Politiche per la mobilità sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politiche per la mobilità sostenibile"

Transcript

1 Politiche per la mobilità sostenibile Flavio Pellegrinuzzi 6 Giugno 2012 Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca

2 Tendenze della mobilità Aumento domanda di mobilità: Nel periodo la domanda di mobilità è aumentata del 30% ed è quasi raddoppiata rispetto al 1985 (APAT, 2005). - popolazione mobile - numero di spostamenti giornalieri pro capite - tempo impiegato quotidianamente in spostamenti - distanza percorsa Fonte Isfort, Osservatorio Audimob,

3 Tendenze della mobilità Processi di diffusione di abitazioni, funzioni e servizi sul territorio, urban sprawl. - Aumento del numero di spostamenti giornalieri pro capite - Aumento delle distanze percorse RAGGIO DI MOBILITA Mobilità di prossimità (entro 2 km) 34,3% 29,1% Mobilità a corto raggio (tra 2 e 5 km) 21,6% 22,6% Mobilità locale (tra 5 e 10 km) 18,5% 21,5% Mobilità a media distanza (tra 10 e 50 km) 22,8% 24% Mobilità a lunga distanza (oltre 50 km) 2,9% 2,8% Fonte: Isfort,

4 Tendenze della mobilità Aumento dello squilibrio modale: La domanda di mobilità è soddisfatta in maniera crescente dall automobile privata, che rafforza il suo primato tra le modalità di trasporto: Nel 2011 il 68% degli spostamenti vengono effettuati con mezzo privato, automobile (65%) o ciclomotore (3%). Fonte Isfort, Osservatorio Audimob, 2011.

5 Tendenze della mobilità Nel periodo il parco veicolare è aumentato del 31%, in particolare i motocicli hanno trainato questa crescita (+ 87%) (APAT, 2005). Tasso di motorizzazione privata tra i più alti al mondo: in Europa secondo solo al Lussemburgo, tra i paesi OCSE secondo solo agli USA. In Italia si passa da 501 a 606 auto per mille abitanti tra il 1991 e il A partire dal 2006, dopo parecchi anni, si registra una diminuzione di autovetture di circa il 4% nei comuni capoluogo. Nelle grandi città tra il 2000 e il 2005 il numero di auto è diminuito: -9,4% a Milano, -7,3% a Firenze e Napoli; mentre a livello nazionale si è registrato un incremento (+4,8%) (Isfort, 2007).

6 Tendenze della mobilità Lussemburgo Italia Germania Austria Francia Regno Unito Belgio Spagna Finlandia Svezia Olanda Portogallo Irlanda Grecia Danimarca Totale UE Totale UE Fonte: Indagine Isfort ASSTRA, 2007

7 Tendenze della mobilità

8 Costi della mobilità Due categorie: A - Costi che gravano sugli utenti dei diversi mezzi di trasporto La scelta modale si basa principalmente sui costi percepiti, ossia i costi aggiuntivi di ogni singolo spostamento, si tende a dimenticare i costi fissi. In Italia, le spese per l automobile assorbono quasi il 30% del reddito familiare mensile, più delle spese per la casa e per il cibo. Nel 2003 la spesa totale per le autovetture a uso privato è stato stimato in 135 miliardi di euro (al netto di spese per parcheggi e violazioni del codice della strada): 66% spese di esercizio e manutenzione ordinaria (carburante 38%, manutenzione 36%, assicurazioni 21%) 28% acquisto di autovetture nuove di fabbrica 6% spese per manutenzione straordinaria

9 Costi della mobilità B - Esternalità: costi riconducibili al settore trasporti che ricadono sull intera comunità. 1. Consumo di energia (non solo per alimentazione ma anche per produzione mezzi) 2. Salute: inquinamento atmosferico e acustico, ma anche incidentalità 3. Congestione (efficienza economica) e quantità di spazio urbano occupata da auto e infrastrutture connesse 4. Struttura sociale città: scarsa coesione ed equità sociale, segregazione, insicurezza, qualità della vita collettiva (e degli spazi pubblici)

10 Costi della mobilità

11 Costi della mobilità

12 Costi della mobilità

13 Costi della mobilità Le innovazioni tecnologiche hanno aiutato a ridurre considerevolmente alcuni impatti, in particolare quelli delle emissioni nocive MA miglioramenti più che compensati dall aumento della domanda di mobilità (n veicoli, n spostamenti) altre criticità non vengono in alcun modo risolte dalle innovazioni tecnologiche

14 Mobilità Sostenibile Sviluppo sostenibile = lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri 3 dimensioni: ambientale, economica, sociale Due gruppi di fattori critici STRUTTURALI: sviluppo delle città, cambiamenti nella distribuzione e nelle funzioni di abitazioni, posti di lavoro e forme di consumo CULTURALI: focus sulle cattive abitudini, sulla path dependency e sulla resistenza all innovazione da parte di attori individuali e collettivi

15 Mobilità Sostenibile Approccio UE: integrazione modale / multimodalità Un mero trasferimento modale dalle auto private al TPL non è più visto come LA risposta OGNI MEZZO DI TRASPORTO CONTRIBUISCE ALLA CATENA DI SPOSTAMENTI MASSIMIZZANDO LE SUE QUALITA PECULIARI Necessario pensare politiche consapevoli e coerenti rispetto ai bisogni e agli stili degli attori, in particolare quelli che motivano la preferenza per l auto : Autonomia Qualità Affidabilità

16 Politiche per la Mobilità Sostenibile Impossibile soddisfare bisogno di autonomia e di affidabilità degli individui con altri mezzi? Esistono margini di manovra politiche possibili: TPL che migliori connessioni non solo con le aree centrali ma anche con (tra) quelle suburbane Miglioramento delle frequenze (anche al di fuori dell ora di punta) Realizzazioni di percorsi riservati Realizzazione di piste ciclabili e percorsi pedonali nei quartieri residenziali

17 Politiche per la Mobilità Sostenibile Due tipologie di politiche attuabili Incentivi / disincentivi per il ricorso alle diverse modalità di spostamento, tentativo di re-internalizzare le esternalità negative (congestion/pollution charge, interventi su accise) Offerta e promozione di strategie di mobilità alternative (car sharing, car pooling, bike sharing, piste ciclabili, nodi di interscambio) INCENTIVI + OFFERTA Integrazione tra i due approcci è la strategia ottimale

18 Integrazione Multimodale Caratteristiche TPL competitivo rispetto al mezzo privato Frequenti nodi di interscambio Aree parcheggio di interscambio esterne al centro Possibilità di viaggiare sul mezzo pubblico con la bicicletta Forme di integrazione tariffaria (tra diversi mezzi e tra diversi Comuni)

19 Concertazione Necessità di sviluppare un processo in cui gli aspetti spaziali, e temporali dei vari settori chiave della politica urbana sono coordinati superare prospettiva unicamente trasportista alla mobilità urbana sviluppare strategie e azioni coordinate oltre i ristretti confini amministrativi delle città includere l hinterland includere tutti gli stakeholder rilevanti nella progettazione e nell implementazione degli interventi

20 Interventi per favorire gli spostamenti ciclo - pedonali Forme di traffic calming (riduzione ampiezza delle carreggiate, predisposizione di zone con limite di velocità di 30 km/h) Sistema di aree pedonali e ZTL (zone a traffico limitato) Rete di piste ciclabili diffuse sul territorio e connesse ai nodi del sistema di trasporto pubblico Riconoscere priorità di transito sulla rete stradale a biciclette, pedoni e trasporto pubblico Best practice Groningen: ½ degli spostamenti entro i 5 km si effettuano in bicicletta

21 Car Sharing Nasce in Svizzera negli anni 80, il principio è : rinunciare al possesso, senza rinunciare ai vantaggi dell utilizzo dell automobile. Si acquista l utilizzo dell automobile, non il mezzo in sé. Vantaggi per l utente: Eliminazione dei costi fissi (acquisto, assicurazione, bollo) e di manutenzione Agevolazioni per l ingresso a ZTL e per la sosta Vantaggi per la comunità: Riduzione dell occupazione di suolo

22 Trasporto Merci In Italia i viaggi a vuoti dei veicoli commerciali rappresentano tra il 20 e il 35% del totale, Il carico medio dei veicoli è pari a circa la metà del carico massimo A Milano Entrano quotidianamente mezzi commerciali, che rappresentano il 13% del volume totale di traffico Best Practices: -Padova (progetto Cityporto): resa disponibile una piattaforma logistica per il deposito delle merci non deperibili ai confini della città. Le merci vengono poi consegnate agli esercenti attraverso mezzi ecologici che possono entrare nelle ZTL -Berlino: partenariato pubblico privato, forme concertative per individuare strategie innovative (es. consegna per diversi soggetti presso uno solo / identificare poche aree particolarmente adatte al carico-scarico) -Dublino e Barcellona: consegne in orari notturni

23 Mobility Management Tutti i tipi di misure e di incentivi adottati dalle organizzazioni nei confronti dei propri impiegati (o studenti) In Francia, Germania e GB dagli anni 90 Italia: Legge Ronchi 1998 (ma si diffonde lentamente) Piani di spostamento casa-lavoro Strategie: Cambiamenti degli orari (orari flessibili e settimana corta) Telelavoro Car pooling aziendale (attraverso software) Car sharing

24 Mobility Management Rimborso per utilizzo mezzi alternativi all automobile Incentivi finanziari al cambiamento di comportamenti: Parcheggio aziendale: offrire ai dipendenti che utilizzano il parcheggio aziendale, un compenso equivalente per l utilizzo di un mezzo alternativo rendere il parcheggio aziendale a pagamento pagare a tutti i dipendenti la stessa quota di contributo per la mobilità Abbonamenti di trasporto pubblico scontati VS politica corrente: investire nel parcheggio aziendale ma non offrire nessun beneficio equivalente a chi viene al lavoro con mezzi alternativi

25 Best Practices Strategia progressiva di ampliamento e rafforzamento dell offerta di alternative all automobile privata All interno delle linee guida per lo sviluppo urbano, identificare obiettivi precisi e misurabili e monitorare l andamento dei risultati nel tempo. Concertazione: verticale (tra diversi livelli decisionali) orizzontale (tra amministrazioni locali, portatori di interessi, cittadinanza) Integrazione tra strumenti di programmazione ed interventi su diversa scala territoriale. Strategie organiche e non settoriali.

26 Milano La pianura Padana è una delle aree più critiche a livello europeo per quanto riguarda la qualità ambientale. Tradizionale approccio di tipo reattivo, non integrato: targhe alterne, domeniche a piedi, blocco dei veicoli più inquinanti. Complessità, i processi decisionali: i flussi di mobilità coinvolgono numerose unità amministrative, il 47% degli spostamenti giornalieri che interessano il territorio milanese sono passaggi al confine comunale. Criticità: i collegamenti con l hinterland. Solo il 32% degli ingressi attraverso un mezzo pubblico, rispetto al 47% degli spostamenti interni al comune.

27 Milano Il sistema di trasporto pubblico milanese Aspetti Positivi Età del parco circolante TPL Estensione della rete su ferro (metropolitana, tranvie, passante ferroviario) Integrazione tariffaria Aspetti Negativi Rete TPL in sede protetta Velocità e regolarità di esercizio Rete di piste ciclabili Isole pedonali

28 Road Pricing Politiche regolative sulla mobilità, che si inseriscono nel sotto-settore delle politiche fiscali (che anziché stabilire limiti e divieti, come le politiche normative, definiscono tariffe di uso e di accesso del suolo). Tipologie: Area di esazione: unica - multicordon multicordon e suddivisione in quadranti Tariffa fissa vs modulata: - fascia oraria - categoria utente - performance ambientali del veicolo - localizzazione dell area cui si accede - andamento del traffico - Punti di forza: effetti immediati su congestione urbana, costi relativamente contenuti, fonte di entrata per amministrazione - Punti di debolezza: scarsa accettazione sociale, discriminazione in base al reddito (soprattutto nel caso della pollution charge)

29 Ecopass vs. Area C Ecopass pollution charge Area C congestion charge Pollution charge: obiettivo di ridurre le emissioni nocive, imponendo ai veicoli più inquinanti un pedaggio per l accesso ad una determinata area. Congestion charge: rispetto alle misure di pollution charge l obiettivo è più generale e consiste nel migliorare la qualità dell ambiente urbano (non solo riducendo l inquinamento atmosferico ma anche quello acustico, diminuendo il numero di incidenti e liberando lo spazio pubblico dalla presenza delle auto in modo da facilitare la mobilità lenta e l accesso alle opportunità urbane). Ecopass nell ultimo anno di applicazione ha coinvolto circa il 20% del parco veicolare. Residenti e veicoli Euro4 esentati. Obiettivo dichiarato: velocizzare il rinnovo del parco mezzi. Area C coinvolge il 95% del parco veicolare

30 Congestion charge / applicazione Modelli di congestion charge sono stati già applicati da altre città, in particolare Londra, Stoccolma, Oslo e, in Asia, Singapore. Vediamo gli elementi che le accomunano e quelli che le differenziano. Estensione dell area di applicazione (8 kmq) a Milano, simile a quella di Singapore ma inferiore a quella di Londra (22 kmq) e di Stoccolma (30 kmq). Popolazione residente coinvolta risulta quindi nel caso milanese molto più ridotta (circa persone) rispetto a quanto avviene a Londra ( ) e Stoccolma ( ). Se si considera le presenze per motivi di lavoro, la popolazione di Londra interessata al provvedimento aumenta di soggetti e quella di Stoccolma di soggetti. Non si posseggono dati sulla popolazione non residente che lavora nell area C di Milano (sappiamo però che ogni giorno entrano a Milano circa persone (di cui il 57% per motivi di lavoro).

31 Congestion charge / applicazione Per quanto riguarda i veicoli soggetti a pagamento, non vi sono grandi differenze fra Milano e le altre città europee, la tariffa è applicata a qualsiasi tipo di veicolo in entrata. A Stoccolma e a Singapore però il prezzo della tariffa aumenta nelle ore di punta. A Singapore, Stoccolma e Oslo si paga ad ogni attraversamento. A Milano il prezzo è di 5, inferiore rispetto a Londra (8, circa 11,6 ); nelle altre città considerate l'importo è inferiore ma va pagato per ogni passaggio attraverso il cordone: Singapore (1,5/1,8 ), Oslo (2 ) e Stoccolma (1/1,5/2 fino ad un massimo di 6 giornalieri). L area C di Milano non prevede abbonamenti a differenza del sistema di Londra e del precedente Ecopass. Infine, così come avviene a Londra i residenti hanno delle facilitazioni (40 giorni gratis all'anno e poi ticket a 2 ), anche se inferiori a Londra (dove lo sconto sul ticket è del 90%).

32 Congestion charge / accettazione sociale Criticità: basso livello di accettazione sociale (violando il principio di libertà al movimento veicolare su cui sono state costruite le città contemporanee). CONCERTAZIONE A Londra la congestion charge è stata attuata dopo 8 anni di gestazione del provvedimento, in cui sono state predisposte forme di partecipazione e di consultazione della cittadinanza. A Stoccolma si è provveduto ad un periodo di rodaggio di 6 mesi, finalizzato a fare in modo che le persone potessero meglio conoscere e apprezzare la politica e realizzati referendum per decidere se confermare o meno il provvedimento (52% sì). A Milano l'applicazione della politica ha fatto seguito al successo ottenuto dal referendum che ha visto il 79% dei votanti chiedere di sostituire l Ecopass (pollution charge) con una forma di congestion charge indirizzata a tutti i veicoli.

33 Congestion charge / accettazione sociale INTEGRAZIONE: DIVERSI INTERVENTI, UNA STRATEGIA A Londra e Stoccolma le forti opposizioni iniziali sono diminuite nel tempo e la quota di favorevoli al provvedimento è cresciuto, sia tra coloro che risiedono nelle aree oggetto di intervento sia tra la cittadinanza in generale. Importante, in entrambi i casi, è stato far passare l'idea che si tratti di un provvedimento che fa parte di una strategia più generale e non di una semplice tassa. Il provvedimento è stato accompagnato, infatti, da un potenziamento dei mezzi di superficie (aumento corse, nuove linee, bus più capienti) e della maggiore disponibilità di posti nei parcheggi di interscambio.

34 Congestion charge / i risultati Diminuzione del volume di traffico nell area soggetta a pedaggio: Stoccolma: - 22% Londra: - 30% Milano, nella prima settimana di sperimentazione: - 37%. Una delle preoccupazioni principali è che il volume di traffico aumenti nelle aree circostanti a quelle sottoposte a pedaggio, ma sia a Londra che a Stoccolma queste zone hanno registrato un decremento dei volumi di traffico anche se lieve. Un altra preoccupazione è l eventuale calo delle vendite per i commercianti situati nell area centrale, ma anche in questo caso non si è riscontrata nessun evidenza empirica significativa né a Londra né a Stoccolma. Sia a Londra che a Stoccolma si è invece riscontrata una diminuzione del ritardo medio di percorrenza nelle tratte coperte da congestion charge e ciò rende i tempi degli spostamenti più facilmente prevedibili e meno stressanti per gli autisti.

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

La mobilità è sostenibile? Catia Chiusaroli Carlo Santacroce

La mobilità è sostenibile? Catia Chiusaroli Carlo Santacroce La mobilità è sostenibile? Catia Chiusaroli Carlo Santacroce Un modello di mobilità basato sull auto Dotazione di metropolitane per abitante (Km/milione ab) nei paese europei In Italia ci sono di 3.300

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

I costi esterni dei trasporti e il sistema regionale. Bologna, 66 dicembre 2013 2013 Viale Aldo Moro n. 18 - Auditorium

I costi esterni dei trasporti e il sistema regionale. Bologna, 66 dicembre 2013 2013 Viale Aldo Moro n. 18 - Auditorium Politiche volte ad una maggiore internalizzazione dei costi esterni da traffico stradale: una rassegna. Paolo Beria, Raffaele Grimaldi DAStU Politecnico di Milano I costi esterni dei trasporti e il sistema

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

MOBILITÀ A MILANO. Massimiliano Sartori - Università Carlo Cattaneo. Camera del Lavoro di Milano Salone Buozzi. 1 febbraio 2012 9.

MOBILITÀ A MILANO. Massimiliano Sartori - Università Carlo Cattaneo. Camera del Lavoro di Milano Salone Buozzi. 1 febbraio 2012 9. Milano, 1 febbraio 2012 MOBILITÀ A MILANO Massimiliano Sartori - Camera del Lavoro di Milano Salone Buozzi 1 febbraio 2012 9.30 Indice 1. Premessa 2. La mobilità nel Comune di Milano e gli effetti prodotti

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta TIDE National Event Roma, 21 Settembre 2015 TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta Maria Berrini, CEO Agenzia Mobilità

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli L'Orientale 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte Il servizio di Taxi quale elemento di offerta di trasporto pubblico : problemi ed esperienze di soluzione applicate nel

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo

Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo Smart mobility per una urbanistica e una finanza sostenibili

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Trasporti e sviluppo sostenibile

Trasporti e sviluppo sostenibile Mobilità sostenibile: una visione d insieme 1 Varese, 19 ottobre 2012 Trasporti e sviluppo sostenibile Nell ultimo ventennio un nuovo paradigma economico ha focalizzato l attenzione sulla necessità di

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014

Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014 Trasporto Pubblico Sostenibile a Trieste SETTIMANA MOBILITA SOSTENBILE 2014 TRIESTE TRASPORTI PER UNA CITTA PIU SOSTENIBILE LIBRO BIANCO ENERGIA Il sistema dei trasporti non è sostenibile. Se ci proiettiamo

Dettagli

I cambiamenti della mobilità e le nuove sfide da affrontare

I cambiamenti della mobilità e le nuove sfide da affrontare I cambiamenti della mobilità e le nuove sfide da affrontare Maurizio Arnone - SiTI responsabile area di ricerca «Logistica e Trasporti» LOGO IMPRESA/ENTE Indice Come sta cambiando la mobilità Possibili

Dettagli

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA IL FUTURO DELLA MOBILITÀ URBANA perchè Bee? l'idea benefici per la città PERCHÈ BEE? Richiesta crescente di mobilità provata Dal 2007, la popolazione mondiale che vive nelle

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria. Milano, 30 Luglio 2010

Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria. Milano, 30 Luglio 2010 Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria Milano, 30 Luglio 2010 Manovra finanziaria: impatti sul TPL. Gli articoli della manovra Art. 1: definanziamento delle leggi di spesa totalmente

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile principi ed inquadramento generale Marco De Mitrii www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile definizioni - 1 Secondo l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

Materiali didattici «Mobilità sostenibile» GLOSSARIO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Mobilità sostenibile» GLOSSARIO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Mobilità sostenibile» GLOSSARIO GREEN JOBS Formazione e Orientamento A Autostrada del mare Si tratta di vie marittime usate per il trasporto delle merci all interno di una rete trans-europea.

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA. 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna

LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA. 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna GLI APPROCCI A ROAD & PARK PRICING Strumenti di reperimento di risorse Strumenti di

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Smart Mobility per città più vivibili L innovazione della mobilità elettrica in Italia Arch. Giovanna Rossi Responsabile

Dettagli

COSÌ È, SE VI PARE. Quinto Rapporto sulla mobilità urbana in Italia

COSÌ È, SE VI PARE. Quinto Rapporto sulla mobilità urbana in Italia COSÌ È, SE VI PARE Quinto Rapporto sulla mobilità urbana in Italia Genova, 7 maggio 2008 Cosa contiene il Quinto Rapporto sulla mobilità urbana in Italia Il rapporto è stato realizzato da un gruppo di

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Gli indicatori di sostenibilità e benessere a livello urbano

Gli indicatori di sostenibilità e benessere a livello urbano Gli indicatori di sostenibilità e benessere a livello urbano CONVEGNO La Qualità della vita a Milano Come misurarla, come migliorarla Hotel Milano Scala 8 novembre 2010 Edoardo Croci IEFE Università Bocconi

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

IMmobilità Urbana. In macchina alla velocità del trattore e in autobus alla velocità della bici! Anticipazioni Rapporto Cittalia 2009

IMmobilità Urbana. In macchina alla velocità del trattore e in autobus alla velocità della bici! Anticipazioni Rapporto Cittalia 2009 IMmobilità Urbana In macchina alla velocità del trattore e in autobus alla velocità della bici! Anticipazioni Rapporto Cittalia 2009 CITTÀ METROPOLITANE, PIÙ VOGLIA DI MEZZI PUBBLICI Il Rapporto Cittalia

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Key Performance Indicators nel TPL

Key Performance Indicators nel TPL Key Performance Indicators nel TPL Edoardo Marcucci Professore associato, Economia Applicata DISP e CREI, Università di Roma Tre Alcune questioni aperte sul Trasporto Pubblico Locale Workshop SIPOTRA Roma,

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina Mobility management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina I progetti Vainbici e Circoloinbici in attuazione di Agenda 21 e del Piano Territoriale degli Orari del Comune di Varese

Dettagli

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE 1. Diminuire l impatto ambientale della mobilità in ambito urbano utilizzando un approccio integrato attraverso gli strumenti e le tecnologie disponibili e in accordo

Dettagli

Il trasporto urbano su rotaia in Italia

Il trasporto urbano su rotaia in Italia Il trasporto urbano su rotaia in Italia Una selezione di aspetti emersi dall indagine Venezia 8 novembre 2006 Stato dell offerta e tendenze nel confronto con le città europee 1. I temi analizzati 2. Primi

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

ADP AIFVS ANCE ANFIA ASSTRA CGIL CONFCOMMERCIO INU ISFORT RETE CICLABILE UNRAE

ADP AIFVS ANCE ANFIA ASSTRA CGIL CONFCOMMERCIO INU ISFORT RETE CICLABILE UNRAE LA MOBILITA PER TUTTI NELLA CITTA DI DOMANI 22 settembre 2011 Il documento predisposto dall Automobile Club d Italia e da Legambiente è stato discusso con i principali organismi di rappresentanza dei cittadini

Dettagli

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012.

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Indice: 1. Premessa 1.1 Contesto normativo 2. Il questionario di indagine 3. I risultati dell indagine 4. Analisi e proposte relative all accessibilità

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

L ESPERIENZA ECOPASS

L ESPERIENZA ECOPASS L ESPERIENZA ECOPASS Monza, 16 Febbraio 2011 Ing. Stefano Riazzola Direttore Comune di Milano Milano e l area urbana Abitanti Milano: ~ 1.3M Abitanti Area Metropolitana : ~ 3.3M Abitanti Regione Lombardia:

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano. Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente

Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano. Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente Sviluppo servizio car sharing in Provincia di Milano Andrea Poggio, vicedirettore generale Legambiente La mobilità oggi Il problema della mobilità è oggi talmente grave da essere diventato una delle maggiori

Dettagli

ALL OMBRA DELLA CRISI

ALL OMBRA DELLA CRISI ALL OMBRA DELLA CRISI Nono Rapporto sulla mobilità urbana in Italia Desenzano del Garda, 24 maggio 2012 LA MOBILITA URBANA IN ITALIA I contenuti del Nono Rapporto Tre sezioni di analisi e monitoraggio

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission Il Trasporto Pubblico Locale Un confronto europeo Emanuele Proia ASSTRA UITP Transport Economic Commission Cagliari, 13 novembre2015 Finalità Finalità, struttura e nota metodologia (1/2) La presente analisi

Dettagli

Car Sharing L auto solo quando serve

Car Sharing L auto solo quando serve Car Sharing L auto solo quando serve Strumenti per cambiare Cosa possiamo fare per ottenere una mobilità sostenibile? Strumenti classici: Possiamo incrementare l uso dei trasporti pubblici; -Possiamo promuovere

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

Questionario Elezioni comunali Torino 2016

Questionario Elezioni comunali Torino 2016 Questionario Elezioni comunali Torino 2016 1) MOBILITÀ (A livello accademico è opinione condivisa che sia un elemento imprescindibile limitare l accessibilità alle auto per poter fare una politica efficace

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA un modello di mobilità sostenibile arch. Alessandro Meggiato Dirigente del Servizio Politiche per la Mobilità Comune di Reggio Emilia IL CONTESTO abitanti

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4

Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4 Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4 Le proposte di ACI e Legambiente per la mobilità sostenibile Legambiente e Aci hanno avviato da alcuni anni un lavoro comune per cercare di elaborare

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

AREA C AD UN MESE DALL'ESORDIO. Prime valutazione relative all'accessibilità del centro cittadino e costi a carico dei cittadini

AREA C AD UN MESE DALL'ESORDIO. Prime valutazione relative all'accessibilità del centro cittadino e costi a carico dei cittadini AREA C AD UN MESE DALL'ESORDIO Prime valutazione relative all'accessibilità del centro cittadino e costi a carico dei cittadini I dati di riferimento A partire dalle relazioni AMAT relative alle valutazioni

Dettagli

Le politiche per la mobilità urbana sostenibile: esempi di strategie in Europa e confronti con l Italia

Le politiche per la mobilità urbana sostenibile: esempi di strategie in Europa e confronti con l Italia Le politiche per la mobilità urbana sostenibile: esempi di strategie in Europa e confronti con l Italia Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Torino, 23 maggio 2008 Dalle città europee, lezioni di metodo

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli