Introduzione. 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da"

Transcript

1 Introduzione Premesse generali Delineare una tipologia della donna nel Decameron significa necessariamente analizzare l intera silloge: la presenza femminile è, infatti, un elemento talmente importante nella narrazione boccacciana, da assumere, già ad una prima lettura del Proemio, il significato di vera e propria base tematica dell opera. Dal punto di vista statistico, inoltre, pur escludendo le figure femminili che, in quanto parte della brigata, sono coinvolte attivamente nel raccontare, e che rappresentano una maggioranza schiacciante rispetto ai narratori (sette a tre), rileviamo che delle 101 novelle (prendendo in considerazione anche quella fuori serie che introduce la quarta giornata) ben poche mancano dell apporto di almeno un personaggio femminile: solo diciassette novelle, infatti, sono prive di questo fondamentale fattore (I, 1, 2, 3, 6, 7, 8; II, 1; VI, 2, 5, 6, 9; VIII, 5, 6; IX, 4, 8; X, 1, 2). Questo elementare calcolo statistico si riveste di un significato ancora più pregnante se ci rifacciamo, appunto, alle parole del Proemio, con le quali Boccaccio dichiara apertamente che le novelle sono state scritte per un pubblico di donne 1 : il 1 A proposito della riflessione che Boccaccio utilizza per dare inizio al suo Proemio, da Branca messa in parallelo con Voi ch ascoltate in rime sparse il suono... per introdurre uno studio su Implicazioni espressive, temi e stilemi fra Petrarca e Boccaccio (in Branca 1996: ), non possiamo dimenticare le critiche rivolte da Russo al tono pesante ed involuto, che pure vengono attenuate dalla intenzione di ravvisare nella prima pagina un mezzo sorriso pieno di sottintesi (Russo 1977:9-10). Il critico siciliano ricorda poi come la dichiarazione boccacciana (E chi negherà questo, quantunque egli si sia, non molto più alle vaghe donne che agli uomini convenirsi donare? (Pr., 9)) e quanto segue si colleghino al fatto che la scrittura in volgare del Medioevo era anche praticamente sentita come rivolta alle donne, in quanto esse non conoscevano il latino, anche se siamo in realtà in presenza di una diversa concezione della letteratura: le donne sono soltanto il simbolo del mondanizzarsi della poesia: si abbandona il concetto meramente teologico e dotto della poesia, e si accede a un concetto più terrestre. Le donne sono precisamente una metonimia per indicare le Muse stesse, che evadono dal sopramondo della teologia e della filosofia e si fanno più concrete, muse di questo mondo, esperte e de li vizi umani e del valore. (ivi:11) L analisi portata avanti dal Getto a proposito delle pagine proemiali tende piuttosto a legare tutto il tono di esse ad una linea stilnovistica, al significato mondano dell esperienza letteraria, alla comunicazione di un significato riassuntivo di nobile sentire e di vistuoso operare, di colto costume e 1

2 sostentamento, il conforto che il poeta deve necessariamente donare a chi soffre le afflizioni d amore, è dovuto più alle vaghe donne che agli uomini (Pr., 9), e proprio per la capacità che esse dimostrano di sopportare le innumerevoli pressioni cui sono sottoposte, giorno per giorno, dall ambiente esterno. Queste pressioni, opposte alle amorose fiamme che le donne tengono nascoste nei dilicati petti, si distribuiscono secondo una triplice scala di intensità (voleri, piaceri, comandamenti) in cui Boccaccio condensa espressivamente tre atteggiamenti della comunità civile verso le donne, comunità costituita dalle diverse autorità (padri, madri, fratelli, mariti) che esercitano il loro potere sulle donne, secondo appunto i tre momenti del volere, del piacere, del comandare. A questi tre atteggiamenti è legata la materia narrativa di gran parte delle novelle del Decameron: il conflitto alla base della narrazione trova origine appunto nel momento in cui la protagonista si confronta con una imposizione esplicita o meno proveniente da una di queste autorità, e partendo da questo confronto l autore ci manifesta non soltanto il dissidio interno della protagonista, ma le differenti modalità di reazione che di volta in volta si verificano. Trattandosi dunque di un libro che parla di donne, e che viene inviato ad un pubblico di lettrici, dobbiamo puntualizzare che le destinatarie dell opera del Boccaccio non sono tutte le donne in senso assolutamente lato e, diremmo, anagrafico, ma quelle possibili lettrici o ascoltatrici che condividono, in qualche maniera, caratteristiche di gentilezza, bellezza, sensibilità d animo e di costumi, che in tal modo divengono chiavi di lettura per molti dei personaggi femminili dell opera stessa. Non è un caso che, escluse le figure femminili non meglio tratteggiate (aventi ruoli secondari o terziarii, oppure chiuse nell immagine di una folla, di una comunità, del vicinato, del contado, etc.), solo due donne vengono munite dal Boccaccio di una bruttezza esemplare, che rispecchia nello stesso tempo la loro infima condizione spirituale, più che semplicemente sociale: sono esse la Nuta (VI, 10), corteggiata da civilissima esistenza (Getto 1958:5). L attenzione della critica al Proemio si è comunque concentrata soprattutto sulle suggestioni letterarie e metaletterarie di esso: sull immagine ovidiana delle donne fantasticanti dell ozio, per esempio, come sulla descrizione del genere (o piuttosto dei generi) di racconti che comporranno la silloge (v. Muscetta 1972:158, Bruni 1990:39-40; 235). 2

3 un par suo, il pittoresco Guccio Imbratta servitore di Frate Cipolla, e la Ciutazza (VIII, 4), utilizzata per denigrare un componente del clero animato da troppo focosi spiriti nei confronti di una gentildonna 2. Altre fantesche, quelle che affollano almeno la metà delle novelle del Decameron (e non si può negare a questa componente del quarto stato domestico una funzione di primaria importanza proprio nello svolgimento dei meccanismi preposti alle unità narrative), sono talvolta descritte con benigna approvazione, ma comunque senza indicazioni apertamente negative riguardo al loro aspetto, che in qualche modo ha il dovere di uniformarsi a quello delle signore. Il motivo dell imposizione di voleri, piaceri e comandamenti, origina dunque nel Decameron la contrapposizione di una schiera di belle e gentili donne, ad un insieme di uomini e talvolta di donne che alle prime sono legati (o si legano) dai legami più diversi e che, essenzialmente, per quanto ci vengano presentati sotto una luce positiva o negativa, tentano tutti di imporre la loro supremazia sull elemento femminile che, a sua volta, cerca di emanciparsi per forza di atti e parole, riuscendo non poche volte a uscire vincitore da questo confronto. Proprio per questo motivo ci sembra che la presenza della donna nel Decameron, a differenza di quello che era avvenuto precedentemente nell esperienza letteraria e di quanto accadrà sovente nella letteratura posteriore, significhi una vera svolta non soltanto per un atteggiamento generalmente positivo che l autore manifesta, ma soprattutto per la funzione di nuovo spessore che i personaggi femminili assumono. Prima di accingerci ad analizzare più da vicino le tipologie dei personaggi femminili del Decameron, dobbiamo interrogarci su come affrontare generalmente e praticamente la questione. Nel suo saggio sulla donna nella letteratura italiana, 2 Monna Beritola Caracciolo, protagonista della II, 6, rappresenta un caso particolare, in quanto la sua metamorfosi, che la assomiglia ad una capra e ce la descrive davvero salvatica e irta di ben poco femminino pelame, si configura come necessaria conseguenza della perdita dell iniziale stato sociale, dei figlioli soprattutto, e dunque di quel romitaggio che costituisce un momento essenziale per lo sviluppo della novella nel suo meccanismo delle agnizioni ripetute ed incrociate. 3

4 Marina Zancan si chiede se si debba occuparsi della donna come soggetto ovvero come oggetto della letteratura, lamentando la scarsa disponibilità di studi, più sull argomento della donna-soggetto che su quello della donna come oggetto della rappresentazione letteraria (Zancan 1986:765): dopo la descrizione della problematica alle origini della nostra letteratura, che naturalmente ripercorre proprio il periodo che più di ogni altro si è occupato della donna come argomento, addirittura parlando di letteratura che parla attraverso figure femminili (ivi:768), un excursus a parte è dedicato a Boccaccio, dapprima quale autore della Elegia di madonna Fiammetta, in cui Fiammetta, in prima persona, narra una passione amorosa, poi come organizzatore della nuova funzione letteraria della figura femminile : Quando poi Boccaccio, con il Decameron, dopo un lungo periodo di esercizio letterario, sceglie di raccontar novelle con l ambizione e la persuasione di muoversi ai livelli alti della nuova tradizione letteraria, la figura femminile, oltre ad essere figura d amore, avrà la funzione poetica e ideologica di elaborare la piena trasformazione del concetto d amore e di motivare e di legittimare, attraverso questo, l adozione del nuovo genere come scrittura letteraria. (ivi:773) Ritorna dunque il riferimento alla funzione stessa della donna delle donne, di pubblico cui l opera si rivolge, pubblico chiaramente esplicitato nella dedicatio ben espressa, ma anche e soprattutto nel fatto che la brigata sia composta soprattutto da donne: continuando dunque ad attribuire alla donna la funzione del narrare, Boccaccio riesce ad offrire una esperienza di lettura ben diversamente guidata nella stessa introspezione psicologica, che indaga nelle pieghe riposte dell animo delle narratrici. Un altra convenzione, rilevata da Vittore Branca nelle prime note della sua edizione del Decameron, è quella di incorniciare ogni riferimento al pubblico facendo riferimento alle graziosissime donne, dunque per convenzione ignorando gli uomini. Tale convenzione, se da un lato sembra soddisfare la velocità dell inserto, 4

5 dall altro non sembra giustificata da altro, se non dal fatto di sottolineare chiaramente quale sia il pubblico al quale il narratore di turno si rivolge. Del resto, il Decameron ci presenta, nel suo esordio e nella sua iterata dedica, la commistione di due topoi: da una parte il tipo di esordio da Curtius definito con l espressione «chi possiede la sapienza ha il dovere di comunicarla agli altri» (1993:102), già sperimentato da Orazio e Seneca, e poi utilizzato anche da numerosi autori romanzi (Chrétien e Dante, per esempio), ora diretto ad una categoria particolare; accanto al quale Boccaccio perfeziona quella invocatio che, partendo dal riferimento classico alla Musa, si era poi diversificato nelle letterature romanze, arrivando proprio con gli stilnovisti e con Dante ad una codificazione (si vedano i numerosi componimenti di Guinizzelli che cominciano con i vocativi Madonna, Donna, Gentil donzella, Madonna mia; di Cavalcanti (O tu, O donna mia) o di Lapo Gianni (Gentil donna, Angelica figura, Donna, Angioletta); fino alle più prossime espressioni di Cino (Come non è con voi a questa festa, donne gentili..., Or dov è donne, quella...) e Dante (Donne ch avete intelletto d amore...)) che si pone alla base dell uso decameroniano. Una volta considerato il riferimento alle donne come destinatarie dell opera, bisognerà necessariamente domandarsi se esiste la possibilità di delineare tipologie precise, rispondenti ad una schematizzazione dei personaggi in rapporto alle griglie narrative del Decameron. Una rigida divisione tematica e tipologica delle novelle, che ci permetta di isolare tipologie coerenti dei personaggi femminili, appare pressoché impossibile, in quanto più volte tipologie e motivi in contatto si incrociano 3 : d'altro canto, è necessario sottolineare che, come abbiamo già indicato, Boccaccio cade facilmente vittima di un 3 Vogliamo inoltre credere che, nonostante i numerosissimi tentativi di ingabbiare l opera di Boccaccio in una serie di possibili schemi perfetti, l opera letteraria, come ricordava provocatoriamente Almansi in una sua riflessione intitolata La bassa voglia, tenti piuttosto di ricondurre l ordine verso il caos, che il caos negli angusti limiti dell ordine: prova ne siano i di volta in volta diversi atteggiamenti dell autore nei confronti di situazioni simili ricorrenti in novelle differenti, nonché le rivoluzionarie prese di posizione cui si farà riferimento nel corso della nostra analisi. 5

6 non sappiamo quanto inconscio, ma senza dubbio naturale condizionamento psicologico, che lo porta costantemente a gratificare di attributi positivi, o quantomeno non negativi, le figure femminili 4, in questo modo escludendo una divisione netta tra personaggi di valenza opposta, che pure rappresenterebbe una prima importante categorizzazione. È per questi motivi che allo studio delle diverse tipologie procederemo, dopo una definizione della tipologia fisiologica femminile (ovvero della rappresentazione del corpo femminile nel Centonovelle), ad una suddivisione per tre campi tematici: comportamentale, sociale e retorico. Per tipologie comportamentali intendiamo gli atteggiamenti delle protagoniste femminili di fronte agli eventi, quali si presentano nei momenti cruciali della narrazione: individueremo così gli atteggiamenti 1) della resistenza passiva, 2) dello spirito di iniziativa e della reazione verbale, 3) del gesto esemplare. Delle tipologie sociali fanno parte le tipologie già in gran parte individuate dalla critica, soprattutto in virtù degli elementi di novità del Decameron; tali classificazioni sono, a nostro giudizio, accorpabili in 1) olimpo femminile: principesse, regine, marchese e badesse; 2) donne borghesi; 3) donne del popolo. Infine, le tipologie retoriche si riferiscono sia alla dimensione retorica interna alla narrazione stessa, che alla possibilità di individuare nell opera di Boccaccio dei richiami a tradizioni e stereotipi particolarmente significativi per il valore epocale del Decameron. Parleremo dunque di 1) dimensione retorica del discorso femminile: la perorazione d amore; 2) continuazione di un topos stilnovistico: le donne 4 Si tratta, invero, di un condizionamento che nell opera viene di volta in volta arricchito di argomentazioni, come ad esempio quelle contenute nell introduzione alla quarta giornata, ed a cui Vittorio Russo ha dedicato una monografia. In fondo, possiamo affermare che nonostante esistano, nel Decameron, figure femminili sicuramente riprovevoli e soprattutto dal punto di vista morale, l autore non abbia esitato ad usare un occhio di cortesia nei loro confronti, cosa che non è accaduta con molti personaggi maschili. 6

7 angelicate; 3) pregiudizio e riabilitazione negli stereotipi dell adultera e della vedova. Precedenti letterarii Non possiamo immaginare, però, che il Certaldese sia stato il primo ad aver diretto la scrittura verso una preponderanza di personaggi femminili. Dobbiamo partire dunque dai precedenti, e ve ne sono di numerosi e di illustri 5 : se davvero Boccaccio pensava di rivoluzionare l ottica di considerazione della donna come vigeva ai suoi tempi, avrà dovuto fare i conti con almeno due diversi atteggiamenti, da un lato quello della letteratura di matrice misogina in senso lato, dall altro quello della letteratura cortese e stilnovistica, senza però con questo escludere che esistano contatti tra le mentalità che soggiaciono alle concezioni del mondo rappresentate da queste diverse tendenze. Le due caratterizzazioni si arricchiscono poi di numerose sfumature, a causa della possibilità di creare personaggi femminili che proprio in virtù della loro descrizione psicologica assumono dei caratteri latamente e dettagliatamente paradigmatici. La ricognizione riguarda dunque le differenti tipologie femminili che si impongono alla nostra attenzione sia nella storia letteraria che in quella spirituale dell Europa medievale: naturalmente, esistono fonti letterarie, storiche, agiografiche privilegiate in forza dell importanza culturale che acquistano proprio in virtù di una maggiore diffusione presso i lettori del continente, né possiamo dimenticare che tale importanza facilita persino una diffusione orale, popolare, difficilmente controllabile. Le sante Se dovessimo giudicare quale sia, per la natura dell opera boccacciana, la tipologia (apparentemente) più distante, non esiteremmo a reperirla nelle opere di agiografia che, nell Europa mediterranea soprattutto, privilegiano lo studio della santità di 5 Per quanto riguarda, più in generale, il discorso sulle fonti dell opera, si veda lo studio del Bruni Sulla traduzione degli autori e dei generi letterari nel sistema della novella, che individua una serie di contatti tra generi letterari (exemplum, fabliau, commedia elegiaca, lirica) e novelle (Bruni 1990: ). 7

8 alcune donne. Non sono pochi gli studi sulla santità del Medioevo, secondo cui essa risulta avere caratteristiche ben differenti a seconda che ci muoviamo nell Europa mediterranea, in quella dei regni centrorientali, ovvero nelle terre più lontane dell ambito britannico o scandinavo (v. soprattutto Vauchez 1999: ): senza ora soffermarci sulle pur interessantissime considerazioni che emergono a proposito della composizione sociale di intere schiere di santi, rimarcheremo come la santità femminile del Medioevo si carichi anche di un significato di compensazione rispetto alla considerazione a priori negativa della donna proveniente dal pregiudizio biblico 6. L ambito stesso entro cui le sante si muovono è diviso tra il contatto con il 6 L analisi di questa problematica coinvolge tutto il pensiero sulla donna, quale si riflette negli scritti di natura più varia, e non solo durante il Medio Evo: punto di partenza fondamentale per la proliferazione di una lettura più o meno spiccatamente misogina della storia dell uomo è sicuramente l interpretazione dell episodio della tentazione che provoca il peccato originale, accolto da diversi lettori e commentatori (San Girolamo, Gregorio Magno, Rabano Mauro, Ugo di San Vittore, etc.) come un momento in cui si evidenzia la dicotomia tra Eva come carne e Adamo come spirito (v. a questo proposito la sintesi di Duby 1999:35-55). La caduta in tentazione e, di conseguenza, nel peccato, viene chiaramente addebitata alla cupiditas femminile, che condiziona persino fisiologicamente le funzioni biologiche della donna: un esempio classico della valenza negativa della natura femminile risiede nell inquietudine che l uomo del Medio Evo sente di fronte al sangue mestruale, testimoniata dal vero e proprio catalogo di malefatte compiute da tale elemento, spesso associato al veleno (v. Thomasset in Duby-Perrot 1998:56-87); la donna mestruata allo stesso modo della donna non più in grado di generare, dunque considerata nel periodo seguente la menopausa, quando non ci sono più le mestruazioni a consentirle di liberarsi delle cose superflue e, quindi nocive ha uno sguardo che appanna gli specchi, dunque emana proprio da quell organo che dalla poesia sarà deputato a trasmettere l innamoramento, il flusso mefitico che proviene dalla sua intimità. Da qui a porre la donna in stretto rapporto con il mitridatismo, il passo è breve, con tutte le conseguenze anche metaforiche che ciò implica, come il bacio avvelenato, il coito utilizzato come arma fatale, e così via: non dimentichiamo che tali credenze si sono conservate nel profondo della cultura popolare europea, e che ancora a metà del ventesimo secolo vivevano indisturbate tanto da motivare l interesse di un grande studioso come Ernesto de Martino (Sud e magia, apparso nel 1959, dedica numerosi capitoli alla dimensione magica della fisiologia femminile). La donna, dunque, porta dentro di sé una condanna biologica che viene talvolta vissuta in maniera problematica, specialmente nel momento in cui ci si accosta alla fede nella dimensione privilegiata dell aspirazione alla santità: il discrimen temporale della fioritura della spiritualità mariana (dal XII secolo in poi) è un momento significativo per la rivalutazione del ruolo delle donne nella storia della salvezza (Vauchez 1999: ) e per lo sviluppo di forme nuove di vita religiosa adattate ai bisogni delle donne (le beghine, 8

9 mondo e l isolamento da esso: sostanzialmente, mentre è piuttosto l uomo a poter decidere di interrompere i legami con la famiglia e l autorità paterna, la donna è comunque soggetta, almeno in prima istanza, all ottica del matrimonio imposto come normale cornice della vita 7. Non sono rare infatti le donne che raggiungono la santitudine dopo il matrimonio, nella vecchiaia o in seguito alla vedovanza, e che nel ritiro in convento o nel farsi murare presso una chiesa ritrovano una dimensione intima favorevole ad una diversa impostazione della loro vita spirituale. Queste donne sante riescono ad avere una incredibile forza di suggestione sulle masse che le circondano, sia per l esempio di ricongiungimento alla divinità che riescono a dare, sia per il loro porsi a giudici della comunità, che talvolta teme addirittura le critiche da esse mosse ai comportamenti generali ed individuali 8. Quelle che con felice espressione sono state chiamate le poetesse di Dio, ovvero le mistiche che dall XI secolo sono sempre più presenti nella vita spirituale europea, rappresentano per la nostra analisi un momento particolarmente importante di riflessione: si tratta infatti di donne coscienti del loro compito intellettuale, che con diverse testimonianze rappresentano un aspetto illuminante per comprendere una funzione unica della donna nella società medievale. Molte di esse fondano monasteri o divengono priore, badesse, ma non sono rari i casi di predicatrici, come oppure la possibilità di perseguire la santità senza entrare in convento, ma in domibus propriis), che spiegano la fioritura della santità femminile laica dal Duecento in poi. 7 Non bisogna dimenticare che il matrimonio è stato istituito da Dio stesso in Paradiso: è dunque il più antico degli ordini (et erunt duo in carne una (Genesi, 2, 24)), ed insieme condizione a che si realizzino i due imperativi divini (crescite et multiplicamini (Genesi, 1, 28)) su cui si basa la continuità della vita stessa sulla terra. Il matrimonio antico e medievale, inoltre, non era soltanto un cambiamento di stato, ma comprendeva un lungo processo di cerimonie, di rituali, di lenta realizzazione di interdipendenze sociali, grazie al quale già in epoca romana era evidente il rapporto tra legame matrimoniale e storia della repubblica, rapporto poi riesaminato e ritenuto ancora valido da Sant Agostino, che vede in esso l istituzione fondamentale per costruire la pace nella comunità politica (Owen Hugues in De Giorgio-Klapisch-Zuber 1996:5-13). 8 Ciò vale sia per le fondatrici di monasteri e per le badesse, che per le recluse, che rappresentano un tramite tra la divinità e la vita spirituale della comunità di cui pur essendo nominalmente da essa escluse fanno parte: in generale, le forme di vita spirituale che necessitano della pratica della clausura, sembrano autorizzare le recluse ad un rapporto di superiorità nei confronti del mondo. 9

10 quello della celebre Margherita Porete: sia nelle opere che esse ci hanno direttamente lasciato, che nelle biografie compilate dai promotori delle loro canonizzazioni, vediamo apparire forte la coscienza di quanto fosse importante oltre l esempio verbale che la parola scritta si ponesse a custodia della memoria di alcuni percorsi di vita che nell epoca di massima fioritura culturale ed economica dell Europa medievale (XI-XIV secolo) si ponevano in stridente contrasto con quelli che oggi chiameremmo il progresso e la diffusione della società dei consumi. Molte di queste personalità, infatti, muovevano, come i loro omologhi maschili, aspre critiche ad una società in corso di stabilizzazione, che vedeva nell accumulo delle ricchezze un mezzo privilegiato per assicurarsi una solidità che le cronache testimoniavano nuova, dopo secoli bui di incertezze e timori: l atteggiamento della più importante monaca dell XI secolo, Ildegarda di Bingen, può essere paradigmatico di questa facoltà di criticare i nuovi costumi, se è vero che anche nella fondazione e organizzazione dei monasteri riteneva fondamentale che si conservasse il privilegio nobiliare (Ennen 1991:163), ma poi non risparmiava critiche ai sacerdoti che con la loro vita sempre più mondana si allontanavano dal giusto modello comportamentale, prestando così il fianco agli attacchi mossi dai movimenti ereticali (ivi:164). Se le donne che accettano di servire Iddio nel chiuso del convento costruiscono implicitamente un mondo a loro misura, un mondo generalmente femminile (ma non sono pochi i casi di donne che governano un monastero maschile), quali sono le loro opinioni sulla donna in quanto tale, in quanto messa in rapporto con l uomo? Nel brano in cui rievoca la prima coppia della Terra, Ildegarda ricorda che, mentre l amore dell uomo per l amore della donna è ardente quanto il fuoco dei vulcani che difficilmente può spegnersi e diventa poi un fuoco di legna che si spegne facilmente, al contrario l amore della donna per l amore dell uomo è come un dolce calore che viene dal sole e che porta frutti; si muta in fuoco di legna molto ardente ed è per questo che, nel bambino, porta un frutto di dolcezza (Poetesse 1994:52). Nel prologo al suo Specchio delle anime semplici annientate, Margherita Porete parte, per spiegare le ragioni che hanno spinto l Anima a scrivere il libro, dall esempio della fanciulla innamorata del re Alessandro, la quale compone 10

11 un immagine dell amato per poterlo vagheggiare, onde superare la distanza che da esso lo supera (ivi:154): nella descrizione di questo amore di lontano, che pure non deve aver fatto a meno di suggestioni culturali contemporanee, la figura della fanciulla è vista nel suo afflato più puro verso l amore, nonostante questo le causi dolore e pena. Il culmine della scrittura mistica femminile può essere rappresentato, a nostro avviso, da Santa Caterina da Siena, che vive durante la seconda metà del Trecento e rappresenta la sintesi di tutto un movimento italiano in cui sono comprese Chiara d Assisi ( 1253), Margherita da Cortona ( 1297), Angela da Foligno ( 1309): dalla storia del proprio annientamento in Dio, che si realizza con le privazioni e le autoumiliazioni, possiamo avvicinarci ad un immaginario che anche per Caterina indica il tentativo di raggiungere l unione mistica, il matrimonio perfetto con Cristo (Pagano 2002:104), senza necessariamente implicare la cancellazione della femminilità. Le figure delle sante medievali sono comprese da un sentimento di amore e di totale dedizione, che difficilmente si potrebbe allontanare da una esperienza totalizzante, in cui è proprio la sensibilità femminile ad essere chiamata in causa, come la più adatta a piegarsi al desiderio di asservimento esclusivo al Signore, ovvero perché la donna che sceglie la via della santità, rinuncia ad un altro genere di vita attiva, riscattato dall esempio della Vergine. Non dobbiamo poi dimenticare che alcune figure di sante, come quella di Maria Egiziaca, rinunciano pubblicamente ad una vita traviata per seguire un percorso morale e spirituale (attraverso la cura disinteressata dei bisognosi, l eremitaggio, etc.) che le pone al di sopra della comunità maschile predestinata a governarle: proprio uno dei più importanti repertori esemplari precedenti il Decameron, l opera agiografica di Domenico Cavalca, dedica un attenzione particolare alla santità femminile di questo genere, da un lato esaltando proprio la particolare storia di Santa Maria Egiziaca letta attraverso la testimonianza di Zozima (Cavalca 1926: ), dall altro inserendo, nel racconto agiografico di Malco monaco, il motivo del matrimonio come imposizione spiacevole, questa volta dal punto di vista maschile (Istoria d un monaco di Siria, che fu preso e datogli moglie per forza, ma non però 11

12 perdette la sua verginità.). Il tentativo di suicidio del monaco siriano fatto prigioniero e poi ammogliato suo malgrado, viene scongiurato dalle argomentazioni della donna, intenzionata a leggere gli eventi secondo una chiave di evangelico ottimismo: Perché dunque ti vuoi uccidere per non congiugnerti, poiché io vorrei innanzi morire che consentirti, eziandio se tu volessi? Tiemmi dunque per compagna di pudicizia, e più ama l anima mia che lo corpo. Leggiermente faremo credere a nostri signori che tegnamo matrimonio se ci vedranno stare insieme e portarci amore; e nientedimeno Cristo ci vedrà stare insieme e portarci amore come sirocchia e fratello. (ivi: ). Come ha già notato Carlo Delcorno in un suo studio, la diffusione dell opera di Cavalca deve essere all origine dei numerosi riferimenti decameroniani all eremitismo (che è la dimensione centrale delle Vitae cavalchiane) sia come citazioni dirette del fenomeno, sia come spunti per alcune situazioni che Boccaccio utilizza in vario modo, specialmente nella novella di Alibech ed in quella di madama Beritola (Delcorno 1989: ): aggiungeremo che la narrazione soggettiva delle vicende vissute da Alatiel (II, 7) ricalca non solo motivi arturiani (come sottolinea la Delcorno Branca, parlando di strategie allusive (1991:20-22)), ma in qualche modo si affida allo schema avventuroso delle narrazioni agiografiche del predicatore pisano, in cui i propositi onesti dei protagonisti vengono spesso contrastati da elementi di disturbo contraddistinti da un uso arbitrario della violenza. Le donne dei fabliaux Dovendo considerare i precedenti della letteratura profana, ci sembra necessario partire da un genere narrativo particolare, quello dei fabliaux, da cui spesso Boccaccio prese temi e svolgimenti delle sue novelle 9, e che sicuramente 9 Nella questione delle fonti un ruolo peculiare è rivestito dai fabliaux, sia per l evidente parentela di alcuni di essi con diverse novelle boccacciane, sia per le novità dei rimaneggiamenti intrapresi dal Boccaccio: parlando di questi due generi letterari in contatto, Bruni affronta il parallelo tra il genere narrativo in versi ormai esaurito all altezza cronologica del Decameron (1990:308) e le novelle del Certaldese, puntando sulle capacità boccacciane di fornire una diversa impronta ai meccanismi di base suggeritigli dagli 12

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

L'intuizione e la sua difficile realizzazione

L'intuizione e la sua difficile realizzazione P. Maranesi - Facere misericordiam FRANCESCO, I LEBBROSI E I SUOI FRATI: L'intuizione e la sua difficile realizzazione FRANCESCO CI PARLA DELLA SUA CONVERSIONE Il Testamento di Francesco potrebbe essere

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca

ANALISI DEL TESTO: S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento? di F.Petrarca ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca S amor non è, che dunque è quel ch io sento? Ma s egli è amor, perdio, che cosa et quale? Se bona, onde l effecto aspro mortale?

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli