Presentazione Protonterapia. Marco Cianchetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione Protonterapia. Marco Cianchetti"

Transcript

1 Presentazione Protonterapia Marco Cianchetti

2 L uso dei protoni in radioterapia Rispetto ai raggi X: Migliore distribuzione di dose LET e RBE equivalente ( )

3 Improve the Physical Dose Distribution by Using a Different Type of Radiation DOSE low entrance dose DEPTH (CM) very narrow peak (few mm) depth of penetration depends on the proton s energy NO exit dose

4 Miglior rapporto dose-profondità dei Protoni MeV proton BP Dose (%) Depth (cm)

5

6 Raggi X Protoni

7 Proton CSI: thecal sac only Note: Whole vertebral body is treated in patients who have not completed growth. Krejcarek, Yock, IJROBP 68: , 2007

8 Vantaggi clinici della protonterapia (legati alla migliore localizzazione della dose) Minor dose ai tessuti normali Minore tossicità ai tessuti normali Migliore radiotolleranza (< interruzioni) Migliore integrazione con terapia sistemica Riduzione effetti tardivi Possibile dose-escalation Maggior controllo tumorale

9 Quali fattori hanno limitato l applicazione della protonterapia? 1. Motivi tecnici (fasci fissi, posizione seduta...) 2. Motivi organizzativi (sharing beam time, schedule...) 3. Motivi economici (n. pazienti, tecnologia...) Strutture ospedaliere dedicate (gantry, aumento n. pazienti, riduzione costi)

10 Strutture di adroterapia in fase di pianificazione o in costruzione.totale 42 nuovi progetti!

11 Centri in attività nel 2013: 40!

12

13

14

15

16

17 Documento A.I.R.O R O I Sulla base dei pazienti potenzialmente trattabili in Italia, è stata stimata la necessità di sviluppare 5 centri distribuiti nel territorio nazionale: uno ogni 8-10 milioni di abitanti

18 Categoria A: numero di pazienti trattabili con protonterapia in Italia (forte indicazione) Patients / year Treatable with protons Uveal Melanoma % Skull base Chordoma % Skull base Chondrosarcoma % Skull base Meningioma % Paraspinal Tumors % Cranial nerves Schwannoma % Hypophysis Adenoma % TOTAL %

19 Categoria B: numero di pazienti trattabili con protonterapia in Italia con potenziale vantaggio Tumor types patients / year treatable with protons Brain neuroepithelial tumors % Brain Metastases % Head neck tumors % Thyroid tumors % NSCLC % Tymomas % Esophageal tumors % Biliary tract tumors % Hepatocellular tumors % Pancreatic tumors % Rectal tumors % Cervix tumors % Bladder tumors % Prostate tumors % Pelvic recurrences after surgery >500 >250 50% Pediatric solid tumors % Non-neoplastic lesions AVMs % Macular degeneration??? TOTAL > > %

20 Tumori Oculari: localizzazione storica della PT

21 Area Bunker

22 Base del cranio-sistema Nervoso centrale

23 QUALI DATI? HGG TIPO DI TUMORE CEREBRALE NUMERO DI STUDI Cordomi e Condrosarcomi 8 Gliomi di Basso Grado (LGG) 3 Gliomi di Alto Grado (HGG) 2 Meningiomi Benigni 6 LGG Meningiomi Atipici e Maligni 4 Adenomi Ipofisari 2 Schwannomi vestibolari 4 Schwannoma vestibolare Cordoma Adenoma Ipofisario Meningioma

24 Review in neoplasie del basicranio Radiosurgery with photons or protons for benign and malignant tumours of the skull base: a review. Amichetti M, Amelio D, Minniti G. - Radiat Oncol A systematic review of proton therapy in the treatment of chondrosarcoma of the skull base. Amichetti M, Amelio D, Cianchetti M, Enrici RM, Minniti G. - Neurosurg Rev Radiotherapy and radiosurgery for benign skull base meningiomas. Minniti G, Amichetti M, Enrici RM. - Radiat Oncol Proton therapy in chordoma of the base of the skull: a systematic review. Amichetti M, Cianchetti M, Amelio D, Enrici RM, Minniti G. - Neurosurg Rev The role of fractionated radiotherapy and radiosurgery in the management of patients with craniopharyngioma. Minniti G, Esposito V, Amichetti M, Enrici RM. - Neurosurg Rev. 2009

25 Riduzione dose integrale a tessuto cerebrale normale Dosimetric Advantage of PBS over Double-Scattering for the Treatment of Brain Cancer Patients Maura Kirk, Sabina Vennarini et Al Dept. of Radiation Oncology, Hospital of the University of Pennsylvania ESSEN 2013 PTCOG 52 PBS Tecnica in funzione delle localizzazioni anatomiche!!!!!

26 IMPLEMENTAZIONE DEI PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO NEL CENTRO DI PROTONTERAPIA DI TRENTO (Principali) Patologie di interesse clinico CORDOMA e CONDROSARCOMA della BASE CRANICA GLIOMI DI BASSO GRADO MENINGIOMA ALTRE NEOPLASIE DELLA BASE CRANICA (meningioma, schwannoma vestibolare, adenomi ipofisari) CORDOMA SPINALE CRANIOFARINGIOMA EPENDIMOMA GLIOMI DI ALTO GRADO

27 RISPARMIO MEDIE-BASSE DOSI MINORI DEFICIT NEUROLOGICI MINORI DEFICIT NEUROCOGNITIVI MINORI DEFICIT IPOTALAMO-IPOFISARI MINORI DEFICIT UDITIVI RIDUZIONE NEOPLASIE RADIOINDOTTE RISPARMIO ALTE DOSI AGLI OAR RIDUZIONE RISCHIO TOSSICITA ACUTA E TARDIVA (nervi ottici, chiasma, tronco.)

28 TRATTAMENTO CON PROTONI DI NEOPLASIE PEDIATRICHE RIPORTATE IN LETTERATURA SNC tumors Low-grade glioma Optic pathway glioma Germ cell tumors Medulloblastoma, Ependymoma Craniopharyngioma Skull base tumors Pineal tumors Chordoma/chondrosarcoma Soft tissue tumors Rhabdomyosarcoma Ewing s tumor Retinoblastoma Wilm s tumor Neuroblastoma

29 Effetti delle radiazioni nei pazienti pediatrici Oltre il 70% dei tumori pediatrici sono curati Gli effetti collaterali della radioterapia possono essere severi La radiazione inibisce la crescita e lo sviluppo in maniera dose dipendente La radioterapia sul cervello altera la funzione neurocognitiva e neuroendocrina A livello extracerebrale, rischio di effetti funzionali e cosmetici Secondi tumori (10-15% a 15 anni)

30 Razionale per l uso dei protoni nel trattamento dei tumori pediatrici Benefici Potenziali : Migliorare la Qualità di vita riducendo la morbidità trattamento-correlata Ridurre la dose ai tessuti normali circostanti = ridurre morbidità acuta e tardiva Potenziale incremento del controllo locale e sopravvivenza - aumento della dose senza incremento degli eff. collaterali Riduzione secondi tumori Potenziale miglioramento della compliance alla chemioterapia

31 Proton radiation therapy for pediatric chordoma of the skull base Liebsch NJ, Krengli M, Cianchetti M 105 pazienti pediatrici dal 1981 al 2009 hanno ricevuto radioterapia post-operatoria con tecnica mista fotoni-protoni Dose mediana totale: 78,5 Gy(RBE) in frazioni da 1,8-2.0 Gy (RBE) Follow-up mediano: 9,5 anni Controllo locale a anni: 81%-78%-72%-72% Sopravvivenza globale a anni: 76%-64% Nessuna tossicità superiore al G3 Collaborazione con MGH Boston Tumori, Vol 10, Numero 2, Novembre 2010, S 76

32

33 TRATTAMENTO MEDULLOBLASTOMA PEDIATRICO 3DCRT TOMO IMPT % Gy Dose 35% Dose 10% Dose 0% Collaborazione con CRO Aviano, 2010 Mascarin M. Tumori 2010;96:316-21

34

35

36 CONFRONTO IMRT vs. IMPT IN NEUROBLASTOMA IMRT IMPT Collaborazione con MGH Boston, 2011 B. Rombi, Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2012;83:

37 Implementazione attività radio-oncologica in pediatria Rafforzamento struttura onco-ematologica attuale Necessità attività anestesiologica Sviluppo rete assistenza socio-psicologica

38

39 Protoni per i tumori del distretto testa-collo Riduzione di dose al globo oculare ed alle vie ottiche Risparmio di dose alle ghiandole salivari Riduzione di dose agli organi coinvolti nella deglutizione Possibilità di dose escalation su cellule ipossiche mantenendo al contempo la qualità di vita PTCOG 52

40 Head & Neck tumors Oropharynx Sinonasal tumours Nasopharynx Skin with perineural invasion Lacrimal gland Salivary gland Paragangliomas Sarcomas

41

42 Tomotherapy 75 Gy IMPT 1 1 Head & Neck (nasopharynx) Tumoral volumes: Macroscopic Tumor (66 Gy) Lymphnodes at risk (54 Gy) Principal OAR 1 20 Gy 1 Parotid Mucoses Chiasm Spinal cord Brainstem Larynx Esophagus Thyroid Integral Dose! Collaborazione ATreP H.S. Raffaele MI Widesott et al. Int.J.Rad.Oncol.Biol.Phys.2008,72:589-96

43

44 Collaborazione ATreP MGH Boston

45 Recidiva di parete Boost DS vs photon

46 Neoplasie comuni: ca. mammella POSSIBILI INDICAZIONI: - Anatomie sfavorevoli - Irradiazione volumi linfonodali - Lesioni avanzate (T4) - Trattamenti concomitanti - Patologie cardiache e polmonari - Parete toracica

47 Proton Beam Versus Photon Beam Dose to the Heart and Left Anterior Descending Artery for Left-Sided Breast Cancer Lilie Lin MD 1, Sabina Vennarini MD 2, Andreea Demofte PhD 1, Sonny Batra MD 1, Katie Shillington CMD 1, Stefan Both PhD 1, Francesco Dionisi MD 2, Zelig Tochner MD 1, Gary Freedman MD 1 1 Department of Radiation Oncology, Perelman University of Pennsylvania, Philadelphia, PA; 2 ATREP Agenzia Provinciale per la Protonterapia, Purpose/Objectives APSS Trento, Italy A B Ischemic cardiac disease is a known complication after radiotherapy for breast cancer(3). Dose to the whole organ heart structure has been shown to be reduced for left-sided breast radiation by techniques including photon IMRT, deep inspiration breath hold (DIBH), and proton beam irradiation(1). However, dose to the whole heart may not correlate well with dose to the critical structure for late events particularly coronary events involving the left anterior descending (LAD) artery. Our purpose was to compare the dose to heart, LAD, and lung between tangential proton and photon beam irradiation for left-sided early stage breast cancer patients receiving radiotherapy. Materials/Methods Ten women with early stage left-sided breast cancer were treated with breast-conserving surgery and radiation. Each gave permission to participate on an IRB-approved prospective study of DIBH and proton beam radiation planning. Whole breast radiation was delivered via a tangential technique utilizing DIBH (SDX ), inverse planning and sliding window IMRT (Eclipse ). The DIBH scan was used for this protocol in order to eliminate the potential effects of motion on the dose distributions. Each patient was replanned using en face PBS proton beam radiation. The heart and LAD were contoured by a single radiologist/radiation oncologist (SV) as per Feng et al(2). Prescription dose to the whole breast was 50 Gy in 2 Gy fractions with breast clinical target volume coverage of 95% >95%. Results The coverage of the breast clinical target volumes was comparable between photon and proton plans. All parameters for heart, lung, and LAD were significantly better with PBS vs photon IMRT. Table 1 summarizes the dose volume parameters to the heart, lung, LAD and Breast CTV. C Figure 1: PBS proton plan in low dose(5%) colorwash in axial (A), coronal (B), and (C) sagittal view A B C Figure 2: A) Contour of LAD in Lateral DRR; B) DVH of CTV (red), lung (purple), C)DVH of Heart (yellow) LAD (red), white arrowheads denote photons Modality Conclusions: Breast Heart Lung LAD CTV95 V20 (%) (%) V10 (%) V5 (%) Mean (%) V20 (%) V5 (%) Mean (%) Mean (%) Min (%) Max (%) D0.2 cc (cgy) Photon PBS P Value <0.001 <0.001 <0.001 < < <0.001 Table 1: Dose volume parameters for heart, lung, LAD and CTV The dose to whole heart was relatively low in this study of patients treated under conditions of DIBH. However, proton beam radiation was associated with lower minimum, maximum, and dose to 0.2 cc of the LAD which is the critical structure for late RT effects. Due to the variations in the magnitude of benefit within each patient, comparative planning may be needed for each patient prior to treatment to determine the benefit of protons. References 1) Postoperative proton radiotherapy for localized and locoregional breast cancer: potential for clinically relevant improvements? Ares C, Khan S, Macartain AM, Heuberger J, Goitein G, Gruber G, Lutters G, Hug EB, Bodis S, Lomax AJ. Int J Radiat Oncol Biol Phys Mar 1;76(3): ) Development and validation of a heart atlas to study cardiac exposure to radiation folowing treatment for breast cancer. Feng M, Moran JM, Koelling T, Chughtai A, Chan JL, Freedman L, Hayman JA, Jagsi R, Jolly S, Larouere J, Soriano J, Marsh R, Pierce LJ. Int J Radiat Oncol Biol Phys Jan 1;79(1): )Risk of ischemic heart disease in women after radiotherapy for breast cancer. Darby SC, Ewertz M, McGale P, Bennet AM, Blom-Goldman U, Brønnum D, Correa C, Cutter D, Gagliardi G, Gigante B, Jensen MB, Nisbet A, Peto R, Rahimi K, Taylor C, Hall P. N Engl J Med Mar 4;368(11):

48 Clinical experience with proton therapy for GI cancers: a review F. Dionisi, D. Amelio, M. Cianchetti, E. Iannacone, D. Ravanelli, B. Rombi, S. Vennarini, L. Vinante, M. Amichetti Gastroenterol. Hepatol. Res. accepted October Thus, the clinical experience is still scarce. Most of the studies regarding the use of PT in GI cancer treatment focused on HCC and reported good outcomes. A survival benefit could also be achieved in pancreatic cancer. A potential benefit can be presumed in all other malignancies by the reduction of treatment-related toxicity with a possible improvement in cancer survivors' quality of life. Several trials are currently ongoing such as

49 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 patient 1 patient 2 patient 3 S. Batra 1, F. Dionisi 2, M. Kirk 1, S. Both 1, S. Vennarini 2, J. McDonough 1, J. M. Metz 1, J. P. Plastaras 1 1 Dep. of Radiation Oncology, Hospital of the University of Pennsylvania, 2 ATREP Agenzia provinciale per la Protonterapia, APSS Trento, Italy AIM To report the initial experience using pencil beam scanning proton therapy (PBSPT) in the treatment of locally advanced rectal cancer (LARC), to evaluate initial outcomes, and to compare dosimetric results with photon therapy plans. METHODS Patients with LARC were treated concurrently with continuous infusion 5-FU 225mg/m 2 /d and radiotherapy to a dose of 50.4 Gy RBE preoperatively. Pts were positioned supine with a comfortably full bladder. Clinical target volumes included the mesorectum and the regional nodes. In addition to a planning target volume, a proton specific target volume was created to account for range uncertainty in the beam direction. PBSPT was delivered using a fixed beam line with two opposed lateral fields. Daily pretreatment verification was performed with orthogonal kilovoltage images registered to bony anatomy and weekly offline CT scans were performed for verification purposes. Back-up photon treatment plans were devised using volumetric arc therapy (RapidArc, RA). For PBSPT vs. RA plan comparison, conformity index (CI), homogeneity index, main organ at risk (OAR) sparing and the integral dose (ID) were calculated. Fig. 1 Dose distribution of PBST(left) and RA (right) for pt. 1 RESULTS Outcomes of the first 3 pts who completed neoadjuvant PBSPT are presented. Dosimetric Both PBSPT and RA covered 99% of the PTVs with 95% of the prescription dose. CI was slightly better with RA and homogeneity (0.95 ± 0.11 PBSPT vs 1.01 ± 0.14 RA) was similar (fig. 1,2). PBSPT achieved better OAR sparing (small bowel, femoral heads, bladder) and lower ID values (fig. 3,4) Clinical The average overall treatment time was 41.3 days. No G3 toxicities were observed. No major perioperative complications were reported. With an average post-radiation interval of 8.5 weeks both downstaging (to Stage I) and downsizing were obtained in the two patients that underwent surgery as of May Fig. 3 Comparison of OAR sparing and Integral dose between PBSPT and RA PTCOG ESSEN 52 Trento - UPENN Fig. 2 Residual dose (pt. 1) from RA minus PBSPT Fig. 4 DVH evaluation of target coverage and OAR sparing (pt 2) bladder PT Small bowel RA R Femoral head RA PTV PT R Femoral head PT Small bowel PT bladder RA PTV RA CONCLUSIONS These preliminary results suggest a potential role for PT to minimize morbidity, especially bowel related, in the treatment of LARC with a possible impact on patients quality of life. Future opportunities include investigation of hypofractionation and novel chemotherapies with PT. A clinical protocol is under development.

50 Fegato Proton therapy in the treatment of Hepatocellular carcinoma (HCC): systematic review F. Dionisi, L. Widesott, S. Lorentini, M. Amichetti Submitted to Radiother. & Oncol.

51

52

53

54 Protontherapy for pleural mesothelioma IMRT IMPT IMRT-IMPT Collaborazione con Ist. del Radio Univ. Brescia Lorentini S. et al. Strahlenther. Onkol. 2012

55

56 Loggia prostatica Tomoterapia IMPT 2 campi 78 Gy 10 Gy collaborazione ATreP S. Raffaele Widesott et al. IJROBP 2011; 80: 1589

57 Linfonodi pelvici Tomoterapia IMPT 2 campi 78 Gy 10 Gy collaborazione ATreP S. Raffaele Widesott et al. 2009

58 ASTRO s five recommendations 2013: Don t initiate whole breast radiotherapy as a part of breast conservation therapy in women age 50 with early stage invasive breast cancer without considering shorter treatment schedules. Don t initiate management of low-risk prostate cancer without discussing active surveillance. Don t routinely use extended fractionation schemes (>10 fractions) for palliation of bone metastases. Don t routinely recommend proton beam therapy for prostate cancer outside of a prospective clinical trial or registry. Don t routinely use intensity modulated radiation therapy (IMRT) to deliver whole breast radiotherapy as part of breast conservation therapy.

59 Sarcomi tessuti molli - Osteosarcomi 1-field proton spot scanning 9-field IMRT Tumore desmoide recidivante in ragazzo di 12 anni Collaborazione ATreP PSI Villigen (SWI)

60 Collaborazioni sul tema sarcomi Partecipazione in teleconsulto agli incontri multidisciplinari e valutazione casi clinici Sarcoma Unit Royal Marsden Hosp. Londra Partecipazione attiva medici agli incontri multidisciplinari e valutazione casi clinici presso Istituto Rizzoli e Università di Bologna CRO Aviano Collaborazione a carattere di ricerca e formativa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

61 Collaborazioni sul tema sarcomi Confronto fra Protonterapia ad intensità modulata e Tomoterapia elicoidale nel trattamento dei sarcomi retroperitoneali Marco Bettuzzi, Tesi Laurea Anno Accademico , Università di Modena e Reggio Emilia

62 Protonterapia: necessità di collaborazione in tema psicologico TEMATICHE: pazienti pediatrici - adolescenti problema cancro ambiente con grosso carico tecnologico accettazione varie fasi del trattamento (CT, RM, immobilizazione, anestesia, trattamento al gantry) più figure di riferimento provenienza extraregionale, spiazzamento formazione ex-novo del team reinserimento follow - up psicologia del lavoro

63 Attività U.O. Protonterapia in corso 1. Test di accettazione delle attrezzature 2. Attività di commissioning 3. Attività di preparazione alla clinica

64 Individuazione patologie da affrontare A. PATOLOGIE IN FASE DI AVVIO Tumori della base cranica (cordomi, condrosarcomi, meningiomi, schwannomi) Neoplasie del capo-collo (seni mascellari, carcinomi adenoideo cistici, rinofaringe) Neoplasie pediatriche selezionate (cerebrali, sarcomi) Neoplasie cerebrali (gliomi basso grado) Neoplasie prostatiche selezionate Lesioni della colonna vertebrale B. PATOLOGIE IN FASE EVOLUTIVA Neoplasie della mammella Lesioni toraco-mediastiniche (timoma, mesotelioma) Neoplasie pediatriche complesse (medulloblastoma, neuroblastoma) Sarcomi degli arti e retroperitoneali Neoplasie app. gastroenterico (pancreas, retto, esofago) C. PATOLOGIE IN FASE AVANZATA Neoplasie degli organi di movimento (polmone, fegato)

65 APPROCCIO AI TRATTAMENTI EVOLUZIONE DA CASI RELATIVAMENTE «SEMPLICI» A CASI VIA VIA PIU COMPLESSI SELEZIONE DEI CASI SULLA BASE DI UN CONFRONTO ALL INTERNO DEI GRUPPI DI LAVORO MULTIDISCIPLINARI TRATTAMENTI DEDICATI PREFERENZIALMENTE A PATOLOGIE STORICAMENTE NON AFFRONTATE DALLA RADIOTERAPIA CONVENZIONALE SELEZIONE DI SOTTOGRUPPI DI PAZIENTI TRATTABILI CON BENEFICIO ALL INTERNO DI SPECIFICI GRUPPI DI PATOLOGIA

66 Capacità potenziale di trattamento fino a regime Sale di trattamento/turni Turni sala Turni sala Sale in uso Ore per turno gg. funzionamento downtime 10% 10% 10% 10% Durata sessione Turni per giorno Sedute/settimana Sedute/periodo N. pazienti

67 Programmazione attività clinica Preparazione protocolli di trattamento Preparazione PDTA Simulazione percorsi Esercizi di contornamento target Esecuzione simulata piani di trattamento Attività di collegamento/cooperazione con altri centri

68 Contornazione volumi di irraggiamento VOLUMI CONDIVISI LIBRERIE ESERCIZI TESTO DEFINITO (LINEE GUIDA)

69 Studio percorsi pazienti e personale

70 Percorsi pazienti e personale LIVELLO 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO 4 LIVELLO DOCUMENTAZIONE Documento generale che descrive le fasi in successione dalla presa in carico alla dimissione del paziente specificando le diverse fasi successive ed il loro scopo a. Descrizione specifica per distretto (tipo capo-collo.) delle singole operazioni e della loro successione (es. TAC: mdc, spessore slice.) b. Riassunto ad uso clinico (per ambulatorio) c. Riassunto ad uso tecnico (per simulatore ) Protocollo di trattamento dettagliato con bibliografia per singola patologia con specifica di caratteristiche del piano e dose-volume Protocolli di trattamento di specifici gruppi cooperativi o di studi sperimentali

71 INTERNA ed ESTERNA Comunicazione

72 Rischio clinico Identificazione, analisi, trattamento, monitoraggio rischio clinico (Gestione del rischio) Estensione bozza manuale di qualità

73 Conclusioni Ortovoltaggio Co 60 Linacs 3D-CRT IMRT Tomo IMAT Protoni IMPT Migliore distribuzione di dose I protoni possono essere considerati il passo successivo nell avanzamento della radioterapia I protoni non sono necessariamente competitivi con la radioterapia Potrebbero semplicemente fornire un altra modalità di trattamento per quei casi che non possono essere trattati adeguatamente con i fotoni

74

75 Grazie per l attenzione

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Garanzia di qualità in radioterapia. Linee guida in relazione agli aspetti clinici e tecnologici Gruppo di studio Istituto Superiore di Sanità Assicurazione di Qualità in Radioterapia

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un

La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un 1 Introduzione La maggior parte dei Registri Tumori degli ultimi anni fa rilevare un aumento nell incidenza del Carcinoma Prostatico (tasso d incidenza di 55 casi per 100.000 e quello di mortalità di 22,6

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM 3-2005 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari

Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale. Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Tumori cerebrali e tumori del sistema nervoso centrale Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Impressum _Editrice Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 casella postale

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli