UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile

2 Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti della missione Apollo 13 comunicano al Mission Control che uno dei quattro serbatoi di ossigeno è esploso. La navicella si trova ad oltre km dalla Terra. La navicella fu seriamente danneggiata e l atterraggio sulla Luna fu annullato. L equipaggio si trasferì sul modulo per l allunaggio ed il 17 aprile 1970 l equipaggio riuscì ad atterrare sulla Terra. pag 2

3 Definizione di rischio operativo Il rischio operativo è il rischio di perdita che risulta da processi interni, persone e sistemi inadeguati o che non funzionano, o da eventi esterni. Operational risk is the risk of loss resulting from inadequate or failed internal processes, people, and systems, or from external events Comitato di Basilea, Gennaio 2001 pag 3

4 Che cosa include La definizione include: rischi legati alle persone, rischi legati alla tecnologia, rischi fisici, rischi legali La definizione esclude il rischio reputazionale ed il rischio che risulta da decisioni strategiche pag 4

5 Capitale di vigilanza Basilea 2 prevede un assorbimento di capitale per il rischio operativo Ci sono 3 alternative: Basic Indicator Approach (15% del fatturato annuo) Standardized Approach (percentuali diverse per ogni business line) Advanced Measurement Approach (AMA) pag 5

6 Business Lines 1. Corporate finance 2. Trading and sales 3. Retail banking 4. Commercial banking 5. Payment and settlement 6. Agency services 7. Asset management 8. Retail brokerage pag 6

7 Approccio standardizzato Nell approccio standardizzato le attività di una banca sono divise in 8 business line. Il fatturato medio della banca degli ultimi 3 anni per ogni diversa business line è moltiplicato per un fattore beta per quella business line ed il risultato è sommato per determinare il capitale totale assorbito dal rischio operativo. Business Line Fattore Beta Corporate finance 18% Trading and sales 18% Retail banking 12% Commercial banking 15% Payment and settlement 18% Agency services 15% Asset management 12% Retail brokerage 12% pag 7

8 Categorie di rischi operativi 1. Frode interna 2. Frode esterna 3. Pratiche di impiego e sicurezza del posto di lavoro 4. Clienti, prodotti e pratiche di business 5. Danni ad attività fisiche 6. Interruzione del business e malfunzionamento dei sistemi 7. Esecuzione, consegna e gestione dei processi pag 8

9 I compiti previsti dall Advanced Measurement Approach Le banche devono stimare la loro esposizione ad ogni combinazione di rischio per ogni business line In teoria questo porta a 7 8=56 misure di VaR che possono essere combinate assieme in un unica misura di VaR pag 9

10 Loss Severity e Loss Frequency La frequenza di perdita (Loss frequency) dovrebbe essere stimata il più possibile a partire dai dati propri della banca. Una possibilità è di assumere una distribuzione di Poisson per la frequenza di perdita in modo da avere bisogno solo di fare una stima della frequenza media di perdita. La probabilità di n eventi nel tempo T è quindi pari a: ( T) e T n! L impatto della perdita (Loss severity) può essere stimato sulla base di dati storici sia interni che esterni. (Una possibilità è di assumere una distribuzione lognormale in modo da avere bisogno solo di stimare la media e la standard deviation delle perdite.) n pag 10

11 Loss Severity e Loss Frequency Il metodo di simulazione di Monte Carlo può essere usato per combinare le due distribuzioni pag 11

12 Simulazione di Monte Carlo Campionare dalla funzione densità probabilità di frequenza di perdita per determinare il numero di eventi di perdita (=n) Campionare n volte dalla funzione di densità di probabilità dell impatto di perdita per determinare l impatto di perdita per ogni evento di perdita Sommare gli impatti di perdita per determinare la perdita totale pag 12

13 Dati storici esterni sull impatto di perdita Di solito ci sono serie storiche molto brevi all interno di una banca per stimare le distribuzioni di probabilità di impatto di perdita e di frequenza di perdita Due possibilità Condivisione di dati con altre banche Acquisto di database esterni I database esterni si basano su dati pubblici e quindi sono distorti verso le perdite maggiori, che sono quelle comunicate pubblicamente, e verso le istituzione con controlli più deboli che vanno incontro a perdite più frequenti e di maggiore intensità I database esterni possono quindi essere usati solo per stimare la dimensione relativa della media e della deviazione standard delle perdite per differenti categorie di rischio pag 13

14 I dati esterni devono essere aggiustati per la dimensione della banca Estimated Loss for Bank A Observed Loss for Bank B Bank A Revenue Bank B Revenue Using external data, Shih et al estimate 0.23 L effetto della dimensione di una banca sull impatto di una perdita per il rischio operativo è relativamente piccolo. pag 14

15 Esempio Una banca con un fatturato di 10 miliardi di dollari riporta una perdita per 8 milioni di dollari, quale sarebbe stata la perdita per una banca con un fatturato da 5 miliardi di dollari? pag 15

16 Altre tecniche Analisi di scenario Identificazione di relazioni causali L incremento del personale qualificato nel back office riduce le perdite operative per errori nel processare le transazioni? L introduzione di un nuovo sistema informatico ridurrà i malfunzionamenti? Le perdite operative sono correlate al turnover del personale? Risk and Control Self Assessment: questionari di valutazione per i manager delle business unit per identificare i rischi operativi Key Risk Indicators: turnover del personale, numero di transazioni sbagliate. Meglio se si trovano indicatori anticipatori di situazioni potenzialmente esposte a rischi. Scorecard approaches pag 16

17 Key risk indicators L operational risk management vuole monitorare l evoluzione dei principali fattori di rischio per evidenziare tempestivamente le possibili aree di intervento, attraverso l individuazione di particolari indici di esposizione al rischio che consentano di migliorare e dare maggiore stabilità al processo di misurazione Il risk indicator è una variabile quantitativa che identifica e misura situazioni critiche che possono potenzialmente accadere, o che si sono già verificate, e che rappresentano le condizioni in cui si può manifestare l evento negativo che causa una perdita. Le due dimensioni chiave di un risk indicator sono: La frequenza di accadimento L impatto economico dell evento Cod KRIeX Codice degli indicatori registrati nella KRI Library della Association (http://www.kriex.org/) pag 17

18 Frequenza ed impatto dei rischi operativi Frequenza (Loss Frequency) Review Monitoraggio Gestione Impatto periodica (Loss Severity) pag 18

19 Allocazione di capitale per il rischio operativo Il capitale assorbito dal rischio operativo dovrebbe essere allocato alle diverse business unit in modo da incoraggiarle a migliorare. Talvolta però il costo di ridurre un rischio operativo è maggiore del beneficio della riduzione di capitale allocato. Una business unit dovrebbe essere incoraggiata a massimizzare il ritorno sul capitale. pag 19

20 Assicurazione I fattori che influenzano la progettazione di un contratto di assicurazione sono: Moral hazard: rischio che la presenza del contratto di assicurazione porti l assicurato a comportarsi con minore attenzione Adverse selection: se una compagnia assicurativa non riesce a distinguere tra buoni e cattivi clienti e fa uno stesso prezzo a tutti, finisce per attirare solo i clienti peggiori Per tener conto di questi fattori ci sono: franchigie clausole di co-assicurazione limiti di responsabilità dell assicuratore pag 20

21 Sarbanes-Oxley Il Sarbanes-Oxley Act è stato approvato negli Stati Uniti dopo il fallimento di Enron Richiede che il consiglio di amministrazione sia più coinvolto nelle attività giornaliere e nel monitoraggio dei controlli messi a presidio dei rischi Dà maggiore responsabilità al CEO e CFO Dà maggiori poteri alla SEC Le società di auditing non possono svolgere altri compiti per la società cliente, in particolare non possono svolgere attività di consulenza (come Arthur Andersen nel caso di Enron), ed i partner della società di revisione devono ruotare tra i clienti Il comitato di revisione deve essere portato a conoscenza di trattamenti contabili alternativi Il CEO e CFO devono restituire i loro bonus nell evento di restatement del bilancio pag 21

22 Rischi operativi di una Società di Gestione del Risparmio Tutti i rischi diversi da quelli di credito, di tasso di interesse e di mercato possono influire in modo sostanziale sul conto economico delle società di gestione del risparmio. Ad esempio uno dei principali rischi operativi per una società di gestione del risparmio è l errore nel calcolo del NAV dei fondi gestiti. Un errore nel calcolo della quota genera una perdita perché la SGR deve risarcire i clienti che rimangono o i clienti che sottoscrivono/rimborsano. Con Q indichiamo il numero di quote e con NAV il valore unitario della quota. NAV giusto <NAV sbagliato NAV giusto >NAV sbagliato Cliente che sottoscrive Cliente che rimborsa Q giusto >Q sbagliato La SGR deve risarcire il cliente NAV sbagliato Q sbagliato >NAV giusto Q giusto La SGR deve risarcire il fondo. Q giusto <Q sbagliato La SGR deve risarcire il fondo. NAV sbagliato Q sbagliato <NAV giusto Q giusto La SGR deve risarcire il cliente. pag 22

23 Rischi operativi di una Società di Gestione del Risparmio Tutti i rischi diversi da quelli di credito, di tasso di interesse e di mercato possono influire in modo sostanziale sul conto economico delle società di gestione del risparmio. Ad esempio un rischio operativo per una società di gestione del risparmio è l errore nel calcolo del NAV dei fondi gestiti: Se il valore quota corretto è minore di quello sbagliato : I clienti che hanno sottoscritto sul valore quota sbagliato, hanno ricevuto meno quote di quanto dovuto e devono essere rimborsati con il numero di quote corretto I clienti che hanno rimborsato sul valore quota sbagliato hanno ricevuto più soldi e non si può tornare a chiedere loro indietro quanto dato in eccesso. Il fondo deve essere risarcito per i clienti che hanno rimborsato ed ai quali è stato dato più del dovuto. Se il valore quota corretto è maggiore di quello sbagliato : I clienti che hanno sottoscritto sul valore quota sbagliato, hanno ricevuto più quote e non si può tornare a chiedere loro indietro quanto dato in eccesso. Il fondo deve essere risarcito per i clienti che hanno sottoscritto ed ai quali è stato dato più del dovuto. I clienti che hanno rimborsato sul valore quota sbagliato devono essere risarciti dalla SGR pag 23

24 Mega Mega è un software per la mappatura dei processi e la valutazione del rischio operativo pag 24

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi I rischi operativi in banca Giampaolo Gabbi Gestione dei rischi finanziari Corso di Laurea in Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Anno Accademico 2013-2014 1 Agenda La definizione La regolamentazione

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004 Modelli organizzativi e procedurali della funzione di Internal Audit in Deutsche Bank Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Dettagli

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005)

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Premessa Il presente documento, approvato dal Comitato Guida, è una rielaborazione della tabella mapping business lines già comunicata

Dettagli

Il RISCHIO OPERATIVO. Misura e gestione La normativa di vigilanza

Il RISCHIO OPERATIVO. Misura e gestione La normativa di vigilanza Il RISCHIO OPERATIVO Misura e gestione La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 23/04/2009 AGENDA I. Introduzione II. III. 2 La definizione del rischio operativo I fattori di rischio Le pecularità del rischio

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29 Prefazione di Vittorio Mincato XIII Introduzione 1 Ringraziamenti 5 Parte prima LA PROFESSIONE DI INTERNAL AUDITING 1 La definizione di internal auditing 9 2I riferimenti della professione 19 2.1 L associazione

Dettagli

Operational Risk vs Advanced IT RISK

Operational Risk vs Advanced IT RISK Operational Risk vs Advanced IT RISK Claudio Ruffini 24 Giugno 2015 L evoluzione normativa in tema di sicurezza informatica Disposizioni di vigilanza prudenziale di Banca d Italia in materia di sistema

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA RISCHI OPERATIVI E RISCHI ASSICURABILI FRANCO FRANZOSO Assicurazioni Generali S.p.A. Linea RISCHI BANCHE AGENDA Introduzione Definizione di rischio operativo Comitato di Basilea Tipologie di cause del

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Roma 16 giugno 2005 Dr. Paolo Cruciani BNL Responsabile Rischi Operativi BNL Direzione Risk Management Agenda 1.

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento

Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati. Simona Cosma Università del Salento Rischio operativo e rischio reputazionale: le lezioni impartite dai mercati Simona Cosma Università del Salento 1 Contenuti Punti deboli di Basilea II e rischio operativo: quale Le responsabilità del rischio

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

RISK ACADEMY. I trend dei RO - numero di eventi e ammontare delle perdite - sono, complessivamente, in crescita costante;

RISK ACADEMY. I trend dei RO - numero di eventi e ammontare delle perdite - sono, complessivamente, in crescita costante; RISK ACADEMY BANCHE E RISCHI OPERATIVI. Un problema difficile? Laura Palombi Dalla ricerca di Mediobanca 1, risulta che i rischi operativi delle principali banche italiane rappresentano circa l 11% del

Dettagli

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI Dott. FRANCO FRANZOSO e Dott. FLAVIANO GIURGIUTTI Assicurazioni Generali S.p.A. 1 BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Prologo La fiducia come asset

Prologo La fiducia come asset Ringraziamenti Prefazione, di Fabio Cerchiai Introduzione Prologo La fiducia come asset 1 Il nuovo regime di solvibilità: obiettivi, linee guida, implicazioni strategiche 1.1 LÕevoluzione della disciplina

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

LA SOLUZIONE SAS PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE AZIENDE SANITARIE

LA SOLUZIONE SAS PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE AZIENDE SANITARIE LA SOLUZIONE SAS PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE AZIENDE SANITARIE Indice Premessa...1 Obiettivi della soluzione SAS per la gestione del Rischio... Valutazione dei Rischi... 1. La Gestione degli Eventi....

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 &

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & International Association for the Study of Insurance Economics Études et Dossiers Études et Dossiers No. 310 Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & Solvency

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello consolidato

Questionario Costi 2012 a livello consolidato Gruppo in outsourcing (gestione informatica presso una società strumentale interno o esterna al gruppo) - in caso affermativo inserire un SI nella cella Gruppo non in outsourcing (gestione informatica

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

I rischi operativi. Francesco Romito. Università RomaTre, a.a. 2008-2009

I rischi operativi. Francesco Romito. Università RomaTre, a.a. 2008-2009 I rischi operativi Francesco Romito Università RomaTre, a.a. 2008-2009 Agenda Definizione La regolamentazione La misurazione e la valutazione Loss Distribution Approach (LDA) Risk Control Self Assessment

Dettagli

Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60

Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60 /XFLD9HWLFD,QIRUPD]LRQL SHUVRQDOL,VWUX]LRQH Stato civile: nubile Nazionalità: italiana Data di nascita: 16 Settembre 1975 Luogo di nascita: Latina Residenza: Via Congiunte Sx, 12 04013 Latina Scalo (LT)

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act

L. 262 and Sarbanes-Oxley Act L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes Oxley Act Law 262 Basel 2 IFRS\ IAS Law 231 From a system of REAL GUARANTEE To a system of PERSONNEL GUARANTEE L. 262 and Sarbanes-Oxley Act Sarbanes-Oxley Act and

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Revisione e organizzazione contabile. Italiana

Revisione e organizzazione contabile. Italiana Revisione e organizzazione contabile INFORMAZIONI AZIENDALI Nome Tipo di azienda Sede Legale Sedi operative TREVOR SRL SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA VIA BRENNERO N 139, 38121 TRENTO, ITALIA TRENTO

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi Rino Cannizzaro, ADFOR Strumenti informatici anti-frode: analisi con ACL e cruscotti di monitoraggio Qualità dei Processi ADFOR: Idee

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale Se hai bisogno di una valvola che non perde fai di tutto pur di trovarla. Ma il mondo reale può darti

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante

ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante ICT e sicurezza delle transazioni a servizio dell evoluzione dei sistemi di supporto alla gestione del circolante Claudio Mauro Direttore RA Computer S.p.A. SIA Milano, 4 Dicembre 2012 SIA Verso il futuro:

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO INDICE PARTE I IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 1. Gli obiettivi aziendali ed il sistema di controllo interno...3 2. L evoluzione della nozione e degli obiettivi

Dettagli

LE FRODI BANCARIE. Milano, mercoledì 10 luglio 2013 Spazio Chiossetto Via Chiossetto 20

LE FRODI BANCARIE. Milano, mercoledì 10 luglio 2013 Spazio Chiossetto Via Chiossetto 20 LE FRODI BANCARIE L EVOLUZIONE NORMATIVA IL SISTEMA DI CONTROLLI INTERNI LE FRODI NEI SETTORI RETAIL, CORPORATE E CREDITO AL CONSUMO LE FRODI FINANZIARIE I PROCESSI DI DATA ANALYTICS E REPORTING L ATTIVITA

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale

Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Un adeguato Sistema di Controllo Interno funzionale ad una buona Governance Aziendale Roma, 17 Aprile 2015 Gianfranco Ruggiero Internal Audit Manager Obiettivo del presente lavoro è rappresentare con specifico

Dettagli

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Il risk manager per le imprese: dall aula all azienda nel percorso formativo Cineas La 18 edizione del master Cineas in Risk engineering

Dettagli

Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni

Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni Ing. Andrea Agosti, Senior Manager VP Tech Seminario di studio Anssaif Roma, 26 Gennaio 2006 Gli interrogativi del seminario Come stimare la probabilità

Dettagli

CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com

CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com CHI SIAMO CFO è una società di consulenza che opera dal 1993 nel campo dello

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010 XXIV Convegno AIEA Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali Siena, 21 ottobre 2010 Agenda Lo scenario di riferimento Il ruolo dell IT Audit nei diversi contesti Scelte

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Pierluigi Cipolloni Responsabile Direzione Audit Convegno Nazionale AIEA Livorno, 24 maggio 2007 Indice Internal Auditing:

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA...3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni

Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni Come rappresentare l azienda ai fini della gestione della sicurezza delle informazioni (a cura di M Cecioni CISA - Securteam) 19 dicembre 2006 Pag. 1 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. L'esigenza 2. Perchè

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance)

Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance) Nicola Pierallini EVP, Tagetik Gli strumenti del controllo economico-finanziario e l integrazione delle informazioni finanziarie ed i sistemi GRC (Governance, Risk e Compliance) FG Le applicazioni di Financial

Dettagli

Strumenti di copertura del rischio di credito per gli scambi commerciali delle PMI italiane: EasyLiner. Genova, 12 maggio 2016

Strumenti di copertura del rischio di credito per gli scambi commerciali delle PMI italiane: EasyLiner. Genova, 12 maggio 2016 Strumenti di copertura del rischio di credito per gli scambi commerciali delle PMI italiane: EasyLiner Genova, 12 maggio 2016 TURNOVER PROTETTO_DIREZIONE MARKETING E COMUNICAZIONE 03.2016 1 Contenuti 1.

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 18 Marzo 2015 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli