ANNO 14 - N 5 - MAGGIO Periodico di videogiochi, software, entertainment. magazine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO 14 - N 5 - MAGGIO 2015. Periodico di videogiochi, software, entertainment. magazine"

Transcript

1 Redazione: Palazzo di Vetro - Corso della Resistenza, Meda (MB) - Tel /4/5 Fax: Periodico mensile - Registrazione al Trib. di Milano n. 340 del 10 giugno Poste Italiane S.P.A. Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO/MI Editore: Edizioni Turbo S.r.l. - Direttore Responsabile: Angelo Frigerio - Stampa: Ingraph - Seregno (MB) - Una copia 1,00 euro - In caso di mancato recapito, inviare all ufficio postale di Roserio per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa. ANNO 14 - N 5 - MAGGIO 2015 magazine Periodico di videogiochi, software, entertainment

2

3 COVER STORY. Riflettori puntati sulla catena videoludica Opengames, un nuovo salto di qualità Intervista con Antonello Chiara e Igor Manakoff. I risultati ottenuti, le strategie e i nuovi progetti di co-marketing. Alle pagine 14 e 15 ANNO 14 - N 5 - MAGGIO 2015 magazine Periodico di videogiochi, software, entertainment DIRETTORE RESPONSABILE: ANGELO FRIGERIO - DIRETTORE EDITORIALE: RICCARDO COLLETTI ALLARME ROSSO. Crisi nera per le grandi superfici. Non solo del food. LA CHIAMAVANO GD di Riccardo Colletti Houston abbiamo un problema. La Grande distribuzione in Italia è in crisi. Profonda. Inutile girarci intorno. Lo dicono i dati e i numeri. Al netto di qualche eccezione (Conad ed Esselunga) la crisi dei consumi ha fatto le sue vittime. I conti faticano a tornare. E il Bel Pase, terra notoriamente di conquista, vede le grandi multinazionali fare le valigie. O, nella migliore ipotesi, ridurre l impegno, contrarre le presenze e le posizioni. Riorganizzare e ristrutturare, come dicono quelli che parlano bene. Attenzione: non è che per le insegne italiane siano tutte rose e fiori. Tanto nel settore food, quanto nell ambito non food. Sembrano così lontani quegli anni ma attenzione non ne sono passati trenta o quaranta in cui si vedevano le grandi cattedrali del consumo spuntare a ogni incrocio. L Italia, si diceva, andrà ad assimilare il modello francese. E contestualmente cominciava anche il processo di colonizzazione di insegne internazionali, ma non solo. Mi ricordo bene il susseguirsi di convegni e seminari, durante i quali non si perdeva occasione per raccontare urbi et orbi che per i negozi di prossimità si chiamavano dettaglianti o rivenditori tradizionali non ci sarebbe stato scampo. E per carità. Molto di tutto ciò è accaduto. La mappa commerciale è cambiata, in alcune aree stravolta. Peccato che certi sceneggiatori si fossero limitati a raccontare soltanto la prima parte del film. A distanza di tempo le cose hanno preso una piega differente. Per quanto sia indiscutibile il rullo e la forza espressa dalla Gd nella sua accezione più ampia, la recente crisi economica ha in qualche modo ribaltato tutto. O quasi. Rimodulato l assetto in senso contrario. Ristabilito anche regole e gerarchie che si allineano non tanto al pensiero stupendo dell esperto di turno, ma alle tipicità di un Paese e dei suoi stessi consumatori. (...) continua a pagina 4 Italian Games Awards 2015 Ai nastri di partenza la decima edizione, organizzata da Gamestore, per i Premi dell Eccellenza assegnati dal Retail. Il 6 luglio la serata di premiazione. a pagina 25 INTERVISTA. La parola a Luisa Bixio Milestone, l Italia che corre Un fatturato di 23 milioni di euro e tante new release in arrivo. A partire da MotoGP 15. Fino alla novità nel segmento rally, che avrà per testimonial il campione Sébastien Loeb. BATMAN: ARKHAM KNIGHT Scontro finale a Gotham City A pagina 12 La trilogia cominciata nel 2009 si chiude con un titolo ricco di combattimenti, indagini e azione. Appuntamento al 23 giugno. A pagina 13 Rhone pronta a vendere la quota di Unieuro Nuovo scossone nel retail dell elettronica di consumo. Secondo quanto riportato dall edizione di CorrierEconomia dello scorso 11 maggio, Rhone Capital, il principale azionista della catena Unieuro, sarebbe intenzionato a vendere la propria quota. Si tratta del 70% del capitale, per una cifra stimata di 300 milioni di euro. Per questa ragione sarebbe stato assegnato l incarico a Unicredit e Banca Imi, in veste di advisor congiunti, che hanno indirizzato la pratica a un panel di private equity italiani, paneuropei e anglosassoni. Attualmente, il restante 30% del capitale di Unieuro è così suddiviso: 15% a Dixons (il colosso britannico che aveva rilevato Unieuro da Oscar Farinetti, attuale Mister Eataly, alla modica cifra di 528 milioni di euro), 10% a Giuseppe Silvestrini (fondatore di Sgm Distribuzione, protagonista del merger con Unieuro di cui è presidente) e 5% a Giancarlo Nicosanti Monterastelli attuale ceo della catena. Unieuro ha chiuso l esercizio fiscale 2014/2015 (lo scorso 28 febbraio) con un fatturato di quasi 1,4 miliardi di euro, un utile lordo di 355 milioni di euro, un ebitda per 57 milioni di euro e debiti netti di 35 milioni di euro. FANDANGO La giusta animazione fa bene alle vendite L iniziativa realizzata da Fandango Club. Lanciata una nuova app che rende ancora più qualificato e profilato Store Animati. Il brand che permette di individuare, reclutare e selezionare il personale che svolge attività di promoter, merchandiser, hostess, modelle... A pagina 16

4 POLE POSITION. Commenti & analisi La chiamavano Gd Microsoft: Evita Barra a capo della divisione Windows Direttore Responsabile ANGELO FRIGERIO Direttore Editoriale RICCARDO COLLETTI Editore: Edizioni Turbo srl Redazione: Palazzo di Vetro Corso della Resistenza, Meda (MB) Tel /4/5 Fax: Registrazione al Trib. di Milano n 340 del 10 giugno 2002 Periodico mensile - Anno 14 n 5 - maggio Stampa: Ingraph - Seregno (MB) Una copia 1,00 euro Poste Italiane S.P.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% LO/MI L editore garantisce la massima riservatezza dei dati personali in suo possesso. Tali dati saranno utilizzati per la gestione degli abbonamenti e per l invio di informazioni commerciali. In base all Art. 13 della Legge n 196/2003, i dati potranno essere rettificati o cancellati in qualsiasi momento scrivendo a: Edizioni Turbo S.r.l. Responsabile dati: Riccardo Colletti Corso della Resistenza, Meda (MB) Questo numero è stato chiuso in redazione il 12 maggio 2015 PAGINA 4 N.5 MAGGIO 2015 (...) L Italia è fatta a modo suo. In tutto e per tutto. L Italia è la provincia. L Italia è lunga e stretta. Questi, che abbiamo spesso battezzato come luoghi comuni, in realtà, sono maledettamente veri. L Italia è un Paese tanto moderno nel saper accogliere la novità e l innovazione, quanto attento alle tradizioni. Il concetto vale ancora di più per il mondo del commercio. Anche in quella che viene definita la stagione di Internet e degli acquisti online. Così, dopo aver visto chiudere tanti piccoli esercizi e negozi specializzati, il giro di valzer adesso tocca ai pesci grossi. Ed è questa la parte della storia che gli esperti non avevano minimamente messo in conto. Neppure immaginata. Di essi, qualcuno continua a imperversare e a dispensare analisi e spiegazioni (ovviamente di matrice contraria), altri invece sono spariti. Anche se il sospetto è che siano finiti a fare i sondaggisti della politica, vista l incredibile inattendibilità degli exit poll. Ma torniamo a bomba. La crisi della Gd. Che si sente, si vede e si tocca. I licenziamenti paventati nel nostro Paese da Auchan non possono essere trascurati. Così come le chiusure e riassetti che stanno interessando anche le catene della Gds come Media World o Mercatone Uno (lo scorso 11 maggio è stato firmato, al ministero del Lavoro, l accordo che prevede la cassa integrazione straordinaria per dipendenti del Gruppo di Imola) e altre che però talvolta preferiscono operare in modo più silenzioso. I conti non tornano. Tante le cause: affitti elevati, costi complessivamente sperequati. O, anche, la creazione di una mappa commerciale che si è preoccupata di andare a coprire tante (forse troppe) zone, puntando a un espansione eccessiva. In una lotta all ultima apertura. Determinando un eccesso di offerta che non ha trovato i riscontri necessari sul versante dei consumatori. O ritardando taluni interventi. Non solo: tra le ragioni non può essere trascurata quella di una competition sempre più aspra e serrata. Nella quale stavolta le insegne italiane Netflix in Italia a ottobre? dimostrano di saper vincere, non solo di mettersi a giocare la partita. Ogni tanto varrebbe la pena ammetterlo, accettarlo e sottolinearlo. Anche il rapporto tra entertainment e Grande distribuzione si è inevitabilmente complicato. Un rapporto che, ultimamente, sta diventando di difficile gestione e soluzione. Le grandi catene di supermercati, infatti, da almeno un paio d anni complice la crisi economica ma non solo hanno decisamente ristretto e ricompattato i reparti (e dunque il business) legati ai prodotti di intrattenimento: home video e videogiochi. A dirla tutta a seguito anche di una battuta di scontrino assai elevata rispetto agli standard è più il settore videoludico ad aver pagato dazio. Ormai il peso delle varie insegne della Gd nell ambito gaming continua a contrarsi. Gli spazi sugli scaffali ancora di più. Dopo i fasti legati all era Nintendo e della Wii in particolare, i grandi player hanno progressivamente tirato i remi in barca. Sono veramente ridotte e contenute le release che diventa possibile trovare in maniera continuativa nelle grandi superfici del food. E, talvolta, per poterle allocare, si deve lottare con le unghie e con i denti. Ma non meno preoccupante rischia di diventare la situazione anche per l home video. Un giro rapido tra i reparti di una qualsiasi catena certifica il disinvestimento in atto. Intendiamoci: il ragionamento ha tonalità più o meno accese. I distinguo ci sono sempre. Ma è indiscutibile che il panel di referenze si è compattato. Insomma, il problema c è, si vede, resta. Il canale della Gd riveste un ruolo di primaria importanza nel commercio italiano. A nessuno piace vederla in affanno, così come non abbiamo mai salutato con favore le numerose chiusure dei negozi di prossimità. E chiaro che siamo a un punto di svolta. Ma una Gd che riallinea il proprio raggio operativo è un conto. Ci sta. Una Gd che, invece, decide quasi di relegare a ruolo inferiore a quello di comprimario un settore come quello dell entertainment fa male. Al mercato. Ma ancor più a se stessa. Netflix in Italia entro la fine dell anno, forse già a ottobre. Lo scrive Variety, per firma del suo columnist Nick Vivarelli. Il quale - e qui il mistero si infittisce - cita però una fonte (lo chiama espressamente insider ) quasi sicuramente italiana. L indiscrezione arriverebbe infatti da un evento organizzato da Alto Adige Business Location Südtirol, il film fund altoatesino. All incontro erano presenti manager di società cinematografica di Italia, Germania, Austria e Svizzera. Nulla però è trapelato sulla stampa nostrana, e l unica ad aver scritto a riguardo è l autorevole testata californiana. A margine dell incontro, un operatore avrebbe avvicinato Vivarelli rivelandogli che la piattaforma di Los Gatos entrerà nel nostro mercato ad autunno. Variety ha chiesto in merito una conferma a Joris Evers, head of communications in Europa di Netflix. Il quale ha declinato ogni commento. Ma il confidente avrebbe spiegato a Vivarelli che la piattaforma di Svod è più che mai decisa a superare gli ostacoli determinati dalla velocità della Banda in Italia, unitamente alla scarsa diffusione di Internet veloce, che raggiungerebbe nel nostro Paese 14 milioni di famiglie. Variety ricorda che Telecom a marzo ha annunciato di stare discutendo un accordo con la stessa Netflix e rimarca come per l industria locale l arrivo di un player forte come la società guidata da Reed Hastings rappresenti una straordinaria opportunità per vendere i diritti delle proprie library. E proprio attorno a questo punto si concentrano le maggiori incognite: Netflix sarà interessato ai nostri contenuti?, si domanda la fonte. Altri particolari in cronaca: all incontro erano presenti Jan Mojto della tedesca Beta Film, Alexander Dumreicher-Ivanceanu, della casa di produzione viennese Amour Fou, la svizzera Tiziana Soudani, di Amka Film Productions e Marco Chimenz, di Cattleya. E allora, chi mai sarà stato, tra questi, il confidente di Vivarelli? Microsoft Italia annuncia due nuove nomine per accelerare la trasformazione dell azienda nello scenario Mobile First, Cloud First: Claudia Bonatti assume il ruolo di direttore della divisione Office ed Evita Barra (nella foto) diventa il nuovo direttore della divisione Windows. A diretto riporto di Paola Cavallero, direttore Marketing & Operations, Claudia Bonatti ed Evita Barra guideranno le strategie della filiale italiana volte a concretizzare nel nostro Paese la visione di una nuova produttività e di un ecosistema integrato per il personal computing, promuovendo l accesso ad esperienze digitali sempre più ricche e la diffusione di tecnologie innovative per consentire a chiunque di condividere documenti e informazioni in qualunque momento e attraverso molteplici dispositivi. In linea con la visione dell azienda, i team guidati da Claudia Bonatti ed Evita Barra si impegneranno per aiutare individui, aziende e partner a cogliere le opportunità legate ai nuovi trend tecnologici e a far leva rispettivamente sulla piattaforma cloud Office con i suoi strumenti di comunicazione e collaborazione, e al mondo dei device Windows e Surface in un momento strategico come quello del lancio del nuovo sistema operativo Windows 10. Dopo aver guidato la divisione Windows per 4 anni, Claudia Bonatti nel suo nuovo ruolo si impegnerà a consolidare ulteriormente il posizionamento di Office quale piattaforma di produttività per eccellenza e a confermarne l evoluzione come ecosistema di applicazioni fruibili in modalità cloud e in una logica di sempre crescente interoperabilità ed apertura verso le piattaforme concorrenti. Alla guida della divisione Windows le succede Evita Barra in precedenza direttore della divisione Retail, Sales & Marketing di Microsoft Italia. Grazie all esperienza maturata negli ultimi anni nel mondo dei consumatori e delle dinamiche retail, con un particolare focus sul mondo dei dispositivi e del gaming, Evita potrà consolidare l impegno di Microsoft nella diffusione delle migliori esperienze per i consumatori e delle opportunità per aziende e sviluppatori, attraverso il nuovo sistema operativo Windows 10, che intende ispirare le persone per il raggiungimento dei propri progetti, le aziende pubbliche e private di qualunque dimensione, per accrescerne la competitività ed infine gli sviluppatori, per permettere loro di creare idee originali in una logica multipiattaforma. Sono felice di assumere questo nuovo incarico alla guida di una delle divisioni che negli ultimi mesi ha mostrato il maggior fermento presentando innovazioni davvero in grado di ridefinire la società e di migliorare la vita di tutti: basti pensare alle potenzialità di Cortana, Hololens, Microsoft Health e Band, nati grazie al nostro costante investimento in Ricerca & Sviluppo e al continuo impegno per sviluppare tecnologie per semplificare la vita delle persone. Se l obiettivo iniziale di Microsoft era quello di porre un personal computer su ogni scrivania, ora aspiriamo a fare di più, ovvero a rendere il mondo del computing più personale. E con il lancio di Windows 10 e dei nuovi Surface possiamo davvero trasformare questa ambizione in realtà, ha affermato Evita Barra.

5 ATTUALITÀ. Il mercato, i fatti, i protagonisti Nuove nomine in Bandai Namco Entertainment Europe E anche Amazon si arrende all Iva Dallo scorso 1 maggio il colosso dell e-commerce ha aperto una succursale italiana. E non può più applicare il reverse charge. Il consiglio di amministrazione di Bandai Namco Entertainment ha nominato Alberto Gonzalez Lorca vice president per la Southern European Region, che comprende Iberica, Italia, Grecia e Medio Oriente. Alberto Gonzalez Lorca manterrà anche la responsabilità del business legato alle terze parti in Europa. Ma una novità importante riguarda anche il nostro Paese. Infatti Christian Born (nella foto in alto), head of marketing della filiale italiana, è stato promosso in qualità di country manager per l Italia. Un significativo riconoscimento per un manager che vanta una vasta e qualificata esperienza nel settore videoludico. Infine, da segnalare che Dimitri Koulouris viene confermato managing director per la Grecia e il Medio Oriente, mentre Christophe Berrard, precedentemente managing director per l Italia, avrà nuove responsabilità all interno del gruppo. Anche Amazon si adegua all Iva italiana. A partire dallo scorso 1 maggio il colosso dell e-commerce, dopo l episodio che ha portato all allontanamento del country manager Martin Angioni e al blitz a Cagliari del ceo Jeff Bezos, ha provveduto a dotarsi di un organizzazione nel nostro Paese che non gli consente di applicare più il cosiddetto reverse charge. Gli utenti che hanno visto applicata un aliquota inedita ai loro acquisti, e che hanno scritto al servizio clienti di Amazon, si sono infatti visti rispondere con una lettera recante il seguente testo: Gentile signore, in merito alla fattura dell ordine, le confermo che ha trovato l Iva addebitata nel suo ordine in quanto dal 1 maggio 2015 Amazon ha aperto la succursale italiana. Pertanto, per tutti gli ordini effettuati dal primo maggio 2015 verrà applicata l Iva italiana e non sarà più applicabile il meccanismo del reverse charge. Una conferma implicita che la natura dell organizzazione esistente sino a oggi non fosse stabile: Amazon ha gestito per anni magazzini, poli logistici e uffici nel centro di Milano rimanendo di fatto una primula rossa, imprendibile per l erario, e pronta a offrire vantaggi fiscali anche ad aziende e privati che facevano acquisti sul proprio portale. Il cosiddetto reverse charge, o inversione contabile, è infatti in tutto e per tutto assimilabile agli acquisti che si fanno all estero. Bastava che un cliente inserisse assieme al proprio account Amazon il proprio numero di partita Iva perché l acquisto effettuato, indipendentemente dalla merceologia, fosse esentato da tassazione. L onere di verificare se il cliente abbia o meno diritto ad assimilare l acquisto di un prodotto ai beni strumentali alla propria attività non spetta infatti al venditore. E Amazon si comportava come le proverbiali tre scimmiette: tutto consentendo, pur di garantirsi un vantaggio competitivo. Di qui i sospetti di concorrenza sleale, da parte dei retailer tradizionali ma anche degli shop online, che vedevano la società di Jeff Bezos fatturare gli acquisti come se fossero tutti fatti in Lussemburgo. Come mai allora esistevano magazzini italiani? A cosa servivano? Amazon era davvero sino a oggi sfornito di una partita Iva italiana o, più semplicemente, non la utilizzava nella gestione delle vendite? Di fatto sul sito della società continua a comparire la seguente informativa, che esplicita quale fosse la strategia: In conformità alle leggi vigenti, Amazon è obbligata ad addebitare l Iva su tutti gli ordini spediti o trasportati nel territorio dello Stato italiano o dallo Stato italiano o da altro Stato membro nei confronti di persone fisiche non soggette d imposta. In generale, l Iva viene addebitata secondo la legislazione vigente in ciascuno Stato membro di destinazione dei beni. Gli importi visualizzati per gli articoli venduti da Amazon accanto alla voce Prezzo sono comprensivi di Iva. Il prezzo finale potrà differire a seconda dell aliquota Iva vigente all atto dell acquisto che viene applicata al tuo ordine. Per ordini con spedizione negli altri paesi dell Unione europea, l aliquota italiana verrà rimossa e l aliquota relativa al paese di spedizione verrà applicata. Prima di confermare il tuo ordine, potrai visualizzare il prezzo finale comprensivo dell Iva applicabile. Resta da verificare se, in base all apertura delle succursale italiana (di cui non è stata data alcuna notizia stampa), ora tutti gli ordini effettuati in territorio italiano verranno evasi con spedizione dal nostro Paese. Una cosa è certa: ora finalmente le regole sono uguali per tutti. E gli altri operatori online non dovranno strozzarsi per fare dall Italia la guerra a un avversario che ha il prodotto a Castel San Giovanni (Piacenza) ma lo spedisce dal Lussemburgo. Web Tax, scocca l ora del buonsenso Il disegno legge prevede un prelievo alla fonte del 25% su tutte le transazioni, con la compensazione di un credito d imposta. In alternativa è possibile, per gli operatori Over-the-top, regolarizzarsi come organizzazione stabile. Web Tax, forse è la volta buona. Sul tavolo del governo Renzi, come preannunciato dalla nostra testata, c è un disegno di legge, firmato da Enrico Zanetti, leader di Scelta Civica e sottosegretario all Economia. Il provvedimento prevede una ritenuta alla fonte del 25% su tutti i pagamenti a favore degli operatori Over-the-top (Ott) e di tutti i colossi della rete. A effettuarla, banche e intermediari, in modo che il pagamento sui profitti realizzati in Italia diventi effettivo, e che non sia più possibile realizzare elusioni fiscali grazie al trucco del caffè irlandese o del doppio panino olandese, ossia alle strategie elusive attuate dalle multinazionali della rete fissando i propri head quarter in territori con regimi fiscali vantaggiosi, dall Irlanda al Lussemburgo. L idea di Zanetti è di riconoscere un credito d imposta agli Ott, in modo che a conti fatti sia evitato il doppio pagamento delle tasse, in Italia e nel Paese di residenza fiscale. In tal senso, lo sconto fiscale andrebbe a fare da compensazione. La ritenuta verrebbe applicata a partire dal presupposto dell esistenza di una stabile organizzazione virtuale. Un concetto che certamente va precisato, ma che sin da ora si configura come svincolato dalla presenza fisica, ed è invece assimilabile dalla sussistenza di un business veicolato attraverso gli strumenti digitali. Difficile sfuggire dunque, perché ad acclarare tale presenza sono sufficienti i circuiti di pagamento, laddove venga superata una determinata soglia, che corrisponde a un fatturato di un milione di euro in sei mesi. E se a ricevere i pagamenti è una persona fisica, la ritenuta sale al 30%, come avviene già per gli artisti stranieri in relazione ai guadagni derivanti da acquisti originati dall Italia. L intenzione è di inserire la normativa, a giugno, nel nuovo pacchetto di decreti legislativi di attuazione della delega per la riforma fiscale. Zanetti, che è approdato in Parlamento forte di un esperienza sul campo di dottore commercialista e che ha diretto per anni il centro di studi tributari Eutekne, rivestendo incarichi di primo piano nelle organizzazioni nazionali degli esperti contabili, avrebbe dunque trovato il modo di superare l escamotage degli Ott che sino a oggi si sono sempre iscritti al fisco come società di servizi e non come organizzazione stabile. La proposta ha riscosso molti consensi, a partire da quello di Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, che, intervenendo all assemblea degli azionisti del Biscione, ha spiegato: Google, Facebook e Amazon, per non fare nomi, non pagano tasse in Italia: i paesi europei stanno reagendo, è una sveglia anche per l Italia e il nostro governo, augurandosi che il governo faccia seguire i fatti, al disegno di tassare alla fonte le grandi multinazionali. E da Palazzo Chigi si rimarca come il modello predisposto da Zanetti abbia tutti i requisiti per poter diventare la soluzione per scardinare in tutta Europa il sistema elusivo degli Overthe-top, che così potrebbero continuare a pagare le tasse dove ritengono di godere del regime più favorevole, senza però danneggiare l erario dei singoli stati membri dell Ue. Tra coloro che hanno espresso scetticismo nei confronti dell ipotesi del sottosegretario all Economia c è invece Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, ma soprattutto promotore di un idea di Web Tax che si fondava invece sull obbligo per tutti gli operatori web di aprire una partita Iva in Italia. È evidente che, se le indiscrezioni giornalistiche dovessero trasformarsi in un provvedimento del governo, lo sosterrò; è un passo in avanti nel contrastare l elusione fiscale delle grandi multinazionali del web che permetterebbe allo Stato italiano di recuperare gettito, ha spiegato Boccia, a margine del seminario sulla Fiscalità nell economia digitale promosso a Montecitorio da Confindustria Digitale. Resto però convinto che questa non sia la strada migliore. Così facendo il nostro Paese seguirebbe l esempio inglese. Che, tradotto, vuol dire: in Ue non si è riusciti ad arrivare ad un armonizzazione fiscale nell economia digitale e ogni Paese fa a modo suo. Sarebbe l ennesimo fallimento dell Unione europea, e lo dico da europeista convinto. In attesa di capire se quella di Zanetti è la miglior ipotesi possibile per l Europa, basterebbe forse che funzioni per l Italia. Val la pena, però, ricordare che la proposta Boccia, imponendo ai fornitori di servizi digitali e di pubblicità online di stabilirsi in Italia violava, lei sì, le normative comunitarie. Nel caso della proposta di Zanetti non va inoltre dimenticato che al prelievo alla fonte del 25% si pone come alternativa anche la possibilità di diventare una stabile organizzazione, assoggettandosi così all Iva applicata ai soggetti residenti fiscalmente in Italia, che è comunque inferiore. Non un capestro dunque, ma un incentivo alla regolarizzazione, se vogliamo leggerlo così, o comunque una doppia strada percorribile che, anche in ragione del credito d imposta, non dovrebbe stimolare il fuggi fuggi verso i paradisi fiscali. Una Web Tax così dovrebbe convincere tutti, anche i più recalcitranti. Vincerà il buon senso? PAGINA 5 N.5 MAGGIO 2015

6 ATTUALITÀ. Il mercato, i fatti, i protagonisti Osservatorio ecommerce B2c Netcomm - Politecnico di Milano La vendita online viaggia su smartphone e tablet Gli acquisti in rete da dispositivi mobili raggiungono quota milioni di euro nel E per l anno in corso si prevede un ulteriore crescita del 68%. Pari a quasi 2 miliardi di euro e al 25% del totale e-commerce in Italia. Prosegue la cavalcata dell e-commerce in Italia: dal 2010 la crescita è sempre stata a doppia cifra. E se nel 2014 gli acquisti online hanno registrato un incremento del 16%, anche per il 2015 è previsto un aumento del 15%, che porterà il mercato a superare i 15 miliardi di euro. Nonostante da questo semplice dato possa sembrare che dal 2010 ad oggi poco sia cambiato, qualcosa di diverso c è, eccome. Ad essersi evolute sono le modalità di pagamento, sempre più orientate al mondo mobile. Complice anche la repentina diffusione di smartphone e tablet, lo shopping online effettuato tramite dispositivi mobili è cresciuto del 78% nel 2014, e il trend mostra per il 2015 un incremento previsto del 68%. In termini monetari, in soli due anni la spesa complessiva è triplicata: dai 610 milioni di euro del 2013, fino agli 1,8 miliardi del Questi sono solo alcuni dei dati presentati nel corso della decima edizione del Netcomm ecommerce Forum, che si è svolto il 21 aprile a Milano, alla presenza di oltre 4mila invitati, tra aziende, professionisti e giornalisti. Secondo le ultime stime di Ecommerce Foundation, in tutto il mondo le vendite complessive di beni e servizi online si attesteranno sui miliardi di dollari a fine 2015 (erano miliardi a fine 2014), ovvero il 5% sul totale complessivo delle vendite retail. Sono in media il 75% gli utenti che nel mondo accedono al web tramite dispositivi mobili. Analizzando invece la sola Europa, le previsioni per il 2015 stimano a 470 miliardi di euro il fatturato complessivo di beni e servizi acquistati tramite e- commerce, con una preponderanza del 54% dei beni rispetto al 46% dei servizi. In Europa la popolazione di e-shopper supera i 230 milioni di individui e sono circa 2,5 milioni i posti di lavoro che l e-commerce sta generando, direttamente e indirettamente, nel Vecchio Continente. Nel 2014, i tre Paesi europei in cima alla classifica delle vendite online (insieme catalizzano il 60% del totale) sono il Regno Unito con 122 miliardi di euro, la Germania con 70 miliardi, e la Francia con 56,8. Sempre più interlocutori, finalmente, iniziano a cogliere le opportunità che solo la rete è in grado di assicurare al nostro tessuto imprenditoriale, ha sottolineato nel corso della conferenza Roberto Liscia, presidente di Netcomm Consorzio del Commercio elettronico italiano. Tuttavia, va rimarcato che le imprese italiane che vendono online oggi sono solo il 4% del totale. L accesso alla banda larga rimane carente e le coperture finanziarie per gli investimenti necessari sono ancora un interrogativo non risolto. Se non si sfrutta il potenziale di domanda che potrebbe facilmente trovare sbocchi nell online, si rischia di perdere occasioni importanti di business e, a lungo termine, competitività sui mercati globali. In Italia la penetrazione dell e-commerce sul totale del mercato retail sta crescendo, e nell ultimo anno è passata dal 3,6 al 4%. Un ruolo chiave, in questa crescita, ce l hanno anche settori emergenti, come ad esempio l arredamento, che raggiunge quota 350 milioni di euro, +75% rispetto al 2014, e il food&wine enogastronomico, che sfiora i 260 milioni di euro, in crescita del 30% rispetto allo scorso anno. Tra i prodotti, l informatica fa registrare l incremento più elevato (+26%), seguita a ruota dall abbigliamento, che registra un +23%, e dall editoria e dal grocery, che balzano avanti del 21%. È evidente che la partita che stiamo giocando coinvolge l intero sistema Paese. Il mio appello va dunque a tutte le istituzioni e forze politiche ed economiche perché agevolino le imprese e i consumatori nella loro vita digitale. Da un lato semplificando processi e servizi, dall altro rendendo le normative fiscali e legali più rispondenti alla nuova economia digitale, ha concluso Roberto Liscia. Non possiamo non cogliere le opportunità che ci si presentano dinanzi. Abbiamo prodotti unici e dobbiamo saperli proporre al meglio nelle arene digitali, lavorando con assiduità sia presso le istituzioni comunitarie con la nostra associazione europea sia presso quelle italiane. Come torneremo a fare dopo gli incontri dei mesi scorsi a Roma presso la Camera dei Deputati. Ue, due match-point contro Google La notizia è stata battuta dal Wall Street Journal. E poi è rimbalzata da questa parte dell Atlantico. La Commissione europea ha formalizzato le accuse nei confronti di Google, sospettata di abuso di posizione dominante nell ambito del mercato Ue dei motori di ricerca in Rete. A questa determinazione, per molti versi annunciata, se ne aggiunge un altra, per molti versi inattesa, e che va a colpire l altro pilastro del business di Mountain View, il sistema operativo Android, in merito a cui è stata aperta un indagine parallela. L attenzione della Commissione europea si sarebbe concentrata in tal senso sul contratto che vincola produttori e sviluppatori di app all adozione del sistema operativo proprietario di Google, che oggi possiede una quota largamente maggioritaria nel mercato di riferimento. L azione dell Ue parte da lontano: già nel 2010 l Authority Antritrust comunitaria aveva messo nel mirino il motore di ricerca, a partire dalle segnalazioni sempre più frequenti secondo cui Google avrebbe favorito sistematicamente il proprio prodotto per gli acquisti comparativi nelle sue pagine generali che mostrano i risultati delle ricerche. A partire dal 2008 Mountain View, che in precedenza con Froogle aveva una funzione dedicata ai servizi di shopping online, ha fatto convergere nei risultati di ricerca del proprio motore la funzione di comparazione, utilizzando, secondo la Ue, gli strumenti con cui operava su di un mercato per vincere la concorrenza in un altro. Di qui la presa di posizione della Commissione europea. Grazie a questa condotta, Google avrebbe ottenuto tassi di crescita sensibili tanto per le funzioni Product Search che per quelle Shopping: Gli utenti non ottengono necessariamente i servizi di comparazione più rilevanti fra i risultati di ricerca, e quell incentivo a innovare da parte dei concorrenti è svilito dalla consapevolezza che, per quanto di valore sia il proprio servizio, non godranno della stessa visibilità del servizio di Google, si legge nella memoria depositata in sede Ue. Sono preoccupata che l impresa abbia accordato un vantaggio sleale al proprio servizio di acquisti comparativi, in violazione delle norme antitrust europee. Google ha ora l opportunità di convincere la Commissione del contrario, ha dichiarato il commissario europeo per la Politica di concorrenza Margrethe Vestager. Per ora la reazione di Google è stata declinata attraverso una comunicazione al consumo, pubblicata sul blog ufficiale, in cui si spiega come il contesto di mercato sia radicalmente mutato dal 2010 a oggi. Più concorrenza, meno incidenza di Google Shopping, e un traffico web che si è spostato dai risultati dei motori di ricerca agli accessi diretti orientati dalle applicazioni mobile. Qualsiasi economista sosterrebbe che non è possibile che un tale contenuto di innovazione, un numero così consistente di nuovi player di mercato e investimenti di una determinata dimensione non sono possibili in un contesto dominato da una sola società, dove non vi sia competizione, si legge nel post, che rimarca il successo crescente dei siti di e-commerce. Dove invece Mountain View accusa vistosamente il colpo è sul fronte delle accuse ad Android. Se ne era già parlato in realtà nel 2013, ma con l evoluzione e la crescita del mercato degli Operating system (Os) i sospetti sembravano rientrati. E invece ecco riaffacciarsi nelle carte Ue la domanda relativa alla possibile violazione delle norme Antitrust, tramite il Mobile application distribution agreement (Mada), che lega operatori del mondo software all acquisizione dei pacchetti di app e servizi forniti da Google. È in tal senso innegabile che Android sia stato il driver principale dell abbassamento dei prezzi nel mercato della telefonia di ultima generazione e del moltiplicarsi dei dispositivi (dunque della concorrenza). L Os di Google è di fatto open source, accessibile dunque in maniera gratuita, e nei servizi offerti su Play Store sono presenti un milione di app, che sfruttano l intera gamma di sistemi operativi disponibili sul mercato. Così come i dispositivi Android non riservano ai servizi di Google un esclusiva. È facile immaginare che Mountain View si attaccherà proprio a questi aspetti, nel tentativo di respingere le accuse. La partita sembra insomma aperta a ogni risultato. È difficile allontanare l idea che l Ue abbia messo sotto la lente d ingrandimento i comportamenti di Mountain View anche alla luce dell evasività delle risposte ricevute da Google su altre questioni, elusione fiscale prima di tutto. Non mancano le reazioni politiche. Così scrive, sul proprio profilo Twitter, il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz: Sono felice che la Commissione continui a prendere il caso Google per le corna. Sì a un azienda prospera, ma anche sì alla trasparenza, contro ogni abuso da posizione dominante. E si è fatto sentire anche Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, e soprattutto sostenitore della prima ora della Google Tax : Ancora una volta la domanda è la stessa: perché la politica deve sempre aspettare le inchieste e le sanzioni? È ormai evidente a tutti lo strapotere che, al tempo dell economia digitale, hanno conquistato le multinazionali del web. C è un oggettivo problema di monopolio di fatto, un abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca su Internet, nel controllo del mercato e delle informazioni sensibili. Per non parlare della più grande elusione fiscale ed emorragia finanziaria della storia del capitalismo globale. Ma la politica appare, più o meno volutamente, incapace di tenere il passo con lo stravolgimento che l economia digitale sta portando alle vite di ciascuno di noi. Come dire: Unione europea, forse potevi fare di più. Peccato che Boccia - almeno a quanto ci risulta - non sia propriamente riuscito a mettere in scacco Mountain View... Andrea Dusio PAGINA 6 N.5 MAGGIO 2015

7

8 ATTUALITÀ. Il mercato, i fatti, i protagonisti Nedis Italia, a Milano la nuova sede Nedis Italia approda a Milano, capitale economica, centro cosmopolita e fulcro commerciale del mercato italiano. L azienda è parte del prestigioso Nedis Group, realtà presente da oltre 30 anni sul mercato e leader nella distribuzione di prodotti di elettronica e accessori. Con oltre clienti nel settore retail ed e-commerce, più di 300 brand di settore (di cui molti in esclusiva), e la gestione di nove marchi di proprietà, Nedis Italia ha dimostrato l efficacia di strategie commerciali che l hanno portata a crescere ulteriormente: da qui, la decisione di trasferire sede operativa, uffici e showroom nel capoluogo lombardo. L ultimo tassello di un progetto di rinnovamento iniziato con la creazione di un nuovo team manageriale, guidato dal 2014 dal country manager Cristiano Longo (nella foto), che spiega: Nedis ha un portfolio prodotti in grado di soddisfare le necessità dei buyer e dei clienti finali, in modo trasversale. Inoltre offriamo un servizio di consegna competitivo, un eccellente rapporto qualità-prezzo e una gamma innovativa di prodotti. La nuova sede milanese permetterà a Nedis Italia di consolidare i rapporti coi rivenditori, e ampliarsi anche in altri canali dell elettronica, It e fai-da-te, aprendo nuovi orizzonti e prospettive di business. GameStop, iniziativa per chi prenota Halo 5: Guardians Il 27 ottobre è la data del lancio a livello mondiale di Halo 5: Guardians, che uscirà in esclusiva per Xbox One. Nell attesa, Microsoft ha annunciato che i fan che prenoteranno il titolo da GameStop potranno ottenere in esclusiva al lancio l armatura di Spartan Locke, un set di classe Hunter da utilizzare in multiplayer, che include un armatura sofisticata e letale, con la più recente tecnologia da combattimento della Watershed Division, e un casco che, sebbene sia considerato ancora un prototipo, grazie al sensore dell Hunter suite migliora la percezione delle situazioni e delle minacce. Dal 6 maggio i fan in Italia possono inoltre prenotare in esclusiva da GameStop Halo 5: Guardians Limited Collector s Edition al costo di euro, sia in store che online. Si tratta di un edizione premium per collezionisti e fan di Halo che contiene la versione Limited Edition del gioco, oltre ad una statuetta commemorativa realizzata da 343 Industries. Dal 5 al 9 agosto a Colonia Ancora più grande, ancora più Gamescom Sale l attesa per la fiera videoludica di riferimento in Europa. Dopo i numeri record dello scorso anno, l edizione 2015 presenterà una maggiore superficie e nuovi spazi di gioco per le famiglie. 335mila visitatori provenienti da 88 Paesi del mondo, tra cui buyer (+6% sul 2013). Oltre 700 espositori di 47 diversi Paesi, con un incremento del 10% rispetto all edizione precedente. Questi i principali numeri dell edizione 2014 di Gamescom, che si è confermata ancora una volta il punto di riferimento nel panorama fieristico videoludico europeo. Per illustrare le novità dell edizione di quest anno, in scena a Colonia dal 5 al 9 agosto, il 22 aprile scorso, presso la sede italiana di Koelnmesse, si è tenuta la tappa italiana del roadshow di Gamescom 2015, che ha visto la partecipazione di Thomas Rosolia, ad di Koelnmesse, e di Kathrin Muenker, communications manager di Gamescom. La prima novità di quest anno riguarda gli spazi: per rendere ancora più efficiente la visita del polo fieristico, l occupazione dei padiglioni è stata modificata. Nel 2015 l area business, riservata esclusivamente ai visitatori specializzati, occuperà i padiglioni 2, 3.2 e 4. L area entertainment, accessibile al pubblico privato a partire da giovedì, quest anno includerà anche il padiglione 5. Gamescom 2015 amplierà quindi di 16mila metri quadri (pari al +10%) la superficie espositiva rispetto allo scorso anno, migliorando sensibilmente la qualità della visita in fiera. In seguito all incremento del numero di visitatori specializzati, e grazie all importanza europea di Gamescom come piattaforma per il business relativo all industria dei giochi per computer e videogame, nel 2015 anche l area business avrà una superficie maggiore (4mila metri quadri, +7%), garantendo più comfort e spazio per tutti. Altri 12mila metri quadri verranno inoltre destinati all area entertainment. Da quando si tiene a Colonia, Gamescom vanta numeri in crescita per quanto riguarda espositori, visitatori e internazionalità. E il nuovo ampliamento della superficie espositiva è la risposta concreta alla sua popolarità e la conseguenza logica del suo potenziale. Un potenziale ben evidente sin dagli scorsi anni, se pensiamo che nel 2014 la fiera ha registrato il sold out di biglietti giornalieri già in fase di prevendita. L ampliamento delle aree a disposizione dei visitatori riflette una buona adesione da parte degli espositori, nazionali e internazionali. Bandai Namco, Bethesda, Crytek, Deep Silver (Koch Media), Electronic Arts, Konami, Microsoft, Nintendo, Oculus, Square Enix, Ubisoft e Warner Bros sono solo alcuni dei grandi nomi che ad agosto popoleranno i padiglioni di Koelnmesse con i loro stand e le ultime novità in materia di intrattenimento interattivo. Non mancheranno poi le realtà che si occupano di giochi online e browser game, oltre ai tornei di e-sports. Accanto agli spazi, cresce anche la qualità e la varietà delle aree a disposizione. Saranno novità assolute dell edizione 2015 i segmenti family & friends, rivolta specificamente alle famiglie e Gamescom table top, dedicato a tutti gli appassionati di giochi da tavolo e di carte collezionabili. In particolare, con family & friends (hall 10.2), quest anno Gamescom migliora la sua offerta per famiglie e giovani, con attività per vivere insieme avventure interattive e per fornire ai genitori informazioni su tutto ciò che riguarda i giochi digitali. In quest ottica, è stata prevista la possibilità di acquistare un numero limitato di biglietti destinati esclusivamente alle famiglie e rivolto alle coppie con figli di età fra 7 e 11 anni (validi per un massimo di cinque persone, di cui massimo due adulti). I biglietti famiglia saranno disponibili esclusivamente in prevendita fino ad esaurimento scorte. Gli interessati potranno acquistare questi biglietti, rilasciati sotto forma di voucher, solo attraverso il KölnTicket e non sul ticketshop online di Gamescom. I biglietti veri e propri saranno poi emessi direttamente in fiera, dove verrà anche verificata la composizione del nucleo familiare. Per premiare i fedelissimi della fiera, Koelnmesse ha pensato a una speciale promozione per chi decide in anticipo di partecipare alla manifestazione. Entro il 30 aprile 2015, infatti, i visitatori potranno usufruire del prezzo scontato Early Bird del Prenotando un biglietto giornaliero valido per Gamescom, inoltre, si potrà utilizzare l ingresso esclusivo per visitatori privati (hall 11). Coloro che volessero acquistare il biglietto giornaliero per Gamescom sul ticketshop online dopo questa data, potranno acquistare i biglietti ancora disponibili con i nuovi prezzi. La prevendita di biglietti giornalieri per tutti i giorni proseguirà fino ad esaurimento scorte. Annalisa Pozzoli Pubblicati i dati Lorien Consulting/BSA The Software Alliance Italiani: popolo di santi, poeti, navigatori e pirati PAGINA 8 N.5 MAGGIO 2015 La tutela del diritto d autore in Italia continua a essere un problema poco sentito: è questo ciò che emerge dai dati raccolti da Lorien Consulting nell ambito dell Osservatorio Politico Nazionale sull atteggiamento degli italiani nei confronti del download illegale di contenuti digitali dal web. Nella sezione sociale dell ultima edizione del sondaggio, realizzato settimanalmente dall Istituto di ricerche di mercato milanese, è stato inserito un set di domande focalizzato su opinioni e atteggiamenti relativi alla propensione o meno al download illecito di software o file multimediali e alla conoscenza delle leggi a protezione del diritto d autore. Su un campione di 1000 intervistati, il 31% ammette di avere scaricato qualcosa, il 9% sceglie di non rispondere, e circa il 12% confessa che nell azienda in cui lavora c è chi scarica illegalmente. La tendenza generale è che questi comportamenti illeciti siano considerati come peccati veniali, e che la legalità sia vista come un problema altrui. Solo il 14% del campione considera un reato da perseguire lo scaricare da Internet film, software e file musicali protetti da diritto d autore, mentre il 22% degli italiani ignora che tale comportamento sia contro la legge. Un cospicuo 39% lo ritiene un comportamento illecito ma tollerabile, mentre il 16% lo reputa scorretto ma non illegale e il 6% addirittura un comportamento lecito : sommando i tre dati si ottiene che un 60% del campione considera la pirateria informatica tollerabile o comunque non perseguibile. Ma perché si scarica illegalmente? In cima alle motivazioni fornite dal campione di intervistati vi è la facilità e la comodità di trovare in rete ciò che si sta cercando (58%). Per il 23% i prodotti acquistati legalmente sono troppo costosi, mentre il 4% di chi ha risposto al sondaggio considera pressoché nullo il rischio di essere scoperto. I riscontri dell Osservatorio condotto su base nazionale da Lorien confermano le conclusioni a cui ci conducono anche le ricerche realizzate da BSA a livello internazionale, commenta Simonetta Moreschini, presidente di BSA Italia. Ossia che ancora si deve fare molto per modificare una cultura condivisa, che purtroppo è ancora lontana dal considerare la legalità nell utilizzo del software un bene sociale e un moltiplicatore di sviluppo economico.

9

10 FOCUS ON. Disponibile dal prossimo autunno Disney Infinity 3.0 si apre al mondo di Star Wars È ufficiale. The Walt Disney Company ha annunciato che l impero di Star Wars si unisce a Disney, Disney Pixar e Marvel nell edizione di Disney Infinity 3.0: Play Without Limits, l ultima versione del videogioco/giocattolo di successo del Lo Starter Pack Disney Infinity 3.0: Star Wars sarà disponibile in autunno. L edizione Disney Infinity 3.0 offrirà a bambini e famiglie la più ampia proposta di contenuti e varietà di gioco. A cominciare dai tre Mondi (Play Set) Star Wars. Un Mondo comprenderà la sequenza temporale degli Episodi I, II e III, il secondo seguirà la trilogia originale degli Episodi IV, V, VI e il terzo, disponibile in seguito al lancio, sarà tratto da Star Wars: Il Risveglio della Forza Non solo: ci saranno anche un Mondo tratto dal prossimo film Disney Pixar Inside Out e un Mondo Marvel che includerà nuovi personaggi come Iron Man Hulkbuster, Ultron e molti altri personaggi Marvel. Quindi, una Scatola di Giochi completamente potenziata con due nuove espansioni multiplayer: Scatola dei Giochi Speedway (gioco di kart racing) e Scatola dei Giochi Takeover (gioco d azione e avventura). Infine, una serie dei nuovi personaggi più amati dagli appassionati, tratti dall universo Disney, come Topolino e Minnie, Sam Flynn e Quorra da Tron: Legacy, Mulan, Olaf e molti altri. Disney Infinity è l unico gioco in cui gli appassionati possono giocare con i personaggi Disney, Disney Pixar, Marvel e Star Wars insieme in un unica esperienza, ha commentato James Pitaro, presidente Disney Interactive. Disney e Lucasfilm hanno lavorato a stretto contatto per offrire un autentica esperienza di gioco Star Wars con le storie più iconiche e i personaggi di passato, presente e futuro. Ogni Mondo di Star Wars regalerà una dimensione di gioco unica, un gameplay vario con ambienti e personaggi sempre diversi. Il Mondo di Star Wars: Twilight of the Republic (Tramonto della Repubblica) sarà dedicato ai poteri Jedi, dove i giocatori potranno utilizzare la Forza e le spade laser in battaglie epiche, padroneggiando le abilità di combattimento a fianco di Ahsoka Tano, Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi, Yoda e Darth Maul. Il Mondo di Star Wars: Rise Against the Empire (La rivolta contro l Impero) porterà i giocatori in missioni che si estenderanno attraverso la galassia, con Luke Skywalker, la Principessa Leia Organa, Han Solo, Chewbacca e Darth Vader, pilotando i caccia X-Wing o il Millennium Falcon e combattendo le truppe d assalto Stormtroopers o partecipando a missioni terrestri su pianeti come Tatooine, Hoth e Endor. Star Wars è una franchise che attraversa diverse generazioni e l edizione Disney Infinity 3.0: Play Without Limits genera per gli appassionati l incredibile opportunità di vivere i momenti della saga Star Wars preferiti, ha dichiarato John Blackburn, senior vice president e general manager Disney Infinity. L edizione di Disney Infinity 3.0: Play Without Limits, offrendo in un solo prodotto i Mondi di Star Wars, di Inside Out e i nuovi personaggi Disney e Marvel, diventerà il prodotto più ambizioso e più ricco di contenuti sul mercato ma anche il più accessibile con un prezzo dello Starter Pack competitivo. Disney Infinity 3.0 introdurrà nella Scatola dei Giochi il nuovo Hub 3-D che permetterà ai giocatori di scegliere e selezionare in modo più facile un ampia gamma di esperienze di gioco, fra cui platform, corse e farming simulation. Inoltre, saranno disponibili due nuove espansioni multiplayer attraverso il gioco d azione/avventura in Scatola dei Giochi Takeover e di corse con i kart in Scatola dei Giochi Speedway, dove i bambini e le famiglie potranno giocare in ambienti a tema con i personaggi più amati tratti da Disney, Disney Pixar, Marvel e Star Wars. Disney Infinity Edition 3.0: Play Without Limits è sviluppato da Avalanche Software in collaborazione con Ninja Theory, Sumo Digital, Studio Gobo e United Front Games e sarà disponibile per Ps4 e Ps3, Xbox One, Xbox 360 di Microsoft, Wii U di Nintendo, Pc e dispositivi mobile con piattaforma ios e Android. Disney Infinity Edition 3.0: Star Wars Starter Pack includerà il videogioco Disney Infinity 3.0, il Mondo/Play Set di Star Wars: Twilight of the Republic, i personaggi interattivi Ahsoka Tano e Anakin Skywalker e una carta codice web. Gli altri personaggi interattivi, Mondi e Espansioni Game della Scatola dei Giochi dell edizione Disney Infinity 3.0 saranno venduti separatamente. Tutti i personaggi interattivi e i Gettoni Extra Power delle precedenti edizioini di Disney Infinity saranno compatibili con l edizione Disney Infinity 3.0 e con la nuova Scatola dei Giochi e per la prima volta i Gettoni Extra Power saranno venduti in confezioni da quattro unità. Ulteriori personaggi e Mondi Disney, Disney Pixar, Marvel e Star Wars saranno annunciati nei prossimi mesi. Raffaella Cordera PAGINA 10 N.5 MAGGIO 2015

11

12 PRIMO PIANO. Intervista con Luisa Bixio, vice president Milestone, l Italia che corre Un fatturato di 23 milioni di euro e tante new release in arrivo. A partire da MotoGP 15. Fino alla novità nel segmento rally, che avrà per testimonial il campione Sébastien Loeb. Un fatturato che sfiora i 23 milioni di euro. Il processo di integrazione e crescita. Le ottime performance del lancio di RIDE. E mentre tutto è pronto per l arrivo di MotoGP 15, sullo sfondo si profila la creazione di una nuova Ip: il titolo racing/rally che ha come testimonial Sébastien Loeb (si vedano i riquadri in basso alla pagina). E le novità non finiscono qui. Stiamo parlando della società di sviluppo gaming Milestone, guidata da Virgilio e Luisa Bixio. Una delle realtà più dinamiche e leader in Italia specializzata nella creazione di videogiochi nell ambito racing. Luisa Bixio, il 2015 è cominciato sotto la stella di RIDE. Una bella scommessa Siamo davvero soddisfatti dei risultati ottenuti. In termini di sell-out siamo al di sopra delle più rosee aspettative, sia in Italia sia all estero. Soprattutto se teniamo conto che si tratta di una nuova Ip, che però ha fatto breccia tra i consumatori anche sulle cosiddette console old gen. Insomma, diciamo che il viatico è dei migliori in vista della chiusura del nostro anno fiscale il prossimo 30 giugno. A proposito, quale l obiettivo? Crediamo di raggiungere la soglia dei 23 milioni di euro. Vale anche la pena sottolineare che il prossimo 19 giugno lanceremo un altra nostra produzione. Vale a dire, MotoGP 15, che ha tutte le carte in regola per non deludere le aspettative. E questo grazie anche alla grande attenzione che si è riaccesa intorno a questo mondo, in ragione delle fantastiche emozioni che ci sta regalando un testimonial d eccezione per l Italia qual è Valentino Rossi Sicuramente, ma abbiamo svolto anche un azione incisiva in termini di partnership e relazione con tutti i player di questo ambito. Ad esempio siamo molto contenti e onorati del rapporto collaborazione con Sony su MotoGP in Italia. Infatti, MotoGP 15 offrirà ai giocatori italiani una modalità di gioco dedicata alla Italian Play- Station League e Sony supporterà il prodotto assieme a noi in termini di visibilità e comunicazione Tv, Questa collaborazione ci consentirà di essere protagonisti con un presidio molto importante su Sky in occasione dei prossimi Gran Premi. Tornando al fatturato, mi pare che le performance siano molto positive e in sensibile crescita rispetto all esercizio precedente Indubbiamente. Se consideriamo che in tre anni siamo passati da 2,6 milioni di euro a quasi dieci volte tanto, possiamo dire che di strada ne abbiamo fatta parecchia. Quali i vettori del vostro sviluppo? Innanzitutto una grande passione e una notevole voglia di fare. E stata una sfida non facile per Milestone Luisa Bixio Sébastien Loeb Le Patron in Francia. The Boss per tutti gli altri. Sono questi i soprannomi con cui Sébastien Loeb è diventato un mito vero e proprio nel mondo del rally. Conquistati sul campo, o meglio in pista, nel corso di una carriera punteggiata di brillanti successi sportivi. Classe 1974, francese di Haguenau, dopo un esordio giovanile nel settore della ginnastica (è stato per quattro volte campione alsaziano), Sébastien Loeb entra nel mondo della guida sportiva nel 1995, conquistando nel 1999 il trofeo francese dedicato alla Citroën Saxo. Nel 2001 ottiene cinque vittorie su sei gare nel Junior World Rally Championship e, di qui in poi, la strada è tutta in discesa. Il primo titolo nella World Rally Championship (WRC) arriva nel 2002 con il team Citroën Total World Rally. Tra il 2004 e il 2012 porta a casa nove titoli consecutivi WRC, per un totale record di 78 successi. Nel suo palmares c è anche la Race of Champions, vinta nel 2003, nel 2005 e nel 2008, nonché il secondo posto nella leggendaria 24 Ore di Le Mans nel E ha primeggiato anche negli sport estremi: nel 2012 ha infatti esordito agli X Games, portando a casa la medaglia d oro nel rallycross. Nel 2014, dopo l addio al WRC, ha esordito nel FIA World Touring Car Championship conquistando la terza posizione finale. Dopo quasi dieci anni sulla ribalta, Sébastien Loeb è ancora pronto per nuove sfide. riuscire a ritagliarsi uno spazio e una giusta connotazione in un mercato che ha vissuto stagioni complicate. Ma come sempre il lavoro paga. La forza del nostro team, giovane e affiatato, ci ha permesso di elevare la qualità dei prodotti, di innovare e di riuscire ad affinare i processi in maniera organica. Da quante persone è composto il vostro organico? La struttura è composta da 140 persone. Un numero importante, ma al contempo corretto per poter creare in maniera stabile e con la giusta qualità un panel di almeno quattro produzioni annue. È questo l obiettivo che ci siamo prefissati. Il tutto però puntando sulla qualità e sulla creatività. Una strategia facile a dirsi, ma impegnativa e onerosa sotto il profilo degli investimenti e dell attuazione. Tuttavia una strada obbligata per poter competere e dare il giusto valore ai prodotti. Quindi per quest anno che cosa bolle in pentola dopo il varo di MotoGP 15? Un appuntamento per noi fondamentale sarà in autunno quando lanceremo un altra nostra Ip: il titolo di rally che avrà come testimonial Sébastien Loeb, ossia il campione per antonomasia. Sarà un altra appassionante sfida che ci sta coinvolgendo in maniera pazzesca. E poi a inizio 2016 ritornerà sulla ribalta MXGP, il gioco ufficiale di motocross Confermo. Si tratta di un altra licenza molto importante, che già nell edizione di inizio 2014 ha saputo imporsi e conquistare un numero significativo di fan. Insomma, Milestone corre e va di corsa. Già, il mondo racing è al momento il segmento specialistico che abbiamo abbracciato. Ma non si tratta di una nicchia. E lo vediamo grazie agli accordi di partnership e distribuzione internazionali che abbiamo perfezionato in tutto il mondo. Proprio la capacità di aprirsi ad altri mercati e di esportare il prodotto italiano ci sta permettendo di collezionare una crescita importante. E siamo molto orgogliosi dell attenzione che ci viene riservata dai nostri partner. Un segno evidente che siamo riusciti a compiere un salto di qualità apprezzabile e apprezzato. E quindi quali i prossimi obiettivi in termini di fatturato? Innanzitutto siamo concentrati a completare per bene i prossimi lanci. E chiaro che con Sébastien Loeb e con le novità già in cantiere per il prossimo 2016 pensiamo di poter ampliare il raggio operativo. Sia come distribuzione internazionale e come vendite sia come performance. Il nostro piano industriale è ambizioso. Il target prefissato è di 40 milioni di euro. Ma ci sarà da correre. E sarà un piacere. Margherita Bonalumi RIDE RIDE è la prima Ip esclusiva rilasciata dall italiana Milestone per Xbox 360, Xbox One, Windows Pc, Steam, Ps3 e Ps4. Due ruote, stringhe di codice, elementi grafici, tracciati cittadini e da gara, velocità e soprattutto una grande passione per i motori: questi gli elementi che si intrecciano e si fondono in un gameplay carico di energia e adrenalina, che vuole rivoluzionare il concetto di two-wheels videogame. Realizzato per i giocatori e creato sull esperienza degli appassionati delle due ruote, RIDE offre la possibilità di salire in sella ad oltre 100 moto, divise in quattro categorie - Superbike, Supersport, Naked, Moto Storiche - e sfrecciare a tutta velocità attraverso una grande varietà di tracciati cittadini, country o circuiti storici legati al mondo del motociclo. Ulteriori plus del gioco sono le possibilità di personalizzazione del veicolo e del pilota, che offrono un esperienza di gioco varia e mai ripetitiva, da veri biker. Tra i modelli di punta a disposizione dei giocatori spiccano KTM 1190 RC8 R 2014, il PowerTool per eccellenza di KTM, la grintosa Z1000, primo modello naked made by Kawasaki, la Ducati 1199 Superleggera, l agile Yamaha MT-09, MV Agusta Brutale 1090 R, Aprilia RSV4 R Abs, la Triumph Speed Triple e Energica EGO, la prima superbike 100% elettrica made in Italy. MotoGP 15 MotoGP 15, terzo capitolo della serie racing dedicata a uno dei più adrenalinici campionati del mondo sulle due ruote, arriverà il 19 giugno su Play- Station 4, PlayStation 3, Xbox One, Windows Pc, Steam e Xbox 360 e vede schierati in griglia di partenza piloti, team e veicoli protagonisti della stagione Il risultato è un mix esplosivo di nuove funzionalità, cui si affianca un esperienza di gioco potenziata e ancora più coinvolgente, che passa attraverso le ampie possibilità di personalizzazione della moto e del team, nonché l implementazione della modalità carriera. Sul fronte della personalizzazione, è possibile scegliere tra oltre 20 modelli di moto, divisi nelle tre classi MotoGP, Moto2 e Moto3, con 40 differenti livree con colorazioni ufficiali, e valutare le offerte dei main sponsor con cui gareggiare. MotoGP 15 prevede anche l introduzione di una nuova modalità di gioco, Beat the Time, in cui al giocatore è assegnata una specifica moto in sella alla quale un pilota scelto tra tutte le classi in gioco avrà realizzato un tempo specifico su quel circuito. L obiettivo? Batterlo. Insomma, un esperienza completa, potenziata e ancora più ricca, per vivere al massimo un altra stagione di MotoGP. PAGINA 12 N.5 MAGGIO 2015

13 DENTRO IL GIOCO. Batman: Arkham Knight Scontro finale a Gotham City La trilogia cominciata nel 2009 si chiude con un titolo ricco di combattimenti, indagini e azione. Moltissimi i gadget hi-tech a disposizione. E, per la prima volta nella serie, sarà possibile anche guidare la Batmobile. A cura di Annalisa Pozzoli In un momento in cui a farla da padrone sono i sequel di giochi che già hanno avuto successo, programmare riuscendo a conservare gli elementi che funzionano in un videogame senza risultare ripetitivi, ma aggiungendo nuovi elementi che non stravolgano l idea originaria è una sfida estremamente attuale. Questo specialmente nel caso di una trilogia, come accade per Batman: Arkham Knight, che rappresenta il capitolo finale e conclusivo di una saga cominciata nel 2009 con Batman: Arkham Asylum, e proseguita con Batman: Arkham City, uscito nel 2011, sempre a etichetta Warner Bros. Interactive Entertainment. (Batman: Arkham Origins, ultimo titolo in ordine di pubblicazione 2013 è un prequel che anticipa le vicende narrate nella trilogia, ndr). Sviluppato in esclusiva per le piattaforme di nuova generazione, Batman: Arkham Knight vede l eroe mascherato affrontare la minaccia definitiva che incombe sulla città di Gotham. Lo Spaventapasseri è tornato con la peggiore delle intenzioni: riunire tutti i più grandi criminali e annientare Batman una volta per tutte. Per evitare la catastrofe, la polizia ha fatto evacuare tutti i cittadini, e lo scontro finale tra il bene e il male avrà luogo in una città fantasma, in cui la criminalità ha ormai il controllo quasi totale della situazione. Il lavoro dello studio di sviluppo Rocksteady Studios è imponente: per la prima volta nella serie, sarà possibile esplorare tutta Gotham City in un mondo di gioco completamente aperto e free roaming. Grande più di cinque volte rispetto alla Gotham City vista in Batman: Arkham City, ne riprende la cura maniacale per i minimi dettagli. La struttura della città è completamente nuova, e non include nessuno dei quartieri o delle sezioni visti in precedenza. Oltretutto, gli sviluppatori hanno pensato di allargare le strade e renderle più percorribili, in modo da facilitare gli spostamenti a bordo della Batmobile. Ed è proprio lei, il futuristico mezzo di trasporto di Batman, la principale novità di Arkham Knight: la Batmobile sarà guidabile per la prima volta nella serie e sarà ricca di funzionalità, come ad esempio il sedile eiettabile, che può lanciare il protagonista del gioco direttamente nel centro dell azione. La Batmobile è stata dunque disegnata in modo tale da essere completamente guidabile attraverso tutto il mondo di gioco e in grado di trasformarsi dalla modalità corsa veloce a quella battaglia, consentendo ai giocatori di sfrecciare per le strade di Gotham City a incredibile velocità inseguendo i criminali più pericolosi, con la possibilità anche di distruggere molti elementi dello scenario. Questo veicolo leggendario aumenta inoltre le abilità di Batman sotto ogni punto di vista, dalla navigazione alla capacità di indagine, per combattere, risolvere rompicapo, il tutto creando una vera e propria simbiosi tra uomo e macchina. Nelle missioni secondarie, i giocatori potranno immergersi nel caos che regna lungo le strade della città, scontrandosi con avversari anche molto impegnativi, che daranno la possibilità di deviare momentaneamente dalla trama principale per scoprire tutti i retroscena della narrazione. Per farlo, potranno fare affidamento su nuove mosse di combattimento e strepitosi gadget hitech. Un esempio degli strumenti a disposizione sono il batarang e il rampino, utilizzabili anche a mezz aria, ma anche la cintura è stata ulteriormente potenziata per includere accessori che saranno di grande aiuto nel corso delle indagini, nelle missioni furtive e nei combattimenti. E, a proposito di combattimenti, gli scontri colpisci e fuggi di Batman: Arkham Asylum, che si sono poi evoluti nella devastante cospirazione contro i carcerati in Batman: Arkham City, culminano nella battaglia definitiva per il futuro di Gotham. A supporto dello Spaventapasseri, infatti, arriveranno i cattivi più famosi della serie, tra cui Harley Quinn, il Pinguino, Due Facce e l Enigmista. Ma Batman non sarà solo nella lotta contro i malvagi: al suo fianco sarà presente l amico Robin, con cui si potranno eseguire anche degli attacchi combinati, ma è prevista la presenza anche di altri buoni, come Nightwing e Catwoman. Dal momento che Batman: Arkham Knight rappresenta l esordio della serie sulle console di nuova generazione, gli sviluppatori hanno potuto letteralmente sbizzarrirsi con nuove funzionalità di gameplay, apportando delle migliorie ad alcuni aspetti dei capitoli precedenti, come l eliminazione delle schermate di caricamento tra ambienti esterni e interni. Anche la grafica è molto curata in ogni particolare, dalla resa della pioggia sino al mantello di Batman, che si muove ad ogni soffio di vento. Batman: Arkham Knight uscirà il 23 giugno per Ps4, Xbox One e Pc. Preordinando il gioco sarà possibile sbloccare Harley Quinn come personaggio giocabile completa di armi, gadget ed abilità personalizzate e quattro mappe sfida esclusive. PAGINA 13 N.5 MAGGIO 2015

14 RETAIL. Riflettori puntati sulla catena videoludica Opengames, un nuovo salto di qualità Da sinistra: Antonello Chiara e Igor Manakoff Opengames va. Si rafforza e si consolida. Ma sperimenta anche nuove formule sul versante del franchising, pur continuando nel processo di ottimizzazione della rete sul versante degli store di proprietà. Per la catena videoludica italiana - che fa capo a Promovideo, guidata da Antonello Chiara e Igor Manakoff ha da poco preso il via il nuovo anno fiscale. Avviato nel solco del cammino recentemente intrapreso. Qualità degli store, delle location e dei servizi. Per erogare servizi a valore aggiunto. O meglio, per generare più profitto. Partiamo da un bilancio del lavoro svolto e dei risultati ottenuti nell anno fiscale 2014/2015 archiviato lo scorso 31 marzo. Come sono andate le cose per Opengames? Antonello Chiara: Abbiamo registrato nell insieme performance stabili, in linea con le aspettative per quel che attiene il volume d affari. E considerando il perimetro d azione, ossia un mercato come quello italiano ancora alle prese con la crisi dei consumi, non possiamo che essere contenti. Ma le belle notizie arrivano dal versante dei profitti. In che senso? Fin dall inizio del nuovo anno fiscale abbiamo focalizzato in modo deciso le nostre attenzioni sul business del retail, con l obiettivo di compiere un salto in termini di qualità. Il che ha comportato un processo di riassetto organizzativo del network. Questo passaggio, che abbiamo anticipato nelle tempistiche ha così consentito a Opengames di migliorare i profitti degli store e la sua redditività complessiva come catena. Dopo anni di grande espansione era inevitabile e necessario effettuare un analisi più attenta delle criticità e delle opportunità. Questa strategia in che modo ha determinato un cambiamento del vostro modello di business? Igor Manakoff: Per cominciare ci siamo dotato di una struttura più snella, flessibile e motivata. Che non ha significato ridurre o contingentare le operatività. Anzi. Ne ha soltanto elevato il livello, producendo benefici e importanti risultati. In sostanza, abbiamo agito sul processo di riassetto e di re-location dei negozi di proprietà e di alcuni negozi in franchising, puntando sugli street store. Inoltre, il piano di investimenti attivato nel campo della formazione del personale si è rivelato opportuno e azzeccato. Perché? Semplice: i consumatori che si rivolgono a una catena specializzata vogliono competenza degli addetti alla vendita e informazioni chiare e convincenti. Non c è più tempo e spazio per l improvvisazione. Chi lavora in un negozio deve essere sul pezzo. Non può permettersi distrazioni. Altrimenti si perdono le vendite in un batter di ciglio. Ma oltre ad aver riallineato le vostre attività, ci sono state nuove aperture e anche il varo di nuovi progetti? Certamente. La nostra vocazione a fare retail non è stata affatto intaccata. Ci stiamo soltanto focalizzando per fare le cose sempre meglio. Mettendo in campo le nostre competenze e proseguendo sulla strada di nuovi modelli di business. Ad esempio? Igor Manakoff: Dopo il felice esperimento dello scorso anno effettuato in partnership con un imprenditore retail nell ambito It con il punto vendita Asus di Verona, che ha visto l insegna Opengames protagonista del progetto di comarketing, abbiamo riprodotto l iniziativa in Emilia Romagna. A Vignola, in provincia di Modena, con risultati eccellenti (si veda riquadro a lato, ndr). E la dimostrazione che non ci fermiamo. Anzi, che ci piace affrontare nuove sfide. Antonello Chiara: Il modo di fare retail sta cambiando ed evolvendo in continuazione. Noi dobbiamo saper leggere e interpretare quello che accade e cogliere tutte le opportunità che si schiudono. Insomma, Opengames gioca davvero a tutto campo, come dimostra il fatto che stiamo continuando a implementare anche la formula di affiliazione, che abbiamo denominato Opengames Point. E in che modo crescerà il network Opengames? Antonello Chiara: Per la fine del 2015 abbiamo in agenda altre cinque aperture. Ma non ne escludiamo altre su cui stiamo perfezionando gli accordi sul versan- Inaugurato, lo scorso 4 aprile, il nuovo punto vendita di proprietà è situato a Milano, in una delle zone più storiche della città. Esattamente in via Piero della Francesca. E va a implementare e integrare il network dei cosiddetti street store, della catena videoludica Opengames. Dislocato su una superficie di 90 metri quadrati, offre un vasto assortimento e propone un layout essenziale e funzionale. Il nuovo store a Milano, in via Piero della Francesca PAGINA 14 N.5 MAGGIO 2015

15 Intervista con Antonello Chiara e Igor Manakoff. I risultati ottenuti, le strategie e i progetti di co-marketing. te del franchising. Ripeto che Opengames non si ferma e non rallenta il proprio percorso di rivalutazione e riassetto della catena. Il punto vendita di Vignola in partnership con Mister Web Asus e Opengames, binomio vincente Gianni Ugolini, titolare della catena It, spiega il successo di vendite ottenuto a solo un mese dall inaugurazione. Ma c è un numero magico, per chi fa retail specializzato in ambito videoludico, come numerica di punti vendita? Antonello Chiara: Bella domanda. Impossibile da quantificare. Ovviamente, ci si può lasciar andare a piani di sviluppo di grande portata. A guidare il tutto, dopo una fase iniziale e di start up, c è solo un dato: la sostenibilità e la profittabilità che ciascun negozio deve riuscire a conquistare. Il mondo dei consumi è cambiato. Igor Manakoff: Per noi è più importante privilegiare la qualità dei negozi alla quantità, per quanto un network di retail specializzato debba essere ben strutturato e capace di coprire in maniera adeguata il territorio. Ma i conti devono tornare. E location che magari solo cinque anni fa sembravano idonee, ora potrebbero non esserlo più. Sarà il 2015 l anno giusto affinché il mercato possa tornare a crescere? Antonello Chiara: Le premesse ci sono, così come non sono mai mancate le speranze. Sono complessivamente ottimista e convinto che dal prossimo E3 di Los Angeles arrivino importanti sorprese e cambiamenti di rotta da parte di alcuni importanti player. Al momento Sony sta conseguendo grandi performance, dunque penso che da Microsoft e Nintendo possa e debba arrivare una reazione più forte e incisiva per sostenere le vendite di hardware next gen. Igor Manakoff: Il tema è sempre il solito. I gamer vogliono giocare tutto l anno e non solo in occasione del canvass natalizio. I numeri anche recenti dimostrano che quando ci sono uscite di qualità la risposta dei consumatori non si fa attendere. Ma è altrettanto importante, per non dire indispensabile, che l industria voglia sostenere e alimentare in maniera massiccia questo business, anche sotto il profilo del marketing e della comunicazione. Così come la destagionalizzazione del business è e resta un tema centrale. Da questo primo semestre del 2015 ci aspettavamo di più. Speriamo che le attese non vengano deluse nei prossimi mesi, tanto sul versante delle console, quanto su quello del software. Gianni Ugolini I risultati? Semplicemente esplosivi. Non ci sono altre parole. Così Gianni Ugolini, titolare della catena retail di informatica Mister Web e del punto vendita inaugurato da poco più di un mese a Vignola (provincia di Modena), il primo della stessa catena che ospita la formula in partnership con Opengames. Il nostro network è nato nel 1998, racconta Gianni Ugolini, e ormai allinea sei negozi nell area compresa tra le provincie di Modena e Bologna. Da sempre ci siamo occupati di prodotti legati al mondo dell Information Technology. Quindi abbiamo focalizzato l attenzione su un brand di indubbia forza e livello quale Asus, arrivando a connotare il nostro store con prodotti e servizi ad esso collegati. Ma com è nata la partnership con Opengames? Proprio da Vignola è cominciata la nostra storia. Così, quando abbiamo deciso di rinnovare completamente lo store, siamo partiti veramente da zero. Abbiamo acquistato il terreno e costruito metro dopo metro il nuovo negozio, prosegue Gianni Ugolini. Avendo a disposizione una superficie notevole e rilevante di 300 metri quadrati, abbiamo cominciato a valutare una serie di opportunità da integrare con la nostra attività. E dopo un attenta analisi, grazie all incontro con il management di Promovideo e Opengames è scoccata la scintilla giusta. Del resto, c è sintonia e contiguità tra i prodotti It per il mondo del gaming di qualità, come sono quelli griffati Asus, e quelli dell intrattenimento. E l abbinata si è rivelata vincente. Lo ammetto, i risultati sono ampiamente superiori alle più rosee aspettative, evidenzia Gianni Ugolini. Sicuramente, la tipologia di location ha fatto la differenza, ma non basta un format anche appealing per vincere. È il contenuto nel suo insieme che deve saper offrire davvero un valore aggiunto ai consumatori. Ebbene, direi che ci siamo riusciti. I prodotti informativi evoluti e i videogiochi hanno una clientela trasversale, votata all innovazione, e dunque sensibile alle novità tecnologiche. Questo giusto mix, conclude Gianni Ugolini, ci consente di generare traffico su entrambe le tipologie di referenze, di ampliare dunque la clientela e il suo flusso con riscontri in termini di vendite e di fatturato decisamente significativi e confortanti. Sull onda di questi risultati estremamente positivi si guarda dunque alla prospettiva e al futuro. Ancora Gianni Ugolini: Nei prossimi mesi vareremo una nuova apertura, la settima per la catena Mister Web, a Carpi, sempre in provincia di Modena. La nostra volontà è quella di riproporre questa fantastica esperienza realizzata in partnership con Opengames. I risultati ottenuti dall inaugurazione dello scorso 10 aprile sono davvero incredibili. PAGINA 15 N.5 MAGGIO 2015

16 ZOOM. L iniziativa realizzata da Fandango Club La giusta animazione fa bene alle vendite Lanciata una nuova app che rende ancora più qualificato e profilato Store Animati. Il brand che permette di individuare, reclutare e selezionare il personale che svolge attività di promoter, merchandiser, hostess, modelle... Parafrasando il titolo di una vecchia brillante commedia musicale di Garinei & Giovannini, possiamo dire che anche gli store hanno un anima. E che specialmente in questa fase storica è indispensabile accenderli anche con la giusta animazione. Che ormai prende forme e pieghe tra le più svariate. Ma che continua a diventare una leva fondamentale per coinvolgere e catturare soprattutto l attenzione dei clienti e dei consumatori. Per questa ragione la specializzazione degli operatori, o meglio degli animatori, diventa centrale e strategica. La relazione con l end user sempre più competente e informato non può essere vissuta o interpretata con leggerezza. Tra le società che da svariati anni operano con successo in questo ambito c è Fandango Club. Il gruppo guidato da Marco Moretti e Michele Budelli vanta una collaudata competenza nell ambito dell event management, in particolare in quello dell entertainment e delle tecnologie di consumo. Le partnership attivate con continuità con importanti brand dell industria (uno per tutti, Microsoft) vanno di pari passo con quelle realizzate in ambito retail, con alcune delle principali insegne. E adesso Fandango Club, nell ottica di rendere ancora più efficace e incisiva questa attività, ha messo a punto una serie di importanti novità a partire dal Con unico obiettivo: erogare un servizio ancora più profilato, tempestivo e qualificato nel mondo dell animazione in-store e non solo. La parola ad Andrea Pacecca, project manager di Fandango Club e responsabile del progetto. Andrea Pacecca La nuova app di Store Animati Alcune videate della nuova app di Store Animati, che consente di individuare, reclutare e selezionare in modo tempestivo il personale qualificato a seconda delle tipologie di evento. Da quanto tempo è nata l esperienza maturata sul mercato da Fandango Club grazie a Store Animati? Fin dal 2007 il nostro gruppo opera in questo segmento forte dell esperienza maturata nell ambito dei villaggi turistici. Quella dell animatore è una professione che progressivamente sta evolvendo. Grazie a più di sette anni d intenso lavoro, anche su altri versanti, oltre a quello del retail, abbiamo creato un database qualificato e ben dettagliato che ci consente di aggregare, su tutto il territorio nazionale, oltre diecimila figure professionali qualificate e idonee a seconda dei campi di attività. E adesso come si amplia il servizio Store Animati? Diciamo che abbiamo reso ancora più fruibile il servizio, nel segno della tempestività, della semplicità e della tecnologia. In che modo? Grazie alla nuova applicazione che abbiamo sviluppato per garantire la ricerca altamente selezionata di personale qualificato per la realizzazione di attività o eventi. Specialmente nell ambito del retail. Ma non solo, anche per ogni tipo di evento. Vale a dire? Con un semplice click. Partendo proprio dal nostro portafoglio di risorse umane, siamo in grado di identificare e offrire operatori qualificati per lo svolgimento di attività in qualità di promoter, merchandiser, animatori, hostess e steward e qualsiasi altra figura professionale come modelle, speaker, e via dicendo. Concretamente, grazie al back end tecnologico ed esclusivo siamo in grado di effettuare una selezione del personale con tempistiche ridotte. Non solo. Prego. Sui device mobili di tutte le risorse umane che lavorano con noi abbiamo installato e attivato un apposita app che ci permette di entrare immediatamente in contatto con loro, o con una parte di coloro che potrebbero candidarsi o sottoporre un profilo idoneo per il servizio che dobbiamo erogare al cliente. Qual è l elemento che caratterizza la nuova app? È proprio la facilità del sistema di ricerca che abbiamo attivato, grazie alla quale in tempo reale possiamo reperire le risorse umane più confacenti alle necessità del cliente. Ma non solo. Innanzitutto ci tengo a sottolineare che il nostro personale è dotato di un device equipaggiato con gli strumenti fondamentali per operare. In primis, il contratto di lavoro e quindi il permesso di poter svolgere tale attività all interno della location concordata. Quindi, grazie al software che abbiamo elaborato e installato, il personale è in grado di creare un vero e proprio diario di bordo circa l attività che sta svolgendo. Questo aspetto, se da un lato consente un controllo e una verifica di come stanno operando, dall altro permette di generare documenti utili alla valutazione dell attività e al suo svolgimento: dalle foto ai filmati, all ottenimento di target prefissati al controllo immediato del sell-in e sell-out. In che modo viene attivato il servizio? Una volta che riceviamo da parte dei clienti la richiesta per un attività dedicata, grazie al nostro back end possiamo gestire immediatamente l individuazione e la selezione del personale in base a molteplici parametri: la loro dislocazione territoriale, l esperienza sviluppata nello svolgimento di un attività, le caratteristiche emotive e via dicendo. Quindi, identificato il panel che potrebbe rispondere alle richieste del cliente, attiviamo mediante la app questa proposta di lavoro e con tempi ridotti siamo in grado di fornire le prime risposte, sottoponendo al nostro partner i candidati per lo svolgimento dell attività. Quale lo spettro operativo di Store Animati? Beh l ambito dell animazione assume svariate sfaccettature: disponiamo di personale referenziato dalle più semplici attività di hostess e steward, fino a quelle di promoter, animatore in-store guerrilla, fiere, convention, tour, consulente, presentatore di eventi, fino al merchandiser. Insomma, ogni minima richiesta che ci viene avanzata cerchiamo di soddisfarla. Quali i plus per i clienti? Su tutti c è la ricchezza del nostro database, composto di persone realmente capaci e motivate, abbiamo un integrazione annuale e quindi il turnover è sempre garantito per ognuno con le proprie specificità. Store Animati, essendo ad ampio spettro, si rivolge a tutte quelle aziende che vogliono un supporto professionale serio e affidabile. Ma soprattutto capace di interagire in modo veloce e moderno. Quale il messaggio per operatori dell industria e del retail? La storia insegna che le iniziative in-store e di comunicazione non convenzionale assumono grande importanza e rilevanza, solo se ben strutturate e realizzate. È fondamentale saper coinvolgere i consumatori in modo adeguato. E per farlo bisogna avvalersi di personale qualificato e capace di abbattere il muro della comunicazione in breve tempo, creando con l end-user un rapporto empatico che permetta a questo di avere un esperienza fisica con il prodotto, puntando i riflettori su questo. Insomma con Store Animati diamo anima al prodotto, siamo certi che il nostro personale può dare un sapore particolare agli eventi. Fandango Club ha le competenze in questo ambito, e se le è conquistate giorno per giorno sul campo. Metteteci alla prova. Ci divertiremo. Spice up your events. Raffaella Cordera PAGINA 16 N.5 MAGGIO 2015

17

18 RAEE. Pubblicato, dal Centro di Coordinamento, il Rapporto annuale 2014 Una buona raccolta Il ritiro di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche vede un aumento del 2% rispetto al 2013, con un incremento di quasi 6 milioni di kg. Ma sono forti le disparità tra le diverse regioni italiane. E i canali non ufficiali di smaltimento restano ancora poco quantificabili. È stato presentato giovedì 16 aprile a Milano il Rapporto annuale 2014 sul Sistema di ritiro e trattamento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche in Italia, realizzato a cura del Centro di coordinamento Raee. Giunto alla sua settima edizione, il Rapporto Raee 2014 racconta nel dettaglio, anno dopo anno, come si stanno evolvendo la raccolta, il trattamento e il riciclo di Raee nel nostro Paese, per evidenziare le criticità del processo e individuare quali sono le aree di competenza che possono essere implementate. Il risultato per il 2014 è positivo: la raccolta di Raee ha fatto registrare un aumento di oltre il 2% rispetto al 2013, in cui si era evidenziata una leggera flessione. La raccolta complessiva è stata pari a kg, con un incremento di quasi 6 milioni di kg rispetto all anno precedente e un dato medio pro capite pari a 3,8 kg di Raee raccolti per abitante. Il segno è positivo per tutti e cinque i Raggruppamenti tranne per il segmento R3 (che riguarda Tv e Monitor) che segna un -0,53% rispetto al 2013, dato comunque superiore rispetto alle previsioni di raccolta. Un primo, timido, segnale di ripresa economica? Indubbiamente, negli scorsi anni, la riduzione degli acquisti ha comportato anche una diminuzione dei rifiuti prodotti, a causa della mancata sostituzione delle apparecchiature obsolete. E c è da sottolineare anche che un importante contributo è arrivato dalla conferma per il 2014 degli eco bonus, gli incentivi statali alla rottamazione, che prevedevano detrazioni fino al 50% sull acquisto di alcuni elettrodomestici. Una maggiore quantità di Raee raccolti corrisponde a un LA RACCOLTA DEI RAEE NEL CORSO DEL 2014 fonte: Rapporto Raee 2014 Andamento della raccolta nel corso del 2014 e confronto con il 2013 e il 2012 kg raccolti kg raccolti kg raccolti Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale ritiri Totale ritiri effettuati presso i centri di raccolta totale ritiri totale ritiri totale ritiri Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale ritiri R3 29,57% Raccolta Raee percentuale TV e monitor televisori e schermi a tubo catodico, LCD o al plasma, ecc. R2 25,01% Grandi bianchi lavatrici, lavastoviglie, cappe, forni, ecc. R1 27,65% Freddo e Clima frigoriferi, condizionatori, congelatori, ecc. R5 0,55% R4 17,24% Piccoli elettrodomestici telefonini, computer, stampanti, giochi elettronici, apparecchi illuminanti, ventilatori ecc. Sorgenti luminose lampadine a basso consumo, lampade al neon, lampade fluorescenti, ecc. La raccolta nelle regioni italiane Regione Raccolta Variazione Abitanti Raccolta complessiva raccolta 2014 pro-capite 2014 (kg) 2014/ (kg/ab.) Valle d Aosta ,29% ,80 Piemonte ,36% ,13 Liguria ,09% ,00 Lombardia ,42% ,91 Veneto ,33% ,45 Trentino Alto Adige ,47% ,80 Friuli Venezia Giulia ,77% ,88 Emilia Romagna ,61% ,93 Totale Nord ,73% ,84 Toscana ,15% ,41 Umbria ,67% ,40 Marche ,33% ,60 Abruzzo ,67% ,98 Lazio ,44% ,62 Totale Centro ,29% ,78 Campania ,37% ,52 Molise ,09% ,39 Basilicata ,75% ,64 Puglia ,26% ,95 Calabria ,26% ,71 Sardegna ,27% ,38 Sicilia ,38% ,78 Totale Sud e Isole ,40% ,37 Totale Italia ,56% ,81 I centri di raccolta nelle province italiane nel 2014 Regione Centri Centri Variazione Altri centri Centri Variazione di raccolta di raccolta centri di conferimento di conferimento di conferimento di raccolta ogni ab. ogni ab. ogni ab. 2014/ /2013 Valle d Aosta ,00% ,53% Piemonte ,34% ,91% Liguria ,35% 8 5 9,30% Lombardia ,96% ,98% Veneto ,72% ,14% Trentino Alto Adige ,88% ,02% Friuli Venezia Giulia ,27% ,12% Emilia Romagna ,11% ,65% Totale Nord ,0% ,28% Toscana ,67% ,75% Umbria ,99% 2 8 1,51% Marche ,92% 3 8-6,22% Abruzzo ,78% ,11% Lazio ,76% ,84% Totale Centro ,28% ,15% Campania ,26% 6 4 0,19% Molise ,52% ,42% Basilicata ,76% ,69% Puglia ,79% ,32% Calabria ,00% 0 4 4,07% Sardegna ,00% ,80% Sicilia ,25% ,57% Totale Sud e Isole ,39% ,58% Totale Italia ,12% ,00% PAGINA 18 N.5 MAGGIO 2015

19 ricambio generazionale di alcune apparecchiature, e quindi a un incremento negli acquisti, oltre che a una maggiore sensibilità da parte degli italiani al problema ecologico. Tuttavia, il sommerso resta ancora rilevante e, purtroppo, poco quantificabile: i Raee sottratti alla filiera ufficiale di smaltimento o conferiti in maniera non corretta possono causare notevoli rischi alle persone e all ambiente. Esistono poi profonde differenze nelle varie regioni d Italia: i dati però dimostrano che la raccolta pro capite è più elevata nelle aree in cui i cittadini hanno a disposizione un maggior numero di strutture in cui conferire i propri Raee. Raggruppamento R1 R2 R3 R4 R5 Totale Freddo e Clima frigoriferi, condizionatori, congelatori, ecc. Grandi bianchi lavatrici, lavastoviglie, cappe, forni, ecc. TV e monitor televisori e schermi a tubo catodico, LCD o al plasma, ecc. Piccoli elettrodomestici telefonini, computer, stampanti, giochi elettronici, apparecchi illuminanti, ventilatori, ecc. Sorgenti luminose lampadine a basso consumo, lampade al neon, lampade fluorescenti, ecc. Raccolta anno 2014 vs anno 2013 (kg) Le differenze per area geografica Se si prendono in considerazione le regioni e le macro-aree geografiche, i dati rivelano una situazione molto diversificata all interno del Paese. Nord e Centro trainano la ripresa della raccolta complessiva, mentre Sud e Isole registrano un segno ancora negativo. Stessa situazione per quanto riguarda la raccolta pro capite, in crescita al Nord e al Centro, ma che registra un -3,79% nel Sud e Isole. Nelle regioni del Nord la raccolta complessiva cresce del 3,73%, mentre quella pro capite media sale a 4,84 kg per abitante, con un incremento pari all 1,6% rispetto al Nella raccolta complessiva, segno negativo solo per Liguria e Valle d Aosta; quest ultima mantiene comunque il primo posto in Italia per raccolta pro capite. Tra le regioni più virtuose, conferme anche per Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, rispettivamente al secondo e al terzo posto nella raccolta pro capite. Nel Centro Italia l incremento della raccolta complessiva è maggiore rispetto alle altre aree e solo le Marche registrano un calo rispetto al Particolarmente significativo il +12,44% della Regione Lazio, che partiva però da un dato molto inferiore alla media dell area geografica di riferimento e che rimane tuttora al di sotto di tale media. La media pro capite rimane sostanzialmente invariata rispetto allo scorso anno e si ferma a 3,78 kg per abitante, in linea con il dato nazionale. Andando ad analizzare l area Sud e Isole, spiccano i trend fortemente negativi della raccolta in Basilicata e Sicilia. Risultati che per di più contrastano con l incremento dei Centri di Raccolta che si è avuto in queste regioni nel corso del Segnali positivi arrivano invece dalla Campania, che incrementa in modo significativo sia la raccolta complessiva che quella pro capite. Rimane comunque da sottolineare che in quest area - ad eccezione della Sardegna, del Molise e della Basilicata - i dati risentono di una scarsa diffusione dei Centri di Raccolta, ancora ben al di sotto della media nazionale. La rete italiana dei Raee I Centri di Raccolta nel nostro Paese hanno registrato un incremento dell 1% rispetto al 2013, per un totale di 3801 Centri di Raccolta comunali attivi su tutto il territorio nazionale, di cui sottoscrittori iscritti al portale informativo del Centro di coordinamento Raee. In crescita anche gli altri Centri di conferimento, che passano dai 141 del 2013 ai 237 del Invariato il numero di CdR ogni 100mila abitanti, che si assesta a quota 7. Andando ad analizzare le singole aree del Paese, si notano alcune differenze significative. Nelle regioni del Nord, dove si concentra il maggior numero di Centri di Raccolta, c è stato nel corso del 2014 un lieve calo dei CdR, pari all 1%. Tra le regioni, spicca in particolare il -7% del Friuli Venezia Giulia, mentre il Trentino Alto Adige si conferma al primo posto in Italia per numero di Centri di Raccolta ogni 100mila abitanti. Al Centro si registrano quasi ovunque dati positivi, tranne nel caso delle Marche, dove i CdR diminuiscono di quasi il 5% rispetto al Nonostante i risultati in crescita, nelle regioni del Centro il numero di Centri di Raccolta ogni 100mila abitanti è mediamente ancora inferiore rispetto al dato nazionale. Gli incrementi più significativi si registrano nelle regioni del Sud, con dati ovunque positivi tranne che in Puglia. Nonostante questo trend incoraggiante, in quest area i CdR sono ancora sottodimensionati rispetto alla popolazione, dato che influenza fortemente i risultati della raccolta. L andamento dei cinque Raggruppamenti All interno dei Centri di conferimento, i Raee sono vs ,00% ,19% ,53% ,21% ,21% , % Raccolta per sistema collettivo (kg) Sistema collettivo R1 R2 R3 R4 R5 Totale Apiraee Cobat Consorzio CCR Ecodom Ecoelit Ecoem Ecolamp Ecolight Ecoped Ecorit Erp Esa Gestione Raee Raecycle Remedia Rene Ridomus Totale Italia raccolti in modo differenziato sulla base di cinque Raggruppamenti, che corrispondono alle diverse esigenze di trattamento e riciclo dei materiali contenuti nei rifiuti. Nel 2014, così come negli anni precedenti, il Raggruppamento più raccolto continua a essere il 3 (Tv e Monitor), con oltre 68 mila tonnellate di Raee. Questo nonostante le previsioni di raccolta fossero di un decremento maggiore rispetto alla diminuzione dello 0,53% registrata nel corso del 2014 (contro il -10% registrato nel 2013). La raccolta del Raggruppamento 3 negli ultimi anni è stata fortemente influenzata dalla sostituzione dei televisori durante il passaggio al digitale terrestre e dalla sostituzione dei vecchi apparecchi a tubo catodico con quelli a schermo piatto. Questi elementi hanno creato un picco della raccolta di R3 tra il 2011 e il 2014, sia in termini assoluti che in rapporto al peso dell immesso sul mercato, per poi ridursi nel corso dell ultimo anno. Il mercato delle apparecchiature che generano rifiuti appartenenti al Raggruppamento 3 ha visto nell ultimo triennio un andamento altalenante: nel 2012 si sono registrate tonnellate, che sono scese a nel 2013, per poi salire nuovamente nel 2014 con tonnellate. Altro Raggruppamento particolarmente interessante è quello delle Sorgenti luminose (R5), che pur rimanendo il meno raccolto in termini assoluti, è quello che ha registrato negli ultimi anni gli incrementi più significativi. Dopo l aumento del 5% del 2013, nel 2014 registra un incremento di ben il 14%. L andamento del mercato delle apparecchiature che generano rifiuti appartenenti a questo raggruppamento è stato stabile, con tonnellate registrate nel 2012, per il 2013 e tonnellate nel I quantitativi trattati complessivamente e in modo volontario dal Consorzio Ecolamp e dal Consorzio Ecolight sono pari a 1.228,01 tonnellate, per un totale complessivo di Sorgenti luminose avviate correttamente a riciclo che raggiunge circa 2.502,5 tonnellate. Questi numeri rendono il Raggruppamento 5 quello dove il rapporto tra raccolto e quantitativi immessi sul mercato cresce maggiormente. Tutti gli altri Raggruppamenti registrano risultati positivi: R1 (Freddo e Clima) e R2 (Grandi bianchi) aumentano entrambi del 3%; R4 (Piccoli elettrodomestici) registra un aumento del 6%. Dal confronto di queste tipologie di rifiuti, emerge il fenomeno della sostituzione del vecchio apparecchio con il nuovo, che è prevalente soprattutto per quanto riguarda R1 e R2. Eppure, a fronte dell immesso sul mercato, la raccolta di R1 e R2 differisce di molto e i tassi di ritorno passano dal 36% dei frigoriferi al 20% di lavatrici, lavastoviglie, cappe, e via dicendo. Questo significa che, mentre una buona porzione delle Apparecchiature Refrigeranti, una volta diventati Raee, percorre la strada corretta, ciò non accade per il Raggruppamento 2, che probabilmente è intercettato prima di arrivare nei Centri di Raccolta e può percorrere filiere informali che non garantiscono un corretto trattamento. Osservando invece il Raggruppamento 4 (Piccoli elettrodomestici), il dato che appare più evidente è il rapporto tra raccolto e immesso sul mercato, che risulta pari a solo il 14% ed è il più basso in assoluto tra tutte le tipologie di Raee. Questo dipende sicuramente dal fatto che alcune di queste apparecchiature vengono tenute in casa anche dopo la loro sostituzione (come ad esempio i cellulari o i laptop). Ma anche dalle loro ridotte dimensioni, che rendono più facile uno smaltimento non corretto nei rifiuti indifferenziati. Nel caso specifico del Raggruppamento 4 però si è osservato che, quanto più è semplice per i cittadini accedere a un luogo in cui conferire i Piccoli elettrodomestici, tanto più sono invogliati a farlo correttamente. Proprio a questa constatazione si ispira l introduzione del cosiddetto uno contro zero da praticarsi presso gli esercizi commerciali e teso a favorire l incremento della raccolta di questo Raggruppamento. I dati 2014 mettono in luce ancora una volta come la raccolta pro capite sia più elevata laddove i cittadini hanno a disposizione un maggior numero di strutture in cui conferire i propri Raee, ha commentato Fabrizio D Amico, presidente del Centro di coordinamento Raee. Sarà perciò necessario, nei prossimi anni, investire nella sensibilizzazione dei cittadini, nello smantellamento delle piccole e grandi barriere burocratiche alla raccolta e all apertura di nuovi Centri di Conferimento in tutto il territorio nazionale, in particolare nel Sud e nelle Isole. Per tanti traguardi già raggiunti, conclude D Amico, ve ne sono ancora altrettanti per i quali il lavoro non è ancora cominciato, o procede a rilento. A partire da quel sistema di raccolta uno contro zero per il quale si attende, da un anno esatto, un decreto attuativo che potrebbe far emergere i giacimenti di piccoli elettrodomestici non funzionanti che da anni gli italiani accumulano nelle proprie case. Annalisa Pozzoli PAGINA 19 N.5 MAGGIO 2015

20 VIDEOGIOCHI. Le schede prodotto Payday 2: Crimewave Edition Genere: Sparatutto/Azione Tipo piattaforma: Ps4, Xbox One Publisher: 505 Games Sviluppatore: Overkill Distributore: Halifax (Gruppo Digital Bros) Lingua: Testi Italiano, manuale e confezione in Italiano Rating PEGI: 18 Descrizione del videogioco Payday 2: Crimewave Edition, porta l esperienza del gioco di rapine definitivo su Xbox One e Ps4. È uno sparatutto cooperativo pieno di azione che ancora una volta permetterà ai giocatori di vestire le maschere della squadra di Payday Dallas, Hoxton, Wolf e Chains nella loro nuova adrenalinica missione a Washington D.C. Acquisendo esperienza, le missioni della squadra diventeranno più difficili, più lunghe e forniranno un bottino maggiore. Nel nuovo capitolo arrivano anche nuove caratterizzazioni dei personaggi e un sistema per personalizzare le proprie armi e l equipaggiamento. Principali caratteristiche tecniche L edizione include oltre un anno di contenuti Dlc, usciti sia a pagamento che gratuiti, tra i quali The Big Bank Heist e Clover, la prima rapinatrice donna del team. Frame rate migliorato, texture ancora più dettagliate, risoluzione a 1080p. Comunicazione e marketing Attività pre-order dedicate: coloro che prenoteranno il gioco presso i pdv che hanno aderito all iniziativa avranno diritto al contenuto digitale sbloccabile Hard Time Loot Bag. Inoltre è prevista a sostegno del titolo una campagna pubblicitaria sui principali siti online specializzati e attività dedicate sui social media. L attività PR sarà focalizzata sulle principali testate della stampa specializzata print & online e su quella mainstream. Attraverso eventi dedicati a stampa e community, con l invio costante di materiale informativo e con attività sui canali social, si cercherà di tenere alto l interesse dei media. L attività di comunicazione seguirà sia la fase pre che post lancio in modo da massimizzare la copertura sul gioco. I punti di forza del titolo Uno degli sparatutto più popolari sul mercato con più di 9 milioni di giocatori su Steam, Xbox 360 e PlayStation 3. Possibilità di calarsi nei panni di un rapinatore scegliendo tra un approccio più stealth o diretto. Con ancora più colpi da effettuare, più armi e maschere da utilizzare e innumerevoli miglioramenti. Final Fantasy X-X2 HD Remaster Limited Ed. (Ps4) Genere: Gioco di ruolo Tipo piattaforma: Ps4 Publisher: Square Enix Sviluppatore: Square Enix Distributore: Koch Media Lingua: Inglese con sottotitoli in Italiano Rating PEGI: 12 Prezzo al pubblico consigliato: 49,99 euro Descrizione del videogioco Final Fantasy X è il decimo titolo della serie di videogiochi di ruolo alla giapponese Final Fantasy, nonché il primo ad essere stato pubblicato per PlayStation 2, dal punto di vista tecnico segna il passaggio definitivo alla grafica interamente tridimensionale e racconta la storia di Tidus, un campione di Blitzball che, con l aiuto della bellissima invocatrice Yuna, tenta di salvare il mondo da una terribile minaccia nota solo con il nome di Sin. Final Fantasy X-2 riporta i giocatori a Spira, mentre la grande invocatrice Yuna e le sue amiche Rikku e Paine cercano di scoprire il significato di un misterioso messaggio registrato in una sfera, senza sapere che la risposta alle loro domande potrebbe stravolgere la loro esistenza. Principali caratteristiche tecniche Grafica interamente rimasterizzata in HD. Funzione Cross-Save. Inclusi contenuti mai pubblicati al di fuori del Giappone. Comunicazione e marketing Attività trade di pre-order dedicate e mirate ai fan della saga Final Fantasy attraverso newsletter, social e banner. Supporto al lancio attraverso flyer dedicati e massificazione punti vendita con materiale ad alto impatto visivo. A livello pubblicitario, forte presenza web con adv verticali sui siti gaming di riferimento, campagna YouTube ed estesa campagna sui social media. Attività di ufficio stampa continuative a supporto della fase di pre-lancio, lancio e review del titolo fino all uscita del 15 maggio. Curiosità del videogioco Final Fantasy X/X 2 HD Remaster arriva finalmente su console next gen, con due dei capitoli più apprezzati e amati della famosissima serie di videogiochi, in una pregiata edizione steelbook con illustrazioni di Yoshitaka Amano. I punti di forza del titolo Colonna sonora riarrangiata. Grafica migliorata per sfruttare al meglio le potenzialità della console next gen. 8 milioni di pezzi venduti nel mondo. Wolfenstein - The Old Blood Genere: Sparatutto in prima persona Tipo piattaforma: Pc, Ps4 Publisher: Bethesda Sviluppatore: Machine Games Distributore: Koch Media Lingua: Italiano Rating PEGI: 18 Prezzo al pubblico consigliato: 19,99 euro Descrizione del videogioco Wolfenstein: The Old Blood è un prequel a se stante del famoso sparatutto d azione-avventura in soggettiva, Wolfenstein: The New Order. L avventura, suddivisa in otto capitoli e due storie interconnesse, porta la firma dei progetti targati MachineGames. Nei panni dell eroe di guerra B.J. Blazkowicz impugna nuove armi, come, ad esempio, il fucile bolt-action e la Kampfpistole lanciagranate, per cercare di fermare l avanzata della macchina bellica nazista, sfruttando pratici tubi metallici per scalare pareti o eliminare con fredda precisione nuovi e temibili nemici. Principali caratteristiche tecniche Gameplay frenetico e veloce. Comparto grafico eccellente. Mix di elementi adventure e stealth. Comunicazione e marketing Attività di pre-order dedicate e mirate ai possessori di Wolfenstein: The New Order e a tutti gli ammiratori della saga. Forte presenza sul web, campagna YouTube ed estesa campagna sui social media. Focus sulla stampa specializzata, iniziative speciali con i siti specializzati, collaborazione con i principali Youtuber. Approccio alla stampa mainstream con pr angles dedicati: ucronia, storia alternativa, futuri possibili. Attività programmate sui principali social network con news, filmati e aggiornamenti in tempo reale. Curiosità del videogioco Un prequel entusiasmante, suddiviso in otto capitoli, nel quale si sviluppano due storie interconnesse. I punti di forza del titolo Intensa esperienza di combattimento in soggettiva con nuove armi come il fucile bolt-action del 1946 e la Kampfpistole lanciagranate. Incredibili ambientazioni da esplorare: villaggi rurali, vaste vallate con funivie e ponti, spettrali catacombe e il ritorno al Castello Wolfenstein. Una serie di nuovi cattivi e nemici da affrontare, tra cui legioni dei nuovi Supersoldaten, truppe d assalto d élite, droni e terribili creazioni naziste. PAGINA 20 N.5 MAGGIO 2015

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 1. SOCIETÀ PROMOTRICE 2. PERIODO 3. PRODOTTO IN PROMOZIONE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza

Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza OUCH! Settembre 2012 IN QUESTO NUMERO I vostri account utente I vostri dispositivi I vostri dati Cosa fare in caso di violazioni di sicurezza L AUTORE DI QUESTO NUMERO Chad Tilbury ha collaborato alla

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

24/7. Monitoraggio da remoto Semplice, intelligente e sicuro. www.danfoss.it/solar. Soluzioni per il monitoraggio di impianti FV con inverter Danfoss

24/7. Monitoraggio da remoto Semplice, intelligente e sicuro. www.danfoss.it/solar. Soluzioni per il monitoraggio di impianti FV con inverter Danfoss MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Monitoraggio da remoto Semplice, intelligente e sicuro Soluzioni per il monitoraggio di impianti FV con inverter Danfoss 24/7 monitoraggio in tempo reale con tecnologia ConnectSmart

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli