ALLEGATO 3 STUDIO VIABILISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 3 STUDIO VIABILISTICO"

Transcript

1 ALLEGATO 3

2 SOMMARIO A.1 Inquadramento territoriale... 3 A.1.1 RETE STRADALE ESISTENTE E FUTURA... 3 A.2 Rete del trasporto pubblico... 7 A.2.1 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO ESISTENTE... 7 A.2.2 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO PIANIFICATA... 8 B. RETE DELLA MOBILITÀ CICLABILE C. ACCESSI E CIRCOLAZIONE INTERNA D. TRIP GENERATION D.1.1 Personale medico ospedaliero D.1.2 Utenti e visitatori alla degenza E. ANALISI DELLA DOMANDA DI SOSTA F. LE AREE DI SOSTA G. POLITICA DI RIDUZIONE DOTAZIONE DI SOSTA ADDETTI H. ANALISI DELL'IMPATTO DI TRAFFICO I. SCENARIO DI CANTIERE

3 Il presente studio ha per oggetto l'analisi dell'accessibilità al nuovo polo ospedaliero, sia in relazione al trasporto pubblico che a quello privato, la circolazione interna, la stima della dotazione di sosta e la localizzazione delle aree a parcheggio. A.1 Inquadramento territoriale A.1.1 RETE STRADALE ESISTENTE E FUTURA L ambito di intervento in cui verrà realizzata la nuova Città della Salute della Ricerca e della Didattica, in cui verranno trasferiti l Istituto Nazionale dei Tumori e l Istituto Neurologico Besta, è situato nel Comune di Sesto San Giovanni, all interno del PII area ex Falck, a breve distanza da importanti assi viabilistici: - autostrada A4 TO-MI-VE; - tangenziale EST A51; - tangenziale Nord A52 che lambisce l area del PII consentendo l accesso sull A4 E sulla SP5; - SP5/SS36 del lago di Como e dello Spluga; - SS11 Strada Padana Superiore. Nella figura sottostante si analizza la configurazione attuale e futura del sistema infrastrutturale a scala vasta rispetto all area di intervento. Figura 1 La rete stradale esistente e pianificata a scala vasta (fonte:elaborati PII approvato) 3

4 A scala vasta gli interventi previsti sulla rete viaria sono costituiti da: nuova Tangenziale Est Esterna completamento della strada interquartiere nord, che costituisce un nuovo itinerario con caratteristiche di viabilità urbana, che si sviluppa trasversalmente nel settore nord della città, congiungendo l'area di Cascina Merlata e di Quarto Oggiaro (ad ovest) con il nodo di Cascina Gobba (ad est), riqualificazione della SS11 Padana Superiore e della SP 103 Cassanese. Figura 2 La rete stradale esistente (fonte: elaborati PII approvato) 4

5 La fonte principale è costituita dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (2003). A scala locale la rete, descritta nella figura seguente, è quella prevista dal PII per le aree Ex Falck e lo scalo ferroviario. Figura 3 La rete stradale pianificata (fonte: elaborati PII approvato) In particolare lo scenario di riferimento infrastrutturale dell orizzonte insediativo del PII comprende i seguenti progetti viabilistici principali esterni all area di intervento: completamento dell interramento SP5; itinerario interquartiere nord (Certosa Gobba); svincolo Pelucca; prolungamento nord di Viale Edison e connessione con lo svincolo Viale Italia / Raccordo Tangenziale Nord nella configurazione di una corsia per senso di marcia; 5

6 rampa di connessione diretta viale Edison Tangenziale Nord, quale scenario alternativo e ipotesi di minima del cosiddetto terzo svincolo, attualmente in fase di approfondimento analitico a scala ampia). In particolare, il disegno portante del nuovo schema della viabilità urbana sestese sarà assicurato dal completamento funzionale del Ring, al fine di declassare dal ruolo di viabilità primaria territoriale itinerari prettamente urbani quali Viale Gramsci e Viale Italia. Il nuovo asse andrà a rivestire la funzione di tangenziale urbana, capace di assorbire importanti componenti del traffico di puro attraversamento che insistono attualmente sulle direttrici di Via Gramsci e Viale Italia, creando allo stesso tempo un efficiente connessione con il sistema autostradale. La natura di tal intervento comporta il ridisegno del nodo di connessione con Viale Italia e Via Muggiasca e, conseguentemente, la ridefinizione del sistema di rampe con la Tangenziale Nord. L intervento prevede la realizzazione di un sottopasso che dia continuità al ring e a Viale Edison e un sistema a raso di adeguate dimensioni che gestisca le manovre di svolta da e per la tangenziale; questa opera viene resa necessaria in quanto risulta essere il punto di criticità dell intero sistema di relazione sovracomunale e, di conseguenza, non solo per il progetto di trasformazione, ma per l intero territorio comunale. 6

7 A.2 Rete del trasporto pubblico A.2.1 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO ESISTENTE L'area di intervento è situata nel quadrante nord-est dell'area urbana milanese ed è direttamente servito dalla linea metropolitana M1 e dal passante ferroviario (linee S8, S9, S11), oltre che da diverse linee urbane ed interurbane di autobus descritte nella figura seguente. Figura 4 La rete del trasporto pubblico esistente (fonte: elaborati PII approvato) 7

8 A.2.2 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO PIANIFICATA Nell assetto futuro, oltre al possibile prolungamento della linea M1 verso Monza, con l implementazione del masterplan è prevista l attivazione di due nuove linee di trasporto pubblico su gomma, che si sviluppano sulle due direttrici principali, sulle quali sono collocate la maggior parte delle funzioni previste dal PII: una TRASVERSALE (da Cusano Milanino a Cascina Gobba linea rossa nell immagine successiva), con prevista utilizzazione del sottopasso realizzato in prossimità della stazione ferroviaria di Sesto FS, e una LONGITUDINALE (da Milano viale Fulvio Testi linea blu nell immagine seguente, con previsione di percorso attraverso via Fiume, prosegue su viale Italia e si attesta sulle aree Ex Vulcano). Figura 5 Le linee del trasporto pubblico pianificate (fonte: elaborati PII approvato) 8

9 La linea Longitudinale, in particolare, transiterà sull asse che corre lungo il lato meridionale del comparto e avrà una fermata in prossimità dell area di intervento. A polo ospedaliero completato l accessibilità su trasporto pubblico sarà dunque garantita dalla linea metropolitana M1, dalla linea ferroviaria e dal nuovo servizio di trasporto su gomma; in uno scenario di lungo periodo ma con margini di incertezza maggiori, l accessibilità potrà essere ulteriormente migliorata grazie alla deviazione del prolungamento del tracciato attualmente previsto per la linea metropolitana M5 (in costruzione nel tratto Garibaldi - Bignami) ed il suo passaggio nel territorio comunale di Sesto San Giovanni, in conformità al tracciato proposto dal PGT comunale. La variante proposta dal PGT di Sesto San Giovanni prevede la realizzazione di tre fermate aggiuntive ed uno sviluppo del tracciato più lungo di circa 1.3 Km rispetto alla proposta contenuta nel Piano Urbano della Mobilità del Comune di Milano. Figura 6 Prolungamento della linea M5 variante del PGT di Sesto San Giovanni (fonte: elaborati PII approvato) 9

10 B. Rete della mobilità ciclabile La planimetria in questa mostra la rete ciclabile esistente e i tratti previsti dal masterplan e dagli strumenti di pianificazione comunali e provinciali. Figura 7 La rete delle piste ciclabili esistenti e pianificate (fonte: elaborati PII approvato) Attualmente gli assi principali interessati dalla presenza di piste ciclabili sono Viale Casiraghi, Viale Gramsci, Via Monte Grappa, Via Rovani, Via Cantù, Via Vulcano, Via Adige e Via Marx. Nel 2009 il Comune di Sesto San Giovanni ha inaugurato la nuova Bicistazione localizzata in Piazza 1 Maggio a lato della stazione, servizio che offre sia il deposito delle biciclette che il noleggio a pagamento e favorisce l uso integrato tra ferrovia, metropolitana e bicicletta. Il Piano Generale del Traffico Urbano del Comune di Sesto San Giovanni, approvato nel 2008 propone una rete di piste ciclabili tangenziali e radiali che assicura le connessioni tra i principali poli attrattori della città. 10

11 La nuova rete ciclabile proposta è costituita da un insieme integrato di percorsi ciclabili riservati e ciclopedonali in uso promiscuo, da percorsi all interno di zone 30 o strade vicinali a scarso traffico veicolare e da percorsi nelle aree verdi. I percorsi proposti da PGTU a sistema con quelli proposti dalla Proposta Definitiva di PII, prevedono quattro principali connessioni tra la città di Sesto San Giovanni a ovest della ferrovia e quella ad est identificabili, partendo da sud, nel sottopasso ciclopedonale di Sesto Rondò, nel sottopasso Campari, nella nuova stazione ferroviaria di Sesto 1 Maggio e nel Cavalcavia Vulcano. Proprio lungo l asse che corre lungo il lato meridionale del comparto, è prevista la realizzazione di una connessione ciclabile che, sfruttando l infrastruttura della stazione ferroviaria passante, andrà a mettere in comunicazione la rete ciclabile del masterplan con il sistema di percorsi ciclabili esistenti e di progetto localizzati a ovest della ferrovia. La rete delle piste ciclabili è, infine, completata dagli itinerari ciclabili all interno del Parco in grado di connettere le Aree Ex Falck al tessuto cittadino consolidato e a nord alle aree di trasformazione del Vulcano. Tale offerta di itinerari ciclabili andrà quindi a rafforzare l accessibilità all area ospedaliera. 11

12 C. Accessi e circolazione interna Figura 8 Il sistema degli accessi. Alla luce dell offerta attuale e pianificata a livello di rete stradale, l accessibilità veicolare al polo ospedaliero avverrà quasi esclusivamente da nord-ovest (dal Cavalcavia Buonarroti) e da nord-est (da via Trento). Il cavalcavia Buonarroti garantirà accessibilità da nord-ovest e costituirà un itinerario primario di collegamento tra area di sviluppo della CDSR con le aree ad ovest della ferrovia. L accessibilità da nord-est si realizzerà attraverso la nuova viabilità nord-sud dei PII Decappaggio e Vulcano collegandosi al sistema viabilistico principale di Via Edison e dello svincolo della Tangenziale, permettendo l accesso da nord, da est e da ovest. 12

13 Esiste la possibilità di raggiungere il futuro polo ospedaliero seguendo un itinerario alternativo da sud di Via Mazzini e di Via Acciaierie (classificato come strada di quartiere), passando per la nuova viabilità in fregio alla stazione ferroviaria; l itinerario da nord è assolutamente preferibile poiché non impegna il territorio consolidato di Sesto e si appoggia direttamente sulla viabilità espressa. Non viene previsto un sistema di circolazione interno a raso: l accessibilità degli utenti è prevista prevalentemente attraverso l eccellente offerta di trasporto pubblico presente nell area e che verrà ulteriormente potenziata nel prossimo futuro. Saranno inoltre previste aree di sosta all interno dell area del PII che potranno essere utilizzate dagli utenti del nosocomio. Per quanta riguarda l accesso alle aree di carico e scarico e al polo tecnologico, su via Trento, in corrispondenza della rotatoria pianificata, sarà situato l accesso e l uscita dei mezzi di servizio; essi potranno anche proseguire attraverso un sistema di circolazione sotterraneo a senso unico che sbocca lungo la nuova Via delle Acciaierie. D. Trip Generation Per il calcolo dei flussi veicolari attratti e generati dal comparto ospedaliero di progetto in un giorno feriale medio, due analisi differenziate sono state condotte rispettivamente per il personale ospedaliero e per gli utenti della futura "Città della Salute". Nelle tabelle seguenti sono presentati i dati sul numero di personale medico/ospedaliero operante nel comparto di progetto e del numero ipotizzato di visitatori giornalieri D.1.1 Personale medico ospedaliero Date le stime relative al personale operante nell ospedale di progetto, saranno calcolati i volumi di spostamenti attratti e generati e la distribuzione temporale di quest ultimi, in funzione degli orari lavorativi delle diverse categorie di addetti. Nella tabella in basso sono identificate le quattro macro categorie alle quali è stato associato uno specifico profilo orario di entrata e uscita dal comparto ospedaliero. Tecnici 502 Amministr 651 Infermieri 996 Medici 663 Addetti INT BESTA TOT Medici Infermieri Tecnici Amministrativo Totale Figura 9 - Personale medico-ospedaliero, suddivisione in categorie. Gli orari di entrata/uscita del personale sono stati dedotti dagli orari di apertura dei diversi dipartimenti dell ospedale e integrati con informazioni ricavate da interviste. Il numero totale di spostamenti addetti, distribuito lungo l'arco della giornata, viene calcolato applicando i profili orari ai totali di addetti per categoria. La successiva applicazione di un coefficiente di occupazione veicolare e della ripartizione modale, trasforma il numero di spostamenti in numero di veicoli in ingresso ed uscita dal futuro complesso ospedaliero "Città della Salute" Ripartizione modale = (48% automobile) 13

14 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 (fonte: P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R-002-2, P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R-002-3). La scelta di tale valore di ripartizione modale deriva dallo studio dei documenti di piano, i quali presentano un quadro completo della mobilità pubblica/privata nell'area di trasformazione Ex-Falck. Si fa riferimento al capitolo "Analisi della domanda di sosta", ed in particolare alla scheda di descrizione degli scenari, per una trattazione più approfondita di tali tematiche. Di seguito sono rappresentati i flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero; i valori riportati in grafico rappresentano il numero totale di veicoli attratti e generati relativi a personale ospedaliero (flussi in entrata e uscita ad intervalli di 30 ) TOTALE ADDETTI INGRESSI TOTALE ADDETTI USCITE Figura 10 - Flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero, (nr. veicoli/30min). D.1.2 Utenti e visitatori alla degenza In assenza di dati definitivi sul numero di visitatori giornaliero previsto per l ospedale di progetto, sono state realizzate stime preliminari sulla base dei valori riportati nei seguenti documenti: Documento Preliminare alla Progettazione - DPP ottobre 2010 e Analisi di accessibilità realizzata da AMMA per l'ospedale Sacco, Milano. Ambulatori Esami 2416 DH/DS 194 Ricovero 117 Visite a degenti 1438 Utenza INT BESTA TOT Ricovero DH/DS Ambulatori Esami Visite a degenti Totale Figura 11 - Utenza e visitatori del complesso ospedaliero, suddivisione in categorie. Le stime suggeriscono un afflusso giornaliero di visitatori e utenti, al comparto ospedaliero di progetto, di circa 4165 persone. Ad ogni categoria di utenza è stato associato un profilo giornaliero di entrata e di uscita dal comparto ospedaliero, in base alle caratteristiche specifiche proprie di ciascuna categoria. L applicazione dei profili giornalieri al numero totale di visitatori e utenti, produce il grafico degli spostamenti veicolari attratti e generati dal comparto ospedaliero di progetto. Applicando in ultimo la ripartizione modale riportata nel già citato documento di piano, dal calcolo risultano i flussi veicolari dell'utenza, in ingresso ed uscita dal comparto ospedaliero, rappresentati nei due grafici in basso. 14

15 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 Ripartizione modale = (65% automobile) fonte: P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R-002-2, P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R TOTALE UTENTI INGRESSI TOTALE UTENTI USCITE Figura 12 - Flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero, (nr. veicoli/30min). E. Analisi della domanda di sosta La stima preliminare della domanda di sosta addetti e utenti del futuro complesso ospedaliero è stata dedotta dai relativi profili di ingresso ed uscita dei veicoli dal comparto ospedaliero, presentati nel paragrafo precedente (cfr. Trip Generation). Dall analisi dei documenti di piano sono state ricavate le ripartizioni modali relative all area di interesse, vedi scheda descrittiva degli scenari di ripartizione modale nella seguente. A partire da tali quantità e dal numero di spostamenti attratti e generati dal futuro complesso ospedaliero, è stata stimata la domanda di sosta preliminare. altro 6.8% moto 9.2% tpl 43.8% auto 40.1% Figura 13 - Ipotesi di ripartizione modale relativa allo scenario SC01. Sono stati approntati cinque diversi scenari domanda di sosta a partire dalle diverse ipotesi di ripartizione modale futura per l'area di studio, presentate nei documenti di piano ( P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R , P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R-002-3). 15

16 SC 01 Scenario di minima domanda di sosta Ipotizzato sulla base dei valori di ripartizione modale utilizzati per le analisi di traffico, (documento P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R ). La ripartizione modale è riferita nello specifico agli spostamenti attratti e generati dalla zona 873 del modello di simulazione, ovvero l'area che andrà ad ospitare il futuro complesso ospedaliero Città della Salute. SC 02 Scenario domanda di sosta media - A ipotizzato sulla base dei valori riassuntivi di ripartizione modale citati nel documento relativo alla stima della domanda di sosta per l'intera area di trasformazione Ex-Falck, (documento.p.i.i 5.07_SSG-SSGX-SYS- AT-R-002-3). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck. SC 03 Scenario domanda di sosta media - B Ipotizzato sulla base dei valori di ripartizione modale utilizzati per la costruzione dello scenario di Reference nello studio di traffico, (documento P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R ). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck. SC 04 SC 05 Scenario di massima domanda di sosta Domanda di sosta calcolata in coerenza con le modalità utilizzate nel documento relativo alla stima della domanda di sosta per l'intera area di trasformazione Ex-Falck, (documento.p.i.i 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R ). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck, ed è dichiarata come "cautelativa". Scenario "Ospedale Sacco" Domanda di sosta calcolata su valori di ripartizione modali relativi alla zona di Quarto Oggiaro/ Ospedale Sacco La ripartizione modale è rappresentativa degli spostamenti attratti e generati dall'ospedale Sacco, che è localizzato in una zona scarsamente servita dal trasporto pubblico Figura 14 - Scheda descrittive degli scenari di ripartizione modale e domanda di sosta 16

17 5:30 6:30 7:30 8:30 9:30 10:30 11:30 12:30 13:30 14:30 15:30 16:30 17:30 18:30 19:30 20:30 21:30 22:30 23:30 0:30 5:30 6:30 7:30 8:30 9:30 10:30 11:30 12:30 13:30 14:30 15:30 16:30 17:30 18:30 19:30 20:30 21:30 22:30 23:30 0:30 Per i diversi scenari di ripartizione modale è stata calcolata la relativa domanda di sosta per il complesso ospedaliero. Nel calcolo sono stati utilizzati coefficienti di occupazione veicolare variabili in funzione delle diverse categorie, come utenti, addetti (tecnici, amministrativi, medici e infermieri) e visite alla degenza. In media per gli addetti è stato utilizzato un coefficiente di 1.2 persone/veicolo. Domada di sosta ADDETTI Ripartizione Modale Domanda di sosta Domada di sosta UTENTI Ripartizione Modale Domanda di sosta auto moto n stalli auto n stalli moto auto moto n stalli auto n stalli moto SC % 9.2% SC % 6.0% SC % 5.1% SC % 5.0% SC % SC % SC % SC % SC04 SC03 SC02 SC SC5 SC4 SC Figura 15 - Stima preliminare della domanda di sosta per gli utenti e addetti Cds Tra quelli proposti, sono stati individuati i due scenari più rappresentativi per il sistema di spostamenti e per la sosta del complesso ospedaliero della Città della Salute. Per gli utenti si ritenuto utile garantire una ampia offerta di sosta, è stata dunque individuata come possibile offerta minima di parcheggio quella descritta dallo scenario SC04. In questa fase preliminare, per gli addetti non è stato scelto lo scenario SC01, perché calcolato su una ripartizione modale non aggiornata alle nuove funzioni installate nel masterplan. Lo scenario SC02 produce invece risultati adeguati ed è costruito sulla ripartizione modale media dell area di trasformazione Ex-Falck (48% gli spostamenti in auto), valutata come più affidabile. Per entrambe le curve di occupazione il picco di domanda di sosta si realizza al mattino; la massima domanda di sosta addetti si attesta intorno ai 939 posti auto. La domanda di sosta esterni raggiunge un massimo di 611 posti auto; il valore risulta radicalmente più basso dato l'elevato tasso di turnover caratteristico della sosta utenti (sosta media circa 2 ore, fonte: dati analisi della sosta del parcheggio utenti "Ospedale Luigi Sacco"). 17

18 F. Politica di riduzione dotazione di sosta addetti Con l'intento di promuovere politiche di riduzione dell'utilizzo del mezzo privato, in favore di un incremento dell'uso del servizio di trasporto pubblico, all'interno di una strategia generale di sostenibilità dell'intervento, si è presa in considerazione l'ipotesi di una riduzione della dotazione di sosta addetti. La variazione della ripartizione modale in favore del trasporto pubblico è determinata dall implementazione di una efficiente rete di trasporto pubblico e dall'introduzione di politiche volte a scoraggiare l uso dell automobile, quali la tariffazione della sosta. La domanda di sosta diminuisce inoltre all'aumentare del coefficiente di occupazione veicolare. L'introduzione di politiche di car-pooling tra addetti della futura "Città della Salute" ed uno studio degli spostamenti casa/lavoro per l'ottimizzazione dei percorsi, sono entrambi validi strumenti a disposizione del futuro Mobility Manager del nuovo sviluppo ospedaliero. A tale proposito è stato realizzata un'indagine sugli spostamenti del personale delle due aziende ospedaliere INT e Besta. Il "Questionario mobilità" dei dipendenti è stato consegnato ad Ottobre 2012 e la presentazione dei risultati dell'indagine, a fine 2012, potrà andare ad affinare le valutazioni preliminari qui redatte e predisposizione di possibili strategie per l'ottimizzazione degli spostamenti casa/lavoro. Figura 17 - Schede del "Questionario Mobilità", per la realizzazione del piano degli spostamenti casa-lavoro del personale Città della Salute. 18

19 5:30 5:30 6:30 6:30 7:30 7:30 8:30 8:30 9:30 9:30 10:30 10:30 11:30 11:30 12:30 12:30 13:30 13:30 14:30 14:30 15:30 15:30 16:30 16:30 17:30 17:30 18:30 18:30 19:30 19:30 20:30 20:30 21:30 21:30 22:30 22:30 23:30 23:30 0:30 0:30 Nell intento di ottimizzare l utilizzo del suolo dedicato ad area di sosta, si può notare come l introduzione di politiche di riduzione dell utilizzo dell automobile, come ad esempio una strategia di car-pooling aziendale, possano direttamente influire sulla domanda di sosta dell intero complesso ospedaliero. Andando ad aumentare il coefficiente di occupazione veicolare ad un valore di circa 1.3 persone/veicolo (+10%), si ottiene una sensibile riduzione nella domanda di sosta, come evidenziato nella tabella sottostante SC pers/veicolo SC02 SC02 SC pers/veicolo Domada di sosta ADDETTI Ripartizione Modale auto moto Domanda di sosta n stalli auto differenza SC % 9.2% SC % 6.0% SC % 5.1% SC % 5.0% Figura 18 - Riduzione della domanda di sosta (car-pooling aziendale), per gli addetti Cds. 19

20 G. Le aree di sosta Figura 16 L area di sosta per gli addetti. L'immagine in questa descrive la localizzazione delle aree di sosta per i dipendenti nell'area di progetto. Il parcheggio interrato di 850 posti auto per gli addetti sarà situato alle spalle del nuovo polo ospedaliero e avrà diversi punti di ingresso ed uscita collocati lungo via delle Acciaierie. In linea con le analisi della domanda di sosta descritte nei paragrafi precedenti, per gli utenti e i visitatori saranno messi a disposizione 650 posti auto all interno delle aree contermini del PII. 20

21 H. Analisi dell'impatto di traffico L'area di trasformazione Ex Falck individuata come sede del futuro complesso Città della Salute è una vasta area ex industriale attualmente in disuso, all'interno dei confini del Comune di Sesto San Giovanni. Nel quadro degli studi preliminari, in preparazione agli interventi di riqualificazione, l'area è stata oggetto di un approfondito studio di traffico veicolare (vedi, 5.02 SSG-SSGX-TRM-AT-R Il sistema della Mobilità - Analisi macromodellistiche - Stato di fatto e scenari di progetto - Ora di punta della mattina, realizzato da TRM Engineering). Tale studio è stato realizzato allo scopo di valutare le possibili ricadute viabilistiche conseguenti alla realizzazione dell'insieme degli interventi di riqualificazione, rigenerazione e di valorizzazione degli Ambiti di Trasformazione Strategica ATs1 e ATs2 di PGT vigente, così come contemplati nella proposta definitiva di Programma Integrato di Intervento (c.d. "Programma Integrato di Intervento Aree Ex Falck e Aree Ex Scalo Ferroviario), attuativa delle previsioni contenute nel vigente strumento di Governo del territorio. Le analisi volte alla verifica di sostenibilità dell intervento sono state articolate attraverso una serie di passaggi metodologici, che hanno coinvolto sia l assetto viabilistico, sia l assetto del Trasporto Pubblico Locale (TPL) attuale e di previsione. La valutazione dell'impatto che il complesso ospedaliero Città della Salute avrà sul traffico di base dovrà essere dunque valutato nel quadro globale delle trasformazioni in atto nell'area Ex Falck; in particolare i dati di veicoli attratti e generati dal complesso ospedaliero di progetto dovranno essere integrati nelle simulazioni macromodellistiche realizzate da TRM, per un aggiornamento dello scenario modellistico futuro. Nell'esercizio modellistico i flussi veicolari di addetti e esterni ricavati dalla Trip Generation sono assegnati alla rete stradale di progetto in base alla distribuzione del traffico prestabilita. Da tale esercizio di modellazione potrà essere ricavato l'impatto viabilistico del traffico indotto dal complesso Città della Salute. I. Scenario di cantiere Oltre alla valutazione dei volumi di traffico veicolare attratto e generato dal complesso ospedaliero sulla rete esistente, si è valutato anche il flusso di veicoli e automezzi di cantiere in fase di realizzazione delle opere. Il cantiere avrà un solo punto di accesso a Nord dell'area di trasformazione, in corrispondenza di Via Trento. Su tale asta insisteranno la maggior parte degli itinerari dei veicoli in entrata ed in uscita dal cantiere. Stime preliminari sulle tre ore di punta del mattino, suggeriscono un flusso di veicoli legati alle operazioni di cantiere così ripartito: 30 autocarri movimentazione terra in ingresso e 30 in uscita (su tre ore); 50 autoveicoli per logistica e gestione del cantiere in ingresso e 50 in uscita (su tre ore); 120 autoveicoli degli operai e addetti al cantiere in ingresso 21

22 Figura 19 - Percorsi principali di accesso al cantiere. Si noti che tutti i valori descritti fanno riferimento al numero di veicoli nelle 3 ore di punta del mattino, tra le 6.30 e le Dato il numero contenuto di mezzi, l'impatto di tali veicoli sulla capacità e delle performance di rete sarà trascurabile. Si consiglia di pianificare il routing dei veicoli pesanti, in particolare per quanto riguarda il movimento terra, in modo tale da minimizzare il possibile impatto sul tessuto urbano e sulla circolazione di Sesto S.G. e dei Comuni limitrofi. 22

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM.

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM. PROVINCIA DI BELLUNO 2002/2004 34 Realizzazione intervento SR 50 - Belluno - Mas - 1 stralcio. Viabilità di accesso nuova caserma Vigili dei Fuoco di Belluno Esecutivo 4.400.000,00 In corso di appalto

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Presentazione dei contenuti del Documento di Piano 5 Dicembre 2012 Bergamo LE INDAGINI Le indagini di campo sono state effettuate in un

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15

LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15 I I I LIBRETTO ORARI I LINEA Z301 IN VIGORE DAL 06-04-15 Per informazioni: NET NordEst Trasporti Num.Verde 800-90.51.50 ore 7.30-19.30 tutti i giorni Z301 Z301-As MILANO - BERGAMO... 4 Z301-Di BERGAMO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE?

IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE? ibinari+ IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE? 1 In copertina da sinistra a destra, dall alto alto in basso: Autoarticolato Mercedes Irvine-Citaro

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli