COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA Provincia di Arezzo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA Provincia di Arezzo"

Transcript

1 COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA Provincia di Arezzo SCHEMA DELLA DELIBERAZIONE DI APPROVAZIONE DELLA VARIANTE DI MANUTENZIONE OGGETTO: REGOLAMENTO URBANISTICO (TERRITORIO DELL EX COMUNE DI STIA) - APPROVAZIONE DELLA VARIANTE DI MANUTENZIONE VAS E VINCOLI PREORDINATI ALL ESPROPRIO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO: - che con deliberazione del C.C. dell ex comune di Stia n. 4 del 15/02/03 fu approvato il Piano Strutturale; - che con deliberazione del C.C. dell ex comune di Stia n. 22 del 22/12/05 fu approvato il Regolamento Urbanistico successivamente modificato con varianti approvate con deliberazioni del C.C. dell ex comune di Stia n. 70 del 27/11/07 e n. 20 del 08/04/2010; - che il 22/12/2010 a cinque anni dall approvazione del Regolamento Urbanistico, è intervenuta, per il disposto della L.R.T. n1/2005, art.55 commi 5 e 6, la decadenza della disciplina delle trasformazioni ; - che l Amministrazione Comunale nel 2011, anche al fine di riattivare la disciplina delle trasformazioni, ha intrapreso la formazione della Variante di Manutenzione ed al fine di rendere partecipe la popolazione a tale procedimento ha invitato con un manifesto i cittadini a presentare eventuali contributi e suggerimenti; - - che con deliberazione del C.C. dell ex comune di Stia n. 29 del 29/11/2013 è stata adottata, ai sensi dell art. 17 della Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005, n. 1, la Variante di Manutenzione al Regolamento Urbanistico, e secondo quanto disposto dall art, 8, comma 6, della L.R. 12 febbraio 2010 n. 10, il Rapporto Ambientale e la Sintesi non Tecnica; - che, ai sensi dell art. 7 della L.R. n. 30 del 18/02/2005, con la stessa deliberazione si dava atto che l efficacia della Variante di Manutenzione al Regolamento Urbanistico, comportava apposizione del vincolo preordinato all esproprio; - che, ai sensi di quanto disposto dal 1 comma dell art. 17 della L.R. 1/2005, la deliberazione del C.C. dell ex comune di Stia n. 29 del 29/11/2013 di adozione della variante in oggetto, con i relativi allegati, è stata trasmessa, con lettera prot. 5209/2013, alla Regione Toscana ed alla Provincia di Arezzo; - Che secondo quanto disposto dal 2 comma dell art. 17 della L.R. 1/2005 e dall art. 8, comma 6 e art. 25 della L.R. 12/02/2010, n. 10, la Variante di Manutenzione al Regolamento Urbanistico, il Rapporto Ambientale e la Sintesi non Tecnica, adottate con deliberazione del C.C. dell ex comune di Stia n. 29 del 29/11/2013, sono stati depositati presso l ufficio urbanistica per la durata di 60 gg. consecutivi dall 11/12/2013 e pubblicati sul sito dell ex

2 comune di Stia e l avvenuto deposito è stato reso noto al pubblico mediante pubblicazione sul BURT n. 50 del 11/12/2013; - Che nei 60 gg. successivi alla pubblicazione sul BURT dell avviso di deposito sono state presentate n. 10 osservazioni, alcune contenenti più punti, di cui n. 4 da istituzioni (Provincia, Regione, Comune ecc..) e n. 6 da privati (singoli cittadini, società o altre associazioni o enti non istituzionali); DATO ATTO che: - con legge regionale 22 novembre 2013 n. 70 è stato istituito il nuovo Comune di Pratovecchio Stia per fusione dei Comuni di Pratovecchio e di Stia; - che l art. 5 di detta legge regionale prevede che Tutti i regolamenti, gli atti amministrativi generali, i piani, gli strumenti urbanistici ed i bilanci dei comuni oggetto della fusione vigenti alla data del 31/12/2013 restano in vigore, con riferimento agli ambiti territoriali e alla relativa popolazione dei comuni che li hanno approvati, fino all entrata in vigore dei corrispondenti atti del commissario o degli organi del Comune di Pratovecchio Stia VISTO l art. 231 della L.R. 65 del 10/11/2014 il quale prevede che il comune che alla data di entrata in vigore della presente legge, risulti dotato di regolamento urbanistico adottato procede alla sua approvazione nel rispetto delle disposizioni di cui alla L.R. 1/2005 ; VISTO l allegato Repertorio delle Controdeduzioni alle Osservazioni in cui sono riportate le determinazioni con le relative motivazioni sulle osservazioni pervenute; VISTA la Variante di manutenzione al Regolamento Urbanistico, modificata a seguito dell accoglimento totale o parziale di alcune osservazioni, costituita dai seguenti elaborati: RELAZIONE ( si fa riferimento alla relazione adottata in quanto le modifiche apportate al piano non sono tali da giustificare una sua revisione e pertanto non viene allegata ); REPERTORIO DELLE CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TAV. 1 scala 1: TAV. 2 scala 1: TAV. 3 scala 1: TAV. 4 scala 1: TAV. 5 scala 1: INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE costituite da: a) Relazione di fattibilità geologico tecnica; b) Elaborati Cartografici; INDAGINI IDRAULICHE costituite da: a) Relazione sul rischio idraulico; b) Fascicolo verifiche idrauliche; c) Tavola 01 Aree allagate; d) Tavola 02 Pericolosità idraulica; e) Tavola 03 Aree allagate (Casa Dino Pratellina); f) Tavola 04 Pericolosità idraulica ( Casa Dino Pratellina ) VISTA la Legge Regionale Toscana 12 febbraio 2010 n.10; - che con deliberazione della G.C. 71 del 21/08/2009 fu individuato il Consiglio Comunale quale Autorità Procedente e la Giunta Comunale quale Autorità Competente;

3 - che, a seguito di quanto precisato nel contributo della Regione Toscana Prot N del 25/03/2013 ed ai requisiti previsti dall art. 12 della L.R. 10/2010, con deliberazione della G.C. n.80 del 31/08/2013 è stata modificata la composizione dell Autorità Competente; - che a seguito della procedura di verifica di assoggettabilità, di cui all art. 22, L.R. 10/2010, è stato deciso di assoggettare la variante in oggetto a VAS e che il Consiglio Comunale, in qualità di Autorità Procedente, con deliberazione n. 2 del 27/02/2013 ha avviato il procedimento della fase preliminare approvando il Documento Preliminare previsto dall art. 23 della L.R. 10/2010; - che, ai fini delle consultazioni, in data 04/03/2013, il Documento Preliminare è stato trasmesso all Autorità Competente ed ai soggetti competenti in materia ambientale; - che conseguentemente sono pervenuti i contributi tecnici forniti da: a) Regione Toscana - Direzione Generale delle Politiche Territoriali e Ambientali e per la Mobilità - con nota AOOGRT Prot N del 25/03/2013, assunta al prot del 26/03/2013; b) Autorità di Bacino del Fiume Arno con nota prot. 841 dell 8/03/2013, assunta al prot del 9/03/2013; c) Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi con nota in data 7/03/2013, assunta al prot del 7/03/2013; - che secondo quanto previsto dall art. 25 della L.R. 10/2010 la Variante di Manutenzione sopracitata ed il relativo Rapporto Ambientale e la Sintesi non Tecnica sono stati messi a disposizione dei Soggetti Competenti in materia Ambientale (SCA) e dell Autorità Competente; - che a seguito della procedura di adozione, pubblicazione, deposito e consultazione non sono pervenute osservazioni allo scadere del termini di pubblicazione relative al procedimento di VAS della Variante al Regolamento Urbanistico; - che a seguito dell attività tecnico-istruttoria svolta dall Autorità Competente che ha valutato tutta la documentazione pervenuta nonché le osservazioni ed i contributi forniti successivamente all adozione, l Autorità stessa ha espresso in data 27/05/2014 il proprio Parere Motivato che, proprio in coerenza delle caratteristiche della Variante, dei contenuti del Rapporto Ambientale e dei contributi forniti dagli S.C.A., non detta soluzioni migliorative e/o alternative a quanto già proposto dal quadro normativo e previsionale della Variante al R.U.; VISTO il Regolamento di attuazione dell art. 62 della L.R. 3 gennaio 2005, n. 1 in materia di indagini geologiche emanato con DPGR 25/10/2011, n. 53/R; - che l Ufficio Regionale per la Tutela del Territorio e delle Acque di Arezzo, con lettera prot. A00GRT/297013/N del 19/11/2013, ha comunicato che, in data 19/11/2013, prot. A00GRT/296880/N , è stata acquisita la documentazione relativa al deposito della indagini geologico tecniche della variante in oggetto ai sensi della L.R. 1/2005 e che alla stessa, sottoposta ad accertamento formale ai sensi dell art. 4 del DPGR 53/R/2011, è stato assegnato il numero di deposito 3269; - che con nota n /N del 18/12/2013 lo stesso ufficio ha espresso la necessità di subordinare l esito del controllo ai sensi dell art. 9, comma 2 del D.P.G.R. c ad una serie di approfondimenti; - che il comune di Pratovecchio Stia, con nota del 10/12/2015 ha inoltrato gli elaborati integrativi richiesti; - che con lettera prot del 24/12/2015 l Ufficio di Bacino Arno Toscana Centro sede di Arezzo ha comunicato l esito positivo del controllo ai sensi dell art.9, comma 1 del D.P.G.R. 53/R/2011;

4 DATO ATTO che la Commissione Edilizia con verbale del 14/12/2015 e la 2^ Commissione Consiliare Permanente Lavori Pubblici, Urbanistica ed Attività Produttive con verbale n. 01 del 5 gennaio 2016 hanno espresso Parere Favorevole sulle controdeduzioni alle osservazioni; VISTO il Parere Motivato dell Autorità Competente ha espresso in data 27/05/2014 allegato, VISTA la Dichiarazione di Sintesi redatta dal Responsabile del Procedimento ai sensi dell art. 27 c.2 della L.R. 10/2010 allegata; VISTO il Rapporto del Garante della Comunicazione redatto ai sensi dell art. 20, comma 2 della L.R. 1/2005 ed art. 5 del Regolamento approvato con del. C.C. ex Stia n. 44/2006 allegato; VISTA la Certificazione del Responsabile del Procedimento ai sensi dell art.16 comma 3 della Legge Regionale Toscana n.1/2005 e art.8 della Legge Regionale Toscana n.10 del 12 febbraio 2010 allegata; VISTA la Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005 n.1 recante Norme per il governo del territorio e le successive varianti e integrazioni; VISTA la L.R.T 12 febbraio 2010 n. 10 recante Norme in materia di Valutazione Ambientale Strategica, di valutazione di impatto ambientale e di valutazione di incidenza ; VISTA la L.R. 18 febbraio 2005, n.30 Disposizioni in materia di espropriazione per pubblica utilità; RAVVISATA la propria competenza a deliberare sull argomento in oggetto ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n.267/2000; ACCERTATA l acquisizione del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso ai sensi dell art. 49, 1 comma, del Decreto Legislativo n. 267 del 18/08/2000 che viene allegato all originale della deliberazione e riportato per estratto nelle copie della medesima; Con voti.. resi per alzata di mano DELIBERA 1) DI APPROVARE, ai sensi dell art. 17, commi 4 e 5 della Legge Regionale Toscana 3 gennaio 2005, n. 1 la Variante di manutenzione al Regolamento Urbanistico, modificata a seguito dell accoglimento totale o parziale di alcune osservazioni, costituita dai seguenti elaborati: RELAZIONE ( si fa riferimento alla relazione adottata in quanto le modifiche apportate al piano non sono tali da giustificare una sua revisione e pertanto non viene allegata ); REPERTORIO DELLE CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TAV. 1 scala 1: TAV. 2 scala 1: TAV. 3 scala 1: TAV. 4 scala 1: TAV. 5 scala 1: INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE costituite da:

5 c) Relazione di fattibilità geologico tecnica; d) Elaborati Cartografici; INDAGINI IDRAULICHE costituite da: g) Relazione sul rischio idraulico; h) Fascicolo verifiche idrauliche; i) Tavola 01 Aree allagate; j) Tavola 02 Pericolosità idraulica; k) Tavola 03 Aree allagate (Casa Dino Pratellina); l) Tavola 04 Pericolosità idraulica ( Casa Dino Pratelli 2) DI APPROVARE la Valutazione Ambientale Strategica di cui alla L.R. 12 febbraio 2010 n. 10 contenuta nei seguenti elaborati: - Rapporto Ambientale; - Sintesi non Tecnica; - Parere Motivato dell Autorità Competente; - Dichiarazione di Sintesi 3) DI DARE ATTO, ai sensi dell art. 7 della L.R. n. 30 del 18/02/2005, che l efficacia della presente Variante di Manutenzione al Regolamento Urbanistico, comporta apposizione del vincolo preordinato all esproprio delle aree di cui al relativo Elenco delle Aree Pubbliche allegato alla delibera di adozione; 4) DI DARE ATTO che l iter di approvazione a seguito la procedura di cui all art. 17 della L.R. 1/2005 e della L.R. 12 febbraio 2010 n. 10; 5) DI ALLEGARE, quale parti integranti del presente atto: - la Relazione del Responsabile del Procedimento; - il Rapporto del Garante della Comunicazione; - il Parere Motivato dell Autorità Competente; - la Dichiarazione di Sintesi Con separata ed unanime votazione espressa per alzata di mano dichiara il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, 4 comma, del D.L.vo n. 267/2000.

ALLEGATO A - RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

ALLEGATO A - RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO egolamento rbanistico L.R.T. 1/2005, art.55 ALLEGATO A - RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Aprile 2016 Riadozione finalizzata all' approvazione definitiva del R.U. ai sensi dell'art. 231 della

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana SEDUTA DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL 16 LUGLIO 2014. Presidenza del Presidente del Consiglio regionale Roberto Giuseppe Benedetti. Deliberazione 16 luglio 2014, n. 61: Approvazione

Dettagli

COMUNE DI CHITIGNANO

COMUNE DI CHITIGNANO OGGETTO: RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (art. 16 della L.R. 03.01.2005 n. 1 e ss,mm. ed ii. e punto 9) della Circolare approvata con Deliberazione della Giunta Regionale n. 289 del 21.02.2005)

Dettagli

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E OGGETTO: Approvazione del progetto definitivo dell opera pubblica denominata Sistema di collegamento (People Mover) tra l aeroporto e la stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità

Dettagli

Comune di Castellina in Chianti

Comune di Castellina in Chianti Comune di Castellina in Chianti Provincia di Siena PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 2017/2 UNITA ORGANIZZATIVA PROPONENTE: Comune di Castellina in Chianti\\Ufficio tecnico Edilizia Urbanistica

Dettagli

COMUNE DI PITIGLIANO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI PITIGLIANO (Provincia di Grosseto) COPIA COMUNE DI PITIGLIANO (Provincia di Grosseto) Verbale di deliberazione CONSIGLIO COMUNALE Delibera n. 13 del 28/03/2017 Oggetto: Adozione, ex art. 111 LRT 65/2014, variante piano attuativo area per

Dettagli

Dato atto che, non comportando impegno di spesa o diminuzione di entrata, sulla presente proposta non occorre il parere contabile di cui all art.

Dato atto che, non comportando impegno di spesa o diminuzione di entrata, sulla presente proposta non occorre il parere contabile di cui all art. Deliberazione di GC di proposta al CC VARIANTE PARZIALE AL PIANO DEI SERVIZI ED AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT VIGENTE RELATIVA A: INDIVIDUAZIONE DI AREE A PLIS; RICLASSIFICAZIONE DI AREE SISTEMA PRODUTTIVE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE CONSIGLIO COMUNALE SI rende noto che ai sensi dell art. 39 lett. a-b del D. Lgs. 33/2013, il Consiglio Comunale convocato il giorno 18.12.2015 alle ore 17,30, prenderà in esame la proposta di deliberazione avente ad oggetto:

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova

COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 11-04-2016 N.19 Ufficio: URB (URBANISTICA) Oggetto: Realizzazione della rete fognaria e la predisposizione di un tratto

Dettagli

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 97 del registro delle deliberazioni del 08/11/2011. Adunanza ordinaria - seduta pubblica.

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 97 del registro delle deliberazioni del 08/11/2011. Adunanza ordinaria - seduta pubblica. CONSIGLIO COMUNALE N. 97 del registro delle deliberazioni del 08/11/2011 Adunanza ordinaria - seduta pubblica. OGGETTO: VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO TRATTO DI VIABILITÀ IN LOCALITÀ

Dettagli

Comune di Castiglione d Orcia

Comune di Castiglione d Orcia ORIGINALE Comune di Castiglione d Orcia (Provincia di Siena) Parco Artistico Naturale e Culturale della Val d Orcia Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 29-04-2015 Oggetto: ART.32

Dettagli

Proposta di delibera n 14 del 23 marzo 2015

Proposta di delibera n 14 del 23 marzo 2015 Ripartizione: Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata Oggetto: APPROVAZIONE DELLA VARIANTE AL VIGENTE REGOLAMENTO URBANISTICO FINALIZZATA AL RIALLINEAMENTO DEL PERIMETRO DELLE AREE DELL UTOE N 3 DI POZZI

Dettagli

Comune di CHIUSI DELLA VERNA

Comune di CHIUSI DELLA VERNA Comune di CHIUSI DELLA VERNA Provincia di Arezzo ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 46 del 18-12-2014 OGGETTO: Approvazione variante n. 4 al Regolamento Urbanistico per l'ampliamento

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Cavallera:

A relazione del Vicepresidente Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU11 14/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 14-5460 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di VILLAFALLETTO (CN). Variante Generale al Piano

Dettagli

N. del PROPOSTA DI DELIBERA

N. del PROPOSTA DI DELIBERA N. del OGGETTO: OP065 COMPLETAMENTO OPERE DI URBANIZZAZIONE VIA PER SALVATRONDA - ADOZIONE DELLA VARIANTE URBANISTICA, APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL'ESPROPRIO ED APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE.

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 126 del 17/06/2010

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 126 del 17/06/2010 COPIA COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 126 del 17/06/2010 Oggetto: Presa d'atto del Documento Preliminare per la verifica di assoggettabilità

Dettagli

COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia

COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia COPIA ZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 13 del 21-02-2012 OGGETTO: PROCEDIMENTO DI VERIFICA ASSOGGETTABILITA V.A.S. E VALUTAZIONE INTEGRATA PER LA VARIANTE 3 AL REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine

Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine COPIA Comune di San Giorgio di Nogaro Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Registro delibere di Giunta N. 14 OGGETTO: Approvazione del Piano Attuativo Comunale - ex P.R.P.C. n. 3, variante

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA Estratto decreto 30 giugno 2017, prot Non assoggettabilità a VAS. Piano di Lottizzazione residenziale zona Ca via Terlizzi.

COMUNE DI MOLFETTA Estratto decreto 30 giugno 2017, prot Non assoggettabilità a VAS. Piano di Lottizzazione residenziale zona Ca via Terlizzi. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 13-7-2017 39693 COMUNE DI MOLFETTA Estratto decreto 30 giugno 2017, prot. 37710 Non assoggettabilità a VAS. Piano di Lottizzazione residenziale zona

Dettagli

COMUNE di Montecorvino Rovella Provincia di Salerno

COMUNE di Montecorvino Rovella Provincia di Salerno COMUNE di Montecorvino Rovella Provincia di Salerno Città dell Astronomia e della Musica N 129 DEL 29/07/2016 ORIGINALE DI DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: RAPPORTO PRELIMINARE DI VAS E VIA E PRELIMINARE

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 115 del 27/05/2010

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 115 del 27/05/2010 COPIA COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 115 del 27/05/2010 Oggetto: Presa d'atto del Documento Preliminare per la verifica di assoggettabilità

Dettagli

COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia

COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia COPIA ZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 62 del 04-05-2012 OGGETTO: PROCEDIMENTO DI VERIFICA ASSOGGETTABILITA V.A.S. PER LA VARIANTE 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO RELATIVA

Dettagli

LA GIUNTA. VISTA la scheda norma 7/9 approvata, tra le altre, con la suddetta deliberazione;

LA GIUNTA. VISTA la scheda norma 7/9 approvata, tra le altre, con la suddetta deliberazione; Oggetto: Adozione di piano attuativo relativo all area posta in Pisa, via Venezia Giulia, via Puglia di cui alla scheda norma 7/9 del vigente Regolamento Urbanistico. LA GIUNTA VISTA la proposta di piano

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA Procedura di verifica di assoggettabilità a VAS. Ampliamento sede cimiteriale.

COMUNE DI MOLFETTA Procedura di verifica di assoggettabilità a VAS. Ampliamento sede cimiteriale. 32980 COMUNE DI MOLFETTA Procedura di verifica di assoggettabilità a VAS. Ampliamento sede cimiteriale. Oggetto: Piano Particolareggiato per l ampliamento della Sede Cimiteriale. Verifica di assoggettabilità

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 76 DEL 24/07/2014 OGGETTO:

CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 76 DEL 24/07/2014 OGGETTO: CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 76 DEL 24/07/2014 OGGETTO: Variante n. 12 al Regolamento Urbanistico vigente per la realizzazione di un impianto di sollevamento delle acque meteoriche a San Donato -

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 51 DEL 14/11/2011 OGGETTO: VARIANTE SPECIFICA AL VIGENTE PRG N. 2/2010 PER ADEGUAMENTO AL PTCP 2009 - CARTA 2.1 - CARTA DEL DISSESTO (PAI), AI SENSI DELL'ART. 15,

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Oggetto: ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 1 AGLI ATTI COSTITUENTI IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PER L ADESIONE AL PLIS DEI COLLI BRIANTEI Premesso che: il Comune di Casatenovo è dotato di Piano di Governo

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: VARIANTE SEMPLIFICATA 2014\2015 AL REGOLAMENTO URBANISTICO ARTT. 228, 30 E 32 DELLA L.R. N. 65\2014 - RAPPORTO AMBIENTALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 53 del 30/09/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 53 del 30/09/2014 IMMEDIATAMENTE ESECUTIVA Provincia di Arezzo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 53 del 30/09/2014 OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER L'APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL'ESPROPRIO

Dettagli

Regolamento del Garante della Comunicazione

Regolamento del Garante della Comunicazione Regolamento del Garante della Comunicazione (art.19 della L.R.03/01/2005 N.1) Indice Art.1 Finalità Art.2 Funzioni del Garante della comunicazione Art.3 Istituzione e nomina Art.4 Forme e modalità di comunicazione

Dettagli

COMUNE DI PERGINE VALDARNO (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI PERGINE VALDARNO (Provincia di Arezzo) COMUNE DI PERGINE VALDARNO (Provincia di Arezzo) COPIA DI DETERMINAZIONE DELL AREA TECNICO Numero 2 del 05-01-2017 Oggetto: PRESA D'ATTO ESCLUSIONE DA PROCEDURA DI VAS DI VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

Ufficio Tecnico Edilizia Urbanistica

Ufficio Tecnico Edilizia Urbanistica RAPPORTO DEL GARANTE DELLA COMUNICAZIONE (ART. 20 L.R. 1/2005) APPROVAZIONE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNALE Premesso che - la sottoscritta Sabrina Paradisi è stata nominata Garante della Comunicazione

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE Nr. Atto: 87 del 28/11/2012 OGGETTO: APPROVAZIONE VARIANTE AL P.R.G. SPONDA

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ( P_ )

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ( P_ ) PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ( P_0000000000001142 ) OGGETTO: Esame osservazioni, controdeduzioni e approvazione variante in corso d'opera al piano di lottizzazione residenziale "Mercante

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 - 2012 30.5.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO-SAN ROSSORE-MASSACIUCCOLI PISA DELIBERAZIONE 23 aprile 2012, n. 32 245 della L.R. 1/2005 avviato con

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO MOBILITA', INFRASTRUTTURE VIARIE E RETI PROT. N. DEL

COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO MOBILITA', INFRASTRUTTURE VIARIE E RETI PROT. N. DEL COMUNE DI CAGLIARI Proposta di deliberazione del Consiglio OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI "ADEGUAMENTO VIA PERETTI E MESSA IN SICUREZZZA ACCESSO ALL'OSPEDALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1717 Prot. n. 241/17cdz VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Legge provinciale 4 agosto 2015, n. 15 - COMUNE DI PERGINE VALSUGANA - variante

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Gestione del Territorio. Ufficio Tecnico Edilizia Privata

COMUNE DI ZOGNO PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Gestione del Territorio. Ufficio Tecnico Edilizia Privata COMUNE DI ZOGNO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Gestione del Territorio Ufficio Tecnico Edilizia Privata PARERE MOTIVATO VAS DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (DOCUMENTI DI PIANO - RAPPORTO AMBIENTALE)

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente

CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente Direzione Ambiente Proposta n. 1283 del 2017 Oggetto: APPROVAZIONE AI FINI DELLA VAS DELLA REVISIONE

Dettagli

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COPIA Verbale di deliberazione CONSIGLIO COMUNALE Delibera n. 38 del 27/10/2016 Oggetto: PIANO DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE DEL CENTRO STORICO

Dettagli

L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore Generale Comunale vigente. Approvazione.

L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore Generale Comunale vigente. Approvazione. REGIONE PIEMONTE BU20 16/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 6 maggio 2013, n. 15-5752 L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di VIGUZZOLO (AL). Variante Generale al Piano Regolatore

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Tronto Il Segretario Generale

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Tronto Il Segretario Generale Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Tronto Il Segretario Generale DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE DELL AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO N. 11 del 30.07.2009 OGGETTO: Piano stralcio

Dettagli

A relazione dell'assessore Valmaggia:

A relazione dell'assessore Valmaggia: REGIONE PIEMONTE BU20 18/05/2017 Deliberazione della Giunta Regionale 8 maggio 2017, n. 61-5025 L.R. n. 56/77 e successive modificazioni. Comune di Pietra Marazzi (AL). Approvazione della Variante strutturale

Dettagli

Il Dirigente. Andrea Filippi

Il Dirigente. Andrea Filippi 220 23.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 43 Visto l art. 69 della L.R. 1/2005 di definizione delle procedure per l approvazione dei piani attuativi; Visto che la deliberazione è

Dettagli

Variante al Piano Comunale di Classificazione Acustica (PCCA). Esame osservazioni, controdeduzioni e approvazione definitiva.

Variante al Piano Comunale di Classificazione Acustica (PCCA). Esame osservazioni, controdeduzioni e approvazione definitiva. Variante al Piano Comunale di Classificazione Acustica (PCCA). Esame osservazioni, controdeduzioni e approvazione definitiva. IL CONSIGLIO COMUNALE, Premesso che: Il comune di Empoli è dotato del Piano

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 20/5/2014 N. prot VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 20/5/2014 N. prot VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 20/5/2014 N. prot. 1305 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 OGGETTO: ISTITUZIONE ORGANO TECNICO E UFFICIO DEPOSITO AI

Dettagli

COMUNE DI RAPOLANO TERME Provincia di Siena. DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALEa

COMUNE DI RAPOLANO TERME Provincia di Siena. DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALEa COMUNE DI RAPOLANO TERME Provincia di Siena DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALEa Seduta del 27/06/2017 ore 14:30 Presso il Palazzo Comunale di Rapolano Terme Sono presenti all appello iniziale della seduta

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 21 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 21 del 9496 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 21 del 3-3-2016 COMUNE DI MOLFETTA Procedura di non assoggettabilità a VAS. Il Responsabile del Procedimento Vista: - la Legge Regionale 14 dicembre

Dettagli

ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO. Numero 22 Del

ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO. Numero 22 Del DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Numero 22 Del 23-06-2014 OGGETTO: AGGIORNAMENTO PARZIALE DEL SECONDO PIANO DI GESTIONE DELLE TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO - CONTRODEDUZIONE ALLE OSSERVAZIONI PRESENTATE

Dettagli

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna C.C. NR. 18 DEL 1 MARZO 2017 OGGETTO: VARIANTE N. 5 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE). APPROVAZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MASERA DI PADOVA

COMUNE DI MASERA DI PADOVA COMUNE DI MASERA DI PADOVA Provincia di Padova Ufficio: U.T.EDIL.PRIVATA PROPOSTA DI DELIBERA DI GIUNTA DEL 15-05-14 N.82 Oggetto: P.U.A. C2/17 - APONENSE COSTRUZIONI S.R.L. - VARIANTE TIPOLOGIE EDILIZIE.

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA. Deliberazione n. Protocollo RC n. 1971/16 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA L anno duemilasedici, il giorno di giovedì trentuno del mese

Dettagli

Rilevato che: Preso atto che Rilevato che Osservato che Visto che

Rilevato che: Preso atto che Rilevato che Osservato che Visto che Oggetto: ADOZIONE DELLA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER LA REITERAZIONE DEL VINCOLO DI DESTINAZIONE AD ALLARGAMENTO DELLA VIABILITÀ PUBBLICA IN FRAZIONE BASATI SU VIA BASATI SULLE AREE INTERESSATE

Dettagli

COMUNE DI GIANO DELL'UMBRIA (Provincia di Perugia)

COMUNE DI GIANO DELL'UMBRIA (Provincia di Perugia) COMUNE DI GIANO DELL'UMBRIA (Provincia di Perugia) ORIGINALE CAP 06030 TEL. 0742/93191 - FAX 0742/90137 O C.F. P. IVA 00470070541 OGGETTO: VARIANTE TEMATICA AL PRG PARTE STRUTTURALE E PARTE OPERATIVA CONCERNENTE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE Oggetto: Perimetrazione del centro abitato ai sensi dell articolo 12 comma 2 num. 5bis della L.R. 56/77 e s.m.i.. - Nuova proposta 1 - Adozione. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la

Dettagli

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni Deliberazione della Giunta Regionale Piemonte 17/3/2003 n. 44-8734 Procedure per le espressioni di competenza sui progetti preliminari e definitivi previsti dalla Legge Obiettivo di competenza della Regione

Dettagli

PIANO DI RECUPERO PER PER RISTRUTTURAZIONE

PIANO DI RECUPERO PER PER RISTRUTTURAZIONE PIANO DI RECUPERO PER PER RISTRUTTURAZIONE E CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO AI FINI ABITATIVI DI EDIFICIO ESISTENTE (MAGAZZINO) C.S. MONTECCHIO, LOC. MANZANO CORTONA (AR) PROPRIETÀ: SOC. TENIMENTI LUIGI

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 141 OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA ALLA PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA Città metropolitana di TORINO

COMUNE DI VOLVERA Città metropolitana di TORINO COMUNE DI VOLVERA 10040 - Città metropolitana di TORINO V E R B A L E DI D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 9 del 16-03-2016 OGGETTO: "COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Via IV Novembre, 20090

COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Via IV Novembre, 20090 COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Via IV Novembre, 20090 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 242 del 11/11/2016 ORIGINALE OGGETTO: VARIANTE N.1 AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO:

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE AI SENSI DELL ART. 69 PIANO DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE COMPARTO TRR 14_1 BELVEDERE IN LOC. BELVEDERE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: APPROVAZIONE AI SENSI DELL ART. 69 PIANO DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE COMPARTO TRR 14_1 BELVEDERE IN LOC. BELVEDERE IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE AI SENSI DELL ART. 69 PIANO DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE COMPARTO TRR 14_1 BELVEDERE IN LOC. BELVEDERE PREMESSO che: IL CONSIGLIO COMUNALE Il Comune di San Gimignano è dotato

Dettagli

L autorità competente per la V.A.S.

L autorità competente per la V.A.S. DECRETO DI ESCLUSIONE DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (V.A.S.) IN MERITO ALLA VARIANTE AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DEL PARCO DELLA PINETA DI APPIANO GENTILE E TRADATE APPROVATO CON DGR

Dettagli

Rilevato che: Preso atto che Rilevato che Osservato che Visto che

Rilevato che: Preso atto che Rilevato che Osservato che Visto che Oggetto: APPROVAZIONE DELLA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER LA REITERAZIONE DEL VINCOLO DI DESTINAZIONE AD ALLARGAMENTO DELLA VIABILITÀ PUBBLICA IN FRAZIONE BASATI SU VIA BASATI SULLE AREE INTERESSATE

Dettagli

COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA

COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 97 del 14-10-2015 Oggetto: AVVIO DI PROCEDIMENTO DI REDAZIONE DEL PIANO URBANO GENERALE DEI SERVIZI NEL

Dettagli

Comune di Isola del Giglio

Comune di Isola del Giglio ORIGINALE Comune di Isola del Giglio Provincia di Grosseto Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 46 DEL 29-07-2016 OGGETTO: PIANO REGOLATORE GENERALE (PRG) VARIANTE SEMPLIFICATA PER SISTEMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VILLAVERLA

COMUNE DI VILLAVERLA COMUNE DI VILLAVERLA Provincia di Vicenza Proposta di deliberazione di Giunta Comunale N 11EDI/2014 del 27/11/2014 Oggetto:.APPROVAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE DENOMINATO "C2/15 - VIA ROARE"

Dettagli

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica Comune di Empoli Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica PIANO DI LOTTIZZAZIONE INDUSTRIALE IN ATTUAZIONE DELLA SCHEDA NORMA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO (PUA 12.3) SITO IN LOCALITÀ TERRAFINO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI IANO ROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 45 del 11/07/2016 OGGETTO: AROVAZIONE VARIANTE AL R.U.E. N. 5/2016 ER MODIFICHE NORMATIVE E CARTOGRAFICHE (AI SENSI

Dettagli

DA VALUTAZIONE INTEGRATA VAS redatta da: Arch. Marinella Giannini,Ing. Natascia Volpi

DA VALUTAZIONE INTEGRATA VAS redatta da: Arch. Marinella Giannini,Ing. Natascia Volpi REGOLAMENTO URBANISTICO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA ai sensi e del D. LGS 152/06 PARERE MOTIVATO Il Responsabile del Procedimento Ing. Marica BRUNI DA VALUTAZIONE INTEGRATA VAS redatta da: Arch.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE IL CONSIGLIO REGIONALE Allegato 1 Visto il decreto legislativo del 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale e in particolare l art. 199 Piani regionali ; Vista la legge regionale 18 maggio 1998

Dettagli

Provincia di Bergamo. Codice Ente 10045

Provincia di Bergamo. Codice Ente 10045 Ente Numero Data COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo Codice Ente 10045 29 20/11/2013 Oggetto: PERMESSO DI COSTRUIRE IN VARIANTE AL P.G.T. AI SENSI DELL'ART. 8 DEL D.P.R. N.160/2010 PER REALIZZAZIONE

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 DEL

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N.4 Oggetto: Comune di Assemini Aggiornamento Studio compatibilità idraulica ai sensi dell art. 8 comma 2 delle Norme di Attuazione del P.A.I. - Recepimento cartografico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO NR.30 SEDUTA DEL

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO NR.30 SEDUTA DEL COMUNE DI CANTAGALLO Provincia di Prato VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO NR.30 SEDUTA DEL 26.09.2017 OGGETTO:ADOZIONE DI VARIANTE SEMPLIFICATA AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER IL RECUPERO

Dettagli

Provincia di Lecco. 1. Efficacia del PTCP: valutazione della compatibilità degli strumenti urbanistici comunali e relative competenze di approvazione

Provincia di Lecco. 1. Efficacia del PTCP: valutazione della compatibilità degli strumenti urbanistici comunali e relative competenze di approvazione CIRCOLARE Provincia di Lecco Espressione del parere di compatibilità sugli strumenti urbanistici comunali. Definizione delle procedure e degli adempimenti. Individuazione della documentazione tecnico amministrativa

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: L.R. n. 1 del 03.01.2005 art. 15 e successivi - viabilità nord-est - variante parziale al Regolamento Urbanistico a seguito delle modifiche del tracciato definite dal progetto preliminare APPROVAZIONE

Dettagli

Comune di CHIUSI DELLA VERNA

Comune di CHIUSI DELLA VERNA Comune di CHIUSI DELLA VERNA Provincia di Arezzo ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 2 del 27-02-2016 OGGETTO: Approvazione Variante n. 5 al Regolamento Urbanistico Operativo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Urbanistica

REPUBBLICA ITALIANA. REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Urbanistica D.A. n. 425/Gab del 31 Ottobre 2017 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Urbanistica L AUTORITA COMPETENTE VISTO lo Statuto della Regione

Dettagli

COMUNE DI SCANSANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI SCANSANO PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 103 del 09-12-2016 ORIGINALE Oggetto: Avvio del procedimento di formazione della Variante al Piano Operativo di integrazione delle Norme Tecniche

Dettagli

COMUNE DI LODI. Delibera N. 77 del 28/05/2013

COMUNE DI LODI. Delibera N. 77 del 28/05/2013 COMUNE DI LODI Cod. 11014 Delibera N. 77 del 28/05/2013 OGGETTO: ADOZIONE VARIANTE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (PGT) RELATIVA AL PIANO DELLE REGOLE ED AL PIANO DEI SERVIZI AI SENSI DELL'ART.13 DELLA

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Variante per il territorio rurale

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Variante per il territorio rurale Dipartimento dello Sviluppo U.O. Pianificazione Urbanistica e SIT PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Variante per il territorio rurale CERTIFICAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ( ai

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di Montecatini Terme ha approvato con atto C.C. n. 60 del 21 Giugno 2012 la prima variante al Piano Strutturale e con atto C.C. n. 17 del 28 Febbraio 2013

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL

PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL Ufficio: TECNICO PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 07-11-2016 Oggetto: ADOZIONE VARIANTE N. 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNALE AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE 23/04/2004

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 76 del 22/12/2008 C O P I A OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO AI SENSI DELLA L.R. 20/2000 ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N.39 DEL 28/07/2008

Dettagli

COMUNE DI SILEA PROVINCIA TREVISO

COMUNE DI SILEA PROVINCIA TREVISO COPIA Deliberazione N. 14 in data 11/04/2013 COMUNE DI SILEA PROVINCIA TREVISO -------------------- Esame ed approvazione Variante parziale al PRG denominata Q. Localizzazione opera pubblica: pista ciclopedonale

Dettagli

COMUNE DI BIENTINA PROVINCIA DI PISA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione-seduta Pubblica

COMUNE DI BIENTINA PROVINCIA DI PISA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione-seduta Pubblica ORIGINALE Imm. Eseguibile Iter Ordinario Deliberazione n 26 in data 28/03/2017 COMUNE DI BIENTINA PROVINCIA DI PISA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione-seduta

Dettagli

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Volterra Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 82 del 15/05/2012 OGGETTO: Variante gestionale al vigente Regolamento Urbanistico. Avvio del procedimento ai sensi

Dettagli

PRESENTI : 13 ASSENTI: Fabbri - Tiberi - Biagioni - Nelli - Il Sindaco presenta il punto all odg. Sono pervenute osservazioni da Provincia e privati c

PRESENTI : 13 ASSENTI: Fabbri - Tiberi - Biagioni - Nelli - Il Sindaco presenta il punto all odg. Sono pervenute osservazioni da Provincia e privati c COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 18 DEL 21/05/2005 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO: L anno duemilacinque, il

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI

COMUNE DI POGGIBONSI COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: VARIANTE SEMPLIFICATA 2014\2015 AL REGOLAMENTO URBANISTICO ARTT. 228, 30 E 32 DELLA L.R. N. 65\2014 - RAPPORTO AMBIENTALE

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 77 del 12/10/2017 OGGETTO: ART. 22 L.R. 69/2011. PROGETTO DEFINITIVO DENOMINATO NUOVO SOLLEVAMENTO FOGNARIO VIA CACCINI - FIRENZE APPROVAZIONE CON CONTESTUALE VARIANTE

Dettagli

Comune di Volterra Provincia di Pisa

Comune di Volterra Provincia di Pisa Comune di Volterra Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 175 del 28/09/2010 OGGETTO: Piano Attuativo ATPA 10 denominato Poggio alle Croci. Avvio del procedimento ai sensi della

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI ROCCA DE GIORGI PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 2 Data 23/02/2017 R.P. n. 9 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: adozione reticolo idrico minore. L'anno duemiladiciassette

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N 7 OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 13 DELLA LEGGE REGIONALE 11 MARZO 2005 N. 12 E S.M.I., DELLA VARIANTE DI AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DI FATTIBILITÀ DELLA COMPONENTE GEOLOGICA DI PIANO (PGT),

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 15

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 15 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 15 OGGETTO: Adozione definitiva della variante al piano urbanistico, ai sensi dell art. 20 della L.R. n. 45 del 22.12.1989, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Comune di Piazza al Serchio Provincia di Lucca

Comune di Piazza al Serchio Provincia di Lucca COPIA Comune di Piazza al Serchio Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO N. 33 DEL 29.11.2010 OGGETTO: APPROVAZIONE VARIANTE AL VIGENTE P.R.G.C. PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI INTERESSE

Dettagli

COMUNE DI TREQUANDA Provincia di Siena

COMUNE DI TREQUANDA Provincia di Siena COMUNE DI TREQUANDA Provincia di Siena DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI SETTORE Area Edilizia Privata Responsabile: Cortonesi Luca n 2 del 17-02-2016 Oggetto: Formazione della variante normativa al Regolamento

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AREA: Politiche del Territorio PROGETTO: Interventi riqualificazione urbana N Prop. Del. N Reg. Dir. Fascicolo VI.2/F0075-08 Alla Giunta Comunale Sede (per l inoltro al Consiglio Comunale) OGGETTO: Ratifica

Dettagli

COMUNE DI ALBANO S.ALESSANDRO PROVINCIA DI BERGAMO CODICE Comune 10003

COMUNE DI ALBANO S.ALESSANDRO PROVINCIA DI BERGAMO CODICE Comune 10003 Copia conforme all ORIGINALE Deliberazione n. 131 Trasmessa ai capigruppo in data 11/12/2014 COMUNE DI ALBANO S.ALESSANDRO PROVINCIA DI BERGAMO CODICE Comune 10003 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

O R I G I N A L E DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

O R I G I N A L E DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O R I G I N A L E DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 17 Del 070414 Oggetto: L.R. 1/2005 VARIANTE n. 4 AL REGOLAMENTO URBA= NISTICO COMUNALE ADOZIONE L'anno duemilaquattordici il giorno sette del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 IN DATA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 IN DATA COMUNE DI CAPPELLA DE' PICENARDI Provincia di Cremona COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 IN DATA 25.01.2016 OGGETTO: ADOZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2016-2018 L'anno

Dettagli

VARIANTE 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI AI SENSI DELL ART. 18 COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 11/2004. APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

VARIANTE 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI AI SENSI DELL ART. 18 COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 11/2004. APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE 18/11/2014 VARIANTE 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI AI SENSI DELL ART. 18 COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 11/2004. APPROVAZIONE. Il Presidente cede la parola al Consigliere Callegaro, Assessore all Urbanistica,

Dettagli