rapporto di responsabilità aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rapporto di responsabilità aziendale"

Transcript

1 rapporto di responsabilità aziendale 2013

2

3 rapporto di responsabilità aziendale 2013 Indice Messaggio della Direzione 04 Lettera agli stakeholder del Country Manager Nota metodologica 06 Gas Natural Fenosa nel mondo e in Italia 19 Profilo dell organizzazione 20 Strategia di Gas Natural Fenosa 32 Contesto regolatorio 34 Contributo allo sviluppo 36 La Responsabilità Aziendale nel gruppo e in Italia 39 Indicatori chiave della Responsabilità Aziendale 40 Politica di Responsabilità Aziendale 41 Gestione della Responsabilità Aziendale nel gruppo 44 Dialogo con gli stakeholder 47 Gli impegni nella Responsabilità Aziendale 51 Orientamento al cliente 52 Orientamento ai risultati 78 Ambiente 79 Interesse per le persone 89 Salute e sicurezza 112 Impegno sociale 121 Integrità 123 Informazioni aggiuntive 135 Livelli di applicazione del GRI 136 Indice dei contenuti e indicatori del GRI 137 Opinione dei lettori 149

4 4 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Messaggio della Direzione Lettera agli stakeholder del Country Manager Stimati lettrici e lettori, sono lieto di presentarvi il Rapporto di Responsabilità Aziendale delle società italiane di Gas Natural Fenosa riferito all esercizio Attraverso questa pubblicazione, giunta alla sua seconda edizione, in linea con la nostra casa madre, confermiamo l impegno nell offrire agli stakeholder con cui ci interfacciamo una rendicontazione trasparente del nostro operato e nel ricercare un occasione di riflessione e di dialogo sulle direttrici da seguire, nel prossimo futuro, sulla base di un approccio sempre più orientato al miglioramento continuo. Il 2013 si è confermato per le società italiane del gruppo come un anno positivo. In tale esercizio, in linea con il trend dell anno precedente, si è confermato il rafforzamento della posizione raggiunta, tanto in relazione all attività regolata di distribuzione di gas, la cui rete ha complessivamente superato i chilometri, come in relazione a quella di vendita di gas, elettricità e servizi alla clientela residenziale e commerciale, nell ambito della quale sono stati raggiunti 507 mila contratti attivi di gas, elettricità e servizi. Sotto il profilo economico, riconducibile principalmente alla crescita dei risultati derivanti dall attività regolata di distribuzione, così come a un miglioramento dei margini della vendita di gas, la performance è infatti stata brillante. Sulla base di queste premesse e coerentemente con la revisione delle linee strategiche di Gas Natural Fenosa per il periodo , le società italiane del gruppo proseguono con il rafforzamento del bilancio mediante il connubio tra crescita e massimizzazione dell efficienza.

5 Gas Natural Fenosa Messaggio della Direzione 5 Il 2013 è stato altresì un anno nell ambito del quale le società italiane del gruppo hanno continuato a sviluppare le proprie attività coerentemente agli impegni sanciti dalla Politica di Responsabilità Aziendale di Gas Natural Fenosa: orientamento al cliente, impegno nel raggiungimento dei risultati, interesse per le persone, salute e sicurezza, impegno sociale ed integrità. A riguardo, in particolare, tengo a sottolineare quanto realizzato in Italia per contribuire fattivamente alla realizzazione di quel cambiamento qualitativo nella cultura della sicurezza che Gas Natural Fenosa si propone di realizzare, alimentando nei confronti di tutti coloro che lavorano per il gruppo, dipendenti e imprese collaboratrici, il concetto che la sicurezza è una priorità strategica e che la tolleranza per i comportamenti non sicuri deve essere zero. Per questo, nel declinare a livello locale il Piano Impegno Sicurezza e Salute di Gas Natural Fenosa, sono state molteplici le azioni intraprese al fine di prevenire i rischi, di diffondere la conoscenza di strumenti e metodi utili al contenimento degli infortuni, nonché al fine di alimentare una crescente sensibilizzazione e un deciso coinvolgimento sugli obiettivi del Piano stesso. Ciò, sia lato dipendenti a cui, ad esempio, sono state erogate circa ore di formazione sui temi di salute e sicurezza; sia lato fornitori, coinvolti in eventi formativi che, realizzati a Bari e a Catania, hanno contato sulla presenza complessiva di oltre 260 persone facenti capo a circa 160 imprese collaboratrici. Auspicando che quanto espresso a titolo di esempio possa essere considerato come uno dei numerosi sforzi compiuti dalle società italiane del gruppo per rendere sempre più sostenibile le proprie performance lungo le dimensioni della sostenibilità, vi invito a consultare i risultati descritti e quantificati nel nostro Rapporto così come le sfide e le linee di azione che abbiamo definito per il prossimo futuro con l intento di minimizzare i rischi ed ottimizzare le opportunità per sostenere la crescita del nostro operato in Italia e, al tempo stesso, rispondere agli interessi di ogni categoria di stakeholder con cui ci relazioniamo. Javier Hernández Sinde Country Manager Gas Natural Italia S.p.A.

6 6 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Nota metodologica Con il secondo Rapporto di Responsabilità Aziendale (di seguito anche il Rapporto ), le società italiane del gruppo intendono comunicare agli stakeholder l approccio alla sostenibilità e fornire una rappresentazione delle performance conseguite in ambito economico, ambientale e sociale. Il Rapporto è stato redatto secondo le GRI G3.1. Guidelines emanate dal Global Reporting Initiative (GRI). Il Rapporto si basa inoltre sull Oil & Gas Sector Supplement, il supplemento specifico per il settore. Ci si è ispirati inoltre ai principi dello standard AA1000APS emanati dall AccountAbility (inclusività, rilevanza e rispondenza). In relazione all ampiezza della rendicontazione, il GRI prevede tre diversi livelli di applicazione. A tale proposito, è da segnalare che il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 è stato sottoposto al GRI Application Level Service attraverso cui il GRI ha verificato che il Rapporto è stato preparato coerentemente alle linee guida GRI-G3.1 previste per il livello di applicazione B. Salvo eccezioni opportunamente segnalate, i dati e le informazioni si riferiscono all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 e, dove espressamente indicato, ad aggiornamenti e avvenimenti relativi al 2014, come nel caso della rappresentazione della Corporate Governance delle società italiane del gruppo (per la quale si rimanda a pag. 124). In generale, per consentire al lettore di valutare l evoluzione delle performance di sostenibilità di Gas Natural Fenosa in Italia, le informazioni quantitative, salvo eccezioni, sono presentate lungo un arco temporale di tre anni. Gas Natural Fenosa opera in Italia tramite quattro principali società separate: Gas Natural Italia S.p.A., Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A., Gas Natural Vendita Italia S.p.A. e Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A. L assetto societario si è infatti attenuto all evoluzione della normativa italiana sull unbundling che prevede una netta separazione tra le attività di distribuzione e quelle di vendita. Nel presente Rapporto le società incluse nel perimetro di rendicontazione sono: Gas Natural Italia S.p.A., Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A. e le sue partecipate e Gas Natural Vendita Italia S.p.A. Per quanto riguarda Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A. nel presente Rapporto ci si è limitati ad una descrizione sintetica delle principali caratteristiche progettuali del rigassificatore di Zaule e delle principali tappe del processo autorizzativo nel corso del Le eventuali limitazioni rispetto a tale perimetro sono opportunamente indicate nel Rapporto. Le società italiane del gruppo operano in linea con gli indirizzi strategici, le politiche e le indicazioni di Gas Natural Fenosa. Pertanto, il presente Rapporto richiama e descrive anche i principi, le linee guida e l approccio alla Responsabilidad Corporativa del gruppo in quanto rappresentano dei riferimenti imprescindibili. Al fine di evitare confusione nella lettura, si precisa che nel Rapporto: Con Gas Natural Fenosa in Italia, il gruppo in Italia, le società italiane del gruppo o le società si fa riferimento alle società incluse nel perimetro di rendicontazione sopra indicato: mentre con Gas Natural Fenosa, con il gruppo o con la società si intende la casa madre spagnola o l intero gruppo di appartenenza. Con Gas Natural Distribuzione o la società di distribuzione si intende Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A. Con Gas Natural Vendita o la società di vendita si intende Gas Natural Vendita Italia S.p.A. Con Gas Natural Italia si intende la società di servizi o Gas Natural Italia S.p.A.

7 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 7 Per quanto attiene al paragrafo Contributo allo sviluppo, che descrive la ricchezza distribuita agli stakeholder, si evidenzia che gli importi riportati sono stati attinti dall Informe Anual Integrado di Gas Natural Fenosa o, per le ulteriori informazioni di dettaglio ivi non disponibili, dai rapporti di gestione interni. Laddove non disponibili, gli importi sono stati definiti in base alle risultanze dei bilanci civilistici individuali di tutte le società italiane incluse nel perimetro di rendicontazione. In particolare gli investimenti corrispondono a quanto riportato nel suddetto Informe Anual Integrado di Gas Natural Fenosa, opportunamente rettificati in base al criterio di effettivo esborso finanziario. Principi per la definizione del contenuto del Rapporto In linea con le Linee Guida GRI, per l individuazione delle informazioni qualiquantitative da inserire nel Rapporto, sono stati considerati i seguenti principi: Partecipazione degli stakeholder Le società italiane del gruppo sono impegnate nell instaurare un dialogo aperto e trasparente con i propri interlocutori, alimentandolo attraverso lo sviluppo di strumenti di confronto e dialogo. Nel documento sono descritti i principali stakeholder delle società italiane del gruppo e le principali attività di dialogo avviate. Contesto di sostenibilità Il Rapporto analizza l impegno di Gas Natural Fenosa e delle società italiane del gruppo relativamente agli aspetti economici, ambientali e sociali, considerando le caratteristiche del contesto sociale e dei settori in cui tali società operano, e descrive il contributo allo sviluppo. In tal senso il Rapporto rappresenta sia uno strumento di gestione e di rendicontazione dei risultati conseguiti in ambito economico, ambientale e sociale, sia uno strumento di informazione e dialogo con i propri stakeholder. Completezza Gli argomenti e gli indicatori qualiquantitativi, così come il perimetro del Rapporto, riflettono ragionevolmente gli impatti economici, ambientali e sociali significativi delle società italiane del gruppo e consentono agli stakeholder di valutarne le performance nel periodo di rendicontazione. I contenuti inclusi nel Rapporto sono stati definiti internamente con la partecipazione dei responsabili di specifiche unità aziendali. Questo ha consentito di far emergere le tematiche rilevanti relative all attività delle società italiane del gruppo per ciascuna area di attività. Materialità In linea con le Linee Guida GRI, nel Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 sono rendicontati i temi che risultano essere di maggiore interesse in termini di rilevanza per le società italiane del gruppo e per gli stakeholder di riferimento. Il processo di redazione del documento, così come la definizione dei contenuti e la determinazione della materialità delle tematiche aziendali, si è basato sui principi previsti dal GRI ed ha previsto il coinvolgimento dei responsabili di specifiche unità aziendali, a partire dall analisi di materialità svolta da Gas Natural Fenosa. Analisi di materialità L approccio alla materialità di Gas Natural Fenosa Gas Natural Fenosa ha redatto il proprio Informe de Responsabilidad Corporativa 2013 in conformità alla nuova versione delle linee guida di reporting GRI-G4. A tal fine il gruppo ha effettuato un analisi di materialità, con l obiettivo di identificare e valutare le priorità di intervento in ambito economico, sociale e ambientale, e focalizzare le sezioni del proprio Rapporto su tali ambiti, ritenuti rilevanti per il business del gruppo e per i propri stakeholder.

8 8 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Il processo di analisi di materialità è stato strutturato in quattro fasi: Durante la fase di identificazione sono stati selezionati 46 aspetti materiali specifici, definiti dal Global Reporting Initiative nella propria guida per l elaborazione dei rapporti di sostenibilità a valle di un processo di analisi di fonti diverse. Le principali sono state: le iniziative di ascolto con gli stakeholder, gli aspetti della sostenibilità valutati dalle società di rating, studi di settore, le linee guida GRI-G4, gli standard internazionali, i temi rilevanti emersi dal monitoraggio della stampa off-line e on-line e dallo studio Reptrak. I 46 temi identificati, in seguito, sono stati prioritizzati attraverso l attribuzione di specifici pesi e successivamente validati internamente dai responsabili dei business. I temi materiali sono passati da 46 a 24. Per ciascuno di essi sono stati identificati i rischi annessi sia a livello di sedi/impianti sia a livello geografico. Nell ultima fase, sono state svolte delle analisi più approfondite sugli indicatori di rischio per Paese in relazione a ciascuno dei temi materiali, al fine di determinare le specificità dei territori dove Gas Analisi Validazione Prioritizzazione Identificazione Natural Fenosa sviluppa le proprie attività. Per l Informe di Reponsabilidad Corporativa 2013, il gruppo ha focalizzato la propria analisi sui seguenti paesi: Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Messico, Panama, Porto Rico e Repubblica Dominicana. Per maggiori informazioni e approfondimenti sul processo di analisi della materialità svolto da Gas Natural Fenosa si rimanda alle pagine dell Informe de Responsabilidad Corporativa 2013 del gruppo consultabile nella sezione Reputación y Responsabilidad Corporativa Informes de Responsabilidad Corporativa del sito: Il processo di determinazione della materialità per le società italiane del gruppo Per il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013, le società italiane del gruppo hanno avviato un analisi di materialità a partire dallo studio effettuato da Gas Natural Fenosa. In particolare, a partire dai 24 temi materiali individuati da Gas Natural Fenosa, è stata svolta un analisi di materialità ad hoc di tipo qualitativo al fine di valutare l applicabilità degli stessi al contesto italiano di riferimento e, laddove necessario, modificarli o integrarli con aspetti materiali per le società del gruppo in Italia. La fase di valutazione e prioritizzazione dei temi è stata svolta attraverso interviste con i responsabili delle unità aziendali con operative capacità di influenza sui temi della sostenibilità. Ciascuno di essi ha analizzato e commentato la rilevanza dei temi relativi ai processi e alle attività gestiti dalla propria unità in relazione al contesto italiano e ha valutato le singole tematiche dal lato aziendale e dal punto di vista degli stakeholder. Questo processo non è statico, ma in continua evoluzione, per tale motivo l analisi di materialità sarà aggiornata nel Di seguito l elenco dei temi valutati come più rilevanti da Gas Natural Fenosa che, a seguito dell analisi di materialità qualitativa condotta a livello locale, sono risultati significativi anche per le società italiane. Nella tabella successiva sono riportate le peculiarità/ specificità dei temi in relazione al contesto italiano.

9 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 9 Aspetti materiali PR EN EN EC LA SO EN LA EN SO EC EN EN PR LA LA LA HR HR EN HR SO EN HR Qualità dei prodotti e servizi Emissioni Energia Performance economica Salute e sicurezza Corruzione e conflitto d interesse Acqua Occupazione Biodiversità Comunità locali Fornitori (pratiche di approvvigionamento, valutazione ambientale dei fornitori, pratiche di lavoro, diritti umani e impatti sociali) Sversamenti e rifiuti Prodotti e servizi Salute e sicurezza dei consumatori Formazione Rapporti di lavoro tra i dipendenti e le società di Gas Natural Fenosa in Italia Diversità e pari opportunità Valutazione delle attività con impatto sui diritti Libertà di associazione e contrattazione collettiva Impatto ambientale dei trasporti Pratiche sulla sicurezza Meccanismi di gestione dei reclami Materie prime Meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani Legenda: categoria degli indicatori GRI Ambiente Pratiche di lavoro Diritti Umani Responsabilità di prodotto Società Performance economica

10 10 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 I temi materiali individuati sono alla base della redazione del Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 delle società italiane del gruppo. Di seguito una tabella con la corrispondenza tra l evidenza degli aspetti materiali e le peculiarità emerse. Capitoli Temi materiali Dettagli La qualità del prodotto e dei servizi è un tema significativo sia per la società di distribuzione sia per la società di vendita. In particolare, nell ambito della relazione con il cliente finale, risultano rilevanti: in relazione alla società di distribuzione, la qualità, la sicurezza, la continuità del servizio e il servizio di pronto intervento e, in relazione alla società di vendita, il livello di soddisfazione del cliente con particolare riferimento ai canali diretti, quali i centri gas e centri di collaborazione, nonché i call center. Orientamento al cliente PR - Qualità dei prodotti e servizi Risulta importante, sempre in riferimento alla società di vendita, anche la capacità di offrire, nell ambito delle attività di dialogo, servizi sempre più innovativi (ad esempio gli sportelli online o, in futuro, gli strumenti di pagamento online), nonché la costante ricerca di miglioramento, in termini di chiarezza e trasparenza, delle modalità di contatto con il cliente: dalla sottoscrizione del contratto al momento della ricezione della bolletta. PR - Salute e sicurezza dei consumatori Il tema della salute e sicurezza dei consumatori, in linea con la valutazione e l impegno di Gas Natural Fenosa, è considerato rilevante trasversalmente da tutte le società italiane del gruppo. Tale tema, peraltro, è fortemente presidiato dalla normativa. Sono molte le attività sviluppate in tale ambito. Tra le principali, in relazione alla società di distribuzione, rientrano: le attività di prevenzione dei rischi, l ispezione programmata delle reti, le misure di controllo del grado di odorizzazione del gas e le modalità di gestione delle emergenze nelle diverse casistiche. SO - Meccanismi di gestione dei reclami La gestione dei reclami e dei rispettivi tempi di risposta, sono temi considerati rilevanti sia dalla società di distribuzione sia dalla società di vendita e, per tale motivo, oggetto di attività continue di monitoraggio.

11 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 11 HR - Meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani e impatti sociali Nell ambito dei meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani, per quanto l Italia rappresenti un contesto meno rischioso di altre realtà geografiche in cui Gas Natural Fenosa opera, le società italiane del gruppo pongono molta attenzione al tema e, a tal proposito, aderiscono alla Politica dei Diritti Umani approvata di Gas Natural Fenosa. Orientamento verso la catena di fornitura EC - Fornitori (pratiche di approvvigionamento, valutazione ambientale dei fornitori, pratiche di lavoro, diritti umani) Nell ambito della gestione dei fornitori sono considerati aspetti rilevanti per le società italiane del gruppo: la selezione, le condizioni negoziali, i tempi di pagamento, la continuità del rapporto e i piani di monitoraggio dei fornitori, anche in funzione di aspetti di sostenibilità ambientale e sociale, nonché della formazione in ambito di salute e sicurezza. Orientamento ai risultati EC - Performance economica Gli aspetti materiali relativi all orientamento ai risultati sono in linea con quelli individuati da Gas Natural Fenosa e, in particolare, la performance economica è considerata uno dei pilastri, insieme a quella ambientale e sociale, della sostenibilità. Ambiente EN - Emissioni Per le società italiane del gruppo, le emissioni e le iniziative di riduzione delle stesse sono rilevanti, con riferimento a quelle generate dai consumi diretti e dall attività di distribuzione di gas (ad esempio fughe di gas dalla rete). EN - Sversamenti e rifiuti La gestione dei rifiuti è rilevante per il contesto italiano, in riferimento ai rifiuti prodotti da attività d ufficio (toner, carta, detersivi), in tutte le società italiane del gruppo, nonché, in relazione alla società di distribuzione, ai rifiuti: - prodotti dalla manutenzione degli impianti; - evidenziati negli obiettivi del Sistema Integrato di Gestione in merito all ottimizzazione del riutilizzo delle terre da scavo (relativi alla sostituzione/estensione/riutilizzo di tubi). Nonostante la rilevanza per le società italiane del gruppo sia minore rispetto a quella della casa madre, la gestione degli sversamenti risulta significativa se riferita agli sversamenti nell ambito di processi specifici (ad esempio gli sversamenti dalle vasche di contenimento delle cabine RE.MI.) e a quelli prodotti dagli uffici (ad esempio gli sversamenti nel piazzale asfaltato, o le acque di dilavamento).

12 12 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 EN - Biodiversità La biodiversità, è un tema che sta iniziando ad assumere rilevanza anche per le società italiane del gruppo. A dimostrazione di ciò nell ambito dell avvio delle attività di aggiornamento del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs.231/01 di Gas Natural Distribuzione, è trattato l avvio del processo di mappatura delle aree a rischio e delle azioni per la salvaguardia della fauna. La rilevanza dei prodotti e servizi in relazione all ambiente è un tema significativo sia per la società di distribuzione sia per la società di vendita. EN - Prodotti e servizi In particolare, tale aspetto, in relazione alla società di distribuzione, è legato anche alle innovazioni rivolte a ridurre gli impatti sull ambiente nonché alla prevista sostituzione dei gruppi di misura delle utenze domestiche con i contatori elettronici di nuova generazione, che permetteranno al cliente finale di avere una maggiore consapevolezza dei propri consumi. In relazione alla società di vendita, un aspetto significativo in tale ambito è relativo alla fornitura di metano per autotrazione, in relazione al quale la società ha messo a punto una soluzione completa per l attivazione di stazioni di servizio a metano che configura l azienda come uno dei principali promotori dello sviluppo del settore del metano per auto nel Sud del Paese. EN - Impatto ambientale dei trasporti L impatto ambientale generato dai trasporti riveste un ruolo importante per tutte le società italiane del gruppo impegnate nella riduzione delle emissioni attraverso diverse iniziative: contenimento dei viaggi di lavoro e incentivazione all utilizzo delle video-conferenze, progetto car pooling e gestione delle flotte aziendali sempre più orientata alla sostenibilità. EN - Energia Il tema dell energia per il contesto italiano è significativo in relazione ad aspetti specifici quali le misure adottate in relazione ai consumi energetici relativi ai carburanti della flotta aziendale e ai centri di lavoro. Con particolare riferimento alla società di distribuzione, tale tema si evidenzia nella gestione dei consumi negli impianti termici esistenti e nel processo di preriscaldo del gas naturale all interno delle RE.MI. nonché nelle attività di estensione della rete di distribuzione del gas.

13 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 13 EN - Acqua La gestione dell acqua è un tema di rilievo per le società italiane del gruppo, soprattutto in termini di utilizzo efficiente della risorsa idrica presso le sedi di lavoro e gli impianti di distribuzione del gas. EN - Materie prime La gestione delle materie prime è un tema rilevante per tutte le società italiane del gruppo in relazione alle attività d ufficio in termini di utilizzo di toner, cartucce per stampa, carte. Con riferimento alla società di distribuzione in relazione all utilizzo di odorizzanti e vernici. Interesse per le persone LA - Occupazione LA - Rapporti di lavoro tra i dipendenti e le società di Gas Natural Fenosa in Italia LA - Formazione LA - Diversità e pari opportunità HR - Valutazione delle attività con impatto sui diritti HR - Libertà di associazione e contrattazione collettiva Nell ambito della gestione delle risorse umane, le società italiane del gruppo sono allineate a Gas Natural Fenosa nell attribuire rilevanza ai temi afferenti a tale ambito. In particolare tra gli aspetti principali: la qualità dell impiego; la tutela delle pari opportunità; il confronto con le organizzazioni sindacali, con particolare riguardo agli aspetti di salute e sicurezza dei lavoratori; la gestione della remunerazione; l organizzazione della formazione e dei percorsi rivolti alla valorizzazione del personale; la definizione di un sistema di incentivi trasparente e meritocratico; il clima, la comunicazione interna e la conciliazione vita/lavoro. LA - Salute e sicurezza La tutela della Salute e Sicurezza è una priorità strategica per Gas Natural Fenosa così come per le società italiane del gruppo. Salute e sicurezza HR - Pratiche sulla sicurezza Tra gli aspetti significativi, tanto per la società di distribuzione come per la società di vendita: il continuo sviluppo del Sistema Integrato di Gestione, attraverso lo studio di soluzioni migliorative delle proprie routine aziendali e l applicazione di metodologie volte a garantire il rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l attività di valutazione dei rischi, l individuazione delle misure organizzative, procedurali e tecniche in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l erogazione di attività formative del personale in materia di salute e sicurezza sul lavoro e un attenta attività di monitoraggio degli infortuni attraverso l utilizzo di indici infortunistici.

14 14 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Comunità locale SO - Comunità locali Le società italiane del gruppo condividono con Gas Natural Fenosa l importanza attribuita alla generazione e distribuzione di valore nelle comunità in cui operano. Coerentemente a ciò pongono attenzione al dialogo con gli stakeholder e alla partecipazione attiva nei territori di riferimento, con particolare riguardo al centro-sud Italia. Sempre in relazione a tale tema le società italiane del gruppo considerano significativo anche il rapporto con Enti, Istituzioni e Autorità nonché la partecipazione attiva attraverso le Associazioni di categoria ai tavoli di lavoro dedicati alle tematiche energetiche e ambientali, entrambi volti a rafforzare i rapporti con il territorio, coglierne le specificità e rispondere nel miglior modo alle esigenze delle Comunità. L integrità per le società italiane del gruppo rappresenta un tema di notevole rilevanza che si esplicita soprattutto in termini di rispetto della normativa vigente, di lotta alla corruzione e a qualsiasi atto illecito. Integrità SO - Corruzione e conflitto d interesse Le società italiane del gruppo in relazione all integrità, inoltre, attribuiscono importanza alla mappatura ed alla gestione del conflitto di interesse, inteso come qualunque situazione nella quale interessi personali, diretti o indiretti, attinenti alla sfera privata di un dipendente o di un collaboratore, sono o possano trovarsi in contrasto con gli interessi di una delle stesse società italiane del gruppo. Infine, tra gli ulteriori aspetti che le società italiane del gruppo considerano rilevanti in relazione al tema dell integrità, si annoverano la gestione dei rischi reputazionali, la corretta gestione delle partnership e l alimentazione di una comunicazione trasparente.

15 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 15 Principi per la qualità del Rapporto In linea con le indicazioni del GRI, il presente Rapporto ha seguito i seguenti principi: Equilibrio Nel Rapporto sono stati rendicontati in modo ragionevolmente equilibrato gli aspetti positivi e negativi delle performance delle società italiane del gruppo al fine di consentire agli stakeholder una ragionevole valutazione delle performance nel loro complesso. Comparabilità I dati e le informazioni presentati nel Rapporto consentono agli stakeholder di valutare l evoluzione delle performance di sostenibilità delle società italiane del gruppo nel corso degli anni. A tal fine nel Rapporto, salvo eccezioni, le informazioni quantitative sono presentate lungo un arco temporale di tre anni; inoltre, dove esplicitamente specificato, sono stati citati aggiornamenti, iniziative e progetti rilevanti avviati nel Accuratezza I dati e le informazioni quali-quantitative inclusi nel Rapporto hanno un ragionevole grado di accuratezza e dettaglio affinché gli stakeholder possano valutare la performance dell organizzazione. Tempestività In linea con le indicazioni di Gas Natural Fenosa è obiettivo delle società italiane del gruppo predisporre il Rapporto di Responsabilità Aziendale con periodicità annuale. Quella del 2013 è la seconda edizione del Rapporto delle società italiane del gruppo. Chiarezza Le informazioni e i dati sono presentati in modo chiaro e accessibile agli stakeholder che utilizzeranno il Rapporto. A tal fine si è privilegiato l utilizzo di un linguaggio e di una grafica semplice, comprensibile e allineata all Informe di Responsabilidad Corporativa di Gas Natural Fenosa. Affidabilità I dati e le informazioni per la predisposizione del Rapporto sono stati raccolti, analizzati e comunicati dalle specifiche unità aziendali all Unità di Comunicazione. I dati e le informazioni derivano da estrazioni effettuate dai sistemi informativi aziendali e/o da altra documentazione presente in azienda (es: report, data base interni, politiche, procedure, ecc). Inoltre, per le informazioni riportate, è stata privilegiata l inclusione di grandezze direttamente misurabili, evitando il più possibile il ricorso a stime, le quali, quando necessarie, sono state fondate sulle migliori metodologie disponibili o su rilevazioni campionarie e il loro utilizzo è segnalato all interno dei singoli indicatori.

16 16 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Verifica Il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 non è stato sottoposto a verifica da parte di una società di revisione, ma è stato valutato dal Global Reporting Initiative, che ha espresso il proprio parere sulla completezza dell informativa e sulla copertura degli indicatori previsti dalle linee guida. Informazioni aggiuntive Il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 è disponibile sui siti web di Gas Natural Distribuzione e Gas Natural Vendita, nella sezione Responsabilità Aziendale: È inoltre possibile consultare l Informe de Responsabilidad Corporativa del gruppo, nella sezione Reputaciòn y Responsabilidad Corporativa - Informes de Responsabilidad Corporativa sul sito:

17 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 17 Per ulteriori informazioni sulle società italiane del gruppo e la gestione delle distinte attività, è possibile visitare i seguenti siti web: Per maggiori informazioni contattare:

18

19 rapporto di responsabilità aziendale 2013 Gas Natural Fenosa nel mondo e in Italia Profilo dell organizzazione 20 Strategia di Gas Natural Fenosa 32 Contesto regolatorio 34 Contributo allo sviluppo 36

20 20 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Profilo dell organizzazione Gas Natural Fenosa è un gruppo multinazionale leader nel settore energetico, pioniere nell integrazione di gas ed elettricità. È presente in più di 25 Paesi, dove offre servizio a circa 20 milioni di clienti in tutti e cinque i continenti, con una potenza installata di 15,4 GW e un mix diversificato di generazione di elettricità. Gas Natural Fenosa nel mondo Francia Commercializzazione di GN/GNL Spagna Trasporto, distribuzione e commercializzazione di gas ed elettricità. Generazione, upstream, commercializzazione e infrastruttura di GN/GNL Belgio Commercializzazione di GN/GNL Lussemburgo Commercializzazione di GN/GNL Olanda Commercializzazione di GN/GNL Moldavia Distribuzione di elettricità Germania Commercializzazione di GN/GNL Italia Distribuzione gas Commercializzazione di gas e di elettricità Rigassificazione (Progetto) Messico Distribuzione di gas e generazione di elettricità Portorico Infrastruttura di GN/GNL Generazione di elettricità Costa Rica Generazione di elettricità Panama Distribuzione di elettricità e generazione Marocco Infrastruttura di GN/GNL Repubblica Dominicana Generazione di elettricità Regno Unito Commercializzazione di GN/GNL Portogallo Commercializzazione di GN/GNL e commercializzazione di elettricità Algeria Approvvigionamento e infrastruttura di GN/GNL Oman Approvvigionamento Infrastruttura di GN/GNL Corea Commercializzazione di GN/GNL Giappone Commercializzazione di GN/GNL India Commercializzazione di GN/GNL Colombia Distribuzione di gas, distribuzione di elettricità Kenya Generazione Egitto di elettricità Approvvigionamento Infrastruttura di GN/GNL Perù Distribuzione di gas Brasile Distribuzione di gas Angola Infrastruttura di GN/GNL Argentina Distribuzione di gas Sudafrica Approvvigionamento di carbone Australia Progetti di generazione Nota: la mappa rappresenta i paesi dove il gruppo svolge attività di business, indipendentemente dalla presenza di personale o uffici commerciali stabili. GN: Gas Naturale GNL: Gas Naturale Liquefatto

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli