BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE"

Transcript

1 BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE Donato MATASSINO 1*, Carmela BARONE 2, Nadia CASTELLANO 1, Caterina INCORONATO 1, Mariaconsiglia OCCIDENTE 1, Luigina RILLO 1, Laura SANTORO 1, Bettino SICILIANI 3, Antonio ZULLO 1 RIASSUNTO Il lavoro si colloca in un ampio piano di tutela del tipo genetico (TG) BovGrAI il cui latte è utilizzato principalmente per la produzione di un formaggio a pasta filata denominato Caciocavallo Podolico. Lo scopo di questo studio è quello di valutare la relazione tra polimorfismo lattoproteico e alcune caratteristiche quali-quantitative del latte prodotto da vacche BovGrAI in mungitura meccanica. L indagine è condotta su 96 soggetti allevati presso la Masseria Colombo (Mottola, Ta) e sottoposti a controllo funzionale (standard ufficiali ICAR, metodo A4). Gli stessi soggetti vengono tipizzati a 4 loci lattoproteici (α-lattoalbumina, β-caseina, β-lattoglobulina e k-caseina) mediante PCR-RFLP. Nei limiti del campo di osservazione, in 210 giorni di lattazione, è emerso quanto segue: locus β-caseina, il genotipo BB ha prodotto mediamente al controllo: o più latte rispetto a quello ottenuto da soggetti AB (4,86 vs 4,17 kg; P<0,001); o un latte con una percentuale di grasso significativamente maggiore rispetto sia a quello prodotto da soggetti AB (4,28 vs 4,24; P<0,001) sia rispetto a quelli AA (4,28 vs 4,17; P<0,05); * Autore corrispondente: Donato Matassino, 1 ConSDABI National Focal Point italiano FAO, Contrada Piano Cappelle, 123, Benevento, Italy; 2 DiSSPAPA Facoltà di Agraria Università degli Studi di Napoli Federico II Portici Na, Italy ; 3 Masseria Colombo, Mottola, Ta - Italy

2 o un latte con una percentuale di proteine significativamente maggiore rispetto a quello prodotto da soggetti AB (4,14 vs 4,13 P<0,001 ), nonché con un contenuto in caseina maggiore (3,25 vs 3,21 P<0,001); locus β-lattoglobulina, il genotipo AB ha prodotto mediamente al controllo più latte rispetto a quello AA (4,71 vs 4,38 P<0,05); locus k-caseina: il genotipo BB ha prodotto un latte con una percentuale più elevata di : o grasso rispetto a quello prodotto da soggetti AA (4,38 vs 3,98; P<0,001); o proteine rispetto a quello dei soggetti AB (4,20 vs 4,13; P<0,05); o caseine rispetto a quello dei soggetti AB e AA (3,25 vs 3,21; P<0,001). Parole chiave: DNA, latte, qualità casearia, Podolica. INTRODUZIONE Il TG BovGrAI trae la sua origine dal Bos Primigenius (Uro) del Vicino Oriente con probabile introgressione di Uri indigeni dell Italia centromeridionale. La ormai condivisa autoctonicità mediterranea di questo TG ha indotto a ritenere la denominazione di Bovino Grigio Autoctono Italiano piú consona (Matassino e Ciani, 2009). Il latte fornito da tale tipo genetico, per l ottima attitudine alla caseificazione, risulta eminentemente vocato alla preparazione di un antico formaggio a pasta filata, denominato Caciocavallo Podolico (Matassino et al., 1995; Matassino, 2001). La mungitura meccanica, ampiamente praticata per le razze cosmopolite, viene impiegata per la prima volta nel 2009 per il BovGrAI. Questo studio si prefigge di indagare il polimorfismo delle lattoproteine in relazione alle caratteristiche quali-quantitative del latte prodotto da questo TG bovino. I segmenti di DNA che codificano le lattoproteine sono stati tra i primi a essere isolati e sequenziati interamente, a riprova del grande interesse scientifico ed economico che suscitano nell ambito della produzione casearia. L interesse dimostrato dai ricercatori sull effetto dei geni responsabili della quantità e della qualità delle lattoproteine ha avuto inizio fin dagli anni 60. I progressi delle nuove metodiche analitiche in - 2 -

3 biologia molecolare hanno permesso di dare uno slancio alle ricerche e di ampliare le conoscenze del settore, mutandone l approccio allo studio. Si è passati dall analisi fenotipica del prodotto di un segmento di DNA codificante polipeptide/i all indagine a livello molecolare, dall attenzione del genotipo al singolo locus allo studio del genotipo globale. Per una migliore comprensione della relazione tra il polimorfismo di un dato locus e un carattere d importanza economica è bene tener presente che, nei ruminanti, i quattro segmenti di DNA codificanti le caseine sono organizzati in un cluster che nell ordine include alfa s1-caseina (CSN1S1), beta-caseina (CSN2), alfa s2-caseina (CSN1S2) e kappa-caseina (CSN3); il cluster caseinico, nei bovini, è localizzato sul cromosoma 6 (Ferretti et al., 1990; Threadgill e Womack, 1990). Le caseine sono le principali proteine secrete dalla ghiandola mammaria e costituiscono circa il 78-82% delle proteine del latte bovino. Le caseine hanno la caratteristica di presentare, soprattutto nelle specie bovina, uno spiccato polimorfismo che determina differenze nella loro struttura molecolare la quale si traduce in differenze nelle proprietà fisico-chimiche e biologiche delle stesse proteine. Le diverse varianti genetiche possono non essere tutte presenti in una data popolazione e, se lo fossero, potrebbero differenziarsi per la loro frequenza; a questa diversificazione fa riscontro una differente presenza quantitativa a livello del singolo individuo; presenza che, a livello di popolazione, si concretizza in un gradiente fenotipico. Da ciò scaturisce l importanza delle indagini genomiche volte a individuare tale eterogeneità e a chiarire l influenza di questa variabilità sulle proprietà chimico-fisiche del prodotto ai fini di una migliore sua destinazione (Matassino et al., 2007). Nel presente e preliminare lavoro, l analisi viene condotta su 4 loci lattoproteici (α-lattoalbumina, β-caseina, β-lattoglobulina e k-caseina). L α-lattoalbumina (α-lg) è una delle principali sieroproteine del latte coinvolta nella biosintesi del lattosio a livello della ghiandola mammaria. Essa influenza direttamente sia la qualità del latte che la quantità prodotta. Il gene α-lg è localizzato sul cromosoma 5; le varianti a oggi individuate sono tre: A, B e C. In questo studio vengono indagate solo le prime due. L α-lg influenza positivamente la resa alla caseificazione, in particolare la variante B è associata a una maggiore percentuale di grasso e di proteine nel latte. La variante A differisce dalla B per la sostituzione dell amminoacido Glutammina con Arginina (GAGG(N 6 )A GAGG(N 6 )G). La β-caseina (β-cn) influenza il tempo di coagulazione e di rassodamento della cagliata. Sono state individuate due varianti alleliche A e B (Medrano - 3 -

4 et al., 1991). La variante A influenza negativamente il tempo di coagulazione e di rassodamento della cagliata, mentre la variante B riduce il tempo di coagulazione e di rassodamento della cagliata rendendola più adatta alla caseificazione. La variante A differisce dalla B per la sostituzione in posizione 122 dell amminoacido Serina con Arginina (CCA GCA). La β-lattoglobulina (β-lg) è una sieroproteina del latte che incide sulla produzione e sulla qualità del latte. Nei bovini il gene (β-lg) è localizzato sul cromosoma 11; a oggi sono note 15 varianti alleliche, anche se le più comuni sono A e B. Queste varianti hanno effetti sulla composizione del latte [maggior contenuto in caseine (Mariani et al., 1999)] e sulle sue proprietà casearie (McLean et al., 1984; Ng-Kwai-Hang et al., 1986; Aleandri et al., 1990; Ng-Kwai-Hang e Grosclaude, 1992). È stato osservato che il genotipo omozigote BB produce un latte con un alto contenuto di grasso e di proteine, mentre il genotipo AA produce un latte con una bassa percentuale di grasso ma in quantità superiori. La variante A differisce dalla B per la sostituzione di due amminoacidi, l Aspartato in posizione 64 e la Valina in posizione 118, rispettivamente, con Glicina e Alanina (Medrano e Aguilar-Cordova, 1990). La k-caseina (k-cn) gioca un ruolo cruciale nella qualità del latte, in particolare nella coagulazione del latte e nel processo di caseificazione. Sono state individuate 6 varianti genetiche (A, B, C, E, di recente F e G) (Grosclaude, 1988); tali varianti influenzano le proprietà di lavorazione del latte, specialmente la trasformazione casearia. È stato osservato che la variante B conferisce al latte migliori proprietà lattodinamometre rispetto alla variante A (Rahali and Menard, 1991),C (Macheboeuf et al., 1993) ed E, nonché una migliore resistenza termica, una diminuzione del tempo di formazione del coaugulo, una cagliata migliore e una differente grandezza delle micelle favorendo così il processo di caseificazione (Marziali e Ng- Kwai-Hang, 1986). La variante A differisce dalla B per la sostituzione di due amminoacidi, la Treonina in posizione 136 e l Acido Aspartico in posizione 148, rispettivamente, con Isoleucina e Alanina (pos.136 ACC ATC; pos.148 GAT GCT). Nel bovino podolico è stato riscontrato che la variante B della -Cn ha una maggiore frequenza della variante A : 0,803 vs 0,197 (Bettini e Masina, 1972); 0,692 vs 0,308 (Chianese et al., 1988). In una successiva - 4 -

5 sperimentazione Matassino (2001) ha riscontrato una frequenza di 0,648 per la variante B e di 0,352 per la variante A. MATERIALI E METODI L indagine viene condotta su 96 vacche allevate presso la Masseria Colombo (Mottola, Ta - Italy). L azienda dispone approssimativamente di 500 ettari (370ha di bosco e prato cespugliato e 130ha di seminativo) destinati all allevamento semi-brado di 700 capi di cui circa il 40% costituito da vacche. La tipologia dell allevamento è quella della linea vacca-vitello. Il vitello resta con la madre per circa un mese, entrambi liberi di pascolare nei terreni circostanti la Masseria. Quindi, dopo un mese dal parto, le vacche passano nella mandria di mungitura. La mungitura meccanica è eseguita in una moderna e funzionale sala mungitura ; le fattrici vengono fatte entrare 5 alla volta negli appositi box, munte e lasciate di nuovo al pascolo. Le 96 vacche in lattazione, oggetto di studio, vengono sottoposte regolarmente a controllo funzionale secondo gli standard ufficiali approvati dall International Committee for Animal Recording (ICAR) (metodo A4). Per ogni soggetto viene determinata la: - quantità di latte prodotta in 210 giorni di lattazione; - percentuale media di grasso, proteine, caseine, lattosio e urea; - quantità di cellule somatiche. Dai campioni ematici dei predetti soggetti viene estratto DNA genomico secondo la metodica classica fenolo:cloroformio. La tipizzazione ai 4 loci lattoproteici (α-lattoalbumina, β-caseina, β-lattoglobulina e k-caseina,) viene condotta mediante PCR-RFLP. Relativamente all α-lg, l amplificato (166bp) viene digerito con endonucleasi di restrizione MnlI per identificare i genotipi: AA (78/52/36bp), BB (114/52bp), AB (114/78/52/36bp) (Bleck and Bremel, 1993). L amplificato della β-cn (233bp) viene digerito con endonucleasi di restrizione MspI ottenendo come genotipi: AA (208/25bp), BB (233bp), AB (233/208/25bp) (Medrano e Sharrow, 1991). L amplificato della β-lg (262bp) viene digerito con endonucleasi di restrizione HaeIII ottenendo come genotipi: AA (153/109bp), BB (109/79/74bp) e AB (153/109/79/74bp)

6 L amplificato della k-cn (437bp) viene digerito con endonucleasi di restrizione HindIII ottenendo come genotipi: AA (437bp), BB (346/91bp) e AB (437/346/91 bp). Ai fini dell assegnazione dei genotipi, i prodotti di digestione vengono visualizzati sul gel di agarosio al 3% previa colorazione con bromuro di etidio. Per testare se il polimorfismo ai predetti 4 loci lattoproteici influenza o meno alcune caratteristiche quali-quantitative del latte è stata effettuata l ANOVA. RISULTATI E DISCUSSIONE Dall esame della Tabella 1, si evince che l allele B in tutti i loci indagati, a eccezione della beta caseina, è piu frequente dell allele A, in accordo con quanto riscontrato dagli Autori già citati. Questa variante, come è noto, ha effetti sulla composizione del latte e sulle sue proprietà casearie. La frequenza genotipica osservata e attesa relativa ai soggetti indagati è riportata nella Tabella 2. Per quanto riguarda l effetto del polimorfismo sulle caratteristiche quanti-qualitative del latte, dalla Tabella 3 si rileva che: la percentuale di grasso risulta significativamente più elevata nelle vacche con genotipo BB ai 3 loci presi in considerazione rispetto a quelle con genotipo AA; la percentuale di proteine, come è noto dalla letteratura, si conferma più elevata nel genotipo BB sia della β-cn che della k-cn; la percentuale di caseine segue lo stesso andamento della percentuale di proteine, mentre il contenuto di urea nel latte non varia in relazione al genotipo. Considerando il genotipo globale ai quattro loci considerati, si può evidenziare che : la vacca podolica con una maggiore produzione di latte è quella con genotipo globale BBABBBBB (P<0,05), ai loci rispettivamente α-lg β-lg k-cn β-cn la vacca podolica con una maggiore produzione percentuale di grasso, di proteine e di caseine è quella con genotipo globale BBAABBBB (P<0,05) ai loci rispettivamente α-lg β-lg k-cn β-cn

7 CONCLUSIONI I preliminari risultati mettono in luce l importanza di esaminare il genotipo globale (Global-gen) ai loci lattoproteici, piuttosto che il genotipo al singolo locus, confermando che tale conoscenza si rivela valida per: il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico; la salvaguardia della biodiversità esistente; la valorizzazione delle proprietà nutrizionali e casearie di alcuni Global-gen. OPERE CITATE ALEANDRI R., BUTTAZZONI L. G., SCHNEIDER J. C., CAROLI A. e DAVOLI R. (1990). The effects of milk protein polymorphisms on milk components and cheese-producing ability. J. Dairy Sci., 73, BETTINI T.M. e MASINA P.. (1972). Proteine e polimorfismo proteico del latte vaccino. Prod. Anim., 11, 107. BLECK G. T. e BREMEL R. D.. (1993). Sequence and single base polymorphisms within the 5 -flanking region of the bovine alfa-lactalbumin gene. J. Dairy Sci., 80, CHIANESE L., DI LUCCIA, A., MAURIELLO R., FERRARA L., ZEHENDER G., ADDEO F.. (1988 ). Polimorfismo biochimico delle proteine del latte in bovine di razza Podolica. Zoot Nutr Anim, 14, FERRETTI L., LEONE P. e SGARAMELLA V.. (1990). Long range restriction analysis of the bovine casein genes. Nucleic Acids Res., 18, GROSCLAUDE F.. (1988). The polymorphism genetics of principle bovine lactoproteins. Inra Productions Animales, 1, MACHEBOEUF D., COULON J.B., D HOUR P.. (1993). Effect of breed, protein genetic variants and feeding on cows milk coagulation properties. J. Dairy Res., 60,

8 MARIANI P., SUMMER A., FORMAGGIONI P. e FOSSA E.. (1999). Contenuti di caseina, fosforo e urea e proprietà di coagulazione di campioni di latte di massa di vacche di razza Frisona Italiana caratterizzati da bassa acidità titolabile. Atti Soc. It. Sci. Vet., 53, MARZIALI A.S. e NG-KWAI-HANG K.F.. (1986). Effects of milk composition and genetic polymorphism on coagulation properties of milk. J. Dairy Sci., 69, MATASSINO D.. (2001). Relazione tecnico-scientifica. Progetto POM A06 Ecosostenibilità dell allevamento dei tipi genetici bovini Marchigiana e Podolica in aree della Campania, del Molise e della Basilicata. MATASSINO D. e CIANI F.. (2009). Origine e storia della Podolica in Italia (Origin and history of Podolian in Italy). Proceedings of International Congress On the tracks of Grey Podolic cattle, Matera, 10 luglio Taurus Speciale, Anno XX, 3 (maggio-giugno), MATASSINO D., BARONE C.M.A., GRASSO F., PALAZZO M. e ZULLO A.. (1995). Valutazione dell'attitudine alla caseificazione del latte nel bovino podolico. Atti XI Congr. Naz. ASPA, Grado (GO), giugno 1995, 349. MATASSINO D., BARONE C.M.A., DI LUCCIA A., INCORONATO C., INGLESE F., MARLETTA D., OCCIDENTE M. e RONCADA P.. (2007). Genomica e proteomica funzionali, Atti Convegno Acquisizioni della Genetica e prospettive della selezione animale, Firenze, 27 gennaio 2006, I Georgofili Quaderni 2006 I, Società Editrice Fiorentina, Sito internet ASPA (http://aspa.altervista.org/ ; link: archivio Prof. Donato Matassino). MCLEAN D. M., GRAHAM E.R.B., PONZONI R. W. e MCKENZIE H. A..(1984). Effects of milk protein genetic variants on milk yield and composition. J. Dairy Res. 51, MEDRANO J. F. e AGUILAR-CORDOVA E.. (1990). Polymerase chain reaction amplification of bovine β-lactoglobulin genomic sequences and - 8 -

9 identification of genetic variants by RFLP analysis. Anim. Biotechnol., 1, MEDRANO J. F. e SHARROW L.. (1991). Genotyping of bovine β-casein loci by restriction site modification of polymerase chain reaction (PCR) amplified genomic DNA. J. Dairy Sci. 74(Suppl. 1), 282 (Abstr.). MEDRANO J.F., POMP D., SHARROW L., BRADFORD G.E., DOWNS T.R., FROHMAN L.A.. (1991). Growth hormone and insulin-like growth factor-i measurements in high growth (hg) mice. Genet Res, 58, NG-KWAI-HANG K. F., e GROSCLAUDE F.. (1992). Genetic polymorphism of milk proteins. In: P.F. Fox (Ed.) Advanced Dairy Chemistry, Vol. 1: Proteins, Elsevier Applied Science, New York. NG-KWAI-HANG K. F., HAYES J. F., MOXLEY J. E., e MONARDES H. G.. (1986). Relationships between milk protein polymorphism and major milk constituents in Holstein-Friesian cows. J. Dairy Sci., 69, RAHALI V. e MENARD J.L.. (1991). Influence of genetic variants of - lactoglobulin and -casein on milk composition and cheesemaking properties. Lait, 71, THREADGILL D.W. e WOMACK J.E. (1990). Genomic analysis of the major bovine milk protein genes. Nucleic Acids Res., 18 (23),

10 Tabella 1.Frequenza allelica osservata ai loci indagati. α-lattoalbumina α-lactoalbumin β-caseina β-casein Locus β-lattoglobulina β-lactoglobulin Allele Allele Allele κ-caseina κ-casein Allele A B A B A B A B Frequenza allelica Allele frequency (%) 0 1 0,56 0,44 0,43 0,57 0,37 0,63 Tabella 2. Frequenza genotipica (attesa e osservata) ai loci indagati. α-lattoalbumina α-lactoalbumin Genotipo Genotype β-caseina β-casein Genotipo Genotype Locus β-lattoglobulina β-lactoglobulin Genotipo Genotype κ-caseina κ-casein Genotipo Genotype AA AB BB AA AB BB AA AB BB AA AB BB Numero soggetti Number of subjects (N=96) Frequenza genotipica Genotype frequency osservata observed attesa expected 0 0 1,00 0,20 0,73 0,07 0,16 0,55 0,29 0,08 0,57 0, ,00 0,31 0,49 0,20 0,18 0,24 0,32 0,14 0,47 0,

11 Tabella 3. Composizione percentuale media, in relazione al genotipo e significatività dei confronti. Locus β-lg κ-cn β-cn Genotipo Latte Grasso Proteine Lattosio cellule Caseina, Urea Kcal kg % % % (x1000) % (mg %) AA 4,38 4,17 4,13 4,86 74,51 3,22 22,12 72,30 AB 4,71 4,25 4,13 4,96 82,28 3,20 23,02 73,42 BB 4,49 4,28 4,14 4,84 87,91 3,24 23,00 73,31 AA-AB * AA-BB * AB-BB AA 4,42 3,98 4,08 4,83 62,96 3,19 21,72 70,30 AB 4,70 4,33 4,13 4,97 82,15 3,22 22,99 74,21 BB 4,46 4,38 4,20 4,86 99,59 3,26 23,43 74,53 AA-AB *** AA-BB *** * AB-BB * * * * AA 4,54 4,17 4,13 4,91 75,56 3,21 22,90 72,58 AB 4,17 4,24 4,13 4,96 84,36 3,21 23,09 73,30 BB 4,86 4,28 4,14 4,79 84,78 3,25 22,15 73,15 AA-AB ** ** *** *** AA-BB * * AB-BB *** *** *** *** *= P< 0,05; **= P< 0,01; *** = P<0,

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

Composizione di formaggi DOP italiani

Composizione di formaggi DOP italiani Composizione di formaggi DOP italiani Manzi P., Marconi S., Di Costanzo M.G., Pizzoferrato L. Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina 546, 00178 Roma Tel. +3906514941

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa

RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO IN RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa INDIRIZZO: Riproduzione,

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI La cuccetta ideale per le bovine Il benessere delle vacche dipende anche dall appropriata dimensione delle cuccette e dei battifianchi.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

La salute nell astuccio: dall ISS spunti per un azione didattica

La salute nell astuccio: dall ISS spunti per un azione didattica Istituto Superiore di Sanità Dispense per la scuola Istituto Superiore di Sanità Presidente: Enrico Garaci Dispense per la scuola 12/1 Viale Regina Elena, 299-00161 Roma Tel. +39-0649901 Fax +39-0649387118

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA 01 cover Dossier Latte 4-12-2007 17:33 Pagina 2 LOMBARDIA verde Tiratura 500.000 copie Dossier Quell oro bianco chiamato latte Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato edizione 2008 Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di Mercato Il presente studio sul mercato della Mozzarella di Bufala Campana DOP è stato realizzato

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli