numero 98-5 luglio 2011 Strategie alternative per ridurre la volatilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "numero 98-5 luglio 2011 Strategie alternative per ridurre la volatilità"

Transcript

1 numero 98-5 luglio 2011 Strategie alternative per ridurre la volatilità

2 TEMA CALDO a cura di Titta Ferraro 2 Alla fiera dell Est Europa con in tasta gli ETF Dopo il riscatto del 2010, quest anno i Paesi dell Est Europa cercano la conferma. Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca in particolare stanno beneficiando indubbiamente del traino che arriva dalla Germania, loro maggior partner commerciale. A riprova delle buone prospettive di crescita c è stata la netta revisione al rialzo delle stime da parte del Fmi che a giugno ha portato a +5,3% la previsione per l area relativa al 2011, l 1,6% in più rispetto a quanto stimato solo 2 mesi prima. Di contro c è stata una revisione al ribasso per il 2012 a +3,2%. Tra i fattori di criticità che potrebbero emergere ci sono le politiche monetarie restrittive necessarie per contenere le pressioni inflattive. Anche i possibili rialzi dei tassi Bce potrebbero impattare nei prossimi trimestri sulle prospettive di crescita dei Paesi maggiormente dipendenti dalla Germania. La crescita è vicina al potenziale e la domanda locale sta diventando un fattore di crescita più importante, preoccupazione principale è invece l inflazione, commenta Marcus Svedberg, capo economista di East Capital, società di gestione indipendente specializzata nei mercati dell Est Europa. Da inizio anno l indice MSCI Emerging Markets Eastern Europe risulta in progresso di 11 punti percentuali, decisamente meglio del risicato +1,5% dell Msci Emerging Markets. A Piazza Affari sono molteplici gli ETF che permettono di prendere posizione sull Est Europa. L ishares Msci Eastern Europe 10/40 (TER dello 0,74%) è esposto su Russia, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia. Nessun titolo può superare il 10% del totale, mentre quelli compresi tra il 5 e il 10% non devono rappresentare oltre il 40% del totale. Un meccanismo studiato per diminuire la dipendenza da singoli titoli e quindi aumentare la diversificazione. Spicca la prevalenza del mercato russo e di conseguenza dei titoli energetici. L Amundi ETF Msci Eastern Europe Ex Russia (TER dello 0,45%) esclude invece proprio il mercato russo. Struttura simile per il Lyxor ETF Eastern Europe (TER dello 0,5%) che va a replicare il CECE Composite Index, composto da una trentina di azioni di società. Infine, differente collocazione per l ETF Market Access South-East Europe Traded Index (TER dello 0,8%) che consente un esposizione alle principali società quotate sulle borse di Bulgaria, Croazia, Romania, Serbia e Slovenia. Paesi quali Polonia e Repubblica Ceca beneficiano del boom tedesco. ETF News fa il punto sui replicanti che permettono di cogliere le opportunità dei mercati emergenti dell Est Europa L alternativa degli ETF sull area Emea Non solo Est Europa. L area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) include anche importanti mercati come il Sudafrica, la Turchia, nonché i Paesi del Medio Oriente e dell Africa settentrionale. In Italia sono presenti due strumenti legati all area Emea: il Cs ETF (IE) On Msci Em Emea replica l andamento dell indice Msci EMEA Emerging Markets Total Return; stesso sottostante per il db X-Trackers Msci Em Emea Trn Index ETF. L indice MSCI Em Emea attualmente vede il Sudafrica avere maggior peso (39,46%), seguito da Russia (36,56%), Polonia (9,34%) e Turchia (7,56%), pesi di circa il 2% per Egitto, Repubblica Ceca e Ungheria. Volgendo lo sguardo a Londra, a fine giugno ha debuttato il FTSE Emerging EMEA 40 Source ETF, fondo creato da Source in collaborazione con Bank of America Merrill Lynch e concepito per offrire un esposizione efficiente ai paesi emergenti dell area Emea. Attualmente i pesi principali sono costituiti da Sudafrica (29%), Russia (28%), Polonia (16%), Turchia (11%), Ungheria (7%) e Repubblica Ceca (7%). In seguito potranno essere inclusi altri paesi quali Egitto, Israele, Marocco ed Emirati Arabi Uniti. Fonte: Bloomberg

3 News NEWS DAL MONDO ETF Ossiam porta i propri ETF anche a Parigi Dopo Francoforte e Milano, Ossiam mette piede anche a Parigi. L emittente transalpino che fa capo a Natixis Global Asset Management ha portato sul mercato parigino 6 ETF. Rispetto ai 5 già proposti a Francoforte (solo 4 invece a Milano) spicca la presenza di un ETF correlato all indice Cac 40 Equal Weight, con ognuna delle 40 principali blue chip francesi che presenta lo stesso peso. Deutsche Bank db X-trackers Coperto dal rischio di cambio db x-trackers S&P 500 (Euro Hedged) ETF Indici a portata di mano ETF Securities porta sull Euronext 2 ETF a leva sul Cac 40 Mercoledì 6 luglio debutteranno sull Euronext di Parigi l Etfx Cac 40 2x Long Fund e l Etfx Cac 40 2x Short Fund, fondi a leva 2 long e short proposti da ETF Securities che presentano un costo di gestione annuo rispettivamente dello 0,5% e dello 0,6%. Source lancia a Londra un ETF sull area Emea Ha debuttato a Londra il FTSE Emerging EMEA 40 Source ETF, fondo passivo creato da Source in collaborazione con Bank of America Merrill Lynch per offrire un esposizione efficiente ai paesi emergenti dell area Emea. L indice FTSE EMEA Emerging 40, che prevede una commissione di gestione dello 0,60%, comprende i 40 titoli principali e maggiormente liquidi dell area. Si tratta di un area che attualmente è soggetta a mutamenti incredibilmente rapidi sottolinea Stefano Caleffi, responsabile di Source per l Italia -. In un mercato così dinamico, non è importante solo offrire agli investitori l accesso, ma anche un la possibilità di investire e disinvestire in modo rapido ed efficiente. Investire nel mercato americano neutralizzando il rischio di cambio. Il db x-trackers S&P 500 (Euro Hedged) ETF è il primo ETF quotato su Borsa Italiana che permette di investire nel principale indice azionario degli Stati Uniti minimizzando il rischio di cambio Euro/Dollaro 1. Per coloro che invece desiderassero trarre beneficio da un investimento in dollari, db X-trackers ha creato l ETF sullo S&P 500 per puntare sul rialzo del principale indice americano senza copertura del rischio valuta. Per maggiori informazioni Internet: Numero verde: Fax: Reuters: DBETF Bloomberg: DBETF < GO > Educational Nel corso della seduta di negoziazione, per non cadere in errore quando si fa un confronto tra i rendimenti percentuali dell ETF e quelli dell indice, per l indice bisogna confrontare l ultimo valore nella seduta in corso rispetto al valore di chiusura nella seduta precedente. Per l ETF, invece, il confronto va fatto tra la quotazione del fondo nella seduta in corso (ad esempio il valore medio ponderato del bidask) rispetto al NAV (Net Asset Value) dell ETF della seduta precedente. Il NAV viene calcolato proprio sul valore di chiusura dell indice sottostante. E invece sbagliato confrontare la quotazione dell ETF con il prezzo di riferimento dell ETF (calcolato da Borsa Italiana) della seduta precedente, poiché quest ultimo è una media ponderata delle ultime quotazioni bid-ask della seduta di negoziazione in continua (che termina alle ore 17:25), mentre il valore di chiusura dell indice è calcolato dopo le ore 17:30 sulla base delle aste di chiusura delle azioni sottostanti. In questo lasso di tempo (17:25-17:30) l indice sottostante può presentare delle significative variazioni. 3 Nome ISIN TER Valuta Copertura del rischio di cambio db x-trackers S&P 500 (Euro Hedged) ETF LU ,30 % Euro Sì db x-trackers S&P 500 ETF LU ,20 % Dollari No Deutsche Bank Exchange Traded Funds 1 La copertura del rischio cambio viene effettuata a livello di indice sottostante al termine di ciascun mese mediante contratti a termine di durata mensile. Nel periodo compreso tra ciascun aggiustamento l importo nominale della copertura potrebbe non corrispondere esattamente all esposizione in valuta estera dell ETF. Avvertenze Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto, completo e semplificato, nonché il documento di quotazione relativo al comparto db X-trackers di riferimento e in particolare le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all investimento, ai costi e al trattamento fiscale. Potete ottenere gratuitamente tali documenti presso Deutsche Bank AG, Via Santa Margherita 4, Milano e sul sito Deutsche Bank AG e gli sponsor degli indici non rilasciano alcuna dichiarazione o garanzia circa i rendimenti che possono essere ottenuti dall utilizzo del relativo indice. La pubblicazione del presente documento non costituisce una modalità di offerta al pubblico da parte di Deutsche Bank AG e non costituisce o intende fornire alcun giudizio, da parte della stessa, sull opportunità dell eventuale investimento ivi descritto. Il capitale investito non è protetto o garantito. Pertanto si possono subire delle perdite. Prima dell adesione leggere il documento di quotazione, il prospetto ed il prospetto semplificato del comparto rilevante. db X-trackers_Anz_S&P_124x200_it.indd :55

4 NUOVE EMISSIONI a cura di Titta Ferraro Ridurre la volatilità con gli ETF. Ossiam punta su indici Minimum Variance ed Equal Weight L ausilio di metodologie quantitative per offrire agli investitori soluzioni innovative che vanno oltre la replica dei tradizionali indici a capitalizzazione di mercato. Ossiam, il nuovo emittente transalpino che fa capo a Natixis, ha fatto il suo debutto sul mercato degli ETF prima in Germania e subito dopo in Italia. E avvenuta il primo di luglio la quotazione sull ETFPlus di Borsa Italiana dei primi ETF Ossiam basati su due strategie di investimento innovative per l Italia e per l Europa. Si tratta degli ETF Ossiam Minimum Variance che offrono un esposizione ad un portafoglio diversificato dove i titoli sono selezionati e ponderati con un ottica di mitigare il rischio. Poi vi sono invece i due ETF Ossiam Equal Weight che si basano su indici della zona Euro e della zona europea allargata e attribuiscono lo stesso peso ad ogni componente dell indice al fine di evitare effetti di concentrazione e sovraponderazioni di titoli dalla capitalizzazione più importante. Con questi ETF ha rimarcato Isabelle Bourcier, responsabile globale dello sviluppo di Ossiam, nel corso della presentazione tenutasi settimana scorsa in Borsa Italiana - offriamo agli investitori un esposizione a strategie di investimento dai profili di rischio/rendimento complementari e facili da integrare in un allocazione di portafoglio globale. Tutti e quattro gli ETF prevedono la capitalizzazione dei dividendi. Il metodo di replica utilizzato è quello della replica sintetica con swap che non potrà superare il 7% (le possibili controparti dello swap sono Natixis, BNP Paribas e Morgan Stanley). L emittente transalpino, in prospettiva, intende sviluppare anche fondi passivi a replica fisica. La scelta della tecnica di replica verrà fatta di volta in volta in base a quella che si mostrerà più adatta in funzione dei prodotti lanciati, ha sottolineato Alexandre Vecchio, responsabile dello sviluppo per l Italia di Ossiam. Il nuovo emittente si propone di offrire ETF specializzati con l utilizzo di strategie Minimum Variance ed Equal Weight in un ottica di riduzione del rischio attraverso l uso di indici non a capitalizzazione Caratteristiche dei nuovi ETF Ossiam Nome ETF ISIN Sottostante Ter Dividendi 4 Ossiam ETF Us Minimum Variance LU Ossiam US Minimum Variance Index NR 0,65% Capitalizzati Ossiam ETF istoxx Europe Minimum Variance LU istoxx Europe Minimum Variance index NR 0,65% Capitalizzati Ossiam ETF EuroStoxx 50 Equal Weight LU EuroStoxx 50 Equal Weight Index NR 0,30% Capitalizzati Ossiam ETF Stoxx Europe 600 Equal Weight LU Stoxx Europe 600 Equal Weight Index NR 0,35% Capitalizzati Fonte: Ossiam

5 NUOVE EMISSIONI 5 Minimum Variance per minimizzare la volatilità complessiva del portafoglio L intento di questi ETF è quello di andare a cercare alpha rispetto ai tradizionali benchmark attraverso l uso di metodologie quantitative, in particolare per gli indici Minimum Variance si va alla ricerca di una minimizzazione del rischio andando a selezionare i titoli che presentano minore volatilità. L Ossiam ETF istoxx Europe Minimum Variance NR e l Ossiam ETF Us Minimum Variance NR, entrambi con TER (Total Expence Ratio) dello 0,65%), hanno come obiettivo quello di replicare indici concepiti per ottenere un portafoglio ottimizzato, che si compone da una selezione di azioni le cui volatilità sono tra le minori dell universo di investimento e con delle correlazioni storiche tra titoli abbastanza basse da consentire una riduzione del rischio. Il primo ha come sottostante l indice istoxx Europe Minimum Variance index Net Return che calcolare la performance di una selezione di titoli, compresi nell indice Stoxx Europe 600, che sono tra i più liquidi e che vengono ponderati al fine di minimizzare la volatilità del portafoglio complessivo. L indice è calcolato e pubblicato in tempo reale e a fine giornata da STOXX Ltd. Il secondo ETF va a replicare invece l andamento dell indice Ossiam US Minimum Variance Index Net Return che calcola la performance di una selezioni di titoli, compresi nell indice S&P 500, anch essi tra i più liquidi e ponderati al fine di minimizzare la volatilità del portafoglio complessivo. L indice Ossiam US Minimum Variance è calcolato e pubblicato in tempo reale e a fine giornata da Standard & Poor s. I back test effettuati da Ossiam con orizzonte temporale di oltre 9 anni (da inizio 2002 fino al 31/5/2011) hanno una volatilità almeno del 30% inferiore a quella dei propri benchmark, riducono significativamente i drawdowns e, inoltre, presentano una performance annualizzata migliore rispetto ai tradizionali benckmark (+7,63% l indice istoxx Europe Minimum Variance rispetto al +2,16% dello Stoxx Europe 600, con volatilità del 12,51% per il primo e del 20,85% per il secondo). Equal Weight: ogni titolo ha lo stesso peso per favorire una maggiore diversificazione L altra coppia di replicanti è composta dall Ossiam ETF Euro Stoxx 50 Equal Weight (TER 0,30%) e dall Ossiam ETF Stoxx Europe 600 Equal Weight (Ter 0,35%). In questo caso viene offerta agli investitori una diversificazione maggiore ai mercati azionari europei eliminando la sovraponderazione di un limitato gruppo di titoli nei loro universi di investimento rispettivi. Gli indici equi-ponderati sottolinea Isabelle Bourcier - offrono una soluzione semplice per costruire portafogli con maggiore diversificazione, evitando la concentrazione e le tendenze trend follower degli indici ponderati per capitalizzazione. Per esempio, nell indice Stoxx Europe 600, le 50 azioni più importanti rappresentano circa 49% dell indice per capitalizzazione e solo circa 9% dell indice equal weight. Pertanto nell ETF che ha come sottostante l indice Stoxx Europe 600 Equal Weight Index Net Return ciascuna componente dell indice lo stesso peso di 0,1667% ad ogni data di revisione fissata alla fine di ciascun trimestre (terzo venerdì di marzo, giugno, settembre e dicembre). Stesso discorso per l ETF con sottostante l indice Euro Stoxx 50 Equal Weight Index Net Return con a ciascuna componente dell indice equal weight che viene assegnato un peso di 2% ad ogni data di revisione fissata alla fine di ciascun trimestre. ETF specializzati con l esperienza degli ex di Lyxor Focus sull innovazione. Isabelle Bourcier, responsabile globale dello sviluppo di Ossiam, ha rimarcato nel corso della presentazione tenutasi in Borsa Italiana come la nuova realtà mira a concentrarsi esclusivamente su ETF specializzati che offrano valore aggiunto agli investitori sull esempio di altri emittenti di nicchia presenti negli Usa. Il team di Ossiam è composto da persone che hanno già una lunga esperienza nel settore degli ETF. Isabelle Bourcier vanta 16 anni di esperienza in Société Générale dove dal 2000 ha seguito lo sviluppo di Lyxor AM. Esperienza in SocGen anche per Alexandre Vecchio che dal 2004 al 2007 è stato responsabile commerciale degli ETF e dei prodotti quotati in Italia. Ossiam, fondata nel 2009, lo scorso anno ha visto l ingresso come socio di controllo di Natixis Global Asset Management che risulta detenere oltre la metà del capitale e intende arrivare ad avere un controllo totale. Fonte: Stoxx/ Ossiam

6 FOCUS BANCA IMI Collegati al sito per leggere tutte le ricerche o ascoltare i risultati con il servizio Podcast L APPROFONDIMENTO DI BANCA IMI 6 Borse in balia della crisi in Grecia Il forte rimbalzo dei listini delle ultime sedute è avvenuto grazie all approvazione del piano di austerità da 28 mld di euro (oltre a 50 mld di privatizzazioni) presentato dal Governo di Papandreou, che ha allontanato lo spettro di un default del paese ellenico consentendo il via libera alla tranche di 12 mld di euro di prestiti da parte dell Unione Europea e del Fondo Monetario Internazionale per far fronte alle imminenti scadenze di rifinanziamento. Ad ogni modo, nonostante la manovra sia stata approvata, resta sempre l incognita di una maggioranza risicata, che in caso di ulteriori ritocchi sarebbe sempre soggetta a possibile sfiducia. Un eventuale default porterebbe la Grecia in una recessione pesantissima dato l enorme debito accumulato, che ha condotto il rapporto di debito/pil al 157,7%, accompagnato da un disavanzo primario pari a 5% del PIL e da uno sbilancio commerciale dell 8-9% sul PIL. Inoltre, l uscita dall euro comporterebbe una svalutazione pesantissima della dracma, ed essendo la Grecia un paese importatore di materie prime e dipendente dall estero incorrerebbe in una crisi epocale. Di contro, la popolazione è ricorsa a scioperi generali poiché le austere misure adottate dal Governo continuano a pesare sui lavoratori dipendenti e non sono ancora state adottate quelle necessarie per combattere l evasione fiscale elevatissima. Attualmente le obbligazioni elleniche in circolazione sono pari a 340 mld di euro, di cui 110 mld detenuti da operatori finanziari greci e 230 mld da investitori esteri, fra cui il peso maggiore è delle banche francesi, seguito da quelle tedesche. Ad ogni modo, i paesi europei si stanno accordando per allungare le scadenze dei titoli detenuti dalle banche, muovendosi su un terreno minato per non farne dichiarare l insolvenza. In termini di riflessi sui Paesi europei, un eventuale default avrebbe effetti particolarmente rilevanti sia per quelli esposti pesantemente ai titoli greci, sia per quelli molto indebitati come l Italia, che vedrebbero peggiorare fortemente il costo del finanziamento, con ulteriori aggravi sul debito. In tale contesto, l Italia ha approvato una manovra correttiva molto rilevante per non incorrere in un downgrade di rating sul debito sovrano. Fra i rischi annoveriamo anche la restrizione monetaria nei Paesi Emergenti, adottata per tenere l inflazione sotto controllo. Questi paesi evidenziano segnali di eccessiva espansione del credito: Cina, India, Brasile e Russia presentano un rapporto credito/pil molto elevato. Timori anche per le restrizioni monetarie e fiscali attese nel prossimo biennio negli Stati Uniti, dato l aumento del debito pubblico che ha raggiunto dimensioni elevate. Per il momento si è chiuso il programma di stimolo quantitativo dopo che l inflazione core ha ricominciato a salire. Infine, la restrizione fiscale nell Eurozona e la parziale rimozione dello stimolo monetario contribuiscono I mercati azionari restano fortemente condizionati dalla crisi del debito dei Paesi periferici e, in particolare, dagli sviluppi della situazione in Grecia A cura del Servizio studi e Ricerche Intesa Sanpaolo Il presente articolo costituisce l estratto di un documento di ricerca redatto da Intesa Sanpaolo e distribuito da BancaIMI. Per ogni dettaglio informativo relativo al documento, alle avvertenze e ai conflitti di interesse dell analista, di BancaIMI e del Gruppo Bancario di appartenenza (Intesa- Sanpaolo) si invita a voler consultare il sito

7 FOCUS BANCA IMI L APPROFONDIMENTO DI BANCA IMI Volatilità dei mercati in aumento, si conferma la forza relativa degli indici dei Paesi core dell eurozona Multipli, crescite e PEG dei principali indici azionari ( ) Valore P/E P/E Var. Var. Var. Var. PEG 2011E 2012E EPS % EPS % EPS % EPS (P/E (x) (x) 2010E 2011E 2012 Medio 11E su % var EPS 12E 2012E) Eurostoxx 267,9 10,42 9,12 49,22 14,19 17,55 15,87 0,59 Eurostoxx ,9 9,42 8,48 27,54 13,04 13,37 13,20 0,70 Stoxx ,0 10,68 9,45 40,47 15,03 15,24 15,13 0,70 DAX 7.107,9 10,90 9,52 High 4,37 14,53 9,45 0,75 CAC ,6 9,85 8,86 45,94 13,15 11,46 12,31 0,86 FTSE ,3 10,08 9,02 45,44 24,71 11,72 18,22 0,86 Ibex ,2 9,90 8,82 7,58 10,56 17,71 14,14 0,56 FTSE MIB 9,91 8,58 17,40 20,72 15,54 18,13 0, ,1 FTSE All Share 9,79 8,36 29,10 24,37 18,85 21,61 0, ,1 SMI 5.990,8 12,20 10,62 17,72 3,96 14,48 9,22 0,84 S&P ,1 12,70 11,22 60,33 19,12 13,14 16,13 0,97 NASDAQ Composite 2.688,3 16,28 13,58 71,53 23,66 19,07 21,37 0,85 Dow Jones Industrial 12,12 10,80 30,88 14,61 12,14 13,38 1, ,5 Nikkei ,3 15,55 12,86 High 27,77 20,89 24,33 0,74 Hang Seng 11,32 10,17 24,42 18,57 11,31 14,94 1, ,7 Sensex 30 15,91 13,52 21,20 22,51 20,36 21,44 0, ,4 Bovespa 9,84 8,79 43,50 16,17 11,86 14,02 0, ,9 RTS Interfax 1.842,2 6,51 6,31 High 24,37 3,66 14,01 1,78 Fonte: FactSet Nota: i valori degli indici sono in valuta locale. E= expected, atteso; NS= non significativo; High= valore fortemente positivo, che spesso scaturisce da un confronto con un valore precedente molto ridotto; Neg.= dato negativo. 7 a frenare il ritmo della ripresa economica. In tale contesto, la crescita mondiale è attesa al 4% sul 2011 e al 4,3% per il Analizzando lo spaccato per area geografica emerge la robustezza dei Paesi core, come la Germania, la cui crescita è attesa al 3,3%, e le difficoltà dell Italia, stimato pil a +1%. Nel 2011 si sono fatti passi in avanti per la stabilizzazione del debito, anche se la zona di sicurezza resta lontana. In tale contesto, i rischi sul mercato azionario restano elevati e la volatilità continua ad aumentare sugli indici domestici ed europei, confermando la disparità fra periferici e Paesi core, che presentano un andamento decisamente migliore. Manteniamo una view prospettica positiva sull equity, a condizione che non si ripresenti a breve lo spettro di un default della Grecia. Viceversa, le condizioni per i mercati europei peggiorerebbero fortemente: oltre a un impatto molto rilevante su banche e assicurazioni, aumenterebbe il costo di finanziamento per gli Stati sovrani rendendo obbligatorie ulteriori manovre correttive, che rallenterebbero ancora di più l economia, soprattutto nei paesi più indebitati. Ribadiamo la nostra strategia di effettuare un oculata scelta settoriale prediligendo i comparti meno esposti alla crisi dei periferici e continuando a escludere quelli più coinvolti, come Bancari, Assicurativi, Cementieri e Costruzioni, adatti a clientela più speculativa e in grado di effettuare trading. Relativamente agli indici statunitensi manteniamo una view positiva, anche se i dati congiunturali mostrano una crescita meno sostenuta delle attese. I fondamentali degli indici restano attraenti, con multipli di P/E contenuti e stime di crescita degli utili elevate. In tale contesto, per l S&P500 il consenso stima un P/E 2011E a 12,7x e 2012E a 11,22x a fronte di un aumento degli utili del 2011 pari al 19,12% e del 2012 a +13,14%, in linea con le rilevazioni del mese scorso. Il dividend yield resta inferiore a quello europeo, ma le stime di consenso vengono leggermente riviste al rialzo al 2,05%, mentre viene confermato il ROE al 15,76%, più elevato di quello europeo. Per il 2011 il consenso si attende un aumento del fatturato al 10,12% con forte contribuzione di Energia (+25,03%), Risorse di base (18,16%) e Auto (+13,71%). In termini di stime di crescita del PIL, le nostre attese sono state riviste al ribasso e attualmente vertono per un aumento del 2,5% nel 2011 (dal precedente 2,6%), e del 2,6% per il 2012 (dal precedente 2,9%). Per quanto riguarda l Eurostoxx il consenso conferma le crescite attese per gli utili nel 2011 al 14,19% e nel 2012 al 17,55%, a fronte di multipli di P/E a sconto rispetto alla media storica e pari a 10,42x per il 2011 e a 9,12x per il Il dividend yield del benchmark europeo viene leggermente rivisto al rialzo dal consenso al 4,24% per l esercizio in corso e al 4,74% per il 2012, mentre il ROE resta inferiore a quello statunitense e atteso dal consenso all 11,75%. A livello geografico, confermiamo la preferenza per i mercati statunitensi e per i Paesi core europei, come DAX e CAC,

8 FOCUS BANCA IMI che mostrano elevata forza relativa, supportata dai fondamentali più attraenti. I periferici continuano a mostrare debolezza, e Spagna e Italia continuano a esprimere maggior volatilità dato il quadro macro più debole e il forte peso dei Finanziari. Per quanto riguarda il FTSE MIB, il consenso mantiene prospettive di crescita degli utili superiori alla media per il 2011, al 20,72%, e al 15,54% per il 2012, dopo gli aumenti decisamente inferiori al benchmark registrati nel In tale contesto, i multipli di P/E risultano a sconto rispetto alla media storica e al benchmark europeo pari a 9,91x per il 2011 e a 8,58x per il In termini di PIL le nostre stime di crescita si confermano all 1% per l esercizio in corso e allo 0,8% per il successivo. A livello settoriale europeo, sui fondamentali ribadiamo positività prospettica su Energia, Risorse di base, Industriali e Chimici. Di contro, si confermano rischiosi i settori legati fortemente ai problemi incombenti sui debiti sovrani, come Bancari e Assicurativi, e, in misura comunque considerevole, i Cementieri/ Costruzioni, tra i primi a soffrire dei tagli effettuati dal settore pubblico. In particolare, scongiurato il default in Grecia, l indice settoriale bancario recupera forza nel breve nonostante i giudizi negativi di alcune agenzie di rating su istituti di credito francesi e italiani. Inoltre, le banche tedesche e transalpine hanno deciso di sostenere un rollover del debito greco per i prossimi anni, con la sostituzione di parte dei titoli in scadenza fino al 2012 con altri bond di durata più lunga. Rimbalzano decisamente Cementieri/ Costruzioni, dopo le decise flessioni degli ultimi mesi. Il settore resta legato alle vicende degli elevati debiti pubblici che frenano i progetti delle Grandi Opere. In tale contesto, resta scarsa la visibilità relativa all andamento della domanda nei prossimi trimestri. Al pari di altri comparti legati al ciclo mostrano forza relativa le Risorse di base, nonostante il dato relativo al PMI cinese di giugno inferiore alle attese, interpretato come un possibile segnale di rallentamento della domanda di materie prime da parte del paese asiatico. Rimane positivo il comparto Chimico, grazie alle attese di crescita della domanda di fertilizzanti. Il comparto Auto conferma forza relativa trainato dalle vendite nei paesi emergenti, mentre rimangono le criticità sulle immatricolazioni in Europa. Dopo i forti incrementi di Germania e Francia nei mesi scorsi, i nuovi dati di giugno relativi alle immatricolazioni evidenziano un calo anche in Francia (-12,6%) dato l effetto comparativo sfavorevole con il mese di giugno dello scorso anno, caratterizzato ancora dalla presenza degli incentivi statali. In flessione anche il dato in Italia (-1,7%), mentre proseguono inesorabilmente i cali in Spagna (-31,4%) per il dodicesimo mese consecutivo. L associazione di categoria Anfia stima un mercato dell auto europeo nel 2011 in leggera flessione rispetto all andamento del 2010; una flessione più marcata dovrebbe registrarsi nell area dei 15 Paesi UE e dell EFTA, bilanciata dall andamento nei Paesi nuovi membri UE. L azionario spagnolo e quello italiano continuano a mostrare una maggiore volatilità dovuta al debole quadro macro e al forte peso dei titoli finanziari 8

9 OSSERVATORIO ETF La pagina dei numeri di ETF News Far East - Indice Nikkey CHIUSURA VARIAZIONE% 3 MESI 6 MESI 12 MESI Giappone ,71-3,93 7,62 Cina 742-8,71-10,42 35,23 Russia ,75 10,02 47,78 Brasile ,51-10,13 4, gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 Usa - Indice Dow jones gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 CHIUSURA VARIAZIONE% 3 MESI 6 MESI 12 MESI Dow Jones ,47 7,63 29,90 S&P ,51 5,47 31,01 Nasdaq ,15 4,88 36,63 Russell ,10 6,90 40,25 Commodity - Indice CRB gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 CHIUSURA VARIAZIONE% 3 MESI 6 MESI 12 MESI Crb 337-6,40 3,44 33,21 Brent 95-11,70 5,94 32,60 Oro ,73 9,62 24,69 Cacao ,87 6,99 7,39 Nelle tabelle sono riportati solamente gli Etf quotati sul segmento ETFplus di Borsa Italiana Spa. I dati sono elaborati su base quindicinale. Il trend indicato nelle ultime due colonne è dato dall incrocio di due medie mobili. Per quella di breve periodo, l indicazione è positiva tutte le volte che la media mobile esponenziale a 5 giorni perfora verso l alto quella a 20 giorni mentre è negativa ogni volta che la media a 5 giorni perfora verso il basso quella a 20 giorni. Per quello di medio termine l indicazione è positiva tutte le volte che la media mobile esponenziale a 20 giorni perfora verso l alto quella a 50 giorni mentre è negativa ogni volta che la media a 20 giorni perfora verso il basso quella a 50 giorni. PREZZO volumi per % 1 mese per % 6 mesi TREnd bt Trend mt I MIGLIORI A 1 MESE Lyxor Etf Stx Eu 600 Au-Prts 39, ,60 10,53 s s Lyxor Etf Levdax 55, ,5 9,49 13,07 s t Etfx Dax 2X Long Fund 166,51 399,1 9,17 11,42 s t Amundi Etf Lev Usa 244,74 364,8 6,37-8,53 s t Csetf On Msci Japan Sml Cap 71,17 284,05 6,16-8,79 s s I MIGLIORI A 6 MESI Lyxor Etf Levdax 55, ,5 9,49 13,08 s t Etfx Dax 2X Long Fund 166,51 399,1 9,17 11,42 s t Lyxor Etf Stx Eu 600 Au-Prts 39, ,60 10,53 s s Lyxor Etf Msci Eur Real Est 31,2 713,1 2,08 9,98 s = Ishares Ftse Epra/Nar Uk Prp 5, ,6 2,02 9,64 = s I PEGGIORI A 1 MESE Lyxor Etf Daily Shortdax X2 27, ,05-10,13-17,02 t s Etfx Dax 2X Short Fund ,85-9,27-17,32 t s Amundi Etf Gsci Ag 64, ,38-15,37 t t Rbs Market Access Rogers Int 100,86 751,6-6,93-14,11 t t Etfx Dj Euro St 50 Dbl Sh 2X 45,58 553,5-6,38-13,62 t s I PEGGIORI A 6 MESI Db X-Trackers Ftse Vietnam 20, ,75-0,81-29,41 t t Pwrshr M/E No Afr Nasdaq Omx 7,9 336,35-4,07-23,71 t t Db X-Trackers S&P 500 2X Inv 12, ,8-5,00-22,00 t s Etfx Daxglobal Shipping Fund 15,645 66,2-0,22-21,18 s t Ishares Msci Turkey 25, ,05-0,06-20,30 = t I PIù SCAMBIATI / QUANTITà Lyxor Etf Leveraged Ftse Mib 13, ,23-0,38 s t Lyxor Etf Xbear Ftse Mib 30, ,9 2,41-8,08 t s Ishares S&P 500 Index Fund 9, ,9 3,45-4,47 s t Ishares Euro Stoxx 50 29, ,7 2,71 3,40 s t Lyxor Etf Ftse Mib 20, ,90 1,07 s t I Più ScAMBIATI / VALORE Lyxor Etf Xbear Ftse Mib 30, ,41-8,08 t s Lyxor Etf Leveraged Ftse Mib 13, ,23-0,38 s t Lyxor Etf Euro Cash Eonia In 106, ,05 0,36 = = Lyxor Etf Levdax 55, ,49 13,08 s t Lyxor Etf Dax 72, ,84 7,42 s t Più ATTIVI / VALORE Db x-trackers-dj Stoxx 600 Insurance Short 38,52 300% 6,23-10,93 s s Ishares S&P Global Tim&Forest 11, % -10,72-14,26 t t Db X-Trackers Stoxx 600 Tecnology 21,09 255% 5,79-7,24 s t Db X-Trackers Stoxx 600 Industrial Good 51,61 250% -1,96 2,87 = s Ishares Stoxx Large 200 De 29,13 248% -2,92 0,50 t = Fonte: Bloomberg - dati aggiornati al 05/07/2011

10 10 OSSERVATORIO ETF Il Commento agli ETF La ripresa dei mercati sull onda dello schiarirsi della crisi greca in seguito al voto favorevole del Palamento al piano di austerity, passaggio che ha portato alla concessione da parte di Ue e Fmi della quinta tranche di aiuti ad Atene, ha spinto le performance degli ETF a leva long, in particolare quelli legati al mercato azionario tedesco, quotati sul mercato ETFplus di Borsa Italiana. Nell ultimo mese spicca infatti il rialzo messo a segno dal Lyxor Etf Levdax (+9,49%) e quello dell ETFX Dax 2X Long Fund (+9,17%). Meglio dei prodotti a leva long ha fatto il Lyxor ETF STOXX Europe 600 Auto & Parts con un balzo a doppia cifra (+12,6%). A sei mesi bene ancora una volta il Lyxor Etf Levdax che primeggia con un +13,08%, seguito Il ritorno dell ottimismo sui mercati finanziari ha premiato gli ETF che investono a leva, in particolare quelli sul Dax dall ETFX Dax 2X Long Fund (+11,42%). In terreno negativo invece nell ultimo mese gli strumenti a leva short con il Lyxor ETF Daily Short Dax X2 che ha perso oltre il 10%, seguito a ruota dall ETFX Dax 2X Short Find (-9,27%). Mese negativo anche per i fondi passivi esposti sulle materie prime agricole con l Amundi ETF Gsci Agricolture (-8,38%). A sei mesi tra i peggiori spiccano il Db X-trackers Ftse Vietnam (-29,41%) e il Db X-trackers S&P 500 2X Inverse (-22%). Tra gli ETF più scambiati per numero di pezzi spicca ancora una volta il Lyxor Etf Leveraged Ftse Mib con una media giornaliera di 1,77 milioni di pezzi. Seguono il Lyxor Etf Xbear Ftse Mib con negoziazioni per 980mila unità e poi l Ishares S&P 500 Index Fund con 551mila pezzi. Il maggiore controvalore di negoziazione è stato realizzato dal Lyxor Etf Xbear Ftse Mib con transazioni medie giornaliere per 24,8 milioni di euro. Seguono il Lyxor Etf Leveraged Ftse Mib con scambi per 20,7 milioni di euro e poi il Lyxor Etf Eurocash Eonia con transazioni per 14,02 milioni di euro. La presente newsletter ETF News ha carattere puramente informativo e non rappresenta né un offerta né una sollecitazione ad effettuare alcuna operazione di acquisto o vendita di strumenti fi nanziari. Il Documento è stato preparato da Brown Editore S.p.A (l editore) in completa autonomia e rifl ette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell Editore stesso. Il presente Documento è distribuito per posta elettronica a chi è iscritto ai servizi di newsletter di Finanza.com ed a chi ne ha fatto richiesta, è destinato al pubblico indistinto e non può essere riprodotto o pubblicato, nemmeno in una sua parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di Brown Editore S.p.a. Qualsiasi informazione, opinione, valutazione e previsione contenute nel presente Documento è stata ottenuta da fonti che gli Editori ritengono attendibili, ma della cui accuratezza e precisione l editore non potrà essere ritenuto responsabile né possono assumersi responsabilità alcuna sulle conseguenze fi nanziarie, fi scali o di altra natura che potrebbero derivare dall utilizzazione di tali informazioni. 4 ETF BTP Future (Double Short e Leverage) BUND Future (Double Short e Leverage) Richiedi gratuitamente la documentazione di tutti gli ETF di Lyxor a: - - LYXOR <GO> Solo per Consulenti: tel Solo per Istituzionali: tel MESSAGGIO PUBBLICITARIO Tassi e Credit Spread: ora hai gli strumenti per gestirli I 4 Lyxor* ETF, unici nel proprio genere, permettono di gestire un portafoglio obbligazionario beneficiando o coprendosi dalle variazioni dei tassi/prezzi (indotti dalla BCE, dalle dinamiche dei credit spread ecc..). Questi ETF per esempio permettono di coprire un portafoglio di Titoli di Stato italiani da variazioni avverse dei tassi con un impiego di capitale minimo (una frazione della posizione long da coprire) grazie all elevata Modified Duration (circa ±15) (1). Inoltre essi permettono di investire su: 1) Rialzo / Ribasso dei prezzi dei BTP (BTP2L / BTP2S) e dei BUND (BUND2L / BUND2S); 2) Allargamento / Restringimento dello spread dei tassi BTP-BUND (BTP2S e BUND2L / BTP2L e BUND2S). ETF ad elevato rischio (3). Liquidità da Société Générale, Optiver e UniCredit. Tutti i Lyxor ETF: 1) Non prestano i titoli; 2) Investono in titoli tra circa il 98% e il 100% del proprio patrimonio (2). SOTTOSTANTE NOME ETF BLOOMBERG REUTERS ISIN BTP Future Double Short (-2x) Lyxor ETF Daily Double Short BTP BTP2S IM BTP2S.MI FR BTP Future Leverage (+2x) Lyxor ETF Daily Leveraged BTP BTP2L IM BTP2L.MI FR BUND Future Double Short (-2x) Lyxor ETF Daily Double Short Bund BUND2S IM BUND2S.MI FR BUND Future Leverage (+2x) Lyxor ETF Daily Leveraged Bund BUND2L IM BUND2L.MI FR * I Lyxor ETF citati sono Fondi o Sicav francesi gestiti da Lyxor International Asset Management S.A. (qui per brevità Lyxor ) i cui prospetti sono stati approvati dalla AMF il 06/06/2011. (1) Il valore della Modified Duration potrebbe modificarsi anche sensibilmente nel tempo: circa 15,4 per i BTP Future e 14,6 per i Bund Future (fonte: Bloomberg al 10/06/2011). (2) I Lyxor ETF non si avvalgono della facoltà di prestare i titoli del proprio patrimonio nonostante essa sia prevista dalla normativa vigente e, in taluni casi, dal prospetto. Lyxor, in virtù di quanto previsto dalla direttiva UCITS III, è tenuta a garantire che il rischio di controparte sostenuto dal fondo a fronte di derivati non ecceda il limite prestabilito del 10% della NAV dell ETF. Sulla base di linee guida interne di gestione di tutti i Lyxor ETF, Lyxor ha optato per un range più conservativo nell investimento tra titoli e derivati del patrimonio dell ETF: tutti i Lyxor ETF, al fine di minimizzare il tracking error, di ottimizzare i costi di transazione e di ridurre i rischi operativi, alla data del 02/06/2011 hanno tra circa il 98% e il 100% del proprio patrimonio investito in titoli ammissibili secondo la direttiva UCITS e per la parte complementare (circa 0% - 2% del patrimonio) stipulano un contratto derivato con una controparte che fornisce un esposizione all indice benchmark di riferimento. Il patrimonio dell ETF può comprendere titoli che non sono componenti dell indice benchmark di riferimento. Gli indici benchmark replicati dagli ETF (e quindi gli ETF) hanno una leva fissa (-2x o +2x) che viene ribasata ogni giorno: di conseguenza la leva è valida solo durante la specifica seduta di negoziazione, mentre non è più valida per lassi di tempo superiori al giorno. Il valore degli ETF a leva amplia le oscillazioni al rialzo e/o al ribasso del sottostante dell indice benchmark. Il valore dell ETF può aumentare o diminuire nel corso del tempo e l investitore potrebbe perdere l intero capitale investito. Questo è un messaggio pubblicitario e non costituisce sollecitazione, offerta, consulenza o raccomandazione all investimento. Prima dell investimento negli ETF sopra menzionati leggere attentamente il Prospetto semplificato e il Documento di Quotazione, disponibili sul sito e presso Société Générale, Listed Products, via Olona 2, Milano, dove sono illustrati in dettaglio i relativi meccanismi di funzionamento, i fattori di rischio ed i costi. (3) ETF ad alto rischio rivolti ad investitori con elevata conoscenza ed esperienza in prodotti finanziari complessi.

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli