Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 LAGHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 LAGHI"

Transcript

1 Con il contributo di COMUNE DI CADREZZATE (Capofila) Provincia di Varese Angera, Brebbia, Bregano, Cadrezzate, Comabbio, Ispra, Laveno Mombello, Leggiuno, Mercallo, Monvalle, Osmate, Ranco, Taino, Varano Borghi. Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 Studio per un sistema di Car Pooling Gruppo di progettazione: Progettisti: S.I.P.E.T. Arch. Nicola D Errico (Capogruppo) Arch. Giusy Zaccheo Arch. Enrico Eugenio D Errico SISTeMA Ing. Lorenzo Meschini Prof. Ing. Guido Gentile S.I.P.E.T. Architettura Urbanistica Mobilità Trasporti Studio Interprofessionale per la Progettazione e la Programmazione Economico-Territoriale Via Gabriele Pepe, Termoli(CB) Tel Fax Collaboratori: Ing. Domingo Lunardon studio associato SISTeMA Servizi per l Ingegneria dei Sistemi di Trasporto e della Mobilità Lungotevere Portuense, Roma (RM) Tel Fax

2 Indice Introduzione Lo stato dell arte per i sistemi di Car Pooling Analisi del contesto di inserimento del servizio di Car Pooling La domanda di mobilità con mezzo privato nei Comuni dell Area di Studio Questionario della mobilità sostenibile per il Car Pooling La stima della domanda potenziale del servizio di Car Pooling Considerazioni sull offerta di mobilità nell Area di studio Progettazione del Sistema di Car Pooling Screening sui servizi di Car Pooling esistenti Esempio di campagna informativa e pubblicitaria nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile per la provincia di Teramo - AZIONE 6 : Car - Pooling Considerazioni e prospettive future Gli incentivi ed i benefici del servizio di Car Pooling Gli incentivi I benefici Pag. 2 di 24

3 INTRODUZIONE La presente documentazione si compone di una fase di analisi trasportistica e di una fase progettuale preliminare per la definizione di un servizio di Car Pooling sui Comuni di Agenda 21 Laghi. Questa fase si inserisce nel piano d intervento per lo sviluppo dei sistemi di mobilità sostenibile nell area dei Comuni di Agenda 21 Laghi. Le analisi effettuate e le considerazioni progettuali dedotte vertono sui dati raccolti nella precedente fase di analisi conoscitiva ( Quaderno 1: Quadro conoscitivo ; Quaderno 3: Analisi documentazione e piani vigenti ) e sui questionari somministrati nella campagna d indagine ( Questionario ON-LINE sulla mobilità sostenibile ). Nei successivi paragrafi si procederà alla definizione dello stato dell arte dei servizi di Car Pooling, all analisi di contesto dell attuale domanda ed offerta di mobilità locale e alla progettazione preliminare del servizio. La linea d intervento prevede l istituzione di un servizio di Car Pooling usufruibile dai residenti dell Area di Studio, al fine di individuare una soluzione alternativa e conveniente alla mobilità tradizionale con mezzo privato, consentendo di utilizzare una sola autovettura con più persone a bordo per compiere un medesimo tragitto. L analisi e la progettazione del servizio saranno incentrate al soddisfacimento degli spostamenti pendolari casa-lavoro, soprattutto per le relazioni originate nell Area di Studio e con destinazione presso i principali poli d attrazione provinciali e regionali (es: Varese, Milano, ). La scelta di incentivare tale tipo di mobilità si rende ormai necessaria in tutte quelle aree colpite da insostenibili livelli di traffico che quotidianamente affliggono i nostri spostamenti e la nostra vita. Si pensi solo allo stress dovuto agli interminabili tempi trascorsi per strada, senza tralasciare i fenomeni indotti dovuti all inquinamento atmosferico ed acustico. La soluzione prevista da questo tipo di modalità è finalizzata ad una drastica riduzione dei mezzi ad uso privato che due volte su tre viaggiano con un solo occupante a bordo e la necessità di trovare soluzioni alternative. Il concetto di car pooling va in questa direzione. Rappresenta una valida alternativa al traffico pendolare per i viaggi giornalieri ma può essere utilizzato anche in modo occasionale. Con il car pooling si riduce la congestione del traffico, lo stress e le emissioni di gas nocivi, nel contempo si migliora la qualità dell aria e i singoli utenti possono conseguire un certo risparmio monetario riducendo notevolmente il numero di km/annui di una vettura con ovvio risparmio di benzina, di manutenzione, di pedaggi e di pagamento sosta. Il sistema è oltremodo flessibile e con un minimo di organizzazione può portare ad un forte risparmio di costi di trasporto e di tempo. Sicuramente per diffondere tale modalità di trasporto la comunicazione, l informazione e gli incentivi vanno studiati accuratamente. Pag. 3 di 24

4 1 LO STATO DELL ARTE PER I SISTEMI DI CAR POOLING Il Car Pooling è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. Questa modalità di trasporto, pur utilizzando veicoli privati, è uno degli ambiti di intervento della mobilità sostenibile in quanto contribuisce alla diminuzione delle percorrenze e delle emissioni da veicoli. Il principio consiste nel supportare l utilizzo dell auto privata in modo sostenibile, ovvero aggregando diverse persone che devono effettuare lo stesso tragitto (anche solo in parte). Questo modo di organizzarsi, che da tempo è attuato semplicemente con il passaparola tra conoscenti, oggi (con il nome di Car-Pooling) assume un nuovo valore a fronte dei costi economici crescenti dello spostamento in auto (carburante, pedaggi, parcheggi) e delle sempre maggiori restrizioni della circolazione nei centri cittadini (ZTL, corsie riservate, ecc ). Inoltre, l utilizzo di piattaforme informatiche (aziendali o via web) consente ad oggi di potenziare enormemente l aggregazione di utenti interessati a condividere lo spostamento. Quanto siano realmente efficaci queste misure è tutt oggi questione aperta e oggetto di studi e valutazioni, tese a cercare di definire quali possano essere i metodi migliori per indurre automobilisti e cittadini a condividere uno spostamento in auto con altre persone. Il viaggio condiviso è da sempre stato un espressione spontanea che avviene generalmente tra colleghi di lavoro senza la necessità di sovrastrutture che ne organizzino le modalità. Negli ultimi anni tuttavia si è tentato in vari modi di incentivare il Car Pooling soprattutto attraverso la creazione di portali che alla fine non sono altro che delle bacheche virtuali che ospitano l offerta di passaggi su determinati tragitti. Di seguito, in Figura 1, si riporta un esempio. Figura 1:Esempio applicativo del portale Car Pooling di Autostrade per l'italia. Tuttavia l incentivo a combinare l offerta e la domanda di viaggi in auto condivisi tramite portali web, non è l unica leva efficace per promuovere il Car Pooling. Spesso il motivo per cui un automobilista è disposto a condividere il viaggio casa lavoro è soprattutto di tipo Pag. 4 di 24

5 economico, ossia la necessità di risparmiare sul carburante e/o sulla sosta. Infatti i casi di successo si registrano in realtà in cui un azienda, avendo pochi posti auto a disposizione dei propri dipendenti e trovandosi in una zona con la sosta tariffata, decide di garantire la sosta gratuita all interno del parcheggio aziendale proprio per gli equipaggi in Car Pooling. È analogo l esempio di Autostrade per l Italia Spa, che trovandosi nella necessità di diminuire le corsie a disposizione degli utenti a causa dei lavori di potenziamento tra Milano e l Autostrada dei Laghi, ha adottato la strategia di concedere un pedaggio agevolato agli equipaggi in Car Pooling che percorrono ogni giorno quella tratta, nonché un uscita riservata. In conclusione, il metodo migliore che induce il cittadino a fare Car Pooling è offrire delle agevolazioni a fronte di un sacrificio richiesto (come condividere l auto con degli sconosciuti e allungare le percorrenze) dovuto a restrizioni contingenti o necessarie. Pag. 5 di 24

6 2 ANALISI DEL CONTESTO DI INSERIMENTO DEL SERVIZIO DI CAR POOLING 2.1 La domanda di mobilità con mezzo privato nei Comuni dell Area di Studio Un analisi completa della domanda di mobilità per gli spostamenti sistematici (casa-lavoro, casa studio) nei Comuni dell Area di Studio è stata effettuata nell analisi conoscitiva ( Quaderno 1: Quadro conoscitivo ) a partire dai dati censuari ISTAT sul pendolarismo. In Figura 1, si riporta la matrice origine-destinazione rilevata dall ISTAT che sintetizza gli spostamenti giornalieri in andata rilevati a partire dai Comuni dell Area di Studio con mezzo privato. Dall analisi della distribuzione degli spostamenti sistematici con mezzo privato che si originano dai comuni dell Area di Studio si evince che il mezzo privato è utilizzato in larga parte per spostamenti interni all Area di Studio, in particolare con destinazione il Comune di Ispra (1050 spostamenti/giorno), il Comune di Laveno Mombello (932 spostamenti/giorno) ed il Comune di Sesto Calende (1533 spostamenti/giorno). Esternamente all Area di Studio i principali comuni attrattori di spostamenti generati dai comuni di Agenda 21 Laghi sono i comuni a Sud di Varese (1088 spostamenti/giorno) ed i comuni a Nord di Varese (843 spostamenti/giorno). E interessante notare come, a causa minore accessibilità alle zone urbane con auto privata (traffico, difficoltà di parcheggio, ZTL), siano moderati gli spostamenti con mezzo privato verso la Provincia di Milano (574 spostamenti/giorno) e verso il Comune di Varese (656 spostamenti/giorno). Sono inoltre rilevanti gli spostamenti con auto verso gli altri comuni della provincia di Varese: 1088 spostamenti/giorno verso i comuni a sud della Provincia, 798 spostamenti/giorno verso i comuni al centro, 843 spostamenti/giorno verso i comuni al centronord e 247 verso i comuni del nord. Da questa analisi preliminare dei flussi di domanda rilevati dall ISTAT si deduce che: L auto è abbondantemente la soluzione privilegiata per gli spostamenti casa-lavoro interni all Area di Studio. L offerta di trasporto pubblico debole e la scarsità di ostacoli che normalmente contrastano l utilizzo dell auto (traffico, problemi di parcheggio, ZTL) contribuiscono ad aumentare la percentuale di utilizzo dell autovettura ben al disopra della media provinciale. Gli spostamenti con veicolo privato originati dall Area di Studio non si concentrano su specifiche direttrici, ma evidenziano una diffusione uniforme sia a livello locale sia a livello provinciale. A partire da queste considerazioni risulta evidente che l Area di Studio è favorevole all introduzione e allo sviluppo della pratica del Car Pooling. Infatti, questa alternativa si presta, per sua natura, come soluzione efficace e conveniente in quei casi dove il trasporto pubblico non riesce ad essere competitivo e capillare. La condivisione dell automobile si inserisce positivamente in questo contesto, garantendo una maggiore flessibilità di percorso e capillarità nel servire i numerosi e dispersi poli d attrazione sparsi sul territorio. Da questo punto di vista il Car Pooling rappresenta la naturale evoluzione del trasporto individuale verso soluzioni di maggiore economia e minore impatto ambientale. Pag. 6 di 24

7 ANGERA BREBBIA BREGANO CADREZZATE COMABBIO ISPRA LAVENO - MOMBELLO LEGGIUNO MONVALLE OSMATE RANCO SESTO CALENDE MERCALLO TAINO VARANO BORGHI TOTALE Spostamenti con veicolo privato Origine\Destinazione ANGERA BREBBIA BREGANO CADREZZATE COMABBIO ISPRA LAVENO MOMBELLO LEGGIUNO MONVALLE OSMATE RANCO SESTO CALENDE MERCALLO TAINO VARANO BORGHI Prov Como Prov Milano Prov Novara Prov Verbania (OVEST) Prov Verbania (NORD) Comu Verbania Comu Stresa Comu Belgirate Comu Lesa Comu Meina Comu Arona Comu Dormelletto Comu Castelletto Sopra Ticino Comu Golasecca Comu Versiate Comu Travedona- Monate Comu Malgesso Comu Besozzo Comu Sangiano Comu Cittiglio VA (SUD) VA (CENTRO) VA (Varese) VA (CENTRO- NORD) VA (NORD) SVIZZERA TOTALE Figura 2: Matrice origine-destinazione degli spostamenti sistematici con mezzo di trasporto privato (ISTAT). 2.2 Questionario della mobilità sostenibile per il Car Pooling In questo paragrafo, ad integrazione della fase di analisi conoscitiva del contesto d inserimento del servizio di Car Pooling, si riporta un estratto dei risultati dei questionari on-line somministrati ai residenti dei Comuni di Agenda 21 Laghi nell ambito del Piano della Mobilità Sostenibile. Per un analisi completa dei questionari si rimanda allo specifico report. Pag. 7 di 24

8 Nel presente rapporto si riportano i risultati della domanda relativa sia alla disponibilità dichiarata a servirsi di un servizio di Car Pooling, sia alle condizioni e motivazioni di tale scelta. Il 63% del campione ha dichiarato il proprio interesse per il servizio, esprimendo tuttavia in alcuni casi delle specifiche condizioni di utilizzo, tra cui la conoscenza degli altri utenti (9% sul totale) e l esigenza di non viaggiare con fumatori (16% sul totale). Il 37% del campione ha dichiarato di non essere interessato al servizio di Car Pooling; tra le motivazioni compaiono le seguenti criticità: timore di scarsa puntualità, eccessivo aumento delle percorrenze, disagio a viaggiare con sconosciuti. Di seguito, in Figura 3, si riportano i risultati completi del quesito sul Car Pooling. Figura 3: Esito dell intervista sulla disponibilità a servirsi del Car Pooling A valle di tale risultati, è stata inoltre studiata la distribuzione geografica delle residenze degli interessati e dei non interessati, distribuzione rappresentata nella mappa riportata in Figura 4. Pag. 8 di 24

9 Residenza dell interessato al Car Pooling Residenza del non interessato al Car Pooling Figura 4: Distribuzione dei punti di origine dei residenti che hanno risposto al questionario. Dall analisi della mappa non si evince una diretta correlazione tra la residenza geografica e l interesse espresso per il servizio di Car Pooling. Le persone che hanno dichiarato interesse e quelle che hanno dichiarato disinteresse sono omogeneamente distribuite nei Comuni dell Area di Studio. Di seguito si riporta la distribuzione geografica dei luoghi di lavoro degli interessati e dei non interessati al servizio di Car Pooling. Pag. 9 di 24

10 Sede di lavoro dell interessato al Car Pooling Sede di lavoro del non interessato al Car Pooling Figura 5: Distribuzione dei punti di destinazione dei residenti che hanno risposto al questionario. In questo caso appare una leggera prevalenza degli interessati al Car Pooling tra coloro che lavorano nei centri urbani maggiori (in particolare nell area Malnate-Induno Olona e nell area lacuale intorno ad Ispra) e tra coloro i quali lavorano negli hinterland dei capoluoghi provinciali. Pag. 10 di 24

11 Quantunque tale correlazione sia piuttosto debole e non consenta facili deduzioni, è comunque plausibile che la maggiore adesione dichiarata in questi casi sia dovuta tanto alla percezione di vantaggi in termini di economia di consumi (rilevanti nelle lunghe distanze e nel traffico congestionato) che di migliore accessibilità e parcheggio una volta giunti a destinazione alle aree urbanizzate. Nel grafico riportato in Figura 6 è rappresentato il legame evidenziato tra le adesioni dichiarate e distanza dello spostamento casa-lavoro. Figura 6: Distribuzione delle percentuali di risposte in funzione della distanza Gli utenti il cui spostamento casa-lavoro è risultata inferiore ai 30 km si sono dichiarati interessati al Car Pooling in percentuali variabili dal 50% all 80%. Gli utenti altresì il cui spostamento casa-lavoro è risultata superiore ai 30 km si sono dichiarati interessati al Car Pooling nella quasi totalità dei casi, con percentuali variabili tra l 80% ed il 100%. In conclusione, è evidente un interesse crescente per l utilizzo del Car Pooling al crescere delle distanze di spostamento casa-lavoro. 2.3 La stima della domanda potenziale del servizio di Car Pooling Dallo studio in oggetto e dall esperienza derivata da altre applicazioni di sistemi per il Car Pooling è possibile verificare che gli utenti iniziano a prendere in considerazione questa modalità di spostamento tendenzialmente per distanze di percorrenza superiori ai 5 km. Nell Area di Studio è pertanto ammissibile considerare nell analisi i soli spostamenti intercomunali, trascurando tutti gli spostamenti intracomunali. Inoltre, dall analisi dei questionari della mobilità, è emerso che mediamente la distanza casa-lavoro degli utenti che hanno espresso interesse nell utilizzo del Car Pooling è di circa 22 km. Pag. 11 di 24

12 A partire dai dati raccolti è possibile incrociare i dati ISTAT con i risultati del questionario online per definire un bacino d utenza potenziale del servizio di Car Pooling nell Area di Studio. Di seguito si riassumono i passaggi logici che hanno condotto alla stima del bacino d utenza: Spostamenti sistematici (casa lavoro) originati nell area di studio e con destinazione extracomunale (distanza di spostamento compatibile con il Car Pooling) (fonte ISTAT): 8991 spostamenti/giorno Quota parte potenzialmente interessata al il Car Pooling (dato ricavato dal precedente mediante coefficiente derivato dall indagine di mercato già illustrata): 5574 spostamenti/giorno Dal bacino potenziale di utenza del servizio va estratta la quota parte che effettivamente utilizzerà il Car Pooling. Questa percentuale dipende sia dall efficienza del servizio sia dall oggettiva possibilità di reperire altri utenti di Car Pooling idonei alla formazione di equipaggi. In questa fase di studio preliminare, in via del tutto arbitraria, si può stimare che non più del 20% degli utenti potenziali del Car Pooling utilizzino poi effettivamente il servizio (la percentuale può sembrare ottimistica ma si ricorda che fa riferimento ai soli utenti che abitano ad una distanza dalla sede di lavoro compatibile con il servizio di Car Pooling e ai soli utenti che hanno dichiarato la propria disponibilità ad aderire al nuovo sistema di trasporto). Quota parte del bacino d utenza potenziale che effettivamente accede al servizio di Car Pooling (dato ricavato dal precedente mediante coefficiente di adesione arbitrario): 1115 spostamenti/giorno A seguito di questa previsione è possibile stimare che l introduzione di un servizio di Car Pooling possa interessare circa 1115 cittadini dell Area di Studio (20% del bacino d utenza potenziale stimato in 5574 spostamenti/giorno). A questo punto è possibile valutare i benefici dell attivazione di un servizio di Car Pooling in termini di diminuzione di veicoli-km del trasporto individuale. Come detto in precedenza, gli utenti potenziali del Car Pooling percorrono almeno 5 km per recarsi in sede. Dalle interviste risulta che mediamente questa classe di utenti percorre 44 km al giorno per gli spostamenti casa-lavoro e ritorno. Si ricorda che gli spostamenti con Car Pooling sono mediamente più lunghi, perché prevedono delle fasi di percorrenza atte alla raccolta dell equipaggio, per cui per questi si calcola un incremento di percorrenza del 10%. Assumendo come già esposto che il Car Pooling coinvolga 1115 utenti/giorno dell Area di Studio ed assumendo (in sostanziale accordo con l esito dell indagine) che questi provengano tutti dal trasporto privato, ed ipotizzando, in base allo studio di altre applicazioni di sistemi per il Car Pooling, che il coefficiente di riempimento di queste auto sia di 2,5 passeggeri/auto, si stima una riduzione di percorrenza giornaliera di veicoli-km, pari a circa veicoli-km all anno (270 giorni effettivi). Nella Tabella 1 sono esplicitate le suddette operazioni di calcolo dei veicoli-km risparmiati. Pag. 12 di 24

13 Stato Attuale Stato di Progetto Metodo di Trasporto N utenti Coef. riempi mento N veicoli Percorrenza giornaliera casa-lavoro [km] Veh-km [km] Trasporto Individuale Car Pooling 0 2, Trasporto Individuale Car Pooling Risparmio Veh/km Risparmio Veh/km annuo Tabella 1: Calcolo del risparmio di veicoli-km introdotto dall'utilizzo del Car Pooling. 2.4 Considerazioni sull offerta di mobilità nell Area di studio Le caratteristiche geografiche/antropiche del territorio considerato, in particolare modo la non elevata densità abitativa, l insediamento sparso e la capillarità della rete stradale, non pongono particolari vincoli all affermazione del Car Pooling, al contrario suggeriscono che in questa situazione esistano condizioni che possano favorirne l affermazione e lo sviluppo. Tale forma di mobilità sostenibile infatti non necessita di particolari infrastrutture, potendo sfruttare la rete stradale esistente al pari del traffico privato individuale, comportando la riduzione delle percorrenze ed un aumento dei coefficienti di riempimento, e quindi un miglioramento nello sfruttamento della capacità viaria già esistente, non richiedendo in nessun caso alcun adeguamento infrastrutturale rispetto allo stato di fatto. Va comunque detto che alcuni interventi di adeguamento infrastrutturale sono possibili, come ad esempio l istituzione di ZTL con esclusioni per le auto che fanno Car Pooling, o il consentire a quest ultime la libera percorrenza di corsie preferenziali, potrebbero favorire il Car Pooling. Per completezza si riporta di seguito, in Figura 7, l attuale configurazione funzionale della rete di trasporto viario dell Area di Studio. Pag. 13 di 24

14 Figura 7: Rete viaria dell'area di Studio. Pag. 14 di 24

15 3 PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI CAR POOLING 3.1 Screening sui servizi di Car Pooling esistenti In questo paragrafo verrà esposta una breve digressione sulle piattaforme web già esistenti per il Car Pooling, e rilevanti per l Area di Studio. Tutti questi servizi sono attualmente usufruibile anche dai residenti dei Comuni di Agenda 21 Laghi Portali internazionali Il portale, filiazione italiana di rappresenta il principale punto d accesso ad una delle maggiori reti internazionali consentendo ai cittadini italiani di cercare partners per la condivisione della vettura, in qualsiasi posto si trovino. Figura 8: Il portale carpooling.com All interno del sito gli utenti registrati che intendono effettuare uno spostamento e si rendono disponibili alla condivisione possono inserire il loro spostamento desiderato con tutti i dettagli del caso, compresi giorni, orari e punti intermedi che potrebbero essere di interesse per altri utenti. Gli utenti che altresì cercano un passaggio possono effettuare una semplice ricerca in funzione delle località di origine e destinazione, e selezionare tra i risultati quelli più consoni alle loro esigenze. Il risultato della ricerca riporta, oltre ai punti intermedi dello spostamento programmato dall offerente, anche alcune variabili aggiuntive, come ad esempio la presenza o meno di fumatori a bordo, etc. Gli utenti alla ricerca di un passaggio possono in ogni caso contattare preventivamente gli offerenti per ottenere maggiori dettagli oppure, al limite, proporre lievi modifiche al percorso. Pag. 15 di 24

16 3.1.2 Portali Nazionali Il portale italiano offre servizio di piattaforma web per il Car Pooling a livello nazionale Portali Locali Figura 9: Il portale Inoltre alcune realtà locali hanno implementato piattaforme web per il Car Pooling nel loro territorio di pertinenza, come ad esempio la provincia di Teramo, con il portale nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile della Provincia di Teramo, redatto dal nostro gruppo di progettazione. Pag. 16 di 24

17 Figura 10: Il portale Car Pooling in Lombardia. Il portale offre un servizio analogo a quello dei portali nazionali e internazionali, ma limitato all area della regione lombarda. Pag. 17 di 24

18 Figura 11: Il portale Car Pooling Autostrade per l Italia A8-A9 (Lombardia). Autostrade per l Italia si è resa promotrice di una nuova iniziativa di Car Pooling che interessa l Autostrada dei Laghi (A8-A9) a beneficio di tutti i clienti che giornalmente percorrono l Autostrada da Como e Varese verso Milano e viceversa. L'iniziativa, mai sperimentata prima in Italia, prevede oltre ad una piattaforma internet per l organizzazione del viaggio, delle piste di uscita ai caselli dedicate al Car Pooling, con uno sconto sul pedaggio destinato a chi in generale viaggia con almeno 4 passeggeri a bordo. L'iniziativa, realizzata con l'approvazione della Concedente Anas, risponde anche a specifiche richieste, in tema di mobilità sostenibile, nonché alle esigenze di contenimento del traffico sulle tratte in questione, dovute ai lavori di ampliamento della sezione stradale. Pag. 18 di 24

19 Car Pooling in provincia di Varese. Figura 12: Il portale Car Pooling di Autostrade per l Italia Quello che viene proposto da Autostrade per L Italia non è il primo esperimento di incentivo del Car Pooling della Provincia di Varese: è dal 2005 (è uno dei primi provvedimenti italiani) che un'ordinanza del Comune di Varese infatti consente a chi percorre la città in auto con quattro persone a bordo di utilizzare le corsie preferenziali normalmente dedicate ai bus e ai taxi, che consentono di attraversare il centro per via diretta, senza dover ricorrere al cosiddetto "ring". Tale provvedimento, attualmente in vigore, non è però completato né da alcun servizio specifico di piattaforma per consentire l incontro e l accordo dei diversi utenti, né soprattutto da una adeguata pubblicizzazione. Pag. 19 di 24

20 3.2 Esempio di campagna informativa e pubblicitaria nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile per la provincia di Teramo - AZIONE 6 : Car - Pooling. Il servizio di Car-Pooling, progettato ed implementato dall Ente Provincia di Teramo nell ambito dei progetti pilota del Piano della Mobilità sostenibile, da noi redatto, prevede la realizzazione di un sistema provinciale per l incentivo alla condivisione dell auto tramite un portale ed un sistema di prenotazioni on-line. Lo scopo del servizio è quello di attivare una rete di car-pooling tra pendolari (dipendenti pubblici, operai, studenti), organizzando l'incontro tra domanda e offerta di passaggio in auto, attraverso un apposito software utilizzabile via internet. L iniziativa è rivolta nello specifico ai cittadini teramani, che quotidianamente si spostano da casa al luogo di lavoro, offrendo l opportunità agli utenti di mettersi in contatto al fine di formare equipaggi per la condivisione dell auto su tragitti comuni. A questi fini la Provincia di Teramo, coadiuvata dal nostro gruppo di progettazione, ha predisposto una campagna informativa e pubblicitaria mediante : 1. Predisposizione manifesti con bozzetti e disegni per campagna informativa dedicata al CAR POOLING comprensiva di progettazione grafica, disegni e loghi; 2. Predisposizione banner con layout grafico per campagna informativa da inserire nel sito dedicato al car pooling; 3. Stampa di manifesti 70x100 cm. in carta patinata gr. 115 in quadricromia offset; stampa di manifesti 600 x 300 cm. in carta blue back gr. 115 in quadricromia digitale; stampa di pieghevoli ( dedicati sia al car-pooling che al Piano della Mobilità sostenibile: in formato A4, fronte retro in carta patinata gr. 150 con piega a 3 ante, chiusi 10 x21 cm.; ed infine stampa di cartoline 10 x 15 cm. in carta patinata con inserita la grafica del CAR POOLING ed i loghi della provincia di Teramo, di Agenda 21, della regione Abruzzo e di eventuali sponsor. I beneficiari dell intervento sono: tutti i residenti della Provincia di Teramo, sia con disponibilità sia senza disponibilità di auto privata, soprattutto per gli spostamenti sistematici di tipo pendolare. Riportiamo di seguito il manifesto predisposto per la campagna informativa dedicata al Car Pooling della Provincia di Teramo. Pag. 20 di 24

21 Figura 13: Manifesto per campagna informativa del Car Pooling della Provincia di Teramo Design S.I.P.E.T. 3.3 Considerazioni e prospettive future In conclusione si può affermare che l Area di Studio, dato l alto tasso di utilizzo dell auto per spostamenti caratterizzati da distanze medio lunghe, è un ambito ottimale per la promozione del Car Pooling. Tuttavia l elevata disponibilità di piattaforme web che offrono questo servizio renderebbe di fatto superflua, se non addirittura fuorviante, l istituzione di un ennesimo nuovo portale locale. Il rischio è che con un ulteriore dispersione di utenti sulle varie piattaforme disponibili causi una maggiore difficoltà nel reperimento di percorsi adatti alle proprie esigenze, producendo difatti un effetto di disaffezione e di giudizio negativo verso questa pratica. Altresì, risulterebbe opportuno avviare nell Area di Studio una campagna di informazione dettagliata dell esistenza di questi servizi e delle loro funzionalità, proprio perché in tale modo, oltre a pubblicizzare queste possibilità, si fornirebbero informazioni utili soprattutto agli utenti che per la prima volta accedono al servizio. In quest ottica sarebbe sicuramente opportuno che Agenda 21 Laghi, possibilmente con il supporto degli altri enti locali (Comuni, Provincia, ), aderiscano attivamente come sostenitori e promotori ad uno dei portali locali di Car Pooling. Il portale in considerazione del fatto che è attualmente patrocinato da importanti enti locali della Regione Lombardia (il Comune e la Provincia di Bergamo, la Provincie di Brescia, la Provincia di Milano e la fondazione Cariplo) rappresenta un ottimo esempio di applicazione di Car Pooling ad una realtà locale e per questo rappresenterebbe un buon canale per l estensione di questa pratica anche nella Provincia di Varese. Pag. 21 di 24

Trasporto pubblico, Bus a Chiamata e Car Pooling

Trasporto pubblico, Bus a Chiamata e Car Pooling COMUNE DI CADREZZATE (Capofila) Provincia di Varese Angera, Brebbia, Bregano, Cadrezzate, Comabbio, Ispra, Laveno Mombello, Leggiuno, Mercallo, Monvalle, Osmate, Ranco, Taino, Varano Borghi. Gruppo di

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto

Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Promuovere forme di mobilitàalternative: l esperienza del Car Pooling in Veneto Relatore: Ing. Ubaldo DE BEI Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Venezia, 15 novembre 2011 Car Pooling Il

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto.

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto. Studio di fattibilità di un sistema di car-pooling per le aziende della Valsassina Federico Lia Consorzio Poliedra Politecnico di Milano Barzio 25 Maggio 2011 Il car pooling Il car pooling consiste nell'utilizzare

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014

SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 STATI GENERALI della Green Economy Percorsi e strumenti per la diffusione dell ecoinnovazione e del consumo sostenibile SHARING ECONOMY E NUOVA MOBILITÀ Rimini 7 Novembre 2014 Nicola Tiezzi ICARO Srl Sharing

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2436 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO,

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE

7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE 7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 Verbale del tavolo di lavoro su: Mobilità sostenibile A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE Vecchi esempio di Mercallo, che sta

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA 1 2011 OBIETTIVI DELL INDAGINE Fornire un un contributo conoscitivo sugli attuali comportamenti di mobilità in sei principali comuni della provincia di

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo

Comune di Palermo. Progetto Car-pooling per la Città di Palermo Comune di Palermo Ufficio Traffico Progetto Car-pooling per la Città di Palermo 1 - Denominazione e referenti Il Progetto Car-pooling per la città di Palermo è sostenuto dal Comune di Palermo. 2 - Premesse

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1

Direzione Programmazione della Mobilità. 1 Febbraio 2006. Carlo Gentile 1 Direzione Programmazione della Mobilità 1 Febbraio 2006 Carlo Gentile 1 ROMA CAR SHARING Il Car Sharing Una nuova concezione dell uso dell autovettura privata che mira al servizio e non più al possesso:

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TASSO DI MOTORIZZAZIONE Il tasso di motorizzazione rappresenta una stima della diffusione dei mezzi a motore nel territorio e quindi della necessità di disporre

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

Il Servizio di Car Pooling

Il Servizio di Car Pooling Il Servizio di Car Pooling Marco Boero, Davide Fonti, Michele Masnata, Softeco Sismat SpA Il Mobility Management nelle strutture ospedaliere Modalità innovative per gli spostamenti casa lavoro 18 Maggio

Dettagli

Le esternalità dei Trasporti

Le esternalità dei Trasporti Le esternalità dei Trasporti Silvia Orchi 5 Febbraio 2015 Il concetto economico ESTERNALITA Il termine esternalità si riferisce a una situazione in cui si produce una variazione di benessere ad opera di

Dettagli

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Le trasformazioni che hanno investito la forma urbana negli ultimi anni hanno reso necessario riconsiderare le dinamiche territoriali;

Dettagli

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori Mobility Team Mirafiori 20 Novembre, 2010 Sostenibilità La mobilità sostenibile rappresenta un area ad elevato interesse per l Azienda

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

I costi esterni dei trasporti e il sistema regionale. Bologna, 66 dicembre 2013 2013 Viale Aldo Moro n. 18 - Auditorium

I costi esterni dei trasporti e il sistema regionale. Bologna, 66 dicembre 2013 2013 Viale Aldo Moro n. 18 - Auditorium Politiche volte ad una maggiore internalizzazione dei costi esterni da traffico stradale: una rassegna. Paolo Beria, Raffaele Grimaldi DAStU Politecnico di Milano I costi esterni dei trasporti e il sistema

Dettagli

AD PERSONAM: PROGETTO DI DIRECT MARKETING PER LO SVILUPPO DELL USO DEL TRASPORTO PUBBLICO URBANO

AD PERSONAM: PROGETTO DI DIRECT MARKETING PER LO SVILUPPO DELL USO DEL TRASPORTO PUBBLICO URBANO AD PERSONAM: PROGETTO DI DIRECT MARKETING PER LO SVILUPPO DELL USO DEL TRASPORTO PUBBLICO URBANO Daniele Berselli 1, Agenzia per la mobilità e il trasporto pubblico locale di Modena S.p.A., Via Razzaboni,

Dettagli

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING

COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Aziende Proposta Car Sharing Brescia con simulazione dei costi COS E IL SERVIZIO DI CAR SHARING Il car sharing è un servizio che permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate

Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Agosto 2005 English version available 1 Come favorire un uso dell auto più efficiente nelle città inquinate Introduzione A Mosca e nelle

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA. Civinet Genova, 27 ottobre 2010

IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA. Civinet Genova, 27 ottobre 2010 IL CAR SHARING A GENOVA e SAVONA Civinet Genova, 27 ottobre 2010 1 Cosa è il Car Sharing Letteralmente Condivisione dell automobile ; Pay per use. Si paga solo quello che si utilizza; Servizio flessibile.

Dettagli

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo Torino, Febbraio 2009 MVRS_ENEL_214_08 AGENDA INTRODUZIONE RISULTATI DELL INDAGINE DI MOBILITÀ QUADRO

Dettagli

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"

Prof. Pietro Rostirolla Università degli Studi di Napoli L'Orientale 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte Il servizio di Taxi quale elemento di offerta di trasporto pubblico : problemi ed esperienze di soluzione applicate nel

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

Appendice. I QUESTIONARI

Appendice. I QUESTIONARI Appendice. I QUESTIONARI QUESTIONARIO PER L AZIENDA Informazioni Generali me Azienda/Ente Tipo di Azienda/Ente Settore di attività Città: Via/Piazza CAP: Tel: me Direttore Fax: E - mail: me responsabile

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

SEZIONE 2 - BASELINE E MONITORAGGIO... 11

SEZIONE 2 - BASELINE E MONITORAGGIO... 11 APPLICAZIONE SPERIMENTALE DELLE LINEE GUIDA DELLA RETE CARTESIO A UN PROGETTO DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS SERRA Il Car-Pooling per i dipendenti della Regione Emilia Romagna APPLICAZIONE SPERIMENTALE

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS Liceo delle Scienze Applicate AGNESI - Merate Agrate Brianza, 27 aprile 2015 Il decalogo ambientale 2 Agrate Brianza

Dettagli

COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA

COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA INDICE 1 Oggetto della fornitura... 3 2 Rilievo delle informazioni... 4 2.1 Interviste

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La tecnologia per il car pooling

La tecnologia per il car pooling La tecnologia per il car pooling L utilizzo della tecnologia per la misurazione e la certificazione del car pooling, risultati e riflessioni. In collaborazione con L associazione, chi siamo: Siamo automobilisti,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS DECALOGO AMBIENTALE: MOBILITA 2 Agrate Brianza site 3 Agrate

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati MISSION PER DEL CAR SHARING PER LE FLOTTE AUTO AZIENDALI IL CAR SHARING CREA VALORE IN AZIENDA PERCHÉ PERMETTE

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli