PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA RIMINI PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012 Sustainable mobility, traffic and transportation Plan 2012 (Decreto Ministeriale dell Ambiente del 27 marzo 1998) AUTC Settore Energia Mobilità e Innovazione

2 ProRettore Vicario: Prof. Ing. Emilio Ferrari Dirigente AUTC Area Edilizia e Logistica: Ing. Andrea Braschi Settore Energia Mobilità Innovazione: responsabile Ing.Roberto Battistini Redazione, Elaborazione Dati ed Analisi Statistiche a cura della dott.ssa Olivia Bernardi Ha collaborato inoltre l area degli Affari Generali settore Portale d Ateneo Il presente piano è stato redatto sulla base delle Linee Guida per la redazione l implementazione e la valutazione del Piano Spostamenti Casa-Lavoro, edito da ENEA Divisione Sistemi Energetici per la Mobilità e l habitat del 23 dicembre

3 SOMMARIO Premessa pg Fase Informativa e di analisi pg Quadro applicativo pg Fase degli obiettivi pg Obiettivi strategici del Piano pg Il questionario web-based pg Fase progettuale pg Fase di confronto pg Fase attuativa pg Fase di monitoraggio e aggiornamento pg Indagine sugli spostamenti casa-lavoro/studio pg Consistenza dei dati e disaggregazione per categorie pg Mezzi utilizzati e tempi di percorrenza pg Analisi di customer-satisfaction: motivazioni e preferenze pg Conclusioni pg. 35 3

4 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento del Piano Spostamenti Casa Lavoro e studio del 2011, di seguito denominato Piano, impegno dell Università di Bologna all attuazione di azioni volte a garantire una mobilità aziendale maggiormente eco-sostenibile e alla definizione di migliori condizioni di accessibilità agli spazi universitari. Nel presente aggiornamento si conferma e si mantiene l impostazione dei precedenti Piani, interessando nelle analisi e nell adozione delle azioni, i diversi campus di Ateneo (Bologna, Forlì, Cesena, Rimini, Ravenna) e le molteplici categorie di utenti che caratterizzano il contesto universitario. Rispetto al Piani precedenti si intende promuovere maggiormente le soluzioni operative per una diversione modale orientata ai sistemi di trasporto sostenibili. 1. FASE INFORMATIVA ED ANALISI 1.1 Quadro applicativo In ottemperanza del Decreto Ronchi del 27/03/1998, l Università di Bologna ha predisposto il primo Piano Spostamenti casa lavoro dell Università di Bologna nel 2003, dando luogo alla prima formale adesione alle politiche di sostenibilità ambientale in tema di mobilità. Grazie a tale accordo, da allora, sono state condotte annualmente diverse iniziative orientate al supporto della mobilità sostenibile, come gli abbonamenti al trasporto pubblico (mezzi ferroviario con bacino regionale e trasporto pubblico locale, sia urbano, extraurbano che FER) a condizioni agevolate per il personale. Di seguito una sintesi dei numeri di abbonamenti annuali per sistemi ferroviari e trasporti su gomma rilasciati a condizioni di favore al personale. Il sistema di agevolazione si è basato su uno sconto aziendale (5%) ed un contributo a forfait di: come nel 2011 si è invece garantita un agevolazione del 50% al personale Docente, mentre per il personale Tecnico Amministrativo, mediante un contributo dell Ateneo, è stato possibile ridurre il prezzo di acquisto di abbonamenti ATC e Trenitalia a Euro 50 sia per gli abbonamenti ATC che per gli abbonamenti Trenitalia. 4

5 n. abb atc n. abb tren n. abb Mi muovo spesa ateneo (Euro) Per il 2011 la spesa sostenuta dal personale, mediante trattenuta in busta paga in quattro rate mensili, ammonta complessivamente a ,80, interessando unità di personale (con contratto a tempo indeterminato, determinato e lavoratori dell Azienda Agraria Universitaria). 2. FASE DEGLI OBIETTIVI 2.1 Obiettivi strategici del Piano L attuazione di misure per lo sviluppo sostenibile nella mobilità urbana e nei trasporti può essere attuata dall Università di Bologna mediante l applicazione di criteri, da porre come base del sistema degli obiettivi, quali: - riconoscimento del diritto di accessibilità al luogo di lavoro-studio di tutti fruitori; - adozione di metodologie attuative connotate da flessibilità gestionale ed organizzativa; - ricerca dell equilibrio dinamico tra le diverse azioni attuabili, in modo da porre attenzione al rischio di insorgenza di cause endogene od esogene volte all inefficienza o alla crisi della mobilità universitaria e cittadina. - comunicazione diffusa e condivisa tra tutto il personale e gli studenti dell Università per le iniziative e la promozione di eventi in tema di mobilità. In sintesi le parole chiavi di lettura del Piano 2012 sono: accessibilità diffusa agevolazione equilibrio dinamico qualità (customer satisfaction) networking 5

6 Attraverso gli strumenti della promozione e potenziamento della mobilità sostenibile e le relative facilitazioni e incentivazioni economiche, l Università di Bologna intende definire i seguenti obiettivi validi per tutti i Poli dell Ateneo (Bologna Cesena Forlì Ravenna Rimini): - razionalizzazione dell'uso individuale delle auto private; - supporto e promozione dell uso del mezzo di trasporto collettivo per i lavoratori e gli studenti; - adozione di sistemi di trasporto alternativi di tipo sostenibile (biciclette, mezzi elettrici, uso condiviso delle vetture, ) sia per gli spostamenti casa lavoro studio che per favorire l ottimizzazione della mobilità di servizio; - riduzione dei livelli di inquinamento urbano indotto dal traffico veicolare; - introduzione di servizi innovativi per la mobilità (sistemi web based di e-governance) per una migliore organizzazione degli spostamenti casa lavoro studio e di servizio; - miglioramento dell accessibilità agli spazi universitari, in relazione alle diverse forme di diversità (motorie, visive ed esigenze speciali es: linguistiche, dietologiche..); - razionalizzazione del parco auto aziendale con introduzione di veicoli elettrici gestiti in modalità Car Sharing. L Università si impegna a coordinare e valutare la fattibilità del presente Piano 2012, mediante l attuazione di tecniche di controllo e monitoraggio dello stato di accessibilità, nonché in rispetto ai principi di customer satisfaction del grado di soddisfazione dei propri utenti (lavoratori e dipendenti). I vantaggi complessivi dei progetti per i lavoratori e gli studenti sono: - minori costi del trasporto, sia in termini temporali che economici; - riduzione dei tempi di spostamento; - possibilità di premi economici; - diminuzione del rischio di incidenti; - maggiore regolarità nei tempi di trasporto; - minori stress psicofisici per la guida nel traffico; - aumento delle facilitazioni e dei servizi per coloro che già utilizzano modi alternativi; - socializzazione tra colleghi; - superamento di tutte le forme di diversità. 6

7 I vantaggi per l'ateneo invece, da sostenere nel Piano 2012, riguardano i seguenti benefici: - maggiori sinergie nell'attività lavorativa; - possibilità di offrire un servizio utile ai propri dipendenti, ottenendo indirettamente una maggiore dedizione al lavoro; - aumento dell'accessibilità agli spazi universitari; - rafforzamento del sistema di identità di Ateneo e creazione di networking sociali e culturali; - riduzione della spesa per la gestione del parco auto aziendale. Nello stesso tempo è possibile ottenere vantaggi sociali per la collettività in termini di : - riduzione dell'inquinamento atmosferico ed acustico; - riduzione del numero di incidenti; - decongestione le strade; - riduzione dei tempi di trasporto. - sinergia con gli enti locali nell attuazione delle strategie comune di valorizzazione del territorio. Maggiori sono i benefici sociali derivanti dal progetto e maggiori possono essere le risorse impegnate e la disponibilità da parte del Comune e delle aziende di trasporto pubblico. 2.2 Il questionario web-based L indagine sulla mobilità universitaria è stata strutturata su un sistema web based, accessibile dal sito web tramite accreditamento istituzionale di Ateneo (DSA). L indagine è aperta agli studenti, al personale strutturato ed alla componente strategica non strutturata d Ateneo. L indagine ha fornito gli elementi necessari ad organizzare le informazioni sulle consuetudini di mobilità degli studenti e del personale in relazione a: - domicilio, origine di partenza degli spostamenti casa lavoro/studio; - luogo fisico di lavoro; - mezzi utilizzati per il percorso casa lavoro/studio; - motivazioni della scelta dei mezzi di trasporto; - esigenze personali particolari; 7

8 - distanza percorsa e tempo impiegato per lo spostamento casa lavoro/studio; - luoghi di parcheggio dei mezzi privati; - spostamenti "accessori"; - propensione ad utilizzare mezzi di trasporto alternativi; - interesse a forme di agevolazione maggiori per l acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico. 3. FASE PROGETTUALE Il Piano 2012 è volto al miglioramento dell accessibilità agli spazi universitari, promuovendo le forme di mobilità e trasporto di tipo ecosostenibile. In particolare gli obiettivi enunciati nel capitolo 2 Fase degli Obiettivi, possono essere raggiunti mediante le seguenti attività: Promozione dei sistemi di trasporto collettivi: - incentivazione per i lavoratori del trasporto pubblico su gomma mediante proseguimento della campagna abbonamenti, già avviata dal 2006, con estensione alla sua articolazione multi campus ed incremento delle condizioni di agevolazione; - incentivazione per i lavoratori del sistema di trasporto ferroviario mediante proseguimento della compagna, già avviata nel 2006, ed incremento delle condizioni di agevolazione, ricercando soluzioni di tipo flat; - Analisi e predisposizione di ipotesi operative per l applicabilità di strumenti di promozione del trasporto pubblico a favore degli studenti e della componente di personale strategica non strutturata. Promozione della componente ciclo pedonale - promozione di azioni per migliorare la mobilità ciclopedonale, mediante supporto delle iniziative Comunali in materia e incremento della dotazione di rastrelliere porta biciclette nei plessi universitari 8

9 Promozione di sistemi alternativi - diffusione della modalità Car Pooling, mediante la ricerca di soluzioni di incentivazione tariffaria sulla sosta su strada. - implementazione del Car sharing sia come flotta aziendale, ad integrazione dell esistente e con particolare attenzione ai Dipartimenti e Facoltà, sia.come mezzo di trasporto privato, per studenti e personale di tutte le Facoltà di Ateneo. Informazione - continuo aggiornamento e miglioramento del sito web, mediante la creazione di nuove sezioni e l implementazione delle esistenti. Ricerca - collaborazione a bandi di ricerca europei, anche mediante finanziamenti privati, su temi dell ambiente e della mobilità sostenibile; - implementazione di sistemi di e-governance e di innovazione tecnologica per la mobilità urbana, volti alla definizione di modelli gestionali per i diversi servizi (bike sharing, service bike, ingresso parcheggi). Accessibilità - attuazione di progetti campione volti al miglioramento dell accessibilità, del superamento delle barriere architettonico e dei vincoli verso ogni diversità. Tali interventi avranno impatto sia sull involucro edile e sui sistemi di orientamento/comunicazione, che, in sinergia con gli enti locali, sia sullo spazio urbano in cui è inserito il plesso universitario; - Partecipazione a progetti europei per il finanziamento di soluzioni innovative. In particolare si evidenzia lo stato di avanzamento di due progetti innovativi in materia di mobilità sostenibile: 1. Progetto per il servizio di bike sharing universitario Il progetto, realizzato in partneship con ATC SpA, prevede la definizione di un innovativo sistema automatizzato di rastrelliere porta biciclette, il cui accesso da parte degli utenti avverrà mediante utilizzo del badge universitario. E prevista infatti l estensione del software per la 9

10 gestione del parco veicolare elettrico, che permetterà al contempo anche la prenotazione delle biciclette. Sono state individuate le prime aree sperimentali nelle sedi di: ingegneria sede storica, Ingegneria Lazzaretto (via Terracini) e cittadella universitaria. I mezzi saranno in via sperimentali utilizzati dal personale universitario, con possibilità di analisi dell estensione successiva per gli studenti. 2. Progetto di gestione centralizzata della eco-flotta aziendale universitaria Il progetto comporta, in ottemperanza alla normativa vigente, la razionalizzazione dell attuale parco auto, costituito da 74 mezzi in proprietà, e la sostituzione dello stesso con 50 veicoli in noleggio, ecosostenibili. La metodologia gestionale individuata è quella del car sharing, che prevede il passaggio da un uso esclusivo ad uno condiviso dei mezzi da parte delle strutture universitarie. La manovra risulta attuabile anche mediante l implementazione di un applicativo web based finalizzato all individuazione delle auto disponibili e alla loro prenotazione. Per ottimizzare la gestione della flotta in car sharing, sono stati individuati i principali bacini generatori e attrattori di spostamenti per servizio, e si è ipotizzato di organizzare la flotta articolandola a livello territoriale in 6 isole, poste nei principali plessi su cui gravitano le strutture attualmente in possesso di mezzi aziendali. In ogni isola verranno individuati idonei spazi recettivi per i mezzi, dotati di punti di ricarica. Le auto elettriche utilizzate consentono tutte percorrenze tra i 90 e i 170 km con una ricarica che garantisce una percentuale altissima dei viaggi ora effettuati dalle strutture. Per le lunghe percorrenze attualmente si prevede l adozione di particolari automezzi ad alimentazione elettrica ma dotati di un gruppo elettronico a benzina che consente percorrenze illimitate dietro rifornimenti presso i comuni distributori. 4. FASE DI CONFRONTO Le singole proposte progettuali seguiranno in primis l iter di verifica della effettiva fattibilità tecnico - economica attraverso la consultazione della Commissione Edilizia e l eventuale approvazione del Consiglio di Amministrazione qualora ci fossero impegni di spesa. Successivamente, una volta stabilita la sostenibilità economica, i progetti verranno condivisi e attuati in stretta collaborazione con gli uffici degli enti locali preposti (Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna, ). 10

11 5. FASE ATTUATIVA La realizzazione dei diversi progetti definiti all interno del periodo di validità del Piano 2012, potrà aver luogo nel periodo di validità dell Accordo triennale tra Comune e Università di Bologna. 6. FASE DI MONITORAGGIO E DI AGGIORNAMENTO POLO DI BOLOGNA Tale fase costituisce il momento di controllo sul servizio espletato e sulla sua efficacia. Si evidenza la necessità di monitorare con periodicità annuale, al fine di mantenere un livello di qualità accettabile per lo svolgimento del servizio del Mobility Manager stesso e della condivisione con il Comune di Bologna. Valori per Valori per Valori per Valori per Elenco Indicatori l anno l anno l anno l anno numero sedi numero addetti Posti auto aziendali totali Posti moto/motocicli aziendali Posti bici aziendali Numero auto aziendali Numero bici aziendali Auto usate /100 addetti 40,47% 49,55% 44,69% 39,75% Auto usate come conducente/ 100 addetti 37,70% 45,61% 40,51% 35,98% Auto usate come passeggero/ 100 addetti 2,77% 3,94% 4,18% 3,77% Moto/motocicli usate /100 addetti 11,20% 11,90% 11,48% 10,80% Bici usate /100 addetti 19,21% 24,26% 25,49% 28,49% Utenti TPL /100 addetti 42,72% 52,16% 49,79% 53,59% Utenti bus urbano/ 100 addetti 34,64% 43,38% 41,43% 44,42% Utenti bus (uso esclusivo+combinato)/ 100 addetti 39,55%. 57,29% 58,57% 64,88% Utenti bus extraurbano/ 100 addetti 8,08% 8,78% 8,36% 9,17% Utenti treno/ 100 addetti 20,89% 24,55% 25,03% 27,00% Utenti a piedi/100 addetti 15,21% 27,68% 31,28% 34,30% % risposte al QSCL/ addetti totali 21,94% 21,48% 34,79% 35,22% Tabella 1 [indicatori ] I dati si riferiscono alla sola sede di Bologna. La seguente tabella per il monitoraggio di efficacia è stata redatta in stretta relazione con quanto indicato nel cap.2 Fase degli Obiettivi e cap.3 Fase Progettuale. 11

12 1 2 Elenco delle misure adottate Incentivazione al trasporto pubblico di linea su gomma, specificare le caratteristiche Incentivazione al trasporto pubblico su ferro di linea, specificare le caratteristiche Stato di attuazione / avanzamento Nel 2003: attivazione "campagna abbonamenti": Nel 2007:806 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Avvenuta informatizzazione del processo di gestione delle domande e studio di fattibilità per l'estensione della campagna anche ai collaboratori e studenti. Nel 2008: 920 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Nel 2009: 948 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Nel 2010: 985 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 69 MI muovo (+11,18% rispetto al 2009). Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale del 47%. Nel 2011: 1329 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 191 MI muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel 2012: 1523 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 249 MI muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro Nel triennio : l obiettivo è di aumentare l agevolazione a favore del dipendente, anche esplorando criteri innovativi di convenzione, estendendo il servizio anche agli studenti. Il target è di superare i abbonamenti al tpl nell arco del triennio. Nel 2005: attivazione "campagna abbonamenti". Nel 2006: 300 abbonamenti al sistema ferroviario (regionale). Nel 2007: 411 abbonamenti regionali. Nel 2008: 475 abbonamenti regionali. Nel 2009: 610 abbonamenti regionali ed introduzione del sistema di condivisione informatizzato dei dati dei richiedenti. Nel 2010: 455 abbonamenti regionali + 69 Mi muovo (- 14% rispetto al 2009) decremento associabile alla contrazione delle corse e all incremento tariffario). Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale del 47%. Nel 2011: 438 abbonamenti regionali Mi muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel 2012: 455 abbonamenti regionali Mi muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il 12

13 contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel triennio : l obiettivo è di aumentare l agevolazione a favore del dipendente, anche esplorando criteri innovativi di convenzione, estendendo il servizio anche agli studenti. Il target è di raggiungere la quota di abbonamenti al trasporto ferroviario nell arco del triennio. 3 Servizio di trasporto aziendale Nel 2006: in fase di studio l'applicazione del car sharing come flotta aziendale, cessione dei mezzi di AUTC ad ATC per il car sharing (condivisione università/pubblico). Nel 2007: sottoscrizione della Convenzione Car Sharing e studio del progetto Fleet Management. Nel 2008, 2009 e 2010: rinnovata la convenzione. Nel triennio : creazione di un progetto di flotta aziendale elettrica e di biciclette a pedalata assistita come mezzo per la mobilità aziendale. 4 Convisione navette esistenti - Nel 2009: si riprendono gli studi per disciplinare questo servizio, in termini di metodologie di 5 Telelavoro rendicontazione dei costi e miglioramento degli aspetti logistici. Nel 2010: 7 unità di personale in telelavoro (dati Cesia). Nel triennio : l obiettivo è di supportare le iniziative di telelavoro, mediante l ausilio anche di soluzioni innovative di ICT Nel secondo semestre 2006: Aumento della dotazione di rastrelliere (nuovo plesso delle aule della Fac. Di Giurisprudenza, Via Belmeloro - fornitura avviata, parcheggio Torre Libraria/Rettorato con posti coperti - studio di fattibilità avviato) posti bici. Nel 2007: estensione a favore degli studenti non domiciliati a Bologna del servizio C Entro in bici. Nel periodo : viene condivisa la pedonalizzazione della cittadella universitaria storica, 6 introducendo di concerto con l amministrazione Miglioramento accessibilità ciclabile comunale soluzioni tecnologiche atte alla (rastrelliere, depositi coperti..) razionalizzazione degli ingressi (sistema di varchi controllati) e attuate azioni volte l apertura di spazi di sosta universitari a favore della cittadinanza (Piazza Scaravilli, Parcheggio interrato Belmeloro). Nel 2010: creazione di spazio parcheggio biciclette protetto da accesso controllato e telecamere presso la sede del Rettorato (+30 posti bici circa). Nel triennio : l obiettivo è di realizzare nuovi punti di sosta biciclette in aree universitarie chiuse e controllate. Nel secondo semestre 2006: 1) Promozione del sistema C Entro in bici, mediante attivazione di un fondo di sicurezza per 7 Incentivazione all'uso della bicicletta smarrimento/furti, collaborazione nella diffusione del sistema a favore anche degli studenti domicliati/non residenti. 2) Dotazione di nuove rastrelliere porta biciclette Nel 2007: estensione a favore degli studenti non domiciliati a Bologna del servizio di bike sharing 13

14 8 Implementazione del Car Pooling 9 10 Organizzazione delle opportunità di parcheggio Campagne informative e di attività di sensibilizzazione sull'accessibilità dei vari modi di trasporto C Entro in bici. Nel 2008: condivisione con ATC della collocazione della prima rastrelliera del servizio C Entro in bici in zona universitaria (Largo Trombetti). Nel 2009: fornita ulteriore rastrelliera del servizio C Entro in bici in zona universitaria (Via Irnerio). Nel 2010: fornitura di ulteriore rastrelliera del servizio C Entro in bici nell area universitaria di Filippo Re in corso. Nel triennio : l obiettivo è di proseguire la promozione e il supporto dei servizi per il Bike Sharing. Dal secondo semestre 2007: attivazione di bacheca virtuale per la gestione condivisa degli utenti di car pooling (in fase di studio lo sviluppo del software). Nel 2009: studio di innovazione dello strumento, mediante applicativi di georeferenziazione. Nel triennio : l obiettivo è di supportare il servizio, riorganizzando l attuale bacheca e definendo concrete agevolazioni per gli utenti (sconti sulle tariffe della sosta). Nel 2008: approvato Piano Particolareggiato dei Parcheggi per la cittadella universitaria storica, con riferimento al miglioramento organizzativo dei parcheggi in gestione diretta dell Amministrazione generale e funzionalizzazione di nuove aree. Nel 2008: approntamento e studio del Regolamento Parcheggi. Applicazione del sistema di identity management per il controllo degli accessi ai parcheggi mediante badge dotato di transponder. Nel 2009: adozione del sistema innovativo di controllo accessi per i parcheggi Torre Libraria, Piazza Scaravilli e Parcheggio interrato Belmeloro Nel 2010: attivazione parcheggio Belmeloro (+ 50 posti auto per dipendenti in orario lavorativo) e progettazione del sistema di controllo accessi per l area di Filippo Re. Nel triennio : l obiettivo è di proseguire la strategia della creazione di un network di parcheggi universitari, che agiscano in via di reciproca compensazione. Dal 2006: avviati meccanismi di condivisione e circolazione delle informazioni di tipo web-based e adozione di mailing list (infonews) inerenti le condizioni di accessibilità e per la promozione delle iniziative. Nel 2008: partecipazione ad Alma Fest con appositi punti informativi condivisi con Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna a favore del tpl. Nel 2009: rinnovata la partecipazione ad Alma FEST del Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna e ATC. Promozione via portale e mailing list di Ateneo della Campagna abbonamenti Nel 2010: rinnovata la partecipazione ad Alma FEST del Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna e ATC. Nel triennio : l obiettivo è di utilizzare i sistemi quali il web o applicativi per smart phone per 14

15 11 Iscrizione al Car Sharing 12 Flessibilità dell'orario di lavoro 13 Adeguamento del Parco Auto (aziendale e/o dipendenti) con mezzi ecocompatibili (GPL/Metano/elettrico) la promozione dell accessibilità e lo sviluppo di progetti specifici volti al migliorare le condizioni di accessibilità, anche mediante la partecipazione a progetti di ricerca, con possibilità di cofinanziamento in ambito UE. Dal secondo semestre 2006: sono stati avviati contatti con ATC per lo studio dell'applicazione del car sharing in ambito aziendale; inserito nelle voci di bilancio preventivo, in attesa di approvazione per l'anno Nel 2008: sottoscrizione prima convenzione per l utilizzo a condizioni agevolate del servizio di Car Sharing ATC, con estensione alle strutture (per l utilizzo come vetture di servizio. Al personale come uso privato, ad un primo gruppo di studenti, come uso privato). Nel 2009 rinnovo della convenzione ed estensione a tutti gli studenti dell Ateneo. Nel 2010: rinnovo della convenzione di cui sopra Nel 2012: rinnovo della convenzione di cui sopra Nel triennio : l obiettivo è di promuovere ulteriormente il servizio, con particolare riferimento all utilizzo come flotta aziendale con eventuale estensione agli studenti.. L Ateneo dispone già di un sistema di flessibilità degli orari di ingresso, che prevede la possibilità di scelta di un orario di inizio lavoro tra le e le e margine di flessibilità accessorio di mezz ora prima e mezz ora dopo. Nel triennio : l obiettivo è di studiare eventuali soluzioni innovative insieme al Settore Personale, nel rispetto del quadro normativo vigente e del codice disciplinare del personale universitario. Nel 2007: studio di soluzioni per l acquisito di vetture Euro 4; studio per l'acquisto mediante principi di e- procurement, leasing, noleggio senza conducente Nel 2008 approntamento del progetto fleet management. Nel 2009: alcune aree dell amministrazione generale si dotano in via sperimentale di n. 2 vetture a minor impatto (gpl e metano) in leasing, mediante convenzione NOLEGGIO CONSIP, in sostituzione di altre due vetture di proprietà, e caratterizzate da obsolescenza e da requisiti di emissione elevati; Nel 2010: n. 2 autovetture a basso impatto ambientale (Euro 5) per le esigenze del Magnifico Rettore. Avvio di un progetto per l adozione di flotta aziendale a basso impatto, condivisa dalle diverse strutture dell Ateneo. Nel 2011: implementazione del progetto fleet management sul parco auto aziendale; sviluppo di un applicativo web based per la gestione della modalità Car Sharing del parco auto aziendale; prima razionalizzazione del parco auto aziendale e definizione delle fasi successive. Nel 2012: implementazione del progetto fleet management sul parco auto aziendale; sviluppo di un applicativo web based per la gestione della modalità Car Sharing del parco auto aziendale; primo acquisto di mezzi elettrici e sviluppo di colonnine per la ricarica e sistema di autorizzazione all uso dei mezzi. 15

16 14 15 Soluzioni per potenziamento Ufficio Mobility Manager Piano di comunicazione/informazione ai dipendenti 16 Altro: specificare Aggiornamento PIANO SPOSTAMENTI CASA LAVORO e STUDIO Nel triennio : l obiettivo è di procedere, mediante la formula del noleggio autovetture, una progressiva razionalizzazione del parco veicolare, con diversione verso autovetture a minor impatto ambientale e l acquisto sperimentale di autovetture ad alimentazione elettrica. Nel 2006: incremento della dotazione di risorse umane, mediante l'avvio di specifiche collaborazioni nel campo della ricerca scientifica e delle applicazioni di ICT; attivazione di un call center in materia di mobilità. Nel 2008: l Ufficio viene dotato di n.1 persona, con profilo amministrativo gestionale. Nel 2009: il settore viene inserito nell Area Ufficio Tecnico e viene creato un nuovo settore specifico con competenze nei settori energetici, mobilità e dell innovazione tecnologica. Contestualmente il Settore dispone di una nuova risorsa, con profilo tecnico.-scientifico, con competenze negli aspetti ambientali, energetici e di elaborazione dati. Nel 2010: il Settore Energia Mobilità e Innovazione dell Area Ufficio Tecnico viene integrato di una risorsa con competenze gestionali e funzioni di Project manager, per seguire i progetti innovativi. Nel triennio : nel quadro generale di ristrettezza delle risorse umane e finanziarie, l obiettivo è di creare sinergie trasversali con altri settori universitari, per supportare e meglio promuovere l attività di mobility management. Dal , predisposizione di una Newsletter tematica di tipo web based (in collaborazione con UNIBOCULTURA e Direzione Sviluppo Attività web), con coinvolgimenti di docenti e partner internazionali. Nel 2009: avvio di uno specifico progetto di Linea Editoriale. Nel triennio : l obiettivo è di inserire le tematiche del mobility management nel più vasto tema dei green campus e trattarle con specifiche pubblicazioni interne all amministrazione generale dell Ateneo (Quaderni dell Amministrazione). Nel 2010: sviluppo di nuove soluzioni informative volte al miglioramento della fruibilità dei diversi servizi del mobility manager (web service per scambio dati tra Comune di Bologna ATC e Università (in collaborazione con CESIA). predisposizione di nuovi sistemi web per la gestione remotizzata dei parcheggi e il controllo degli accessi (e rilascio dei contrassegni PA). Nel triennio : l obiettivo è di adottare un innovativo portale web che centralizzi tutti i servizi che richiedano un accreditamento da parte del personale (campagna abbonamenti, accesso ai parcheggi, procedura propedeutica al rilascio dei permessi PA). Tabella 2 [Stato di avanzamento delle misure adottate] 16

17 7. INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA LAVORO STUDIO L analisi degli spostamenti casa lavoro/studio, dei mezzi e dei tempi della mobilità che caratterizzano gli afferenti l Università di Bologna, è stata condotta sulla base di dati ottenuti mediante un questionario web che, online già dal 2006, è stato modificato ed aggiornato sulla base dei risultati ottenuti dalle precedenti edizioni dello stesso. L indagine si è infatti maggiormente concentrata sulle domande rappresentative le abitudini di trasporto degli utenti e le loro necessità, rendendo più fluido e mirato il questionario stesso, con lo scopo di indirizzare al meglio gli obiettivi dell Università. 7.1 Il Campione di indagine Il campione complessivo di coloro i quali hanno risposto al questionario, e sul quale si è svolta l indagine qui presentata, risulta di fra dipendenti e studenti afferenti all Ateneo nella sua sede di Bologna e nelle sedi di Forlì, Cesena, Rimini e Ravenna, con relative province. Tale dato risulta particolarmente significativo non solo se paragonato a quello dell anno 2010 che presentava utenti al questionario, ma anche rispetto a quello del 2011 che ha riportato utenti. Un confronto con gli anni scorsi mostra un continuo aumento percentuale di partecipazione al questionario da parte della componente studentesca dell Ateneo, rispetto ad una costante partecipazione da parte del personale strutturato d Ateneo (categorie Docenti e Personale Tecnico - Amministrativo). Nel suo complesso il campione si presenta come segue: ETA' anni 9% anni 10% oltre 64 anni 1% anni 20% anni 60% 17

18 QUALIFICA Studenti 76% Docenti 6% Dottorandi CoCoCo, assegnisti, 7% Personale Tecnico- Amministrativo 11% LUOGO DI PARTENZA PER LO SPOSTAMENTO CASA-LAVORO/STUDIO Bologna 47% Bologna provincia 17% Forlì Cesena Forlì Ravenna Ravenna provincia Rimini Rimini provincia 6% 4% 2% 2% 4% 4% 2% Altro 21% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 18

19 Nel dettaglio la categoria Lavoratori (Docenti, Tecnici-Amministrativi, Dottorandi e Collaboratori, ) risulta per ogni sua voce così suddivisa: Docenti Professore a contratto/ supplente 8% Ricercatore 48% Professore associato 22% Professore straordinario 1% Professore ordinario 21% Personale Tecnico - Amministrativo Categoria D 30% Lettore 1% Categoria EP 5% Categoria C 54% Collaboratore ed Esperto Linguistico 1% Categoria B 10% Dirigente 1% 19

20 Dottorandi, Assegnisti, CoCoCo,... Dottorando 47% Contratto di consulenza 1% Contratto CoCoCo 6% Borsista 3% Medico specializzando 6% Assegnista 37% Poiché l analisi qui presentata interessa la mobilità propria della sede di Bologna, di seguito si riporta, per ogni categoria, l origine dello spostamento casa-lavoro/studio della parte di campione che prevede come destinazione (luogo di lavoro) la sede di Bologna stessa. Il campione di analisi risulta pertanto di 8251 utenti di cui 2204 lavoratori e 6047 studenti. Luogo di Partenza per lo spostamento Casa - Lavoro/Studio Altro Rimini provincia Rimini Ravenna provincia Ravenna Forlì Cesena Forlì Bologna provincia Bologna 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Bologna Bologna provincia Forlì Cesena Forlì Ravenna Ravenna provincia Studenti 57% 19% 2% 2% 1% 1% 4% 2% 1% 23% Dottorandi, Assegnisti, 65% 14% 4% 1% 1% 2% 4% 2% 1% 15% Tecnici - Amministrativi 56% 33% 2% 1% 0% 1% 2% 0% 0% 7% Docenti 61% 17% 1% 2% 0% 1% 4% 1% 0% 17% Rimini Rimini provincia Altro 20

Comune di Anzola dell'emilia

Comune di Anzola dell'emilia Comune di Anzola dell'emilia 1.224 1.118 61 79-18 Imprese Artigiane 406 405 18 36-18 Cooperative 17 12 1 2-1 Imprese Individuali 623 613 34 53-19 Imprese Femminili 234 216 19 15 +4 Imprese Giovanili 91

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DEL MEDIO RENO Comuni di: CASTEL D`AIANO, GAGGIO MONTANO, GRIZZANA MORANDI, MONZUNO, VERGATO BOSCHI CEDUI DEGRADATI 1500,00 2-IN QUESTA I BOSCHI CEDUI

Dettagli

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA A cura di: Elisa Facchini Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 Bologna Tel. +39 051 6093440 Fax +39 051 6093467

Dettagli

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N.

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. (dato aggiornato al 14 ottobre 2009) SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 1 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 3 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 5 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 8 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA

Dettagli

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna settembre 2006 Pagina 1 di 10 Indice: PREMESSA... 3 MATERIALE DA CONSEGNARE.. 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

1. Obiettivi della presentazione

1. Obiettivi della presentazione Bologna, 15 febbraio 2012 PERCORSO FORMATIVO SUI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DI COMPETENZA DEGLI ENTI LOCALI Analisi dei costi : ricerca e metodologie di controllo. Strumenti di gestione e loro utilizzo

Dettagli

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA Statistiche del Turismo anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA STATISTICHE DEL TURISMO anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E TURISMO PREMESSA I dati relativi alle

Dettagli

GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA

GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA Provincia di Bologna Provincia di Bologna Servizio Studi per la Programmazione Ufficio di Statistica Sistema statistico nazionale Ufficio di statistica GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze. I Numeri della Scuola di Bologna. classi - alunni - provenienze

COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze. I Numeri della Scuola di Bologna. classi - alunni - provenienze COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze I Numeri della Scuola di Bologna classi - alunni - provenienze Pubblicazione a cura di: Settore Istruzione e Politiche delle Differenze

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA PRONTO SOCCORSO CANI E GATTI VITTIME DI INCIDENTI STRADALI SUL TERRITORIO PROVINCIALE La seguente tabella riporta le informazioni fornite dai Comuni relativamente alle convenzioni attivate con strutture

Dettagli

Le Università per la sostenibilità. Misure che favoriscono una migliore ripartizione modale esperienze all Università di Bologna

Le Università per la sostenibilità. Misure che favoriscono una migliore ripartizione modale esperienze all Università di Bologna Le Università per la sostenibilità Misure che favoriscono una migliore ripartizione modale esperienze all Università di Bologna A cura di roberto battistini Milano, Expo Site 22 settembre 2015 Muoversi

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2015 Provincia di Bologna - Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2015 Provincia di Bologna - Settore residenziale Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Bologna data di pubblicazione: 27 novembre periodo di riferimento: primo semestre Andamento del

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Statistiche. del Turismo. Provincia di Bologna - anno 2013

Statistiche. del Turismo. Provincia di Bologna - anno 2013 Statistiche del Turismo Provincia di Bologna - anno 2013 tipografia metropolitana bologna Statistiche del turismo Anno 2013 Indice Analisi capacità ricettiva e movimento turistico p. 3 TABELLE Capacità

Dettagli

E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Introduzione ed inquadramento generale La formazione del primo modello del Mosaico dei PRG dei Comuni della Provincia di Bologna risale

Dettagli

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA, RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE, IN AMBITO METROPOLITANO,

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA Scheda sintetica del bando relativo alle attività: Attività IV. 2.1: Sostegno alla qualificazione delle attività di servizi a supporto

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PREVISTO NELL AMBITO DEL PROGETTO PIANO PER IL POTENZIAMENTO DELLE AZIONI

DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PREVISTO NELL AMBITO DEL PROGETTO PIANO PER IL POTENZIAMENTO DELLE AZIONI PG. N. 261633/2013 DISPOSIZIONI PER L EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PREVISTO NELL AMBITO DEL PROGETTO PIANO PER IL POTENZIAMENTO DELLE AZIONI DI MOBILITY MANAGEMENT PIANO DI INCENTIVAZIONE AL TPL Premesso

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

Appendice. I QUESTIONARI

Appendice. I QUESTIONARI Appendice. I QUESTIONARI QUESTIONARIO PER L AZIENDA Informazioni Generali me Azienda/Ente Tipo di Azienda/Ente Settore di attività Città: Via/Piazza CAP: Tel: me Direttore Fax: E - mail: me responsabile

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F.

RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F. Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n. 19/2008 CR 42 Premessa RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F. 2007 (L.R. n. 12/03 capo III,

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Servizio di Supporto alle relazioni scuola-territorio-mondo del lavoro del Servizio Scuola

Dettagli

Capitolo 5. L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo

Capitolo 5. L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo Capitolo 5 L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo 213 214 RAPPORTO ANNUALE DI MONITORAGGIO 2014 5 Il sistema di tariffazione integrata in Emilia- Romagna Nel corso del 2013 è continuato l'impegno

Dettagli

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Fabio Formentin Responsabile Servizio mobilità urbana e trasporto locale Regione Emilia-Romagna Interventi di pianificazione,

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel estre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Maurizio Tesini (referente OMI) Luca Panzacchi (collaboratore) data di pubblicazione:

Dettagli

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA Sedi Patronati e CAF Indice dei contenuti 1. Patronati 1. CGIL INCA 2. CAF 1. USB Emilia Romagna 2. Caaf 50&Più 3. CAAF CIA SERVIZI srl. 4. CISL 5. CAF CNA 6. CAAF Ce.S.Conf. 1 Confesercenti 7. CAF UIL

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLBO/2015/2 del 27.02.2015 CONSIGLIO LOCALE DI BOLOGNA Oggetto: SERVIZIO RIFIUTI URBANI - PIANO FINANZIARIO 2015 DEL COMUNE DI BOLOGNA

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto Scuola IL LABORATORIO DELLA

Dettagli

Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati

Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati Il fabbisogno conoscitivo e le necessità informative per la programmazione dei servizi.

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

DISTRETTO PIANURA OVEST

DISTRETTO PIANURA OVEST AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DAL 22 DICEMBRE AL 6 GENNAIO COMPRESI HD tecnico 0514206206 HD normativo 848822222 Call Center 800-884888 Prenotazioni e disdette

Dettagli

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo Torino, Febbraio 2009 MVRS_ENEL_214_08 AGENDA INTRODUZIONE RISULTATI DELL INDAGINE DI MOBILITÀ QUADRO

Dettagli

Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0)

Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0) Arcidiocesi di Bologna Ufficio Amministrativo Diocesano Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0) Al fine di rendere meno oneroso questo lavoro, si è preparata questa piccola

Dettagli

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna A cura di Fabio Formentin Bologna, 17 gennaio 2008 Percorsi sicuri casa-scuola a Modena e Reggio Emilia. Progetto PEDAL

Dettagli

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9 ISTITUTO COMPRENSIVO N.9 Via Luigi Longo, 4 40139 Bologna C.F. 91201100376 C.M. BOIC85200B Tel. 051 460205 Fax 051 460007 boic85200b@istruzione.it - postmaster@pec.ic9bo.it ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Via

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE Per una nuova cultura della Sicurezza stradale e della Mobilità sostenibile Nel 2004 la Provincia di Bologna ha approvato il Piano Provinciale per la Sicurezza

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1

UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2014 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ Chi siamo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Gianfranco Franchi 15/07/1952 Presidente Laurea in ingegneria La cooperativa Edificatrice Ansaloni esiste da più di sessant anni sul

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager CAGGIANIELLO Giorgio Direzione Risorse Umane\Amministrazione VAUDAGNA Marco

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi SERVIZI DI TRASPORTO I pacchi piatti sono facili da trasportare. Se la tua auto non è abbastanza grande, puoi usufruire delle diverse modalità di servizio a domicilio a pagamento. Per ulteriori informazioni

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

Accordi sottoscritti 17

Accordi sottoscritti 17 LOCAZIONE AD USO ABITATIVO GUIDA AL CONTRATTO CONCORDATO sommario Presentazione.. 5 A chi si applica la legge 431/98... 7 I vari tipi di contratto 7 Regole comuni di maggior rilievo.. 9 I contratti ad

Dettagli

Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo

Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo architettibologna ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori di bologna Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo Triennio Sperimentale 2014-2016 Questionario Formazione

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

LE IMPRESE A BOLOGNA

LE IMPRESE A BOLOGNA LE IMPRESE A BOLOGNA IMPRESE E IMPRENDITORI STRANIERI Anno 2013 UFFICIO STATISTICA A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445 Fax 051/6093467

Dettagli

Comune di Padova. Linee guida per la redazione del Piano degli Spostamenti Casa Lavoro. Mobility Manager Aziendale MOBILITY MANAGEMENT

Comune di Padova. Linee guida per la redazione del Piano degli Spostamenti Casa Lavoro. Mobility Manager Aziendale MOBILITY MANAGEMENT Dicembre 2001 Rev. 0 Settore Mobilità e Traffico Dirigente Capo Settore dr. Daniele Agostini Ufficio Mobility Manager d Area ing. Giancarlo Smaniotto ing. Ernesto Marzano arch. Alberto Marescotti Mobility

Dettagli

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori Mobility Team Mirafiori 20 Novembre, 2010 Sostenibilità La mobilità sostenibile rappresenta un area ad elevato interesse per l Azienda

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374)

LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI. Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA E ATC SPA, PER LA GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONI PER LE AZIONI DI MOBILITY MANAGEMENT Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n 0123227 10374) rappresentato dall Ing.

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA DOC. 2 GIUGNO 2007

PROVINCIA DI BOLOGNA DOC. 2 GIUGNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE L I N E E G U I D A DOC. 2 GIUGNO 2007 RST RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO - VIA DEGLI SCIPIONI, 181-00192 ROMA. TEL: 06.32.18.101

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile 6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile Il documento preliminare del Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) 2010-2020, approvato con delibera di Giunta regionale 23 novembre 2009, n.

Dettagli

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Perché occuparsi di Mobilità Sostenibile? L'azienda, nell'ambito iniziative di miglioramento della qualità ambientale, sta valutando di migliorare l'utilizzo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio La S.V. è invitata a partecipare alla Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio indetta per presentare MediaLibraryOnline: la biblioteca

Dettagli

1. Interventi diretti per favorire l accessibilità delle sedi attraverso modalità di trasporto meno inquinanti rispetto a quelle sinora prevalenti.

1. Interventi diretti per favorire l accessibilità delle sedi attraverso modalità di trasporto meno inquinanti rispetto a quelle sinora prevalenti. 1. Interventi diretti per favorire l accessibilità delle sedi attraverso modalità di trasporto meno inquinanti rispetto a quelle sinora prevalenti. In questa categoria rientrano diverse proposte che, al

Dettagli

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 Mazzini- Savena FOSCHERARA S 70 35 SAN RUFFILLO P 70 35 San Donato- San Vitale

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli

INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO

INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO (ottobre 2012- febbraio 2013) Oggetto: indagine finalizzata alla conoscenza dell'uso dei mezzi di trasporto

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012.

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Indice: 1. Premessa 1.1 Contesto normativo 2. Il questionario di indagine 3. I risultati dell indagine 4. Analisi e proposte relative all accessibilità

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLBO/2016/1 del 30 marzo 2016 CONSIGLIO LOCALE di BOLOGNA. Oggetto: PARERE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO PREVENTIVO 2016 DELL AGENZIA

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna

Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna Gli obiettivi della presente iniziativa sono la qualificazione dei prodotti di qualità locali e la valorizzazione del territorio attraverso le peculiarità delle

Dettagli

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az.

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. COMUNE DELLA SPEZIA PROVINCIA DELLA SPEZIA ATC spa ATC MP spa QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. SEZIONE 1 : INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE n. scheda 1. SESSO M F 2. ETA

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli