Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati"

Transcript

1 Titolo del progetto Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati Ente proponente Referente del progetto Comune di Mareno di Piave (TV) Assessorato Città Sane. Assessorato alla cultura, Assessorato alle Politiche Sociali Partner istituzionali: - ULSS 7 Dipartimento di Prevenzione Servizio per l Educazione e la Promozione della Salute Servizio Tutela della Salute nelle Attività Sportive - Provincia di Treviso - Istituto Comprensivo Mareno-Vazzola - Tavolo di coordinamento istituzionale del Comune di Mareno di Piave Stefano Donadello coordinamento generale Vicesindaco e Assessore Città Sane cell Attilio Battistella Assessore Politiche Sociali, servizi a sostegno della famiglia, giovani ed anziani cell Antonio Padoan Assessore alle politiche culturali e scolastiche cell Città in cui ha avuto luogo il progetto Antonio Scotton Coordinatore genitori progetto car pooling e piedibus Cell Mareno di Piave (TV) ABITANTI (censimento 2011) Iscritto alla Rete città Sane dal 2003 Pagina 1 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

2 Durata del progetto: Descrizione di sintesi del progetto: Progetto Piedibus: attivo dall a.s Progetto car pooling scolastico: attivo dall a.s Progetto Gruppo Cammino: attivo dal A tutt oggi i tre progetti sono attivi. I progetti rappresentano una delle strategie a favore della mobilità sostenibile. Per mobilità sostenibile si intendono tutta una serie di modalità di spostamento in città che hanno come caratteristica: basse o nulle emissioni, bassi o nulli consumi energetici, poco rumore e poca invasività e, non da ultima l incentivazione dell attività motoria utile a prevenire problemi di salute. Una città sana è una città cosciente del fatto che la salute è una questione che riguarda le politiche cittadine e che pone tra i propri obiettivi quello di consentire alle persone di esercitare un maggior controllo sulla propria salute, per migliorarla e consentire uno stato di completo benessere. Una città sana non è necessariamente una città che ha raggiunto un particolare stato di salute, ma è una città che si impegna a lavorare in direzione del proprio miglioramento. Il progetto prevede il coinvolgimento di tutti i soggetti operanti sul territorio (istituzioni, associazioni, categorie economiche) nella definizione e realizzazione di un piano di lavoro comune e coordinato e vede la partecipazione attiva della comunità al centro delle scelte e della definizione delle priorità attraverso un informazione chiara, corretta e costante. Per la realizzazione delle diverse iniziative (piedi bus, car pooling scolastico e gruppi di cammino) è stata infatti costruita una rete di attori ISTITUZIONALI (Comune di Mareno di Piave, Azienda ULSS 7, Istituto Comprensivo di Vazzola - Mareno) e NON ISTITUZIONALI (genitori, volontari, cittadini sensibili) che hanno lavorato in sintonia integrandosi nelle varie fasi del progetto, costruendo delle vere e proprie alleanze che hanno permesso alle attività iniziate nel 2009 di mantenersi nel tempo e radicarsi nel vissuto della comunità. A tutt oggi infatti, questi percorsi sono attivi e rappresentano un esempio nel territorio di riproducibilità, trasferibilità e capacità di vivere oltre la durata dei possibili finanziamenti. Pagina 2 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

3 Obiettivi del progetto Creare un modello di pensiero ed azioni concretamente sostenibili in un piccolo comune per attivare un percorso di cultura e formazione costante sulla tutela dell ambiente, l educazione alla salute e la qualità della vita, attivando progetti di mobilità sostenibile complementari tra loro. Obiettivi specifici delle tre azioni: PIEDIBUS Un PIEDIBUS coinvolge attivamente i bambini educandoli e stimolandoli ad una mobilità sostenibile; Dà la possibilità ad ogni bambino di fare dell esercizio fisico; solo 15 minuti a piedi per andare e tornare da scuola rappresenta la metà dell esercizio fisico giornaliero raccomandato per i bambini; IL PIEDIBUS promuove l autonomia dei bambini nei loro spostamenti quotidiani, e li aiuta ad acquisire abilità pedonali ed ambientali Aiuta i bambini nei processi di socializzazione fra coetanei dando loro la possibilità di parlarsi durante i tragitti casascuola, scuola-casa; Consente uno sviluppo psico-fisico armonico; Favorisce il ricorso al lavoro socialmente utile di persone adulte ed anziane e del mondo del volontariato impegnato nell accompagnare a scuola i bambini; Favorisce la nascita della rete di genitori al fine anche di coordinare le azioni di vigilanza e controllo durante i percorsi casa-scuola, lo scambio di esperienze, lo stemperare paure e insicurezze; inoltre crea reti relazionali tra adulti e ragazzi in ambito extrascolastico (associazionismo, iniziative ludico ricreative come gite, uscite, incontri culturali e conviviali ecc.) Migliora il livello di fruibilità e di accessibilità per l infanzia nel territorio e in particolare nelle aree verdi; Riduce il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti; Riduce significativamente il numero dei bambini che vengono accompagnati a scuola con autoveicoli diminuendo l accesso di auto attorno alla scuola e aumenta la sicurezza. Pagina 3 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

4 Obiettivi del progetto CAR POOLING Informare e accompagnare le famiglie, gli alunni e il corpo docente alla cultura della mobilità sostenibile Ridurre il numero delle auto nel territorio circostante la scuola, in particolare nei percorsi casa-scuola e scuolacasa, riducendo l incidentalità ed il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti Proporre il car pooling scolastico come modalità di trasporto utilizzabile anche in altre occasioni come ad esempio: trasporto per raggiungere piscina, patronato per catechismo e altro Progettare in modo partecipato soluzioni organizzative per attuare e promuovere la mobilità sostenibile Aiutare i bambini nei processi di socializzazione tra coetanei dando loro maggiori possibilità di trascorrere del tempo insieme durante i tragitti casa-scuola e scuola-casa Favorire la nascita di una rete di genitori al fine di coordinare le azioni di avvio del progetto e sostegno nel vincere paure e insicurezze Stimolare l intervento delle Amministrazioni Pubbliche a supporto dell iniziativa (es. predisposizione di parcheggi dedicati al car pooling, ecc.) GRUPPI DI CAMMINO promozione di uno stile di vita sano attraverso l'incremento dell'attività fisica quotidiana nella fascia della terza età riduzione degli incidenti domestici nella fascia della terza età (maggior vigilanza e reattività in funzione del benessere psicofisico) socializzazione tra i partecipanti e creazione di una rete relazione conoscenza del territorio Pagina 4 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

5 Azioni realizzate Il progetto si è realizzato con un lavoro di squadra che ha visto la partecipazione attiva dell Azienda Sanitaria, della Scuola e dei genitori. La metodologia utilizzata è stata quella di creare dei gruppi di lavoro in cui fosse forte la motivazione della parte non istituzionale (di genitori e altri adulti), al fine di stimolare il processo di empowerment fondamentale per l attiva presa in carico delle azioni. Per quel che riguarda il Piedibus e il Car Pooling scolastico, l Amministrazione Comunale ha garantito la pedonabilità e sicurezza dei percorsi rivedendo anche la viabilità comunale, ha risistemato la segnaletica orizzontale ed i marciapiedi, assicurato gli accompagnatori, provveduto ad acquistare seggiolini e cuscinotti per le auto disponibili ai trasporti e predisposto dei parcheggi dedicati alle auto car pooling. L Azienda sanitaria ha promosso, sensibilizzato e fornito tutto il materiale: pettorine ad alta visibilità, mantelle per la pioggia, modulistica varia, identificativi per le auto e autisti car pooling. La scuola è stata titolare del progetto e ha coinvolto i genitori, diventati i reali protagonisti che hanno gestito la turnistica, l arruolamento e le iniziative collaterali di supporto, fondamentali per radicare nel territorio queste iniziative come ad esempio l utilizzo del piedibus e car pooling per attività extrascolastiche, organizzazione di gite, castagnate, pranzi ed altri eventi. Fasi per l avvio: Convocazione di un primo tavolo di concertazione Comune, Azienda Sanitaria e Scuola. Convocazione assemblea dei genitori per individuare il gruppo ristretto di genitori disponibile all avvio dello studio di fattibilità (mappatura delle residenze, sopralluoghi dei possibili percorsi) Convocazione di una seconda assemblea dei genitori per presentare i risultati dello studio di fattibilità e raccogliere le adesioni di bambini, accompagnatori piedibus e autisti car pooling. Avvio di azioni di sensibilizzazione per promuovere le iniziative, con spazi dedicati all interno del sito Comunale e dell Azienda ULSS 7. Nel sito Comunale infatti trovano ampio spazio tutte le informazioni, riferimenti per partecipare all iniziativa e attività collaterali. Formazione e consegna dei materiali agli accompagnatori ed autisti e lezione teorica di educazione stradale ai bambini con consegna dei materiali (pettorine alta visibilità e mantelle anti pioggia). Avvio delle iniziative e monitoraggio con scheda di rilevazione dell andamento dell iniziativa e focus group con gli accompagnatori piedi bus e autisti car pooling per la valutazione annuale delle iniziative. Pagina 5 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

6 Azioni realizzate GRUPPI CAMMINO Formazione dei Walking Leader (WL) da parte dell Az. ULSS Contatto tra Amministrazione comunale e Azienda ULSS per concordare i termini della collaborazione Individuazione di alcuni percorsi iniziali (lunghezza, sicurezza, ecc) Incontro con la popolazione per informarli sull iniziativa e sui benefici dell attività fisica Definizione del calendario degli incontri Avvio dell attività Sostegno economico per il pagamento del WL da parte dell ULSS per la fase di avvio (3 mesi) Coinvolgimento dell Associazioni Anziani di Mareno di P. per la continuità dell attività Coinvolgimento dei giovani volontari (Mareno talenti) Diffusione dell informazione ai MMG e alle farmacie territoriali Pagina 6 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

7 Beneficiari finali del progetto e numero PIEDIBUS N. bambini: 130 N. accompagnatori: 90 N. 9 percorsi complessivi I percorsi sono inseriti anche nel Sistema Informativo Territoriale Comunale con le fermate. CAR POOLING E GRUPPI DI CAMMINO N. bambini: 48 N. autisti: 29 N. auto disponibili: 14 GRUPPI CAMMINO 3-4 giovani accompagnatori (WL) partecipanti (attualmente) a rotazione per gruppo sui 56 iscritti Pagina 7 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

8 Risultati attesi Per l Amministrazione Comunale: Più consapevolezza amministrativa nella progettazione delle zone pubbliche, nel predisporre attraversamenti pedonali o marciapiedi con una maggiore attenzione alla sicurezza, per tutte le età e riduzione di tutte le barriere architettoniche possibili. Minor afflusso di auto sul suolo antistante le scuole e sul suolo comunale, e minor inquinamento Per l Azienda Sanitaria Aumento dei bambini e adulti che camminano sul suolo cittadino senza utiizzare l auto e aumento della buona pratica di andare a piedi anche al di fuori dei momenti organizzati dal PIEDIBUS. Avvio di almeno 1 percorso Piedibus per plesso scolastico Diminuzione del traffico e conseguente diminuzione dell incidentalità. Coinvolgimento almeno del 15% dei bambini sul totale dei frequentanti la scuola primaria per quel che riguarda il Piedibus, e l arruolamento di genitori in grado di gestire il Piedibus tutti i giorni della settimana, nei percorsi di casa/scuola e ritorno. Almeno l organizzazione e l avvio di 3 equipaggi car pooling per plesso scolastico. Per la Scuola L inserimento dell attività piedibus nel Piano di Offerta Formativa (POF). La partecipazione attiva di almeno una insegnante referente, designata dal Dirigente, all interno della scuola. Pagina 8 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

9 GRUPPI CAMMINO Solitamente ci si aspetta una partecipazione di persone per gruppo. Il gruppo di Mareno, primo partito nel territo ULSS, è già al 4 anno di attività e molti dei partecipanti iniziali hanno preso l abitudine al cammino, formando piccoli gruppi con la stessa andatura di cammino. Pertanto, anche se ora il gruppo non è molto numeroso, la popolazione di Mareno ha incrementato l attività fisica svolta quotidianamente anche in autonomia. La diffusione del messaggio di buona salute e di partecipazione avviene anche tramite l Università degli Adulti di Mareno di Piave, nata anch essa dal Progetto Città Sane che consta ormai di un gruppo fisso di adesioni di circa 150 persone. Pagina 9 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

10 Risultati raggiunti PIEDIBUS E CAR POOLING Nel Comune di Mareno di Piave il Piedibus è stato avviato nell anno scolastico 2008/2009 ed è tutt ora attivo. Per quel che riguarda il Piedibus, ogni anno aumentano i bambini iscritti e all ultimo censimento erano 130. Gli accompagnatori attualmente sono 90. Il piedibus funziona tutti i giorno dal lunedì al sabato sia nei percorsi di andata/ritorno al mattino che nel rientro pomeridiano. La percentuale di adesione è ben superiore al 15% atteso ed è pari al 31%. Sono attive 6 linee piedibus di circa 1 Km ciascuna (4 linee per la scuoal primaria del capoluogo e due per la scuola primaria di Campagnola), ognuna con un genitore-referente di percorso che gestisce la turnistica, le eventuali sostituzioni, aggiorna il diario di bordo, raccoglie segnalazioni o proposte del proprio gruppo e si rapporta con il genitore referente per il Comune e l Azienda Sanitaria Ogni anno i bambni percorrono a piedi circa km tutti assieme. Il car pooling è stato avviato nell anno scolastico 2010/2011 ed è tutt ora attivo. Attualmente i bambini che ne usufruiscono sono 48, con 29 autisti e 14 auto private disponibili. Gli quipaggi totali, nei due plessi sono 15. Il Comune ha predisposto due parcheggi ad hoc per le auto car pooling, per agevolare la viabilità attorno alla scuola. Nella scuola è predisposta, a cura dei genitori, una bacheca informativa su tutte le attività e iniziative piedi bus e car pooling. Le due iniziative, Piedibus e Car pooling sono state inserite nel Piano di Offerta Formativo ed il Dirigente ha designato due insegnanti referenti. Il piano di viabilità comunale è stato rivisto e modificato per agevolare i percorsi Piedibus e Car pooling. L Amministrazione Comunale e l Azienda Sanitaria sono in contatto, o telefonico o tramite mail, con i coordinatori dei gruppi per rispondere ad eventuali problematiche o richieste. L Azienda Sanitaria produce, ogni anno, due edizioni del periodico PIEDINEWS dove sono contenute, oltre alle esperienze di tutti i piedibus e car pooling attivi sul territorio aziendale, anche novità, consigli e buone pratiche. Dalla collaborazione dell Azienda Sanitaria con la Provincia di Treviso, e dall esperienza maturata nelle scuole primarie del comune di Mareno, è stato possibile realizzare e pubblicare le Linee Guida Car Pooling. Pagina 10 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

11 Attualmente per il mantenimento a regime delle iniziative il genitore referente dedica all attività organizzativa e di segreteria circa 7 ore la settimana. I coordinatori delle varie linee ed il referente si incontrano normalmente ogni 3 mesi con il referente per fare il punto della situazione. Si trovano inoltre al bisogno quando ci sono situazioni o problematiche da risolvere. GRUPPI DI CAMMINO Il gruppo si riunisce 3 volte a settimana. L uscita ha una durata di 1 ora o un ora e mezza. Si prevedono esercizi di riscaldamento muscolare all inizio prima della camminata e poi di rilassamento muscolare alla fine dopo aver effettuato il percorso Apprendimenti nella realizzazione del progetto Sul sito dell Azienda Sanitaria n. 7 è presente il calendario con la tempistica delle uscite, luoghi di ritrovo, giorni e orari per tutti i gruppi di cammino. I risultati attesi sono stati ampiamente raggiunti come riscontrabile dai dati evidenziati in questa scheda e dal materiale allegato Pagina 11 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

12 Costo totale del progetto (euro) PIEDIBUS E CAR POOLING Costi a carico dell Azienda Sanitaria Pettorine ad alta visibilità e mantelle per la pioggia, per tutti i 130 bambini dei due plessi: Pettorine ad alta visibilità per i 90 accompagnatori: 450 Costi a carico del comune: 2 palette e 1 corda per ogni percorso piedi bus:. 32,00/percorso adeguamento della segnaletica orizzontale per le 2 iniziative: mediamente. 150,00 per ogni percorso piedibus adeguamento della segnaletica verticale per i percorsi: mediamente. 300,00 per ogni percorso pedibus Ridefinizione dell arredo urbano e dell lluminazione della zona antistante le scuole e percorsi protetti: ,00 telefonia e materiale di supporto per i coordinatori referenti: circa 400,00 annui disponibilità luoghi d incontro, sale per incontri e convegnistica (comprensive gestione): 800 circa GRUPPI DI CAMMINO L avvio del gruppo cammino ha un costo di avvio di 1500,00 per la copertura del costo del WL (professionista laureato in scienze motorie) per i primi 3 mesi di attività a carico dell ULSS 7. Per mantenere il WL professionista è prevista una quota di partecipazione da parte degli aderenti. (Per Mareno 5,00/mese nell anno e Oggi gli accompagnatori sono ragazzi di Mareno Talenti) La copertura assicurativa (chiedere Battistella) Pagina 12 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

13 Finanziamenti ottenuti Finanziamenti ottenuti dal Comune a carico dell Azienda Sanitaria n. 7 per: PIEDIBUS E CAR POOLING Pettorine ad alta visibilità e mantelle per la pioggia, per tutti i 130 bambini dei due plessi: Pettorine ad alta visibilità per i 90 accompagnatori: 450 GRUPPI CAMMINO 1500,00 Az. ULSS 7, con finanziamenti regionali per la promozione dell attività fisica Il resto è stato gestito tutto con fondi propri dell Ente Sostenibilità del progetto Indicare se il progetto, una volta terminate le risorse iniziali, può auto-sostenersi o trovare altre fonti per continuare nel tempo PIEDIBUS E CAR POOLING Le iniziative sono progettualità vincenti perché evidenziano caratteristiche di: Riproducibilità per la capacità dell attività di essere riprodotto in presenza di problemi analoghi o simili a quelli che lo hanno originato Sostenibilità con capacità dell attività di vivere oltre la durata dei possibili finanziamenti (il progetto ha richiesto poche risorse finanziarie iniziali per l acquisto di materiali e considerevoli risorse umane e organizzative. Trasferibilità con capacità di essere utilizzata come modello per contesti differenti da quelli per i quali è stato realizzato. GRUPPI DI CAMMINO Il progetto può auto-sostenersi con una piccola quota di partecipazione fornita dagli aderenti e un contributo annuale per l assicurazione. Pagina 13 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

14 Strumenti di Illustrare quali mezzi di comunicazione sono stati utilizzati per comunicazione utilizzati pubblicizzare l iniziativa PIEDIBUS E CAR POOLING Linee guida per Piedibus e Car Pooling Pieghevole per la sensibilizzazione alle famiglie per il car pooling Conferenze stampa per l avvio delle iniziative 2 pubblicazioni annuali del periodico PIEDINEWS (notizie utili per l attività Piedibus e Car Pooling) GRUPPI CAMMINO Poster e depliant presso i MMG e le farmacie Locandine informative nei luoghi di aggregazione Sito internet dell Az. ULSS Pagina 14 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

15 Punti di forza del progetto PIEDIBUS, CAR POOLING, GRUPPI CAMMINO La metodologia utilizzata, che ha permesso la creazione di gruppi di lavoro in cui fosse forte la motivazione della parte non istituzionale (da genitori e altri adulti), ha favorito il processo di empowerment fondamentale per l attiva presa in carico delle iniziative. La creazione di gruppi fortemente motivati, permette le continuità nel tempo delle iniziative. Esempio per gli altri cittadini Socializzazione intergenerazionale Maggior coscienza civica Conoscenza e controllo del territorio Aumento dell attività fisica con tutte le positive conseguenze sulla salute fisica e mentale Creazione di gruppi di camminatori Pagina 15 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

16 Problematicità sorte Indicare eventuali difficoltà incontrate nell attuazione del progetto durante l attuazione del progetto PIEDIBUS, CAR POOLING, GRUPPI CAMMINO Mantenere vivo l interesse per dare continuità alle iniziative nel tempo. Coinvolgimento di nuovi camminatori Difficoltà di gestione del gruppo quando sono presenti persone con capacità motorie diverse Dare continuità con sempre nuovi innesti Allegati Si allega il seguente materiale come elemento conoscitivo e valutativo di progetto: CAR POOLING Linee guida provinciali car pooling. L esempio Mareno Galleria fotografica car pooling Mareno Slides di presentazione progetto (n. 3 eventi diversi) Rassegna stampa PIEDIBUS Logo 2010 Piedibus Foto generale piedibus 8 serie di allegati fotografici Regolamento piedibus Esempio di programmazione orari accompagnatori Esempio richiesta partecipazione a percorso Folder informativo piedibus Locandina Passeggiata in Cansiglio Piedinews (n. 02 numeri) Piedibus: linee guida GRUPPI DI CAMMINO Elenco percorsi Programma di progetto Locandine comunali (n. 3 tipologie) Folder informativo Lettera ai medici Delibera Comunale Pagina 16 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

17 Redazione scheda e riferimento per qualsiasi richiesta/delucidazione: COMUNE DI MARENO DI PIAVE Stefano Donadello ULSS 7 DIPARTIMENTO PREVENZIONE SETTORE SEPS Anna Brichese Scheda redatta il 31 marzo 2013 Totale 17 facciate + allegati Pagina 17 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli