Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013"

Transcript

1 Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

2 Agenda 1. Gruppo Mediobanca 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni 1.3 Sviluppo della Governance 1.4 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo 2. Corporate e Private Banking ( CIB ) 2.1 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 2.2 Attività internazionali 2.3 Dati di sintesi 3. Principal Investing ( PI ) 4. Consumer e Retail Banking ( RCB ) 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici 2

3 Gruppo Mediobanca Sezione 1

4 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1

5 Storia e missione Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione dell industria italiana tramite il finanziamento a medio-lungo termine e la consulenza aziendale Anni Sviluppo Anni Ristrutturazione dell industria italiana Anni 90 e inizio 2000 Le maggiori privatizzazioni italiane Anni 50: supporto alla fase di ricostruzione post-bellica dei principali gruppi italiani 1956: quotazione alla Borsa di Milano (primo gruppo bancario quotato nel dopoguerra) Avvio delle attività di Amministrazioni fiduciarie (Spafid, 1951), Credito al consumo (Compass, 1960) e Leasing (Selma, 1970) Ruolo chiave nella ristrutturazione dell industria italiana: Mediobanca diviene banca di riferimento dei maggiori gruppi del Paese. A metà degli anni 70 il portafoglio di partecipazioni include Ass.Generali (4,5%), Fiat (2,5%), Montedison (2,5%), Olivetti (5%), Pirelli & C. (3,3%) e Fondiaria (10%) 1988: privatizzazione dell istituto e costituzione del Patto di Sindacato tra azionisti pubblici-bancari (25%) e soci industriali privati (25%) Boom di operazioni di privatizzazione e quotazione, in cui MB conferma la sua posizione di leadership Ingresso nel settore dei finanziamenti immobiliari con Micos (1992) Incremento del portafoglio partecipazioni (Generali al 14%) Avvio attività di private banking con Banca Esperia (2001) e CMB (2003) Ultimi anni diversificazione Nuovo management (2003) e focus sulla crescita delle attività bancarie Internazionalizzazione dell attività CIB con l apertura della filiale di Parigi (2004), New York (2006), Madrid (2007), Francoforte (2007), Londra (2008) e Istanbul (2012) Compass acquisisce Linea (2007) divenendo un primario operatore indipendente nel credito al consumo Avvio delle attività nel retail banking con CheBanca! (2008) 5

6 Azionisti MB Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Patto di sindacato Mediobanca Il Patto di Sindacato, con scadenza nel dicembre 2015, racchiude il 30% (42% a giu-13) del capitale sociale Dal 2003 sono significativamente aumentati il flottante, il peso degli investitori istituzionali e degli azionisti esteri Azionista Quota Unicredit 8,7% Mediolanum 3,4% Totale Gruppo A 12,0% Edizione (Benetton) 2,2% Pirelli & C. 1,8% Italmobiliare 1,6% FINPRIV 1,7% Fininvest 1,0% Altri <1% 4,1% Totale Gruppo B 12,0% Financière du Perguet (Bollorè) 6,0% Totale Gruppo C 6,0% Totale Sindacato 30,0% 6

7 Modello di business Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Gruppo Mediobanca CIB & Private Banking Retail & Consumer Principal Investing Corporate Centre Wholesale Banking Credito al consumo Equity investments Leasing Lending Advisory Capital markets Retail banking Private banking 7

8 Principali grandezze del Gruppo Mediobanca Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 In sintesi Principali dati economici e patrimoniali Ricavi ben diversificati Basso rapporto costi/ricavi Buona qualità degli attivi Buona redditività delle attività ordinarie Leverage contenuto Ampia liquidità Solida capitalizzazione 12m giu-11 12m giu-12 12m giu-13 Totale ricavi ( mln) Utile netto ( mln) (180) Utile netto rett.* ( mln) RWAs ( mld) Patrimonio/attivo 10% 10% 11% Impieghi/depositi 70% 65% 65% Core Tier 1 11,2% 11,5% 11,7% Rating S&P A+ BBB+ BBB+ Costi/ricavi 42% 40% 47% Attività deteriorate nette/impieghi 0,6% 0,7% 0,8% ROE rett.* 9% 10% 6% * Sono esclusi: i proventi/perdite da cessione di titoli AFS, le svalutazioni su titoli ed i proventi straordinari 8

9 Ricavi di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Ricavi totali per tipologia ( mln) Margine di interesse per area di business (giu-13) Totale: 1.028mln Credito al consumo 54% Retail 14% Leasing 4% Private banking 4% Wholesale banking 24% giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Margine di interesse Commissioni Trading Società a PN Commissioni nette per area di business (giu-13) Totale: 410mln M&A 12% Crediti alle imprese 20% Ricavi ben diversificati per prodotti e fonti Il margine d interesse rappresenta circa il 60% dei ricavi complessivi; le commissioni circa il 25%; il trading circa il 10%; apporto volatile del PI Credito al consumo 39% CapMkts 17% Retail 3% Private banking 9% 9

10 Raccolta di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Raccolta per tipologia (dic-13) Evoluzione della raccolta ( mld) Totale 53,3mld Depositi Retail 25% Depositi PB 3% Altro 4% Obbligazioni MB al retail 32% BCE 13% Interbancario 5% 34 Obbligazioni MB ad istituzionali 18% giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Obbligazioni MB al retail Depositi Retail PB & Altro Obbligazioni MB ad istituzionali Interbancario BCE NSFR ampiamente sopra il 100% Raccolta ben diversificata: 60% da investitori retail (32% obbligazioni MB a retail, 25% depositi CB! e 3% depositi del PB), 18% da investitori istituzionali 10

11 Impieghi di Gruppo Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Impieghi per tipologia (dic-13) Evoluzione degli impieghi ( mld) Totale 32,3mld Mutui residenziali 4,3mld Imprese 14,4mld Leasing 3,2mld Private banking 0,8bn 27 Credito al consumo 9,6mld giu-07 'giu-08 'giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Imprese Leasing Credito al consumo Mutui residenziali Private Banking 54% dei volumi è verso imprese (45% grandi imprese) Credito al consumo e mutui stabilmente in crescita 46% dei volumi è verso famiglie (30% credito al consumo) Concluso il processo di deleveraging impieghi CIB 11

12 Composizione portafoglio di tesoreria e ASF Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Portafoglio del Gruppo MB per prodotto (dic-13) Evoluzione portafoglio ( mld, dic-13) Totale 25,1mld Altri titoli di stato 9% Corporate Bonds 24% Titoli di stato italiani 27% Azioni 10% Liquidità 31% giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 Titoli di stato Liquidità Corporate bonds Azioni 1/3 del portafoglio è investito in pura liquidità 6,7mld di titoli di stato italiani (60% duration < 18m) Portafoglio a 25mld (circa il 40% del totale degli attivi), alimentato dall incremento della raccolta/riduzione stock impieghi Liquidità raddoppiata negli ultimi sei mesi 12

13 Patrimonializzazione adeguata Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Andamento CT1 ratio (%, p.b.) +20bps 11,7% 11,9% -140p.b. +35bps >10% >11% CT1 giu-13 Utile netto semestrale Crescita RWAs CT1 dic-13 AG ponderata da 1x a 3.7x Deduzioni, Utile netto, Riserve AFS escluse CT1 giu-14 Autofin., inclusione riserve AFS, azioni di BP CT1 targets BP Basilea 2.5 Basilea 3* - CRR Previsione a giugno 14 B3 CT1>10% (riserve AFS contabilizzate dal 2015) Target BP (CT1 > 11%) confermati * Basato sul valore di libro di AG e del portafoglio AFS a dic-13; secondo le regole di Banca d Italia (Circolare n.285, 17 dic-13) 13

14 Qualità degli attivi di Mediobanca vs banche commerciali italiane Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Banche Italiane quotate: attività deteriorate nette / impieghi Copertura attività deteriorate nette per categoria¹ Banche Italiane 55% 24% 25% 10% 41% 10% Mediobanca 67% 38% 46% 24% 46% % Banche Italiane Gruppo Mediobanca sofferenze incagli ristrutturati scaduti totale Indice di copertura (al netto di Cofactor) MB: incidenza delle attività deteriorate nette/impieghi (3%) decisamente inferiore del campione di banche italiane (10%) MB: indice di copertura (46%) superiore alla media del campione di banche italiane (41%) 1) Fonte: MB Securities (sei maggiori banche italiane quotate), dati a dic-13 per Mediobanca, sett-13 per le banche italiane. 14

15 Wholesale banking Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi 75% dei ricavi customer-driven (= marg.int+commiss.) Ricavi ben diversificati per: geografia: 32% da attività internazionali business a basso impiego di capitale: 40% margine di interesse, 35% commissioni, 25% trading prodotti: commissioni divise tra M&A (25%), lending (40%) e Capmkt (35%) Impieghi corporate per paese (giu-13) Ricavi e commissioni per prodotto (media ) Totale: 742mln Margine di interesse 40% Commissioni 35% Trading 25% CapMkts 35% Ricavi per paese (media ) M&A 25% Lending 40% Francia 9% Germania 5% UK 4% Spagna 7% Totale: 742mln Italia 68% Germania 6% Francia 4% UK 14% 32% estero Italia 63% Spagna 8% 15

16 Wholesale banking - Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse commissioni nette Trading, società a PN m giu-11 Totale costi (247) (257) (284) Rettifiche su crediti (120) (107) (74) Risultato lordo Partite non ricorrenti 19 (148) (55) Risultato netto Rapporto costi/ricavi 39% 31% 35% Costo del rischio (p.b.) Indice di copertura attività deteriorate* 39% 35% 34% Impieghi ( mld) 15,5 17,9 18,1 RWAs ( mld) 32,7 34,7 34,4 * Le partite deteriorate includono: scaduti, incagli, ristrutturati, sofferenze 16

17 Private banking Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 CMB: dati di sintesi (giu-13) Interamente posseduta dal 2004 Leader nel Principato di Monaco, con circa il 10% di quota di mercato 6,7mld AUM, in dettaglio: investitori principalmente privati attivi: 47% gestiti, 53% amministrati Rete di distribuzione: 40 bankers Redditività costante Compagnie Monégasque de Banque mln giu-13 giu-12 giu-11 Ricavi Costi (45) (46) (47) Risultato lordo (risk adj) Utile netto AUM mld 6,7 6,0 5,8 Banca Esperia: dati di sintesi (giu-13) Banca Esperia (100%) Fondata nel 2001 (50% in partnership con Mediolanum) Elevate sinergie con le attività CIB Top ranked in Italia come specialista per il segmento UHNWI 14,2mld AUM, in dettaglio: 72% investitori privati, 28% investitori istituzionali attivi: 48% gestiti, 52% amministrati Rete di distribuzione: 70 bankers, 12 filiali in Italia mln giu-13 giu-12 giu-11 Ricavi Costi (72) (64) (62) Risultato lordo (risk adj) (5) 4 5 Utile netto AUM mld 14,2 13,2 13,7 17

18 Portafoglio Principal Investing Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Esposizione azionaria (valore di carico, mld dic-13) Valore di carico azioni: andamento ( mld) ed incidenza sul CT1 (%) Totale valore di libro 4.0mld Pirelli 0,3 Atlantia 0,1 Altre 0,6 Telco 0,1 RCS 0,1 78% 4,7 66% 65% 62% 4,2 4,0 4,0 Sintonia 0,3 2,5 1,8 1,5 1,5 2,2 2,3 2,5 2,5 Ass.Generali 2,5 giu-11 giu-12 giu-13 dic-13 AG Altre partecipazioni Il portafoglio Principal investing ( 4,0mld) include: 2,5mld (13,24% del capitale) in Ass. Generali, valutata col metodo del patrimonio netto 1,5mld di partecipazioni AFS, valutate al valore di mercato, classificate come disponibili per la vendita Business Plan triennale 14/16: riduzione dell esposizione azionaria per 1,5mld in tre anni 18

19 Principal investing Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 12m giu-11 Totale ricavi Proventi da cessioni Impairments (422) (461) (155) Risultato netto (407) (257) 66 Valore di libro ( mld) 4,0 4,2 4,7 Ass. Generali (13,24%) 2,5 2,4 2,2 Azioni AFS 1,5 1,1 1,6 Valore di mercato ( mld) 4,3 3,6 5,1 Ass. Generali 2,8 2,2 3,0 RWAs ( mld) 4,1 4,6 5,3 19

20 Credito al consumo Compass Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi Quota di mercato cresciuta all 11,4% in un mercato ancora in contrazione, focus sui comparti più redditizi Distribuzione diversificata ed efficace: 2,4 milioni di clienti, 163 filiali, circa filiali bancarie Fonte di ricavi ricorrenti per il Gruppo MB Elevata qualità dell attivo: sofferenze/impieghi 1,3%, copertura ~90% Elevata redditività: ROAC 14% Focus su prodotti a basso assorbimento di capitale (Compass Pay) Credito al consumo: primi 5 operatori in Italia (12m, dic-13) Erogazioni ( mld) Quota di mercato A/A Agos Ducato 5,2 11,5% -11,2% Compass 5,2 11,4% +8,2% Findomestic 4,7 10,4% +0,5% Erogato per prodotto (12m, dic-13) Auto 11% Cessione del V 6% Poste Italiane 23% Altro finalizzato 10% Carte di credito 20% Erogato prestiti personali per canale (6m, dic-13) Sportelli di banche terze 20% Prestiti personali 51% Altro 6% Unicredit 4,3 9,5% -1,6% Deutsche Bank Easy 3,6 8,0% -16,5% Totale 45,4 100,0% -5,3% Filiali Compass 51% Fonte: Assofin 20

21 Credito al consumo Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse Commissioni nette m giu-11 Totale costi (260) (255) (245) Rettifiche su crediti (335) (311) (302) Risultato prima delle tasse Risultato netto Rapporto costi/ricavi 36% 36% 36% Costo del rischio (p.b.) Indice di copertura attività deteriorate* 56% 46% 54% ROAC 10 % 14% 15% Erogato ( mld) 5,0 5,0 4,8 Impieghi ( mld) 9,4 9,4 8,9 RWAs ( mld) 8,9 8,9 8,0 * Le partite deteriorate includono: scaduti, incagli, ristrutturati, sofferenze nette. Al netto di Cofactor 21

22 Retail banking CheBanca! Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior banca on-line in Italia nel 2012* Piattaforma operativa efficiente ed ulteriormente scalabile Distribuzione multicanale Base clienti crescente (520,000) Diversificazione dei prodotti e miglioramento della redditività Clienti e prodotti ( 000) giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Clienti Prodotti venduti Ripartizione per canale dei prodotti (giu-13) Ripartizione dei prodotti (giu-13) Altro 2% Web 31% Conto corrente 18% Mutui 6% Conto tascabile 20% Telefono 19% Carte di credito 6% Filiani CheBanca! 48% Depositi 47% * Fonte: Istituto tedesco qualità finanza per Corriere Economia, Maggio 2013 Customer Satisfaction Conto titoli & altro 3% 22

23 Retail banking Dati principali Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 mln 12m giu-13 12m giu-12 Totale ricavi Margine di interesse Commissioni nette m giu-11 Totale costi (145) (169) (185) Rettifiche su crediti (25) (20) (21) Utile netto (28) (43) (39) Costo del rischio (p.b.) Totale depositi ( mld) 12,5 12,0 10,1 di cui diretti ( mld) 11,9 11,9 10,0 Impieghi ( mld) 4,3 4,3 4,1 RWAs ( mld) 1,6 1,9 1,9 Prodotti venduti ( 000) Clienti ( 000)

24 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2

25 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) Ricavi bancari CAGR +8% 870 Credito Credito Consumer al consumo al consumo CAGR CAGR +13% CAGR +13% +13% CIB CIB CAGR +4% +4% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Ricavi bancari Ricavi Principal investing CIB Credito al consumo Retail PB Ricavi CIB in aumento da 520mln a 700mln, con il contributo delle filiali estere salito a circa il 30% Corporate: Migliorata la diversificazione nel Retail Ricavi del credito al consumo triplicati, da 260mln a 710mln, in parte per l acquisizione di Linea Contributo del retail banking divenuto visibile (CheBanca! avviata nel 2008) 25

26 Crescita dell attività bancaria, retail in aumento Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Evoluzione della raccolta ( mld) Evoluzione dei crediti alla clientela ( mld) giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 Obbligazioni MB ad istituzionali Depositi Retail Altro Obbligazioni MB a retail BCE Corporate Leasing Credito al consumo Mutui Private banking Raccolta raddoppiata a 51mld grazie alle obbligazioni MB (fino a 26mld, il 60% da retail) ed ai depositi retail (da 0 a 12mld) Impieghi raddoppiati a 33mld, per la crescita del corporate (da 10mld a 16mld), del credito al consumo (triplicati a 9mld) e dei mutui ( 4mld) Aumentato il contributo del retail: fino al 45% del totale dei crediti, 60% della raccolta 26

27 Mediobanca immune dalle ristrutturazioni degli ultimi 5 anni Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Aumenti di capitale sistema bancario ( mld) Andamento personale bancario 7 Ultimo aumento di capitale MB nel 1998 Banche italiane quotate / Var% Mediobanca % Italia grandi banche % USA grandi banche % Totale Europa- grandi banche % Negli ultimi 5 anni il CT1 di MB è cresciuto (+15%) a 6,5mld grazie alla generazione interna di capitale e nonostante le svalutazioni sulle partecipazioni azionaria Nello stesso periodo le banche italiane hanno raccolto 36mld di nuovo capitale, le banche europee 373mld e le banche americane 328mld Negli ultimi cinque anni MB ha aumentato l organico del 15%, mentre i livelli di impiego nel settore bancario si sono notevolmente ridotti Fonte: MBRES Banche EU/USA Totale Europa USA 27 Inghilterra % Francia % Spagna % Germania % Benelux %

28 Elevata efficienza operativa Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Indice costi/ricavi: MB e sistema bancario (%) 67 Avviate le filiali estere CIB Avviata CheBanca! Potenziata l attività bancaria Potenziate le risorse umane Affermata la leadership di Compass giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 dic-12 dic-12 MB: costi/ricavi MB lavoro: costi/ricavi Banche EU Gli indici di efficienza operativa di MB risultano migliori della media delle banche europee nonostante i recenti investimenti rivolti al potenziamento dell attività bancaria (tecnologia, risorse umane, sistemi informativi, etc.) Fonte: Mediobanca Securities 28

29 UBS CS Danske Mediobanca Commerz. BNP DB ISP Barclays SG RBS UBI POP Bankia MPS BPM Elevata patrimonializzazione Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Mediobanca: andamento CT1 CT1 : confronto tra le banche europee (dic-12) 20% 16% 15% 12% 10% 10% 11% 11% 12% 12% 15% 10% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 5% Mediobanca ha un elevata capitalizzazione esclusivamente grazie alla generazione interna di capitale (ultimo aumento di capitale nel 1998) RWAs/Asset : Mediobanca 85% vs Banche EU 37% Basso indice di leva (patrimonio tangibile/attivo, pari all 11% per MB vs 4% delle banche europee) Dal ,5mld restituiti agli azionisti (dividendi e buy-back) Fonte: Mediobanca Securities 29

30 BBVA SEB KBC Santander Mediobanca HSBC Barclays BNP Lloyds ING DB SG Credem CS Erste ISP Mediobanca: redditività ordinaria elevata e sostenibile Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Andamento ROE Mediobanca ROTE adj 2012² (%) % 14% 12% % 8% 6% 6 4% 1 2% giu-05 giu-06 giu-07 giu-08 giu-09 giu-10 giu-11 giu-12 giu-13 0% ROE adj¹ ROE MB: redditività corrente elevata e sostenibile La redditività è stata prima incrementata (utile netto da 54mln nel 2003² ad 1mld nel 2008) e successivamente difesa durante la crisi economica, finanziaria e del debito sovrano 1) Sono esclusi i proventi/perdite da cessione di titoli ASF, le svalutazioni su titoli ed i proventi straordinari 2) Fonte: Mediobanca Securities 30

31 Sviluppo della Governance Sezione 1.3

32 Governance di MB: significativi miglioramenti Sviluppo della Governance Sezione 1.3 Flottante: 45% Ridotta la durata del Patto di sindacato da 3 a 2 anni Ridotte le partecipazioni incrociate¹ Flottante: 70% Verso i migliori standard internazionali Adottato il modello dualistico con un Consiglio di Sorveglianza ed un Consiglio di Gestione Ritorno al modello unico Rafforzato il ruolo del management di MB Nomina attuale CDA -limite d età - diversità di genere Negli ultimi 10 anni il flottante è aumentato (dal 45% al 70%), ridotte le partecipazioni incrociate, modello di governance riformulato In previsione un ulteriore miglioramento (es. riduzione componenti del CDA) anche a seguito delle nuove norme Bankit 1) Commerzbank, Fiat, Fonsai, Generali, Telecom sono uscite dal Patto di sindacato; venduta la partecipazioni in Ciments Français, Commerzbank, Fiat, Fonsai, Mediolanum, Telco,.. 32

33 Azionisti MB Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Patto di sindacato Mediobanca Il Patto di Sindacato, con scadenza nel dicembre 2015, racchiude il 30% (42% a giu-13) del capitale sociale Dal 2003 sono significativamente aumentati il flottante, il peso degli investitori istituzionali e degli azionisti esteri Azionista Quota Unicredit 8,7% Mediolanum 3,4% Totale Gruppo A 12,0% Edizione (Benetton) 2,2% Pirelli & C. 1,8% Italmobiliare 1,6% FINPRIV 1,7% Fininvest 1,0% Altri <1% 4,1% Totale Gruppo B 12,0% Financière du Perguet (Bollorè) 6,0% Totale Gruppo C 6,0% Totale Sindacato 30,0% 33

34 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4

35 Linee guida Piano Strategico Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare la solidità patrimoniale nello scenario di Basilea 3 3 Investire in attività a maggior contenuto commissionale e minor assorbimento di capitale 4 Accrescere i ricavi da attività internazionali 5 Tornare alla crescita, aumentando la redditività 35

36 Riduzione dell esposizione azionaria per 2mld Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Svantaggi dall esposizione azionaria Eccessivo assorbimento di capitale Elevata concentrazione nel settore assicurativo italiano Volatilità dei risultati del Gruppo Valutazione di mercato a sconto 0,4mld di svalutazioni 1,5mld di cessioni Recupero della piena disponibilità delle azioni Tutti i possessi azionari classificati disponibili per la vendita ¹ Tutte le partecipazioni valutate a prezzi di mercato 0,4mld di svalutazioni apportate nell esercizio 2013 Ass.Generali: riduzione della partecipazione di ca. 3pp in tre anni Tutti gli altri investimenti azionari riclassificati come disponibili alla vendita Tempi ed ammontare delle cessioni determinati dalle condizioni di mercato Uscita dai patti di sindacato Individuazione di opportune strategie di valorizzazione degli investimenti in collaborazione con gli altri azionisti 1) Ad esclusione di Ass. Generali contabilizzate secondo IAS28 36

37 RWAs: crescita del business bancario Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Andamento RWAs¹ di Gruppo( mld) CT1 11,5-12% Basilea 3 CT1: 11-12% 53 Impatto CRD IV² ,5 Minore esposizione azionaria 56,5-2 Ottimizzazione RWAs +3, Crescita business bancario Validazione modelli IRB Advanced³ Di cui 49 bancari Di cui 49 bancari Di cui 51 bancari giu-13 RWAs B2 giu-13 RWAs B3 giu-16 RWAs B3 Nello scenario B3 gli RWAs si incrementano di 7mld esclusivamente per la diversa ponderazione² della partecipazione in AG RWAs CAGR 3 anni -1%: crescita nel business bancario alimentata dalle dismissioni azionarie e dall ottimizzazione RWAs 2mld di ulteriori possibili riduzioni grazie alla validazione dei modelli IRB Advanced (non inclusi negli obiettivi di piano) 1) Base valore di carico partecipazione AG (13,24%) a giu-13: 2,5mld 2) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia: AG RWAs: ponderazione dall 1x (B2) a 3,7x (B3) 3) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia 37

38 Attività e passività ben diversificate Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Impieghi: ritorno alla crescita (Corporate e Retail) Impieghi Corporate: asset cycle, focus anche su high mid-caps e diversificazione geografica Consumer: focus su impieghi a margini netti elevati Rigorosa valutazione del rischio Impieghi CAGR 5% Costo del rischio=150pb Raccolta Obbligazioni e tesoreria attesi riportarsi ai livelli precrisi Rifinanziamento delle obbligazioni in scadenza nei prossimi tre anni; 50% collocamenti retail BCE, il rimborso avverrà utilizzando l ampia dotazione di liquidità CheBanca!: trasformazione di parte della raccolta diretta in indiretta Impieghi/depositi= 0,8x NSFR>100% Portafoglio raccolta ed impieghi: 50% Corporate 50% Retail 38

39 Focus su attività a contenuto commissionale e basso assorbimento di capitale Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 CIB/WM IB: focus su advisory, capital market/intermediazione PB: crescita organica e piccole acquisizione off/onshore Avvio di Mediobanca Alternative Asset Management ( MAAM )¹ Retail Credito al consumo: sviluppo di prodotti a basso assorbimento di capitale (es. Compass Pay) CheBanca!: sviluppo di prodotti di risparmio gestito Gruppo MB: contributo dei ricavi commissionali sui ricavi totali ¹ 2018¹ Gruppo MB 25% 30% 40% 1) MAAM: non incluso nel business plan come target 2016, incluso come obiettivo nel

40 Sviluppo di MB Alternative Asset Management ( MAAM ) Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Perché? Cogliere le tendenze del mercato: investitori in cerca di asset managers istituzionali in grado di garantire rendimenti elevati MB come partner istituzionale di managers/gestori impegnati nell accelerare lo sviluppo del business Attività ad elevato contributo commissionale e basso assorbimento di capitale Attività fondata sulle competenze (non sul capitale) Attività di nicchia (scala dimensionale non sempre necessaria) Come? Investire nell asset management, business a basso impiego di capitale e con crescite elevate, disponendo di team affermati ed efficienti piattaforme operative Focus su società/gestori con marchi riconosciuti a livello internazionale, con un forte trackrecord, attivi nella gestione di investimenti alternativi ad elevata produzione di commissioni Tipologie di investimento: private equity, credito e real asset Fornire ad investitori istituzionali soluzioni di investimento basate sui nuovi prodotti di asset management MAAM/WM: 15% dei ricavi bancari del Gruppo MB al 5^ anno¹ 1) Non incluso tra i target del BP 40

41 Mediobanca: obiettivi 2016 Business Plan Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Gruppo Mediobanca Riduzione dell esposizione azionaria per 2mld Ricavi bancari: 2,1mld, CAGR +10% Costo del rischio = 150p.b. ROE = 10-11% B3 CT1¹ = 11-12%, payout 40% NSFR > 100% CIB & PB Credito al consumo & Retail MAAM² Ricavi 1mld, CAGR +10% ROAC = 12-13% Ricavi 1mld, CAGR +7% ROAC = 10-11% 15% dei ricavi bancari del Gruppo al 5^ anno 1) Stima MB subordinata alla autorizzazione di Banca di Italia: AG RWAs: ponderazione dall 1x (B2) a 3,7x (B3) 2) MAAM: non incluso nel business plan come target 2016, incluso come obiettivo nel

42 Corporate e Private Banking Sezione 2

43 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1

44 CIB Mediobanca : punti di forza Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente Solida situazione patrimoniale, minima leva MB CIB Allineato agli interessi della clientela corporate Struttura efficiente e buona qualità degli attivi Ricavi diversificati con prevalenza di margine di interesse e commissioni 44

45 MB: operatore specializzato... Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 Attori globali Agency players Operatori specializzati Offerta completa/business globale Fornitori di soluzioni complesse, market makers, capitale e liquidità Focus su fondi globali, fondi sovrani, imprese e FIGs Clientela captive: corporate, retail ed istituzionale Business guidato dalle relazioni di credito Forte identità/cultura aziendale nell IB Operatori specializzati in particolare nel capmkts e advisory Focus sui bisogni del cliente Stabilità dei ricavi assicurata anche da WM/AM Pressione normativa, politica e sociale Problematiche reputazionali Problematiche patrimoniali Fuga di talenti (pressione normativa sulla remunerazione) Riformulare il modello di business Bassa pressione normativa Difesa delle quote di mercato nazionali e delle forti relazioni corporate Bassa pressione normativa Marchio rinomato e conosciuto Margini da advisory sotto pressione (escludendo gli USA) 45

46 con l 85% dei ricavi da attività customer-driven... Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 IB: posizionamento operatori per volume dei ricavi ( mln) ed attività di trading (%) 100% 90% IB: % ricavi da Trading UBS GS JPM 80% 70% 60% 50% INVESTEC MCQUARIE SG CS BOFA DB 40% JEFFERIES BNP 30% 20% MEDIOBANCA 10% GREENHILL ROTHSCHILD 0% EVERCORE -10% LAZARD Volume ricavi L 85% dei ricavi di MB derivante da attività con clientela, solo il 15% da prop. Mediobanca è ben posizionata tra gli operatori specializzati con un offerta di prodotti ampia e ben diversificata Source: dati elaborati da MB, media CIB: advisory, ECM, DCM, Lending. 46

47 ... ed un efficiente struttura di costo. Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 IB: posizionamento operatori per volume dei ricavi ( mln) e rapporto costi/ricavi (%) 100% Rapporto costi/ricavi JEFFERIES 90% 80% EVERCORE LAZARD UBS MS GS 70% GREENHILL INVESTEC MCQUARIE CS 60% 50% 40% MEDIOBANCA SG BNP BAR DB 30% 20% 10% 0% -10% Volume ricavi Struttura di costi efficiente Fonte: elaborazione dati aziendali MB, media

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

Attività internazionali. Sezione 2.2

Attività internazionali. Sezione 2.2 Attività internazionali Sezione 2.2 allargato su scala europea a partire dal 2004 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 Avvio filiale di Parigi Focus: corporate advisory e lending

Dettagli

Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 2.1

Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 2.1 Posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 2.1 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013 Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013 Agenda 1. Gruppo Mediobanca 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni 1.3 Sviluppo della Governance 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici

Dettagli

Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013

Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013 Gruppo Mediobanca 31 dicembre 2013 Agenda 1. Gruppo Mediobanca 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni 1.3 Sviluppo della Governance 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici

Dettagli

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.1 Profilo di Compass Dati di sintesi Quota di mercato cresciuta all 11,4% in un mercato ancora in contrazione, focus sui

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Business Plan 2014/2016 - obiettivi e avanzamento G O A L S Modello di business più semplice, comprensibile e valutabile Focus

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014 Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014 Gruppo Mediobanca Leader in Italia nel corporate & investment banking, nel credito al consumo e nell on-line banking Per oltre 60 anni abbiamo sostenuto la crescita dei

Dettagli

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) 1.800 1.50 1.10 870 Ricavi bancari CAGR +7% 870 Credito Consumer al consumo

Dettagli

Gruppo Mediobanca. Assemblea degli Azionisti

Gruppo Mediobanca. Assemblea degli Azionisti Gruppo Mediobanca Assemblea degli Azionisti Milano, 28 Ottobre 2013 Agenda Sezione 1. Linee guida Piano Strategico 2014/2016 Sezione 2. Risultati annuali al 30 Giugno 2013 Sezione 3. Risultati trimestrali

Dettagli

Risultati semestrali al 31 Dicembre 2013

Risultati semestrali al 31 Dicembre 2013 Risultati semestrali al 31 Dicembre 2013 Milano, 19 Febbraio 2014 Agenda Sezione 1. Sezione 2. Risultati semestrali al 31 dicembre 2013 del Gruppo Mediobanca Risultati Divisionali Sezione 3. Note finali

Dettagli

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.1 Compass: punti di forza Leader di mercato, in crescita in un mercato stagnante Elevata redditività (ROAC a doppia cifra)

Dettagli

Risultati semestrali al 31 Dicembre 2014

Risultati semestrali al 31 Dicembre 2014 Risultati semestrali al 31 Dicembre 2014 Milano, 9 febbraio 2015 Agenda Sezione 1. Sezione 2. Sezione 3. Risultati semestrali al 31 dicembre 2014 del Gruppo Mediobanca Risultati Divisionali Note finali

Dettagli

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2015

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2015 Gruppo Mediobanca 30 giugno 2015 Gruppo Mediobanca Leader in Italia nel corporate & investment banking, nel credito al consumo e nell on-line banking Per oltre 60 anni abbiamo sostenuto la crescita dei

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 20 giugno 2013 Approvate le linee guida del Piano 2014/16 Ricavi bancari in crescita annua del 10%, ROE 2016 al 10-11% Semplificazione del modello di

Dettagli

Storia e missione. Descrizione del gruppo

Storia e missione. Descrizione del gruppo Storia e missione Descrizione del gruppo 1946 Fondazione Fondata dopo la II Guerra Mondiale da Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche ad interesse nazionale Missione:

Dettagli

Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment

Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment Milano, 27 ottobre 2014 Agenda Sezione 1. Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Sezione 2. Risultati Comprehensive Assessment

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca. Risultati trimestrali al 30 settembre 2015

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca. Risultati trimestrali al 30 settembre 2015 Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Risultati trimestrali al 30 settembre 2015 Milano, 28 ottobre 2015 Agenda Sezione 1. Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Allegati 1. Principal Investing:

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 17 settembre 2014 Approvato il progetto di bilancio al 30/06/2014 Utile netto salito a 465m CET1 all 11,1% Ritorno al dividendo: 0,15 per azione Il Piano

Dettagli

Gruppo Mediobanca Risultati degli ultimi 10 anni

Gruppo Mediobanca Risultati degli ultimi 10 anni Gruppo Mediobanca Risultati degli ultimi 10 anni 30 giugno 2014 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( m, %) Ricavi bancari per divisione 1 ( m, %) 1.157 1.925 1.983 1.819 Equity

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 CheBanca!: punti di forza Innovativa proposta multicanale/digitale Marchio affermato come banca innovativa Verso il ruolo di

Dettagli

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 1 Appendice B: Gruppo Banco Popolare Banco Popolare: la struttura del Gruppo al 30/09/2012 Holding e Divisioni Territoriali integrate Controllate bancarie nazionali**

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Storia e missione. 1946 Fondazione. Dal 1950 al 1970 Sviluppo. Anni 70 Ristrutturazione dell industria italiana. 1988 Privatizzazioni.

Storia e missione. 1946 Fondazione. Dal 1950 al 1970 Sviluppo. Anni 70 Ristrutturazione dell industria italiana. 1988 Privatizzazioni. Storia e missione Descrizione del Gruo 1946 Fondazione i Fondata doo la II Guerra Mondiale da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche ubbliche ad interesse nazionale

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

Storia e missione. 1946 Fondazione. Dal 1950 al 1970 Sviluppo. Anni 70 Ristrutturazione dell industria italiana. 1988 Privatizzazioni.

Storia e missione. 1946 Fondazione. Dal 1950 al 1970 Sviluppo. Anni 70 Ristrutturazione dell industria italiana. 1988 Privatizzazioni. Storia e missione Descrizione del Gruo 1946 Fondazione i Fondata doo la II Guerra Mondiale da Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche ubbliche ad interesse nazionale i Missione:

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Risultati annuali al 30 Giugno 2015

Risultati annuali al 30 Giugno 2015 Risultati annuali al 30 Giugno 2015 Milano, 5 agosto 2015 Agenda Sezione 1. Risultati consolidati annuali al 30 Giugno 2015 Sezione 2. Sezione 3. Sezione 4. Risultati divisionali Primo passo per la creazione

Dettagli

il settore bancario italiano

il settore bancario italiano crescita e competitività alla luce delle nuove regole di mercato Roma, 9 giugno 215 il settore bancario italiano Giuseppe Lusignani Università di Bologna FORUM HR 215 Giuseppe Lusignani - giugno 215 1

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 22 aprile Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 2007: l Anno del Cambiamento L introduzione di nuove norme ha comportato nuove sfide: Attuazione della riforma della previdenza integrativa Restrizione

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e TARGET FINANZIARI DEL PIANO STRATEGICO 2018: CET1 RATIO A 12,6% GRAZIE ALLA GENERAZIONE ORGANICA DI CAPITALE CHE CONSENTE UN MONTE DIVIDENDI COSPICUO MAGGIORE RITORNO DELL INVESTIMENTO CON UN ROTE DELL

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations GRUPPO BIPIEMME 1 semestre 2012 29 agosto 2012 Investor Relations 1 Agenda 1 Executive summary Risultati consolidati del 1 semestre 2012 Allegati 2 Giugno 2012: aspetti principali (1/2) Ulteriore rafforzamento

Dettagli

Relazione semestrale al 31 dicembre 2013

Relazione semestrale al 31 dicembre 2013 Relazione semestrale al 31 dicembre 2013 SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 430.564.606 SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.418.332,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.037,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Relazione semestrale al 31 dicembre 2012

Relazione semestrale al 31 dicembre 2012 Relazione semestrale al 31 dicembre 2012 SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 430.564.606 SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione.

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione. Investire in Francia Nuove opportunità di insediamento e incentivi messi a disposizione dal governo francese Assolombarda Milano, 6 Aprile 2011 La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

La società, le competenze, i numeri.

La società, le competenze, i numeri. La società, le competenze, i numeri. Eurizon Capital Architettura multi societaria Eurizon Capital SGR Eurizon Capital appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo. È specializzata nella gestione degli investimenti

Dettagli

Relazione semestrale al 31 dicembre 2008

Relazione semestrale al 31 dicembre 2008 Relazione semestrale al 31 dicembre 2008 SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 410.027.832,50 SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini, 19 maggio 2011

Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini, 19 maggio 2011 Il mercato immobiliare in Italia e i fondi immobiliari come strumenti di diversificazione dell'asset allocation per la clientela affluent. Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini,

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron BNP Paribas MTA International Le nuove opportunità per i traders Patrice Ménard BNP Paribas - Relazioni con gli Investitori e Informazione Finanziaria Marco Peyron BNL - Relazioni con gli Investitori Milano,

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DEL GRUPPO MEDIOBANCA AL 30 GIUGNO 2011

RELAZIONE SULLA GESTIONE DEL GRUPPO MEDIOBANCA AL 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE DEL GRUPPO MEDIOBANCA AL 30 GIUGNO 2011 L andamento dell esercizio è stato caratterizzato da una buona performance dell attività bancaria che ha dovuto tuttavia scontare, a partire

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015 Risultati di Gruppo Primo Trimestre 2015 Principali evidenze del primo trimestre 2015 Prosegue lo sviluppo del Gruppo con una Raccolta da Clientela (Depositi, Raccolta Gestita, Riserve Assicurative e Raccolta

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Copyright by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Premessa In questa

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011 Utile netto: Utile netto normalizzato (*) : 2 trim. a 741 mln. di euro, +12,1% rispetto a 661 mln. del 1 trim. 1 sem. a 1.402

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009 PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009- Milano, 23 luglio 2009 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator Agenda Obiettivi e direttive strategiche Principali interventi Proiezioni

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Le Linee Guida UN MODO NUOVO DI LAVORARE: semplicità, efficienza e meritocrazia;

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Risultati 2013 Banca Profilo e Controllate. 27 Marzo 2014

Risultati 2013 Banca Profilo e Controllate. 27 Marzo 2014 Risultati 2013 Banca Profilo e Controllate 27 Marzo 2014 Agenda Sintesi 2013 Commento ai risultati esercizio 2013 Analisi per segmento di business Conclusioni Allegati 2 Punti Base performance % Scenario

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 Copyright 2013 by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 In questa nota

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander

1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander 1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander GRUPPO SANTANDER Il Gruppo é tra i 10 maggiori gruppi bancari al mondo, ed il 1 in quanto

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2012

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2012 COMUNICATO STAMPA Parigi, 14 febbraio 2013 PIANO DI ADEGUAMENTO COMPLETATO E SOLIDI RISULTATI, IN UN DIFFICILE CONTESTO ECONOMICO PIANO DI ADEGUAMENTO ALLA NUOVA NORMATIVA COMPLETATO ATTIVI PONDERATI -62

Dettagli