Il reporting sul 10 Principio del Global Compact

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il reporting sul 10 Principio del Global Compact"

Transcript

1 Il reporting sul 10 Principio del Global Compact eni adotta i criteri del reporting sul X Principio secondo le linee guida del GC che prevedono degli indicatori relativi al commitment aziendale, all implementazione nei processi aziendali e al monitoraggio con relativo livello di conseguimento. Nella tabella seguente sono stati considerati 3 livelli di analisi: 1. il livello interno : descrive come eni affronta il tema della trasparenza e della lotta alla corruzione attraverso la definizione di politiche, procedure e programmi; 2. il livello esterno : descrive le azioni intraprese da eni per condividere le proprie esperienze e le buone prassi aziendali con gli stakeholder; 3. il livello collettivo : descrive l'impegno di eni ad unire le proprie forze a quelle di altre aziende e stakeholder per promuovere la trasparenza e contrastare la corruzione. Il reporting di Eni sul 10 principio secondo le linee guida del Global Compact Il commitment di eni Indicatore: B1 Dichiarazione pubblica sull impegno nella lotta anticorruzione in tutte le sue forme inclusa l estorsione Il Codice Etico proibisce espressamente "pratiche di corruzione, favori illegittimi, comportamenti collusivi, sollecitazioni, dirette e/o attraverso terzi, di vantaggi personali e di carriera per sé o per altri". Stabilisce inoltre il principio di trasparenza nei confronti delle persone dell'azienda, delle comunità locali e di tutti gli stakeholder di eni. La normativa eni Anticorruzione proibisce la corruzione senza alcuna eccezione, vietando di: offrire, promettere, dare, pagare, autorizzare qualcuno a dare o pagare, direttamente o indirettamente, un vantaggio economico o altra utilità a un Pubblico Ufficiale o un privato (Corruzione Attiva); accettare la richiesta da, o sollecitazioni da, o autorizzare qualcuno Il Codice Etico e la normativa eni Anticorruzione sono disponibili sul sito aziendale e sono diffusi a tutti coloro con cui eni intrattiene relazioni. In particolare tutte le persone di eni, i partner commerciali ed i fornitori sono tenuti a rispettare i principi in essi contenuti. Prosecuzione impegno nei lavori di implementazione e revisione della Convenzione UNCAC; Prosecuzione delle attività legate alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office

2 ad accettare o sollecitare, direttamente o indirettamente, un vantaggio economico o altra utilità da un Pubblico Ufficiale o un privato (Corruzione Passiva), quando l intenzione sia: indurre un Pubblico Ufficiale o un privato, a svolgere in maniera impropria qualsiasi funzione di natura pubblica, o qualsiasi attività associata a un business o ricompensarlo per averla svolta; influenzare un atto ufficiale (o un omissione) da parte di un Pubblico Ufficiale o qualsiasi decisione in violazione di un dovere d ufficio; al fine di ottenere, assicurarsi o mantenere un business o un ingiusto vantaggio in relazione alle attività d impresa; o in ogni caso, violare le leggi applicabili. on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anti-corruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public- Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei

3 tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: B2 Rispetto di tutte le leggi rilevanti incluse quelle specifiche riguardanti il tema dell anti-corruzione Emanazione della MSG Anticorruzione nel gennaio 2012 che aggiorna la normativa anticorruzione eni, esistente dal 2009, con l ampliamento della Monitoraggio del recepimento della normativa eni Partecipazione a tavole rotonde e incontri per approfondimenti su legislazioni vigenti, loro

4 condotta vietata alla corruzione fra privati, in linea con i contenuti del UK Bribery Act. Nel corso del 2012 sono stati definiti 16 strumenti normativi anticorruzione. Gestione sistema di controllo interno. Anticorruzione attraverso l Anti Corruption Legal Support Unit (nel seguito ACLSU) Monitoraggio dell'evoluzione legislativa. aggiornamenti o su nuove leggi sul tema. Particolarmente rilevante la collaborazione con i Gruppi di Lavoro del Global Compact sul 10 principio, sia a livello nazionale che internazionale e la cooperazione con la International Bar Association. Indicatore: D2 Dichiarazione di adesione a standard regionali e internazionali Adesione all'extractive Industry Transparency Initiative (EITI), al Global Compact e al suo 10 principio, al programma LEAD. Adesione nel Codice Etico eni ai più alti standard internazionali sul tema della corruzione (Principi GC, Convenzione UNCAC e OCSE). Nella policy di Sostenibilità: eni si ispira ai principi di correttezza, trasparenza, onestà e integrità e adotta i più elevati standard e linee guida internazionali nella gestione delle proprie attività in tutti i contesti in cui opera. La normativa eni Anticorruzione è coerente con le best practice internazionali. Impegno a rispettare i Business Principles for Countering Bribery di Transparency International. Impegno ad aderire ai più alti standard internazionali negli accordi con le Associazioni Sindacali. Adesione al World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico.

5 Indicatore: D3 Conduzione di risk assessment di aree potenzialmente a rischio di corruzione Partecipazione ai working group del Global Compact. Creazione e conduzione del subworking group del GC relativo al settore Oil and Gas allo scopo di approfondire le peculiarità di settore di aspetti rilevanti quali l attività di due diligence. Individuazione aree di business con maggiore rischio di corruzione, sulla base del tipo di attività svolta (ad esempio, rapporti rilevanti con Pubblici Ufficiali, Joint Venture, sponsorizzazioni, intermediazioni). Divulgazione ai partner in aree di attività considerate a rischio del compliance program anti-corruzione di eni. Adesione al sub-working Group sport Sponsoring and Hospitality A practical guidance for business finalizzato alla definizione di uno standard procedurale internazionale atto a prevenire la commissione di eventi corruttivi connessi ad iniziative di sponsorizzazione di natura sportive. Partecipazione agli incontri del Global Compact Network Italia gruppo di lavoro Anticorruzione, relativamente al tema del rating di legalità ed al protocollo di legalità. Indicatore: D4 Policy dettagliate per le aree ad alto rischio di corruzione Strumenti Normativi Anti-Corruzione relativi alle aree a rischio corruzione presenti nel contesto dell attività e della collocazione geografica di eni. Nel corso del 2012 sono stati emessi 16 Strumenti Normativi Anti-Corruzione: L'ACLSU svolge un servizio di consulenza ed assistenza in materia di anti-corruzione Partecipazione ai subworking groups organizzati dal Global Compact, nell'ambito del gruppo di lavoro sul 10 principio sulla lotta

6 Contratti di Joint Venture Contratti di Intermediazione Omaggi Spese di attenzione verso terzi Segnalazioni anche anonime ricevute da eni Operazioni di compravendita e affitto di azienda Vendita di beni immobili Contratti di sponsorizzazione Iniziative no profit Standard di clausole contrattuali relative alla responsabilità amministrativa di impresa Acquisizione di consulenze, prestazioni e servizi professionali Conferimento di incarico a legali esterni Conferimento di incarico in materia amministrativo/contabile/fiscale Selezione e assegnazione di incarichi a broker/compagnie assicurative Selezione del personale Trasferte e servizi fuori sede del personale dirigente e non dirigente Conferimento incarico contenzioso lavoro finalizzato, fra le altre cose, all'implementazione delle procedure Anti- Corruzione in eni e nelle sue controllate. Eni, mediante l'unità ACLSU, inoltre cura i rapporti di sensibilizzazione alle iniziative e normative Anti-Corruzione dei potenziali partner. alla Corruzione, sia in ambito nazionale che internazionale e attività di cooperazione e confronto con istituzioni pubbliche e con il settore privato. In particolare adesione al World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: D5 Rispetto delle leggi anticorruzione da parte dei business partner Partecipazione a tavoli e gruppi di eni richiede il rispetto da parte dei Business Partner delle leggi applicabili, incluse le Leggi Anti-Corruzione, nell ambito delle attività di business svolte con eni, oltre al rispetto della MSG Anti-Corruzione e degli Strumenti Normativi specifici a seconda delle attività che il Business Partner è chiamato a svolgere. Richiesta di rispetto delle leggi applicabili, incluse le leggi anti-corruzione, oltre alla Normativa Anti- Corruzione di eni da parte dei business partner. lavoro in ambito nazionale e internazionale per l'individuazione delle best practice in materia di anticorruzione e attività di cooperazione e coordinamento con i principali stakeholders e partner di eni in materia di business partners e rischio di corruzione

7 L implementazione nei processi aziendali Indicatore: B3 Traduzione degli impegni in azioni Partecipazione a tavoli e gruppi di Rafforzamento della struttura ACLSU all'interno della Direzione Affari Legali di eni per consulenza legale specialistica, supporto e supervisione della formazione anti-corruzione. Emanazione della MSG Anti-Corruzione e degli Strumenti Normativi di dettaglio. Revisione della Normativa interna eni in termini di Anti-Corruzione. Attuazione delle prescrizioni previste dalla normativa eni Anticorruzione nei confronti dei partner operanti in aree a rischio corruzione. lavoro in ambito nazionale e internazionale per l'individuazione delle best practice in materia di anticorruzione, con particolare riferimento all attività svolta nell ambito dei gruppi di lavoro del Global Compact, sia a livello nazionale che internazionale. Indicatore: B4 supporto della leadership aziendale alla lotta alla corruzione Partecipazione della leadership aziendale a iniziative internazionali Normativa eni Anticorruzione approvata dal CdA di eni e nell adozione da parte delle Controllate, dai CdA delle Controllate. Messaggio da parte del Top Management nel contesto delle iniziative formative anticorruzione per il personale eni. In particolare: - messaggio del MD della controllata il cui personale è chiamato a partecipare all evento formativo, ad inizio workshop; - messaggio del Direttore Affari Legali di eni in conclusione dell elearning anticorruzione. sul tema della corruzione. In particolare: Prosecuzione delle attività legate alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anticorruzione e il settore privato il

8 ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public-Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare

9 eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: B5 Comunicazione e formazione per tutte le persone dell azienda. Gli Strumenti Normativi di eni vengono diffusi mediante: - Sito intranet aziendale, funzione Nemo s, che contiene tutti gli strumenti normativi emessi ed i relativi aggiornamenti; - Casella di posta dedicata tramite la quale vengono pubblicati gli strumenti normativi di eni spa e le Policy; - Bacheca aziendale; - Alcuni strumenti normativi di Pubblicazione sul sito aziendale della normativa eni Anticorruzione. Promozione di comportamenti responsabili con particolare attenzione ai conflitti d'interesse sia Promozione di diversi seminari tematici in ambito nazionale e internazionale (incluso ambito del Network Italiano del Global Compact) in merito a tematiche Anti-Corruzione ed alle iniziative promosse dall'aclsu. Nell'ambito del working group sul

10 particolare rilievo (ad esempio, MSG Anticorruzione e strumenti normativi relativi alle Parti Correlate) vengono pubblicati anche sul Sito Internet di eni spa Programma formativo Anticorruzione iniziato sin dal 2009 e svolto mediante corsi elearning e workshop interattivi dedicati al personale a rischio individuato dalla funzione Risorse Umane di ogni singola società in base al tipo di attività svolta. Il primo ciclo formativo, indirizzato ai Key Officer di eni, si è concluso nel Il secondo ciclo formativo, che amplia ulteriormente la categoria dei destinatari, essendo indirizzato al Middle and Top Management di eni (Dirigenti e Quadri), è iniziato nel 2013 e proseguirà mediante corsi elearning e workshop interattivi. sul versante interno sia su quello dei fornitori, in coerenza al Codice Etico. Best effort dei rappresentanti di eni nelle joint venture alla condivisione di compliance program anti-corruzione in linea con quello di eni. Formazione Anticorruzione dedicata ai Fornitori di eni. Nel 2012 sono stati svolti, in collaborazione con la funzione HSE diversi eventi formativi in sito. 10 del GC sviluppo di un elearnig tool (The Fight Against Corruption tool) indirizzato al personale delle aziende. Indicatore: D6 Azioni volte a incoraggiare i business partner ad applicare gli impegni presi Emissione degli Strumenti Normativi Anticorruzione che disciplinano le attività considerate a rischio corruzione. Emissione Strumento Normativo relativo alla stipula dei contratti di JV nel quale è richiesto che il partner di eni sia noto e di eccellente reputazione. Inoltre deve essere adottato un efficace sistema di controllo interno e normativa anticorruzione coerente con quella eni. In tal senso il rappresentante eni attuerà il best effort affinchè il compliance program sia adottato e sia in linea con quello di eni. Le attività della JV saranno costantemente monitorate, verrà Impegno a usare la propria influenza affinché le società e gli enti in cui eni abbia una partecipazione non di controllo i partner operanti in aree a rischio di corruzione adottino e mantengano un adeguato compliance program in coerenza con Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione e attività di cooperazione e coordinamento con i principali stakeholders e partner di eni in materia di business partners e rischio di corruzione.

11 inserita la clausola contrattuale relativa alla responsabilità amministrativa di impresa e eni avrà diritto di recesso nonché diritto ad effettuare un audit sulle attività della JV. Emissione di Standard di clausole contrattuali in riferimento alla responsabilità amministrativa della Società per illeciti amministrativi dipendenti da reato. il compliance program di eni. Diffusione di principi e dei contenuti anticorruzione e del Codice Etico a tutti coloro con i quali eni intrattiene relazioni contrattuali. Utilizzo di standard di clausole contrattuali che prevedano il rispetto delle normative interne eni anticorruzione, della normativa nazionale ed internazionale vigente in materia e delle best practice di riferimento. Indicatore: D7 Responsabilità del management e diffusione dell impegno sull anti-corruzione (o relative policy) Normativa eni Anticorruzione approvata dal CdA di eni e nell adozione da parte delle Controllate, dai CdA delle Controllate. Responsabilità di tutto il personale eni del rispetto della normativa eni Anti- Corruzione e degli Strumenti normativi Anti-Corruzione. Presenza di canali dedicati per comunicare violazioni (Procedura Whistleblowing). Specifici incontri formativi con il top management. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione, con particolare riferimento all attività svolta nell ambito dei gruppi di lavoro del Global Compact, sia a livello nazionale che internazionale Prosecuzione delle attività legate

12 alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public-Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato

13 ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile

14 ed etico. Indicatore: D8 Inserimento di nuove clausole sui diritti umani nei contratti di approvvigionamento Clausole standard di compliance che impongono ai fornitori il rispetto, oltre che dei principi anti-corruzione, anche dei diritti umani. Indicatore: D9 Canali di comunicazione e meccanismi di follow-up per la rendicontazione e richiesta di assistenza Indicatore: D10 procedure di accounting e auditing su anticorruzione Regole di condotta sulla tenuta della contabilità previste dalla normativa eni Anti-Corruzione. Inserimento di principi di controllo anticorruzione di matrice contabile in tutti gli Strumenti Normativi Anticorruzione. L Internal Audit di eni esamina e valuta, in maniera indipendente, i controlli interni per verificare che sia rispettato quanto richiesto dalla normativa eni Anticorruzione. Indicatore: D11 Partecipazione alle iniziative volontarie Applicazione all interno dell azienda dei principi e regole di condotta anticorruzione attinenti alle iniziative volontarie alle quali eni aderisce. Creazione di un apposito GdL sui Diritti Umani finalizzato al riconoscimento dei principi fondamentali in materia di Diritti Umani e all inserimento di tali principi nelle principali attività del Gruppo. In tale contesto, creazione del Pubblicazione dei pagamenti verso i governi che aderiscono all EITI. Promozione di un tavolo di discussione fra i vari operatori dell area nel In collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero dello Sviluppo Economico eni partecipa alle tavole rotonde internazionali sull implementazione di EITI nelle realtà aziendali. Dal 2001 eni è membro del Global

15 sottogruppo di lavoro relativo al Land Management, finalizzato ad approfondire le problematiche relative ai Diritti Umani nel contesto di acquisizione e cessione dei terreni e nell ambito dei rapporti con i Governi stranieri. Inoltre, creazione di una collaborazione con l area Sostenibilità finalizzata ad esaminare le Stabilization Clauses all interno dei contratti che eni stipula con i governi dei Paesi nei quali opera ed individuazione di uno standard di clausola, conforme con gli standard e le linee guida internazionali, da proporre nella stipula di nuovi contratti. Tale attività, iniziata nel 2012, proseguirà anche nel corso del settore petrolifero, finalizzato alla condivisione di clausole standard anticorruzione, di facilitazione dei negoziati. Compact e partecipa alle Tavole Rotonde promosse relativamente al 10 principio contro la corruzione. Eni partecipa al Network Italiano del Global Compact come promotore verso le altre imprese italiane e facilitatore in seminari tematici Eni partecipa al Working Group Global Compact sugli Human Rights e sull Anti-corruzione, in questo ambito eni si è fatta promotrice della creazione di un oil&gas working group. Eni dialoga sistematicamente con Transparency International. Eni coopera con l International Bar Association (associazione internazionale della professione forense): eni e' stata invitata, come unica impresa, a partecipare ad una serie di convegni organizzati dall'iba con i consigli forensi delle giurisdizioni coinvolte, destinati a legali senior dei principali studi legali nel mondo sul tema della lotta alla corruzione.

16 Il monitoraggio Indicatore: B7 Processo di monitoraggio e sviluppo L Anti-Corruption Legal Support Unit riesamina e aggiorna periodicamente le Normative Anti-Corruzione. La direzione Internal Audit esamina e valuta in maniera indipendente i controlli interni per verificare che sia rispettato quanto richiesto dalla normativa eni Anticorruzione, sulla base del proprio programma annuale di audit, approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni. Le unità di business, l Organismo di Vigilanza, l Internal Audit e i revisori esterni della Società raccomandano miglioramenti alla normativa eni Anti- Corruzione. Nel caso venga scoperta una violazione, l Anti-Corruption Legal Support Unit valuta se eventuali revisioni o modifiche alle normative eni Anticorruzione possano aiutare a impedire il ripetersi della violazione. Ogni società controllata di eni deve rimediare adeguatamente a eventuali criticità emerse dal programma di compliance Relativamente al controllo sulla supply chain prima e dopo l'assegnazione di contratto presenza di un database sui subappaltatori; Definizione di un vendor managment System che prevede attività di qualifica dei fornitori, attività di feedback, visite di expection e auditing e relative attività correttive; Applicazione della norma SA 8000 nella catena di fornitura. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione Indicatore: D12 Grado di leadership nel monitoraggio e sviluppo dei risultati L Anti-Corruption Legal Support Unit di eni sottopone una relazione annuale sulla propria attività di monitoraggio all Organismo di Vigilanza e riceve la relazione annuale preparata da ciascuna delle Anti-Corruption Legal Support Units delle società controllate quotate e unbundled di eni

17 Indicatore: D13 Gestione delle violazioni Attraverso lo Strumento Normativo sulle segnalazioni anonime, Eni gestisce le segnalazioni, direttamente e indirettamente ricevute dall'azienda e dalle società controllate. Viene così garantita la ricezione, l'analisi e il trattamento di segnalazioni relative a problematiche di controllo interno, informativa societaria, responsabilità amministrativa della società, frodi o altre materie in violazione del Codice Etico, inoltrate da persone dell'azienda, membri degli organi sociali o anche da terzi. eni prende adeguati provvedimenti disciplinari, secondo quanto disposto dalle norme nazionali applicabili, dal contratto collettivo di lavoro e dal Modello 231, nei confronti di chiunque del personale eni (i) le cui azioni sono scoperte in violazione delle Leggi Anti- Corruzione o delle relative procedure, o (ii) che irragionevolmente ometta di rilevare o riportare eventuali violazioni o che minacci o effettui ritorsioni contro chi riporti tali violazioni. I provvedimenti disciplinari possono prevedere anche la risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro. La normativa eni Anticorruzione sancisce che eni non discrimina in alcun modo il personale che in buona fede e lecitamente abbia svolto attività di reporting relativamente a violazione delle stesse Per diffondere il meccanismo sulle segnalazioni la procedura è divulgata ai dipendenti e pubblicata sul sito aziendale. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione

18 Indicatore: D14 pubblicazione di procedimenti legali sul tema corruzione Tutti gli Eventi Giudiziari Rilevanti ed i relativi aggiornamenti e sviluppi significativi, sia del procedimento giudiziario sia delle iniziative intraprese dalla funzione corporate o linea di business competente, sono comunicati con immediatezza al Team Presidio Eventi Giudiziari, interno ad eni spa. Il Responsabile della Segreteria Tecnica del Team predispone una relazione semestrale sulle comunicazioni ricevute e le attività svolte inviandone copia ai componenti del Team, al CEO e al Presidente di eni spa, all OdV, al Collegio Sindacale e al Comitato di Controllo e Rischi di eni spa. Le informazioni relative a procedimenti legali in materia di anticorruzione vengono riportate nella Relazione Finanziaria annuale. Indicatore: D15 utilizzo di certificazione esterna su programmi anticorruzione

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ]

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Management System Guideline Anti - Corruzione TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Allegato

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

SEGNALAZIONI, ANCHE ANONIME, RICEVUTE DA SAIPEM SPA E DA SOCIETÀ CONTROLLATE IN ITALIA E ALL ESTERO

SEGNALAZIONI, ANCHE ANONIME, RICEVUTE DA SAIPEM SPA E DA SOCIETÀ CONTROLLATE IN ITALIA E ALL ESTERO Pag. 1 di 19 PROCEDURA STANDARD DA SAIPEM SPA E DA SOCIETÀ CONTROLLATE IN ITALIA E ALL ESTERO STD-COR-ANC-001-I MSG DI RIFERIMENTO Anticorruzione Preparato Controllato Approvato Comitato Tecnico Sistema

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Global Policy Funzione Competente: Compliance Data: Dicembre 2014 Unit: Global AML Versione: 3 Indice 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises

Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali. OECD Guidelines for Multinational Enterprises Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali OECD Guidelines for Multinational Enterprises 2011 Linee Guida OCSE destinate alle Imprese Multinazionali 2011 La qualità della versione italiana

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione ALLEGATO 15 Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione Per una sintetica descrizione dei reati richiamati negli artt. 24 e 25 del Decreto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta Group Codice di Condotta Il di VimpelCom delinea le regole di condotta aziendali di VimpelCom unitamente a linee-guida per spiegare come esse si applichino nella pratica a ciascun dipendente VimpelCom.

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli