Prot. 14 Copparo, lì 12/01/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. 14 Copparo, lì 12/01/2013"

Transcript

1 Via Roma Copparo (FE) tel / fax 0532/ Prot. 14 Copparo, lì 12/01/2013 OGGETTO: Consuntivo Manutenzione strade, segnaletica e sfalci al 31/12/2012. Spett.le Comune di Copparo Via Roma, Copparo (FE) Alla C.A. Sig. Sindaco Assessore Pelati Sandro Dirigente Area Tecnica Facendo riferimento agli obiettivi desunti dalla progettazione del servizio di manutenzione strade e segnaletica per il 2012, sono a stendere il consuuntivo annuale dell attività svolta dalla Società Patrimonio Copparo. I limiti operativi delineati dalle analisi di progettazione, indicano per ogni attività manutentiva, le seguenti quantità di lavoro razionalmente sostenibili: 1) Controllo e Manutenzione Strade asfaltate: cicli di 23,58 giorni con costi annuali previsti di circa ,00, con un impegno annuale di 566 ore; 2) Manutenzione dei manti delle strade bianche: macinatura di 90 km con costi interni previsti di ,00, con un impegno di 300,00 ore; 3) Manutenzione degli scoli stradali: tagli su 104 km con costi interni previsti di 4.680,00 4) Manutenzione segnaletica orizzontale: Stop, precedenze, pedonali, simbologie per 3.600,00 mq e linee stradali di bordo e centrali per 75 km con costi interni complessivi previsti di ,12 5) Manutenzione segnaletica Verticale: 562 interventi con costi interni previsti di ,00 6) Manutenzione dei cigli stradali: sfalci per complessivi 2.132,68 km con costi interni previsti di ,85 7) Frane ed imprevisti non risultano pianificabili ma verificabili a consuntivo. Per questi interventi sono a disposizione ,00; C Consuntivo 2012 manutenzione strade, segnaletica, sfalci.doc

2 Pur rimanendo in capo a Patrimonio Copparo S.r.l. i servizi di manutenzione arredo urbano e manutenzione parchi, non sono stati inseriti tra gli obiettivi aziendali, in quanto le attività risultano prive di risorse. PRODUZIONI Le attività sotto illustrate sono state svolte da n. 2 operatori regolarmente in forza alla società Patrimonio e da n. 2 operatori avventizi assunti per un periodo di 6 mesi, in ausilio al personale per lo sfalcio dei cigli stradali. Nei primi mesi dell anno le attività manutentive programmate sono state condizionate dalle cattive condizioni metereologiche che hanno completamente distolto il personale dalle abituali lavorazioni tra fine gennaio e metà febbraio. Dal mese di marzo le manutanzioni hanno potuto riprendere con le cadenze consuete. Il 10 di Ottobre un guasto importante al trattore Lamborghini, ha di fatto interrotto l attività di sfalcio dei cigli stradali, comportando nonstante la parziale ripresa a fine novembre, il mancato raggiungimento degli obiettivi. In attesa di un pronunciamento da parte degli uffici dell Amministrazione, la Società Patrimonio Copparo S.r.l., nei limiti delle proprie risorse, estende le attività di manutenzione ordinarie su tutte le strade Vicinali di uso pubblico del territorio comunale. Manutenzione dei manti bituminosi e delle strade bianche Manutenzione dei manti bituminosi Sulla scorta delle verifiche di produzione del personale di PATRIMONIO COPPARO S.r.l., nel corso dell anno si sono riscontrati 106 interventi che hanno individuato cicli di controllo medi di 19,93 gg, (valore sensibilmente inferiore a 23,58 previsto in sede di progettazione). Le velocità medie di manutenzione risultano di circa 6.00 km / h. 2

3 Nel grafico si evidenzia l andamento della velocità media di manutenzione L analisi fattoriale delle velocità medie individua la velocità comresa tra 4 e 5 km/ora è stata la più frequente. 3

4 Dal grafico sopra (ottenuto distribuendo la produzione programmata sul numero degli interventi effettivamente effettuati nel 2012) si può vedere la maggiore quantità di strade controllate rispetto al previsto. 4

5 Dal grafico (ottenuto distribuendo la produzione programmata sul numero degli interventi effettivamente effettuati nel 2012) si evidenzia la coincidenza tra quanto progettato e quanto realizzato. Dal grafico si evidenziano le frequenze nei controlli stradali dal

6 La spesa (maggiorata di un 10% per le spese generali) risulta leggermente inferiore alle previsioni. Manutenzione strade bianche Le condizioni climatiche riscontrate durante il periodo delle lavorazioni, non hanno consentito di portare all obiettivo l attività. La limitata piovosità del periodo autunno-invernale ed in parte della primavera 2012, hanno portato ad uno scarso deterioramento dei manti stradali delle strade bianche, tale di mantenere per la gran parte delle strade, un livello di sicurezza accettabile. Ciò ha consentito di limitare gli interventi alle sole strade effettivamente deteriorate. Contestualmente il ritardo nell approvazione del bilancio aziendale 2012, ha reso di fatto indisponibili le forniture di ghiaia per le ricariche, con forti risparmi sui costi previsti. Nel complesso gli interventi eseguiti sono stati 45, distribuiti su 40 giorni lavorativi, equivalenti a circa 64 Km di strade (72% dell obiettivo). 6

7 Il grafico evidenzia la quantità di strada trattata tra ottobre Ottobre 2011 Giugno 2012 La combinazione delle condizioni soppracitate ha comportato pertanto un minore impegno del personale, consentendo di risparmiare circa 68,50 ore lavorative, che sono state assorbite in gran parte dal servizio di sgombero neve nel febbraio A causa del grave guasto occorso al trattore Lamborghini, l attività ha potuto iniziare solo il 21/11/2012 e successivamente per le cattive condizioni metereologiche, essa è stata sospesa il 19/12/2012. Al 30/12/2012 risultano eseguite solo il 9% delle manutenzioni. Si rimanda al prossimo report per le indicazioni produttive. 7

8 Il grafico sottostante individua la media delle velocità riscontrata, rapportata alla velocità prevista in ambito progettuale. Nonostante la lavorazione non abbia raggiunto gli obiettivi che ci eravamo proposti, la velocità media risulta essere allineata con quanto previsto in sede progettuale. 8

9 Per i motivi sopraesposti la spesa risulta inferiore alle previsioni. Contestualmente si sono riportati i costi potenziali che si sarebbero sostenuti ad esternalizzare il servizio a prezzi di mercato. 9

10 Scoli stradali Le condizioni riscontrate durante il periodo individuato per l esecuzione del lavoro, non hanno permesso di arrivare all obiettivo. Infatti la scarsa piovosità che ha dapprima ridotto la necessità di interventi e l impegno straordinario per lo sgombero neve poi, hanno limitato fortemente l impegno del personale verso questa attività. Dal 26/10/2011 al 30/06/2012 risultano eseguiti sbocchetti per soli Km, contro 106 Km previsti. Il grafico sottostante individua le quantità. Il mancato raggiungimento dell obiettivo ha comportato un risparmio di 134 ore, assorbite ampiamente da servizio di sgombero neve durante il mese di Febbraio Nonostante la parzialità delle opere, le velocità medie riscontrate durante le lavorazioni, risultano di poco superiori a quanto programmato. 10

11 I costi risultano allineati alle previsioni. L attività è iniziata il 29/10/2012. Al 30/12/2012 risultano interessate il 17% delle delle strade. Le produzioni sono evidenziate nel grafico sottostante. 11

12 Segnaletica Orizzontale Superfici Come ogni anno si precisa che le forze in campo consentono di effettuare solo una parte di segnaletica orizzontale essenziale. Salvo ordini diversi, la società Patrimonio Copparo s.r.l. esegue il ripristino di stop, precedenze, pedonali e linee di bordo e centro strada, trascurando la gran parte delle linee di bordo strada, gli stalli di sosta auto e gli stalli riservati. Per ragioni legate sia al ritardo nell assunzione di personale avventizio, sia alle mancanza delle condizioni climatiche necessarie, la manutenzione della segnaletica orizzontale è iniziata il 14/06/2012. Al 30/09/2012 sono stati eseguiti stop, precedenze e pedonali per circa 3974 mq; questo valore supera l obiettivo di circa 400 mq. 12

13 Le produzioni medie sono state di circa 17 mq / ora, valore unitario superiore a quanto programmato. Questo è dovuto all esperienza acquisita negli anni del personale in forza ed alla qualità del personale avventizio che si alterna nelle lavorazioni. L impegno orario profuso è sostanzialmente in linea con quanto previsto in sede progettuale, sia in modalità di esecuzione, sia in quantità. 13

14 Nonostante il buon risultato raggiunto le lavorazioni eseguite coprono circa il 62% del totale. Linee longitudinali L esecuzione delle linee longitudinali di si è conclusa il 18/10/2012. Sono stati eseguiti circa 86,5 km di linee di bordo. L impegno orario per la lavorazione finora registrato evidenzia un sostanziale allineamento con i valori emersi dalla progettazione. 14

15 ora. Le produzioni orarie registrate risultano di 746 m /ora, sensibilmente migliori alle previsione di 652 m / 15

16 I costi sono leggermente superiori alle previsioni. Questo è in parte dovuto alle maggiori produzioni riscontrate per le superfici di stop, precedenze, pedonali ed in parte alla maggiori quantità di vernice distesa per le linee, resasi necessaria a causa della scarsa qualità del fondo stradale. Contestualmente si evidenzia che il costo per esternalizzazione è maggiore solo in occasione della realizzazione delle linee stradali, mentre risulta allineato o leggermente inferiore in occasione della produzione delle superfici (stop, precedenze, pedonali). Segnaletica Verticale Ripristini e nuove installazioni Segnaletica Verticale. 16

17 Nel corso del 2012 sono stati effettuati n interventi di posa e ripristino di cartelli stradali. Essi sono suddivisi in: 219 nuove installazioni, 201 ripristini, 599 sostituzioni di cartelli ammalorati e 105 interventi vari sulla segnaletica verticale. Al 31/12/2012 risultano catalogati 5030 segnali stradali dei quali ancora 782 da sostituire perchè scaduti o rovinati. Dal grafico si evince che l attività svolta supera quanto programmato; questo grazie al miglioramento dei tempi medi per intervento. Essi risultano essere circa 46 minuti, contro i 60 minuti preventivati. L analisi fattoriale dei tempi di intervento indica che i tempi unitari rilevati con maggior frequenza solo tra 0.40 e 0.50 ore. 17

18 Anche i costi, sono sensibilmente inferiori a quanto previsto. Contestualmente sono riportati i costi che si sarebbero sostenuti ad esternalizzare la quantità di lavoro svolto dalla Società Patrimonio Copparo. 18

19 Prestazioni non programmate Per esigenze contingenti sono stati eseguiti alcuni servizi non programmati, quali: - Interventi antighiaccio e per lo sgombero neve nel periodo Gennaio Febbraio; - Interventi vari su aree verdi di proprietà Comunale (piantumazione alberatura); - Assistenza nella realizzazione dei nuovi impianti di condizionamento - Interventi su arredo urbano - Smontaggio scaffalature magazzino - Ripistini di banchine stradali in seguito ad incidenti, abbattimenti o caduta alberi, - Segnalazione frane - Trasloco magazzino - Trasporto mezzi agricoli museo Queste attività hanno sottratto circa giorni lavorativi alle attività programmate. Sfalcio Cicgli stradali e sfalcio grandi aree. L approvazione del bilancio sociale avvenuto solamente nel mese di Aprile, ha comportao uno ritardo nell assunzione di due avventizi da dedicare all attività. Ciononostante il servizio è iniziato in modo discontinuo il 18/04/2012. Esso ha potuto procedere in modo continuato solamente dal 14/05/2012. Il terzo ciclo è iniziato il 30 settembre. Il primo ciclo di sfalcio è stato effettuato sulla sola banchina stradale e dove la presenza di curve comportasse situazioni di scarsa visibilità, si è proceduto allo sfalcio di parte della scarpata stradale. Esso è iniziato il 18/04/2012 ed è terminato il 12/06/2012 con 13 giorni di ritardo sul programmato. 19

20 Preme sottolineare che pur in ritardo sulla tabella di marcia, la quantità di cigli sfalciati risulta il 16% in più rispetto a quanto programmato (circa 72 km), confermando ancora una volta lo spirito della Società Patrimonio nel fornire un servizio e non una sterile prestazione. Le velocità medie di sfalcio sono state di 2,83 km/ora. Questo è in parte spiegabile con l aver affrontato erba già molto alta e dura tale da costringere l operatore a rallentare ed a ripassare nei tratti maggiormente pericolosi. Le manutenzioni ordinarie e straordinarie del trattore e della fresa sono state di 49,50 ore. Il secondo ciclo è iniziato il 18/06/2012 ed è terminato il 05/09/2012. Esso ha interessato lo sfalcio della banchina stradale e scarpata fosso, comportando 4 passaggi su ogni metro di strada. Le velocità medie di sfalcio riscontrate sono state di circa 3.23 km/ora, leggermente superiori a quanto preventivato (3,02 km/ora). Anche per il secondo ciclo sono stati sfalciati circa 33 km in più rispetto alle quantità previste; questo dovuto agli interventi effettuati sulle siepi laterali ad alcune strade. Esso si è concluso con circa 16 gg lavortativi di ritardo sui tempi previsti. Il tempo dedicato alla manutenzione ordinaria e straordinaria del trattore e della fresa è stato di 32,00 ore. Il terzo ciclo è iniziato il 06/09/2012 e si è interrotto il 10/10/2012 a causa di un importante guasto al trattore Lamborghini. Questo ha comportato il mancato raggiungimento dell obiettivo annuale. Complessivamente nel 2012 sono stati sfalciati circa ,00 metri di cigli, anziché , corrispondenti a circa 90% di quanto previsto. I grafici sottostanti mettono in evidenza l andamento delle produzioni cumulative e le produzioni per ogni ciclo. Il calo nelle lavorazioni evidenziato in agosto è stato causato dal dirottamento del personale al servizio di segnaletica orizzontale. 20

21 21

22 L impegno orario ricalca l andamento delle produzioni. 22

23 Le velocità medie rilevate sono del tutto allineate con quanto programmato in sede di progettazione. 23

24 I costi sostenuti (maggiorati del 10% per spese generali) risultano inferiori alle previsioni. I costi per esternalizzazione del servizio sono stati calcolati con prezzi unitari ricavati dal mercato e confermano l estrema convenienza nell eseguire internamente questo servizio. Lo sfalcio delle grandi aree (lavoro esternalizzato per intero) è stato svolto per n.3 cicli ed ha interessato complessivamente mq di superfici, pari a circa il 76% del previsto. Le condizioni climatiche estive particolarmente siccitose, hanno consentito di risparmiare qualche sfalcio sui quelli previsti. Frane ed imprevisti Durante il mese di luglio a causa del forte traffico pesante legato a lavori delle centrali biogas nel comune di Ro, si sono verificati profondi cedimenti di un tratto di Via Guarda, che costituivano un grave pericolo alla circolazione stradale. E stato pertanto predisposto un ripristino urgente con asfalto modificato per un importo di euro 7.600,00. In settembre si è riscontrata la necessità di intervenire con la riparazione di un sottopasso in Via Valle per un importo di euro 1.700,00. CONSIDERAZIONI Relativamente agli obiettivi aziendali, il metodo intrapreso si conferma un buon canovaccio per tenere sotto controllo tutta la manutenzione delle strade, mantenendo lo svolgimento del servizio il più aderente possibile a quanto previsto o registrando le condizioni che portano alla variazione delle produzioni. Ad esempio per la manutenzione delle strade bianche, le variabili climatiche hanno portato a decidere in corsa qualche cosa di diverso da quanto previsto. Così come il prolungato evento nevoso di 24

25 gennaio-febbraio, così come lo slittamento dell assunzione di due avventizi, hanno portato ad accumulare ritardi sulle attività programmate. Il metodo comunque rimane importante in quanto anche il mancato raggiungimento dell obiettivo per cause non imputabili ad una scarsa produttività, è comunque registrato per il rendicontamento. Preme comunque ribadire che le limitate risorse consentono di svolgere ogni servizio solo in parte, consentendo risultati che seppur buoni, risulteranno sempre insufficienti e poco percettibili ai non addetti ai lavori. Segnalo inoltre che la manutenzione ordinaria così come strutturata, se non è supportata da una consistente attività straordinaria, è destinata a diventare ancora più insufficiente, in quanto il rapido deterioramento dei manti, renderà necessario un maggior impegno, sottraendo tempo alle altre attività, con un conseguente abbassamento qualitativo di tutti gli obiettivi su nuovi valori sostenibili. Un ultima considerazione va all operato del personale in forza alla Società Patrimonio Copparo (assunto ed avventizio), che con il suo comportamento si è dimostrato affidabile e partecipe allo spirito di squadra, consentendo in molti casi il miglioramento delle lavorazioni. Il Responsabile della Manutenzione Strade e Segnaletica (Dr. Alessandro Cirelli) 25

STUDIO DI UN METODO PER LA PROGETTAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLE STRADE DEL COMUNE DI COPPARO ANNO 2015

STUDIO DI UN METODO PER LA PROGETTAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLE STRADE DEL COMUNE DI COPPARO ANNO 2015 STUDIO DI UN METODO PER LA PROGETTAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLE STRADE DEL COMUNE DI COPPARO ANNO 2015 Scopo di questa progettazione è l individuazione di quantità di lavoro definite e sostenibili

Dettagli

DOSSIER STRADE. SP 18/a Sacrofano Cassia ELENCO STRADE :

DOSSIER STRADE. SP 18/a Sacrofano Cassia ELENCO STRADE : DOSSIER STRADE Dossier a cura della Giovane Italia di Campagnano di Roma, del Movimento RinnovAzione Campagnano e del Comitato Strade Romanord con elenco dei principali problemi rilevati : ELENCO STRADE

Dettagli

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI Miglioramento del Parco di Via Magenta. Chiesto un tavolo con panca. Risposta Assessore ai Lavori Pubblici. Entro febbraio ottenuta la messa in opera. 1 Segnalazione di buche in numerose vie del Quartiere

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO (ACCORDO QUADRO)

PROGETTO DEFINITIVO (ACCORDO QUADRO) P R O V I N C I A D I B A R I SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E TERRITORIO SETTORE VIABILITA PROGETTO DEFINITIVO (ACCORDO QUADRO) PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE FINALIZZATI A MIGLIORARE LA SICUREZZA

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, n. 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473 Fax 0573/81427 @mail info@comune.lamporecchio.pt.it Area Tecnica Lavori Pubblici REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE DELIBERAZIONE n 72 del 05/07/2010 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: PRESA D'ATTO DELL'APPROVAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE FOGNATURA NERA IN VIA

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud.

53 milioni di Euro. il Parcheggio di Acilia Nord, 550 mila Euro. Acilia sud. Gent.mo sig. Mazzanti, la stazione di Tor di Valle non è certo abbandonata a se stessa come non lo è l intera tratta Roma Lido. Lo dimostrano i provvedimenti che il nostro Assessorato alla Mobilità ha

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA SOSTA A PAGAMENTO (STRISCE BLU) Secondo rapporto al Comune di Roma

MONITORAGGIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA SOSTA A PAGAMENTO (STRISCE BLU) Secondo rapporto al Comune di Roma MONITORAGGIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA SOSTA A PAGAMENTO (STRISCE BLU) Secondo rapporto al Comune di Roma Novembre 2003 L AGENZIA PER IL CONTROLLO E LA QUALITÀ DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI DEL COMUNE

Dettagli

PISTE MONODIREZIONALI SU AMBO I LATI DELLA STRADA

PISTE MONODIREZIONALI SU AMBO I LATI DELLA STRADA PISTE MONODIREZIONALI SU AMBO I LATI DELLA STRADA A pari livello della carreggiata, separate dal flusso viario da segnaletica orizzontale e verticale dei costi al m (strisce, scritte, simboli) mq 5,99

Dettagli

SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE. Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 -

SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE. Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 - PROVINCIA DI LECCO SETTORE VIABILITA e PROTEZIONE CIVILE Manutenzione straordinaria dei cigli di valle dei Circondari n. 1 Lecco e n. 7 Valle San Martino - Anno 2009 - RELAZIONE TECNICA PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA LAVORI URGENTI DI RICOSTRUZIONE DI UN TRATTO DI MURO AD ALTO RISCHIO CROLLO SULLA S.P. 41 TAVOLA

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Proposta di Piano Industriale 2015

Proposta di Piano Industriale 2015 Proposta di Piano Industriale 2015 1 SERVIZI E INVESTIMENTI 2 Strade, segnaletica e sfalci - piano gestione ordinaria Costi per materiali Imponibile iva inclusa Asfalto freddo 8.449,08 10.307,88 Vernice

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 Settembre 2013 INDICE 1 Premessa... 3 1.1 Le

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Realizzazione tratto di pista ciclo-pedonale e parcheggio di interscambio con la stazione ferroviaria. INDICE 1.0 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 1.1 MANUTENZIONE DELL AREA

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013 COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO PROVINCIA DI MILANO PIANO DEGLI OBIETTIVI ANNO 2013 ANNO PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2013 N. 1 Titolo: Taglio erba e manutenzione del verde comunale Tipo : risparmio quantità

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO

RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO RELAZIONE SUL TRASPORTO PUBBLICO DEL COMUNE DI BORNO La mobilità fa capo all unica strada importante che interessa Borno: la S.P. 5 Malegno Borno Confine Bergamasco che, attraversando il territorio comunale

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN SEDI STRADALI E AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di C.C. n. 27 del 27/04/2010 1 I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Competenze Art.

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE PROGETTO... 3 3. MANUALE D USO... 4 4. IL MANUALE DI MANUTENZIONE... 4 5. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 4 5.1. LE STRATEGIE MANUTENTIVE...

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Piano di manutenzione dell opera

Piano di manutenzione dell opera Piano di manutenzione dell opera I INDICE 1 NOTE D USO DEL PIANO... 1 1.1 NOTE GENERALI... 1 1.2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PROGETTO... 2 1.3 CATEGORIE D OPERA E UNITA TECNOLOGICHE... 3 1.4 GRADO

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20

Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20 Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20 PREMESSA L intervento in parola si riferisce al restauro, consolidamento strutturale e riuso di tre piccoli manufatti già usati per Seccatoi a servizio della marroneta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler ATTUAZIONE PIANO NAZIONALE SICUREZZA STRADALE: condizioni

Dettagli

Art. 1 Descrizione dei servizi

Art. 1 Descrizione dei servizi Spett. Società Coop. Sociale FUTURA Via Redipuglia snc 20010 Bareggio (MI) Invio mezzo fax al n. 02.90.27.87.84 Pero, 14.06 2013 Protocollo n. 8601/2013 Oggetto: richiesta presentazione di progetto, finalizzata

Dettagli

RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825

RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825 RAP S.p.A. Risorse Ambiente Palermo P.tta Benedetto Cairoli 90123 Palermo C.F./P.IVA 06232420825 Codifica documento Commessa L0210 Titolo progetto COPERTURA SUPERFICIALE PROVVISORIA DEL 1 SETTORE DELLA

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA MANUALE DI MANUTENZIONE DELL OPERA Comune di Quarrata Provincia di Pistoia Oggetto: SR 66 Interventi di messa in sicurezza nel Comune di Quarrata I dieci interventi che

Dettagli

Segnaletica Stradale Verde e Arredo Urbano Pubblicità Parcheggi Depositeria Soccorso Stradale

Segnaletica Stradale Verde e Arredo Urbano Pubblicità Parcheggi Depositeria Soccorso Stradale Segnaletica Stradale Verde e Arredo Urbano Pubblicità Parcheggi Depositeria Soccorso Stradale 2 3 SCAF S.c.a r.l. è una storica società cooperativa fiorentina, nata nel 1966 che, nella sua costante evoluzione

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE. estate 2014_verso il cantiere

01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE. estate 2014_verso il cantiere 01 - COMUNE DI ROMA/ V MUNICIPIO/ quartiere Pigneto ISOLA PEDONALE estate 2014_verso il cantiere 02 - STRATEGIE PROGETTUALI_logiche generali LE DIREZIONI DEL PROGETTO 1 Allineamenti 2 Disposizione pavimentazione

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

! 00/ /) ./! /"00 /)

! 00/ /) ./! /00 /) ! 00/ /)./! /"00 /) //)!""#$ &'(')* +%!!"#&$#'!)&*%&%+&, ## (((((((((((((((((((((((((((((( .##. //33 Premessa Le informazioni contenute nel presente documento sono d'estrema importanza per effettuare in

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA

PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Comune di Argenta Provincia di Ferrara PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI ARGENTA Il Sindaco: Dott. Antonio Fiorentini Gruppo di lavoro Polizia Municipale Allertamento, Associazionismo Comandante

Dettagli

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti 1 Parte Le circostanze della catastrofe a) il tunnel del Monte Bianco nel 1999 b) consegne di sicurezza e regolamento di circolazione c) organizzazione della sicurezza

Dettagli

Quesito 1. Risposta 1. a) le società in A.T.I. con i seguenti requisiti possono partecipare?

Quesito 1. Risposta 1. a) le società in A.T.I. con i seguenti requisiti possono partecipare? Quesito 1 a) le società in A.T.I. con i seguenti requisiti possono partecipare? Società Requisiti Società Capogruppo nell ultimo triennio (2006/2007/2008) in ciascuno degli anni almeno un fatturato pari

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso Denominazione sede legale Dom_Data_ Protocollo Dom_ Nume ro_pro tocoll o So gg Be nl eg _P ro v Prog_Titolo Prog_Descrizione Pro g_d urat a P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li Prog_Preven tivototalea

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

2. Programma di manutenzione 2.1 Sottoprogramma dei controlli 2.2 Sottoprogramma degli interventi di manutenzione

2. Programma di manutenzione 2.1 Sottoprogramma dei controlli 2.2 Sottoprogramma degli interventi di manutenzione Indice 1. Introduzione al piano ed anagrafica dell opera 1.1 Relazione introduttiva 1.2 Dati dell opera 1.3 Soggetti 1.4 Numeri Utili 2. Programma di manutenzione 2.1 Sottoprogramma dei controlli 2.2 Sottoprogramma

Dettagli

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA)

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO PER IMMOBILI IN CORSO DI ACQUISIZIONE CON PROCEDURA DI ESPROPRIO ATTUALMENTE CUSTODITI DAL TRIBUNALE

Dettagli

C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR)

C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR) C O M U N E D I B A R A D I L I PROVINCIA DI ORISTANO Via Vittorio Emanuele, 5 09090 Baradili (OR) Tel 0783 95095 Sito internet www.comune.baradili.or.it Fax 0783 95355 Cod.Fisc. 80007220959 Partita Iva

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura

Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1 Ciclo tecnologico delle opere di asfaltatura 1. Le opere di asfaltatura 2. Asfaltatura di strade esistenti 3. Asfaltatura di nuove strade e marciapiedi 2 unità 27 Cantieri stradali 1 Le opere di asfaltatura

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO

I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO I NUOVI PORTICI DI MARCHENO COME UN PICCOLO INTERVENTO POSSA RIVELARSI UNICO A lavori terminati I lavori per la realizzazione dei nuovi portici ad uso pubblico lungo la SP ex SS 345 della Valtrompia, nel

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

Le tendenze applicative

Le tendenze applicative Le tendenze applicative La scelta della tipologia da adottare Le misure inizialmente usate erano quelle di controllo del volume di traffico. Le comunità hanno spostato l attenzione verso le misure di controllo

Dettagli

FISCHER: Revamping del magazzino Non Spedibili

FISCHER: Revamping del magazzino Non Spedibili INTERVISTA AL PROJECT MANAGER CHI È Laureato nel 2006 in Economia presso l Università Ca' Foscari di Venezia, Alessio Chiappini nel 2007 viene assunto in Fischer Italia come Assistente di Produzione e

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI SULLA RETE STRADALE COMUNALE DA PARTE DI PRIVATI, AZIENDE E/O ENTI PUBBLICI

DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI SULLA RETE STRADALE COMUNALE DA PARTE DI PRIVATI, AZIENDE E/O ENTI PUBBLICI DISCIPLINARE PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI SULLA RETE STRADALE COMUNALE DA PARTE DI PRIVATI, AZIENDE E/O ENTI PUBBLICI (Approvato con delibera di G.C. n. 60 del 11.06.2010) Il Responsabile del Servizio

Dettagli

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi

Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi Caratterizzazione acustica di alcune tipologie di dossi P. Cicoira a, P. Miori b, P. Simonetti c a Libero professionista - Trento b Comune di Trento c Provincia autonoma di Trento Fra gli interventi di

Dettagli

GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA.

GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA. GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA. Accedi ad Arcoda Sat. Localizza e monitora i movimenti dei tuoi mezzi aziendali. Migliora la produttività. Efficienza Sicurezza Risparmio

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori Linee guida per dissuasori Linee guida per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni Documento di indirizzi per la progettazione di qualità Comune di Genova direzione territorio, sviluppo

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE parte integrante dell'elaborato grafico allegato al presente Elaborato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA PREMESSO

REPUBBLICA ITALIANA PREMESSO 1 REPERTORIO N.... RACCOLTA N... CONVENZIONE TRA COMUNE DI TERNO D'ISOLA E PARROCCHIA SAN VITTORE MARTIRE DEL 08/05/2008 rep. 726 MODIFICA DELL ALLEGATO REGOLAMENTO D'USO DELL'AREA PARCHEGGIO DI VIA MILANO

Dettagli

Consorzio delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico. Regolamento per la Manutenzione delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico

Consorzio delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico. Regolamento per la Manutenzione delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico Consorzio delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico Regolamento per la Manutenzione delle Strade Vicinali ad Uso Pubblico Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24/06/2011 Approvato dalle Assemblee

Dettagli

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERSO PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/07

Dettagli

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO STRABUS Aspetti generali (1) Il servizio STRABUS permette di analizzare e valutare lo stato

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Regolamento per la disciplina dell impiego del suolo e del sottosuolo, delle sedi stradali di proprietà comunale e di aree di uso pubblico. Approvato con deliberazione

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Genova I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.98 88. Superficie (km ),9 1.8,79 Densità (ab. per km ).8, 7, * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Luca Lombroso Studio di Meteorologia professionale

Luca Lombroso Studio di Meteorologia professionale Linee guida per la misura dell altezza neve Progetto Mappatura Neve Comune di Modena Studio di Meteorologia Luca Lombroso Premessa: perchè una mappatura dettagliata della neve? Parlando delle problematiche

Dettagli

C o m u n e d i L u v i n a t e

C o m u n e d i L u v i n a t e C o m u n e d i L u v i n a t e PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di rimozione della neve e di spargimento di

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli