ELEMENTI DI BASE. Valentina Ferrarini Bruno Iafelice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI BASE. Valentina Ferrarini Bruno Iafelice"

Transcript

1 SENSORI BIOLOGICI ELEMENTI DI BASE Valentina Ferrarini Bruno Iafelice DEIS - Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica ARCES Advanced Reserch Center on Electronic Systems Cosa e un sensore? Sensore : trasduttore che rileva i valori di una grandezza fisica [ ], o i suoi cambiamenti, e li trasmette a un sistema di controllo. fonte: Dizionario Garzanti della lingua italiana Sensor: a device that responds to a physical stimulus (as heat, light, sound, pressure, magnetism, or a particular motion) and transmits a resulting impulse (as for measurement or operating a control). fonte: M-W Dictionary

2 Sensori Biologici Fonte: H. Nakamura and I. Karube, Current research activity in biosensors, Anal Bioanal Chem (2003) 377 : Energia dai microrganismi

3 Electrical energy production from cells Conversion of chemical energy from food to electrical energy No need for complex plants, high temperatures Microbial fuel cells Energy as environmental sensor Influenced by availability of food and other chemicals Le batterie biologiche come sensori Glucosio ph Farmaci Biosensore Corrente caratterizzare i microrganismi stessi microrganismi differenti microrganismi stimolo diverso stesso stimolo

4 Respirazione C6H12O6 + 6O2 6 CO2 + 6 H2O G = kj Lavoro chimico Lavoro di trasporto Lavoro meccanico Adenosine triphophate (ATP) è la molecola più importante per il trasporto dell energia. ADP+H3PO4 ATP + H2O G =+30.6 kj CATENA ENZIMATICA Glicolisi Glucosio 2ADP 2ATP 2Ac. Piruvico 2 CO 2 2 Acetil CoA 2ADP 2ATP 4CO 2 2NAD + 2NADH 2NAD + 2NADH 6NAD +,2FAD 6NADH,2FADH 2 6H 2 O 34ATP 34ADP 6O 2 C 6 H 12 O 6 + 6O 2 6 CO H 2 O G = kj 38 (H 3 PO 4 + ADP ATP+ H 2 O) G = (38 mol)( kj/mol) = ,8 kj 10 (NADH+ O 2 + H + NAD + + H 2 O) G = (10mol)(+60,5 kj kj/mol)= ,68 kj Efficienza ATP = 1162,8/ 2870= 40,5% Efficienza NADH = 2198,8/ 2870= 76,6%

5 Fermentazione (E.coli) Glucosio 2ADP 2ATP 2 Ac. Piruvico 2NAD + 2NADH Ac. Formico Etanolo Ac.lattico Ac.acetico Ac.succinico CO 2 H 2 2 (H3PO4 + ADP ATP+ H2O) G = (2mol)( kj/mol) = + 61,2 kj 2 (NADH+ Ac.piruvico + H + NAD + + Ac.lattico) G = (2mol)(+25,1 kj kj/mol) = kj Efficienza ATP = 61,2/ 2870 = 2.1% Efficienza NADH = 50/ 2870= 1.7% Microbial fuel cell

6 Microbial fuel cell : How does it work? ANODIC CHAMBER Proton exchange MEMBRANE cell Mediator reduced H + e - Mediator oxidized e - CATHODIC CHAMBER electrodes e - [FECN 6 ] 3- [FECN 6 ] 4- e - Microbial fuel cell : How does it work? The microbial fuel cell is constituted by two chambers separated by a semi-permeable membrane and it requires a water soluble mediator Redox mediators serve as electron shuttles that penetrate the bacterial cells, divert electrons from the respiration chain and transfer electrons to the fuel cell anode where, the reduced mediator is then electrocatalytically re-oxidized and is then free to repeat the cycle Cell metabolism produces protons in the anodic chamber, which may migrate through the proton selective membrane to the cathodic chamber where they are consumed by ferricyanide Fe 3- (CN) 6 and incoming electrons (via the external circuit) reducing it to ferricyanide Fe 4- (CN) 6

7 La pila di Bennetto E.Coli 10 8 cell/ml in PBS1X con Neutral Red Anaerobiosi (microaerofilia) 1 ciclo di 1 ora, solo tensione 1 ciclo di 1 ora, misura di corrente 1 ciclo di 3 ore, dopo l addizione di 1mmol di glucosio WT respirazione fermentazione 300 Current (microa) WT Glucose 1mmol Time (sec) Respirazione E. chimica E. elettrica 10 (NADH+ O 2 + H + NAD + + H 2 O) G = + 2,19868 kj Efficienza 0.02% E. Elettrica = I x V x tempo =292.17x 0.53 x 3600 =0.55 J Fermentazione 2 (NADH + Ac.piruvico + H + NAD + + Ac.lattico) G = 50,2 J E. Elettrica= I x V x tempo = x 0.53 x 7200 = 1,23 J Efficienza 2.4% Respirazione 10 (NADH+ O 2 + H + NAD + + H 2 O) G = + 2,19868 kj E. Elettrica = I x V x tempo = 313 x 0.53 x = 1,8 J Efficienza 0.08%

8 Electrical power production Experimental set-up: 100 µl, glucose as food E.coli as test strain (10 8 cells/ml) Circuit load 1 ko Cell treatments to improve energy production: Immobilization in agarose 100 µl Permeabilization Treatment No treatment Immobilization in Agarose Permeabilization with Triton X Current output (mean value) Methylen blue Neutral red 0,9 µa 1,2 µa 16 µa 18,2 µa 28,7 µa 32,4 µa How to improve the energy production? DNA as cell description code Tuning of cell energy production through DNA mutation Selective mutation DNA engineering Random mutation Chemical mutagenesis UV-c light mutagenesis Protoplast fusion

9 Tuning of the manufacturing engines E.Coli wild type UV Current assay Current Random mutagenesis DNA recombination through fusion of protoplasts A B Tuning of the manufacturing engines E.Coli wild type UV Current assay Current Random mutagenesis DNA recombination through fusion of protoplasts A B

10 Current assay algorithm Traditional way what can electronics do? Sample picking Parallel assay of ALL samples Data processing Current assay of the sample Are there more samples? Yes No Data processing Time reduction : from days to hours Current assay algorithm qeach well has an embedded sensor Ø No sample picking Ø High assay speed Ø and soon current assay and protoplast fusion in the same place 10

11 Screening system architecture Screening system architecture H cm H [FECN 6 ] 3- [FECN 6 ] 4- Well Channel

12 The biosensors array Plexiglass Transparency Biocompatibility Vapor sterilizing Gold Biocompatibility Corrosion-resistance Commonly used in PCB processing Plexiglass sheet: anode chamber Electrodes on PCB Proton exchange membrane Electrodes on PCB Plexiglass sheet: catode chamber Electrodes on PCB Proton exchange membrane ELEMENTI DI PROGETTO DI SENSORI BIOLOGICI Bruno Iafelice DEIS - Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica ARCES Advanced Reserch Center on Electronic Systems

13 FASI DI PROGETTO Tecnologia Identificazione della tecnologia/e utile Adattamento di tecnologie esistenti Studio di nuovi processi tecnologici Progetto del sensore Struttura Disegno 3d Scelta dei materiali Suddivisione del problema Elettrodi e piste Canali, viadotti e alloggiamento del campione biologico Modellizzazione e Simulazione Fenomeni fisici presenti : fenomeni trascurabili e fenomeni predominanti Modello circuitale Modello matematico Simulazione (es. Femlab) Scelta della Tecnologia Progetto Modellizzazione e Simulazione Test e Misura Test e Misura ELEMENTI TECNOLOGICI

14 Introduzione Individuare tecnologie esistenti in altri settori utili per la realizzazione di sensori biologici Integrazione e sinergia di tecnologie diverse: es. Packaging di dispositivi biomedicali e circuiti elettronici ibridi Caratterizzazione e scelta dei materiali Bio-compatibilita [2] Resistenza ai solventi Trasparenza Stabilita elettrochimica (metalli) [1,2] [1] M. Pourbaix, Electrochemical corrosion of metallic biomaterials, Biomaterials, vol. 5, pp , May [2] H. Zitter, Plenk H. Jr., The electrochemical behavior of metallic implant materials as an indicator of their biocompatibility, J. Biomed. Mater. Res., vol. 21(7), pp , Tecnologie Faremo riferimento alle seguenti tecnologie: Dry-film resist Molding con PDMS Tecnologia PCB con macchine controllo numerico (materiali non standard) }FLUIDICA e STRUTTURA Tecnologie PCB }RACCOLTA e TRATTAMENTO SEGNALI

15 Litografia Necessità di sagomare un film su un substrato Si trasferisce il disegno voluto da una maschera su uno strato di resist (una specie di emulsione fotografica) spalmato sul substrato. Ciò avviene attraverso due passi distinti: esposizione (alla luce UV, o agli elettroni, o ai raggi X, etc.) sviluppo, ovvero rimozione selettiva di alcune parti di resist, a seconda che siano state esposte o no La maschera di resist servirà come stampino nei processi seguenti, p. es. per proteggere determinate zone del wafer dall attacco di acidi La maschera è una lastra di quarzo, coperta da un sottile strato di cromo, nella quale è stato riprodotto il pattern voluto Componenti: Resist una sostanza di base (resina, polimero) non fotosensibile una sostanza fotosensibile, sensibile a una lunghezza d onda presente nello spettro UV usato. Deve permettere il procedere della reazione dalla superficie del resist fino alla superficie del substrato. Deve essere ben miscibile con la resina di base ed essere termicamente stabile un solvente per diminuire la viscosità e permettere la ricopertura del substrato

16 Resist positivo e negativo Meccanismi di funzionamento del resist positivo la resina di base è inerte rispetto alla luce e resistente ai processi di attacco il componente fotosensibile non è inizialmente solubile nello sviluppo tuttavia la solubilità aumenta di 100 volte, una volta esposto alla radiazione lo sviluppo quindi scioglie la parte di resist che è stata esposta; la restante parte non reagisce con la sostanza di sviluppo (developer), non lo assorbe, ed è lasciata invariata lo sviluppo è costituito da soluzioni alcaline (es. NaOH)

17 Meccanismi di funzionamento del resist negativo la luce ultravioletta provoca cross-linking, formazione di legami fra polimeri e allungamento della catena polimerica come per il resist positivo, esiste una dose minima (mj/cm2) a cui questo fenomeno avviene la nuova struttura non è più solubile nello sviluppo. Lo sviluppo non scioglie la frazione esposta, ma la permea e la fa gonfiare (perdita di risoluzione) lo sviluppo è costituito da solventi organici Tipi di resist Liquid-resist in forma liquida, si depone per spinning (e possibile regolare lo spessore della deposizione, da 0.1µm) Dry-resist in forma solida, si depone per laminazione (sono disponibili resist di vari spessori, da 30µm a 100µm)

18 Dry Film Resist (DFR) ORDYL SY300 APPLICATION METHODS ORDYL SY 300 PROCESS CONDITION SY 300 Speed m/min (f/min) 0,5-2,0 ( 1,6-6,5 ) Lamination Pressure bar (PSI) 1,0-2,5 ( ) Temperature C ( F) ( ) Sensitivity Exposure mj Stouffer steps 6-9 Development Paddle or dipping method BMR Developer SK - 4 Permanent Dry Film for MEMS and IC packaging Special Solvent developable High Resolution Excellent heat resistance Excellent chemical resistance High dimension stability BIO-COMPATIBLE Stripping ( only before post bake) BMR Stripper EG Temperature C ( F) ( ) Temperature C ( F) BMR Rinse SA 150 ( 302 ) Post Bake Time min GRADES AND DIMENSIONS Type designation Dry-film thickness Film width Film length ORDYL SY roll each box From 15 to 50 µm mm 30 m (0.6 2 mils) 7,87" - 9,84-13" inch 98,42 feet fonte ElgaEurope Fotolitografia con dry-film resist Laminazione Esposizione Sviluppo Etching Stripping

19 Microfluidica con dry-film resist (1) q Disegno al CAD e realizzazione della maschera Ø Stampanti laser e phaser Ø Flashmask q Laminazione sul substrato Ø Manuale Ø Laminatore q Esposizione ai raggi UV della superficie opportunamente mascherata Dry-resist Substrato Raggi UV Flashmask q Sviluppo q Bonding con un secondo substrato Il resist modellato delinea la struttura microfluidica Microfluidica con dry-film resist (2) q Contorni netti e pareti molto verticali q Possibilita di bonding con un secondo substrato q Basso costo Fotografie eseguite al microscopio elettronico, cortesia Paul Vulto q Uso del resist per sviluppo di Strutture Microfluidiche per: introdurre, trasportare e recuperare un campione cellulare [1, 2] [1] P.Vulto, N. Glade, L. Altomare, J. Bablet, G. Medoro, Leonardi, A. Romani, I. Chartier, N. Manaresi, M. Tartagni, R..Guerrieri, DRY FILM RESIST FOR FAST FLUIDIC PROTOTYPING, Micro Total Analysis Systems 2004, vol. 2, pp. 43 [2] P. Vulto, N. Glade, L. Altomare, J. Bablet, L. Del Tin, G. Medoro, I. Chartier, N. Manaresi, M. Tartagni, R. Guerrieri, Microfluidic channel fabrication in dry film resist for production and prototyping of hybrid chips, Lab on a Chip,

20 e per concludere fonte Tecnologia PCB a controllo numerico Quick Circuit 5000 T-Tech: Delinea piste Esegue fori Incide i contorni Materiale standard: FR4 (rame su fibra di vetro) Splindle Converter Controller Piano di fresatura PC con software IsoPro

21 Quick Circuit 5000 T-Tech Gruppo di fresatura/foratura e particolare del mandrino e del piede di fine foro. drill bit contour router endmill milling tools Tool di fresatura/foratura.

22 Macchine a controllo numerico e biosensori Adattabilità alla realizzazione di sensori biologici Lavora materie plastiche: plexiglass e teflon Protocolli di processo Esegue canali, viadotti, Usare i software CAD per i PCB

23 Protocollo di fabbricazione : struttura in plexiglass q Disegno al CAD q Esecuzione dei fori q Fresatura Ø rimozione della maggior parte del materiale per delineare le forme 800 µm q Rifinitura Ø planarizza Ø esecuzione dettagli Errori Ripetizione con disallineamento 600 µm Ordine delle maschere Ø Fori à Fresatura v.s Ø Fresatura à Fori 900 µm Sovrapposizione di maschere 800 µm 800 µm Velocita di esecuzione Ø Rotazione Ø Movimento Residui di lavorazione 23

24 Confronto tra le due tecnologie 1cm Fotolitografia con Dry-resist Tempo di fabbricazione: 30 ore Spessori ottenibili: µm Risoluzione: 40 µm Utilizzo di sostanze chimiche Tecnologia PCB a controllo numerico Tempo di fabbricazione: 1 2 ore Spessori ottenibili: 10 µm 3 mm Risoluzione: 100 µm PDMS Poly (dimethyl siloxane) Material characteristics: viscous optically transparent rubbery biocompatible easy and rapid for device development cost effective low quantity processing mechanically stable thermally stable (-45 C to 200 C) dielectric stability (epsilon=2.65) hydrophobic gas permeable courtesy Daniele Gazzola

25 PDMS Poly (dimethyl siloxane) Applications: biomedical devices, disposable products, chemical sensors, microfluidics based systems MEMS courtesy Daniele Gazzola PDMS Poly (dimethyl siloxane) Chemistry: courtesy Daniele Gazzola

26 PDMS Poly (dimethyl siloxane) Soft lithography: DFR 1 start with a rigid substrate Substrato (vetro) PDMS 2 produce the mold using standard photoresist processing 3 pour and cure PDMS 4 separate the PDMS device from the mold 5 complete the device by bonding the PDMS with a substrate courtesy Daniele Gazzola Esempio REALIZZARE UNA BATTERIA BIOLOGICA Usare le tecnologia del Dry-Resist e una macchina a controllo numerico da prototipizzazione per creare un sensore basato sul principio di una Batteria biologica alimentata a Batteri.

27 Schema tradizionale della batteria Contributo della tecnologia a controllo numerico Struttura in plexiglass Camere anodica 100 mm 3 Camere catodica 100 mm 3 Scheda PCB Elettrodi Guida per la membrana: spessore 180 µm Piste per portare i segnali all esterno

28 Contributo della litografia con dry-resist Double bonding con la struttura in plexiglass Plexiglass Tenuta stagna Realizzazione di microcanali e viadotti per introdurre il campione biologico Passivazione della PCB Dry-resist PCB Plexiglass: Maschere di processo

29 PCB: Maschere di processo Dry-resist: Maschere di processo Maschera fotolitografica PCB

30 Risultato finale 1 cm SENSORI BIOLOGICI ATTIVITA DI RICERCA IN CORSO Responsabile dei progetti: Prof. Roberto Guerrieri Valentina Ferrarini Bruno Iafelice DEIS - Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica ARCES Advanced Reserch Center on Electronic Systems

31 Chi siamo? Microbiologi Ingegneri Elettronici Perche lavoriamo insieme? cm µm 10 mm 1 µm 50 µm nm nm 65 nm 2015 Year 45 nm lls Ce s elle gan r O Process Logic transistors Logic transistors Technology (nm) / µm2 in 104 µm source: International Technology Roadmap for Semiconductors, (2003 edition) 31

32 Linee di ricerca Fuel Cells Mutagenesi Sensori Impedenziometrici Le problematiche che affrontiamo Progetto di schede Biologia molecolare Software: acquisizione ed elaborazione dati Ricerca di test marcatori Tecnologia Compatibilita Biologica dei materiali Modellizzazione Fluidica 32

33 Cosa offriamo? Tesi e Tirocini Dal software all hardware Dalla progettazione alla misura Possibilità di acquisire competenze strumenti cad software di simulazione software di modellizzazione interdisciplinari conoscenze in campo biologico Contatti Per informazioni contattare : Bruno Iafelice Valentina Ferrarini ARCES Advanced Reserch Center on Electronic Systems DEIS Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Viale Pepoli, 3/2 Bologna

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 2 Zs. M. Kovàcs Vajna Tecnologia planare del silicio I sistemi

Dettagli

wafer (100) wafer (110) wafer (111) y x

wafer (100) wafer (110) wafer (111) y x wafer (100) wafer (110) wafer (111) z z z y y y x x x Scanning Electron Microscope (SEM) image - Processi di deposizione di strati sottili di materiali i) Physical Vapor Deposition ii) sputtering A) PROCESSI

Dettagli

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR

Marianna Villano, Federico Aulenta *, Mauro Majone. Dipartimento di Chimica Sapienza Università di Roma * IRSA-CNR Celle di elettrolisi microbica Evidenze a scala di laboratorio e potenziali applicazioni per la depurazione di acque reflue con minima produzione di fanghi e con recupero di energia Marianna Villano, Federico

Dettagli

Tecnologia delle microstrisce

Tecnologia delle microstrisce Tecnologia delle microstrisce 1) Substrati materiali plastici materiali ceramici 2) Tecniche di realizzazione dei circuiti materiali plastici materiali ceramici Substrati materiale finitura sup. (µm) 10

Dettagli

Laboratorio di Elettronica

Laboratorio di Elettronica Laboratorio di Elettronica a.a. 2008-2009 Come nasce un circuito integrato Ing. Carmine Abbate e-mail: c.abbate@unicas.it webuser.unicas.it/elettronica PROGETTISTA Fabbricazione di un circuito integrato:

Dettagli

La fabbricazione delle celle solari

La fabbricazione delle celle solari La fabbricazione delle celle solari Roberta Campesato AEI Giornata di studio 2/12/2004 1 Fabbricazione delle celle solari Wafer epitassiale Cella solare n-contacts Monolithic Diode n-contacts AEI Giornata

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

Circuiti Quasi-Lineari. Aspetti Tecnologici

Circuiti Quasi-Lineari. Aspetti Tecnologici Circuiti Quasi-Lineari Prof. Gianfranco Avitabile Diagramma di di flusso del processo realizzativo 1 Tipo di Substrato Disegno Iniziale Disegno Maschera LAY-OUT? CAD Artworking Fotoriduzione Carrier Componenti

Dettagli

VNET HOP Hw code 2248 Rev. 0. VNET 433 Hw code 2235 Rev. 2. VNET 433 FLEX Hw code 2274 Rev. 0. VNET LP Hw code 2247 Rev. 0

VNET HOP Hw code 2248 Rev. 0. VNET 433 Hw code 2235 Rev. 2. VNET 433 FLEX Hw code 2274 Rev. 0. VNET LP Hw code 2247 Rev. 0 Cedac Software Srl Products line Hardware Division VNET HOP Hw code 2248 Rev. 0 Il modulo con protocollo Vnet 1.0 e Vnet 2.0 Advanced Mode (vedi Virtual Net architecture), consente una connessione tra

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta Il sistema a raggi ultravioletti UV Healt della gamma CTX è considerato uno dei migliori metodi per l igienizzazione dell acqua, complementare al cloro o ad altri prodotti residuali, grazie al suo potere

Dettagli

Respirazione cellulare

Respirazione cellulare Respirazione cellulare L equazione generale della respirazione C 6 H 12 O 6 + 6 O 2! 6 CO 2 + 6 H 2 O + 36 ATP 1 molec zucchero 6 molec ossigeno 6 molec anidride carbonica 6 molec acqua + = + + 36 molecole

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa Tecnologie per ottica integrata Raffaella Costa Introduzione: Progetto e realizzazione di un circuito Circuito Materiale Spessore Indice Tolleranze Guida Forma Dimensioni (monomodalità) Indice efficace

Dettagli

Introduzione alla progettazione di PCB

Introduzione alla progettazione di PCB Introduzione alla progettazione di PCB Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Gianni Medoro, Aldo Romani A.a. 2004-2005 Le principali funzioni dei PCB 1. Garantire le interconnessioni

Dettagli

Il laser in sostituzione della tranciatura meccanica nelle linee ad elevata produttività

Il laser in sostituzione della tranciatura meccanica nelle linee ad elevata produttività 0 Il laser in sostituzione della tranciatura meccanica nelle linee ad elevata produttività Gruppo Laser Struttura delle Batterie Li-ion LiFePO4: 50 µm (x2) Or Alluminio: 20 µm LiCoO2: 50 µm (x2) PE + Ossidi

Dettagli

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre utilizzato per la creazione di foto digitali a colori ad alta defi nizione e per il rilevamento dei dati dimensionali. Per ogni lastra

Dettagli

Dispositivi e Tecnologie Elettroniche

Dispositivi e Tecnologie Elettroniche Dispositivi e Tecnologie Elettroniche Tecnologia Produzione di fette (wafer) di Si Dispositivi Elettronici Tecnologia 2 Crescita Czochralski Fusione nel crogiolo del policristallo per induzione Aggiunta

Dettagli

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS I sistemi mod. i-léd SOLAR permettono di alimentare un carico sia in bassa tensione 12-24V DC, sia a 230v AC, tramite alimentazione

Dettagli

1 di 5 18/10/2012 01:36

1 di 5 18/10/2012 01:36 Server: localhost Database: corsi_parole_poli Tabella: orientamento Mostra Struttura SQL Cerca Inserisci Esporta Importa Operazioni Svuota Elimina Visualizzazione record 0-158 (159 Totali, La query ha

Dettagli

Microtecnologie per l analisi degli acidi nucleici

Microtecnologie per l analisi degli acidi nucleici Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Fisica Microtecnologie per l analisi degli acidi nucleici L attività di ricerca presso il Laboratorio Sensori e Semiconduttori tori Ing. Alessandro Ronzoni

Dettagli

EAGLE: corso introduttivo

EAGLE: corso introduttivo Prof. Roberto Guerrieri EAGLE: corso introduttivo aromani@deis.unibo.it dgennaretti@deis.unibo.it mnicolini@deis.unibo.it gmedoro@deis.unibo.it Programma Giovedi' 31: Introduzione: progettazione di Circuiti

Dettagli

Materiali per l energia solare: la ricerca eni

Materiali per l energia solare: la ricerca eni Materiali per l energia solare: la ricerca eni Roberto Fusco Istituto eni Donegani 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia: Milano, 17/10/2012 Record di efficienza delle celle fotovoltaiche R&D eni

Dettagli

Processo di Fabbricazione

Processo di Fabbricazione Progettazione Microelettronica Processo di Fabbricazione 1 Processo CMOS tradizionale 2 Un moderno processo CMOS gate-oxide TiSi 2 AlCu Tungsten SiO 2 n+ p-well p-epi poly n-well p+ SiO 2 p+ Processo CMOS

Dettagli

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare.

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare. TECNICHE LITOGRAFICHE La litografia è un processo basilare nella realizzazione di circuiti integrati,esso consiste nel depositare un materiale detto resist sul wafer da processare che una volta esposto

Dettagli

TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI

TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI TEMATICHE DI RICERCA E SVILUPPI FUTURI NEL CAMPO DEI SISTEMI FOTOVOLTAICI Prof. Ing. Simone Castellan Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica, Università di Trieste simone.castellan@deei.units.it

Dettagli

LASER MICROMANUFACTURING

LASER MICROMANUFACTURING Corso di Tecnologie Speciali II LASER MICROMANUFACTURING Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale LASER: TECNICHE DI

Dettagli

Wattmetri di Precisione

Wattmetri di Precisione I modelli proposti Wattmetri di Precisione 3390 PW3337 PW3336 3332 3334 Canali di misura V e I 4 e 4 4 e 3 2 e 2 1 e 1 1 e 1 Misura di tensione fino a 1500V fino a 1000V fino a 1000V fino a 600V fino a

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

/ < " DI MANAGEMENT C RTI ICA ISTEM )3/ )3/ ä - "

/ <  DI MANAGEMENT C RTI ICA ISTEM )3/ )3/ ä - 64B ATTUATORE ELETTRICO - ELECTRIC ACTUATOR VERSIONE STANDARD 0-90 ( 0-180 - 0-270 ) STANDARD VERSION 0-90 (ON REQUEST 0-180 - 0-270 ) 110V AC 220V AC 100-240 AC CODICE - CODE 85H10001 85H20001 85H00003

Dettagli

IREA. Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente

IREA. Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente IREA Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente Romeo Bernini Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell Ambiente (IREA) Consiglio Nazionale delle Ricerche Via Diocleziano 328, 80124

Dettagli

Scaffold e tecnologie di preparazione. Docente: Prof. Alessandro Sannino

Scaffold e tecnologie di preparazione. Docente: Prof. Alessandro Sannino Scaffold e tecnologie di preparazione Docente: Prof. Alessandro Sannino 1. Introduzione 2. Funzioni dello scaffold 3. Criteri di progettazione dello scaffold 4. Porosità e tecniche di analisi 5. Materiali

Dettagli

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB La serie B-190 è il risultato di una perfetta fusione tra anni di esperienza nel settore microscopia e uno studio di design raffinato. Questa serie rappresenta

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Polimeri semiconduttori negli OLED

Polimeri semiconduttori negli OLED Polimeri semiconduttori negli OLED Nella figura viene mostrato uno schema di funzionamento di un Organic Light Emitting Diode (OLED). Il catodo e formato da un elettrodo di Alluminio (Magnesio o Calcio)

Dettagli

Manuale di pulizia / 03.13

Manuale di pulizia / 03.13 Manuale di pulizia / 03.13 MANUALE DI MANUTENZIONE E PULIZIA LAMINAM ON TOP Il prodotto LAMINAM ON TOP è costituito da un sandwich di lastre piene in materiale ceramico, ottenuto mediante la sovrapposizione

Dettagli

La ricerca eni sull energia solare

La ricerca eni sull energia solare La ricerca eni sull energia solare Roberto Fusco Istituto eni Donegani Novara 16 Workshop T.A.C.E.C.: Efficienza Energetica e Tecnologie Chimiche nelle Produzioni Elettriche e Energetiche Milano, 23/05/2013

Dettagli

Realizzazione dei circuiti integrati

Realizzazione dei circuiti integrati Realizzazione dei circuiti integrati I circuiti integrati possono essere suddivisi in due grandi gruppi: Circuiti integrati monolitici in cui tutti i componenti vengono formati durante il procedimento

Dettagli

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO)

FLORIM CERAMICHE SPA Via Canaletto, 24 41042 Fiorano Modenese (MO) FOOD PACKAGING MATERIALS MATERIALI 0077\FPM\MATs\14 07/02/2014 1 TEST SYSTEM SLIM/4+ ( MULTILAYER WITH FINISH OF CERAMIC PORCELAIN GRESS + FLEXIBLE FOAM FLESSIBILE BASED ON A CLOSED CELL POLYETHYLENE )

Dettagli

Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011)

Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011) 2011-2013 Polo di ricerca nel settore fotovoltaico (start: 10/2/2011) WP5 costituire un laboratorio chimico per la sintesi di molecole e nanosistemi funzionali e sviluppo di materiali innovativi per la

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac.

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac. BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge UNITA LUBETOOL MC-EL-3P-4P-5P-6P-7P, MC-EL-3M-4M-5M-6M-7M, MC-EL-2P E MC- EL-2M Sono forniti completi di scatola di protezione metallica

Dettagli

Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile

Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile Verso una piattaforma italiana per l idrogeno e le celle a combustibile 2 WORKSHOP TOSCANO SULL IDROGENO e TECNOLOGIE COLLEGATE OPPORTUNITA e FINANZIAMENTI Firenze, 25 Luglio 2014 Verso una piattaforma

Dettagli

Sensori di deformazione (e forza)

Sensori di deformazione (e forza) Sensori di deformazione (e forza) Sforzo e deformazione D F L Sforzo (stress) Si ha uno sforzo ogni qualvolta che si applica una forza ad un corpo. Deformazione (strain) È il rapporto fra l incremento

Dettagli

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti.

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. La gamma NAUTILUS, nata dall esperienza maturata dalla nostra azienda in oltre 36 anni di attività nella progettazione e produzione di sistemi di

Dettagli

ENEA - Centro Ricerche PORTICI

ENEA - Centro Ricerche PORTICI ENEA - Centro Ricerche PORTICI L ENEA e la ricerca di sistema elettrico: Il fotovoltaico innovativo - 12 luglio 211 Film sottili di silicio: Sviluppo di substrati di ZnO per un efficace intrappolamento

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Original Article: CATALYST STRATI DEL COMPLESSO DELL'ELETTRODO A MEMBRANA DI CELLE A COMBUSTIBILE CON ALIMENTAZIONE DI OSSIGENO CONVETTIVO

Original Article: CATALYST STRATI DEL COMPLESSO DELL'ELETTRODO A MEMBRANA DI CELLE A COMBUSTIBILE CON ALIMENTAZIONE DI OSSIGENO CONVETTIVO Peer Reviewed, Open Access, Free Online Journal Published monthly : ISSN: 2308-832X Issue 12(21); December 2014 Original Article: CATALYST STRATI DEL COMPLESSO DELL'ELETTRODO A MEMBRANA DI CELLE A COMBUSTIBILE

Dettagli

PERFORMANCE, DURATA E SICUREZZA DA PRIMATO RECORD-SETTING PERFORMANCE, DURABILITY AND SAFETY

PERFORMANCE, DURATA E SICUREZZA DA PRIMATO RECORD-SETTING PERFORMANCE, DURABILITY AND SAFETY 0 PASTIGLIE ENO BRAKE PADS PERFORMANCE, DURATA E SICUREZZA DA PRIMATO RECORDSETTING PERFORMANCE, DURABILITY AND SAFETY ONT RACING S Z0 Z0 PERFORMANCE S Genuine R90 APPROVED ATTACCO BITE ATTRITO MEDIO MEAN

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti. Dipartimento di Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica

Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti. Dipartimento di Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica 24 novembre 2015 Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti Prof.ssa Donatella CERNIGLIA Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica OUTLINE

Dettagli

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467 Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecnologie alimentari e packaging (9 CFU) Modulo: Packaging (3 CFU: 2.5 CFU Lezioni + 0.5 CFU Esercitazioni) Docente Dott. Vito Michele

Dettagli

ASIC CARATTERISTICHE GENERALI INTRODUZIONE

ASIC CARATTERISTICHE GENERALI INTRODUZIONE ASIC CARATTERISTICHE GENERALI INTRODUZIONE La complessità di un circuito di elettronica digitale rende spesso difficoltosa la realizzazione del circuito stampato. Inevitabilmente ciò comporta l aumento

Dettagli

CTS basso consumo energetico basso impatto ambientale gas idrogeno come fonte pulita e sostenibile di energia riconvertito in energia

CTS basso consumo energetico basso impatto ambientale gas idrogeno come fonte pulita e sostenibile di energia riconvertito in energia PRODOTTI UPS CTS offre sistemi e prodotti a basso consumo energetico e a basso impatto ambientale, attraverso lo stoccaggio di energia da fonti rinnovabili utilizzando l idrogeno come veicolo energetico.

Dettagli

Celle a Combustibile, una fonte competitiva. Meeting ITIS G. Marconi

Celle a Combustibile, una fonte competitiva. Meeting ITIS G. Marconi Celle a Combustibile, una fonte competitiva Meeting ITIS G. Marconi Catania - 24 Giugno 2008 S. Leonardi 1 Sommario Panoramica sulle Celle a Combustibile Attività Celle a Combustibile in Azienda Introduzione

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione

Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Vicenza, 26 settembre 2014 Tecnologie fotovoltaiche piane e a concentrazione Davide Del Col Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria Industriale Progetto regione Veneto SMUPR n. 4148

Dettagli

SUSTAINPACK Innovation and Sustainable Development in the Fibre Based Packaging Value Chain

SUSTAINPACK Innovation and Sustainable Development in the Fibre Based Packaging Value Chain SUSTAINPACK Innovation and Sustainable Development in the Fibre Based Packaging Value Chain Un progetto europeo orientato all applicazione delle nanotecnologie nel settore dell imballaggio. Innovation

Dettagli

Kit trasmissione. data transmission. Ref. 10085

Kit trasmissione. data transmission. Ref. 10085 Kit trasmissione dati WIRELESS Kit for wireles data transmission Ref. 10085 MANUALE UTENTE aspetto componenti A Chiavetta USB per connesione al PC B Strumento rilavazione dati C Adattatore 1 Connettore

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI. Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing.

LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI. Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing. LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing. Danilo Musella Torino 27/05/2014 Azienda Diener electronic Comparazione tra

Dettagli

1. CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE

1. CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE SCHEDA PROGETTUALE Dati dell Ente promotore Nome: Chalmers University of Technology Tipologia: Universitá Indirizzo Sede: Kemivägen 10, SE-41296, Göteborg, Svezia Telefono: +46(0)317723881 Fax: E-mail:valeria.mapelli@gmail.com

Dettagli

Tecnologie di dispositivi, circuiti e sistemi elettronici

Tecnologie di dispositivi, circuiti e sistemi elettronici Tecnologie di dispositivi, circuiti e sistemi elettronici Schede elettroniche stampate Monostrato Multistrato Componenti attivi e passivi Transistori e diodi Resistori Condensatori Induttori Circuiti Integrati

Dettagli

KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici

KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici Partner for progress KIWA, testing, certification & inspection worldwide: Servizi di certificazione per una qualità globale garantita dei prodotti fotovoltaici Cosa sono i prodotti fotovoltaici? Moduli

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 Disciplina CHIMICA ORGANICA Quinto anno Chimica e materiali Competenze acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni

Dettagli

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Padova, 14 Ottobre 2011 Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Ing. Giuseppe Migale Laboratorio sicurezza ottica e fotometria IMQ IMQ S.p.a. Via Quintiliano 43, 20138 - Milano 1 Principali

Dettagli

Tecniche di nanofabbricazione

Tecniche di nanofabbricazione CorsodiFisicadeiMateriali A.A.2008 2009 Tecnichedinanofabbricazione VitoFasano Docente:R.Rinaldi TecnichediFabbricazione Differentiapprocci Top Down: Top Down usoditecnichequalioptical,x ray,uve e beam

Dettagli

Periferiche di hardcopy 2D e 3D

Periferiche di hardcopy 2D e 3D Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Parma Periferiche di hardcopy 2D e 3D Motivazione sono necessari documenti permanenti,

Dettagli

Tester prova batterie

Tester prova batterie I modelli proposti Tester prova batterie BT3563 BT3562 3561 3554 Settori di utilizzo Applicazione tipica Linea di Produzione, Controllo Qualità, Ricerca & Sviluppo Batterie ad alta tensione, pacchi batteria

Dettagli

LINEA RESISTENZE PER SCALDABAGNI

LINEA RESISTENZE PER SCALDABAGNI LINEA RESISTENZE PER SCALDABAGNI La resistenza è un elemento riscaldante che trasforma l energia elettrica in calore. Esistono diversi tipi di resistenze che, pur avendo lo stesso scopo, sono costruite

Dettagli

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Metodi di studio delle proteine : determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Spettrofotometro cuvetta monocromatore rivelatore

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Physical Background of Tissue Crosslinking

Physical Background of Tissue Crosslinking Physical Background of Tissue Crosslinking Ines Pilorz, Markus Kohlhaas Klinik für Augenheilkunde des St.-Johannes-Hospitals Dortmund Keratoconic cornea 1) same collagen content as in normal cornea 2)

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E MECCANICA INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE

Dettagli

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. AVOGADRO (ENTE DOTATO DI PERSONALITA GIURIDICA E DI AUTONOMIA AMMINISTRATIVA, ORAGNIZZATIVA e DIDATTICA - R. D. 24.08.1933 N. 21933 DP. N. 3917-P/C16 DEL 7.3.2000) C.A.P.

Dettagli

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 Costruzioni Constructions Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 1 VAWA panel partition + plasterboard lining Veneziani Acell S.r.l. Via delle Groane 126 I-20024 Garbagnate Milanese (MI) UNI EN ISO

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING I.P.S.I.A. Amantea & EUROCOMIND DALL IDEA AL PRODOTTO FINITO Il Ciclo Di Sviluppo Tradizionale il secolo XX, con la rivoluzione industriale e la

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE

RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE RELAZIONE LABORATORIO DI FIBRE OTTICHE 1.1 DATA: 20 maggio 2009 1.2 COMPOSIZIONE DEL GRUPPO: CALIFANO Alessio Pagina 1 1.3 STRUMENTI UTILIZZATI: Strumento Marca e modello Caratteristiche Laser Diode Controller

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

I CONCENTRATORI LUMINESCENTI

I CONCENTRATORI LUMINESCENTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZA DEI MATERIALI, U5 STRATEGIE MODERNE PER IMBOTTIGLIARE LA LUCE: I CONCENTRATORI LUMINESCENTI Alessandro Sanguineti* Photonics and Biophotonics

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

textile laser solutions

textile laser solutions - textile laser solutions - OT-LAS sviluppa da oltre 25 anni soluzioni laser specializzate, volte a soddisfare ogni esigenza produttiva. L esperienza di OT-LAS nel settore della marcatura, decorazione

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele Microscopio Elettronico a Scansione FE SEM LEO 1525 ZEISS A. Di Michele Materiali Nanostrutturati - Dipartimento di Fisica 20 Aprile 2012 Laboratorio LUNA Laboratorio Universitario NAnomateriali Acquistato

Dettagli

Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche polimeriche in atmosfera controllata

Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche polimeriche in atmosfera controllata Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche

Dettagli

SERIE HPB - 315 BAR SERIES. Filtri alta pressione High pressure filters. Filtri - Filters 10

SERIE HPB - 315 BAR SERIES. Filtri alta pressione High pressure filters. Filtri - Filters 10 SERIE HPB - 31 BAR SERIES Filtri alta pressione High pressure filters Filtri - Filters 10 Con il fine di migliorare costantemente la qualità dei nostri prodotti, ci riserviamo il diritto di modificarne

Dettagli

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Le lampade a vapori di mercurio sono sicuramente le sorgenti di radiazione UV più utilizzate nella disinfezione delle acque destinate al consumo umano in quanto offrono

Dettagli