Il reporting sul 10 Principio del Global Compact

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il reporting sul 10 Principio del Global Compact"

Transcript

1 Il reporting sul 10 Principio del Global Compact eni adotta i criteri del reporting sul X Principio secondo le linee guida del GC che prevedono degli indicatori relativi al commitment aziendale, all implementazione nei processi aziendali e al monitoraggio con relativo livello di conseguimento. Nella tabella seguente sono stati considerati 3 livelli di analisi: 1. il livello interno : descrive come eni affronta il tema della trasparenza e della lotta alla corruzione attraverso la definizione di politiche, procedure e programmi; 2. il livello esterno : descrive le azioni intraprese da eni per condividere le proprie esperienze e le buone prassi aziendali con gli stakeholder; 3. il livello collettivo : descrive l'impegno di eni ad unire le proprie forze a quelle di altre aziende e stakeholder per promuovere la trasparenza e contrastare la corruzione. Il reporting di Eni sul 10 principio secondo le linee guida del Global Compact Il commitment di eni Indicatore: B1 Dichiarazione pubblica sull impegno nella lotta anticorruzione in tutte le sue forme inclusa l estorsione Il Codice Etico proibisce espressamente "pratiche di corruzione, favori illegittimi, comportamenti collusivi, sollecitazioni, dirette e/o attraverso terzi, di vantaggi personali e di carriera per sé o per altri". Stabilisce inoltre il principio di trasparenza nei confronti delle persone dell'azienda, delle comunità locali e di tutti gli stakeholder di eni. La normativa eni Anticorruzione proibisce la corruzione senza alcuna eccezione, vietando di: offrire, promettere, dare, pagare, autorizzare qualcuno a dare o pagare, direttamente o indirettamente, un vantaggio economico o altra utilità a un Pubblico Ufficiale o un privato (Corruzione Attiva); accettare la richiesta da, o sollecitazioni da, o autorizzare qualcuno Il Codice Etico e la normativa eni Anticorruzione sono disponibili sul sito aziendale e sono diffusi a tutti coloro con cui eni intrattiene relazioni. In particolare tutte le persone di eni, i partner commerciali ed i fornitori sono tenuti a rispettare i principi in essi contenuti. Prosecuzione impegno nei lavori di implementazione e revisione della Convenzione UNCAC; Prosecuzione delle attività legate alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office

2 ad accettare o sollecitare, direttamente o indirettamente, un vantaggio economico o altra utilità da un Pubblico Ufficiale o un privato (Corruzione Passiva), quando l intenzione sia: indurre un Pubblico Ufficiale o un privato, a svolgere in maniera impropria qualsiasi funzione di natura pubblica, o qualsiasi attività associata a un business o ricompensarlo per averla svolta; influenzare un atto ufficiale (o un omissione) da parte di un Pubblico Ufficiale o qualsiasi decisione in violazione di un dovere d ufficio; al fine di ottenere, assicurarsi o mantenere un business o un ingiusto vantaggio in relazione alle attività d impresa; o in ogni caso, violare le leggi applicabili. on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anti-corruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public- Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei

3 tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: B2 Rispetto di tutte le leggi rilevanti incluse quelle specifiche riguardanti il tema dell anti-corruzione Emanazione della MSG Anticorruzione nel gennaio 2012 che aggiorna la normativa anticorruzione eni, esistente dal 2009, con l ampliamento della Monitoraggio del recepimento della normativa eni Partecipazione a tavole rotonde e incontri per approfondimenti su legislazioni vigenti, loro

4 condotta vietata alla corruzione fra privati, in linea con i contenuti del UK Bribery Act. Nel corso del 2012 sono stati definiti 16 strumenti normativi anticorruzione. Gestione sistema di controllo interno. Anticorruzione attraverso l Anti Corruption Legal Support Unit (nel seguito ACLSU) Monitoraggio dell'evoluzione legislativa. aggiornamenti o su nuove leggi sul tema. Particolarmente rilevante la collaborazione con i Gruppi di Lavoro del Global Compact sul 10 principio, sia a livello nazionale che internazionale e la cooperazione con la International Bar Association. Indicatore: D2 Dichiarazione di adesione a standard regionali e internazionali Adesione all'extractive Industry Transparency Initiative (EITI), al Global Compact e al suo 10 principio, al programma LEAD. Adesione nel Codice Etico eni ai più alti standard internazionali sul tema della corruzione (Principi GC, Convenzione UNCAC e OCSE). Nella policy di Sostenibilità: eni si ispira ai principi di correttezza, trasparenza, onestà e integrità e adotta i più elevati standard e linee guida internazionali nella gestione delle proprie attività in tutti i contesti in cui opera. La normativa eni Anticorruzione è coerente con le best practice internazionali. Impegno a rispettare i Business Principles for Countering Bribery di Transparency International. Impegno ad aderire ai più alti standard internazionali negli accordi con le Associazioni Sindacali. Adesione al World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico.

5 Indicatore: D3 Conduzione di risk assessment di aree potenzialmente a rischio di corruzione Partecipazione ai working group del Global Compact. Creazione e conduzione del subworking group del GC relativo al settore Oil and Gas allo scopo di approfondire le peculiarità di settore di aspetti rilevanti quali l attività di due diligence. Individuazione aree di business con maggiore rischio di corruzione, sulla base del tipo di attività svolta (ad esempio, rapporti rilevanti con Pubblici Ufficiali, Joint Venture, sponsorizzazioni, intermediazioni). Divulgazione ai partner in aree di attività considerate a rischio del compliance program anti-corruzione di eni. Adesione al sub-working Group sport Sponsoring and Hospitality A practical guidance for business finalizzato alla definizione di uno standard procedurale internazionale atto a prevenire la commissione di eventi corruttivi connessi ad iniziative di sponsorizzazione di natura sportive. Partecipazione agli incontri del Global Compact Network Italia gruppo di lavoro Anticorruzione, relativamente al tema del rating di legalità ed al protocollo di legalità. Indicatore: D4 Policy dettagliate per le aree ad alto rischio di corruzione Strumenti Normativi Anti-Corruzione relativi alle aree a rischio corruzione presenti nel contesto dell attività e della collocazione geografica di eni. Nel corso del 2012 sono stati emessi 16 Strumenti Normativi Anti-Corruzione: L'ACLSU svolge un servizio di consulenza ed assistenza in materia di anti-corruzione Partecipazione ai subworking groups organizzati dal Global Compact, nell'ambito del gruppo di lavoro sul 10 principio sulla lotta

6 Contratti di Joint Venture Contratti di Intermediazione Omaggi Spese di attenzione verso terzi Segnalazioni anche anonime ricevute da eni Operazioni di compravendita e affitto di azienda Vendita di beni immobili Contratti di sponsorizzazione Iniziative no profit Standard di clausole contrattuali relative alla responsabilità amministrativa di impresa Acquisizione di consulenze, prestazioni e servizi professionali Conferimento di incarico a legali esterni Conferimento di incarico in materia amministrativo/contabile/fiscale Selezione e assegnazione di incarichi a broker/compagnie assicurative Selezione del personale Trasferte e servizi fuori sede del personale dirigente e non dirigente Conferimento incarico contenzioso lavoro finalizzato, fra le altre cose, all'implementazione delle procedure Anti- Corruzione in eni e nelle sue controllate. Eni, mediante l'unità ACLSU, inoltre cura i rapporti di sensibilizzazione alle iniziative e normative Anti-Corruzione dei potenziali partner. alla Corruzione, sia in ambito nazionale che internazionale e attività di cooperazione e confronto con istituzioni pubbliche e con il settore privato. In particolare adesione al World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: D5 Rispetto delle leggi anticorruzione da parte dei business partner Partecipazione a tavoli e gruppi di eni richiede il rispetto da parte dei Business Partner delle leggi applicabili, incluse le Leggi Anti-Corruzione, nell ambito delle attività di business svolte con eni, oltre al rispetto della MSG Anti-Corruzione e degli Strumenti Normativi specifici a seconda delle attività che il Business Partner è chiamato a svolgere. Richiesta di rispetto delle leggi applicabili, incluse le leggi anti-corruzione, oltre alla Normativa Anti- Corruzione di eni da parte dei business partner. lavoro in ambito nazionale e internazionale per l'individuazione delle best practice in materia di anticorruzione e attività di cooperazione e coordinamento con i principali stakeholders e partner di eni in materia di business partners e rischio di corruzione

7 L implementazione nei processi aziendali Indicatore: B3 Traduzione degli impegni in azioni Partecipazione a tavoli e gruppi di Rafforzamento della struttura ACLSU all'interno della Direzione Affari Legali di eni per consulenza legale specialistica, supporto e supervisione della formazione anti-corruzione. Emanazione della MSG Anti-Corruzione e degli Strumenti Normativi di dettaglio. Revisione della Normativa interna eni in termini di Anti-Corruzione. Attuazione delle prescrizioni previste dalla normativa eni Anticorruzione nei confronti dei partner operanti in aree a rischio corruzione. lavoro in ambito nazionale e internazionale per l'individuazione delle best practice in materia di anticorruzione, con particolare riferimento all attività svolta nell ambito dei gruppi di lavoro del Global Compact, sia a livello nazionale che internazionale. Indicatore: B4 supporto della leadership aziendale alla lotta alla corruzione Partecipazione della leadership aziendale a iniziative internazionali Normativa eni Anticorruzione approvata dal CdA di eni e nell adozione da parte delle Controllate, dai CdA delle Controllate. Messaggio da parte del Top Management nel contesto delle iniziative formative anticorruzione per il personale eni. In particolare: - messaggio del MD della controllata il cui personale è chiamato a partecipare all evento formativo, ad inizio workshop; - messaggio del Direttore Affari Legali di eni in conclusione dell elearning anticorruzione. sul tema della corruzione. In particolare: Prosecuzione delle attività legate alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anticorruzione e il settore privato il

8 ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public-Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare

9 eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile ed etico. Indicatore: B5 Comunicazione e formazione per tutte le persone dell azienda. Gli Strumenti Normativi di eni vengono diffusi mediante: - Sito intranet aziendale, funzione Nemo s, che contiene tutti gli strumenti normativi emessi ed i relativi aggiornamenti; - Casella di posta dedicata tramite la quale vengono pubblicati gli strumenti normativi di eni spa e le Policy; - Bacheca aziendale; - Alcuni strumenti normativi di Pubblicazione sul sito aziendale della normativa eni Anticorruzione. Promozione di comportamenti responsabili con particolare attenzione ai conflitti d'interesse sia Promozione di diversi seminari tematici in ambito nazionale e internazionale (incluso ambito del Network Italiano del Global Compact) in merito a tematiche Anti-Corruzione ed alle iniziative promosse dall'aclsu. Nell'ambito del working group sul

10 particolare rilievo (ad esempio, MSG Anticorruzione e strumenti normativi relativi alle Parti Correlate) vengono pubblicati anche sul Sito Internet di eni spa Programma formativo Anticorruzione iniziato sin dal 2009 e svolto mediante corsi elearning e workshop interattivi dedicati al personale a rischio individuato dalla funzione Risorse Umane di ogni singola società in base al tipo di attività svolta. Il primo ciclo formativo, indirizzato ai Key Officer di eni, si è concluso nel Il secondo ciclo formativo, che amplia ulteriormente la categoria dei destinatari, essendo indirizzato al Middle and Top Management di eni (Dirigenti e Quadri), è iniziato nel 2013 e proseguirà mediante corsi elearning e workshop interattivi. sul versante interno sia su quello dei fornitori, in coerenza al Codice Etico. Best effort dei rappresentanti di eni nelle joint venture alla condivisione di compliance program anti-corruzione in linea con quello di eni. Formazione Anticorruzione dedicata ai Fornitori di eni. Nel 2012 sono stati svolti, in collaborazione con la funzione HSE diversi eventi formativi in sito. 10 del GC sviluppo di un elearnig tool (The Fight Against Corruption tool) indirizzato al personale delle aziende. Indicatore: D6 Azioni volte a incoraggiare i business partner ad applicare gli impegni presi Emissione degli Strumenti Normativi Anticorruzione che disciplinano le attività considerate a rischio corruzione. Emissione Strumento Normativo relativo alla stipula dei contratti di JV nel quale è richiesto che il partner di eni sia noto e di eccellente reputazione. Inoltre deve essere adottato un efficace sistema di controllo interno e normativa anticorruzione coerente con quella eni. In tal senso il rappresentante eni attuerà il best effort affinchè il compliance program sia adottato e sia in linea con quello di eni. Le attività della JV saranno costantemente monitorate, verrà Impegno a usare la propria influenza affinché le società e gli enti in cui eni abbia una partecipazione non di controllo i partner operanti in aree a rischio di corruzione adottino e mantengano un adeguato compliance program in coerenza con Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione e attività di cooperazione e coordinamento con i principali stakeholders e partner di eni in materia di business partners e rischio di corruzione.

11 inserita la clausola contrattuale relativa alla responsabilità amministrativa di impresa e eni avrà diritto di recesso nonché diritto ad effettuare un audit sulle attività della JV. Emissione di Standard di clausole contrattuali in riferimento alla responsabilità amministrativa della Società per illeciti amministrativi dipendenti da reato. il compliance program di eni. Diffusione di principi e dei contenuti anticorruzione e del Codice Etico a tutti coloro con i quali eni intrattiene relazioni contrattuali. Utilizzo di standard di clausole contrattuali che prevedano il rispetto delle normative interne eni anticorruzione, della normativa nazionale ed internazionale vigente in materia e delle best practice di riferimento. Indicatore: D7 Responsabilità del management e diffusione dell impegno sull anti-corruzione (o relative policy) Normativa eni Anticorruzione approvata dal CdA di eni e nell adozione da parte delle Controllate, dai CdA delle Controllate. Responsabilità di tutto il personale eni del rispetto della normativa eni Anti- Corruzione e degli Strumenti normativi Anti-Corruzione. Presenza di canali dedicati per comunicare violazioni (Procedura Whistleblowing). Specifici incontri formativi con il top management. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione, con particolare riferimento all attività svolta nell ambito dei gruppi di lavoro del Global Compact, sia a livello nazionale che internazionale Prosecuzione delle attività legate

12 alla firma dell Accordo anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance, tra eni e l International Scientific and Professional Advisory Council of the United Nations on Crime Prevention and Criminal Justice (ISPAC), con l United Nations Office on Drugs and Crime (UNODOC) sul tema anticorruzione e il settore privato il ruolo dei programmi aziendali di compliance. Nel dicembre 2012 si è tenuta la conferenza sul tema International Strategies Against Corruption: Public-Private Partnership and Criminal Policies che ha visto la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni internazionali attive sul tema della corruzione quali UNODC e OCSE, delle istituzioni italiane e di professionisti del settore privato. Partecipazione, in ambito OCSE, al Gruppo di Lavoro Anti-Corruption istituito nell ambito del G20, con il compito di elaborare le raccomandazioni sul tema anticorruzione che il settore industriale dei Paesi G20 ha inviato

13 ai capi di Stato e di Governo. Nel giugno 2012 si è tenuto l incontro a Los Cabos, Messico, e il Direttore Affari Legali di eni ha coordinato il GdL legal and regulatory framework on anti.corruption. Eni sarà inoltre uno dei tre co-leaders dei gruppi di lavoro del B20 per il prossimo B20-G20 del 2013 in Russia insieme ad una società russa ed una sudafricana. In particolare eni avrà la co-presidenza della task force su trasparenza ed anticorruzione, ed il Direttore Affari Legali di eni sarà a capo del work stream 4 Strengthening the role of the private sector in improving the regulatory environment, including through dialogue with governments and reviews of multilateral conventions. Eni ha accettato l invito a nominare un rappresentante del Board del World Economic Forum Partnering Against Corruption Initiative (PACI), iniziativa che raccoglie circa 70 società nel mondo e istituita allo scopo di elevare gli standard aziendali e di contribuire a un business trasparente, responsabile

14 ed etico. Indicatore: D8 Inserimento di nuove clausole sui diritti umani nei contratti di approvvigionamento Clausole standard di compliance che impongono ai fornitori il rispetto, oltre che dei principi anti-corruzione, anche dei diritti umani. Indicatore: D9 Canali di comunicazione e meccanismi di follow-up per la rendicontazione e richiesta di assistenza Indicatore: D10 procedure di accounting e auditing su anticorruzione Regole di condotta sulla tenuta della contabilità previste dalla normativa eni Anti-Corruzione. Inserimento di principi di controllo anticorruzione di matrice contabile in tutti gli Strumenti Normativi Anticorruzione. L Internal Audit di eni esamina e valuta, in maniera indipendente, i controlli interni per verificare che sia rispettato quanto richiesto dalla normativa eni Anticorruzione. Indicatore: D11 Partecipazione alle iniziative volontarie Applicazione all interno dell azienda dei principi e regole di condotta anticorruzione attinenti alle iniziative volontarie alle quali eni aderisce. Creazione di un apposito GdL sui Diritti Umani finalizzato al riconoscimento dei principi fondamentali in materia di Diritti Umani e all inserimento di tali principi nelle principali attività del Gruppo. In tale contesto, creazione del Pubblicazione dei pagamenti verso i governi che aderiscono all EITI. Promozione di un tavolo di discussione fra i vari operatori dell area nel In collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero dello Sviluppo Economico eni partecipa alle tavole rotonde internazionali sull implementazione di EITI nelle realtà aziendali. Dal 2001 eni è membro del Global

15 sottogruppo di lavoro relativo al Land Management, finalizzato ad approfondire le problematiche relative ai Diritti Umani nel contesto di acquisizione e cessione dei terreni e nell ambito dei rapporti con i Governi stranieri. Inoltre, creazione di una collaborazione con l area Sostenibilità finalizzata ad esaminare le Stabilization Clauses all interno dei contratti che eni stipula con i governi dei Paesi nei quali opera ed individuazione di uno standard di clausola, conforme con gli standard e le linee guida internazionali, da proporre nella stipula di nuovi contratti. Tale attività, iniziata nel 2012, proseguirà anche nel corso del settore petrolifero, finalizzato alla condivisione di clausole standard anticorruzione, di facilitazione dei negoziati. Compact e partecipa alle Tavole Rotonde promosse relativamente al 10 principio contro la corruzione. Eni partecipa al Network Italiano del Global Compact come promotore verso le altre imprese italiane e facilitatore in seminari tematici Eni partecipa al Working Group Global Compact sugli Human Rights e sull Anti-corruzione, in questo ambito eni si è fatta promotrice della creazione di un oil&gas working group. Eni dialoga sistematicamente con Transparency International. Eni coopera con l International Bar Association (associazione internazionale della professione forense): eni e' stata invitata, come unica impresa, a partecipare ad una serie di convegni organizzati dall'iba con i consigli forensi delle giurisdizioni coinvolte, destinati a legali senior dei principali studi legali nel mondo sul tema della lotta alla corruzione.

16 Il monitoraggio Indicatore: B7 Processo di monitoraggio e sviluppo L Anti-Corruption Legal Support Unit riesamina e aggiorna periodicamente le Normative Anti-Corruzione. La direzione Internal Audit esamina e valuta in maniera indipendente i controlli interni per verificare che sia rispettato quanto richiesto dalla normativa eni Anticorruzione, sulla base del proprio programma annuale di audit, approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni. Le unità di business, l Organismo di Vigilanza, l Internal Audit e i revisori esterni della Società raccomandano miglioramenti alla normativa eni Anti- Corruzione. Nel caso venga scoperta una violazione, l Anti-Corruption Legal Support Unit valuta se eventuali revisioni o modifiche alle normative eni Anticorruzione possano aiutare a impedire il ripetersi della violazione. Ogni società controllata di eni deve rimediare adeguatamente a eventuali criticità emerse dal programma di compliance Relativamente al controllo sulla supply chain prima e dopo l'assegnazione di contratto presenza di un database sui subappaltatori; Definizione di un vendor managment System che prevede attività di qualifica dei fornitori, attività di feedback, visite di expection e auditing e relative attività correttive; Applicazione della norma SA 8000 nella catena di fornitura. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione Indicatore: D12 Grado di leadership nel monitoraggio e sviluppo dei risultati L Anti-Corruption Legal Support Unit di eni sottopone una relazione annuale sulla propria attività di monitoraggio all Organismo di Vigilanza e riceve la relazione annuale preparata da ciascuna delle Anti-Corruption Legal Support Units delle società controllate quotate e unbundled di eni

17 Indicatore: D13 Gestione delle violazioni Attraverso lo Strumento Normativo sulle segnalazioni anonime, Eni gestisce le segnalazioni, direttamente e indirettamente ricevute dall'azienda e dalle società controllate. Viene così garantita la ricezione, l'analisi e il trattamento di segnalazioni relative a problematiche di controllo interno, informativa societaria, responsabilità amministrativa della società, frodi o altre materie in violazione del Codice Etico, inoltrate da persone dell'azienda, membri degli organi sociali o anche da terzi. eni prende adeguati provvedimenti disciplinari, secondo quanto disposto dalle norme nazionali applicabili, dal contratto collettivo di lavoro e dal Modello 231, nei confronti di chiunque del personale eni (i) le cui azioni sono scoperte in violazione delle Leggi Anti- Corruzione o delle relative procedure, o (ii) che irragionevolmente ometta di rilevare o riportare eventuali violazioni o che minacci o effettui ritorsioni contro chi riporti tali violazioni. I provvedimenti disciplinari possono prevedere anche la risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro. La normativa eni Anticorruzione sancisce che eni non discrimina in alcun modo il personale che in buona fede e lecitamente abbia svolto attività di reporting relativamente a violazione delle stesse Per diffondere il meccanismo sulle segnalazioni la procedura è divulgata ai dipendenti e pubblicata sul sito aziendale. Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro in ambito nazionale e internazionale per l individuazione delle best practice in materia di anticorruzione

18 Indicatore: D14 pubblicazione di procedimenti legali sul tema corruzione Tutti gli Eventi Giudiziari Rilevanti ed i relativi aggiornamenti e sviluppi significativi, sia del procedimento giudiziario sia delle iniziative intraprese dalla funzione corporate o linea di business competente, sono comunicati con immediatezza al Team Presidio Eventi Giudiziari, interno ad eni spa. Il Responsabile della Segreteria Tecnica del Team predispone una relazione semestrale sulle comunicazioni ricevute e le attività svolte inviandone copia ai componenti del Team, al CEO e al Presidente di eni spa, all OdV, al Collegio Sindacale e al Comitato di Controllo e Rischi di eni spa. Le informazioni relative a procedimenti legali in materia di anticorruzione vengono riportate nella Relazione Finanziaria annuale. Indicatore: D15 utilizzo di certificazione esterna su programmi anticorruzione

RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI AnnoSLXIVSFasc.S1S-S2013 ISSNS0485-2281 MassimoSMantovani IL RUOLO DELLE AZIENDE NELLA LOTTA ALLA CORRUZIONE Estratto MilanoS SGiuffrèSEditore IL RUOLO DELLE AZIENDE

Dettagli

Programma anticorruzione

Programma anticorruzione Programma anticorruzione Questo Programma è nato e si è sviluppato anche grazie alla preziosa collaborazione di Pierluigi Vigna scomparso a Firenze nel settembre 2012 - che ha messo a disposizione la sua

Dettagli

Suppliers Day for Sustainability

Suppliers Day for Sustainability Suppliers Day for Sustainability - Lotta alla Corruzione in Snam Direzione Affari Legali e Societari snamretegas.it La Corruzione nel mondo Nella letteratura scientifica sul tema della corruzione, questo

Dettagli

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves 1. Responsabile della Conformità ( Chief Compliance Officer ) e Rappresentanti locali della Conformità ( Local Compliance Representatives )

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata

Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata Dott. Gianluca Cimini AD, BT Italia S.p.a. Roma, 5 Dicembre 2013 Agenda 1. Overview del gruppo 2. I potenziali rischi di corruzione in BT 3. I presidi

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi Segnalazione di Comportamenti Illegittimi (Whistleblowing) Global Policy Competence Line Responsabile: Legal & Compliance Data: agosto 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 Global

Dettagli

30 ottobre 2014. MODELLI ORGANIZZATIVI E LEGGE 231 case study. MARIO BUSSO - Presidente del Collegio Sindacale di Saipem S.p.A.

30 ottobre 2014. MODELLI ORGANIZZATIVI E LEGGE 231 case study. MARIO BUSSO - Presidente del Collegio Sindacale di Saipem S.p.A. 30 ottobre 2014 MODELLI ORGANIZZATIVI E LEGGE 231 case study LA SOCIETA Attività in più di 60 paesi > 50.000 dipendenti di 129 nazionalità Ricavi 2013 12,3 B Backlog 2013 17,5 B Patrimonio Netto 2013 4,6

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge

Policy sull etica del business e sulla conformità alla legge Policy sull etica del business e sulla conformità alla Approvata dal CdA di Adecco Italia Holding di Partecipazione e Servizi S.p.A. in data 9 Luglio 2007 Distribution List A: Ufficio Ruolo Note Tutti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015)

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) 1 PREMESSA Per whistleblowing (di seguito Segnalazione ) si intende qualsiasi notizia riguardante sospette

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012 Allegato 2 Revisione del 20/10/2014 Pagina 1 di 6 ALLEGATO 2 - PIANO 2014 D IMPLEMENTAZIONE DELLE MISURE TRASVERSALI E SPECIFICHE 1 PIANO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009 VERIFICATO DA: DIALEG

DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009 VERIFICATO DA: DIALEG Eni S.p.A. Circolare n. 377 del 12 novembre 2009 TIPOLOGIA DI STRUMENTO NORMATIVO: Linee Guida TITOLO: Linee Guida Anti-Corruzione NOTE: DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

L approccio di Eni alla trasparenza

L approccio di Eni alla trasparenza Trasparenza L approccio di Eni alla trasparenza Migliorare la governance e la trasparenza del settore estrattivo è un primo passo fondamentale per favorire un buon uso delle risorse e prevenire il verificarsi

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Anti-Corruzione. Management System Guideline. 5 novembre 2014. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014

Anti-Corruzione. Management System Guideline. 5 novembre 2014. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014 TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA Management System Guideline Anti-Corruzione 5 novembre 2014 Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014 1 Messaggio del

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A.

CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A. CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A. DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL Pagina 2 di 14 Indice 1. Premessa... 3 2. Ambito di applicazione... 3 3. Definizioni... 3 4. Riferimenti...

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD FORMAZIONE E DIFFUSIONE Codice Documento: MOG 231 PFD 1 COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SUL POSTO DI LAVORO DI ELECTROLUX

CODICE DI CONDOTTA SUL POSTO DI LAVORO DI ELECTROLUX CODICE DI CONDOTTA SUL POSTO DI LAVORO DI ELECTROLUX Dichiarazione della politica di Electrolux Il Gruppo Electrolux aspira ad essere la "migliore" azienda di elettrodomestici al mondo nella prospettiva

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri. Milano, 12 Ottobre 2015

Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri. Milano, 12 Ottobre 2015 Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri Milano, 12 Ottobre 2015 Agenda Introduzione - F. Albieri L'impegno dell'aiia e del

Dettagli

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact.

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact. Tavole riassuntive TAVOLE RIASSUNTIVE La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global. ELEMENTI DI REPORTING Il Bilancio di Sostenibilità

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI UN CODICE ETICO Premessa L Associazione degli Enti di Previdenza Privati, di seguito denominata AdEPP, in piena adesione ai principi di lealtà, imparzialità, riservatezza

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Management System Guideline. Anti-Corruzione. 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I

Management System Guideline. Anti-Corruzione. 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I Management System Guideline Anti-Corruzione 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I Pag. 3 di 33 Sommario Revisioni Data Revisione Process Owner Controllato Approvato 30/06/2015 01 M. Colombo LEGAS Comitato

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi Management System Guideline Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi 11 aprile 2013 1 Messaggio del CEO Il Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi (di seguito SCIGR) è considerato in eni

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Management System Guideline Anti-Corruzione

Management System Guideline Anti-Corruzione Guideline SOMMARIO 1 DEFINIZIONI ABBREVIAZIONI E ACRONIMI...3 2 RUOLI E RESPONSABILITÀ...6 3 INTRODUZIONE...7 3.1 Obiettivo...7 3.2 Applicazione...8 3.3 Modalità di adozione da parte delle Società Controllate...8

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Fiat Group Case Study Mauro AIMETTI Milano, 22/05/2008 Agenda Fiat Group Overview Il Sistema di Controllo Interno Normativa di riferimento Whistleblowing Policy Milano, 22/05/2008

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

Norme in materia di corruzione

Norme in materia di corruzione Norme in materia di corruzione 1 Introduzione 1.1 Obiettivo L obiettivo delle presenti norme è quello di garantire che Ebiquity e i suoi dipendenti agiscano in conformità alle politiche e alla buona prassi

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Questa Communication on Progress vuole descrivere sinteticamente come sono stati espressi dall Automatic Service Srl nel 2012 i Principi del Global Compact. L Automatic Service

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE

INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. DISPOSIZIONI COMUNI 2.1 DESTINATARI 2.2 RESPONSABILITÀ DELL ASSOCIAZIONE 3. PRINCIPI ETICI DELL ASSOCIAZIONE 3.1 VALORE STRATEGICO DELLE RISORSE UMANE 3.2 LEGALITA 3.3

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

Programma Premium Integrity. Compliance Program Anti-Corruzione

Programma Premium Integrity. Compliance Program Anti-Corruzione Programma Premium Integrity Compliance Program Anti-Corruzione Data di pubblicazione: Ottobre 2013 Indice 1 L approccio Pirelli per contrastare la corruzione...4 2 Il contesto normativo...6 3 Programma

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali. Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa

La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali. Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa La Normativa Anti-Corruzione Al fine di assicurare il massimo

Dettagli

Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea)

Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea) Aspetti Generali Periodo coperto dalla tua Comunicazione Annuale (COP) Dal: Al: Lettera di supporto continuo al Global Compact dei vertici aziendali (CEO o prima linea) Inserisci una lettera di supporto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA SEASTEMA è una società che si occupa di impostazione, progettazione, sviluppo e realizzazione di Sistemi di Automazione integrata nel campo della costruzione navale estesa

Dettagli

2.1. Ottemperare alle disposizioni legislative e normative nazionali e internazionali

2.1. Ottemperare alle disposizioni legislative e normative nazionali e internazionali CODICE ETICO 1. Introduzione Il codice etico Ahlstrom illustra i principi etici che sono alla base delle varie attività svolte in ambito aziendale. Si fonda sui nostri Valori fondanti - Agire in modo responsabile;

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione PORTO TURISTICO DI CAPRI Principi di Comportamento Anticorruzione AI SENSI DELLA LEGGE 190/2012 Responsabile della trasparenza Dott. Fabrizio De Maddi 10/12/15 Approvati nella seduta del CDA del 15 dicembre

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO 1 CODICE ETICO INDICE 2 - INTRODUZIONE E DESTINATARI. - VALORI. - PRINCIPI FONDAMENTALI. - RAPPORTI CON: Personale e collaboratori; Terzi. - SANZIONI DISCIPLINARI. INTRODUZIONE E DESTINATARI. TEMA RICERCA

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Marzo 2013. Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway)

Marzo 2013. Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway) Marzo 2013 Fraud management e whistle blowing Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway) La gestione del rischio di frode aziendale, insieme

Dettagli

GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI RICEVUTE DALL ORGANISMO DI VIGILANZA E DAI SOGGETTI PREPOSTI DI HS PENTA S.P.A.

GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI RICEVUTE DALL ORGANISMO DI VIGILANZA E DAI SOGGETTI PREPOSTI DI HS PENTA S.P.A. Documento effettivo dal: 22 Luglio 2014 1 SCOPO Scopo della presente procedura ( Procedura Generale ) è descrivere le fasi in cui si articola il macroprocesso descritto nel successivo 2, al fine di prevedere:

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Introduzione. 1. Ambito di applicazione e destinatari. 2.Principi etici

Introduzione. 1. Ambito di applicazione e destinatari. 2.Principi etici CODICE ETICO Indice Introduzione 1. Ambito di applicazione e destinatari. Principi etici.1. Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari.. Valore della persona e delle risorse umane.3. Riservatezza.4.

Dettagli

MAGGIO 82 cooperativa sociale

MAGGIO 82 cooperativa sociale Organizzazione MAGGIO 82 cooperativa sociale Largo Clinio Misserville, 4/7-00144 Roma (RM) Tel. 06.97746401 Fax: 06.97746399 Web : www.maggio82.it E-Mail : maggio82@maggio82.it Sede legale: Via Laurentina,

Dettagli

Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità.

Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità. Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità. Codice di condotta dei Fornitori del gruppo TUI Travel PLC Guida per i Fornitori ( Fornitori ) del

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (COVERED BUSINESS PARTNER) (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) Procedura: DICHIARAZIONE La Sottoscritta Impresa/Società con sede e domicilio fiscale in Iscrizione

Dettagli

IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI

IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI RISK MANAGEMENT Approvato dal CdA del Dicembre 2010 1 Genesi Modello di Risk Management DP&V, con l emanazione del Modello di gestione del sistema

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli