Il contesto territoriale Genova Smart City l Associazione Genova Smart City

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il contesto territoriale Genova Smart City l Associazione Genova Smart City"

Transcript

1 FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY ( Istituito ai sensi del D.P.C.M. 25 gennaio 2008) Sede in Genova, via Briscata 4 Tel /34. web: SCHEDA INFORMATIVA DEL CORSO: TECNICO SUPERIORE PER I METODI E LE TECNOLOGIE DELLO SVILUPPO DI SISTEMI SOFTWARE con specializzazione in Sviluppo di applicazioni e sistemi per ambienti e piattaforme di servizi smart (3 Ciclo biennio ) INFORMAZIONI GENERALI ATTESTATO CHE IL CORSO RILASCIA Al termine del corso, previo superamento esame,verrà rilasciato il Diploma di Tecnico Superiore legalmente riconosciuto a livello nazionale, corrispondente al 5 livello europeo EQF con certificazione. I diplomi di tecnico superiore costituiscono titolo per l accesso ai pubblici concorsi ai sensi dell art.5,comma7 del d.p.c.m. 25 gennaio DESTINATARI n 25 allievi/e in possesso di diploma di Istruzione Secondaria Superiore. PARI OPPORTUNITÀ L accesso ai corsi avviene nel rispetto delle norme di cui alla legge 125/1991. FIGURA PROFESSIONALE La Figura professionale prevista in uscita dal 3 Ciclo è Tecnico superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo dei sistemi software con specializzazione in Sviluppo di applicazioni e sistemi per ambienti e piattaforme di servizi smart Un tecnico superiore per i servizi smart è orientato all'installazione, gestione, configurazione e manutenzione di sistemi e servizi complessi in ambito di automazione industriale e civile, di applicazioni distribuite, di reti di sensori e dei sistemi di telecomunicazione. E orientato allo sviluppo di applicazioni in team di progetto, dove vengono stabiliti requisiti per soluzioni software complesse e applicazioni per smart devices. Conosce i principi di interazione tra i vari componenti hardware e software di un sistema. E in grado di affrontare problematiche di primo livello, diagnosticare malfunzionamenti, adottare strategie di intervento. E capace di lavorare anche in un contesto internazionale, di relazionarsi in lingua inglese e comprendere gli aspetti tecnici delle soluzioni da sviluppare. 1

2 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL PROGETTO FORMATIVO DURATA E STRUTTURA DEL CORSO Durata del corso: 2000 ore, suddivise in 4 semestri di cui il 50% tenute da docenti provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni. Sono previste 700 ore di stage aziendale (200 al primo anno e 500 al secondo anno). FREQUENZA La frequenza è obbligatoria: è richiesta la frequenza ad almeno l 80% di ogni modulo. Potranno essere concessi esoneri, su conforme decisione del CTS, in relazione a precedenti attività formative o lavorative specifiche. CORSI PROPEDEUTICI Sono previsti: 1. Corsi propedeutici di inglese (liv. PET essenziale) e informatica (ECDL) 2. Corsi di allineamento per omogeneizzare le competenze in ingresso Il contesto territoriale Genova Smart City Genova, come Torino e molte altre città europee, ha aderito al programma Smart City lanciato dall Unione Europea nell ambito del Piano Strategico per le Tecnologie Energetiche (SET Plan). Ma data la forte presenza storica di aziende hi-tech e il tessuto economico orientato alla integrazione città-porto, e per consolidare e facilitare il processo di trasformazione in città intelligente, il Comune di Genova ha costituito nel 2011 insieme a Enel Distribuzione e all Università degli Studi di Genova l Associazione Genova Smart City, che conta nel 2013 oltre 70 soci (di cui molti soci fondatori dell ITS-ICT) e che sta operando in funzione anche delle linee strategiche Horizon 2020 legate alle ICT. Infatti, Genova vuole diventare un laboratorio per la realizzazione della città intelligente, creando un modello di eccellenza trasferibile in senso omogeneo delle Smart Facilities (City, Community, Energy, ). La recente costituzione nel sistema paese del Cluster Tecnologico Nazionale sulle Smart Communities (cui ha dato la propria adesione Regione Liguria e che vede la presenza di numerosi Enti e Imprese liguri a fianco di analoghe organizzazioni del resto d Italia) rappresenta la ferma volontà di adottare e perseguire una accezione del concetto smart in maniera estesa. Le finalità sono molteplici, ma le più rilevanti possono essere riassunte in due declinazioni assai indicative: 1) l obiettivo di fare sistema in un contesto nazionale di tecnologie e applicazioni complementari aventi come fine il miglioramento delle finalità della vita in genere, del lavoro più in particolare e dei suoi processi; 2) anticipare e rinforzare la risposte dell industria e del comparto scientifico nazionale rispetto alle prospettive della nuova programmazione comunitaria, declinata ampiamente sulle nuove applicazioni smart, sia per ciò che riguarda la finalizzazione di Horizon 2020 che dei presupposti delle Smart Specializations Strategies. Si evidenzia inoltre una sempre più forte caratterizzazione dell industria del nostro territorio in ambito smart. A Genova risiedono unità operative di importanti multinazionali focalizzate su specifiche declinazioni smart. In città ha anche sede la divisione di un primario gruppo nazionale delle alte tecnologie che opera trasversalmente su tutte i principali servizi smart. Un numero sempre crescente di PMI avanzate cooperano con queste grandi realtà, con l Università, il CNR, l IIT e fra di loro su tematiche sempre più legate alla Smart City in ambito urbano e in generale agli smart systems. Completano l ecosistema inerente lo smart environment industriale numerose iniziative di coalizione che hanno dato vita a Cluster, Poli e Distretti 2

3 dedicati. La figura professionale in uscita da questo biennio dovrà essere inserita nel contesto delle progettualità legate a questa visione di Smart, che non si dedica quindi solo all uso razionale dell energia (mission dell ITS per l Efficienza Energetica di Savona, con cui si creeranno opportune sinergie), ma anche i servizi e le soluzioni tecnologiche applicabili alle reti infrastrutturali, alle reti sociali e culturali, ai servizi ai cittadini, al sistema città-porto. I servizi declinati nelle piattaforme Smart Community debbono il loro carattere smart alla possibilità di usare piattaforme, sistemi e applicazioni in grado di raccogliere ed elaborare una grande varietà e quantità di dati e informazioni, generando basi di conoscenza complesse dall analisi operata su di essi. La figura del tecnico TS-ICT-Smart Un tecnico superiore per i servizi smart sarà dunque orientato all'installazione, gestione, configurazione e manutenzione di sistemi e servizi complessi che vanno dall'automazione industriale e civile, alle applicazioni distribuite, alle reti di sensori e ai sistemi di telecomunicazione. Dovrà essere orientato allo sviluppo di applicazioni in team di progetto, all'interno del quale coesistono molteplici professionalità con cui relazionarsi, e dove vengono stabiliti requisiti per soluzioni software complesse e applicazioni applicabili a smart devices. Una volta istruito sulle peculiarità del sistema in oggetto conoscerà i principi di interazione tra i vari componenti del sistema sia hardware che software e sarà in grado di affrontare problematiche di "primo livello" per fare una diagnosi di malfunzionamento e adottare una strategia di intervento. Dovrà acquisire capacità di lavoro in un contesto anche internazionale, per cui diviene fondamentale la capacità di relazionarsi in lingua inglese e comprendere gli aspetti tecnici delle soluzioni da sviluppare. Il Tecnico Superiore ICT per lo Sviluppo di applicazioni e sistemi per ambienti e piattaforme di servizi smart (in breve TS-ICT-smart) sarà pertanto una figura professionale che potrà operare in modo trasversale su tutti i servizi smart interagendo con la loro componente ICT: in particolare le proprie competenze si focalizzeranno in quattro ambiti principali: Raccogliere i dati: operare con tutti i componenti e punti di acquisizione dati e informazioni che compongono un sistema smart: reti di sensori intelligenti, elementi architettonici, strumentazione varia sia a bordo di veicoli sia di uso personale, sensori ambientali e dispositivi di monitoraggio distribuiti sul territorio. Connettere i dispositivi: la distribuzione dei servizi richiede che i dati e le informazioni sia rese fruibili e disponibili laddove la loro efficacia è maggiore. In questo senso occorre una conoscenza specifica delle problematiche legate alle TLC in ambito urbano ed etra-urbano, alle tecnologie di trasmissione e distribuzione dati e alle tematiche relative all interfacciamento dei sistemi informativi, e una adeguata competenza tecnica di sviluppo software di applicazioni mirate al controllo di sistemi complessi e distribuiti. Analizzare e utilizzare i dati: la generazione della conoscenza si ottiene impiegando tecniche di elaborazione software alla mole di informazioni che costituiscono il patrimonio di una piattaforma smart. Dal punto di vista tecnico, è perciò necessario avere una conoscenza generale delle reti TCP/IP, dei sistemi distribuiti, delle architetture informatiche grid, dei sistemi di virtualizzazione e consolidamento e dei sistemi ad elevata potenza di calcolo. Realizzare soluzioni smart: una volta che le informazioni raccolte sono consolidate e organizzate in modo da essere recuperabili attraverso la rete, realizzare applicazioni software che possano essere veicolate tramite web in modo cross-platform (quindi su ambienti Microsoft, Apple, Linu, Android, ecc.). Più in dettaglio, partendo da quelli che sono comunemente definite come le aree tematiche dei servizi Smart City, specificate secondo l elenco dei servizi che a esse afferiscono, è possibile stabilire una corrispondenza tra dette aree e gli ambiti all interno dei quali si focalizzano le competenze, così come sopra descritto. 3

4 La tabella seguente, riporta le aree tematiche, e i servizi relativi, che compongono nel loro complesso e la corrispondenza con gli ambiti delle competenze del corso. Per ciascuna area tematica sono state indicate gli ambiti che hanno maggiore rilievo. Area Tematica BROAD BAND SMART HEALTH SMART MOBILITY SMART EDUCATION SMART GOVERNMENT MOBILITÀ ALTERNATIVA EFFICIENZA ENERGETICA ENERGIE RINNOVABILI RISORSE NATURALI Servizi BANDA LARGA FISSA: Banda larga e Ultra Larga Fissa (ADLS, Fibra ottica). BANDA LARGA MOBILE: Banda larga e Ultra larga Mobile (HSPDA, LTE) SANITÀ ELETTRONICA: Prenotazione e pagamento del ticket e ritiro dei referti via web. Scelta del medico di medicina generale via web. Diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico TRASPORTO PUBBLICO LOCALE: Bigliettazione elettronica. Digitalizzazione orari e percorsi. Servizi informativi all utenza in mobilità. TRASPORTO PRIVATO: Varchi ZTL elettronici. Pagamento elettronico della sosta. Servizi informativi all utenza SCUOLA DIGITALE: Diffusione di Personal Computer nelle scuole. Diffusione di Lavagne Interattive Multimediali (LIM). Aule collegate ad internet. SERVIZI ON-LINE: Servizi anagrafici (richiesta certificati e cambio di residenza). Servizi per le scuole comunali. PAGAMENTI ELETTRONICI: Pagamento on-line dei tributi locali e dei servizi per la scuola. OPEN DATA: Progetti e portali open data e dataset pubblicati AUTO ELETTRICHE: Diffusione di auto elettriche e colonnine per la ricarica. MOBILITY SHARING/POOLING: Servizi comunali di Car sharing, Car-pooling, Bike sharing. Piste Ciclabili SMART BUILDING: Consumo di gas ed energia elettrica. Teleriscaldamento. SMART LIGHTING: Politiche locali per l illuminazione pubblica, tecnologie installate, sistemi di regolazione FOTOVOLTAICO: Energia prodotta attraverso pannelli fotovoltaici. EOLICO: Energia prodotta attraverso fonti eoliche. IDROELETTRICO: Energia prodotta attraverso fonti idroelettriche GESTIONE RIFIUTI: Diffusione della raccolta differenziata. DISPERSIONE ACQUE: Impianti di depurazione, consumo e dispersione di acqua. QUALITÀ ARIA: Centraline di monitoraggio e superamento dei limiti di inquinamento Raccogliere i dati Connettere i dispositivi Analizzare e utilizzare i dati Realizzare soluzioni SMART 4

5 Architettura didattica del corso finalizzata agli obiettivi Gli ambiti operativi, le competenze richieste e le responsabilità in carico al Tecnico Superiore ICT per lo Sviluppo di applicazioni e sistemi per ambienti e piattaforme di servizi smart (TS-ICT-smart) riguardano essenzialmente i compiti di installazione, avviamento, collaudo e manutenzione dei sistemi ICT coinvolti, esprimendo la capacità di un approccio multidisciplinare che gli consenta di operare a vari livelli e su differenti singole tecnologie, ma con un approccio complessivo e un obiettivo comune. Il profilo TS-ICT-smart è quello di un tecnico orientato a integrare tra loro dati, risorse, dispositivi e servizi in un ottica di "sviluppo applicazioni" che sono contestualizzati a specifici domini applicativi legati a specifici servizi quali, ad esempio, ehealth, egovernment, edemocracy. Nel corso il concetto unificante sarà quello di "Smart" in tutte le sue sfaccettature, partendo da Smart City per allargarsi poi alle declinazioni di smart environment emergenti dalle aziende territoriali coinvolte, definendo quali servizi fanno parte di una piattaforma smart, lo stato dell'arte, le evoluzioni future, le potenzialità di mercato e le ricadute per il nostro territorio. I moduli del corso non devono quindi avere solo un'impostazione tecnica, ma essere maggiormente orientati a presentare i processi e a descrivere gli attori coinvolti e i loro ruoli. Un ruolo importante viene assunto dai social media e dal loro utilizzo in azienda. È stato inserito un modulo che descriva in maniera "scientifica" e rigorosa il funzionamento delle piattaforme "social", del loro modello di business e di come le aziende, le pubbliche amministrazioni e tutti gli stakeholder in generale possano (e debbano) utilizzare questi nuovi veicoli di comunicazione. Altro tema caldo inserito è l'utilizzo dei servizi cloud da parte di tutti gli stakeholder: oltre a descrivere le funzioni di base del cloud come archiviazione on-line di dati, si presentano i modelli SaaS per descrivere come è possibile distribuire i servizi tra vari attori, mantenendo centrale il dato e favorendo l'interoperabilità dei vari sistemi. La struttura in moduli è stata pertanto articolata tenendo conto anche dei fattori precedentemente descritti. Inoltre è stata operata una corrispondenza tra i Moduli didattici e gli ambiti delle competenze Raccogliere i dati, Connettere i dispositivi, Analizzare e utilizzare i dati, Realizzare soluzioni SMART: Raccogliere i dati Connettere i dispositivi Analizzare e utilizzare i dati Realizzare soluzioni SMART PRIMO ANNO S1 M1 - Introduzione al corso, omogeneizzazione delle competenze, preparazione esami ECDL e PET S1 M2 Cultura Aziendale, Sicurezza sul lavoro, Standard e Qualità aziendali S1 M3 Complementi di Matematica, Fisica ed Elettronica 5

6 S1 M4 Elettronica, Laboratorio di Misure e Tecnologie digitali S1 M5 - Linguaggi e Ambienti per la Programmazione S1 M6 - Reti di Telecomunicazione S1 M7 - Sistemi Operativi e Reti di Calcolatori S1 M8 - Sistemi Informativi per le Aziende S2 M9 - Controlli automatici e fondamenti di automazione industriale S2 M10 Piattaforme di elaborazione delle informazioni S2 M11 - Tecnologie, Applicazioni e Sistemi di Smart Communication S2 M12 Interfacciamento e Reti di sensori S2 M13 Smart Ambient Applications S2 M14 Stage aziendale breve S2 M15 Verifiche di fine primo anno SECONDO ANNO S3 M16 - Inglese Tecnico S3 M17 Economia, marketing, diritto ed etica nelle Smart Communities S3 M18 - Reti TCP/IP e Sistemi distribuiti S3 M19 - Progettazione e Sviluppo del Software per Smart Applications S3 M20 - Tecnologie per Web Marketing, Data Analysis e Data mining S3 M21 Smart Security & Systems S3 M22 Smart City Services and Networking S4 M23 Stage aziendale lungo S4 M24 Preparazione all esame finale Per informazioni: web 6

Tecnico superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo di sistemi software.

Tecnico superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo di sistemi software. Figura professionale nazionale di riferimento: Tecnico superiore per i metodi e le tecnologie per lo sviluppo di sistemi software. Figura professionale declinata, a livello territoriale, dalla Fondazione

Dettagli

Informatica e Telecomunicazioni

Informatica e Telecomunicazioni Informatica e Telecomunicazioni IL PROFILO DEL DIPLOMATO Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni : 1. Ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione,

Dettagli

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Settore TECNOLOGICO A) MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Titolo rilasciato: Perito in Meccanica, meccatronica ed energia MATERIE

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

SMART CITY. Verso la città del futuro

SMART CITY. Verso la città del futuro SMART CITY Verso la città del futuro Rendere smart le città significa sottoporle a un insieme coordinato di interventi che mirano a renderle più sostenibili dal punto di vista energetico-ambientale, per

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore. G. Giorgi

Istituto Istruzione Superiore. G. Giorgi Istituto Istruzione Superiore G. Giorgi Informatica e Telecomunicazioni Articolazione Telecomunicazioni Classi Materie di insegnamento I II III IV V Lingua e lett. Ital. 4 4 4 4 4 Storia, Citt. E Cost.

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa ESPERIA Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa Prospetto informativo per l orientamento agli studi Tecnici Superiori Per informazioni via Gavazzeni 29, Bergamo tel. 035-319388 fax 035-318741 Sito internet:

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane. Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016

Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane. Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016 Strumenti dell Osservatorio per valutare il livello di Innovazione e Sostenibilità delle città italiane Francesco Profumo 11 Gennaio, 2016 Il presente - 2 - Gli obiettivi Nasce nell aprile 2012 sulla base

Dettagli

Presentazione risultati 2014

Presentazione risultati 2014 Presentazione risultati 2014 Comunicato stampa 24/05/2014 Con il patrocinio di: Associazione Nazionale Direttori Generali degli Enti Locali Con il supporto di: Milano, 24 maggio 2014 Between presenta la

Dettagli

PROGRAMMA: 17/07/15 16:00 18:00 Didattica frontale lezione magistrale

PROGRAMMA: 17/07/15 16:00 18:00 Didattica frontale lezione magistrale Corso ECM Nome Provider: Cosmopolis società Cooperativa Id. 584 Titolo: L informatica per le professioni sanitarie Sanità digitale Edizione: 1 Sede: ENNA, Corso Sicilia 73 Destinatari: 10 Obiettivi formativi:

Dettagli

BANDO di SELEZIONE per l ammissione ai Corsi di DIPLOMA SUPERIORE nel Settore Meccanico Meccatronico

BANDO di SELEZIONE per l ammissione ai Corsi di DIPLOMA SUPERIORE nel Settore Meccanico Meccatronico BANDO di SELEZIONE per l ammissione ai Corsi di DIPLOMA SUPERIORE nel Settore Meccanico Meccatronico a) per l Innovazione di Processi e Prodotti Meccanici b) per l Automazione Integrata e i Sistemi Meccatronici

Dettagli

Orientamento 2015/17

Orientamento 2015/17 Orientamento 2015/17 Gli ITS sono stati introdotti nell ordinamento nazionale dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 gennaio 2008 in attuazione della legge finanziaria 2007 allo scopo

Dettagli

Smart Services. Infrastrutture intelligenti per vivere la città in sicurezza

Smart Services. Infrastrutture intelligenti per vivere la città in sicurezza Smart Services. Infrastrutture intelligenti per vivere la città in sicurezza 24 novembre 2010 Andrea Costa, Vertical Marketing & Smart Services Telecom Italia sta giocando una partita chiave per l innovazione

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE Nuove tecnologie per il made in Italy Sistema meccanica Lanciano (Ch) Fondazione di Partecipazione "Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Meccanica"

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche.

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche. SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Giuseppe Angelone OSIMO 12 Dicembre 2012 PANORAMA EUROPEO La crescita costante

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68)

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68) I nuovi Istituti tecnici sono raggruppati in 2 settori: Economico Tecnologico L I.I.S. V.Crocetti-V.Cerulli offre ai propri studenti una formazione nel SETTORE ECONOMICO E NEL SETTORE TECNOLOGICO: SETTORE

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Tecnico Superiore per le Applicazioni Distribuite Bando di ammissione 2011

Tecnico Superiore per le Applicazioni Distribuite Bando di ammissione 2011 Tecnico Superiore per le Applicazioni Distribuite Bando di ammissione 2011 ITS Kennedy - Information & Communication Technology Indice 1. Istituzione del corso e figura professionale obiettivo... 2 2.

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il sistema Trentino La situazione del sistema educativo nella provincia di Trento evidenzia una serie di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI CORSO 2011-2013 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI La tecnica per crescere CON IL PATROCINIO DI PIACENZA L Istituto Tecnico Superiore

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

Fondo Crescita Sostenibile

Fondo Crescita Sostenibile Fondo Crescita Sostenibile AGENDA DIGITALE (G.U. n.282 del 04/12/2014) e INDUSTRIA SOSTENIBILE (G.U. n.283 del 05/12/2014) Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso operativi due interventi del Fondo

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA NELLE TRE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: ELETTRONICA ELETTROTECNICA AUTOMAZIONE VI CONFLUISCONO

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO. 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi

OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO. 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi OFFICINA DELLE IDEE: Workshop INNOVAZIONE ED INCLUSIONE COME ARMA COMPETITIVA DEL TERRITORIO 1.Nuova Carta Regionale dei Servizi Stato dell'arte: Il Comune di Busto Arsizio ha già messo in atto e ha tuttora

Dettagli

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 Il ruolo delle infrastrutture nelle Smart Cities Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 L evoluzione delle Infrastrutture Smart Electricity it Transportation Gas Communication

Dettagli

EIPASS CERTIFICAZIONE INFORMATICA EUROPEA

EIPASS CERTIFICAZIONE INFORMATICA EUROPEA Ei-Center accreditato Istituto Comprensivo G. Marconi Via Ionio, snc Battipaglia 0828/371200 fax: 0828/679927 e-mail: saic8ad009@istruzione.it - saic8ad009@pec.istruzione.it www.icmarconibattipaglia.gov.it

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

SMART CITY PER CRESCERE

SMART CITY PER CRESCERE Centrostudi.Net SMART CITY PER CRESCERE Il modello Unindustria per l integrazione funzionale delle aree urbane del Lazio Viterbo, 9 luglio 2013 SMART CITY PER CRESCERE La Smart City è una città intelligente,

Dettagli

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Protocollo di intesa (24/7/13) Realizzare sul territorio nuove iniziative volte allo sviluppo delle tematiche dell efficienza energetica,

Dettagli

Sommario. Introduzione 1

Sommario. Introduzione 1 Sommario Introduzione 1 1 Il Telecontrollo 1.1 Introduzione... 4 1.2 Prestazioni di un sistema di Telecontrollo... 8 1.3 I mercati di riferimento... 10 1.3.1 Il Telecontrollo nella gestione dei processi

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche IIS GIULIO NATTA RIVOLI (To) IL PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche Il primo biennio ha carattere

Dettagli

Bigliettazione elettronica Digitalizzazione orari e percorsi Servizi informativi all utenza in mobilità

Bigliettazione elettronica Digitalizzazione orari e percorsi Servizi informativi all utenza in mobilità Costruire piattaforme abilitanti per dare spazio a reti e servizi innovativi Cosè una SMART CITY Una città intelligente riesce a spendere meno e meglio senza abbassare la quantità e la qualità dei servizi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Il Paese riparte dalla città. Smart Cities, Agenda Digitale e Agenda Urbana.

Il Paese riparte dalla città. Smart Cities, Agenda Digitale e Agenda Urbana. Il Paese riparte dalla città. Smart Cities, Agenda Digitale e Agenda Urbana. Il contributo di Enel Distribuzione Bologna, 24 Ottobre 2014 Anna Brogi Senior Vice President Enel Group Città e Sostenibilità

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE 2015

BANDO DI AMMISSIONE 2015 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE J.F.KENNEDY - PORDENONE SEDE OPERATIVA C/0 CONSORZIO UNIVERSITARIO VIA PRASECCO N.3 33170 PORDENONE SESSIONE STRAORDINARIA:

Dettagli

INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA. Indirizzo Elettrotecnica

INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA. Indirizzo Elettrotecnica INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Il momento della scelta Anno 1 2 BIENNIO Materie di base comuni a tutti gli indirizzi del settore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

Assemblea Annuale. «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona

Assemblea Annuale. «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona ANCE CREMONA Assemblea Annuale «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona Maurizio Manzi Assessore alle Risorse, all Innovazione e alla Digitalizzazione Comune di Cremona Cremona, 9 Ottobre 2015 Page 1

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Installatore / Manutentore. di Personal Computer e Reti Locali

Installatore / Manutentore. di Personal Computer e Reti Locali IPSIA CAVOUR MARCONI PERUGIA 2008-2009 Corso di Terza Area per Installatore / Manutentore di Personal Computer e Reti Locali Premessa Nel progettare questo piano si richiede di mediare tra le istanze formative

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

SEDE DI BOLOGNA: La figura professionale, inserita nell'elenco delle figure nazionali, che il corso forma è

SEDE DI BOLOGNA: La figura professionale, inserita nell'elenco delle figure nazionali, che il corso forma è AVVISO PER L AMMISSIONE AI CORSI ITS SEDI DI BOLOGNA REGGIO EMILIA E MODENA (Approvati con delibera di giunta regionale n. 924/2014 finanziati dal Fondo Sociale Europeo, Ministero dell Istruzione, Università

Dettagli

T e c n ic o Super i ore per l Al t a Specializzazione nella Meccan i c a d e l Leg n o (I T S pe r

T e c n ic o Super i ore per l Al t a Specializzazione nella Meccan i c a d e l Leg n o (I T S pe r Prot. n. 82 del 046/06/2015 BANDO di SELEZIONE per l ammissione ai Corsi Biennali di DIPLOMA di TECNICO SUPERIORE 2015-2017 nel Settore Meccanico Meccatronico - Legno 1) per l Innovazione di Processi e

Dettagli

ENAIP TRENTINO ENTE ACLI ISTRUZIONE PROFESSIONALE

ENAIP TRENTINO ENTE ACLI ISTRUZIONE PROFESSIONALE 2013-2015 CFP VILLAZZANO TECNICO SUPERIORE PER L ENERGIA E L AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER L ENERGIA E L AMBIENTE 2013-2015 Il percorso è promosso dalla Provincia Autonoma di Trento e attuato dal CFP

Dettagli

T e c n ic o Super i ore per l Al t a Specializzazione nella Meccan i c a d e l Leg n o (I T S pe r

T e c n ic o Super i ore per l Al t a Specializzazione nella Meccan i c a d e l Leg n o (I T S pe r Prot. n. 80 del 04/06/2015 BANDO di SELEZIONE per l ammissione ai Corsi Biennali di DIPLOMA di TECNICO SUPERIORE 2015-2017 nel Settore Meccanico Meccatronico - Legno 1) per l Innovazione di Processi e

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

OPEN DAY ISTITUTO TECNICO GUGLIELMO MARCONI SEZIONE DELL ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO PROFESSIONALE DI LUGO

OPEN DAY ISTITUTO TECNICO GUGLIELMO MARCONI SEZIONE DELL ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO PROFESSIONALE DI LUGO ISIUO ECNICO GUGLIELMO MARCONI SEZIONE DELL ISIUO DI ISRUZIONE SUPERIORE POLO ECNICO PROFESSIONALE DI LUGO OPEN DAY Sabato 12 Dicembre 2015 ore 15.00 17.30 Venerdì 15 Gennaio 2016 ore 20.00 22.30 Sabato

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

GrowNet Academy Program Carta Servizi

GrowNet Academy Program Carta Servizi GrowNet Academy Program Carta Servizi Carta Servizi Il GrowNet Program è un iniziativa nata e coltivata all interno degli istituti e centri di formazione italiani ad opera di ICT Academy. Nel corso degli

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore I nuovi Istituti Tecnici Riorganizzazione ordinamenti scolastici Principali riferimenti normativi: Legge 6 agosto 2008 n. 133 Conversione in legge,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI FRANCAVILLA FONTANA (BR) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA COMMISSIONE EUROPEA Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale La Scuola

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI

Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI Regione Toscana- Dirigente del Settore Formazione e Orientamento TRIO Il sistema di web learning della Regione Toscana Progetto TOS.CA. Vibo Valentia, 28 marzo 2013

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

I.T.C. Domenico ROMANAZZI - Bari

I.T.C. Domenico ROMANAZZI - Bari Centro Polifunzionale di Servizio Dilos Center Simucenter-Puglia per l Alternanza e l Impresa Formativa Simulata Report intermedio sullo stato di avanzamento delle attività del Centro Servizi Dilos Center.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo BORDONI GIANFRANCO VIA ENRICO FERMI 46/2 23010 BERBENNO DI VALTELLINA (SONDRIO) ITALIA Telefono

Dettagli

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security managing complexity Azienda Akhela è un azienda innovativa in rapida crescita che è diventata un attore importante e riconosciuto nel mercato IT italiano e che si sta affacciando con successo nel mercato

Dettagli

Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE

Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE Pubblicazione AVVISO per la presentazione delle candidature delle azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale previste per la regione Lazio dal 6 febbraio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE DIGITALE, a.a. 2014-2015 Per il

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Area di istruzione generale RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Buone pratiche e tecnologie per l ambiente urbano e le città sostenibili Best practices and technologies for urban environment and sustainable cities Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Ecopolis:

Dettagli

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS?

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI OTTENGONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI ACCEDE ALLA PIATTAFORMA? CHE COSA E' AULA DIDATTICA 3.0? IN CHE COSA CONSISTE L'ESAME? La Certificazione

Dettagli

Università e trasferimento tecnologico

Università e trasferimento tecnologico UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA INDUSTRIALE INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGIES (CIRI-ICT) Prof. Marco Chiani Direttore Responsabili scientifici: Prof. F. Callegati,

Dettagli

Prove di smart city a L Aquila

Prove di smart city a L Aquila Prove di smart city a L Aquila Claudia Meloni - Ricercatrice ENEA Workshop Smart, sostenibile e sicuro: il futuro dei centri storici Lucca 18 ottobre 2012 Smart city: sostenibilità a 360 Smart Economy

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA IN DUE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI

Dettagli

SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE

SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE SMART CITY L AQUILA Smart mobility Smart people Smart energy Smart environment Banda larga NGN Partecipazione Smart living Smart government La Città dell Aquila

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento NUOVE OPPORTUNITÀ DALL EUROPA GLI OBIETTIVI EUROPA 2020 I 5 TARGET 1. OCCUPAZIONE Innalzamento al 75%

Dettagli

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www..it 1 Company Darts Engineering è pmi di consulenza, progettazione e system integration in ambito ICT, che

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E SIEMENS S.p.A. PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA (di seguito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto Distretto Industriale delle Tecnologie Digitali (DITEDI)

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto Distretto Industriale delle Tecnologie Digitali (DITEDI) Sezione anagrafica Denominazione Distretto Distretto Industriale delle Tecnologie Digitali (DITEDI) Sede del Distretto Il Distretto ha sede nei comuni di Tavagnacco, Udine e Reana del Rojale. In particolare

Dettagli