2010 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2010 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ"

Transcript

1 2010 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ SICUREZZA SVILUPPO QUALITÀ AMBIENTE SERVIZI COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2010

2 Nel 2010 Il Gruppo ha consolidato l impegno per la sostenibilità, puntando sul miglioramento degli standard di sicurezza stradale e sui luoghi di lavoro, sull ampliamento dei servizi, sulla valorizzazione delle persone e sulla riduzione dell impatto ambientale delle attività.

3 Principi relazionali ISTITUZIONI E COMUNITÀ Fissare un quadro di regole chiaro e definito entro il quale sviluppare la propria mission. RISORSE UMANE Sviluppare le risorse umane secondo logiche di coerenza tra le aspettative individuali e le strategie aziendali. CLIENTI Rispondere al meglio alle esigenze e alle aspettative degli utilizzatori delle autostrade attraverso la struttura aziendale dedicata al customer care e attraverso il sistema di qualità. AMBIENTE Minimizzare gli impatti dell attività autostradale sulle diverse matrici ambientali e gestire l infrastruttura secondo criteri di efficienza ambientale. FORNITORI Improntare a criteri di legalità, correttezza e trasparenza la scelta dei fornitori di beni e servizi necessari alle attività autostradali. INVESTITORI Tutelare gli interessi degli azionisti e del mercato finanziario attraverso una comunicazione efficace, trasparente e tempestiva.

4 Sommario 2 Lettera agli stakeholder Struttura del Bilancio Highlight della Sostenibilità Il profilo di Autostrade per l Italia L impegno per la Sostenibilità 03 Corporate Governance 04 Responsabilità Economica 05 Responsabilità Sociale 06 Responsabilità Ambientale Ricerca e Innovazione 123 GRI Content Index Valutazione del Presidente del Comitato per la sostenibilità Relazione della societa di revisione

5 GRI/G3 > 1.1 Lettera agli Stakeholder Nel 2010 Autostrade per l Italia ha consolidato il proprio impegno per la sostenibilità, puntando, come sempre, sul miglioramento degli standard di sicurezza stradale e sui luoghi di lavoro, sull ampliamento dei servizi al cliente, sulla valorizzazione delle competenze e sulla riduzione dell impatto ambientale di tutte le attività del Gruppo. Grazie a questo impegno Atlantia è stata riconfermata nell indice Dow Jones Sustainability World ed è entrata a far parte anche del Dow Jones Sustainability Europe, collocandosi tra le best performer del settore dei trasporti e delle infrastrutture. La sicurezza è l obiettivo che di anno in anno fa registrare dati in continuo miglioramento - nel 2010 il tasso di mortalità sulla rete di Autostrade per l Italia si è ridotto di circa il 72% - e impegna l azienda in diversi ambiti: il potenziamento delle infrastrutture con la realizzazione di terze e quarte corsie, la copertura della rete con asfalto drenante, l utilizzo di tecnologie all avanguardia per l informazione degli utenti durante il viaggio, l attività di prevenzione messa in atto sia attraverso campagne di informazione, sia con l implementazione di sistemi di controllo sulla rete, come il Tutor, a oggi attivo su km di carreggiata. Quest anno, in particolare, la campagna di prevenzione Caffè gratis di notte è stata estesa da 54 a 75 Aree di Servizio ed è stata avviata una nuova iniziativa in alcune Aree di Servizio dislocate in zone nevralgiche della rete, denominata Angolo della prevenzione. Il progetto, rivolto agli autotrasportatori, dà la possibilità di effettuare gratuitamente e in tempo reale un controllo del proprio stato di salute. Inoltre, è stata creata una scuola di formazione sulla sicurezza stradale, sulla base di un progetto sviluppato dalla Consulta per la Sicurezza e la Qualità del servizio. L impegno a tutto tondo per la sicurezza ha prodotto importanti risultati anche sui luoghi di lavoro, con l estensione del sistema di incentivi economici per i lavoratori, avviato nel 2008 dal Tavolo permanente per la sicurezza nei cantieri della Variante Autostradale di Valico. Nel 2010 sono stati premiati 99 operai impegnati nei principali cantieri che hanno attuato comportamenti virtuosi ed efficaci in termini di sicurezza. Nell ambito del miglioramento degli standard di qualità del servizio, un ruolo centrale è stato dato alle Aree di Servizio, con la riqualificazione e l ammodernamento di ulteriori 20 Aree previste nel Piano avviato nel 2008; la realizzazione di 400 parcheggi per la sosta dei mezzi pesanti (per un totale di lungo l intera rete); la creazione, in collaborazione con il Moige, di 10 aree giochi per bambini negli spazi esterni, che si aggiungono a quelle già realizzate negli anni scorsi in collaborazione con i gestori del ristoro. Passi avanti sono stati fatti anche nella sostenibilità ambientale, con l avanzamento del piano finalizzato alla riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera, attraverso il miglioramento dei livelli di efficienza energetica dei consumi e l utilizzo di fonti rinnovabili. La costanza e l impegno nel perseguire politiche a favore dell ambiente sono stati premiati con il Best Carbon Reduction Company Italy 2010, riconoscimento attribuito alle aziende che hanno raggiunto i massimi livelli nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica, attraverso l utilizzo di tecnologie a basso impatto ambientale. Sul fronte della riduzione dell inquinamento acustico, nel 2010 è proseguita l implementazione del Piano di risanamento elaborato dall azienda sulla base del Piano nazionale, con l installazione lungo la rete autostradale di ulteriori 22,6 km di barriere fonoassorbenti. 02

6 Nel percorso di Autostrade per l Italia a favore della sostenibilità un ruolo essenziale è assegnato alle persone del Gruppo: alla loro costanza nel portare avanti gli obiettivi; al crescente miglioramento delle performance e alla capacità di sviluppare nuove competenze. Un riconoscimento per questo percorso ci è stato dato con il Premio Etica & Impresa, vinto da Autostrade per l Italia con il progetto Bilancio delle Competenze. Non a caso la crescita delle competenze, attraverso lo sviluppo di un circolo virtuoso tra mondo accademico, società civile e imprese a vantaggio dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro, è un filone importante della nostra strategia per la sostenibilità d impresa e quest anno abbiamo voluto potenziare e formalizzare le attività del Gruppo in questo ambito. È stato così avviato il progetto Autostrade per la Conoscenza, finalizzato a sostenere la ricerca scientifica, sviluppare le competenze, generare collaborazioni tra Istituzioni e imprese, individuare risorse ad alto potenziale. L attuazione di questi obiettivi prevede lo sviluppo di collaborazioni ante e post lauream con gli Istituti di ricerca e le Università, a carattere continuativo, con la creazione di Centri di Eccellenza e l erogazione di borse di studio. Il 2010 si è confermato un anno difficile per l economia mondiale e il raggiungimento di traguardi positivi in termini di crescita economica, ma anche di sostenibilità sociale e ambientale non è stato in alcun modo scontato. Il nostro Gruppo ancora una volta ha consolidato i risultati raggiunti, proseguendo con costanza nella realizzazione dei progetti a lungo termine già avviati e sforzandosi di trovare soluzioni nuove e inediti punti di vista nell affrontare i problemi di ogni giorno. Il nostro impegno e la vostra fiducia sono oggi per noi il principale risultato. Fabio Cerchiai Presidente Giovanni Castellucci Amministratore Delegato 03

7 Struttura del Bilancio GRI/G3 > 3.1 GRI/G3 > 3.5 Il presente Bilancio descrive l Organizzazione nel suo complesso, riportando i dati caratteristici del business e del contesto di riferimento in cui opera e fornisce informazioni trasparenti, chiare, complete e precise agli stakeholder sulle performance economiche, sociali e ambientali con riferimento all esercizio chiuso al 31 dicembre Come per gli anni precedenti, anche il presente documento è stato redatto in conformità alle linee guida Sustainability Reporting Guidelines definite nel 2006 dal GRI - Global Reporting Initiative, con un livello di applicazione pari ad A+, che rappresenta il livello massimo di compliance. Inoltre sono stati seguiti, ove applicabili, il GRI Protocol Boundary e il GRI Indicator Protocol. La selezione degli indicatori G3 da includere è avvenuta in base a un accurata valutazione della finalità informativa di ciascuno di essi e della loro attinenza con le attività dell Organizzazione e con gli interessi dei suoi stakeholder. LIVELLI DI APPLICAZIONE C C+ B B+ A A+ INFORMATIVA STANDARD PROFILO MODALITÀ DI GESTIONE INDICATORI DI PERFORMANCE OUTPUT OUTPUT OUTPUT Rendicontare su: , , Non richiesto Rendicontare su un minimo di 10 indicatori di performance, comprendendo almeno un indicatore su: economico, sociale e ambientale BILANCIO VERIFICATO ESTERNAMENTE Rendicontare su tutti i criteri previsti per C e su: , , Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori Rendicontare su un minimo di 20 indicatori di performance, almeno su: economico, ambientale, diritti umani, lavoro, società, responsabilità di prodotto BILANCIO VERIFICATO ESTERNAMENTE Stessi requisiti previsti per il livello B Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori Rendicontare su tutti gli indicatori di performance, core del G3 e dei supplementi settoriali applicabili con riguardo al principio di materialità. Spiegare le eventuali omissioni BILANCIO VERIFICATO ESTERNAMENTE GRI/G3 > 2.7, 3.6 Il perimetro di rendicontazione si riferisce, salvo diversa indicazione, ad Autostrade per l Italia S.p.A. (che gestisce 2.854,6 km) e alle società da essa controllate al 31 dicembre 2010, che per le attività in Italia sono: Società Italiana p.a. per il Traforo del Monte Bianco, che gestisce in concessione 5,8 km e ulteriori 32,4 km attraverso la controllata Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A.; Autostrada Torino-Savona S.p.A., che gestisce in concessione 130,9 km; Società Autostrada Tirrenica p.a., che attualmente gestisce in concessione la tratta Livorno-Rosignano (36,6 km); Tangenziale di Napoli S.p.A., che gestisce in concessione 20,2 km; Società Autostrade Meridionali S.p.A., che gestisce in concessione 51,6 km; Strada dei Parchi S.p.A., che gestisce in concessione 281,4 km; Spea Ingegneria Europea S.p.A. attiva nei settori della progettazione, della direzione lavori e del monitoraggio e manutenzione programmata di opere stradali; Pavimental S.p.A., che opera nel settore delle pavimentazioni e manutenzioni stradali con Pavimental Polska, incaricata della manutenzione sulla rete autostradale gestita dal Gruppo polacco Stalexport Autostrady; EsseDiEsse Società di Servizi S.p.A., che gestisce in pool i servizi amministrativi, la gestione paghe, i servizi generali e la gestione immobiliare per l intero Gruppo; AD Moving S.p.A., che opera nella commercializzazione di spazi e servizi pubblicitari e nella gestione di eventi nelle Aree di Servizio; Port Mobility S.p.A., attiva nella gestione di servizi nell ambito portuale di Civitavecchia; 04

8 Newpass S.p.A., che opera nella realizzazione di impianti e sistemi informatici per il controllo e l automazione dei trasporti, la sicurezza e l informazione sulla mobilità; Tirreno Clear S.p.A. e Giove Clear S.p.A., che gestiscono le attività di pulizia dei servizi igienici e dei piazzali nelle Aree di Servizio; Autostrade Tech S.p.A., che opera nello sviluppo tecnologico e commercializzazione di impianti e sistemi informatici per il controllo e l automazione dei trasporti e per la sicurezza stradale; Telepass S.p.A., nata attraverso il conferimento, da parte di Autostrade per l Italia, del ramo di azienda afferente la gestione e la commercializzazione dei sistemi di pagamento differito Telepass e Viacard; Autostrade Service - Servizi al territorio S.p.A. costituita per lo studio e la realizzazione di un servizio globale di manutenzione ordinaria e straordinaria nonché di attività di gestione per reti stradali sia pubbliche che private; Infoblu S.p.A., che fornisce servizi di informazione dedicati alla mobilità stradale a operatori di telefonia, di media radio-televisivi e di sistemi di navigazione satellitare di nuova generazione. Tale società è stata oggetto di conferimento da parte di Atlantia S.p.A. ad Autostrade per l Italia nel corso del e per le attività internazionali: Stalexport Autostrady S.A., holding di diritto polacco quotata alla borsa di Varsavia, titolare attraverso la controllata totalitaria Stalexport Autostrada Malopolska della concessione autostradale della A4 Cracovia- Katowice di 61 km; Autostrade International US Holdings Inc., che controlla le società Electronic Transaction Consultants Co. (ETC), leader negli USA nell integrazione di sistemi, nella manutenzione hardware e software, nel supporto operativo alla clientela e nella consulenza in sistemi di pedaggiamento elettronico free-flow, e Autostrade International of Virginia O&M, che gestisce l autostrada Dulles Greenway di circa 24 km; Autostrade dell Atlantico S.r.l, che detiene il 100% di Sociedad Concesionaria de Los Lagos S.A. (attraverso Autostrade Holding do Sur), titolare della concessione della tratta autostradale a pedaggio di 135 km tra Rio Bueno e Puerto Montt in Cile e il 100% di Autostrade de Portugal S.A., holding di diritto portoghese titolare della partecipazione in Triangulo do Sol S.A.(50%), titolare della concessione di 442 km di autostrade a pedaggio nello stato di San Paolo in Brasile, consolidata nel presente Bilancio di Sostenibilità. GRI/G3 > 2.9, 3.11 GRI/G3 > 3.8 GRI/G3 > 3.7 Il perimetro di rendicontazione al 31 dicembre 2010 è lo stesso di quello presentato al Si evidenzia, tuttavia, che il contributo degli esercizi a confronto da parte delle società acquisite dal gruppo Itinere a fine giugno 2009 è limitato al solo secondo semestre per il 2009, mentre si estende all intero esercizio per il Le società Autostrade Participations S.A. e Autostrade Indian Infrastructure Development Private Limited, pur controllate al 100% da Autostrade per l Italia S.p.A., non rientrano nel perimetro di rendicontazione, in quanto non significative. Al non si riscontrano, inoltre, all interno del perimetro di rendicontazione, joint venture o altre attività in outsourcing che possono influenzare significativamente la comparabilità dei dati e delle informazioni. Si precisa che nel 2011 Autostrade per l Italia ha raggiunto l accordo per la cessione della partecipazione detenuta in Strada dei Parchi e pari al 60% del capitale sociale. Il trasferimento delle azioni è subordinato all ottenimento delle necessarie autorizzazioni. L operazione consentirà maggiore flessibilità finanziaria per il perseguimento dei propri obiettivi di crescita internazionale. Nel presente Bilancio verrà indicata: 1 con la dicitura Autostrade per l Italia, la società Autostrade per l Italia S.p.A. e le sue controllate sopra elencate; 2 con la dicitura Autostrade per l Italia S.p.A. o ASPI, la sola società Autostrade per l Italia S.p.A.; 3 con la dicitura Atlantia, la holding quotata Atlantia S.p.A.; 4 con la dicitura Gruppo Atlantia, il gruppo nel suo insieme, che comprende Autostrade per l Italia. 05

9 Autostrade per l Italia si è avvalsa della facoltà di non predisporre il Bilancio consolidato, pur in presenza di significative partecipazioni di controllo, in quanto controllata da Atlantia S.p.A. che è tenuta alla redazione della Relazione finanziaria annuale consolidata. Il bilancio di sostenibilità al 31 dicembre 2010 è stato predisposto dagli amministratori facendo riferimento ai dati e alle informazioni sociali e ambientali del Gruppo Autostrade per l Italia e alle informazioni di corporate governance e ai dati economico-finanziari consolidati del Gruppo Atlantia, come di seguito illustrato. OGGETTO DI RENDICONTAZIONE Dati e informazioni sociali e ambientali Dati e informazioni economico-finanziari Dati e informazioni di Corporate Governance PERIMETRO DI RIFERIMENTO Autostrade per l Italia: gestisce il 100% dei km di rete in concessione al Gruppo Atlantia e il 99,8% della forza lavoro impiegata Atlantia S.p.A.: dati consolidati dell esercizio al del Bilancio consolidato di Gruppo Atlantia S.p.A.: i modelli di autodisciplina a livello nazionale e internazionale si applicano alle società quotate in Borsa (i principali strumenti, regole e organismi dedicati alla governance fanno capo alla capogruppo quotata) GRI/G3 > 3.13 In data , il documento è stato sottoposto all attenzione del Comitato per la Sostenibilità, prima dell approvazione finale del Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l Italia S.p.A. nella seduta dell Il Presidente del Comitato per la Sostenibilità ha espresso il proprio parere sul Bilancio di Sostenibilità 2010 di Autostrade per l Italia. Il Bilancio è infine assoggettato a revisione contabile limitata da parte di KPMG e sarà pubblicato, nella duplice versione italiano e inglese, sulla sezione sostenibilità del sito internet di Autostrade. In coerenza con la procedura interna per la predisposizione del Bilancio di Sostenibilità, il processo di raccolta dei dati è stato gestito dall unità aziendale Rapporti Istituzionali, utilizzando apposite schede inviate a tutte le funzioni aziendali responsabili e alle direzioni territoriali di tronco, e rielaborando i diversi contributi ricevuti al fine di ottenere un documento chiaro e completo. GRI/G3 > 3.9 GRI/G3 > 3.2, 3.3 I dati sono stati calcolati in modo puntuale sulla base delle risultanze dei diversi sistemi informativi aziendali, dalla contabilità generale al sistema di gestione del personale, dai sistemi territoriali alle procedure di acquisto; in caso di stime nella determinazione di indicatori è stata data indicazione della modalità seguita. Per un approfondimento sulle tecniche di misurazione, le assunzioni e le metodologie sottostanti le stime applicate al calcolo degli indicatori socio-ambientali considerati di maggiore rilevanza, si rimanda alla nota metodologica consultabile all indirizzo: methodology.html. Il Bilancio di Sostenibilità è redatto annualmente e l ultimo documento pubblicato (giugno 2010) è relativo all esercizio 2009 ed è scaricabile anch esso dal sito internet aziendale 06

10 GRI/G3 > 3.4 Per informazioni contattare Autostrade per l Italia S.p.A. Via Bergamini Roma Fax: Responsabile Simonetta Giordani Andrea Ragni 07

11 GRI/G3 > 1.2, 2.8 Gli highlight della Sostenibilità PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE ECONOMICA (perimetro Atlantia) INDICATORI (milioni di euro) (a,b) 2010 STAKEHOLDER Ricavi Ricavi da pedaggio Altri ricavi Margine Operativo Lordo (Ebitda) MOL% 60,8% 61,3% 60,9% Risultato Operativo (Ebit) RO% 46,5% 47,8% 47,1% Risultato delle attività operative in funzionamento Utile dell'esercizio (inclusa la quota di Terzi) Utile dell'esercizio (quota del Gruppo) Cash Flow Operativo (c) Investimenti in attività materiali Patrimonio netto (d) Indebitamento finanziario netto (d) INVESTITORI (a) Rispetto ai principi contabili applicati per la predisposizione del bilancio consolidato del Gruppo Atlantia chiuso al 31 dicembre 2009, si evidenzia l adozione della nuova interpretazione applicabile alle imprese che svolgono servizi in concessione, l IFRIC 12. Pertanto sono stati calcolati gli effetti dell applicazione della nuova interpretazione a partire dal 1 gennaio (b) Tenuto conto che per il 2010 il consolidamento dei dati economici di Strada dei Parchi è avvenuto in conformità all'ifrs 5, quindi rilevando il relativo contributo al risultato dell'anno tra i "Proventi (oneri) netti di attività operative cessate", per il conto economico consolidato del 2009 si è provveduto a esporre il contributo di Strada dei Parchi in maniera coerente. Pertanto i saldi economici del 2009 risultano difformi rispetto a quelli pubblicati nella Relazione finanziaria annuale 2009, anche per tale fattispecie, oltre che per l'adozione dell'ifric 12. (c) Cash Flow Operativo calcolato come utile + ammortamenti + accantonamenti + oneri finanziari da attualizzazione di fondi per accantonamenti +/- svalutazioni/ripristini di valore di attività +/-quota di perdita/utile di partecipazioni contabilizzate in base al metodo del patrimonio netto +/- minusvalenze/plusvalenze da cessione attività +/- altri oneri/proventi non monetari +/- quota di imposte differite/anticipate nette rilevata a conto economico. Si precisa che, anche per gli effetti dell'applicazione dell'ifric 12, sono state integrate le voci di composizione del Cash Flow Operativo. Anche il dato del Cash Flow Operativo 2009, pertanto, è stato rideterminato rispetto a quello pubblicato in precedenza. (d) Dati al 31 dicembre. PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE AMBIENTALE (perimetro Autostrade per l Italia) INDICATORI STAKEHOLDER N. di rilievi ambientali eseguiti nelle attività di costruzione* N. di installazioni fotovoltaiche puntuali lungo la rete* N. di sistemi di generazione di energia elettrica da fonte rinnovabile* CO2 risparmiata (in tonnellate) con utilizzo delle fonti rinnovabili e iniziative di efficienza energetica* CO2 risparmiata mediante iniziative di mitigazione (tonnellate)* Consumi energetici (MWheq) Consumo di acqua (metri cubi) Consumo di sali fondenti (tonnellate) Km di barriere antirumore lungo la rete* 172,6 190,0 213,7 Tonnellate di rifiuti prodotti Percentuale di riciclaggio sul totale dei rifiuti prodotti 59% 70% 42% Spese e investimenti in attività con valenza ambientale (mln di euro) 106,0 126,1 146,8 AMBIENTE 08

12 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE SOCIALE (perimetro Autostrade per l Italia) INDICATORI STAKEHOLDER Incidentalità globale (N. incidenti / 100 milioni di km percorsi)* 37,52 36,30 36,10 Incidentalità mortale (N. morti / 100 milioni di km percorsi)* 0,41 0,32 0,33 % della rete coperta da pavimentazione drenante * 75,9% 75,8% 76,1% % della rete coperta dal sistema Safety Tutor* 26% 32% 37% TOTAL DELAY - Totale ore perse in turbative al traffico (mln)* 6,0 5,3 5,4 N. pannelli a messaggio variabile lungo la rete* Customer satisfaction index di Autostrade per l Italia S.p.A.* 6,92 6,92 6,92 % clienti soddisfatti delle Aree di Servizio** 68,7% 65,2% 68,4% CLIENTI, ISTITUZIONI Organico totale % Organico a tempo indeterminato 94,5% 95,1% 93,3% % Organico a tempo determinato 5,5% 4,9% 6,7% % Occupazione femminile 18% 18% 18% % Part-time 9,6% 9,4% 10,1% Indice di frequenza degli infortuni sul lavoro 4,5 4,6 4,1 N. di morti sul lavoro Tasso di assenteismo Mobilità orizzontale (spostamenti a parità di livello di inquadramento) Mobilità verticale (incremento del livello di inquadramento) N. ore di formazione erogate % partecipanti alle attività di formazione su totale dipendenti *** 44,0% 33,0% 42,0% Spese e investimenti in attività con valenza sociale (mln di euro) Donazioni e liberalità (migliaia di euro) COMUNITÀ DIPENDENTI * Dato di Gruppo con esclusione delle Società estere. ** Dato riferito ad Autostrade per l Italia S.p.A. *** Organico con contratto a tempo indeterminato. 09

13 Potenziamento della rete 25 miliardi di euro

14 1 IL PROFILO DI AUTOSTRADE PER L ITALIA 1.1 CHI SIAMO 1.2 IL PIANO DI INVESTIMENTI PER IL POTENZIAMENTO E L AMMODERNAMENTO DELLA RETE AUTOSTRADALE ITALIANA

15 GRI/G3 > 2.2, 2.3, 2.5, 2.7, 2.8, Chi siamo Autostrade per l Italia è una delle principali realtà industriali che operano nella progettazione e realizzazione di grandi infrastrutture di viabilità nel mondo. Il Gruppo è costituito da Atlantia, holding di partecipazioni e strategie nel settore delle infrastrutture e delle reti per la mobilità e la comunicazione, che controlla il 100% del capitale di Autostrade per l Italia S.p.A., la società operativa del Gruppo. A questa fanno capo sette società concessionarie autostradali italiane, e un insieme di imprese che operano nei servizi accessori al core business, come la progettazione, il monitoraggio e la manutenzione delle opere, la gestione immobiliare, la commercializzazione di spazi e servizi pubblicitari, l infoviabilità, la gestione e la commercializzazione di sistemi di pagamento automatico, lo sviluppo di sistemi tecnologici. La rete gestita dal Gruppo in Italia, che si estende per oltre km, rappresenta oggi il network di autostrade a pedaggio più esteso in Europa e, grazie a una efficace articolazione territoriale (la rete attraversa 15 Regioni italiane, 60 Province e 11 grandi aree metropolitane), assicura un indispensabile servizio alla mobilità, garantendo l accessibilità alle aree geografiche nevralgiche dello sviluppo economico-industriale del paese nonché il collegamento con il baricentro socio-economico dell Europa. Atlantia, oltre a essere il principale investitore privato in Italia, sta rafforzando progressivamente la propria presenza internazionale. Il Gruppo ha acquisito posizioni significative in paesi ad alti tassi di crescita, quali Cile, Brasile, India, Polonia, dove è presente con 916 km di rete in concessione. GRI/G3 > 1.2 GRI/G3 > 2.4 Complessivamente, nell anno 2010, sulla rete di Autostrade per l Italia, sono stati percorsi milioni di km: milioni da veicoli leggeri (pari al 79% del totale) e milioni da veicoli pesanti (21% del totale). Il traffico, rispetto al 2009, è diminuito dello 0,07% con una lieve flessione dello 0,44% dei veicoli leggeri e un incremento del traffico pesante pari a 1,29%. Ma è sulla rete delle concessionarie controllate e partecipate estere che nel 2010 si evidenzia il maggiore incremento di traffico (+7%), con ricavi in crescita del 12% a cambi costanti (+30% a cambi correnti). All estero la concessionaria polacca Stalexport Autostrada Malopolska (di cui il Gruppo detiene il 56,24% del capitale) ha registrato nel 2010 un traffico in aumento del 5% (in transiti) rispetto al 2009, e in Cile la concessionaria Los Lagos, società controllata integralmente dal Gruppo e titolare della concessione della tratta autostradale a pedaggio di 135 km tra Rio Bueno e Puerto Montt, ha registrato nel corso del 2010 un traffico (in transiti) in aumento del 2,2% rispetto al Sulle tratte autostradali della concessionaria brasiliana Triangulo do Sol, infine, si è registrato nel corso del 2010 un traffico in crescita dell 8,1% (in transiti) rispetto ai dati di traffico rilevati nel medesimo periodo dell anno precedente. Negli ultimi 20 anni lo sviluppo della rete autostradale italiana è stato fortemente rallentato rispetto a quello degli altri paesi europei, per alcuni dei quali la dotazione infrastrutturale stradale è addirittura raddoppiata. Il problema si aggrava se si tiene conto della notevole crescita sul territorio nazionale del parco autoveicoli e del conseguente aumento del traffico autostradale. L Italia, con circa veicoli per km di autostrada, ha una densità di veicoli molto superiore rispetto alla media europea (4.000), a fronte di valori pari a circa per la Germania, per la Francia e per la Spagna. Tale contesto è, inoltre, caratterizzato da un forte squilibrio della ripartizione modale della domanda di mobilità. Tre quarti del trasporto merci in Europa avviene oggi su strada, e ciò vale anche per oltre i tre quarti del trasporto passeggeri nell UE e, secondo le previsioni, tale modalità di trasporto è destinata a rimanere quella più utilizzata. Lo scenario si ripresenta anche in Italia, dove il trasporto su gomma è fortemente prevalente rispetto a quello ferroviario, aereo e navale. Dall analisi di tale contesto si coglie l importanza del ruolo che Autostrade per l Italia è chiamata a svolgere come operatore primario del settore. AUTOSTRADE PER L ITALIA IN NUMERI 2 Direzioni Generali: Roma (sede legale e quartier generale) e Firenze 9 Direzioni territoriali di Tronco Pannelli a Messaggio Variabile (sulla rete e in accesso alle stazioni) Telecamere per il controllo del traffico Km di carreggiata dotati del sistema Safety Tutor (pari al 37% della rete di Gruppo) 254 Aree di Servizio per la sosta, il rifornimento di carburante e il ristoro 74 Punto Blu per l assistenza commerciale ai clienti Km di carreggiata con asfalto drenante 2010 Porte di esazione di cui 575 porte Telepass dedicate 12

16 STRUTTURA DEL GRUPPO TowerCo SpA (100%) Pune-Solapur Expressways Private Ltd. 50% (3) Alitalia - Compagnia Aerea Italiana SpA 8,85% (3) 100% Attività autostradali italiane Tangenziale di Napoli S.p.A. (100%) Autostrada Torino-Savona S.p.A. (99,98%) Società Autostrada Tirrenica p.a. (94%) Strada dei Parchi S.p.A. (60%) Autostrade Meridionali S.p.A. (58,98%) Società Italiana p.a. Traforo del Monte Bianco (51%) Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A. (58% (1) ) Società di servizi EsseDiEsse Società di Servizi S.p.A. (100%) Pavimental S.p.A. (71,67%) Pavimental Polska Sp.zo.o. (100%) Spea Ingegneria Europea S.p.A. (100%) AD Moving S.p.A. (75%) Port Mobility S.p.A. (70%) Newpass S.p.A. (51%) Giove Clear S.r.l. (100%) Tirreno Clear S.r.l. (100%) Autostrade Tech S.p.A. (100%) Telepass S.p.A. (96,15% (2) ) Autostrade Service S.p.A. (100%) Infloblu S.p.A. (75%) IGLI S.p.A. (33,3% (3) ) Impregilo S.p.A. (29,96% (1)(3) ) Sviluppo internazionale Autostrade Participations S.A. (100%) Autostrade International US Holdings Inc. (75% (4) ) Autostrade International of Virginia O&M Inc. (100%) Electronic Transaction Consultants Co. (45%) Stalexport Autostrady S.A. (56,24%) Biuro Centrum Sp.zo.o. (74,38%) Stalexport Autostrada Dolnoslaska S.A. (100%) Stalexport Autoroute S.àr.l. (100%) > Stalexport Autostrada Malopolska S.A. (100%) > Stalexport Transroute Autostrada S.A. (55%) Autostrade dell Atlantico S.r.l. (100%) Autostrade Holding do Sur S.A. (100%) > Sociedad Concesionaria de Los LagosS.A. (100%) Autostrade Portugal S.A. (100%) > Autostrade Brasil Ltda (100%) - Triangulo do Sol S.A. (50% (3) ) Autostrade del Sud America S.r.l. (45% (3) ) Autopista do Pacifico S.A. (100% (3) ) > Costanera Norte S.A. (100% (3) ) > Sociedad Concesionaria AMB S.A. (100% (3) ) > Inversiones Autostrade Chile S.r.l. (100% (3) ) > Nororiente S.A. (100% (3) ) > Gestion Vial S.A. (100% (3) ) > Litoral S.A. (50% (3) ) > Operalia S.A. (50% (3) ) > Autostrade Urbane de Chile S.A. (100% (3) ) - Vespucio Sur S.A. (50% (3) ) Autostrade Indian Infrastructure Development Private Ltd. (100%) (1) La percentuale fa riferimento alle azioni ordinarie rappresentative del capitale sociale. (2) Il restante 3,85% è detenuto da Autostrade Tech S.p.A. (3) Società non consolidata. (4) Il restante 25% è detenuto da Autostrade Participations S.A

17 GRI/G3 > EC8 1.2 Il Piano di investimenti per il potenziamento e l ammodernamento della rete autostradale italiana Il contributo di Autostrade per l Italia per la crescita della domanda nel settore delle reti viarie si sta concretizzando con la realizzazione di un importante programma di potenziamento della rete autostradale italiana, che pone il Gruppo al primo posto tra gli investitori privati del Paese. Il programma, con le poche eccezioni della Variante di Valico e della cosiddetta Gronda di Genova (l intervento di maggior rilievo del nodo di Genova che si sviluppa tra le autostrade A10 e A7), oltre alle nuove tratte in corso di realizzazione da parte delle società concessionarie appartenenti al Gruppo, riguarda essenzialmente ampliamenti con terze e quarte corsie delle autostrade esistenti, volti ad aumentare la capacità di traffico della rete ed eliminare i cosiddetti colli di bottiglia. Monte Bianco Torino Aosta Milano Venezia Udine Genova Livorno Bologna Firenze Ancona Pescara Roma Napoli Bari Taranto Rete Autostrade per l Italia e società controllate Altre concessionarie Interventi Autostrade per l Italia Convenzione 1997 IV Atto Aggiuntivo 2002 Convenzione Unica 2008 Ulteriori interventi Interventi società controllate Costruzione RAV A12 Rosignano-Civitavecchia Ampliamento A24 Ampliamento SAM 14

18 I PRINCIPALI PROGETTI FUTURI ALLO STUDIO - CONVENZIONE DEL 2008 Intervento Estensione in km A1 4ª corsia Lodi-Milano Sud 17,8 A1 4ª corsia Modena-Piacenza Sud 97,9 A1 4ª corsia Colleferro-Frosinone 31,3 A1 Nodo stradale di Casalecchio - A1 3ª corsia Incisa-Valdarno 17,9 A1 4ª corsia S. Cesareo-Colleferro 16,6 A11 3ª corsia Pistoia-Montecatini 11,4 A11 3ª corsia Pistoia-Firenze 26,8 A12 3ª corsia S. Marinella-Torrimpietra 26,1 A13 3ª corsia Monselice-Padova Sud 13,3 A13 3ª corsia Ferrara-Bologna 32,7 A14 4ª corsia Direzione per Ravenna-Bologna S. Lazzaro 34,1 Nel corso del 2010 sono stati realizzati oltre 40 km di interventi, che hanno riguardato in particolare il progetto di potenziamento dell A14 tra Rimini Nord e Porto S.Elpidio (progetto che prevede l ampliamento da 2 a 3 corsie per uno sviluppo complessivo di 154,7 km) con il completamento dei lavori su 37 km tra Ancona Sud e Porto S. Elpidio. Nel mese di dicembre è stato raggiunto inoltre un altro fondamentale obiettivo per il completamento della Variante di Valico sull autostrada A1 Milano-Napoli, infrastruttura strategica per il Paese che sarà completata nel È stato infatti ultimato lo scavo della Galleria di Base, il tunnel a carreggiate separate lungo circa 8,6 km, con una sezione di 180 m 2, che unisce le regioni Emilia-Romagna e Toscana e che rappresenta l opera simbolo di tutta la Variante di Valico, oltre a rientrare tra le maggiori opere realizzate o in corso di realizzazione in Europa. 15

19 Spese e investimenti socio-ambientali 1,8 miliardi di euro

20 2. 2 L IMPEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ 2.1 LA STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ 2.2 IL DIALOGO CON GLI STAKEHOLDER 2.3 LA CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA SOSTENIBILITÀ

Infrastruttura, finanza, tecnologia e innovazione

Infrastruttura, finanza, tecnologia e innovazione PROFILO DI GRUPPO Infrastruttura, finanza, tecnologia e innovazione 5.000 km di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia 2 aeroporti in Italia Leader tecnologico, numero uno al mondo

Dettagli

in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia Maggior investitore europeo con oltre 23 miliardi di euro di investimenti in corso

in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia Maggior investitore europeo con oltre 23 miliardi di euro di investimenti in corso Profilo del Gruppo 4.100 km di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia Più di 5 milioni di clienti al giorno 3,8 miliardi di euro di fatturato, 2,3 miliardi di euro di Ebitda e

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

Profilo di Gruppo Atlantia S.p.A. Via A. Nibby, 20 00161 Roma Tel. +39 06 4417 2652 www.atlantia.it

Profilo di Gruppo Atlantia S.p.A. Via A. Nibby, 20 00161 Roma Tel. +39 06 4417 2652 www.atlantia.it Profilo di Gruppo I numeri di una leadership globale 5.000 km di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia 2 aeroporti in Italia Leader tecnologico, numero uno al mondo nel telepedaggio,

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza

La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori La rete autostradale italiana a pedaggio: la gestione della sicurezza Ing. Andrea Manfron AISCAT AISCAT e la rete L AISCAT è l Associazione

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

5.000 km. Leader tecnologico, di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia 2 aeroporti in Italia

5.000 km. Leader tecnologico, di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia 2 aeroporti in Italia PROFILO DI GRUPPO 5.000 km di autostrade a pedaggio in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia 2 aeroporti in Italia Leader tecnologico, numero uno al mondo nel telepedaggio, nell automazione della gestione

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI ITS SERVIZI MARITTIMI E SATELLITARI INDICE

LA CARTA DEI SERVIZI DI ITS SERVIZI MARITTIMI E SATELLITARI INDICE LA CARTA DEI SERVIZI DI ITS SERVIZI MARITTIMI E SATELLITARI INDICE 1. ITS - SMS e la Carta dei Servizi...2 2. Chi siamo...2 3. I nostri principi...3 4. I nostri impegni...4 5. I nostri standard di qualità...5

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Roma, giugno 2015 Indice 1. Livello strategico Premessa 1.1 Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Gregorio VII: profilo e missione 1.2 Politica della qualità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ Autostrade per l Italia è un Gruppo di imprese in cui le persone cooperano per progettare, costruire e sviluppare una rete autostradale funzionale allo sviluppo sociale ed economico del Paese, garantendo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino

La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino La sostenibilità ambientale nelle infrastrutture ferroviarie Arch. Martino L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali ed attribuisce alla tutela

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità GENESIS LICEO DEL PARRUCCHIERE si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la realtà

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Chi siamo. Governance e Compagine. 7000 Aziende Clienti. Crescita del fatturato (Valore in milioni di euro)

Chi siamo. Governance e Compagine. 7000 Aziende Clienti. Crescita del fatturato (Valore in milioni di euro) Company Profile Chi siamo Qui! Group S.p.A. è un gruppo made in Italy, leader nel mondo dei buoni pasto e dei titoli di servizio, dei sistemi di fidelizzazione, della monetica, degli strumenti di pagamento,

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica Percorsi e strumenti finanziari per lo sviluppo degli investimenti in ambito ambientale e dell efficienza energetica per le Imprese Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Qualità ambientale allo stato puro

Qualità ambientale allo stato puro Qualità ambientale allo stato puro Proteggere l ambiente è un impresa globale L ambiente è un patrimonio di tutti. Di fronte ai cambiamenti climatici, alla contaminazione dei terreni, al prosciugamento

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Comunicato Stampa APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

Comunicato Stampa APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 Comunicato Stampa APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 Volumi di traffico in calo nel primo trimestre 2009 del 3,1% su base omogenea (-6,9% non depurato dagli elementi calendariali

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

Risultati economico-finanziari consolidati 2014

Risultati economico-finanziari consolidati 2014 COMUNICATO STAMPA Risultati economico-finanziari consolidati 2014 Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014. Risultati consolidati economici e patrimoniali:

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE Premessa L esigenza di una rilevazione puntuale e condotta con criteri uniformi su tutto il

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 Il periodo che stiamo attraversando richiede un grande sforzo per costruire nuove prospettive di sviluppo. Autostrade per l Italia è impegnata nel rilancio degli investimenti

Dettagli