Programma Movimento 5 Stelle di Monza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Movimento 5 Stelle di Monza"

Transcript

1 Programma Movimento 5 Stelle di Monza

2 Pag. 2 a 18

3 Premessa. 1. Comune e Cittadini. 1.1 Introduzione di strumenti di partecipazione popolare nello statuto comunale 1.2 Trasparenza e controllo dell amministrazione comunale 1.3 Riduzione di costi e benefit dell amministrazione comunale 1.4 Riassetto del bilancio comunale per una migliore gestione delle risorse 1.5 Tecnologie informatiche per l efficienza della pubblica amministrazione 1.6 Decentramento 2. Ambiente 2.1 Stop alla variante del PGT appena adottata 2.2 Politica energetica sostenibile 2.3 Gestione Rifiuti 2.4 Agricoltura 3. Trasporti e Mobilità 3.1 Razionalizzare il trasporto privato motorizzato 3.2 Incentivare i mezzi collettivi 3.3 Favorire la mobilità non motorizzata 3.4 Misure trasversali ai diversi modi di trasporto 4. Tutela dei beni comuni 4.1 Parco di Monza 4.2 Villa Reale 4.3 Acqua pubblica 4.4 Aria 5. Coesione sociale e sviluppo sostenibile 5.1 Sviluppo di nuovi modelli economici per creare nuove opportunità di lavoro 5.2 Scuola e cultura 5.3 Integrazione sociale 5.4 Sicurezza Pag. 3 a 18

4 Pag. 4 a 18

5 Premessa. I Contenuti di questo documento sono altamente sconvolgenti e pertanto è consigliata la visione a persone che siano in grado di resettare il concetto di politica conosciuto finora. Questo è un progetto in cui continuano a confluire proposte, considerazioni e nuove idee per Monza e vuole essere uno spazio di confronto sempre aperto, non definitivo. Non troverete solo semplici soluzioni ai problemi della città, né ricette preconfezionate valide per tutte le stagioni, ma una visione, un idea, una prospettiva diversa per avviare una vera rivoluzione culturale. La Monza che vorremmo restituire alle prossime generazioni, è una città in vetta alle classifiche per il benessere delle persone, per la qualità della vita e per la tutela dei beni comuni. Pertanto il nostro progetto politico vuole informare costantemente su ciò che accade nei luoghi delle decisioni rendere pubbliche le proposte prima che siano votate incentivare la partecipazione di tutti i cittadini alla discussione e alla partecipazione alle decisioni politiche relative alla gestione della cosa pubblica smascherare e impedire qualunque forma di malaffare e azioni volte a soddisfare interessi personali dare spazio alle buone pratiche e sperimentazioni, sia quelle già in atto sia quelle che potranno essere studiate, proposte e discusse in pubblico. Loro non si arrenderanno mai, noi neppure! CI VEDIAMO IN CONSIGLIO COMUNALE! Pag. 5 a 18

6 1. Comune e Cittadini. Un cittadino informato e partecipe è il miglior garante dell interesse generale ed un ottimo presidio contro gli sprechi e le inefficienze. Questo è particolarmente vero a livello locale, dove il comune rappresenta l istituzione più vicina al singolo. Le decisioni prese dall'amministrazione comunale influenzano la vita di ogni cittadino: per questo chiunque deve essere messo in grado di conoscerle per tempo e di poter partecipare attivamente al loro processo di elaborazione anche attraverso l uso delle nuove tecnologie. Noi proponiamo l obbligo di coinvolgere i cittadini, attraverso strumenti di democrazia partecipativa, in tutti i progetti relativi ad opere fortemente impattanti sulla città, sul territorio, sulla comunità. 1.1 Introduzione di strumenti di partecipazione popolare nello statuto comunale referendum propositivo senza quorum (chi partecipa decide) referendum abrogativo senza quorum (chi partecipa decide) pubblicazione sul portale del Comune, in anticipo rispetto all inizio dei lavori, e mantenuta disponibile fino all'avvenuto collaudo/fine intervento di tutti gli interventi di manutenzione (strade, verde, ecc) svolti da ditte esterne, affinché ogni cittadino abbia concretamente la possibilità di verificare il lavoro segnalando al comune eventuali inadempienze rispetto al progetto iniziale introduzione nei consigli di amministrazione delle società partecipate di una percentuale di liberi cittadini volontari scelti dalle Associazioni e Comitati cittadini e dalla società civile 1.2 Trasparenza e controllo dell amministrazione comunale riprese video, in aggiunta a quelle ufficiali, delle sedute del consiglio comunale e delle commissioni, da trasmettere online e in diretta aggiungendo forum di discussione possibilità di scaricare le riprese e libera riproduzione anche parziale sia in formato audio sia video tutte le riunioni devono essere aperte al pubblico ai soggetti condannati in via definitiva per reati contro il pubblico non deve andare 1 solo euro dei fondi comunali; in particolare, per la scelta dei consulenti, non deve essere più possibile evitare le procedure di selezione previste dal regolamento per il funzionamento degli uffici e dei servizi Pag. 6 a 18

7 banca dati pubblica on-line delle gare d'appalto, schede delle ditte vincitrici con relative certificazioni antimafia, elenco dei fornitori e dei consulenti del comune pubblicazione on-line annuale di un rendiconto, semplice, comprensibile e verificabile dei progetti attuati, dei reali obbiettivi raggiunti dall'amministrazione pubblica e dei costi sostenuti per realizzarli linea diretta con gli Assessori che avranno un area del sito dedicata alla rendicontazione e per dare risposte ai cittadini ineleggibilità dei candidati già condannati, in qualsiasi grado di giudizio, o rinviati a giudizio (la cosa pubblica deve essere gestita da chi non ha problemi con la legge) semplificare la consultazione sul sito del comune delle delibere assunte, dei regolamenti adottati e di qualunque decisione presa istituzione di una Commissione Antimafia comunale a costo zero con partecipazione cittadina tramite un comitato antimafia e scelta dei componenti in base al curriculum vitae anche in collaborazione con il Tribunale di Monza ed Associazionismo (Osservatorio sulle mafie della provincia) 1.3 Riduzione di costi e benefit dell amministrazione comunale assegnare il gettone di presenza solo al raggiungimento di almeno l 80% del tempo dell intera durata della seduta sia per le sedute del consiglio sia per le commissioni sostituire le auto blu con utilitarie a trazione ecologica (anche a noleggio) nomine degli amministratori degli enti comunali e delle società partecipate secondo criteri di merito ed attraverso un concorso pubblico provvedere all abbinamento, in caso di consultazioni elettorali regionali, nazionali ed europee dei referendum comunali prevedere la pubblicazione dei c.v. di tutti i dipendenti del comune affinché si possa verificare la reale mancanza di figure professionali nell'organico comunale prima di assegnare consulenze esterne prevedere l'obbligatorietà dell'interpellanza al personale comunale per dare la possibilità di accedere all'assegnazione delle consulenze eliminare o ridurre al minimo quei costi che non portano alcun beneficio diretto ai cittadini diminuzione delle spese di rappresentanza degli amministratori locali a cominciare dal Sindaco fino all'ultimo degli Assessori e portaborse. Prevedere delle penali per chi si assenta ingiustificatamente verificare a quali progetti e opere pubbliche dare priorità in base anche all'effettiva copertura finanziaria nessun "contratto capestro", che impegni il comune nei confronti di fornitori privati di servizi pubblici a integrare l'eventuale mancato guadagno del gestore divieto assoluto di investire in prodotti finanziari. in Italia abbiamo esempi "illustri" di comuni in crisi a causa di investimenti sbagliati. Se a qualcuno piace giocare con il Pag. 7 a 18

8 denaro, può tranquillamente farlo con il proprio. Gli eventuali avanzi di bilancio potranno essere investiti sul territorio divieto assoluto di utilizzo di fondi pubblici a fini di propaganda elettorale (anche quella camuffata da "campagna informativa") censimento dei beni di proprietà del Comune (mobili e immobili) con studio della migliore utilizzazione e interventi di risparmio energetico E-Procurement ovvero Gare e Aste elettroniche che consentono di ottenere importanti risparmi sul prezzo di acquisto (tra il 10% e il 15%), e di incrementare l efficienza del processo, riducendo almeno del 30% i tempi legati alle attività di espletamento delle procedure di gara 1.4 Riassetto del bilancio comunale per una migliore gestione delle risorse Bilancio partecipativo (io pago io decido, ovvero i cittadini devono avere il potere di decidere la destinazione di parte della cassa del comune) sostituzione dei ricavi provenienti dagli oneri di urbanizzazione su aree verdi ed agricole, potenziando altre voci di entrata come la vendita di aree dismesse, gli oneri di urbanizzazione su aree dismesse, l'intensificazione della lotta all'evasione fiscale (in seguito all'accordo sottoscritto dal Comune con Agenzia delle Entrate ad ottobre 2010) ed i ricavi da fonti rinnovabili 1.5 Tecnologie informatiche per l efficienza della pubblica amministrazione adeguamento dei sistemi informatici della pubblica amministrazione con software open source ampliamento e miglioramento dell attuale sito on-line del comune affinché garantisca la trasparenza delle attività comunali e dei servizi offerti al cittadino, snellendo di fatto gli iter burocratici, permettendone la partecipazione degli stessi con un apposito spazio che ne raccolga le proposte digitalizzazione e conseguente fruizione dei servizi comunali offerti al cittadino tramite il web (es. sportelli web per pagamento tasse comunali, richieste documentazione, comunicazione certificata con gli uffici comunali etc.) adozione di strumenti social web a costo zero quali Decoro Urbano e Wheelmap che permettono la drastica riduzione dei costi e la partecipazione attiva del cittadino garantire l accesso alla rete con punti di connessione Wi-Fi libero e gratuito in alcune zone della città Pag. 8 a 18

9 1.6 Decentramento A Monza le 5 circoscrizioni sono state virtualmente abolite dalla legge 42/2010 e si è formato a livello nazionale, un comitato di comuni (tra cui Monza) per cercare di salvarle. Per questo motivo da maggio del 2010 i consiglieri di circoscrizione collaborano gratuitamente. Il ruolo principale delle circoscrizioni dovrebbe essere quello di facilitare l' interazione tra i cittadini e l'amministrazione comunale, svolgendo varie funzioni, tra cui la stesura del bilancio partecipato, l'organizzazione di assemblee pubbliche ed eventi (feste, mercati agricoli) e collaborando alla sicurezza tramite il vigile di quartiere. per mantenere il decentramento a Monza, si potrebbero sostituire le 5 circoscrizioni con 5 centri civici (così come fatto in altri comuni) riducendo i costi e sfruttando le sedi già esistenti, ad eccezione della circoscrizione 1 per la quale è in fase di ultimazione il centro civico di viale Libertà. 2. Ambiente Il nostro Ambiente è una risorsa strategica non rinnovabile che va inderogabilmente preservata, un bene comune irrinunciabile e inalienabile. Una sana riqualificazione dell Ambiente Urbano, unita ad un corretto progetto di Gestione Rifiuti, porta ad un progresso collettivo, economico e sociale, che innalza la qualità della vita e che porta in sé un risparmio economico comunale, opportunità lavorative/imprenditoriali, turismo sostenibile e soprattutto getta le basi per una Città che le prossime generazioni saranno felici e orgogliose di abitare. 2.1 Stop alla variante del PGT appena adottata Il MoVimento 5 Stelle di Monza, ha iniziato la sua attività di contrasto alla devastante ed insostenibile variante PGT a febbraio 2011, con una petizione per la tutela di 19 aree verdi consegnata in municipio alla fine di aprile Nello stesso periodo abbiamo organizzato un convegno col sindaco di Cassinetta di Lugagnano, ed una biciclettata lungo le aree verdi periferiche di Monza. A fine giugno 2011 alcuni nostri attivisti hanno partecipato (in qualità di cittadini) alla fiaccolata contro la variante PGT della giunta Mariani, instaurando un rapporto di collaborazione con associazioni, comitati e movimenti che si oppongo al nuovo piano. In seguito all'adozione della variante PGT, abbiamo presentato osservazioni in difesa di molte aree verdi. Il MoVimento 5 Stelle di Monza è perciò orgoglioso di aver contribuito alla non approvazione della variante al PGT, revocata dal consiglio comunale il 18 marzo Pag. 9 a 18

10 Purtroppo la giunta Mariani ha riproposto il giorno successivo una nuova variante PGT, preparata dopo il parere negativo della giunta regionale dello scorso febbraio, ed il 22 marzo 2012, il sindaco e 19 consiglieri di centrodestra (Lega Nord, PDL, Lista Mida, Gruppo Misto) hanno votato a favore dell'adozione del nuovo PGT, mentre i 20 consiglieri di opposizione (PD, Lista Città Persone, SEL, FLI, Forza Lombarda, UDC) hanno preferito assentarsi dalla votazione. La nuova variante PGT, nonostante alcune modifiche rispetto alla versione precedente, è anch'essa devastante ed insostenibile, perché permane la cementificazione delle aree verdi ed agricole di Monza! Inoltre il nuovo piano presenta elementi di irregolarità e di illegittimità, perché la procedura di adozione è stata conclusa in soli 2 giorni, senza acquisire i dovuti pareri di cittadini ed istituzioni. Il nostro obiettivo è annullare la nuova variante PGT ed altri interventi di cementificazione su aree verdi (Valsugana, Gallarana, ecc.) e successivamente tornare al PGT vigente, per poi modificarlo coinvolgendo la cittadinanza, per dotare Monza di un PGT A CONSUMO ZERO DI SUOLO che prevede la tutela delle aree verdi ed agricole, il recupero delle aree dismesse, la manutenzione degli edifici e l' assegnazione degli appartamenti sfitti (a canone agevolato). Essendo il Comune preposto anche alla tutela del territorio, per quanto riguarda la conservazione delle aree verdi ed agricole di proprietà privata, l'amministrazione può scegliere se fare una proposta di acquisto, oppure proporre uno scambio con aree dismesse pubbliche. Inoltre potrebbe promuovere la costituzione dei GAT (gruppi acquisto terreni) per stimolare i cittadini a diventare proprietari e soci di tale aree destinate ad uso agricolo. Il MoVimento 5 Stelle segue attivamente il lavoro portato avanti dai movimenti che aderiscono al forum "Salviamo il paesaggio e difendiamo i territori". I principali obiettivi che cercheremo di attuare a livello locale sono: arrestare il consumo di suolo definire il territorio, il paesaggio e le sue risorse un patrimonio/bene comune coinvolgere preliminarmente l'intera cittadinanza per ogni attività di nuova pianificazione monitorare la situazione edilizia esistente attraverso un censimento di tutte le aree edificate e dismesse; tale attività sarà utile anche per la campagna sostenuta dal forum "Salviamo il paesaggio" riconoscere la valenza strategica della risorsa suolo, in quanto bene non riproducibile riconoscere la valenza strategica delle tematiche inerenti la difesa del suolo favorire la definizione di un governo pubblico e partecipativo del territorio e del paesaggio considerare interesse primario della comunità non solo l adeguata e corretta pianificazione dei processi di urbanizzazione, ma anche la salvaguardia dei terreni agricoli, dei terreni boschivi e delle aree improduttive dal punto di vista agrario, ma strategiche per la rete ecologica Pag. 10 a 18

11 incoraggiare un ampio processo educativo e partecipativo non centralizzato, capillare, che coinvolga non solo organizzazioni, ma anche persone, uomini, individui, comunità 2.2 Politica energetica sostenibile La politica energetica comunale dovrà basarsi sul coniugare sostenibilità ambientale e fabbisogno energetico. Per questo ci faremo promotori di un Piano Energetico Comunale (PEC) le cui basi saranno: informazione. Saranno programmati incontri con i cittadini e sensibilizzati gli studenti delle scuole risparmio energetico. Promuoveremo politiche di riduzione del consumo degli edifici comunali, amministrativi e delle infrastrutture comunali e di obbligo di interventi di riqualificazione energetica in classe A+ per gli edifici privati da ristrutturare o di nuova costruzione promozione e utilizzo di fonti rinnovabili e sostenibili. Promuoveremo la realizzazione di impianti solari su tutti gli edifici comunali ed agevolazioni per i privati anche tramite la costituzione di gruppi di acquisto per l installazione di impianti di produzione energia rinnovabile a prezzi più convenienti per il privato cittadino 2.3 Gestione Rifiuti Per migliorare la gestione dei rifiuti nella nostra città ci muoviamo in due direzioni: da una parte aumentare la raccolta differenziata e il riciclo, dall altro diminuire la produzione di rifiuti. Per questo proponiamo: incrementare la raccolta differenziata porta a porta dall'attuale 59% all'80% nell imminente futuro. Per ottenere tale obiettivo, si può introdurre anche la raccolta differenziata di prossimità, che prevede la sostituzione dei cestini indifferenziati presenti sul territorio comunale, con mini piazzole ecologiche formate da cestini differenziati (plastica/metallo, vetro, carta, umido e secco). Questo sistema prende spunto dalla raccolta differenziata introdotta nel Parco di Monza col nuovo appalto sui rifiuti. ridurre gli imballaggi, promuovendo iniziative che coinvolgano i commercianti per avviare o potenziare la vendita di prodotti sfusi adottare i dieci passi per aderire alla rete Rifiuti Zero lanciare progetti concreti di riduzione dei rifiuti:. Acquisti Verdi (Green Public Procurement). Compostaggio domestico. Consumo di acqua del rubinetto. Latte alla spina. Acqua del rubinetto nelle mense scolastiche. Detersivi alla spina Pag. 11 a 18

12 . Eco-sagre. Pannolini ecologici. Assorbenti ecologici. Mercatino di scambio e riuso. Via la plastica da tutte le mense. Compostiera pubblica. Gomme da masticare biodegradabili 2.4 Agricoltura Proporre agli agricoltori la possibilità di mettere a disposizione parte dei loro terreni per praticare agricoltura biologica, oppure per la sperimentazione di colture pregiate come il farro, un cereale adatto per la produzione di pasta di alta qualità. Quest'ultima sperimentazione è già partita a Biassono e Vimercate, a seguito di un accordo sottoscritto nell'ottobre 2009 da Camera di Commercio, Cuochi lombardi, Coldiretti e Pastificio di Osimo (An). Incrementare la realizzazione degli orti urbani destinati non solo ad anziani, ma anche a giovani e disoccupati, per favorire nuova imprenditoria agricola e prodotti a km zero. 3. Trasporti e Mobilità La maggior parte degli impatti negativi della mobilità è legata ad un uso preponderante del trasporto motorizzato privato rispetto a quello delle altre modalità di trasporto: dobbiamo riequilibrare questa ripartizione. Per esperienza, le misure volte ad accrescere la competitività dei modi di trasporto alternativi all automobile non sono sufficienti da sole. Occorre ridurre parzialmente i livelli di accessibilità con il trasporto motorizzato privato, migliorando in compenso l accessibilità tramite altre forme di trasporto. Ecco la nostra politica di mobilità integrata. 3.1 Razionalizzare il trasporto privato motorizzato limitare gli ulteriori ampliamenti della rete viaria ai soli casi necessari a rendere più accessibili zone poco collegate al resto della rete Pag. 12 a 18

13 introdurre un sistema di controllo degli accessi dei veicolo con tariffazione proporzionale al livello di emissioni promuovere il car pooling promuovere il car sharing 3.2 Incentivare i mezzi collettivi potenziare le diverse reti in termini di veicoli e di infrastrutture fisse, così da incrementarne velocità e frequenza di passaggio aumentare la frequenza delle corse degli autobus, soprattutto nelle ore di punta e nelle ore serali. Proseguire con la sostituzione degli autobus (gestiti da NET) con veicoli a trazione ecologica (ibrido, metano, elettrico) un'intervento già avviato per gli automezzi della linea Z206 (Poliziano-Ospedale Nuovo) integrare e coordinare le diverse forme di trasporto collettivo, attraverso una distribuzione spaziale delle diverse reti, una creazione di nodi tra le diverse reti del trasporto collettivo e tra queste e il trasporto individuale, un rispetto degli orari, un sistema di biglietteria volto all'utilizzo di un biglietto unico prolungamento della metrotranvia da Cinisello Balsamo fino a Monza (p.le Virgilio) passando in superficie per viale Lombardia, una volta terminato il tunnel proposta di nuova linea di autobus con tracciato ad anello, il cui capolinea si attesti alla nuova sede della provincia MB. Il tragitto di questa nuova linea pubblica avrà come fermate principali Lissone (FS), Monza (Ospedale nuovo) e Monza (Villa Reale) Studio di fattibilità per il prolungamento della metropolitana sotterranea dalla futura stazione di Monza(Bettola) sino a Macherio(FS) con fermate principali a Monza(Villa Reale) Vedano e Biassono. controllare che il progetto di metropolitana ben si integri con il sistema integrato di trasporti e che i costi dell'opera siano in linea con i costi delle opere in Europa (solitamente in Italia per le opere pubbliche si spende sempre molto di più rispetto al preventivo iniziale) annullamento del progetto di monorotaia sul canale Villoresi annullamento delle proposte di metro leggera interrata, perché hanno un tracciato urbano ad anello che non risolve il problema del traffico di attraversamento a Monza (nord-sud) proveniente dalla sp6 Monza-Carate 3.3 Favorire la mobilità non motorizzata promuovere la mobilità ciclabile creando una rete di piste e corsie ciclabili il più possibile continua e capillare, così da permettere ai ciclisti di spostarsi in modo protetto; introdurre parcheggi per le bici in corrispondenza di residenze, posti di lavoro e servizi e fermate dei mezzi pubblici Pag. 13 a 18

14 completare la rete ciclabile progettata all'interno del BICIPLAN ed integrarla con le proposte di comitati, associazioni e cittadini. Installare strutture di bike-sharing in stazione Monza(Centro) e davanti al municipio. pedonalizzare interi tratti di vie per creare spazi di ritrovo e aggregazione. Semipedonalizzare attraverso opportuni dispositivi di rallentamento nelle cosiddette isole ambientali, aree di distribuzione e di accesso alle residenze e ai servizi pubblici presenti, e non di attraversamento migliorare la rete dei marciapiedi, con particolare attenzione per intersezioni e passaggi pedonali rialzati, eliminando le barriere architettoniche proseguire con interventi di protezione dei marciapiedi (paletti, archetti, balaustre) ed in alcuni casi anche di allargamento, per impedire la sosta selvaggia (compresa quella in doppia fila) manutenere costantetemente strade, marciapiedi, piste ciclabili e piazze 3.4 Misure trasversali ai diversi modi di trasporto Il successo di queste politiche dipende da come vengono percepite dai cittadini. Le iniziative possibili sono numerose, dall offrire abbonamenti gratuiti mensili per il trasporto pubblico o il car sharing al mettere a disposizione una bicicletta per un certo periodo di tempo. sostenere il cosiddetto "mobility management": esso prevede, all interno di aziende ed enti pubblici, di un responsabile della mobilità. Il mobility manager può attivare per i dipendenti servizi di car pooling aziendale, offrire sconti sull abbonamento al trasporto pubblico, mettere a disposizione veicoli a basso impatto ambientale per il trasporto aziendale, creare strutture di supporto per i ciclisti (parcheggi per bici, docce e spogliatoi presso gli uffici). In Italia è stato introdotto con il D.M. 27 marzo 1998, che stabiliva che tutte le imprese con oltre 300 dipendenti dovessero nominare un mobility manager e predisporre un piano di spostamenti casa-lavoro, purtroppo con scarso successo adottare il Piano Generale Traffico Urbano (PGTU) e, dopo la discussione delle osservazioni, procedere con l'approvazione. Il PGTU è molto utile per migliorare la viabilità e favorire interventi come l'ottimizzazione del trasporto pubblico, la mobilità ciclopedonale, la mobilità per i disabili, la riduzione del traffico e dell'inquinamento. attivare il sistema ZTL che permetterà di controllare l'accesso ad alcune vie del centro storico riservato solo agli autorizzati (residenti, carico- scarico, disabili, ecc.) rafforzare i controlli, relativamente a ZTL, dei limiti di velocità, corsie riservate, divieti di sosta, tariffe per sosta e circolazione di automobili ripristinare le domeniche ecologiche, sia per dare una tregua all'inquinamento generato dai veicoli privati inquinanti, sia per dare la possibilità ai cittadini di riappropriarsi della città. Tali appuntamenti oltre a stimolare i cittadini ad usare i mezzi pubblici, saranno un'occasione per consentire a pedoni e ciclisti di muoversi liberamente per le vie di Pag. 14 a 18

15 Monza, organizzando anche eventi sostenibili (biciclettate, giochi per bambini, maratone) Infine, alla base delle scelte di mobilità individuali giocano un ruolo decisivo fattori culturali e stili di vita. Le misure effettuate in tal senso vanno dal lancio di campagne di informazione e promozione di corsi nelle scuole, alla creazione di forum di partecipazione per coinvolgere la popolazione nelle definizione delle politiche. 4. Tutela dei beni comuni Ciò che la storia ha lasciato ai monzesi appartiene ai monzesi. Il MoVimento 5 Stelle persegue la strada della tutela di beni comuni di primaria importanza tra i quali la Villa Reale e il Parco, per sottrarli agli appetiti degli interessi privati. 4.1 Parco di Monza norme più restrittive per la concessione dei permessi di circolazione ai veicoli a motore potenziamento del servizio GEV (Guardie Ecologiche Volontarie) maggiore controllo del transito veicolare (GEV e Polizia Locale) aumento dei fondi destinati alla manutenzione del Parco abbandono di qualsiasi progetto atto ad edificare qualsivoglia struttura all interno del Parco abbandono definitivo del progetto di costruzione di un distributore gpl all interno del Parco lotta alle zanzare per una migliore fruibilità dei visitatori estendere il piano antitraffico del GP di F1, anche ad altre manifestazioni di veicoli motorizzati (superbike, rally, ecc.) per impedire l'invasione del traffico privato all'interno del Parco e nei comuni interessati (Monza e Vedano Al Lambro) completare la riqualificazione ambientale dell'area ex-ippodromo, abbattendo le ultime 2 strutture pericolanti esistenti proporre insieme ad altre forze civiche una modifica alla concessione della Sias per l'abbattimento delle fatiscenti curve sopraelevate, intervento previsto anche anche nel PTC del Parco Regionale Valle Lambro (art. 17, comma 4). Tale proposta accompagnata da raccolta firme, ha come obiettivo quello di restituire al Parco un area verde pubblica In generale occorre valorizzare il Parco per reperire fondi necessari alla manutenzione del verde e delle sue Ville e Cascine. Esistono molte potenzialità da esplorare, anche facendo riferimento a progetti europei di salvaguardia e promozione dei polmoni verdi cittadini Pag. 15 a 18

16 4.2 Villa Reale Il MoVimento 5 Stelle propone il restauro della Villa Reale con destinazione museale e didattica e spazi commerciali solo complementari e finalizzati all accoglienza dei visitatori. Tutti concordiamo sul fatto che la Villa Reale necessiti di restauri, ma purtroppo il bando di gara su invito, pubblicato da Regione Lombardia, è apparso sin dall inizio denso di punti oscuri veglieremo sulla gestione dei privati affinché venga garantito il rispetto dell'opera, della sua importanza storica e culturale sosterremo i comitati che si impegneranno attivamente su questo fronte. solleciteremo il Consorzio e la Provincia ad accelerare la ristrutturazione dell'edificio ex- Borsa, per consentire agli studenti dell'isa, distaccati in altra sede, di ritornare in Villa Reale 4.3 Acqua pubblica L'acqua è da considerarsi un bene dell'umanità e di conseguenza un diritto inviolabile per tutti. Ci impegnamo perciò al mantenimento della gestione dell'acqua in ambito pubblico, con apposita modifica dello statuto, in quanto l acqua è da considerarsi un bene dell umanità e di conseguenza un diritto inviolabile per tutti e opereremo, attraverso la società di gestione dell acquedotto, per garantire la qualità dell acqua distribuita e tutelare la falda idrica 4.4 Aria La qualità dell'aria di Monza è una delle peggiori d'italia: rimandiamo ai punti su mobilità e risparmio energetico degli edifici per illustrare le nostre proposte di riduzione dell'inquinamento. In particolare da anni sussiste il problema dei miasmi del depuratore in quartiere S.Rocco. Ci metteremo a fianco dei comitati tecnici che negli anni hanno cercato di contribuire alla risoluzione di un problema che, a nostro avviso, deriva molto dall'ingerenza della politica che ha dato spesso spazio a operazioni di natura mediatica senza però approfondire le ragioni tecniche del problema. Pag. 16 a 18

17 5. Coesione sociale e sviluppo sostenibile 5.1 Sviluppo di nuovi modelli economici per creare nuove opportunità di lavoro istituzione dei Distretti di Economia Solidale (DES) nell'ambito di un progetto più ampio denominato "RES" (Rete di Economia Solidale) diffusione della cultura delle 6 R : rivalutare, ricostruire, ridistribuire, ridurre, riutilizzare e riciclare costituzione di un laboratorio per la creazione e lo sviluppo di imprese di economia solidale e loro mappatura ricorso ove possibile, per tutte le necessità della Pubblica Amministrazione, ai prodotti e ai servizi delle imprese etico-solidali del territorio creazione di un polo delle eccellenze su arte e cultura e artigianato locale 5.2 Scuola e cultura La scuola è il sostegno della cultura e fornisce le basi del "buon cittadino". La scuola è il fondamento della società. Il comune, nell ambito delle proprie competenze, deve avere come priorità una scuola pubblica di alta qualità proponendo sviluppo della cultura ambientale nelle scuole iniziative per una corretta e sana alimentazione sostegno alle scuole sicurezza ed educazione stradale nelle scuole rivalutazione dell'educazione fisica rivalutazione dell'educazione musicale aumento degli asili nido comunali una scuola non solo per i ragazzi trasmissione del sapere di generazione in generazione ricerca di spazi fisici per attività culturali e di aggregazione Consiglio comunale dei ragazzi vietato ai MAGGIORI di 13 anni istituzione di nuove biblioteche nei quartieri periferici che ne sono sprovvisti con estensione dell'orario di apertura serale e festivo di tutte Pag. 17 a 18

18 5.3 Integrazione sociale L'integrazione è un concetto trasversale a diverse categorie sociali: giovani, emarginati, anziani, disabili e immigrati sia italiani sia stranieri. Per noi la diversità di età, ceto, abilità, provenienza non è un problema, bensì un fenomeno che va affrontato, governato e, dove possibile, usato come opportunità di crescita culturale dell intera comunità. Proponiamo quindi la creazione di spazi come momenti di aggregazione sociale la integrazione e il coinvolgimento della popolazione straniera un no deciso ai ghetti più consultori per giovani e per immigrati 5.4 Sicurezza L'illegalità, la piccola delinquenza e il vandalismo sono la prima espressione del disagio proveniente dalle situazioni di miseria culturale, sociale ed economica e spesso sono direttamente proporzionali al degrado dei quartieri dove si manifesta educazione alla legalità in tutti gli istituti scolastici fin dalle scuole secondarie di primo grado potenziamento della vigilanza, specialmente in alcune zone della Villa Reale e del Parco nelle periferie e nelle stazioni ferroviarie interventi di riqualificazione di tutte le aree dismesse e degradate perché queste sono spesso lasciate senza controllo diventando potenzialmente luoghi per la crescita di attività illegali Pag. 18 a 18

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it

I nostri obiettivi. www.matelica5stelle.it 1 I nostri obiettivi www.matelica5stelle.it 2 Ambiente Ogni aspetto della nostra vita - la sua stessa qualità - è riconducibile all ambiente a. Edilizia: promuovere un edilizia sostenibile, che punti al

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI. ART. 1 Sede

STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI. ART. 1 Sede STATUTO BIO-DISTRETTO DI GREVE IN CHIANTI E DEL TERRITORIO DELL ECCELLENZA VITIVINICOLA BIO DI PANZANO IN CHIANTI ART. 1 Sede La sede legale del bio-distretto di Greve in Chianti e del Territorio dell

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA DELLA RIFORMA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Uno Stato più snello e dinamico per non morire di burocrazia UNA RIFORMA TRE PRINCIPI SEMPLIFICARE LA VITA DEI CITTADINI AIUTARE CHI INVESTE TAGLIARE GLI SPRECHI

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere.

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere. SNTESI QUARTIERI CHIAVRIS, PADERNO, MOLIN NUOVO, ANCONA AVVERTENZE GENERALI Si precisa che i report degli incontri della fase di ascolto sono stati elaborati sulla base delle annotazioni che l Ufficio

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Egidio Longoni. Assessore alla partecipazione e politiche giovanili IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Egidio Longoni. Assessore alla partecipazione e politiche giovanili IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Egidio Longoni Sistemi informativi e innovazione RIVOLUZIONE DIGITALE IN COMUNE Più servizi ai cittadini con meno costi. Investimento di 2,4 milioni di euro per aggiornare l infrastruttura tecnologica

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Criticità Obiettivo Risultato atteso Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Opportunità di finanziamento Mancanza di (Emas, Ecolabel, ISO14001) presso le strutture turistiche. Aumentare il numero di certificazioni

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione

Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione Programma elettorale lista civica Libertà e Partecipazione La lista civica Libertà e Partecipazione, con il programma di seguito riportato, propone un cambiamento del concetto di politica adottato in passato,

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti

Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti Iniziative a favore delle aziende per incrementare l uso del trasporto pubblico da parte dei propri dipendenti Trasporto pubblico invece di auto private Il progetto BENEFIT sostiene le aziende pubbli-

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013

Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale. 3 Dicembre 2013 Dott. Francesco Petitto Direttore Area Rete e Commerciale 3 Dicembre 2013 Premessa In un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, pensare alla nostra città ed in particolare alle nostre

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 40 del 30 ottobre 2012 1 REGOLAMENTO DEGLI STRUMENTI PARTECIPATIVI DEL COMUNE DI VIMERCATE

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la A TUTTO SPORT! Azioni sportive per una comunità in movimento PREMESSA Lo sport è un veicolo per le relazioni e, allo stesso tempo, un promotore di impegno e identità attivi; un punto di partenza dal quale

Dettagli

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007 Report integrale ABCittà società cooperativa sociale onlus www.abcitta.org Azioni Forum 02 Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE"

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE ETERNIT FREE ALLEGATO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE" TRA REGIONE ABRUZZO E ANCI ABRUZZO LEGAMBIENTE AZZEROCO 2 1 L anno 2011, il giorno.., del mese di, presso la sede della Regione Abruzzo in

Dettagli

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale Azioni locali contro l'inquinamento di aria e acqua. Il ruolo dei cittadini Sala Aula Magna - Ordine della Casa Matha - piano 1 L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un

Dettagli

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE 3 giornata sull efficienza energetica nelle imprese 20 maggio 2008, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell è un associazione

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi. della società

Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi. della società Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi della società 1 1. Informazioni sullo stato dei sinistri Rischio: ALL-RISK danni al patrimonio Periodo di osservazione: 2012 al 2015

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom.

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom. LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 24-05-1985 REGIONE LAZIO Norme in favore dei rom. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 16 del 10 giugno 1985 Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della

Dettagli

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

VERSO IL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Trimestrale di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Orsenigo Direttore Responsabile: Licia Viganò Numero chiuso il: 5 febbraio 2009 Supplemento al numero 37 Stampa: Com.Unica srl (Lipomo)

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico;

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico; BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA I l 22 dicembr e 2006, il Consiglio dei minist ri ha approvat o in via definit iva un decreto legislat ivo che spinge l industria it aliana delle costr uzioni verso

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli