IL PROGRAMMA DEI VERDI DEL TICINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGRAMMA DEI VERDI DEL TICINO 2015-2019"

Transcript

1 IL PROGRAMMA DEI VERDI DEL TICINO LAVORO ED ECONOMIA: Opposizione a questo modello di libera circolazione delle persone che sta distruggendo il nostro mercato del lavoro e il territorio, e sta riducendo la forza finanziaria dello stato Lotta al dumping salariale tramite la sollecita e completa attuazione dell iniziativa dei Verdi "Salviamo il lavoro in Ticino" Applicazione efficace e sostenibile dei contingenti Sostegno all'economia locale: es. acquisti, appalti, concorsi a km zero; valorizzazione dell'agricoltura e dell'artigianato ticinesi Sostegno alle aziende in grado di difendere i redditi dei residenti ticinesi, tramite preferenza nelle assunzioni ai residenti; reintroduzione del principio della preferenza indigena; introdurre criteri salariali e ambientali chiari nella LInn (Legge sull'innovazione economica) per favorire le assunzioni di residenti Realizzare una vera spending review (revisione della spesa) e un'analisi scientifica dei compiti dello Stato quale base per un sano riequilibrio delle finanze pubbliche 1

2 Trasformazione della Banca dello Stato del Canton Ticino in un istituto di credito pubblico che abbia come obiettivo primario quello di sostenere l economia e la società locale Sostegno alla piazza finanziaria ticinese durante la difficile transizione al nuovo regime di soldi puliti e scambi automatici di dati fra stati 2. TERRITORIO Pianificazione territoriale coordinata al livello regionale e cantonale con particolare attenzione alle aree industriali per ridurre il consumo di territorio e gli effetti irrazionali sulla mobilità. Valorizzazione del patrimonio storico e artistico urbano e difesa delle aree agricole e naturalistiche Nell ambito delle decisioni di sostegno economico alle attività imprenditoriali, tenere in considerazione i "costi nascosti" nell'impatto globale di un'azienda che s'insedia sul nostro territorio: es. sostenibilità finanziaria, assunzione di personale residente, impatto ambientale, interconnessione con le aziende già presenti sul territorio, infrastrutture, traffico, Traffico: contrastare i problemi causati soprattutto, ma non solo, dalla crescita del traffico pendolare da oltre-confine (piani aziendali di mobilità sostenibile, manager del traffico) Sicurezza: riduzione della microcriminalità, in particolare i furti nelle abitazioni. Investimento nei servizi di supporto e assistenza alle vittime di violenza domestica. Creazione di un osservatorio della criminalità organizzata Casa: favorire l'accesso all'alloggio delle famiglie con stipendi medi in un mercato immobiliare in cui i prezzi aumentano più velocemente degli stipendi. Ripensare i quartieri urbani con enfasi sul verde e sulla socialità (es. eco-quartieri). Permettere al contribuente di dedurre il costo degli investimenti destinati al risparmio d energia e alla protezione dell ambiente No alla costruzione di una seconda canna autostradale al Gottardo 3. ENERGIA E CLIMA Difesa della svolta energetica: uscita dal nucleare, efficienza energetica, 100% energie rinnovabili Elettrificazione del parco veicoli e sostegno all'energia solare Trasporti pubblici, trasporti integrati, mobilità aziendale, car-sharing (condivisione dell'auto) e mobilità dolce (bici, pedonale) 2

3 4. EDUCAZIONE E SCUOLA Più risorse alla scuola e a disposizione delle famiglie, a sostegno dei bambini e ragazzi in difficoltà, per ridurre gli svantaggi di chi appartiene a classi sociali sfavorite Messa in atto di un modello di monitoraggio dei risultati educativi che non tenga conto solo della performance ma anche di indicatori emotivi e sociali Promuovere l'educazione alla parità di genere e contro gli stereotipi di genere in tutte le scuole Arricchire il contenuto con materiali importanti per la qualità di vita (sviluppo sostenibile e politica ambientale, sicurezza dei minori in strada e in internet, violenza in famiglia) Ripensare il sistema dei livelli A e B nella scuola media Ripensare l insegnamento delle lingue: quali, per quanti anni, e in quali anni saranno studiate Assicurazione giuridica per i docenti 5. SANITÀ E SOCIALITÀ Affiancare al PIL (prodotto interno lordo) un indicatore diverso (es. Indice della felicità ) che misuri il benessere della popolazione Promuovere attivamente la parità salariale tra donne e uomini, e le pari opportunità di carriera Sostegno alle famiglie tramite sostegno a chi (donne e uomini) dedica tempo alla famiglia (cura dei figli, anziani, malati) es. agevolare la flessibilità negli orari di lavoro, il part-time, il job-sharing (condivisione di posti di lavoro) per uomini e donne che lo desiderano Miglior coordinamento e presa a carico di persone e famiglie in difficoltà, tramite un ombudsman cantonale destinato unicamente al settore socio-sanitario Spazi intergenerazionali: infrastrutture, formazione, attività (es. la nostra mozione per attivare una rete per i nonni in affitto ) Coinvolgimento dei beneficiari di prestazioni sociali (disoccupazione, assistenza) in servizi d utilità pubblica nel sociale e per l ambiente Creazione di una cassa malati pubblica intercantonale in concorrenza con quelle private Creazione in futuro di un unico ospedale cantonale che incorpori tutte le MAS (medicine altamente specializzate) e i mandati specialistici Nella sanità, garantire l'accesso alle prestazioni di base a tutta la popolazione, anche nelle zone discoste 3

4 LAVORO ED Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine ECONOMIA (1) Cosa bisogna fare Applicazione efficace e sostenibile dei contingenti I redditi devono essere dignitosi senza far capo alle assicurazioni sociali: combattere il dumping salariale e difendere i salari con contratti collettivi per tutti, e non solo tramite un salario minimo di base. Ridurre il preoccupante fenomeno dei padroncini, che mette in ginocchio le piccole imprese e gli artigiani Realizzare un marchio e un albo per le aziende in Ticino che possono dimostrare di pagare a tutti i loro dipendenti uno stipendio dignitoso cioè abbastanza per mantenere una famiglia (il concetto di un Living Wage in Gran Bretagna) Aumentare la disponibilità del credito bancario alle piccole e medie imprese che vogliono creare nuovi posti di lavoro Abolizione delle notifiche online per i padroncini Intensificare i controlli doganali sui padroncini Sostegno per la realizzazione di un albo e un marchio per gli artigiani ticinesi No alla tassazione ordinaria per i frontalieri Potenziare a livello cantonale i centri di ricerca agronomica, dotandoli di fondi specifici ad es. nel campo della ricerca sulla drosophila suzukii Sostenere l economia locale (es. acquisti, appalti, concorsi a km zero) Valorizzazione e promozione dei prodotti agricoli e artigianali ticinesi Sostegno all esportazione per il settore artigianale Attirare nuove aziende internazionali attive nella Green economy secondo criteri di sostenibilità e impiego di manodopera residente Creazione di posti di lavoro nella Green economy: investimenti nell efficienza energetica e nell energia rinnovabile (solare, eolico, biogas e biomassa) Creazione di nuovi posti di lavoro nell'economia di servizi locali: salute, trasporti pubblici, educazione, cultura, tempo libero Modificare il sistema di bonus/malus per impedire che si finanzino con soldi pubblici le aziende che sfruttano i lavoratori Attirare le aziende che: operino nei settori definiti strategici per il futuro del Ticino (es. Green economy, Digital economy, Educazione e Formazione); richiedano risorse umane coerenti con le competenze attuali o potenziali dei residenti; non richiedano un eccesso di territorio rispetto i posti di lavoro creati; inquinino poco; generino entrate al fisco cantonale; e rispettino le leggi, anche per evitare costi sociali nel settore della giustizia Sostenere l incubazione di piccole nuove aziende in settori chiave ad alto valore aggiunto (es. Green economy, Biotech, Digital economy) Credito locale (esempio di Nantes) Sviluppare una strategia cantonale e regionale in vista dell apertura di AlpTransit. Questa dovrebbe comprendere i più importanti settori economici del nostro cantone, quali la strategia industriale, il turismo, l edilizia e i servizi "Piano Marshall" per le vittime della ristrutturazione nel settore finanziario Dare la priorità negli appalti alle aziende locali Introdurre un registro dei disoccupati a cui accedono i servizi cantonali quando le ditte cercano degli addetti Obbligo per le ditte di segnalare ai servizi cantonali la ricerca del personale Ridurre l importazione di carburanti fossili per tutta l economia ticinese (per riscaldamento e mobilità) sostituendoli con fonti di energia sostenibile e locale 4

5 LAVORO ED ECONOMIA (2) Che cosa può fare la politica Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Approvare e implementare l'iniziativa dei Verdi "Salviamo il lavoro in Ticino", primo passo per un'efficace difesa dei salari Implementare le misure proposte nella mozione dei Verdi "Misure per il rilancio economico e ammortizzatori sociali" Introdurre una "preferenza cantonale" per le assunzioni da parte degli enti pubblici statali e parastatali, nonché degli enti privati, aziende e associazioni quando sono sovvenzionati dallo stato. Ascoltare e dare chiari segnali che il partito dei Verdi ha una nuova linea politica, più focalizzata sul sostegno all economia e sulle sinergie con la Green economy Creare un logo Ticino per quelle realtà imprenditoriali che privilegiano l assunzione di lavoratori residenti, in particolare giovani e ultra cinquantenni, e che formano apprendisti Incentivi finanziari per chi assume disoccupati di lungo periodo, giovani in formazione e beneficiari dell assicurazione invalidità Mantenere e migliorare le misure di sostegno all'inserimento professionale dei giovani; mantenere e migliorare gli incentivi all'assunzione come misure di contrasto degli effetti occupazionali sulla manodopera residente della libera Creazione di nuovi posti di lavoro nell'economia di servizi locali: salute, trasporti pubblici, educazione, cultura, tempo libero Sostenere e innovare l artigianato ticinese soprattutto per quanto attiene alla capacità di essere presente su mercati sovra-regionali Trasformare BancaStato da una banca normale, finalizzata a fare utili, a un istituto di credito pubblico che abbia come obiettivo primario quello di sostenere l economia e la società locale, in particolare le piccole e medie imprese locali che seguano un codice di condotta eco-sostenibile e responsabile. Il suo obiettivo primario dovrebbe essere di sostenere le imprese locali innovative, l artigianato, il turismo di qualità e tutte quelle attività che possono creare del valore aggiunto al nostro Cantone. Il modello dovrebbe essere quello del credito sociale di Nantes Elaborare una seria politica industriale che privilegi i settori ad alto valore aggiunto (sia umano che tecnologico) Inserire nella LInn (Legge sull'innovazione economica) criteri salariali chiari e criteri ambientali per favorire le assunzioni di residenti. I salari delle imprese che rientrano nella LInn, o sono comunque sovvenzionate con denaro pubblico, devono essere Opporsi a questo modello di libera circolazione delle persone che sta distruggendo il nostro tessuto sociale e lavorativo creando gravi tensioni tra la popolazione Sviluppare una reale economia territoriale che valorizzi le risorse e il sapere locali e abbia una visione sul futuro che sappia creare del valore aggiunto per il territorio in cui risiede Aumentare gli investimenti nelle startup più promettenti (garanzie alle banche che danno prestiti e sovvenzioni a fondo perduto alle imprese) Fornire consulenze alle banche che vogliono adottare il nuovo sistema di rating per allocazione di credito alle PMI Eliminare l utilizzo nel settore pubblico di carburanti fossili (riscaldamento dei palazzi pubblici e mobilità dei dipendenti pubblici), sostituendoli con fonti di energia sostenibile e locale 5

6 circolazione delle persone e della congiuntura economica Realizzare una vera spending review (revisione della spesa) dei compiti dello Stato, individuando quali costi si possono tagliare e quali settori debbano essere valorizzati Nelle pubbliche amministrazioni, nomine e assunzioni tramite concorsi meritocratici, tramite trasparenza e pubblicità dei criteri Ottimizzare gli enti e le strutture importanti presenti nel nostro territorio, quali le aziende elettriche, gli enti turistici, le strutture ospedaliere, quelle dei trasporti pubblici, i consorzi, i comuni, ecc. Prevedere un mediatore tra i dipartimenti che coordini il lavoro (spesso slegato e a compartimenti stagni) Banca Stato: incentivare attività economiche della Green Economy Sostegno della Banca dello Stato alle piccole e medie imprese locali che seguano un codice di condotta ecosostenibile e responsabile Stop alla politica attuale che agevola ogni arrivo di qualsiasi tipo di azienda, anche con basso o inesistente valore aggiunto Bloccare i ristorni al governo Italiano finché un nuovo, migliore accordo sia raggiunto dignitosi e permettere di vivere decentemente senza far capo all'assistenza. 6

7 LAVORO ED ECONOMIA (3) Quali attori privati potrebbero contribuire Come incentivare questi attori privati a contribuire Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Aziende private: creazione di posti di lavoro nella Green economy: investimenti nell efficienza energetica e nell energia rinnovabile Camera di commercio Associazioni di categoria Lanciare un dialogo con gli imprenditori sul tema Investire nella Green economy per i vostri profitti e la nostra crescita. Chiedere loro: In che modi il mondo politico potrebbe togliere le barriere agli investimenti nella Green economy? Ottimizzare le procedure, snellire la burocrazia Investitori italiani e internazionali specializzati nella Green economy Gli esperti del modello di Nantes Educarli sulla stabilità del nostro contesto fiscale-legale-amministrativo e sull accesso facile al mercato del nord Italia Lanciare un progetto pilota con Banca Stato per l utilizzo del nuovo metodo per la valutazione del credito che le banche danno alle PMI Fondazione AGIRE Le banche Gli esperti di Start up presso USI/SUPSI Sovvenzioni Garanzie Consulenza gratuita Come misurare i risultati ottenuti? Esempi di buone pratiche La qualità del dialogo e la disponibilità degli attori economici a portarlo avanti e collaborare per cercare soluzioni e strategie insieme L esempio di Nantes e del suo Istituto di credito Sito del progetto Sonantes: Pagina facebook - Sonantes : https://frfr.facebook.com/unemonnaiepournan tes Il Living Wage in GB (è ben al di sopra dello stipendio minimo ufficiale, e varia secondo il costo della vita locale) adesione volontaria di tante aziende britanniche Aumento del numero di persone occupate nel settore artigianale e agroalimentare, e nella Green economy Aumento della produzione agricola ticinese e della sua valorizzazione BancaStato come una banca solidale ed etica. Esempio della banca di Nantes Crédit Municipal de Nantes Banca solidale pubblica: Wir - Banca Wir Svizzera: Retz L - Loire-Atlantique Aumento del numero di PMI Aumento del numero di persone che lavorano nelle nuove aziende Aumento della produzione elettrica ticinese da fonti sostenibili Bristol Pound Moneta sostenuta dalla città di Bristol Chiemgauer Moneta locale della Baviera Sol Violette in circolazione a Toulouse 7

8 TERRITORIO: Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Pianificazione (1) Cosa bisogna fare Aumento della qualità di vita nell ambiente urbano: da città speculative a città-giardino Salvaguardia del verde urbano, degli alberi e dei giardini e parchi storici, migliore protezione dei nuclei storici, degli edifici storici e dei quartieri ottocenteschi Dezonare aree centrali di pregio e destinarle a parchi (città-giardino) Valorizzare gli spazi pubblici quali luoghi d'incontro, pedonalizzare centri storici e favorire il piccolo commercio e gli artigiani con misure puntuali Quartieri con strade a 30 km/h Ambiente naturale o fuori zona edificabile: Più iniziativa nella gestione del territorio (avere priorità chiare, decidere, agire) I comuni sono troppo autonomi (es. pianificazione territorio). Maggiore visione d insieme e meno sottomissione all economia La realizzazione di una pianificazione regionale su alcuni temi, sul modello attuato nel Canton Neuchâtel (es. lo sviluppo urbano, dei trasporti, della protezione del paesaggio, delle aree industriali) Vincolare determinate zone edificabili già esistenti a zone per eco-quartieri. In questi eco-quartieri, non solo le costruzioni dovrebbero essere Una visione globale Politica verde è prevenzione e non cura Salvaguardia della biodiversità e dei diritti degli animali La promozione di aree residenziali volte al futuro, più dense, di qualità, più connesse fra loro e nelle quali si privilegi una mobilità sostenibile, in cui la mobilità pubblica e leggera coprano la fetta maggiore Realizzare una galleria ferroviaria per i treni merce tra il Gambarogno e il Luinese per ridurre i rischi associati alle sostanze tossiche trasportate sul litorale del Lago Maggiore - Tutelare il terreno agricolo per impedire l aumento della zona edificabile all avanguardia e innovative dal punto di vista dell eco-edilizia e degli standard d efficienza energetica, ma particolare - Valorizzazione delle aree protette e dei corridoi ecologici importanza deve essere data alla qualità di vita dei loro abitanti. Quindi, Promozione di prodotti turistici sostenibili (ecoturismo) Riconversione delle aree industriali dismesse in aree di alta qualità; stop all arrivo di imprese, legate alla logistica o ad altri settori molte aree verdi, servizi, spazi comuni di socializzazione e, dove possibile, senz auto. Sostenere la produzione di prodotti agricoli di qualità e possibilmente biologici dell economia, che necessitano di tanto territorio e che creano molto traffico e poco valore aggiunto Che cosa può fare la politica Sostegno all iniziativa popolare Spazi verdi per i nostri figli Vegliare sul Piano di Magadino, in particolare nessun nuovo tracciato Valorizzare la filiera agricola ticinese di qualità e favorire la riqualifica 8

9 Sostegno all iniziativa popolare Un futuro per il nostro passato ) Stop alla costruzione dei capannoni della logistica (Baustopp) stradale all interno del Piano Definire i criteri per la valutazione dell impatto globale di un azienda, che tenga conto anche dei "costi nascosti": es. sostenibilità finanziaria, assunzione di personale residente, impatto ambientale, interconnessione con le aziende già presenti sul territorio, infrastrutture, traffico Prevedere criteri di selezione più precisi e vincolanti per le ZIIC, zone industriali d'interesse cantonale, e per le aree industriali in generale Promuovere uno studio e un piano di azione cantonale per riappropriarci delle rive pubbliche e addottare da subito una politica a tolleranza zero (promossa da Bill Arigoni) professionale dei lavoratori del settore TERRITORIO: Pianificazione (2) Quali attori privati potrebbero contribuire Come incentivare questi attori privati a contribuire Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Associazioni di contadini Associazione di cacciatori Gestori dei patriziati Associazioni alberghiere e dei ristoratori Associazioni industriali e commerciali Sostenere con mezzi adeguati gli agricoltori a meglio gestire i conflitti con la fauna selvatica Trovare obiettivi in comune Come misurare i risultati ottenuti? Aumento di offerta di turismo sostenibile Aumento delle dimensioni degli spazi verdi Indici di qualità della vita Evoluzione di tipologie di attività 9

10 Esempi di buone pratiche Aumento di offerta di prodotti agroalimentari locali Cassinetta di Lugagnano - piano regolatore a crescita zero Sito del sindaco Domenico Finiguerra (con informazioni sul PGT a crescita zero ): 12/il-piano-regolatore-di-cassinetta-dilugagnano/ Articolo del Corriere della Sera - I Comuni che dicono «basta così»: ttobre_18/pgt-crescita-zero- fagnani_1db905ec-f965-11e0-bc4b- 5084eabf7820.shtml Articolo il Sole 24 ore - Ecco i Comuni a crescita edilizia zero: t/mercato-immobiliare/ /ecco-comuni-crescita-edilizia php Vendita di prodotti agroalimentari locali Recupero di edifici abbandonati La pianificazione regionale di Neuchâtel Sito del Piano Direttore cantonale: Sito del Canton Neuchâtel: T/pdc/Pages/accueil.aspx Link al Piano Direttore regionale: T/Pages/Plans-directeursr%C3%A9gionaux.aspx TERRITORIO: Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Traffico (1) Cosa bisogna fare Trasporti pubblici più efficienti (meglio coordinati) Promozione del car-sharing (utilizzo di auto in condivisione): ogni auto in condivisione sostituisce 11 auto private in circolazione! Le ore di punta del traffico vanno allungate, spalmando il pendolarismo Il numero delle linee di autobus e le loro frequenze vanno potenziati per migliorare il servizio per gli utenti, soprattutto in periferia e durante la sera/notte e fine settimana, con attenzione ai bisogni dei giovani Creazione di un polo d innovazione tecnologica per il trasporto merci su I progetti immobiliari devono tenere obbligatoriamente conto del fattore mobilità Tenere la pressione sulla Confederazione per massimizzare il suo contributo nei grandi progetti No al raddoppio della galleria stradale del San Gottardo 10

11 di lavoro su più ore nella mattina e nella sera Riduzione del numero di parcheggi disponibili per unità/impiegato Stop alla costruzione di nuovi centri commerciali; rivalutazione delle attività commerciali nei centri urbani Introduzione dell obbligo aziendale di avere un manager del traffico Obbligo da parte dei comuni di realizzare dei piani di mobilità lenta (dolce) e pedonale Sostegno del Cantone ai progetti comunali di moderazione del traffico ferrovia Consolidamento delle aziende del trasporto pubblico Incentivazione della mobilità dolce con una rete cantonale di ciclopiste completa e sicura Aumentare l utilizzo di servizi di carsharing (utilizzo di auto in condivisione) Rendere i prezzi dei "treni-con-camion" più competitivi con i costi di utilizzo delle autostrade Maggiori deduzioni per i lavoratori che usano i trasporti pubblici Che cosa può fare la politica Le grandi organizzazioni pubbliche dovrebbero prevedere orari lavorativi scaglionati in modo negoziato e coordinato dal Dipartimento del Territorio (es. turni in ospedali, uffici dell amministrazione pubblica a tutti i livelli, banche pubbliche, lezioni universitarie) Sviluppo di app per l uso integrato dei diversi mezzi di trasporto Integrare meglio e con app, e modernizzare la vendita di abbonamenti treno/bus/bikesharing/carsharing/park Sviluppare e monitorare un'app gratuita al pubblico per smartphone/tablet/pc per coordinare e facilitare il car-pooling (un "mercatino" per la condivisione dei passaggi fra persone che non si conoscono) Tutti i dipendenti pubblici e gli studenti potrebbero ricevere un abbonamento Arcobaleno gratuitamente se usato per recarsi al lavoro o scuola almeno 3 giorni alla settimana (tanti già ricevono un rimborso parziale dai loro Comuni) Finanziare il miglioramento dell'offerta di trasporto pubblico tramite la partecipazione ai costi di aziende e dipendenti, con particolare attenzione al pendolarismo da oltre frontiera, possibilmente tramite un modello che tenga conto della distanza effettivamente percorsa Fiscalizzazione di tutti i posteggi dei centri commerciali e delle ditte e riversamento dei fondi raccolti a beneficio dei soli trasporti pubblici Il piano regolatore del territorio e i permessi futuri per nuove aziende e nuovi progetti immobiliari vanno approvati solo dopo aver valutato il fattore mobilità sostenibile Nel settore pubblico con risorse umane locali insufficienti, gli stipendi vanno alzati e le condizioni di lavoro migliorate per incoraggiare i residenti locali a entrare nella professione (es. insegnanti) 11

12 TERRITORIO: Traffico (2) Quali attori privati potrebbero contribuire Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine I grandi datori di lavoro privati (es. banche, fabbriche, società edilizie, negozi, ospedali e cliniche private). È importante che creino il ruolo del manager della mobilità, se non l hanno già I pendolari frontalieri e residenti I consumatori (chi fa shopping) le scuole e i genitori di scolari e studenti I grandi datori di lavoro privati (es. banche, fabbriche, società edilizie, negozi, ospedali e cliniche private) Gli elettori e i contribuenti che devono approvare e coprire i costi di questi grandi progetti infrastrutturali I gruppi di cittadini che lottano contro il raddoppio del tunnel San Gottardo I grandi imprenditori nel settore immobiliare Architetti e professori di architettura Come incentivare questi attori privati a contribuire Tutti i grandi datori di lavoro privati possono concordare di definire l inizio e la fine dei turni di lavoro in modo negoziato e coordinato dal Dipartimento del Territorio Vedi sopra: abbonamento Arcobaleno L obbligo di una pianificazione della mobilità sui tragitti casa-lavoro per aziende con più di 50 dipendenti Vedi sopra: tassa di mobilità imposta sulle grandi aziende Gli elettori devono vedere i buoni risultati di breve termine per essere convinti a fare grandi investimenti Accordare permessi per progetti economici solo quando rispettano alti standard ambientali e sono accompagnati da alto valore sociale Come misurare i risultati ottenuti? Diminuzione del tempo di transito medio, soprattutto nelle ore di punta Aumento di passeggeri in treno e autobus Utilizzo del servizio di car-pooling coordinato Diminuzione della vendita di benzina e diesel Aumento della qualità dell aria Riduzione dello stress causato del traffico Aumento della produttività personale Riduzione dei problemi respiratori nella popolazione Riduzione dei costi diretti (ospedalizzazione, medicine) e indiretti (giorni di lavoro persi) associati alle malattie respiratorie 12

13 TERRITORIO: Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Sicurezza (1) Cosa bisogna fare Presidiare il territorio Proteggere le stazioni di benzina e altre luoghi dove ci sono frequenti atti di criminalità Applicazione di strategie alternative per proteggere la popolazione dalla criminalità diffusa (es. investire in illuminazione utile per la sicurezza, come LED con sensori di movimento e altre tecnologie innovative; ma anche sostenere la vita di quartiere) Coinvolgere i singoli cittadini nel presidio del territorio, educandoli a comunicare meglio con le forze dell ordine pubbliche e private Favorire la completa indipendenza della magistratura. Promuovere una chiara divisione dei poteri, eleggendo i magistrati grazie a un concorso valutato da un organo superiore della magistratura, senza l intervento dei partiti politici, sul modello inglese o italiano Lotta all emarginazione sociale quale premessa di comportamenti criminosi Investire nei servizi di supporto e assistenza alle vittime di violenza domestica (es. consultori delle donne, case protette, ) Sviluppare una strategia e acquisire adeguate competenze per la lotta all infiltrazione di attività mafiose: (a) creando un osservatorio sulla criminalità organizzata che possa monitorare la situazione in Ticino, soprattutto in campo finanziario, immobiliare, della ristorazione e della movimentazione terra; (b) presentando delle iniziative che permettano al Consiglio di Stato ticinese di farsi attivo verso il Parlamento nazionale al fine di completare le norme legislative efficaci per il contrasto alla criminalità organizzata, come ad esempio norme più efficaci per il sequestro dei beni e l introduzione del reato di associazione a delinquere Che cosa può fare la politica Valichi doganali sorvegliati Potenziamento della polizia di quartiere Aumento del numero di effettivi sul terreno e nelle investigazioni, e riduzione di funzionari in mansioni amministrative Organizzare e pubblicizzare eventi per educare i cittadini contro la violenza in famiglia Restare sempre attenti alle decisioni e alle azioni compiute dalla Confederazione per presidiare il confine, in particolare i valichi doganali Maggiore formazione della polizia Alta integrazione dei corpi di polizia locale, favorendo le fusioni e lo sviluppo di corpi di polizia regionali e distrettuali Riqualificazione degli spazi pubblici, favorendo la presenza di cittadini Introdurre il reato di associazione a delinquere per contrastare in maniera più vigorosa le infiltrazioni mafiose Aumentare il numero di ispettori per il settore fiduciario 13

14 TERRITORIO: Sicurezza (2) Quali attori privati potrebbero contribuire Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Servizi privati di sicurezza e vigilanza Organizzazioni di cittadini Aziende che gestiscono ampi spazi; aziende pubbliche che gestiscono infrastrutture non presidiate (es. FFS) Tassisti e lavoratori notturni Associazione Tamagni SUPSI: sviluppo di app rilevanti Le banche I fiduciari Come incentivare questi attori privati a contribuire Assicurare una buona comunicazione e collaborazione con le polizie a tutti i livelli Coinvolgere l Associazione Tamagni nella ricerca di soluzioni Come misurare i risultati ottenuti? Esempi di buone pratiche Diminuzione di attività criminale Diminuzione di attività criminale Processi giudiziari portati a buon fine contro le mafie Smart Ville, Ginevra TERRITORIO: Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Abitazione Cosa bisogna fare Riduzione degli sprechi energetici, così da salvaguardare territorio, ambiente e consumatori Divieto di diffusione delle serre industriali in zona agricola Rallentare l aumento del canone di locazione Far approvare e attuare l iniziativa "Spazi verdi per i nostri figli" Concretizzare la legge d attuazione sulla protezione delle ville storiche (iniziativa"un futuro per il nostro passato") Salvaguardia del carattere agricolo e naturalistico del Piano di Magadino Costruzione di nuove case popolari Favorire i progetti realizzati dalle cooperative sociali dell alloggio sul modello di Zurigo e Ginevra Che cosa può fare la politica Ridurre lo spreco d energia nei palazzi di proprietà pubblica Favorire il co-housing (coabitazione) creazione di eco-quartieri Non incrementare le zone edificabili ma vincolare aree già esistenti (es. R5- Coordinamento da parte del Cantone degli sforzi (es. campagne informative) per contenere le pigioni e promuovere abitazioni a pigione moderata per persone in difficoltà Incrementare l edilizia popolare: Cambiare il piano regolatore per destinare più terreni alle cooperative sociali Emettere obbligazioni special purpose (= per uno scopo specifico) per finanziare progetti socialmente 14

15 R7) a zone residenziali con vincolo (pigione moderata) modificare il piano regolatore per imporre chiari vincoli (zona residenziale a pigione moderata) a zone già oggi edificabili utili Quali attori privati potrebbero contribuire Proprietari di case Gestori di appartamenti Associazioni inquilini Associazioni di consumatori Proprietari di uffici Gestori di uffici Imprenditori immobiliari Società di costruzione Architetti specializzati Investitori istituzionali (fondi pensioni privati e pubbliche, compagnie di assicurazione) Come incentivare questi attori privati a contribuire Sconti sui costi fatturati per le ispezioni programmate per chi collabora Sconti fiscali per conversioni di uffici in abitazioni Garantire prestiti privati per progetti di conversione approvati, con alti standard sociali e ambientali Vendere terra pubblica per progetti privati socialmente utili Usare l'influenza politica (il potere dei politici di pubblicamente richiamare) per incoraggiare i fondi locali a investire almeno il 20% dei loro patrimoni in Ticino Come misurare i risultati ottenuti? Rallentamento dell aumento nel costo medio di affitto Riduzione del numero di uffici vuoti Aumento di case familiari con affitti modesti Realizzazioni di nuovi progetti di case popolari e case di riposo ENERGIA E CLIMA Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Cosa bisogna fare Misure concrete per ridurre i consumi e aumentare l'efficienza energetica Progetti di riversione delle acque: Ritom 2 e Lucendro Sostegno all'energia solare (ancora insufficiente) Elettrificazione del parco veicoli Mobilità aziendale, trasporti pubblici, car-sharing e mobilità lenta (bici, pedonale) Difesa della svolta energetica (uscita dal nucleare, efficienza energetica, 100% energie rinnovabili) 15

16 EDUCAZIONE E Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine SCUOLA Cosa bisogna fare Sostegno ai compiti dei docenti (riconoscimenti e aggiornamenti, valorizzazione del lavoro interdisciplinare) Ridurre il carico delle materie Maggiore sostegno ai docenti nella gestione dei casi difficili già alle elementari. Protezione giuridica dei docenti. Più mense scolastiche e di migliore qualità (uso prevalente di cibi bio, locali e di stagione) Maggior sostegno nelle scuole media e superiore agli studenti bravi che provengono da famiglie modeste (bonus e borse di studio) Rivalutazione della manualità (lavori pratici, economia domestica, orti scolastici) Revisione del sistema a livelli per la scuola media, con classi più piccole e maggiormente cooperative per favorire l inclusione Trovare un nuovo equilibrio nel percorso scolastico fra i bisogni dell economia e la vita sociale e culturale dei cittadini (es. insegnare la gestione non violenta dei conflitti) Ripensare l insegnamento delle lingue (quali, quante, e quando) Arricchire il contenuto con materiali importanti per la qualità di vita (sviluppo sostenibile e politica ambientale, sicurezza dei minori in strada e in internet, violenza in famiglia) Promuovere l'educazione alla parità di genere e contro gli stereotipi di genere in tutte le scuole Messa in atto di un modello di monitoraggio dei risultati educativi che non tenga conto solo della performance ma anche di indicatori emotivi e sociali Mettere al centro dell educazione l individuo Introdurre il sistema finlandese (percorsi individuali in base alle potenzialità degli allievi) Che cosa può fare la politica Messa in sicurezza dei percorsi casascuola a piedi e in bicicletta Creare una rete e database e un'app di accesso ai tutor privati disponibili Priorità ai docenti residenti (rivedere il Fare una verifica generale delle dinamiche d inclusione ed esclusione della scuola media Creare una nuova figura professionale di tutor privato con orari di ricevimento Offrire incentivi fiscali (dove non esistono già) alle famiglie che pagano tutor privati per lezioni supplementari o ripetizioni ai propri figli 16

17 sistema dell abilitazione scolastica) nella scuola dopo le ore scolastiche (es. nel tardo pomeriggio, e tutto il pomeriggio del mercoledì nella scuola media) Limitazione degli apprendisti frontalieri Quali attori privati potrebbero contribuire Insegnanti in pensione Studenti universitari non ricchi Sviluppatori di app Disoccupati, dopo un percorso di formazione (es. nel settore bancario alcuni potrebbero essere tutor di matematica) Le scuole private Come incentivare questi attori privati a contribuire Occuparli come volontari Pagarli Condividere meglio le risorse (biblioteche, eventi speciali, ecc) SANITÀ E SOCIALITÀ: la salute Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Cosa bisogna fare Investire di più nella prevenzione Sostegno alla figura del medico di famiglia e alla medicina di base Favorire le case del parto e i reparti di parto fisiologico nell'ambito pubblico Trasparenza dei costi della salute Carta sanitaria e trasmissione elettronica della fattura Efficiente pianificazione ospedaliera; sviluppo di sinergie con istituti di eccellenza universitari Favorire l introduzione della medicina integrata negli ospedali, con l introduzione della medicina integrata nei curricoli di formazione delle professioni sociosanitarie Controllo dell offerta sanitaria nell'ambito stazionario e ambulatoriale Controllo delle prestazioni non necessarie (operazioni superflue, ecc.) Centralizzazione della medicina altamente specializzata e della medicina specialistica Garantire l'accesso alle prestazioni di base a tutta la popolazione, anche nelle zone discoste Riduzione dei letti nella sanità privata Che cosa può fare la politica Lanciare un'indagine sul peso dell industria farmaceutica nella formazione dei medici e nella ricerca Applicazione dei criteri di Zurigo per la pianificazione ospedaliera Creazione di una cassa malati pubblica intercantonale in competizione con Creazione in futuro di un unico ospedale cantonale che incorpori tutte le MAS (medicine altamente specializzate) e i mandati specialistici 17

18 quelle private Creazione di un polo d'eccellenza donna/madre/bambino (Frauenklinik) e di un polo oncologico Quali attori privati potrebbero contribuire Nuovo sistema di taxi per viaggi del tipo sanitario, utilizzando volontari invece di ambulanze SANITÀ E SOCIALITÀ: la socialità Nel breve termine Nel medio termine Nel lungo termine Cosa bisogna fare Creazione di spazi intergenerazionali, con spazi d incontro Più attenzione ai bisogni delle famiglie nella periferia Valorizzare le "mamme diurne" e i "papà diurni"; attivare una rete per i nonni in affitto (mozione dei Verdi) Coinvolgimento dei beneficiari di prestazioni sociali (disoccupazione, assistenza) in servizi d utilità pubblica nel sociale e per l ambiente Creazione di un passaporto del volontario che valorizzi il loro lavoro (es. per ottenere sconti) Creare una commissione parlamentare permanente per le questioni sociali e sanitarie (che permetterebbe una migliore vigilanza parlamentare e un migliore controllo delle politiche sociali e sanitarie) Affiancare al PIL un indicatore diverso (es. Indice della felicità ) che misuri il benessere della popolazione Ripensare radicalmente il welfare Convincere (anche con incentivi) le aziende a promuovere il part-time per donne e uomini, e ad attuare soluzioni concrete per permettere a entrambi, donne e uomini, di conciliare lavoro e cura della famiglia (figli, anziani, malati...) Creazione di spazi per gli animali domestici (es. dog park) nei comuni Sperimentare l impegno dei pensionati nelle scuole quali supporto per i docenti, dopo appositi corsi di formazione Semplificazione di tutte le leggi sociali cantonali, semplificazione delle linee direttrici d'impostazione di ogni intervento sociale e motivazione di dettaglio dei provvedimenti sociali da parte dell'amministrazione verso gli utenti, allo scopo di raggiungere l'obiettivo di equità teorica e percepita Parità salariale tra donne e uomini, e pari opportunità di carriera Sostegno al lavoro a tempo parziale e sviluppo di misure e incentivi economici a favore del tempo dedicato alla famiglia, ai figli, al volontariato, alla solidarietà e alla cultura Creazione di case intergenerazionali e case protette e alloggi a bassa soglia Sostegno alla creazione di centri culturali (autogestiti) per i giovani Incentivare più flessibilità negli orari di lavoro, part-time e job-sharing (condivisione di posti di lavoro) per le lavoratrici e i lavoratori che lo desiderano 18

19 Che cosa può fare la politica Una pianificazione cantonale dei posti in asilo nido e coordinamento con i comuni per assicurare un giusto finanziamento dei posti di lavoro, in base ai diversi contratti collettivi in vigore nel settore sociale Sostegno ai progetti di mentoring e agli operatori di strada Esenzione della tassa sui cani per i beneficiari AVS Aumentare l offerta di asili nido e doposcuola, e migliorare il loro livello di qualità Nel settore pubblico creare programmi per sostenere chi, uomo o donna, cerca un miglior equilibrio fra impegni di lavoro e famiglia Un migliore coordinamento e una migliore presa a carica di persone e famiglie in difficoltà, tramite un Ombudsman cantonale destinato unicamente al settore socio-sanitario Apertura di centri d aiuto e consulenza accessibili ai giovani e ai genitori Nel settore pubblico introdurre più flessibilità negli orari di lavoro, parttime e job-sharing per le lavoratrici e i lavoratori che lo desiderano Promuovere le pari opportunità fra donne e uomini in ambito politico: istituire l'obbligo di candidare almeno tante donne quanti uomini Quali attori privati potrebbero contribuire Gli animatori professionali Studenti durante le vacanze I creatori di attività inter-generazionali (es. inventori di giochi di società) Come incentivare questi attori privati a contribuire Sponsorizzare progetti che coinvolgono anziani e giovani assieme, svolti almeno in parte nelle case di riposo Una diaria per studenti che fanno lavori di pubblica utilità Come misurare i risultati ottenuti? Indice di felicità dei partecipanti in crescita Indice di felicità dei partecipanti in crescita Tessuto sociale più forte Documento adottato dall'assemblea dei Verdi del Ticino, a Bellinzona, il 24 gennaio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Agenda politica. FORUM 54 Donne Elettrici Elenco delle proposte. Area Pari Opportunità Piano d azione cantonale Educazione e Formazione

Agenda politica. FORUM 54 Donne Elettrici Elenco delle proposte. Area Pari Opportunità Piano d azione cantonale Educazione e Formazione Agenda politica FORUM 54 Donne Elettrici Elenco delle proposte Area Pari Opportunità Piano d azione cantonale Educazione e Formazione Area Economia e Lavoro Trasparenza dei diritti e dei doveri sul posto

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

Obiettivo 1 Strategie Azioni

Obiettivo 1 Strategie Azioni Obiettivo 1 Strategie Azioni Innovare i processi e le metodologie d'informazione e di comunicazione mirata Studiare e implementare nuove procedure per la gestione amministrativa e delle risorse umane Avviare

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea La cooperazione sociale in Italia Brevi spunti per farsi venire qualche idea Le coop sociali queste sconosciute 1. Quali e quante sono (3-4) 2. La cooperativa in quanto tale (5-11) 3. Che cosa prevede

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC)

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) Il ruolo dei Comuni nell attuazione del PEC Pomeriggio SvizzeraEnergia sui nuovi mezzi finanziari per la politica energetica comunale 10.9.2014 Giovanni Bernasconi Sezione

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it 1 I nostri obiettivi www.matelica5stelle.it 2 Ambiente Ogni aspetto della nostra vita - la sua stessa qualità - è riconducibile all ambiente a. Edilizia: promuovere un edilizia sostenibile, che punti al

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

Il lavoro a tempo... ma a che tempo?

Il lavoro a tempo... ma a che tempo? 1. Il tema: Il lavoro a tempo... ma a che tempo? 2. Gli interrogativi sul tema - Quale lavoro e per quanto tempo? - Aiutare il lavoro vuol dire penalizzare le imprese? - Come uscire dalla crisi non togliendo

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 PROGRAMMA ELETTORALE 2015 ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 1 Reddito di cittadinanza regionale - 580 euro a persona per chi è nella soglia di povertà (ISEE fino a 3000 euro) - 1200 euro per nuclei familiari

Dettagli

3 TRAGUARDI DEL PD per una LIGURIA + giovane + verde + trasparente

3 TRAGUARDI DEL PD per una LIGURIA + giovane + verde + trasparente Liguria 3 RGURD DEL PD per una LGUR + giovane + verde + trasparente l Partito Democratico ha sempre dato la massima priorità al lavoro e alla sua dignità come elemento irrinunciabile della propria azione

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020"

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione Imprenditorialità 2020 Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020" È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco *. 2. Questionario Nel resto di questa

Dettagli

Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it

Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it NSA Via Bassa, 1 Arzergrande 35020 (PD) Tel 049, 9720205 Fax 049.9720690 E-mail coop.germoglio@libero.it La Cooperativa Germoglio è una Cooperativa Sociale nata nel 1989 ad opera di una decina soci fondatori,

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

I Distretti Rurali Paolo Lassini

I Distretti Rurali Paolo Lassini Progetto FILARE AGRICOLTURA E BIODIVERSITÁ I Distretti Rurali Paolo Lassini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 USMATE VELATE Via Luini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 Aula Magna scuola media B. Luini Il

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Monica Rivelli La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La costituzione della Fondazione per l Educazione Finanziaria

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

1. REDDITO MINIMO GARANTITO

1. REDDITO MINIMO GARANTITO 1. REDDITO MINIMO GARANTITO 28% delle famiglie pugliesi vivono in condizioni di povertà relativa La Puglia è al quartultimo posto per reddito medio in Italia Fonte: Dati Svimez 2012 e ISTAT 2013 2. DIRITTO

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia.

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Chi siamo 01 Progettiamo, costruiamo e gestiamo reti gas ed elettricità per portare energia sicura in case, imprese e istituzioni. Dietro

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

Il Welfare integrato

Il Welfare integrato Le Casse Tecniche per la semplificazione della previdenza privata: 10 proposte per il Governo. 23 luglio 2014 - Sala delle Colonne Camera dei Deputati Il Welfare integrato Valerio Bignami EPPI - ENTE DI

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online.

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online. Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione della Conferenza stampa Padroncini e distaccati, una situazione da correggere 26 luglio 2013 Fa stato il discorso orale Pagina 1

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA DELLA RIFORMA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Uno Stato più snello e dinamico per non morire di burocrazia UNA RIFORMA TRE PRINCIPI SEMPLIFICARE LA VITA DEI CITTADINI AIUTARE CHI INVESTE TAGLIARE GLI SPRECHI

Dettagli

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Fabienne Bonzanigo Dipartimento del territorio, Evento per le aziende Manno, 27 novembre 2013 Contesto La domanda di mobilità cresce

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo I successi del 2009-2014 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) Identificativo Ente Dati anagrafici Cognome e Nome 1.. Nome Università/Ente.. Area didattica. 2a) FESR La proposta di Regolamento

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti"

Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello Condomini Intelligenti Un approccio di sistema per dare concretezza al tema della riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: il modello "Condomini Intelligenti" Marco CASTAGNA Milano, 20 marzo 2015 Un approccio di

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

SINISTRA ARCOBALENO PARTITO SOCIALISTA

SINISTRA ARCOBALENO PARTITO SOCIALISTA In vista delle elezioni politiche del 13 e 14 aprile e dell incontro da noi organizzato il 31 marzo 2008, abbiamo pensato di esaminare i programmi dei vari partiti e di produrre un documento che mette

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità:

Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità: Ambiente ed energia Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità: 1. SOSTENIBILITA ENERGETICA 2. MOBILITA SOSTENIBILE 3. RIFIUTI

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli