Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013"

Transcript

1 Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

2 Agenda 1. Gruppo Mediobanca 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni 1.3 Sviluppo della Governance 1.4 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo 2. Corporate e Private Banking ( CIB ) 2.1 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 2.2 Attività internazionali 2.3 Dati di sintesi 3. Principal Investing ( PI ) 4. Consumer e Retail Banking ( RCB ) 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 2

3 Gruppo Mediobanca Sezione 1

4 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1

5 Storia e missione Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione dell industria italiana tramite il finanziamento a medio-lungo termine e la consulenza aziendale Anni Sviluppo Anni Ristrutturazione dell industria italiana Anni 90 e inizio 2000 Le maggiori privatizzazioni italiane Anni 50: supporto alla fase di ricostruzione post-bellica dei principali gruppi italiani 1956: quotazione alla Borsa di Milano (primo gruppo bancario quotato nel dopoguerra) Avvio delle attività di Amministrazioni fiduciarie (Spafid, 1951), Credito al consumo (Compass, 1960) e Leasing (Selma, 1970) Ruolo chiave nella ristrutturazione dell industria italiana: Mediobanca diviene banca di riferimento dei maggiori gruppi del Paese. A metà degli anni 70 il portafoglio di partecipazioni include Ass.Generali (4,5%), Fiat (2,5%), Montedison (2,5%), Olivetti (5%), Pirelli & C. (3,3%) e Fondiaria (10%) 1988: privatizzazione dell istituto e costituzione del Patto di Sindacato tra azionisti pubblici-bancari (25%) e soci industriali privati (25%) Boom di operazioni di privatizzazione e quotazione, in cui MB conferma la sua posizione di leadership Ingresso nel settore dei finanziamenti immobiliari con Micos (1992) Incremento del portafoglio partecipazioni (Generali al 14%) Avvio attività di private banking con Banca Esperia (2001) e CMB (2003) Ultimi anni diversificazione Nuovo management (2003) e focus sulla crescita delle attività bancarie Internazionalizzazione dell attività CIB con l apertura della filiale di Parigi (2004), New York (2006), Madrid (2007), Francoforte (2007), Londra (2008) e Istanbul (2012) Compass acquisisce Linea (2007) divenendo un primario operatore indipendente nel credito al consumo Avvio delle attività nel retail banking con CheBanca! (2008) 5

6 Azionisti MB Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Patto di sindacato Mediobanca Il Patto di Sindacato, con scadenza nel dicembre 2015, racchiude il 30% (42% a giu-13) del capitale sociale Dal 2003 sono significativamente aumentati il flottante, il peso degli investitori istituzionali e degli azionisti esteri Azionista Quota Unicredit 8,7% Mediolanum 3,4% Totale Gruppo A 12,0% Edizione (Benetton) 2,2% Pirelli & C. 1,8% Italmobiliare 1,6% FINPRIV 1,7% Fininvest 1,0% Altri <1% 4,1% Totale Gruppo B 12,0% Financière du Perguet (Bollorè) 6,0% Totale Gruppo C 6,0% Totale Sindacato 30,0% 6

7 Modello di business Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Gruppo Mediobanca CIB & Private Banking Retail & Consumer Principal Investing Corporate Centre Wholesale Banking Credito al consumo Equity investments Leasing Lending Advisory Capital markets Retail banking Private banking 7

8 Principali grandezze del Gruppo Mediobanca Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 In sintesi Principali dati economici e patrimoniali Ricavi ben diversificati Basso rapporto costi/ricavi Buona qualità degli attivi Buona redditività delle attività ordinarie Leverage contenuto Ampia liquidità Solida capitalizzazione 12m giu-11 12m giu-12 12m giu-13 Totale ricavi ( mln) Utile netto ( mln) (180) Utile netto rett.* ( mln) RWAs ( mld) Patrimonio/attivo 10% 10% 11% Impieghi/depositi 70% 65% 65% Core Tier 1 11,2% 11,5% 11,7% Rating S&P A+ BBB+ BBB+ Costi/ricavi 42% 40% 47% Attività deteriorate nette/impieghi 0,6% 0,7% 0,8% ROE rett.* 9% 10% 6% * Sono esclusi: i proventi/perdite da cessione di titoli AFS, le svalutazioni su titoli ed i proventi straordinari 8

9 Ricavi di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Ricavi totali per tipologia ( mln) Margine di interesse per area di business (giu-13) Totale: 1.028mln Credito al consumo 54% Retail 14% Leasing 4% Private banking 4% Wholesale banking 24% giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Margine di interesse Commissioni Trading Società a PN Commissioni nette per area di business (giu-13) Totale: 410mln M&A 12% Crediti alle imprese 20% Ricavi ben diversificati per prodotti e fonti Il margine d interesse rappresenta circa il 60% dei ricavi complessivi; le commissioni circa il 25%; il trading circa il 10%; apporto volatile del PI Credito al consumo 39% CapMkts 17% Retail 3% Private banking 9% 9

10 Raccolta di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Raccolta per tipologia (dic-13) Evoluzione della raccolta ( mld) Totale 53,3mld Depositi Retail 25% Depositi PB 3% Altro 4% Obbligazioni MB al retail 32% BCE 13% Interbancario 5% 34 Obbligazioni MB ad istituzionali 18% giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Obbligazioni MB al retail Depositi Retail PB & Altro Obbligazioni MB ad istituzionali Interbancario BCE NSFR ampiamente sopra il 100% Raccolta ben diversificata: 60% da investitori retail (32% obbligazioni MB a retail, 25% depositi CB! e 3% depositi del PB), 18% da investitori istituzionali 10

11 Impieghi di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Impieghi per tipologia (dic-13) Evoluzione degli impieghi ( mld) Totale 32,3mld Mutui residenziali 4,3mld Imprese 14,4mld Leasing 3,2mld Private banking 0,8bn 27 Credito al consumo 9,6mld giu-07 'giu-08 'giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Imprese Leasing Credito al consumo Mutui residenziali Private Banking 54% dei volumi è verso imprese (45% grandi imprese) Credito al consumo e mutui stabilmente in crescita 46% dei volumi è verso famiglie (30% credito al consumo) Concluso il processo di deleveraging impieghi CIB 11

12 Composizione portafoglio di tesoreria e ASF Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Portafoglio del Gruppo MB per prodotto (dic-13) Evoluzione portafoglio ( mld, dic-13) Totale 25,1mld Altri titoli di stato 9% Corporate Bonds 24% Titoli di stato italiani 27% Azioni 10% Liquidità 31% giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Titoli di stato Liquidità Corporate bonds Azioni 1/3 del portafoglio è investito in pura liquidità 6,7mld di titoli di stato italiani (60% duration < 18m) Portafoglio a 25mld (circa il 40% del totale degli attivi), alimentato dall incremento della raccolta/riduzione stock impieghi Liquidità raddoppiata negli ultimi sei mesi 12

13 Patrimonializzazione adeguata Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Andamento CT1 ratio (%, p.b.) +20bps 11,7% 11,9% -140p.b. +35bps >10% >11% CT1 giu-13 Utile netto semestrale Crescita RWAs CT1 dic-13 AG ponderata da 1x a 3.7x Deduzioni, Utile netto, Riserve AFS escluse CT1 giu-14 Autofin., inclusione riserve AFS, azioni di BP CT1 targets BP Basilea 2.5 Basilea 3* - CRR Previsione a giugno 14 B3 CT1>10% (riserve AFS contabilizzate dal 2015) Target BP (CT1 > 11%) confermati * Basato sul valore di libro di AG e del portafoglio AFS a dic-13; secondo le regole di Banca d Italia (Circolare n.285, 17 dic-13) 13

14 Qualità degli attivi di Mediobanca vs banche commerciali italiane Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Banche Italiane quotate: attività deteriorate nette / impieghi Copertura attività deteriorate nette per categoria¹ Banche Italiane 55% 24% 25% 10% 41% 10% Mediobanca 67% 38% 46% 24% 46% % Banche Italiane Gruppo Mediobanca sofferenze incagli ristrutturati scaduti totale Indice di copertura (al netto di Cofactor) MB: incidenza delle attività deteriorate nette/impieghi (3%) decisamente inferiore del campione di banche italiane (10%) MB: indice di copertura (46%) superiore alla media del campione di banche italiane (41%) 1) Fonte: MB Securities (sei maggiori banche italiane quotate), dati a dic-13 per Mediobanca, sett-13 per le banche italiane. 14

15 Wholesale banking Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi 75% dei ricavi customer-driven (= marg.int+commiss.) Ricavi ben diversificati per: geografia: 32% da attività internazionali business a basso impiego di capitale: 40% margine di interesse, 35% commissioni, 25% trading prodotti: commissioni divise tra M&A (25%), lending (40%) e Capmkt (35%) Impieghi corporate per paese (giu-13) Ricavi e commissioni per prodotto (media ) Totale: 742mln Margine di interesse 40% Commissioni 35% Trading 25% CapMkts 35% Ricavi per paese (media ) M&A 25% Lending 40% Francia 9% Germania 5% UK 4% Spagna 7% Totale: 742mln Italia 68% Germania 6% Francia 4% UK 14% 32% estero Italia 63% Spagna 8% 15

16 Wholesale banking - Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse commissioni nette Trading, società a PN m giu-11 Totale costi (247) (257) (284) Rettifiche su crediti (120) (107) (74) Risultato lordo Partite non ricorrenti 19 (148) (55) Risultato netto Rapporto costi/ricavi 39% 31% 35% Costo del rischio (p.b.) Indice di copertura attività deteriorate* 39% 35% 34% Impieghi ( mld) 15,5 17,9 18,1 RWAs ( mld) 32,7 34,7 34,4 * Le partite deteriorate includono: scaduti, incagli, ristrutturati, sofferenze 16

17 Private banking Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 CMB: dati di sintesi (giu-13) Interamente posseduta dal 2004 Leader nel Principato di Monaco, con circa il 10% di quota di mercato 6,7mld AUM, in dettaglio: investitori principalmente privati attivi: 47% gestiti, 53% amministrati Rete di distribuzione: 40 bankers Redditività costante Compagnie Monégasque de Banque mln giu-13 giu-12 giu-11 Ricavi Costi (45) (46) (47) Risultato lordo (risk adj) Utile netto AUM mld 6,7 6,0 5,8 Banca Esperia: dati di sintesi (giu-13) Banca Esperia (100%) Fondata nel 2001 (50% in partnership con Mediolanum) Elevate sinergie con le attività CIB Top ranked in Italia come specialista per il segmento UHNWI 14,2mld AUM, in dettaglio: 72% investitori privati, 28% investitori istituzionali attivi: 48% gestiti, 52% amministrati Rete di distribuzione: 70 bankers, 12 filiali in Italia mln giu-13 giu-12 giu-11 Ricavi Costi (72) (64) (62) Risultato lordo (risk adj) (5) 4 5 Utile netto AUM mld 14,2 13,2 13,7 17

18 Portafoglio Principal Investing Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Esposizione azionaria (valore di carico, mld dic-13) Valore di carico azioni: andamento ( mld) ed incidenza sul CT1 (%) Totale valore di libro 4.0mld Pirelli 0,3 Atlantia 0,1 Altre 0,6 Telco 0,1 RCS 0,1 78% 4,7 66% 65% 62% 4,2 4,0 4,0 Sintonia 0,3 2,5 1,8 1,5 1,5 2,2 2,3 2,5 2,5 Ass.Generali 2,5 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 AG Altre partecipazioni Il portafoglio Principal investing ( 4,0mld) include: 2,5mld (13,24% del capitale) in Ass. Generali, valutata col metodo del patrimonio netto 1,5mld di partecipazioni AFS, valutate al valore di mercato, classificate come disponibili per la vendita Business Plan triennale 14/16: riduzione dell esposizione azionaria per 1,5mld in tre anni 18

19 Principal investing Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 12m giu-11 Totale ricavi Proventi da cessioni Impairments (422) (461) (155) Risultato netto (407) (257) 66 Valore di libro ( mld) 4,0 4,2 4,7 Ass. Generali (13,24%) 2,5 2,4 2,2 Azioni AFS 1,5 1,1 1,6 Valore di mercato ( mld) 4,3 3,6 5,1 Ass. Generali 2,8 2,2 3,0 RWAs ( mld) 4,1 4,6 5,3 19

20 Credito al consumo Compass Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi Quota di mercato cresciuta all 11,4% in un mercato ancora in contrazione, focus sui comparti più redditizi Distribuzione diversificata ed efficace: 2,4 milioni di clienti, 163 filiali, circa filiali bancarie Fonte di ricavi ricorrenti per il Gruppo MB Elevata qualità dell attivo: sofferenze/impieghi 1,3%, copertura ~90% Elevata redditività: ROAC 14% Focus su prodotti a basso assorbimento di capitale (Compass Pay) Credito al consumo: primi 5 operatori in Italia (12m, dic-13) Erogazioni ( mld) Quota di mercato A/A Agos Ducato 5,2 11,5% -11,2% Compass 5,2 11,4% +8,2% Findomestic 4,7 10,4% +0,5% Erogato per prodotto (12m, dic-13) Auto 11% Cessione del V 6% Poste Italiane 23% Altro finalizzato 10% Carte di credito 20% Erogato prestiti personali per canale (6m, dic-13) Sportelli di banche terze 20% Prestiti personali 51% Altro 6% Unicredit 4,3 9,5% -1,6% Deutsche Bank Easy 3,6 8,0% -16,5% Totale 45,4 100,0% -5,3% Filiali Compass 51% Fonte: Assofin 20

21 Credito al consumo Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse Commissioni nette m giu-11 Totale costi (260) (255) (245) Rettifiche su crediti (335) (311) (302) Risultato prima delle tasse Risultato netto Rapporto costi/ricavi 36% 36% 36% Costo del rischio (p.b.) Indice di copertura attività deteriorate* 56% 46% 54% ROAC 10 % 14% 15% Erogato ( mld) 5,0 5,0 4,8 Impieghi ( mld) 9,4 9,4 8,9 RWAs ( mld) 8,9 8,9 8,0 * Le partite deteriorate includono: scaduti, incagli, ristrutturati, sofferenze nette. Al netto di Cofactor 21

22 Retail banking CheBanca! Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior banca on-line in Italia nel 2012* Piattaforma operativa efficiente ed ulteriormente scalabile Distribuzione multicanale Base clienti crescente (520,000) Diversificazione dei prodotti e miglioramento della redditività Clienti e prodotti ( 000) giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Clienti Prodotti venduti Ripartizione per canale dei prodotti (giu-13) Ripartizione dei prodotti (giu-13) Altro 2% Web 31% Conto corrente 18% Mutui 6% Conto tascabile 20% Telefono 19% Carte di credito 6% Filiani CheBanca! 48% Depositi 47% * Fonte: Istituto tedesco qualità finanza per Corriere Economia, Maggio 2013 Customer Satisfaction Conto titoli & altro 3% 22

23 Retail banking Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse Commissioni nette m giu-11 Totale costi (145) (169) (185) Rettifiche su crediti (25) (20) (21) Utile netto (28) (43) (39) Costo del rischio (p.b.) Totale depositi ( mld) 12,5 12,0 10,1 di cui diretti ( mld) 11,9 11,9 10,0 Impieghi ( mld) 4,3 4,3 4,1 RWAs ( mld) 1,6 1,9 1,9 Prodotti venduti ( 000) Clienti ( 000)

24 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2

25 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) Ricavi bancari CAGR +8% 870 Credito Credito Consumer al consumo al consumo CAGR CAGR +13% CAGR +13% +13% CIB CIB CAGR +4% +4% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Ricavi bancari Ricavi Principal investing CIB Credito al consumo Retail PB Ricavi CIB in aumento da 520mln a 700mln, con il contributo delle filiali estere salito a circa il 30% Corporate: Migliorata la diversificazione nel Retail Ricavi del credito al consumo triplicati, da 260mln a 710mln, in parte per l acquisizione di Linea Contributo del retail banking divenuto visibile (CheBanca! avviata nel 2008) 25

26 Crescita dell attività bancaria, retail in aumento Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Evoluzione della raccolta ( mld) Evoluzione dei crediti alla clientela ( mld) giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Obbligazioni MB ad istituzionali Depositi Retail Altro Obbligazioni MB a retail BCE Corporate Leasing Credito al consumo Mutui Private banking Raccolta raddoppiata a 51mld grazie alle obbligazioni MB (fino a 26mld, il 60% da retail) ed ai depositi retail (da 0 a 12mld) Impieghi raddoppiati a 33mld, per la crescita del corporate (da 10mld a 16mld), del credito al consumo (triplicati a 9mld) e dei mutui ( 4mld) Aumentato il contributo del retail: fino al 45% del totale dei crediti, 60% della raccolta 26

27 Mediobanca immune dalle ristrutturazioni degli ultimi 5 anni Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Aumenti di capitale sistema bancario ( mld) Andamento personale bancario 7 Ultimo aumento di capitale MB nel 1998 Banche italiane quotate / Var% Mediobanca % Italia grandi banche % USA grandi banche % Totale Europa- grandi banche % Negli ultimi 5 anni il CT1 di MB è cresciuto (+15%) a 6,5mld grazie alla generazione interna di capitale e nonostante le svalutazioni sulle partecipazioni azionaria Nello stesso periodo le banche italiane hanno raccolto 36mld di nuovo capitale, le banche europee 373mld e le banche americane 328mld Negli ultimi cinque anni MB ha aumentato l organico del 15%, mentre i livelli di impiego nel settore bancario si sono notevolmente ridotti Fonte: MBRES Banche EU/USA Totale Europa USA 27 Inghilterra % Francia % Spagna % Germania % Benelux %

28 Elevata efficienza operativa Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Indice costi/ricavi: MB e sistema bancario (%) 67 Avviate le filiali estere CIB Avviata CheBanca! Potenziata l attività bancaria Potenziate le risorse umane Affermata la leadership di Compass giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 dic-12 dic-12 MB: costi/ricavi MB lavoro: costi/ricavi Banche EU Gli indici di efficienza operativa di MB risultano migliori della media delle banche europee nonostante i recenti investimenti rivolti al potenziamento dell attività bancaria (tecnologia, risorse umane, sistemi informativi, etc.) Fonte: Mediobanca Securities 28

29 UBS CS Danske Mediobanca Commerz. BNP DB ISP Barclays SG RBS UBI POP Bankia MPS BPM Elevata patrimonializzazione Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Mediobanca: andamento CT1 CT1 : confronto tra le banche europee (dic-12) 20% 16% 15% 12% 10% 10% 11% 11% 12% 12% 15% 10% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 5% Mediobanca ha un elevata capitalizzazione esclusivamente grazie alla generazione interna di capitale (ultimo aumento di capitale nel 1998) RWAs/Asset : Mediobanca 85% vs Banche EU 37% Basso indice di leva (patrimonio tangibile/attivo, pari all 11% per MB vs 4% delle banche europee) Dal ,5mld restituiti agli azionisti (dividendi e buy-back) Fonte: Mediobanca Securities 29

30 BBVA SEB KBC Santander Mediobanca HSBC Barclays BNP Lloyds ING DB SG Credem CS Erste ISP Mediobanca: redditività ordinaria elevata e sostenibile Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Andamento ROE Mediobanca ROTE adj 2012² (%) % 14% 12% % 8% 6% 6 4% 1 2% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 0% ROE adj¹ ROE MB: redditività corrente elevata e sostenibile La redditività è stata prima incrementata (utile netto da 54mln nel 2003² ad 1mld nel 2008) e successivamente difesa durante la crisi economica, finanziaria e del debito sovrano 1) Sono esclusi i proventi/perdite da cessione di titoli ASF, le svalutazioni su titoli ed i proventi straordinari 2) Fonte: Mediobanca Securities 30

31 Sviluppo della Governance Sezione 1.3

32 Governance di MB: significativi miglioramenti Sviluppo della Governance Sezione 1.3 Flottante: 45% Ridotta la durata del Patto di sindacato da 3 a 2 anni Ridotte le partecipazioni incrociate¹ Flottante: 70% Verso i migliori standard internazionali Adottato il modello dualistico con un Consiglio di Sorveglianza ed un Consiglio di Gestione Ritorno al modello unico Rafforzato il ruolo del management di MB Nomina attuale CDA -limite d età - diversità di genere Negli ultimi 10 anni il flottante è aumentato (dal 45% al 70%), ridotte le partecipazioni incrociate, modello di governance riformulato In previsione un ulteriore miglioramento (es. riduzione componenti del CDA) anche a seguito delle nuove norme Bankit 1) Commerzbank, Fiat, Fonsai, Generali, Telecom sono uscite dal Patto di sindacato; venduta la partecipazioni in Ciments Français, Commerzbank, Fiat, Fonsai, Mediolanum, Telco,.. 32

33 Azionisti MB Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Patto di sindacato Mediobanca Il Patto di Sindacato, con scadenza nel dicembre 2015, racchiude il 30% (42% a giu-13) del capitale sociale Dal 2003 sono significativamente aumentati il flottante, il peso degli investitori istituzionali e degli azionisti esteri Azionista Quota Unicredit 8,7% Mediolanum 3,4% Totale Gruppo A 12,0% Edizione (Benetton) 2,2% Pirelli & C. 1,8% Italmobiliare 1,6% FINPRIV 1,7% Fininvest 1,0% Altri <1% 4,1% Totale Gruppo B 12,0% Financière du Perguet (Bollorè) 6,0% Totale Gruppo C 6,0% Totale Sindacato 30,0% 33

34 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4

35 Linee guida Piano Strategico Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare la solidità patrimoniale nello scenario di Basilea 3 3 Investire in attività a maggior contenuto commissionale e minor assorbimento di capitale 4 Accrescere i ricavi da attività internazionali 5 Tornare alla crescita, aumentando la redditività 35

36 Riduzione dell esposizione azionaria per 2mld Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Svantaggi dall esposizione azionaria Eccessivo assorbimento di capitale Elevata concentrazione nel settore assicurativo italiano Volatilità dei risultati del Gruppo Valutazione di mercato a sconto 0,4mld di svalutazioni 1,5mld di cessioni Recupero della piena disponibilità delle azioni Tutti i possessi azionari classificati disponibili per la vendita ¹ Tutte le partecipazioni valutate a prezzi di mercato 0,4mld di svalutazioni apportate nell esercizio 2013 Ass.Generali: riduzione della partecipazione di ca. 3pp in tre anni Tutti gli altri investimenti azionari riclassificati come disponibili alla vendita Tempi ed ammontare delle cessioni determinati dalle condizioni di mercato Uscita dai patti di sindacato Individuazione di opportune strategie di valorizzazione degli investimenti in collaborazione con gli altri azionisti 1) Ad esclusione di Ass. Generali contabilizzate secondo IAS28 36

37 RWAs: crescita del business bancario Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Andamento RWAs¹ di Gruppo( mld) CT1 11,5-12% Basilea 3 CT1: 11-12% 53 Impatto CRD IV² ,5 Minore esposizione azionaria 56,5-2 Ottimizzazione RWAs +3, Crescita business bancario Validazione modelli IRB Advanced³ Di cui 49 bancari Di cui 49 bancari Di cui 51 bancari giu-13 RWAs B2 giu-13 RWAs B3 giu-16 RWAs B3 Nello scenario B3 gli RWAs si incrementano di 7mld esclusivamente per la diversa ponderazione² della partecipazione in AG RWAs CAGR 3 anni -1%: crescita nel business bancario alimentata dalle dismissioni azionarie e dall ottimizzazione RWAs 2mld di ulteriori possibili riduzioni grazie alla validazione dei modelli IRB Advanced (non inclusi negli obiettivi di piano) 1) Base valore di carico partecipazione AG (13,24%) a giu-13: 2,5mld 2) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia: AG RWAs: ponderazione dall 1x (B2) a 3,7x (B3) 3) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia 37

38 Attività e passività ben diversificate Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Impieghi: ritorno alla crescita (Corporate e Retail) Impieghi Corporate: asset cycle, focus anche su high mid-caps e diversificazione geografica Consumer: focus su impieghi a margini netti elevati Rigorosa valutazione del rischio Impieghi CAGR 5% Costo del rischio=150pb Raccolta Obbligazioni e tesoreria attesi riportarsi ai livelli precrisi Rifinanziamento delle obbligazioni in scadenza nei prossimi tre anni; 50% collocamenti retail BCE, il rimborso avverrà utilizzando l ampia dotazione di liquidità CheBanca!: trasformazione di parte della raccolta diretta in indiretta Impieghi/depositi= 0,8x NSFR>100% Portafoglio raccolta ed impieghi: 50% Corporate 50% Retail 38

39 Focus su attività a contenuto commissionale e basso assorbimento di capitale Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 CIB/WM IB: focus su advisory, capital market/intermediazione PB: crescita organica e piccole acquisizione off/onshore Avvio di Mediobanca Alternative Asset Management ( MAAM )¹ Retail Credito al consumo: sviluppo di prodotti a basso assorbimento di capitale (es. Compass Pay) CheBanca!: sviluppo di prodotti di risparmio gestito Gruppo MB: contributo dei ricavi commissionali sui ricavi totali ¹ 2018¹ Gruppo MB 25% 30% 40% 1) MAAM: non incluso nel business plan come target 2016, incluso come obiettivo nel

40 Sviluppo di MB Alternative Asset Management ( MAAM ) Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Perché? Cogliere le tendenze del mercato: investitori in cerca di asset managers istituzionali in grado di garantire rendimenti elevati MB come partner istituzionale di managers/gestori impegnati nell accelerare lo sviluppo del business Attività ad elevato contributo commissionale e basso assorbimento di capitale Attività fondata sulle competenze (non sul capitale) Attività di nicchia (scala dimensionale non sempre necessaria) Come? Investire nell asset management, business a basso impiego di capitale e con crescite elevate, disponendo di team affermati ed efficienti piattaforme operative Focus su società/gestori con marchi riconosciuti a livello internazionale, con un forte trackrecord, attivi nella gestione di investimenti alternativi ad elevata produzione di commissioni Tipologie di investimento: private equity, credito e real asset Fornire ad investitori istituzionali soluzioni di investimento basate sui nuovi prodotti di asset management MAAM/WM: 15% dei ricavi bancari del Gruppo MB al 5^ anno¹ 1) Non incluso tra i target del BP 40

41 Mediobanca: obiettivi 2016 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Gruppo Mediobanca Riduzione dell esposizione azionaria per 2mld Ricavi bancari: 2,1mld, CAGR +10% Costo del rischio = 150p.b. ROE = 10-11% B3 CT1¹ = 11-12%, payout 40% NSFR > 100% CIB & PB Credito al consumo & Retail MAAM² Ricavi 1mld, CAGR +10% ROAC = 12-13% Ricavi 1mld, CAGR +7% ROAC = 10-11% 15% dei ricavi bancari del Gruppo al 5^ anno 1) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia: AG RWAs: ponderazione dall 1x (B2) a 3,7x (B3) 2) MAAM: non incluso nel business plan come target 2016, incluso come obiettivo nel

42 Corporate e Private Banking Sezione 2

43 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1

44 CIB Mediobanca : punti di forza Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente Solida situazione patrimoniale, minima leva MB CIB Allineato agli interessi della clientela corporate Struttura efficiente e buona qualità degli attivi Ricavi diversificati con prevalenza di margine di interesse e commissioni 44

45 MB: operatore specializzato... Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 Attori globali Agency players Operatori specializzati Offerta completa/business globale Fornitori di soluzioni complesse, market makers, capitale e liquidità Focus su fondi globali, fondi sovrani, imprese e FIGs Clientela captive: corporate, retail ed istituzionale Business guidato dalle relazioni di credito Forte identità/cultura aziendale nell IB Operatori specializzati in particolare nel capmkts e advisory Focus sui bisogni del cliente Stabilità dei ricavi assicurata anche da WM/AM Pressione normativa, politica e sociale Problematiche reputazionali Problematiche patrimoniali Fuga di talenti (pressione normativa sulla remunerazione) Riformulare il modello di business Bassa pressione normativa Difesa delle quote di mercato nazionali e delle forti relazioni corporate Bassa pressione normativa Marchio rinomato e conosciuto Margini da advisory sotto pressione (escludendo gli USA) 45

46 con l 85% dei ricavi da attività customer-driven... Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 IB: posizionamento operatori per volume dei ricavi ( mln) ed attività di trading (%) 100% 90% IB: % ricavi da Trading UBS GS JPM 80% 70% 60% 50% INVESTEC MCQUARIE SG CS BOFA DB 40% JEFFERIES BNP 30% 20% MEDIOBANCA 10% GREENHILL ROTHSCHILD 0% EVERCORE -10% LAZARD Volume ricavi L 85% dei ricavi di MB derivante da attività con clientela, solo il 15% da prop. Mediobanca è ben posizionata tra gli operatori specializzati con un offerta di prodotti ampia e ben diversificata Source: dati elaborati da MB, media CIB: advisory, ECM, DCM, Lending. 46

47 ... ed un efficiente struttura di costo. Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 IB: posizionamento operatori per volume dei ricavi ( mln) e rapporto costi/ricavi (%) 100% Rapporto costi/ricavi JEFFERIES 90% 80% EVERCORE LAZARD UBS MS GS 70% GREENHILL INVESTEC MCQUARIE CS 60% 50% 40% MEDIOBANCA SG BNP BAR DB 30% 20% 10% 0% -10% Volume ricavi Struttura di costi efficiente Fonte: elaborazione dati aziendali MB, media

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli