ALLEGATO 3 STUDIO VIABILISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 3 STUDIO VIABILISTICO"

Transcript

1 ALLEGATO 3

2 SOMMARIO A.1 Inquadramento territoriale... 3 A.1.1 RETE STRADALE ESISTENTE E FUTURA... 3 A.2 Rete del trasporto pubblico... 7 A.2.1 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO ESISTENTE... 7 A.2.2 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO PIANIFICATA... 8 B. RETE DELLA MOBILITÀ CICLABILE C. ACCESSI E CIRCOLAZIONE INTERNA D. TRIP GENERATION D.1.1 Personale medico ospedaliero D.1.2 Utenti e visitatori alla degenza E. ANALISI DELLA DOMANDA DI SOSTA F. LE AREE DI SOSTA G. POLITICA DI RIDUZIONE DOTAZIONE DI SOSTA ADDETTI H. ANALISI DELL'IMPATTO DI TRAFFICO I. SCENARIO DI CANTIERE

3 Il presente studio ha per oggetto l'analisi dell'accessibilità al nuovo polo ospedaliero, sia in relazione al trasporto pubblico che a quello privato, la circolazione interna, la stima della dotazione di sosta e la localizzazione delle aree a parcheggio. A.1 Inquadramento territoriale A.1.1 RETE STRADALE ESISTENTE E FUTURA L ambito di intervento in cui verrà realizzata la nuova Città della Salute della Ricerca e della Didattica, in cui verranno trasferiti l Istituto Nazionale dei Tumori e l Istituto Neurologico Besta, è situato nel Comune di Sesto San Giovanni, all interno del PII area ex Falck, a breve distanza da importanti assi viabilistici: - autostrada A4 TO-MI-VE; - tangenziale EST A51; - tangenziale Nord A52 che lambisce l area del PII consentendo l accesso sull A4 E sulla SP5; - SP5/SS36 del lago di Como e dello Spluga; - SS11 Strada Padana Superiore. Nella figura sottostante si analizza la configurazione attuale e futura del sistema infrastrutturale a scala vasta rispetto all area di intervento. Figura 1 La rete stradale esistente e pianificata a scala vasta (fonte:elaborati PII approvato) 3

4 A scala vasta gli interventi previsti sulla rete viaria sono costituiti da: nuova Tangenziale Est Esterna completamento della strada interquartiere nord, che costituisce un nuovo itinerario con caratteristiche di viabilità urbana, che si sviluppa trasversalmente nel settore nord della città, congiungendo l'area di Cascina Merlata e di Quarto Oggiaro (ad ovest) con il nodo di Cascina Gobba (ad est), riqualificazione della SS11 Padana Superiore e della SP 103 Cassanese. Figura 2 La rete stradale esistente (fonte: elaborati PII approvato) 4

5 La fonte principale è costituita dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (2003). A scala locale la rete, descritta nella figura seguente, è quella prevista dal PII per le aree Ex Falck e lo scalo ferroviario. Figura 3 La rete stradale pianificata (fonte: elaborati PII approvato) In particolare lo scenario di riferimento infrastrutturale dell orizzonte insediativo del PII comprende i seguenti progetti viabilistici principali esterni all area di intervento: completamento dell interramento SP5; itinerario interquartiere nord (Certosa Gobba); svincolo Pelucca; prolungamento nord di Viale Edison e connessione con lo svincolo Viale Italia / Raccordo Tangenziale Nord nella configurazione di una corsia per senso di marcia; 5

6 rampa di connessione diretta viale Edison Tangenziale Nord, quale scenario alternativo e ipotesi di minima del cosiddetto terzo svincolo, attualmente in fase di approfondimento analitico a scala ampia). In particolare, il disegno portante del nuovo schema della viabilità urbana sestese sarà assicurato dal completamento funzionale del Ring, al fine di declassare dal ruolo di viabilità primaria territoriale itinerari prettamente urbani quali Viale Gramsci e Viale Italia. Il nuovo asse andrà a rivestire la funzione di tangenziale urbana, capace di assorbire importanti componenti del traffico di puro attraversamento che insistono attualmente sulle direttrici di Via Gramsci e Viale Italia, creando allo stesso tempo un efficiente connessione con il sistema autostradale. La natura di tal intervento comporta il ridisegno del nodo di connessione con Viale Italia e Via Muggiasca e, conseguentemente, la ridefinizione del sistema di rampe con la Tangenziale Nord. L intervento prevede la realizzazione di un sottopasso che dia continuità al ring e a Viale Edison e un sistema a raso di adeguate dimensioni che gestisca le manovre di svolta da e per la tangenziale; questa opera viene resa necessaria in quanto risulta essere il punto di criticità dell intero sistema di relazione sovracomunale e, di conseguenza, non solo per il progetto di trasformazione, ma per l intero territorio comunale. 6

7 A.2 Rete del trasporto pubblico A.2.1 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO ESISTENTE L'area di intervento è situata nel quadrante nord-est dell'area urbana milanese ed è direttamente servito dalla linea metropolitana M1 e dal passante ferroviario (linee S8, S9, S11), oltre che da diverse linee urbane ed interurbane di autobus descritte nella figura seguente. Figura 4 La rete del trasporto pubblico esistente (fonte: elaborati PII approvato) 7

8 A.2.2 RETE DEL TRASPORTO PUBBLICO PIANIFICATA Nell assetto futuro, oltre al possibile prolungamento della linea M1 verso Monza, con l implementazione del masterplan è prevista l attivazione di due nuove linee di trasporto pubblico su gomma, che si sviluppano sulle due direttrici principali, sulle quali sono collocate la maggior parte delle funzioni previste dal PII: una TRASVERSALE (da Cusano Milanino a Cascina Gobba linea rossa nell immagine successiva), con prevista utilizzazione del sottopasso realizzato in prossimità della stazione ferroviaria di Sesto FS, e una LONGITUDINALE (da Milano viale Fulvio Testi linea blu nell immagine seguente, con previsione di percorso attraverso via Fiume, prosegue su viale Italia e si attesta sulle aree Ex Vulcano). Figura 5 Le linee del trasporto pubblico pianificate (fonte: elaborati PII approvato) 8

9 La linea Longitudinale, in particolare, transiterà sull asse che corre lungo il lato meridionale del comparto e avrà una fermata in prossimità dell area di intervento. A polo ospedaliero completato l accessibilità su trasporto pubblico sarà dunque garantita dalla linea metropolitana M1, dalla linea ferroviaria e dal nuovo servizio di trasporto su gomma; in uno scenario di lungo periodo ma con margini di incertezza maggiori, l accessibilità potrà essere ulteriormente migliorata grazie alla deviazione del prolungamento del tracciato attualmente previsto per la linea metropolitana M5 (in costruzione nel tratto Garibaldi - Bignami) ed il suo passaggio nel territorio comunale di Sesto San Giovanni, in conformità al tracciato proposto dal PGT comunale. La variante proposta dal PGT di Sesto San Giovanni prevede la realizzazione di tre fermate aggiuntive ed uno sviluppo del tracciato più lungo di circa 1.3 Km rispetto alla proposta contenuta nel Piano Urbano della Mobilità del Comune di Milano. Figura 6 Prolungamento della linea M5 variante del PGT di Sesto San Giovanni (fonte: elaborati PII approvato) 9

10 B. Rete della mobilità ciclabile La planimetria in questa mostra la rete ciclabile esistente e i tratti previsti dal masterplan e dagli strumenti di pianificazione comunali e provinciali. Figura 7 La rete delle piste ciclabili esistenti e pianificate (fonte: elaborati PII approvato) Attualmente gli assi principali interessati dalla presenza di piste ciclabili sono Viale Casiraghi, Viale Gramsci, Via Monte Grappa, Via Rovani, Via Cantù, Via Vulcano, Via Adige e Via Marx. Nel 2009 il Comune di Sesto San Giovanni ha inaugurato la nuova Bicistazione localizzata in Piazza 1 Maggio a lato della stazione, servizio che offre sia il deposito delle biciclette che il noleggio a pagamento e favorisce l uso integrato tra ferrovia, metropolitana e bicicletta. Il Piano Generale del Traffico Urbano del Comune di Sesto San Giovanni, approvato nel 2008 propone una rete di piste ciclabili tangenziali e radiali che assicura le connessioni tra i principali poli attrattori della città. 10

11 La nuova rete ciclabile proposta è costituita da un insieme integrato di percorsi ciclabili riservati e ciclopedonali in uso promiscuo, da percorsi all interno di zone 30 o strade vicinali a scarso traffico veicolare e da percorsi nelle aree verdi. I percorsi proposti da PGTU a sistema con quelli proposti dalla Proposta Definitiva di PII, prevedono quattro principali connessioni tra la città di Sesto San Giovanni a ovest della ferrovia e quella ad est identificabili, partendo da sud, nel sottopasso ciclopedonale di Sesto Rondò, nel sottopasso Campari, nella nuova stazione ferroviaria di Sesto 1 Maggio e nel Cavalcavia Vulcano. Proprio lungo l asse che corre lungo il lato meridionale del comparto, è prevista la realizzazione di una connessione ciclabile che, sfruttando l infrastruttura della stazione ferroviaria passante, andrà a mettere in comunicazione la rete ciclabile del masterplan con il sistema di percorsi ciclabili esistenti e di progetto localizzati a ovest della ferrovia. La rete delle piste ciclabili è, infine, completata dagli itinerari ciclabili all interno del Parco in grado di connettere le Aree Ex Falck al tessuto cittadino consolidato e a nord alle aree di trasformazione del Vulcano. Tale offerta di itinerari ciclabili andrà quindi a rafforzare l accessibilità all area ospedaliera. 11

12 C. Accessi e circolazione interna Figura 8 Il sistema degli accessi. Alla luce dell offerta attuale e pianificata a livello di rete stradale, l accessibilità veicolare al polo ospedaliero avverrà quasi esclusivamente da nord-ovest (dal Cavalcavia Buonarroti) e da nord-est (da via Trento). Il cavalcavia Buonarroti garantirà accessibilità da nord-ovest e costituirà un itinerario primario di collegamento tra area di sviluppo della CDSR con le aree ad ovest della ferrovia. L accessibilità da nord-est si realizzerà attraverso la nuova viabilità nord-sud dei PII Decappaggio e Vulcano collegandosi al sistema viabilistico principale di Via Edison e dello svincolo della Tangenziale, permettendo l accesso da nord, da est e da ovest. 12

13 Esiste la possibilità di raggiungere il futuro polo ospedaliero seguendo un itinerario alternativo da sud di Via Mazzini e di Via Acciaierie (classificato come strada di quartiere), passando per la nuova viabilità in fregio alla stazione ferroviaria; l itinerario da nord è assolutamente preferibile poiché non impegna il territorio consolidato di Sesto e si appoggia direttamente sulla viabilità espressa. Non viene previsto un sistema di circolazione interno a raso: l accessibilità degli utenti è prevista prevalentemente attraverso l eccellente offerta di trasporto pubblico presente nell area e che verrà ulteriormente potenziata nel prossimo futuro. Saranno inoltre previste aree di sosta all interno dell area del PII che potranno essere utilizzate dagli utenti del nosocomio. Per quanta riguarda l accesso alle aree di carico e scarico e al polo tecnologico, su via Trento, in corrispondenza della rotatoria pianificata, sarà situato l accesso e l uscita dei mezzi di servizio; essi potranno anche proseguire attraverso un sistema di circolazione sotterraneo a senso unico che sbocca lungo la nuova Via delle Acciaierie. D. Trip Generation Per il calcolo dei flussi veicolari attratti e generati dal comparto ospedaliero di progetto in un giorno feriale medio, due analisi differenziate sono state condotte rispettivamente per il personale ospedaliero e per gli utenti della futura "Città della Salute". Nelle tabelle seguenti sono presentati i dati sul numero di personale medico/ospedaliero operante nel comparto di progetto e del numero ipotizzato di visitatori giornalieri D.1.1 Personale medico ospedaliero Date le stime relative al personale operante nell ospedale di progetto, saranno calcolati i volumi di spostamenti attratti e generati e la distribuzione temporale di quest ultimi, in funzione degli orari lavorativi delle diverse categorie di addetti. Nella tabella in basso sono identificate le quattro macro categorie alle quali è stato associato uno specifico profilo orario di entrata e uscita dal comparto ospedaliero. Tecnici 502 Amministr 651 Infermieri 996 Medici 663 Addetti INT BESTA TOT Medici Infermieri Tecnici Amministrativo Totale Figura 9 - Personale medico-ospedaliero, suddivisione in categorie. Gli orari di entrata/uscita del personale sono stati dedotti dagli orari di apertura dei diversi dipartimenti dell ospedale e integrati con informazioni ricavate da interviste. Il numero totale di spostamenti addetti, distribuito lungo l'arco della giornata, viene calcolato applicando i profili orari ai totali di addetti per categoria. La successiva applicazione di un coefficiente di occupazione veicolare e della ripartizione modale, trasforma il numero di spostamenti in numero di veicoli in ingresso ed uscita dal futuro complesso ospedaliero "Città della Salute" Ripartizione modale = (48% automobile) 13

14 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 (fonte: P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R-002-2, P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R-002-3). La scelta di tale valore di ripartizione modale deriva dallo studio dei documenti di piano, i quali presentano un quadro completo della mobilità pubblica/privata nell'area di trasformazione Ex-Falck. Si fa riferimento al capitolo "Analisi della domanda di sosta", ed in particolare alla scheda di descrizione degli scenari, per una trattazione più approfondita di tali tematiche. Di seguito sono rappresentati i flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero; i valori riportati in grafico rappresentano il numero totale di veicoli attratti e generati relativi a personale ospedaliero (flussi in entrata e uscita ad intervalli di 30 ) TOTALE ADDETTI INGRESSI TOTALE ADDETTI USCITE Figura 10 - Flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero, (nr. veicoli/30min). D.1.2 Utenti e visitatori alla degenza In assenza di dati definitivi sul numero di visitatori giornaliero previsto per l ospedale di progetto, sono state realizzate stime preliminari sulla base dei valori riportati nei seguenti documenti: Documento Preliminare alla Progettazione - DPP ottobre 2010 e Analisi di accessibilità realizzata da AMMA per l'ospedale Sacco, Milano. Ambulatori Esami 2416 DH/DS 194 Ricovero 117 Visite a degenti 1438 Utenza INT BESTA TOT Ricovero DH/DS Ambulatori Esami Visite a degenti Totale Figura 11 - Utenza e visitatori del complesso ospedaliero, suddivisione in categorie. Le stime suggeriscono un afflusso giornaliero di visitatori e utenti, al comparto ospedaliero di progetto, di circa 4165 persone. Ad ogni categoria di utenza è stato associato un profilo giornaliero di entrata e di uscita dal comparto ospedaliero, in base alle caratteristiche specifiche proprie di ciascuna categoria. L applicazione dei profili giornalieri al numero totale di visitatori e utenti, produce il grafico degli spostamenti veicolari attratti e generati dal comparto ospedaliero di progetto. Applicando in ultimo la ripartizione modale riportata nel già citato documento di piano, dal calcolo risultano i flussi veicolari dell'utenza, in ingresso ed uscita dal comparto ospedaliero, rappresentati nei due grafici in basso. 14

15 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 11:00 12:00 13:00 14:00 15:00 16:00 17:00 18:00 19:00 20:00 21:00 22:00 23:00 Ripartizione modale = (65% automobile) fonte: P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R-002-2, P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R TOTALE UTENTI INGRESSI TOTALE UTENTI USCITE Figura 12 - Flussi veicolari in ingresso (rosso) ed in uscita (blu) dal comparto ospedaliero, (nr. veicoli/30min). E. Analisi della domanda di sosta La stima preliminare della domanda di sosta addetti e utenti del futuro complesso ospedaliero è stata dedotta dai relativi profili di ingresso ed uscita dei veicoli dal comparto ospedaliero, presentati nel paragrafo precedente (cfr. Trip Generation). Dall analisi dei documenti di piano sono state ricavate le ripartizioni modali relative all area di interesse, vedi scheda descrittiva degli scenari di ripartizione modale nella seguente. A partire da tali quantità e dal numero di spostamenti attratti e generati dal futuro complesso ospedaliero, è stata stimata la domanda di sosta preliminare. altro 6.8% moto 9.2% tpl 43.8% auto 40.1% Figura 13 - Ipotesi di ripartizione modale relativa allo scenario SC01. Sono stati approntati cinque diversi scenari domanda di sosta a partire dalle diverse ipotesi di ripartizione modale futura per l'area di studio, presentate nei documenti di piano ( P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R , P.I.I 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R-002-3). 15

16 SC 01 Scenario di minima domanda di sosta Ipotizzato sulla base dei valori di ripartizione modale utilizzati per le analisi di traffico, (documento P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R ). La ripartizione modale è riferita nello specifico agli spostamenti attratti e generati dalla zona 873 del modello di simulazione, ovvero l'area che andrà ad ospitare il futuro complesso ospedaliero Città della Salute. SC 02 Scenario domanda di sosta media - A ipotizzato sulla base dei valori riassuntivi di ripartizione modale citati nel documento relativo alla stima della domanda di sosta per l'intera area di trasformazione Ex-Falck, (documento.p.i.i 5.07_SSG-SSGX-SYS- AT-R-002-3). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck. SC 03 Scenario domanda di sosta media - B Ipotizzato sulla base dei valori di ripartizione modale utilizzati per la costruzione dello scenario di Reference nello studio di traffico, (documento P.I.I. 5.02_SSG-SSGX-TRM-AT-R ). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck. SC 04 SC 05 Scenario di massima domanda di sosta Domanda di sosta calcolata in coerenza con le modalità utilizzate nel documento relativo alla stima della domanda di sosta per l'intera area di trasformazione Ex-Falck, (documento.p.i.i 5.07_SSG-SSGX-SYS-AT-R ). La ripartizione modale è rappresentativa per gli spostamenti attratti e generati dalle funzioni che andranno ad installarsi nell'intera area di trasformazione Ex-Falck, ed è dichiarata come "cautelativa". Scenario "Ospedale Sacco" Domanda di sosta calcolata su valori di ripartizione modali relativi alla zona di Quarto Oggiaro/ Ospedale Sacco La ripartizione modale è rappresentativa degli spostamenti attratti e generati dall'ospedale Sacco, che è localizzato in una zona scarsamente servita dal trasporto pubblico Figura 14 - Scheda descrittive degli scenari di ripartizione modale e domanda di sosta 16

17 5:30 6:30 7:30 8:30 9:30 10:30 11:30 12:30 13:30 14:30 15:30 16:30 17:30 18:30 19:30 20:30 21:30 22:30 23:30 0:30 5:30 6:30 7:30 8:30 9:30 10:30 11:30 12:30 13:30 14:30 15:30 16:30 17:30 18:30 19:30 20:30 21:30 22:30 23:30 0:30 Per i diversi scenari di ripartizione modale è stata calcolata la relativa domanda di sosta per il complesso ospedaliero. Nel calcolo sono stati utilizzati coefficienti di occupazione veicolare variabili in funzione delle diverse categorie, come utenti, addetti (tecnici, amministrativi, medici e infermieri) e visite alla degenza. In media per gli addetti è stato utilizzato un coefficiente di 1.2 persone/veicolo. Domada di sosta ADDETTI Ripartizione Modale Domanda di sosta Domada di sosta UTENTI Ripartizione Modale Domanda di sosta auto moto n stalli auto n stalli moto auto moto n stalli auto n stalli moto SC % 9.2% SC % 6.0% SC % 5.1% SC % 5.0% SC % SC % SC % SC % SC04 SC03 SC02 SC SC5 SC4 SC Figura 15 - Stima preliminare della domanda di sosta per gli utenti e addetti Cds Tra quelli proposti, sono stati individuati i due scenari più rappresentativi per il sistema di spostamenti e per la sosta del complesso ospedaliero della Città della Salute. Per gli utenti si ritenuto utile garantire una ampia offerta di sosta, è stata dunque individuata come possibile offerta minima di parcheggio quella descritta dallo scenario SC04. In questa fase preliminare, per gli addetti non è stato scelto lo scenario SC01, perché calcolato su una ripartizione modale non aggiornata alle nuove funzioni installate nel masterplan. Lo scenario SC02 produce invece risultati adeguati ed è costruito sulla ripartizione modale media dell area di trasformazione Ex-Falck (48% gli spostamenti in auto), valutata come più affidabile. Per entrambe le curve di occupazione il picco di domanda di sosta si realizza al mattino; la massima domanda di sosta addetti si attesta intorno ai 939 posti auto. La domanda di sosta esterni raggiunge un massimo di 611 posti auto; il valore risulta radicalmente più basso dato l'elevato tasso di turnover caratteristico della sosta utenti (sosta media circa 2 ore, fonte: dati analisi della sosta del parcheggio utenti "Ospedale Luigi Sacco"). 17

18 F. Politica di riduzione dotazione di sosta addetti Con l'intento di promuovere politiche di riduzione dell'utilizzo del mezzo privato, in favore di un incremento dell'uso del servizio di trasporto pubblico, all'interno di una strategia generale di sostenibilità dell'intervento, si è presa in considerazione l'ipotesi di una riduzione della dotazione di sosta addetti. La variazione della ripartizione modale in favore del trasporto pubblico è determinata dall implementazione di una efficiente rete di trasporto pubblico e dall'introduzione di politiche volte a scoraggiare l uso dell automobile, quali la tariffazione della sosta. La domanda di sosta diminuisce inoltre all'aumentare del coefficiente di occupazione veicolare. L'introduzione di politiche di car-pooling tra addetti della futura "Città della Salute" ed uno studio degli spostamenti casa/lavoro per l'ottimizzazione dei percorsi, sono entrambi validi strumenti a disposizione del futuro Mobility Manager del nuovo sviluppo ospedaliero. A tale proposito è stato realizzata un'indagine sugli spostamenti del personale delle due aziende ospedaliere INT e Besta. Il "Questionario mobilità" dei dipendenti è stato consegnato ad Ottobre 2012 e la presentazione dei risultati dell'indagine, a fine 2012, potrà andare ad affinare le valutazioni preliminari qui redatte e predisposizione di possibili strategie per l'ottimizzazione degli spostamenti casa/lavoro. Figura 17 - Schede del "Questionario Mobilità", per la realizzazione del piano degli spostamenti casa-lavoro del personale Città della Salute. 18

19 5:30 5:30 6:30 6:30 7:30 7:30 8:30 8:30 9:30 9:30 10:30 10:30 11:30 11:30 12:30 12:30 13:30 13:30 14:30 14:30 15:30 15:30 16:30 16:30 17:30 17:30 18:30 18:30 19:30 19:30 20:30 20:30 21:30 21:30 22:30 22:30 23:30 23:30 0:30 0:30 Nell intento di ottimizzare l utilizzo del suolo dedicato ad area di sosta, si può notare come l introduzione di politiche di riduzione dell utilizzo dell automobile, come ad esempio una strategia di car-pooling aziendale, possano direttamente influire sulla domanda di sosta dell intero complesso ospedaliero. Andando ad aumentare il coefficiente di occupazione veicolare ad un valore di circa 1.3 persone/veicolo (+10%), si ottiene una sensibile riduzione nella domanda di sosta, come evidenziato nella tabella sottostante SC pers/veicolo SC02 SC02 SC pers/veicolo Domada di sosta ADDETTI Ripartizione Modale auto moto Domanda di sosta n stalli auto differenza SC % 9.2% SC % 6.0% SC % 5.1% SC % 5.0% Figura 18 - Riduzione della domanda di sosta (car-pooling aziendale), per gli addetti Cds. 19

20 G. Le aree di sosta Figura 16 L area di sosta per gli addetti. L'immagine in questa descrive la localizzazione delle aree di sosta per i dipendenti nell'area di progetto. Il parcheggio interrato di 850 posti auto per gli addetti sarà situato alle spalle del nuovo polo ospedaliero e avrà diversi punti di ingresso ed uscita collocati lungo via delle Acciaierie. In linea con le analisi della domanda di sosta descritte nei paragrafi precedenti, per gli utenti e i visitatori saranno messi a disposizione 650 posti auto all interno delle aree contermini del PII. 20

21 H. Analisi dell'impatto di traffico L'area di trasformazione Ex Falck individuata come sede del futuro complesso Città della Salute è una vasta area ex industriale attualmente in disuso, all'interno dei confini del Comune di Sesto San Giovanni. Nel quadro degli studi preliminari, in preparazione agli interventi di riqualificazione, l'area è stata oggetto di un approfondito studio di traffico veicolare (vedi, 5.02 SSG-SSGX-TRM-AT-R Il sistema della Mobilità - Analisi macromodellistiche - Stato di fatto e scenari di progetto - Ora di punta della mattina, realizzato da TRM Engineering). Tale studio è stato realizzato allo scopo di valutare le possibili ricadute viabilistiche conseguenti alla realizzazione dell'insieme degli interventi di riqualificazione, rigenerazione e di valorizzazione degli Ambiti di Trasformazione Strategica ATs1 e ATs2 di PGT vigente, così come contemplati nella proposta definitiva di Programma Integrato di Intervento (c.d. "Programma Integrato di Intervento Aree Ex Falck e Aree Ex Scalo Ferroviario), attuativa delle previsioni contenute nel vigente strumento di Governo del territorio. Le analisi volte alla verifica di sostenibilità dell intervento sono state articolate attraverso una serie di passaggi metodologici, che hanno coinvolto sia l assetto viabilistico, sia l assetto del Trasporto Pubblico Locale (TPL) attuale e di previsione. La valutazione dell'impatto che il complesso ospedaliero Città della Salute avrà sul traffico di base dovrà essere dunque valutato nel quadro globale delle trasformazioni in atto nell'area Ex Falck; in particolare i dati di veicoli attratti e generati dal complesso ospedaliero di progetto dovranno essere integrati nelle simulazioni macromodellistiche realizzate da TRM, per un aggiornamento dello scenario modellistico futuro. Nell'esercizio modellistico i flussi veicolari di addetti e esterni ricavati dalla Trip Generation sono assegnati alla rete stradale di progetto in base alla distribuzione del traffico prestabilita. Da tale esercizio di modellazione potrà essere ricavato l'impatto viabilistico del traffico indotto dal complesso Città della Salute. I. Scenario di cantiere Oltre alla valutazione dei volumi di traffico veicolare attratto e generato dal complesso ospedaliero sulla rete esistente, si è valutato anche il flusso di veicoli e automezzi di cantiere in fase di realizzazione delle opere. Il cantiere avrà un solo punto di accesso a Nord dell'area di trasformazione, in corrispondenza di Via Trento. Su tale asta insisteranno la maggior parte degli itinerari dei veicoli in entrata ed in uscita dal cantiere. Stime preliminari sulle tre ore di punta del mattino, suggeriscono un flusso di veicoli legati alle operazioni di cantiere così ripartito: 30 autocarri movimentazione terra in ingresso e 30 in uscita (su tre ore); 50 autoveicoli per logistica e gestione del cantiere in ingresso e 50 in uscita (su tre ore); 120 autoveicoli degli operai e addetti al cantiere in ingresso 21

22 Figura 19 - Percorsi principali di accesso al cantiere. Si noti che tutti i valori descritti fanno riferimento al numero di veicoli nelle 3 ore di punta del mattino, tra le 6.30 e le Dato il numero contenuto di mezzi, l'impatto di tali veicoli sulla capacità e delle performance di rete sarà trascurabile. Si consiglia di pianificare il routing dei veicoli pesanti, in particolare per quanto riguarda il movimento terra, in modo tale da minimizzare il possibile impatto sul tessuto urbano e sulla circolazione di Sesto S.G. e dei Comuni limitrofi. 22

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 "Mobilità"

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 Mobilità RELAZIONE TECNICA L area di progetto insiste su una porzione del settore Nord-Est di Sesto San Giovanni, Comune confinante a Sud-Ovest con il capoluogo lombardo. L area in oggetto si trova in un punto

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 21... 6 1.1.1 Sezione 1 Via Milanese... 7 1.1.2 Sezione 2 Via Carducci... 8 1.1.3 Sezione 3 Via Marelli nord... 9 1.1.4 Sezione 4 Via Fiume... 1 1.1.5

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN π POLINOMIA ingegneria dei trasporti e matematica applicata via Carlo Poerio, 41-20129 Milano - Italy telefono 02-20404942 segreteria@polinomia.it Modello di micro simulazione del traffico Cosa è la micro

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda»

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Settore Urbanistica Operativa, Mobilità e Viabilità Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Premessa Si intende realizzare

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Programma Urbano Mobilità

Programma Urbano Mobilità Programma Urbano Mobilità Interventi 2004-2006 Parte 3 GRADAZIONE PRIORITA La graduazione delle priorità! La sintesi tra l analisi della situazione attuale della mobilità, le sue necessità di incremento

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano Studio redatto da: Accordo di programma POLO DEI DISTRETTI PRODUTTIVI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO Via Della Birona,30

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo STUDIO VIABILISTICO NUOVA AREA DI SERVIZIO CARBURANTI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO TRM ENGINEERING S.r.l. Via della

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

Accordo di Programma EXPO 2015

Accordo di Programma EXPO 2015 Accordo di Programma EXPO 2015 Tavolo di coordinamento Documento di intesa del 16 settembre di LOCALIZZAZIONE PARCHEGGI REMOTI EXPO Aggiornamento approfondimenti e individuazione aree Nuovo spazio Guicciardini,

Dettagli

Comune di Rivalta (To)

Comune di Rivalta (To) Comune di Rivalta (To) Studio di traffico per autorizzazione CC Rivalta Analisi dello Stato di Fatto Luglio 2004 Indice 1. Inquadramento territoriale...2 2. Caratteristiche Centro Commerciale...3 3. Rilievi

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo. Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27. Allegati.

Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo. Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27. Allegati. Agatonisi Srl Largo Porta Nuova 14 Bergamo Piano attuativo di trasformazione urbanistica UMI 2 Luna park - AT e/i/s 27 Allegati Dicembre 2013 Arch. Pietro Valicenti Arch. Attilio Gobbi Via Grismondi 13/a

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DI MICROSIMULAZIONE... 3

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DI MICROSIMULAZIONE... 3 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE DI MICROSIMULAZIONE... 3 2.1 CAR FOLLOWING... 3 2.2 GAP ACCEPTANCE... 3 2.3 LIVELLI DI SERVIZIO... 4 3 DESCRIZIONE DELLO SCENARIO DI OFFERTA SIMULATO...

Dettagli

C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente

C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente UN PROGETTO PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE E SMART PREMESSE Road Map verso uno spazio unico europeo dei trasporti Per una politica dei trasporti

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 3 novembre 2015 METODOLOGIA : sequenza delle valutazioni modellistiche Fase 1 Attività a) Scenari complessivi

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione dai flussi veicolari di attraversamento.

Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione dai flussi veicolari di attraversamento. SETTORE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE MOBILITÀ E TRASPORTO PUBBLICO DIREZIONE Servizio Mobilità Sostenibile Oggetto: L isola ambientale del quartiere Isola: Pedonalizzazione del cavalcavia Bussa e protezione

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Valutazione della mobilità indotta e verifica di accessibilità relativa al Progetto unitario di trasformazione dell area di via Emilia Levante

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ALLEGATO

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ALLEGATO CITT A DI SESTO S. GIOVANNI PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ALLEGATO INDAGINI DEL TRAFFICO PER LA VAUTAZIONE DEGLI EFFETTI INDOTTI DALLA CANTIERIZZAZIONE DELLA LINEA M5 TRATTA GARIBALDI- BIGNAMI 25

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO)

SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO) AMBITO 5 - Santa Maria di Molgora 5.1 via Rovereto - 5.2 via S. Maria di Molgora - 5.3 uscita Burago Molgora SCHEMA DI CIRCOLAZIONE (STATO DI FATTO) 5.2 Schema di circolazione dello stato di fatto RILIEVO

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Atto Integrativo dell Accordo di Programma per la riqualificazione e lo sviluppo del sistema fieristico lombardo attraverso la realizzazione del Polo Esterno della Fiera nella localizzazione di Pero-Rho

Dettagli

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 SETTORE MOBILITA INDIVIDUAZIONE DELL OPERA SULLA RETE PROVINCIALE

Dettagli

SIstema TAngenziali VEnete

SIstema TAngenziali VEnete MITIGAZIONE COMPENSAZIONE. S I T A V E. RICOSTRUZIONE RESTAURO AMBIENTE SIstema TAngenziali VEnete Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della

Dettagli

5.10: SCENARIO ATTUALE VISTA SUD EST

5.10: SCENARIO ATTUALE VISTA SUD EST Tavola 5.10: SCENARIO ATTUALE VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 91/145 6 GLI SCENARI DI EVOLUZIONE DEL SISTEMA La disponibilità

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L esposizione universale che si realizzerà a Milano

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a Comuni di: Campogalliano, Correggio, Modena, Reggio Emilia, Rubiera, San Martino in Rio Consorzio di Gestione del Parco Fluviale del Secchia V

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 INTRODUZIONE... 4 3 IMPOSTAZIONE DELLO STUDIO... 7 4 ANALISI SCENARIO ATTUALE... 9 5 SCENARIO DI RIFERIMENTO...

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 INTRODUZIONE... 4 3 IMPOSTAZIONE DELLO STUDIO... 7 4 ANALISI SCENARIO ATTUALE... 9 5 SCENARIO DI RIFERIMENTO... SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 INTRODUZIONE... 4 3 IMPOSTAZIONE DELLO STUDIO... 7 3.1 ANALISI DELLO SCENARIO ATTUALE... 7 3.2 ANALISI DELLO SCENARIO DI RIFERIMENTO... 8 3.3 ANALISI DELLO SCENARIO DI INTERVENTO...

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

2.1. LE GRANDI INFRASTRUTTURE TRASPORTISTICHE

2.1. LE GRANDI INFRASTRUTTURE TRASPORTISTICHE 2. INTERVENTI STRATEGICI: LE GRANDI INFRASTRUTTURE TRASPORTISTICHE E STRADALI SCENARIO A MEDIO LUNGO TERMINE Obiettivo irrinunciabile per conseguire risultati sul fronte della sostenibilità ambientale

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Un nuovo futuro per Desio

Un nuovo futuro per Desio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del PGT e del PGTU del Comune di Desio Mobilità sostenibile: ciclabilità paolo.pileri@polimi.it luca.tomolo@gmail.com Paolo Pileri Diana Giudici Luca Tomasini dianagiudici@gmail.com

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI

CITT A DI SESTO S. GIOVANNI CITT A DI SESTO S. GIOVANNI PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO ALLEGATO DATI RILIEVI CONTEGGI CLASSIFICATI DEI FLUSSI DI TRAFFICO Sezione 1 Strada Via Carducci giorno di rilievo Tratto Via Milanese - Via

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Le infrastrutture DI MILANO EXPO 2015

Le infrastrutture DI MILANO EXPO 2015 Milano 2015 SETTE ANNI PER UNA RIVOLUZIONE TRASPORTISTICA Le infrastrutture DI MILANO EXPO 2015 Fabrizio Bonomo L Esposizione universale del 2015 rappresenta per Milano e il territorio circostante un occasione

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA U.S.S.M.A.F. UNITÀ SPECIALE PER LO STUDIO DELLA MOBILITÀ NELL AREA FIORENTINA RAPPORTO 2009/07 SVILUPPO DELLA RETE TRAMVIARIA FIORENTINA ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA VALUTAZIONI

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

2. I rilievi sui flussi di traffico

2. I rilievi sui flussi di traffico 41 2. I rilievi sui flussi di traffico La definizione dei flussi di traffico può avere luogo attraverso lo studio delle dinamiche che si manifestano sul territorio comunale; nei tempi recenti, i più moderni

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015

NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015 COMUNE DI PISTOIA NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015 arch JACOPO OGNIBENE TPS Transport Planning Service Obiettivi e Strategie LINEE GUIDA EUROPEE AI PUMS Mobilità attuale

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Pianificazione della ciclabilità

Pianificazione della ciclabilità Pianificazione della ciclabilità Planning of cycling Enrico Goberti Provincia di Ferrara 22 ottobre 2010 PREMESSA PISTE CICLABILI: Sono strade definite e normate dal Codice della Strada (Ministero dei

Dettagli

Previsione di Clima Acustico

Previsione di Clima Acustico COMUNE DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Previsione di Clima Acustico Opera soggetta a previsione: PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA E FUNZIONALE DEI CAPANNONI 17 e 18 NELL AREA DELLE

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO Con il Patrocinio di Organizzato da III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO RUOLO DELLA TRAMVIA PRATESE NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4. Studio Viabile

Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4. Studio Viabile Studio Preliminare Ambientale Piano di Lottizzazione Cornaro Comune di Salzano (VE) ALLEGATO N. 4 Studio Viabile 1 PIANO DI LOTTIZZAZIONE DENOMINATO CORNARO P.N. 2-3-8 IN COMUNE DI SALZANO STUDIO SULL

Dettagli