plinius progetto criticità e azioni per il recupero della qualità delle acque del lario Fondazione Provinciale della Comunità Comasca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "plinius progetto criticità e azioni per il recupero della qualità delle acque del lario Fondazione Provinciale della Comunità Comasca"

Transcript

1 Provincia di Como Assessorato Ecologia ed Ambiente Fondazione Provinciale della Comunità Comasca progettoplinius con il sostegno di CENTRO DI CULTURA SCIENTIFICA Alessandro Volta - Villa Olmo Camera di Commercio di Como plinius progetto criticità e azioni per il recupero della qualità delle acque del lario

2

3 Provincia di Como Assessorato Ecologia ed Ambiente Fondazione Provinciale della Comunità Comasca progetto plinius Progetto limnologico integrato per il recupero del ramo di como a un uso sostenibile e partecipato dell ecosistema lariano con il sostegno di plinius Camera di Commercio di Como CENTRO DI CULTURA SCIENTIFICA Alessandro Volta - Villa Olmo progetto

4

5 Promozione e coordinamento del Progetto PLINIUS Centro di Cultura Scientifica A. Volta, Como Margherita Canepa Direzione di coordinamento Sabrina Zaffaroni Segreteria di coordinamento Coordinamento scientifico Gianni Tartari Diego Copetti Autori del Rapporto Paola Roncoroni e Mauro Corradi ACSM S.p.A., Como Anna Maria Brambilla e Christian Malacrida ARPA Lombardia, Dipartimento di Como, Como Fabio Buzzi ARPA Lombardia, Dipartimento di Lecco, Oggiono Responsabile scientifico Segreteria scientifica Angelo Pintavalle e Bruno Comin ASL della Provincia di Como, Dipartimento di Prevenzione Medica, Como Margherita Canepa Centro di Cultura Scientifica A. Volta, Como Mauro Veronesi Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino, Sezione Protezione Aria/Acqua/Suolo, Ufficio Protezione e Depurazione Acque, Bellinzona Gianni Tartari, Diego Copetti e Franco Salerno Istituto di Ricerca Sulle Acque-CNR, Brugherio-Milano Rosario Mosello Istituto per lo Studio degli Ecosistemi-CNR, Verbania-Pallanza Roberto Canziani Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento, Milano Paola Bassoli Servizio Acque - Provincia di Como, Como Carlo Romanò Servizio Caccia e Pesca Provincia di Como, Como Luigina Vezzoli, Roberta Bettinetti e Daniela Fanetti Università dell Insubria, Dipartimento di Scienze Chimiche e Ambientali, Como Silvana Galassi Università di Milano, Facoltà di Scienze MM.FF.NN., Dipartimento di Biologia, Milano Documento edito dal Centro di Cultura Scientifica A. Volta con il contributo di: Amministrazione Provinciale di Como, Assessorato Ecologia e Ambiente, Como Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, Como Camera di Commercio Industria e Artigianato, Como Banca Intesa, Milano L utilizzo o la riproduzione di parti di questo volume è consentita purché sia sempre citata la fonte generale: Gruppo di Lavoro Lago di Como Progetto PLINIUS. Criticità e azioni per il recupero della qualità delle acque del Lario. Centro Volta Como. 216 pp. oppure siano citate le specifiche fonti della Sezione 2: Cognome1, N., N. Cognome2 & N. Cognome Titolo del capitolo della Sezione 2. In: Gruppo di Lavoro Lago di Como Progetto PLINIUS. Criticità e azioni per il recupero della qualità delle acque del Lario. Centro Volta Como. xxx xxx.

6 Indice INDICE Presentazione del documento VI Premessa 1 Riassunto esteso 3 SEZIONE 1. Il Progetto PLINIUS 1.1 Il Gruppo di Lavoro Lago di Como (GLLC) Obiettivi Metodo di lavoro Presentazione del documento Le finalità La struttura Aspetti normativi La Direttiva Quadro sulla Qualità Ecologica delle Acque (Direttiva 2000/60/CE) La normativa nazionale Dal Decreto Legislativo 152/99 alla Legge Delega 308/ Decreto del Presidente della Repubblica 470/82 Acque di balneazione Decreto Legislativo 31/01 Acque destinate al consumo umano Competenze regionali Classificazione dei laghi Legislazione svizzera Il Lario e gli altri laghi profondi sudalpini L evoluzione limnologica dei grandi laghi sudalpini Obiettivi di qualità dei grandi laghi sudalpini 24 Elenco dei Capitoli della Sezione con i relativi Autori Limnogeologia e morfometria del Lago di Como Premessa Inquadramento geografico e morfometria Caratteristiche geografiche Caratteristiche morfometriche del bacino idrografico Inquadramento geologico Costituzione geologica del substrato Le ipotesi sull origine del lago Evoluzione geologica del Quaternario Neotettonica e sismicità Stato delle conoscenze sul bacino sommerso Base dati Il rilievo morfobatimetrico Il rilievo sismico e i carotaggi Morfologia e struttura del fondo lacustre I sedimenti lacustri Criticità Azioni 42 I

7 Indice 2.2 Clima, idrologia e idrodinamica lacustre Clima Stato delle conoscenze sul clima Bilancio idrologico Stato delle conoscenze sull idrologia Obiettivi Dati utilizzati Metodo d analisi Suddivisione in sottobacini Definizione del contributo di ciascun sottobacino Definizione del bilancio idrologico L idrodinamica lacustre Stato delle conoscenze Influenza dell idrodinamica sull ecologia lacustre Termica e idrodinamica Criticità Clima Idrologia Idrodinamica lacustre Azioni Clima Idrologia Idrodinamica lacustre Antropizzazione del territorio Premessa Calcolo dei carichi teorici Dati utilizzati nell analisi Il metodo IRSA-CNR Il carico civile Dati relativi al collettamento alla rete fognaria Metodi per la stima del carico civile Valutazione del carico Criticità Azioni Collettamento e depurazione nel Ramo Occidentale del Lario Premessa Stato delle conoscenze Bacino depurativo Comodepur Bacini depurativi minori Impianto Comodepur Piccoli impianti di depurazione Stima dei carichi di fosforo derivanti da fonti antropiche Osservazioni sullo scarico di sostanze pericolose Criticità Lacune informative Lacune strutturali Azioni Azioni per ridurre le criticità ambientali Indici di valutazione dei servizi di collettamento Costi Il caso di studio dei Torrenti Cosia e Breggia Premessa Il Torrente Cosia Il Torrente Breggia Valutazione dei contributi dei flussi di massa di nutrienti 85 II

8 Indice Fonti dei dati e criteri di elaborazione Considerazioni sulla ripartizione dei contributi di nutrienti Criticità Azioni Valutazione del carico di nutrienti dal bacino imbrifero Premessa Studi pregressi Descrizione del metodo di calcolo dei carichi Dati sperimentali utilizzati Calcolo dei carichi Bilancio dei nutrienti del lago Carichi sperimentali dei principali affluenti Carichi di fosforo che giungono al Lario nel Ramo Occidentale Confronto dei risultati Criticità Azioni Stato attuale ed evoluzione idrochimica e trofica del lago Premessa Stato delle conoscenze Esame della bibliografia disponibile Informazioni da ricerche sperimentali Variazioni nel tempo delle concentrazioni dei nutrienti algali Variazioni delle concentrazioni nelle stazioni di Argegno e Como Arricchimento in azoto delle acque lacustri Criticità Azioni Interventi Studi Monitoraggio Stato attuale ed evoluzione delle biocenosi lacustri Premessa Stato delle conoscenze Fitoplancton: analisi storica Ftoplancton: situazione attuale Zooplancton Evoluzione recente del popolamento ittico Criticità Azioni Microinquinanti e tossicità delle acque Premessa Stato delle conoscenze Comparto acquoso Sedimenti Criticità Azioni Usi delle acque Balneazione Obiettivi Aspetti sanitari Attività di vigilanza e controllo sulle acque destinate alla balneazione Indagini di laboratorio Piani di miglioramento Azioni 128 III

9 Indice Uso idropotabile Approvvigionamento idropotabile nel Primo Bacino del Lago di Como La presa d acqua a lago a Punta Geno e il trattamento Il controllo interno secondo il Decreto Legislativo 31/ La qualità dell acqua distribuita Criticità e azioni L attività di pesca La pesca professionale Criticità Azioni Uso idroelettrico e irriguo Adda prelacuale Adda postlacuale Criticità Azioni 137 SEZIONE 3. Inquadramento delle criticità e delle azioni 3.1 Le principali criticità dell ecosistema lariano Azioni conoscitive e di risanamento Schede delle azioni Dalle azioni alla formulazione dei Progetti Operativi 169 SEZIONE 4. Conclusioni e indirizzi operativi 4.1 La condivisione degli indirizzi operativi Fase 2 del Progetto PLINIUS Conclusioni 176 BIBLIOGRAFIA 177 ELENCO DELLE TABELLE 183 ELENCO DELLE FIGURE 185 ACRONIMI, UNITÀ DI MISURA, SIMBOLI E FORMULE USATE NEL TESTO 188 APPENDICE I-Antologia bibliografica degli studi limnologici sul Lago di Como ( ) 192 II-Elenco dei contributi inediti forniti al Progetto 200 Ringraziamenti 201 Membri del Gruppo di Lavoro 202 Esperti End User Stakeholder IV

10 V

11 Presentazioni PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO PROVINCIA DI COMO Il Lago di Como rappresenta per il nostro territorio un patrimonio storico e ambientale fondamentale dal punto di vista sociale ed economico. La fruizione turistica e la crescita economica a essa collegata sono imprescindibili dal risanamento e dalla valorizzazione dell ambiente lacustre. Il progetto PLINIUS nasce dall esigenza di intervenire mediante un approccio interdisciplinare sulla problematica legata all inquinamento del Primo Bacino del Ramo Occidentale del Lago di Como al fine da un lato di individuare le lacune conoscitive e le azioni di intervento per il risanamento delle acque e dall altro di attuare i progetti di fattibilità delle azioni prioritarie individuate, privilegiando il raggiungimento dei migliori benefici a costi compatibili con una pianificazione a breve termine. La Provincia di Como ha dato il suo appoggio all iniziativa partecipando in modo attivo al Gruppo di Lavoro interdisciplinare che si avvale di esperti dei vari settori preposti allo studio della qualità delle acque provenienti dagli enti di ricerca e di esperti degli organi istituzionali deputati alla gestione del territorio e coordinati dal Centro di Cultura Scientifica A. Volta di Como. Il Gruppo di Lavoro si propone di raccogliere ed elaborare le informazioni disponibili sulla qualità delle acque del Lago di Como e sullo stato dell inquinamento e di produrre una proposta di progetto concreto che consenta di avviare le azioni di risanamento e di tutela ambientale dell ecosistema lacustre, affrontando i problemi in un ottica integrata lago-bacino idrografico. Inoltre, il progetto si propone di affrontare tematiche ancora poco conosciute (portate degli immissari, idrodinamica lacustre, microinquinanti organici, tossicità delle acque). In questa prospettiva, si pone particolare attenzione all individuazione delle criticità e delle azioni concretamente realizzabili per il conseguimento dell obiettivo di miglioramento della qualità delle acque. Questo approccio multidisciplinare si configura come un modello di gestione integrata, condivisa e partecipata di indirizzi e azioni, tale da poter essere applicato ad altre realtà territoriali regionali o nazionali, operando in collaborazione con gli enti locali preposti alla programmazione, gestione e fruizione del sistema lago e con tutti i soggetti a diverso titolo coinvolti in un ottica di razionalizzazione ed efficacia degli interventi. Il progetto PLINIUS, infine, ha lo scopo di conseguire risultati durevoli nel tempo sia attraverso il miglioramento delle conoscenze acquisite sia attraverso concreti interventi per la diminuzione dell inquinamento. Questi ultimi richiederanno il sostegno e l impegno da parte delle istituzioni e da parte degli enti locali. Il supporto che ne deriverà garantirà la prosecuzione delle azioni di monitoraggio sugli interventi eseguiti e consentirà l elaborazione di modelli previsionali, al fine di non vanificare gli obiettivi raggiunti. Francesco Cattaneo Assessore Ecologia e Ambiente Provincia di Como VI

12 Presentazioni FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITÀ COMASCA La Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus è nata nel 1999 con l intento di: - aiutare le persone a donare, rimuovendo ogni difficoltà - fare da ponte fra coloro che vogliono donare a favore di progetti di solidarietà, da realizzarsi nel Comasco, e le Organizzazioni non profit che, con il prezioso operato dei loro volontari, possono concretizzare questi progetti e tutto questo al fine di migliorare la qualità della vita di coloro che abitano nella provincia di Como. In soli sei anni la Fondazione ha: - erogato sul territorio provinciale ben 6,8 milioni di Euro finanziando oltre 650 progetti nel campo dell assistenza socio-sanitaria, del disagio giovanile, del sostegno agli anziani, della tutela del patrimonio ambientale, storico e artistico della nostra provincia - raccolto donazioni per 3,5 milioni di Euro per la costituzione di Fondi patrimoniali. Ed è proprio nella prospettiva di voler contribuire al miglioramento della qualità della vita nel nostro territorio che la Fondazione ha deciso di finanziare il Progetto PLINIUS, mettendo a disposizione per la sua realizzazione Euro. Si tratta infatti di un progetto con il quale si vuole trovare una soluzione concreta per riuscire finalmente a risanare il primo bacino del lago di Como. La Fondazione, da sempre sensibile ai temi ambientali, vorrebbe con questo intervento portare all attenzione dell opinione pubblica e degli enti competenti la necessità di ridurre il carico inquinante del lago al fine di rendere la città di Como ancora più a misura d uomo sia per chi vi abita sia per chi la visita da turista. PLINIUS ha già prodotto un primo risultato molto positivo: ha contribuito, con le donazioni pervenute da parte di coloro che hanno creduto in questo progetto, per un totale di Euro, all incremento di un Fondo patrimoniale ad oggi ammontante a Euro e costituito presso la Fondazione per finanziare ogni anno, con i suoi frutti, interventi per la salvaguardia dell ambiente nelle nostre zone così come pure per la tutela del patrimonio artistico di cui il Comasco è particolarmente ricco. Franco Tieghi Presidente Fondazione Provinciale Comunità Comasca VII

13 Presentazioni CAMERA DI COMMERCIO E la prima volta che la Camera di Commercio si occupa di sfide ambientali e il motivo è molto semplice. Contribuire al recupero della qualità del nostro lago è una responsabilità che l Ente Camerale sente, prima di tutto, come un obbligo etico. Como ha bisogno del lago, deve tornare a sentirlo come il suo cuore pulsante e consegnarlo ai suoi figli perché in esso possano rigenerarsi. Ma c è un altro motivo. Ambiente significa anche sviluppo economico sostenibile e, da imprenditore, non posso che condividere l approccio che si è dato il Progetto PLINIUS. Come per un impresa che si trova in difficoltà, PLINIUS è partito dalla conoscenza chiara del problema, ha individuato le criticità e infine ha proposto delle soluzioni, con una valutazione di fattibilità sia economica sia temporale. Il Progetto è, in aggiunta, uno strumento indispensabile per le Istituzioni che devono essere in grado di decidere, in ottemperanza alla legislazione e sulla base di un irrinunciabile approccio scientifico, azioni concrete. Tutto questo è contenuto nel Progetto. Di particolare interesse è anche l attenzione che PLINIUS ha voluto focalizzare sul primo bacino del ramo occidentale del lago, quello che innegabilmente soffre in maniera particolare, seguendo un approccio ecosistemico. Mi auguro che, attraverso altri passi, il Progetto possa ampliarsi e contribuire al recupero dell intero Lago di Como. La strada da percorrere è lunga, ma sono convinto che con questa iniziativa si stia imboccando la via giusta. Lo sforzo che l Amministrazione Provinciale sta compiendo è davvero lodevole e sono convinto che il Progetto PLINIUS meriti di istituzionalizzarsi. Certamente la Camera di Commercio, che ha creduto nella prima fase, è disposta a fare la sua parte per sostenere la fase successiva, ovvero la realizzazione delle azioni. L obiettivo di PLINIUS, la sua concretezza così come l iniziativa straordinaria delle Giornate Lariane per l Ambiente della Provincia di Como e l eccellente lavoro del Centro Volta introducono un elemento etico che supera qualsiasi altra motivazione. La nostra città e il nostro territorio devono riconoscersi in questa grande sfida che può essere davvero un grande obiettivo condiviso, superando le sterili contrapposizioni politiche. Mi auguro che si possano organizzare degli incontri annuali per trasmettere alla collettività lo stato d avanzamento delle azioni che PLINIUS propone e, perché no, che si possa rivedere nell arco di un periodo di tempo ragionevole il Lago di Como di nuovo balneabile. Como ha bisogno del suo lago e mi piace, in chiusura della mia breve presentazione, proporre una provocazione. Perché non pensare al Lago di Como come alla piscina più grande d Europa? Si tratterebbe in definitiva di recuperare una fruibilità che non dobbiamo ricercare nella notte dei tempi, ma che possiamo rintracciare semplicemente ricordando i racconti dei nostri padri. Ecco allora la sfida. Credere in questa provocazione e trasmettere al mondo un messaggio che potrebbe rappresentare il presupposto per un futuro di crescita economica davvero sostenibile del nostro territorio. Paolo De Santis Presidente Camera di Commercio di Como VIII

14 IX

15 Premessa PREMESSA Da sempre l intera comunità comasca riconosce nel Lario le proprie tradizioni e trova motore e ispirazione per le numerose attività economiche, culturali e di svago che costituiscono una delle peculiarità di eccellenza della Provincia di Como nel mondo e rappresentano per la sua gente elementi irrinunciabili a garanzia di una buona qualità della vita. La fruizione turistico/ricreativa e la crescita economica sono in generale il risultato di politiche di conservazione e di valorizzazione dell ambiente lacustre che devono mirare al raggiungimento di un buono stato di qualità delle acque, come previsto dalla normativa italiana D.Lgs. 152/99 e dalla Direttiva 60/2000/CE. A tale scopo, il Centro di Cultura Scientifica A. Volta di Como, ente non profit che da oltre venti anni promuove la ricerca e la diffusione della cultura scientifica e tecnologica a favore del territorio, sotto gli auspici della Provincia di Como e con il sostegno della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, nel mese di maggio 2005 ha dato avvio a un gruppo di lavoro interdisciplinare composto da esperti di diversi settori riguardanti lo studio della qualità delle acque e appartenenti a vari enti di ricerca (Istituto di Ricerca Sulle Acque-CNR di Brugherio, Istituto per lo Studio degli Ecosistemi-CNR di Verbania Pallanza, Università dell Insubria Sede di Como, Università degli Studi di Milano, Politecnico di Milano, Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino) e a organi istituzionali deputati alla gestione e al monitoraggio del territorio (Provincia di Como, ARPA di Como e Lecco, ASL della Provincia di Como). Il Gruppo di Lavoro Lago di Como (GLLC), raccogliendo ed elaborando il complesso di informazioni funzionali al risanamento dell intero ecosistema lacustre, è giunto a formulare una proposta preliminare di progetto operativo, in accordo con le istituzioni competenti, per avviare le azioni di recupero e di tutela ambientale del lago. Il Gruppo di Lavoro ha concentrato la sua attenzione sul Bacino Occidentale del Lario e, in particolare, sul Primo Bacino, affrontando i problemi con un approccio integrato lago-bacino idrografico. Tale impegno ha dato luogo al Progetto PLINIUS (Progetto Limnologico INtegrato per Il recupero del ramo di Como a un Uso Sostenibile e partecipato dell ecosistema lariano) Il Progetto PLINIUS, presentato per la prima volta in occasione della Seconda Edizione delle Giornate Lariane per l Ambiente tenutesi dal 3 al 5 Novembre 2005 a Villa Erba di Cernobbio, ha richiesto per la sua realizzazione il lavoro di numerose persone che lo hanno accompagnato fiduciose lungo il percorso. Innanzi tutto si ringraziano i componenti del Gruppo di Lavoro per la grande disponibilità, lo spirito di confronto e la competenza. Essi hanno impegnato il loro tempo per un progetto che si prefigge di fornire un forte impulso alla conoscenza dell ecosistema lacustre, riavviando dopo un quindicennio un ampio confronto sui processi, le criticità e le azioni richieste per il definitivo risanamento. Il lavoro degli esperti è stato agevolato dalla collaborazione ricevuta da ACSM S.p.A., Agenda 21 Como, Comodepur S.p.A., Comune di Comune, Consorzio dell Adda, Assessorato Ecologia e Ambiente della Province di Como e di Lecco, Assessorato Caccia e Pesca della Provincia di Como, Punto Energia Como, dai Settori Risorse Idriche, Suolo e Risorse Naturali di ARPA Lombardia, dall Assessorato Reti e Servizi di Pubblica Utilità della Regione Lombardia, dal Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino e dall Ufficio per la Natura e l Ambiente del Cantone Grigioni. Il loro contributo, infatti, si è dimostrato fondamentale per l acquisizione di dati preziosi al fine di completare il quadro informativo sul lago di Como. Un particolare ringraziamento è rivolto agli Enti che hanno creduto nel Progetto PLINIUS a partire dalla prima fase e ne hanno consentito la realizzazione tramite il proprio sostegno economico: Assessorato Ecologia e Ambiente della Provincia di Como Fondazione Provinciale della Comunità Comasca Camera di Commercio di Como Banca Intesa 1

16 Premessa Fortemente motivati dalla convinzione che la crescita economica del territorio non possa prescindere dal risanamento e dalla valorizzazione del Lario, Provincia, Fondazione Comasca, Camera di Commercio e Banca Intesa hanno rappresentato un fondamentale punto di riferimento per raggiungimento degli obiettivi del Progetto. Costante e proficuo è stato, infatti, il confronto con il Gruppo di Lavoro nell intento di condividere appieno ogni passo lungo il percorso di evoluzione del Progetto. Un grazie sincero, pertanto, a tutti da parte del Centro Volta che, nel perseguire la propria missione di promotore della ricerca scientifica, ha vissuto in questi mesi di lavoro occasioni di forte arricchimento scientifico e umano. Margherita Canepa Responsabile Settore Ambiente Centro di Cultura Scientifica A. Volta 2

17 Riassunto esteso RIASSUNTO ESTESO Il Rapporto PLINIUS nato da una raccolta aggiornata dello stato delle conoscenze riguardanti il Lago di Como, focalizza l attenzione sulle criticità che determinano la qualità delle acque del Primo Bacino del Ramo Occidentale e suggerisce, in una serie di capitoli tematici, azioni che possono essere avviate per il loro recupero in accordo con il Piano di Tutela e Uso delle Acque della Regione Lombardia, i programmi di collettamento e depurazione delle Province, i programmi di monitoraggio dell ARPA Lombardia e dell ASL e con le azioni previste dalla normativa elvetica. Il Rapporto PLINIUS si sviluppa in un contesto interdisciplinare a scala di bacino idrografico (Fig. 1) seguendo le linee indicate dalla Direttiva Europea sulla Qualità Ecologica delle Acque (Direttiva 60/2000/CE), che ha come finalità primaria il raggiungimento, entro il 2015, di un buono stato della qualità di tutte le acque superficiali attraverso lo sviluppo di opportuni strumenti di indagine e l acquisizione di un complesso di informazioni idromorfologiche, socioeconomiche ed ecologiche indispensabili per la definizione degli obiettivi di qualità. Limnogeologia e morfometria Clima, idrologia e idrodinamica lacustre Antropizzazione e uso del territorio Evoluzione idrochimica e trofica Collettamento e depurazione Microinquinanti e tossicità Caso di studio Cosia e Breggia Evoluzione biocenosi Carichi di nutrienti da bacino Usi delle acque Figura 1 - Esemplificazione del quadro tematico interdisciplinare considerato da PLINIUS per l individuazione delle azioni e dei progetti per il recupero della qualità delle acque del Lago di Como (Si rimanda alla Figura per i dettagli dell immagine posta al centro del diagramma) La conoscenza delle criticità Limnogeologia, clima, idrologia e idrodinamica lacustre Il Rapporto PLINIUS parte dall analisi di un ampio spettro di determinanti fisiche, chimiche e strutturali che causano le pressioni sull ambiente e ne determinano lo stato di attuale lontananza dalle condizioni di buona qualità, in termini biologici e sanitari. L approfondimento interdisciplinare e integrato delle informazioni muove dalla descrizione delle caratteristiche generali morfometriche e morfologiche del lago e del suo bacino idrografico (Sez. 2 - Cap. 1). La costituzione geologica del substrato, i 3

18 Riassunto esteso lineamenti di evoluzione recente, soprattutto quaternaria, e gli elementi di sismicità e neotettonica costituiscono un patrimonio di conoscenza recentemente acquisito di rilevante valore. I primi dati inediti sulle caratteristiche fisiche e sedimentologiche del ramo di Como, raccolti negli ultimi quattro anni di ricerca dall Università degli Studi dell Insubria e comprendenti il rilievo morfobatimetrico di dettaglio di alcune aree chiave del bacino, il rilievo sismico ad alta definizione nei rami di Como e Lecco e 19 carote di sedimenti nel ramo di Como hanno permesso di ottenere carte batimetriche, con curve isobate con equidistanza fino a 1 m, Modelli Digitali del Terreno (DTM) e rappresentazioni tridimensionali prospettiche, che mostrano la topografia del fondo lacustre in estremo dettaglio. Le prospezioni sismiche e i carotaggi forniscono, invece, una definizione molto precisa della struttura e della composizione dei corpi sedimentari sublacustri. Ulteriori dati sulla sedimentazione lacustre sono stati forniti dall analisi diretta di carote di sedimento su cui sono state svolte analisi petrofisiche, sedimentologiche, mineralogiche, cronologiche con il metodo 137 Cs e con il metodo 14 C, chimiche, paleobotaniche e ambientali, che forniscono dati inediti e importanti sull evoluzione recente del bacino lacustre. Questi studi hanno consentito la ricostruzione tridimensionale dei corpi sedimentari e della loro struttura interna, l ubicazione delle aree di affioramento di substrato roccioso sui versanti e dei principali bacini di accumulo di sedimenti. Di notevole interesse è stata l individuazione di due megatorbiditi, con spessori medi di 3 m e con volumi complessivi di 14 milioni di metri cubi, collegate a franamenti sub-lacustri avvenuti in tempi storici, rispettivamente nel VI secolo dc e a metà del XII secolo dc, lungo la scarpata meridionale della soglia che separa il ramo di Como dal resto del lago, eventi la cui ricorrenza è ancora da indagare sia nella frequenza sia nella dimensione fenomenologica. Tra gli aspetti fisici un ruolo di riguardo ha l interpretazione dell idrodinamica lacustre in relazione ai fattori meteo-climatici e idrologici (Sez. 2 - Cap. 2). L analisi climatica è stata focalizzata sul regime pluviometrico al fine di definire le entrate medie annuali dei principali immissari del lago. Tale dato di grande importanza non è ancora disponibile in modo dettagliato a scala giornaliera. A oggi il grado di strumentazione disponibile sul territorio non consente, infatti, di utilizzare un approccio diretto nello studio delle dinamiche idrologiche del bacino. Per giungere a questo tipo di dettaglio è necessario conoscere in modo preciso l entità degli afflussi e disporre di dati di temperatura, radiazione solare, velocità del vento e umidità relativa, organizzati in modo omogeneo e correttamente distribuiti sul territorio, nonché di dati sperimentali, relativi alla portata dei principali immissari del lago, per validare il modello utilizzato. Per ottenere un grado di conoscenza del sistema idrologico di questo tipo è necessario l ampliamento della strumentazione idrometrica e la calibrazione delle sezioni, organizzando ed elaborando le informazioni climatiche, territoriali e idrologiche che vengono raccolte. In questo rapporto, per definire l entità dei contributi dei diversi immissari del Lago di Como per il ventennio e, in modo dettagliato, per l ultimo quinquennio, non si è potuto procedere in modo diretto alla stima della portata partendo dagli afflussi meteorici, dall evapotraspirazione reale e dalle eventuali perdite per infiltrazione o per gli apporti sotterranei, ma si è dovuto procedere in modo indiretto ossia stimando il contributo di ciascun tributario in modo proporzionale rispetto agli afflussi meteorici di ogni sottobacino. Quest ultima procedura contiene ovviamente in sé una incertezza maggiore di quella che si avvale delle misure sperimentali dirette. L analisi dei dati elaborati ha comunque permesso di definire gli elementi base del bilancio idrologico. Il principale elemento è il Fiume Adda che da solo rappresenta più della metà delle entrate (54%), mentre il contributo complessivo del Ramo Occidentale è dell 8,4% (13,6 m 3 s -1 ). In ordine decrescente, tra gli altri immissari del lago vanno segnalati, per la loro importanza, il Mera (21,6 m 3 s - 1 ), il Pioverna (6,8 m 3 s -1 ), il Breggia (3,8 m 3 s -1 ) ed il Varrone (3,6 m 3 s -1 ). Tutti i restanti sono da considerare corsi d acqua idrologicamente minori, con portate medie inferiori a 3 m 3 s -1. Ancora più frammentaria rispetto all idrologia è la conoscenza del regime idrodinamico delle acque lacustri che risulta assolutamente insufficiente per descriverne i movimenti in un ambiente morfometricamente complesso quale è il Lago di Como. La mancanza di un emissario naturale nel Bacino Occidentale appare come la principale criticità idrodinamica del Primo Bacino del Lago di Como, che implica tempi di residenza delle acque più elevati in questa porzione dell ecosistema (12,7 anni) rispetto al bacino settentrionale (8,4 anni) e al bacino orientale (5,1 anni). Un primo contributo alla conoscenza della fisica lacustre è dato dalle recenti misure condotte in continuo attraverso un sistema in tempo reale installato nel Primo Bacino del Lago di Como (Lake Diagnostic System, LDS). I dati raccolti consentono di descrivere in continuo l evoluzione stagionale della termica lacustre e di evidenziare l estrema stabilità della colonna d acqua del Bacino Occidentale, che appare caratterizzata da scarso miscelamento verticale e orizzontale. La quiescenza 4

19 Riassunto esteso e la stabilità delle acque nel Primo Bacino, che sono la causa primaria dell accumulo di inquinanti, hanno anche un ruolo fondamentale nella proliferazione di specie cianobatteriche potenzialmente tossiche. Consistenti fioriture algali si verificano, ormai regolarmente, alla fine di ogni estate nelle acque antistanti la Città di Como e trovano una spiegazione fisica diretta nella condizione sopra citata. L analisi effettuata mette in evidenza l assoluta necessità di un approfondimento della conoscenza del regime idrodinamico al fine di supportare l interpretazione dei dati di qualità nonché la predisposizione di modelli idrodinamici sul breve e sul lungo periodo. Solo il potenziamento di queste informazioni permetterà, infatti, l implementazione di un modello ecologico avanzato in grado di produrre scenari dell evoluzione della qualità del lago in funzione della riduzione delle sorgenti inquinanti distribuite sul bacino idrografico. Tale strumento potrà avere anche una fondamentale importanza gestionale. Un primo risultato dell analisi delle condizioni idrodinamiche del Primo Bacino ha fatto emergere l idea che esistano le condizioni per l applicazione di tecnologie innovative che favoriscano la riduzione del tempo di ricambio delle acque del Primo Bacino del lago, al fine di mitigare l eccessiva pressione antropica gravante su questa porzione dell ecosistema. Questo approccio, basato su un sistema di miscelazione, è descritto tra le azioni contenute nella sezione 3 e rappresenta di per sé la prima tra le proposte operative di PLINIUS che costituiranno l ossatura della fase 2 del Progetto. Antropizzazione, carichi di nutrienti da bacino, collettamento e depurazione Il principale problema che affligge la qualità delle acque del Lago di Como è l alterazione della trofia (eutrofizzazione), che rappresenta anche la causa più rilevante d alterazione dei corpi idrici in Europa. Tale situazione è determinata dalla quantità di nutrienti che sono immessi annualmente nel lago (carico), ma anche dalla modalità d immissione, essendo quest ultima distribuita in modo disomogeneo o in relazione all antropizzazione del territorio. L agricoltura è tradizionalmente la maggiore sorgente diffusa di nutrienti in Italia, ma nel caso del Lago di Como sono le aree urbane ad avere il ruolo preponderante nella formazione del carico. Per individuare le aree responsabili dell eccesso di carico, nel Rapporto (Sez. 2 - Cap. 3) si conduce un analisi utilizzando le informazioni sull uso del suolo e i dati socio-economici, con l obiettivo di stimare i carichi teorici generati nel bacino imbrifero. Tale analisi ha portato a ottenere un carico teorico di fosforo di 274 P t a -1, di cui 64 P t a -1 nel Ramo Occidentale, un quarto del valore del carico dell intero bacino. La pressione antropica espressa in termini di rilascio areale di fosforo in questo Ramo si caratterizza per essere oltre 3 volte superiore a quella del resto del bacino imbrifero. L analisi porta a concludere che alla maggiore pressione antropica cui è sottoposto il Ramo Occidentale dovrebbe corrispondere una struttura della rete di collettamento dei reflui urbani più efficiente e meglio distribuita. Le indagini effettuate mostrano, invece, una chiara inefficienza del sistema, con una capacità di collettamento che è pari circa solo alla metà degli abitanti residenti e fluttuanti. Un esame di dettaglio del ruolo della pressione antropica nel determinare la trofia del lago è data dall analisi del collettamento della città di Como. In questa analisi si è considerato lo stato delle reti fognarie e si è valutata l efficienza dei processi di depurazione delle acque (Sez. 2 - Cap. 4), confermando le stime teoriche effettuate sulla base della distribuzione territoriale della popolazione. Al dicembre 2004, la rete fognaria di Como serviva, potenzialmente, l 86,6% delle unità immobiliari, mentre il restante 13,4% era costituito da abitazioni isolate attrezzate con fosse settiche. Le unità immobiliari servite da fognatura separata erano il 60,5%. Il resto è risultato servito da reti miste dotate di scolmatori di piena per la limitazione delle portate di pioggia addotte al depuratore. Il bacino depurativo dell impianto di depurazione della Comodepur S.p.A. serve un area che comprende i Comuni di Como, Lipomo, Tavernerio, Brunate, Cernobbio, Maslianico e parte del comune di Grandate, per un totale di circa abitanti residenti e oltre abitanti equivalenti originati dalle attività produttive. L indagine ha evidenziato che le principali criticità delle reti fognarie risiedono nei mancati allacciamenti, peraltro non ancora ben quantificati, nel centro storico di Como. Per i Comuni con scarichi afferenti al Bacino Occidentale del Lago di Como si stima che solo l 8% degli abitanti (circa su ) non siano ancora serviti da fognatura e circa il 43% non siano ancora serviti da depuratori (percentuale destinata a diminuire con all avviamento di alcuni depuratori in corso di ultimazione). Complessivamente la stima dei carichi di fosforo addotti a lago attraverso questa stima conduce a ottenere un valore di circa 51,7 P t a -1 (di cui 15,6 P t a -1 provenienti da scolmatori di piena e 9,5 P t a -1 derivanti dallo scarico dell impianto di Comodepur). Un ulteriore contributo alla conoscenza della distribuzione dei carichi di nutrienti che determinano la trofia lacustre è dato dall analisi degli apporti dei torrenti Breggia e Cosia, i principali vettori di 5

20 Riassunto esteso inquinamento del Ramo Occidentale del Lario, scelti come casi di studio per esemplificare la complessità nella valutazione delle pressioni sul lago (Sez. 2 - Cap. 5). Gli scarichi che maggiormente contribuiscono al carico inquinante di questi fiumi sono quelli provenienti dagli impianti di depurazione di Como (I), Ronago (I), e Pizzamiglio (CH). Un ruolo non indifferente è, tuttavia, rivestito anche da piccoli e numerosi scarichi di acque reflue urbane e domestiche non collegate al servizio di depurazione. Uno studio dell ARPA Lombardia, Dipartimento di Como e Provincia di Como relativo al periodo Febbraio Gennaio 2005 ha descritto la variazione dello stato ambientale dei torrenti lungo il loro corso e ha tracciato un quadro complessivo del contributo relativo delle varie fonti di contaminazione, servendosi del flusso di massa per alcuni parametri ritenuti significativi (COD Domanda Chimica di Ossigeno, fosforo totale, azoto totale). Per ciascuna immissione indagata, sia che si tratti di vero e proprio scarico o di corso d acqua contaminato, lo studio ha fornito anche una semplice classificazione ( molto inquinato, mediamente inquinato, poco inquinato ) in base a un giudizio critico elaborato autonomamente interpolando criteri contenuti nel D.Lgs. 152/99 e s.m.i.. Assemblando i risultati delle analisi sui punti indagati mensilmente lungo i due torrenti (5 sull asta principale e 16 immissioni per il Cosia; 2 sull asta principale e 8 immissioni sul Breggia) con quelli forniti dalle autorità elvetiche, è stato possibile stabilire un bilancio sommario tra flussi di massa rilevati alla foce dei due torrenti e flussi di massa parziali derivanti dalle varie immissioni. Alla luce dei risultati ottenuti e delle informazioni raccolte sono state individuate le principali criticità riguardanti Cosia e Breggia, tra le quali la difficoltà di monitorare alcuni punti di significativa importanza per una stima completa dei carichi apportati al Primo Bacino del Lago di Como, nonché la difficoltà di misurare la portata dovuta a problemi di accessibilità dei due torrenti. Come diretta conseguenza delle criticità riscontrate, le azioni da svolgere, comprendono sia l intensificazione del monitoraggio per implementare le conoscenze quali-quantitative finora raccolte sia l installazione di idrometrografi per la misurazione della portata alla foce dei due torrenti. La misura della portata costituisce, infatti, un dato indispensabile per garantire una esaustiva informazione sui carichi di inquinamenti. La stima dei carichi di nutrienti (specificatamente i composti del fosforo e dell azoto) che pervengono al Lago di Como dal bacino imbrifero ha rappresentato un punto fondamentale per il Progetto PLINIUS, poiché tale stima (Sez. 2 - Cap. 6) costituisce un riferimento per la pianificazione gestionale e per la valutazione dell evoluzione dello stato trofico delle acque. Il Gruppo di Lavoro ha condotto il calcolo teorico dei carichi su due livelli: a scala di intero bacino e a scala più ridotta focalizzando sul Ramo Occidentale e dando ampio spazio all analisi delle sorgenti puntiformi. A questa analisi si affianca quella del calcolo sperimentale realizzato utilizzando le misure effettuate nell ultimo quinquennio ( ) dall ARPA Lombardia, Dipartimento di Como, su 11 immissari e dal Dipartimento di Lecco sull emissario del lago. I carichi degli affluenti sono stati ottenuti utilizzando sia i dati delle portate istantanee direttamente misurate dall ARPA al momento del prelievo, sia quelli ricavati attraverso la valutazione teorica del bilancio idrologico del lago, effettuata tramite la stima dei deflussi degli affluenti e delle fasce perilacuali. I risultati ottenuti, confrontati con quelli pregressi degli ultimi 15 anni e con quelli riportati nella Relazione Generale del Piano di Tutela e Uso delle Acque della Regione Lombardia hanno fornito una stima sufficientemente esaustiva del carico totale che annualmente è risultato ammontare a 265 t a -1 per il fosforo (P) e di 7871 t a -1 per l azoto (N), con una ritenzione a lago del 74% e del 33%, rispettivamente. I carichi ottenuti mostrano comunque ancora incertezze importanti dovute a carenze strutturali, quali la mancanza di una diffusa rete di rilevamento dei livelli idrometrici nei principali affluenti del lago, che costringe al ricorso di modellizzazioni idrologiche in grado di indurre approssimazioni sia nelle relazioni concentrazioni-portate sia nel bilancio di massa. Esiste, inoltre, una mancanza conoscitiva dei carichi in condizioni di portata estrema. Tale lacuna può, a sua volta, influire notevolmente sul bilancio di massa complessivo. Va, infine, sottolineato che proprio nel Bacino Occidentale, area nella quale l antropizzazione è la più elevata del territorio lariano, l entità assoluta dei carichi appare molto più incerta che in altre aree, con una conseguenza significativa nei confronti delle misure da attivare per il recupero delle acque del Primo Bacino antistante la città di Como. Stato chimico, biologico ed ecotossicologico delle acque lacustri Completata la descrizione quantitativa delle pressioni derivanti dal bacino idrografico, l attenzione del Rapporto si è spostata verso la valutazione dello stato chimico e biologico delle acque pelagiche (Sez. 2 - Cap. 7). 6

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito

Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito Le fasi dell emergenza e la gestione del rischio Regione Puglia Le fioriture algali nell invaso di Occhito Fulvio Longo Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e prevenzione Regione Puglia Bari,

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po ex art. 4 c. 2 Deliberazione di Comitato Istituzionale n. 2/2015 del 5 agosto 2015

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE SERVIZIO. AREA Progetto esecutivo REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE Responsabile di progetto : CROATTI GABRIELE

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE

I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE I LAGHI E LA CAPACITA MODERATRICE DELLE PIENE Luigi Natale -Università di Pavia LAGHI DELLA BILANCIA I LAGHI LOMBARDI E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA 22 MARZO 2014 L EQUAZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

Autorità di bacino del fiume Po

Autorità di bacino del fiume Po Autorità di bacino del fiume Po incontro delle Reti Locali interessate da processi di pianificazione strategica partecipata per la riqualificazione dei bacini fluviali Titolo dell Esperienza da agenda

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR Osservazioni dell ANEA al DCO 299/2014/R/idr dell AEEGSI del 19 giugno 2014 Definizione delle tariffe di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati in pubblica fognatura - Inquadramento

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO

IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO IL RUOLO DELLE REGIONI PER GLI ADEMPIMENTI COMUNITARI IN MATERIA DI ACQUE DI SCARICO Infrazioni comunitarie in materia di qualità TORINO delle -acque 14 aprile potabili 2011 e di adempimenti relativi alle

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI

CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI CONVEGNO SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITA AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI IMPATTO DELLE ACQUE DI DILAVAMENTO SUI RICETTORI FLUENTI Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura

Dettagli

L INVASO DEL CILLARESE L INVASO DEL CILLARESE Il comprensorio consortile del Cillarese è costituito dall invaso artificiale del Cillarese, realizzato mediante la costruzione di uno sbarramento in terra

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Simone Ciadamidaro Ricercatore ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS PhD in Biologia Animale Informazioni: eventienea_ispra@enea.it

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Governance e partecipazione per il bacino del Po Colorno 26 ottobre 2007 I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Mario Clerici Regione Lombardia mario_clerici@regione.lombardia.it PERCHE UN CONTRATTO DI FIUME

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque RSA Provincia di Milano Acque Fig.1: utilizzo della risorsa idrica superficiale (fonte: SIA) Fig. 2: incidenza dei fenomeni inquinanti sulla risorsa idrica sotterranea (fonte: Provincia di Milano) La provincia

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Ing. Giorgio MARTINO ACEA ATO2 Spa Roma -Regione Lazio Sala Tevere 25 luglio 2013

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO

LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO MANUALE DI GESTIONE Gruppo di lavoro Gestione impianti di depurazione Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Coordinatore: Carlo Collivignarelli

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di fiume strategie e prospettive Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di Fiume come Patti per i beni collettivi Agricoltura e prodotti tipici Fruizione

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO STUDIO SPERIMENTALE SUI

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

area tematica: RISORSE IDRICHE

area tematica: RISORSE IDRICHE Tabella A. area tematica: RISORSE IDRICHE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Utilizzo di acqua di qualità in quantità ingenti per le attività produttive che comporta l abbassamento generalizzato

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche!

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! VIVIANE IACONE! DG AMBIENTE ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE! Strumenti di pianificazione per la tutela delle risorse idriche! E in

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele Per la Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele PIANO STRAORDINARIO PER LA RIMOZIONE DELLE SITUAZIONI A RISCHIO PIÙ ALTO contenente L INDIVIDUAZIONE E LA PERIMETRAZIONE

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO ELABORAZIONE DEL PROGETTO STRUMENTI Bando speciale che deve prevedere: a) le fonti di finanziamento b) il numero degli

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P.

TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. TEORIA E APPLICAZIONE DELL INDICE DI FUNZIONALITA PERILACUALE I.F.P. G. Caricato 1 & V. Telesca 2 1 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente di Basilicata 2 Università degli Studi della Basilicata,

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Dipartimento di Como della Lombardia Presentazione Perché un documento sulla qualità dell ambiente nella Provincia di Como? Da sempre prosperità e benessere

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Sez. 1 Informazioni generali

Sez. 1 Informazioni generali Sez. 1 Informazioni generali Informazioni di carattere generale sull acqua di balneazione volte a consentirne l'identificazione univoca, l'individuazione rispetto al territorio su cui insiste e la collocazione

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento

Dettagli