PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA RIMINI PIANO degli SPOSTAMENTI CASA - LAVORO e STUDIO 2012 Sustainable mobility, traffic and transportation Plan 2012 (Decreto Ministeriale dell Ambiente del 27 marzo 1998) AUTC Settore Energia Mobilità e Innovazione

2 ProRettore Vicario: Prof. Ing. Emilio Ferrari Dirigente AUTC Area Edilizia e Logistica: Ing. Andrea Braschi Settore Energia Mobilità Innovazione: responsabile Ing.Roberto Battistini Redazione, Elaborazione Dati ed Analisi Statistiche a cura della dott.ssa Olivia Bernardi Ha collaborato inoltre l area degli Affari Generali settore Portale d Ateneo Il presente piano è stato redatto sulla base delle Linee Guida per la redazione l implementazione e la valutazione del Piano Spostamenti Casa-Lavoro, edito da ENEA Divisione Sistemi Energetici per la Mobilità e l habitat del 23 dicembre

3 SOMMARIO Premessa pg Fase Informativa e di analisi pg Quadro applicativo pg Fase degli obiettivi pg Obiettivi strategici del Piano pg Il questionario web-based pg Fase progettuale pg Fase di confronto pg Fase attuativa pg Fase di monitoraggio e aggiornamento pg Indagine sugli spostamenti casa-lavoro/studio pg Consistenza dei dati e disaggregazione per categorie pg Mezzi utilizzati e tempi di percorrenza pg Analisi di customer-satisfaction: motivazioni e preferenze pg Conclusioni pg. 35 3

4 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento del Piano Spostamenti Casa Lavoro e studio del 2011, di seguito denominato Piano, impegno dell Università di Bologna all attuazione di azioni volte a garantire una mobilità aziendale maggiormente eco-sostenibile e alla definizione di migliori condizioni di accessibilità agli spazi universitari. Nel presente aggiornamento si conferma e si mantiene l impostazione dei precedenti Piani, interessando nelle analisi e nell adozione delle azioni, i diversi campus di Ateneo (Bologna, Forlì, Cesena, Rimini, Ravenna) e le molteplici categorie di utenti che caratterizzano il contesto universitario. Rispetto al Piani precedenti si intende promuovere maggiormente le soluzioni operative per una diversione modale orientata ai sistemi di trasporto sostenibili. 1. FASE INFORMATIVA ED ANALISI 1.1 Quadro applicativo In ottemperanza del Decreto Ronchi del 27/03/1998, l Università di Bologna ha predisposto il primo Piano Spostamenti casa lavoro dell Università di Bologna nel 2003, dando luogo alla prima formale adesione alle politiche di sostenibilità ambientale in tema di mobilità. Grazie a tale accordo, da allora, sono state condotte annualmente diverse iniziative orientate al supporto della mobilità sostenibile, come gli abbonamenti al trasporto pubblico (mezzi ferroviario con bacino regionale e trasporto pubblico locale, sia urbano, extraurbano che FER) a condizioni agevolate per il personale. Di seguito una sintesi dei numeri di abbonamenti annuali per sistemi ferroviari e trasporti su gomma rilasciati a condizioni di favore al personale. Il sistema di agevolazione si è basato su uno sconto aziendale (5%) ed un contributo a forfait di: come nel 2011 si è invece garantita un agevolazione del 50% al personale Docente, mentre per il personale Tecnico Amministrativo, mediante un contributo dell Ateneo, è stato possibile ridurre il prezzo di acquisto di abbonamenti ATC e Trenitalia a Euro 50 sia per gli abbonamenti ATC che per gli abbonamenti Trenitalia. 4

5 n. abb atc n. abb tren n. abb Mi muovo spesa ateneo (Euro) Per il 2011 la spesa sostenuta dal personale, mediante trattenuta in busta paga in quattro rate mensili, ammonta complessivamente a ,80, interessando unità di personale (con contratto a tempo indeterminato, determinato e lavoratori dell Azienda Agraria Universitaria). 2. FASE DEGLI OBIETTIVI 2.1 Obiettivi strategici del Piano L attuazione di misure per lo sviluppo sostenibile nella mobilità urbana e nei trasporti può essere attuata dall Università di Bologna mediante l applicazione di criteri, da porre come base del sistema degli obiettivi, quali: - riconoscimento del diritto di accessibilità al luogo di lavoro-studio di tutti fruitori; - adozione di metodologie attuative connotate da flessibilità gestionale ed organizzativa; - ricerca dell equilibrio dinamico tra le diverse azioni attuabili, in modo da porre attenzione al rischio di insorgenza di cause endogene od esogene volte all inefficienza o alla crisi della mobilità universitaria e cittadina. - comunicazione diffusa e condivisa tra tutto il personale e gli studenti dell Università per le iniziative e la promozione di eventi in tema di mobilità. In sintesi le parole chiavi di lettura del Piano 2012 sono: accessibilità diffusa agevolazione equilibrio dinamico qualità (customer satisfaction) networking 5

6 Attraverso gli strumenti della promozione e potenziamento della mobilità sostenibile e le relative facilitazioni e incentivazioni economiche, l Università di Bologna intende definire i seguenti obiettivi validi per tutti i Poli dell Ateneo (Bologna Cesena Forlì Ravenna Rimini): - razionalizzazione dell'uso individuale delle auto private; - supporto e promozione dell uso del mezzo di trasporto collettivo per i lavoratori e gli studenti; - adozione di sistemi di trasporto alternativi di tipo sostenibile (biciclette, mezzi elettrici, uso condiviso delle vetture, ) sia per gli spostamenti casa lavoro studio che per favorire l ottimizzazione della mobilità di servizio; - riduzione dei livelli di inquinamento urbano indotto dal traffico veicolare; - introduzione di servizi innovativi per la mobilità (sistemi web based di e-governance) per una migliore organizzazione degli spostamenti casa lavoro studio e di servizio; - miglioramento dell accessibilità agli spazi universitari, in relazione alle diverse forme di diversità (motorie, visive ed esigenze speciali es: linguistiche, dietologiche..); - razionalizzazione del parco auto aziendale con introduzione di veicoli elettrici gestiti in modalità Car Sharing. L Università si impegna a coordinare e valutare la fattibilità del presente Piano 2012, mediante l attuazione di tecniche di controllo e monitoraggio dello stato di accessibilità, nonché in rispetto ai principi di customer satisfaction del grado di soddisfazione dei propri utenti (lavoratori e dipendenti). I vantaggi complessivi dei progetti per i lavoratori e gli studenti sono: - minori costi del trasporto, sia in termini temporali che economici; - riduzione dei tempi di spostamento; - possibilità di premi economici; - diminuzione del rischio di incidenti; - maggiore regolarità nei tempi di trasporto; - minori stress psicofisici per la guida nel traffico; - aumento delle facilitazioni e dei servizi per coloro che già utilizzano modi alternativi; - socializzazione tra colleghi; - superamento di tutte le forme di diversità. 6

7 I vantaggi per l'ateneo invece, da sostenere nel Piano 2012, riguardano i seguenti benefici: - maggiori sinergie nell'attività lavorativa; - possibilità di offrire un servizio utile ai propri dipendenti, ottenendo indirettamente una maggiore dedizione al lavoro; - aumento dell'accessibilità agli spazi universitari; - rafforzamento del sistema di identità di Ateneo e creazione di networking sociali e culturali; - riduzione della spesa per la gestione del parco auto aziendale. Nello stesso tempo è possibile ottenere vantaggi sociali per la collettività in termini di : - riduzione dell'inquinamento atmosferico ed acustico; - riduzione del numero di incidenti; - decongestione le strade; - riduzione dei tempi di trasporto. - sinergia con gli enti locali nell attuazione delle strategie comune di valorizzazione del territorio. Maggiori sono i benefici sociali derivanti dal progetto e maggiori possono essere le risorse impegnate e la disponibilità da parte del Comune e delle aziende di trasporto pubblico. 2.2 Il questionario web-based L indagine sulla mobilità universitaria è stata strutturata su un sistema web based, accessibile dal sito web tramite accreditamento istituzionale di Ateneo (DSA). L indagine è aperta agli studenti, al personale strutturato ed alla componente strategica non strutturata d Ateneo. L indagine ha fornito gli elementi necessari ad organizzare le informazioni sulle consuetudini di mobilità degli studenti e del personale in relazione a: - domicilio, origine di partenza degli spostamenti casa lavoro/studio; - luogo fisico di lavoro; - mezzi utilizzati per il percorso casa lavoro/studio; - motivazioni della scelta dei mezzi di trasporto; - esigenze personali particolari; 7

8 - distanza percorsa e tempo impiegato per lo spostamento casa lavoro/studio; - luoghi di parcheggio dei mezzi privati; - spostamenti "accessori"; - propensione ad utilizzare mezzi di trasporto alternativi; - interesse a forme di agevolazione maggiori per l acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico. 3. FASE PROGETTUALE Il Piano 2012 è volto al miglioramento dell accessibilità agli spazi universitari, promuovendo le forme di mobilità e trasporto di tipo ecosostenibile. In particolare gli obiettivi enunciati nel capitolo 2 Fase degli Obiettivi, possono essere raggiunti mediante le seguenti attività: Promozione dei sistemi di trasporto collettivi: - incentivazione per i lavoratori del trasporto pubblico su gomma mediante proseguimento della campagna abbonamenti, già avviata dal 2006, con estensione alla sua articolazione multi campus ed incremento delle condizioni di agevolazione; - incentivazione per i lavoratori del sistema di trasporto ferroviario mediante proseguimento della compagna, già avviata nel 2006, ed incremento delle condizioni di agevolazione, ricercando soluzioni di tipo flat; - Analisi e predisposizione di ipotesi operative per l applicabilità di strumenti di promozione del trasporto pubblico a favore degli studenti e della componente di personale strategica non strutturata. Promozione della componente ciclo pedonale - promozione di azioni per migliorare la mobilità ciclopedonale, mediante supporto delle iniziative Comunali in materia e incremento della dotazione di rastrelliere porta biciclette nei plessi universitari 8

9 Promozione di sistemi alternativi - diffusione della modalità Car Pooling, mediante la ricerca di soluzioni di incentivazione tariffaria sulla sosta su strada. - implementazione del Car sharing sia come flotta aziendale, ad integrazione dell esistente e con particolare attenzione ai Dipartimenti e Facoltà, sia.come mezzo di trasporto privato, per studenti e personale di tutte le Facoltà di Ateneo. Informazione - continuo aggiornamento e miglioramento del sito web, mediante la creazione di nuove sezioni e l implementazione delle esistenti. Ricerca - collaborazione a bandi di ricerca europei, anche mediante finanziamenti privati, su temi dell ambiente e della mobilità sostenibile; - implementazione di sistemi di e-governance e di innovazione tecnologica per la mobilità urbana, volti alla definizione di modelli gestionali per i diversi servizi (bike sharing, service bike, ingresso parcheggi). Accessibilità - attuazione di progetti campione volti al miglioramento dell accessibilità, del superamento delle barriere architettonico e dei vincoli verso ogni diversità. Tali interventi avranno impatto sia sull involucro edile e sui sistemi di orientamento/comunicazione, che, in sinergia con gli enti locali, sia sullo spazio urbano in cui è inserito il plesso universitario; - Partecipazione a progetti europei per il finanziamento di soluzioni innovative. In particolare si evidenzia lo stato di avanzamento di due progetti innovativi in materia di mobilità sostenibile: 1. Progetto per il servizio di bike sharing universitario Il progetto, realizzato in partneship con ATC SpA, prevede la definizione di un innovativo sistema automatizzato di rastrelliere porta biciclette, il cui accesso da parte degli utenti avverrà mediante utilizzo del badge universitario. E prevista infatti l estensione del software per la 9

10 gestione del parco veicolare elettrico, che permetterà al contempo anche la prenotazione delle biciclette. Sono state individuate le prime aree sperimentali nelle sedi di: ingegneria sede storica, Ingegneria Lazzaretto (via Terracini) e cittadella universitaria. I mezzi saranno in via sperimentali utilizzati dal personale universitario, con possibilità di analisi dell estensione successiva per gli studenti. 2. Progetto di gestione centralizzata della eco-flotta aziendale universitaria Il progetto comporta, in ottemperanza alla normativa vigente, la razionalizzazione dell attuale parco auto, costituito da 74 mezzi in proprietà, e la sostituzione dello stesso con 50 veicoli in noleggio, ecosostenibili. La metodologia gestionale individuata è quella del car sharing, che prevede il passaggio da un uso esclusivo ad uno condiviso dei mezzi da parte delle strutture universitarie. La manovra risulta attuabile anche mediante l implementazione di un applicativo web based finalizzato all individuazione delle auto disponibili e alla loro prenotazione. Per ottimizzare la gestione della flotta in car sharing, sono stati individuati i principali bacini generatori e attrattori di spostamenti per servizio, e si è ipotizzato di organizzare la flotta articolandola a livello territoriale in 6 isole, poste nei principali plessi su cui gravitano le strutture attualmente in possesso di mezzi aziendali. In ogni isola verranno individuati idonei spazi recettivi per i mezzi, dotati di punti di ricarica. Le auto elettriche utilizzate consentono tutte percorrenze tra i 90 e i 170 km con una ricarica che garantisce una percentuale altissima dei viaggi ora effettuati dalle strutture. Per le lunghe percorrenze attualmente si prevede l adozione di particolari automezzi ad alimentazione elettrica ma dotati di un gruppo elettronico a benzina che consente percorrenze illimitate dietro rifornimenti presso i comuni distributori. 4. FASE DI CONFRONTO Le singole proposte progettuali seguiranno in primis l iter di verifica della effettiva fattibilità tecnico - economica attraverso la consultazione della Commissione Edilizia e l eventuale approvazione del Consiglio di Amministrazione qualora ci fossero impegni di spesa. Successivamente, una volta stabilita la sostenibilità economica, i progetti verranno condivisi e attuati in stretta collaborazione con gli uffici degli enti locali preposti (Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna, ). 10

11 5. FASE ATTUATIVA La realizzazione dei diversi progetti definiti all interno del periodo di validità del Piano 2012, potrà aver luogo nel periodo di validità dell Accordo triennale tra Comune e Università di Bologna. 6. FASE DI MONITORAGGIO E DI AGGIORNAMENTO POLO DI BOLOGNA Tale fase costituisce il momento di controllo sul servizio espletato e sulla sua efficacia. Si evidenza la necessità di monitorare con periodicità annuale, al fine di mantenere un livello di qualità accettabile per lo svolgimento del servizio del Mobility Manager stesso e della condivisione con il Comune di Bologna. Valori per Valori per Valori per Valori per Elenco Indicatori l anno l anno l anno l anno numero sedi numero addetti Posti auto aziendali totali Posti moto/motocicli aziendali Posti bici aziendali Numero auto aziendali Numero bici aziendali Auto usate /100 addetti 40,47% 49,55% 44,69% 39,75% Auto usate come conducente/ 100 addetti 37,70% 45,61% 40,51% 35,98% Auto usate come passeggero/ 100 addetti 2,77% 3,94% 4,18% 3,77% Moto/motocicli usate /100 addetti 11,20% 11,90% 11,48% 10,80% Bici usate /100 addetti 19,21% 24,26% 25,49% 28,49% Utenti TPL /100 addetti 42,72% 52,16% 49,79% 53,59% Utenti bus urbano/ 100 addetti 34,64% 43,38% 41,43% 44,42% Utenti bus (uso esclusivo+combinato)/ 100 addetti 39,55%. 57,29% 58,57% 64,88% Utenti bus extraurbano/ 100 addetti 8,08% 8,78% 8,36% 9,17% Utenti treno/ 100 addetti 20,89% 24,55% 25,03% 27,00% Utenti a piedi/100 addetti 15,21% 27,68% 31,28% 34,30% % risposte al QSCL/ addetti totali 21,94% 21,48% 34,79% 35,22% Tabella 1 [indicatori ] I dati si riferiscono alla sola sede di Bologna. La seguente tabella per il monitoraggio di efficacia è stata redatta in stretta relazione con quanto indicato nel cap.2 Fase degli Obiettivi e cap.3 Fase Progettuale. 11

12 1 2 Elenco delle misure adottate Incentivazione al trasporto pubblico di linea su gomma, specificare le caratteristiche Incentivazione al trasporto pubblico su ferro di linea, specificare le caratteristiche Stato di attuazione / avanzamento Nel 2003: attivazione "campagna abbonamenti": Nel 2007:806 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Avvenuta informatizzazione del processo di gestione delle domande e studio di fattibilità per l'estensione della campagna anche ai collaboratori e studenti. Nel 2008: 920 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Nel 2009: 948 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano). Nel 2010: 985 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 69 MI muovo (+11,18% rispetto al 2009). Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale del 47%. Nel 2011: 1329 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 191 MI muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel 2012: 1523 abbonamenti al tpl (urbano + extraurbano) e 249 MI muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro Nel triennio : l obiettivo è di aumentare l agevolazione a favore del dipendente, anche esplorando criteri innovativi di convenzione, estendendo il servizio anche agli studenti. Il target è di superare i abbonamenti al tpl nell arco del triennio. Nel 2005: attivazione "campagna abbonamenti". Nel 2006: 300 abbonamenti al sistema ferroviario (regionale). Nel 2007: 411 abbonamenti regionali. Nel 2008: 475 abbonamenti regionali. Nel 2009: 610 abbonamenti regionali ed introduzione del sistema di condivisione informatizzato dei dati dei richiedenti. Nel 2010: 455 abbonamenti regionali + 69 Mi muovo (- 14% rispetto al 2009) decremento associabile alla contrazione delle corse e all incremento tariffario). Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale del 47%. Nel 2011: 438 abbonamenti regionali Mi muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel 2012: 455 abbonamenti regionali Mi muovo. Ad esso è stato associato da parte dell Ateneo una riduzione del costo a carico del personale Docente del 50%, mentre per il personale tecnico amministrativo il 12

13 contributo dell Ateneo ha ridotto il costo a carico del dipendente a 50 Euro. Nel triennio : l obiettivo è di aumentare l agevolazione a favore del dipendente, anche esplorando criteri innovativi di convenzione, estendendo il servizio anche agli studenti. Il target è di raggiungere la quota di abbonamenti al trasporto ferroviario nell arco del triennio. 3 Servizio di trasporto aziendale Nel 2006: in fase di studio l'applicazione del car sharing come flotta aziendale, cessione dei mezzi di AUTC ad ATC per il car sharing (condivisione università/pubblico). Nel 2007: sottoscrizione della Convenzione Car Sharing e studio del progetto Fleet Management. Nel 2008, 2009 e 2010: rinnovata la convenzione. Nel triennio : creazione di un progetto di flotta aziendale elettrica e di biciclette a pedalata assistita come mezzo per la mobilità aziendale. 4 Convisione navette esistenti - Nel 2009: si riprendono gli studi per disciplinare questo servizio, in termini di metodologie di 5 Telelavoro rendicontazione dei costi e miglioramento degli aspetti logistici. Nel 2010: 7 unità di personale in telelavoro (dati Cesia). Nel triennio : l obiettivo è di supportare le iniziative di telelavoro, mediante l ausilio anche di soluzioni innovative di ICT Nel secondo semestre 2006: Aumento della dotazione di rastrelliere (nuovo plesso delle aule della Fac. Di Giurisprudenza, Via Belmeloro - fornitura avviata, parcheggio Torre Libraria/Rettorato con posti coperti - studio di fattibilità avviato) posti bici. Nel 2007: estensione a favore degli studenti non domiciliati a Bologna del servizio C Entro in bici. Nel periodo : viene condivisa la pedonalizzazione della cittadella universitaria storica, 6 introducendo di concerto con l amministrazione Miglioramento accessibilità ciclabile comunale soluzioni tecnologiche atte alla (rastrelliere, depositi coperti..) razionalizzazione degli ingressi (sistema di varchi controllati) e attuate azioni volte l apertura di spazi di sosta universitari a favore della cittadinanza (Piazza Scaravilli, Parcheggio interrato Belmeloro). Nel 2010: creazione di spazio parcheggio biciclette protetto da accesso controllato e telecamere presso la sede del Rettorato (+30 posti bici circa). Nel triennio : l obiettivo è di realizzare nuovi punti di sosta biciclette in aree universitarie chiuse e controllate. Nel secondo semestre 2006: 1) Promozione del sistema C Entro in bici, mediante attivazione di un fondo di sicurezza per 7 Incentivazione all'uso della bicicletta smarrimento/furti, collaborazione nella diffusione del sistema a favore anche degli studenti domicliati/non residenti. 2) Dotazione di nuove rastrelliere porta biciclette Nel 2007: estensione a favore degli studenti non domiciliati a Bologna del servizio di bike sharing 13

14 8 Implementazione del Car Pooling 9 10 Organizzazione delle opportunità di parcheggio Campagne informative e di attività di sensibilizzazione sull'accessibilità dei vari modi di trasporto C Entro in bici. Nel 2008: condivisione con ATC della collocazione della prima rastrelliera del servizio C Entro in bici in zona universitaria (Largo Trombetti). Nel 2009: fornita ulteriore rastrelliera del servizio C Entro in bici in zona universitaria (Via Irnerio). Nel 2010: fornitura di ulteriore rastrelliera del servizio C Entro in bici nell area universitaria di Filippo Re in corso. Nel triennio : l obiettivo è di proseguire la promozione e il supporto dei servizi per il Bike Sharing. Dal secondo semestre 2007: attivazione di bacheca virtuale per la gestione condivisa degli utenti di car pooling (in fase di studio lo sviluppo del software). Nel 2009: studio di innovazione dello strumento, mediante applicativi di georeferenziazione. Nel triennio : l obiettivo è di supportare il servizio, riorganizzando l attuale bacheca e definendo concrete agevolazioni per gli utenti (sconti sulle tariffe della sosta). Nel 2008: approvato Piano Particolareggiato dei Parcheggi per la cittadella universitaria storica, con riferimento al miglioramento organizzativo dei parcheggi in gestione diretta dell Amministrazione generale e funzionalizzazione di nuove aree. Nel 2008: approntamento e studio del Regolamento Parcheggi. Applicazione del sistema di identity management per il controllo degli accessi ai parcheggi mediante badge dotato di transponder. Nel 2009: adozione del sistema innovativo di controllo accessi per i parcheggi Torre Libraria, Piazza Scaravilli e Parcheggio interrato Belmeloro Nel 2010: attivazione parcheggio Belmeloro (+ 50 posti auto per dipendenti in orario lavorativo) e progettazione del sistema di controllo accessi per l area di Filippo Re. Nel triennio : l obiettivo è di proseguire la strategia della creazione di un network di parcheggi universitari, che agiscano in via di reciproca compensazione. Dal 2006: avviati meccanismi di condivisione e circolazione delle informazioni di tipo web-based e adozione di mailing list (infonews) inerenti le condizioni di accessibilità e per la promozione delle iniziative. Nel 2008: partecipazione ad Alma Fest con appositi punti informativi condivisi con Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna a favore del tpl. Nel 2009: rinnovata la partecipazione ad Alma FEST del Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna e ATC. Promozione via portale e mailing list di Ateneo della Campagna abbonamenti Nel 2010: rinnovata la partecipazione ad Alma FEST del Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna e ATC. Nel triennio : l obiettivo è di utilizzare i sistemi quali il web o applicativi per smart phone per 14

15 11 Iscrizione al Car Sharing 12 Flessibilità dell'orario di lavoro 13 Adeguamento del Parco Auto (aziendale e/o dipendenti) con mezzi ecocompatibili (GPL/Metano/elettrico) la promozione dell accessibilità e lo sviluppo di progetti specifici volti al migliorare le condizioni di accessibilità, anche mediante la partecipazione a progetti di ricerca, con possibilità di cofinanziamento in ambito UE. Dal secondo semestre 2006: sono stati avviati contatti con ATC per lo studio dell'applicazione del car sharing in ambito aziendale; inserito nelle voci di bilancio preventivo, in attesa di approvazione per l'anno Nel 2008: sottoscrizione prima convenzione per l utilizzo a condizioni agevolate del servizio di Car Sharing ATC, con estensione alle strutture (per l utilizzo come vetture di servizio. Al personale come uso privato, ad un primo gruppo di studenti, come uso privato). Nel 2009 rinnovo della convenzione ed estensione a tutti gli studenti dell Ateneo. Nel 2010: rinnovo della convenzione di cui sopra Nel 2012: rinnovo della convenzione di cui sopra Nel triennio : l obiettivo è di promuovere ulteriormente il servizio, con particolare riferimento all utilizzo come flotta aziendale con eventuale estensione agli studenti.. L Ateneo dispone già di un sistema di flessibilità degli orari di ingresso, che prevede la possibilità di scelta di un orario di inizio lavoro tra le e le e margine di flessibilità accessorio di mezz ora prima e mezz ora dopo. Nel triennio : l obiettivo è di studiare eventuali soluzioni innovative insieme al Settore Personale, nel rispetto del quadro normativo vigente e del codice disciplinare del personale universitario. Nel 2007: studio di soluzioni per l acquisito di vetture Euro 4; studio per l'acquisto mediante principi di e- procurement, leasing, noleggio senza conducente Nel 2008 approntamento del progetto fleet management. Nel 2009: alcune aree dell amministrazione generale si dotano in via sperimentale di n. 2 vetture a minor impatto (gpl e metano) in leasing, mediante convenzione NOLEGGIO CONSIP, in sostituzione di altre due vetture di proprietà, e caratterizzate da obsolescenza e da requisiti di emissione elevati; Nel 2010: n. 2 autovetture a basso impatto ambientale (Euro 5) per le esigenze del Magnifico Rettore. Avvio di un progetto per l adozione di flotta aziendale a basso impatto, condivisa dalle diverse strutture dell Ateneo. Nel 2011: implementazione del progetto fleet management sul parco auto aziendale; sviluppo di un applicativo web based per la gestione della modalità Car Sharing del parco auto aziendale; prima razionalizzazione del parco auto aziendale e definizione delle fasi successive. Nel 2012: implementazione del progetto fleet management sul parco auto aziendale; sviluppo di un applicativo web based per la gestione della modalità Car Sharing del parco auto aziendale; primo acquisto di mezzi elettrici e sviluppo di colonnine per la ricarica e sistema di autorizzazione all uso dei mezzi. 15

16 14 15 Soluzioni per potenziamento Ufficio Mobility Manager Piano di comunicazione/informazione ai dipendenti 16 Altro: specificare Aggiornamento PIANO SPOSTAMENTI CASA LAVORO e STUDIO Nel triennio : l obiettivo è di procedere, mediante la formula del noleggio autovetture, una progressiva razionalizzazione del parco veicolare, con diversione verso autovetture a minor impatto ambientale e l acquisto sperimentale di autovetture ad alimentazione elettrica. Nel 2006: incremento della dotazione di risorse umane, mediante l'avvio di specifiche collaborazioni nel campo della ricerca scientifica e delle applicazioni di ICT; attivazione di un call center in materia di mobilità. Nel 2008: l Ufficio viene dotato di n.1 persona, con profilo amministrativo gestionale. Nel 2009: il settore viene inserito nell Area Ufficio Tecnico e viene creato un nuovo settore specifico con competenze nei settori energetici, mobilità e dell innovazione tecnologica. Contestualmente il Settore dispone di una nuova risorsa, con profilo tecnico.-scientifico, con competenze negli aspetti ambientali, energetici e di elaborazione dati. Nel 2010: il Settore Energia Mobilità e Innovazione dell Area Ufficio Tecnico viene integrato di una risorsa con competenze gestionali e funzioni di Project manager, per seguire i progetti innovativi. Nel triennio : nel quadro generale di ristrettezza delle risorse umane e finanziarie, l obiettivo è di creare sinergie trasversali con altri settori universitari, per supportare e meglio promuovere l attività di mobility management. Dal , predisposizione di una Newsletter tematica di tipo web based (in collaborazione con UNIBOCULTURA e Direzione Sviluppo Attività web), con coinvolgimenti di docenti e partner internazionali. Nel 2009: avvio di uno specifico progetto di Linea Editoriale. Nel triennio : l obiettivo è di inserire le tematiche del mobility management nel più vasto tema dei green campus e trattarle con specifiche pubblicazioni interne all amministrazione generale dell Ateneo (Quaderni dell Amministrazione). Nel 2010: sviluppo di nuove soluzioni informative volte al miglioramento della fruibilità dei diversi servizi del mobility manager (web service per scambio dati tra Comune di Bologna ATC e Università (in collaborazione con CESIA). predisposizione di nuovi sistemi web per la gestione remotizzata dei parcheggi e il controllo degli accessi (e rilascio dei contrassegni PA). Nel triennio : l obiettivo è di adottare un innovativo portale web che centralizzi tutti i servizi che richiedano un accreditamento da parte del personale (campagna abbonamenti, accesso ai parcheggi, procedura propedeutica al rilascio dei permessi PA). Tabella 2 [Stato di avanzamento delle misure adottate] 16

17 7. INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA LAVORO STUDIO L analisi degli spostamenti casa lavoro/studio, dei mezzi e dei tempi della mobilità che caratterizzano gli afferenti l Università di Bologna, è stata condotta sulla base di dati ottenuti mediante un questionario web che, online già dal 2006, è stato modificato ed aggiornato sulla base dei risultati ottenuti dalle precedenti edizioni dello stesso. L indagine si è infatti maggiormente concentrata sulle domande rappresentative le abitudini di trasporto degli utenti e le loro necessità, rendendo più fluido e mirato il questionario stesso, con lo scopo di indirizzare al meglio gli obiettivi dell Università. 7.1 Il Campione di indagine Il campione complessivo di coloro i quali hanno risposto al questionario, e sul quale si è svolta l indagine qui presentata, risulta di fra dipendenti e studenti afferenti all Ateneo nella sua sede di Bologna e nelle sedi di Forlì, Cesena, Rimini e Ravenna, con relative province. Tale dato risulta particolarmente significativo non solo se paragonato a quello dell anno 2010 che presentava utenti al questionario, ma anche rispetto a quello del 2011 che ha riportato utenti. Un confronto con gli anni scorsi mostra un continuo aumento percentuale di partecipazione al questionario da parte della componente studentesca dell Ateneo, rispetto ad una costante partecipazione da parte del personale strutturato d Ateneo (categorie Docenti e Personale Tecnico - Amministrativo). Nel suo complesso il campione si presenta come segue: ETA' anni 9% anni 10% oltre 64 anni 1% anni 20% anni 60% 17

18 QUALIFICA Studenti 76% Docenti 6% Dottorandi CoCoCo, assegnisti, 7% Personale Tecnico- Amministrativo 11% LUOGO DI PARTENZA PER LO SPOSTAMENTO CASA-LAVORO/STUDIO Bologna 47% Bologna provincia 17% Forlì Cesena Forlì Ravenna Ravenna provincia Rimini Rimini provincia 6% 4% 2% 2% 4% 4% 2% Altro 21% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 18

19 Nel dettaglio la categoria Lavoratori (Docenti, Tecnici-Amministrativi, Dottorandi e Collaboratori, ) risulta per ogni sua voce così suddivisa: Docenti Professore a contratto/ supplente 8% Ricercatore 48% Professore associato 22% Professore straordinario 1% Professore ordinario 21% Personale Tecnico - Amministrativo Categoria D 30% Lettore 1% Categoria EP 5% Categoria C 54% Collaboratore ed Esperto Linguistico 1% Categoria B 10% Dirigente 1% 19

20 Dottorandi, Assegnisti, CoCoCo,... Dottorando 47% Contratto di consulenza 1% Contratto CoCoCo 6% Borsista 3% Medico specializzando 6% Assegnista 37% Poiché l analisi qui presentata interessa la mobilità propria della sede di Bologna, di seguito si riporta, per ogni categoria, l origine dello spostamento casa-lavoro/studio della parte di campione che prevede come destinazione (luogo di lavoro) la sede di Bologna stessa. Il campione di analisi risulta pertanto di 8251 utenti di cui 2204 lavoratori e 6047 studenti. Luogo di Partenza per lo spostamento Casa - Lavoro/Studio Altro Rimini provincia Rimini Ravenna provincia Ravenna Forlì Cesena Forlì Bologna provincia Bologna 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Bologna Bologna provincia Forlì Cesena Forlì Ravenna Ravenna provincia Studenti 57% 19% 2% 2% 1% 1% 4% 2% 1% 23% Dottorandi, Assegnisti, 65% 14% 4% 1% 1% 2% 4% 2% 1% 15% Tecnici - Amministrativi 56% 33% 2% 1% 0% 1% 2% 0% 0% 7% Docenti 61% 17% 1% 2% 0% 1% 4% 1% 0% 17% Rimini Rimini provincia Altro 20

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Borgo Panigale - S. Ruffillo Pavese

Borgo Panigale - S. Ruffillo Pavese Borgo Panigale - S. Ruffillo Pavese linea A NORMANDIA 05.08 05.20 05.35 05.50 06.05 06.20 06.35 BORGO PANIGALE 05.10 05.23 05.38 05.53 06.08 06.22 06.38 BORGO PANIGALE STAZIONE 05. 05.26 05.41 05.56 06.11

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Aula magna della facoltà di

Aula magna della facoltà di Come far viaggiare i bus si studia all'università Al via lo scorso 6 marzo, alla Sapienza di Roma, il nuovo master su Management del trasporto pubblico locale, diretto da Giuseppe Catalano e Andrea Boitani.

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli