OSSERVATORIO DEI PREZZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO DEI PREZZI"

Transcript

1 Comune di Genova Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica Settore Controllo di Gestione e Statistica OSSERVATORIO DEI PREZZI L'andamento nel primo semestre 2015

2 Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica Settore Controllo di Gestione e Statistica Piazzale Mazzini, 3 Tel: Fax: Sito Internet: statistica.comune.genova.it Direttore: Mina Pesce Dirigente: Gloria Piaggio Pubblicazione a cura di: Enrico Molettieri Giovanni Profumo

3 Nel corso del primo semestre 2015 si arresta l andamento decrescente delle dinamiche inflattive iniziato nella seconda metà del Il tasso tendenziale, in decelerazione da oltre due anni, registra il valore minimo a gennaio (-0,5%) ma poi risale fino ad attestarsi allo 0,5% di giugno valore pari a quello dello stesso mese dell anno precedente. L inflazione nel capoluogo ligure registra nei primi sei mesi dell anno valori assai modesti tuttavia superiori a quelli nazionali: Genova rimane uno dei capoluogo di regione i cui prezzi registrano le variazioni tendenziali più elevate. Se gli scenari deflattivi di inizio anno sembrano scongiurati, grazie anche all intervento della BCE che ha avviato un programma di acquisto di titoli di Stato in grado di stimolare la ripresa economica, le quotazioni dei prezzi risultano comunque assai modeste per effetto di alcuni fattori economici di rilevante importanza. In primo luogo la decelerazione delle quotazioni petrolifere internazionali, iniziata nell estate del 2014, è proseguita anche nel primo semestre del nuovo anno. La discesa del prezzo del barile di petrolio, nonostante l indebolimento dell euro, ha comportato il ridimensionamento del prezzo dei carburanti per autotrazione e delle tariffe energetiche. Ma più in generale a beneficiare del calo dei prezzi dei beni energetici è stato il potere di acquisto delle famiglie che rappresenta un volano per la crescita dei consumi e l allontanamento della deflazione.

4 Un secondo fattore economico che ha pesato sull andamento delle dinamiche inflattive è quello relativo alla decelerazione dei prezzi, a livello internazionale, delle materie prime alimentari. Gli abbondanti raccolti dei cereali fanno favorito il ridimensionamento dei prezzi di grano, mais e riso. Sono calate anche le quotazioni degli oli alimentari e delle farine per alimenti. Nonostante ciò, nel capoluogo ligure, le quotazioni dei beni alimentari risultano in risalita a causa dei rincari registrati dalla frutta e dal comparto ittico mentre per effetto del calo delle quotazioni internazionali si sono stabilizzati i prezzi del comparto dei beni alimentari lavorati. In un contesto di moderate variazioni dei prezzi non mancano però impulsi inflattivi più consistenti dovuti agli adeguamenti delle tariffe pubbliche sia a livello locale (fornitura di acqua potabile e raccolta delle acque di scarico) che nazionale (pedaggi autostradali, tariffe postali, telefoniche e relative alla connessione internet). Da rimarcare anche la risalita costi dei servizi di alloggio legata alla crescita del flusso turistico.

5 L andamento dell inflazione a Genova e in Italia 1,5 Tassi tendenziali - confronto Genova - Italia 1,0 0,5 0,0 genova italia L'inflazione a Genova, nel primo semestre del 2015, registra, su base annua, valori assai bassi e talvolta negativi. L'andamento del tasso tendenziale registra il valore minimo a gennaio (-0,5%) e poi risale fino ad attestarsi allo 0,5% di giugno, superando il dato nazionale pari a 0,2%. -0,5-1,0

6 L andamento dell inflazione a Genova e nel nord Italia 1,0 Tasso Tendenziale (NIC): andamento nelle principali città del Nord 0,5 % 0,0-0,5 Genova Italia Milano Torino Bologna Venezia -1,0-1,5

7 Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria NORD-OVEST Trentino-Alto-Adige Veneto Friuli-Venezia-Giulia Emilia-Romagna NORD-EST Toscana Umbria Marche Lazio CENTRO Abruzzo Campania Puglia Basilicata Calabria SUD Sicilia Sardegna ISOLE L inflazione per regione e per ripartizione geografica Variazione percentuale tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo (NIC) nel mese di Giugno 2015 % 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0,0 0,2 0,3 0,4 0,3 0,4 0,3 0,3 0,0 0,5 0,4 0,4 0,5 0,2 ITALIA 0,4 0,2 0,2 0,0 0,1 0,2 0,2-0,1-0,2-0,3-0,4-0,3-0,1-0,2-0,1

8 Milano Parma Bolzano Genova Messina Ancona Firenze Roma Torino Aosta Potenza Brescia L'Aquila Livorno Napoli Reggio Calabria Reggio Emilia Tireste Bari Cagliari Catania Trento Modena Padova Palermo Verona Perugia Ravenna Catanzaro Venezia Bologna L inflazione nei grandi comuni 1,0 Variazione percentuale tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo (NIC) nel mese di Giugno ,5 0,6 0,6 0,5 0,5 0,5 0,4 0,4 0,4 0,4 0,3 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,1 0,1 0,1 0,1 % 0,0-0,5-0,1-0,1-0,1-0,1-0,2-0,2-0,3-0,6-0,7-1,0

9 Le divisioni di prodotto Tassi tendenziali dell'indice dei prezzi al consumo (NIC) a Genova Divisioni gen-15 feb-15 mar-15 apr-15 mag-15 giu-15 lug-15 ago-15 set-15 ott-15 nov-15 dic-15 % % % % % % % % % % % % Prodotti alimentari e bevande analcoliche 1,1 2,0 1,6 1,6 1,4 2,0 Bevande alcoliche e tabacchi 0,3 2,8 3,2 3,3 3,5 3,2 Abbigliamento e calzature -0,2 0,2-0,2-0,2-0,1-0,1 Abitazione, acqua, elettricità, combustibili -2,0-2,1-2,3-2,8-3,2-3,2 Mobili, articoli e servizi per la casa 0,6 1,2 1,2 1,3 1,2 1,3 Servizi sanitari e spese per la salute -0,2-0,3-0,3-0,2-0,1 0,0 Trasporti -4,1-2,0-1,5-2,5-0,9-1,1 Comunicazioni -2,1-1,2-0,8-2,2-1,9-1,9 Ricreazione, spettacoli e cultura -0,1 0,3-0,4 0,5 0,7 0,7 Istruzione 0,7 0,7 0,7 0,7 0,7 0,6 Servizi ricettivi e di ristorazione 1,8 0,3 2,4 0,3 0,9 3,8 Altri beni e servizi 0,7 0,4 0,4 0,5 0,9 0,6 INDICE GENERALE -0,5 0,0 0,1-0,3 0,0 0,5

10 In risalita le spese per i prodotti alimentari e per i servizi turistici Prodotti alimentari e bevande analcoliche 0,4 2,0 Bevande alcoliche e tabacchi Abbigliamento e calzature Abitazione, acqua, elettricità, combustibili Mobili, articoli e servizi per la casa Servizi sanitari e spese per la salute Trasporti Comunicazioni Ricreazione, spettacoli e cultura Istruzione -3,2-2,4-1,9-1,1-1,0-1,1-0,1-0,1-0,2 0,3 0,6 0,0 0,5 0,7 0,7 0,6 1,3 3,2 I tassi tendenziali di molte divisioni di prodotto registrano consistenti aumenti rispetto alla fine dell'anno precedente. Le bevande alcoliche e i tabacchi, i servizi ricettivi e di ristorazione e i prodotti alimentari registrano i maggiori incrementi. Prosegue la forte contrazione delle spese per l'abitazione iniziata nel secondo semestre dell'anno precedente, mentre perdura lo stato di deflazione per i trasporti e le comunicazioni. Servizi ricettivi e di ristorazione Altri beni e servizi dic-14 giu-15 0,6 0,6 1,8 3,8 Indice generale 0,0 0, %

11 Una diversa aggregazione dell'indice: i Beni A partire da luglio 2012 Istat individua, per i dati comunali, una nuova aggregazione dell'indice dei prezzi al consumo suddivisa per tipologie di prodotto i cui indici sono calcolati con riferimento agli aggregati BENI e SERVIZI.

12 Una diversa aggregazione dell'indice: i Servizi

13 I nuovi pesi sul paniere 2015 delle varie categorie di beni e servizi In base alla struttura di ponderazione per tipologia di consumo, nel 2015, i pesi relativi alle due principali componenti subiscono alcune variazioni: i beni scendono dal 52,3% al 51,1% mentre i servizi passano dal 47,7% al 48,9%. Da alcuni anni il peso attribuito ai servizi sulla totalità dei prodotti del paniere continua ad aumentare confermando la crescente incidenza di tale tipologia di spesa sull'andamento dell'inflazione. Esaminando le componenti dell'aggregato dei beni risulta significativo l'aumento del peso dei beni energetici, determinato dal consistente incremento degli "energetici regolamentati" mentre si riduce il peso degli "altri energetici". Fra i servizi si registra l'aumento del peso di quelli relativi all'abitazione mentre cala l'incidenza di quelli ricreativi e culturali. Peso sul paniere 2014 Valori percentuali Peso sul paniere 2015 Valori percentuali BENI SERVIZI Alimentari 18,7 18,4 Altri beni 22,4 20,6 Energetici 8,9 9,9 Tabacchi 2,3 2,2 relativi all'abitazione 8,4 10,8 relativi ai Trasporti 8,6 8,5 relativi alla Comunicazione 2,1 1,9 Ricreativi, culturali e per la cura della persona 18,6 17,0 Vari 10,0 10,7

14 L aggiornamento del paniere per l anno 2015 Le revisioni apportate al paniere dipendono dal mutamento dei comportamenti di spesa delle famiglie o dalla necessità di sostituire un prodotto con un altro che meglio rappresenti le abitudini dei consumatori. Può essere necessario, altresì, ampliare la copertura di alcuni aggregati di consumo con l'aumento del numero di prodotti che li rappresentano o con la revisione del paniere in base alle modifiche apportate dall'evoluzione del quadro normativo. E' riportato, di seguito, il quadro riassuntivo dei principali prodotti entrati e usciti nel paniere 2015, raggruppati per motivazione del loro inserimento o eliminazione. Motivazioni ENTRATE USCITE Modifiche dei comportamenti di spesa delle famiglie Sostituzioni Miglioramento della copertura delle voci di spesa delle famiglie Biscotti senza glutine, pasta senza glutine, birra analcolica, car sharing, bike sharing, bevande al distributore automatico, caffè al ginseng al bar, assistenza fiscale per il calcolo delle imposte sull abitazione Pizza prodotto di panetteria, letto, ortopedico attività intramuraria, noleggio carrozzina per disabili, appendicectomia, estrazione extracapsulare della cataratta, riparazione monolaterale di ernia inguinale, artroscopia, legatura e stripping di vene varicose, ricambi per rasoi Impianto HiFi, navigatore satellitare, registratore DVD, corso informatica Modifiche del quadro normativo

15 L andamento dei beni e dei servizi 1,5 Tassi tendenziali di Beni e Servizi 1,0 0,5 % 0,0-0,5-1,0 beni servizi indice generale Il tasso tendenziale dei beni, in costante discesa da due anni, raggiunge il livello minimo (-1,2%) nel mese di gennaio. A partire da febbraio inizia la lenta risalita che ridimensiona i consistenti valori deflattivi di inizio anno. Il tasso tendenziale dei Servizi resta costantemente superiore a quello dei Beni e non registra valori deflattivi. Il differenziale inflazionistico tra i due tassi (pari a giugno ad 1,3 punti) si mantiene elevato e superiore a quello nazionale (pari a 1,0 punti). -1,5

16 In ripresa le variazioni dei prezzi di alimentari e tabacchi 6,0 4,0 2,0 0,0 % -2,0-4,0-6,0-8,0-10,0 Tassi tendenziali dei Beni energetici tabacchi alimentari altri beni Il tasso tendenziale dei Beni Energetici si mantiene negativo per tutto il semestre favorito dal ridimensionamento delle quotazioni petrolifere di cui beneficiano i prezzi dei carburanti per autotrazione e, nel comparto regolamentato, le tariffe energetiche. Risultano in graduale ripresa, su base annua, le variazioni dei prezzi dei beni alimentari, dopo i minimi del 2014 trascinati dal rialzo del comparto del fresco ortofrutticolo. Mantiene invece una bassa crescita inflattiva il comparto degli alimentari lavorati. I tabacchi risentono dei significativi rincari di inizio anno che hanno comportato un aumento dei prezzi delle sigarette mediamente pari a 20 centesimi di euro il pacchetto. Risultano stabili i prezzi della categoria "Altri beni" con valori del tasso tendenziale appena superiori allo zero.

17 In discesa le spese per i servizi abitativi 4,0 Tassi tendenziali dei Servizi 3,0 2,0 1,0 % 0,0-1,0 abitazione comunicazioni cultura trasporti vari I servizi relativi all'abitazione presentano un andamento tendenziale in ribasso che ricalca quello del secondo semestre dell'anno precedente e la cui causa è da ricercarsi nel progressivo ridimensionamento delle spese condominiali. In decisa risalita risultano le spese sostenute per i servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona per effetto dei rincari dei servizi turistici. A giugno l'andamento inflattivo dei servizi relativi alle comunicazioni e ai trasporti non si discosta in misura significativa da quello registrato alla fine dell'anno precedente mentre in lieve deflazione risultano i prezzi dei servizi vari. -2,0

18 La classificazione dei prodotti in base alla frequenza di acquisto I criteri utilizzati per questa classificazione seguono quelli già adottati in ambito internazionale. PRODOTTI AD ALTA FREQUENZA DI ACQUISTO includono, oltre ai generi alimentari, le bevande alcoliche e analcoliche, i tabacchi, le spese per l'affitto, i beni non durevoli per la casa, i servizi per la pulizia e la manutenzione della casa, i carburanti, i trasporti urbani, i giornali e i periodici, i servizi di ristorazione, le spese di assistenza. PRODOTTI A MEDIA FREQUENZA DI ACQUISTO comprendono, tra gli altri, le spese di abbigliamento, le tariffe elettriche e quelle relative all'acqua potabile e lo smaltimento dei rifiuti, i medicinali, i servizi medici e quelli dentistici, i trasporti stradali, ferroviari, marittimi e aerei, i servizi postali e telefonici, i servizi ricreativi e culturali, i pacchetti vacanza, i libri, gli alberghi e gli altri servizi di alloggio. PRODOTTI A BASSA FREQUENZA DI ACQUISTO comprendono gli elettrodomestici, i servizi ospedalieri, l'acquisto dei mezzi di trasporto, i servizi di trasloco, gli apparecchi audiovisivi, fotografici e informatici, gli articoli sportivi.

19 Ancora in deflazione i prodotti a bassa frequenza di acquisto 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 % 0,0-0,2-0,4-0,6-0,8-1,0 Tassi tendenziali dei prodotti per frequenza di acquisto Alta frequenza INDICE GENERALE Media frequenza Bassa frequenza L'andamento del tasso tendenziale dei prodotti a bassa frequenza di acquisto registra valori negativi nel primo semestre dell'anno attestandosi, a giugno, ad un livello pari a -0,3%. I dati congiunturali del primo semestre evidenziano una sostanziale stagnazione dei prezzi in linea con l'andamento del Fra i beni durevoli solo il settore dell'auto registra significativi segnali di ripresa. Risulta invece in crescita l'andamento del tasso tendenziale dei prodotti ad alta frequenza di acquisto che, dopo il minimo di gennaio (-0,8%), risale rapidamente sospinto dai rincari congiunturali degli alimentari, delle bevande alcoliche e dei tabacchi. Più altalenante l andamento tendenziale dei prodotti a media frequenza di acquisto: per essi sembra comunque arrestarsi la tendenza ribassista dell'anno precedente. I dati congiunturali evidenziano una ripresa dei prezzi a partire da febbraio supportata in primavera dai rincari del comparto turistico.

20 L inflazione di fondo Gli indici dei prezzi risentono di variazioni anomale dovute, talvolta, a fattori occasionali che possono avere un effetto temporaneo. Per determinare il tasso di inflazione di fondo, che non risente di eventuali variazioni anomale di prezzo, si eliminano dal calcolo dell indice generale i prezzi ritenuti più volatili (con più elevata variabilità ovvero gli alimentari freschi e i beni energetici). 1,5 1 0,5 % 0-0,5 L inflazione di fondo: valori tendenziali Componente di fondo Indice generale La componente di fondo (core inflation) risulta costantemente superiore all'indice generale. Al netto dei carburanti e dei prodotti energetici freschi l'inflazione risulta più alta: il ridimensionamento dei prezzi dei carburanti ha contribuito in misura considerevole al divario tra l'inflazione complessiva e quella di fondo. A giugno, su base annua, il gap è pari a 0,4 punti in linea con il dato nazionale. -1

21 In risalita i prezzi degli alimentari Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Frutta fresca o refrigerata 6,7 17,3 Olio di oliva 2,2 5,2 Patate 0,7 8,1 Vini da uve 4,4 1,3 Carne bovina 7,8 0,5 Frutti di mare freschi, refrigerati o surgelati 1,3 3,2 Pollame 4,2 0,8 Altri pesci e frutti di mare conservati o lavorati 1,5 2,0 Pane 5,9 0,5 Cioccolato 1,1 2,0 Alcolici e liquori 0,8 2,7 Burro 0,6-2,8 Altri prodotti di panetteria e pasticceria 4,6-0,4 Altre carni 0,7-2,2 Altri prodotti a base di latte 0,7-3,0 Succhi di frutta e verdura 0,8-2,4 Yogurt 1,6-1,3 Latte fresco 2,6-1,7 Bevande analcoliche 1,6-2,9 Vegetali freschi (eccetto le patate) 7,0-1,7 Ogni categoria di bene o servizio è composta da singole sottoclassi di prodotto. Per ognuna può essere misurato il diverso contributo all'inflazione moltiplicando il peso che ha sul paniere complessivo per la variazione percentuale degli indici di riferimento del periodo dicembre giugno In tal modo si determina l'ordine delle sottoclassi che contribuiscono maggiormente all'aumento dell'inflazione. Nel settore alimentare alimentano le tensioni inflattive i rincari di importanti segmenti quali quelli della frutta fresca, degli oli alimentari e delle bevande alcoliche: i prezzi tornano a salire dopo la frenata iniziata nel secondo semestre del 2013 e proseguita per l'intero Le sfavorevoli condizioni climatiche di inizio anno hanno favorito gli aumenti congiunturali dei prezzi della frutta fresca mentre i danni provocati dalla mosca olearia hanno acceso le quotazioni dell'olio di oliva. In risalita anche i prezzi delle patate e quelli delle bevande alcoliche in particolare dei vini che scontano la contrazione dell'offerta a livello nazionale. Si riducono le tensioni inflattive per gli ortaggi e per alcuni prodotti del comparto lattiero- caseario.

22 In discesa le tariffe energetiche Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Benzina 15,2 3,2 Altri combustibili solidi 1,7 2,1 Lubrificanti 1,4 0,0 Gasolio per riscaldamento 1,1-0,1 Idrocarburi liquidi (butano, propano, ecc.) 0,8-5,5 Gasolio per mezzi di trasporto 15,0-0,3 Altri carburanti 3,8-6,7 Energia elettrica 19,7-3,4 Prosegue la tendenza al ribasso delle tariffe energetiche più consistente per il gas naturale. Si rilevano sensibili diminuzioni anche per le tariffe biorarie dell'energia elettrica (fascia diurna feriale e fascia notturna, weekend e festivi) solo in parte compensate dai rincari della quota fissa. Nel comparto non regolamentato la benzina registra un modesto aumento rispetto a fine anno mentre la variazione tendenziale è ancora largamente negativa. Gas di città e gas naturale 41,3-5,0

23 Risalgono i prezzi del settore automobilistico Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Fornitura acqua 1,9 6,4 Prodotti farmaceutici 9,7 1,0 Automobili nuove diesel 4,7 2,0 Automobili nuove benzina 5,8 1,6 giochi e hobby 0,6 10,5 Gioielleria 0,7 7,3 Giornali 1,6 2,8 Apparecchi per il trattamento dell informazione 0,6-0,9 Apparecchi per il riscaldamento e condizionatori d aria 0,7-1,0 Lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie 0,6-1,2 Articoli sportivi 0,6-2,3 Articoli per l igiene personale 2,4-0,7 Indumenti per donna 9,0-0,2 Prodotti per la pulizia e la manutenzione della casa 2,3-0,8 Narrativa 0,4-5,3 Calzature per uomo 1,4-3,1 Supporti con registrazioni di suoni, immagini e video 0,4-12,8 Apparecchi per la telefonia mobile 1,0-7,8 Pneumatici 2,2-4,5 Su base annua l'inflazione dei prodotti appartenenti alla categoria "Altri beni" è stabile. Nel primo semestre, le variazioni congiunturali dei prezzi dei tre grandi aggregati di cui si compone (beni durevoli, non durevoli e semidurevoli) registrano oscillazioni di lieve entità. Fra i beni durevoli solo il settore automobilistico fornisce un consistente contributo inflattivo mentre i rincari dei mobili sono modesti; per contro si confermano in deflazione gran parte dei beni elettronici e degli elettrodomestici. I beni semidurevoli, nei primi mesi dell'anno registrano lievi ribassi congiunturali; più consistenti, per quanto riguarda i prodotti non durevoli, risultano i rincari dei prodotti farmaceutici in particolare quelli dei medicinali di fascia C a totale carico del paziente.

24 Ancora in contrazione le spese condominiali Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Servizi domestici di personale retribuito 20,4 2,5 Raccolta acque di scarico 3,5 5,7 Affitti reali per abitazioni di enti pubblici 3,0 1,5 Riparazione di apparecchi per la casa 0,8 3,4 Affitti reali per abitazioni di privati 29,5 0,1 Servizio di elettricista 0,7 0,7 Servizio di idraulico 2,4 0,0 Serv. di manutenz. del sistema di riscaldamento 1,4 0,0 Servizi di carpentieri 6,4 0,0 Raccolta rifiuti 8,6 0,0 Riparazione di mobili, arredi e rivestimenti per pavimenti 0,6 0,0 Servizi di lavanderia per articoli tessili della casa 1,4 0,0 Spese condominiali 21,3-4,6 Prosegue la contrazione delle spese relative ai servizi per l'abitazione sulla scia dei ribassi iniziati nella seconda metà dell'anno precedente. Si riducono in particolare le spese condominiali con un trend invariato rispetto al Nel primo semestre dell'anno rincara sensibilmente il corrispettivo per il servizio di raccolta dei reflui urbani mentre si confermano in rialzo anche le spese relative ai servizi domestici. Dopo i considerevoli ribassi dell'anno precedente registrano un modesto adeguamento anche i canoni di affitto per le abitazioni di enti pubblici.

25 In decelerazione i costi dei principali servizi di trasporto Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Riparazione mezzi di trasporto privati 33,2 4,9 Pedaggi e parchimetri 13,7 1,1 Trasporto multimodale passeggeri 5,7 1,4 Trasporto marittimo e per vie d'acqua interne 0,7 5,5 Manutenzione mezzi di trasporto privati 2,7 0,6 Autoscuole 0,3 0,7 Trasferimento proprietà auto 0,3 0,0 Affitto garage, posti auto e noleggio mezzi di trasporto 3,0 0,0 Trasporto passeggeri su taxi 1,5 0,0 Servizi di trasloco e immagazzinaggio 1,7 0,0 Assicurazioni sui mezzi di trasporto 12,5-0,3 Trasporto passeggeri su autobus e pullman 6,1-0,7 Trasporto ferroviario passeggeri 6,3-2,9 Voli nazionali 3,1-8,2 Voli internazionali 9,2-13,4 L'analisi dei dati congiunturali evidenzia la sostanziale stabilità dei prezzi dei servizi di trasporto nei primi sei mesi dell'anno. Il ribasso delle quotazioni petrolifere favorisce il ridimensionamento dei prezzi dei trasporti aerei nonostante qualche rincaro coincidente con il periodo festivo pasquale. I prezzi dei servizi ferroviari beneficiano invece anche della rimodulazione delle condizioni di offerta di sconti e promozioni che interessano il servizio di Alta velocità. Anche il settore assicurativo dei mezzi di trasporto conferma il rallentamento delle dinamiche inflattive. Solo la risalita dei prezzi relativi ai servizi di manutenzione e riparazione dei mezzi di trasporto privati sostengono l'inflazione in quanto anche il tradizionale adeguamento di inizio anno delle tariffe dei pedaggi autostradali risulta assai ridimensionato rispetto a quello degli anni precedenti.

26 In risalita i prezzi dei servizi di alloggio Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Alberghi, motel, pensioni e simili 16,3 18,9 Villaggi vacanze, campeggi, ostelli della gioventù e simili 1,5 16,3 Ristoranti, pizzerie e simili 22,6 1,1 Consumazioni al bar e simili 14,6 0,9 Servizi di parrucchiere per donna 5,7 1,2 Mense scolastiche e di altri istituti di istruzione 3,0 1,4 Fast food e ristorazione take away 6,1 0,6 Canone radio e tv, abbonamenti 2,7 1,2 Cinema, teatri e concerti 1,3 0,9 Consumazioni di prodotti di gastronomia 3,5 0,3 Servizi di parrucchiere per uomo e bambino 1,7 0,5 Servizi ricreativi 1,0-0,8 Servizi sportivi 2,5-0,4 Pacchetti vacanza nazionali 1,7-5,7 Nel settore relativo ai servizi ricreativi e culturali si registra la decisa risalita dei prezzi dei servizi di alloggio. I dati congiunturali del primo semestre evidenziano una accelerazione dei prezzi sia delle strutture ricettive primarie (alberghi e pensioni), sia di quelle secondarie (campeggi e ostelli). Il settore ristorazione presenta dinamiche crescenti più contenute. Risultano in calo, dopo gli adeguamenti del 2014, i prezzi dei pacchetti vacanza nazionali e quelli relativi ai servizi ricreativi e sportivi.

27 In aumento le spese bancarie e i costi dei servizi medici specialistici Pesi e variazioni indici di riferimento Sottoclassi di prodotto Peso sulla categoria (%) Variazione % Indici di Riferimento (dic giu. 2015) Altre tariffe e servizi 4,0 7,0 Servizi per i bambini 2,2 5,5 Spese bancarie e finanziarie 12,5 0,8 Altri servizi paramedici 3,8 1,8 Case di cura per anziani e residenze per persone disabili 2,1 2,1 Servizi di assistenza a domicilio 3,3 0,9 Servizi veterinari e altri servizi per animali domestici 1,0 0,7 Servizi funebri 5,2 0,1 Servizi medici specialistici 18,4-0,5 Servizi legali e contabili 8,8-7,6 I servizi vari comprendono le sottoclassi relative ai servizi sanitari, all'istruzione, e ad alcuni servizi amministrativi e finanziari. Considerando il peso delle principali sottoclassi di prodotto si evidenziano i rincari delle spese bancarie per effetto dell'aumento dei servizi di deposito, incasso e pagamento mentre decelerano lievemente i prezzi dei servizi medici specialistici. Per quanto concerne i servizi legali e contabili risultano in calo le spese per l'assistenza legale mentre aumentano quelle sostenute per l'assistenza fiscale.

28 Glossario Componente (Inflazione) di fondo viene calcolata escludendo dall elaborazione dell inflazione i beni alimentari non lavorati e i beni energetici. Paniere l insieme dei prodotti presi in considerazione e messi sotto osservazione statistica ai fini del calcolo di ciascuno degli indici dei prezzi. Il paniere è costituito da un elenco di voci di prodotto, ad ognuna delle quali è assegnato un valore proporzionale al grado di importanza che la voce stessa rappresenta nell aggregato economico di riferimento. Peso o coefficiente di ponderazione rappresenta il grado di importanza di ciascuna voce di prodotto, o raggruppamento di prodotti, nell insieme di beni e servizi che costituiscono il paniere sul quale è calcolato l indice generale. Posto uguale a 100 il valore totale del paniere, i coefficienti di ponderazione sono dati in percentuale. Prezzi al consumo per l intera collettività (indice dei) la variazione nel tempo dei prezzi relativi ai beni e servizi acquistati sul mercato per i consumi finali individuali. Tasso congiunturale o mensile è la variazione percentuale dell indice di un mese rispetto all indice del mese precedente. Tasso tendenziale è calcolato come variazione percentuale dell indice di un mese rispetto all indice dello stesso mese dell anno precedente.

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Come si rilevano i prezzi al consumo. Anno 2011

Come si rilevano i prezzi al consumo. Anno 2011 Come si rilevano i prezzi al consumo Anno 2011 Dicembre 2011 1 Testi redatti da: Alessandro Brunetti, Patrizia Caredda, Alessia D Errico, Cristina Dormi, Stefania Fatello, Riccardo Giannini, Rosanna Lo

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli