Introduzione. 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da"

Transcript

1 Introduzione Premesse generali Delineare una tipologia della donna nel Decameron significa necessariamente analizzare l intera silloge: la presenza femminile è, infatti, un elemento talmente importante nella narrazione boccacciana, da assumere, già ad una prima lettura del Proemio, il significato di vera e propria base tematica dell opera. Dal punto di vista statistico, inoltre, pur escludendo le figure femminili che, in quanto parte della brigata, sono coinvolte attivamente nel raccontare, e che rappresentano una maggioranza schiacciante rispetto ai narratori (sette a tre), rileviamo che delle 101 novelle (prendendo in considerazione anche quella fuori serie che introduce la quarta giornata) ben poche mancano dell apporto di almeno un personaggio femminile: solo diciassette novelle, infatti, sono prive di questo fondamentale fattore (I, 1, 2, 3, 6, 7, 8; II, 1; VI, 2, 5, 6, 9; VIII, 5, 6; IX, 4, 8; X, 1, 2). Questo elementare calcolo statistico si riveste di un significato ancora più pregnante se ci rifacciamo, appunto, alle parole del Proemio, con le quali Boccaccio dichiara apertamente che le novelle sono state scritte per un pubblico di donne 1 : il 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da Branca messa in parallelo con Voi ch ascoltate in rime sparse il suono... per introdurre uno studio su Implicazioni espressive, temi e stilemi fra Petrarca e Boccaccio (in Branca 1996: ), non possiamo dimenticare le critiche rivolte da Russo al tono pesante ed involuto, che pure vengono attenuate dalla intenzione di ravvisare nella prima pagina un mezzo sorriso pieno di sottintesi (Russo 1977:9-10). Il critico siciliano ricorda poi come la dichiarazione boccacciana (E chi negherà questo, quantunque egli si sia, non molto più alle vaghe donne che agli uomini convenirsi donare? (Pr., 9)) e quanto segue si colleghino al fatto che la scrittura in volgare del Medioevo era anche praticamente sentita come rivolta alle donne, in quanto esse non conoscevano il latino, anche se siamo in realtà in presenza di una diversa concezione della letteratura: le donne sono soltanto il simbolo del mondanizzarsi della poesia: si abbandona il concetto meramente teologico e dotto della poesia, e si accede a un concetto più terrestre. Le donne sono precisamente una metonimia per indicare le Muse stesse, che evadono dal sopramondo della teologia e della filosofia e si fanno più concrete, muse di questo mondo, esperte e de li vizi umani e del valore. (ivi:11) L analisi portata avanti dal Getto a proposito delle pagine proemiali tende piuttosto a legare tutto il tono di esse ad una linea stilnovistica, al significato mondano dell esperienza letteraria, alla comunicazione di un significato riassuntivo di nobile sentire e di vistuoso operare, di colto costume e 1

2 sostentamento, il conforto che il poeta deve necessariamente donare a chi soffre le afflizioni d amore, è dovuto più alle vaghe donne che agli uomini (Pr., 9), e proprio per la capacità che esse dimostrano di sopportare le innumerevoli pressioni cui sono sottoposte, giorno per giorno, dall ambiente esterno. Queste pressioni, opposte alle amorose fiamme che le donne tengono nascoste nei dilicati petti, si distribuiscono secondo una triplice scala di intensità (voleri, piaceri, comandamenti) in cui Boccaccio condensa espressivamente tre atteggiamenti della comunità civile verso le donne, comunità costituita dalle diverse autorità (padri, madri, fratelli, mariti) che esercitano il loro potere sulle donne, secondo appunto i tre momenti del volere, del piacere, del comandare. A questi tre atteggiamenti è legata la materia narrativa di gran parte delle novelle del Decameron: il conflitto alla base della narrazione trova origine appunto nel momento in cui la protagonista si confronta con una imposizione esplicita o meno proveniente da una di queste autorità, e partendo da questo confronto l autore ci manifesta non soltanto il dissidio interno della protagonista, ma le differenti modalità di reazione che di volta in volta si verificano. Trattandosi dunque di un libro che parla di donne, e che viene inviato ad un pubblico di lettrici, dobbiamo puntualizzare che le destinatarie dell opera del Boccaccio non sono tutte le donne in senso assolutamente lato e, diremmo, anagrafico, ma quelle possibili lettrici o ascoltatrici che condividono, in qualche maniera, caratteristiche di gentilezza, bellezza, sensibilità d animo e di costumi, che in tal modo divengono chiavi di lettura per molti dei personaggi femminili dell opera stessa. Non è un caso che, escluse le figure femminili non meglio tratteggiate (aventi ruoli secondari o terziarii, oppure chiuse nell immagine di una folla, di una comunità, del vicinato, del contado, etc.), solo due donne vengono munite dal Boccaccio di una bruttezza esemplare, che rispecchia nello stesso tempo la loro infima condizione spirituale, più che semplicemente sociale: sono esse la Nuta (VI, 10), corteggiata da civilissima esistenza (Getto 1958:5). L attenzione della critica al Proemio si è comunque concentrata soprattutto sulle suggestioni letterarie e metaletterarie di esso: sull immagine ovidiana delle donne fantasticanti dell ozio, per esempio, come sulla descrizione del genere (o piuttosto dei generi) di racconti che comporranno la silloge (v. Muscetta 1972:158, Bruni 1990:39-40; 235). 2

3 un par suo, il pittoresco Guccio Imbratta servitore di Frate Cipolla, e la Ciutazza (VIII, 4), utilizzata per denigrare un componente del clero animato da troppo focosi spiriti nei confronti di una gentildonna 2. Altre fantesche, quelle che affollano almeno la metà delle novelle del Decameron (e non si può negare a questa componente del quarto stato domestico una funzione di primaria importanza proprio nello svolgimento dei meccanismi preposti alle unità narrative), sono talvolta descritte con benigna approvazione, ma comunque senza indicazioni apertamente negative riguardo al loro aspetto, che in qualche modo ha il dovere di uniformarsi a quello delle signore. Il motivo dell imposizione di voleri, piaceri e comandamenti, origina dunque nel Decameron la contrapposizione di una schiera di belle e gentili donne, ad un insieme di uomini e talvolta di donne che alle prime sono legati (o si legano) dai legami più diversi e che, essenzialmente, per quanto ci vengano presentati sotto una luce positiva o negativa, tentano tutti di imporre la loro supremazia sull elemento femminile che, a sua volta, cerca di emanciparsi per forza di atti e parole, riuscendo non poche volte a uscire vincitore da questo confronto. Proprio per questo motivo ci sembra che la presenza della donna nel Decameron, a differenza di quello che era avvenuto precedentemente nell esperienza letteraria e di quanto accadrà sovente nella letteratura posteriore, significhi una vera svolta non soltanto per un atteggiamento generalmente positivo che l autore manifesta, ma soprattutto per la funzione di nuovo spessore che i personaggi femminili assumono. Prima di accingerci ad analizzare più da vicino le tipologie dei personaggi femminili del Decameron, dobbiamo interrogarci su come affrontare generalmente e praticamente la questione. Nel suo saggio sulla donna nella letteratura italiana, 2 Monna Beritola Caracciolo, protagonista della II, 6, rappresenta un caso particolare, in quanto la sua metamorfosi, che la assomiglia ad una capra e ce la descrive davvero salvatica e irta di ben poco femminino pelame, si configura come necessaria conseguenza della perdita dell iniziale stato sociale, dei figlioli soprattutto, e dunque di quel romitaggio che costituisce un momento essenziale per lo sviluppo della novella nel suo meccanismo delle agnizioni ripetute ed incrociate. 3

4 Marina Zancan si chiede se si debba occuparsi della donna come soggetto ovvero come oggetto della letteratura, lamentando la scarsa disponibilità di studi, più sull argomento della donna-soggetto che su quello della donna come oggetto della rappresentazione letteraria (Zancan 1986:765): dopo la descrizione della problematica alle origini della nostra letteratura, che naturalmente ripercorre proprio il periodo che più di ogni altro si è occupato della donna come argomento, addirittura parlando di letteratura che parla attraverso figure femminili (ivi:768), un excursus a parte è dedicato a Boccaccio, dapprima quale autore della Elegia di madonna Fiammetta, in cui Fiammetta, in prima persona, narra una passione amorosa, poi come organizzatore della nuova funzione letteraria della figura femminile : Quando poi Boccaccio, con il Decameron, dopo un lungo periodo di esercizio letterario, sceglie di raccontar novelle con l ambizione e la persuasione di muoversi ai livelli alti della nuova tradizione letteraria, la figura femminile, oltre ad essere figura d amore, avrà la funzione poetica e ideologica di elaborare la piena trasformazione del concetto d amore e di motivare e di legittimare, attraverso questo, l adozione del nuovo genere come scrittura letteraria. (ivi:773) Ritorna dunque il riferimento alla funzione stessa della donna delle donne, di pubblico cui l opera si rivolge, pubblico chiaramente esplicitato nella dedicatio ben espressa, ma anche e soprattutto nel fatto che la brigata sia composta soprattutto da donne: continuando dunque ad attribuire alla donna la funzione del narrare, Boccaccio riesce ad offrire una esperienza di lettura ben diversamente guidata nella stessa introspezione psicologica, che indaga nelle pieghe riposte dell animo delle narratrici. Un altra convenzione, rilevata da Vittore Branca nelle prime note della sua edizione del Decameron, è quella di incorniciare ogni riferimento al pubblico facendo riferimento alle graziosissime donne, dunque per convenzione ignorando gli uomini. Tale convenzione, se da un lato sembra soddisfare la velocità dell inserto, 4

5 dall altro non sembra giustificata da altro, se non dal fatto di sottolineare chiaramente quale sia il pubblico al quale il narratore di turno si rivolge. Del resto, il Decameron ci presenta, nel suo esordio e nella sua iterata dedica, la commistione di due topoi: da una parte il tipo di esordio da Curtius definito con l espressione «chi possiede la sapienza ha il dovere di comunicarla agli altri» (1993:102), già sperimentato da Orazio e Seneca, e poi utilizzato anche da numerosi autori romanzi (Chrétien e Dante, per esempio), ora diretto ad una categoria particolare; accanto al quale Boccaccio perfeziona quella invocatio che, partendo dal riferimento classico alla Musa, si era poi diversificato nelle letterature romanze, arrivando proprio con gli stilnovisti e con Dante ad una codificazione (si vedano i numerosi componimenti di Guinizzelli che cominciano con i vocativi Madonna, Donna, Gentil donzella, Madonna mia; di Cavalcanti (O tu, O donna mia) o di Lapo Gianni (Gentil donna, Angelica figura, Donna, Angioletta); fino alle più prossime espressioni di Cino (Come non è con voi a questa festa, donne gentili..., Or dov è donne, quella...) e Dante (Donne ch avete intelletto d amore...)) che si pone alla base dell uso decameroniano. Una volta considerato il riferimento alle donne come destinatarie dell opera, bisognerà necessariamente domandarsi se esiste la possibilità di delineare tipologie precise, rispondenti ad una schematizzazione dei personaggi in rapporto alle griglie narrative del Decameron. Una rigida divisione tematica e tipologica delle novelle, che ci permetta di isolare tipologie coerenti dei personaggi femminili, appare pressoché impossibile, in quanto più volte tipologie e motivi in contatto si incrociano 3 : d'altro canto, è necessario sottolineare che, come abbiamo già indicato, Boccaccio cade facilmente vittima di un 3 Vogliamo inoltre credere che, nonostante i numerosissimi tentativi di ingabbiare l opera di Boccaccio in una serie di possibili schemi perfetti, l opera letteraria, come ricordava provocatoriamente Almansi in una sua riflessione intitolata La bassa voglia, tenti piuttosto di ricondurre l ordine verso il caos, che il caos negli angusti limiti dell ordine: prova ne siano i di volta in volta diversi atteggiamenti dell autore nei confronti di situazioni simili ricorrenti in novelle differenti, nonché le rivoluzionarie prese di posizione cui si farà riferimento nel corso della nostra analisi. 5

6 non sappiamo quanto inconscio, ma senza dubbio naturale condizionamento psicologico, che lo porta costantemente a gratificare di attributi positivi, o quantomeno non negativi, le figure femminili 4, in questo modo escludendo una divisione netta tra personaggi di valenza opposta, che pure rappresenterebbe una prima importante categorizzazione. È per questi motivi che allo studio delle diverse tipologie procederemo, dopo una definizione della tipologia fisiologica femminile (ovvero della rappresentazione del corpo femminile nel Centonovelle), ad una suddivisione per tre campi tematici: comportamentale, sociale e retorico. Per tipologie comportamentali intendiamo gli atteggiamenti delle protagoniste femminili di fronte agli eventi, quali si presentano nei momenti cruciali della narrazione: individueremo così gli atteggiamenti 1) della resistenza passiva, 2) dello spirito di iniziativa e della reazione verbale, 3) del gesto esemplare. Delle tipologie sociali fanno parte le tipologie già in gran parte individuate dalla critica, soprattutto in virtù degli elementi di novità del Decameron; tali classificazioni sono, a nostro giudizio, accorpabili in 1) olimpo femminile: principesse, regine, marchese e badesse; 2) donne borghesi; 3) donne del popolo. Infine, le tipologie retoriche si riferiscono sia alla dimensione retorica interna alla narrazione stessa, che alla possibilità di individuare nell opera di Boccaccio dei richiami a tradizioni e stereotipi particolarmente significativi per il valore epocale del Decameron. Parleremo dunque di 1) dimensione retorica del discorso femminile: la perorazione d amore; 2) continuazione di un topos stilnovistico: le donne 4 Si tratta, invero, di un condizionamento che nell opera viene di volta in volta arricchito di argomentazioni, come ad esempio quelle contenute nell introduzione alla quarta giornata, ed a cui Vittorio Russo ha dedicato una monografia. In fondo, possiamo affermare che nonostante esistano, nel Decameron, figure femminili sicuramente riprovevoli e soprattutto dal punto di vista morale, l autore non abbia esitato ad usare un occhio di cortesia nei loro confronti, cosa che non è accaduta con molti personaggi maschili. 6

7 angelicate; 3) pregiudizio e riabilitazione negli stereotipi dell adultera e della vedova. Precedenti letterarii Non possiamo immaginare, però, che il Certaldese sia stato il primo ad aver diretto la scrittura verso una preponderanza di personaggi femminili. Dobbiamo partire dunque dai precedenti, e ve ne sono di numerosi e di illustri 5 : se davvero Boccaccio pensava di rivoluzionare l ottica di considerazione della donna come vigeva ai suoi tempi, avrà dovuto fare i conti con almeno due diversi atteggiamenti, da un lato quello della letteratura di matrice misogina in senso lato, dall altro quello della letteratura cortese e stilnovistica, senza però con questo escludere che esistano contatti tra le mentalità che soggiaciono alle concezioni del mondo rappresentate da queste diverse tendenze. Le due caratterizzazioni si arricchiscono poi di numerose sfumature, a causa della possibilità di creare personaggi femminili che proprio in virtù della loro descrizione psicologica assumono dei caratteri latamente e dettagliatamente paradigmatici. La ricognizione riguarda dunque le differenti tipologie femminili che si impongono alla nostra attenzione sia nella storia letteraria che in quella spirituale dell Europa medievale: naturalmente, esistono fonti letterarie, storiche, agiografiche privilegiate in forza dell importanza culturale che acquistano proprio in virtù di una maggiore diffusione presso i lettori del continente, né possiamo dimenticare che tale importanza facilita persino una diffusione orale, popolare, difficilmente controllabile. Le sante Se dovessimo giudicare quale sia, per la natura dell opera boccacciana, la tipologia (apparentemente) più distante, non esiteremmo a reperirla nelle opere di agiografia che, nell Europa mediterranea soprattutto, privilegiano lo studio della santità di 5 Per quanto riguarda, più in generale, il discorso sulle fonti dell opera, si veda lo studio del Bruni Sulla traduzione degli autori e dei generi letterari nel sistema della novella, che individua una serie di contatti tra generi letterari (exemplum, fabliau, commedia elegiaca, lirica) e novelle (Bruni 1990: ). 7

8 alcune donne. Non sono pochi gli studi sulla santità del Medioevo, secondo cui essa risulta avere caratteristiche ben differenti a seconda che ci muoviamo nell Europa mediterranea, in quella dei regni centrorientali, ovvero nelle terre più lontane dell ambito britannico o scandinavo (v. soprattutto Vauchez 1999: ): senza ora soffermarci sulle pur interessantissime considerazioni che emergono a proposito della composizione sociale di intere schiere di santi, rimarcheremo come la santità femminile del Medioevo si carichi anche di un significato di compensazione rispetto alla considerazione a priori negativa della donna proveniente dal pregiudizio biblico 6. L ambito stesso entro cui le sante si muovono è diviso tra il contatto con il 6 L analisi di questa problematica coinvolge tutto il pensiero sulla donna, quale si riflette negli scritti di natura più varia, e non solo durante il Medio Evo: punto di partenza fondamentale per la proliferazione di una lettura più o meno spiccatamente misogina della storia dell uomo è sicuramente l interpretazione dell episodio della tentazione che provoca il peccato originale, accolto da diversi lettori e commentatori (San Girolamo, Gregorio Magno, Rabano Mauro, Ugo di San Vittore, etc.) come un momento in cui si evidenzia la dicotomia tra Eva come carne e Adamo come spirito (v. a questo proposito la sintesi di Duby 1999:35-55). La caduta in tentazione e, di conseguenza, nel peccato, viene chiaramente addebitata alla cupiditas femminile, che condiziona persino fisiologicamente le funzioni biologiche della donna: un esempio classico della valenza negativa della natura femminile risiede nell inquietudine che l uomo del Medio Evo sente di fronte al sangue mestruale, testimoniata dal vero e proprio catalogo di malefatte compiute da tale elemento, spesso associato al veleno (v. Thomasset in Duby-Perrot 1998:56-87); la donna mestruata allo stesso modo della donna non più in grado di generare, dunque considerata nel periodo seguente la menopausa, quando non ci sono più le mestruazioni a consentirle di liberarsi delle cose superflue e, quindi nocive ha uno sguardo che appanna gli specchi, dunque emana proprio da quell organo che dalla poesia sarà deputato a trasmettere l innamoramento, il flusso mefitico che proviene dalla sua intimità. Da qui a porre la donna in stretto rapporto con il mitridatismo, il passo è breve, con tutte le conseguenze anche metaforiche che ciò implica, come il bacio avvelenato, il coito utilizzato come arma fatale, e così via: non dimentichiamo che tali credenze si sono conservate nel profondo della cultura popolare europea, e che ancora a metà del ventesimo secolo vivevano indisturbate tanto da motivare l interesse di un grande studioso come Ernesto de Martino (Sud e magia, apparso nel 1959, dedica numerosi capitoli alla dimensione magica della fisiologia femminile). La donna, dunque, porta dentro di sé una condanna biologica che viene talvolta vissuta in maniera problematica, specialmente nel momento in cui ci si accosta alla fede nella dimensione privilegiata dell aspirazione alla santità: il discrimen temporale della fioritura della spiritualità mariana (dal XII secolo in poi) è un momento significativo per la rivalutazione del ruolo delle donne nella storia della salvezza (Vauchez 1999: ) e per lo sviluppo di forme nuove di vita religiosa adattate ai bisogni delle donne (le beghine, 8

9 mondo e l isolamento da esso: sostanzialmente, mentre è piuttosto l uomo a poter decidere di interrompere i legami con la famiglia e l autorità paterna, la donna è comunque soggetta, almeno in prima istanza, all ottica del matrimonio imposto come normale cornice della vita 7. Non sono rare infatti le donne che raggiungono la santitudine dopo il matrimonio, nella vecchiaia o in seguito alla vedovanza, e che nel ritiro in convento o nel farsi murare presso una chiesa ritrovano una dimensione intima favorevole ad una diversa impostazione della loro vita spirituale. Queste donne sante riescono ad avere una incredibile forza di suggestione sulle masse che le circondano, sia per l esempio di ricongiungimento alla divinità che riescono a dare, sia per il loro porsi a giudici della comunità, che talvolta teme addirittura le critiche da esse mosse ai comportamenti generali ed individuali 8. Quelle che con felice espressione sono state chiamate le poetesse di Dio, ovvero le mistiche che dall XI secolo sono sempre più presenti nella vita spirituale europea, rappresentano per la nostra analisi un momento particolarmente importante di riflessione: si tratta infatti di donne coscienti del loro compito intellettuale, che con diverse testimonianze rappresentano un aspetto illuminante per comprendere una funzione unica della donna nella società medievale. Molte di esse fondano monasteri o divengono priore, badesse, ma non sono rari i casi di predicatrici, come oppure la possibilità di perseguire la santità senza entrare in convento, ma in domibus propriis), che spiegano la fioritura della santità femminile laica dal Duecento in poi. 7 Non bisogna dimenticare che il matrimonio è stato istituito da Dio stesso in Paradiso: è dunque il più antico degli ordini (et erunt duo in carne una (Genesi, 2, 24)), ed insieme condizione a che si realizzino i due imperativi divini (crescite et multiplicamini (Genesi, 1, 28)) su cui si basa la continuità della vita stessa sulla terra. Il matrimonio antico e medievale, inoltre, non era soltanto un cambiamento di stato, ma comprendeva un lungo processo di cerimonie, di rituali, di lenta realizzazione di interdipendenze sociali, grazie al quale già in epoca romana era evidente il rapporto tra legame matrimoniale e storia della repubblica, rapporto poi riesaminato e ritenuto ancora valido da Sant Agostino, che vede in esso l istituzione fondamentale per costruire la pace nella comunità politica (Owen Hugues in De Giorgio-Klapisch-Zuber 1996:5-13). 8 Ciò vale sia per le fondatrici di monasteri e per le badesse, che per le recluse, che rappresentano un tramite tra la divinità e la vita spirituale della comunità di cui pur essendo nominalmente da essa escluse fanno parte: in generale, le forme di vita spirituale che necessitano della pratica della clausura, sembrano autorizzare le recluse ad un rapporto di superiorità nei confronti del mondo. 9

10 quello della celebre Margherita Porete: sia nelle opere che esse ci hanno direttamente lasciato, che nelle biografie compilate dai promotori delle loro canonizzazioni, vediamo apparire forte la coscienza di quanto fosse importante oltre l esempio verbale che la parola scritta si ponesse a custodia della memoria di alcuni percorsi di vita che nell epoca di massima fioritura culturale ed economica dell Europa medievale (XI-XIV secolo) si ponevano in stridente contrasto con quelli che oggi chiameremmo il progresso e la diffusione della società dei consumi. Molte di queste personalità, infatti, muovevano, come i loro omologhi maschili, aspre critiche ad una società in corso di stabilizzazione, che vedeva nell accumulo delle ricchezze un mezzo privilegiato per assicurarsi una solidità che le cronache testimoniavano nuova, dopo secoli bui di incertezze e timori: l atteggiamento della più importante monaca dell XI secolo, Ildegarda di Bingen, può essere paradigmatico di questa facoltà di criticare i nuovi costumi, se è vero che anche nella fondazione e organizzazione dei monasteri riteneva fondamentale che si conservasse il privilegio nobiliare (Ennen 1991:163), ma poi non risparmiava critiche ai sacerdoti che con la loro vita sempre più mondana si allontanavano dal giusto modello comportamentale, prestando così il fianco agli attacchi mossi dai movimenti ereticali (ivi:164). Se le donne che accettano di servire Iddio nel chiuso del convento costruiscono implicitamente un mondo a loro misura, un mondo generalmente femminile (ma non sono pochi i casi di donne che governano un monastero maschile), quali sono le loro opinioni sulla donna in quanto tale, in quanto messa in rapporto con l uomo? Nel brano in cui rievoca la prima coppia della Terra, Ildegarda ricorda che, mentre l amore dell uomo per l amore della donna è ardente quanto il fuoco dei vulcani che difficilmente può spegnersi e diventa poi un fuoco di legna che si spegne facilmente, al contrario l amore della donna per l amore dell uomo è come un dolce calore che viene dal sole e che porta frutti; si muta in fuoco di legna molto ardente ed è per questo che, nel bambino, porta un frutto di dolcezza (Poetesse 1994:52). Nel prologo al suo Specchio delle anime semplici annientate, Margherita Porete parte, per spiegare le ragioni che hanno spinto l Anima a scrivere il libro, dall esempio della fanciulla innamorata del re Alessandro, la quale compone 10

11 un immagine dell amato per poterlo vagheggiare, onde superare la distanza che da esso lo supera (ivi:154): nella descrizione di questo amore di lontano, che pure non deve aver fatto a meno di suggestioni culturali contemporanee, la figura della fanciulla è vista nel suo afflato più puro verso l amore, nonostante questo le causi dolore e pena. Il culmine della scrittura mistica femminile può essere rappresentato, a nostro avviso, da Santa Caterina da Siena, che vive durante la seconda metà del Trecento e rappresenta la sintesi di tutto un movimento italiano in cui sono comprese Chiara d Assisi ( 1253), Margherita da Cortona ( 1297), Angela da Foligno ( 1309): dalla storia del proprio annientamento in Dio, che si realizza con le privazioni e le autoumiliazioni, possiamo avvicinarci ad un immaginario che anche per Caterina indica il tentativo di raggiungere l unione mistica, il matrimonio perfetto con Cristo (Pagano 2002:104), senza necessariamente implicare la cancellazione della femminilità. Le figure delle sante medievali sono comprese da un sentimento di amore e di totale dedizione, che difficilmente si potrebbe allontanare da una esperienza totalizzante, in cui è proprio la sensibilità femminile ad essere chiamata in causa, come la più adatta a piegarsi al desiderio di asservimento esclusivo al Signore, ovvero perché la donna che sceglie la via della santità, rinuncia ad un altro genere di vita attiva, riscattato dall esempio della Vergine. Non dobbiamo poi dimenticare che alcune figure di sante, come quella di Maria Egiziaca, rinunciano pubblicamente ad una vita traviata per seguire un percorso morale e spirituale (attraverso la cura disinteressata dei bisognosi, l eremitaggio, etc.) che le pone al di sopra della comunità maschile predestinata a governarle: proprio uno dei più importanti repertori esemplari precedenti il Decameron, l opera agiografica di Domenico Cavalca, dedica un attenzione particolare alla santità femminile di questo genere, da un lato esaltando proprio la particolare storia di Santa Maria Egiziaca letta attraverso la testimonianza di Zozima (Cavalca 1926: ), dall altro inserendo, nel racconto agiografico di Malco monaco, il motivo del matrimonio come imposizione spiacevole, questa volta dal punto di vista maschile (Istoria d un monaco di Siria, che fu preso e datogli moglie per forza, ma non però 11

12 perdette la sua verginità.). Il tentativo di suicidio del monaco siriano fatto prigioniero e poi ammogliato suo malgrado, viene scongiurato dalle argomentazioni della donna, intenzionata a leggere gli eventi secondo una chiave di evangelico ottimismo: Perché dunque ti vuoi uccidere per non congiugnerti, poiché io vorrei innanzi morire che consentirti, eziandio se tu volessi? Tiemmi dunque per compagna di pudicizia, e più ama l anima mia che lo corpo. Leggiermente faremo credere a nostri signori che tegnamo matrimonio se ci vedranno stare insieme e portarci amore; e nientedimeno Cristo ci vedrà stare insieme e portarci amore come sirocchia e fratello. (ivi: ). Come ha già notato Carlo Delcorno in un suo studio, la diffusione dell opera di Cavalca deve essere all origine dei numerosi riferimenti decameroniani all eremitismo (che è la dimensione centrale delle Vitae cavalchiane) sia come citazioni dirette del fenomeno, sia come spunti per alcune situazioni che Boccaccio utilizza in vario modo, specialmente nella novella di Alibech ed in quella di madama Beritola (Delcorno 1989: ): aggiungeremo che la narrazione soggettiva delle vicende vissute da Alatiel (II, 7) ricalca non solo motivi arturiani (come sottolinea la Delcorno Branca, parlando di strategie allusive (1991:20-22)), ma in qualche modo si affida allo schema avventuroso delle narrazioni agiografiche del predicatore pisano, in cui i propositi onesti dei protagonisti vengono spesso contrastati da elementi di disturbo contraddistinti da un uso arbitrario della violenza. Le donne dei fabliaux Dovendo considerare i precedenti della letteratura profana, ci sembra necessario partire da un genere narrativo particolare, quello dei fabliaux, da cui spesso Boccaccio prese temi e svolgimenti delle sue novelle 9, e che sicuramente 9 Nella questione delle fonti un ruolo peculiare è rivestito dai fabliaux, sia per l evidente parentela di alcuni di essi con diverse novelle boccacciane, sia per le novità dei rimaneggiamenti intrapresi dal Boccaccio: parlando di questi due generi letterari in contatto, Bruni affronta il parallelo tra il genere narrativo in versi ormai esaurito all altezza cronologica del Decameron (1990:308) e le novelle del Certaldese, puntando sulle capacità boccacciane di fornire una diversa impronta ai meccanismi di base suggeritigli dagli 12

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi.

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi. ISTITUTO TECNICO COMMLE E PER GEOMETRI E. FERMI, IGLESIAS ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe III A TURISMO Docente: Prof.ssa Maria Dolores Mancosu Il contesto storico : l Europa intorno

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO via dei Donoratico, Cagliari (CA) Anno scolastico: 2013/2014 Programma di ITALIANO - Classe: 3 a F (Ind. Scientifico) Docente: prof.ssa Manuela Nonnis (sostituta

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Le Tre Ave Maria. shalom

Le Tre Ave Maria. shalom Le Tre shalom Curatore: don Giuseppe Brioschi SdB Editrice Shalom 27.11.2009 Beata Vergine Maria della Medaglia Miracolosa 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco d Assisi e Caterina da Siena, per

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone:

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone: LETTERATURA ITALIANA 1. Osserva le foto di queste persone: a) In quale momento storico li situi? b) Quale credi che fosse la loro professione? Perché? c) Che cosa di questi dipinti attira la tua attenzione?

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Unione Fisica = Riattualizzazione del Sacramento del Matrimonio

Unione Fisica = Riattualizzazione del Sacramento del Matrimonio Unione Fisica = Riattualizzazione del Sacramento del Matrimonio Gruppo Brescia-Bergamo-Brianza Intercomunione delle Famiglie Capriolo, 22 Febbraio 2009 1 Riferimenti Bibliografici Corso Famiglie 2005:

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova DANTE ALIGHIERI La vita Dante nacque a Firenze nel 1265, da una famiglia nobile di parte guelfa che però era in condizioni economiche difficili. Tuttavia Dante ricevette un ottima educazione. Il suo maestro

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI

LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI LA RELAZIONE D AIUTO di: Sergio CARRARINI Vi comunico un esperienza vissuta in tanti anni di impegno con persone in difficoltà e di verifiche con operatori che mi hanno aiutato a crescere. ora le vivo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: Mi informo e conosco " DURATA: ottobre-novembre DESTINATARI : gli alunni della classe seconda DOCENTI COINVOLTI: tutti i docenti di classe OBIETTIVI FORMATIVI: osservare,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA ALAIN MATTHEEUWS Amarsi per donarsi Il sacramento del matrimonio Prefazione di JEAN-LOUIS BRUGUÈS Traduzione a cura di Paolo Caena, Revisione

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli