Ruolo attivita fisica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ruolo attivita fisica"

Transcript

1 Ruolo attivita fisica

2

3

4 Morire di fatica e di fame

5

6

7

8 Attività fisica e cancro della mammella studi epidemiologici 8/11 coorte 23/27 casi-controlli mostrano un rischio del 20-40% inferiore nelle donne più attive

9 Dorgan et al. (1994) Steenland et al. (1995) Fraser & Shavlik (1997) Thune et al. (1997) Sesso et al. (1998) Rockhill et al. (1998) Calle et al. (1998) Rockhill et al. (1999) Moradi et al. (1999) Moore et al. (2000) Wyshak & Frisch (2000) Dosemeci et al. (1993) Bernstein et al. (1994) Friedenreich & Rohan (1995) Mittendorf et al. (1995) Coogan et al. (1997) Shoff et al. (2000) Taioli et al. (1995) Hirose et al. (1995) Pre. Hirose et al. (1995) Post. D Avanzo et al. (1996) Pre. D Avanzo et al. (1996) Post. Mezzetti et al. (1998) Pre. Mezzetti et al. (1998) Post. McTiernan et al. (1996) Hu et al. (1997) Pre. Hu et al. (1997) Post. Chen et al. (1997) Gammon et al. (1998) Ueji et al. (1998) Carpenter et al. (1999) Marcus et al. (1999) Coogan & Aschengrau (1999) Levi et al. (1999) Pre. Levi et al. (1999) Post. Verloop et al. (2000) Moradi et al. (2000) Friedenreich et al. (in press) 1,8 1,4 1 0,6 0,2 Studi su attività fisica e CM Cohort studies Case-control studies Relative risk

10 Attività fisica e cancro della mammella mostrano un rischio del 20-40% inferiore nelle donne più attive indipendentemente Dallo stato menopausale dal BMI

11 Physical activity also has been linked to a lower risk of breast cancer. An expert panel of the International Agency for Research on Cancer of the World Health Organization estimated a 20% to 40% decrease in the risk of developing breast cancer among the most physically active women, regardless of menopausal status, type, or intensity of activity THE LANCET Oncology Vol 3 September 2002

12 Si tratta di un'accurata analisi della letteratura scientifica prodotta negli Istituti di Ricerca di tutto il mondo negli ultimi 10 anni, con l'obiettivo di stilare delle indicazioni igienico-alimentari basate su prove validate e condivise dal mondo della ricerca e della Sanità Pubblica. Lo studio viene realizzato con cadenza decennale proprio per la grossa mole di dati e di pubblicazioni da revisionare ed è promosso dalle due massime 2007

13 L attivitàfisicaèemersa come fattore di protezione forte per colon e per mammella, e endometrio. Protezione anche per pancreas e polmone.

14 (WCRF/AICR 2007 recommendations) 1. Be as lean as possible without becoming underweight. 2. Be physically active for at least 30 minutes every day. 3. Limit consumption of energy-dense foods (foods high in fats and/or added sugars and/or low in fiber) and avoid sugary drinks. 4. Eat more of a variety of vegetables, fruits, whole grains, and pulses such as beans. 5. Limit consumption of red meats (such as beef, pork and lamb) and avoid processed meats. 6. If consumed at all, limit alcoholic drinks to 2 for men and 1 for women a day. 7. Limit consumption of salty foods and foods processed with salt (sodium). 8. Don t use supplements to protect against cancer. 9. It is best for mothers to breastfeed exclusively for up to 6 months and then add other liquids and foods. 10. After treatment, cancer survivors should follow the recommendations for cancer prevention. And, always remember do not smoke or chew tobacco.

15 L attività fisica è stata valutata con questionari validati e trasformata in met/h per week 1 met =consumo O2 /1 min a riposo 3 met/h/w =vita sedentaria

16 NHS JAMA, May 25, 2005 Vol 293, No. 20

17 NHS <3 < 1 ORA PER SETTIMANA PASSO MEDIO * ORA PER SETTIMANA PASSO MEDIO * ORA PER SETTIMANA PASSO MEDIO * ORA PER SETTIMANA PASSO MEDIO * ORA PER SETTIMANA PASSO MEDIO * *4 KM / ORA

18 NHS

19 Attività fisica e cancro della mammella studio su 2987 casi (Holmes 2005) MET RR Rec RR mort < * P * Pari a circa 30 min / giorno di cammino con passo veloce

20 la attività fisica è efficace in modo dose dipendente ma oltre un certo limite i benefici scompaiono

21

22

23

24 Dagli studi emerge che l attivita fisica deve essere praticata sempre

25 CWLS

26 Attività fisica e rischio di morte in 4482 casi di cancro mammario (CWLS study, Holick et al 2008) MET-h RR RR settimanali (decessi per CM) (decessi totali) < Ptrend MET-h/settimana = camminare 4 Km/h per 1h

27 CWLS

28

29 LACE E efficace nella riduzione della mortalità specifica, ma l effetto scompare con aggiustamento per fattori confondenti (BMI) * 49% OLTRE 6 MET

30 HEAL J Clin Oncol 26:

31 HEAL 933 women enrolled(seer) Women expending at least 9 met hours week -physical activity in the year before had a 31%lower risk of death -2 years after diagnosis 67% lower riskof death than inactive women Women who increased physical activity after diagnosis had a 45% lower riskof death

32 HEAL l efficacia della attività fisica è significativa sulla mortalità generale non cancro specifica

33 Attività fisica dopo la diagnosi e mortalità per CM

34 Meccanismo d azione

35 Multiple inter-related mechanisms are likely operative metabolic and sex hormones growth factors adiposity immune function

36

37

38

39

40 This trial found that previously sedentary postmenopausal women can adhere to a moderate-to vigorous-intensity exercise program that results in changes in estradiol and SHBG concentrations that are consistent with a lower risk for postmenopausal breast cancer.

41 BMJ research 2012;344:e70

42 22 studies included only patients with breast cancer, 3 included only patients with colorectal cancer, 1 included only patients with endometrial cancer 8 different types of cancer

43

44

45

46

47 Distanza percorsa in 6 minuti

48 Fatica e depressione

49 SF-36 QoL

50 27intervention-control comparisons to assess the effects of an aerobic exercise programme 6studies had patients who additionally underwent resistance or strength training. The significantly larger effects of aerobic plus resistance training than aerobic training alone might indicate a potential benefit of higher intensity

51 Physical activity was shown to be associated with clinically important positive effects on physical functions and quality of life in patients who had completed their treatment for cancer.

52 effetti endocrino metabolici attività fisica Riduzione grasso corporeo Riduzione ormoni plasmatici Riduzione colesterolo Riduzione growth factors, adipokine, Effetto su sistema immunitario e infiammazione Riduzione insulina plasmatica Diminuzione IGF-I IGFBP Amenorrea e ipomenonerrea per difetti fase luteinica atlete

53 -angiogenesi -stress ossidativo -riparazione dna

54 E stato dimostrato che un elevato livello ormoni sex sono correlati positivamente al rischio i livelli di ormoni sono influenzati dalla massa di tessuto adiposo

55 il soprappeso, anche modesto soprattutto di tipo androide è correlato all aumento di rischio

56 Snelli-obesi

57 Fattori di rischio endocrini e metabolici del cancro Sindrome metabolica Insulina IGF BP Dieta ricca di grassi IGF SHBG Incidenza e recidive Androgeni ed estrogeni Peso corporeo Vita sedentaria

58

59 ? attività fisica quale quanta per quanto tempo

60 quale? Le attività aerobiche sono efficaci sulle patologie cardiovascolare

61 ? esercizi di flessibilita sono benefici a livello osteoarticolare

62 ! la attività fisica di resistenza e di forza con tonificazione e sviluppo muscolare è quella più efficace sulla prevenzione dell osteoporosi e sulla sindrome metabolica perchè sviluppa la massa magra

63 infatti il metabolismo basale dipende da età, sesso, altezza e peso ma soprattutto della massa magra

64 Il consumo energetico maggiore (70-85%) avviene come metabolismo basale ossia come energia spesa per mantenere le normali funzioni dell organismo. ll muscolo è avido di glicogeno anche a riposo

65

66

67 ? per quanto tempo

68 durata l attivita fisica deve essere svolta con continuita : infatti, se l attivita viene interrotta i vantaggi acquisiti vengono rapidamente persi

69 ? quanta

70 2 O PIU GIORNI A SETTIMANA : TONIFICAZIONE DEI MAGGIORI GRUPPI MUSCOLARI 150 MINUTI A SETTIMANA : ATTIVITA CARDIOVASCOLARE INTENSA 300 MINUTI A SETTIMANA : ATTIVITA CARDIOVASCOLARE MODERATA

71

72

73

74

75 In the past, the guidelines included recommendations to avoid use of the affected arm, including limiting lifting to less than 5-15 lb Kg

76 2009 by the American College of Sports Medicine. Recently published studies run counter to these guidelines.

77 McKenzie DC, Kalda AL. Effect of upper extremity exercise on secondary lymphedema in breast cancer patients: a pilot study. J. Clin. Oncol. 2003; 21:463Y6. 14 participants clinically diagnosed lymphedema

78 The new england journal o f medicine 664 n engl j med 361;7 nejm.org august 13, 2009 Weight Lifting in Women with Breast-Cancer-Related Lymphedema Kathryn H. Schmitz, Ph.D., M.P.H., Rehana L. Ahmed, M.D., Ph.D., Andrea Troxel, Sc.D., Andrea Cheville, M.D., Rebecca Smith, M.D., Lorita Lewis-Grant, M.P.H., M.S.W., Cathy J. Bryan, M.Ed., Catherine T. Williams-Smith, B.S., and Quincy P. Greene 295 breast cancer 154 1Y5 yr since breast cancer diagnosis who were at risk forlymphedema (N = 77 each in treatment and control groups); 141 1Y15 yr since breast who had lymphedema

79 -Survivors were randomly assigned to a progressive program of weight lifting or a no-exercise control group in all four studies. -supervised training for at least 8 wk, to ensure all participants learned to do the prescribed exercises safely. -Exercise adherence was greater than 70%. The results indicate that, with rare exception, there were no increases in arm swelling or worsened symptoms in any of the four studies.

80

81 TRIAL RANDOMIZZATO prospettico 204 CASI D.A. NAR ATTIVITA DI RESISTENZA E NO RACCOMANDAZIONI SU LIMITAZIONE VS AR ATTIVITA DI FLESSIBILITA E RACCOMANDAZIONI DI LIMITAZIONE ALLO SFORZO IL RISCHIO DI SVILUPPO DI LINFEDEMA È CORRELATO SOLO AL BMI

82 L utilizzo di esercizi con carichi crescenti può essere efficace nella cura e prevenzione del linfedema sicuramente non peggiora il rischio e migliora la qualità della vita

83 start Kerry S. Courneya, Roanne J. Segal, John R. Mackey, Karen Gelmon, Robert D. Reid, Christine M. Friedenreich, Aliya B. Ladha, Caroline Proulx, Jeffrey K.H. Vallance, Kirstin Lane, Yutaka Yasui, and Donald C. McKenzie

84 start La Attivitàfisicaaerobica aumenta QOL autostima performance fisica non aumenta r. linfedema

85 start La Attivitàfisica di resistenzaaumentan QOL autostima performance fisica massa magra non aumenta r. linfedema aumenta %cicli ct completi

86 Attività fisica deve essere divertente e svolta in gruppo

87 gli esercizi individuali in palestra hanno un ruolo di riabilitazione correzione posturale allenamento

88 per le donne operate al seno possibilmente attività di resistenza e a carico dell arto superiore

89

90

91

92 Dalle prime segnalazioni sull effetto protettivo del cancro Frisch RE, Wyshak G, Albright NL et al (1985) Lower prevalence of breast cancer and cancers of the reproductive system among former college athletes compared to non-athletes. Br J Cancer 52: fino ad oggi con una revisione di 80 studies che testano la validità dell effetto preventivo Friedenreich CM, Cust AE (2008) Physical activity and breast cancer risk: impact of timing, type and dose of activity and population subgroup effects. Br J Sports Med 42:

93

94

95

96

97

98

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011

Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Esercizio fisico nel diabetico 29 gennaio 2011 Dr.ssa C. Baggiore 20 dicembre 2006 DPP: prevenzione del diabete in soggetti ad alto rischio per la malattia N = 3234 IFG e IGT, senza diabete 40 Placebo

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

La prevenzione del tumore al seno con l alimentazione: i progetti DIANA

La prevenzione del tumore al seno con l alimentazione: i progetti DIANA La prevenzione del tumore al seno con l alimentazione: i progetti DIANA Anna Villarini Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale Tumori - Milano Fattori metabolici, ormonali e

Dettagli

Carcinoma mammario e sue recidive

Carcinoma mammario e sue recidive Fattori ormonali, metabolici, nutrizionali e carcinoma mammario Sindrome metabolica Insulina Fattori di crescita Carcinoma mammario e sue recidive Grassi ed alcol nella dieta Ormoni sessuali Sedentarietà

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

ALIMENTAZIONE COME CAUSA O PREVENZIONE DELLA MALATTIA? Carcinoma della mammella Etta Finocchiaro SC Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale Molinette Alba 23 settembre 2009 CA MAMMELLA La prevalenza di

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

STUDI D INTERVENTO E PREVENZIONE PRIMARIA: I PROGETTI DIANA

STUDI D INTERVENTO E PREVENZIONE PRIMARIA: I PROGETTI DIANA XIV Riunione Associazione Italiana Registri Tumori ARTIUM STUDI D INTERVENTO E PREVENZIONE PRIMARIA: I PROGETTI DIANA Villarini Anna Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Istituto Nazionale

Dettagli

Patrizia Pasanisi, MD, MSc. Counseling nutrizionale nei pazienti sopravvissuti alla neoplasia mammaria

Patrizia Pasanisi, MD, MSc. Counseling nutrizionale nei pazienti sopravvissuti alla neoplasia mammaria Patrizia Pasanisi, MD, MSc Counseling nutrizionale nei pazienti sopravvissuti alla neoplasia mammaria Fattori ormonali, metabolici e nutrizionali e carcinoma mammario Sindrome metabolica Insulina Fattori

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Franco Berrino Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale dei Tumori Milano

Franco Berrino Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale dei Tumori Milano Franco Berrino Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale dei Tumori Milano punto di vista del biologo molecolare: Il cancro è una malattia genetica oncogeni antioncogeni geni dell'apoptosi del

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Alimentazione per la prevenzione del cancro. Franco Berrino, Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale deitumori Milano

Alimentazione per la prevenzione del cancro. Franco Berrino, Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale deitumori Milano Alimentazione per la prevenzione del cancro Franco Berrino, Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva Istituto Nazionale deitumori Milano Meccanismi con cui l alimentazione influenza l incidenza

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Giovanni Capelli Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Due fenomeni convergenti Evoluzione socio-demografica Aumento proporzione di popolazione

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione Dott.ssa Barbara Ilari U.O. Medicina dello Sport Ausl Reggio Emilia American Cancer Society Guidelines on Nutrition and Physical Activity for

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Il Progetto DIANA e l esperienza di Cascina Rosa: principi nutrizionali nell attività di prevenzione sui pazienti

Il Progetto DIANA e l esperienza di Cascina Rosa: principi nutrizionali nell attività di prevenzione sui pazienti Il Progetto DIANA e l esperienza di Cascina Rosa: principi nutrizionali nell attività di prevenzione sui pazienti Patrizia Pasanisi, MD, MSc La dieta influenza l iniziazione e la promozione dei tumori

Dettagli

Invecchiamento ed esercizio fisico

Invecchiamento ed esercizio fisico C.d.L. in Scienze Motorie Cattedra di Geriatria Prof. Gianluigi Vendemiale Invecchiamento ed esercizio fisico Dott. A.D. Romano ESERCIZIO FISICO E FISIOLOGIA DELL INVECCHIAMENTO 1 Cambiamenti fisiologici

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

Obiettivo. Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza. Programma. Programma

Obiettivo. Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza. Programma. Programma Obiettivo Alimentazione e prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: rassegna dell evidenza Passare in rassegna l evidenza relativa al ruolo dell alimentazione nella prevenzione primaria delle

Dettagli

Nutrizione, una strategia di salute

Nutrizione, una strategia di salute Nutrizione, una strategia di salute Dr. M. Giannotti Lucca ottobre 2015 Il Centro Donna è una struttura dove si concentrano le attività sanitarie rivolte alle donne per la prevenzione, diagnosi e terapia

Dettagli

STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE

STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE CONVEGNO: Alimentazione e Salute: un approccio multidisciplinare 09 maggio 2008 STILI DI VITA ALIMENTAZIONE OBESITA E SALUTE Principali patologie croniche non comunicabili legate a cattiva alimentazione

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

per una buona salute Claudio Andreoli

per una buona salute Claudio Andreoli Alimentazione e stili di vita per una buona salute Claudio Andreoli «Uno stile di vita non corretto può aumentare il rischio di tumori o di malattie cardiache?» UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facolta

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

La terapia non chirurgica!

La terapia non chirurgica! La gestione dell incontinenza urinaria da sforzo, costi sociali e qualità di vita!! La terapia non chirurgica!! GF. Lamberti!! Commissione Riabilitazione SIUD!! ambulatorio riabilitazione perineale! ASL

Dettagli

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO

Argomenti IPERTROFIA IPERTROFIA SI O NO? 21/09/2009 MUSCOLI SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO ARTI MARZIALI: IPERTROFIA SI O NO? L AUMENTO DEL PESO CORPOREO E DELLE MASSE MUSCOLARI Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Master in Scienze dello Sport e del Fitness Prof. ac Sorv. Nutrizionale e Val.

Dettagli

The follow up in geriatric patient

The follow up in geriatric patient The follow up in geriatric patient Lucia Fratino Oncologia Medica Centro di Riferimento Oncologico di Aviano Mrs Ginette H. b 1933, 1998 ( 65y) : breast cancer CH + CT+ HT 2014 ( 81y) : relapsed Doctor

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Lo Studio DAMA. Giovanna Masala

Lo Studio DAMA. Giovanna Masala Lo Studio DAMA Giovanna Masala SC. Epidemiologia Molecolare e Nutrizionale Istituto per la Prevenzione Oncologica ISPO, Firenze g.masala@ispo.toscana.it Lo studio DAMA* è un trial randomizzato fattoriale

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Attività fisica occupazionale e rischio di tumore in Italia

Attività fisica occupazionale e rischio di tumore in Italia Attività fisica occupazionale e rischio di tumore in Italia Francesca Bravi, Carlo La Vecchia, Adriano Decarli Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità, Università degli Studi di Milano Napoli, 5-7

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

Sempre in salute in bici

Sempre in salute in bici Sempre in salute in bici Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Consigliere Comunale del Comune di Verona La nostra società ha visto nell arco degli ultimi dieci/quindici anni una evoluzione continua

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

Fitness e risposte affettive

Fitness e risposte affettive Federazione Ginnastica d Italia C.R. Lombardia CORSO di FORMAZIONE ATTIVITA MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI MILANO, sabato 5 ottobre 2013 Fitness e risposte affettive Matteo Vandoni Ricercatore

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

Dai dati disponibili

Dai dati disponibili Gruppi a rischio aumentato: familiarità, genetica, densità, abitudini di vita Dai dati disponibili Daniela Turchetti UO e Cattedra di Genetica Medica Università di Bologna-Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Pag. 10S-11S Atlante 01 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO CARDIOVASCOLARE ITALIANO INDAGINE 008-01 ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Le abitudini alimentari sono disponibili solo per l indagine

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Sani (anche) senza farmaci. Movimento e stili di vita sani per prevenire e curare

GUADAGNARE SALUTE Sani (anche) senza farmaci. Movimento e stili di vita sani per prevenire e curare GUADAGNARE SALUTE Sani (anche) senza farmaci Movimento e stili di vita sani per prevenire e curare 1 edizione: Verona, 6 novembre 2015 Distretto di via del Capitel 2 edizione: S. Bonifacio, 26 novembre

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Le Indicazioni del Cardiologo

Le Indicazioni del Cardiologo . LA SALUTE VIEN DAL MARE Bergeggi, Savona ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE Le Indicazioni del Cardiologo Dott. Paolo Bellotti, Cardiologia, OSP. S. Paolo Savona Genova, 23 gennaio 2009 Il 90% dei pazienti

Dettagli

Dieta mediterranea e cancro

Dieta mediterranea e cancro Dieta mediterranea e cancro Cristina Bosetti Dipartimento Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri", Milano Corso di aggiornamento X-Files in Nutrizione Clinica ed Artificiale Oncologica

Dettagli

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION) Fulvio Ricceri, Carlotta Sacerdote, EPIC PI, Paolo Vineis I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

Dettagli

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014

SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 CONVEGNO SPORT E SALUTE Prevenire per contenere i costi Torino, 12 luglio 2014 DANNI DELLA SEDENTARIETA E BENEFICI DELL ESERCIZIO FISICO dr. Giuseppe PARODI Responsabile S.S. Medicina dello Sport / Centro

Dettagli

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa L impatto dei tumori sui sistemi sanitari: approcci ed esperienze a confronto Aula Marconi, CNR, P.le Aldo Moro, 7 - Roma 4 febbraio 2014 Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Tavola Rotonda Problematiche Cliniche e Medico-Legali in Tema di Terapie Ormonali

Tavola Rotonda Problematiche Cliniche e Medico-Legali in Tema di Terapie Ormonali Tavola Rotonda Problematiche Cliniche e Medico-Legali in Tema di Terapie Ormonali Bernardo Bonanni,, MD Condirettore Divisione di Farmacoprevenzione Istituto Europeo di Oncologia Padova 23 febbraio 2006

Dettagli

ENDOMETRIOSI E CANCRO

ENDOMETRIOSI E CANCRO ENDOMETRIOSI E CANCRO Bergamo, 7 marzo 2014 Giorgia Mangili Alice Bergamini - Ginecologia Oncologica IRCCS San Raffaele Milano ENDOMETRIOSI E CANCRO Tutto questo è giustificato? Corriere Salute Aprile

Dettagli

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012

L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO. Luigi Saccà, Università Federico II. Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 L ETICA del CONTROLLO nel TRIAL CLINICO Luigi Saccà, Università Federico II Assemblea COLMED/09, Roma, 1 Giugno 2012 thestudylacksadequatecontrol ClinicalTrial.gov A service ofthe U.S. NIH CHARACTERISTICS

Dettagli

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Gianluigi Pilu GynePro Medical Group Bologna, Italy www.gynepro.it Sintesi Frequenza delle anomalie cromosomiche I rischi delle diagnosi invasive Diagnosi

Dettagli

Obesity, morbidity and mortality

Obesity, morbidity and mortality Obesity, morbidity and mortality Alessandro Casini, MD Regional Agency for Nutrition, University of Florence Globesity Determinants of health Risk factors for deaths Preventing Chronic Diseases A vital

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

Le esperienze internazionali di adesione al test HPV e ai protocolli. Guglielmo Ronco CPO Piemonte - Torino

Le esperienze internazionali di adesione al test HPV e ai protocolli. Guglielmo Ronco CPO Piemonte - Torino Le esperienze internazionali di adesione al test HPV e ai protocolli Guglielmo Ronco CPO Piemonte - Torino Dati dalle survey dei progetti pilota Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto ADESIONE ALL INVITO

Dettagli

I pazienti guariti da tumore in Italia: le ricadute nella clinica. Stefano Cascinu Bolzano 20 marzo 2013

I pazienti guariti da tumore in Italia: le ricadute nella clinica. Stefano Cascinu Bolzano 20 marzo 2013 I pazienti guariti da tumore in Italia: le ricadute nella clinica Stefano Cascinu Bolzano 20 marzo 2013 Persone con storia di cancro: 2.250.000 (4% dell intera popolazione) donne (1.250.000) e anziani.

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

FOLLOW-UP CON TEST VIRALE Come,quando,perchè

FOLLOW-UP CON TEST VIRALE Come,quando,perchè LA DISPLASIA CERVICALE FOLLOW- UP.FOLLOW-UP. FOLLOW-UP Torino 17 giugno 2013 FOLLOW-UP CON TEST VIRALE Come,quando,perchè Massimo Confortini ISPO Firenze Surveysui followup Riva del Garda Maggio 2013 Ambiti

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

Dott.ssa Laura Cortesi. Azienda Ospedaliero-Universitaria. Policlinico di Modena

Dott.ssa Laura Cortesi. Azienda Ospedaliero-Universitaria. Policlinico di Modena Dott.ssa Laura Cortesi. Azienda Ospedaliero-Universitaria. Policlinico di Modena Classificazione e Distribuzione Sottotipi BC 75% circa dei tumori mammari ER-positivi e/o PgR-positivi Millikan et al.,

Dettagli

Quali indicazioni nelle donne con BRCA sane, mutate

Quali indicazioni nelle donne con BRCA sane, mutate Negrar, 13 0ttobre Quali indicazioni nelle donne con BRCA sane, mutate Annamaria Molino, oncologa Di cosa stiamo parlando Mastectomia bilaterale e ovariectomia profilattiche Nonna ca mammella Rischio cumulativo

Dettagli

Help us beat cancer. Ci aiuti a sconfiggere il cancro. Si registri per partecipare ad uno studio di ricerca oggi stesso!

Help us beat cancer. Ci aiuti a sconfiggere il cancro. Si registri per partecipare ad uno studio di ricerca oggi stesso! English Ci aiuti a sconfiggere il cancro Si registri per partecipare ad uno studio di ricerca oggi stesso! Il Cancer Council e altri soggetti accademici conducono studi di ricerca aventi per oggetto il

Dettagli

Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI

Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI Indagine svolta dalla classe 2AL Indirizzo Linguistico I.S. Liceo di Faenza Hanno collaborato alla elaborazione dei dati alcuni alunni di 5AC Indirizzo

Dettagli

Attività fisica. Impatto sulla salute e dati di contesto. Laura Battisti, Pirous Fateh-Moghadam, Laura Ferrari. Trento, 20 giugno 2014

Attività fisica. Impatto sulla salute e dati di contesto. Laura Battisti, Pirous Fateh-Moghadam, Laura Ferrari. Trento, 20 giugno 2014 Attività fisica Impatto sulla salute e dati di contesto Laura Battisti, Pirous Fateh-Moghadam, Laura Ferrari Trento, 20 giugno 2014 Impatto della sedentarietà sulle malattie croniche, sul carico di malattia

Dettagli

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Mangiarsi la malattia Pisa 11 Ottobre 2014 La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Prof. Stefano Bombardieri Unità Operativa di Reumatologia Universitaria Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Manutenzione del software

Manutenzione del software del software Generalità Leggi dell evoluzione del software Classi di manutenzione Legacy systems Modelli di processo per la manutenzione 1 Generalità La manutenzione del software è il processo di modifica

Dettagli

Il punto di vista del prescrittore

Il punto di vista del prescrittore Workshop Screening spontaneo e organizzato: l integrazione è possibile? 3.a Sessione: Doppio binario o integrazione? Moderatori Stefano Ciatto e Antonio Federici Il punto di vista del prescrittore (medico

Dettagli

Medicina di Genere in Diabetologia

Medicina di Genere in Diabetologia Medicina di Genere in Diabetologia Valeria Manicardi Direttore Unità Internistica Multidisciplinare Osp. Montecchio. Coordinatore Diabetologia Interaziendale AUSL di Reggio Emilia La Medicina di Genere

Dettagli