Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 LAGHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 LAGHI"

Transcript

1 Con il contributo di COMUNE DI CADREZZATE (Capofila) Provincia di Varese Angera, Brebbia, Bregano, Cadrezzate, Comabbio, Ispra, Laveno Mombello, Leggiuno, Mercallo, Monvalle, Osmate, Ranco, Taino, Varano Borghi. Piano della Mobilità Sostenibile per i Comuni dell Area di AGENDA 21 Studio per un sistema di Car Pooling Gruppo di progettazione: Progettisti: S.I.P.E.T. Arch. Nicola D Errico (Capogruppo) Arch. Giusy Zaccheo Arch. Enrico Eugenio D Errico SISTeMA Ing. Lorenzo Meschini Prof. Ing. Guido Gentile S.I.P.E.T. Architettura Urbanistica Mobilità Trasporti Studio Interprofessionale per la Progettazione e la Programmazione Economico-Territoriale Via Gabriele Pepe, Termoli(CB) Tel Fax Collaboratori: Ing. Domingo Lunardon studio associato SISTeMA Servizi per l Ingegneria dei Sistemi di Trasporto e della Mobilità Lungotevere Portuense, Roma (RM) Tel Fax

2 Indice Introduzione Lo stato dell arte per i sistemi di Car Pooling Analisi del contesto di inserimento del servizio di Car Pooling La domanda di mobilità con mezzo privato nei Comuni dell Area di Studio Questionario della mobilità sostenibile per il Car Pooling La stima della domanda potenziale del servizio di Car Pooling Considerazioni sull offerta di mobilità nell Area di studio Progettazione del Sistema di Car Pooling Screening sui servizi di Car Pooling esistenti Esempio di campagna informativa e pubblicitaria nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile per la provincia di Teramo - AZIONE 6 : Car - Pooling Considerazioni e prospettive future Gli incentivi ed i benefici del servizio di Car Pooling Gli incentivi I benefici Pag. 2 di 24

3 INTRODUZIONE La presente documentazione si compone di una fase di analisi trasportistica e di una fase progettuale preliminare per la definizione di un servizio di Car Pooling sui Comuni di Agenda 21 Laghi. Questa fase si inserisce nel piano d intervento per lo sviluppo dei sistemi di mobilità sostenibile nell area dei Comuni di Agenda 21 Laghi. Le analisi effettuate e le considerazioni progettuali dedotte vertono sui dati raccolti nella precedente fase di analisi conoscitiva ( Quaderno 1: Quadro conoscitivo ; Quaderno 3: Analisi documentazione e piani vigenti ) e sui questionari somministrati nella campagna d indagine ( Questionario ON-LINE sulla mobilità sostenibile ). Nei successivi paragrafi si procederà alla definizione dello stato dell arte dei servizi di Car Pooling, all analisi di contesto dell attuale domanda ed offerta di mobilità locale e alla progettazione preliminare del servizio. La linea d intervento prevede l istituzione di un servizio di Car Pooling usufruibile dai residenti dell Area di Studio, al fine di individuare una soluzione alternativa e conveniente alla mobilità tradizionale con mezzo privato, consentendo di utilizzare una sola autovettura con più persone a bordo per compiere un medesimo tragitto. L analisi e la progettazione del servizio saranno incentrate al soddisfacimento degli spostamenti pendolari casa-lavoro, soprattutto per le relazioni originate nell Area di Studio e con destinazione presso i principali poli d attrazione provinciali e regionali (es: Varese, Milano, ). La scelta di incentivare tale tipo di mobilità si rende ormai necessaria in tutte quelle aree colpite da insostenibili livelli di traffico che quotidianamente affliggono i nostri spostamenti e la nostra vita. Si pensi solo allo stress dovuto agli interminabili tempi trascorsi per strada, senza tralasciare i fenomeni indotti dovuti all inquinamento atmosferico ed acustico. La soluzione prevista da questo tipo di modalità è finalizzata ad una drastica riduzione dei mezzi ad uso privato che due volte su tre viaggiano con un solo occupante a bordo e la necessità di trovare soluzioni alternative. Il concetto di car pooling va in questa direzione. Rappresenta una valida alternativa al traffico pendolare per i viaggi giornalieri ma può essere utilizzato anche in modo occasionale. Con il car pooling si riduce la congestione del traffico, lo stress e le emissioni di gas nocivi, nel contempo si migliora la qualità dell aria e i singoli utenti possono conseguire un certo risparmio monetario riducendo notevolmente il numero di km/annui di una vettura con ovvio risparmio di benzina, di manutenzione, di pedaggi e di pagamento sosta. Il sistema è oltremodo flessibile e con un minimo di organizzazione può portare ad un forte risparmio di costi di trasporto e di tempo. Sicuramente per diffondere tale modalità di trasporto la comunicazione, l informazione e gli incentivi vanno studiati accuratamente. Pag. 3 di 24

4 1 LO STATO DELL ARTE PER I SISTEMI DI CAR POOLING Il Car Pooling è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. Questa modalità di trasporto, pur utilizzando veicoli privati, è uno degli ambiti di intervento della mobilità sostenibile in quanto contribuisce alla diminuzione delle percorrenze e delle emissioni da veicoli. Il principio consiste nel supportare l utilizzo dell auto privata in modo sostenibile, ovvero aggregando diverse persone che devono effettuare lo stesso tragitto (anche solo in parte). Questo modo di organizzarsi, che da tempo è attuato semplicemente con il passaparola tra conoscenti, oggi (con il nome di Car-Pooling) assume un nuovo valore a fronte dei costi economici crescenti dello spostamento in auto (carburante, pedaggi, parcheggi) e delle sempre maggiori restrizioni della circolazione nei centri cittadini (ZTL, corsie riservate, ecc ). Inoltre, l utilizzo di piattaforme informatiche (aziendali o via web) consente ad oggi di potenziare enormemente l aggregazione di utenti interessati a condividere lo spostamento. Quanto siano realmente efficaci queste misure è tutt oggi questione aperta e oggetto di studi e valutazioni, tese a cercare di definire quali possano essere i metodi migliori per indurre automobilisti e cittadini a condividere uno spostamento in auto con altre persone. Il viaggio condiviso è da sempre stato un espressione spontanea che avviene generalmente tra colleghi di lavoro senza la necessità di sovrastrutture che ne organizzino le modalità. Negli ultimi anni tuttavia si è tentato in vari modi di incentivare il Car Pooling soprattutto attraverso la creazione di portali che alla fine non sono altro che delle bacheche virtuali che ospitano l offerta di passaggi su determinati tragitti. Di seguito, in Figura 1, si riporta un esempio. Figura 1:Esempio applicativo del portale Car Pooling di Autostrade per l'italia. Tuttavia l incentivo a combinare l offerta e la domanda di viaggi in auto condivisi tramite portali web, non è l unica leva efficace per promuovere il Car Pooling. Spesso il motivo per cui un automobilista è disposto a condividere il viaggio casa lavoro è soprattutto di tipo Pag. 4 di 24

5 economico, ossia la necessità di risparmiare sul carburante e/o sulla sosta. Infatti i casi di successo si registrano in realtà in cui un azienda, avendo pochi posti auto a disposizione dei propri dipendenti e trovandosi in una zona con la sosta tariffata, decide di garantire la sosta gratuita all interno del parcheggio aziendale proprio per gli equipaggi in Car Pooling. È analogo l esempio di Autostrade per l Italia Spa, che trovandosi nella necessità di diminuire le corsie a disposizione degli utenti a causa dei lavori di potenziamento tra Milano e l Autostrada dei Laghi, ha adottato la strategia di concedere un pedaggio agevolato agli equipaggi in Car Pooling che percorrono ogni giorno quella tratta, nonché un uscita riservata. In conclusione, il metodo migliore che induce il cittadino a fare Car Pooling è offrire delle agevolazioni a fronte di un sacrificio richiesto (come condividere l auto con degli sconosciuti e allungare le percorrenze) dovuto a restrizioni contingenti o necessarie. Pag. 5 di 24

6 2 ANALISI DEL CONTESTO DI INSERIMENTO DEL SERVIZIO DI CAR POOLING 2.1 La domanda di mobilità con mezzo privato nei Comuni dell Area di Studio Un analisi completa della domanda di mobilità per gli spostamenti sistematici (casa-lavoro, casa studio) nei Comuni dell Area di Studio è stata effettuata nell analisi conoscitiva ( Quaderno 1: Quadro conoscitivo ) a partire dai dati censuari ISTAT sul pendolarismo. In Figura 1, si riporta la matrice origine-destinazione rilevata dall ISTAT che sintetizza gli spostamenti giornalieri in andata rilevati a partire dai Comuni dell Area di Studio con mezzo privato. Dall analisi della distribuzione degli spostamenti sistematici con mezzo privato che si originano dai comuni dell Area di Studio si evince che il mezzo privato è utilizzato in larga parte per spostamenti interni all Area di Studio, in particolare con destinazione il Comune di Ispra (1050 spostamenti/giorno), il Comune di Laveno Mombello (932 spostamenti/giorno) ed il Comune di Sesto Calende (1533 spostamenti/giorno). Esternamente all Area di Studio i principali comuni attrattori di spostamenti generati dai comuni di Agenda 21 Laghi sono i comuni a Sud di Varese (1088 spostamenti/giorno) ed i comuni a Nord di Varese (843 spostamenti/giorno). E interessante notare come, a causa minore accessibilità alle zone urbane con auto privata (traffico, difficoltà di parcheggio, ZTL), siano moderati gli spostamenti con mezzo privato verso la Provincia di Milano (574 spostamenti/giorno) e verso il Comune di Varese (656 spostamenti/giorno). Sono inoltre rilevanti gli spostamenti con auto verso gli altri comuni della provincia di Varese: 1088 spostamenti/giorno verso i comuni a sud della Provincia, 798 spostamenti/giorno verso i comuni al centro, 843 spostamenti/giorno verso i comuni al centronord e 247 verso i comuni del nord. Da questa analisi preliminare dei flussi di domanda rilevati dall ISTAT si deduce che: L auto è abbondantemente la soluzione privilegiata per gli spostamenti casa-lavoro interni all Area di Studio. L offerta di trasporto pubblico debole e la scarsità di ostacoli che normalmente contrastano l utilizzo dell auto (traffico, problemi di parcheggio, ZTL) contribuiscono ad aumentare la percentuale di utilizzo dell autovettura ben al disopra della media provinciale. Gli spostamenti con veicolo privato originati dall Area di Studio non si concentrano su specifiche direttrici, ma evidenziano una diffusione uniforme sia a livello locale sia a livello provinciale. A partire da queste considerazioni risulta evidente che l Area di Studio è favorevole all introduzione e allo sviluppo della pratica del Car Pooling. Infatti, questa alternativa si presta, per sua natura, come soluzione efficace e conveniente in quei casi dove il trasporto pubblico non riesce ad essere competitivo e capillare. La condivisione dell automobile si inserisce positivamente in questo contesto, garantendo una maggiore flessibilità di percorso e capillarità nel servire i numerosi e dispersi poli d attrazione sparsi sul territorio. Da questo punto di vista il Car Pooling rappresenta la naturale evoluzione del trasporto individuale verso soluzioni di maggiore economia e minore impatto ambientale. Pag. 6 di 24

7 ANGERA BREBBIA BREGANO CADREZZATE COMABBIO ISPRA LAVENO - MOMBELLO LEGGIUNO MONVALLE OSMATE RANCO SESTO CALENDE MERCALLO TAINO VARANO BORGHI TOTALE Spostamenti con veicolo privato Origine\Destinazione ANGERA BREBBIA BREGANO CADREZZATE COMABBIO ISPRA LAVENO MOMBELLO LEGGIUNO MONVALLE OSMATE RANCO SESTO CALENDE MERCALLO TAINO VARANO BORGHI Prov Como Prov Milano Prov Novara Prov Verbania (OVEST) Prov Verbania (NORD) Comu Verbania Comu Stresa Comu Belgirate Comu Lesa Comu Meina Comu Arona Comu Dormelletto Comu Castelletto Sopra Ticino Comu Golasecca Comu Versiate Comu Travedona- Monate Comu Malgesso Comu Besozzo Comu Sangiano Comu Cittiglio VA (SUD) VA (CENTRO) VA (Varese) VA (CENTRO- NORD) VA (NORD) SVIZZERA TOTALE Figura 2: Matrice origine-destinazione degli spostamenti sistematici con mezzo di trasporto privato (ISTAT). 2.2 Questionario della mobilità sostenibile per il Car Pooling In questo paragrafo, ad integrazione della fase di analisi conoscitiva del contesto d inserimento del servizio di Car Pooling, si riporta un estratto dei risultati dei questionari on-line somministrati ai residenti dei Comuni di Agenda 21 Laghi nell ambito del Piano della Mobilità Sostenibile. Per un analisi completa dei questionari si rimanda allo specifico report. Pag. 7 di 24

8 Nel presente rapporto si riportano i risultati della domanda relativa sia alla disponibilità dichiarata a servirsi di un servizio di Car Pooling, sia alle condizioni e motivazioni di tale scelta. Il 63% del campione ha dichiarato il proprio interesse per il servizio, esprimendo tuttavia in alcuni casi delle specifiche condizioni di utilizzo, tra cui la conoscenza degli altri utenti (9% sul totale) e l esigenza di non viaggiare con fumatori (16% sul totale). Il 37% del campione ha dichiarato di non essere interessato al servizio di Car Pooling; tra le motivazioni compaiono le seguenti criticità: timore di scarsa puntualità, eccessivo aumento delle percorrenze, disagio a viaggiare con sconosciuti. Di seguito, in Figura 3, si riportano i risultati completi del quesito sul Car Pooling. Figura 3: Esito dell intervista sulla disponibilità a servirsi del Car Pooling A valle di tale risultati, è stata inoltre studiata la distribuzione geografica delle residenze degli interessati e dei non interessati, distribuzione rappresentata nella mappa riportata in Figura 4. Pag. 8 di 24

9 Residenza dell interessato al Car Pooling Residenza del non interessato al Car Pooling Figura 4: Distribuzione dei punti di origine dei residenti che hanno risposto al questionario. Dall analisi della mappa non si evince una diretta correlazione tra la residenza geografica e l interesse espresso per il servizio di Car Pooling. Le persone che hanno dichiarato interesse e quelle che hanno dichiarato disinteresse sono omogeneamente distribuite nei Comuni dell Area di Studio. Di seguito si riporta la distribuzione geografica dei luoghi di lavoro degli interessati e dei non interessati al servizio di Car Pooling. Pag. 9 di 24

10 Sede di lavoro dell interessato al Car Pooling Sede di lavoro del non interessato al Car Pooling Figura 5: Distribuzione dei punti di destinazione dei residenti che hanno risposto al questionario. In questo caso appare una leggera prevalenza degli interessati al Car Pooling tra coloro che lavorano nei centri urbani maggiori (in particolare nell area Malnate-Induno Olona e nell area lacuale intorno ad Ispra) e tra coloro i quali lavorano negli hinterland dei capoluoghi provinciali. Pag. 10 di 24

11 Quantunque tale correlazione sia piuttosto debole e non consenta facili deduzioni, è comunque plausibile che la maggiore adesione dichiarata in questi casi sia dovuta tanto alla percezione di vantaggi in termini di economia di consumi (rilevanti nelle lunghe distanze e nel traffico congestionato) che di migliore accessibilità e parcheggio una volta giunti a destinazione alle aree urbanizzate. Nel grafico riportato in Figura 6 è rappresentato il legame evidenziato tra le adesioni dichiarate e distanza dello spostamento casa-lavoro. Figura 6: Distribuzione delle percentuali di risposte in funzione della distanza Gli utenti il cui spostamento casa-lavoro è risultata inferiore ai 30 km si sono dichiarati interessati al Car Pooling in percentuali variabili dal 50% all 80%. Gli utenti altresì il cui spostamento casa-lavoro è risultata superiore ai 30 km si sono dichiarati interessati al Car Pooling nella quasi totalità dei casi, con percentuali variabili tra l 80% ed il 100%. In conclusione, è evidente un interesse crescente per l utilizzo del Car Pooling al crescere delle distanze di spostamento casa-lavoro. 2.3 La stima della domanda potenziale del servizio di Car Pooling Dallo studio in oggetto e dall esperienza derivata da altre applicazioni di sistemi per il Car Pooling è possibile verificare che gli utenti iniziano a prendere in considerazione questa modalità di spostamento tendenzialmente per distanze di percorrenza superiori ai 5 km. Nell Area di Studio è pertanto ammissibile considerare nell analisi i soli spostamenti intercomunali, trascurando tutti gli spostamenti intracomunali. Inoltre, dall analisi dei questionari della mobilità, è emerso che mediamente la distanza casa-lavoro degli utenti che hanno espresso interesse nell utilizzo del Car Pooling è di circa 22 km. Pag. 11 di 24

12 A partire dai dati raccolti è possibile incrociare i dati ISTAT con i risultati del questionario online per definire un bacino d utenza potenziale del servizio di Car Pooling nell Area di Studio. Di seguito si riassumono i passaggi logici che hanno condotto alla stima del bacino d utenza: Spostamenti sistematici (casa lavoro) originati nell area di studio e con destinazione extracomunale (distanza di spostamento compatibile con il Car Pooling) (fonte ISTAT): 8991 spostamenti/giorno Quota parte potenzialmente interessata al il Car Pooling (dato ricavato dal precedente mediante coefficiente derivato dall indagine di mercato già illustrata): 5574 spostamenti/giorno Dal bacino potenziale di utenza del servizio va estratta la quota parte che effettivamente utilizzerà il Car Pooling. Questa percentuale dipende sia dall efficienza del servizio sia dall oggettiva possibilità di reperire altri utenti di Car Pooling idonei alla formazione di equipaggi. In questa fase di studio preliminare, in via del tutto arbitraria, si può stimare che non più del 20% degli utenti potenziali del Car Pooling utilizzino poi effettivamente il servizio (la percentuale può sembrare ottimistica ma si ricorda che fa riferimento ai soli utenti che abitano ad una distanza dalla sede di lavoro compatibile con il servizio di Car Pooling e ai soli utenti che hanno dichiarato la propria disponibilità ad aderire al nuovo sistema di trasporto). Quota parte del bacino d utenza potenziale che effettivamente accede al servizio di Car Pooling (dato ricavato dal precedente mediante coefficiente di adesione arbitrario): 1115 spostamenti/giorno A seguito di questa previsione è possibile stimare che l introduzione di un servizio di Car Pooling possa interessare circa 1115 cittadini dell Area di Studio (20% del bacino d utenza potenziale stimato in 5574 spostamenti/giorno). A questo punto è possibile valutare i benefici dell attivazione di un servizio di Car Pooling in termini di diminuzione di veicoli-km del trasporto individuale. Come detto in precedenza, gli utenti potenziali del Car Pooling percorrono almeno 5 km per recarsi in sede. Dalle interviste risulta che mediamente questa classe di utenti percorre 44 km al giorno per gli spostamenti casa-lavoro e ritorno. Si ricorda che gli spostamenti con Car Pooling sono mediamente più lunghi, perché prevedono delle fasi di percorrenza atte alla raccolta dell equipaggio, per cui per questi si calcola un incremento di percorrenza del 10%. Assumendo come già esposto che il Car Pooling coinvolga 1115 utenti/giorno dell Area di Studio ed assumendo (in sostanziale accordo con l esito dell indagine) che questi provengano tutti dal trasporto privato, ed ipotizzando, in base allo studio di altre applicazioni di sistemi per il Car Pooling, che il coefficiente di riempimento di queste auto sia di 2,5 passeggeri/auto, si stima una riduzione di percorrenza giornaliera di veicoli-km, pari a circa veicoli-km all anno (270 giorni effettivi). Nella Tabella 1 sono esplicitate le suddette operazioni di calcolo dei veicoli-km risparmiati. Pag. 12 di 24

13 Stato Attuale Stato di Progetto Metodo di Trasporto N utenti Coef. riempi mento N veicoli Percorrenza giornaliera casa-lavoro [km] Veh-km [km] Trasporto Individuale Car Pooling 0 2, Trasporto Individuale Car Pooling Risparmio Veh/km Risparmio Veh/km annuo Tabella 1: Calcolo del risparmio di veicoli-km introdotto dall'utilizzo del Car Pooling. 2.4 Considerazioni sull offerta di mobilità nell Area di studio Le caratteristiche geografiche/antropiche del territorio considerato, in particolare modo la non elevata densità abitativa, l insediamento sparso e la capillarità della rete stradale, non pongono particolari vincoli all affermazione del Car Pooling, al contrario suggeriscono che in questa situazione esistano condizioni che possano favorirne l affermazione e lo sviluppo. Tale forma di mobilità sostenibile infatti non necessita di particolari infrastrutture, potendo sfruttare la rete stradale esistente al pari del traffico privato individuale, comportando la riduzione delle percorrenze ed un aumento dei coefficienti di riempimento, e quindi un miglioramento nello sfruttamento della capacità viaria già esistente, non richiedendo in nessun caso alcun adeguamento infrastrutturale rispetto allo stato di fatto. Va comunque detto che alcuni interventi di adeguamento infrastrutturale sono possibili, come ad esempio l istituzione di ZTL con esclusioni per le auto che fanno Car Pooling, o il consentire a quest ultime la libera percorrenza di corsie preferenziali, potrebbero favorire il Car Pooling. Per completezza si riporta di seguito, in Figura 7, l attuale configurazione funzionale della rete di trasporto viario dell Area di Studio. Pag. 13 di 24

14 Figura 7: Rete viaria dell'area di Studio. Pag. 14 di 24

15 3 PROGETTAZIONE DEL SISTEMA DI CAR POOLING 3.1 Screening sui servizi di Car Pooling esistenti In questo paragrafo verrà esposta una breve digressione sulle piattaforme web già esistenti per il Car Pooling, e rilevanti per l Area di Studio. Tutti questi servizi sono attualmente usufruibile anche dai residenti dei Comuni di Agenda 21 Laghi Portali internazionali Il portale, filiazione italiana di rappresenta il principale punto d accesso ad una delle maggiori reti internazionali consentendo ai cittadini italiani di cercare partners per la condivisione della vettura, in qualsiasi posto si trovino. Figura 8: Il portale carpooling.com All interno del sito gli utenti registrati che intendono effettuare uno spostamento e si rendono disponibili alla condivisione possono inserire il loro spostamento desiderato con tutti i dettagli del caso, compresi giorni, orari e punti intermedi che potrebbero essere di interesse per altri utenti. Gli utenti che altresì cercano un passaggio possono effettuare una semplice ricerca in funzione delle località di origine e destinazione, e selezionare tra i risultati quelli più consoni alle loro esigenze. Il risultato della ricerca riporta, oltre ai punti intermedi dello spostamento programmato dall offerente, anche alcune variabili aggiuntive, come ad esempio la presenza o meno di fumatori a bordo, etc. Gli utenti alla ricerca di un passaggio possono in ogni caso contattare preventivamente gli offerenti per ottenere maggiori dettagli oppure, al limite, proporre lievi modifiche al percorso. Pag. 15 di 24

16 3.1.2 Portali Nazionali Il portale italiano offre servizio di piattaforma web per il Car Pooling a livello nazionale Portali Locali Figura 9: Il portale Inoltre alcune realtà locali hanno implementato piattaforme web per il Car Pooling nel loro territorio di pertinenza, come ad esempio la provincia di Teramo, con il portale nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile della Provincia di Teramo, redatto dal nostro gruppo di progettazione. Pag. 16 di 24

17 Figura 10: Il portale Car Pooling in Lombardia. Il portale offre un servizio analogo a quello dei portali nazionali e internazionali, ma limitato all area della regione lombarda. Pag. 17 di 24

18 Figura 11: Il portale Car Pooling Autostrade per l Italia A8-A9 (Lombardia). Autostrade per l Italia si è resa promotrice di una nuova iniziativa di Car Pooling che interessa l Autostrada dei Laghi (A8-A9) a beneficio di tutti i clienti che giornalmente percorrono l Autostrada da Como e Varese verso Milano e viceversa. L'iniziativa, mai sperimentata prima in Italia, prevede oltre ad una piattaforma internet per l organizzazione del viaggio, delle piste di uscita ai caselli dedicate al Car Pooling, con uno sconto sul pedaggio destinato a chi in generale viaggia con almeno 4 passeggeri a bordo. L'iniziativa, realizzata con l'approvazione della Concedente Anas, risponde anche a specifiche richieste, in tema di mobilità sostenibile, nonché alle esigenze di contenimento del traffico sulle tratte in questione, dovute ai lavori di ampliamento della sezione stradale. Pag. 18 di 24

19 Car Pooling in provincia di Varese. Figura 12: Il portale Car Pooling di Autostrade per l Italia Quello che viene proposto da Autostrade per L Italia non è il primo esperimento di incentivo del Car Pooling della Provincia di Varese: è dal 2005 (è uno dei primi provvedimenti italiani) che un'ordinanza del Comune di Varese infatti consente a chi percorre la città in auto con quattro persone a bordo di utilizzare le corsie preferenziali normalmente dedicate ai bus e ai taxi, che consentono di attraversare il centro per via diretta, senza dover ricorrere al cosiddetto "ring". Tale provvedimento, attualmente in vigore, non è però completato né da alcun servizio specifico di piattaforma per consentire l incontro e l accordo dei diversi utenti, né soprattutto da una adeguata pubblicizzazione. Pag. 19 di 24

20 3.2 Esempio di campagna informativa e pubblicitaria nell ambito del Piano della Mobilità sostenibile per la provincia di Teramo - AZIONE 6 : Car - Pooling. Il servizio di Car-Pooling, progettato ed implementato dall Ente Provincia di Teramo nell ambito dei progetti pilota del Piano della Mobilità sostenibile, da noi redatto, prevede la realizzazione di un sistema provinciale per l incentivo alla condivisione dell auto tramite un portale ed un sistema di prenotazioni on-line. Lo scopo del servizio è quello di attivare una rete di car-pooling tra pendolari (dipendenti pubblici, operai, studenti), organizzando l'incontro tra domanda e offerta di passaggio in auto, attraverso un apposito software utilizzabile via internet. L iniziativa è rivolta nello specifico ai cittadini teramani, che quotidianamente si spostano da casa al luogo di lavoro, offrendo l opportunità agli utenti di mettersi in contatto al fine di formare equipaggi per la condivisione dell auto su tragitti comuni. A questi fini la Provincia di Teramo, coadiuvata dal nostro gruppo di progettazione, ha predisposto una campagna informativa e pubblicitaria mediante : 1. Predisposizione manifesti con bozzetti e disegni per campagna informativa dedicata al CAR POOLING comprensiva di progettazione grafica, disegni e loghi; 2. Predisposizione banner con layout grafico per campagna informativa da inserire nel sito dedicato al car pooling; 3. Stampa di manifesti 70x100 cm. in carta patinata gr. 115 in quadricromia offset; stampa di manifesti 600 x 300 cm. in carta blue back gr. 115 in quadricromia digitale; stampa di pieghevoli ( dedicati sia al car-pooling che al Piano della Mobilità sostenibile: in formato A4, fronte retro in carta patinata gr. 150 con piega a 3 ante, chiusi 10 x21 cm.; ed infine stampa di cartoline 10 x 15 cm. in carta patinata con inserita la grafica del CAR POOLING ed i loghi della provincia di Teramo, di Agenda 21, della regione Abruzzo e di eventuali sponsor. I beneficiari dell intervento sono: tutti i residenti della Provincia di Teramo, sia con disponibilità sia senza disponibilità di auto privata, soprattutto per gli spostamenti sistematici di tipo pendolare. Riportiamo di seguito il manifesto predisposto per la campagna informativa dedicata al Car Pooling della Provincia di Teramo. Pag. 20 di 24

21 Figura 13: Manifesto per campagna informativa del Car Pooling della Provincia di Teramo Design S.I.P.E.T. 3.3 Considerazioni e prospettive future In conclusione si può affermare che l Area di Studio, dato l alto tasso di utilizzo dell auto per spostamenti caratterizzati da distanze medio lunghe, è un ambito ottimale per la promozione del Car Pooling. Tuttavia l elevata disponibilità di piattaforme web che offrono questo servizio renderebbe di fatto superflua, se non addirittura fuorviante, l istituzione di un ennesimo nuovo portale locale. Il rischio è che con un ulteriore dispersione di utenti sulle varie piattaforme disponibili causi una maggiore difficoltà nel reperimento di percorsi adatti alle proprie esigenze, producendo difatti un effetto di disaffezione e di giudizio negativo verso questa pratica. Altresì, risulterebbe opportuno avviare nell Area di Studio una campagna di informazione dettagliata dell esistenza di questi servizi e delle loro funzionalità, proprio perché in tale modo, oltre a pubblicizzare queste possibilità, si fornirebbero informazioni utili soprattutto agli utenti che per la prima volta accedono al servizio. In quest ottica sarebbe sicuramente opportuno che Agenda 21 Laghi, possibilmente con il supporto degli altri enti locali (Comuni, Provincia, ), aderiscano attivamente come sostenitori e promotori ad uno dei portali locali di Car Pooling. Il portale in considerazione del fatto che è attualmente patrocinato da importanti enti locali della Regione Lombardia (il Comune e la Provincia di Bergamo, la Provincie di Brescia, la Provincia di Milano e la fondazione Cariplo) rappresenta un ottimo esempio di applicazione di Car Pooling ad una realtà locale e per questo rappresenterebbe un buon canale per l estensione di questa pratica anche nella Provincia di Varese. Pag. 21 di 24

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli