Caffita System spa. Dichiarazione Ambientale. secondo i requisiti del Regolamento (CE) EMAS n. 1221/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caffita System spa. Dichiarazione Ambientale. secondo i requisiti del Regolamento (CE) EMAS n. 1221/2009"

Transcript

1 Caffita System spa Dichiarazione Ambientale secondo i requisiti del Regolamento (CE) EMAS n. 1221/2009 giugno 2014

2 Redazione: Renato Castiglione Dottore in Scienze Ambientali

3 SOMMARIO INTRODUZIONE INQUADRAMENTO TERRITORIALE INQUADRAMENTO SOCIO ECONOMICO Il capoluogo Situazione demografica Sistema produttivo CONTESTO Aspetti climatici Geologia e idrogeologia Flora e fauna Aree naturali Atmosfera Acqua Rumore Rifiuti Rischi ambientali STRUTTURA DELL ORGANIZZAZIONE DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO ORGANIGRAMMA AZIENDALE CONFORMITÀ LEGISLATIVA LA POLITICA E IL SISTEMA DI GESTIONE LA POLITICA PER LA QUALITA' E L'AMBIENTE IL SISTEMA DI GESTIONE Pianificazione Funzionamento e struttura organizzativa PRESTAZIONI E INDICATORI AMBIENTALI GLI ASPETTI AMBIENTALI DEFINIZIONI MODALITÀ DI IDENTIFICAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI ASPETTI DIRETTI ASPETTI INDIRETTI VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI PROGRAMMA CONVALIDA E VALIDITÀ DICHIARAZIONE... 58

4 Pagina 1 di 58 INTRODUZIONE La Ditta CAFFITA SYSTEM S.P.A., con sede legale e insediamento produttivo nel Comune di Gaggio Montano (BO), attualmente opera nei seguenti settori: produzione, lavorazione per conto terzi e commercializzazione all'ingrosso di capsule contenenti caffè e altri prodotti affini; progettazione e commercializzazione all ingrosso di distributori automatici e macchine per la somministrazione di alimenti e bevande a capsula. Caffita ha deciso di dotarsi di un Sistema di Gestione Ambientale certificato EMAS (Regolamento CE n. 1221/2009), ritenendo che il successo aziendale debba dipendere non solo dalla considerazione delle componenti economiche e sociali, ma anche dal connubio positivo fra tali componenti e la sostenibilità ambientale. Attraverso questa Dichiarazione Ambientale, a garanzia degli sforzi messi in atto per tutelare l ambiente, intendiamo rendere partecipe tutta la collettività e le parti interessate rendendo pubbliche le nostre prestazioni ambientali: un processo di comunicazione sistematica ai soggetti interessati e al pubblico delle informazioni relative alle attività, agli aspetti ambientali, alla politica ambientale, al sistema di gestione, agli obiettivi e ai programmi di miglioramento ambientale dell organizzazione. Un Sistema di Gestione Ambientale consente, oltre ad adempiere con precisione agli obblighi di legge in materia ambientale, di sorvegliare e monitorare gli impatti ambientali diretti e indiretti provocati dalla nostra attività, di razionalizzare i consumi e di ridurre l inquinamento. La tutela dell ambiente infatti non deve essere vissuta come un limite, ma piuttosto come un opportunità di crescita, economica e sociale, che determini le condizioni per una migliore qualità della vita e per la salvaguardia del patrimonio naturale. La registrazione EMAS significa andare oltre il semplice rispetto delle prescrizioni di legge in campo ambientale, ponendosi volontariamente obiettivi mirati al miglioramento continuo delle prestazioni; significa investire risorse nell'ambiente e valutare il modo migliore per gestirlo. La Dichiarazione Ambientale viene distribuita alle parti esterne interessate in forma stampata, ed è resa disponibile alla consultazione sul sito internet

5 Pagina 2 di 58 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Figura 1 Provincia di Bologna e confini comunali. Fonte: Provincia di Bologna 1.1 INQUADRAMENTO SOCIO ECONOMICO Il capoluogo Situato in posizione panoramica sulla valle del Silla e decentrata rispetto al territorio comunale, il Comune di Gaggio Montano ha una popolazione di abitanti, un altitudine di 680 metri s.l.m. e una superficie di 58,68 kmq. Da qualunque parte si arrivi a Gaggio non si può fare a meno di notare il Sasso di Rocca, grande blocco ofiolitico che sovrasta il paese conferendogli un aspetto del tutto particolare. Inoltre, il territorio comunale è ricco di presenze che documentano la sua storia passata: la Chiesa dei Santi Michele e Nazario, di forme classicheggianti e con numerose opere d arte, l Oratorio di San Giovanni Evangelista, il Santuario della Madonna degli Emigranti, il Palazzo Comunale, Casa Pasi, alcuni edifici medievali di pregio e il Parco delle Rimembranze.

6 Pagina 3 di Situazione demografica Figura 2 - Densità della popolazione nella provincia di Bologna al 31/12/2009. Fonte: ISTAT ABITANTI anno maschi femmine totale Tabella 1 abitanti di Gaggio Montano Fonte: ISTAT Grafico 1 andamento popolazione di Gaggio Montano

7 Pagina 4 di Sistema produttivo TOTALE A Agricoltura, silvicoltura e pesca C Manifattura F Costruzioni G Commercio H Trasporti I Alloggio e ristorazione J Informazione e comunicazione K Credito e assicurazioni L Attività immobiliari M Attività professionali N Servizi alle imprese Q Sanità R Arte, sport e intrattenimento S Altri servizi personali X Imprese non classificate Registrate Attive % Iscritte Cessate Saldo Gaggio Montano ,6% Provincia BO Gaggio Montano ,4% Provincia BO Gaggio Montano ,0% Provincia BO Gaggio Montano ,7% Provincia BO Gaggio Montano ,5% Provincia BO Gaggio Montano ,4% Provincia BO Gaggio Montano ,5% Provincia BO Gaggio Montano 5 5 0,2% Provincia BO Gaggio Montano ,5% Provincia BO Gaggio Montano ,5% Provincia BO Gaggio Montano 6 6 0,1% Provincia BO Gaggio Montano 6 6 0,2% Provincia BO Gaggio Montano 3 3 0,7% Provincia BO Gaggio Montano 2 2 0,2% Provincia BO Gaggio Montano ,3% Provincia BO Gaggio Montano 4 0 0,0% Provincia BO Assenti a Gaggio Montano: B (Attività estrattiva), D (Energia), E (Acqua e trattamento rifiuti), P (Istruzione) Tabella 2: consistenza e natalità-mortalità imprese - anno Fonte: Camera di Commercio BO A livello percentuale, la categoria più rilevante rispetto ai numeri provinciali è l agricoltura, benché nel corso degli ultimi decenni il settore agricolo abbia perso progressivamente importanza a vantaggio del settore industriale e dei servizi. Nonostante i vincoli dovuti alla struttura geomorfologica del territorio, si osserva tuttavia una sostanziale tendenza all affermazione di un agricoltura biologica o integrata e ad una produzione di qualità (numerose produzioni vantano marchi di certificazione). Tale tendenza, ancor più significativa considerando che l agricoltura biologica copre superfici irrilevanti nel resto della provincia, viene spesso incoraggiata nel contesto di iniziative turistico-culturali in ottica di ecocompatibilità. Buone cifre anche per quanto riguarda la categoria alloggi e ristorazione. Il turismo assume notevole importanza nell Appennino bolognese, in cui l ambiente naturale e il paesaggio costruito si uniscono formando un attrattiva naturale e storica. Le presenze sono distribuite nell arco di tutto l anno, anche se a luglio-agosto si registra un picco, accentuato dalla presenza di turisti stranieri. L offerta turistica è varia; escludendo il fenomeno delle seconde case, si registra una forte concentrazione delle presenze in campeggi e villaggi turistici (circa 45%) e in alberghi (circa 44%), mentre agriturismo e affittacamere/b&b coprono una fascia di nicchia (7% e 4%).

8 Pagina 5 di CONTESTO Aspetti climatici Il clima è tipicamente continentale, ossia con inverni rigidi ed estati calde; le massime precipitazioni si hanno in autunno (ottobre-novembre) ed in primavera (marzo-aprile), mentre le precipitazioni minime si hanno solitamente nel mese di luglio. La media annua di precipitazioni va da circa 1400 mm nella parte più settentrionale del comune a circa 2500 mm nella parte sud. La temperatura media decresce ovviamente con l altitudine, da circa C attorno ai 600 m di quota a circa 9-10 C intorno ai 1000 m s.l.m. La Classificazione climatica dei comuni italiani è stata introdotta dal D.P.R. n. 412 del 26 agosto Gli oltre comuni italiani sono stati suddivisi in 6 zone climatiche, per mezzo della tabella A allegata al Decreto. Sono stati forniti inoltre, per ciascun comune, le indicazioni sulla somma, estesa convenzionalmente a tutti i giorni di un periodo di riscaldamento annuale, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente, convenzionalmente fissata a 20 C, e la temperatura media esterna giornaliera; l'unità di misura utilizzata è il grado-giorno (GG). La zona climatica di appartenenza indica in quale periodo e per quante ore è possibile accendere il riscaldamento negli edifici. Al di fuori di tali periodi, gli impianti termici possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio, e comunque con durata giornaliera non superiore alla metà di quella prevista a pieno regime. Il Comune di Gaggio Montano, con 2983 gradi-giorno, è classificato in zona climatica E. Zona climatica Periodo di accensione Orario consentito A 1 dicembre - 15 marzo 6 ore giornaliere B 1 dicembre - 31 marzo 8 ore giornaliere C 15 novembre - 31 marzo 10 ore giornaliere D 1 novembre - 15 aprile 12 ore giornaliere E 15 ottobre - 15 aprile 14 ore giornaliere F nessuna limitazione nessuna limitazione Tabella 3 classificazione zone climatiche

9 Pagina 6 di Geologia e idrogeologia Inquadramento geomorfologico Il versante in esame si sviluppa fra le quote di 425 e 535 m s.l.m., lungo il fianco sinistro della valle del torrente Silla. Si tratta di un ambito, compreso fra il rio delle Saldine ed il rio Botti, in gran parte antropizzato e caratterizzato da un assetto che risente delle lavorazioni contestuali alla realizzazione delle infrastrutture esistenti. La presenza di una coltre detritica di notevole spessore, costituita da materiali piuttosto eterogenei e caratterizzata da una circolazione idrica localizzata, discontinua e a tratti abbondante, rende il versante vulnerabile dal punto di vista morfologico, considerata anche la graduale azione di scalzamento al piede ad opera dei corsi d acqua che solcano la pendice. Durante lo studio geologico nell ambito del Piano Particolareggiato di iniziativa privata per utilizzo edificatorio a destinazione produttiva di un area in località Panigali, è stato effettuato un monitoraggio inclinometrico su due punti di controllo; tale rilievo ha evidenziato la presenza di una superficie di discontinuità attestata a - 24,5 m nel punto i1 e -27 m in i2, con velocità di deformazione prossime a 8 mm/anno. In base alla scala di velocità dei movimenti di pendio (Cruden e Varnes, 1996), i fenomeni con velocità inferiori a 16 mm/anno sono classificati come estremamente lenti e definiti impercettibili se non con strumentazioni. Il rilievo geologico-morfologico ha evidenziato condizioni del versante e delle opere esistenti tali da ritenere gran parte del versante stesso non esposto a significative criticità geomorfologiche. Al margine nord-ovest si trova un ambito con strutture ed elementi che testimoniano una spiccata attività di versante, quali forti ondulazioni con locali contropendenze e forme concave; alla confluenza dei rii Botti e Saldine, si riscontra un area esposta a dinamiche gravitative connesse all attività erosiva dei corsi d acqua Flora e fauna Per quanto riguarda la vegetazione, se ne possono individuare tre distinte fasce: la fascia collinare dei querceti misti a foglia caduca, che non sale oltre gli m di quota, la fascia montana dei boschi di faggio, che qui raggiunge i m circa, e la fascia subalpina delle brughiere e delle praterie d'alta quota, localizzata sulle cime più elevate. I boschi misti naturali sono costituiti dall'associazione di Querce (Quercus sp.), Carpini

10 Pagina 7 di 58 neri (Ostrya carpinifolia), Aceri (Acer sp.), Ornielli (Fraxinus ornus) e Ciliegi (Prunus avium). Tali boschi, in passato molto diffusi, hanno subito una notevole riduzione dovuta alla diffusione della coltura del Castagno; tuttavia, l'attuale tendenza ad abbandonare i Castagneti da frutto sta determinando una loro lenta ma progressiva ripresa. Alle quote inferiori il faggio inizia a svilupparsi solo limitatamente ai versanti più freschi e umidi, ma ben presto si afferma divenendo la specie arborea più diffusa, spingendosi fino ai m d'altitudine e segnando così il limite superiore della vegetazione arborea. Alle faggete che si sviluppano alle differenti quote si associa un sottobosco caratterizzato da differenti e numerose specie erbacee. Alcune aree del territorio sono state interessate da interventi di forestazione, effettuati con specie pioniere come Pino nero (Pinus nigra) e Pino silvestre (Pinus silvestris), nonché con vari tipi di Abeti. Il loro scopo iniziale era la stabilizzazione dei versanti, ma in seguito sono stati utilizzati per la produzione di legname pregiato. Questi boschi hanno una fisionomia che riflette il carattere artificiale delle formazioni: gli alberi, disposti in gruppi di individui della medesima età e specie, danno vita nel tempo a dense fustaie sempreverdi che lasciano filtrare poca luce al suolo, limitando lo sviluppo delle specie del sottobosco. Questi ambienti così vari e diversificati, unitamente ad altri fattori quali la maturità e complessità degli ecosistemi forestali e il contenuto impatto antropico, consentono la presenza di una fauna varia e interessante: si possono citare l arvicola rossastra, lo scoiattolo, il gufo comune e, alle quote più alte, l'arvicola delle nevi, la rana temporaria, la marmotta, il capriolo, il muflone, il sordone, il fanello e l'aquila Aree naturali Il Comune di Gaggio Montano è lambito dal Parco Regionale del Corno alle Scale, la cui istituzione risale al 1988 (L.R. 11/88). Il territorio si estende per 4974 ettari, di cui 2545 di aree contigue (Zona di Pre-Parco distinto in boschivo, agrario e sciistico) e 2429 per le restanti zone del Parco (Zona A di protezione integrale, Zona B di protezione generale, Zona C di protezione e riqualificazione ambientale finalizzata alla fruizione turistica). Si tratta di un parco di crinale, la cui importanza naturalistica è legata a molteplici emergenze, dalle singolarità geologiche e mineralogiche, alle presenze floro-faunistiche o agli elementi paesaggistici suggestivi (come ad esempio le spettacolari Cascate del Dardagna o quelle del selvaggio Orrido di Tanamalia). L'aspetto forse più interessante è che da un lato le caratteristiche geografiche e orografiche hanno permesso un pieno sviluppo di ambienti appenninici (con il loro corredo di vegetazione, flora e fauna),

11 Pagina 8 di 58 dall'altro le quote sufficientemente elevate raggiunte dal Corno alle Scale e dalle cime vicine (la Nuda, il Cornaccio, il Gennaio) hanno consentito il permanere di habitat alpini. Le foreste di latifoglie, soprattutto faggio, interessano buona parte della superficie e avvolgono il corso solitario di torrenti cristallini Atmosfera La normativa in materia prevede che in tutto il territorio siano definiti dei piani e programmi per il rientro nei valori limite di qualità dell'aria, dove sono superati, e per il mantenimento dove non sono stati registrati superamenti. La Provincia di Bologna ha avviato un processo di pianificazione e gestione della qualità dell'aria, al cui interno si realizzano in maniera coordinata tutte le attività necessarie, tra le quali riveste un ruolo fondamentale la stesura del Piano di Gestione della Qualità dell'aria (Risanamento, Azione, Mantenimento). Nel Piano di risanamento vi sono 50 azioni per contenere le emissioni degli inquinanti che superano il valore limite di legge (PM10, ossidi di azoto, benzene): mobilità: incentivi per la mobilità a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici, con sistemi di condivisione dell'auto (car pooling) e di noleggio a tempo (car sharing); urbanistica: costruire prioritariamente in prossimità di fermate ferroviarie e favorendo un'edilizia attenta al risparmio e all'efficienza energetica; attività produttive: limitazioni per impianti di combustione, sviluppo delle certificazioni ambientali EMAS e delle aree industriali ecologicamente attrezzate. Altre azioni riguardano la razionalizzazione della distribuzione merci (uso condiviso di furgoni - van sharing e infrastrutture di smistamento). L adeguamento normativo avviato nel 1996 ha consentito di estendere il monitoraggio a nuovi inquinanti, tra cui la frazione inalabile delle polveri (PM10) ed il benzene, nonché di estendere le misure anche ai centri urbani con abitanti e in centri abitati minori confinanti con vasti comprensori industriali e aree urbane. A partire dal 2006 è stata avviata un ulteriore evoluzione della rete, per rispondere a necessità emerse in questi ultimi anni; sono stati definiti i punti di misura più significativi nelle stazioni esistenti, e individuati nuovi siti "ad hoc" che consentono una lettura uniforme della qualità dell aria sul territorio, sia per la protezione della salute che per la protezione dell ambiente. Il progetto di ristrutturazione prevede la predisposizione di nuove stazioni, con strumenti che permetteranno di focalizzare l attenzione sugli inquinanti più critici come le PM 10, per le quali viene raddoppiata la copertura delle misure, e sulle PM 2,5 installando almeno due strumenti di misura in ogni provincia. Le stazioni sono posizionate secondo i dettami del

12 Pagina 9 di 58 D.M. 60/2002 e del D.Lgs. 183/2004. La normativa suddivide il territorio in aree omogenee: l agglomerato (Aggl) gravitante sui comuni con più di abitanti o con comparti produttivi significativi, in cui la maggioranza dei cittadini è sottoposta a valori critici di inquinamento; l area esterna all agglomerato (Zona A), sostanzialmente la restante parte del territorio regionale di pianura; la zona di tutela o sensibile (Zona B), in cui si deve preservare la qualità dell aria affinché non siano perturbati gli ecosistemi naturali presenti (parchi naturali e territori di collina/montagna. L attuale rete di monitoraggio viene costantemente modificata dalla attività di predisposizione e aggiornamento delle stazioni di misura e dei sensori, ed è attualmente composta da 193 analizzatori distribuiti in 60 stazioni di misura (dati aggiornati al 2011). In provincia di Bologna vi sono attualmente 8 centraline, ma la zona del comune di Gaggio Montano non rientra fra quelle monitorate. Attualmente non ci sono quindi dati disponibili sulla qualità dell aria. Le principali emissioni in atmosfera presenti nel territorio sono individuabili in: - traffico veicolare di medio bassa intensità; - siti produttivi (tra i principali si notano Saeco s.p.a., Vebal Diffusion, EdilFerro Maggese, F.A.R., Elettronica Biesse, Filatura Papi, PiQuadro, Devit, ecc..); - impianti di riscaldamento civili a gasolio nelle zone non servite dal gas metano. Figura 3 - Fonte: ARPA Emilia-Romagna

13 Pagina 10 di 58 Figura 4 - Fonte: ARPA Emilia-Romagna Acqua Il Decreto legislativo n. 152 del 3/4/2006 ha riordinato e integrato le disposizioni di tutti i settori ambientali. Nella Parte III sono dettate le norme in materia di tutela delle acque dall inquinamento e di gestione delle risorse idriche. Il decreto attuativo n. 131 del 16/6/2008 Regolamento recante i criteri tecnici per la caratterizzazione dei corpi idrici e il D.M. n. 56 del 14/4/2009 Criteri tecnici per il monitoraggio dei corpi idrici e l identificazione delle condizioni di riferimento hanno fornito alle Regioni gli strumenti per definire le nuove reti di monitoraggio. Livello di Inquinamento dei Macrodescrittori (LIM): si ottiene sommando i punteggi ottenuti da 7 parametri chimici e microbiologici ( macrodescrittori ), considerando il 75 percentile della serie di misure; il risultato rientra in una scala a livelli decrescenti da 1 a 5.

14 Pagina 11 di 58 Tabella 4 - Livello di inquinamento da macrodescrittori. Fonte: ARPA Emilia-Romagna Indice Biotico Esteso (IBE): classifica la qualità di un corso d acqua su di una scala che va da 12 (qualità ottimale) a 1 (massimo degrado), suddivisa in 5 classi di qualità. Classi qualità Valore IBE Giudizio Colore Classe I Ambiente non alterato in modo sensibile Azzurro Classe II 8-9 Ambiente con moderati sintomi di alterazione Verde Classe III 6-7 Ambiente alterato Giallo Classe IV 4-5 Ambiente molto alterato Arancione Classe V Ambiente fortemente degradato Rosso Tabella 5 - Conversione valori I.B.E. in Classi di Qualità e giudizio. Fonte: ARPA E.R. Di seguito si riportano i risultati di qualità ambientale ottenuti dalla campagna di monitoraggio per la vita dei pesci. (D. Lgs. 152/99 All. 2B) effettuata da ARPA nel Le frequenze di monitoraggio di queste stazioni sono di norma trimestrali, per cui i dati LIM sono indicativi della qualità ambientale. N. Corpo idrico Stazione Tipo LIM IBE 2 Silla Porchia S 11 3 Silla Mulino di Gaggio C Reno Berzantina C Tabella 6 valori LIM e IBE nelle stazioni più vicine a Caffita (2008). Fonte: ARPA E.R.

15 Pagina 12 di 58 Figura 5 qualità acque superficiali per la vita dei pesci. Fonte: ARPA Emilia-Romagna Sommando e integrando i risultati dei monitoraggi sulle acque per la vita dei pesci (di cui alla figura precedente) e sulle acque destinate alla potabilizzazione (per le quali non vi sono stazioni di monitoraggio vicine a Caffita), si giunge al seguente insieme:

16 Pagina 13 di 58 Figura 6 qualità complessiva acque superficiali. Fonte: ARPA Emilia-Romagna Nel bacino montano, gli obiettivi dichiarati dall Autorità di Bacino del Reno nel Piano di Tutela della Regione erano finalizzati al mantenimento delle caratteristiche di idoneità alla vita dei pesci (salmonidi o ciprinidi), al mantenimento delle caratteristiche di idoneità all uso potabile in corrispondenza alle aree di prelievo degli acquedotti, e al mantenimento, ove esistente, degli stati ecologici elevato e buono. Tale obiettivo è stato sostanzialmente raggiunto.

17 Pagina 14 di Rumore La normativa nazionale (L. 447/95 e decreti applicativi) e regionale (L.R. 15/01 e direttive applicative) prevede l attuazione di una articolata serie di azioni, in capo a soggetti diversi, volte alla riduzione e alla prevenzione dell inquinamento acustico: classificazione acustica del territorio e piani di risanamento comunali, piani di risanamento delle aziende nonché piani di contenimento e abbattimento del rumore per le infrastrutture, valutazioni previsionali di impatto acustico e di clima acustico. La classificazione acustica (o zonizzazione), ovvero l assegnazione di una delle 6 classi indicate dalla normativa, sulla base della prevalente destinazione d uso, è il presupposto indispensabile alla predisposizione dei piani di risanamento acustico, e costituisce per i Comuni un fondamentale strumento di prevenzione anche in riferimento alla sua integrazione con la pianificazione urbanistica. La Regione Emilia-Romagna ha definito i criteri tecnici per la classificazione acustica del territorio; sulla base degli indirizzi regionali, i Comuni provvedono all adozione del regolamento ai sensi dell art. 6 comma 1 della Legge 447/95. Nella zonizzazione acustica del Comune di Gaggio sono evidenziate le zone di territorio in base al rumore cui sono sottoposte, con relative norme specifiche. Le aree più soggette all inquinamento acustico sono quelle lungo la ferrovia Bologna Porretta e lungo la strada Provinciale ex S.S. 64, oltre alle zone industriali: in loc. Torretta, loc. Roncole, frazione Marano, fraz. Canevaccia, loc. Panigali (ove risiede Caffita), e tutta l area nelle adiacenze della strada che collega Silla al capoluogo. L area Caffita rientra nella Classe V ( Aree prevalentemente produttive ); le zone adiacenti sono in Classe III ( Aree di tipo misto o Ambito agricolo/extraurbano ). Figura 7 dettaglio zonizzazione acustica. Fonte: Comune di Gaggio Montano

18 Pagina 15 di Rifiuti La quantità di rifiuti solidi urbani prodotti in un determinato territorio fornisce la rappresentazione della pressione ambientale che i rifiuti generano sul territorio stesso, e descrive la produzione annuale espressa in tonnellate/anno. Si precisa che la produzione dei rifiuti urbani è strettamente connessa all evoluzione della propensione delle famiglie al consumo; essa costituisce una base per comprendere la ricchezza del territorio oggetto di studio, e consente di elaborare le percentuali di raccolta differenziata (% RD/RT). Tale indicatore di risposta ha la funzione di valutare la raccolta differenziata nell ottica di un ruolo prioritario nel sistema di gestione integrata dei rifiuti. Gaggio M. Provincia BO Abitanti pro capite rifiuti indifferenziati (kg/ab. *anno) Produzione pro-capite totale (kg/ab.*anno) Tot rifiuti urbani indifferenziati (t) Tot raccolta differenziata (t) Totale rifiuti prodotti (t) % raccolta differenziata (recupero e smaltimento) 33,9 48,3 42,3 43,9 Tabella 7 dati complessivi sui rifiuti 2011 e Fonte: Report rifiuti 2013 Provincia di BO Figura 8 - Distribuzione RD per Comuni, Fonte: Arpa Emilia-Romagna

19 Pagina 16 di 58 La percentuale di raccolta differenziata nel Comune di Gaggio Montano è inferiore alla media provinciale; ciò è imputabile alle caratteristiche logistico - morfologiche del territorio montano: densità abitativa molto bassa, territorio con numerose frazioni e/o case sparse, viabilità disagevole. Il dato risulta tuttavia superiore alla media del comprensorio (gestito da Cosea). Figura 9 - Gestori che operano nella raccolta dei rifiuti urbani, Fonte: Arpa ER Rischi ambientali Rischio sismico La riclassificazione sismica del territorio nazionale (Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274/2003) prevede che tutto il territorio nazionale sia classificato a livello sismico, con diversi gradi di pericolosità. In Emilia-Romagna, 105 comuni sono classificati in zona 2 (praticamente tutta la Romagna, il settore orientale della Provincia di Bologna, il comprensorio delle ceramiche modenese-reggiano, alcuni comuni nel crinale tosco-emiliano delle Province di Modena, Reggio Emilia e Parma), 214 comuni in zona 3 e i rimanenti 22 comuni in zona 4 (tutti in pianura: l estremità nord-occidentale delle Provincia di Piacenza, alcuni comuni in prossimità del Po, nelle Province di Piacenza, Reggio Emilia e Ferrara, e la zona del delta del Po). In Emilia-Romagna non esistono comuni classificati in zona 1 (alta sismicità). Il Comune di Gaggio Montano è inserito in zona 3 (sismicità bassa). Per quanto riguarda l area Caffita, la situazione litologica

20 Pagina 17 di 58 consente peraltro di escludere, qualora si verificassero sismi di magnitudo > 5.5, pericoli derivanti da fenomeni di liquefazione. Figura 10 classificazione sismica regionale. Fonte: Regione Emilia-Romagna Rischio industriale La bassa densità industriale, nonché la tipologia prevalente di imprese, fa sì che in questa zona non siano presenti, a tutto il 2012, impianti a rischio di incidente rilevante (D.Lgs. 334/1999). Esistono unicamente 2 stabilimenti (Saeco Vending S.p.A. e FAR S.r.l.), che possiedono depositi o serbatoi di oli minerali, disciplinati ai sensi del D.P.R. 420/94, classificati dalla Provincia come altre tipologie di aziende (Piano Provinciale di Emergenza della Provincia di Bologna Rischio Industriale ): Per gli altri stabilimenti censiti nel database provinciale (par. 5.1) a completamento del quadro conoscitivo delle aziende che trattano o utilizzano, materiali pericolosi, non è possibile conoscere gli scenari incidentali, non essendoci specifici adempimenti di legge. Si è tuttavia adottato il criterio di realizzare per ciascuno di essi un quadro conoscitivo territoriale articolato su più quadri a diversa scala, da riferirsi ad una area di inquadramento pari alla superficie contenuta all interno del cerchio di raggio di 250 metri dallo stabilimento stesso secondo un criterio definito nel tavolo tecnico con la Agenzia Regionale di Protezione Civile (i valori fissati corrispondono alla quarta parte della distanza indicata nel DPCM 31/03/1989 punto 1.A.1.2 Localizzazione e identificazione dell impianto ). Si sottolinea che il criterio proposto non trova alcun riferimento nella normativa vigente, ma è applicato esclusivamente a fini conoscitivi del territorio. L ubicazione degli stabilimenti, indicata nel grafico seguente, mostra distanze di circa 3 km fra i 2 stabilimenti e quello Caffita.

21 Pagina 18 di 58 Figura 11 estratto Piano provinciale di emergenza - rischio industriale. Fonte: Provincia di Bologna

22 Pagina 19 di 58 Rischio incendi boschivi Il rischio di incendi boschivi è inteso come prodotto degli indici medi di pericolosità potenziale per quelli di vulnerabilità effettiva, calcolati sulla superficie percorsa da incendi: PERICOLOSITA' POTENZIALE (proprietà intrinseca di un territorio ad essere percorso dal fuoco in base ai soli fattori fisico-ambientali) X VULNERABILITA' EFFETTIVA (analisi della statistica degli incendi registrati nel tempo) = RISCHIO DI INCENDI BOSCHIVI (risultato previsionale della probabilità che si verifichino incendi boschivi in una certa area del territorio) In Emilia-Romagna, gran parte dei comuni appenninici sono caratterizzati da indici di rischio compresi tra 1.5 e 3.5, che evidenziano nel complesso la grande diffusione di un grado di rischio medio, ovvero con indici di rischio tra moderato e marcato nella terminologia adottata per il Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi ex L.353/00 (anno 2010). In base a tale Piano, il Comune di Gaggio Montano è classificato a rischio moderato (vds. figura seguente). Figura 12: indici di rischio da incendio boschivo. Fonte: Regione Emilia-Romagna

23 Pagina 20 di 58 Rischio elettromagnetico/radiazioni Sul territorio comunale sono presenti vari elettrodotti. Il Comune di Gaggio Montano non è tuttavia soggetto a campi elettromagnetici generati da linee ad alta e altissima tensione, come si evince dalla figura seguente. Non sono inoltre riscontrate sorgenti di radiazioni ionizzanti. Figura 13 rete di trasporto e distribuzione di energia elettrica. Fonte: ARPA ER Rischio idraulico-idrogeologico Le problematiche relative alla sicurezza del territorio si concentrano prevalentemente nell area di pianura: in collina ed in montagna, infatti, la presenza di diffusi movimenti di massa determina numerose situazioni di dissesto, ma solo in alcuni casi il rischio idraulico connesso supera la dimensione puntuale. La rete idrografica principale del bacino Reno è costituita, per 420 km su oltre 850, da corsi d acqua arginati perlopiù pensili, con argini che possono raggiungere i 15 m di altezza sopra il piano campagna. Lo scolo è garantito da una complessa rete di fossi e canali artificiali; la sicurezza idraulica dei centri abitati e delle infrastrutture dipende dalla capacità di smaltimento delle acque meteoriche e dal buon funzionamento della rete di scolo. L area di insediamento Caffita non è soggetta a rischio esondazione.

24 Pagina 21 di 58 Rischio frana Il dissesto idrogeologico è l effetto di quell insieme di processi morfologici che producono modificazioni territoriali che in alcuni casi possono essere molto rapidi, interagendo in modo negativo o distruttivo su insediamenti, infrastrutture, attività presenti sul territorio, ed assumendo quindi la connotazione di rischio in termini di rilevanza sociale ed economica. Le frane, gli smottamenti e i processi erosivi accelerati sui versanti, ma anche i processi fluviali (erosioni di sponda, laterali, divagazioni e alluvioni) sono fenomeni naturali, che nel corso di centinaia di migliaia di anni hanno modellato l Appennino, costruito la pianura emiliano-romagnola e alimentato di sedimenti la costa adriatica. La stessa influenza dell uomo su tali processi, spesso evocata, non è ben quantificabile, sebbene alcune modifiche dirette del territorio (disboscamenti e usi del suolo non idonei) e altre indotte sul clima a scala globale, ne abbiano sicuramente intensificato l azione. La propensione al dissesto dell Appennino bolognese, dovuta all estesa diffusione di formazioni a prevalente composizione argillosa e assetto caotico, rende la provincia di Bologna una delle più franose dell Emilia Romagna. La maggior parte dei movimenti franosi è dovuta a riattivazione di corpi di frana, sui quali in molti casi sono stati edificati nel tempo centri abitati e infrastrutture, sia per mancanza di memoria storica che per errata valutazione della pericolosità. Le frane appenniniche più frequenti sono gli scorrimenti rototraslativi e le colate, che possono provocare danni diffusi ma generalmente poche vittime, grazie alla cinematica lenta dei fenomeni dovuta alle frequente e cospicua presenza di componenti argillose. Sostanzialmente buona è la conoscenza dei fenomeni franosi che insistono sul territorio provinciale, con una banca dati del dissesto predisposta dal Servizio Geologico della Regione Emilia Romagna in collaborazione con la Provincia, i Comuni e l Autorità di Bacino, in continuo aggiornamento anche cartografico, e integrata da progetti specifici di censimento come il progetto IFFI (Inventario Fenomeni Franosi in Italia), promosso a livello nazionale. Le frane presenti nel territorio comunale sono: Battuta Bianca - Case di Serra; Collina- Colombara; Bombiana; Giugnano loc. Costellina-Usignolo; Marano-Buca di Pilato; Molinazzo-Pianella di sotto; Rocca Pitigliana; Silla; Marano; Montecchi-Silla. L area di insediamento Caffita non è soggetta a rischio frana.

25 Pagina 22 di 58 Figura 14 estratto Piano provinciale di emergenza - rischio frana e rischio esondazione. Fonte: Provincia di Bologna

26 Pagina 23 di 58 2 STRUTTURA DELL ORGANIZZAZIONE 2.1 DESCRIZIONE GENERALE Lo stabilimento Caffita di Gaggio Montano è dedicato alla lavorazione del caffè mediante processo di torrefazione e alla produzione di capsule contenenti caffè o altri prodotti affini. Le capsule di caffè possono essere prodotte anche a partire dal caffè, già macinato e confezionato, proveniente da fornitori esterni. Il complesso aziendale sorge all interno di un area della zona industriale di Via Panigali, non direttamente confinante con altri insediamenti. La zona industriale di Panigali, situata in posizione periferica rispetto al centro abitato del capoluogo del Comune di Gaggio Montano, è raggiungibile attraverso la strada statale SS 623 del Passo Brasa che, nel tratto in questione, prende appunto il nome di Via Panigali. All area dello stabilimento aziendale, parzialmente recintata, si accede dall ingresso posto su Via Panigali, che presenta ingressi separati, carrabile e pedonale; da qui, attraverso i percorsi interni pedonali e carrabili, è possibile raggiungere rispettivamente la zona uffici e le diverse aree dello stabilimento. Nel suo complesso, l insediamento produttivo è costituito dal corpo di fabbrica principale con i reparti produttivi, da un magazzino per lo stoccaggio di merci e materiali, dalla palazzina che ospita gli uffici, i laboratori ed i servizi e, infine, dalla palazzina in cui hanno sede gli impianti tecnologici ausiliari all attività produttiva. Il capannone industriale si sviluppa su un unico livello (superficie lorda complessiva pari a circa m 2 ) suddiviso nei seguenti ambienti di lavoro: il reparto produzione con le linee per il confezionamento delle capsule, il reparto torrefazione e macinazione del caffè con annessa sala controllo su due livelli, il locale di installazione dell impianto pulitura caffè, n. 4 locali adibiti a magazzino per lo stoccaggio rispettivamente delle materie prime, dei prodotti finiti confezionati, dei componenti semilavorati e dei materiali per imballaggio. La lavorazione del caffè effettuata all interno dello stabilimento aziendale, con i relativi macchinari ed impianti, rientra tra le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi (punto n. 37 dell allegato al D.M. 16 febbraio 1982), per le quali l Azienda ha richiesto e ottenuto il Certificato di Prevenzione Incendi. Le aree a rischio specifico presenti all interno del capannone (reparto torrefazione e magazzini di stoccaggio materiali combustibili) costituiscono compartimenti antincendio, e come tali sono separati dagli ambienti circostanti mediante elementi

27 Pagina 24 di 58 costruttivi aventi caratteristiche di resistenza al fuoco REI 120. Le operazioni di movimentazione dei materiali all interno dello stabilimento e le operazioni di carico e scarico degli automezzi sono eseguite dal personale con l ausilio di tradizionali mezzi di trasporto e sollevamento, quali carrelli elevatori a trazione elettrica e transpallet elettrici o manuali; il capannone dispone di banchine attrezzate con relative rampe di carico / scarico regolabili. In un edificio a pianta rettangolare, separato dal corpo di fabbrica principale, è ricavato un magazzino per lo stoccaggio di merci e materiali, attrezzato con scaffalature metalliche di tipo industriale. Un sistema di nastri trasportatori consente la comunicazione tra il magazzino ed i reparti produttivi. La palazzina uffici e servizi sorge in adiacenza al capannone industriale, lungo il lato ovest dell edificio, e si sviluppa su tre livelli, separatamente dal capannone stesso; al piano terra e al piano rialzato sono presenti due passaggi, dotati di porte REI munite di congegno per l autochiusura, che consentono di mettere in comunicazione l area uffici e servizi con i reparti di lavorazione. L ingresso principale ai locali della palazzina uffici è posto al piano rialzato (livello 0), ove è situata la postazione del centralino reception; dalla hall d ingresso, attraverso una scala interna o per mezzo di ascensore, è possibile raggiungere il piano superiore della struttura. Un ingresso secondario, cui si accede dall area esterna che separa la palazzina dal capannone, è ubicato al piano terra (livello -1). I locali della palazzina sono caratterizzati dalle destinazioni d uso di seguito indicate: al piano terra (livello -1) sono stati collocati gli spogliatoi per il personale (in locali distinti uomini/donne e provvisti del necessario arredamento) con i relativi servizi igienici, il locale infermeria, un locale di riposo a disposizione del personale in pausa dall attività lavorativa, i locali adibiti a laboratorio controllo qualità e ricerca sviluppo, il locale CED, alcuni ripostigli e vani tecnici vari; al piano rialzato (livello 0), oltre al centralino / reception, sono presenti i seguenti locali: l ufficio tecnico di ricerca e sviluppo, una saletta per riunioni, una sala congressi, i servizi igienici, ripostigli e vani tecnici; il primo piano (livello +1) è riservato agli uffici direzionali, amministrativi e commerciali a supporto dell attività produttiva aziendale; sono inoltre presenti i servizi igienici e alcuni vani tecnici. In adiacenza al corpo di fabbrica principale, sul lato nord-est dell edificio, sorge la palazzina dei servizi tecnologici, su due livelli fuori terra; è separata dal capannone

28 Pagina 25 di 58 che ospita il reparto di confezionamento mediante un vano di distacco, che costituisce un intercapedine antincendio con funzione di passaggio di persone. Al piano terra della palazzina sono ricavati una serie di locali tecnici, ad uso esclusivo, tra loro separati da elementi costruttivi aventi caratteristiche di resistenza al fuoco REI 120, con accesso diretto dall area esterna dello stabilimento: centrale per la produzione di aria compressa: all interno del locale sono installati n. 4 elettrocompressori a vite con relativi apparecchi essiccatori e serbatoio di accumulo (capacità pari a litri e pressione massima di esercizio pari a 8,5 bar); la centrale alimenta la rete di distribuzione dell aria compressa a servizio dei reparti di lavorazione dello stabilimento; cabina di ricezione e trasformazione MT/bt: all interno del locale sono installati il gruppo di arrivo MT, un trasformatore da kw e i quadri di distribuzione bt; all esterno della cabina è collocato il pulsante di sgancio dell'alimentazione che consente, in caso di necessità, di togliere tensione all intero stabilimento; centrale termica: all interno del locale sono installati 2 generatori di calore con bruciatori a metano, ciascuno dei quali con potenzialità termica di circa 511 kw; il locale è dotato di aperture permanenti di aerazione, realizzate su parete esterna, di dimensioni adeguate a quanto richiesto dalle norme di prevenzione incendi. L accesso ai suddetti locali e vani tecnici è riservato al personale autorizzato. Sempre al piano terra della palazzina, in un locale dedicato, è ubicata l officina di manutenzione attrezzata con un banco di lavoro, scaffali e strutture porta-barre, macchine utensili tradizionali, attrezzi manuali e attrezzature portatili ad azionamento elettrico o pneumatico. Il locale, in cui non è prevista la presenza continuativa di personale, è a disposizione degli operatori addetti alla manutenzione per eseguire interventi di riparazione e lavorazioni meccaniche a supporto dell attività produttiva dello stabilimento. Per l esecuzione di occasionali operazioni di saldatura, il personale addetto alla manutenzione dispone anche di attrezzature per la saldatura ad arco con elettrodo e carrello ossiacetilenico. In un secondo locale sono installati 2 centri lavoro a controllo numerico, nei quali il personale addetto esegue lavorazioni meccaniche a supporto dell attività produttiva; in particolare vengono realizzati pezzi di ricambio e nuovi prototipi per le linee confezionamento e, sotto il controllo dell ufficio tecnico, prototipi di macchine per caffè.

29 Pagina 26 di 58 Al primo piano della palazzina che ospita i servizi tecnologici sono presenti: un ufficio a disposizione del personale addetto alla manutenzione; un magazzino per lo stoccaggio di componenti, particolari meccanici e ricambi; un locale con l impianto di aspirazione per il recupero degli sfridi delle capsule. Sulla copertura della palazzina, raggiungibile per mezzo di una scala metallica esterna, sono alloggiate le unità di trattamento aria, un box di contenimento delle batterie di pompe per la creazione del vuoto, necessario al trasporto pneumatico del caffè alle linee di confezionamento, i gruppi di raffreddamento e le pompe per il ricircolo dell acqua a servizio delle macchine termoformatrici. Nelle aree esterne di pertinenza dello stabilimento sono inoltre presenti: n. 4 sili di stoccaggio, sul lato sud-ovest, in prossimità del reparto torrefazione e della palazzina uffici / servizi; sono destinati rispettivamente allo stoccaggio di caffè crudo (capacità massima pari a 200 t) e di caffè tostato (capacità massima pari a 100 t), all interno di appositi settori; n. 2 serbatoi di azoto liquido, posti in prossimità dei sili di stoccaggio del prodotto crudo / tostato; l utilizzo dell azoto serve per l inertizzazione delle macchine macinacaffè e per il confezionamento del prodotto macinato in atmosfera protetta; n. 1 impianto di aspirazione e abbattimento a due stadi (ciclone abbinato a filtro a tessuto), a servizio delle macchine termoformatrici, per la raccolta degli scarti di materie plastiche in big bags; n. 1 impianto di aspirazione polveri a servizio delle linee di confezionamento; una batteria di pompe, per la creazione del vuoto necessario al trasporto pneumatico del caffè ad una delle linee di confezionamento; n. 1 sala pompe in cui è alloggiato il gruppo di pressurizzazione (gruppo elettropompe e motopompa diesel di emergenza) a servizio dell impianto idrico antincendio, con relativa riserva idrica costituita da una cisterna interrata di accumulo avente capacità di 72 m 3. Le restanti aree esterne dello stabilimento sono in parte riservate ad aree di parcheggio per le autovetture di dirigenti, impiegati, clienti e visitatori, in parte sono a disposizione come aree di transito, sosta e manovra dei mezzi interni di trasporto e degli automezzi pesanti, impegnati nelle operazioni di carico e scarico delle materie prime, dei prodotti e dei materiali in ingresso e in uscita dallo stabilimento. L area di deposito temporaneo dei rifiuti prodotti dalle attività lavorative dell Azienda è ricavata in una porzione del piazzale esterno, attrezzato con container e cassoni per la raccolta degli scarti di lavorazione.

30 Pagina 27 di DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO Gli impianti utilizzati sono: impianto di carico caffè verde; impianto di carico caffè tostato; impianto di carico caffè macinato; 2 silo stoccaggio caffè verde; 2 silo stoccaggio caffè tostato; 20 silo stoccaggio caffè macinato; 2 tostatrici caffè; 2 macinatori caffè; 2 macchine termoformatura; 2 macchine trancia e salda; 5 linee di confezionamento in capsula; 1 macchina confezionamento sacchetti caffè tostato.. Arrivo materie prime All unità produttiva giungono le materie prime quali caffè verde, caffè tostato in grani, caffè tostato macinato, aggregati (orzo tostato macinato, the in foglia, tisane, prodotti in polvere) e imballi per la produzione di capsule monodose.. Immagazzinamento Le materie prime, i semilavorati e i prodotti finiti vengono sottoposti a controllo di conformità all ordine e ai requisiti qualitativi prima di essere immagazzinati.. Carico caffè verde e tostato in grani Il caffè verde viene scaricato su una tramoggia di carico e tramite trasporto pneumatico viene condotto nella sala di pulizia del caffè crudo. I chicchi di caffè vengono separati dagli eventuali elementi estranei (polveri, metalli, ecc.) tramite un prepulitore, una spazzolatrice, una spietratrice e una selezionatrice ottica. Successivamente, tramite un elevatore pneumatico, il caffè crudo viene stoccato in un silos esterno a scomparti. Il caffè tostato viene scaricato su una tramoggia di carico ed inviato tramite trasporto pneumatico all interno del sistema di pesatura, stoccato in un silos esterno a scomparti o essere destinato direttamente alla macinazione.

31 Pagina 28 di 58. Carico caffè macinato Le confezioni vengono caricate in una macchina tagliasacchi che provvede a svuotarle dal caffè in una tramoggia di carico collocata nei pressi dell impianto di macinazione ed inviarlo ai silo a bordo delle linee di confezionamento.. Carico aggregati (orzo tostato macinato, tè in foglia, tisane, e prodotti in polvere) Questi prodotti vengono trasferiti dalle confezioni di arrivo all interno delle tramogge di carico mobili collocate nei pressi delle linee confezionatrici.. Tostatura (o torrefazione) Tutti i tipi di caffè crudo vengono sottoposti a torrefazione che consiste nel trattamento termico del caffè crudo (o verde) nella TOSTATRICE. La macchina tostatrice è provvista di un generatore di calore a metano con scambiatore di calore che consente di tostare il caffè senza che quest ultimo venga a contatto con i fumi della combustione. La tostatura ha una durata variabile in funzione del prodotto desiderato ma sempre maggiore di 10 min. ad una temperatura finale superiore ai 200 C. Le pellicole dei chicchi di caffè, che costituiscono uno scarto di lavorazione, vengono smaltite, raccolte e compattate con apposita macchina.. Raffreddamento Al termine della tostatura, il portellone della tostatrice si apre automaticamente ed il caffè è trasferito, per caduta, nella sottostante vasca di raffreddamento e miscelazione; il calo di temperatura viene attuato da un passaggio di aria che attraversa il caffè torrefatto.. Trasporto e immagazzinamento Il caffè tostato raffreddato viene trasportato attraverso una conduttura in acciaio inox tramite propulsore per vuoto, a silos di stoccaggio. Qui è lasciato riposare per un tempo massimo di 5 giorni.. Macinatura Il caffè viene macinato con macinatori industriali e fatto riposare per un tempo massimo di 3 giorni in appositi silos, per poi passare al confezionamento. La movimentazione del caffè macinato avviene tramite trasportatori pneumatici a batch (in fase densa).

32 Pagina 29 di 58. Confezionamento Tutti i prodotti vengono confezionati con macchine automatiche in capsule monodose.. Immagazzinamento confezioni Le capsule monodose sono confezionate in box contenenti molteplici capsule a seconda delle specifiche commerciali; successivamente i pallet di prodotto finito vengono stoccati in magazzino in attesa della spedizione ai clienti.. Termoformatrice per la produzione di capsule: o nel forno di preriscaldo la foglia permane per 3 minuti a 115 C e per 30 sec nel letto di resistenze e arriva sotto lo stampo a C. Le operazioni sotto lo stampo sono: o chiusura, discesa imbuttitori, soffio aria contro fondello, taglio, apertura stampo, espulsione; o pressini, fondello, aria a T ambiente; o tranciante ed espulsore raffreddati con impianto frigorigeno a C.. Diparto Il prodotto finito, a seconda degli accordi commerciali, viene destinato a: o B to B (Business to Business) i lotti di prodotto finito vengono spediti interamente al cliente/torrefattore che provvede alla vendita diretta; o B to C (Business to Customer) il prodotto finito viene venduto al consumatore finale: attraverso il canale Network Italia; attraverso il Punti Vendita.

33 Pagina 30 di 58

34 Pagina 31 di 58

35 Pagina 32 di 58

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Numero di protocollo COMUNE DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, PRESENTAZIONE DI D.I.A., AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI AL SERVIZIO

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE

ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE ALLEGATO A CRITERI GENERALI PER LA PROGETTAZIONE I criteri a cui fare riferimento per la progettazione sono quelli di seguito indicati e, comunque, quelli volti all utilizzo di soluzioni sperimentali e

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

INTRODUZIONE. 1. Lo sportello unico per le attività produttive

INTRODUZIONE. 1. Lo sportello unico per le attività produttive LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA FINALIZZATA AL RILASCIO DEL PARERE AMBIENTALE ARPA NEI PROCEDIMENTI DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE INTRODUZIONE 1. Lo sportello

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 10. IL RUMORE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 10. IL RUMORE 10. IL RUMORE 10.1. Premessa L Unione Europea definisce il rumore ambientale come suoni indesiderati o nocivi generati dall attività umana in ambiente esterno, compreso il rumore emesso da mezzi di trasporto

Dettagli

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE

PRESENTA DOMANDA PER LA VERIFICA DI COMPATIBILITA AMBIENTALE Modello per Sportello Unico DPR 447/98 Spett.le Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Dipartimento di Cuneo OGGETTO: Richiesta verifica di compatibilità AMBIENTALE, con esclusione

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000).

sensi dell art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e dell art. 25 della L.R. 83/2000). Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Deposito Temporaneo di rifiuti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA APPENDICE B5 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DI PRODUZIONE CDR E DELL IMPIANTO

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio provvisorio ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE, IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE, ALLA DOMANDA DI

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

ELABORATO 8 Quadro ambientale: SALUTE E BENESSERE DELL UOMO

ELABORATO 8 Quadro ambientale: SALUTE E BENESSERE DELL UOMO Stazione di trasferimento rifiuti non pericolosi Coriano (RN) Valutazione di Impatto Ambientale L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Nuova ubicazione

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n.

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n. ECO-ENERGY S.p.A. RIFIUTI INDUSTRIALI TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, BONIFICHE www.ecoenergy.it REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Provincia di Udine Sede legale: Via Pier Paolo Pasolini, 35 int. 11 33040

Dettagli

Valutazione. Ambientale. Strategica

Valutazione. Ambientale. Strategica Valutazione Ambientale Strategica 07 ANALISI E VALUTAZIONE SULLO STATO DI FATTO SOMMARIO SOMMARIO... 2 7 ANALISI E VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 VAS MORBEGNO SOMMARIO 07-2 7 ANALISI E VALUTAZIONE

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE INTEGRAZIONI DELLE PRESCRIZIONI DI CARATTERE GEOLOGICO-GEOTECNICO CONTENUTE NELLA VALSAT E NELLA SCHEDA NORMATIVA D AMBITO DEL POC OPERE

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE 3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RS E RSP Il Piano regionale dei rifiuti secondo stralcio relativo ai rifiuti speciali anche pericolosi,

Dettagli

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO ASSEVERAZIONE ai sensi dell'art. 19 della Legge 7/8/1990, n 241 con le modalità degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 6/6/2001, n 380 e ss.mm.ii (ALLEGATO

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV)

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PN) SOCIETÀ GEO NOVA S.P.A. Via Feltrina, 230/232 31100 Treviso (TV) IMPIANTO DI STOCCAGGIO, CERNITA, TRATTAMENTO

Dettagli

Previsione di Clima Acustico

Previsione di Clima Acustico COMUNE DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Previsione di Clima Acustico Opera soggetta a previsione: PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA E FUNZIONALE DEI CAPANNONI 17 e 18 NELL AREA DELLE

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA Premessa Il progetto CLEAR, ha come obiettivo finale l approvazione del bilancio ambientale da parte dell ente. Nella costruzione e approvazione del bilancio ambientale

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA AREA SERVIZI PIANIFICAZIONE E USO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA AREA LA GALEOTTA SCHEDA D AREA AREA LA GALEOTTA Deminazione Area La Galeotta 1.

Dettagli

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi Pagina 1 di 7 SEZIONE 1 - Notizie generali Azienda : CLERICO PRIMINO s.r.l. Indirizzo sede operativa: Via Provinciale, n. 54 - Camburzano Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi

Dettagli

ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN

ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN ELENCO DELLE ATTIVITA SVOLTE DALLA SOCIETA SINERGIA SNC DI BOVO GIORGIO E MENEGHELLO JONATHAN SEDE LEGALE ED UFFICIO: Corso Roma 45 15121 Alessandria (AL) SEDE OPERATIVA LIGURIA: Palazzina Ex Omsav Zona

Dettagli

3.2 PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA

3.2 PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA 3.2 PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA E la filiera più antica e tuttora la più diffusa e nell utilizzo delle biomasse per energia è esclusivamente legata ai biocombustibili solidi: legna da ardere, residui

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs.

Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs. Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs. 59/05 Numero del rapporto: 2/QUINQUIES/BN Ditta: Moccia Industria

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO CENTRO DI RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI Zona Industriale Brindisi IN PROCEDURA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL ART. 216 DEL D.Lgs 152/2006 E ss.mm.ii.

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART AREA TECNICA - SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E CIMITERI REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART. 15

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Gli impianti geotermici

Gli impianti geotermici Gli impianti geotermici Valutazioni generali Nell ambito della provincia di Verona, qualunque sia il contesto geologico in cui realizzare l impianto geotermico, il criterio generale prevede di utilizzare

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli