MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna e-mail guizzard@stat.unibo."

Transcript

1 MISURA ED ANALISI DEI VIAGGI NEL SEGMENTO AFFARI Andrea Guizzardi Dip Scienze Statistiche, Università di Bologna 1) Turismo e viaggi d affari Dall inizio degli anni 90, quando il turismo è diventato il primo comparto al mondo in termini di PIL e occupati 1, sono cresciuti gli sforzi fatti dalle agenzie pubbliche di informazione per fornire dati statistici utili alla sua analisi. Il grande lavoro svolto di recente sulla costruzione dei conti satellite del turismo è solo l ultimo momento del processo di definizione e misurazione che in Europa è riassunto in oltre 10 anni di direttive Eurostat sulle statistiche del turismo. Definire il turismo è un compito al tempo stesso arduo - dato che non si tratta di un settore di attività economica vero e proprio - e importante visto che il risultato della misura dipende dalla definizione di turista e quindi dalla identificazione dell unità statistica di osservazione. Se si considera, da un punto di vista economico, il turismo come l insieme delle attività di produzione di beni e di erogazione di servizi che contribuiscono a soddisfare i bisogni di un tipo particolare di consumatore ci si rende conto che non vi è nessuna branca di attività economica fra quelle previste dalle classificazioni ufficiali che produce in modo esclusivo beni e servizi destinati ai consumatori. Le diverse definizioni possibili dal lato dell offerta sono quindi facilmente criticabili e si è preferito tentare di definire i confini del comparto turistico dal lato della domanda. Vi sono diverse definizioni di turismo. Nelle più comuni, che in parte si sovrappongono, e in quella ufficiale di ONU ed OMT, si fa riferimento a tre elementi che riguardano: gli spostamenti verso luoghi diversi da quelli abitualmente frequentati, la durata dello spostamento e il motivo che ha dato origine allo spostamento. Il turismo è quindi ricondotto alle attività svolte dai soggetti identificati come turisti entro determinati limiti di durata dello spostamento e motivi che lo hanno provocato. Nella definizione statistica si spezza l identità tra turismo e vacanza per inserire le attività turistiche nel contesto più generale della mobilità delle popolazioni. Allo stesso tempo rimangono identificate differenti tipologie turistiche che circoscrivono segmenti con connotazioni solo in parte comuni, 1 World Travel and Tourism Council (1993), Travel and Tourism: A New Economic Perspective, pg.1.

2 tanto dal lato della domanda che da quello dell offerta. Tra questi si distinguono: lo svago / tempo libero (leisure) e gli affari/lavoro (business) 2. In termini assoluti si stima che il primo segmento valga circa tra 3 e 4 volte il secondo 3 ma più che alla dimensione l importanza del segmento affari 4 nelle economie sviluppate è legata ai caratteri differenziali rispetto al turismo di svago. Tra i caratteri distintivi di chi viaggia per affari vi è infatti una alta capacità di spesa - che generalmente determina anche un forte indotto nel segmento ristorazione una limitata domanda di risorse naturali, ed una stagionalità poco marcata o addirittura complementare a quella delle vacanze. Oltre a produrre un maggior valore aggiunto unitario, la produzione per affari è quindi maggiormente sostenibile e garantisce più alti tassi di utilizzo della capacità produttiva; inoltre in molti paesi sviluppati il segmento affari ha tassi di crescita costantemente superiori a quelli del segmento leisure. La valutazione è però possibile solo sulla base di indagini particolari, ipotesi ad hoc o simulazioni statistiche 5 dato che mancano misure attendibili, complete e confrontabili soprattutto nel segmento dei viaggi individuali. Il divario tra domanda e offerta di informazione statistica è anche evidenziato dall enorme quantità di ricerche e studi pubblicati da soggetti privati (gestori di carte di credito, charge card, vettori di trasporto o catene alberghiere). Questa produzione è un chiaro segnale che i dati pubblici sui viaggi d affari sono insufficienti per compiere sia analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato. Da un punto di vista statistico una riflessione su come il turismo per affari è ad oggi definito risulta misurato, è preliminare ad ogni altra considerazione per rispondere al bisogno conoscitivo di un economia in continua evoluzione dove il turismo è destinato a giocare un ruolo sempre più importante. 2 La distinzione non esaurisce lo spazio di motivazioni della domanda di turismo dato che tra queste andrebbe considerato anche il turismo per studio. Gli studenti fuori sede, pur se ignorati dalle attuali statistiche ufficiali, rientrano a pieno titolo nella definizione di turisti. I loro spostamenti sul territorio determinano inoltre un impatto rilevante sull economia delle città universitarie. Nella sola città di Bologna si stima vi siano fra 6 e 7 milioni di presenze all anno; vedi: Tassinari F. (1994); Turismo culturale e turismo di studio, Rivista italiana di economia demografia e statistica, Davidson R. Coppe B. (2003), Business travel, Prentice Hall, London. 4 In tutti i sotto segmenti in cui è usualmente distinto: i viaggi individuali, convegni e congressi, incentive, exibitions e corporate hospitality; vedi Davidson R. (2001), Distribution channels analysis for business travel, in Laws E. and Buhalis D., Tourism distribution channels: practices, issues and transformations, Continuum, London. 5 British Tourist Authority (2003), Business tourism breefing Document of the Business Tourism Partnership, compiled By Tony Rogers per la Gran Bretagna; WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed. UK. per altri paesi.

3 2) La misura dei viaggi per affari, problemi e una proposta Stando ad un indagine ISTAT 6 condotta presso le famiglie, i viaggi per affari degli italiani che prevedono almeno un pernottamento in albergo sono 10,7 milioni (circa 8 milioni stimabili solo per Italia). Per lo stesso anno i viaggi d affari (con e senza pernottamento) di italiani all estero stimati dall UIC 7 sono circa 10 milioni. Il semplice esempio mostra la probabile sottostima connessa alla misura dei viaggi d affari dal lato della domanda 8. L esempio, riferito al caso italiano, è inoltre paradigmatico della situazione delle statistiche sui viaggi d affari in gran parte d Europa. Il giudizio non positivo sull informazione diventa invece oggettivo se basato sul piano qualitativo; a fianco delle informazioni demografiche mancano, ad esempio, informazioni sulla spesa disaggregata per caratteri strutturali di chi acquista il viaggio. L aspetto è meglio puntualizzato in diversi rapporti ufficiali 9 dove si rileva che nonostante l importanza del settore, l attuale sistema per la misura statistica dei flussi di viaggi e turismo mostra carenze soprattutto dal punto di vista della raccolta di informazioni economiche. Il problema della rappresentatività delle statistiche sui movimenti per affari non è di poco conto dato che si crede sia da ricondurre alla stessa definizione di domanda di turismo. Non distinguere tra consumatore leisure e consumatore di viaggi d affari, conduce ad una errata assunzione dell unità statistica oggetto di rilevazione soprattuto quando si vogliono misurare i viaggi individuali. Per gli uffici di statistica il turista è sempre e solo il viaggiatore anche quando questi non decide il come, il quando viaggiare o quanto spendere per soddisfare un bisogno di mobilità che, oltretutto, non è proprio ma di un terzo soggetto. Sul piano della rilevazione statistica definire la domanda guardando al sul consumo del viaggio, senza preoccuparsi di porre l accento sulla decisione di acquisto, ha come conseguenza che l unità statistica di riferimento è sempre il viaggiatore (o la famiglia), che si tratti di rilevare turismo di svago o viaggi di affari. Per misurare questi ultimi il viaggiatore non rappresenta però l unità statistica ottima e nemmeno la più informata visto che è spesso escluso dalla decisione di acquisto e che subisce le modalità di svolgimento (destinazione, tempistica, mezzo di trasporto, alloggio, ecc...). L intervistato consuma cioè un bene intermedio acquistato da altri il cui valore (il costo) può essergli ignoto perché stabilito nell ambito 6 Istat (2002) Indagine sui viaggi e vacanze degli italiani, Istat, Roma. 7 UIC (2002), Turismo internazionale dell Italia, UIC, Roma, 8 Dal lato dell offerta la pubblicazione Istat (2002) Statistiche del turismo Istat, Roma, riporta i seguenti dati: arrivi italiani in alberghi 4 e 5 stelle 15 milioni, arrivi di italiani in albergo nei soli mesi di ottobre, novembre, e marzo 10 milioni (al netto di quelli nelle province di Venezia, Firenze Roma e Napoli aggiungendo gli arrivi a Milano e Torino di tutto l anno). Pur trattandosi di basate su ipotesi molto semplificate del comportamento dei turisti d affari anche questi risultati confermano una probabile sottostima dei flussi dal lato della domanda. 9 OECD (2001) Measuring the Role of Tourism in OECD Economies, The OECD manual on tourism satellite accounts and employement, enterprise, industry and service, OECD, Paris.

4 di vere e proprie convenzioni tra acquirente e fornitori, e fatturato direttamente all acquirente dall agente di viaggio o da gli stessi fornitori. Chi effettivamente decide dell acquisto di input intermedio viaggi d affari è invece l impresa, l ente pubblico o l associazione (i manager incaricati) che sarebbero quindi i soggetti da intervistare per conoscere la reale dimensione del mercato e le modalità di gestione di questo input produttivo. Gli effetti della mancata distinzione tra viaggi come consumo finale e viaggi come consumo intermedio sono però ignorati dagli istituti di statistica che seguono precise direttive 10 nella rilevazione dei viaggi d affari e di svago. In particolare l Eurostat suggerisce di scegliere tra: indagini dirette presso le famiglie, indagini alle frontiere o riassunti della spesa effettuata con carte di credito (vedi tabella 1). Tabella 1. Rilevazioni sui viaggi/turismo nei principali paesi dell UE. Indagine Paesi sulle famiglie TUTTI alle frontiere IT, IE, FI, GB, PT, ES presso l'offerta di servizi (es hotels) DK, IT,FI,PT presso i viaggiatori nelle strutt. ricett. DK, DE,FR,NL,PT presso gli intermediari turistici DK sui movimenti di valuta) TUTTI Dati da carte di credito AT, BE, DK, ES, IT, LU, PT, Conto satellite AT, FI, FR, SP(provvisorio) Non incluse indagini svolte una tantum o con periodicità superiore all anno (situazione al 03/2003). AT = Austria, BE = Belgio, DE = Germania, DK = Danimarca ES = Spagna, FI = Finlandia, FR = Francia, GB = Gran Bretagna, GR = Grecia, IE = Irlanda, IT = Italia, NL=Olanda, PT = Portogallo. Oltre ad essere discutibile sul piano teorico, rifarsi ai viaggiatori per rilevare i movimenti e le caratteristiche dei viaggi d affari è anche tecnicamente inefficiente rispetto al referimento alle imprese. La popolazione dei viaggiatori non è nota ma è sicuramente più ampia e soprattutto meno identificabile di quella delle imprese 11. L efficacia di un piano di rilevazione dei movimenti per affari interni ad un Paese basato su intervista alle famiglie è anche ridotta dai maggiori errori di copertura e dalla difficoltà di intervistare gli individui che viaggiano più spesso. Inoltre chi è intervistato sui viaggi dei vari componenti del nucleo familiare, è più probabilmente informato (correttamente) sui viaggi di piacere, che magari lo hanno coinvolto personalmente, piuttosto che sui viaggi di lavoro. In ogni caso gli intervistati hanno meno dimestichezza a collaborare con gli istituti di statistica e meno informazioni sull escursionismo (che infatti è escluso dalla 10 Eurostat (2000), Technical group travel report, Balance of Payments Working Party executive summary, Kirchberg, Luxembourg. 11 Un distingo va posto tra le rilevazioni dei movimenti interni ad un Paese e dei movimenti attraverso una frontiera, il passaggio della quale individua il viaggiatore.

5 rilevazione) rispetto a quelle disponibili ad una impresa dotata di contabilità analitica dei costi. L attuale sistema statistico ha dunque un "cono d'ombra" sui movimenti per affari. Da un lato le rilevazioni sui viaggiatori producono risultati poco informativi sul piano economico e probabilmente sottostimati; dall'altro le inchieste dirette alle imprese non rilevano i costi per i viaggi d'affari nonostante il loro peso tra i costi aziendali sia non secondario. Il punto di vista dell impresa sarebbe invece rilevante per compiere analisi economiche o valutare i provvedimenti di politica economica da adottare in questo ambito. Ad esempio per determinare il PIL diretto ed indiretto del settore, le informazioni ausiliare richieste al viaggiatore: età, struttura familiare, sesso, area di provenienza, sono infatti meno importanti rispetto ad informazioni sulla spesa disaggregata per variabili strutturali dell impresa come settore produttivo (ATECO) o dimensione. Per disporre di una visione completa del comparto, accanto alla indagini attualmente in corso sarebbe quindi necessario raccogliere informazioni economiche sui viaggi intervistando direttamente imprese, amministrazioni pubbliche e associazioni. Un primo passo potrebbe essere includere i viaggi d affari tra le informazioni rilevate nelle indagini ufficiali sulle imprese, svolte da tutti gli istituti di statistica nazionali. Attualmente le indagini annuali sul PIL non considerano infatti la spesa per viaggi anche quando rilevano i costi di produzione con un dettaglio molto elevato 12. La spesa per viaggi d affari (dal lato dell impresa) è invece rilevata solo mediante indagini periodiche finalizzate a costruire le tavole Input-Output nazionali. Purtroppo le informazioni sono spesso datate (da 4 a 8 anni in media) 13 e, seppure importanti, non sono sufficienti per costruire un conto satellite. Nell esperienza USA ad esempio solo le spese per viaggio principale e albergo sono ricavate direttamente dalla tavola I-O; le spese accessorie per pasti, carburanti e trasporti locali sono stimate sulla base di dati forniti da un indagine American Express, proprio sulle imprese. Per superare l attuale fase di parziale copertura del settore è quindi necessario rileggere la definizione di domanda turistica e permettere agli istituti nazionali di separare le indagini nei segmenti leisure e business. Rimane ovviamente l interrogativo sulle difficoltà tecniche di una simile operazione. Per dare una prima risposta, seppure parziale, nel nov.-dic è stata svolta una indagine 12 Nell indagine campionaria sulle imprese con meno di 20 addetti svolta dall Istat tra i costi di produzione figurano le spese per: pubblicità, lavorazioni di terzi, noleggio, trasporti (non distinguendo tra merci e persone), provvigioni, ricerche di mercato, consulenze, servizi bancari, servizi di informatica, oneri bancari, oneri di assicurazione, fitti passivi, royalties, formazione, smaltimento rifiuti, altri servizi. Anche nel questionario destinato alle imprese con più di 100 addetti compare una unica voce aggregata per riassumere le spese in servizi nella cui descrizione non è però contenuto nessun riferimento esplicito ai viaggi per affari. 13 In Italia è attualmente in corso un indagine che si riferisce al I risultati saranno però disponibili non prima della seconda metà del 2004.

6 campionaria sui viaggi d affari delle imprese italiane i cui principali elementi progettuali sono riassunti nel seguente paragrafo insieme ad alcuni risultati. 3) Una indagine sul mercato italiano; aspetti statistici e principali risultati 14 L indagine ha come obiettivo la misura della spesa per viaggi d affari da parte delle imprese italiane definita come il totale dei costi per viaggi registrati a bilancio. Le risorse disponibili hanno imposto di escludere le imprese agricole, il pubblico impiego e le piccole imprese dall universo di riferimento che è pertanto limitata alle sole imprese private di dimensione superiore a 10 addetti (nell'industria) e 5 addetti (nei servizi). L universo è definito ricorrendo all archivio ASIA 2000 e rappresenta circa il 10% delle imprese ed il 55% degli addetti. Per l indagine si è scelto un piano di campionamento stratificato ad uno stadio come usualmente avviene nelle indagini presso le imprese. La previsione di realizzare un numero compreso tra 200 e 250 interviste ha consigliato di limitare il numero degli strati a 4; come variabili di stratificazione sono state considerate la dimensione (meno di 100, e 100 o più addetti) e la classificazione produttiva (industria e servizi). Nella scelta si sono considerati i risultati ottenuti in una precedente indagine pilota svolta nel 2001 che ha anche consentito di ottenere una stima preliminare della varianza di strato considerata per determinare la numerosità campionaria rispetto alla classificazione produttiva. Rispetto alla dimensione si è invece vincolato a priori la numerosità complessiva nei due strati (grandi e piccole imprese) rispettivamente a 1/3 e 2/3. La scelta è stata dettata dalla volontà di garantire maggiore controllo della variabilità campionaria nelle imprese più grandi (economicamente più rilevanti). La lista delle imprese è l annuario KOMPASS/SEAT ed ; problemi di segreto statistico hanno infatti impedito di utilizzare direttamente l archivio ASIA Il fatto ha determinato un errore non campionario di copertura il cui effetto è però difficilmente quantificabile dato il costo di una interrogazione totale dell archivio imprese. Il problema è comunque soprattutto evidente per le unità meno rilevanti ; infatti da informazioni ausiliarie si può stimare che l elenco copra circa 2/3 delle grandi imprese e 1/3 di quelle considerate piccole. Il processo di raccolta dei dati ha riguardato 1600 aziende scelte casualmente. La raccolta dei dati è avvenuta mediante questionari postali e fax. E stato 14 Per una nota metodologica piu dettagliata si rimanda ad una prossima pubblicazione su quaderno di ricerca del Dipartimento di Scienze Statistiche P. Fortunati.

7 successivamente necessario un lungo lavoro di recall telefonico. Per ogni strato, le unità totalmente non rispondenti sono state ordinate casualmente e ricontattate in ordine successivo fino a raggiungere le proporzioni stabilite sulla base dei dati ASIA Il tasso finale di risposta è stato del 13% (206 questionari completati) un risultato che dipende dalla grande richiesta di informazioni (21 domande). Molto più alto il tasso di risposta medio per questionario che sfiora il 90%. Non si sono evidenziati rilevanti problemi di autoselezione dei rispondenti rispetto a variabili quali: classificazione ATECO a due cifre, dimensione e area geografica (macro aree Nielsen). Il processo di verifica della coerenza interna delle risposte è basato sull analisi delle somme percentuali e sul controllo dei rapporto tra spesa in viaggi d affari e addetti e/o fatturato. Le imprese che presentavano valori considerati anomali perchè superiori a 3 volte lo scarto quadratico medio di strato, (12 in totale) sono state ricontattate. Il trattamento della mancata risposta parziale è stato affrontato con metodologie hot-deck dopo avere determinato le classi di imputazione in base alle variabili ATECO, addetti, e costo medio del singolo viaggio (classi). Nel caso fossero tali informazioni a mancare, si è provveduto a ricontattare il non rispondente e solo nel caso di ulteriore non risposta a imputare il dato attraverso correlazioni con variabili note. Il lavoro ha consentito di stimare in 18 miliardi di Euro 15 la spesa 2002 per viaggi d affari nel segmento corporate, un dato che pone il segmento in una posizione di assoluto rilievo. Tale spesa è generata da circa 30 milioni di viaggi (di cui oltre 21.5 milioni in Italia); i viaggi con almeno un pernottamento sono 19,5 milioni. Circa il 65% dei viaggi è motivato per incontrare clienti o fornitori mentre il 25% ha come motivo il partecipare a riunioni aziendali. La dimensione campionaria non consente di spingersi molto avanti nel dettaglio dei risultati, a meno di non accontentarsi di semplici indicazioni descrittive 16. Va però sottolineato come la prospettiva aziendale permetta sia di classificare l informazione per variabile strutturale (settore, dimensione), sia di analizzare il processo di acquisto dei viaggi (la travel policy) sia di calcolare alcuni indici (vedi tabella 2). L incidenza complessiva della spesa sul fatturato (1.1%) è in linea con quella stimata in una recente simulazione di conto satellite del turismo Italiano 17 ; qui l incidenza dei viaggi d affari sulla produzione totale ai prezzi base è l 1,2% per l intera economia (piccole imprese e pubblica amministrazione compresa). 15 Precisione 10% all 80% di significatività) 16 Risultati più dettagliati sono riportati in Guizzardi (2003) I viaggi d affari delle aziende italiane nel 2002: dimensione del mercato e previsione delle tendenze La Rivista del Touring, n 4, Touring Club Italiano ed. 17 WTTC (2003) Country league tables The 2003 Travel and Tourism research, World Travel and Tourism Council ed., UK.

8 Tab. 2) L incidenza della spesa per viaggi d affari Spesa su fatturato Spesa per addetto (Euro x 1000) Industria 1.0% 2.1 Commercio 0.5% 1.9 Servizi (non comm.) 2.0% 1.9 Totale 1.1% 2.0 Un risultato da evidenziare, anche perchè ritenuto robusto rispetto alla dimensione campionaria, è la maggiore stabilità intrasettoriale del rapporto spesa su addetti rispetto a quello spesa su fatturato. Il punto è rilevante oltre il numero, perchè indica che all ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e fatturato, spesso utilizzata nei modelli statistico-economici per superare la carenze di informazione pubblica 18, è preferibile quella di proporzionalità tra spesa e addetti. 4) Conclusioni La crescente importanza dei viaggi collegati a motivazioni d affari e alcune carenze dell attuale sistema informativo pubblico, soprattutto per quanto riguarda i flussi interni e il segmento viaggi individuali, hanno suggerito una prima riflessione sulle definizioni e gli strumenti di misura utilizzati. Il risultato principale è la evidenziata necessità di criticare l identità di definizione tra domanda di turismo e viaggiatore che, se accettabile per i viaggi di svago, non lo è per i viaggi di lavoro. Qui chi viaggia lo fa spesso per soddisfare un bisogno non proprio e soprattutto senza intervenire sulla decisione d acquisto che è delle imprese, degli enti pubblici, o delle associazioni. In altri termini la scelta equivale a non distinguere la domanda per consumi finali e quella per consumi intermedi una situazione che non si ripropone per nessun altro bene o servizio. Le imprese e non le famiglie dovrebbero essere quindi considerate come unità di rilevazione nelle indagini sui viaggi per affari. La soluzione oltre a migliorare la qualità dell informazione (sicuramente sotto il profilo dell informazione economica) renderebbe più semplice la rilevazione statistica come mostrato attraverso un indagine sperimentale condotta sul solo segmento corporate. Come primo risultato si è mostrata la grande potenzialità di un indagine sugli acquirenti ; è infatti stato possibile collegare i comportamenti di acquisto e la 18 Ad esempio in Woollett G., Townsend J., Watts G. (2002) Development of QGEM-T a Computable General Equilibrium Model of Tourism, Office of Economic and Statistical Research working paper, Queensland Treasury, Australia.

9 spesa a variabili economiche di struttura oltre che a informazioni sulle modalità di gestione. Si è mostrato che è possibile ottenere informazioni cruciali sia per le analisi di tipo micro (marketing o benchmarking) sia per analisi di tipo macro come ad esempio la stima della domanda di mercato o la costruzione di un conto satellite del turismo. Come secondo risultato si sono ottenute stime dei viaggi (30 milioni) e dell escursionismo d affari (11 milioni). Il dato sui viaggi con pernottamento risulta più elevato rispetto ai dati ufficiali ma in linea sia con quanto misurato da organismi internazionali sia con alcune valutazioni qualitative che si possono compiere analizzando i dati ufficiali dell offerta di turismo. Si è infine dimostra la rilevanza della segmentazione per settore produttivo nel determinare alcune caratteristiche dei viaggio d affari anche se tale dipendenza non è omogenea rispetto al carattere scelto. Ad esempio si è mostrato che l incidenza della spesa per viaggi sul fatturato è più variabile rispetto al settore produttivo che non il rapporto della spesa per viaggi sugli addetti. Il punto è rilevante nelle analisi economiche dove l ipotesi di proporzionalità tra spesa per viaggi e dimensione aziendale è spesso richiamata. Summary Tourism is an important part of modern societies and plays a crucial role within the world economy. Is a demand-side concept involving a wide range of activities and different motivations to consume, mainly leisure or business or study. Developed economies are generally mature markets for leisure tourism, so that attention is gradually shifting towards business travel. The latter helps to reduce seasonality, it is more valuable than leisure tourism and - because of business trends in management, market globalization and training activities - it shows a rate of growth that generally exceeds the overall tourism growth rate. Despite the sector s importance, present-day statistics on tourism do not provide sufficient business information, as pointed out in several official reports (see among others OECD 2001). This lack of information is a necessary consequence of Eurostat s (2000) suggestion to use household surveys for data collection. Such an approach produces no or very little relevant data about business travel s structure and costs limiting the possibility to evaluate indirect GDP, business policy effects, or to prepare a satellite account. The critical point is demand definition. Households represent only tourism final demand; therefore they are not the optimal statistical units when the focus is on tourism as an intermediate consumption. The decision to buy business travel is not generally taken by travellers themselves but by

10 company managers (enterprises), who are the only subjects knowledgeable about travel costs, purchasing processes or travel policies. In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys. The question is whether today s official business surveys can be directly and effectively extended to survey business travel expenditure. In the work we have also presented the methodology and the results of an explorative survey on the corporate segment of the Italian business travel market. Data on business travel expenditure were collected through a direct survey of Italian enterprises. Only enterprises with more than 4 employees (if in the service sector) and more than 9 employees (if in the industrial sector) were included in the study. Mail, fax and questionnaires were sent to a sample of 1,600 firms; the final response rate was 13% (206 completed questionnaires) but it was necessary to later telephone. Although limited sample size does not allow for a very detailed analysis, results provide sufficient evidence to counter the frequently advanced hypothesis of indipendence between productive sector and business travel expenditure (i.e. the fixed proportions between travel expenditures and enterprise s size) Official statistics should no longer ignore or downplay the role of business travel as part of tourism sector. In order to provide a fuller picture, business travel costs should be included among other productive costs in official surveys to enterprises. This work shows that this is feasible, at least from a technical point of view. The main problem remains theoretical and it is tied to business travel demand definition. Until it will not be possible to correctly measure business travel relevance but to be In order to provide a more complete statistical picture for this important sector it so necessary to collect information from both side household and business government surveys.

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

LE STATISTICHE DEL TURISMO, CHI? Una lettura attenta delle statistiche per una migliore conoscenza del fenomeno

LE STATISTICHE DEL TURISMO, CHI? Una lettura attenta delle statistiche per una migliore conoscenza del fenomeno LE STATISTICHE DEL TURISMO, CHI? Una lettura attenta delle statistiche per una migliore conoscenza del fenomeno Firenze, 3 dicembre 2015 Fortezza da Basso Alessandro Tortelli Centro Studi Turistici L arte

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese

I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane I vantaggi del nuovo sistema: qualità dell output e burden sulle imprese Giampiero Siesto Viviana

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Aumento di qualità dei dati economici aggregati e nuovi indicatori sulle eterogeneità interne al

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo

Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo Introduzione: l uso degli indicatori per l analisi del turismo L obiettivo del laboratorio, come già detto in precedenza, è di descrivere e utilizzare degli strumenti che ci consentono di valutare il mercato

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE Crescita degli eventi e loro complessità determinano la necessità di valutare il valore reale di un evento sia a valle che a monte Vuoto cognitivo facendo riferimento

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007

STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007 STATISTICA SOCIALE Corso di laurea in Scienze Turistiche - A.A. 2007/2008 Esercizi di riepilogo - 14 dicembre 2007 Esercizio 1 In Tabella 1 è riportato il numero di crediti maturati al 30 settembre 2007

Dettagli

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)!

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Su questa base (ma non solo) ci si occupa:! Comportamento

Dettagli

Sociologia del turismo

Sociologia del turismo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca Corso di Laurea triennale in Scienze del Turismo e Comunità Locale Sociologia del turismo Prof. Matteo Colleoni Tutor

Dettagli

Lingua Lettura Parlato Scritto. Inglese 8 8 7 Olandese 5 5 4 8. Membership of professional bodies: nessuno

Lingua Lettura Parlato Scritto. Inglese 8 8 7 Olandese 5 5 4 8. Membership of professional bodies: nessuno Istituzione Università di Data: 1995-2000 Titolo e corso conseguito: Laurea in Economia (101/110) 7. Conoscenze lingue straniere: (valutazione crescente da 1 a 10) Lingua Lettura Parlato Scritto Italiano

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie

Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie Giugno 2014 Italia: opinioni sulle commissioni interbancarie Per i commercianti italiani American Express e Diners Club dovrebbero essere equiparate a Visa, MasterCard e circuiti nazionali nella proposta

Dettagli

OVERVIEW MEETING INDUSTRY

OVERVIEW MEETING INDUSTRY OVERVIEW MEETING INDUSTRY 2009/2010 LA MEETING INDUSTRY, parte del SISTEMA TURISMO è anche SISTEMA A SE LE SUE CARATTERISTICHE PRINCIPALI: Destagionalizzazione dei flussi Spesa pro capite maggiore rispetto

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO

SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia DOCUMENTO INFORMATIVO COMPLETO SONDAGGIO Censis Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia Vissuti ed esiti della scolarizzazione dei minori di origine immigrata in Italia Questionario ai docenti

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Sintesi dei principali risultati

Sintesi dei principali risultati Milano e i congressi internazionali Posizionamento in Europa e impatto economico Sintesi dei principali risultati La ricerca, condotta da Paola Bensi, Roberto Nelli e Stefano Oliva presso il Laboratorio

Dettagli

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE TURISMO E IMPRESE TURISTICHE 1 Alcune definizioni secondo le statistiche internazionali Escursionisti (same day visitors) Turisti (da minimo una notte a massimo un anno lontano dal luogo usuale dove vivono)

Dettagli

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Il tema digital marketing l insieme di tecniche manageriali pensate ad hoc per comprendere ed affrontare con successo il mondo digitale. Alle 4 P tradizionali

Dettagli

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010 Nota metodologica Gli indici del fatturato dei servizi sono indicatori congiunturali, prodotti a cadenza trimestrale, che hanno l obiettivo di misurare l andamento infrannuale del valore dei servizi venduti

Dettagli

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Te Se M COME CAMBIANO I RAPPORTI FRA END-USER E FORNITORI DI SERVIZI SECONDO LA MATURITÀ DI

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010

PROSPETTO 1 STRUTTURA DEI PESI 2010 PER GLI INDICI DEL FATTURATO DEI SERVIZI. Codice Ateco Attività economica Pesi 2010 Nota metodologica Gli indici del fatturato dei servizi sono indicatori congiunturali, prodotti a cadenza trimestrale, che hanno l obiettivo di misurare l andamento infrannuale del valore dei servizi venduti

Dettagli

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Primo Rapporto 2010 Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Iniziare a comporre il puzzle Il Management Consulting è un settore dai confini non ben definiti, con basse barriere all'entrata

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

GLBT le tendenze del settore turismo. ottobre 2013

GLBT le tendenze del settore turismo. ottobre 2013 GLBT le tendenze del settore turismo ottobre 2013 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione che fin dalla nascita ha scelto turismo, trasporti e ospitalità come ambito di

Dettagli

I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo

I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo I Grandi Eventi come Attrattori di Turismo I numeri con dati aggiornati al 31 dicembre 214 A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio I trend del turismo a Roma:

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Compliance in Banks 2011

Compliance in Banks 2011 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2011 Stato dell arte e prospettive di evoluzione Il ruolo della Compliance nella definizione strategica delle relazioni

Dettagli

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione

Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Indagine del fatturato dei servizi: Alloggio e Ristorazione Fasi dell indagine e i risultati per i settori Roberto Iannaccone Messina, 27 Settembre 2013 Sommario 1. Indici del fatturato dei servizi: aspetti

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Euro P.A. Turismo cercasi dati L ANNUARIO del TURISMO e della CULTURA 2009 Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Fabrizio Lucci, Centro Studi Rimini, 2 aprile 2009 INDICE DELL ANNUARIO

Dettagli

Documento. n. 14. La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti

Documento. n. 14. La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti Documento n. 14 La nuova indagine ISTAT sul fatturato dei commercialisti Aprile 2013 LA NUOVA INDAGINE ISTAT SUL FATTURATO DEI COMMERCIALISTI LA NUOVA INDAGINE ISTAT SUL FATTURATO DEI COMMERCIALISTI In

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2011/2012

Executive Summary Rapporto 2011/2012 Executive Summary Rapporto 2011/2012 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Dati macro Il settore del Management Consulting rappresenta un mercato molto frammentato, dove sono presenti circa

Dettagli

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand MAURO SANTINATO Presidente Teamwork Sviluppo del prodotto hotel Analisi di mercato Studi di fattibilità Studio dei trends Ricerche sul territorio

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti)

Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti) Misurazione degli oneri amministrativi per le piccole e medie imprese (5-249 addetti) La regolamentazione è lo strumento più importante adottato da una nazione per tutelare gli interessi collettivi e realizzare

Dettagli

SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione. NOTA INFORMATIVA SONDAGGIO 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione

SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione. NOTA INFORMATIVA SONDAGGIO 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione SONDAGGIO censis 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione 8 Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione Autore: Censis GfK-Eurisko Committente e Acquirente: Ucsi Oggetto del sondaggio: monitoraggio dell

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Il nuovo Studio di Settore VG78U per le Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator

Il nuovo Studio di Settore VG78U per le Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo Studio di Settore VG78U per le Agenzie di Viaggi ed i Tour Operator Pierluigi Fiorentino S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le caratteristiche

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD

A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD A cura di: prof. Attilio Celant, prof. Giandomenico Celata, dott.ssa Rossella Gaudio - PhD INDICE I trend del turismo a Roma p. 3 Il vantaggio di Roma rispetto alle altre grandi mete turistiche italiane

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO

DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO DAL COSTO DELLA FLOTTA AL TCO Case history LAVAZZA Corporate General Services Manager Laura Echino Milano, 23 ottobre 2013 1 IL GRUPPO IL FATTURATO 2012 1.330,7 milioni di euro 3 LAVAZZA oggi è presente

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia. Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti. Stefania Massari

Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia. Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti. Stefania Massari Il primo Conto Satellite del Turismo in Italia Le tavole del CST: aspetti definitori e contenuti Stefania Massari Roma, 22 novembre 2012 Contenuti della presentazione 1. Le tavole del CST: articolazione

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

ANDAMENTO DEL TURISMO IN ITALIA, IN EUROPA E NEL MONDO

ANDAMENTO DEL TURISMO IN ITALIA, IN EUROPA E NEL MONDO ANDAMENTO DEL TURISMO IN ITALIA, IN EUROPA E NEL MONDO Roma 30 luglio 2014 INDICE DEI CONTENUTI Il turismo in Italia: gli andamenti recenti. Il turismo in Italia: i primi risultati 2014. Le previsioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003 Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

LA CONTABILITÀ NAZIONALE

LA CONTABILITÀ NAZIONALE 1 LA CONTABILITÀ NAZIONALE CRISI E ANDAMENTO DEL PIL 2 3 4 CONTABILITA NAZIONALE Il calcolo del PIL PIL come valore dei beni e servizi finali PIL come somma dei valori aggiunti PIL come reddito prodotto

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico

Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei settori non finanziari le imprese giovani (fino 5 anni di vita), pur

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate Malgrado l occupazione femminile abbia registrato a partire dall inizio del 2000 un forte incremento, segnando tassi di crescita annui

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Consulenza su misura per i vostri viaggi aziendali

Consulenza su misura per i vostri viaggi aziendali Consulenza su misura per i vostri viaggi aziendali Business Travel Il business travel, e cioè l insieme delle attività strettamente legate a viaggi di lavoro quali biglietteria aerea e ferroviaria, prenotazioni

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base al quale il Ministro del Tesoro, sentiti

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013 Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale Dicembre 2013 Sommario Premessa e sintesi dei risultati Il lavoro svolto Risultati aziende italiane Risultati aziende europee 2 Premessa L obiettivo

Dettagli

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda Capire i mercati Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca Agenda w Quali sono le componenti di un moderno sistema informativo di marketing?

Dettagli