MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna e-mail guizzard@stat.unibo."

Transcript

1 MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna 1) Turismo e viaggi d affari Dall inizio degli anni 90, quando il turismo è diventato il primo comparto al mondo in termini di PIL e occupati 1, sono cresciuti gli sforzi fatti dalle agenzie pubbliche di informazione per fornire dati statistici utili alla sua analisi. Il grande lavoro svolto di recente sulla costruzione dei conti satellite del turismo è solo l ultimo momento del processo di definizione e misurazione che in Europa è riassunto in oltre 10 anni di direttive Eurostat sulle statistiche del turismo. Definire il turismo è un compito al tempo stesso arduo - dato che non si tratta di un settore di attività economica vero e proprio - e importante visto che il risultato della misura dipende dalla definizione di turista e quindi dalla identificazione dell unità statistica di osservazione. Se si considera, da un punto di vista economico, il turismo come l insieme delle attività di produzione di beni e di erogazione di servizi che contribuiscono a soddisfare i bisogni di un tipo particolare di consumatore ci si rende conto che non vi è nessuna branca di attività economica fra quelle previste dalle classificazioni ufficiali che produce in modo esclusivo beni e servizi destinati ai consumatori. Le diverse definizioni possibili dal lato dell offerta sono quindi facilmente criticabili e si è preferito tentare di definire i confini del comparto turistico dal lato della domanda. Vi sono diverse definizioni di turismo. Nelle più comuni, che in parte si sovrappongono, e in quella ufficiale di ONU ed OMT, si fa riferimento a tre elementi che riguardano: gli spostamenti verso luoghi diversi da quelli abitualmente frequentati, la durata dello spostamento e il motivo che ha dato origine allo spostamento. Il turismo è quindi ricondotto alle attività svolte dai soggetti identificati come turisti entro determinati limiti di durata dello spostamento e motivi che lo hanno provocato. Nella definizione statistica si spezza l identità tra turismo e vacanza per inserire le attività turistiche nel contesto più generale della mobilità delle popolazioni. Allo stesso tempo rimangono identificate differenti tipologie turistiche che circoscrivono segmenti con connotazioni solo in parte comuni, 1 World Travel and Tourism Council (1993), Travel and Tourism: A New Economic Perspective, pg.1.

2 tanto dal lato della domanda che da quello dell offerta. Tra questi si distinguono: lo svago / tempo libero (leisure) e gli affari/lavoro (business) 2. In termini assoluti si stima che il primo segmento valga circa tra 3 e 4 volte il secondo 3 ma più che alla dimensione l importanza del segmento affari 4 nelle economie sviluppate è legata ai caratteri differenziali rispetto al turismo di svago. Tra i caratteri distintivi di chi viaggia per affari vi è infatti una alta capacità di spesa - che generalmente determina anche un forte indotto nel segmento ristorazione una limitata domanda di risorse naturali, ed una stagionalità poco marcata o addirittura complementare a quella delle vacanze. Oltre a produrre un maggior valore aggiunto unitario, la produzione per affari è quindi maggiormente sostenibile e garantisce più alti tassi di utilizzo della capacità produttiva; inoltre in molti paesi sviluppati il segmento affari ha tassi di crescita costantemente superiori a quelli del segmento leisure. La valutazione è però possibile solo sulla base di indagini particolari, ipotesi ad hoc o simulazioni statistiche 5 dato che mancano misure attendibili, complete e confrontabili soprattutto nel segmento dei viaggi individuali. Il divario tra domanda e offerta di informazione statistica è anche evidenziato dall enorme quantità di ricerche e studi pubblicati da soggetti privati (gestori di carte di credito, charge card, vettori di trasporto o catene alberghiere). Questa produzione è un chiaro segnale che i dati pubblici sui viaggi d affari sono insufficienti per compiere sia analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato. Da un punto di vista statistico una riflessione su come il turismo per affari è ad oggi definito risulta misurato, è preliminare ad ogni altra considerazione per rispondere al bisogno conoscitivo di un economia in continua evoluzione dove il turismo è destinato a giocare un ruolo sempre più importante. 2 La distinzione non esaurisce lo spazio di motivazioni della domanda di turismo dato che tra queste andrebbe considerato anche il turismo per studio. Gli studenti fuori sede, pur se ignorati dalle attuali statistiche ufficiali, rientrano a pieno titolo nella definizione di turisti. I loro spostamenti sul territorio determinano inoltre un impatto rilevante sull economia delle città universitarie. Nella sola città di Bologna si stima vi siano fra 6 e 7 milioni di presenze all anno; vedi: Tassinari F. (1994); Turismo culturale e turismo di studio, Rivista italiana di economia demografia e statistica, Davidson R. Coppe B. (2003), Business travel, Prentice Hall, London. 4 In tutti i sotto segmenti in cui è usualmente distinto: i viaggi individuali, convegni e congressi, incentive, exibitions e corporate hospitality; vedi Davidson R. (2001), Distribution channels analysis for business travel, in Laws E. and Buhalis D., Tourism distribution channels: practices, issues and transformations, Continuum, London. 5 British Tourist Authority (2003), Business tourism breefing Document of the Business Tourism Partnership, compiled By Tony Rogers per la Gran Bretagna; WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed. UK. per altri paesi.

3 2) La misura dei viaggi per affari, problemi e una proposta Stando ad un indagine ISTAT 6 condotta presso le famiglie, i viaggi per affari degli italiani che prevedono almeno un pernottamento in albergo sono 10,7 milioni (circa 8 milioni stimabili solo per Italia). Per lo stesso anno i viaggi d affari (con e senza pernottamento) di italiani all estero stimati dall UIC 7 sono circa 10 milioni. Il semplice esempio mostra la probabile sottostima connessa alla misura dei viaggi d affari dal lato della domanda 8. L esempio, riferito al caso italiano, è inoltre paradigmatico della situazione delle statistiche sui viaggi d affari in gran parte d Europa. Il giudizio non positivo sull informazione diventa invece oggettivo se basato sul piano qualitativo; a fianco delle informazioni demografiche mancano, ad esempio, informazioni sulla spesa disaggregata per caratteri strutturali di chi acquista il viaggio. L aspetto è meglio puntualizzato in diversi rapporti ufficiali 9 dove si rileva che nonostante l importanza del settore, l attuale sistema per la misura statistica dei flussi di viaggi e turismo mostra carenze soprattutto dal punto di vista della raccolta di informazioni economiche. Il problema della rappresentatività delle statistiche sui movimenti per affari non è di poco conto dato che si crede sia da ricondurre alla stessa definizione di domanda di turismo. Non distinguere tra consumatore leisure e consumatore di viaggi d affari, conduce ad una errata assunzione dell unità statistica oggetto di rilevazione soprattuto quando si vogliono misurare i viaggi individuali. Per gli uffici di statistica il turista è sempre e solo il viaggiatore anche quando questi non decide il come, il quando viaggiare o quanto spendere per soddisfare un bisogno di mobilità che, oltretutto, non è proprio ma di un terzo soggetto. Sul piano della rilevazione statistica definire la domanda guardando al sul consumo del viaggio, senza preoccuparsi di porre l accento sulla decisione di acquisto, ha come conseguenza che l unità statistica di riferimento è sempre il viaggiatore (o la famiglia), che si tratti di rilevare turismo di svago o viaggi di affari. Per misurare questi ultimi il viaggiatore non rappresenta però l unità statistica ottima e nemmeno la più informata visto che è spesso escluso dalla decisione di acquisto e che subisce le modalità di svolgimento (destinazione, tempistica, mezzo di trasporto, alloggio, ecc...). L intervistato consuma cioè un bene intermedio acquistato da altri il cui valore (il costo) può essergli ignoto perché stabilito nell ambito 6 Istat (2002) Indagine sui viaggi e vacanze degli italiani, Istat, Roma. 7 UIC (2002), Turismo internazionale dell Italia, UIC, Roma, 8 Dal lato dell offerta la pubblicazione Istat (2002) Statistiche del turismo Istat, Roma, riporta i seguenti dati: arrivi italiani in alberghi 4 e 5 stelle 15 milioni, arrivi di italiani in albergo nei soli mesi di ottobre, novembre, e marzo 10 milioni (al netto di quelli nelle province di Venezia, Firenze Roma e Napoli aggiungendo gli arrivi a Milano e Torino di tutto l anno). Pur trattandosi di basate su ipotesi molto semplificate del comportamento dei turisti d affari anche questi risultati confermano una probabile sottostima dei flussi dal lato della domanda. 9 OECD (2001) Measuring the Role of Tourism in OECD Economies, The OECD manual on tourism satellite accounts and employement, enterprise, industry and service, OECD, Paris.

4 di vere e proprie convenzioni tra acquirente e fornitori, e fatturato direttamente all acquirente dall agente di viaggio o da gli stessi fornitori. Chi effettivamente decide dell acquisto di input intermedio viaggi d affari è invece l impresa, l ente pubblico o l associazione (i manager incaricati) che sarebbero quindi i soggetti da intervistare per conoscere la reale dimensione del mercato e le modalità di gestione di questo input produttivo. Gli effetti della mancata distinzione tra viaggi come consumo finale e viaggi come consumo intermedio sono però ignorati dagli istituti di statistica che seguono precise direttive 10 nella rilevazione dei viaggi d affari e di svago. In particolare l Eurostat suggerisce di scegliere tra: indagini dirette presso le famiglie, indagini alle frontiere o riassunti della spesa effettuata con carte di credito (vedi tabella 1). Tabella 1. Rilevazioni sui viaggi/turismo nei principali paesi dell UE. Indagine Paesi sulle famiglie TUTTI alle frontiere IT, IE, FI, GB, PT, ES presso l'offerta di servizi (es hotels) DK, IT,FI,PT presso i viaggiatori nelle strutt. ricett. DK, DE,FR,NL,PT presso gli intermediari turistici DK sui movimenti di valuta) TUTTI Dati da carte di credito AT, BE, DK, ES, IT, LU, PT, Conto satellite AT, FI, FR, SP(provvisorio) Non incluse indagini svolte una tantum o con periodicità superiore all anno (situazione al 03/2003). AT = Austria, BE = Belgio, DE = Germania, DK = Danimarca ES = Spagna, FI = Finlandia, FR = Francia, GB = Gran Bretagna, GR = Grecia, IE = Irlanda, IT = Italia, NL=Olanda, PT = Portogallo. Oltre ad essere discutibile sul piano teorico, rifarsi ai viaggiatori per rilevare i movimenti e le caratteristiche dei viaggi d affari è anche tecnicamente inefficiente rispetto al referimento alle imprese. La popolazione dei viaggiatori non è nota ma è sicuramente più ampia e soprattutto meno identificabile di quella delle imprese 11. L efficacia di un piano di rilevazione dei movimenti per affari interni ad un Paese basato su intervista alle famiglie è anche ridotta dai maggiori errori di copertura e dalla difficoltà di intervistare gli individui che viaggiano più spesso. Inoltre chi è intervistato sui viaggi dei vari componenti del nucleo familiare, è più probabilmente informato (correttamente) sui viaggi di piacere, che magari lo hanno coinvolto personalmente, piuttosto che sui viaggi di lavoro. In ogni caso gli intervistati hanno meno dimestichezza a collaborare con gli istituti di statistica e meno informazioni sull escursionismo (che infatti è escluso dalla 10 Eurostat (2000), Technical group travel report, Balance of Payments Working Party executive summary, Kirchberg, Luxembourg. 11 Un distingo va posto tra le rilevazioni dei movimenti interni ad un Paese e dei movimenti attraverso una frontiera, il passaggio della quale individua il viaggiatore.

5 rilevazione) rispetto a quelle disponibili ad una impresa dotata di contabilità analitica dei costi. L attuale sistema statistico ha dunque un "cono d'ombra" sui movimenti per affari. Da un lato le rilevazioni sui viaggiatori producono risultati poco informativi sul piano economico e probabilmente sottostimati; dall'altro le inchieste dirette alle imprese non rilevano i costi per i viaggi d'affari nonostante il loro peso tra i costi aziendali sia non secondario. Il punto di vista dell impresa sarebbe invece rilevante per compiere analisi economiche o valutare i provvedimenti di politica economica da adottare in questo ambito. Ad esempio per determinare il PIL diretto ed indiretto del settore, le informazioni ausiliare richieste al viaggiatore: età, struttura familiare, sesso, area di provenienza, sono infatti meno importanti rispetto ad informazioni sulla spesa disaggregata per variabili strutturali dell impresa come settore produttivo (ATECO) o dimensione. Per disporre di una visione completa del comparto, accanto alla indagini attualmente in corso sarebbe quindi necessario raccogliere informazioni economiche sui viaggi intervistando direttamente imprese, amministrazioni pubbliche e associazioni. Un primo passo potrebbe essere includere i viaggi d affari tra le informazioni rilevate nelle indagini ufficiali sulle imprese, svolte da tutti gli istituti di statistica nazionali. Attualmente le indagini annuali sul PIL non considerano infatti la spesa per viaggi anche quando rilevano i costi di produzione con un dettaglio molto elevato 12. La spesa per viaggi d affari (dal lato dell impresa) è invece rilevata solo mediante indagini periodiche finalizzate a costruire le tavole Input-Output nazionali. Purtroppo le informazioni sono spesso datate (da 4 a 8 anni in media) 13 e, seppure importanti, non sono sufficienti per costruire un conto satellite. Nell esperienza USA ad esempio solo le spese per viaggio principale e albergo sono ricavate direttamente dalla tavola I-O; le spese accessorie per pasti, carburanti e trasporti locali sono stimate sulla base di dati forniti da un indagine American Express, proprio sulle imprese. Per superare l attuale fase di parziale copertura del settore è quindi necessario rileggere la definizione di domanda turistica e permettere agli istituti nazionali di separare le indagini nei segmenti leisure e business. Rimane ovviamente l interrogativo sulle difficoltà tecniche di una simile operazione. Per dare una prima risposta, seppure parziale, nel nov.-dic è stata svolta una indagine 12 Nell indagine campionaria sulle imprese con meno di 20 addetti svolta dall Istat tra i costi di produzione figurano le spese per: pubblicità, lavorazioni di terzi, noleggio, trasporti (non distinguendo tra merci e persone), provvigioni, ricerche di mercato, consulenze, servizi bancari, servizi di informatica, oneri bancari, oneri di assicurazione, fitti passivi, royalties, formazione, smaltimento rifiuti, altri servizi. Anche nel questionario destinato alle imprese con più di 100 addetti compare una unica voce aggregata per riassumere le spese in servizi nella cui descrizione non è però contenuto nessun riferimento esplicito ai viaggi per affari. 13 In Italia è attualmente in corso un indagine che si riferisce al I risultati saranno però disponibili non prima della seconda metà del 2004.

6 campionaria sui viaggi d affari delle imprese italiane i cui principali elementi progettuali sono riassunti nel seguente paragrafo insieme ad alcuni risultati. 3) Una indagine sul mercato italiano; aspetti statistici e principali risultati 14 L indagine ha come obiettivo la misura della spesa per viaggi d affari da parte delle imprese italiane definita come il totale dei costi per viaggi registrati a bilancio. Le risorse disponibili hanno imposto di escludere le imprese agricole, il pubblico impiego e le piccole imprese dall universo di riferimento che è pertanto limitata alle sole imprese private di dimensione superiore a 10 addetti (nell'industria) e 5 addetti (nei servizi). L universo è definito ricorrendo all archivio ASIA 2000 e rappresenta circa il 10% delle imprese ed il 55% degli addetti. Per l indagine si è scelto un piano di campionamento stratificato ad uno stadio come usualmente avviene nelle indagini presso le imprese. La previsione di realizzare un numero compreso tra 200 e 250 interviste ha consigliato di limitare il numero degli strati a 4; come variabili di stratificazione sono state considerate la dimensione (meno di 100, e 100 o più addetti) e la classificazione produttiva (industria e servizi). Nella scelta si sono considerati i risultati ottenuti in una precedente indagine pilota svolta nel 2001 che ha anche consentito di ottenere una stima preliminare della varianza di strato considerata per determinare la numerosità campionaria rispetto alla classificazione produttiva. Rispetto alla dimensione si è invece vincolato a priori la numerosità complessiva nei due strati (grandi e piccole imprese) rispettivamente a 1/3 e 2/3. La scelta è stata dettata dalla volontà di garantire maggiore controllo della variabilità campionaria nelle imprese più grandi (economicamente più rilevanti). La lista delle imprese è l annuario KOMPASS/SEAT ed ; problemi di segreto statistico hanno infatti impedito di utilizzare direttamente l archivio ASIA Il fatto ha determinato un errore non campionario di copertura il cui effetto è però difficilmente quantificabile dato il costo di una interrogazione totale dell archivio imprese. Il problema è comunque soprattutto evidente per le unità meno rilevanti ; infatti da informazioni ausiliarie si può stimare che l elenco copra circa 2/3 delle grandi imprese e 1/3 di quelle considerate piccole. Il processo di raccolta dei dati ha riguardato 1600 aziende scelte casualmente. La raccolta dei dati è avvenuta mediante questionari postali e fax. E stato 14 Per una nota metodologica piu dettagliata si rimanda ad una prossima pubblicazione su quaderno di ricerca del Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati.

7 successivamente necessario un lungo lavoro di recall telefonico. Per ogni strato, le unità totalmente non rispondenti sono state ordinate casualmente e ricontattate in ordine successivo fino a raggiungere le proporzioni stabilite sulla base dei dati ASIA Il tasso finale di risposta è stato del 13% (206 questionari completati) un risultato che dipende dalla grande richiesta di informazioni (21 domande). Molto più alto il tasso di risposta medio per questionario che sfiora il 90%. Non si sono evidenziati rilevanti problemi di autoselezione dei rispondenti rispetto a variabili quali: classificazione ATECO a due cifre, dimensione e area geografica (macro aree Nielsen). Il processo di verifica della coerenza interna delle risposte è basato sull analisi delle somme percentuali e sul controllo dei rapporto tra spesa in viaggi d affari e addetti e/o fatturato. Le imprese che presentavano valori considerati anomali perchè superiori a 3 volte lo scarto quadratico medio di strato, (12 in totale) sono state ricontattate. Il trattamento della mancata risposta parziale è stato affrontato con metodologie hot-deck dopo avere determinato le classi di imputazione in base alle variabili ATECO, addetti, e costo medio del singolo viaggio (classi). Nel caso fossero tali informazioni a mancare, si è provveduto a ricontattare il non rispondente e solo nel caso di ulteriore non risposta a imputare il dato attraverso correlazioni con variabili note. Il lavoro ha consentito di stimare in 18 miliardi di Euro 15 la spesa 2002 per viaggi d affari nel segmento corporate, un dato che pone il segmento in una posizione di assoluto rilievo. Tale spesa è generata da circa 30 milioni di viaggi (di cui oltre 21.5 milioni in Italia); i viaggi con almeno un pernottamento sono 19,5 milioni. Circa il 65% dei viaggi è motivato per incontrare clienti o fornitori mentre il 25% ha come motivo il partecipare a riunioni aziendali. La dimensione campionaria non consente di spingersi molto avanti nel dettaglio dei risultati, a meno di non accontentarsi di semplici indicazioni descrittive 16. Va però sottolineato come la prospettiva aziendale permetta sia di classificare l informazione per variabile strutturale (settore, dimensione), sia di analizzare il processo di acquisto dei viaggi (la travel policy) sia di calcolare alcuni indici (vedi tabella 2). L incidenza complessiva della spesa sul fatturato (1.1%) è in linea con quella stimata in una recente simulazione di conto satellite del turismo Italiano 17 ; qui l incidenza dei viaggi d affari sulla produzione totale ai prezzi base è l 1,2% per l intera economia (piccole imprese e pubblica amministrazione compresa). 15 Precisione 10% all 80% di significatività) 16 Risultati più dettagliati sono riportati in Guizzardi (2003) I viaggi d affari delle aziende italiane nel 2002: dimensione del mercato e previsione delle tendenze La Rivista del Touring, n 4, Touring Club Italiano ed. 17 WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed., UK.

8 Tab. 2) L incidenza della spesa per viaggi d affari Spesa su fatturato Spesa per addetto (Euro x 1000) Industria 1.0% 2.1 Commercio 0.5% 1.9 Servizi (non comm.) 2.0% 1.9 Totale 1.1% 2.0 Un risultato da evidenziare, anche perchè ritenuto robusto rispetto alla dimensione campionaria, è la maggiore stabilità intrasettoriale del rapporto spesa su addetti rispetto a quello spesa su fatturato. Il punto è rilevante oltre il numero, perchè indica che all ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e fatturato, spesso utilizzata nei modelli statistico-economici per superare la carenze di informazione pubblica 18, è preferibile quella di proporzionalità tra spesa e addetti. 4) Conclusioni La crescente importanza dei viaggi collegati a motivazioni d affari e alcune carenze dell attuale sistema informativo pubblico, soprattutto per quanto riguarda i flussi interni e il segmento viaggi individuali, hanno suggerito una prima riflessione sulle definizioni e gli strumenti di misura utilizzati. Il risultato principale è la evidenziata necessità di criticare l identità di definizione tra domanda di turismo e viaggiatore che, se accettabile per i viaggi di svago, non lo è per i viaggi di lavoro. Qui chi viaggia lo fa spesso per soddisfare un bisogno non proprio e soprattutto senza intervenire sulla decisione d acquisto che è delle imprese, degli enti pubblici, o delle associazioni. In altri termini la scelta equivale a non distinguere la domanda per consumi finali e quella per consumi intermedi una situazione che non si ripropone per nessun altro bene o servizio. Le imprese e non le famiglie dovrebbero essere quindi considerate come unità di rilevazione nelle indagini sui viaggi per affari. La soluzione oltre a migliorare la qualità dell informazione (sicuramente sotto il profilo dell informazione economica) renderebbe più semplice la rilevazione statistica come mostrato attraverso un indagine sperimentale condotta sul solo segmento corporate. Come primo risultato si è mostrata la grande potenzialità di un indagine sugli acquirenti ; è infatti stato possibile collegare i comportamenti di acquisto e la 18 Ad esempio in Woollett G., Townsend J., Watts G. (2002) Development of QGEM-T a Computable General Equilibrium Model of Tourism, Office of Economic and Statistical Research working paper, Queensland Treasury, Australia.

9 spesa a variabili economiche di struttura oltre che a informazioni sulle modalità di gestione. Si è mostrato che è possibile ottenere informazioni cruciali sia per le analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia per analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato o la costruzione di un conto satellite del turismo. Come secondo risultato si sono ottenute stime dei viaggi (30 milioni) e dell escursionismo d affari (11 milioni). Il dato sui viaggi con pernottamento risulta più elevato rispetto ai dati ufficiali ma in linea sia con quanto misurato da organismi internazionali sia con alcune valutazioni qualitative che si possono compiere analizzando i dati ufficiali dell offerta di turismo. Si è infine dimostra la rilevanza della segmentazione per settore produttivo nel determinare alcune caratteristiche dei viaggio d affari anche se tale dipendenza non è omogenea rispetto al carattere scelto. Ad esempio si è mostrato che l incidenza della spesa per viaggi sul fatturato è più variabile rispetto al settore produttivo che non il rapporto della spesa per viaggi sugli addetti. Il punto è rilevante nelle analisi economiche dove l ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e dimensione aziendale è spesso richiamata. Summary Tourism is an important part of modern societies and plays a crucial role within the world economy. Is a demand-side concept involving a wide range of activities and different motivations to consume, mainly leisure or business or study. Developed economies are generally mature markets for leisure tourism, so that attention is gradually shifting towards business travel. The latter helps to reduce seasonality, it is more valuable than leisure tourism and - because of business trends in management, market globalization and training activities - it shows a rate of growth that generally exceeds the overall tourism growth rate. Despite the sector s importance, present-day statistics on tourism do not provide sufficient business information, as pointed out in several official reports (see among others OECD 2001). This lack of information is a necessary consequence of Eurostat s (2000) suggestion to use household surveys for data collection. Such an approach produces no or very little relevant data about business travel s structure and costs limiting the possibility to evaluate indirect GDP, business policy effects, or to prepare a satellite account. The critical point is demand definition. Households represent only tourism final demand; therefore they are not the optimal statistical units when the focus is on tourism as an intermediate consumption. The decision to buy business travel is not generally taken by travellers themselves but by

10 company managers (enterprises), who are the only subjects knowledgeable about travel costs, purchasing processes or travel policies. In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys. The question is whether today s official business surveys can be directly and effectively extended to survey business travel expenditure. In the work we have also presented the methodology and the results of an explorative survey on the corporate segment of the Italian business travel market. Data on business travel expenditure were collected through a direct survey of Italian enterprises. Only enterprises with more than 4 employees (if in the service sector) and more than 9 employees (if in the industrial sector) were included in the study. Mail, fax and questionnaires were sent to a sample of 1,600 firms; the final response rate was 13% (206 completed questionnaires) but it was necessary to later telephone. Although limited sample size does not allow for a very detailed analysis, results provide sufficient evidence to counter the frequently advanced hypothesis of indipendence between productive sector and business travel expenditure (i.e. the fixed proportions between travel expenditures and enterprise s size) Official statistics should no longer ignore or downplay the role of business travel as part of tourism sector. In order to provide a fuller picture, business travel costs should be included among other productive costs in official surveys to enterprises. This work shows that this is feasible, at least from a technical point of view. The main problem remains theoretical and it is tied to business travel demand definition. Until it will not be possible to correctly measure business travel relevance but to be In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys.

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica?

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Media Relations Lo studio Obiettivo del presente studio è ottenere informazioni sulla gestione dell attuale crisi economica da parte dei

Dettagli

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010 Nota metodologica Gli indici del fatturato dei servizi sono indicatori congiunturali, prodotti a cadenza trimestrale, che hanno l obiettivo di misurare l andamento infrannuale del valore dei servizi venduti

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo

I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo I numeri con dati aggiornati al 31 dicembre 214 A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio I trend del turismo a Roma:

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD

A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD INDICE I trend del turismo a Roma p. 3 Il vantaggio di Roma rispetto alle altre grandi mete turistiche italiane

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE TURISMO E IMPRESE TURISTICHE 1 Alcune definizioni secondo le statistiche internazionali Escursionisti (same day visitors) Turisti (da minimo una notte a massimo un anno lontano dal luogo usuale dove vivono)

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Giampiero Siesto Viviana

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Destination management. Destination management

Destination management. Destination management 1 DESTINATION MANAGEMENT Turismo e Destinazione 2 Dati questi 4 gruppi, il turismo può essere definito come insieme dei fenomeni e delle relazioni che si sviluppano dall interazione fra gli attori, sia

Dettagli

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Le nostre strategie Patrizio Bianchi Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Il cambiamento recenti approcci di politica industriale Due esempi, uno voluto ed uno non voluto

Dettagli

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN

MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN MATCHING MOMENT 22-23 GIUGNO 2012 SOCIO GIOVANBATTISTA TESTOLIN CHI SIAMO ATTIVITA & INTERESSI Consulente Strategia e Organizzazione Interessato a sviluppare attività con focus sulla Sostenibilità in forma

Dettagli

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF

Get Instant Access to ebook Venditore PDF at Our Huge Library VENDITORE PDF. ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF ==> Download: VENDITORE PDF VENDITORE PDF - Are you searching for Venditore Books? Now, you will be happy that at this time Venditore PDF is available at our online library. With our complete

Dettagli

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Claudia Rinaldelli ISTAT Direzione Centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita Introduzione al

Dettagli

Indagine sulle metodologie di rilevazione dei flussi turistici e della spesa sui mercati stranieri

Indagine sulle metodologie di rilevazione dei flussi turistici e della spesa sui mercati stranieri Indagine sulle metodologie di rilevazione dei flussi turistici e della spesa sui mercati stranieri 1 L indagine Metodologia L indagine è stata svolta dall ENIT-Agenzia nazionale del turismo attraverso

Dettagli

T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida?

T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? www.pwc.com/it T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? L indagine ABI e PwC 2 T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? Metodologia 5 Executive

Dettagli

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Fasi dell indagine e i risultati per i settori Roberto Iannaccone Messina, 27 Settembre 2013 Sommario 1. Indici del fatturato dei servizi: aspetti

Dettagli

ISTAT Servizio prezzi

ISTAT Servizio prezzi ISTAT Servizio prezzi Gli indici dei prezzi al consumo: aspetti relativi al sistema dei pesi e alla costruzione del paniere La determinazione del paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia. Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti. Stefania Massari

Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia. Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti. Stefania Massari Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti Stefania Massari Roma, 22 novembre 2012 Contenuti della presentazione 1. Le tavole del CST: articolazione

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100)

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) 25 giugno 2009 Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) (Anni 2006-2009) Direzione centrale comunicazione ed editoria tel. + 39 06 4673.2244-2243

Dettagli

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)!

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Su questa base (ma non solo) ci si occupa:! Comportamento

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

IL CONTO ECONOMICO DEL SETTORE CONGRESSUALE ITALIANO

IL CONTO ECONOMICO DEL SETTORE CONGRESSUALE ITALIANO Il mercato congressuale nel quadro del turismo italiano: un peso rilevante e strategico IL CONTO ECONOMICO DEL SETTORE CONGRESSUALE ITALIANO a cura dell Osservatorio Congressuale Italiano Copyright 2005

Dettagli

Alla riscoperta dell America!

Alla riscoperta dell America! Alla riscoperta dell America! VI Convention Nazionale Federcongressi&eventi Roma, 15 marzo 2013 Gabriella Ghigi Il mercato USA - Gabriella Ghigi 1 Contenuti Informazioni generali sul Paese Posizionamento

Dettagli

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE)

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) is a Research Project on European Union policies, economic and trade integration processes and WTO negotiations financed by the Italian

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia La Mobility ha cambiato il nostro modo di lavorare e può cambiare il modo in cui le aziende

Dettagli

Transmission capacity that is faster. Digital Network (ISDN) at 1.5 or 2.0

Transmission capacity that is faster. Digital Network (ISDN) at 1.5 or 2.0 Next Generation Networking Le tecnologie per l accesso ultrabroadband Università degli Studi di Roma Tor Vergata Villa Mondragone 31 gennaio 2008 05/02/2008 Rocco Casale 1 Quattro rivoluzioni nelle reti

Dettagli

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI

STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI 13 dicembre 2013 Anno 2011 STRUTTURA E COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA DELLE IMPRESE INDUSTRIALI E DEI SERVIZI Nel 2011 le imprese attive dell industria e dei servizi di mercato sono 4,4 milioni e occupano circa

Dettagli

LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo "

LETTI PER VOI:  Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo " a cura di Cinzia Di Novi Università Ca Foscari di Venezia, Dipartimento Economia L Europa nel

Dettagli

Sintesi dei principali risultati

Sintesi dei principali risultati Milano e i congressi internazionali Posizionamento in Europa e impatto economico Sintesi dei principali risultati La ricerca, condotta da Paola Bensi, Roberto Nelli e Stefano Oliva presso il Laboratorio

Dettagli

LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning. A cura di Fabrizio Bugamelli

LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning. A cura di Fabrizio Bugamelli LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning A cura di Fabrizio Bugamelli 1) Impresa innovativa : una definizione Organizzazione che genera i profitti attraverso la realizzazione

Dettagli

QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA AZIONE C

QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA AZIONE C PROGETTO INTERDIPARTIMENTALE INFORMAZIONE STATISTICA TERRITORIALE E SETTORIALE PER LE POLITICHE STRUTTURALI 2001-2008 QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA MISURA I. 3

Dettagli

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati V Conferenza Nazionale di Statistica Innovazione tecnologica e informazione statistica Integrazione tra registri e rilevazioni statistiche Roma 15,16, 17 novembre 2000 Informazioni amministrative e dati

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga.

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga. Appaltipubblicie professionalità. Il Master BERS-Tor Vergata Public Procurement in EBRD Projects September 26 th 2012 Chamber of Commerce of Trieste Trieste, Italy Prof. Gustavo Piga EBRD International

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 12 febbraio 2014 Anno 2013 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2013, i residenti in Italia hanno effettuato 63 milioni e 154 mila viaggi con pernottamento, contro i 78 milioni e 703 mila dell anno

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Il CRM per la ripresa

Il CRM per la ripresa Convegno Il CRM per la ripresa Milano - 19 Gennaio 2002 Convegno Il CRM per la ripresa sabato 19 gennaio Milano - Fiera Milano - ore 11,00 - Il CRM è un opportunità? Mario Massone, (CMMC) - ore 11,20 -

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 13 febbraio 2013 Anno 2012 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2012 i viaggi con pernottamento effettuati in Italia e all estero dai residenti sono stati 78 milioni e 703 mila. Rispetto all anno

Dettagli

SOMMARIO...3 SUMMARY...3 1. INTRODUZIONE...4

SOMMARIO...3 SUMMARY...3 1. INTRODUZIONE...4 SOMMARIO...3 SUMMARY...3 1. INTRODUZIONE...4 2. EVOLUZIONE DEL DIBATTITO INTERNAZIONALE SUL TSA...9 2.1 SVILUPPO DEGLI STRUMENTI PER LA QUALIFICAZIONE DELL IMPATTO ECONOMICO DEL TURISMO...9 2.2 FASI DI

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda Capire i mercati Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca Agenda w Quali sono le componenti di un moderno sistema informativo di marketing?

Dettagli

STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007

STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007 STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007 Esercizio 1 In Tabella 1 è riportato il numero di crediti maturati al 30 settembre 2007

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Overview. Tendenze delle migrazioni internazionali: SOPEMI - Edizione. Trends in International Migration: SOPEMI - 2003 Edition. Italian translation

Overview. Tendenze delle migrazioni internazionali: SOPEMI - Edizione. Trends in International Migration: SOPEMI - 2003 Edition. Italian translation Overview Tendenze delle migrazioni internazionali: SOPEMI - Edizione 2003 Trends in International Migration: SOPEMI - 2003 Edition Italian translation Overviews are translated excerpts of OECD publications.

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA SAMPLE PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI Cognome e Nome AREA MATEMATICO-STATISTICA 1. Supponete di fare un test di ipotesi e, sulla base dei risultati, di rifiutare l ipotesi nulla. Che cosa significa?

Dettagli

Sociologia del turismo

Sociologia del turismo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca Corso di Laurea triennale in Scienze del Turismo e Comunità Locale Sociologia del turismo Prof. Matteo Colleoni Tutor

Dettagli

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Il tema digital marketing l insieme di tecniche manageriali pensate ad hoc per comprendere ed affrontare con successo il mondo digitale. Alle 4 P tradizionali

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gest. dei Serv. Turistici A.A. 2014-2015 Economia del turismo Prof.ssa Carla Massidda Sezione 2 OSSERVAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per overdose

Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per overdose Droghe: le notizie incomplete e poco attendibili del DPA. Pubblicate il 6 marzo da ANSA con il titolo: m News, 6 marzo 2014 Droghe: Rapporto Dpa; in calo il consumo di sostanze, sempre meno i morti per

Dettagli

be different, be DUAL DUAL

be different, be DUAL DUAL be different, be DUAL DUAL www.dualitalia.com DUAL Benvenuti in DUAL Italia DUAL Italia, filiale italiana di DUAL International Ltd., appartiene a Hyperion Insurance Group, con sede a Londra, e opera nel

Dettagli

Entrepreneurship Policies : Principles, Problems, and Opportunities

Entrepreneurship Policies : Principles, Problems, and Opportunities 21/10/2011 15 Entrepreneurship Policies : Principles, Problems, and Opportunities By Charlie Karlsson and Martin Andersson Presentazione a cura di : Giovanni Dell Oro 1000103 Jessica Franceschini 1004901

Dettagli

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N Dan Vesset Program Vice President, Business Analytics B e s t P ractice p e r u n a strategia di B usiness I n t e l l i g e n c e e B usiness An a l yt i c s Febbraio

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo.

La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo. La digitalizzazione nel panorama europeo e nazionale: casi studio, buone pratiche e prospettive per i beni culturali e il turismo. A cura di Emanuela Gasca emanuelagasca@libero.it 1. Pianificazione in

Dettagli

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)?

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? MEMO/11/406 Bruxelles, 16 giugno 2011 Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? Non si sa mai. Pensate di recarvi in un paese dell'ue,

Dettagli

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico

L innovazione logistica. Un industria in formazione tra territorio, ambiente e sistema economico Seminario I fondamenti concettuali della Logistica Economica Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Pianificazione Aula I.1.2, 29 maggio 2003 L innovazione logistica. Un industria in formazione

Dettagli

COMMUNICATE BRAND VALUE

COMMUNICATE BRAND VALUE PROJECT MANAGEMENT WORKPLACE DESIGN COMMUNICATE BRAND VALUE 1 2 2 o a CBRE GROUP C à de a ca o Il Gruppo CBRE con sede a Los Angeles (USA), è la più grande società al mondo per la consulenza immobiliare.

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE Luciano Piergiovanni COSA ABBIAMO NEL PIATTO: TECNOLOGIE, AMBIENTE, EDUCAZIONE, SICUREZZA. Milano, 17 ottobre 2012

Dettagli

10 Turismo. Introduzione

10 Turismo. Introduzione 0 Turismo 2 Introduzione 3 Panorama 3 Il settore turistico ticinese 3 Evoluzioni recenti della domanda nel settore turistico 4 La domanda alberghiera per provenienza degli ospiti 5 La domanda alberghiera

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Turismo congressuale e Meeting Industry*

Turismo congressuale e Meeting Industry* Turismo congressuale e Meeting Industry* Fonti: Marketing degli Eventi, Promoveneto Giancarlo Leporatti, consulente congressuale Osservatorio Congressuale Italiano Stefan Marchioro Economia applicata al

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica Università di Bologna Pesaro, 23 e 30 Maggio 2012

Dettagli

LOGIN: please, go to webpage https://studiare.unife.it and login using Your user id and password (the same as the first registration).

LOGIN: please, go to webpage https://studiare.unife.it and login using Your user id and password (the same as the first registration). Università degli studi di Ferrara IMMATRICOLAZIONE online ai corsi di DOTTORATO PhD: Instructions for ENROLMENT of the winners English version below 1) EFFETTUARE IL LOGIN: collegarsi da qualsiasi postazione

Dettagli

Impact Investing Attrarre capitali per generare innovazione sociale

Impact Investing Attrarre capitali per generare innovazione sociale Divisione Ricerche Claudio Dematté Attrarre capitali per generare innovazione sociale 03.12.2014 In partnership with Le opportunità dell 1 Sostenere lo sviluppo economico e sociale dell Italia e dell Europa,

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

LA NOSTRA SPESA PENSIONISTICA E 4 VOLTE SUPERIORE A QUELLA SCOLASTICA

LA NOSTRA SPESA PENSIONISTICA E 4 VOLTE SUPERIORE A QUELLA SCOLASTICA LA NOSTRA SPESA PENSIONISTICA E 4 VOLTE SUPERIORE A QUELLA SCOLASTICA Abbiamo il numero di pensionati sulla popolazione lavorativa più alto d Europa, mentre siamo fanalino di coda per gli investimenti

Dettagli

lean Finance per i Professionisti d impresa

lean Finance per i Professionisti d impresa lean Finance per i Professionisti d impresa L offerta di dati e di informazioni disponibili sul mercato non è sufficiente per comprendere un Impresa e impone lunghe elaborazioni. La valutazione del rischio

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli