Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico"

Transcript

1 Provincia di Padova Assessorato Ambiente Protezione Civile Centro di Ecologia Umana Università degli Studi di Padova Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico Redazione Documento Preliminare al Piano di Azione Padova, 8 aprile 2010 Massimo Riolfatti

2 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera

3 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera - 1 Recepisce il D. Lgs. n. 351/99 che prevede, in attuazione della direttiva 96/62/CE, la stesura di una valutazione periodica dello stato di qualità dell'aria estesa a tutto il territorio regionale.

4 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera - 2 La Regione del Veneto, con deliberazione n. 57 del , ha approvato il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera che assegna particolari competenze a Comuni e Province. Il D. Lgs. n. 351/99 assegnava alle Regioni il compito di effettuare la valutazione preliminare della qualità dell'aria al fine di individuare le zone a differente grado di criticità rispetto ai valori limite stabiliti per i differenti inquinanti previsti dalla normativa. Con deliberazione n. 799 del 28 marzo 2003, la Regione ha provveduto alla classificazione delle zone del territorio regionale determinando, in tal modo, l'appartenenza di ogni Comune a zone denominate A, B o C.

5 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera - 3 Al fine di attribuire la classificazione dei diversi inquinanti, distinta per Comune, sono state considerate le seguenti "condizioni": stato dell'inquinamento e superamento dei valori limite (specifico per i vari inquinanti); numero degli abitanti; densità abitativa; essere capoluogo di Provincia. Su queste basi il territorio della provincia di Padova, vedeva alcune aree comunali inserite in: Zona A per PM 10, IPA, NO 2 e O 3 ; Zona B per Benzene, NO 2 e O 3 ; Zona C per CO e SO 2.

6 LA ZONIZZAZIONE SECONDO IL PRTRA

7 La zonizzazione secondo il PRTRA - SO 2 ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, più di 24 superamenti della soglia oraria aumentata del margine di tolleranza (440 µg/m 3 per il 2002) e/o il superamento della soglia giornaliera di 125 µg/m 3 ; ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, più di 24 superamenti della soglia oraria di 350 µg/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

8 La zonizzazione secondo il PRTRA - NO 2 ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, più di 18 superamenti della soglia oraria aumentata del margine di tolleranza (280 µg/m 3 ) e/o il superamento del valore limite annuale aumentato del margine di tolleranza (56 µg/m 3 ); ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati per almeno 3 anni, più di 18 superamenti della soglia oraria di 200 µg/m 3 e/o il superamento del valore limite annuale di 50 µg/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

9 Comuni del padovano appartenenti alle Zone A per l NO 2 Alla stesura del PRTRA: Padova Cittadella Este

10 La zonizzazione secondo il PRTRA - O 3 ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, superamenti della soglia di allarme (240 µg/m 3 per almeno 3 ore consecutive) e più di 25 superamenti del valore bersaglio di 120 µg/m 3 ; ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, più di 25 superamenti del valore bersaglio di 120 µg/m 3 ; ricadono in zona C le restanti le aree.

11 Comuni del padovano appartenenti alle Zone A per l O 3 Alla stesura del PRTRA: Cittadella

12 La zonizzazione secondo il PRTRA - CO ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, il superamento del valore limite aumentato del margine di tolleranza (16 mg/m 3 per il 2002); ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati, per almeno 3 anni, il superamento del valore limite di 10 mg/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

13 La zonizzazione secondo il PRTRA Benzene (per il quale non si hanno serie storiche più lunghe di tre anni) ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati superamenti del valore limite annuale aumentato del margine di tolleranza (10 µg/m 3, valido fino al ); ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati superamenti del valore limite annuale di 5 µ/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

14 La zonizzazione secondo il PRTRA - PM 10 (per il quale non si hanno serie storiche più lunghe di 3 anni) ricadono in zona A le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati più di 35 superamenti del valore limite giornaliero aumentato del margine di tolleranza (65 µg/m 3 per il 2002) e/o il superamento del valore limite annuale aumentato del margine di tolleranza (44.8 µg/m 3 per il 2002); ricadono in zona B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati più di 35 superamenti del valore limite giornaliero di 50 µg/m 3 e/o il superamento del valore limite annuale di 40 µg/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

15 Comuni del padovano appartenenti alle Zone A per il PM 10 Alla stesura del PRTRA: Padova Cadoneghe Noventa Padovana

16 LA ZONIZZAZIONE SECONDO IL PRTRA PM 10 A PARTIRE DAL 2006

17 Comuni del padovano appartenenti alle Zone A per il PM 10 dal 2006 Sulla base dei dati forniti da ARPAV sull inquinamento atmosferico da PM 10 la Regione, con DGR n del 17/10/2006, ha approvato la nuova zonizzazione del territorio regionale, inserendo tutti i Comuni del padovano in Zona A con riferimento al parametro PM 10. Ne consegue che tutti i Comuni del padovano devono dotarsi di un piano di azione, come prevede il Piano Regionale di settore.

18 La zonizzazione secondo il PRTRA - IPA (per i quali non si hanno serie storiche più lunghe di 3 anni) ricadono in zona A e B le aree in corrispondenza delle quali si sono verificati superamenti del valore limite annuale di 1 ng/m 3 ; ricadono in zona C le restanti aree.

19 Comuni del padovano appartenenti alle Zone A per gli IPA Alla stesura del PRTRA: Padova Cadoneghe Noventa Padovana

20 PIANO DI MANTENIMENTO Programmi stabiliti dalle regioni e da adottare nelle zone e negli agglomerati in cui i livelli degli inquinanti sono inferiori ai valori limite, come fissato ai sensi dell art. 9 del D.Lgs. 351/99. I Piani di Mantenimento sono adottati al fine di preservare e migliorare la qualità dell'aria ambiente in tali aree compatibilmente con lo sviluppo sostenibile.

21 PIANO DI RISANAMENTO Programmi stabiliti dalle regioni e da adottare nelle zone e negli agglomerati in cui si sono verificati dei superamenti dei valori limite e dei valori limite aumentati dei margini di tolleranza ai sensi dell art. 8 del D.Lgs. 351/99. Tali Piani sono adottati al fine del raggiungimento dei valori limite entro i termini stabiliti dal DM 60/02.

22 Sostenibilità dello sviluppo La sostenibilità, vista in un'ottica localizzata nel sistema urbano (anche dei piccoli centri), può essere ritenuta come quella situazione che offre servizi ambientali, sociali ed economici di base a tutti i membri di una comunità, senza minacciare l'operabilità del sistema naturale, edificato e sociale, da cui dipende la fornitura di tali servizi.

23 PIANO DI AZIONE Programmi stabiliti dalle regioni contenenti le misure da attuare nel breve periodo, affinché sia ridotto il rischio di superamento dei valori limite e delle soglie di allarme, nelle zone del proprio territorio individuate ai sensi dell art. 7 del D.Lgs. 351/99. I piani possono prevedere misure di controllo e, se necessario, di sospensione delle attività, compreso il traffico veicolare, che comportano il superamento dei valori limite e delle soglie di allarme.

24 LA QUALITÀ DELL ARIA

25 La qualità dell aria - 1 L aria, quando di buona qualità e sufficiente disponibilità, rappresenta la fonte più preziosa per mantenere la vita sul pianeta; una sua qualsiasi alterazione comporta riflessi negativi sull ambiente e sulla salute dell uomo.

26 La qualità dell aria - 2 La sua qualità può essere distrutta dal totale delle attività produttive dei settori primario, secondario e terziario. Agricoltura, sfruttamento di miniere e cave, attività produttive, trasporti e comunicazioni, attività di costruzione, produzione energetica, sono tutti fattori che contribuiscono, più o meno, con una serie di altre attività (ricreative, sanitarie, educative e turistiche) alla disponibilità e alla qualità dell aria. Non si devono, altresì, trascurare i fenomeni naturali (attività vulcaniche, incendi forestali ed emissioni di sostanze volatili naturali) che contribuiscono, in qualche misura, anch essi alla definizione della qualità dell aria. Le varie sorgenti di emissione con i loro specifici inquinanti interagiscono fra loro anche in combinazione con altri aspetti, quali le condizioni climatiche.

27 SOSTENIBILITÀ DELLO SVILUPPO E QUALITÀ DELL ARIA

28 Sostenibilità dello sviluppo e qualità dell aria - 1 Il concetto di sostenibilità è assai più vasto di quello della tutela ambientale e qualità dell'ambiente, coinvolgendo anche quadri di valutazione sociale, economica, morale e politica. Ciò non deve fuorviarci dall analisi delle azioni da attuare per la tutela della qualità dell aria, ma, è ovvio, che non dobbiamo dimenticare questi aspetti collaterali al fine di non assumere decisioni che potrebbero avere influenze negative sulla sostenibilità urbana nel suo complesso.

29 Sostenibilità dello sviluppo e qualità dell aria - 2 Non possiamo dimenticare che la produzione e il consumo di energia sono le principali cause dell inquinamento dell aria, cui sono legati altri aspetti: rifiuti e trasporti nella città. Due sono, ovviamente, gli obiettivi principali per la tutela della qualità dell aria: ridurre le fonti e l entità dell inquinamento; promuovere la rigenerazione e il filtraggio dell aria. Si deve porre l accento che la riduzione delle fonti e dell entità dell inquinamento si riflettono, tra l altro, su una diminuzione del consumo di energia, ne aumentano la produzione e spingono all uso delle fonti energetiche rinnovabili.

30 Applicazione del PRTRA Appare evidente che il preciso disegno del Piano per la Tutela della Qualità dell Aria è di significativa complessità e soprattutto, al fine della sua positiva ed effettiva attuazione, deve trovare rispondenza in tutte le forze sociali ed economiche interessate alla vita comunale. Caratterizzante è la valutazione della caratteristica della dimensione del Comune, in particolare rappresentata, in linea generale, dal numero degli abitanti.

31 Il numero di abitanti nei Comuni padovani (31/12/2005) (104) Barbona: 756 Selvazzano Dentro: (Padova: ) Media: (non compresa Padova) (compresa Padova) Popolazione totale della provincia di Padova:

32 OBIETTIVI

33 Obiettivi - 1 Il presente incontro mira ad essere propedeutico alla redazione del suddetto Piano attraverso l avvio di un dialogo e di un confronto con i diversi sindaci dei Comuni del padovano, affinché lo stesso sia il risultato non solo di un analisi tecnica, ma anche di una proposta comune e condivisa delle principali azioni da adottare fin dai prossimi mesi per migliorare la qualità dell aria e, di conseguenza, la qualità della vita e dell ambiente nella nostra provincia.

34 Obiettivi - 2 È evidente quindi la necessità che alla formulazione dei criteri, su cui esso poggerà, partecipi la comunità locale al fine possa esprimere la sua condivisione sull'elaborazione delle politiche dell energia e dei trasporti e sulla valutazione delle iniziative collettive in materia.

35 Obiettivi - 3 Gli obiettivi che l incontro intende perseguire, anche a medio termine, sono: indicare possibili integrazioni e modifiche alle linee guida proposte dal Piano sulla qualità dell aria; approfondire gli aspetti tecnici relativi all utilizzo di nuove tecnologie; individuare e condividere le azioni prioritarie per il miglioramento della qualità dell aria; favorire lo scambio di conoscenze, opinioni, idee fra esperti di diversi settori (tecnologi, amministratori, imprenditori, cittadini, ); sviluppare nuove idee e linee guida per azioni, politiche, iniziative da realizzare in futuro a livello locale.

36 Costruzione del Piano Fasi operative

37 Fasi operative Censimento, sulla base dei dati disponibili, e articolato per aree (centro storico, zone periferiche, tangenziali, zone industriali e artigianali, aree agricole, ecc.), delle fonti di emissione delle PM 10 (disaggregando i dati sulla base di classi di potenzialità emittente di sorgenti) quali: Trasporti (classificazione secondo le norme EURO); Impianti termici (classificazione secondo tipologia di combustibile e potenzialità); Insediamenti industriali (classificazione per tipologia); Agricoltura (classificazione per attività specifiche); Altre fonti. Parametrizzazione delle fonti, per aree di riferimento e di cui al sopracitato censimento, finalizzata alla valutazione del grado di impatto di ciascuna fonte, nell inquinamento globale, per specie di inquinante; Definizione di interventi specifici per la riduzione delle PM 10 sulla base della parametrizzazione sopra citata; Stima degli effetti sullo stato della qualità dell atmosfera a seguito dell applicazione degli interventi; Confronto con gli Assessori e i Responsabili dei settori di competenza di altri Comuni dell area di interesse, per la condivisione dei programmi e delle attività finalizzate al contenimento degli inquinanti dell aria; Stesura del Piano.

38 Fonti di inquinamento su cui agire Trasporti e traffico; Impianti termici (classificazione secondo tipologia di combustibile e potenzialità); Insediamenti industriali (classificazione per tipologia); Agricoltura (classificazione per attività specifiche); Altre fonti.

39 LINEE GENERALI D AZIONE

40 Trasporti e traffico Blocco del traffico (Effetto diretto o solo di sensibilizzazione?) Controllo emissioni veicoli Installazione filtri antiparticolato Controllo rispetto limiti di velocità Gestione orari Integrazione trasporto pubblico Incentivazione uso bicicletta Distribuzione delle merci Uso combustibili alternativi Fluidificazione del traffico Pulizia strade

41 Riscaldamento Riduzione periodi e temperature Controllo emissioni caldaie Sostituzione caldaie Combustibili alternativi Favorire uso energie rinnovabili Certificazione edifici Teleriscaldamento

42 Industria Depurazione aria Sensibilizzazione ed Educazione della popolazione Industria Riduzione emissioni PM 10 Emanazione nuovi limiti di emissione per PM 10 Certificazione ambientale Depurazione aria Istituzione Ufficio Tutela dell Aria Promuovere verde pubblico e piantumazione Valutazione emissioni CO 2 Sensibilizzazione ed Educazione della popolazione

43 LE PROPOSTE (Settore Ambiente Ecologia)

44 PROPOSTE Settore Ambiente - Ecologia 1. Limitazione alla circolazione dei veicoli più inquinanti, compresi i veicoli commerciali. Si sa che i veicoli Euro 0- Euro 1 - Euro 2 sono i più vetusti e anche i più inquinanti. 2. Adozione di un Piano comunale per la sostituzione di tutti i veicoli di proprietà comunale più inquinanti. Si pensa che il buon esempio possa indurre comportamenti virtuosi nei cittadini. 3. Suggerire l'installazione dei dispositivi FAP anche nei veicoli diesel Euro 2, oggi sprovvisti. 4. Prevedere interventi sulla mobilità (parcheggi scambiatori, fluidificazione del traffico, ecc.). 5. Creare Zone Low Emissions a livello di singolo quartiere, singola zona urbana, a orari e tempi diversi. 6. Risparmio energetico: promuovere l'informazione ai cittadini sulle opportunità e vantaggi offerti dalle norme in vigore. Segnalare le ESCO operanti in provincia e disponibili a proporre, interventi di risparmio energetico. 7. Promuovere l'informazione su tutto quanto riguarda l'ambiente, quali i dati di qualità dell'aria, le opportunità offerte dalle norme, le iniziative dei Comuni, le ESCO, le iniziative strutturali di ogni Comune. Promuovere il divieto di azioni ritenute non più compatibili come la combustione di sterpaglie o altro di simile (regolamento dì Polizia Rurale). 8. Mettere in rete tutte le iniziative di carattere strutturale promosse o realizzate da ogni Comune. La Provincia si offre come soggetto in grado di creare e gestire un sito web dedicato. 9. Procedere a qualche controllo sulle emissioni dei veicoli da parte dei Vigili Urbani. 10. Richiedere il sostegno economico della Regione nelle iniziative quali: 1. sostituzioni auto Euro sostituzione caldaie inquinanti; 3. interventi strutturali sugli edifici e sulla viabilità ordinaria, piste ciclabili.

45 MOBILITÀ breve periodo Blocco circolazione Blocco dei veicoli non catalizzati, anche se muniti di bollino blu, e targhe alterne per i veicoli catalizzati con classificazione, rispettivamente, inferiore a: gli autoveicoli ad alimentazione a benzina, diesel conformi alla norma EURO IV i veicoli industriali e commerciali leggeri classificati EURO III i veicoli industriali e commerciali pesanti, autoarticolati, bus e pullman ad alimentazione diesel conformi alla norma EURO III i ciclomotori conformi alla Direttiva 97/24/EC-Stage II i motoveicoli conformi alla Direttiva 97/24/EC nei giorni di giovedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00; tali misure non si applicano per tutti i veicoli alimentati a GPL o metano, per i veicoli con classificazione pari o superiore di cui ai punti a), b), c), d) ed e) e per specifiche categorie di utenti sensibili (disabili, ecc.); realizzazione di più domeniche ecologiche con blocco totale del traffico veicolare dalle ore alle ore con deroghe. [Esempio costruito sulla realtà del traffico e trasporto urbano nel Comune di Padova anni ]

46 MOBILITÀ breve/medio periodo - 1 Frequente lavaggio delle polveri depositate lungo le strade a maggior traffico; Istituzione di controlli giornalieri sistematici per il rispetto dei divieti e controlli periodici delle emissioni dei veicoli in strada, con particolare riguardo ai mezzi pesanti e commerciali, con strumentazione portatile; a tal fine si ritiene utile coinvolgere tutte le forze di polizia, carabinieri, guardia di finanza, corpo forestale, ecc.; Installazione di "autovelox" fissi: almeno uno per ogni principale arteria di adduzione al centro delle città con funzione di far rispettare i limiti di velocità, contenere, in linea generale, i consumi di carburante, accrescere la sicurezza sulle strade e miglioramento del clima acustico; Istituzione del Piano degli orari per eliminare l'ora di punta e quindi le code, desincronizzazione degli orari delle scuole medie superiori (esercizi pubblici, pubblica amministrazione, giornata unica del cittadino); Integrazione tariffaria per il trasporto pubblico; Istituire autobus e taxi senza fermata predeterminata; Incentivare l'uso del trasporto pubblico urbano attraverso la riduzione del costo dei biglietti dei bus nei periodi di applicazione dei provvedimenti dei veicoli "no kat" e "targhe alterne": protocolli d'intesa con le associazione dei commercianti per finanziare il "ticket ecologico"; Intensificare le frequenze degli autobus collegati con i parcheggi e istituzione di biglietti cumulativi (parcheggio + bus); Blocco della circolazione in Centro storico dei motorini a due tempi; Incentivare la realizzazione del trasporto scolastico urbano;

47 MOBILITÀ breve/medio periodo - 2 Incentivare l'uso della bicicletta in ambito urbano per mezzo di: incentivi all'acquisto, realizzazione di parcheggi per biciclette, percorsi ciclabili, istituzione dell"'ufficio Biciclette", progetto Nolo&Bike, attività di promozione (comunicazione, educazione, pubblicità, noleggio, parcheggio, forme assicurative), pianificazione dell obbligo di inserimento di itinerari ciclabili all interno delle opere di urbanizzazione dei Piani di Lottizzazione; Piano di informazione delle iniziative volte al miglioramento delle qualità dell'aria (giornata senz auto, bicicliamo la città, scopriamo i monumenti", ecc.); Razionalizzazione della distribuzione delle merci nei centri urbani con la realizzazione della piattaforma logistica Progetto metano per autotrazione; Incentivare l'impiego dei filtri "antiparticolato" nei veicoli alimentati a gasolio; Ulteriore promozione del Mobility management ; Incentivare la sostituzione del parco autoveicoli no kat; Incentivare la sostituzione del parco moto veicoli no kat; Incentivare la sostituzione del parco veicoli commerciali (categorie L2, L5, N); Incentivare la sostituzione di mezzi pesanti no kat; Incentivare la sostituzione del parco mezzi pubblici no kat.

48 MOBILITÀ breve/medio periodo - 3 Predisposizione di un piano di interventi per favorire lo svecchiamento dei veicoli commerciali e la messa in esercizio di piattaforme per la gestione organizzata delle merci; divieto di transito nel centro urbano dei mezzi di trasporto pubblico non conformi alla normativa EURO III o non alimentati con carburanti ecocompatibili (es. biodiesel, GPL, metano, ecc.); realizzazione di corridoi blu (corsie percorribili solo da auto con almeno due viaggiatori a bordo) e semafori blu nei tratti a maggior congestione veicolare (impianti semaforici con indicatori del tempo medio di attesa per consentire lo spegnimento dei motori delle auto in attesa); erogazione di incentivi per l acquisto e/o conversione dei mezzi più inquinanti con mezzi alimentati a metano e GPL; mantenere obbligatorio il bollino blu (controllo delle emissioni) per tutti i veicoli, compresi i commerciali, circolanti nel territorio del Comune di interesse; utilizzo di parcheggi scambiatori opportunamente collegati al trasporto pubblico.

49 MOBILITÀ breve/medio periodo - 4 Azioni di Informazione e promozione Promuovere almeno un Piedibus per ogni scuola e una rete mamme solidali (si tratta di genitori che si impegnano, in caso di maltempo, di accompagnare a scuola i bambini che di solito usano il Piedibus ) Campagna informativa e campagna di sensibilizzazione della popolazione sui temi dell inquinamento atmosferico e sui sistemi della sua prevenzione Maggiore incentivazione e pubblicizzazione dei veicoli funzionanti a GPL e Metano (o ibridi) Progettazione ed esecuzione di percorsi di educazione alla mobilità nelle scuole

50 MOBILITÀ - lungo periodo - 1 Piano Urbano della Mobilità (PUM: riduzione del livello di congestione della viabilità), Piano Generale del Traffico urbano (PGTU: organizzazione delle strade affinché siano più sicure e accessibili miglioramento della circolazione sulla viabilità principale realizzazione di percorsi sicuri per gli spostamenti dei bambini aggiornamento piano rete ciclabile): Piani Particolareggiati del Traffico Urbano (PPTU: interventi specifici sull assetto delle singole strade urbane traducendo le indicazioni generali del PGTU, in particolare con i Piani di Quartiere); Piano del Trasporto Pubblico Urbano, Piano Parcheggi-Viabilità: Realizzazione di nuovi parcheggi scambiatori;

51 MOBILITÀ - lungo periodo - 2 Fluidificazione del traffico dei veicoli a motore mediante interventi sulla viabilità (ad. es. rotatorie sperimentali e definitive); Classificazione delle strade Sostituzione del parco circolante con propulsori a metano o ibridi In prossimità zona centro utilizzo di veicoli con propulsori elettrici o elettro/ibridi Sistemi di abbattimento delle emissioni negli autobus; Incremento del trasporto pubblico (corse e fermate). Rinnovo parco mezzi pubblici e autobus Istituzione del servizio pubblico di mobilità urbana (auto, moto, veicoli commerciali, metropolitana di superficie, car sharing; Definizione corsie preferenziali; Razionalizzazione dei servizi di trasporto pubblico, con integrazione di quelli urbani con gli extraurbani; Istituzione del "Road Pricing" per la gestione delle Zone a Traffico Limitato.

52 SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO - breve/medio periodo - 1 Verifica della possibilità di riduzione del periodo di riscaldamento, orario di riscaldamento, riduzione della temperatura (1-2 C); Istituzione del "Bollino Verde" per le caldaie (Bollino Calore Pulito); Limitazione della temperatura interna degli edifici residenziali al valore massimo di 18 C per gli impianti termici non alimentati a metano o GPL; Aumentare i controlli degli impianti termici; Processo di metanizzazione: trasformazione di caldaie di proprietà dell amministrazione pubblica da gasolio a gas; Sperimentazione di combustibile a minore inquinamento: biodiesel.

53 SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO - breve/medio periodo - 2 Incentivare la rottamazione delle caldaie obsolete (a olio combustibile e gasolio) e contemporanea sostituzione con quelle a gas metano ad alto rendimento e/o condensazione, mediante la stipula di convenzioni con aziende di distribuzione del gas, banche, associazioni di categoria (pagamento delle rate del mutuo/prestito con le bollette del gas); Politiche tariffarie atte ad incentivare l'utilizzo del metano al fine di evitare il ritorno spontaneo all'impiego di gasolio combustibile; Incentivare l'installazione di pannelli solari collegati agli impianti di riscaldamento; Incentivare l'installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica (ai sensi del D. Min. Att. Prod. 28 luglio 2005; Promuovere ed incentivare l'utilizzo di composizioni cementizie speciali per pavimentazioni ed ecopitture/ecorivestimenti costituite da cemento "fotocatalitico" autopulente a base di biossido di titanio; Verifica della possibilità di filtri antiparticolato per impianti termici a olio, gasolio e stufe a legna.

54 SISTEMA EDIFICIO-IMPIANTO -lungo periodo Adeguamento del regolamento edilizio con l'introduzione del "certificato energetico degli edifici" (la Direttiva 2002/91 CE renderà obbligatoria in tutta la UE, a partire dal 2008, la certificazione energetica degli edifici, tale iniziativa è già una realtà nel Comune di Bolzano, dove il progetto 'Casaclima" obbliga, per le nuove costruzioni e ristrutturazioni, un consumo massimo di 160 kwh/mq all'anno, contro la media nazionale che va dai 200 ai 300); incentivazione dell isolamento termico degli edifici, ecc. Verificare la possibilità di modificare il regolamento edilizio, limitatamente ad alcune aree, con l'introduzione dell'obbligo di installazione degli impianti termici a metano/gpl (e pannelli solari/fotovoltaici) per ogni nuovo edificio o ristrutturazione; Promozione ed incentivazione di impianti per il teleriscaldamento e il telecondizionamento associati a centrali di cogenerazione (produzione combinata di calore ed energia elettrica).

55 INDUSTRIA medio/lungo periodo Commissionare lo studio per le possibilità tecniche di riduzione del PM 10 e stimare il contributo reale alla produzione di PM 10 delle attività industriali; (medio periodo) Aggiornamento in modo tematico dell'elenco delle industrie ed attività insalubri su quantità di produzione di PM 10 ; (medio periodo) Verificare con la Provincia la possibilità di inserire nel Decreto di Autorizzazione alle emissioni in atmosfera, delle prescrizioni sui limiti di emissione di PM 10 ; (lungo periodo) Incaricare ARPAV nella creazione di un data base ed elaborazione dati (emissioni industriali); (lungo periodo)

56 DEPURAZIONE DELL'ARIA Istituzione dell'ufficio Tutela Aria (in analogia all'ufficio Tutela Acque) e istituzione dell'autorizzazione comunale allo scarico per tutti gli edifici; [Incentivare progetti di accorpamento del verde pubblico] [Progetti di piantumazione alberi e di vegetazione con caratteristiche depurative (vetiver, ecc.)] [Valutazione quantitativa delle emissioni di CO 2 in abitanti equivalenti]

57 VIABILITÀ - 1 Bollino blu annuale obbligatorio su tutto il territorio comunale per i veicoli dei residenti nel Comune: Rete autofficine autorizzate: Individuazione del centro abitato da sottoporre a divieto di circolazione per i veicoli sprovvisti di bollino blu, e di un percorso alternativo che consenta il superamento dei centri medesimi da escludere dall'applicazione del divieto. Emanazione di ordinanza e collocazione della segnaletica. Nuovi acquisii, bandi di gare, contratti di servizio Acquisto di veicoli a motore: Assegnazione di servizi di pubblica utilità: Interventi tecnologici sul parco mezzi Rinnovo del parco mezzi: trasformazione a metano/gpl dei veicoli di enti/aziende pubbliche, taxi, mezzi commerciali; alimentazione dei veicoli con biodiesel o gasolio a basso tenore di zolfo; sostituzione dei ciclomotori a due tempi non catalizzati con ciclomotori a 4 tempi a GPL ed elettrici.

58 VIABILITÀ - 2 Verifiche in strada sulle emissioni dei veicoli Intensificazione delle verifiche in strada dei livelli di opacità dei veicoli, con particolare riguardo a mezzi pesanti e commerciali e ciclomotori a due tempi ("cinquantini"). Lavaggio delle strade Esecuzione delle operazioni di lavaggio frequenti delle strade soprattutto durante i periodi di stabilità atmosferica delle stagioni autunnali, invernali e primaverili, Divieti di combustione all'aperto l Comuni devono redigere un'apposita ordinanza di divieto di combustione all'aperto di ramaglie e altri residui vegetali e rifiuti agricoli (anche allo scopo di favorirne il conferimento a centri di riutilizzo) e verificarne il rispetto. Incremento delle piste ciclabili

59 VIABILITÀ - 3 Realizzazione di un coordinamento dei Mobillty Manager (DM 27/03/98) II Comune aderisce all'ufficio del Mobility Manager d'area istituito dalla Provincia, aderendo in proprio e per i propri dipendenti alle iniziative di mobilità sostenibile elaborate dallo stesso, individuando un proprio referente interno (Mobility Manager Aziendale). Il Comune collabora con l'ufficio del Mobility Manager d'area individuando sul proprio territorio tutte le realtà previste dai decreti ministeriali in materia che sono tenute a dotarsi di Mobility Manager Aziendale (singole unità locali o aree industriali, artigianali e commerciaìi, di servizi, poli scolastici e sanitari o aree che ospitano, in modo temporaneo o permanente, manifestazioni ad alta affluenza di pubblico) e a introdurre politiche di mobilità sostenibile per gli spostamenti casalavoro dei propri dipendenti. Favorire l applicazione del "car-sharing" e del car-pooling" Car-sharìng aziendale Il Comune si impegna a individuare agevolazioni e facilitazioni di circolazione e sosta per favorire l'applicazione del car-pooling, prioritariamente per gli spostamenti sistematici.

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007

Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007 Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007 In Italia la politica del mobility management fa riferimento al Decreto sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Piano di Azione per la qualità dell ARIA

Piano di Azione per la qualità dell ARIA Piano di Azione per la qualità dell ARIA Comune di Verona Comuni in tempi che cambiano. Qualità dell aria in Pianura Padana ed effetto serra Verona, 28 febbraio 2007 ANNI 2003-2004 CARTA DI PADOVA I Comuni

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. L aria delle nostre città: quali strategie per la pianificazione 22-12-2005

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA Prot. n. 17389 DEL 29.09.08 Ordinanza n 255 Oggetto: ORDINANZA DI LIMITAZIONE PARZIALE DELLA CIRCOLAZIONE E DIVIETO TOTALE DI CIRCOLAZIONE AI SENSI DI QUANTO DISPOSTO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI PER L

Dettagli

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI CAPITOLO 6 - LE AZIONI DEL PIANO Le azioni di risanamento dovranno garantire il rispetto dei limiti in tutte le zone soggette a quanto previsto dall art. 8 del d. Lgs 351/99, cioè in tutte quelle in cui

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico

Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico CONVEGNO - 27 Marzo 2015 CHE ARIA TIRA INQUINAMENTO AMBIENTALE IN PROVINCIA DI LECCO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le politiche del Comune di Lecco per la riduzione dell'inquinamento atmosferico Vittorio Campione,

Dettagli

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI CAPITOLO 6 - LE AZIONI DEL PIANO Le azioni di risanamento dovranno garantire il rispetto dei limiti in tutte le zone soggette a quanto previsto dall art. 8 del d. Lgs 351/99, cioè in tutte quelle in cui

Dettagli

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso.

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso. PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA DI TUTELA AMBIENTALE ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO: A seguito dell entrata in vigore del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.), attualmente

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Comune di Limena Provincia di Padova Servizio Tecnico Lavori Pubbliciubblici Via Roma 44 35010 Limena c.f. 00327150280 0498844344 fax 0498840426 www.comune.limena.pd.it lavori.pubblici@comune.limena.pd.it

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

TAVOLO PERMANENTE ARIA

TAVOLO PERMANENTE ARIA TAVOLO PERMANENTE ARIA Ing. Gian Luca Gurrieri Struttura Protezione Aria e Prevenzione Inquinamenti Fisici DG Ambiente, Energia e Reti 22 settembre 2010 1 PROVVEDIMENTI VIGENTI (attuativi LR 24/06) Limitazione

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Prot. n. ORDINANZA N. 5203 / 2010 OGGETTO : LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PREVISTE DALL'ACCORDO REGIONALE SUGLI INTERVENTI PER LA QUALITÀ DELL'ARIA. IL

Dettagli

ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO,

ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO, '>, '''~ ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO, LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO E LA REPUBBLICA E CAN TONE DEL TICINO PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon

Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon Palermo, 17 settembre 2008 - EUROPEAN MOBILITY WEEK Convegno - Aria pulita per tutti: ambiente e mobilità Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon Normativa

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI LEGNANO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO IL SINDACO Considerato

Dettagli

I RESPONSABILI dei Settori Ecologia-Ambiente e Polizia Municipale-Traffico

I RESPONSABILI dei Settori Ecologia-Ambiente e Polizia Municipale-Traffico Comune di S. Pietro in Cariano Provincia di Verona Via Chopin, n 3-37029 S. Pietro in Cariano (VR) P.IVA: 00261520233 tel. 0039-045-6832111 - fax 0039-045-6801268 ORDINANZA N.: 65 Data: 26.04.2006 I RESPONSABILI

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo

PROTOCOLLO D'INTESA. tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo PROTOCOLLO D'INTESA tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo Nel contesto degli obiettivi di miglioramento della qualità dell'ambiente e di sostegno ad una cultura di sviluppo sostenibile,

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA SINTESI Premessa L Amministrazione comunale, in un ottica di attenzione alle problematiche ambientali, ha avviato un progetto denominato Bergamo Sostenibile, articolato

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 163 Del : 28 FEBBRAIO 2006 Esecutiva da: 1 OTTOBRE 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Posizioni Organizzative Polizia Amministrativa - Politiche

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE ALLEGATO 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, COMUNI, FIAT AUTO, UNRAE, FEDERCHIMICA-ASSOGASLIQUIDI, CONSORZIO ECOGAS, FEDERMETANO, PIAGGIO E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA REGIONALI PER LA PROGRESSIVA

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene.

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene E un progetto con il quale Banca Popolare di Bergamo contempera l esercizio della propria attività

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l.

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. PROGETTO So.S.-M.Bi.O SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. 25 luglio 2006 Premesse I comuni del Patto Territoriale Zona Ovest

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 Oggetto: Nuove limitazioni alla circolazione di particolari categorie di mezzi IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri UNRAE: INGIUSTO PENALIZZARE I DIESEL EURO 4 NEI CENTRI URBANI Le auto diesel Euro 4 di

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Ordinanza n 5292 /2010 Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Visto il Decreto Legislativo 4 agosto

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. Prot. Treviso, 25.2.2010

COMUNE DI TREVISO. Prot. Treviso, 25.2.2010 COMUNE DI TREVISO Prot. Treviso, 25.2.2010 Oggetto: PROVVEDIMENTI PER IL CONTENIMENTO E PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO. BLOCCO TOTALE DELLA CIRCOLAZIONE NELLA GIORNATA DI DOMENICA 28 FEBBRAIO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Dal 15 ottobre 2015 fino al 15 aprile 2016 sono in vigore, come ogni anno, i provvedimenti di limitazione della

Dettagli

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Il Ruolo della Provincia nel monitoraggio della qualità dell aria e nel coordinamento dei Piani di Azione Comunale LEGGE REGIONALE

Dettagli

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 D.G.R. n. 316 del 07.05.2007 relativa all Accordo per la riduzione delle emissioni inquinanti e la prevenzione

Dettagli

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Ing. Roberto Morandi Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Programmazione della Regione Veneto PIANO

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI La Giunta regionale ha varato un "pacchetto" di undici provvedimenti per la qualità dell'aria che comprende uno stanziamento complessivo di 50 milioni di euro ("una cifra veramente significativa", come

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 956 Del : 28 SETTEMBRE 2006 Esecutiva da: 15 novembre 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Politiche della Mobilità OGGETTO: Ordinanza sindacale

Dettagli

Articolo 1 Premessa ed allegati Articolo 2 Finalità dell'accordo Articolo 3 Oggetto dell'accordo

Articolo 1 Premessa ed allegati Articolo 2 Finalità dell'accordo Articolo 3 Oggetto dell'accordo Accordo di Programma tra Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio, Fiat, Unione Petrolifera per incentivi per veicoli commerciali e distributori a metano Accordo di programma Tra: Il Ministro

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO. N. 4 del 3 febbraio 2016

COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO. N. 4 del 3 febbraio 2016 COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO N. 4 del 3 febbraio 2016 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

MISSIONE ARIA PULITA versione 2009

MISSIONE ARIA PULITA versione 2009 Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige MISSIONE ARIA PULITA versione 2009 Allegato dell accordo Programma pluriennale per la qualità dell aria tra Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige ed i comuni

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

Allegato 2. Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti

Allegato 2. Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti Allegato 2 Parco veicolare e mobilità del personale e degli utenti Il presente Allegato tecnico è così composto: 1. Normativa di settore 2. Criteri per il parco veicolare e la mobilità del personale e

Dettagli

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493 Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 Oggetto: APPLICAZIONE IN SEDE LOCALE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 10.10.2003

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario. Enrico Cerrai. Milano, 27 maggio 2009

Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario. Enrico Cerrai. Milano, 27 maggio 2009 Seminario Interdisciplinare Interfacoltà Interuniversitario Costruire città sostenibili Enrico Cerrai Università degli Studi Facoltà di Scienze Politiche Milano, 27 maggio 2009 Da A Un Ecopiano per Milano

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

limiti, con ciò determinando il persistere dell inquinamento atmosferico con conseguenti effetti sulla salute della popolazione esposta.

limiti, con ciò determinando il persistere dell inquinamento atmosferico con conseguenti effetti sulla salute della popolazione esposta. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre 2006, n. 66-3859 Attuazione della legge regionale 7 aprile 2000 n. 43, Disposizioni per la tutela dell ambiente in materia di inquinamento atmosferico.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani

Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani Seminari di confronto e test drive di mezzi elettrici e soluzioni innovative Vincenzo Tartaglia vincenzo.tartaglia@comune.fi.it Mobilità elettrica, spunti di

Dettagli

Rumore ambientale e qualità dell aria a Roma: pianificazione, prevenzione e controllo.

Rumore ambientale e qualità dell aria a Roma: pianificazione, prevenzione e controllo. Pagina 1 di 8 Rumore ambientale e qualità dell aria a Roma: pianificazione, prevenzione e controllo. Ing. Guido CARATI* * Comune di Roma, Dipartimento Politiche Ambientali e Agricole, U.O. Prevenzione

Dettagli