Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati"

Transcript

1 Titolo del progetto Mobilità sostenibile per giovani ed anziani: piedibus, car pooling e gruppi di cammino integrati Ente proponente Referente del progetto Comune di Mareno di Piave (TV) Assessorato Città Sane. Assessorato alla cultura, Assessorato alle Politiche Sociali Partner istituzionali: - ULSS 7 Dipartimento di Prevenzione Servizio per l Educazione e la Promozione della Salute Servizio Tutela della Salute nelle Attività Sportive - Provincia di Treviso - Istituto Comprensivo Mareno-Vazzola - Tavolo di coordinamento istituzionale del Comune di Mareno di Piave Stefano Donadello coordinamento generale Vicesindaco e Assessore Città Sane cell Attilio Battistella Assessore Politiche Sociali, servizi a sostegno della famiglia, giovani ed anziani cell Antonio Padoan Assessore alle politiche culturali e scolastiche cell Città in cui ha avuto luogo il progetto Antonio Scotton Coordinatore genitori progetto car pooling e piedibus Cell Mareno di Piave (TV) ABITANTI (censimento 2011) Iscritto alla Rete città Sane dal 2003 Pagina 1 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

2 Durata del progetto: Descrizione di sintesi del progetto: Progetto Piedibus: attivo dall a.s Progetto car pooling scolastico: attivo dall a.s Progetto Gruppo Cammino: attivo dal A tutt oggi i tre progetti sono attivi. I progetti rappresentano una delle strategie a favore della mobilità sostenibile. Per mobilità sostenibile si intendono tutta una serie di modalità di spostamento in città che hanno come caratteristica: basse o nulle emissioni, bassi o nulli consumi energetici, poco rumore e poca invasività e, non da ultima l incentivazione dell attività motoria utile a prevenire problemi di salute. Una città sana è una città cosciente del fatto che la salute è una questione che riguarda le politiche cittadine e che pone tra i propri obiettivi quello di consentire alle persone di esercitare un maggior controllo sulla propria salute, per migliorarla e consentire uno stato di completo benessere. Una città sana non è necessariamente una città che ha raggiunto un particolare stato di salute, ma è una città che si impegna a lavorare in direzione del proprio miglioramento. Il progetto prevede il coinvolgimento di tutti i soggetti operanti sul territorio (istituzioni, associazioni, categorie economiche) nella definizione e realizzazione di un piano di lavoro comune e coordinato e vede la partecipazione attiva della comunità al centro delle scelte e della definizione delle priorità attraverso un informazione chiara, corretta e costante. Per la realizzazione delle diverse iniziative (piedi bus, car pooling scolastico e gruppi di cammino) è stata infatti costruita una rete di attori ISTITUZIONALI (Comune di Mareno di Piave, Azienda ULSS 7, Istituto Comprensivo di Vazzola - Mareno) e NON ISTITUZIONALI (genitori, volontari, cittadini sensibili) che hanno lavorato in sintonia integrandosi nelle varie fasi del progetto, costruendo delle vere e proprie alleanze che hanno permesso alle attività iniziate nel 2009 di mantenersi nel tempo e radicarsi nel vissuto della comunità. A tutt oggi infatti, questi percorsi sono attivi e rappresentano un esempio nel territorio di riproducibilità, trasferibilità e capacità di vivere oltre la durata dei possibili finanziamenti. Pagina 2 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

3 Obiettivi del progetto Creare un modello di pensiero ed azioni concretamente sostenibili in un piccolo comune per attivare un percorso di cultura e formazione costante sulla tutela dell ambiente, l educazione alla salute e la qualità della vita, attivando progetti di mobilità sostenibile complementari tra loro. Obiettivi specifici delle tre azioni: PIEDIBUS Un PIEDIBUS coinvolge attivamente i bambini educandoli e stimolandoli ad una mobilità sostenibile; Dà la possibilità ad ogni bambino di fare dell esercizio fisico; solo 15 minuti a piedi per andare e tornare da scuola rappresenta la metà dell esercizio fisico giornaliero raccomandato per i bambini; IL PIEDIBUS promuove l autonomia dei bambini nei loro spostamenti quotidiani, e li aiuta ad acquisire abilità pedonali ed ambientali Aiuta i bambini nei processi di socializzazione fra coetanei dando loro la possibilità di parlarsi durante i tragitti casascuola, scuola-casa; Consente uno sviluppo psico-fisico armonico; Favorisce il ricorso al lavoro socialmente utile di persone adulte ed anziane e del mondo del volontariato impegnato nell accompagnare a scuola i bambini; Favorisce la nascita della rete di genitori al fine anche di coordinare le azioni di vigilanza e controllo durante i percorsi casa-scuola, lo scambio di esperienze, lo stemperare paure e insicurezze; inoltre crea reti relazionali tra adulti e ragazzi in ambito extrascolastico (associazionismo, iniziative ludico ricreative come gite, uscite, incontri culturali e conviviali ecc.) Migliora il livello di fruibilità e di accessibilità per l infanzia nel territorio e in particolare nelle aree verdi; Riduce il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti; Riduce significativamente il numero dei bambini che vengono accompagnati a scuola con autoveicoli diminuendo l accesso di auto attorno alla scuola e aumenta la sicurezza. Pagina 3 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

4 Obiettivi del progetto CAR POOLING Informare e accompagnare le famiglie, gli alunni e il corpo docente alla cultura della mobilità sostenibile Ridurre il numero delle auto nel territorio circostante la scuola, in particolare nei percorsi casa-scuola e scuolacasa, riducendo l incidentalità ed il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti Proporre il car pooling scolastico come modalità di trasporto utilizzabile anche in altre occasioni come ad esempio: trasporto per raggiungere piscina, patronato per catechismo e altro Progettare in modo partecipato soluzioni organizzative per attuare e promuovere la mobilità sostenibile Aiutare i bambini nei processi di socializzazione tra coetanei dando loro maggiori possibilità di trascorrere del tempo insieme durante i tragitti casa-scuola e scuola-casa Favorire la nascita di una rete di genitori al fine di coordinare le azioni di avvio del progetto e sostegno nel vincere paure e insicurezze Stimolare l intervento delle Amministrazioni Pubbliche a supporto dell iniziativa (es. predisposizione di parcheggi dedicati al car pooling, ecc.) GRUPPI DI CAMMINO promozione di uno stile di vita sano attraverso l'incremento dell'attività fisica quotidiana nella fascia della terza età riduzione degli incidenti domestici nella fascia della terza età (maggior vigilanza e reattività in funzione del benessere psicofisico) socializzazione tra i partecipanti e creazione di una rete relazione conoscenza del territorio Pagina 4 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

5 Azioni realizzate Il progetto si è realizzato con un lavoro di squadra che ha visto la partecipazione attiva dell Azienda Sanitaria, della Scuola e dei genitori. La metodologia utilizzata è stata quella di creare dei gruppi di lavoro in cui fosse forte la motivazione della parte non istituzionale (di genitori e altri adulti), al fine di stimolare il processo di empowerment fondamentale per l attiva presa in carico delle azioni. Per quel che riguarda il Piedibus e il Car Pooling scolastico, l Amministrazione Comunale ha garantito la pedonabilità e sicurezza dei percorsi rivedendo anche la viabilità comunale, ha risistemato la segnaletica orizzontale ed i marciapiedi, assicurato gli accompagnatori, provveduto ad acquistare seggiolini e cuscinotti per le auto disponibili ai trasporti e predisposto dei parcheggi dedicati alle auto car pooling. L Azienda sanitaria ha promosso, sensibilizzato e fornito tutto il materiale: pettorine ad alta visibilità, mantelle per la pioggia, modulistica varia, identificativi per le auto e autisti car pooling. La scuola è stata titolare del progetto e ha coinvolto i genitori, diventati i reali protagonisti che hanno gestito la turnistica, l arruolamento e le iniziative collaterali di supporto, fondamentali per radicare nel territorio queste iniziative come ad esempio l utilizzo del piedibus e car pooling per attività extrascolastiche, organizzazione di gite, castagnate, pranzi ed altri eventi. Fasi per l avvio: Convocazione di un primo tavolo di concertazione Comune, Azienda Sanitaria e Scuola. Convocazione assemblea dei genitori per individuare il gruppo ristretto di genitori disponibile all avvio dello studio di fattibilità (mappatura delle residenze, sopralluoghi dei possibili percorsi) Convocazione di una seconda assemblea dei genitori per presentare i risultati dello studio di fattibilità e raccogliere le adesioni di bambini, accompagnatori piedibus e autisti car pooling. Avvio di azioni di sensibilizzazione per promuovere le iniziative, con spazi dedicati all interno del sito Comunale e dell Azienda ULSS 7. Nel sito Comunale infatti trovano ampio spazio tutte le informazioni, riferimenti per partecipare all iniziativa e attività collaterali. Formazione e consegna dei materiali agli accompagnatori ed autisti e lezione teorica di educazione stradale ai bambini con consegna dei materiali (pettorine alta visibilità e mantelle anti pioggia). Avvio delle iniziative e monitoraggio con scheda di rilevazione dell andamento dell iniziativa e focus group con gli accompagnatori piedi bus e autisti car pooling per la valutazione annuale delle iniziative. Pagina 5 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

6 Azioni realizzate GRUPPI CAMMINO Formazione dei Walking Leader (WL) da parte dell Az. ULSS Contatto tra Amministrazione comunale e Azienda ULSS per concordare i termini della collaborazione Individuazione di alcuni percorsi iniziali (lunghezza, sicurezza, ecc) Incontro con la popolazione per informarli sull iniziativa e sui benefici dell attività fisica Definizione del calendario degli incontri Avvio dell attività Sostegno economico per il pagamento del WL da parte dell ULSS per la fase di avvio (3 mesi) Coinvolgimento dell Associazioni Anziani di Mareno di P. per la continuità dell attività Coinvolgimento dei giovani volontari (Mareno talenti) Diffusione dell informazione ai MMG e alle farmacie territoriali Pagina 6 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

7 Beneficiari finali del progetto e numero PIEDIBUS N. bambini: 130 N. accompagnatori: 90 N. 9 percorsi complessivi I percorsi sono inseriti anche nel Sistema Informativo Territoriale Comunale con le fermate. CAR POOLING E GRUPPI DI CAMMINO N. bambini: 48 N. autisti: 29 N. auto disponibili: 14 GRUPPI CAMMINO 3-4 giovani accompagnatori (WL) partecipanti (attualmente) a rotazione per gruppo sui 56 iscritti Pagina 7 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

8 Risultati attesi Per l Amministrazione Comunale: Più consapevolezza amministrativa nella progettazione delle zone pubbliche, nel predisporre attraversamenti pedonali o marciapiedi con una maggiore attenzione alla sicurezza, per tutte le età e riduzione di tutte le barriere architettoniche possibili. Minor afflusso di auto sul suolo antistante le scuole e sul suolo comunale, e minor inquinamento Per l Azienda Sanitaria Aumento dei bambini e adulti che camminano sul suolo cittadino senza utiizzare l auto e aumento della buona pratica di andare a piedi anche al di fuori dei momenti organizzati dal PIEDIBUS. Avvio di almeno 1 percorso Piedibus per plesso scolastico Diminuzione del traffico e conseguente diminuzione dell incidentalità. Coinvolgimento almeno del 15% dei bambini sul totale dei frequentanti la scuola primaria per quel che riguarda il Piedibus, e l arruolamento di genitori in grado di gestire il Piedibus tutti i giorni della settimana, nei percorsi di casa/scuola e ritorno. Almeno l organizzazione e l avvio di 3 equipaggi car pooling per plesso scolastico. Per la Scuola L inserimento dell attività piedibus nel Piano di Offerta Formativa (POF). La partecipazione attiva di almeno una insegnante referente, designata dal Dirigente, all interno della scuola. Pagina 8 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

9 GRUPPI CAMMINO Solitamente ci si aspetta una partecipazione di persone per gruppo. Il gruppo di Mareno, primo partito nel territo ULSS, è già al 4 anno di attività e molti dei partecipanti iniziali hanno preso l abitudine al cammino, formando piccoli gruppi con la stessa andatura di cammino. Pertanto, anche se ora il gruppo non è molto numeroso, la popolazione di Mareno ha incrementato l attività fisica svolta quotidianamente anche in autonomia. La diffusione del messaggio di buona salute e di partecipazione avviene anche tramite l Università degli Adulti di Mareno di Piave, nata anch essa dal Progetto Città Sane che consta ormai di un gruppo fisso di adesioni di circa 150 persone. Pagina 9 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

10 Risultati raggiunti PIEDIBUS E CAR POOLING Nel Comune di Mareno di Piave il Piedibus è stato avviato nell anno scolastico 2008/2009 ed è tutt ora attivo. Per quel che riguarda il Piedibus, ogni anno aumentano i bambini iscritti e all ultimo censimento erano 130. Gli accompagnatori attualmente sono 90. Il piedibus funziona tutti i giorno dal lunedì al sabato sia nei percorsi di andata/ritorno al mattino che nel rientro pomeridiano. La percentuale di adesione è ben superiore al 15% atteso ed è pari al 31%. Sono attive 6 linee piedibus di circa 1 Km ciascuna (4 linee per la scuoal primaria del capoluogo e due per la scuola primaria di Campagnola), ognuna con un genitore-referente di percorso che gestisce la turnistica, le eventuali sostituzioni, aggiorna il diario di bordo, raccoglie segnalazioni o proposte del proprio gruppo e si rapporta con il genitore referente per il Comune e l Azienda Sanitaria Ogni anno i bambni percorrono a piedi circa km tutti assieme. Il car pooling è stato avviato nell anno scolastico 2010/2011 ed è tutt ora attivo. Attualmente i bambini che ne usufruiscono sono 48, con 29 autisti e 14 auto private disponibili. Gli quipaggi totali, nei due plessi sono 15. Il Comune ha predisposto due parcheggi ad hoc per le auto car pooling, per agevolare la viabilità attorno alla scuola. Nella scuola è predisposta, a cura dei genitori, una bacheca informativa su tutte le attività e iniziative piedi bus e car pooling. Le due iniziative, Piedibus e Car pooling sono state inserite nel Piano di Offerta Formativo ed il Dirigente ha designato due insegnanti referenti. Il piano di viabilità comunale è stato rivisto e modificato per agevolare i percorsi Piedibus e Car pooling. L Amministrazione Comunale e l Azienda Sanitaria sono in contatto, o telefonico o tramite mail, con i coordinatori dei gruppi per rispondere ad eventuali problematiche o richieste. L Azienda Sanitaria produce, ogni anno, due edizioni del periodico PIEDINEWS dove sono contenute, oltre alle esperienze di tutti i piedibus e car pooling attivi sul territorio aziendale, anche novità, consigli e buone pratiche. Dalla collaborazione dell Azienda Sanitaria con la Provincia di Treviso, e dall esperienza maturata nelle scuole primarie del comune di Mareno, è stato possibile realizzare e pubblicare le Linee Guida Car Pooling. Pagina 10 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

11 Attualmente per il mantenimento a regime delle iniziative il genitore referente dedica all attività organizzativa e di segreteria circa 7 ore la settimana. I coordinatori delle varie linee ed il referente si incontrano normalmente ogni 3 mesi con il referente per fare il punto della situazione. Si trovano inoltre al bisogno quando ci sono situazioni o problematiche da risolvere. GRUPPI DI CAMMINO Il gruppo si riunisce 3 volte a settimana. L uscita ha una durata di 1 ora o un ora e mezza. Si prevedono esercizi di riscaldamento muscolare all inizio prima della camminata e poi di rilassamento muscolare alla fine dopo aver effettuato il percorso Apprendimenti nella realizzazione del progetto Sul sito dell Azienda Sanitaria n. 7 è presente il calendario con la tempistica delle uscite, luoghi di ritrovo, giorni e orari per tutti i gruppi di cammino. I risultati attesi sono stati ampiamente raggiunti come riscontrabile dai dati evidenziati in questa scheda e dal materiale allegato Pagina 11 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

12 Costo totale del progetto (euro) PIEDIBUS E CAR POOLING Costi a carico dell Azienda Sanitaria Pettorine ad alta visibilità e mantelle per la pioggia, per tutti i 130 bambini dei due plessi: Pettorine ad alta visibilità per i 90 accompagnatori: 450 Costi a carico del comune: 2 palette e 1 corda per ogni percorso piedi bus:. 32,00/percorso adeguamento della segnaletica orizzontale per le 2 iniziative: mediamente. 150,00 per ogni percorso piedibus adeguamento della segnaletica verticale per i percorsi: mediamente. 300,00 per ogni percorso pedibus Ridefinizione dell arredo urbano e dell lluminazione della zona antistante le scuole e percorsi protetti: ,00 telefonia e materiale di supporto per i coordinatori referenti: circa 400,00 annui disponibilità luoghi d incontro, sale per incontri e convegnistica (comprensive gestione): 800 circa GRUPPI DI CAMMINO L avvio del gruppo cammino ha un costo di avvio di 1500,00 per la copertura del costo del WL (professionista laureato in scienze motorie) per i primi 3 mesi di attività a carico dell ULSS 7. Per mantenere il WL professionista è prevista una quota di partecipazione da parte degli aderenti. (Per Mareno 5,00/mese nell anno e Oggi gli accompagnatori sono ragazzi di Mareno Talenti) La copertura assicurativa (chiedere Battistella) Pagina 12 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

13 Finanziamenti ottenuti Finanziamenti ottenuti dal Comune a carico dell Azienda Sanitaria n. 7 per: PIEDIBUS E CAR POOLING Pettorine ad alta visibilità e mantelle per la pioggia, per tutti i 130 bambini dei due plessi: Pettorine ad alta visibilità per i 90 accompagnatori: 450 GRUPPI CAMMINO 1500,00 Az. ULSS 7, con finanziamenti regionali per la promozione dell attività fisica Il resto è stato gestito tutto con fondi propri dell Ente Sostenibilità del progetto Indicare se il progetto, una volta terminate le risorse iniziali, può auto-sostenersi o trovare altre fonti per continuare nel tempo PIEDIBUS E CAR POOLING Le iniziative sono progettualità vincenti perché evidenziano caratteristiche di: Riproducibilità per la capacità dell attività di essere riprodotto in presenza di problemi analoghi o simili a quelli che lo hanno originato Sostenibilità con capacità dell attività di vivere oltre la durata dei possibili finanziamenti (il progetto ha richiesto poche risorse finanziarie iniziali per l acquisto di materiali e considerevoli risorse umane e organizzative. Trasferibilità con capacità di essere utilizzata come modello per contesti differenti da quelli per i quali è stato realizzato. GRUPPI DI CAMMINO Il progetto può auto-sostenersi con una piccola quota di partecipazione fornita dagli aderenti e un contributo annuale per l assicurazione. Pagina 13 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

14 Strumenti di Illustrare quali mezzi di comunicazione sono stati utilizzati per comunicazione utilizzati pubblicizzare l iniziativa PIEDIBUS E CAR POOLING Linee guida per Piedibus e Car Pooling Pieghevole per la sensibilizzazione alle famiglie per il car pooling Conferenze stampa per l avvio delle iniziative 2 pubblicazioni annuali del periodico PIEDINEWS (notizie utili per l attività Piedibus e Car Pooling) GRUPPI CAMMINO Poster e depliant presso i MMG e le farmacie Locandine informative nei luoghi di aggregazione Sito internet dell Az. ULSS Pagina 14 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

15 Punti di forza del progetto PIEDIBUS, CAR POOLING, GRUPPI CAMMINO La metodologia utilizzata, che ha permesso la creazione di gruppi di lavoro in cui fosse forte la motivazione della parte non istituzionale (da genitori e altri adulti), ha favorito il processo di empowerment fondamentale per l attiva presa in carico delle iniziative. La creazione di gruppi fortemente motivati, permette le continuità nel tempo delle iniziative. Esempio per gli altri cittadini Socializzazione intergenerazionale Maggior coscienza civica Conoscenza e controllo del territorio Aumento dell attività fisica con tutte le positive conseguenze sulla salute fisica e mentale Creazione di gruppi di camminatori Pagina 15 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

16 Problematicità sorte Indicare eventuali difficoltà incontrate nell attuazione del progetto durante l attuazione del progetto PIEDIBUS, CAR POOLING, GRUPPI CAMMINO Mantenere vivo l interesse per dare continuità alle iniziative nel tempo. Coinvolgimento di nuovi camminatori Difficoltà di gestione del gruppo quando sono presenti persone con capacità motorie diverse Dare continuità con sempre nuovi innesti Allegati Si allega il seguente materiale come elemento conoscitivo e valutativo di progetto: CAR POOLING Linee guida provinciali car pooling. L esempio Mareno Galleria fotografica car pooling Mareno Slides di presentazione progetto (n. 3 eventi diversi) Rassegna stampa PIEDIBUS Logo 2010 Piedibus Foto generale piedibus 8 serie di allegati fotografici Regolamento piedibus Esempio di programmazione orari accompagnatori Esempio richiesta partecipazione a percorso Folder informativo piedibus Locandina Passeggiata in Cansiglio Piedinews (n. 02 numeri) Piedibus: linee guida GRUPPI DI CAMMINO Elenco percorsi Programma di progetto Locandine comunali (n. 3 tipologie) Folder informativo Lettera ai medici Delibera Comunale Pagina 16 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

17 Redazione scheda e riferimento per qualsiasi richiesta/delucidazione: COMUNE DI MARENO DI PIAVE Stefano Donadello ULSS 7 DIPARTIMENTO PREVENZIONE SETTORE SEPS Anna Brichese Scheda redatta il 31 marzo 2013 Totale 17 facciate + allegati Pagina 17 Bando Progetto del Comune di Mareno di Piave (TV)

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

LINEE GUIDA del PROGETTO:

LINEE GUIDA del PROGETTO: Informazioni Servizio per l Educazione e la Promozione della Salute Corso Mazzini, 34 31015 Conegliano (TV) tel. 0438.420769 fax 0438.418772 e-mail: seps@ulss7.it Dipartimento di Prevenzione Servizio per

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI 1 PREMESSE OBIETTIVI ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI CONVOLTI PERCORSI PIEDIBUS REGOLAMENTO ALLEGATO 2 PREMESSE Il piedibus è un autobus

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013 Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 La mobilità nelle città è un tema cruciale che si è imposto con forza all attenzione dell opinione

Dettagli

Progetto PIEDIBUS. Settembre 2009

Progetto PIEDIBUS. Settembre 2009 1 Progetto PIEDIBUS Settembre 2009 IL PIEDIBUS PROGETTO GENERALE Il progetto PIEDIBUS, che il Comune di Castelfranco E. promuove a partire dall a.s. 2009/10, si inserisce nel macro progetto SANI STILI

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2011 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente VADO A SCUOLA CON GLI AMICI Comune di Padova Settore Ambiente - Informambiente

Dettagli

Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012. Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012

Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012. Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012 Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012 Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012 Premessa La Provincia di Treviso, tramite il Laboratorio Territoriale Nodo Provinciale IN.F.E.A., intende

Dettagli

Comune di Ceriano Laghetto

Comune di Ceriano Laghetto Categoria 2 37 Scheda del progetto Comune di Ceriano Laghetto Simona Borroni Via Roma, 18 20020 Ceriano Laghetto (MI) 02 96661326 02 96661302 cultura@comune.cerianolaghetto.mi.it www.comune.cerianolaghetto.mi.it

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio per l Educazione e la Promozione della Salute Servizio di Igiene e Sanità Pubblica

Dipartimento di Prevenzione Servizio per l Educazione e la Promozione della Salute Servizio di Igiene e Sanità Pubblica ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING! Progetto di peer education nella scuola secondaria di primo grado Anna Brichese Adriana Pierdonà Venezia, 21 giugno 2012 Il carpooling scolastico è un sistema di mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS PER FARE MOVIMENTO ESPLORARE IL TERRITORIO DIMINUIRE IL TRAFFICO E L INQUINAMENTO INSIEME IN ALLEGRIA BAMBINI PIÙ CONTENTI E SICURI DI SÈ UN BUON ESEMPIO PER TUTTI SVEGLIARSI E ARRIVARE BELLI VISPI A SCUOLA!

Dettagli

Salute e sicurezza stradale nei percorsi casa-scuola: un piano strategico. "Andiamo a scuola da soli"

Salute e sicurezza stradale nei percorsi casa-scuola: un piano strategico. Andiamo a scuola da soli Salute e sicurezza stradale nei percorsi casa-scuola: un piano strategico Presentazione del manuale operativo "Andiamo a scuola da soli" Federica Michieletto, Settore Promozione e sviluppo igiene e sanità

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro e p.c. all Assessore all Ambiente del Comune di Medicina all Assessore all

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13 PROGETTO PIEDIBUS ad ARCORE 23/01/2009 pag. 1/13 INDICE del CONTENUTO 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO 3. COS E E COME FUNZIONA IL PIEDIBUS 4. ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI COINVOLTI 5. LINEE GUIDA E

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

Assessorato all istruzione e sport Servizio di PEDIBUS per la scuola elementare Giovanni XXIII

Assessorato all istruzione e sport Servizio di PEDIBUS per la scuola elementare Giovanni XXIII Assessorato all istruzione e sport Servizio di PEDIBUS per la scuola elementare Giovanni XXIII Pinerolo, 27 settembre 2010 Assessorato all istruzione e sport PEDIBUS scuola elementare Giovanni XXIII Realizzato

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura.

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Iniziativa di comunicazione istituzionale Direzione tutela e risanamento ambientale programmazione e gestione rifiuti Direzione

Dettagli

B. (Tappa 3) Piano dell offerta formativa (POF)

B. (Tappa 3) Piano dell offerta formativa (POF) ALLEGATI B B. (Tappa 3) Piano dell offerta formativa (POF) L inserimento del progetto pedibus nel POF è indispensabile. Consente di esplicitare il nesso fra le pratiche educative inerenti i progetti di

Dettagli

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi Comune di Caronno Pertusella PIÙ TEMPO ALLE DONNE E MOBILITÀ SOSTENIBILE PER UNA CITTÀ IN ARMONIA VADEMECUM per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi L

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA Introduce: Roberto Ronco, Assessore all Ambiente Francesca Di Ciccio Il Bando Eleonora Vincelli - Il SIQUA Elena

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROPOSTA FORMATIVA Il presente Progetto di formazione sul tema della sicurezza

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

CAGLIARI. Cagliari, Giugno 2005. Associazione Culturale freecagliari www.freecagliari.it piedibus@freecagliari.it

CAGLIARI. Cagliari, Giugno 2005. Associazione Culturale freecagliari www.freecagliari.it piedibus@freecagliari.it Cagliari, Giugno 2005 www.freecagliari.it piedibus@freecagliari.it Premessa (Progetto Città Sane) L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) chiama l'inquinamento atmosferico presente nelle città di

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

LA PROGETTAZIONE COMUNE

LA PROGETTAZIONE COMUNE LA PROGETTAZIONE COMUNE La fase operativa di Lasciamo il segno ha avuto inizio con un percorso di progettazione partecipata secondo la metodologia Goal Oriented Project Planning che ha visto coinvolti

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

A scuola in sicurezza e in autonomia

A scuola in sicurezza e in autonomia BiciSicura Volume III A scuola in sicurezza e in autonomia Tratto dal Manifesto per una mobilità sicura, sostenibile e autonoma nei percorsi casa-scuola indice 1. Introduzione 2. Un Manifesto per una mobilità

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

La promozione dell attività fisica. nell Azienda Ulss 18

La promozione dell attività fisica. nell Azienda Ulss 18 Promozione dell attività fisica per la prevenzione e la cura delle malattie croniche Rovigo, 7 novembre 2007 Trecenta, 5 dicembre 2007 La promozione dell attività fisica nell Azienda Ulss 18 M.Chiara Pavarin

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO

Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO Articolo 1. PRINCIPI GENERALI Il Pedibus rappresenta un alternativa sicura, divertente ed ecologica al trasporto

Dettagli

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013 Nei giorni 19, 20 e 21 Novembre 2012, a Iseo (BS), si è tenuto il Laboratorio Costruire la rete, prima iniziativa di formazione dei Dirigenti delle Scuole lombarde capofila provinciali della Rete delle

Dettagli

Proponiamo alcuni documenti che riguardano le fasi che precedono l avvio di un pedibus.

Proponiamo alcuni documenti che riguardano le fasi che precedono l avvio di un pedibus. ALLEGATI H H. (Tappe 14, 15, 16) Come individuare i genitori volontari autisti del pedibus, mentre il Comune predispone la segnaletica per le fermate e procede il lavoro di mobility management scolastico,

Dettagli

USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE

USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE Regolamento relativo a USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE su proposta del Collegio docenti del 20.5.14 per quanto attiene la parte organizzativo-didattica e delibera n 6del Consiglio

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE 21 SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE Il servizio offerto dalle Scuole dell Istituto Comprensivo si è caratterizzato negli anni anche per una diversificata ed organica

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

LA CASA DIRITTA Centro per la promozione e la tutela dei diritti dei bambini, degli adolescenti e della famiglia.

LA CASA DIRITTA Centro per la promozione e la tutela dei diritti dei bambini, degli adolescenti e della famiglia. Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del : Descrizione di sintesi

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2008/09

ANNO SCOLASTICO 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO 93010 DELIA (CL) ANNO SCOLASTICO 2008/09 PREMESSA L Educazione Stradale rientra nelle finalità generali che la Scuola si prefigge

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Comune di CARONNO PERTUSELLA

Comune di CARONNO PERTUSELLA Comune di CARONNO PERTUSELLA Titolo del progetto: Tempo a ruota libera ID Progetto: VA/CarPe-3 B-2010-03 Valore Progetto Contributo regionale Quota di cofinanziamento concesso 70% comunale 30%!"#$%&'()*+"

Dettagli

Il viaggio più lungo inizia con il muovere il piede di un passo.

Il viaggio più lungo inizia con il muovere il piede di un passo. COMUNEDIMARTINENGO PROVINCIADIBERGAMO SettoreSocioCulturale PiazzaMaggiore,1 24057Martinengo Tel.0363 986002Fax0363 987765 Relazione Illustrativa sul MILLEPIEDIBUS di Martinengo ((Bg)) Ilviaggiopiùlungoiniziaconilmuovereilpiedediun

Dettagli

ASSOCIAZIONE AUSER FILO D ARGENTO NOVARA onlus

ASSOCIAZIONE AUSER FILO D ARGENTO NOVARA onlus CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO... RELAZIONE FINALE EX ART. 14 BANDO A SCADENZA UNICA 2012 TITOLO PROGETTO PIEDIBUS, andiamo a scuola a piedi ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO UNICA PROPONENTE O CAPOFILA

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Ulss.13 Dolo Mirano Distretto 1 Martellago Centro Educativo Stella Polare Olmo di Martellago Progetti Mirati fatti con altre realtà del territorio Parte 1 :Anagrafica Titolo del

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

La sicurezza stradale orientata a Visione Zero come prerequisito per la Mobilità Sostenibile

La sicurezza stradale orientata a Visione Zero come prerequisito per la Mobilità Sostenibile Università di Verona La sicurezza stradale come prerequisito per la mobilità sostenibile Verona 15 marzo 2006 La sicurezza stradale orientata a Visione Zero come prerequisito per la Mobilità Sostenibile

Dettagli

Sicurezza stradale e scuola. Progetto Scuola FIAB

Sicurezza stradale e scuola. Progetto Scuola FIAB Sicurezza stradale e scuola. Progetto Scuola FIAB Abstract: Il tema della sicurezza stradale è un tema attuale e centrale per adulti e bambini. Durante una settimana, in una famiglia con figli, la scuola

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA ANIMALI NEL MONDO

PROPOSTA DI PROGETTO DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA ANIMALI NEL MONDO PROPOSTA DI PROGETTO DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA ANIMALI NEL MONDO PREMESSA I PROGETTI DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA La Zooantropologia : Il valore della relazione con l animale Fin dai tempi più antichi

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Tema programmatico [ ] A: competitività

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A DENOMINAZIONE PROGETTO Educazione al Consumo Consapevole progetto per la realizzazione di un programma di educazione al consumo consapevole per le scuole di istruzione primaria

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) SCUOLA PRIMARIA PIANO OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 1 PREMESSA Come specificato nelle Nuove Indicazioni la scuola primaria, insieme alla scuola secondaria di I grado

Dettagli

Scuolabus a piedi. Una proposta sicura e divertente per il percorso casa-scuola

Scuolabus a piedi. Una proposta sicura e divertente per il percorso casa-scuola Scuolabus a piedi Una proposta sicura e divertente per il percorso casa-scuola Gruppo per la moderazione del Traffico nella Svizzera italiana GMT-SI Progetto sostenuto da FONDS FÜR VERKEHRSSICHERHEIT FONDS

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Progetto Classi coinvolte Docenti Periodo Durata interventi. Secondaria A. Frank

PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Progetto Classi coinvolte Docenti Periodo Durata interventi. Secondaria A. Frank PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015 OBIETTIVO : SCUOLA COME LUOGO DI APPRENDIMENTO ORIENTATO ALL INNOVAZIONE MUSICA Musica cl. 2^ Docenti di musica di classe e insegnante di musica della Suola Secondaria

Dettagli

Piano Giovani di Zona 4 Vicariati. Tavolo del confronto e della proposta. Regolamento

Piano Giovani di Zona 4 Vicariati. Tavolo del confronto e della proposta. Regolamento Piano Giovani di Zona 4 Vicariati Tavolo del confronto e della proposta Regolamento Approvato dal Tavolo del confronto e della proposta del Piano giovani di zona 4 Vicariati in data 25 giugno 2012 Modificato

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO Il progetto A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO (finanziato con Fondi Legge 285/97) Soggetto proponente Comune di Milano Enti Attuatori Arciragazzi e MeglioMilano in collaborazione

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

INTENZIONE DI PROPOSTA - Marzo 2012

INTENZIONE DI PROPOSTA - Marzo 2012 INTENZIONE DI PROPOSTA - Marzo 2012 ACCORDO DI RETE PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE SCUOLE TRA IL COMUNE DI BERGAMO, L ASL DI BERGAMO, L ASSOCIAZIONE PEDIATRI DI BERGAMO, UST DI BERGAMO,

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado Premessa La scuola e la famiglia condividono un modello educativo basato sul rispetto della Costituzione,

Dettagli

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS L adesione della Rete Italiana delle Città Sane OMS all ANCI, formalizzata nel 2006, rappresenta il segno e l occasione di una positiva

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Enti e Territorio Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Progetto di alternanza scuola lavoro realizzato dagli alunni di una classe terza del Liceo economico sociale

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

MIUR.AOOUSPAP.Registro Ufficiale 2012.0003968.25-06-2012 PROGETTO GUIDOLAND VISITE GUIDATE GITE SCOLASTICHE LABORATORI INTERATTIVI

MIUR.AOOUSPAP.Registro Ufficiale 2012.0003968.25-06-2012 PROGETTO GUIDOLAND VISITE GUIDATE GITE SCOLASTICHE LABORATORI INTERATTIVI MIUR.AOOUSPAP.Registro Ufficiale 2012.0003968.25-06-2012 PROGETTO GUIDOLAND VISITE GUIDATE GITE SCOLASTICHE LABORATORI INTERATTIVI ATTIVITÁ DIDATTICHE ANNO SCOLASTICO 2012_2013 DESTINATARI: SCUOLA DELL

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli