rapporto di responsabilità aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rapporto di responsabilità aziendale"

Transcript

1 rapporto di responsabilità aziendale 2013

2

3 rapporto di responsabilità aziendale 2013 Indice Messaggio della Direzione 04 Lettera agli stakeholder del Country Manager Nota metodologica 06 Gas Natural Fenosa nel mondo e in Italia 19 Profilo dell organizzazione 20 Strategia di Gas Natural Fenosa 32 Contesto regolatorio 34 Contributo allo sviluppo 36 La Responsabilità Aziendale nel gruppo e in Italia 39 Indicatori chiave della Responsabilità Aziendale 40 Politica di Responsabilità Aziendale 41 Gestione della Responsabilità Aziendale nel gruppo 44 Dialogo con gli stakeholder 47 Gli impegni nella Responsabilità Aziendale 51 Orientamento al cliente 52 Orientamento ai risultati 78 Ambiente 79 Interesse per le persone 89 Salute e sicurezza 112 Impegno sociale 121 Integrità 123 Informazioni aggiuntive 135 Livelli di applicazione del GRI 136 Indice dei contenuti e indicatori del GRI 137 Opinione dei lettori 149

4 4 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Messaggio della Direzione Lettera agli stakeholder del Country Manager Stimati lettrici e lettori, sono lieto di presentarvi il Rapporto di Responsabilità Aziendale delle società italiane di Gas Natural Fenosa riferito all esercizio Attraverso questa pubblicazione, giunta alla sua seconda edizione, in linea con la nostra casa madre, confermiamo l impegno nell offrire agli stakeholder con cui ci interfacciamo una rendicontazione trasparente del nostro operato e nel ricercare un occasione di riflessione e di dialogo sulle direttrici da seguire, nel prossimo futuro, sulla base di un approccio sempre più orientato al miglioramento continuo. Il 2013 si è confermato per le società italiane del gruppo come un anno positivo. In tale esercizio, in linea con il trend dell anno precedente, si è confermato il rafforzamento della posizione raggiunta, tanto in relazione all attività regolata di distribuzione di gas, la cui rete ha complessivamente superato i chilometri, come in relazione a quella di vendita di gas, elettricità e servizi alla clientela residenziale e commerciale, nell ambito della quale sono stati raggiunti 507 mila contratti attivi di gas, elettricità e servizi. Sotto il profilo economico, riconducibile principalmente alla crescita dei risultati derivanti dall attività regolata di distribuzione, così come a un miglioramento dei margini della vendita di gas, la performance è infatti stata brillante. Sulla base di queste premesse e coerentemente con la revisione delle linee strategiche di Gas Natural Fenosa per il periodo , le società italiane del gruppo proseguono con il rafforzamento del bilancio mediante il connubio tra crescita e massimizzazione dell efficienza.

5 Gas Natural Fenosa Messaggio della Direzione 5 Il 2013 è stato altresì un anno nell ambito del quale le società italiane del gruppo hanno continuato a sviluppare le proprie attività coerentemente agli impegni sanciti dalla Politica di Responsabilità Aziendale di Gas Natural Fenosa: orientamento al cliente, impegno nel raggiungimento dei risultati, interesse per le persone, salute e sicurezza, impegno sociale ed integrità. A riguardo, in particolare, tengo a sottolineare quanto realizzato in Italia per contribuire fattivamente alla realizzazione di quel cambiamento qualitativo nella cultura della sicurezza che Gas Natural Fenosa si propone di realizzare, alimentando nei confronti di tutti coloro che lavorano per il gruppo, dipendenti e imprese collaboratrici, il concetto che la sicurezza è una priorità strategica e che la tolleranza per i comportamenti non sicuri deve essere zero. Per questo, nel declinare a livello locale il Piano Impegno Sicurezza e Salute di Gas Natural Fenosa, sono state molteplici le azioni intraprese al fine di prevenire i rischi, di diffondere la conoscenza di strumenti e metodi utili al contenimento degli infortuni, nonché al fine di alimentare una crescente sensibilizzazione e un deciso coinvolgimento sugli obiettivi del Piano stesso. Ciò, sia lato dipendenti a cui, ad esempio, sono state erogate circa ore di formazione sui temi di salute e sicurezza; sia lato fornitori, coinvolti in eventi formativi che, realizzati a Bari e a Catania, hanno contato sulla presenza complessiva di oltre 260 persone facenti capo a circa 160 imprese collaboratrici. Auspicando che quanto espresso a titolo di esempio possa essere considerato come uno dei numerosi sforzi compiuti dalle società italiane del gruppo per rendere sempre più sostenibile le proprie performance lungo le dimensioni della sostenibilità, vi invito a consultare i risultati descritti e quantificati nel nostro Rapporto così come le sfide e le linee di azione che abbiamo definito per il prossimo futuro con l intento di minimizzare i rischi ed ottimizzare le opportunità per sostenere la crescita del nostro operato in Italia e, al tempo stesso, rispondere agli interessi di ogni categoria di stakeholder con cui ci relazioniamo. Javier Hernández Sinde Country Manager Gas Natural Italia S.p.A.

6 6 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Nota metodologica Con il secondo Rapporto di Responsabilità Aziendale (di seguito anche il Rapporto ), le società italiane del gruppo intendono comunicare agli stakeholder l approccio alla sostenibilità e fornire una rappresentazione delle performance conseguite in ambito economico, ambientale e sociale. Il Rapporto è stato redatto secondo le GRI G3.1. Guidelines emanate dal Global Reporting Initiative (GRI). Il Rapporto si basa inoltre sull Oil & Gas Sector Supplement, il supplemento specifico per il settore. Ci si è ispirati inoltre ai principi dello standard AA1000APS emanati dall AccountAbility (inclusività, rilevanza e rispondenza). In relazione all ampiezza della rendicontazione, il GRI prevede tre diversi livelli di applicazione. A tale proposito, è da segnalare che il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 è stato sottoposto al GRI Application Level Service attraverso cui il GRI ha verificato che il Rapporto è stato preparato coerentemente alle linee guida GRI-G3.1 previste per il livello di applicazione B. Salvo eccezioni opportunamente segnalate, i dati e le informazioni si riferiscono all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 e, dove espressamente indicato, ad aggiornamenti e avvenimenti relativi al 2014, come nel caso della rappresentazione della Corporate Governance delle società italiane del gruppo (per la quale si rimanda a pag. 124). In generale, per consentire al lettore di valutare l evoluzione delle performance di sostenibilità di Gas Natural Fenosa in Italia, le informazioni quantitative, salvo eccezioni, sono presentate lungo un arco temporale di tre anni. Gas Natural Fenosa opera in Italia tramite quattro principali società separate: Gas Natural Italia S.p.A., Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A., Gas Natural Vendita Italia S.p.A. e Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A. L assetto societario si è infatti attenuto all evoluzione della normativa italiana sull unbundling che prevede una netta separazione tra le attività di distribuzione e quelle di vendita. Nel presente Rapporto le società incluse nel perimetro di rendicontazione sono: Gas Natural Italia S.p.A., Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A. e le sue partecipate e Gas Natural Vendita Italia S.p.A. Per quanto riguarda Gas Natural Rigassificazione Italia S.p.A. nel presente Rapporto ci si è limitati ad una descrizione sintetica delle principali caratteristiche progettuali del rigassificatore di Zaule e delle principali tappe del processo autorizzativo nel corso del Le eventuali limitazioni rispetto a tale perimetro sono opportunamente indicate nel Rapporto. Le società italiane del gruppo operano in linea con gli indirizzi strategici, le politiche e le indicazioni di Gas Natural Fenosa. Pertanto, il presente Rapporto richiama e descrive anche i principi, le linee guida e l approccio alla Responsabilidad Corporativa del gruppo in quanto rappresentano dei riferimenti imprescindibili. Al fine di evitare confusione nella lettura, si precisa che nel Rapporto: Con Gas Natural Fenosa in Italia, il gruppo in Italia, le società italiane del gruppo o le società si fa riferimento alle società incluse nel perimetro di rendicontazione sopra indicato: mentre con Gas Natural Fenosa, con il gruppo o con la società si intende la casa madre spagnola o l intero gruppo di appartenenza. Con Gas Natural Distribuzione o la società di distribuzione si intende Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A. Con Gas Natural Vendita o la società di vendita si intende Gas Natural Vendita Italia S.p.A. Con Gas Natural Italia si intende la società di servizi o Gas Natural Italia S.p.A.

7 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 7 Per quanto attiene al paragrafo Contributo allo sviluppo, che descrive la ricchezza distribuita agli stakeholder, si evidenzia che gli importi riportati sono stati attinti dall Informe Anual Integrado di Gas Natural Fenosa o, per le ulteriori informazioni di dettaglio ivi non disponibili, dai rapporti di gestione interni. Laddove non disponibili, gli importi sono stati definiti in base alle risultanze dei bilanci civilistici individuali di tutte le società italiane incluse nel perimetro di rendicontazione. In particolare gli investimenti corrispondono a quanto riportato nel suddetto Informe Anual Integrado di Gas Natural Fenosa, opportunamente rettificati in base al criterio di effettivo esborso finanziario. Principi per la definizione del contenuto del Rapporto In linea con le Linee Guida GRI, per l individuazione delle informazioni qualiquantitative da inserire nel Rapporto, sono stati considerati i seguenti principi: Partecipazione degli stakeholder Le società italiane del gruppo sono impegnate nell instaurare un dialogo aperto e trasparente con i propri interlocutori, alimentandolo attraverso lo sviluppo di strumenti di confronto e dialogo. Nel documento sono descritti i principali stakeholder delle società italiane del gruppo e le principali attività di dialogo avviate. Contesto di sostenibilità Il Rapporto analizza l impegno di Gas Natural Fenosa e delle società italiane del gruppo relativamente agli aspetti economici, ambientali e sociali, considerando le caratteristiche del contesto sociale e dei settori in cui tali società operano, e descrive il contributo allo sviluppo. In tal senso il Rapporto rappresenta sia uno strumento di gestione e di rendicontazione dei risultati conseguiti in ambito economico, ambientale e sociale, sia uno strumento di informazione e dialogo con i propri stakeholder. Completezza Gli argomenti e gli indicatori qualiquantitativi, così come il perimetro del Rapporto, riflettono ragionevolmente gli impatti economici, ambientali e sociali significativi delle società italiane del gruppo e consentono agli stakeholder di valutarne le performance nel periodo di rendicontazione. I contenuti inclusi nel Rapporto sono stati definiti internamente con la partecipazione dei responsabili di specifiche unità aziendali. Questo ha consentito di far emergere le tematiche rilevanti relative all attività delle società italiane del gruppo per ciascuna area di attività. Materialità In linea con le Linee Guida GRI, nel Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 sono rendicontati i temi che risultano essere di maggiore interesse in termini di rilevanza per le società italiane del gruppo e per gli stakeholder di riferimento. Il processo di redazione del documento, così come la definizione dei contenuti e la determinazione della materialità delle tematiche aziendali, si è basato sui principi previsti dal GRI ed ha previsto il coinvolgimento dei responsabili di specifiche unità aziendali, a partire dall analisi di materialità svolta da Gas Natural Fenosa. Analisi di materialità L approccio alla materialità di Gas Natural Fenosa Gas Natural Fenosa ha redatto il proprio Informe de Responsabilidad Corporativa 2013 in conformità alla nuova versione delle linee guida di reporting GRI-G4. A tal fine il gruppo ha effettuato un analisi di materialità, con l obiettivo di identificare e valutare le priorità di intervento in ambito economico, sociale e ambientale, e focalizzare le sezioni del proprio Rapporto su tali ambiti, ritenuti rilevanti per il business del gruppo e per i propri stakeholder.

8 8 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Il processo di analisi di materialità è stato strutturato in quattro fasi: Durante la fase di identificazione sono stati selezionati 46 aspetti materiali specifici, definiti dal Global Reporting Initiative nella propria guida per l elaborazione dei rapporti di sostenibilità a valle di un processo di analisi di fonti diverse. Le principali sono state: le iniziative di ascolto con gli stakeholder, gli aspetti della sostenibilità valutati dalle società di rating, studi di settore, le linee guida GRI-G4, gli standard internazionali, i temi rilevanti emersi dal monitoraggio della stampa off-line e on-line e dallo studio Reptrak. I 46 temi identificati, in seguito, sono stati prioritizzati attraverso l attribuzione di specifici pesi e successivamente validati internamente dai responsabili dei business. I temi materiali sono passati da 46 a 24. Per ciascuno di essi sono stati identificati i rischi annessi sia a livello di sedi/impianti sia a livello geografico. Nell ultima fase, sono state svolte delle analisi più approfondite sugli indicatori di rischio per Paese in relazione a ciascuno dei temi materiali, al fine di determinare le specificità dei territori dove Gas Analisi Validazione Prioritizzazione Identificazione Natural Fenosa sviluppa le proprie attività. Per l Informe di Reponsabilidad Corporativa 2013, il gruppo ha focalizzato la propria analisi sui seguenti paesi: Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Messico, Panama, Porto Rico e Repubblica Dominicana. Per maggiori informazioni e approfondimenti sul processo di analisi della materialità svolto da Gas Natural Fenosa si rimanda alle pagine dell Informe de Responsabilidad Corporativa 2013 del gruppo consultabile nella sezione Reputación y Responsabilidad Corporativa Informes de Responsabilidad Corporativa del sito: Il processo di determinazione della materialità per le società italiane del gruppo Per il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013, le società italiane del gruppo hanno avviato un analisi di materialità a partire dallo studio effettuato da Gas Natural Fenosa. In particolare, a partire dai 24 temi materiali individuati da Gas Natural Fenosa, è stata svolta un analisi di materialità ad hoc di tipo qualitativo al fine di valutare l applicabilità degli stessi al contesto italiano di riferimento e, laddove necessario, modificarli o integrarli con aspetti materiali per le società del gruppo in Italia. La fase di valutazione e prioritizzazione dei temi è stata svolta attraverso interviste con i responsabili delle unità aziendali con operative capacità di influenza sui temi della sostenibilità. Ciascuno di essi ha analizzato e commentato la rilevanza dei temi relativi ai processi e alle attività gestiti dalla propria unità in relazione al contesto italiano e ha valutato le singole tematiche dal lato aziendale e dal punto di vista degli stakeholder. Questo processo non è statico, ma in continua evoluzione, per tale motivo l analisi di materialità sarà aggiornata nel Di seguito l elenco dei temi valutati come più rilevanti da Gas Natural Fenosa che, a seguito dell analisi di materialità qualitativa condotta a livello locale, sono risultati significativi anche per le società italiane. Nella tabella successiva sono riportate le peculiarità/ specificità dei temi in relazione al contesto italiano.

9 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 9 Aspetti materiali PR EN EN EC LA SO EN LA EN SO EC EN EN PR LA LA LA HR HR EN HR SO EN HR Qualità dei prodotti e servizi Emissioni Energia Performance economica Salute e sicurezza Corruzione e conflitto d interesse Acqua Occupazione Biodiversità Comunità locali Fornitori (pratiche di approvvigionamento, valutazione ambientale dei fornitori, pratiche di lavoro, diritti umani e impatti sociali) Sversamenti e rifiuti Prodotti e servizi Salute e sicurezza dei consumatori Formazione Rapporti di lavoro tra i dipendenti e le società di Gas Natural Fenosa in Italia Diversità e pari opportunità Valutazione delle attività con impatto sui diritti Libertà di associazione e contrattazione collettiva Impatto ambientale dei trasporti Pratiche sulla sicurezza Meccanismi di gestione dei reclami Materie prime Meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani Legenda: categoria degli indicatori GRI Ambiente Pratiche di lavoro Diritti Umani Responsabilità di prodotto Società Performance economica

10 10 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 I temi materiali individuati sono alla base della redazione del Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 delle società italiane del gruppo. Di seguito una tabella con la corrispondenza tra l evidenza degli aspetti materiali e le peculiarità emerse. Capitoli Temi materiali Dettagli La qualità del prodotto e dei servizi è un tema significativo sia per la società di distribuzione sia per la società di vendita. In particolare, nell ambito della relazione con il cliente finale, risultano rilevanti: in relazione alla società di distribuzione, la qualità, la sicurezza, la continuità del servizio e il servizio di pronto intervento e, in relazione alla società di vendita, il livello di soddisfazione del cliente con particolare riferimento ai canali diretti, quali i centri gas e centri di collaborazione, nonché i call center. Orientamento al cliente PR - Qualità dei prodotti e servizi Risulta importante, sempre in riferimento alla società di vendita, anche la capacità di offrire, nell ambito delle attività di dialogo, servizi sempre più innovativi (ad esempio gli sportelli online o, in futuro, gli strumenti di pagamento online), nonché la costante ricerca di miglioramento, in termini di chiarezza e trasparenza, delle modalità di contatto con il cliente: dalla sottoscrizione del contratto al momento della ricezione della bolletta. PR - Salute e sicurezza dei consumatori Il tema della salute e sicurezza dei consumatori, in linea con la valutazione e l impegno di Gas Natural Fenosa, è considerato rilevante trasversalmente da tutte le società italiane del gruppo. Tale tema, peraltro, è fortemente presidiato dalla normativa. Sono molte le attività sviluppate in tale ambito. Tra le principali, in relazione alla società di distribuzione, rientrano: le attività di prevenzione dei rischi, l ispezione programmata delle reti, le misure di controllo del grado di odorizzazione del gas e le modalità di gestione delle emergenze nelle diverse casistiche. SO - Meccanismi di gestione dei reclami La gestione dei reclami e dei rispettivi tempi di risposta, sono temi considerati rilevanti sia dalla società di distribuzione sia dalla società di vendita e, per tale motivo, oggetto di attività continue di monitoraggio.

11 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 11 HR - Meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani e impatti sociali Nell ambito dei meccanismi di gestione dei reclami in materia di diritti umani, per quanto l Italia rappresenti un contesto meno rischioso di altre realtà geografiche in cui Gas Natural Fenosa opera, le società italiane del gruppo pongono molta attenzione al tema e, a tal proposito, aderiscono alla Politica dei Diritti Umani approvata di Gas Natural Fenosa. Orientamento verso la catena di fornitura EC - Fornitori (pratiche di approvvigionamento, valutazione ambientale dei fornitori, pratiche di lavoro, diritti umani) Nell ambito della gestione dei fornitori sono considerati aspetti rilevanti per le società italiane del gruppo: la selezione, le condizioni negoziali, i tempi di pagamento, la continuità del rapporto e i piani di monitoraggio dei fornitori, anche in funzione di aspetti di sostenibilità ambientale e sociale, nonché della formazione in ambito di salute e sicurezza. Orientamento ai risultati EC - Performance economica Gli aspetti materiali relativi all orientamento ai risultati sono in linea con quelli individuati da Gas Natural Fenosa e, in particolare, la performance economica è considerata uno dei pilastri, insieme a quella ambientale e sociale, della sostenibilità. Ambiente EN - Emissioni Per le società italiane del gruppo, le emissioni e le iniziative di riduzione delle stesse sono rilevanti, con riferimento a quelle generate dai consumi diretti e dall attività di distribuzione di gas (ad esempio fughe di gas dalla rete). EN - Sversamenti e rifiuti La gestione dei rifiuti è rilevante per il contesto italiano, in riferimento ai rifiuti prodotti da attività d ufficio (toner, carta, detersivi), in tutte le società italiane del gruppo, nonché, in relazione alla società di distribuzione, ai rifiuti: - prodotti dalla manutenzione degli impianti; - evidenziati negli obiettivi del Sistema Integrato di Gestione in merito all ottimizzazione del riutilizzo delle terre da scavo (relativi alla sostituzione/estensione/riutilizzo di tubi). Nonostante la rilevanza per le società italiane del gruppo sia minore rispetto a quella della casa madre, la gestione degli sversamenti risulta significativa se riferita agli sversamenti nell ambito di processi specifici (ad esempio gli sversamenti dalle vasche di contenimento delle cabine RE.MI.) e a quelli prodotti dagli uffici (ad esempio gli sversamenti nel piazzale asfaltato, o le acque di dilavamento).

12 12 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 EN - Biodiversità La biodiversità, è un tema che sta iniziando ad assumere rilevanza anche per le società italiane del gruppo. A dimostrazione di ciò nell ambito dell avvio delle attività di aggiornamento del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs.231/01 di Gas Natural Distribuzione, è trattato l avvio del processo di mappatura delle aree a rischio e delle azioni per la salvaguardia della fauna. La rilevanza dei prodotti e servizi in relazione all ambiente è un tema significativo sia per la società di distribuzione sia per la società di vendita. EN - Prodotti e servizi In particolare, tale aspetto, in relazione alla società di distribuzione, è legato anche alle innovazioni rivolte a ridurre gli impatti sull ambiente nonché alla prevista sostituzione dei gruppi di misura delle utenze domestiche con i contatori elettronici di nuova generazione, che permetteranno al cliente finale di avere una maggiore consapevolezza dei propri consumi. In relazione alla società di vendita, un aspetto significativo in tale ambito è relativo alla fornitura di metano per autotrazione, in relazione al quale la società ha messo a punto una soluzione completa per l attivazione di stazioni di servizio a metano che configura l azienda come uno dei principali promotori dello sviluppo del settore del metano per auto nel Sud del Paese. EN - Impatto ambientale dei trasporti L impatto ambientale generato dai trasporti riveste un ruolo importante per tutte le società italiane del gruppo impegnate nella riduzione delle emissioni attraverso diverse iniziative: contenimento dei viaggi di lavoro e incentivazione all utilizzo delle video-conferenze, progetto car pooling e gestione delle flotte aziendali sempre più orientata alla sostenibilità. EN - Energia Il tema dell energia per il contesto italiano è significativo in relazione ad aspetti specifici quali le misure adottate in relazione ai consumi energetici relativi ai carburanti della flotta aziendale e ai centri di lavoro. Con particolare riferimento alla società di distribuzione, tale tema si evidenzia nella gestione dei consumi negli impianti termici esistenti e nel processo di preriscaldo del gas naturale all interno delle RE.MI. nonché nelle attività di estensione della rete di distribuzione del gas.

13 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 13 EN - Acqua La gestione dell acqua è un tema di rilievo per le società italiane del gruppo, soprattutto in termini di utilizzo efficiente della risorsa idrica presso le sedi di lavoro e gli impianti di distribuzione del gas. EN - Materie prime La gestione delle materie prime è un tema rilevante per tutte le società italiane del gruppo in relazione alle attività d ufficio in termini di utilizzo di toner, cartucce per stampa, carte. Con riferimento alla società di distribuzione in relazione all utilizzo di odorizzanti e vernici. Interesse per le persone LA - Occupazione LA - Rapporti di lavoro tra i dipendenti e le società di Gas Natural Fenosa in Italia LA - Formazione LA - Diversità e pari opportunità HR - Valutazione delle attività con impatto sui diritti HR - Libertà di associazione e contrattazione collettiva Nell ambito della gestione delle risorse umane, le società italiane del gruppo sono allineate a Gas Natural Fenosa nell attribuire rilevanza ai temi afferenti a tale ambito. In particolare tra gli aspetti principali: la qualità dell impiego; la tutela delle pari opportunità; il confronto con le organizzazioni sindacali, con particolare riguardo agli aspetti di salute e sicurezza dei lavoratori; la gestione della remunerazione; l organizzazione della formazione e dei percorsi rivolti alla valorizzazione del personale; la definizione di un sistema di incentivi trasparente e meritocratico; il clima, la comunicazione interna e la conciliazione vita/lavoro. LA - Salute e sicurezza La tutela della Salute e Sicurezza è una priorità strategica per Gas Natural Fenosa così come per le società italiane del gruppo. Salute e sicurezza HR - Pratiche sulla sicurezza Tra gli aspetti significativi, tanto per la società di distribuzione come per la società di vendita: il continuo sviluppo del Sistema Integrato di Gestione, attraverso lo studio di soluzioni migliorative delle proprie routine aziendali e l applicazione di metodologie volte a garantire il rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l attività di valutazione dei rischi, l individuazione delle misure organizzative, procedurali e tecniche in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l erogazione di attività formative del personale in materia di salute e sicurezza sul lavoro e un attenta attività di monitoraggio degli infortuni attraverso l utilizzo di indici infortunistici.

14 14 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Comunità locale SO - Comunità locali Le società italiane del gruppo condividono con Gas Natural Fenosa l importanza attribuita alla generazione e distribuzione di valore nelle comunità in cui operano. Coerentemente a ciò pongono attenzione al dialogo con gli stakeholder e alla partecipazione attiva nei territori di riferimento, con particolare riguardo al centro-sud Italia. Sempre in relazione a tale tema le società italiane del gruppo considerano significativo anche il rapporto con Enti, Istituzioni e Autorità nonché la partecipazione attiva attraverso le Associazioni di categoria ai tavoli di lavoro dedicati alle tematiche energetiche e ambientali, entrambi volti a rafforzare i rapporti con il territorio, coglierne le specificità e rispondere nel miglior modo alle esigenze delle Comunità. L integrità per le società italiane del gruppo rappresenta un tema di notevole rilevanza che si esplicita soprattutto in termini di rispetto della normativa vigente, di lotta alla corruzione e a qualsiasi atto illecito. Integrità SO - Corruzione e conflitto d interesse Le società italiane del gruppo in relazione all integrità, inoltre, attribuiscono importanza alla mappatura ed alla gestione del conflitto di interesse, inteso come qualunque situazione nella quale interessi personali, diretti o indiretti, attinenti alla sfera privata di un dipendente o di un collaboratore, sono o possano trovarsi in contrasto con gli interessi di una delle stesse società italiane del gruppo. Infine, tra gli ulteriori aspetti che le società italiane del gruppo considerano rilevanti in relazione al tema dell integrità, si annoverano la gestione dei rischi reputazionali, la corretta gestione delle partnership e l alimentazione di una comunicazione trasparente.

15 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 15 Principi per la qualità del Rapporto In linea con le indicazioni del GRI, il presente Rapporto ha seguito i seguenti principi: Equilibrio Nel Rapporto sono stati rendicontati in modo ragionevolmente equilibrato gli aspetti positivi e negativi delle performance delle società italiane del gruppo al fine di consentire agli stakeholder una ragionevole valutazione delle performance nel loro complesso. Comparabilità I dati e le informazioni presentati nel Rapporto consentono agli stakeholder di valutare l evoluzione delle performance di sostenibilità delle società italiane del gruppo nel corso degli anni. A tal fine nel Rapporto, salvo eccezioni, le informazioni quantitative sono presentate lungo un arco temporale di tre anni; inoltre, dove esplicitamente specificato, sono stati citati aggiornamenti, iniziative e progetti rilevanti avviati nel Accuratezza I dati e le informazioni quali-quantitative inclusi nel Rapporto hanno un ragionevole grado di accuratezza e dettaglio affinché gli stakeholder possano valutare la performance dell organizzazione. Tempestività In linea con le indicazioni di Gas Natural Fenosa è obiettivo delle società italiane del gruppo predisporre il Rapporto di Responsabilità Aziendale con periodicità annuale. Quella del 2013 è la seconda edizione del Rapporto delle società italiane del gruppo. Chiarezza Le informazioni e i dati sono presentati in modo chiaro e accessibile agli stakeholder che utilizzeranno il Rapporto. A tal fine si è privilegiato l utilizzo di un linguaggio e di una grafica semplice, comprensibile e allineata all Informe di Responsabilidad Corporativa di Gas Natural Fenosa. Affidabilità I dati e le informazioni per la predisposizione del Rapporto sono stati raccolti, analizzati e comunicati dalle specifiche unità aziendali all Unità di Comunicazione. I dati e le informazioni derivano da estrazioni effettuate dai sistemi informativi aziendali e/o da altra documentazione presente in azienda (es: report, data base interni, politiche, procedure, ecc). Inoltre, per le informazioni riportate, è stata privilegiata l inclusione di grandezze direttamente misurabili, evitando il più possibile il ricorso a stime, le quali, quando necessarie, sono state fondate sulle migliori metodologie disponibili o su rilevazioni campionarie e il loro utilizzo è segnalato all interno dei singoli indicatori.

16 16 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Verifica Il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 non è stato sottoposto a verifica da parte di una società di revisione, ma è stato valutato dal Global Reporting Initiative, che ha espresso il proprio parere sulla completezza dell informativa e sulla copertura degli indicatori previsti dalle linee guida. Informazioni aggiuntive Il Rapporto di Responsabilità Aziendale 2013 è disponibile sui siti web di Gas Natural Distribuzione e Gas Natural Vendita, nella sezione Responsabilità Aziendale: È inoltre possibile consultare l Informe de Responsabilidad Corporativa del gruppo, nella sezione Reputaciòn y Responsabilidad Corporativa - Informes de Responsabilidad Corporativa sul sito:

17 Gas Natural Fenosa Nota metodologica 17 Per ulteriori informazioni sulle società italiane del gruppo e la gestione delle distinte attività, è possibile visitare i seguenti siti web: Per maggiori informazioni contattare:

18

19 rapporto di responsabilità aziendale 2013 Gas Natural Fenosa nel mondo e in Italia Profilo dell organizzazione 20 Strategia di Gas Natural Fenosa 32 Contesto regolatorio 34 Contributo allo sviluppo 36

20 20 Gas Natural Italia rapporto di responsabilità aziendale 2013 Profilo dell organizzazione Gas Natural Fenosa è un gruppo multinazionale leader nel settore energetico, pioniere nell integrazione di gas ed elettricità. È presente in più di 25 Paesi, dove offre servizio a circa 20 milioni di clienti in tutti e cinque i continenti, con una potenza installata di 15,4 GW e un mix diversificato di generazione di elettricità. Gas Natural Fenosa nel mondo Francia Commercializzazione di GN/GNL Spagna Trasporto, distribuzione e commercializzazione di gas ed elettricità. Generazione, upstream, commercializzazione e infrastruttura di GN/GNL Belgio Commercializzazione di GN/GNL Lussemburgo Commercializzazione di GN/GNL Olanda Commercializzazione di GN/GNL Moldavia Distribuzione di elettricità Germania Commercializzazione di GN/GNL Italia Distribuzione gas Commercializzazione di gas e di elettricità Rigassificazione (Progetto) Messico Distribuzione di gas e generazione di elettricità Portorico Infrastruttura di GN/GNL Generazione di elettricità Costa Rica Generazione di elettricità Panama Distribuzione di elettricità e generazione Marocco Infrastruttura di GN/GNL Repubblica Dominicana Generazione di elettricità Regno Unito Commercializzazione di GN/GNL Portogallo Commercializzazione di GN/GNL e commercializzazione di elettricità Algeria Approvvigionamento e infrastruttura di GN/GNL Oman Approvvigionamento Infrastruttura di GN/GNL Corea Commercializzazione di GN/GNL Giappone Commercializzazione di GN/GNL India Commercializzazione di GN/GNL Colombia Distribuzione di gas, distribuzione di elettricità Kenya Generazione Egitto di elettricità Approvvigionamento Infrastruttura di GN/GNL Perù Distribuzione di gas Brasile Distribuzione di gas Angola Infrastruttura di GN/GNL Argentina Distribuzione di gas Sudafrica Approvvigionamento di carbone Australia Progetti di generazione Nota: la mappa rappresenta i paesi dove il gruppo svolge attività di business, indipendentemente dalla presenza di personale o uffici commerciali stabili. GN: Gas Naturale GNL: Gas Naturale Liquefatto

rapporto di responsabilità aziendale 2012

rapporto di responsabilità aziendale 2012 rapporto di responsabilità aziendale 2012 indice rapporto di responsabilità aziendale 2012 Messaggio della Direzione 04 Lettera agli stakeholder del Country Manager Nota metodologica 6 1. Gas Natural

Dettagli

Buone pratiche di RSI e

Buone pratiche di RSI e Buone pratiche di RSI e sostenibilità ambientale Gas Natural Italia 8 giugno 2010 Contenuto 1. Il Gruppo Gas Natural Fenosa 2. La RSI del Gruppo Gas Natural Fenosa 3. La RSI del Gruppo in Italia 4. Case

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ È IL NOSTRO VIAGGIO.

LA SOSTENIBILITÀ È IL NOSTRO VIAGGIO. LA SOSTENIBILITÀ È IL NOSTRO VIAGGIO. LA SOSTENIBILITÀ È IL NOSTRO VIAGGIO DATI 2014 E CREA VALORE PER LE COMUNITÀ LOCALI Slovacchia Romania Russia Guatemala El Salvador Colombia Ecuador Perù Messico Panama

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

Soluzioni di supporto per una maggiore sostenibilità economica della stazione di servizio

Soluzioni di supporto per una maggiore sostenibilità economica della stazione di servizio Modena Fiere, 9-10-11 Maggio 2010 Soluzioni di supporto per una maggiore sostenibilità economica della stazione di servizio Ing. Alberto Mele Responsabile soluzioni e servizi energetici Gas Natural Vendita

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015 Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati e Industria del Senato della Repubblica Saipem: un'eccellenza italiana nel Mondo (1 di 2) Filmato 2 Saipem: un'eccellenza

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale

2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale Company Profile 2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto in questo documento

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente Gli ambiti di ricerca in ABI Energia Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull energia e l ambiente

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile il Fotovoltaico Eticamente Sensibile Coopwork è una cooperativa sociale no-profit di tipo B che realizza integrazione sociale e lavorativa offrendo servizi alla persona finalizzati all inserimento lavorativo

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

pocket_vit_v2 13/10/15 18:08 PageI Un player mondiale della transizione energetica Cifre chiave

pocket_vit_v2 13/10/15 18:08 PageI Un player mondiale della transizione energetica Cifre chiave pocket_vit_v2 13/10/15 18:08 PageI Un player mondiale della transizione energetica Cifre chiave pocket_vit_v2 13/10/15 18:08 PageII Elettricità pag. 2 Gas naturale pag. 4 Efficienza energetica pag. 6 Presenza

Dettagli

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact.

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact. Tavole riassuntive TAVOLE RIASSUNTIVE La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global. ELEMENTI DI REPORTING Il Bilancio di Sostenibilità

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Bilancio consolidato e separato

Bilancio consolidato e separato 2015 Bilancio consolidato e separato capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE HIGHLIGHTS 884,4 milioni di euro Margine operativo lordo 194,4 milioni di euro Utile netto 332,7 milioni di euro Investimenti 3x

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato Delibera Giunta Comunale n. 110 del 19 maggio 2014 1) Caratteristiche generali del sistema

Dettagli

2013 DATI DI SINTESI

2013 DATI DI SINTESI 2013 DATI DI SINTESI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ DEL GRUPPO ACEA ACEA E LA SOSTENIBILITÀ LE ATTIVITÀ CORE DEL GRUPPO ACEA Il BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 è il 16 report pubblicato dal Gruppo Acea per rendicontare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam 8 Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam 9 LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti)

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per l affidamento del servizio di Monitoraggio, valutazione e disseminazione dei risultati del progetto Giustizia On Line (GoL) del Programma di riduzione dei tempi

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale

Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale Centrale di cogenerazione Hera come veicolo di marketing territoriale Green Management e Marketing Territoriale 13 dicembre 2012 Università di Bologna Facoltà di Economia Susanna Zucchelli Direttore Hera

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali

Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali Le problematiche ambientali connesse alla prospezione, ricerca, coltivazione ed estrazione di idrocarburi liquidi in mare, anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

energie straordinarie

energie straordinarie energie straordinarie ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE 3_8 GREEN ENERGY 9_13 PERCHé SCEGLIERE Gelsia 14 ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGIA ENERGY ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGY GAS NATURALE

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli