BUSINESS ENGLISH [ BENG ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUSINESS ENGLISH [ BENG ]"

Transcript

1 BUSINESS ENGLISH [ BENG ] Docenti:SIMONETTA RESTA Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Il corso si propone fini forse ambizioni per la durata del corso. Intende proporre un assaggio degli aspetti testuali dei discorsi specifici, rilevanti per il curriculum accademico e fornire una preparazione agli studenti che permetta di affrontare nella loro vita professionale una varietà di aspetti linguistici rilevanti per la preparazione di tesi accademiche o di altre ricerche che richiedano letture di testi inglesi. Il livello del corso B2 s informa alle disposizioni del quadro europeo per l apprendimento delle lingue straniere. Prerequisiti Buona conoscenza della lingua inglese scritta e orale a livello B1 acquisire e approfondire gli elementi retorici del discorso politico, economico di tipo giornalistico evidenziando i tratti caratteristici le funzioni pragmatiche e retoriche che esplica: descrizione, analisi del fenomeno quindi la predizione degli effetti. Partendo dalla distinzione tra quotidiani e riviste. Nei tabloid l intento è descrittivo e comunicativo e prevale l aspetto dell attualità, laddove, nelle seconde (riviste) prevale una meditazione critica che si esplica nella funzione argomentativa Uso del proiettore e della lavagna luminosa e vari siti per la lettura critica e ampliamento del vocabolario specifico economico manageriale nei suoi aspetti metaforici la verifica è basata sulla comprensione critica di un brano economico inglese con attenzione alla parafrasi e ai sinonimi. La prova orale consiste nella preparazione di una tesina su argomenti trattati durante i corsi scegliendo non meno di 6 articoli tratti dall Economist o da altra stampa inglese Intelligent Business upper intermediate, Economist, Wallstreet journal AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) comune 6 L-LIN/12

2 BUSINESS METRICS [ BMET ] Docenti:MARCO CENTONI Periodo: Primo Ciclo Semestrale Al termine del corso gli studenti avranno appreso i fondamenti teorici dei modelli quantitativi per l analisi dei risultati di vendita. Inoltre, dovranno essere in grado di utilizzare tali modelli, interpretare e comunicare i risultati della loro applicazione e valutarne le implicazioni per le politiche di vendita. Prerequisiti Descrizione statistica della distribuzione di un carattere. Associazione statistica. Inferenza statistica. Regressione semplice. Lingua inglese. Misurazione dei risultati di vendita. Modelli statistici per l analisi dei dati di mercato. Metodi di stima di massima verosimiglianza. Lezioni frontali ed esercitazione su personal computer Esame scritto Specifiche indicazioni saranno fornite durante le lezioni. Gli argomenti del corso sono ampiamente trattati nei seguenti volumi: Franses, P.H., Paap, R. (2010), Quantitative Models in Marketing Research, Cambridge University Press Hanssens, D., Parsons, M., Schultz, L.J., Randall L. (2001), Market response models: econometric and time series analysis, Kluwer Altre informazioni Per l assegnazione dell elaborato finale occorre aver superato l esame. La capacità di lettura di testi in inglese è un requisito fondamentale. È indispensabile, inoltre, avere molta familiarità con il computer. AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 SECS-S/03

3 BUSINESS PLAN E VALUTAZIONE D'AZIENDA [ BPVAZI ] Docenti:ELISA SARTORI Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Il corso si propone di approfondire lo strumento di pianificazione per eccellenza, il business plan, e di rafforzare le conoscenze di base per consentire agli studenti la padronanza degli strumenti necessari a redigere un piano economico-finanziario. In particolare, al termine del corso lo studente sarà in grado di: - individuare, presentare e interpretare le informazioni necessarie per la redazione di un Business Plan; - approfondire le tecniche di fattibilità economico-finanziaria del piano; - utilizzare lo strumento del Business Plan nell ambito della valutazione d azienda. Prerequisiti Elementi di ragioneria generale e applicata e di finanza aziendale. Gli argomenti trattati saranno i seguenti: 1. Inquadramento del Business Plan nell ambito del processo di pianificazione strategica 2. Finalità del Business Plan 3. Contenuti e forma del Business Plan 4. Tecniche di fattibilità tecnica ed economico-finanziaria 5. Business Plan per la valutazione d azienda 6. Il metodo del DCF 7. Il VAN (Valore Attuale Netto) 8. Business Plan per il risanamento di aziende in crisi Lezioni frontali. Il corso si compone di una parte teorica e di una parte pratico-applicativa. La parte pratico-applicativa consiste nell analisi di casi aziendali. Prova orale 1. Brusa L., Mappa strategica e Business Plan, Giuffrè Editore, Dispense fornite del corso delle lezioni. AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 6 SECS-P/07

4 CONTROLLO DI GESTIONE E BILANCIO DI IMPRESA [ CGBIMP ] Docenti:MARCO FABIO PULSONI Periodo: Primo Ciclo Semestrale Fine del corso è fornire conoscenze e competenze relativamente alle funzioni amministrative di finanza e controllo di gestione, sviluppando concetti base per un percorso professionale e specialistico in ambito aziendale nonché basi conoscitive che consentano in linea generale di elaborare, utilizzare ed interpretare le performances economiche d azienda. Il percorso si propone di illustrare una panoramica completa, aggiornata ed approfondita delle strategie, delle tecnologie e delle metodologie operative utilizzate nell area amministrativa e nel controllo di gestione d impresa. Prerequisiti Conoscenza del bilancio di esercizio; Conoscenze dei sistemi organizzativi e di governance aziendale I modulo: Il profilo strategico della gestione aziendale Il sistema azienda, le dinamiche gestionali e organizzative: - tipologie organizzative; - logiche organizzative; - i sistemi di gestione aziendale; - la pianificazione strategica di impresa; - ruoli e funzioni della contabilità, del bilancio e del controllo di gestione. II modulo: Il controllo di gestione Il processo di gestione e controllo: - il processo di pianificazione e controllo digestione; - le fasi del processo di gestione e controllo; - la contabilità generale e contabilità analitica; - la classificazione dei costi: costi diretti, indiretti, fissi e variabili; - la breakeven analysis La pianificazione strategica: attività di budgeting e di reporting: - il processo di budgeting; fasi del processo di budgeting strategico, operativo, il budget economico, il budget patrimoniale e il budget finanziario - il sistema di reporting: - reporting tradizionale - reporting innovativo (bilance score card; intangibile asset monitor, il capitale intellettuale) Esposizioni didattiche interattive con utilizzo di slides e discussione/confronto collettivo. Esercitazioni/simulazione casi con utilizzo di modulistica e supporto informatico; disamina di testi, saggi e normative. Analisi di casi reali. verifica periodica mediante esercitazioni P. Lizza, Controllo di gestione e performance aziendale, Giuffré Editore (da confermare) Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: verifica del percorso accademico sulla base della materia sostenute e del livello di apprendimento raggiunto da valutarsi attraverso colloquio e sulla base dei valori medi di votazione conseguiti

5 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) comune 9 SECS-P/07

6 CORPORATE FINANCE [ COFIN ] Docenti:FEDERICA SIST Periodo: Primo Ciclo Semestrale The course aims to provide an overview of the finance company an advanced course, when it comes to the business merger and acquisition and restructuring operations. The classroom must know which institutions involved in these operations and how the equity markets work, evaluating the alternatives offered by credit and structured finance. 1. Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 2. L attività di M&A e le operazioni di ristrutturazione 3. I mercati di capitale di rischio 4. Le operazioni di credito e la finanza strutturata Il Corso prevede lezioni sui contenuti previsti dal programma, casi pratici ed esercitazioni. Il corso prevede la partecipazione attiva degli studenti in aula. orale Forestieri, G. Corporate & Investment banking, 2010, EGEA Altro materiale in inglese sarà indicato all inizio del corso Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: conoscenza della lingua inglesa, padronanza dei principali software e passione per la materia AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 SECS-P/11

7 CORPORATE STRATEGY [ CSTR ] Docenti:ERCOLE PIETRO PELLICANO' Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Obiettivo formativo del corso è quello di dare ai discenti gli strumenti di base per formulare delle strategie in campo aziendale sia livello business sia a livello corporate Prerequisiti Discreta conoscenza della lingua inglese Il corso si prefigge lo scopo di trattare le principali tematiche legate alla definizione, implementazione e valutazione della strategia aziendale. Nello specifico, saranno approfonditi i seguenti argomenti: rapporto tra strategia, impresa e alta direzione, gli strumenti di analisi strategica, le strategie di business e le strategie corporate, le attuali tendenze nella gestione strategica Lezioni frontali unitamente ad attività da svolgere in aula sull analisi e costruzione di business case Esame orale Robert Grant, L analisi strategica per le decisioni aziendali, Il Mulino. Dispense aggiuntive pubblicate sul web della cattedra Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: aver sostenuto l esame con votazione 30/30 ed avere una media non inferiore a 28/30 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) comune 9 SECS-P/08

8 CUSTOMER RELATIONSHIP, MANAGEMENT E GESTIONE DEGLI INTERMEDIARI COMMERCIALI [ CRMGICOM ] Docenti:LAURA MICHELINI, FABRIZIO FLAVIO BALDASSARRE Periodo: Ciclo Annuale Unico Il Customer Relationship Management è un processo strategico che coinvolge tutti gli aspetti dell'attività aziendale, dall organizzazione gerarchica interna fino all'assistenza post-vendita. Obiettivo primario del CRM è di migliorare le relazioni tra l'azienda e i propri clienti (intermedi e finali) attraverso strumenti di misurazione e l'utilizzo delle tecnologie IT per l estrapolazione, la gestione e l analisi dei dati. Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti e le tecniche di analisi a disposizione delle aziende per gestire le relazioni con i clienti (intermedi e finali) e fidelizzarli, con attenzione agli scenari futuri e alle possibili prospettive di mercato. La customer satisfaction e gli effetti sul valore aziendale I metodi per la misurazione della customer satisfaction La descrizione del processo di fruizione I metodi di misurazione diretta della customer satisfaction I metodi indiretti per la misurazione della customer satisfaction Customer satisfaction e customer loyalty I metodi e i vantaggi della misurazione della customer loyalty I metodi di misurazione della fedeltà comportamentale I metodi di misurazione della fedeltà cognitiva Altri indici di misurazione della customer loyalty: il customer retention rate e gli indici sintetici Customer loyalty e customer value Analisi di casi aziendali Lezione teorica frontale, esercitazioni e testimonianze aziendali. Esame scritto e orale. Il testo verrà comunicato dal docente all inizio delle lezioni. Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: aver sostenuto l esame. AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 12 SECS-P/08, SECS-P/08

9 DIRITTO FALLIMENTARE [ DFAL ] Docenti:EMANUELE ODORISIO Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Il corso si propone di affrontare la disciplina del fallimento dell'imprenditore commerciale, analizzandone i profili sostanziali e procedurali. In questo contesto dovranno essere inquadrate anche le procedure concorsuali alternative al fallimento, ponendo in luce la posizione che esse occupano nel sistema. Prerequisiti Per sostenere l esame occorre aver superato l esame di Economic and financial market law Introduzione allo studio delle procedure concorsuali. Parte prima: Il fallimento. I. I presupposti del fallimento. Sez. I: qualità di imprenditore commerciale. Sez. II: L insolvenza e l entità degli inadempimenti. II. L apertura del procedimento fallimentare. Sez. I: L istruttoria prefallimentare e la decisione. Sez. II: I gravami e la revoca del fallimento. III. L amministrazione fallimentare. Sez. I: Esecuzione concorsuale e amministrazione del patrimonio fallimentare. Sez. II: Gli organi preposti al fallimento. Sez. III: Competenza e rito nelle controversie fallimentari. IV. Il patrimonio del debitore. Sez. I: I beni e i diritti. Sez. II: I rapporti contrattuali. V. La reintegrazione della garanzia patrimoniale. Sez. I: Disciplina generale. Sez. II: Atti inefficaci ex lege ed atti revocabili. VI. L attuazione coattiva delle pretese creditorie e reali e la regolazione concorsuale dei crediti. VII. Il procedimento fallimentare. Sez. I: Accertamento dello stato passivo e dei diritti reali e personali di terzi. Sez. II: Liquidazione dell attivo. Sez. III: Ripartizione dell attivo. VIII. La cessazione della procedura fallimentare e l esdebitazione. IX. Fallimento delle società. Parte Seconda: La regolazione negoziata della crisi. X. La composizione stragiudiziale. XI. Il concordato preventivo. XII. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti. Parte Terza: Le procedure concorsuali amministrative. XIII. La liquidazione coatta amministrativa. XIV. L amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi. Appendice: La composizione delle crisi da sovraindebitamento. L attività didattica si svolgerà principalmente attraverso le lezioni frontali. Esame orale L. Guglielmucci, Diritto fallimentare, V ed., G. Giappichelli, Torino, Oppure: Diritto delle procedure concorsuali (a cura di G. Trisorio Liuzzi), Giuffré, Milano, 2013 Altre informazioni L assegnazione degli elaborati finali avverrà previo colloquio con il docente. Facoltà Dipartimento di Giurisprudenza Laurea Ciclo Unico GIURISPRUDENZA (2008) comune 6 IUS/04

10 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 IUS/04

11 DIRITTO TRIBUTARIO CORSO PROGREDITO [ DTRI_CP ] Docenti:GIANMARCO TARDELLA Periodo: Primo Ciclo Semestrale Conoscere le caratteristiche del sistema delle imposte sui redditi, dell imposta sul valore aggiunto e dei principali tributi comunali, con particolare riferimento all imposizione delle imprese. Conoscere il sistema delle sanzioni amministrative e penali. Conoscere i procedimenti di controllo e di accertamento con gli istituti di definizione anticipata Conoscere il processo tributario e gli strumenti di tutela contenziosa. Prerequisiti Esami di economia aziendale, di diritto pubblico, di diritto privato e di diritto commerciale. Conoscenza dei principi generali del diritto tributario, dei lineamenti essenziali del rapporto fisco-contribuente e delle caratteristiche dei principali tributi erariali e locali. I modulo 20 ore Irpef: presupposto, soggetti passivi, base imponibile e liquidazione Le categorie di reddito: fondiario, di capitale, di lavoro dipendente, di lavoro autonomo, di impresa, diversi Ires: presupposto, soggetti passivi, base imponibile Approfondimenti sui principi generali e sulle componenti positive e negative del reddito d impresa, - La tassazione di gruppo e le operazioni internazionali - Le operazioni straordinarie di impresa: conferimenti, trasformazioni, fusioni e scissioni - Irap: principi generali II modulo 20 ore Le dichiarazioni dei redditi: requisiti e caratteri fondamentali - Le attività di controllo ed i poteri istruttori delle autorità fiscali - Gli avvisi di accertamento: requisiti e caratteri fondamentali; le varie tipologie di accertamento; gli istituti di definizione anticipata e gli atti di riscossione - Il sistema delle sanzioni; le sanzioni amministrative ed i reati tributari. III modulo 20 ore La giurisdizione tributaria ed il processo avanti le commissioni tributarie: principi generali; il procedimento di primo grado; le impugnazioni; l esecuzione delle sentenze L IVA: meccanismo di applicazione e presupposti; le tipologie di operazioni; gli obblighi dei contribuenti I principali tributi comunali Didattica frontale con riferimenti frequenti alle fonti normative e giurisprudenziali nonché a casi concreti Esame orale Nel corso dell esame il candidato dovrà dimostrare di avere appreso i meccanismi sia sostanziali che procedimentali dell imposizione con riferimento ai principali tributi; inoltre di avere appreso il sistema delle sanzioni e gli strumenti di tutela processuale del contribuente; e deve mostrare sempre la conoscenza delle fonti normative e la padronanza dell uso di un codice tributario. Falsitta G, Manuale di diritto tributario, parte generale e speciale, Cedam, ult. ed. Russo P., Manuale di diritto tributario, parte generale e speciale, Giuffré, ult. ed. Tesauro F., Istituzioni di diritto tributario, parte generale e speciale, Utet, ult. ed. Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: si terrà conto del curriculum dello studente e dell esito degli esami di economia aziendale, di diritto provato, di diritto pubblico e di diritto commerciale.

12 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 IUS/12

13 ECONOMIA E GESTIONE DELL'INNOVAZIONE [ EGINN ] Docenti:LUCA PIROLO Periodo: Secondo Ciclo Semestrale il corso mira a : - prendere in esame il rapporto tra imprese e l ambiente economico istituzionale circostante - approfondire le principali prospettive teoriche impiegate nell analisi strategica per l innovazione - identificazione del ruolo dell innovazione nelle strategie competitive attuabili dalle imprese operanti nello scenario competitivo attuale - nel complesso, fornire gli strumenti per sviluppare un approccio analitico e coerente nella comprensione dei problemi manageriali nella gestione delle strategie di innovazione Prerequisiti Basi di: economia aziendale, microeconomia, economia e gestione delle imprese Il corso si propone di fornire le conoscenze teoriche necessarie per comprendere il fenomeno dell innovazione tecnologica nelle sue varie declinazioni e dei processi di gestione dell innovazione nelle e tra imprese nell attuale economia basata sulla conoscenza. Il corso mira inoltre ad approfondire l analisi degli strumenti strategici a supporto di tale gestione dell innovazione in vari ambiti competitivi e a fronte di problemi di natura competitiva, finanziaria e organizzativa che possono influenzare le scelte e gli indirizzi strategici delle imprese. Lezioni interattive e casi di studio prova scritta e orale Munari F. - Sobrero M., Innovazione tecnologica e gestione di impresa Bologna Il Mulino 2004 (3 volumi) Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: superamento dell esame AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 SECS-P/08

14 ECONOMIC AND FINANCIAL MARKET LAW [ EFMLAW ] Docenti:PAOLA LUCANTONI Periodo: Primo Ciclo Semestrale Il corso si propone l obiettivo di fornire agli studenti una cornice normativa dei principali intermediari operanti sui mercati finanziari e delle operazioni aventi ad oggetti strumenti finanziari, così come disciplinati dal Testo Unico della Finanza a seguito del recepimento delle direttive europee (Prospetti informativi, Opa e MiFID). Prerequisiti conoscenza della lingua inglese Il corso di Diritto dei mercati finanziari è centrato sull analisi dei mercati, intermediari e strumenti finanziari. In particolare verranno esaminati: - i mercati finanziari e il sistema di vigilanza; - i mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici - gli strumenti finanziari e i servizi e contratti di investimento; - le regole di condotta degli intermediari finanziari: la classificazione dei clienti, le valutazioni di adeguatezza e appropriatezza e la tutela risarcitoria del cliente; - l appello al pubblico risparmio, offerta al pubblico di vendita o sottoscrizione e collocamento riservato; - l offerta fuori sede, collocamento e offerta a distanza; - la negoziazione e best execution; - la nozione di gestione e la separazione patrimoniale; - i fondi comuni di investimento, le sicav e i fondi pensione; - le offerte pubbliche di acquisto. Lezioni in aula ed esercitazioni, con il coinvolgimento fattivo degli studenti, sui principali temi finanziari d attualità. esame scritto e orale in italiano R. LENER (a cura di), Diritto del mercato finanziario. Saggi, Torino, Utet, 2011 in inglese E. FERRAN, Understanding the New Institutional Architecture of EU Financial Market Supervision, E. FERRAN, Cross-border Offers of Securities in the EU: The Standard Life Flotation, Italian Regulation on Investment Services.,www.consob.it/mainen/target/investors/education/investment_services/individual.html Italian Regulation on Investment Services L. ENRIQUES, Conflicts of Interest in Investment Services: The Price and Uncertain Impact of MiFID s Regulatory Framework, 2005, M. VENTORUZZO, The Thirteenth Directive and the Contrasts between European and U.S. Takeover Regulation: different Regulatory Means, Not so Different Political and Economic Ends, F. AMTENBRINK AND J. DE HAAN, Regulating Credit Rating Agencies in the European Union: A Critical First Assessment of the European Commission Proposal, M.M SIEMS, The EU Market Abuse Directive: A Case-Based Analysis, Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: predisposizione alla ricerca in ambito giuridico.

15 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) comune 6 IUS/05

16 EUROPEAN VALUES IN THE GLOBAL ECONOMY [ EVGECO ] Docenti:GIOVANNI FERRI Periodo: Primo Ciclo Semestrale Il corso mira a permettere agli studenti di padroneggiare gli argomenti chiave dell economia internazionale; fornire loro la base per ulteriori corsi di economia; farli familiarizzare con gli strumenti necessari ad affrontare le principali questioni di economia e politica economica internazionale, spesso oggetto delle preoccupazioni di ogni giorno. Tutto ciò viene condotto a partire dalle specificità dei valori europei. Prerequisiti Prerequisiti essenziali per il corso sono: (I) una buona conoscenza della lingua inglese, sia scritta che orale, lingua in cui il corso sarà impartito, e (II) aver superato (con un voto sufficiente) un corso di base in macroeconomia. Perché le differenze nel nostro modello socio-economico si fondano sui valori degli europei. Refresh di macroeconomia. Teoria e politiche del commercio internazionale. Tassi di cambio e macroeconomia di economia aperta: teoria e politiche. L Unione Monetaria Europea e la BCE. Politica economica nell Eurozona; l Euro e i mercati finanziari. La teoria delle aree valutarie ottimali; costi e benefici di una moneta comune. Integrazione politica e monetaria. La crisi dei debiti sovrani nell Eurozona. Lezioni, seminari, discussioni Esame scritto più, a richiesta dello studente, esame orale. - Inequality and happiness: are Europeans and Americans different?, Alberto Alesina, Rafael Di Tella, Robert MacCulloch, J. Public Econ 88 (2004) Why Doesn t the U.S. Have a European-Style Welfare State?, A. Alesina, E. Glaeser, B. Sacerdote, Brookings Papers on Economic Activity 2 (2001) Economics of Monetary Union, Paul De Grauwe, Oxford University Press, 9th Edition - International Economics, Theory and Policy, Paul R. Krugman and Maurice Obstfeld, Pearson International 9th Edition Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: interesse per la disciplina; voto d esame. AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) comune 9 SECS-P/01

17 FINANZA QUANTITATIVA E GESTIONE DEI RISCHI [ FQGRIS ] Docenti:GABRIELLA FOSCHINI, SILVIA BUTTARAZZI Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Alla fine del corso gli studenti devono aver acquisito un adeguata preparazione riguardo i mercati dei derivati e della loro valutazione. Più specificamente, durante il corso verranno esaminati forwards, futures, opzioni e swaps. Prodotti derivati. Funzionamento dei Mercati dei Futures. Strategie di Copertura mediante Futures. Tassi d Interessi. Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures. Futures su Tassi d Interesse. Swaps. Funzionamento dei Mercati delle Opzioni. Opzioni su Azioni. Strategie Operative mediante Opzioni. Alberi Binomiali. Processi di Wiener e Lemma di Itô. Modello Black-Scholes-Merton. Lettere Greche. VaR (cenni). Costruzione di portafogli a rendimento minimo garantito. Lezioni ed esercitazioni svolte in aula informatizzata, con lezioni active learning. Prova pratica individuale sul computer e prova orale individuale Hull John C., Opzioni, futures e altri derivati, Pearson Education Italia (8^ edizione) Dispense a cura del docente. Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: Interesse per l approfondimento degli argomenti trattati nel corso; spiccata propensione per materie quantitative. AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 MAT/09, MAT/09

18 GESTIONE DELLE RISORSE UMANE [ GRUMA ] Docenti:SARA MORMINO Periodo: Primo Ciclo Semestrale Il corso si propone di: - fornire conoscenze teoriche e modelli di analisi per comprendere i cambiamenti che hanno caratterizzato le organizzazioni complesse e il ruolo strategico assunto dalle persone, e in generale dal capitale umano, per il successo, la competitività e la creazione del valore nei contesti organizzativi attuali - fornire teorie, modelli concettuali e strumenti di analisi per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane - conoscere e approfondire le principali leve e le pratiche di People Management anche attraverso l analisi di esperienze aziendali nel panorama nazionale e internazionale - comprendere attività, responsabilità e competenze manageriali propri della Direzione Risorse Umane Prerequisiti Nessun prerequisito richiesto - Le persone come risorsa strategica per la creazione del valore nelle organizzazioni: l importanza del capitale umano - Organizzare l impresa e la gestione delle risorse umane - La direzione delle risorse umane come business partner dell impresa - La direzione risorse umane: le funzioni e i ruoli - Le competenze per il People Management in azienda - Il comportamento individuale e di gruppo nelle organizzazioni - Gli strumenti per gestire le risorse umane: una visione di insieme - Reclutamento, employer branding e selezione - La valutazione delle persone - Sviluppo e carriera - Il Knowledge Management e la formazione - Rewarding e compensation - La comunicazione organizzativa - Il Diversity Management - International Human Resources Management Lezioni frontali, case studies, esercitazioni, testimonianze esame orale Gabrielli G., Profili S., Organizzazione e gestione delle risorse umane, ISEDI, Torino, 2012 Durante le lezioni verranno fornite dispense e articoli tratti da riviste nazionali e internazionali a carattere scientifico Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: la frequenza ai corsi costituirà titolo preferenziale per l assegnazione della tesi di laurea

19 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2012) comune 9 SECS-P/10

20 METODI QUANTITATIVI PER LE DECISIONI AZIENDALI [ MQDAZI ] Docenti:GABRIELLA FOSCHINI, SILVIA BUTTARAZZI Periodo: Secondo Ciclo Semestrale Il corso ha come obiettivo quello di fornire gli strumenti quantitativi di base per l analisi e risoluzione di problemi aziendali quali l ottimizzazione di risorse limitate, la gestione dei mercati obbligazionari, la selezione di portafogli azionari, la misurazione e gestione del rischio. Prerequisiti Conoscenza degli elementi base della matematica generale e finanziaria 1. Ricerca Operativa: - problemi di ottimizzazione lineare con applicazioni di carattere economico aziendale soluzione analitica (metodo del simplesso); soluzione grafica; metodi di soluzione attraverso un foglio elettronico; - cenni di programmazione dinamica. 2. Modelli per la costruzione di effettivi portafogli quanto più possibile efficienti: - criterio media-varianza; - frontiera e frontiera efficiente; - beta e modello singolo indice; - Capital Market Line; - Security Market Line. 3. Gestione della Tesoreria aziendale: - asset/liability manage ment; - portafogli di affari; - caratteristiche contrattuali degli strumenti derivati di base, loro utilizzo ai fini della gestione del debito e introduzione alla valutazione finanziaria Lezioni ed esercitazioni svolte in aula informatizzata, con lezioni active learning. Prova pratica individuale sul computer e prova orale individuale. -BORTOT, MAGNANI, OLIVIERI, ROSSI E TORRIGIANI - Matematica Finanziaria (Monduzzi Editore - II ed ); -Benninga, S., Modelli Finanziari, la finanza con excel, 2^ edizione, McGrowHill ed., 2010; -Dispense predisposte dal docente. Altre informazioni Criteri per l assegnazione dell elaborato finale: interesse per l approfondimento degli argomenti trattati nel corso; spiccata propensione per materie quantitative. comune 9 SECS-S/06,

21 AMMINISTRAZIONE DI AZIENDA (2013) SECS-S/06

22 ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA RETE COMMERCIALE [ OGRIMP ] Docenti:LUCIA MARCHEGIANI Periodo: Primo Ciclo Semestrale Il corso consentirà ai partecipanti di inquadrare il problema della gestione e organizzazione della rete commerciale attraverso diverse prospettive teoriche. In questo modo, gli studenti raggiungeranno piena consapevolezza di tutte le leve attivabili per realizzare una efficace strategia di vendita. Gli studenti analizzeranno diversi casi aziendali emblematici di settori diversi e con diverse modalità di organizzazione della forza commerciale. In questo modo, gli studenti impareranno a riconoscere le alternative di scelta nella progettazione di una efficace strategia commerciale e a modularle e adattarle ai diversi contesti empirici che si troveranno ad affrontare nella realtà di gestione d impresa. Lo studio di casi e la discussione in aula di contributi teorici selezionati dal docente richiedono un impegno da parte degli studenti, che sono tenuti a partecipare attivamente a tutte le lezioni. Questo stimola la capacità di confronto con gli altri, di formulazione e difesa di proprie ipotesi di ricerca. Inoltre, il modulo relativo all utilizzo di strumenti partecipativi online consentirà di avere familiarità e dimestichezza con le piattaforme e i servizi web-based utilizzati per la collaborazione in team anche remoti. Prerequisiti Conoscenza dell inglese (parte del materiale didattico è in inglese e sarà discusso in aula) Negli ultimi anni, molte aziende hanno ristrutturato le proprie reti commerciali per renderle più rispondenti alle mutate esigenze e, in alcuni casi, alle richieste dei loro clienti. Le aziende stanno operando una riorganizzazione in modo da tener conto delle esigenze a tutto tondo dei propri clienti e dei mutati contesti competitivi. In questo corso si tratteranno i molteplici aspetti dell organizzazione della forza vendita, tenendo conto sia delle diverse prospettive teoriche che hanno analizzato il problema, sia delle multiformi implicazioni pratiche. Organizzare la forza vendita è una responsabilità permanente per le imprese. Per questo motivo, nel corso verranno studiati, analizzati e applicati a diversi contesti empirici i diversi quadri teorici che vanno dall economia dei costi di transazione, alla progettazione organizzativa, all analisi dei contratti di fornitura, al marketing e alla gestione delle risorse umane. Una tendenza nella ristrutturazione della forza vendita e quella di muoversi verso una organizzazione piatta, in cui il coordinamento tra le attività è più importante del controllo top-down. Questo porta a definire team di esperti su come una particolare linea di prodotto sia in grado di soddisfare le esigenze del mercato di riferimento. In queste organizzazioni, i venditori sono spesso parte di team interfunzionali finalizzati a servire i clienti. Inoltre, le innovazioni tecnologiche stanno ridefinendo i processi di comunicazione all'interno e con altre organizzazioni. Per questo motivo, un modulo del corso è dedicato alla partecipazione on-line e alla pratica della comunicazione a distanza e sistemi di collaborazione online. Lezioni frontali; Discussione di articoli accademici in aula previo studio a casa; Modalità di partecipazione online e realizzazione di un internet blog collettivo Richiesta la frequenza di almeno 75% delle lezioni Partecipazione alla discussione in aula 30% Progetto di gruppo (caso aziendale) 30% Essay individuale (take home exam) 40% Dispense a cura del docente

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO

17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO 17016-ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI PRESENTAZIONE CORSO PRESENTAZIONE CORSO DOCENTI CONTENUTI MODALITA DIDATTICHE SYLLABUS MATERIALE DI RIFERIMENTO MODALITA DI ESAME 1 MODALITA ESAME

Dettagli