici della ricerca biomedica Difficoltà a rinnovare la

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione La radioterapia intra-operatoria nel carcinoma mammario: presente e futuro Dr. Antonio Stefanelli U.O. Radioterapia Oncologica Az. Osp.

Dettagli

Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori. Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori. Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Applicazioni della fisica delle particelle alla cura dei tumori Dott.ssa Simona Giordanengo Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Torino, 5 Febbraio 2014 Sommario La fisica in medicina Le differenti radiazioni

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT

L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT L ELABORAZIONE DEL TREATMENT PLANNING NELLA RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE, NELL IMRT E NELL IGRT Michele Stasi, Barbara Baiotto S.C. Fisica Sanitaria A.O. Ordine Mauriziano & IRCC Candiolo -Torino Workshop

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08

PET e Radioterapia. Diana Salvo. Cagliari 21-06-08 PET e Radioterapia Diana Salvo Cagliari 21-06-08 Nuove tecnologie in radioterapia clinica 2D planning 3D conformal IMRT IMRT (Intensity Modulated Radiation Therapy) IMRT è una tecnica di elevata precisione

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT

Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT Radioterapia guidata dalle immagini (IGRT) con megavoltage CT L. Longoni IRCCS San Raffaele - Milano Trento, 17 Giugno 2010 Integrazione metodiche di avanguardia basate sulle immagini per definire il tumore

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico Sarcoma epitelioide Studio osservazionale prospettico marzo 2015 1 Metodologia : Promotore: Autori: Centro coordinatore: Studio osservazionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Via Venezian,

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIRAS SARA Indirizzo Via Fonseca 58, 09134, Cagliari Telefono (+39) 0706095458-0706095458 Fax 0706092003

Dettagli

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy

IGRT. .. with Tomotherapy Hi-Art. TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia. Image Guided RadioTherapy TSRM D. Bertoni U.O. Radioterapia Oncologica ASMN Reggio Emilia IGRT Image Guided RadioTherapy.. with Tomotherapy Hi-Art Glossario GLOSSARIO IGRT Ricerca Scientifica Tomotherapy Hi-Art Il concetto IGRT

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide M. Grosso - G. Boni Centro Regionale di Medicina Nucleare Università di Pisa INTRODUZIONE (I) La rimozione del Linfonodo Sentinella (LS) si basa sul concetto

Dettagli

c.palazolo1@virgilio.it 28/12/2009 a tutt oggi Contratto a tempo indeterminato Contratto a tempo determinato

c.palazolo1@virgilio.it 28/12/2009 a tutt oggi Contratto a tempo indeterminato Contratto a tempo determinato F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PALAZZOLO CARMELA Indirizzo Telefono 3495641784 Fax E-mail CORSO GARIBALDI N 101 S.FILIPPO DEL MELA 98040(ME) c.palazolo1@virgilio.it

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Autore N. pz Mediana Range. Mussi, 1996 [4] 15 30 nr. Granone, 2001 [5] 20 nr 29-60

Autore N. pz Mediana Range. Mussi, 1996 [4] 15 30 nr. Granone, 2001 [5] 20 nr 29-60 NSCLC - quadri clinici particolari trattamento di singola metastasi cerebrale e di una t resecabile: chirurgia e/o radioterapia? Ad oggi, non sono noti studi prospettici che valutino l impiego della radioterapia

Dettagli

CONCETTA SCHIAVONE Data di nascita 07/07/1972

CONCETTA SCHIAVONE Data di nascita 07/07/1972 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CONCETTA SCHIAVONE Data di nascita 07/07/1972 Cognome Nome Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico I.N.T. di Napoli Dirigente Medico Numero telefonico

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

chirurgiarticolare.it

chirurgiarticolare.it LE NEOPLASIE DELLE OSSA E DELLE PARTI MOLLI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Cremona 2009 1 METASTASI OSSEE Sede metastatica più rappresentata dopo polmone e fegato Il 15% dei carcinomi metastatizza allo scheletro

Dettagli

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M.

S.Terrazzino 1, L.Deantonio 2,3, S.Cargnin 1, L.Donis 3, C.Pisani 3, L.Masini 3, G.Gambaro 3, P.L.Canonico 1, A.A. Genazzani 1, M. Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità Università degli studi del Piemonte Orientale Divisione Universitaria di Radioterapia Direttore Prof. Marco Krengli Ruolo dei polimorfismi del DNA mitocondriale

Dettagli

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia

La radioterapia. Come assicurare la qualità: Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità - Novara S.C. Radioterapia Direttore Prof.M.Krengli Come assicurare la qualità: La radioterapia G ius eppina G ambaro S S R adioterapia AOU Novara

Dettagli

IMRT con Linac: tecniche statiche e tecniche dinamiche

IMRT con Linac: tecniche statiche e tecniche dinamiche IMRT con Linac: tecniche statiche e tecniche dinamiche Fabrizio Banci Buonamici U.O.C. Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliera Universitaria Senese f.banci@ao-siena.toscana.it 1 IMRT: not a treatment philosophy

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori

Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori Roberto Cirio Dipartimento di Fisica Sperimentale - Universita di Torino e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Sezione di Torino Scientific

Dettagli

Carcinoma della mammella

Carcinoma della mammella Unità Locale Socio Sanitaria 18 - Rovigo Ospedale San Luca, Trecenta S.O.C. di Chirurgia Generale Direttore: Dr ENZO FACCI Carcinoma della mammella Il trattamento delle stazioni linfonodali in relazione

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA

TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA MODULATA Alma Mater Studiorum-Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN ONCOLOGIA E PATOLOGIA SPERIMENTALE Ciclo XXII Settore scientifico-disciplinare di afferenza: MED/36 TRATTAMENTI RADIOTERAPICI AD INTENSITA

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale

Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica in Medicina e Chirurgia Applicazioni Diagnostiche della Realtà Virtuale Department of Diagnostic and Molecular Imaging, Interventional Radiology, Nuclear Medicine and Radiotherapy University "Tor Vergata Rome Italy Applicazioni in Italia della realtà Virtuale e della Robotica

Dettagli

Quali sono gli effetti collaterali a lungo termine del trattamento dei tumori cerebrali pediatrici?

Quali sono gli effetti collaterali a lungo termine del trattamento dei tumori cerebrali pediatrici? Quali sono gli effetti collaterali a lungo termine del trattamento dei tumori cerebrali pediatrici? I late effects influiscono solo sulla qualità di vita o anche sulla sopravvivenza a lungo termine dei

Dettagli

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE)

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) 1974 2.155 casi da 1 centro 2009 67.725 casi da 46 centri PARAMETRI TNM POLMONE T grandezza del tumore e invasione

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

NEOPLASIE DEL GASTROENTERICO GIOVANNA MANTELLO

NEOPLASIE DEL GASTROENTERICO GIOVANNA MANTELLO NEOPLASIE DEL GASTROENTERICO GIOVANNA MANTELLO stomaco 2012: quali nuove evidenze a supportare Ruolo? radioterapia adiuvante update, with a more than 10-year median follow-up STRONG PERSISTENT BENEFIT

Dettagli

Guida informativa CyberKnife. cancro della prostata

Guida informativa CyberKnife. cancro della prostata Guida informativa CyberKnife Trattamento del cancro della prostata Guida informativa CyberKnife Trattamento del cancro della prostata Da paziente che ha appena ricevuto una diagnosi di cancro della prostata

Dettagli

ANALISI DEI TEMPI DI ATTESA PER GLI INTERVENTO CHIRURGICI ALLA MAMMELLA : CHE FARE?

ANALISI DEI TEMPI DI ATTESA PER GLI INTERVENTO CHIRURGICI ALLA MAMMELLA : CHE FARE? La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori della mammella nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 23 marzo 2015 ANALISI DEI TEMPI DI ATTESA PER GLI INTERVENTO CHIRURGICI

Dettagli

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010 Gliomi ipotalamo- chiasmatici Dr. Christian Carlino Dr.ssa Anna Mussano Dr.ssa Maria Eleonora Basso TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL Torino, 27 novembre 2010 Gliomi di basso grado 30-40%

Dettagli

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze

Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica RADIOTERAPIA. prof Giampaolo Biti Università di Firenze Criteri di appropriatezza diagnosticoterapeutica in oncologia RADIOTERAPIA prof Giampaolo Biti Università di Firenze DEFINIZIONE Appropriatezza Capacità di assicurare, utilizzando le risorse disponibili

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gregianin Michele Data di nascita 23/05/1955

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gregianin Michele Data di nascita 23/05/1955 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gregianin Michele Data di nascita 23/05/1955 Qualifica Amministrazione I Fascia ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO IOV IRCCS Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Servizio di Medicina

Dettagli

Valutazione su base di popolazione degli esiti della radioterapia nel carcinoma mammario. Arduino Verdecchia, Milena Sant

Valutazione su base di popolazione degli esiti della radioterapia nel carcinoma mammario. Arduino Verdecchia, Milena Sant Valutazione su base di popolazione degli esiti della radioterapia nel carcinoma mammario Arduino Verdecchia, Milena Sant MOTIVAZIONI E FINALITA L evidenza di efficacia di un trattamento su base di trials

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Curriculum vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione. Titoli di studio. Piazzale D Errico n 92,Palazzo S.

Curriculum vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione. Titoli di studio. Piazzale D Errico n 92,Palazzo S. Curriculum vitae Informazioni personali Nome Cognome Indirizzo Luciana Rago Piazzale D Errico n 92,Palazzo S.Gervasio (PZ) Telefono ufficio 0972-726480 E-mail Cittadinanza ragoluy@gmail.com Italiana Data

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare

Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare Serie - Collaborazione multidisciplinare in oncologia toracica a cura di Silvia Novello Nuove tecniche radioterapiche in oncologia polmonare Innovative radiation technologies in thoracic oncology Riassunto

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano

IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini. Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano IGRT Radioterapia Guidata dalle Immagini Mauro Palazzi SC Radioterapia Ospedale Niguarda, Milano 3 rivoluzioni tecnologiche recenti in Radioterapia 1. inizio anni 90- pianificazione ( RT 3D ) 2. fine

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

Scuola di Specializzazione in Radioterapia Oncologica Ospedale Clinicizzato SS Annunziata U.O.C. Di Radioterapia Oncologica CHIETI

Scuola di Specializzazione in Radioterapia Oncologica Ospedale Clinicizzato SS Annunziata U.O.C. Di Radioterapia Oncologica CHIETI Scuola di Specializzazione in Radioterapia Oncologica Ospedale Clinicizzato SS Annunziata U.O.C. Di Radioterapia Oncologica CHIETI VARIABILITÀ INTEROSSERVATORE NELLA CONTORNAZIONE DEGLI ORGANI A RISCHIO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

Il carcinoma polmonare

Il carcinoma polmonare Il carcinoma polmonare 1 Statistiche Nuovi casi stimati e morti da carcinoma polmonare negli Stati Uniti nel 2009 Nuovi casi 219.440 Morti: 159.390 Periodo 1995-2001 Probabilità di sopravvivenza a 5 anni

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Curriculum Vitae di MAURIZIO AMICHETTI

Curriculum Vitae di MAURIZIO AMICHETTI Curriculum Vitae di MAURIZIO AMICHETTI DATI PERSONALI nato a, il TRENTO, 17-04-1954 PROFILO BREVE Direttore, Unità Operativa di Protonterapia Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento TITOLI

Dettagli

Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche. Tesi di laurea

Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche. Tesi di laurea Università degli studi di Torino Laurea in Scienze Statistiche Tesi di laurea Studio dell effetto del rumore della TC nella pianificazione dei trattamenti adroterapici in un caso di tumore cerebrale pediatrico.

Dettagli

Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER

Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER Rischio di mesotelioma dopo radioterapia esterna: uno studio longitudinale basato sui dati SEER Andrea Farioli a, Marta Ottone a, Alessio Giuseppe Morganti b, Gaetano Compagnone c, Fabrizio Romani c, Silvia

Dettagli

Casi Clinici Prof. M. Battaglia

Casi Clinici Prof. M. Battaglia Casi Clinici Prof. M. Battaglia Caso Clinico 1 Paziente di 77 aa con macroematuria Diagnosi i TAC di neoformazione renale sinistra i polare inferiore i con coinvolgimento della pelvi e presenza di lesioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI ENDOCRANICI

CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI ENDOCRANICI TUMORI ENDOCRANICI Neoplasie che si sviluppano all interno del cranio, prendendo origine sia dal tessuto nervoso (encefalo e nervi cranici), sia dai suoi involucri (meningi e cranio), sia da strutture

Dettagli

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE

Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE Radioterapia Stereotasica: DEFINIZIONE La Radioterapia Stereotassica è una tecnica utilizzata per il trattamento di lesioni individuate attraverso metodi stereotassici accurati che, avvalendosi delle tre

Dettagli

La stru(urazione di un area pediatrica dedicata all interno di un centro di protonterapia (CPT) nascente

La stru(urazione di un area pediatrica dedicata all interno di un centro di protonterapia (CPT) nascente La stru(urazione di un area pediatrica dedicata all interno di un centro di protonterapia (CPT) nascente B. Rombi*, D. Pedro0, P. Orler **, L. Meneghello, A. Lama #, G. Basso, S. Vennarini*, M. Amiche0*

Dettagli

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 1 marzo 2012 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia

Dettagli

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA ENCEFALICA CON GAMMA KNIFE: INDICAZIONI CLINICHE, PROBLEMATICHE E DIFFERENZE CON ALTRE METODICHE STEREOTASSICHE

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA ENCEFALICA CON GAMMA KNIFE: INDICAZIONI CLINICHE, PROBLEMATICHE E DIFFERENZE CON ALTRE METODICHE STEREOTASSICHE RADIOTERAPIA STEREOTASSICA ENCEFALICA CON GAMMA KNIFE: INDICAZIONI CLINICHE, PROBLEMATICHE E DIFFERENZE CON ALTRE METODICHE STEREOTASSICHE Micaela Motta - HSR, Milano IX CORSO PARTENOPEO DI RADIOTERAPIA:

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA

LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA LA SORVEGLIANZA ATTIVA: TIMING, TECNICA E NUMERO DI PRELIEVI DELLA REBIOPSIA -Salvatore Privitera- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA U.O.C. Urologia Direttore Prof. Giuseppe Morgia Cure might not be possible

Dettagli

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008 Fisica Medica 7 Terapia con Adroni Adroterapia (terapia con adroni) 1. Protoni 2. Ioni carbonio 3. BNCT (Boron Neutron Capture Therapy) Adroterapia (terapia con

Dettagli

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Via Marconi 66 80059 Torre del Greco (NA) ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Oltre alle tabelle e dati consultabili sul sito, riteniamo opportuno fornire alcune tabelle

Dettagli

D IMPORZANO ELENA. Dirigente Medico

D IMPORZANO ELENA. Dirigente Medico INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 24/02/1974 Qualifica D IMPORZANO ELENA Dirigente Medico Incarico attuale Dirigente Medico c/o U.F. Cure Palliative Livorno dal 25/05/2009 Numero telefonico dell

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow

La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow U.O. Radioterapia Rimini Direttore Dr. F.Perini La Simulazione Virtuale: Filosofia e Workflow Francesco Perini Cagliari, 20-21 Giugno 2008 Filosofia Simulazione da SIMŬLARE: Fingere, Imitare in Figura,

Dettagli

Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi VARESE

Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi VARESE IL TRATTAMENTO DEL CARCINOMA PROSTATICO IN FASE INIZIALE: OSSERVAZIONE, CHIRURGIA O RADIOTERAPIA? Paolo Antognoni, * Alberto Mario Marconi ** * S.C. RADIOTERAPIA, ** S.C. UROLOGIA Ospedale di Circolo e

Dettagli

Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori

Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori Dalla fisica nuovi strumenti per la diagnosi e la cura dei tumori Roberto Cirio Dipartimento di Fisica - Università di Torino e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Sezione di Torino La Fisica in gioco

Dettagli

La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas

La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas La radioterapia intraoperatoria (IORT) nel cancro del pancreas IORT : Definizione Erogazione di una dose singola elevata di radiazioni in zone anatomiche ad alto rischio di recidiva o sede di residuo micro

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Radioterapia ipofrazionata con localizzazione stereotassica nelle neoplasie toraciche ed addominali

Radioterapia ipofrazionata con localizzazione stereotassica nelle neoplasie toraciche ed addominali Radioterapia ipofrazionata con localizzazione stereotassica nelle neoplasie toraciche ed addominali Dr. G.Frezza Frezza. U.O di Radioterapia, Ospedale Bellaria Bologna Radioterapia ipofrazionata con localizzazione

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli