Tavola dei contenuti Parte I Introduzione...4 Parte II Creare un semplice Schematic ed il suo PCB Determinare le misure di uno schematics a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavola dei contenuti Parte I Introduzione...4 Parte II Creare un semplice Schematic ed il suo PCB...4 1 Determinare le misure di uno schematics a"

Transcript

1 1

2 Tavola dei contenuti Parte I Introduzione Parte II Creare un semplice Schematic ed il suo PCB Determinare le misure di uno schematics a disporvi i titoli Configurare le librerie Disegno di uno schematic Conversione in un PCB Progettare un PCB Preparazione troute...29 Autorouting Lavorare con i layer Misura della lunghezza di una traccia Routing manuale Lavorare con i Vias...46 Selezione di oggetti da type/layer Disporre Text and Graphics Copper Pour Bloccaggio di oggetti (Locking object)...64 Design Verification Design Information Panelizing Printing Manufacturing Output...75 DXF Output...75 Gerber Output...79 Create NC Drill filef or CNC machine drilling Part III Creazione delle librerie Progetto di un pattern di libreria...85 Customizing Pattern Editor...85 Progettare un resistor...86 Saving library...96 Designing BGA -144/12x Designing SOIC-28 pattern Placing patterns Progettare un component library Customizing Component Editor Disegnare una resistenza Disegnare un condensatore Disegnare un componente multiparti Disegnare PIC18F24K Disegnare i simboli VCC and GND Usare campi addizionali Settaggio di Spice

3 Controllo delle librerie Disporre i componenti Part IV Utilizzare diverse caratteristiche dei componenti Contents 3 1 Connessioni Lavorare con i BUS ed i connettori di pagina Lavorare con i NET PORT Collegamenti senza fili Connection Manager: uso nello Schematico e nel PCB Reference Designators Come trovare i componenti nelle librerie Electrical Rule Check Lista dei componenti: Bill of Materials(BOM) Importare / Esportare Netlists Simulazione Spice Checking net connectivity Placement features Fan out Hierarchical Schematic Importing from other EDA tools Parte V DipTrace Links

4 1) Introduzione Questo documento vi permette di iniziare con facilità attraverso la progettazione di un semplice schema elettrico, il suo PCB,e le librerie di componenti e di pattern, poi cercando funzionalità dei pacchetti diversi. Il tutorial include passo-passo la guida alla progettazione e molti inserti aggiuntivi che permettono di scoprire le funzioni del programma. Se avete domande, durante l'apprendimento del tutorial, contattare il nostro personale di supporto: Saremo felici di essere di aiuto e risponderemo volentieri alle vostre domande. Questa versione del tutorial è stata creata per DipTrace ver (19 febbraio 2010). 2) Creazione di un semplice Schematico e del PCB Questa parte del tutorial vi insegnerà come creare uno schema semplice e il suo PCB (Printed Circuit Board) utilizzando DipTrace. Questo è uno schema che vi sarà la creazione utilizzando il modulo schematico DipTrace cattura: Questo è uno schema che realizzerete con il modulo Schematic capture di DipTrace: 4

5 Aprite il modulo Schematic Capture di DipTrace cioè Start/All Programs/Dip trace./schematic. La prima volta vedrete la finestra di dialogo per il modo grafico e la selezione del colore dello schema. Potete selezionare il modo grafico che è meglio per voi: 1) Direct 3D è il modo più veloce per PC windows e vi raccomandiamo di usarlo se funziona correttamente sul vostro sistema e voi non utilizzate un sistema grafico hardware High-End con OpenGL. Naturalmente questo modo dipende anche dalla versione dei drivers (una piccola percentuale di PC possono avere a che fare con essa). 2) OpenGL di solito lavora un poco più lentamente di Direct 3D, naturalmente è più valido per diversi sistemi operativi e meno dipendente dai drivers dell harware. Inoltre sarà la scelta migliore per la fascia alta. Comunque potete testare ambo i modi su progetti pesanti e scegliere il migliore per voi. 3) Windows GDI può essere usato come modo altenativo se Direct 3D e OPEN GL non lavorano correttamente con la vostra scheda grafica. E molto più lento, ma non dipende da drivers, hardare ed O.S. Anche questo modo è sufficiente per un lavoro confortevole su progetti piccoli e medi. Useremo uno sfondo bianco che è più accettabile per stampare questo tutorial. Potete anche cambiare i colori. La stessa finestra di dialogo apparirà nel modulo PCB. L editor dei componenti e quello dei pattern utilizza i colori secondo le scelte fatte nello Schematico e nel PCB Layout. Inoltre nasconderemo il Design Manager / Properties panel per lasciare un maggior spazio libero al progetto. Per il nostro tutorial la risoluzione 800x600 è importante, ma se disponete di una risoluzione maggiore potete saltare questo passo e utilizzare design manager / properties panel. Selezionate View/barra degli strumentis/designmanager dal main menù. 2.1 Stabilire le dimensioni di uno schema e disporre i titoli File / Title & Sheet Setup, sate ANSI A nel quadrato Sheet Template. Poi scendete in basso nello schermo, mettete la spunta nei quadratini di Display Titles e Display Sheet 5

6 Potete mostrare o nascondere Titles e Sheet selezionando View / Display Titles e View/Display Sheet dal main menù. Premete il pulsante + o - o usate la rotellina del mouse sino a che si vede l'immagine del disegno. Se la freccia del mouse punta un componente o un'area selezionata, lo zoom può essere fatto nello stesso modo. Lo si può cambiare anche selezionando un appropriato valore nella piccola finestra della scala sulla barra degli strumenti standard oppure scrivendolo in essa. 6

7 Per inserire qualsiasi testo nel Campo del blocco del titolo muovere il mouse su quel campo (dovrebbe essere evidenziato in verde) e fare click per vedere le Field Properties. In quella finestra di dialogo potete scrivere il testo, definire l'allineamento e il carattere. Provate a scrivere Astabile flip flop, premete il pulsante Font e scegliete 12. Poi fate click su OK per confermare, chiudere la finestra e applicare i cambiamenti. Potete anche inserire testi di più di una linea nel campo del blocco del Titolo se necessario. 7

8 Potete zumare il Title Block portandovi sopra la freccia del puntatore e premendo ripetutamente + oppure - o utilizzando la rotellina del mouse. Potete anche usare la finestra dello zoom selezionando col mouse un rettangolo con la funzione Zoom windows Andate a File e selezionato Save as, scrivete il nome del file che volete usare, accertatevi di essere nella giusta cartella e confermate con SAVE 2.2 Configurare le librerie Prima di usare lo schematico o il PCB dovete settare le librerie: 8

9 Andate a Library / Library Setup DipTrace ha due modi di mostrare le librerie sulla barra degli strumenti delle librerie: 1) prendere le librerie da una cartella specificata: Questo modo è attivo se c'è il segno di spunte nel quadrato Get Libraries from folder. Per definire la cartella con le librerie premere.... Assicuratevi di trovare la cartella Lib che è venuta con il programma. In seguito potete puntare qualsiasi altra locazione, ma all'inizio, prima di aver familiarizzato con il concetto di libreria, per favore, seguite i nostri suggerimenti. 9

10 Pag 10 del tutorial 2. Attivare le librerie usando le liste Questo modo è attivo se Get Libraries from folder non ha il segno di spunta. La lista delle librerie attive è così abilitata e potete editarla utilizzando i pulsanti a destra di questa lista: << aggiunge la libreria selezionata dalla lista di tutte le librerie,... aggiunge librerie dall'hard disk, la Freccia su muove la libreria selezionata verso l'alto, la Freccia giù muove la libreria selezionata verso il basso, Del cancella le librerie selezionate dalla lista delle librerie attive. Il primo modo è abilitato di default; tutte le librerie conosciute sono poste automaticamente nella lista All Libraries (sul lato destro della finestra di dialogo). Inoltre potete aggiungere o cancellare librerie da quella lista utilizzando i comandi Add o Delete. Chiudete la finestra di dialogo Library Setup e tutti i cambiamenti, se fatti, verranno applicati alla barra degli strumenti delle librerie. 10

11 Pag.11 Disegnare uno schema elettrico Cambiare la misura della griglia a 0.1 in. Potete selezionarlo dalla lista di griglie (finestra combo) oppure aumentare o diminuire la misura con Ctrl+ o Ctrl-. Questa combinazione di tasti funziona solo se la misura è elencata nelle griglie disponibili. Altrimenti: View/Customize Grid nel main menù. Muovetevi lungo la barra degli strumenti verso destra e selezionate la libreria Transistor, scorrete la lista dei componenti sullo schermo a Sx sino al 2N4401 e cliccatelo, oppure potete scrivere 2N4401 nel box sopra la lista dei componenti e premte INVIO. Verrà così selezionato un simbolo e potrete muoverlo verso lo schema. Spostate il puntatore nello schema e fate click Sx una volta un transistor verrà piazzato sullo schema. Con un click Dx disabilitate il placement mode. Come spostare un componente? Tenete premuto il tasto Sx sull'elemento parte da muovere e spostatelo. Se dovete muovere parecchi componenti dovete selezionarli e fare Drag and Drop : Tenendo premuto il tasto Ctrl cliccate su tutti i componenti che volete selezionare oppure potete creare un quadrato di selezione comprendente più componenti: fate click nella parte sopra a sinistra dei componenti che volete selezionare e tenendo premuto spostate il puntatore in basso a destra del gruppo di componenti,(se il tasto Ctrl è premuto, tutti i componenti saranno selezionati). Il tasto Ctrl serve anche per deselezionare i componenti. Talvolta è necessario modificare l'id del componente ( R1 oppure C4 oppure D3 ) 11

12 così portate il mouse sul componente, fare click con il tasto dx e selezionate l'elemento superiore dal sotto menù. Nella dialog box che si aprirà scrivete il nuovo ID del componente. Abbiamo bisogno di due transistor per il nostro schema, così selezionate 2N4401 nella lista dei componenti e disponetelo sul foglio. Attenzione, se cambiate l' ID (designator) non avete bisogno di rinominare il secondo transistor, questa operazione è fatta automaticamente. Se volete ruotare il componente prima di disporlo sullo schema elettrico, premete la barra spaziatrice (Space Bar) o R. Selezionate la libreria Discrete sulla barra degli strumenti delle librerie, cercate un adatto resistore e disponetelo sullo schema: selezionate RES400 cioè una resistenza con i terminali distanti 400 mils. Naturalmente, se preferite un disegno in unità metrica decimale, selezionate View / Units / mm dal main menù. Noi useremo i pollici come unità di misura più adatta al nostro progetto. 12

13 Abbiamo bisogno di 4 resistenze per il nostro schema. Potete disporli dalla lista deicomponenti nello stesso modo di Q1 e Q2, ma noi useremo un altro metodo; Selezionare il resistore e copiatelo 3 volte. Ci sono 2 modi per fare questo: 1) Edit / Copy dal main menù ( oppure click con il tasto dx / copy, o Ctrl + C ) quindi Edit / Paste 3 volte oppure click con tasto dx nel punto in cui volete disporre il resistore e sceglier e Paste dal pop up menù altre 3 volte. 2) il secondo metodoè chiamato Copy Matrix e noi useremo quello: 3) selezionate il resistore, poi Edit / Copy Matrix dal Main Menù, oppure Ctrl+M. Nella Dialog box settate il numero di colonne e righe ( 2 columns e 2 rows per ottenere 4 resistenze) a spaziarle (1 inch per le colonne e 0.4 inch per le righe sono valori adatti), e poi cliccate OK 13

14 Adesso potete vedere 4 resistenze Piazzare le reistenze nei punti giusti del vostro schema e ruotatele di 90 gradi (Space Bar o R, oppure Edit / Rotate, oppure click Dx sul componente e Rotate nel submenù. Potete usare il tasto SHIFT per movimenti ortogonali (solo per coordine singole) se necessario. Attenzione, potete fare una panoramica dello schema con il pulsante Dx del mouse o con la rotella del mouse: muovere in mouse attorno all'area interessata tenere premuto il tasto destro o la rotella del mouse e muoverlo in una nuova posizione. 14

15 Tutorial pag 15 Adesso inseriremo il modello dei componenti (Type) per i transistor: selezionare Q1 e Q2 e quindi fare click con il tasto Dx su uno di essi, selezionare Properties dal sub menù. Scegliere Marking nella finestra di dialogo properties del componente. Selezionate Show Type per altri dati. 15

16 Questa mostrerà il tipo di componente selezionato. Notate che i Reference Designators sono già mostrati come marcature primarie, Default significa l'uso di comuni setting Schematici per i componenti, così il mostrare RefDes è una proprietà comune. Fare click su OK per chiudere la finestra di dialogo e mostrare il tipo di transistor. Mostrare il numero dei pin selezionando View/Pin numbers/show se non appaiono ancora.potete anche cambiareil setting di visione dei pinper le parti selezionate con un click del tasto destro su di esso e selezionando Pin Numbers dal sottomenù. I tipi ed i numeri dei pin (B, C, E) si sovrappongono ad altri simboli grafici, per cui dovremo spostarli. Per spostare il testo selezionate View / Part marking / Move tool dal main menù oppure premete F10 e quindi spostate Types e numeri di pin. Si raccomanda di disattivare la griglia per movimenti più precisi (premere F11 una volta). Potete anche ruotare le marcature mentre le muovete (premere R o la barra spaziatrice). Naturalmente, View / Part marking permette di cambiare i settings per le pert marking. I settaggi comuni dei marking sono applicati a tutte le parti dello schema, salvo quelli con i loro propri settings (finestra di dialogo in proprietà ). 16

17 Pag 17 Adesso, per favore mostrate la griglia (F11). Potete asnche usare il comando Edit / Undo o il corrispondente pulsante se volete annullare l'ultima azione. Il programma salva gli ultimi 50 passi indietro. Ugualmente potete utilizzare il pulsante Redo che è la funzione opposta Ricodate di salvare lo schema. 17

18 Pag. 18 Collegate la resistenza R1 alla base del Q1. Per specchiare il Q2 mettevi sopra la freccia, click destro, e Flip / horizontal.. Collegate R4 alla base del Q2, R2 al pin C di Q1 ed R3 al C di Q2: Pag

19 Se alcuni collegamenti non sono diretti potete muovere parti o collegamenti. Questo non è importante per la connettività, ma solo dal punto estetico. Se non volete il piazzamento automatico dei collegamenti potete annullare la funzione togliendo il segno di spunta su View / Autoroute wires nel main menù. Naturalmente non lo faremo se vorremo collegare i pins più velocemente. Selezionate CAP100RP dalla library Discrete e deponetelo 2 volte. 19

20 Specchiate C1, con il segno + vada sulla destra (Click DX + Flip Horizontal. Spostate C1 e C2 tra Q1 e Q2. Probabilmente è necessario muovere alcuni componenti per lasciare più spazio per le connessioni. Per selezionare Q2, R3, R4 ed i relativi collegamenti, ponete la freccia del puntatore nell'angolo superiore Sx e tenendo premuto il tasto Dx spostate il puntatore verso Dx in basso. Quando rilascerete il tasto gli oggetti nel quadrato saranno selezionati. Adesso potete muovere i componenti ed i relativi collegamenti insieme. 20

21 Tasto Dx per deselezionare tutto se ssiete nel modo di default e doppio click Dx se siete in altro modo. (il primo click disabilita il modo, il secondo elimina la selezione.) Collegare C1(-) alla Base di Q1. Muovete la freccia del mouse sul pin (-) di C1, click col Sx e spostatevi sino al collegamento tra R1(A) a Q1(B) e fate Click col Sx per collegare. Completate con C1(+) sino a Q2(C) ed R3(A). colelgate C2 (-) sino Q2(B) e R4 (A), C2(+) sino a Q1(C) e R2 (A). 21

22 Pag 22 Scorrere la lista dei componenti sul lato sinistro per trovare i LED e sistematene 2 nel vostro schema. Quindi cambiate i Ref Des in LED1 e LED2 ) (Click destro e primo elemento sul main menù), ruotate questi componenti ( R o Space Bar ) poi collegate i transistors: 22

23 Pag 23 Disponete il simbolo della batteria dalla libreria Disc_Sch. Poi modificate il RefDes della batteria e completate i collegamenti per terminare il vostro schema elettrico. (vedi foto sotto). 23

24 Se volete muovere un collegamento esistente muovete lafreccia del puntatore su di esso (il collegamento dovrebbe illuminarsi e più frecce mostrano le possibili direzioni) quindi tenete premuto il tasto Sx e spostate il collegamento nella nuova posizione. Se siete in Place wire e fte click su un collegamento esistente, state iniziando un nuovo collegamento. ( il modo Place wire si abilita automaticamente quando tentate di porre collegamenti cliccando sul pin di qualche componente, ugualmente potete disporlo su di esso selezionando Objects / Circuit / Place Wire oppure il corrispondente pulsante sulla barra degli oggetti sul lato sinistro superiore della finestra). Se alcuni oggetti non sono illuminati quando il puntatore è su di essi, provate con un click Dx per modificare il modo di default. Se volete cancellare il collegamento da nodo a nodo portate il puntatore su di esso e fate click col Dx per aprire il sottomenù, poi selezionate Delete Wire. Per cancellare segmenti selezionate Delete Line dal sottomenù Wire. Potete usare Ubdo per tornare alla situazione precedente dello schema, se necessario. Aggiungere i valori dei componenti: Click Dx su R1, selezionare Properties dal sottomenù, scrivere 47K nel campo Value (Main ab). Click su Marking Tab a andare a Main Marking Show Value, poi andare ad Additional Marking / Show RefDes a Click su OK. 24

25 Pag,. 25 Inserire i valori dei restanti componenti. Attenzione, potete selezionare parecchi simboli e definire i Marking settings per tutti loro aprendo la finestra di dialogo Component Properties solo una volta. 25

26 Pag. 26 La batteria venne presa dalla libreria Disc_Sch. Tuttle le librerie *Sch contengono solo il simbolo schematico senza il pattern (si ha l'anteprima del pattern nell'angolo in basso a sinistra prima del piazzamento del componente). Se volete convertire uno schema in un PCB dovreste prima collegare il pattern, altrimenti la conversione procederà ma vi mostrerà gli errori che dovrete comunque correggere. Muovete il mouse sul simbolo di una batteria, click Dx per mostrare il sottomenù e selezionate Attached Pattern. Aggiungete le librerie dei pattern alla finestra di dialogo: cliccate il pulsante Add sopra a destra e selezionate il file della libreria pattern sul vostro hard disk (tutte lelibrerie standard sono in <Drive>:\Program Files\DipTrace\Lib folder). Abbiamo bisogno di Misc.lib dalle librerie standard. Adesso selezionate la libreria da lista di librerie e il pattern di BAT-2 da una lista di pattern in fondo a Dx della finestra di dialogo. Definite le connessioni pin to Pad per i vostri componenti: click sul nome del pin sulla Pin Table ( lato Sx della finestra di dialogo), poi scrivete il numero del pad correlato nel campo Pad Number o semplicemente click Sx sul pad nel grafico relativo al pattern (al centro della finestra di dialogo). Collegate il pin al pad 2 e il pin POS al pad 1 - vedi disegno sotto 26

27 Quando i collegamenti da pin a pad sono fatti, Click su OK : si chiude la finestra di dialogo e vengono applicate le modifiche. Nota: alcuni simboli possono non avere il pattern collegato (per es. VCC, GND, o connettori logici - Net Ports ) e questo non verrà mostrato negli errori durante la conversione in PCB. Il nostro schema è pronto per essere convertito in PCB. Non dimenticate di salvarlo con il pulsane Save oppure con Ctrl+S. Attenzione anche, potete stampare o salvare lo schema in formato BMP o JPG. Selezionare File / Preview dal Main Menù, quindi poremere Print All per stampare tutti i fgli dello schema, oppure Print current sheet per stampare il foglio selezionato o Save per produrre un file BMO / JPG con risoluzione definita 2.4 Conversione in PCB Potete aprire file schematici di DipTrace (*.dch) dal PCB layout program (File / Open oppure in Schematic program select File / Convert to PCB (Ctrl+B) e il PCB Layout con il vostro progetto si aprirà automaticamente. Per gli utilizzatori di Windos '98/ME si raccomanda caldamente di salvare il file schematico, chiudere il programma e poi far partire il PCB Layout e aprire il file Schematic.dch da li. Condivisioni di memoria non corrette in 9XME possono causare il crash del programma mentre lavora su parecchi package di programma insieme. Gli utilizzatori di Win NT / 2000/ XP 7 Vista / 7 possono far partire diversi moduli DipTrace contemporaneamente senza tali problemi. In caso di uscita non corretta dal programma, o se dimenticate di salvare il progetto, è possibile ritrovare l'ultimo lavoro selezionando File / Recover schematic / in Schematic oppure in File / Recover board nel modulo PCB Layout. Adesso, per favore, convertite il vostro schema in PCB (File / Convertto PCB oppure aprite uno schema in PCB Layout. 27

28 Pag. 28 Se decidete di utilizzare un altro software per realizzare PCB o per fornirlo ad altri,potete esportare la netlist del programma dllo schema elettrico. Selezionate File / Export / Netlist dal menu principale, quindi il formato della Netlist. DipTrace supporta formati di netlist comuni, come TANGO, PADS, P-Cad, ecc. Inoltre questa caratteristicaè utile per testare la struttura della net. Useremo il modulo DipTrace PCB Layout per disegnare un PCB per il nostro schema. Se volete nascondere il Layer Panel ed il Design Manager per avere un maggior spazio vuoto a disposizione, premete F3 o togliete il segno di spunta a View / barra degli strumentis / Design Manager. Disponente i componenti secondo le vostre preferenze. Premete la Space Bar o il tasto R per ruotare il componente selezionato di 90. Se dovete ruotarli di un angolo diverso da 90 selezionate i componenti, poi fate click su uno di essi e selezionate Define Angle o Rotate mode. Il Rotate Mode vi permette di ruotare gli oggetti liberamente usando il mouse. E' buona abitudine raggruppare i componenti dell'alimentazione di potenza in una zona, e blocchi funzionali raggruppati insieme. Se il circuito è di alta frequenza, applicate le giuste regole al layout. Potete anche usare ARRANGEMENT, AUTO-PLACEMENT o PLACEMENT BY LIST per disporre i componenti, naturalmente questo non è necessario per un progetto semplice. Testeremo queste caratteristiche nella III parte di questo tutorial con circuiti più complessi. Potete rinnovare il PCB da un file di schema elettrico aggiornato e mantenere i componenti piazzati e le piste tracciate. Slezionate File / Renew Design from Schematic, poi trovare ed aprire lo schema aggiornato. Renewing by components significa usare Hidden Ids 28

29 per determinare il link del pattern dei componenti questo lavorerà solo se il PCB era stato fatto direttamente dallo schema, RefDes può essere differente. Renewing by RefDes significa che i link del pattern dei componenti sono determinati Ref-Des in questo caso il PCB può essere progettato separatamente, ma RefDes dovrebbe essere simile. Aggiornare da Related Schmatic significa aggiornare secondo i componenti dal relativo file dello schema. (vedi anche File / Design Information. 2.5 Realizzare un PCB Preparazione allo sbroglio: In PCB layout, rendete visibile il RefDes se necessario: Qview / Pattern Marking / RefDes. Questo comando permette una totale visibilità di RefDes e mostra tutti i reference designator sullo schermo (ad eccezione dei componenti con settaggi individuali). Se le definizione dei markers non risulta accettabile, selezionare View / Pattern Marking / Main / Justify nel sottomenù selezionate Auto o un altro modo che volete. Il tipo di font Vettore è raccomandato per il PCB Lauout, naturalmente potete usare fonts True Type per caratteri non inglesi ( View / Pattern Marking / Font Type). Per definire i parametri individuali per i componenti selezionati: Click Dx su una delle Properties Marking. Inoltre ricordate che otete usare F10 o View / Pattern Marking / Move Tool per spostare i Designators. Selezionare View / Connections / Optimize dal Main Menù per ottimizzare le connesisoni dopo aver cambiato la disposizione dei componenti, oppure premete F12. Ecco, adesso, come cambiare la struttura della Net del nostro progetto e come aggiungere o 29

30 rimuovere connessioni. PAG. 30 questo passaggio non è necessario per il nostro PCB, ma proprio per farvi sapere che è possibile: passate il mouse su un qualunque pad (per es. R4-B), click Dx, poi selezionate Delete from Net ed il pad verrà cancellato dalla net. Se invece voleste aggiungere qualche pad alla net, senza creare connessioni ( per esempio non volete cercare il progetto per altri pads della net) muovete il mouse su quel pad, Click Dx e selezionate Add to net / Selext from List. Per creare connessioni senza selezionarle dalla lista, muovete la freccia del mouse sopra il primo pad, e click Sx, poi spostate il mouse su qualunque altro pad e click Sx su di esso. Avete così creato una connessione pad-to-pad (dovrebbe essere una linea blu). Se non potete creare detta connessione, probabilmente non siete nel modo di default, così click Dx per disabilitare il modo in cui siete. Per cancellare connessioni esistenti provate a farko ripetutamente e selezionate Delete connection dal sottomenù che appare. Inoltre potete editare la struttura della net dal Connection Manager. Per aprirlo, selezionate Route / Connection Manager dal Main Menù e potete creare nuove net e aggiungere o eliminare pads dalle net esistenti. Se avete cambiato la struttura delle net premete Undo sino a quando è ristabilita la struttura del progetto iniziale. Naturalmente, se perdete il progetto dello schema a causa di una non corretta uscita dal programma, utilizzate File / Recover Board in PCB Layout e File / Recover Schematic in Schematic Capture per ripristinare l'ultima versione del progetto. Per proteggere la struttura della net da cambiamenti accidentali, è possibile usare l'opzione Route / Lock Net Struture 30

31 PAG. 31 Attenzione: non abbiamo ancora determinato i bordi del PCB. Quando si usa l'autorouter, l'area interessata (poligono o rettangolo) viene creata automaticamente. Però in molti casi ci occorre un PCB di misura prefissata e dobbiamo definirla prima del piazzamento dei componenti e di effettuare il routing. Per farlo, selezionate Route / Place Board o il corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti del routing nella parte superiore dello schermo, poi piazzate il poligono che definisce i contorni cliccando nei punti chiave, Click Dx nell'ultimo punto e poi Enter. Potete costruire archi con Arc Mode dopo un click Dx mentre definite il contorno. Per inserire il punto dopo aver finito di completare il contorno muovete il mouse punto per punto sui segmenti, quindi drag-and-drop. Quando fate click un punto del contorno, potete fare un arco con il punto corrente centrale ad esso o cancellare il punto dalla basetta i comandi del submenù. Attenzione, le coordinate del punto sono mostrate come suggerimenti quando il cursore viene posto sui punti del contorno. Inoltre potete definire i punti chiave della board e/o le misure dalla finestra di dialogo Board Points Per aprirla selezionate Route / Board Points dal main menù. PAG

32 In questa finestra di dialogo potete aggiungere ( Add ), inserire ( Insert ) e cancellare ( Delete ) i punti chiave. Le coordinate possono essere mostrate ed editate in modo Assoluto o Incrementale. Se spuntate Arc per qualche punto, quel punto sarà il centro dell'arco ed i punti vicini il suo inizio e la sua fine. Per le basette rettangolari, mettete il segno di spunta su Create rectangular boards e definite il primo punto (base), la larghezza e l'altezza della basetta. E' anche possibile creare basette circolari e rettangolari con angoli arrotondati. Adesso fate click su OK per applicare i cambiamenti oppure su Cancel per chiudere la finestra di dialogo. Potete utilizzare Route / Delete Board dal main menù per cancellare la basetta oppure (potete usare Ctrl+click Sx). L'origine del nostro progetto non è ancora terminata. Di default il programma dispone l'origine al centro dello schermo e non lo mostra. Per mostrare l'origine selezionate View Origin dal main menù o premete F1. Adesso l'origine (due linee blu) appare, naturalmente la sua posizione non è corretta per la nostra basetta, così selzionate il tool origine sullo scherm oin alto vicino al pulsante Arrow (esso mostra il suggerimento Define Origin ), poi click Sx sull'angolo in basso a sinistra del contorno della basetta. 32

33 PAG. 33 tutte le coordinate del programma verranno mostrate ed editate relativamente all'origine. Inoltre potete cambiare la sua posizione in qualsiasi momento. I patterns hanno la loro origine dove la definite nel Pattern Editor. In questo momento le coordinate del componente sono la posizione dell'origine del pattern. Verrà mostrata mentre disponete il pattern o, aprendo lo schema, se è diverso dal punto centrale del pattern. Per mostrare o nascondere l'origine del pattern selezionato, click Dx su uno di essi e selezionare Pattern Origin dal submenù Autorouting Adesso è il momento di eseguire i lroute della vostra basetta, Dip Trace un router di alta qualità superiore a molti altri presenti sul mercato ed un grid router per PCB semplici oppura a singola faccia con collegamenti con jumpers. La maggior parte delle volte, un semplice PCB come quello mostrato può essere fatto su un singolo strato (quello inferiore: bottom), che naturalmente presenta molti vantaggi per la produzione, come efficienza ed velocità nell'avere un prototipo finito. Le tracce possono un poco più lunghe su un PCB a faccia singola, ma probabilmente non creeranno problemi sulla maggior parte dei progetti. Per prima cosa occorre settare il router: andate a Route / autorouter Setup. Nella finestra di dialogo Shape Router andate a Settings, selezionate Use Priority Layer directions, selezionate Top nella lista dei Layers e selezionate Direction: Off per esso. E' inoltre possibile routare PCB a faccia singola con collegamenti Jumper ( con Grid Router, Allow Jumper Wires. Nel nostro caso, la basetta pè semplice ed è possibile attivare il router senza collegamenti jumpers usando Shape Router 33

34 PAG.34 Premere OK per applicare i cambiamenti poi selezionate Route / Route Setup, cambiate la larghezza delle tracce, la Clearance e trace to pad in 0.02 inch. Nella finestra di dialogo Route Setup potete anche modificare il presente auto-route, ma noi per adesso non lo faremo. 34

35 PAG. 35 Le tracce da 0,020 vengono scelte da chi possibilmente usa una stampante laser. Chi preferisce e puo usare luce UV può usare tracce da o meno, e tutto dipende dalle apparecchiature per l'esposizione. Potete inoltre definire la larghezza (width) delle tracce per ogni singola net. Portate il puntatore su un pad della NET che volete cambiare, click Dx e selezionate Net Properties. Nella finestra di dialogo potete scegliere la larghezza dele tracce e la distanza (clearance) tra le tracce. Per la sola NET selezionata. Click su OK o Cancel per chiudere la finestra di dialogo. Potete usare Templates per risparmiare tempo cambiando Width e Clearance in differenti finestre di dialogo e menù (come pure il rputing manuale). Se volte configurare i Template delle tracce, andate a Route / Trace Templates dal main menù. 35

36 PAG. 36 E' giunto il momento di effettuare il Route della PCB: Route / Run Autorouter o premete F9. Il router farà il suo lavoro. Il DRC (Design Rule Check) parte dopo l'autorouting e mostra i possibili errori se esistono (circoli rossi e blu). Per favore, correggete gli errori e fate ripartire DRC (Route / Check Design) dal main menù o il corrispondente pulsante in alto sullo schermo. Per cambiare le regole del DRC andate a Route / Design Rules dal main menù. Per nascondere i cerchi rossi selezionate Route / Hide Errors. 36

37 PAG. 37 E' anche possibile disabilitare il DRC dopo l'autorouting: togliere il segno di spunta nella finestra di dialogo Route / Route setup dal main menù). Attenzione: se volete terminare il vostro progetto più velocemente, potete evitare potete evitare tutti gli argomenti sino a stampa (2.5.14) poiché il vostro pcb è pronto per l'uscita. Ma se volete imparare alcune caratteristiche del PCB Layout (che può essere imparato con questo progetto e probabilmente sono utili per voi i progetti successivi) noi raccomandiamo caldamente di imparare gli argomenti da a Lavorare con i Layers Le tracce che vedete sono grigie poiché sono sul Bottom Layer ed il vostro Layer attivo è il TOP. Inoltre il modo Contrast per mostrare i layers è settato per default. Cambiare il Layer attivo: muovere il puntatore sulla lista in alto a Dx con Top e selezionate Bottom. Naturalmente ci sono due liste simili: la prima è usata per scegliere il lato del piazzamento (sistemata sul pannello degli oggetti vicino al Tool del piazzamento dei componenti) e la seconda per cambiare il layer attivo signal / plane ( nell'angolo Dx del pannello route); si può muovere la freccia su questi box ed identificarli dai suggerimenti: Se non vi piace il modo Contrast ed il nero degli strati Signal / Plane, cambiate adesso questi settaggi. Selezionate Layer / DisplayMode dal main menù. Dal submenù che appare potete scegliere il modo che preferite di mostrare i Layers. Selezionate Alllayers per mostrare tutti quell idel progetto con lo stesso contrasto. Se volete vedere solo il Layer corrente, allora selezionate Current 37

38 PAG.38 Per cambiare il colore e gli altri settaggi dei layer selezionate Layer / Layers Setup dal main menù. Nella finestra di dialogo Layers Setup seleziona il layer e premi il rettangolo color oppure il pulsante... per cambiarne il colore. Noi abbiamo cambiato i seguenti colori: Top Rosso e Bottom Blue. Potete anche rinominare i layers, aggiungerli o toglierli da questa finestra di dialogo (Top e Bottom non possono essere cancellati). Potete anche aggiungere il plain layer (di solito è Ground o Power) e il modo di costruire gli anelli dei fori metallizzati per il plain layer. Vi raccomandiamo di di creare iò layersand per settare i parametri del layer plane prima dell'autorouting (pulsante Add ). 38

39 PAG. 39 La visibilità dei Layers ed i loro colori si possono cambiare anche dal Layer tab del Design manager / Layers / Properties panel (View / DesignManager). Potete specchiare il prodotto per vedere come è il bottom side con View / Mirror dal main menù. You canmirror the design to see the bottomside as is by selecting View /Mirror fromthe main menu Measuring trace length Il progetto corrente non richiede questa misura poiché è semplice e poco veloce, naturalmente, se lavorate sui circuiti veloci, dispositivi video, ecc., la lu nghezza della traccia è importante. Prima di tutto ricordate che il suggerimento di ogni traccia include, di default, la sua lunghezza questo può essere utile, naturalmente non è abbastanza per testare la lunghezza delle tracce in tempo reale con facilità il tempo reale. Adesso, selezionate parecchie tracce (potete usare ila solita selezione col quadrato o il tasto Ctrl per selezionare esattamente ciò che volete). Click Dx su una delle tracce selezionate e Show Trace Lenght dal submenù. 39

40 PAG.40 Vedrete dei piccoli quadrati con la lunghezza delle tracce accanto a tutti i pads delle net selezionate, inoltre si illuminano mentre passate il mouse sulla traccia. I valori vengono mostrati nell'unitò di misura corrente (pollici nel nostro caso) e si modificano in tempo reale mentre modificate la traccia. 40

41 PAG Manual Routing Per il nostro progetto abbiamo ricevuto la versione finale di una piastra sbrogliata con l'autorouter, ma per ottenere il miglior risultato probabilmente dovremo fare una correzione manuale dopo l'autorouting o sbrogliarla manualmente. Per prima cosa provate ad editare una traccia esistente: Selezionate Layer / Display mode / contrast dal main menù per vedere quale layer è attivo e passate alla visualizzazione del bottom layer se necessario (il box combinaro sulla Route barra degli strumenti). Muovete il mouse sulla traccia, e poi spostatela in una nuova posizione. Il segmento della traccia viene editato dipendendo dagli angoli che possono essre di 90 o 45 ma potete anche tagliare l'angolo a 90 e aggiungere un nuovo segmento. Se la traccia è posta sotto i componenti e siete nel modo di Default, scegliete Route / tools / Edit Traces dal main menù o il pulsante Edit Trace sulla Route barra degli strumenti. Per editare tracce liberamente selezionate Route Tools / Free Edit Traces dal main menù o il pulante Free Edit Traces sulla route barra degli strumenti nella parte superiore dello schermo. Adesso potete editare liberamente le tracce, i nodi ed i segmenti. PAG.42 41

42 Potete cambiare la misura della griglia dal box combo sulla barra degli strumenti standard : Ctrl+ e Ctrl Ctrl + Hotkeys incrementa o riduce la misura della griglia con la lista di valori (funziona solo se anche la misura corrente della griglia è nell'elenco). Per configurare la lista dei valori di lista disponibili selezionate View / customize Grid dal main menù. Se volete editare tracce e progettare oggetti senza la griglia, premete F11 per disabilitarla o selezionate View / Grid dal main menù Muovete il mouse sul segmento di una traccia e fate click Dx su di essa. Appare il sottomenù NET e qui potete definire il nome della NET, aggiungere un nuovo nodo al segmento di traccia, modificare la larghezza ed il Layer, annullare lo sbroglio di linee e segmenti. Attenzione, Dip Trace pone i vias automaticamente tra due segmenti posti su Layers diversi. Selezionate Switch Line Layer / Top e vedrete che il segmento di traccia cliccato si è spostato sul layer TOP e sono apparsi due Vias. PAG

43 Spostare il Layer corrente a Top, click Dx su quel segmento e rispostatelo su Bottom. Adesso proveremo lo sbroglio manuale: click Dx su una delle nets e selezionate Unroute Net dal sub menù. Attenzione, il comando Unroute Net dal submenù net viene applicato a tutti i net selezionati: nel nostro caso non ci sono altre net selezionate e solo per la net cliccata verrà annullato lo sbroglio. Adesso selezionate Route / Tools / Route manual dal mainmenù o il pulsante Route manual sulla route barra degli strumenti. Spostate il mouse su un pad della net non sbrogliata ( sinché si illumina in rosso), poi click Sx e definite i punti chiave della vostra traccia, passo passo, utilizzando il click Sx. Provate e fare click Dx mentre costruite la vostra traccia (è visibile il submenù Route manual). Da questo submenù potete completare la vostra traccia, cancellarla, muoverla di un passo indietro, cambiare la modalità di sbroglio (90 o 45, modo free o arco) cambiare Il layer ( verrà posto un Via e potrete sbrogliare il layer successivo), la larghezza dei segmenti della traccia successiva o mettere un collegamento jumper. Attenzione, che i comandi del submenù sono duplicati dagli hot keys per rendere il procedimento di sbroglio manuale più facile: M modifica il metodo di sbroglio, W sposta da un layer all'altro, T sposta sul TOP, B sposta sul bottom, J sposta sul collegamento Jumper o indietro (se siete sul bottom, il jumper verrà posto sul TOP e se sul TOP, il jumper verrà posto sul BOTTOM), 1-0 che sono in cima alla tastiera fa spostare da un layer all'altro sino al TOP (sino al 10). PAG 44 43

44 Potete vedere che la prossima traccia verrà messa nel layer successivo, quindi muovete muovete un poco il mouse, click Dx e selezionate Enter dal submenù, oppure premete il tasto Enter. Adesso siete sul layer Top e la traccia viene posta, ma non connessa al secondo pad. PAG

45 Muovete il mouse sopra l'estremità delal traccia che non è ancora connessa, e costruite la seconda linea al secondo pad della vostra NET. (dovreste trovarvi nel modo Route manual. La traccia è connessa al secondo pad e la connessione scompare. PAG

46 Se la tracci non è ottimale potete editarla. Per editare tracce sotto i componenti selezionate Route / Tools / Edit Traces dal main menù oppure il pulsante dalla Route barra degli strumenti Working with Vias Dip Trace ha due tipi di vias: gli usual vias e gli static vias ; i primi fanno parte di una traccia ed appaiono automaticamente quando spostate il segmento di una traccia su un altro strato, i secondi sono simili ai pads. Lo static via ha più prorpietà e viene usato per connettere tracce a piani, ecc. Altre utili caratteristiche dello Static Via è nascondere o rimuoverlo in alcuni strati che vi permettono di di porre blind / buried vias. Lo usual via può essere anche blind / buried, ma viene mostrato nei layers soltanto tra segmenti di traccia e voi non potete mostrarlo o nasconderlo in altri layer signa / plane. Se inoltre operate con altri software per PCB, è probabilmente più confortevole usare solo gli static via. Useremo dapprima lo usual via, in seguito lo static via ed infine capiremo alcune delle sue proprietà. Il nostro progetto attuale ha un solo via tra i layers TOP e BOTTOM, so, per testarli ne creeremo più di uno. Aquesto punto selezionate lo strato BOTTOM dalla finestra Signal / Plane Layer sulla Route barra degli strumenti, muovete il cursore qualche segmento di traccia, click Dx e selezionate Switch Line Layer / Top dal main menù. PAG.47 46

47 Adesso noi abbiamo 3 vias. Selezionate Layer / via Properties dal main menù. In questa finestra di dialogo potete modificare i setting di default del programma. Cmodificate i valori del diametro esterno e del diametro dei fori ( li aumenteremo leggermente) Portate l'attenzione al gruppo Apply To - Default Only dovrebbe essere selezionato di default, questo significa solo che verranno modificati i vias con precedente size / type 33. Inoltre potete cambiare i setting di deafault senza applicarli a vias esistenti, oppure applicarli a tutti i vias dell'intero progetto. Selezionate Apply To All e premete OK per fare i cambiamenti e chiudere la finestra di dialogo. PAG 48 47

48 Adesso muovete il cursore su uno dei vias per far apparire un piccolo cerchio rosso, fate click Dx e selezionate Via Properties. Nella finestra di dialogo potete modificare i setting del via per il punto, la traccia o la NET. Modificate i settings e premete OK per applicare le modifiche. PAG

49 Attenzione, che se state tentando di modificare i sttings per il sol corrente punto e non accade nulla, molto probabilmente avete cliccato su un altro segmento di traccia. Quindi tentate di fare click più vicino al punto o cambiate il signal layer corrente. Adesso premete UNDO varie volte per riportare la basetta allo stato in cui era dopo l'autorouting, quindi selszionate Layer / via Properties dal main menù e modificate i paramentri con quellli che usate normalmente. Inoltre spostatevi al layer TOP (premete W o Ctrl + I o selezionatel odalla lista). Lo Static via è simile al al pad object ed ha proprietà simili. Selezionate Objects / Place Static Via dal main menù o l' oggetto sulla Tool Bar degli elementi (angolo superiore destro) e deponete parecchi vias. Essi hanno lo stesso colore del corrente layer, i.e., Rossi poiché il TOP layer è rosso, PAG

50 Potete facilmente connetterli alle NET, costruire tracce, ecc. nello stesso modo come fate con i pads. Adesso fate click Dx su uno di questi vias per mostrare il suo submenù e selezionare i Via Layers PAG

51 In questa finestra di dialogo potete eliminare via ring e fori in alcuni layers per renderli blind (ciechi) o buried. Fate click sul TOP Layer per deselezionarlo e premete OK. Vedrete che il via selezionato viene rimosso dal TOP layer, tuttavia esiste ancora nel layer Bottom. PAG

52 Attenzione, potete fare la stessa operazione con i pads. Anche i pads / vias selezionati possono essere scambiati immediatamente se selezionate Apply to: Selected components Selecting objects by type/layer A volte è necessario selezionare tutti gli oggetti di un layer o solo alcuni componenti, solo NET, ecc. con questo layout è molto facile usare mouse e il tasto Ctrl, naturalmente per lavori complessi può essere una cosa faticosa. Adesso selezionate Edit / Edit Selection dal main menù. PAG

53 Per prima cosa selezioneremo tutti i componenti del nostro layout, selezionare il box componenti e click su OK. Questo è un semplice esempio, naturalmente abbiamo bisogno di selezioni più complesse. Adesso dobbiamo selezionare solo i vias non connessi in un'area definita. Deselezionate i componenti con click Dx in un'area vuota. Disporre parecchi vias e collegarne alcuni di essi alla NET: nel modo di default click Sx sul VIA quando si illumina di rosso, quindi sul pad che appartiene alla NET. Definire l'area usando il quadrato di selezione. Questo quadrato rappresenta l'area dove pensiamo di selezianare i vias, così non vi includeremo tutti i vias del layout. Attenzione, siamo sul BOTTOM LAYER che è blu, così se avete problemi nel collegare i vias, fate switch al BOTTOM layer e vedete che cosa significa illuminato di rosso. PAG

54 Tutti gli oggetti della nostra area sono selezionati, quindi abbiamo bisogno solo di vias non collegati. Aprite 2Edit / Edit Selection e scegliete Mode:Keep Selected, segnate soltanto il box Vias (gli altri box dovrebbero essere non selezionati) a Not Connected nel combo box a destra di Vias. PAG

55 Click su OK e soltanto i vias non collegati vengono selezionati. Il prossimo passo, per esempio, è connetterli subito ad altre NET. Di solito è necessrio per collegare NET di ground a riempimenti di planes /copper. Click Dx su uno di vias selezionati quando è illuminato e selezionare Add to net / Selected vias. PAG

56 Scegliete una qualsiasi net dalla lista e premete OK. Anche se non avete qualche via collegato ad altre net, soltanto i via non-connessi saranno collegati da questa caratteristica. Rimuovete tutti i via statici dal progetto per tornare allo stato precedente (selezionateli e premete il tasto Delete) Placing Text and Graphics Probabilmente volete aggiungere del testo o grafica al lavoo al layout (con DipTrace potete anche aggiungere un logo in formato BMP o Jpeg ed esportarlo nel Gerber). Adesso aggiongeremo il testo. Per prima cosa dovete selezionare un layer per disporre forme, testi e loghi. Muovete il mouse sul combo box con il testo Top Assy nel lato superiore e selezionate Top Silk dalla lista. Adesso tutti gli oggetti grafici saranno disposti sul layer Top Silk.. Tenete presente che il programma PCB layout ha diverse liste per selezionare il layer signal plane corrente ed il layer per disporvi elementi grafici, inoltre se scegliete Signal/Planes per disporre elementi grafici, tutte le forme, i testi, i loghi verranno posti sul layer Signal o Plane corrente. Questo può apparire più complesso che usare la singola lista, naturalmente testate questa caratteristica e vedrete come vi farà risparmiare tempo. PAG.57 56

57 Dovreste fare il contorno della basetta un poco più grande per disporre altri oggetti, così muovete il puntatore in alto al vertice sinistro del contorno, poi trascinatelo sino in cima. Fate la stessa cosa con l'angolo destro. Potete anche aggiungere altri vertici al contorno della basetta provate a trascinare il segmento ( non il vertice) della basetta. PAG

58 Se volete spostare il contorno della basetta, selezionatelo (Ctrl + click Sx sul segmento del contorno ), muovete il mouse sul contorno della basetta etrascinatelo. Ricordate che se gli oggetti non si illuminano e non è possibile editarli probabilmente non siete in uno dei modi di default, così, semplicemente, fater click Dx per cancellare il modo. Anche un oggetto posto su un layer non attivo non può essere editato. Selezionare l'oggetto Tool sul Drawing Panel (il pulsante con Abc ), quindi click Sx dove volete disporre il vostro testo, inserite il testoi e premete invio o fate click con il mouse. Usate il mouse per spostare il teso fino a trovare la giusta posizione pe esso. Se volete cambiare i settaggi dei font di default selezionate Objects / Drawing Properties / Font dal main menù. Il Font Type può essere cambiato da Objects / Drawing Properties / Font Type. Si raccomanda caldamente di usare il font VECTOR poiché è esportato direttamente nel GERBER. I True Type Font possono esssere usati per qualsiasi carattere non anglosassone, naturalmente verrà esportato nelgerber sotto forma di piccole linee. Alcuni produttori, inoltre, non accettano tali oggetti di testo sui COPPER LAYERS. Per cambiare il settaggio dei fonts di oggetti di testo ormai piazzati, click Dx su di esso e selezionare Font. La dimensione del font può essere modificata ridimensionando l'oggetto di testo. 58

59 PAG. 59 Potete cambiare un layer di oggetti di grafica o di testo nello stesso tempo. Semplicemente selezionate il vostro oggetto, fate click Dx su uno di essi scegliete Properties dal submenù. Nella finestra di dialogo Shape Properties cambiate i campi Type e Layer per muovere gli oggetti selezionati su un altro layero settate un diferso type (come Route Keepout che viene utilizzato per lo sbroglio automatico). Potete anche aggiungere forme a MASK, Paste, signal, route keep out e board cutout layers. Queste proprietà possono esssere definite sulla drawing barra degli strumenti o via shape properties nello stesso modo come silk o signal / plain layers Copper Pour Come porre copper Pour nel Bottom Layer? Selezionate il bottomlayer, quindi Objects / Place copper Pour dal Main menù o l'oggetto Copper Pour sulla objects barra degli strumenti (in alto a Sx). Poi disponente il poligono di contorno del rame definendo i punti chiave e fate click Dx oppure Enter quando avete finito. Vedrete la seguente finestra di dialogo: PAG.60 59

60 dip Trace ha un sistema di riempimento del rame shape-based. L'area di rame è formata da linee di larghezza prefissata. Il parametro Line spacing viene usato solo se scegliete NON-SOLID FILL per il riempiemto di aree di rame. E' possibile collegare aree di rame alle NET e scegliere il tipo di connessione ( la connectivity Tab), ma non useremo ancora questo metodo. Il Border Tab vi permette di definire i punti di confine. I box Depending on Board e Snap to Board possono essere usati per risparmiare tempo e costruire il contorno del riempimento di rame automaticamente; se volete utilizzare questa caratteristica, semplicemente definite due punti casuali e fate click Dx quando ponete il riempimento del rame, poi click su Depending on Board e inserite il contorno della basetta al copper outline spacing ( questa caratteristica fa risparmiare molto tempo quando il vostro PCB ha un contorno complicato o archi). se snap to board ha il segno di spunta, copper pour border sarà automaticamente editato relative al contorno. Fate click per porre il riempimento di rame. Fate click su ok per attivare il copper pour. PAG 61 60

61 Il Copper Pour Objects ha due modi di riempire: Poured e non-poured. Il secondo è meglio se volete editare oggetti sullo strato dove il copper pour è piazzato. Per cambiare il copper pour state o aggiornarlo, click Dx sul suo contorno e selezionate l'elemento che volete dal sub menù. Adesso, per favore, fate unroute su una delle vostre NET: click Dx sulla traccia e Unroute Net. Ricordate il nome della NET (noi abbiamo agito sulla Net 1 ). click Dx sul bordo del riempimento rame e selezionate Properties, andate alla Connection tab. Selezionate Net: Net1 ( o la vostra net che è stata unrouted), segnate Hide Net Connection e selezionate thermal, premete OK per aggiornare il riempimento di rame. PAG

62 Come vedete, le connessioni della vostra NET sono nascoste e la NET è collegata al riempimento di rame dai termici scelti. A volte è necessario settare separati thermal type per pads SMD è possibile farlo dal copper pour propertirs ( Separate Thermals for SMD box on connectivity tab) oppure fate differenti thermal per i single pad. Per settare i thermal settings separatamente per ciascun pad, passate il mouse entro di esso ( per illuminarlo di rosso), click Dx e scegliete Thermal Settings. Nel nostro caso un pad della Net 1 non è connesso a causa della struttura del layout ( il net connectivity check lo riporta noi rivedremo quella caratteristica (feature) nella parte IV del tutorial) così abbiamo bisogno di cambiare thermal type per quel pad. PAG

63 Dopo aver cambiato i thermal settings clicck su OK per applicare i nuovi valori e chiudere la finestra di dialogo. Click Dx sul copper pour border e scegliete Update dal submenù. Adesso Net 1 è connessa completamente al copper pour. PAG

64 Il riempimento di rame può essere usato in plane layers per creare layers di massa o di potenza. In qquesto caso i pad SMD sono collegati ad essi dai fanouts. Il fanout può essere fatto manualmente con Fanout features ( vedi parte IV del tutorial) o automaticamente dal Shape router. Attenzione: se il vostro layer attivo è Top, potete vedere ed editare gli oggetti posti sul Top, Top Silk o Top Assy per primo. Adesso portate il layer Top come layer corrente Locking objects Talvolta, quando editate il vostro schema o PCB avete bisogno di bloccare alcuni oggetti per prevenire modifica alla loro posizione o alle loro proprietà. Con Dip Trace potete bloccare gli oggetti selezionati o i lati delcomponente. Adesso selezionate parecchi oggeti del progetto, click Dx su uno di essi e scegliete Lock Selected dal submenù. PAG

65 Attenzione,gli oggetti selezionati hanno un contrasto minore del rettangolo di selezione (nel nostro caaso il color eè simile al riempimento del rame, così dobbiamo togliere il riempimento per vedere i rettangoli di selezione). Anche il suggerimento dell'oggetto bloccato include il testo Locked. PAG

66 Non è possibile muovere, ridimensionare o editare oggetti Locked. Adesso sbloccate tutti gli oggeti: selezionate tutto (Ctrl + A) e sbloccate tutto (Edit / Unlock Selected oppure Ctrl + alt + L). Potete anche bloccare i componenti dopo averli disposti sul Top o Bottom layer. Selezionate Edit / Lock Components / Top per bloccare i componenti sul Top Utilizzando questo modo potete sbrogliare la basetta e non dovete preoccuparvi che qualche componente possa essere mosso incidentalmente. Per sbloccare i componenti sul Top layer selezionate Edit/Lock components/top dal mainmanù Design Verification Dip Trace ha un certo numero di caratteristiche per verificare il vostro progetto, esse sono riunite in Verification item del mainmenù.. Per una verifica completa della vostra board vi raccomandiamo di utilizzare DRC, testare la Net connectivity e comparare il PCB allo schema elettrico. La caratteristica di DRC è la più importante, vi permette di testare la distanza tra gli oggetti del progetto e le misure ammesse. Quasi sicuramente il corrente PCB non ha errori poiché è semplice. Premete il pulsante DRC sul Route Panel o selezionate Verification/Check Design dal mainmenù per testare l'intero progetto: verrà visualizzata la lista degli errori o il messaggio No Errors. Iniziate e selezionate Verification / Design Rules per settare DRC. 66

67 PAG 67 Nella finestra di dialogo potete definire le clearance per i diversi tioi di oggetto. Selezionate Check Copper Pours e premete OK per applicare i cambiamenti e chiudere la finestra. Passate al Bottom Layer (pulsante Bottom sulla route barra degli strumenti) rendete non visibile la griglia (F11), pour copper pour e muovete un poco alcuni segmenti di traccia per permettere di toccare il copper pour, poi fate partire DRC premendo il giusto pulsante sulla route barra degli strumenti o selezionate Verification / Check Design Rules dal mainmenù. PAG

68 Potete vedere la lista degli errori. Probabilmente voi utilizzatela risoluzione di 1280x1024 o più alta, ed in questo modo la finestra sarà più piccola se comparata all'area del progetto ( gli esempi di schermaate del tutorial sono 800x600 per permettervi di vedere meglio tutti i controlli). Doppio click sul elemento dell'errore - esso sarà spostato al centro dello schermo ed il cerchio dell'errore etichettato per farvelo riconoscere più facilmente. Adesso correggete l'errore senza chiudere la finestra DRC, quindi fate ripartire DRC per aggiornare la lista o ottenere il messaggio No Errors. Net connecivity check vi permette di verificare se tutte le NET sono collegate in modo giusto. Per determinati progetti questo non è importante, ma se avete progetti con molti strati, pin, copper pour e forme in layer di segnali (dove thermals o altre cose non possono essere creati) per collegare Nets, allora NET connctivity è un must. Quasi sicuramente il vostro progetto non ha Connectivity Errors e voi vedrete il messaggio No Errors. Comparing to Schematic vi permette di testare se il vostro progetto di PCB corrisponde al file sorgente dello schema. Esso mostra gli errori della struttura del Net e componenti sconosciuti. Selezionate Verification / Compare to Schematic dal main menù, poi scegliete il file dello schema Astabile Fluip Flop. Se la vostra struttura non è stata cambiata e non ci sono errori, vedrete il messggio No Errors, altrimenti vedrete la lista degli errori. 68

69 Net connectivity Check e Comparing to Schematic lavorano nello stesso modo di DRC e voi potete selezionare gli errori da una lista per evidenziarli. PAG Design Information Come si fa a contare il numero dei pin o il contorno dell'area sul nostro progetto? Selezionate File / Design Information dal mainmenù. Inoltre è possibile mostrare Drill / hole sizes e mostrarli nell'area del progetto. How about counting number of pins or board area on our design? Select File / Design Information - questo può essere utile se volete ottimizzare la vostra tavola di foratura e rimuovere alcune misure di fori. Nel Design Information dialog box potete avere l'anteprima di un numero di diversi oggetti, layers, misure della basetta e misure dei fori. Per aprire la finestra Holes by Size, premete il pulsante..., per evidenziare gli Holes by size sulla basetta, premete il pulsante Show On board PAG

70 Adesso chiudete la finestra di dialogo, cancellate il copper pour dal vostro progetto e sbrogliate Net 1 (nel nostro caso) manualmente oppure fate partire l'autorouter (F9) per sbrogliarlo. E' anche possibile sbrogliare la net automaticamente (click Dx sul Pad/ Route Net). Per mostrare tutte le connessioni nascoste dal copper pours o altre varatteristiche selezianate View / Connections / Display All Panelizing Con Dip Trace potete panelize PCB simili o diversi su singolo layer. Se avete bisogno di più copie dello stesso PCB aelezionate Edit / Panelizing dal main menù PAG 71 70

71 Faremo copie del PCB, 2 colonne e due righe. Lo spazio tra le basette sarà zero. Rail Edges significa la distanza tra le basette ed il bordo del pannello. Le nostre Rail Edges per tutti i lati sarà di 0,1 pollici. Inoltre alcuni profuttori hanno bisogno del bordo del pannello nel layer Board Outline, così spunteremo anche il box Show Panel Bordere. Click su OK e otterrete la seguente immagine: PAG

72 Nell'area di progetto quadrati con scritto Copy#, naturalmente nella stampa dell'anteprima, mentre la stampa o l'exporting gerber / dfx / drill le copie complete della basetta saranno inserite lì. E' possibile escludere alcuni oggetti dalla pannellizzazione (per esempio fori o forme). Per escludere qualche oggetto dalla poannellizzazione fate click Dx e spuntate l'elemento Do Not Panelize. Questo elemento è disponibile solo se la panelizing è acceso. PAG

73 Usate Print Preview ( File / Preview o il relativo pulsante sulla Standard barra degli strumenti) per vedere la BASETTA PANNELLIZZATA. ATTENZIONE, la pannellizzazione agisce solo se il PCB ha il contorno (board outline). Aprite la finestra di dialogo Panelizing e cambiate il numero di colonne a file in 1 (questo rimuoverà tutte le copie). La pannellizzazione di diversi PCB lavora nel seguente modo: Spuntate l'elemento Edit / Keep RefDes while Pasting dal mainmenù, selezionate tutti gli oggetti (Ctrl + A) del vostro secondo layout (noi selezioneremo il nostro layout esistente, ma voi potete usare qualsiasi layout aperto in un'altra sessione del programma). Ctrl+C per copiarlo, click Dx nell'area vuota ( questa sarà nell'angolo superiore Sx del secondo layout) e poi Paste per incollarlo. PAG

74 Abbiamo ottenuto la seconda copia del nostro PCB ed i Reference Designator non sono stati cambiati. Inoltre dovreste mettere il contorni e forse disporre board cutout shapes. Se gli elementi Keep RefDes while pasting è spuntato, se la limitazione dei pin (Free, Lite, Standard, etc.) non sono appliceti alla copia, potete facilmente pannellizzare parecchi layout da 300 pin con le versione gratuita Printing Vi raccomandiamo di usare l'anteprima di stampa per stampare il vostro PCB. Per aprirla selezionate File / Preview dal main menù o il corrispondente pulsante sulla Standard barra degli strumenti in alto a Sx. Attenzione, non abbiamo descritto la creazione dei titoli nella sezione Design PCB. Se volete mostrare i titoli selezionate File / Titles and Sheet dal main menù e ANSI A nel box Sheet Template, spuntate Display Titles e chiudete la finestra di dialogo, prima di aprire la finestra Print Preview. Nella finestra di dialogo Print Preview potete personalizzare la vista del vostro PCB spuntando o togliendo i segni di spunta mel gruppo degli Objects. Se volete cambiare la scala di stampa, selezionatela dalla finestra di dialogo Print Preview o premete Zoom In o Zoom Out a Dx delo schermo. Per spostare il vostro PCB selezionate il pulsante Move Board sulla destra e spstate il vostro PCB. In alto a Sx potete selezionare il corrente strato Signal Plane ed il modo di visualizzare i layers. Se volete visualizzare i layers e/o i testi in modo specchiato, spuntate Mirror e/o Flip Text ( il quadrato flip Text è disabilitato se l'opzione View Flip Text Automatically è accesa. Per stampare fate click sul pulsante Print. Per salvare l'immagine in file BMP o Jpeg, Selezionate Save. Piccoli pulsanti con colori a Sx dello pulsante ZoomOur permettono di definire la spampa dei colori separatamente. White Background viene utilizzato di defalt per la stampa dello schema elettrico. Inoltre il colre dei layers dal colore dello schema soltanto se essi hanno i colori di default, oppure altrimenti verranno disegnati utilizzando i colori definiti in Layer / Layer setup. Per stampare tutto in nero senza cambiare layer spuntate il quadratino Print in black Only PAG

75 Per gli hobbysti: attenzione, una carta laser introduce alcuni gradi di distorsione dimensionale dovuta all'espansione della carta per il calore ed alla qualità della carta. Per molti può non avere significato, ma per alcune può essere importante. Un modo per farcela è preriscaldare la carta facendo passare il foglio di carta in una laser senza stamparvi nulla (potete stampar eun semplice puntino). Non è questo il caso delle stampanti inkjet che non riscaldano la carta. Non dovremmo dire che la laser distorce sempre la visione dell'immagine, ma piuttosto par rendervi avvisati di una possibile sorgente di errori dimensionali. Per correggere questi errori usate la Calibration nella finestra di dialogo dell'anteprima di stampa. Riassumendo, esistono due metodi per prototyping un PCB a casa: utilizzare il TT (Tone Transfer) o l'esposizione ai raggi UV. TT è in definitiva un metodo per stampante laser mentre la UV exposure e meglio se viene utilizzata una stampante inkjet. Chiusete la finstra di dialogo Print Preview ed premete Undo parecchie volte per eliminare il secondo PCB e ripristinare il copper pour ( oppure potete semplicemente attivare Unpour copper pour se non volete stamparlo. 2.6 Manufacturing Output DXF Output Potete usare DFX output per esportare i vostri progetti verso molti CAD / CAM che permettono di importare files DXF. Se utilizzavate AutoCad per progettare PCB passando a Dip Trace, adesso potete aprirlo con AutoCad o altro programma che possa leggere AutoCad DFX. PAG

76 Adesso potete aprirlo con AutoCad o altro programma che possa leggere AutoCad DXF. PAG

77 Che cosa pensate del produrre il vostro PCB utilizzando milling? Questo metodo è conveniente ed economico per PCB semplici. Vorrei mostrarvi come fare questo con Dip Trace. Per prima cosa eliminate il copper pour ((Click Dx sul suo border / State / Unpoured) e sbrogliate la Net 1 (oppure un'altra Net collegata con i l copper pour) click Dx su uno dei pad e Route Net. Attenzione checopper pours non osno conteggiati quando esportate edge per milling, ma i thermals verranno conteggiati. Selezionate File / Export / DFX per aprire la finestra di dialogo DFX Export. Poi selezionate per Edge bottom - tutte le tracce del nostro PCB sono sul layer Bottom. Spuntate Mirror s Then select Edge_Bottom - tutte le tracce del nostro PCB sono sul bottom. Spuntate Mirror per specchiare il progetto (questo sarà come noi vediamo la basetta dal lato bottom). A questo punto definite Edge Width - la linea centrale del milling sarà a 'edge width'/2 volte lo spazio dagli ogeeti del design e la profondità del milling deipende dall' 'edge width' e dal pulsante Angle. Press Export e salvate il file DFX. PAG

78 Adesso aprite il vostro file con autocad o altro programma per vedere il risultato: PAG

79 L'edge esportato da Dip Trace è formato di polylines con larghezza definita. Prima di esportarlo Dip Trace test i vostri progetti e se lo spazio da oggetto a oggetto in qualche punto è minore della edge larghezza, mostra i messaggi di attenzione e gli errori pe rpermettervi di correggerli. Fate caso al fatto che i CAD di solito mostrano le polylines con angli acuti e talvolta i disegni nei CAD hanno alcuni problemi (angoli acuti), ma quando fabbricate il PCB o simulate il milling con programmi CAM non ci saranno problemi dati dal raggio dell'attrezzo. Adesso potete convertire il vostro edge a G-Code utilizzando il convertitore ACE. Premete Undo parecchie volte recuperare copper pour oppure annullate lo sbroglio di Net 1 e aggiornate il copper pour Gerber Output Selezionate File / Export / Gerber dal main menù. Nel box di dialogo Export Gerber selezionate i layers (usate Ctrl e Shift per selezioni multiple, se necessario) e gli oggetti da esportare, poi premete il pulsante Preview. Attenzione, dovreste esportare i layers separatamente, cioè un layer per file. Inoltre potete settare tutti i layers, (selezionateli uno per uno, definite i settings/objects e preview), quindi click su Export All per creare tutti i files subito. Faremmo GERBER OUTPUT IN QUEL MODO. 1 Selezionate Top Assy - questo è l'assembly layer, include tutte le forme / testi disposti sul Top Assy e gli oggetti definiti in View / Assembly layers dal sub-menù del main manù. Per il nostro PCB questo layer non include nulla quando fate la preview di esso. (se view / Assembly Layers ha i settaggi di default. PAG Selezionate Top Silk questo layer include pattern shapes/texts and shapes/test posti sul Top Silk Layer. Non cambiate settings e cliccate Previes. Se usate fonts True Type e non riuscite a vedere i testi o si vedono incompleti (dipende dal fonts e dalla sua misura), dovrete solo rendere il valore Recognised Accuracy un pco più piccolo (non il più piccolo possibile). 79

80 3. Top Mask questo è il oslder mask layer, Viene generato automaticamente basato sui pads, i loro stteaggi ed il comune Solder Mask Swell definito nella finestra di dialogo gerber includeforme poste sul solder mask layer. Suppongo che dovremmo solo eliminare la spunta nel quadratino Vias poiché sono di solito ricoperti dal Solder Mask. Per modificare i settaggi della custom solder mask per i pads, click Dx sul pad e selezionare Mask/Paste Settings dal submenù. 4. Top Paste questo layer è di solito utilizzato solo per pads SMT, così possiamo mettere la spunta a Paste Mask for SMT Pad Only. 5. Signal layers (Top, Bottom, ecc.) - questi sono i nostri copper layers, adesso mettete la spunta al box Vias per tutti loro e guardate l'anteprima se tutti i layer sono visualizzati correttamente. Se poi volete eseguire manualmente i fori potete anche spuntare il box Pads/Via holes, naturalmente questa opzione non è raccomandata se masndate i files al produttore. Inoltre nel caso in cui il box Pads / Vias Holes sia spuntato, verranno creati due layers per ogni signal layer se il layout ha through pads o vias: disegnare e pulire. Il secondo layer viene usato per rimuovere manufatti all'interno dei fori del trapano. 6. BottomPaste Bottom Assy, di default tutti gli oggetti di testo sul bottomlayers sono flipped opzione View/flip Text Automatically nel main menù, naturalmente se quell'opzione è off, potelte Flip Text manualmente per il layer che desiderate (quadratino Flip Text. 7 Il contorno della basetta include il bordo esterno solo con una larghezza definita. Il layer della basetta include la basetta come poligono riempito. PAG

81 Adesso clicckate Bottom layer e click su Preview per vederlo: PAG 82 81

82 L'OFFSET nelle funzioni di DXF, GERBER, N/C drill e Pick and Place è la distanza tra gli zero e la tua basetta nell'angolo Sx in basso. Altrimenti è possobole scegliere l'origine spuntando il giusto quadrato nella finestra di dialogo di export. Dip Trace ti permette di esportare qualsiasi testo o font (anche geroglifici cinesi) o immagini in bianco e nero (logo della ditta, ecc.) verso gerber, ma dovreste definire Recognize Accuracy per certi oggetti (il settaggio di default è 3 mil). Potete utilizzare una precisione sino a0.5 mil. Adesso chidete Preview a clicck su Export All (se le aperture non sono predefinite il programma vi chiederà di settarle automaticamente, quindi salvate i vostri file gerber uno per uno. L'estensione può essere definita nel gerber dialog box oppure potete scriverla manualmente quando salvate il file. Con Dip Trace potete anche esportare i Drill Symbols per differenti tipi di fori. Aprite la finestra di dialogo Gerber Export ( Pad/Via holes e Mtholes dovrebbero essere già spuntati), quindi spuntate Drill Symbols e premete Set Symbols. Nel box Drill Symbols definite i simboli del trapano, la loro misura e la larghezza della linea, poi chiudete e aprite Gerber Preview per vedere i risultati. Attenzione, se Drill Symbols è spuntato e voi tentate di esportare silk, assy, signal layers, ecc., potete ottenere un file/preview vuoto. PAG

83 PAG

84 E' buona abitudine testare i vostri file con una terza parte prima di mandarli al produttore. Inoltre, il miglior Viewer è il medesimo software che il vostro produttore utilizza perché alcuni programmi possono leggere i Gerbers in modo un poco diverso dalle specifiche ufficiali RS-274X Se non conoscete quale software utilizza il vostro produttore, raccomandiamo Pentalogic Viewmate come visualizzatore che ha stretta conformità con RS-274X Create NC Drill file for CNC machine drilling Per esportare il corrente progetto al formato N/C Drill selezionate File / Export / N/C Drill dal main menù, poi premete il pulsante Auto per definire i tools e premete Export. Non avete bisogno di selezionare i layers per i fori passanti, ma se il vostro foro è cieco (per esempio un via interno), allora dovreste selezionare il/i layer/s nel quale si trova il foro. Usate anche Preview per vedere il risultato. PAG

85 Congratulazioni, avete terminato un semplice progetto con Dip Trace. Salvate quindi i files Schematic e PCB li useremo più avanti per altre operazioni con questo tutorial. Ci vuole più tempo per leggerlo che per terminare questo progetto. Per favore, non dimenticate di togliere la spunta a Use Priority Layer Directions nel box di Autoroute Setup se pensate di sbrogliare PCB con più di 2 layers. 3 Creating Libraries Questa parte del tutorial vi insegnerà a creare componenti e librerie di patterns utilizzando i Componente and Pattern Editors. Sono i gioielli della ditta che progetta e come tali occorre trattarli ed eseguirne il backup. Ancora, per favore, ricordate di salvarwe le vostre librerie in percchi luoghi in modo che siano più sicure. 3.1 Designing a pattern library Aprite Dip Trace Pattern Editor andate a Start all Programs Dip Trace Pettern Editor Customizing Pattern Editor Dopo aver aperto il Pattern Editor potreste voler mostrare l'origine e gli assi X e Y, quindi View / Display Origin dal main menù o premete F1 (se non è ancora visibile). Potete modificare le coordinate dell'prigine in qualsiasi momento. L'origine sarà lo zero point del pattern quando lo disponete, lo ruotate, o cambiate la sua posizione con le coordinate nel PCB layout. PAG. 86 Il pannello nella parte superiore dell'area del progetto è il pannello Pattern Properties, potete 85

86 utilizzarlo per definire i pattern attributes e progettare il pattern con types o da template. Potete nasconderlo o minimizzarlo quando progettate i patterns. Per minimizzare il pannello, cliccate il pulsante freccia sul suo angolo superiore Sx. Per chiudere il pannello click sul pulsante X nella parte superiore destra, per mostrarlo nuovamente selezionate View / Pattern Properties nel main menù. Usate + e - o la rotella del mouse per zoomare in / out l'editor dei componenti e dei patterns o semplicemente inserite la scala necessaria nel box scale che è sopra Designing a resistor Eccoci al progetto del primo pattern della vostra libreria: una resitenza con la spaziatura di 400 mils tra i terminali. Faremo parecchi passi in più per mostrare alcune caratteristiche del programma mentre i due successivi patterns, più complessi, verranno progettati nel modo più veloce possibile. Per prima cosa definite il nome e la descrizione della vostra resistenza. Scrivete RES 400 nel campo Name ed R nel campo RefDes del pannello delle Pattern Properties. In Pattern Editor e in Component Editor definite RefDes di base, cioè nel nostro caso quando deponete la resistenza il RefDes sarà R1, R2, R3 ecc. Se RefDes non viene specificato, il programma, automaticamente, aggiunge U ai componenti o patterns deposti. PAG

87 Attenzione: per il primo pattern useremo Free type, ma Lines è più veloce e lo useremo in futuro, vedremo come fare questo utilizzando altri patterns. Adesso minimizzate il pannello Pattern Properties. Selezionate il tool Place Pad sul pannello Objects, posizionate la freccia del mouse dove volete il primo pad, quindi click Sx per deporlo.; portate la freccia dove volete il secondo pad e di nuovo click Sx per deporre anch'esso. Poi click Dx per cancellare il modo Placement. PAG

88 Questo piazzamento non è un modo preciso, per cui dovremmo controllare e forse correggere le coordinate dei pad (potete vedere sul disegno qui sopra che abbiamo posto pads con spaziatura 300, ma a voi serve spaziatura 400). Ci sono parecchi metodi per modificare le coordinate degli oggetti ed anche emplice drag-and-drop. Selezionate "Objects/Place Dimension/Horizontal" dal mainmenù oppure il tool Place dimension/horizontal sulla barra degli strumenti, click Sx al centro del primo pad, poi al centro del secondo pad, muovete un poco in su e fate il terzo click per porre le dimensioni. I punti chiave degli oggetti si evidenziano quando passate sopra di essi con il mouse il dimension/pointer sarà collegato a quei punti chiave e riconteggiato automaticamente quando muovete o ridimensionate gli oggetti. PAG

89 Inoltre potete cambiare le proprietà delle dimensioni (Layer, Units, Arrow size) con un click Dx su esso/properties. Adesso useremo il dialog box Layer Objects - questo non è il metodo più facile per il nostro caso (il più facile è il drag-and-drop), ma potete usarlo in futuro per modificare immediatamente le esatte coordinate di di parecchi oggetti su di un singolo layer. Sul lato Dx dello schermo potete vedere i layers. Attenzione, sono soltanto layers logici servono solo per editare (non silk o signal layers). Adesso selezionate i layers: passate il mouse sul Layer 0, tenete premuto il tasto Sx, muovete il cursore verso Layer1, e rilasciate il tsto del mouse. Selezionate Layer / Megre Layers o il pulsante corrispondente sul lato superiore del pannello layers. Avete ottenuto un singolo layer con due pads su di esso; doppio click su di esso per aprire la finestra di dialogo Layer objects. Selezionate il pad con le coordinate errate e cambiate X per trasformare in 400 mils la distanza tra due pad, poi click sul pulsante Close per chiudere la finestra di dialogo. PAG

90 Potete vedere che il dimension object è stato riconteggiato automaticamente e che adesso mostra il valore della giusta distanza. Potreste voler cambiare i settings dei pad, cioè forma, misura, diametro del foro, SMD o Through hole type, ecc. il pattern possiede settattaggi di pad di default, può essere applicato a tutti i pad ed anche ogni pad può avere i suoi propri settaggi. Per combiare i settaggi di default dei pattern selzionate Pattern / Default Pad Properties dal mainmenù. Nella finestra di dialogo Pad Properties potete cambiare la forma del vostro pad: Ellisse, Ovale, Rettangolo o Poligono (cliccare Points per definire il numero dei vertici o delle coordinate dei punti per un pad poligonale). Il diametro di un foro si applice solo ai Through pads. Potete anche usare pad template selezionandolo dalla finestra Template. Per creare i vostri propri template fare click sul pulsante...>> - che aprirà il template manager. Tutti i templates che fate qui possono essere usati per veloci modifiche dei settaggi dei pad in diverse finestre di dialogo del Pattern Editor e del PCB layout. PAG

91 Adesso chiudete Templates, cambiate la forma in Rectangle, larghezza in 0.08, e On Board in Surface, quihndi OK per applicare i cambiamenti. Please close Templates, change shape to Rectangle, width to 0.08, and On Board to Surface, then click OK to apply changes. PAG

92 attenzione, che per i surface pads si può anche cambiare il lato, cioè, porli sul bottom side (essi saranno sul Top quando il componente è posto sul Bottom). Per cambiare lato selezionate pad(s), click Dx su uno di essi e selezionate Change Side sull' object panel (quadrato con la scritta Top sul lato Dx). Adesso cambierete i settings dei singoli pads. Passate il mouse sul primo pad, click Dx selezionate Properties (Se il pad non è evidenziato mentre passate su di esso con il mouse, click Dx o utilizzate il pulsante Default Mode nella parte alta dello schermo o click Dx in un'area vuota per passare al default mode). Nella finestra di dialogo Pad Properties togliere la spunta al box Default for Pattern per abilitare i setting propri di ogni pad, cambiate la forma in Polygon, larghezza ed altezza 0.09, poi premete Points per aprire la finestra di dialogo Poligon Points. Qui potete definire il tipo di pad poligonale e, se non poligono regolare, le coordinate dei punti. Chiudete la finestra di dialogo Poligon Points, poi cambiate il diametro del foro a 0,04, On Board a Through e premete OK per chiuderela finestra di dialogo e applicare le modifiche. PAG

93 Attenzione, potete cambiar ele coordinate dei pad e la direzione dalla finestra di dialogo pad properties. Inoltre potete cambiare le pad coordinates e la direzione dal pad properties dialog box. E anche le pad properties sono applicate a tutti i pad selezionati(non un singlo pad che avete cliccato). PAG

94 Adesso, per favore, definite le seguenti pad properties: La prima 0.09x0.09, Rectangle, Through diamiter 0.04; la seconda 0.09x0.09, ellipse, Through, Hole diameter disporrete il silk per questa resistenza. Selezionate il pulsante Rectangle sul pannello del Drawing (disegno) sulla parte alta dello schermo, poi deponete rectangle cliccando su due dei suoi punti chiave (btw abbiamo mosso il drawing panel in alto a Sx poiché non era visibile con la definizione 800x600): PAG

95 Disabilitare il rectangle placement mode (click Dx o pulsante Default Mode ). Potreste voler cambiare la misura della forma silk e lo potete fare nei seguenti modi: utilizzando il box di dialogo Layer objects (doppio click su Layer 1 grafic sul lato Dx, click Dx sulla forma e selezionando il punto dal submenù, oppure ridimensionare la forma usando il metodo drag-anddrop (usatelo, in questo caso). Modificate la misura della griglia in 0.025pollici (il grid box è posto sulla standard barra degli strumenti a Sx della finestrina della scala ), Ctrl- cambierà ugualmente la griglia da 0.05 a quindi muovete la freccia del mouse sui punti chiave del rettangolo e ridimensoionate (il cursore del mouse mostra le possibili direzioni). PAG

96 centrate il pattern con Edit / Center Pattern dal main menù oppure Ctrl+Alt+C. La resistenza è pronta. Provate adesso a ruotare e specchiare il primo pattern della vostra libreria, selezionate Edit / Rotate Pattern e Edit / Vertical flip, Edit / horizontal flip per specchiare. Attenzione, se tentate di selezionare e ruotare gli oggetti del vostro pattern, le forme silk sono dimensionate alla larghezza e altezza del pattern (a volte sembra fantasia). Il ridimensionamento del silk è utilizzato quando cambiate la larghezza e l'altezza del pattern definendo diversi parametri quando costruite un pattern per mezzo di type. (whenmaking patterns by type.) Saving library E' tempo di specificare il nome della libreria, i commenti ed il nome del file. Aggiungerete parecchi altri patterns a questa libreria in pochi minuti, ma possiamo definire questi parametri e salvarli adesso, quindi in seguito è sufficiente aggiungere nuovi patterns e fare click sul pulsante Save. Selezionare Library / Library Name and Hint dal main menù. Inserite il nome della vostra libreria (dovrebbe essere corto) ed i suggerimenti, poi click su OK. Il nome della vostra libreria apparirà sul Library Panel nel programma PCB layout, il suggerimento verrà mostrato quando passate la freccia del mouse sul pulsante con il nome della libreria. PAG

97 Selezionate Library / Save dal main menù o il corrispondente pulsante sulla standard barra degli strumenti in alto a Sx sullo schermo. Trovate la cartella per salvare, scrivete il nome del file, poi fate click su Save. Vi raccomandia mo di usare cartelle differenti per le standard Libraries ( <Drive>:/ProgramFiles/DipTrace/Lib di default) e le vostre proprie librerie (noi useremo la cartella My Libraries posta in My Documents/Dip Trace ) Designing BGA-144/12x12 selezionare Pattern/Add New to Library dal mainmenù per aggiungere nuovi pattern vuoti alla libreria (vedi il alto Sx). Il nuovo pattern viene selezionato automaticamente. Adesso costruiremo il pattern BGA-144/12x12 usando pattern types e la numerazione automatica dei pad. Massimizzate il pattern properties panel e definite il nome del pattern. PAG

98 Cambiate l'unità di misura in mm, selezionate view/units/mm dal mainmenù. Poi pattern/default Pad Properties dal mainmenù e definitwe: Shape: ellipse, Width: 0.45, Height: 0.45, Hole: 0, On Board: Surface. Premere OK per applicare le Default pad properties. Adesso, sul pattern properties panel set: Type: Matrix, Columns: 13, Rows: 13, X Pad Spacing: 0.8, Y Pad Spacing : 0.8. Potete vedere una matrice 13x13 e le dimensioni che che mostrano il pad spacing. 12x12 nel nome del pattern è la misura del package, e non le file e colonne della matrice dei pad. PAG

99 Fate click sul pulsante Lock Properties a Dx del box Type del pattern properties panel per proteggere il vostro pattern da modifiche accidentali,. Minimizzate il pattern properties panel. Fate un giro panoramico sull'area di progetto se necessario con il tasto Dx del mouse o con la rotellina del mouse (tenetela premuta e visualizzate l'area). Per BGA-144/12x12 dovremo cancella un rettangolo di 5x5 pad al centro del pattern, quindi selezionatelo usando il box di selezione ( portate il mouse nell'angolo supriore Sx, tenete premuto il tasto Sx del mouse, spostateil mouse nell'angolo in basso a Dx) poi premete il tasto Delete. PAG

100 Selezionate View / Pad numbers / Show dal mainmenù per mostrare la numerazione dei pad. La nostra matrice ha i numeri ed i pad BGA dovrebbero essere A1, A2, ecc., quindi selezionate tutti i pads (Ctrl+A) o usate il quadrato per selezionare), click Dx su uno dei pads e scegliete Pad Array Numbers dal submenù. Nella finestra di dialogo selezionate Type: BGAMatrix, gli altri settaggi rimangono senza cambiamenti e premete il tasto OK. Pag

101 Abbiamo così la corretta numerazione per la nostra matrice BGA. Attenzione, il primo pad per la numerazione Contour sarà quello sul quale avete cliccato quando avete richiamata il pad submenù, cioè potete numerare i contorni (Qaud patterns) partendo dal upper-left, centro della TOP LINE o da qualsiasi altro pad. Pag

102 Adesso disegnate il silk screen per il vostro pattern usando i tools della drawing barra degli strumenti. La griglia può essere cambiata con Ctrl+, o Ctrl- o visualizzata/nascosta con il tasto F11. Gli oggetti possono essere mossi con il drag-and-drop o con Move Layer (selezionate Layer nella lista sul bordo destro e fate drag-and-drop nell'area del progetto). Pag

103 Il pattern BGA è pronto, salvate la libreria (Ctrl+S o il pulsante salva sulla barra degli strumenti Designing SOIC-28 pattern We will try to make real component by the data-sheet. This will be simple "Microchip PIC18F24K20"with SOIC-28 pattern. So now we willmake SOIC-28. Add new pattern to the library ( Pattern / Add New To Library frommainmenu), then enter name and RefDes. Select "Type / Lines" on the pattern properties panel and set "Number of Pads: 28". Pag

104 Dovremmo definire la corretta spaziatura dei pad, il line spaciang e pad settings per il pattern. Se non conoscete le dimensioni SOIC-28 (potete vederle nelle librerie standard di Dip Trace o semplicemente seguite questo tutorial) andate a e aprite i documenti di specifica dei package, trovate il disegno delsoic-28 (7.50 mm) (pag 150 nell'ultima revisione al momento di scrivere il tutorial). Per prima cosa definite i setting dei pad: andate a Pattern/Default Pad Properties, settate Shape: Rectangle, Width:0.6 mm, Height: 2mm, Hole: 0, On Boad: Surface, poi premere OK. Adesso nel Pattern Properties panel specificare: "Line Spacing: 9.4 mm" and "Pad Spacing: 1.27 mm". 104

105 Pag. 105 I numeri dei pad sono giusti, come potete vedere dallo schermo, così non abbiamo bisogno di rinumerarli. Bloccate le pattern properties per evitare modifiche accidentali. Eliminate la visualizzazione della griglia (F11) e disegnate il silk screen usando linee (o polilinee) a gli accessori per arco dalla drawing barra degli strumenti. Pag

106 Il pattern è pronto, lo collegheremo al "PIC18F24K20" nel COMPONENT EDITOR. Se volete potete ruotarlo:"edit / Rotate Pattern" or Ctrl+Alt+R. Salvate la libreria Placing patterns Fate partire il modulo DipTrace PCB Layout i.e. Per aggiungere i vostri pattern al progetto usando la lista dei pattern sul lato Sx dello schermo, dovete per prima cosa aggiungere la vostra libreria alla barra degli strumenti della library. Selezionate Library / Library Setup dal main menu, poi togliete la spunta al quadratino Get Libraries fromfolder per attivare la lista. Fate click sul pulsante alla Dx della lista, trovate la vostra libreria, e quindi Open. My Library è stata aggiunta alle librerie attive. Potete con facilità spostarla in un'altra posizione della lista se necessario. Chiudete la finestra di dialogo della library setup. Pag.107 Creating Libraries 106

107 Fate scroll verso destra del library panel (tasto freccia Dx-basso per mostrare la scroll-bar) sino a che trovate My Library. Adesso selezionatela. Ponetevi i patterns e cambiate marking settings per mostrare RefDes e Type (View / PatternMarking for common settings and right-click on the pattern / Properties / Marking for individual ones). Attenzione i settaggi individuali sono cambiati per tutti pèatterns selezionati. Se volete porre patterns sul bottomside selezionate prima del piazzamento BottomSide nel quadrato con il testo Top Side. Per componenti esistenti potete cambiare lato dal submenù (Click Dx sul Component /Change Side). Pag DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. 107

108 Di solito il nostro top Layer è rosso, e così sono tutti i pads Top SMD. Possiamo spostare questi da "Layer / Layer Setup" o dal design manager ( F3 per visualizzare o nascondere il design manager e click Sx sul rettangolo colorato del layer per cambiarne il colore). Settate il nero per tutti i signal layer se avete lo sfondo bianco e accendete il ygiallo per lo sfondo nero. Il colore dei fori passanti lo si può definire in View / Colors. Adesso cambieremo le proprietà dei pads per uno dei pad della resistenza. Spostate il mouse verso il pad che volete cambiare dovreste avere l'evidenziazione in rosso, click Dx e scegliete Pad Properties e fate i cambiamenti che volete (noi faremo pad ovali anziché ellittici). Attenzione che se avete il top layer rosso e spostate il mouse verso pad SMD, non sarà evidenziato se il colore di evidenziazione del pad è rosso (View / color, naturalmente tutte le caratteristiche funzioneranno correttamnte. Il box di dialogo Pad Prppoperties in PCB Layout è simile al Pattern Editor, e le proprietà di default dei pad per il pattern possono venir cambiate se voi muovete il mouse sul pattern da evidenziare in verde, fate click Dx selezionate Pad Properties. Pag.109 Creating Libraries Novarm Ltd. 108

109 Attenzione che se l'origine è diversa dalla posizione centroide del pattern, verrà mostrato mentre voi deponete quel pattern (o convertite lo schema in PCB). Inoltre potete con facilità mostrare o nascondee l'origine del pattern per tutti i pattern selezionati: click Dx su uno di essi e selezionate Pattern Origin dal submenù. Provate a ruotare diversi pattern e vedrete che l'origine è il centro della rotazione. Inoltre quando muovete il cursore sul pattern, le coordinate mostrate sono le coordinate dell'origine del pattern. 3.2 Designing a component library Customizing Component Editor Customizzare il Component Editor è come Customizzare il Pattern Editor. Dopo aver aperto il programma, selezionate View / Display Origin dal mainmenù per mostrare lo zero point e gli assi X, Y (oppure premete F1) se non è ancora visibile. Il component Properties panel in alto a Dx dell'area di progetto può essere minmizato ochiuso utilizzando i pulsanti nella parte superiore del pannello. Utilizzando questo pannello potete definire i simbol type: sono di 4 tipi: Free (senza alcuna specifica proprietà), 2 facce, IC 2facce e IC 4 facce. La sola differenza per il secondo e terzo tipo è il rettangolo silk per l'ultimo. Altre poche parole su Part Type e i paramentri Part : il primo può essere Normal, Power and Gnd e Net Port. Il componente può contenere solo singole parti Power and Gnd (se preferite nascondere tutte le power net per i lvostro schema, allora deponete tutti power pins a questa parte). Net Port è un componente di un pezzo unico ed è usato per collegare insieme fili senza connessione visibile, può essere usato come Gnd o Power symbol, anche per gli schemi con struttura flessibile (proveremo a progettare questo componente e ad utilizzarlo (vedi sotto). Pag

110 Potete voler definire i setting dei pin prima di creare i componenti. Quindi selezionate Objects / Pin / Placement setup dal mainmenù. Non cambieremo adesso queste proprietà, ma guardate che la spaziatura (Spacing) X, Y dovrebbe essere divisibile dal grid step per creare tutte le parti dei punti chiave sui punti della griglia. Pag

111 Raccomandiamo anche di usare una griglia di 0.1 in quando disponete i pin ed allineate i pin alla griglia Designing a resistor Progetterete il resistore usando Free type e piazzamento a vista. Per favore, definita per prima cosa in nome del componente e RefDes, usate i campi corrispondenti sul component properties panel. Dopo aver specificato questi attributi minimizzate il component properties panel utilizzando la freccia nel suo angolo superiore Sx. Pag

112 Selezionate il tool Place Pin nella parte superiore Dx dello schermo, poi spostate la freccia del mouse nell'area di progetto e con il click Sx disponete due pin. Ruotate un pin di 180 : selezionatelo e premete Ctrl+R due volte. Selezionate il tool rectangle e ponete graphics per la resistenza. I pin dovrebbero esssere disposti con grigli 0.1 e rettangolo di griglia di 0.05 (Ctrl+, Ctrl- per cambiare la griglia al volo). Pag. 113 Creating Libraries 112

113 Attenzione, non potete muovere i pin usando drag-and-drop. Se volte muovere o ruotare parecchi pin, per prima cosa selezionateli Il simbolo della nostra resistenza è pronto, ma dovremmo collegare il pattern per essere in grado di creare il PCB dallo schema con questa resistenza. Selezionate Componente / Attached Pattern dal mainmenù nella finestra di dialogo Attached Pattern fate click sul pulsante Sdd quindi cercate la vostra library pattern e apritela. Selezionate RES 400 dalla lista dei pattern. Potete vedere il pattern della resistenza apparirre sul lato Dx della finestra di dialogo e dei collegamenti color blu tra il symbol ed il parttern questo (sono i collegamenti tra pad e pin). Per creare o ridefinire tali connessioni muovete il puntatore del mouse sulla part pin, click Sx, poi muovete verso il pad e click Sx per connetterlo. Per cancellare una connessione basta un semplice click Dx sul pin o pad. Quando passate il cursore su uno dei pin connessi, ambedue vengono evidenziati. Sulla Dx della finestra di dialogo premete il pulsante Arrow e visualizzate il pattern verification panel. - esso permette di testare il settaggio dei pad e misurare tutte le dimensioni del pattern. Click su OK per applicare le modifiche e chiudere la finestra di dialogo. Pag

114 Attenzione potete specificare le connessioni da pin a pad utilizzando la connection list. Inoltre il numero dei pin può essere definito dal pin manager (selezionate Component Pin Manager dal main menù per aprirlo) o dal box di dialogo pin properties. In Pin Manager è il modo che raccomandiamo per la maggioranza dei componenti. Il dialog box attached pattern può essere ridimensionato se necessario e la misura della finestra è memorizzata quando chiudete il programma. La resistenza è pronta e contiene sia il simbolo per lo schema che il pattern. Definite il nome ed il suggerimento per la vostra libreria: selezionate Library / Library Name and Hint, poi scrivete My Library nel campo del nome e This is my first component Library nel campo suggerimenti (potete usare anche un altro nome o suggerimento ma ricordate che il nome dovrebbe essere corto-esso corrisponde al pulsante caption sulla barra degli strumenti Library del programma schematic). Fate click sul pulsante Save sul lato siperiore Sx dello schermo, definite il percorso della libreria ed il nome del file e poi cliccate su Save per salvare la libreria. Pag

115 Creating Libraries Novarm Ltd Designing a capacitor Selezionare Component / Add to Library dal mainmenù per aggiungere un nuovo componente alla libreria. Progetterete il condensatore usando il tipo 2 sides, quindi definite il nome del componente e RefDes e selezionate il tipo 2 sides nel box Type del component properties panel. Cambiate component width in 0.1, ed ponete a 1 i pins Dx e Sx Pag

116 116 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Adesso minimizzate il component properties panel, misura della griglia a in e disegnate la grafica del condensatore usando tre linee ed un arco 116

117 Pag. 117 Creating Libraries Novarm Ltd. Mostrate i pin names del vostro simbolo: selezionate i pin (oppure selezionateli tutti con Ctrl+A, click Dx su uno di essi e selezionate Pin Properties dal submenù. Nel box di dialogo pin properties spuntate Show Name e premete OK. Pag

118 Attenzione, tutti i nuovi pin hanno l' Electric type non definito. L'Electric tipe è di solito usato solo per caratteristiche ERC. Type property si usa principalmente per la grafica dei pin, potete provare i diversi tipoi per vedere che cosa viene disegnato oppure controllare l'help. I nomi vengono mostrati, ma sono in posizioni strane (come per i condensatori) e voi avete bisogno di spostarli, Cpsì selezionate View / Move Toll dal main menù oppure semplicemente premete F10, poi muovete il puntatore sopre i nomi dei pin e spostateli nella nuova posizione, quindi Click Dx per tornare al modo di default. Attenzione, potete usare questo metodo per spostare i nomi dei pin, i numeri e gli attributi delle parti nello schema elettrico. Pag

119 Creating Libraries Novarm Ltd. Naturalmente abbiamo mostrato i nomi (non i numeri dei pin) ed essi non verranno cambiati quando modificherete i numeri dei pin, cioè i pads correlati. Inoltre potete mostrae la linea di inversione nel nome del pin : muovete il puntatore sopra il pin, click Dx e selezionate il primo (in alto) elemento dal submenù, inserite il testo normal~invert e premete OK, poi muovete il nome del pin usando il tool di spostamento (F10). Il simbolo ~ nel nome del pin è l'inizio o il termine dell'inversione, così potete definire l'inversioni per parti separate (signals) del nome del pin. Pag

120 120 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Probabilmente non avete bisogno di mostrare i nomi dei pin dei componenti come il condensatore e re il numero dei pin. Attenzione, potete definire i settaggi generali per il numero dei pin nello schema e tutti i componenti hanno i settaggi generali di default, ma potete anche specificare settaggi separati per mostrare i numeri dei pin per ogni parte nel component editor. Selezionate Compnent / Pin Manager dal mainmenù per aprire il pin manager dialog box, selezionate il pin 2 nella tavola e cambiate il nome in 2, poi nascondete il nome del pin per ambo i pin: selezionateli (muovete il puntatore sulla prima fila, tenete premuto il pulsante Sx, poi muovete il cursore verso il secondo) e togliete il segno di spunta dal box Show Name. Chiudete il pin manager. Attenzione, potete cambiare i numeri dei pin (cioè i pad) correlati, le coordinate, la lunghezza, il tipo ed il tipo elettrico del pin dal Pin Manager dialog box. Pag

121 Creating Libraries Novarm Ltd. Nel component editor potete inserire sttaggi individuali dei componenti per mostrare il numero dei pin dal menù Compnent / Pin Number e settaggi comuni da programma ( come in schematic capture) usando View / Pin Numbers. Adesso selezionate Show da uno di questi submenù per mostrare il numero dei pin del condensatore. Se volete spostarei numeri dei pin usate il tool Move (F10). 121

122 Pag DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Il passo successivo collegare un pattern al condensatore. Selezionate Component / Attached Pattern dal mainmenù. Aggiungete C:\Programfiles\DipTrace\Lib\_general.lib" alla lista delle librerie e selezionate "CAP100RP" pattern. Connettete "1" to "Plus" and "2" to "Minus". Premete Ok. 122

123 Creating Libraries Novarm Ltd. Il condensatore è pronto Designing a multi-part component 123

124 Progetterete adesso un semplice componente multiparti con quattro simboli AndNot ed il simbolo dell'alimentazione. Il pattern collegato sarà un DIP-14 dalle librerie standard. Aggiungete un nuovo componente alla libreria, cioè selezionate Component / Add New To Library dal main menù. Inserire il nome e RefDes Pag DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Cliccare il pulsante freccia nell'angolo in basso a Sx del component properties panel appaiono pulsanti rapidi per chiamare Attached Pattern, Pin Manager, e Get from library. Queste caratteristiche sono molto utilizzate quando progettate la vostra libreria, per cui abbiamo 124

125 aggiunto pulsanti veloci per la richiesta dei nostri progettisti di libreria. Il passo successivi è creare parti di componenti. Dip Trace vi permette parti separate e gruppi di parti (parti simili) nel componente. Tutte le parti nel gruppo di parti hanno gli stessi pin., silk, ecc. eccetto i numeri dei pin (cioè i pads correlati) Anche le parti possono essere Normal, Power and Net Ports. Le parti Power e le Nets Power possono essere nascosti nello schematic capture; i componenti possono includere solo un power part (potete anche mettere power pins alla parte normale, ma non potrete nasconderlo. Progetteremo il componente con quattro identiche parti And Not ed 1 power part. Selezionate Compnent / Create Similar Parts dal main menù nellla dialog box e premete OK par applicare. Attenzione, le parti simili sono create basandosi su parti selezionete correntemente. Pag. 125 Creating Libraries Novarm Ltd. Adesso potete vedere le seguenti parti: Part 1 (1), Part 1 (2), Part 1 (3) and Part 1 (4) in basso a Sx sullo schermo. Tutte le parti similari hanno lo stesso part name e sono unite dal part name. Potete cambiare il part name ("Part" field on the component properties panel) per esempio a AN. 125

126 La prossima parte sarà power part. Selezionate Component / Add New Part dal main menù, selezionate la new part tab in basso a Dx e rinominatela PWR. Fate caso che la nuova parte è una parte separata e non appartiene al gruppo AN. Adesso progettate il vostro power part: selezionate il tipo IC 2 sides dal type box del component properties panel e specificate i seguenti parametri: width 0.3 in, height - "0.25 in", left pins 2, right pins 0. Selezionate poi Power and Ground dal box Part Type. Pag DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Selezionate Component / PinManager dal main menù, quindi cambiate i nomi dei pin in VCC and GROUND, i numeri dei pin sino a 14 e 7, electric type in Power, spuntate il box Show name per ambo i pin. Attenzione che i parametri Type, Show Name e Lenght potete cambiarli per pin multipli. 126

127 Pag. 127 Creating Libraries Novarm Ltd. Il pinmanager dialog box è ridimensionabile e potete cambiare la larghezza di queste file. Questi settings si salvano quando chiudete il programma. Chiudete la dialog box di pinmanager, minimizzate il component properties panel e vedete la prima parte del vostro componente. 127

128 Pag DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Per progettar altre parti del vostro componente: selezionate una delle parti AN, poi definite i seguenti parametri sul component properties panel: type - IC 2 sides, width 0.2 in, height 0.25 in, left pins 2, right pins 1. minimizzate il compnent properties panel. Selezionate il tool Text in alto a Dx sullo schermo, muovete il mouse sul vostro simbolo, click Sx e scrivete &, quindi premete Enter o fae click per deporre il testo. 128

129 Pag.129 Creating Libraries Novarm Ltd. Attenzione, noi dovremmo progettare parti And Not (non And ), così il pin giusto deve avere la negazione o Dot, click Dx sul pin, selzionare Pin Properties dal submenù, selezionare Dot nel campo tipo, poi OK per apllicare i cambiamenti e chiudere il box di dialogo. Attenzione, non avete bisogno di progettare un'altra part AN. Provate a selezionare AN (3) o AN (4) e vedrete che sono simili alla parte appena progettata. Tutte le parti del gruppo sono simili, ma i numeri dei pin dovrebbero essere diversi (li cambierete in pochi secondi). 129

130 Pag DipTrace Tutorial Selezionate Component / PinManager dal mainmenù. Nel box di dialogo di pin manager selezionate la parte, definite i numeri dei suoi pin, poi selezionate la parte successiva e così via sino a quando avete definito i numeri dei pin di tutte le parti AN. Attenzione, non dovete selezionare il pin successivo utilizzando il mouse ogni volta, per passare al prossimo pin semplicemente premete Down o Enter quando siete nel campo number o Name. Settate il tipo Electric per una delle parti (le altre cambieranno automaticamente. Chiudete il pinmanager. 130

131 Pag.131 Il prossimo passo è attaccare il pattern correlato al componente multiparte. Selezionate Component / Attached Pattern dal mainmenù. Nel dialog box di attached pattern selezionate la libreria "_general.lib" (premete il pulsante Add e trovate il file "_general.lib" in "C:/Programfiles/DipTrace/Lib") e il pattern DIP-14 da esso. Attenzione, non avete bisogno di specificare i collegamenti pin-to-pad poiché i numeri dei pin (cioè i collegamenti pin-to-pad) sono già specificati dal pinmanager. Selezionate diverse parti nel box di dialogo a Sx in alto e guardate le connessioni per assicurarvi che siano giuste. Premete OK per collegare il pattern e chiudere il box di dialogo. 131

132 132 DipTrace Tutorial Il componente multipart è pronto Designing PIC18F24K20 Adesso costruiremo la parte PIC18F24K20 dal data sheet e collegheremo il nostro pattern SOIC-28 ad esso per ottenere il componente reale. Prima andate a cercate "PIC18F24K20" e selezionate"datasheets" sul lato Sx. Oppure usate il link diretto: 132

133 naturalmente noi non siamo cherti che funzioni nel momento in cui leggete questo tutorial. Andate al Pin diagrams (pag 5 o selezionate sul lato Dx), il primo diagramma è quello di cui abbiamo bisogno. Passate a Dip Trace Component Editor e agiungete un nuovo componente (Ctrl+Insert), selezionate Type: IC 2 sides, Switch to DipTrace Component Editor and add new component (Ctrl+Insert), select "Type: IC 2 sides,"left Pins: 14", "Right Pins: 14", enter Name and RefDes: Premere il pulsante Pin Manager sul component properties panel ed inserite i nomi dei pins usando il diagramma del data-sheet. Potete ridimensionare la finestra pin manager e cambiare la larghezza delle colonne (abbiamo fatto la colonna Name più larga per vedere i nomi dei pins. Inoltre quando scrivete i nomi dei pins premete Enter per passare al nome del pin successivo. 133

134 Dopo aver inserito i nomi dei pins specificate i tipi elettrici e spuntate Show Name per tutti i pins. Potete selezionare quante file volete, e cambiare queste proprietà per tutti i pins selezionati. Chiudete il pin manager. Il nostro simbolo sembra non corretto poiché la sua larghezza è troppo piccola e i nomi dei pins sovrascritti (overlaps?) 134

135 Creating Libraries Novarm Ltd. Sul component properties panel cambiate width a 1.9 e height a 2. I pin names sono sovrascritti ancora un poco, ma noi per prima cosa raggrupperemo i pins e li porremo al simbolo rettangolo, allora saremo in grado di ridurlo. Inoltre, per favore, cambiate la griglia in 0.1 poiché disporremo i pins secondo questa griglia. 135

136 136 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Adesso dovremo raggruppare i pins logicamente. Per prima cosa creeremo i bus: selezionate "Component /Make Busses frompins" dal mainmenù. Questa caratteristica permette di estrarre i busses dai nomi dei pins e raggruppate i pins secondo i busses. Potete definire qui i possibili bus dividers. Di default soltanto / è selezionato ed è ok per il nostro simbolo, naturalmente alcuni costruttori possono avere differenti divisori e voi potete definirli qui. Premete il pulsante Extract e vedrete i busses disponibili ed il numero di pins per ciascuno. 136

137 Selezionate RA, RB ed RC usando il tasto Ctrl Creating Libraries 137 Premi il pulsante Make per creare i busses e chidere il box di dialogo. I busses verranno posti nella parte Sx del simbolo e disposti per numero: 137

138 138 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Potete anche definire Bus-to-bus Spacing prima di definire i busses. Adesso, per favore, seleziona tutti i pins che non sono nei busses (4 pins sono ancora sul simbolo come potete vedere), usate il 138

139 tasto Ctrl o spuntate il quadrato di selezione per selezioni multiple. Click Dx su uno di quei pins e selezionate Snap to Grid, quindi muovete i pins verso il bottom per fare in modo di disporre per prima cosa i busses. Creating Libraries 139 Disponete i busses nel rettangolo. Usate il quadrato di selezione, poi trascinatelo. Shift+R può 139

140 essere utilizzato per ruotare il bus e Shift+F per rovesciare (flip) i pins al suo interno, questi comandisi possono anche selezionare dal Pin Submenù (click Dx su uno dei bus pin) Quindi muovete i pins dal basso al rettangolo (R si può usare per ruotare l'oggetto/pin selezionato) Ssiamo così al seguente simbolo, ma voi potete fare la cosa un poco diversamente. 140 DipTrace Tutorial 140

141 Inoltre a volte avete bisogno di porre pins per electric type, per farlo più facilmente potete cambiare i colori dei pin per electric type vedi View / Pin colors by Etype. La misuradelsimbolo è corretta, come potete vedere, naturalmente possiamo ridurre un poco l'altezza del simbolo a 1.8 sul component properties panel. Per favore non toccate il numero dei pins poiché ciò può distruggere il vostro simbolo ( in questo caso potete usare Undo ). Creating Libraries

142 Bloccate il symbol type sul component properties panel ( il pulsante Lock si trova sul lato Dx del Type Field) per proteggerlo da modifiche accidentali. Il passo finale è collegare il pattern SOIC-28 al nostro componente nel dialog box Attached Pattern. Tutti i nomi dei pins ed i numeri dei pins sono già li, così non avete bisogno di cambiare nulla. Premete OK. 142

143 142 DipTrace Tutorial Il nostro PIC18F24K20 è pronto Designing VCC and GND symbols Progetterete i simboli VCC e GND usando il tipo Net Port. Selezionare Component / Add New To Library per aggiungere un nuovo componente. Definite il nome VCC sul omponent properties panel e selezionate Net Port nel box part tipe. Attenzione, tutte le net ports hanno la scritta Net Port nell'angolo Dx in alto del loro disegno sulla component 143

144 table. Creating Libraries 143 minimizzate il component properties panel, poi selezionate il tool Pin nella parte superiore Dx dello schermo e disponete un singolo pin, ruotatelo tre volte (selezionatelo e premete Ctrl+R ). Selezionate il tool line e ponete una silk line del simbolo. E' anche meglio usare la griglia 0.05in per costruire questo simbolo. 144

145 144 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Nascondete il numero del pin selezionando Component / Pin Numbers / Hide dal mainmenù. Il simbolo VCC è pronto. Adesso aggiungete il componente (Ctrl+Insert) e greate il simbolo GND nllo stesso modo. Selezionate Edit/Center Symbol oppure "Ctrl+Alt+C" per GND poiché nel nostro caso la sua origine non è nel centro,così dovete centrarlo per avere l'origine della parte nascosta di default nello schema. Noi abbiamo usato la griglia per i lsimbolo GND per fare il suo disegno. 145

146 Creating Libraries 145 Attenzione, non avete bisogno di collegare patterns poiché questi simboli sono usati solo per collegare fili insieme senza connessioni visibili. Salvate la libreria Using additional fields I campi dei componenti di default in Dip Trace includono RefDes, Value e Type. Naturalmente, a volte, avete bisogno di aggiungere il nome del produttore, i link per i data sheet, la descrizione o altri campi al componente. In questo caso potete usare campi addizionali che potete specificare voi stessi. Adesso selezionate Component / Default Additional Fields dal mainmenù. Questo dialog box vi permette di specificare i campi di default ed i loro valori che verranno aggiunti a tutti i nuovi 146

147 componenti. Per esempio se voi progettate la libreria dei componenti LT, potete aggiungere il campo costruttore e specificare linear Technology come suo valore di default. Aggiungete quindi i campi Manifacturer e Datasheet: scrivete Manifacturer nel riquadro del nome, selezionate Type: Text e click sul pulsante Add, poi scrivete Datasheet nel riquadro del nome selezionate Type: Link, inserite il/i link nel riquadro Default Value e click su Add. Potete anche inserire i valori nella tavola dei campi addizionali. 146 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Da adesso tutti i vostri nuovi componenti avranno questi campi addizionali. Chiudete il box di dialogo.selezionate Component / Add New To Library o premete Ctrl+Ins per aggiungere un nuovo componente, quindi selezionatelo, massimizzate il Component / Add New To Library usando la freccia sul suo lato Sx e fate click su Additional Fields per vedere la lista dei campi aggiuntivi per i nuovi componenti. 147

148 Creating Libraries 147 Potete editare, aggiungere o cancellare campi per i componenti, naturalmente noi non faremo questo con i nuovi componenti. Click Dx sul nuovo componente nella component table e selezionate Delete Component o semplicemente premete Ctrl+Del per cancellarlo. Potete anche selezionare parecchi componenti e cancellarli subito, se necessario. 148

149 148 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Selezionate il vostro condensatore. Non ha campi addizionali, poiché lo abbiamo creato cambiando, prima, Default Additional Fields. Adesso aggiungeremo ad esso parecchi nuovi capi. Click su Add Button, scrivere Manufactorer nl campo name, selezionate Type: Text ed inserite il nome della vostra ditta, poi OK. Potete semplicemente premere Enter per accettare ed Esc per cancellare in tutti i dialog box. 149

150 Creating Libraries Aggiungete il cmapo Web-sie nello stesso modo, ma selezionate Type: Link ed inserite qualche indirizzo di siti reali nel campo Value. 150

151 3.2.8 Spice settings Con Dip Trace potete esportare il vostro schema in LT Spice per simularlo e vedere come esso lavora. Rivedremo tutto questo passo-passonella III parte di questo tutorial. Di solito noi specifichiamo solo che il nostro pezzo CAP è un condensatore con un qualche valore e che può essere aggiunto alla Sspice net-list. Adesso selezionate CAP se non lo è già nella component table, quindi Component Spice Settings dal main menù. Selezionate Model Type:Capacitor, poi doppio click in Parameters : Value (cellwith 1uF text) e modificate il valore, premete enter o spostate il fuoco su un altro campo. Nel campo Template sopra, potete vedere come appare questa parte nella spice net-list. Nel nostro caso il pin-tosignalmap è esatto, naturalmente se avete bisogno di editarlo per altri componenti, inserite i signal names nella tavola a Sx della finestra di settings dello spice. La lista dei segnali disponibili (come informazioni) è situata sotto quella tavola. 150 DipTrace Tutorial Il condensatore è un componente molto semplice, così non abbiamo bisogno di uno specifico modello nel file testo o nel programma per mostrare come lavora (giusto modello tipo e capacità). Naturalmente per i transistors potete caricare modelli da file esterni (di solito i modelli Spice sono disponibili nei siti web del produttore) o inserite il testo del modello manualmente se sapete come fare ( vedi documentazione su Spice Language). Inoltre c'è SubSkt type dove potete 151

152 inserire/caricare i modelli di quasi tutti i componenti come il programma. Il pulsante Get Spice Model fromlibrary vi permette di caricare settings spice esistenti da un altro componente Dip Trace. Attenzione, tale dialog box è disponibile anche nel programma Schematic e potete definire spice sttings dopo o durante il completamento dello schema elettrico. Click OK per applicare e chiudere spice settings, quindi salvate la vostra libreria Library Verification E' molto importante verificare possibili errori della vostra libreria Abbiamo controllato i llavoro dei nostri progettisti di libreria e abbiamo aggiunto tutti i possibili errori che possono riscontrarsi automaticamente nelle library verification features. Selezionate "Library / Library Verification" dal mainmenù. In questa dialog box potete vedere il numero totale di componenti / pins nella vostra libreria ed i possibili errori. Creating Libraries 151 I seguenti errori si possono trovare automaticamente: 1) componenti senza pattern se avete dimenticato di collegare il pattern a qualche componente, attenzione, alcuni componenti hanno solo il simbolo elettrico. 2) Componenti simili controllate se la vostra libreria ha componenti con nomi simili. La libreria dovrebbe essere ordinata (Library/Sort Components by Name) per permettere di farlo correttamente. 3) Numeri di pin simili se uno o più pins hanno numeri simili (collegati allo stesso pad). Al 99% questo è l'errore dei vostri componenti., quindi premete il pulsante... e testate i 152

153 4) 5) 6) 7) 8) 9) numeri di pin per i componenti elencati. Pin accorciati se uno o più pin sono accorciati da collegamenti interni pin to-pad. Pin non connessi se alcuni pin non hanno i corrispondenti pad di pattern. A volte questo può verificarsi per componenti corretti. Pads non connessi, se aluni pads del pattern non sono utilizzati (non esistono pin corrispondenti. Questo può occupare spazio per componenti giusti. Pads passanti senza fori nella maggior parte dei casi riguarda pattern SMD, quindi controllate se i pads sono realmente a montaggio superficiale. Undefined pins alcuni pins hanno proprietà elettriche Undefined. Pin superposition alcuni pins sono sovrapposti al simbolo, nella mìaggior parte dei casi questo è un errore di progetto. Per vedere i dettagli (la lista dei componenti e dei pins) premete il pulsante.... Inoltre potete salvare la lista di errori dei file di testo e quindi correggere la libreria con quel file. 152 DipTrace Tutorial Placing parts Aprite il Schematic Capture program, cioè andate a Start /All Programs/ DipTrace/ Schematic. Dovreste aggiungere la vostra libreria per prima cosa allalibrary barra degli strumenti, così selezionate Library / Library Setup, togliete la spunta a l quadratino Get Libraries fromfolder, premete il pulsante... a lato della lista di librerie attive ed aprite la vostra libreria. Chiudete il dialog box setup per applicare i cambiamenti. 153

154 Se l'origine è visibile premete F1 per nasconderla. Di solito non occorre l'origine per progettare lo schema elettrico. Questa caratteristica lavora nello stesso modo che in altri pacchetti delprogramma così potete usarlo se necessario. Adesso spostate il library panel a Dx usando il pulsante freccia sulla sua Dx o usate la scroll-bar (piccolo pulsante a forma di freccia Dx per visualizzarlo), quindi selezionata My Library. Scegliete la resistenza nel component table e deponetelo usando click Sx nell'area di progetto., lo stesso con il condensatore.potete anche deporre componenti utilizzando Objects / Place Part o il corrispondente pulsante sulla objects barra degli strumenti. In questo caso non avete bisogno di configurare le librerie con il dialog box Library Setup. Vedremo come utilizzare campi addizionali del nostro condenastore. Adesso click Dx su di esso e selezionate Links dal submenù.adesso potete facilmente aprire il sito web nel quale eravate entrati. Creating Libraries

155 Potete anche mostrare campi addizionale come Part Marking da View / PartMarkings / Main(Additional) / Additional o cambiarli tramite la finestra component properties ). 154 DipTrace Tutorial 155

156 Selezionare il componente multipart dalla component table. Avete creato il componente con parti similari e parti di potenza. Tutte le parti simmilari possono essere posti utilizzando un elemento dalla lista delle parti (nel nostro caso AN (4) ) o nello stesso modo come parti separate. Per cambiare il modo di piazzamento per parti similari selezionate View / Group Parts dal main menù. Le parti di potenza possono essere piazzate auotmaticamente (se Auto VCC/GND è spuntato) o manualmente selezionando dalla lista delle parti e piazzando nell'area di progetto. La lista delle parti non è attiva di default poiché il quadratino Place All Parts è spuntato. Potete togliere il segno di spunta e piazzare le parti separatamente. Creating Libraries

157 Attenzione, la parte attiva e dil numero di parti sono mostrati nella Component table. Selezionate AN (4) e provate a disporre parecchie parti nell'area di progetto. Il programma automaticamente selezionerà le parti dal gruppo e piazzerà il simbolo di alimentazione per il componente. 157

158 156 DipTrace Tutorial Vi mostreremo come usare Net Ports. Piazzate altre parti AN per ricevere due componenti AndNot (IC1 e IC ) e due simboli di alimentazione. Adesso selezionate il simbolo VCC dalla libreria e disponete due parti, lo stesso fate con GND. Collegate i pins. Attenzione, per le Net Port il programma mostra il Type ( o Name dal Component Editor). Potete unire due Net Ports definendo lo stesso tipo; due fili collegati allo stesso pin delle net ports con types similari vengono collegati. Spostate il puntatore sui collegamenti a VCC o GND e vedrete che tutti i fili connessi a net port con types similari vengono collegati. Passate il puntatore sui collegamento a VCC o GND e vedrete che tutti i fili collegat a net port similari appartengono alla singola net. 158

159 Creating Libraries 157 Per rinominare la net che collega i pin VCC click Dx sul collegamento e selezionate il primo elemento oppure click Dx sul pin e Net Name. Attenzione, potete costruire componenti multiparte da simboli separati e collegare ad essi i pattern usando il Component Editor. Sempòicemente spuntate il quadratino Allow Parts nel dialog box del Component Properties ( Click Dx sulla parte, quindi Properties ) e definite lo stesso RefDes al simbolo quindi il pulsante Attached Pattern per definire il pattern collegato ed i collegamenti padto-pin. Potete anche collegare i pins alle net senza wires (click Dx sul pin, selezionate Add to Net poi selezionate net e mettete il segno di spunta su Connect without wire e poi OK ), unite le nets per nome (spuntate il quadratino nel dialog box Net Properties ) e collegate automaticamente i pin alla net (spuntate il quadratino nel dialog box delle Net Properties). L'ultimo metodo è il più veloce per connettere VCC, GND (se pensate di nascondere nets di alimentazione e parti), CLK, ecc. Qqueste caratteristiche sono descritte qui sotto in dettaglio. 4 Using different package features Questa parte del tutorial include la descrizione di importanti caratteristiche che non sono state ancora visitate. 159

160 E' chiaro che il tutorial non include la descrizione dettagliata di tutte le caratteristiche di Dip Trace, tuttavia noi lo espandiamo passo per passo. 158 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. 4.1 Connecting Working with buses and page connectors Questa sezione vi mostrerà come utilizzare i buses e i page connectors nel programma schematic capture. Selezionate Objects / Circuit / Place Bus dal main menù o il corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti degli oggetti, poi piazzate un bus nell'area di progetto definendo i suoi punti chiave. Click Dx due volte per terminare il piazzamento e passare al modo di default. Portate il puntatore sui part pin poi spostatelo sino al bus e click Sx per collegarlo. Nel dialog box apaarso potete definire il nome della nuova net nel bus o collegare il wire alla net esistente. (che sono gia collegati a quel bus). Attenzione, potete cambiare le connessioni da wire a bus in ogni momento: passate il puntatore sul segmento di wire connesso al bus, click Dx e Bus Connection dal sub menù. Ci sono 4 nets connesse al bus, le connesssioni dal Net4 a Net2. Adesso R1:1 and IC1.4 : 12 sono connessi allo stesso net tramita il bus. I markings delle connessioni wire-to-bus possono essere i nomi delle net o i numeri nel bus. 160

161 Selezionate View / Connection to Bus dal main menù per modificarli. Using different package features 159 Adesso aggiungete un foglio: Edit / Add Sheet dal main menù o Ctrl+L. Potete vedere la lista la lista dei fogli nell'angolo inferiore Sx della finestra principale dello schema. Selezionate lì Sheet 2 161

162 160 DipTrace Tutorial Potete rinominare o cancellare il foglio dello schema, oppure inserire un foglio bianco tra due esistenti facendo click Dx sul tab in basso a Sx e selezionando l'elemento adatto dal submenù. Selezionate il tool Page Connector sulla objects barra degli strumenti (oppure "Objects / Circuit / Place Page Connector") in alto e ponetelo sul foglio bianco (dovrebbe avere il nome Port 0 ), quindi cambiate il foglio in Sheet 1 usando la tab sotto e disponete lì il page connector: selezionate il tool bus, poi click Sx sul bus, spostate la freccia sul page connection point (il cerchio blu) e click Sx per connetterlo. La porta connessa ha un cerchio più ampio intorno al punto di 162

163 connessione. Using different package features 161 spostate il mouse su Port 1, click Dx, selezionate il primo elemento dal submenù e rinominate il page connector in Port 0. Potete vedere che il colore del connection point è adesso verde. Questo significa che il connettore della pagina corrente è connesso ad un altro. Potete anche connettere più di 2 connettori di pagina definendo lo stesso nome per essi. 163

164 162 DipTrace Tutorial Selezionare Sheet 2 e create li il bus connesso a Port 0. Il nome del vostro bus è identico a quello del foglio 1, cioè questo è il bus comune. Adesso potete disporre le parti sul secondo foglio e connettere i loro pins a Net 2 o Net 3 usanddo bus o creare nuove net per ambo i fogli. 164

165 Using different package features Working with Net Ports Abbiamo già provato ad utilizzare le Net Ports prima per fare le connessioni VCC e GND. Nella maggior parte dei casi vengono usate in quel modo, naturalmente potete anche fare connessioni multiple usando Net Ports con parecchi pins. Disponete più parti sul secondo foglio, ma non collegate i loro pins al bus. Poi selezionate Port 165

166 Sch sulla barra degli strumenti Library (potete scorrere le librerie se necessario), trovate Port 8 e disponetela nell'area di progetto. Fate le connessioni dai componenti alla Port 8, poi disponete Port 8 nel primo foglio e collegate le parti site sul primo foglio anche alla Port 8. I Net Names collegati allo stesso pin di Port 8 su Sheet 1 e Sheet 2 sono le stesse, cioè tutti i fili collegati al pin 1 delle parti Port 8 SONO COLLEGATI, LO STESSO CON GLI ALTRI PINS. Potete collegare o scollegare porte (cioè cambiare struttura dello schema) cambiando la string Type nel Net Port Properties (click Dx, poi selezionate il primo elemento e Properties). 164 DipTrace Tutorial Connecting without wires I pins possono anche essere completamente connessi senza fili. In in questo caso non dipendono dal foglio o dalla locazione della parte. Portate il puntatore sul pin che non è ancora collegato, click 166

167 Dx su di esso e selezionate Connect to Net, nel dialog box mostrato selezionate la net e spuntate il quadratino Connect withoutwire, poi premete OK. Sul disegno qui sotto potete vedere 2 pins collegati senza fili a Net 0 e Net 4 Using different package features

168 Adesso scorrete il progetto sino alla zona vuota proveremo a connettere i pins alla net By name. Disponete un singolo simbolo gi GND, portate il puntatore sui suoi pins, click Sx per iniziare a creare il collegament, quindi spostate un poco in su il mouse e premete Enter. 166 DipTrace Tutorial 168

169 Click Dx sul segmento di collegamento connesso a GND e selezionate Properties. Nel box di dialogo Net Properties rinominate la net a GND e spuntate il quadratino Connect Pins by Name. Premete OK per applicare i cambiamenti e chiudere la finestra. Adesso Selezionate la libreria Analog Device (AD), trovate AD131KZ ( scrivete AD1317 nel campo sopra e premete Enter) e provate per esso poche volte.. tutti i pins GND dei componenti piazzati vengono automaticamente collegati senza fili alla net GND. Inoltre quando modificate quella proprietà per la net, il programma testa tutte le parti esistenti in cerca di pins liberi il cui nome è lo stesso della net. Questa caratteristica è il modo più semplice per connettere i pins che hanno lo stesso nome in tutto lo schema. Questo può essere alimentazione, pins CLK o anche bus di dati. Using different package features

170 4.1.4 Connection Manager in Schematic and PCB Layout Uno dei modi per creare connessioni nello schema elettrico e in PCB layout è il connection Manager. Per aprirlo Objects / ConnectionManager dal main menù oppure Route / ConnectionManager in PCB Layout. Aprire connection manager in Schematic dove adesso siete. Selezionate qualche net nel quadrato sopra la finestra, vedrete tutti isuoi pins. Adesso potete facilmente aggiungere/cancellare pins a/dalla net. Per aggiungere pin selezionare part e i suoi pin sotto, poi premete Add. Attenzione, qui solo i pin liberi vengono mostrati., così se non riuscite a trovare il pin di cui avete bisogno, vuol dire che è già connesso (forse ad un'altra net). Potete anche creare nuove net premendo il tasto rinomina la corrente net e X la cancella. 168 DipTrace Tutorial 170

171 Premere OK par applicare le modifiche fatte e chiudere Connection Manager oppure Cancel per chiudere e salvare la vecchia struttura della net. 4.2 Reference Designators Adesso lavoreremo con esempi di schemi situati nella cartella My documents / Dip Trace / Examples Aprite il file Schematic_2.dch dalla cartella Examples. 171

172 Using different package features 169 In questo schema potete vedere i diversi tipi di connessioni ai pin fatte dai nostri progettisti elettronici, il nostro fine è fare esperimenti con reference designators per mostrarvi come lavora. Lo schema corrente contiene 23 condensatori da C1 a C24 (C19 è mancante), ma mentre tenterete di editare, voi probabilmente avete bisogno di inserire C5 in qualche posto. Quindi provate a mettere un condensatore dalla libreria che avete creato recentemente. (My Library). Esso sarà il nostro C5, ma correntemente ha il suo des C19. Click Dx su quel condensatore e selezionate il primo elemento dal submenù, inserite C5 e premete OK. Il programma vi mostrerà il messaggio di attenzione, ma suggerisce anche di rinominare il componente con modifica della numerazione RefDes. Scegliete Yes. 172

173 170 DipTrace Tutorial Il condensatore venne rinominato a C5 ed il vecchio C5 divenne C6 ecc. sino a C18<C19. Adesso potete vedere in Connection Manager che il designatore non è assente perché avete inserito C5 e C5-C18 sono stati shiftati. Nello stesso modo potete porre altri componenti e rinominare il suo designator con lo spostamento di altri. Adesso rinominate il vostro C5 a C30, poi controllate i designators dei condensatori nel design manager (F3 per mostrare / nascondere esso ed usare il pulsante Sort Component ) - C5 e C25C29 sono mancanti. Per correggere questo problema click Dx su ogni condensatore e selezionate Optimize RefDes / RefDes C - C30 diventa C24, perché? Durante l'ottimizzazione il programma RefDes rimuove tutti gli spazi vuoti nella matrice del 173

174 designator, così C6-C24 divengono C5-C23 e C30 diviene C24. Using different package features 171 Adesso chiudete il vostro Schematic senza salvare e fate partire il modulo PCB Layout, poi aprite il file PCB_2 dalla cartella Examples. Rinominate C8 e C10 in alto sulla basetta (potete usare il Design Manager per trovarli doppio click sul nome del componente per trovare il componente nell'area di progetto) in C28 e C30 (Click Dx sul componente e selezionate il primo elemento). Selezionate File/Save As e salvate il file PCB da qualche parte. 174

175 172 DipTrace Tutorial Chiudete PCB Layout e aprite nuovamente Schematic Capture (potete aprirlo direttamente da PCB Layout selezionado Program Schematic dal main menù, naturalmente non raccomandiamo di fare questo su win98/me). Aprite il file Schematic_2.dch e trovate C8 e C10. Per trovarlo potete usare il design manager o premete Ctrl+F (oppure selezionate Edit / Find Object frommainmenu). Scrivete c8 e premete 175

176 Enter per trovarlo, C8 verrà posto al centro dell'area di progetto e evidenziato. Using different package features 173 Potete minimizzare la finestra Find Object facendo click in alto a Sx e usatela mentre editate il vostro progetto senza mostrare tutti i parametri. Fate zoom in per vedere C8 e C10 meglio. Attenzione, PCB_2 è il progetto relativo a Schematic_2 e noi abbiamo rinominato in essi questi 176

177 condensatori. Possiamo anche rinominarli qui, che pensate se mentre state facendo un progetto complesso voi avete rinominato poche centinaia di componenti (secondo la loro posizione sul PCB) e non ricordate il loro vecchi designators. In questo caso possiamo usare il Back Annotate, così selezionate File/Back Annotate dal main menù ed il file PCB che avete salvato nel dialog box aperto. Adesso potete vedere che tutti i designators nello schema (nel nostro caso C28 e C30) sono cambiati secondo il PCB. 174 DipTrace Tutorial 4.3 How to find components in libraries Dip Trace 2.1 include circa 98,000 componenti in librerie standard e noi ingrandiamo queste librerie passo passo. Le librerie sono costrite dai produttori ed i componenti vengono estratti la. Naturalmente a volte noi non conosciamo il produttore di certi componenti oppure può essere prodotto da un certo numero di produttori o noi non conosciamo il suo nome completo, ma solo le cifre al termine del nome, ecc. Per rendere più semplice la ricerca dei componenti tutti i moduli di Dip Trace hanno una speciale caratteristica. Se siete nello schema, selezionate Library / Search 177

178 Components dal main menù. Per esempio abbiamo bisogno di alcuni componenti che contiene 232 nel suo nome, ma non ricordiamo altri caratteri, lettere o così via. Perché un amico lo raccomandò un mese fa.. Così scrivete 232 nel campo Name e premete Find Now. In alcuni secondi il programma mostra, nella lista dei risultati, 194 componenti che contengono 232 nel loro nome. Potete anche avere l'anteprima del componente, il suo pattern e la libreria in cui è posto. Potete porre la parte selezionata del componente direttamente dalla finestra della finestra della ricerca premendo il pulsante Place. Notate bene che abbiamo cercato le librerie attive, naturalmente potete selezionare le librerie che volete o cercare tutte le librerie conosciute (selezionate il giusto elemento nel gruppo Search In ). La lista delle librerie è attiva solo se Search In: Selected è attivato. Using different package features 175 Attenzione potete cercare la libreria dei componenti da Schematic e Component Editor (Component /Search in Libraries)e le librerie dei pattern (footprint)in PCB Layout e Pattern Editor (Pattern / Search in Libraries). Inoltre le funzioni di ricerca sono incluse in tutti i box di dialogo placing/inserting dove potete aver bisogno di cercare le librerie per componenti e patterns, naturalmente questi dialog boxes vi permettono di cercare soltanto attraverso la lista delle loro lobrerie. 4.4 Electrical Rule Check Electrical Rule Check (ERC) vi aiuta a ridurre la probabilità di errori durante il progetto dello 178

179 schema elettrico. Fate partire il modulo Schematic e aprite Schematic_2.dch dalla cartella Examples. Prima di tutto dovremmo definire le regole elettriche, quindi selezionate Verification/ElectricalRule Setup dal main menù. Nel dialog box apertosi potete definire connessioni pin-to-pin incompatibili (possono causare errori o messaggi di attenzione mentre lavoro ERC) cliccando nelle celle quadrate verdi gialle e rosse della griglia. Il termine Pin Type il box Rules to Check significa testare le connessioni pin-to-pin definite nella griglia. Not Connected cercando i pin liberi che non sono connessi; Only One Pin In Net cerca le net con un solo pin, cioè le net che non hanno senso possono essere potenziali errori nella struttura della net. Short Circuit cerca le connessioni tra Alimentazione e GND, potete definire il mask per alimentazione e pin di massa nel gruppo Power pins for SC. 176 DipTrace Tutorial 179

180 Mantenere tutti i settaggi e non cambiarli e premere OK per chiudere la finestra di dialogo. Adesso selezionate Verification / ElectricalRule Check (ERC) dal main menù. Se testate Schematic_2, esso dovrebbe mostrare un messaggio di attenzione per coonessioni ed errori Bidirectional to Output sui "Not Connected" pins. Per localizzare l'errore sullo schema fate doppio click su di esso nel caso in cui la vostra risoluzione sia migliore della mia mentre scrivo il tutorial, vedrete la net ed i pin evidenziati nell'area di progetto. Potete correggere gli errori e tornare ad ERC senza chiudere la finestra dei risultati di ERC. Using different package features

181 Attenzione, se volete correggere gli errori dei pins non connessi, potete specificare i pins che realmente non sono connessi (cioè che ERC non deve segnalarli. Click Dx su uno dei pins e selezionate Not Connected dal submenù per bloccare il pin dal connettersi a qualsiasi altra net ed ERC. 4.5 Bill of Materials (BOM) Il modulo Schematic di Dip Trace ha la caratteristica BOM che permette di personalizzare colonne e righe, aggiungere tavole o pagine a progetti esistenti, esportare files verso il formato Excel1CSV o salvare cone file di tasto con appropriate tavole di formattazione. Selezionate Objects / Bill ofmaterials dal main menù. Specificate Table Rows:Component Type, aggiungete le colonne con i settaggi che vedete sulla foto qui sotto, selezionate Create On:New Sheet e ISO A4 nel template box del foglio. Mettete il segno di spunta su Adjust bywidth per estendere la tavola in accordo con la larghezza della pagina. Premete il pulsante Place Table per aggiungere al vostro porogetto un nuovo foglio A4 con titolo ISO e tavola BOM 178 DipTrace Tutorial 181

182 Il dialog box BOM verrà chiuso ed un nuovo foglio verrà aggiunto al vostro progetto. Selezionate Sheet 2, rendete visibili titoli e foglio usando il menù View e modificate l'altezza delle righe ed il numero delle linee dove la lunghezza delle stringhe eccede la larghezza delle colonna (click Sx sulla cella appropriata, poi cambiate il testo e l'altezza della riga. 182

183 Using different package features 179 Adesso abbiamo la tavola BOM sul foglio addizionale, che possiamo stampare con il progetto. 183

184 180 DipTrace Tutorial Potete anche disporre la tavola nello stesso foglio dello Schematic: Selezionate Create On: Current Sheet, premete Place Table e scegliete la posizione dopo aver chiuso il dialog box (click Sx sull'area di progetto). Se avete uno schema multi-sheet con molti componenti, allora è possibile creare tavole separate per ogni pagina dello schema elettrico. Potete esportare il file direttamente daslla dialog box della BOM o dalle tavole inserite dopo averle editate (per esempioavete bisogno avete bisogno di alcune colonne che non possono eseere inserite dalla BOM dialog box). Le tavole in Schematic e PCB layout possono essere facilmente salvate in formato CSV o testo : click Dx sulla tavola esistente e selezionate Save to file dal submenù della tavola. 4.6 Importing/Exporting netlists Dip Trace vi permette di creare netlits di differenti formati per trasferirli ad altri 184

185 pacchetti di software, ed importare netlists da altri programmi. Inoltre le netlist esportate possono essere utilizzate per rivedere la struttura della net del file dello schema con il notepad o altro editor di testo. Per esportare la netlist nello Schematic selezionate File/Export/Netlist dal main menù e netlist type. Una netlist verrà creata dal disegno aperto nella corrente finestra Schematic. Using different package features 181 Vediamo come importare una netlist in formato Tango creata da un altro programma. Per farlo aprite un nuovo documento in PCB Layout e selezionate File/Import/Netlist/Tango, poi selezionate il file tango_1.net dalla cartella "My Documents / DipTrace / Examples e apritelo. Il programma cerca di rintracciare 185

186 i patterns inclusi nella netlist (un attimo, prego). Quindi appare una finestra con una lista di componenti, i loro RefDes e i nomi dei pattern. 182 DipTrace Tutorial così, nella prima colonna possiamo vedere i RefDes dei componenti, nella seconda colonna i loro pattern, e nella terza colonna il tipo dei componenti. Se il programma non riesce a trovare il pattern per il componente selezionato, allora compare la parola none nel campo Pattern più sotto. Per esempio. Il compponente C41 (il primo della lista) ha il pattern CAP225 che non è incluso nelle librerie di DipTrace. In questo caso avete bisogno di trovare una libreria che contenga quel un pattern (probabilmente avrete bisogno di creare da voi stessi quel pattern) oppure selezionare un pattern alternativo, se possibile. Per collegare un pattern ad un componente, fate click su Add. Nella finestra che appare avete bisogno di trovare una libreria ed il pattern, quindi premete OK. Il pattern selezionato sarà collegato al compponente N41. Il suo nome ed il nome della libreria appaiono in Pettern Field e Library. Attenzione anche perché potete collegare i patterns ai componenti per tipo o a tutti i componenti che hanno subito lo stesso pattern properties. Adesso, per favore, aggiungete patterns a tutti i componenti nella lista che usa questa caratteristica (se volete naturalmente, poiché ciò prenderà molto tempo). Attenzione, tutti icomponenti con pattern collegato hanno il simbolo star (stella 186

187 al termine del nome del pattern. Se un componente non ha un pattern collegato, semplicemente non verrà importato. Questa è la ragione per cui avete bisogno di essere certi che tutti i componenti abbiano il pattern collegato. Dovreste anche ricordarvi che i numeri dei pin e la loro quantità per componente nella netlist ed i numeri dei pad dei pattern collegati dovrebbero coincidere. Dopo di che fate click su Import per completare l'impotazione. Se la vostra netlist ha componenti senza patterns collegati, apparirà un adatto messaggio. Selezionare No per annullare l'importazione e collegare tutti i patterns, oppure Yes Using different package features 183 per importare senza alcuni dei pattern. 4.7 Spice simulation Dip Trace non ha il suo proprio simulatore, però vi permette di definire gli spice settings ed esportare net-list verso qualsiasi software di simulazione. Proveremo adesso a simulare un flip flop astabile dalla parte I di questo tutorial usandi LT Spice. Vi raccomandiamo di usare LT Spice per la simulazione poiché è gratuito comparabile o addirittura superiore a costosi simulatori professionali. Naturalmente se avete un altro programma potete usarlo. Adesso fate partire Schematic e aprite My Documents / DipTrace / Examples / Spice / Astable_Flip_Flop_Spice.dch. Abbiamo già definito tutti i settaggi spice per questo schema, chiaramente rivedremo una copia di parti per imparare a fare ciò. Click Dx sul condensatore C2 187

188 e selezionate Spice Settings dal suo sub-menù. Definire un condensatore è molto facile: dovete selezionare Model Type :Capacitor, inserire il valore nella parameter table (nel nostro caso 22uF) e specificare i pins positivo e negativo. Per specificare i pins dovreste inserire il valore nella pin-to-signal-table sul lato Sx, la lista dei segnali disponibili è più sotto. Potete inserire i parametri direttamente nelle celle della tavola. I template fields mostrano come i componenti appaiono nella spice net-list. Potete anche spostare quel campo a destra. 184 DipTrace Tutorial 188

189 Adesso provate a selezionare qualche diverso tipo di modello (per esempio un Current Source). Se selezionate la current source potete ance specificare la sua funzione (selezionate PWL): 189

190 Using different package features 185 Inserire il nimero dei punti per la funzione PWL e click su OK. Adesso potete inserire i punti sulla parameter table uno per volta. Funzioni diverse richiedono parametri diversi (ampiezza, fase ecc.) Vedete la descrizione dettagliata nella documentazione del linguaggio Spice. Adesso tornate al condensatore, definite il suo valore e fate click su OK. Il condensatore e la funzione non richiedono ulteriori descrizioni del modello, quindi semplicemente definiamo i parametri per essi. Adesso click Dx su Q1 e selezionate gli spice settings, potete vedere che il Model tab è apparso vicino a Parameters, selezionatelo. Adesso potete inserire model text o caricarli da file esterni, alcuni produttori di componenti pubblicano spice models per i loro componenti, e voi potete utilizzarli. 190

191 186 DipTrace Tutorial Potete anche ottenere tutti gli spice settings da un'altra libreria di dip trace (dal pulsante Get Spice Model from Library ). Premere OK o cancel per chiudere il dialog box. Il file che abbiamo caricato non ha validi spice model per power source e noi dovremmo definirlo, quindi Click Dx su B1 e selezionate Spice Settings. Potete vedere che abbiamo la sorgente di tensione, ma non una funzione valida. Selezionate Function : Pulse, poi definite Pulse V2=5, Pulse PW=20s, Pulse PER=30s. Click su OK, adesso abbiamo la voltage source che produce 5V durante i primi 20 s, poi intervalli di 10s. Tutto è pronto. Seelzionate File/Export/Spice Netlist dal main menù. Nel piccolo dialog box che appare selezionate la net GND (questo è il nostro Zero point (l'origine)) e specificate.tran 0s 30s 0.1s in Commands - questo significa simulare da 0s a 30 s con passi di 0,1s. Potete anche definire/modificare i comandi direttamente in LT spice. Click su OK e salvate il file.cir da qualche parte. 191

192 Using different package features 187 Adesso per favore fate partire LT Spice. Se non lo avete ancora, scaricatelo da com/designtools/software/switchercad.jsp. Selezionate File/Open in LTSpice e aprite la netlist.cir che avete appena salvato (dovreste selezionare il correct Files of Type ). Potete vedere la netlist in formato text. Selezionate Simulate run e chiudete la finestra error log. Selezionate Plot Settings/Visible trace e scegliete led1. Adesso potete vefere qualcosa come questo: Questa è la corrente sul LED1. Come si può vedere il LED1 lavora durante i primi 20 secondi, quindi segue un intervallo di 10 secondi. A questo punto potete anxhe aggiungere altri segnali per vedere come lavorano, ecc. 4.8 Checking net connectivity Una dell più importanti caratteristiche per verificare il vostro progetto prima di farne un prototipo è il test della net connectivity. One of the most important features to verify your design before prototyping is net connectivity 192

193 188 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Vi permette di terstare se tutte le net sono connesse e segnala tutte la aree isolate (che non dipendono dalle connection ptype: tracce, termici o forme). Adesso fate partire il modulo PCB layout e aprite il file PCB_2 da C: / Programfiles / DipTrace / Examples o da dove avete installato il programma. Selezionate Verification / Check Net Connectivity. Nel dialog box che vedete potete definire oggetti che verranno usati come connettori mentre viene testata la connettività, di solito si raccomanda di mantenre il segno di spunta su tutti i quadratini. Premete OK. Vedrete la barra di progressione, poi il messaggio No Errors Found, e quindi il progetto è a posto e adesso commetteremo alcuni errori per vedere come questa caratteristica lavora. Selezionate il tool Edit Traces sul route panel, poi muovete il mouse verso la traccia che connette C16:2 al via ed al GND copper pour sul Bottomlayer, click Dx e selezionate Unroute Trace (la connessione verrà nascosta in questo caso a causa del copper pour). Il secondo errore sarà l'area copper pour isolata. Passate a Bottom Layer a spostatevi nell'angolo 193

194 inferiore Dx del progetto. Adesso disponete due forme (archi o linee) sul signal layer (quadratino giusto sul drawing barra degli strumenti) per isolare uno dei vias e aggiornare il copper pour, (click Dx sul suo lato e Update). Using different package features 189 Questa è una situazione semplice che potete trovare da voi stessi, ma se avete progetti complessi con vari layer e migliaia di pins, aree copper pour isolate e pins non connessi, può non essserci preavviso. Adesso selezionate Verification /Check Net Connectivity e click su OK. Potete vedere i risultati del connectivity check che riporta la Net 7 come rotta in tre aree: la prima area è il copper pour e 194

195 tutti i pins ad esso connessi, il secondo è C16:2 (il nostro primo errore con pad SMD) e il terzo è l'area isolata copper pour. 190 DipTrace Tutorial Per rendere il successuvi procedimento di correzione più confortable potete salvare i risultati in file di testo. 4.9 Placement features 195

196 A partire dalla versione 1.40 Dip Trace ha avanzate caratteristiche di piazzamento e autopiazzamento integrato per realizzare il piazzamento dopo la conversione a schematic e una più semplice ottimizzazione del piazzamento. Adesso vedremo come queste faetures lavorano utilizzando uno dei nostri esempi. Adesso fate partire il modulo PCB Layout, selezionate File/ Open and open "My Documents / DipTrace / Examples / Schematic_4.dch. Adesso potete vedere qualcosa di simile a qualcosa come l'immagine qui sotto ed è necessario utilizzare un po' di tempo per disporre i componenti manualmente al loro posto internamente al contorno. Using different package features

197 Adesso importeremo il contorno della basetta da DXF. Selezionate "File / Import / DXF" dadl main menù e aprite il file "My Documents / DipTrace / Examples / outline.dxf". Nel dialog box mostrato potete vedere il file DXF che abbiamo deciso di importare. Selezionate il layer Board Outline e "Convert to:board Outline". 192 DipTrace Tutorial 197

198 A proposito potete riempire aree chiuse e ritagliare fori in esse usandoarre chiuse embedded se necessario (di solito i progetti DXF provengono dai contorni senza riempimento). Qquesta caratteristica lavora solo per layers copper and mask/paste. Selezionate Import mode :Add per aggiungere il contorno al layout esistente e premete il pulsante Import in alto a Sx della finestra DXF adesso potete vedere il contorno della basetta, ma i componenti sono ancora non in ordine (messed). Per prima cosa sistemeremo un poco i componenti, selezionate "Placement / Placement Setup" dal main menù: Using different package features 193 Mettete la spunta al quadratino Place Patterns Outside the Board Outline per sistemare i componenti vicino al contorno. Altre cose potete prendere come è (Other things you can keep as is) oppure semplicemente fate gli stessi settaggi come sull'immagine sotto (attenzione, i valori sono in millimetri, potete cambiare unità da View / Units. Click OK per applicare le modifiche e premete il pulsante Arrange Components sulla barra degli strumenti del piazzamento oppure selezionate Placement/Arrange Components dal main menù: 198

199 194 DipTrace Tutorial 2010 Novarm Ltd. Tutti i componenti sono adesso disposti in una zona vicino al contorno. Selezionate Placement/Placement by List dal main menù, poi provate a selezionare qualche componente dalla lista (Click Sx) e spostate il mouse verso il contorno (senza tenere il tasto Sx), click entro il contorno per disporre i componenti che avete selezionato. 199

200 Il componente sparisce dalla lista (la lista mostra soltanto i componenti che sono al di fuorio del contorno). Adsso disponete U1, U2, U3, J1, J8, J12, RN1 e RN2in quel modo (ma voi potete ottimizzare le connessioni usando F12 o nasconderle da Objects tab del designmanager). Noi pensiamo che quei componenti abbiano posizioni fisse, che non possono essere cambiate. Chiudete il dialog box Placement by List. Adesso selezionate e bloccateli (Ctrl+L), eccetto U3. Fate anche Click Dx su U3 e selezionate Properties, quindi anche Placement Tab, Spacing>Use: Command Value: 200mm (questo significa che noi usiamo clearance apposite (custom) per U3 e gli altri componenti dovrebbero essere disposti a distanza > 20mm da esso). Click OK poi bloccate anche U3. Using different package features

201 Adesso useremo l'autopiazzamento per tutti gli altri componenti con spaziatura di 5mm. Selezionate Placement/PlacementSetup, sostituite X Spacing e Y spacing con 5mm, inoltre fate caso se Allow Pattern Rotation ha il segno di spunta (sebbene a volte sia utile disinserirlo, per esempio per basette a faccia singola con collegamenti jumpers dove i jumpers hanno alcune direzioni e modificando la rotazione del componente potete definire manualmente non è una grande idea). Togliete la spunta a Place Patterns Outside the Board Outline, Use Pattern Spacings dovrebbe essere spuntato per usare una clearance di 20 mm per U3. Non raccomandiamo di selezionare Increase Placement Quality tuttavia (potete divertirvi con esso più tardi se volete farlo). Adesso click su OK per applicare le modifiche e click sul pulsante Run Auto-placement sul panel tool placement oppure Placement/Run Auto-placement dal main menù. Dovreste ottenere qualcosa come questo: 196 DipTrace Tutorial 201

202 Fate caso al fatto che le connessioni (linee blu) tra i diversi componenti sono ottimizzate per la loro lunghezza (cioè minimumfurther trace length). Naturalmente alcune cnnessioni non vanno bene, poiché prima abbiamo piazzato manualmente grandi componenti. Se utilizzate l'autopiazzamento per tutti i componenti potete ottenere risultati migliori, naturalmente di solito ciò non è accettabile in condizioni reali. Inoltre U3 è separato dagli altri componenti, avendo noi definito una spaziatura di 20 mm da esso. Adesso proveremo anche a sbrogliare automaticamente con l'autorouter questo layout. Selezionate "Route / Route Setup" dal main menù oppure il pulsante sulla tool bar Route e settate "Trace Width: 0.4 mm", "Clearance: 0.4 mm", "Trace to Pad: 0.3 mm", controllate se "Shape Router" è selezionato, poi andate ad auto-router setup e togliete la spunta a "Use Priority Layer Directions" sul Setting tab. Controllate Via properties in Layer/Via Properties (noi usiamo vias con misura di 1.2 mm e foro 0.6 mm). Premete F9 o la freccia verde sulla route barra degli strumenti e fate partire l'autoroute. Now we will also try to auto-route this layout. Select "Route / Route Setup" frommainmenu or the button on route barra degli strumenti and set "Trace Width: 0.4 mm", "Clearance: 0.4 mm", "Trace to Pad: 0.3 mm", check if "Shape Router" is selected, then go to auto-router setup and uncheck "Use Priority Layer Directions" on Settings tab. Check via properties in Layer/Via Properties (we use 1.2 mmvia size and 0.6 mmhole). Press F9 or green arrow on the route barra degli strumenti to run auto-router. In pochi secondi otterrete il seguente risultato: Using different package features

203 Attenzione, tutti i settaggi dell'auto-router sono descritti nel file Help di PCB Layout. Se esso non riesce a sbrogliar ela basetta premete UNDO e cambiate trace width/clearance, placement o altri settaggi, poi riprovate Fanout come al solito fanout features possono essere usate per due scopi: aggiunta automaticamente di vias (come BGA, SOIC, QUAD) e piazzamento automatico di vias per connettere pad s SMD all'alimentazione/piani di massa (l'autorouter fa questo automaticamente). Proveremo entrambe le cose. Aprite PCB Layout selezionate File/New dal main menù o pulsante New sul pannello standard. Adesso selezionate la libreria SMT standard e disponete un package LLC20, poi la libreria BGA e deponete due packages BGA-100/15x15. Aggiungete due layers interni al vostro progetto (Layer/Add Layer), passate al Top Layer (Ctrl+T). spostate il mouse sul package LLC per evidenziarlo in verde, click Dx e selezionate Fanout. Nel dialog box Fanout selezionate Pads:Left (questo significa che noi poniamo vias solo per la linea Sx di pad del package LLC) e togliete la spunta al quadratino Use Connected Pads Only (questo significa che noi colleghiamo tutti ipads, non solo quelli collegati a qualche net). Enter 0.04 and 0.02 nei campi diametro esterno e diametro del foro per il via. Click OK. 203

204 198 DipTrace Tutorial Adesso potete vedere che i vias sono disposti esternamente alla linea Sx di pad sul vostro package. Click Dx sul pattern e selezionate Fanout di nuovo. Adesso disporremo vias a zig-zag per i pads top del nostro package. Selezionare Placement:Zig-zag e Pads: Top, lo stesso per gli altri settaggi e click su Ok. 204

205 Using different package features 199 Abbiamo due packages BGA. Adesso faremo dei vias passanti per uno di essi e cieco per l'altro. Click Dxs sul primo package BGA e scegliere Fanout, selezionare Pattern Type:BGA Through vias, settare la misura del via a 0.03 pollici (in) ed il foro a in, click OK. Per il secondo pattern fate lo stesso ma selezionate Pattern type:bga Blind vias. 205

206 200 DipTrace Tutorial Vediamo adesso che per il primo patternb tutti i pads sono connessi ai vias, per il secondo due file sono senza vias (cioè essi dovrebbero essere collegati sul top layer), e per la successiva fila i vias sono disposti per layer (per collegare due file su ogni layer). Adesso disponete parecchi packages SMD aggiuntivi, pochi packages con fori passanti e fate net 206

207 che connettano parecchi pins di questi packages (supponiamo che questo sia il nostro GND net che dovremmo collegare al layer plane). Click Dx su uno dei pins della net e selezionate Fanout. Mantenete tutti i settaggi senza cambiamenti e click su OK. Using different package features 201 Adesso tutti i pads SMD della net hanno vias che possono essere collegati a qualsiasi plane layer Hierarchical Schematic Progetteremo uno schema gerarchico molto semplice per mostrarvi come questa caratteristica lavora. Aprite il programma Schematic. Nella gerarchia di Dip Trace i blocchi sono associati con i fogli, così prima di tutto aggiungeremo due fogli addizionali al nostro schema ancora vuoto (blank), selezionate Edit/Add Sheet due volte. Adesso dovremmo specificare che i nostri fogli addizionali sono blocchi gerarchici. Selezionate il secondo foglio nell'angolo inferiore Sx e Edit/Sheet Type/Hierarchy Block dal main menù, fate lo stesso per il terzo foglio. 207

208 Adesso selezionate il foglio principale (il primo) e disponetevi parecchi componenti (noi abbiamo piazzato due connettori DB15F). Questo sarà il nostro schema principale, ancora senza blocchi gerarchici. Selezionate il secondo foglio. Adesso scegliete Object/Hierarchy/Place Connector dal main menù o il pulsante con il connettore e la parola (text) HC sull' object panel. Disponete parecchi connettori hierarchy sul secondo foglio (attenzione, non potete porre hierarchy connectors a comuni, non-hierarchical fogli). Questi connettori sono inputs/outputs di blocchi gerarchici, inoltre la posizione e la rotazione del connettore mostra dove verranno piazzati i pins del blocco. Piazzeremo 8 connettori, 4 sul lato Sx e quattro su quello Dx. Inoltre piazzate due diodi dalla libreria Diode collegateli ai connettori. 202 DipTrace Tutorial Selezionate Sheet 3 e fate un secondo blocco gerarchico: disponete parecchi connettori, omponenti e collegateli tra loro. Potete anche rinominare i connettori con un click Dx e selezinare il primo elemento. Il nome del connettore corrisponde al nome del pin sul blocco gerarchico. 208

209 Using different package features

210 Dip Trace supporta gerarchia multi-level, cioè possiamo inserire blocchi gerarchici in alri (top level) blocchi. Adesso selezionate Sheet 2, poi Objects/Hierarchy/Place Block o il pulsante con la scritta HB sull'objects panel. Nella lista dei blocchi disponibili selezionate Sheet 3 e piazzate due blocchi al secondo foglio. Attenzione, potete anche porre il foglio 2 nel foglio 2 o fare un loop dai blocchi, cioè commettere un errore gerarchico. Per evitare tale situazione usate l'opzione Verification/Check Hierarchy dal main menù. Il programma PCB layout testa la gerarchia alla ricerca di loops quando apre Schematic e mostra i messaggi di avviso. Adesso non creeremo loop, solo metteremo ddue blocchi del foglio 3 nel foglio 2 e collegheremo essi ai connettori del foglio DipTrace Tutorial 210

211 Selezionate il foglio principale e disponete pochi blocchi (questi possono essere Sheet2 o Sheet3) nello schematic principale. Using different package features

212 Adesso possiamo convertire il nostro semplice (non reale) schema gerarchico in un PCB. Premete Ctrl+B. Nel programma PCB Layout i componenti che erano in blocchi gerarchici sono overlayed, così noi useremo ARRANGEMENT (il primo pulsante sul placement panel ) per disporre tutti i componenti. Attenzione perché tutti i componenti hanno reference designators simili allo schematic + block index. Utilizzate "View/Pattern Marking/Main/RefDes" per visualizzare i designators se non osno visibili. 206 DipTrace Tutorial 212

213 click Dx su uno dei componenti che erano nel blocco gerarchico e selezionate Properties. Guardate che ogni componente gerarchico possiede campi aggiuntivi con block(s) RefDes e componenti RefDes (path). Questo campo aggiuntivo viene utilizzato per aggiornare i PCB dallo schema gerarchico, poiché ID nascosti (updating by component) e designator possono essere diversi quando cambiate lo schema gerarchico. 213

214 Using different package features 207 adesso potete sbrogliare automaticamente questo PCB o cambiare schema e tentare di aggiornare il PCB (ile/renew Design dallo schema), ecc Importing from other EDA tools Dip Trace vi permette di importare/esportare schemi, PCBs e librerie dai seguenti EDA tools: 1. Eagle - Import (Schematics, PCBs, Libraries); 2. P-CAD - Import (Schematics, PCBs, Libraries), Export (Schematics and PCBs); 3. PADS - Import (PCBs only), Export (PCBs only); 4. OrCAD - Import (PCBs only), Export (PCBs only); 1. Per importare Schemi da Eagle o file PCB, apritelo in Eagle. Fate partire "Eagle_to_DipTrace_PCB.ulp" o "Eagle_to_DipTrace_Schematic.ulp". Salvate il file con estensione.asc e poi importate quel file in Dip Trace. PCB Layout o Schematic come DipTrace ASCII (File/Import/DipTrace ASCII). Per importare librerie da Eagle, aprite la libreria in Eagle, selezionate "File/Export/Script" e salvatelo come file.scr In DipTrace Component o Pattern Editor selezionate File/Import/Eagle Script and quindi il vostro file.scr 2. DipTrace può importare/esportare il formato P-CAD ASCII (non binary). Attenzione che i 214

ORCAD 9.1 GUIDA ALL UTILIZZO

ORCAD 9.1 GUIDA ALL UTILIZZO ORCAD 9.1 GUIDA ALL UTILIZZO INTRODUZIONE ORCAD E UN SOFTWARE CAD PROFESSIONALE, CHE E IN GRADO DI REALIZZARE SCHEDE ELETTRONICHE A CIRCUITO STAMPATO. LA QUALITA DI UN PROGETTO ELETTRONICO SVILUPPATO CON

Dettagli

O R C A D. 1. Introduzione..2

O R C A D. 1. Introduzione..2 O R C A D Indice 1. Introduzione..2 2. OrCAD Capture 3 2.1. Cambiare la Lettera della PenDrive..3 2.2. Preparare la Cartella del Progetto 5 2.3. Aprire OrCAD Capture..7 2.4. Creare/Aprire/Salvare il Progetto.....8

Dettagli

TUTORIAL PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA E.A.G.L.E.

TUTORIAL PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA E.A.G.L.E. TUTORIAL PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA E.A.G.L.E. INTRODUZIONE: Salve a tutti gli utenti del forum di grani79.net, scrivo questo tutorial riguardante l utilizzo del software E.A.G.L.E. reperibile sul sito

Dettagli

Verranno presentate e descritte molte delle funzionalità di Eagle prendendo come riferimento la costruzione di un banale filtro passa-basso attivo.

Verranno presentate e descritte molte delle funzionalità di Eagle prendendo come riferimento la costruzione di un banale filtro passa-basso attivo. Capitolo 1 Tutorial Eagle Il programma EAGLE è un potente editor grafico per la progettazione di schemi e circuiti stampati, che permette la generazioni dei files gerber utilizzati nella realizzazione

Dettagli

DI COSA SI PARLERÀ. La struttura di ORCAD ORCAD Capture Il disegno elettrico, la lista componenti, la Netlist ORCAD Layout

DI COSA SI PARLERÀ. La struttura di ORCAD ORCAD Capture Il disegno elettrico, la lista componenti, la Netlist ORCAD Layout USARE ORCAD Un breve corso per operare subito! (Bruno Preite) DI COSA SI PARLERÀ La struttura di ORCAD ORCAD Capture Il disegno elettrico, la lista componenti, la Netlist ORCAD Layout Assegnare il corretto

Dettagli

Disegnare un PCB con EAGLE

Disegnare un PCB con EAGLE Disegnare un PCB con EAGLE INTRODUZIONE CadSoft EAGLE è un programma per disegnare PCB molto usato sia da aziende di settore che da amatori. È un software abbastanza semplice da usare, ma allo stesso tempo

Dettagli

Tutorial sull utilizzo di OrCAD per la progettazione di una PCB

Tutorial sull utilizzo di OrCAD per la progettazione di una PCB Tutorial sull utilizzo di OrCAD per la progettazione di una PCB Con l acronimo PCB (Printed Circuit Board) si intende una scheda a circuito stampato. Un esempio di PCB è rappresentato in Errore. L'origine

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN PCB E CREAZIONE DI UN COMPONENTE CON IL SOFTWARE EAGLE

REALIZZAZIONE DI UN PCB E CREAZIONE DI UN COMPONENTE CON IL SOFTWARE EAGLE REALIZZAZIONE DI UN PCB E CREAZIONE DI UN COMPONENTE CON IL SOFTWARE EAGLE EASILY APPLICABLE GRAPHICAL LAYOUT-EDITOR for Linux and Windows Realizzato dallo studente: Pachito Marco Calabrese dell Istituto

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Guida breve all utilizzo di DipTrace

Guida breve all utilizzo di DipTrace Guida breve all utilizzo di DipTrace Realizzata da Argon70cv (Massimo) Indice pag. A. Installazione 2 B. Utilizzo del programma 4 C. Creazione dello schema 5 1. Configuriamo le Librerie 5 2. Progettiamo

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Tutorial sull utilizzo di Orcad Capture vs. PCB editor

Tutorial sull utilizzo di Orcad Capture vs. PCB editor Tutorial sull utilizzo di Orcad Capture vs. PCB editor L ambiente Orcad CAPTURE è utilizzato per il progetto di circuiti elettronici e la loro simulazione. Da CAPTURE è possibile generare la Netlist associata

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

Prof. Aniello Celentano

Prof. Aniello Celentano Appunti sull utilizzo del programma TraxMaker Prof. Aniello Celentano Appunti del corso di Sistemi Elettronici Prof. Aniello Celentano Pag. 1 Lavorare con CircuitMaker 2000 Il programma CircuitMaker 2000

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com PER CHI LAVORA IN WINDOWS XP: ENTRARE IN WINDOWS COL NOME UTENTE REGISTRATO SU XNULLO, SALVARE TUTTI I FILE REALIZZATI SIA CON CAPTURE CHE CON LAYOUT NELLA PROPRIA CARTELLA SU XNULLO. Prima di lanciare

Dettagli

Per la classe !"#$!"#$%&'()*+#,+*#")#-.!"'+*/# 0"+1'*!1#2.!"'#3')"!) (((4$'%&&!5$'%&&)56%4!'

Per la classe !#$!#$%&'()*+#,+*#)#-.!'+*/# 0+1'*!1#2.!'#3')!) (((4$'%&&!5$'%&&)56%4!' EQ7 Lezione base Pag. 1 Per la classe Note: se allo step 12 o 44, non vedi la palette dei blocchi o dei colori (probabilmente è perché la risoluzione del tuo schermo è diversa da quella prevista) devi

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Lezione 2: Windows e applicazioni software Contenuto del documento Operazioni su file e cartelle Principali applicazioni

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Manuale di Riferimento di Nikon Viewer

Manuale di Riferimento di Nikon Viewer Manuale di Riferimento di Nikon Viewer Come utilizzare il Nikon Viewer Nikon Viewer Sguardo d insieme 251 Utilizzo di Nikon Viewer 255 Preferenze 265 Menu di Nikon Viewer 266 250 Nikon Viewer Sguardo d

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

SOFTWARE USER S GUIDE SitagriPro Infinite

SOFTWARE USER S GUIDE SitagriPro Infinite SOFTWARE USER S GUIDE SitagriPro Infinite Prodotto da: FINANCEAGRI c o r p o r a t e CONTENUTI FASE 1 : Installazione del software... p.3 1. Introduzione 2. Download del certificato FASE 2 : Identificazione...

Dettagli

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1.1 Stativo 1. Regolazione della messa a fuoco 2. Vite di bloccaggio 3. Anello di fissaggio 1.2 Microscopio digitale Tasto x fotografare Linea di indicazione dell ingrandimento

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org.

Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org. Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org. Barra dei menu Menu degli strumenti standard Vista diapositive Pannello delle attività Menu degli strumenti di presentazione

Dettagli

Nuove funzionalità SEE Electrical V5

Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati, ed

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB)

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Guida Rapida Primo Passo Preparare il telecomando programmabile installando 3 batterie tipo AAA. (Quando lo si connette al PC togliere le batterie)

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 7 - Impaginazione di una carta tematica per la stampa (layout di stampa) Informazioni generali:

Dettagli

MODULO N. 2 Elaborazione dei testi

MODULO N. 2 Elaborazione dei testi MODULO N. 2 Elaborazione dei testi I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la competenza del corsista nell uso del personal computer come elaboratore di testi. Egli deve essere in grado di effettuare

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

In questa parte vi mostreremo come utilizzare QlikView. Esamineremo le componenti di questo programma, che verranno descritte una ad una.

In questa parte vi mostreremo come utilizzare QlikView. Esamineremo le componenti di questo programma, che verranno descritte una ad una. 1 Manuale per QlikView Web Cos è QlikView? QlikView è un programma che consente di visualizzare dati statistici offrendo la possibilità di operare in modo facile e comprensivo. Per usare QlikView non bisogna

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (giugno 2009) Rete Lan Grafica Interattiva - mini howto (Network Notepad)

Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (giugno 2009) Rete Lan Grafica Interattiva - mini howto (Network Notepad) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (giugno 2009) Rete Lan Grafica Interattiva - mini howto (Network Notepad) Il programma freeware Network Notepad scaricabile presso il sito http:www.networknotepad.com

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl Guida di Keyboard Builder Guida di Keyboard Builder Keyboard Builder è uno strumento che permette di costruire tastiere da visualizzare sullo schermo, utili per la realizzazione di applicazioni che operano

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Circuito con fotoresistenza e tutorial essenziale all uso veloce di DipTrace

Circuito con fotoresistenza e tutorial essenziale all uso veloce di DipTrace Circuito con fotoresistenza e tutorial essenziale all uso veloce di DipTrace Circuito con fotoresistenza e tutorial all uso veloce di DipTrace Pag. 1 1. Premessa Siete tutti più o meno smanettoni, quindi

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Domande Frequenti su D20 Disc Publisher

Domande Frequenti su D20 Disc Publisher Domande Frequenti su D20 Disc Publisher Stampando solo su Mac, l immagine stampata contiene linee nere sparse qua e là su zone bianche, oppure linee tratteggiate intorno alle immagini o sui bordi del disco.

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Manuale utente software Android

Manuale utente software Android Manuale utente software Android 1 1. Specifiche...3 2. Entrare e uscire dal sistema...3 2.1 Login...3 2.2 Logout...3 3. Programma di Editing...4 3.1 Interfaccia del programma...4 3.1.1 Pannello del programma...5

Dettagli

CREAZIONE DEL PDF DAL CAD

CREAZIONE DEL PDF DAL CAD CREAZIONE DEL PDF DAL CAD Aprire il file CAD su DoubleCAD XT. Verificare che ad ogni entità sia assegnato il giusto layer (e quindi il giusto colore) secondo il modello e il CTB pubblicato da Claudia su

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

I file PDF se non protetti possono essere manipolati ovvero si può: 1. Modificare, Aggiungere, cancellare e spostare interi periodi

I file PDF se non protetti possono essere manipolati ovvero si può: 1. Modificare, Aggiungere, cancellare e spostare interi periodi Manipolazione dei file PDF I file PDF se non protetti possono essere manipolati ovvero si può: TESTO: 1. Modificare, Aggiungere, cancellare e spostare interi periodi l ultima posizione della barra contiene

Dettagli

ITALIANO. Pen Tablet. Manuale d Istruzioni. Windows 2000 / XP / Vista

ITALIANO. Pen Tablet. Manuale d Istruzioni. Windows 2000 / XP / Vista Pen Tablet Manuale d Istruzioni Windows 2000 / XP / Vista 1 I. Informazioni Generali 1. Presentazione Benvenuti nel mondo della penna da computer! Scoprite la facilita di controllo del vostro personal

Dettagli

12,0 Guida introduttiva e Requisiti di sistema

12,0 Guida introduttiva e Requisiti di sistema 12,0 Guida introduttiva e Requisiti di sistema È molto importante impostare l'ambiente di lavoro di Album Express prima di creare il vostro fotolibro. 1 Dopo la corretta installazione di Album Express,

Dettagli

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione SK 1 Word Libre Office Se sul video non compare la barra degli strumenti di formattazione o la barra standard Aprite il menu Visualizza Barre degli strumenti e selezionate le barre che volete visualizzare

Dettagli

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante)

Access - Lezione 02. Basi di dati. Parte seconda. (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) Access - Lezione 02 Basi di dati Parte seconda (Per andare direttamente su un argomento, fare clic con il mouse sul titolo nell indice sottostante) 1.0 Operazioni di base 1.1 Impostare e pianificare un

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

www.spc-international.com

www.spc-international.com User's Guide Guida all'uso Calendars Professional www.spc-international.com Indice 1.0 Introduzione 2.0 Procedimento di avvio e requisiti di sistema 3.0 Comprensioni di base di Calendars Professional 3.1

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Guida all uso di Java Diagrammi ER

Guida all uso di Java Diagrammi ER Guida all uso di Java Diagrammi ER Ver. 1.1 Alessandro Ballini 16/5/2004 Questa guida ha lo scopo di mostrare gli aspetti fondamentali dell utilizzo dell applicazione Java Diagrammi ER. Inizieremo con

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003 6.1.1 Primi passi con gli strumenti di presentazione 6.1.1.1 Aprire un programma di presentazione. 1. Premi il pulsante Start sulla Barra delle funzioni di Windows. 2. Seleziona il menu Programmi. 3. Cerca

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Costruire formule in Excel Per gli utenti di altri programmi di foglio di calcolo, come ad esempio Lotus 1-2-3,

Dettagli

COME INSERIRE UN PROPRIO AVATAR IN WWW.GIOCOLERIA.ORG

COME INSERIRE UN PROPRIO AVATAR IN WWW.GIOCOLERIA.ORG COME INSERIRE UN PROPRIO AVATAR IN WWW.GIOCOLERIA.ORG Visto che ancora moltissime persone si chiedono come inserire un immagine personale come proprio avatar, (l immagine che compare nei vostri messaggi

Dettagli

MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file

MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file MODULO 1 Uso del computer e gestione dei file I contenuti del modulo Lo scopo di questo modulo è di verificare la conoscenza pratica delle principali funzioni di base di un personal computer e del suo

Dettagli

Manuale dell utente. Ahead Software AG

Manuale dell utente. Ahead Software AG Manuale dell utente Ahead Software AG Indice 1 Informazioni su InCD...3 1.1 Cos è InCD?...3 1.2 Requisiti per l uso di InCD...3 1.3 Aggiornamenti...4 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...4 2

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse WINDOWS: uso della tastiera e del mouse a cura di: Francesca Chiarelli ultimo aggiornamento: settembre 2015 http://internet.fchiarelli.it La tastiera FUNZIONE DI EDIZIONE TAST. NUMERICO Tasti principali

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Su una pagina Web, un menu pop-up è uno strumento di navigazione che rimane nascosto fino a che l utente non sposta il puntatore del mouse sopra un

Dettagli

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche Word 2007 nozioni di base Word 2007 barra multifunzione Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Alla scoperta di. Terza parte

Alla scoperta di. Terza parte Alla scoperta di Terza parte Michele Guerra Parleremo dei piani di segnale, disegneremo un circuito stampato senza passare per lo schema elettrico e creeremo una comoda scheda sperimentale. Infine vedremo

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera Pratica guidata 2 Usare mouse e tastiera Mouse: Clic sinistro, doppio clic, clic destro, Drag and drop, Forme del puntatore Tastiera: tasti principali e combinazioni Centro Servizi Regionale Pane e Internet

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

Manuale di Picto Selector

Manuale di Picto Selector Manuale di Picto Selector INDICE DEI CONTENUTI 1. Scaricare ed installare il programma.... 1 2. Avvio del programma per la prima volta.... 6 3. Creare la nostra prima tabella di comunicazione... 8 4. Salvare

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli