MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna e-mail guizzard@stat.unibo."

Transcript

1 MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna 1) Turismo e viaggi d affari Dall inizio degli anni 90, quando il turismo è diventato il primo comparto al mondo in termini di PIL e occupati 1, sono cresciuti gli sforzi fatti dalle agenzie pubbliche di informazione per fornire dati statistici utili alla sua analisi. Il grande lavoro svolto di recente sulla costruzione dei conti satellite del turismo è solo l ultimo momento del processo di definizione e misurazione che in Europa è riassunto in oltre 10 anni di direttive Eurostat sulle statistiche del turismo. Definire il turismo è un compito al tempo stesso arduo - dato che non si tratta di un settore di attività economica vero e proprio - e importante visto che il risultato della misura dipende dalla definizione di turista e quindi dalla identificazione dell unità statistica di osservazione. Se si considera, da un punto di vista economico, il turismo come l insieme delle attività di produzione di beni e di erogazione di servizi che contribuiscono a soddisfare i bisogni di un tipo particolare di consumatore ci si rende conto che non vi è nessuna branca di attività economica fra quelle previste dalle classificazioni ufficiali che produce in modo esclusivo beni e servizi destinati ai consumatori. Le diverse definizioni possibili dal lato dell offerta sono quindi facilmente criticabili e si è preferito tentare di definire i confini del comparto turistico dal lato della domanda. Vi sono diverse definizioni di turismo. Nelle più comuni, che in parte si sovrappongono, e in quella ufficiale di ONU ed OMT, si fa riferimento a tre elementi che riguardano: gli spostamenti verso luoghi diversi da quelli abitualmente frequentati, la durata dello spostamento e il motivo che ha dato origine allo spostamento. Il turismo è quindi ricondotto alle attività svolte dai soggetti identificati come turisti entro determinati limiti di durata dello spostamento e motivi che lo hanno provocato. Nella definizione statistica si spezza l identità tra turismo e vacanza per inserire le attività turistiche nel contesto più generale della mobilità delle popolazioni. Allo stesso tempo rimangono identificate differenti tipologie turistiche che circoscrivono segmenti con connotazioni solo in parte comuni, 1 World Travel and Tourism Council (1993), Travel and Tourism: A New Economic Perspective, pg.1.

2 tanto dal lato della domanda che da quello dell offerta. Tra questi si distinguono: lo svago / tempo libero (leisure) e gli affari/lavoro (business) 2. In termini assoluti si stima che il primo segmento valga circa tra 3 e 4 volte il secondo 3 ma più che alla dimensione l importanza del segmento affari 4 nelle economie sviluppate è legata ai caratteri differenziali rispetto al turismo di svago. Tra i caratteri distintivi di chi viaggia per affari vi è infatti una alta capacità di spesa - che generalmente determina anche un forte indotto nel segmento ristorazione una limitata domanda di risorse naturali, ed una stagionalità poco marcata o addirittura complementare a quella delle vacanze. Oltre a produrre un maggior valore aggiunto unitario, la produzione per affari è quindi maggiormente sostenibile e garantisce più alti tassi di utilizzo della capacità produttiva; inoltre in molti paesi sviluppati il segmento affari ha tassi di crescita costantemente superiori a quelli del segmento leisure. La valutazione è però possibile solo sulla base di indagini particolari, ipotesi ad hoc o simulazioni statistiche 5 dato che mancano misure attendibili, complete e confrontabili soprattutto nel segmento dei viaggi individuali. Il divario tra domanda e offerta di informazione statistica è anche evidenziato dall enorme quantità di ricerche e studi pubblicati da soggetti privati (gestori di carte di credito, charge card, vettori di trasporto o catene alberghiere). Questa produzione è un chiaro segnale che i dati pubblici sui viaggi d affari sono insufficienti per compiere sia analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato. Da un punto di vista statistico una riflessione su come il turismo per affari è ad oggi definito risulta misurato, è preliminare ad ogni altra considerazione per rispondere al bisogno conoscitivo di un economia in continua evoluzione dove il turismo è destinato a giocare un ruolo sempre più importante. 2 La distinzione non esaurisce lo spazio di motivazioni della domanda di turismo dato che tra queste andrebbe considerato anche il turismo per studio. Gli studenti fuori sede, pur se ignorati dalle attuali statistiche ufficiali, rientrano a pieno titolo nella definizione di turisti. I loro spostamenti sul territorio determinano inoltre un impatto rilevante sull economia delle città universitarie. Nella sola città di Bologna si stima vi siano fra 6 e 7 milioni di presenze all anno; vedi: Tassinari F. (1994); Turismo culturale e turismo di studio, Rivista italiana di economia demografia e statistica, Davidson R. Coppe B. (2003), Business travel, Prentice Hall, London. 4 In tutti i sotto segmenti in cui è usualmente distinto: i viaggi individuali, convegni e congressi, incentive, exibitions e corporate hospitality; vedi Davidson R. (2001), Distribution channels analysis for business travel, in Laws E. and Buhalis D., Tourism distribution channels: practices, issues and transformations, Continuum, London. 5 British Tourist Authority (2003), Business tourism breefing Document of the Business Tourism Partnership, compiled By Tony Rogers per la Gran Bretagna; WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed. UK. per altri paesi.

3 2) La misura dei viaggi per affari, problemi e una proposta Stando ad un indagine ISTAT 6 condotta presso le famiglie, i viaggi per affari degli italiani che prevedono almeno un pernottamento in albergo sono 10,7 milioni (circa 8 milioni stimabili solo per Italia). Per lo stesso anno i viaggi d affari (con e senza pernottamento) di italiani all estero stimati dall UIC 7 sono circa 10 milioni. Il semplice esempio mostra la probabile sottostima connessa alla misura dei viaggi d affari dal lato della domanda 8. L esempio, riferito al caso italiano, è inoltre paradigmatico della situazione delle statistiche sui viaggi d affari in gran parte d Europa. Il giudizio non positivo sull informazione diventa invece oggettivo se basato sul piano qualitativo; a fianco delle informazioni demografiche mancano, ad esempio, informazioni sulla spesa disaggregata per caratteri strutturali di chi acquista il viaggio. L aspetto è meglio puntualizzato in diversi rapporti ufficiali 9 dove si rileva che nonostante l importanza del settore, l attuale sistema per la misura statistica dei flussi di viaggi e turismo mostra carenze soprattutto dal punto di vista della raccolta di informazioni economiche. Il problema della rappresentatività delle statistiche sui movimenti per affari non è di poco conto dato che si crede sia da ricondurre alla stessa definizione di domanda di turismo. Non distinguere tra consumatore leisure e consumatore di viaggi d affari, conduce ad una errata assunzione dell unità statistica oggetto di rilevazione soprattuto quando si vogliono misurare i viaggi individuali. Per gli uffici di statistica il turista è sempre e solo il viaggiatore anche quando questi non decide il come, il quando viaggiare o quanto spendere per soddisfare un bisogno di mobilità che, oltretutto, non è proprio ma di un terzo soggetto. Sul piano della rilevazione statistica definire la domanda guardando al sul consumo del viaggio, senza preoccuparsi di porre l accento sulla decisione di acquisto, ha come conseguenza che l unità statistica di riferimento è sempre il viaggiatore (o la famiglia), che si tratti di rilevare turismo di svago o viaggi di affari. Per misurare questi ultimi il viaggiatore non rappresenta però l unità statistica ottima e nemmeno la più informata visto che è spesso escluso dalla decisione di acquisto e che subisce le modalità di svolgimento (destinazione, tempistica, mezzo di trasporto, alloggio, ecc...). L intervistato consuma cioè un bene intermedio acquistato da altri il cui valore (il costo) può essergli ignoto perché stabilito nell ambito 6 Istat (2002) Indagine sui viaggi e vacanze degli italiani, Istat, Roma. 7 UIC (2002), Turismo internazionale dell Italia, UIC, Roma, 8 Dal lato dell offerta la pubblicazione Istat (2002) Statistiche del turismo Istat, Roma, riporta i seguenti dati: arrivi italiani in alberghi 4 e 5 stelle 15 milioni, arrivi di italiani in albergo nei soli mesi di ottobre, novembre, e marzo 10 milioni (al netto di quelli nelle province di Venezia, Firenze Roma e Napoli aggiungendo gli arrivi a Milano e Torino di tutto l anno). Pur trattandosi di basate su ipotesi molto semplificate del comportamento dei turisti d affari anche questi risultati confermano una probabile sottostima dei flussi dal lato della domanda. 9 OECD (2001) Measuring the Role of Tourism in OECD Economies, The OECD manual on tourism satellite accounts and employement, enterprise, industry and service, OECD, Paris.

4 di vere e proprie convenzioni tra acquirente e fornitori, e fatturato direttamente all acquirente dall agente di viaggio o da gli stessi fornitori. Chi effettivamente decide dell acquisto di input intermedio viaggi d affari è invece l impresa, l ente pubblico o l associazione (i manager incaricati) che sarebbero quindi i soggetti da intervistare per conoscere la reale dimensione del mercato e le modalità di gestione di questo input produttivo. Gli effetti della mancata distinzione tra viaggi come consumo finale e viaggi come consumo intermedio sono però ignorati dagli istituti di statistica che seguono precise direttive 10 nella rilevazione dei viaggi d affari e di svago. In particolare l Eurostat suggerisce di scegliere tra: indagini dirette presso le famiglie, indagini alle frontiere o riassunti della spesa effettuata con carte di credito (vedi tabella 1). Tabella 1. Rilevazioni sui viaggi/turismo nei principali paesi dell UE. Indagine Paesi sulle famiglie TUTTI alle frontiere IT, IE, FI, GB, PT, ES presso l'offerta di servizi (es hotels) DK, IT,FI,PT presso i viaggiatori nelle strutt. ricett. DK, DE,FR,NL,PT presso gli intermediari turistici DK sui movimenti di valuta) TUTTI Dati da carte di credito AT, BE, DK, ES, IT, LU, PT, Conto satellite AT, FI, FR, SP(provvisorio) Non incluse indagini svolte una tantum o con periodicità superiore all anno (situazione al 03/2003). AT = Austria, BE = Belgio, DE = Germania, DK = Danimarca ES = Spagna, FI = Finlandia, FR = Francia, GB = Gran Bretagna, GR = Grecia, IE = Irlanda, IT = Italia, NL=Olanda, PT = Portogallo. Oltre ad essere discutibile sul piano teorico, rifarsi ai viaggiatori per rilevare i movimenti e le caratteristiche dei viaggi d affari è anche tecnicamente inefficiente rispetto al referimento alle imprese. La popolazione dei viaggiatori non è nota ma è sicuramente più ampia e soprattutto meno identificabile di quella delle imprese 11. L efficacia di un piano di rilevazione dei movimenti per affari interni ad un Paese basato su intervista alle famiglie è anche ridotta dai maggiori errori di copertura e dalla difficoltà di intervistare gli individui che viaggiano più spesso. Inoltre chi è intervistato sui viaggi dei vari componenti del nucleo familiare, è più probabilmente informato (correttamente) sui viaggi di piacere, che magari lo hanno coinvolto personalmente, piuttosto che sui viaggi di lavoro. In ogni caso gli intervistati hanno meno dimestichezza a collaborare con gli istituti di statistica e meno informazioni sull escursionismo (che infatti è escluso dalla 10 Eurostat (2000), Technical group travel report, Balance of Payments Working Party executive summary, Kirchberg, Luxembourg. 11 Un distingo va posto tra le rilevazioni dei movimenti interni ad un Paese e dei movimenti attraverso una frontiera, il passaggio della quale individua il viaggiatore.

5 rilevazione) rispetto a quelle disponibili ad una impresa dotata di contabilità analitica dei costi. L attuale sistema statistico ha dunque un "cono d'ombra" sui movimenti per affari. Da un lato le rilevazioni sui viaggiatori producono risultati poco informativi sul piano economico e probabilmente sottostimati; dall'altro le inchieste dirette alle imprese non rilevano i costi per i viaggi d'affari nonostante il loro peso tra i costi aziendali sia non secondario. Il punto di vista dell impresa sarebbe invece rilevante per compiere analisi economiche o valutare i provvedimenti di politica economica da adottare in questo ambito. Ad esempio per determinare il PIL diretto ed indiretto del settore, le informazioni ausiliare richieste al viaggiatore: età, struttura familiare, sesso, area di provenienza, sono infatti meno importanti rispetto ad informazioni sulla spesa disaggregata per variabili strutturali dell impresa come settore produttivo (ATECO) o dimensione. Per disporre di una visione completa del comparto, accanto alla indagini attualmente in corso sarebbe quindi necessario raccogliere informazioni economiche sui viaggi intervistando direttamente imprese, amministrazioni pubbliche e associazioni. Un primo passo potrebbe essere includere i viaggi d affari tra le informazioni rilevate nelle indagini ufficiali sulle imprese, svolte da tutti gli istituti di statistica nazionali. Attualmente le indagini annuali sul PIL non considerano infatti la spesa per viaggi anche quando rilevano i costi di produzione con un dettaglio molto elevato 12. La spesa per viaggi d affari (dal lato dell impresa) è invece rilevata solo mediante indagini periodiche finalizzate a costruire le tavole Input-Output nazionali. Purtroppo le informazioni sono spesso datate (da 4 a 8 anni in media) 13 e, seppure importanti, non sono sufficienti per costruire un conto satellite. Nell esperienza USA ad esempio solo le spese per viaggio principale e albergo sono ricavate direttamente dalla tavola I-O; le spese accessorie per pasti, carburanti e trasporti locali sono stimate sulla base di dati forniti da un indagine American Express, proprio sulle imprese. Per superare l attuale fase di parziale copertura del settore è quindi necessario rileggere la definizione di domanda turistica e permettere agli istituti nazionali di separare le indagini nei segmenti leisure e business. Rimane ovviamente l interrogativo sulle difficoltà tecniche di una simile operazione. Per dare una prima risposta, seppure parziale, nel nov.-dic è stata svolta una indagine 12 Nell indagine campionaria sulle imprese con meno di 20 addetti svolta dall Istat tra i costi di produzione figurano le spese per: pubblicità, lavorazioni di terzi, noleggio, trasporti (non distinguendo tra merci e persone), provvigioni, ricerche di mercato, consulenze, servizi bancari, servizi di informatica, oneri bancari, oneri di assicurazione, fitti passivi, royalties, formazione, smaltimento rifiuti, altri servizi. Anche nel questionario destinato alle imprese con più di 100 addetti compare una unica voce aggregata per riassumere le spese in servizi nella cui descrizione non è però contenuto nessun riferimento esplicito ai viaggi per affari. 13 In Italia è attualmente in corso un indagine che si riferisce al I risultati saranno però disponibili non prima della seconda metà del 2004.

6 campionaria sui viaggi d affari delle imprese italiane i cui principali elementi progettuali sono riassunti nel seguente paragrafo insieme ad alcuni risultati. 3) Una indagine sul mercato italiano; aspetti statistici e principali risultati 14 L indagine ha come obiettivo la misura della spesa per viaggi d affari da parte delle imprese italiane definita come il totale dei costi per viaggi registrati a bilancio. Le risorse disponibili hanno imposto di escludere le imprese agricole, il pubblico impiego e le piccole imprese dall universo di riferimento che è pertanto limitata alle sole imprese private di dimensione superiore a 10 addetti (nell'industria) e 5 addetti (nei servizi). L universo è definito ricorrendo all archivio ASIA 2000 e rappresenta circa il 10% delle imprese ed il 55% degli addetti. Per l indagine si è scelto un piano di campionamento stratificato ad uno stadio come usualmente avviene nelle indagini presso le imprese. La previsione di realizzare un numero compreso tra 200 e 250 interviste ha consigliato di limitare il numero degli strati a 4; come variabili di stratificazione sono state considerate la dimensione (meno di 100, e 100 o più addetti) e la classificazione produttiva (industria e servizi). Nella scelta si sono considerati i risultati ottenuti in una precedente indagine pilota svolta nel 2001 che ha anche consentito di ottenere una stima preliminare della varianza di strato considerata per determinare la numerosità campionaria rispetto alla classificazione produttiva. Rispetto alla dimensione si è invece vincolato a priori la numerosità complessiva nei due strati (grandi e piccole imprese) rispettivamente a 1/3 e 2/3. La scelta è stata dettata dalla volontà di garantire maggiore controllo della variabilità campionaria nelle imprese più grandi (economicamente più rilevanti). La lista delle imprese è l annuario KOMPASS/SEAT ed ; problemi di segreto statistico hanno infatti impedito di utilizzare direttamente l archivio ASIA Il fatto ha determinato un errore non campionario di copertura il cui effetto è però difficilmente quantificabile dato il costo di una interrogazione totale dell archivio imprese. Il problema è comunque soprattutto evidente per le unità meno rilevanti ; infatti da informazioni ausiliarie si può stimare che l elenco copra circa 2/3 delle grandi imprese e 1/3 di quelle considerate piccole. Il processo di raccolta dei dati ha riguardato 1600 aziende scelte casualmente. La raccolta dei dati è avvenuta mediante questionari postali e fax. E stato 14 Per una nota metodologica piu dettagliata si rimanda ad una prossima pubblicazione su quaderno di ricerca del Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati.

7 successivamente necessario un lungo lavoro di recall telefonico. Per ogni strato, le unità totalmente non rispondenti sono state ordinate casualmente e ricontattate in ordine successivo fino a raggiungere le proporzioni stabilite sulla base dei dati ASIA Il tasso finale di risposta è stato del 13% (206 questionari completati) un risultato che dipende dalla grande richiesta di informazioni (21 domande). Molto più alto il tasso di risposta medio per questionario che sfiora il 90%. Non si sono evidenziati rilevanti problemi di autoselezione dei rispondenti rispetto a variabili quali: classificazione ATECO a due cifre, dimensione e area geografica (macro aree Nielsen). Il processo di verifica della coerenza interna delle risposte è basato sull analisi delle somme percentuali e sul controllo dei rapporto tra spesa in viaggi d affari e addetti e/o fatturato. Le imprese che presentavano valori considerati anomali perchè superiori a 3 volte lo scarto quadratico medio di strato, (12 in totale) sono state ricontattate. Il trattamento della mancata risposta parziale è stato affrontato con metodologie hot-deck dopo avere determinato le classi di imputazione in base alle variabili ATECO, addetti, e costo medio del singolo viaggio (classi). Nel caso fossero tali informazioni a mancare, si è provveduto a ricontattare il non rispondente e solo nel caso di ulteriore non risposta a imputare il dato attraverso correlazioni con variabili note. Il lavoro ha consentito di stimare in 18 miliardi di Euro 15 la spesa 2002 per viaggi d affari nel segmento corporate, un dato che pone il segmento in una posizione di assoluto rilievo. Tale spesa è generata da circa 30 milioni di viaggi (di cui oltre 21.5 milioni in Italia); i viaggi con almeno un pernottamento sono 19,5 milioni. Circa il 65% dei viaggi è motivato per incontrare clienti o fornitori mentre il 25% ha come motivo il partecipare a riunioni aziendali. La dimensione campionaria non consente di spingersi molto avanti nel dettaglio dei risultati, a meno di non accontentarsi di semplici indicazioni descrittive 16. Va però sottolineato come la prospettiva aziendale permetta sia di classificare l informazione per variabile strutturale (settore, dimensione), sia di analizzare il processo di acquisto dei viaggi (la travel policy) sia di calcolare alcuni indici (vedi tabella 2). L incidenza complessiva della spesa sul fatturato (1.1%) è in linea con quella stimata in una recente simulazione di conto satellite del turismo Italiano 17 ; qui l incidenza dei viaggi d affari sulla produzione totale ai prezzi base è l 1,2% per l intera economia (piccole imprese e pubblica amministrazione compresa). 15 Precisione 10% all 80% di significatività) 16 Risultati più dettagliati sono riportati in Guizzardi (2003) I viaggi d affari delle aziende italiane nel 2002: dimensione del mercato e previsione delle tendenze La Rivista del Touring, n 4, Touring Club Italiano ed. 17 WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed., UK.

8 Tab. 2) L incidenza della spesa per viaggi d affari Spesa su fatturato Spesa per addetto (Euro x 1000) Industria 1.0% 2.1 Commercio 0.5% 1.9 Servizi (non comm.) 2.0% 1.9 Totale 1.1% 2.0 Un risultato da evidenziare, anche perchè ritenuto robusto rispetto alla dimensione campionaria, è la maggiore stabilità intrasettoriale del rapporto spesa su addetti rispetto a quello spesa su fatturato. Il punto è rilevante oltre il numero, perchè indica che all ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e fatturato, spesso utilizzata nei modelli statistico-economici per superare la carenze di informazione pubblica 18, è preferibile quella di proporzionalità tra spesa e addetti. 4) Conclusioni La crescente importanza dei viaggi collegati a motivazioni d affari e alcune carenze dell attuale sistema informativo pubblico, soprattutto per quanto riguarda i flussi interni e il segmento viaggi individuali, hanno suggerito una prima riflessione sulle definizioni e gli strumenti di misura utilizzati. Il risultato principale è la evidenziata necessità di criticare l identità di definizione tra domanda di turismo e viaggiatore che, se accettabile per i viaggi di svago, non lo è per i viaggi di lavoro. Qui chi viaggia lo fa spesso per soddisfare un bisogno non proprio e soprattutto senza intervenire sulla decisione d acquisto che è delle imprese, degli enti pubblici, o delle associazioni. In altri termini la scelta equivale a non distinguere la domanda per consumi finali e quella per consumi intermedi una situazione che non si ripropone per nessun altro bene o servizio. Le imprese e non le famiglie dovrebbero essere quindi considerate come unità di rilevazione nelle indagini sui viaggi per affari. La soluzione oltre a migliorare la qualità dell informazione (sicuramente sotto il profilo dell informazione economica) renderebbe più semplice la rilevazione statistica come mostrato attraverso un indagine sperimentale condotta sul solo segmento corporate. Come primo risultato si è mostrata la grande potenzialità di un indagine sugli acquirenti ; è infatti stato possibile collegare i comportamenti di acquisto e la 18 Ad esempio in Woollett G., Townsend J., Watts G. (2002) Development of QGEM-T a Computable General Equilibrium Model of Tourism, Office of Economic and Statistical Research working paper, Queensland Treasury, Australia.

9 spesa a variabili economiche di struttura oltre che a informazioni sulle modalità di gestione. Si è mostrato che è possibile ottenere informazioni cruciali sia per le analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia per analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato o la costruzione di un conto satellite del turismo. Come secondo risultato si sono ottenute stime dei viaggi (30 milioni) e dell escursionismo d affari (11 milioni). Il dato sui viaggi con pernottamento risulta più elevato rispetto ai dati ufficiali ma in linea sia con quanto misurato da organismi internazionali sia con alcune valutazioni qualitative che si possono compiere analizzando i dati ufficiali dell offerta di turismo. Si è infine dimostra la rilevanza della segmentazione per settore produttivo nel determinare alcune caratteristiche dei viaggio d affari anche se tale dipendenza non è omogenea rispetto al carattere scelto. Ad esempio si è mostrato che l incidenza della spesa per viaggi sul fatturato è più variabile rispetto al settore produttivo che non il rapporto della spesa per viaggi sugli addetti. Il punto è rilevante nelle analisi economiche dove l ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e dimensione aziendale è spesso richiamata. Summary Tourism is an important part of modern societies and plays a crucial role within the world economy. Is a demand-side concept involving a wide range of activities and different motivations to consume, mainly leisure or business or study. Developed economies are generally mature markets for leisure tourism, so that attention is gradually shifting towards business travel. The latter helps to reduce seasonality, it is more valuable than leisure tourism and - because of business trends in management, market globalization and training activities - it shows a rate of growth that generally exceeds the overall tourism growth rate. Despite the sector s importance, present-day statistics on tourism do not provide sufficient business information, as pointed out in several official reports (see among others OECD 2001). This lack of information is a necessary consequence of Eurostat s (2000) suggestion to use household surveys for data collection. Such an approach produces no or very little relevant data about business travel s structure and costs limiting the possibility to evaluate indirect GDP, business policy effects, or to prepare a satellite account. The critical point is demand definition. Households represent only tourism final demand; therefore they are not the optimal statistical units when the focus is on tourism as an intermediate consumption. The decision to buy business travel is not generally taken by travellers themselves but by

10 company managers (enterprises), who are the only subjects knowledgeable about travel costs, purchasing processes or travel policies. In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys. The question is whether today s official business surveys can be directly and effectively extended to survey business travel expenditure. In the work we have also presented the methodology and the results of an explorative survey on the corporate segment of the Italian business travel market. Data on business travel expenditure were collected through a direct survey of Italian enterprises. Only enterprises with more than 4 employees (if in the service sector) and more than 9 employees (if in the industrial sector) were included in the study. Mail, fax and questionnaires were sent to a sample of 1,600 firms; the final response rate was 13% (206 completed questionnaires) but it was necessary to later telephone. Although limited sample size does not allow for a very detailed analysis, results provide sufficient evidence to counter the frequently advanced hypothesis of indipendence between productive sector and business travel expenditure (i.e. the fixed proportions between travel expenditures and enterprise s size) Official statistics should no longer ignore or downplay the role of business travel as part of tourism sector. In order to provide a fuller picture, business travel costs should be included among other productive costs in official surveys to enterprises. This work shows that this is feasible, at least from a technical point of view. The main problem remains theoretical and it is tied to business travel demand definition. Until it will not be possible to correctly measure business travel relevance but to be In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Nozioni metodologiche di base e pratiche consigliate per rilevazioni statistiche dirette o basate su fonti amministrative Marco Fortini Istituto Nazionale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli