Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione;"

Transcript

1 LATTE Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione; quando non sia altrimenti specificato, si tratta di latte vaccino; le femmine dei mammiferi iniziano a produrre latte al termine della gravidanza, a causa di stimoli neuroendocrini, attraverso le ghiandole mammarie; nei primi giorni viene escreto colostro, un liquido giallognolo viscoso povero di lattosio e ricco di Vit. A, sali minerali e proteine, in particolare immunoglobuline, dirette alla difesa immunitaria del neonato (immunità passiva), che non vengono distrutte nel tubo digerente per la presenza nel colostro di inibitori della tripsina; ha densità , superiore a quella del latte ( ); Contiene lecitina, colesterolo, abbondanti lattoalbumine e meno caseina, tanto che è meno sensibile all azione della chimasi e coagula solo per riscaldamento. nella mucca, il periodo di lattazione dura gg in cui vengono prodotti litri al giorno; nello stesso giorno, il latte migliore è quello della sera, dopo un certo numero di mungiture (è più ricco di grassi);

2 è un alimento completo (sono presenti lipidi, proteine, zuccheri, vitamine, sali minerali in quantità variabile in base alla specie animale, l età, lo stadio di lattazione, la stagione, l alimentazione), è infatti l unico alimento per i neonati, ma è molto importante anche nell alimentazione dell adulto, specie nel corso di malattie e di convalescenze. PROPRIETA CHIMICO-FISICHE E una dispersione acquosa composta da: lattosio, lattoalbumina, lattoglobulina, sali minerali, vitamine idrosolubili, in soluzione; fosfato tricalcico, caseine, in soluzione colloidale (granuli piccolissimi); grassi, vitamine liposolubili, in emulsione; cellule, microrganismi, in sospensione. Lasciato a riposo, il latte si separa in due strati: quello superiore, la crema di latte, dove si raccolgono i globuli di grasso e quello inferiore, latte scremato.

3 il latte fresco è neutro per la presenza di sistemi tampone come KH 2 PO 4 -K 2 HPO 4 e di miscele di proteine acide e proteine basiche, ma con il tempo si inacidisce per la fermentazione del lattosio ad acido lattico ad opera dei fermenti lattici. La fermentazione è rapida a C, mentre è molto p iù lenta a 0 C; tuttavia nel latte stesso è presente la lattenina, che inibisce la moltiplicazione di microrganismi sempre presenti nel latte (inquinamenti esterni). Il latte fresco per riscaldamento non coagula, ma lascia separare una pellicola giallastra di lattoalbumina coagulata e piccole quantità di fosfati e caseina; il latte che ha un acidità del 2% in acido lattico coagula al riscaldamento, del 6%, coagula a t.a.; nella preparazione del formaggio si fa precipitare dal latte la caseina come sale di calcio della paracaseina, che trascina con sé anche i grassi. Si tratta il latte a C con presame o caglio (contiene chimosina o chimasi). Il liquido rimanente è il siero di latte che contiene disciolte lattoalbumina e lattoglobulina. Da questo, per trattamento con agra (siero fermentato, inacidito) a C, s i ottiene la ricotta.

4 COMPOSIZIONE CHIMICA del LATTE Le varie componenti del latte hanno diversa origine: caseine, β-lattoglobuline, α-lattoalbumina, lipidi, lattosio (apparato mammario); minerali, immunoglobuline, sieroalbumina (sangue); membrane dei globuli di grasso (tessuti animali); alcuni proteoso-peptoni e γ-caseine (lisi post secretoria); Acqua (87,5%) Lipidi (3,2-3,9%) Proteine Caseina 80% β-lattoglobulina 10% Sostanza secca non grassa (8,8%) Sostanze azotate (2,9-3,3%) Glucidi (4,6-5%) Minerali, acidi organici (1%) Vitamine (94%) Proteine α-lattoalbumina 3,4% del siero 20% Altre proteine Sostanze azotate non proteiche (amminoacidi, urea, creatina, ammoniaca, ) % 5 4 Lattosio Grasso Proteine Gas Settimane di lattazione

5 Proteine raddoppio di peso in 180 gg 1.63 % nella donna raddoppio in 47 gg 3.1 % nelle mucche raddoppio in 6 gg 14 % nei conigli La velocità di crescita del neonato è proporzionale alle percentuali di proteine e calcio presenti nel latte Nel latte vaccino l azoto proteico costituisce il 94% dell azoto totale. lattoglobulina, lattalbumina, caseina possono essere fattori allergizzanti. Caseine (α s1, α s2, β, k, γ: 50, 30, 15, 5%) Non coagulano al calore (occorrono 140 C per min.), ma per acidificazione (hanno bassi pi) o per azione di enzimi proteolitici; sono presenti nel latte sotto forma di micelle, complessi macromolecolari (0,1 µm) che inglobano sali minerali (fosfato di Ca, Mg, citrati); le micelle disperdono la luce e conferiscono colore bianco al latte e l'opacità insieme agli altri ai colloidi presenti nella dispersione;

6 sono prive di struttura terziaria e quindi non denaturano al calore; anche le strutture secondarie sono interrotte dalla presenza frequente di prolina; tale caratteristica fa sì che le porzioni idrofobiche siano esposte e quindi la molecola sia insolubile in acqua e tenda ad associarsi con le altre; grazie alla loro organizzazione micellare, sono separabili per centrifugazione; la K è l unica caseina glicosilata ed infatti è l unica idrofila, che stabilizza le altre; quando però viene scissa dalla rennina in due parti, di cui una idrofoba (la paracaseina K), quest ultima va poi ad interagire idrofobicamente con le micelle caseiniche facendole aggregare e quindi coagulare; in condizioni normali, la caseina K, ha una funzione colloidal-protettrice, impedendo alle micelle di aggregarsi tra loro e precipitare. H 2 N Paracaseina k insolubile associata alle micelle Caseino-glicopeptide solubile COOH Attacco rennina

7 Proteine del siero Molto finemente disperse e più stabili, non coagulano per acidificazione, né per azione enzimatica; non sedimentano per centrifugazione; per la maggior parte si tratta di proteine globulari; coagulano al calore (si denaturano); contengono più aa solforati, meno acido glutammico e prolina; hanno alto valore biologico, decisamente superiore a quello della caseina. Proteine Latte umano 53% dell N proteico (latte albuminico) del siero 17% dell N proteico (latte caseinico) Latte vaccino D:\Dennis\Didattica\Documenti utili\latte materno.pdf β-lattoglobulina D:\Dennis\Didattica\Documenti utili\review latte.pdf Presente in 8 varianti genetiche; rappresenta circa il 20% delle proteine del siero del latte vaccino (funzione biologica nei ruminanti: metabolismo dei grassi), mentre scarseggia nel latte umano.

8 α-lattoalbumina Rappresenta solo il 9,5% del contenuto proteico totale nel latte vaccino (ed il 54% delle proteine del siero) mentre rappresenta il 23% delle proteine del latte umano (42% delle proteine del siero); elevato valore biologico: nella scala del valore biologico delle proteine è preceduta solo dall ovoalbumina (proteina dell uovo); è seguita dalla miosina (della carne); ha un certo potere batteriostatico; la sua presenza nelle cellule delle ghiandole mammarie permette la sintesi del lattosio. Altre proteine Sieroalbumina (6% delle proteine totali nel latte vaccino) Proviene dal sangue dell animale, importante in sede di analisi perché permette di individuare l origine. Lattoferrina Di origine mammaria, è deputata al trasporto del ferro (due atomi per molecola). Immunoglobuline Provengono dal sangue; conferiscono proprietà immunologiche al latte; abbondano nel colostro.

9 Proteoso-peptoni (PP) Derivano da proteolisi della β-caseina per azione della plasmina (principale proteasi del latte). Enzimi (ossidasi, catalasi, perossidasi, transaminasi, amilasi, lipasi, fosfatasi, proteasi, robonuclesi, lisozima, ). nel latte fresco crudo, alcuni esplicano ancora la loro funzione (ad es. sintesi del lattosio, degli acidi grassi); la presenza di alcuni enzimi (fosfatasi alcalina, perossidasi) viene ricercata per verificare l efficacia dei trattamenti termici; lisozima, lattoperossidasi svolgono azione batteriostatica; lipasi, proteasi, lattasi sono implicati nelle trasformazioni lattiero-casearie. Lipidi Nel latte vaccino sono circa il 3.5%. I globuli sono complessi sistemi biologici del diametro di 3-5 µm con all interno i trigliceridi ed all esterno un film lipoproteico spesso 0.02 µm. I globuli hanno peso specifico minore di quello dell acqua per cui tendono ad affiorare e con il tempo, a formare uno strato di crema;

10 quella del latte è una delle miscele lipidiche più complesse presenti in natura: trigliceridi (95%), mono e digliceridi (2-3%), acidi grassi liberi, fosfolipidi (1%), colesterolo. Tra gli acidi grassi troviamo anche quelli a corta catena (l acido butirrico, caprinico, capronico, ecc.) caratteristici del latte vaccino, hanno un odore tipico che si avverte quando vengono liberati con processi lipolitici (maturazione dei formaggi). Troviamo, anche se in bassissime percentuali, acidi grassi a numero dispari di atomi di C, insaturi con configurazione trans, ciclici, ramificati, ossiacidi, chetoacidi. Percentuali di acidi grassi nel latte vaccino ed umano Acidi Latte vaccino Latte umano Butirrico C Capronico C Caprilico C Caprinico C Laurico C Miristico C Palmitico C = Palmitoleico C Stearico C = Oleico C == Linoleico C

11 Gli acidi grassi del latte provengono sia dalle ghiandole mammarie (soprattutto quelli a catena corta) che dal sangue (soprattutto quelli a catena lunga); gli acidi grassi insaturi introdotti dal ruminante con la dieta vengono saturati dalla flora batterica del rumine, per cui troviamo nel latte vaccino alte percentuali di acidi grassi saturi (a differenza degli animali monogastrici); comunque aggiungendo oli di semi ricchi in ac. grassi polinsaturi all alimentazione dei bovini, si possono ridurre le percentuali di acidi grassi saturi nel latte vaccino. Glucidi Il lattosio è prodotto dalla ghiandola mammaria; il latte vaccino ne contiene 4.5 g/100; il lattosio deve fornire al neonato il galattosio necessario per la costituzione delle strutture nervose (guaine mieliniche); altri zuccheri sono presenti in tracce: glucosio, galattosio, zuccheri fosforilati, oligosaccaridi. Sintesi del lattosio: avviene nelle cellule del tessuto mammario a partire dal glucosio ematico, e da galattosio (in cui una parte di glucosio si è trasformato). Nella sintesi interviene il complesso lattosio sintetasi dato da un enzima (galattosiltransferasi) e da α-lattoalbumina che permette l attacco del galattosio sul glucosio.

12 Vitamine Nel latte fresco sono tutte presenti, ma le più importanti sono: Vit. A e caroteni, soprattutto in estate-autunno. Vitamine liposolubili: si trovano associate ai globuli dei grassi. Sali minerali Rappresentano ca. l 1% (0.75%, in ceneri); Il contenuto vitaminico si riduce notevolmente in seguito ai processi di risanamento e conservazione. Vit. B 1, B, B, B , in estateautunno Vitamine idrosolubili: si trovano in soluzione. i minerali provengono dal plasma sanguigno, ma le concentrazioni sono diverse in quanto sono filtrati dalla ghiandola mammaria per fornire al neonato le proporzioni utili alla crescita; tra i macroelementi prevalgono K+, Ca++, citrati, fosfati; tra i microelementi, i più significativi sono Zn, Mg, Fe, Cu, ma gli ultimi due, dopo i primi 6 mesi diventano insufficienti per i bisogni nutrizionali del neonato, per cui bisogna integrare la dieta; alcuni metalli possono essere presenti come contaminanti.

13 Altri costituenti cellule (sangue ed epitelio mammario) microrganismi: da qualche centinaio a qualche migliaio per ml nel latte appena munto asetticamente da animali sani. Acidi organici: acido orotico (Vit. B 13, acido citrico (potere tamponante); Ormoni tiroidei, surrenalici, ipofisari; contaminanti acido orotico acido citrico (originariamente introdotto come Vit. B 13 ) mg/l nel latte vaccino

14 RISANAMENTO e CONSERVAZIONE del LATTE Latte crudo Latte prodotto da animali di allevamento Consumo diretto Industria trasformazione Latti naturali: Latte risanato pastorizzato, UHT, sterilizzato. Sono permessi solo mezzi meccanici, alte o basse T. Non sono permessi metodi chimici né le radiazioni. bollatura sanitaria (apposta nello stabilimento di produzione sui contenitori dei prodotti) recepimento direttiva 92/46/CEE. Latti modificati o speciali: latte scremato, concentrato, in polvere, aromatizzato, dietetico (delattosato, vitaminizzato,..), con fermenti vivi aggiunti, fermentato.

15 LATTE CRUDO E il prodotto ottenuto mediante secrezione della ghiandola mammaria di vacche, pecore, capre o bufale, non sottoposto ad una T >40 C né ad un trattamento con effetto equivalente (DPR 54/97) Può essere venduto per il consumo umano diretto, ma deve: LATTE RISANATO Provenire da animali riconosciuti idonei, in seguito a visita veterinaria; essere prodotto, raccolto, commercializzato in condizioni igieniche ineccepibili; rispondere ai parametri di qualità fissati dalla normativa. E venduto in confezione ed ha subito almeno un trattamento termico. Il risanamento si rende necessario perché la sua composizione lo rende un terreno fertile su cui possono svilupparsi microrganismi.

16 Batteri: animale sano: flora batterica non patogena (micrococchi e corynebatteri) mammella malata: forme patogene (stafilococchi e streptococchi, causa di mastiti) In caso di malattia dell animale, i germi possono provenire dal sangue (Mycobacterium Tubercolosis, Brucella abortus). Alcune sorgenti di inquinamento pelle dell animale, ambiente, personale addetto alla mungitura, contenitori, filtri, macchinari, utensili (Escherichia, Enterobacter), le acque di lavaggio. Corpi batterici e tossine termostabili non vengono distrutti dai trattamenti termici per cui il latte deve provenire da animali sani e deve essere munto, raccolto, stoccato e trasportato seguendo precise norme (DPR 54/97: lavaggio fianchi, ventre mammelle animale, sterilizzazione apparecchiature, pulizia ambienti, basse T, ottimo stato igienico-sanitario operatori).

17 Latte pastorizzato Deve aver subito un trattamento che comporti un elevata temperatura per un breve periodo di tempo (72 C per 15 sec ) o un trattamento di pastorizzazione che impieghi diverse combinazioni di tempo e temperatura con effetto equivalente. Fosfatasi negativa Perossidasi positiva* Trattamento termico Provenienza regionale, latte crudo. Rapido raffreddamento a T<6 C Provenienza estera (in tal caso il latte può subire un blando riscaldamento a C prima del trasporto). Il latte pastorizzato è il prodotto tipico delle centrali del latte dove viene raccolto, controllato e bonificato, prima di essere distribuito sul mercato.

18 Campionamento Deposito in Silos a 2-3 C per 24 h max Introduzione nell autocisterna e trasporto Si pesa e si centrifuga ( giri/min) Risanamento Controllo ph: 6,4-6,8 Campionamento Preriscaldamento C in scambiatore (si sfrutta il calore del latte già pastorizzato in uscita) Omogeneizzazione, per frantumare i globuli di grasso P= bar Degasazione, a 45 C, sotto vuoto per eliminare bolle d aria e odori sgradevoli Raffreddamento a 15 C Raffreddamento a 2-3 C Confezionamento (tetrapak) Pastorizzazione HTST (75-80 C/15-20 ). Si fa passare il latte in strati sottilissimi tra piastre in cui passano alternativamente latte e vapore in modo che lo scambio di calore sia massimo (stassanizzatori). Stoccaggio in cella frigorifera

19 In base ai trattamenti termici subiti si hanno diversi valori nutrizionali del latte pastorizzato: Pastorizzato entro 48 h dalla mungitura Proviene da allevamenti selezionati ed è pastorizzato dopo un limitato intervallo di tempo dalla mungitura. Indici Latte pastorizzato Ad alta T Latte fresco pastorizzato Latte fresco pastorizzato di alta qualità fosfatasi alcalina negativa negativa negativa perossidasi negativa positiva positiva siero-proteine sol. non inf. all'11% non inf. all'14% non inf. a 15.5% materia grassa variabile variabile 3.5% materia proteica 28g/l 28g/l non inf. a 32g/l Latte scremato (grassi<0.3%), parzialmente scremato ( %) o intero (3-3.5%) Solo latte intero Va consumato entro il sesto giorno successivo al trattamento termico.

20 Latte UHT (Ultra High Temperature) Si ottiene mediante applicazione al latte crudo di un procedimento di riscaldamento continuo ad almeno 135 C per non meno di un secondo in modo da inattivare i microrganismi e le spore, e confezionato in recipienti opachi o resi tali dall imballaggio e asettici in modo tale che le variazioni chimiche, fisiche ed organolettiche siano ridotte al minimo. Sterilizzazione del latte in flusso continuo, confezionamento asettico UHT diretto (Uperizzazione): vapore e latte sono a contatto diretto. Preriscaldamento a C Omogeneizzazione Iniezione di vapore a 13 bar che lo porta in 4 a C, T a cui resta 2-3. Raffreddamento a t.a. Confezionamento asettico Degassificazione Il contenuto idrico non deve variare Camera di decompressione: raffreddamento a 75 C sotto vuoto il vapore è riceduto Migliori caratteri organolettici rispetto all UHT indiretto

21 UHT indiretto: vapore e latte sono separati da uno scambiatore. Preriscaldamento Omogeneizzazione 108 C/30 poi 140 C/2 in uno scambiatore di calore a piastre ravvicinate Raffreddamento a 20 C Degassificazione Raffreddamento a 70 C Confezionamento asettico Latte sterilizzato Il latte UHT si conserva per 3 mesi a t.a., ma i caratteri organolettici scadono dopo i primi 15 gg. Aperta la confezione si conserva per pochi gg a T di refrigerazione. Ha subito un trattamento termico finale sterilizzante in confezioni o recipienti ermeticamente chiusi. La sterilizzazione classica consiste nel portare il latte omogeneizzato e imbottigliato a ca. 120 C per e successivamente raffreddarlo con immissione di acqua fredda nell autoclave. E oramai sostituito dall UHT. L UHT si conserva meno ma è più gradevole.

22 LATTI SPECIALI Latte scremato e parzialmente scremato Si screma il latte per centrifugazione a giri/minuto. Può essere anche venduto concentrato o in polvere; il latte magro in polvere ha molto impiego nell industria alimentare e in mangimistica; minore contenuto calorico; validi nelle diete (riduzione apporto acidi grassi saturi, responsabili fenomeni aterosclerosi); latti arricchiti: ridotto apporto calorico (in genere latte UHT, parzialmente scremato), addizionati di ω-3, vitamine (liposolubili e idrosolubili termolabili come la vit. C) ed oligoelementi (Fe, Se, Zn). Latte delattosato Prodotto dietetico destinato a chi non può digerire il latte perché non ha l enzima lattasi; gli adulti che digeriscono il latte sono la minoranza, inoltre sembra che sia più digeribile dalle persone che l hanno sempre bevuto in grande quantità; si ottiene trattando il latte con lattasi supportata su di un solido; ha stesso valore nutrizionale, ma è più dolce perché il lattosio ha liberato glucosio.

23 Latte concentrato e latte in polvere ( conserve di latte ) Si ottengono con disidratazione parziale o totale; Requisiti (Circolare 9/96 Ministero della Sanità): materie prime almeno pastorizzate; aggiunta additivi antiossidanti e stabilizzanti; sterilizzazione o UHT + conf. asettico per il latte concentrato (disidratazione fino ad un 5% di umidità residua nel latte in polvere); determinati valori in contenuto lipidico e sostanza secca; divieto di aggiungere latte in polvere o latte ricostruito; si possono ottenere latti in polvere ad elevata solubilizzazione istantanea. Impieghi Consumo diretto: nelle popolazioni povere, in condizioni igienico sanitarie che non permettono la produzione e l uso del latte liquido; come ingredienti: nell industria alimentare (cioccolate, biscotti, gelati, carni conservate. N.B.: la legge italiana non permette la vendita di latte liquido o derivati, ottenuti utilizzando latte in polvere o concentrato.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle.

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle. Referente Email Matelica 5 Stelle info@matelica5stelle.it Data revisione 3.10.2011 1 : salute, sapore, ambiente e risparmio Secondo una stima di Coldiretti i distributori di latte crudo sul territorio

Dettagli

Composizione del latte

Composizione del latte Secondo il RD 9/5/1929 «Il latte è un liquido alimentare, ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione.» 1 Il latte rappresenta una delle

Dettagli

IL LATTE. Industria lattiero casearia

IL LATTE. Industria lattiero casearia Industria lattiero casearia Il latte. Conservazione del latte. Crema e burro. Formaggio IL LATTE L industria lattiero casearia prepara il latte per il consumo diretto oppure lo trasforma in burro o formaggio.

Dettagli

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA

IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA IL LATTE: DALLA MUCCA ALLA TAVOLA Testi a cura di: Chiara Musella, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Il latte: cos è e come si forma? Il latte

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

CONSERVAZIONE CON IL CALORE

CONSERVAZIONE CON IL CALORE CONSERVAZIONE CON IL CALORE AZIONE DELLE ALTE TEMPERATURE Enzimi Microrganismi Fattori che determinano la termoresistenza dei microrganismi Natura intrinseca del microrganismo Caratteristiche dell alimento

Dettagli

Trattamenti industriali e rintracciabilità

Trattamenti industriali e rintracciabilità Il Divulgatore n 4/2009 LATTE ALIMENTARE Trattamenti industriali e rintracciabilità Pastorizzazione, microfiltrazione, sterilizzazione Un excursus sui trattamenti cui è sottoposto il latte alimentare,

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

IL LATTE. Caratteri chimico-fisici e composizione chimica qualitativa del latte.

IL LATTE. Caratteri chimico-fisici e composizione chimica qualitativa del latte. IL LATTE E il secreto della ghiandola mammaria delle femmine di animale in buono stato di salute e di nutrizione, ottenuto da una completa mungitura, escludendo la secrezione detta colostro, avente determinate

Dettagli

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti ANALISI del LATTE Le centrali del latte e gli stabilimenti di trattamento sono dotati di laboratorio in cui viene analizzato il latte in entrata ed il latte in uscita. Le analisi devono: Comunque, come

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Il recepimento della Direttiva Comunitaria n. 43/93 sull igiene dei prodotti alimentari ha introdotto il principio dell autocontrollo, da parte delle

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come:

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come: IL LATTE CRUDO Il latte crudo può essere definito come: «Latte prodotto mediante secrezione della ghiandola mammaria di vacche, pecore, capre e bufale, non sottoposto ad una temperatura superiore a 40

Dettagli

La chimica negli alimenti

La chimica negli alimenti La chimica negli alimenti Come rendere attuale una materia astratta e far divertire i ragazzi Daniela Tofani 1 Chimica laboratoriale Alto contenuto didattico Ampio spazi di discussione con gli studenti

Dettagli

2.4 Il latte. Obiettivi specifici

2.4 Il latte. Obiettivi specifici MODULO 2 ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE UNITÀ 2.4 Il latte mp3 Interrogazioni simulate Trascrizioni in fondo al libro Obiettivi specifici Conoscere la definizione merceologica del latte. Conoscere la composizione

Dettagli

Globuli circondati da membrana. Il grasso tende ad affiorare (crema) L agitazione danneggia la membrana

Globuli circondati da membrana. Il grasso tende ad affiorare (crema) L agitazione danneggia la membrana o Acqua o Grassi o Proteine o Un carboidrato (Lattosio) o Sali minerali o Vitamine o Enzimi Latte Proteine Caseina Proteine del siero Zucchero Lipidi Ceneri Umano 0.9 (1.6) 0.4 0.5 7.1 4.5 0.2 Bovino 3.2

Dettagli

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia Il Latte http://www.unibs.it/sites/default/files/ricerca/allegati/agrifood%20lab%20notte%

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

L L AT A TE DEFINIZIONI

L L AT A TE DEFINIZIONI IL LATTE DEFINIZIONI Dal punto di vista merceologico, il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa e ininterrotta della mammella di bovine che si trovino in buono stato di salute e di nutrizione

Dettagli

Le uova sono un alimento molto utilizzato in quanto:

Le uova sono un alimento molto utilizzato in quanto: LE UOVA Le uova sono un alimento molto utilizzato in quanto: Hanno un gusto gradevole Sono di facile preparazione e cottura Hanno buone proprietà nutrizionali Costano poco. 1 COMPOSIZIONE DELLE UOVA Le

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Introduzione Con il latte / senza il latte

Introduzione Con il latte / senza il latte Introduzione Con il latte / senza il latte è un modulo didattico del curriculum MaestraNatura, un programma sperimentale di educazione alimentare attraverso il cibo. Obiettivo del modulo è permettere ai

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 200 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Disposizioni in materia di commercializzazione

Dettagli

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE BEVANDE ESTRATTE DA SEMI O CEREALI - Latte di soya - Latte di riso - Latte di mandorla, di cocco, Prodotti ottenuti da processi di estrazione con soluzioni acquose delle materie

Dettagli

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI?

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI? di chelatte sei? DI CHE LATTE SEI? Di che latte sei? è l opuscolo creato dal Centro Latte Rapallo (Latte Tigullio) con l obiettivo di informare i consumatori sulle peculiarità proprie di ogni latte, aiutandoli

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Il latte, un alimento poli-funzionale

Il latte, un alimento poli-funzionale Il latte, un alimento poli-funzionale Intervento scientifico Il latte, un alimento poli-funzionale non presentato dal Professor Cannella bensì dal Dottor Alessandro Pinto, ricercatore presso il Dipartimento

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Igiene degli alimenti

Igiene degli alimenti Igiene degli alimenti L'igiene degli alimenti si prefigge la conservazione delle caratteristiche intrinseche di un alimento e di assicurarne l innocuità ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE IL LATTE Glucidi; Acqua;

Dettagli

3. LATTE E LATTICINI Proteine.

3. LATTE E LATTICINI Proteine. 3. LATTE E LATTICINI Dal punto di vista legale per latte alimentare si intende: il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione.

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI OCCORRENTI ALLA FONDAZIONE DON MOZZATTI D APRILI PER LA DURATA DI TRE ANNI DALLA DATA DI AGGIUDICAZIONE. CIG - 6478550C93 All.

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

Pasini Gabriella Università Padova

Pasini Gabriella Università Padova Pasini Gabriella Università Padova In Italia l evoluzione storica più recente dei consumi di latte alimentare passa attraverso periodi contrassegnati da importanti evoluzioni tecnologiche. PERIODO DEL

Dettagli

Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA.

Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA. Data: 23/2/16 VISITA ALLA CENTRALE DEL LATTE MUKKI DI FIRENZE DELLE CLASSI 1 CHA, 1 CHB E 2 CHA. La visita alla centrale del latte Mukki di Firenze ha lo scopo di farci comprendere le varie fasi di lavorazione

Dettagli

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI Unità 3 La Conservazione degli Alimenti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sul modo di conservare gli alimenti nuove parole relative ai prodotti alimentari a usare

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

ALLEGATO B FORNITURA DI LATTE E DERIVATI

ALLEGATO B FORNITURA DI LATTE E DERIVATI ALLEGATO B FORNITURA DI LATTE E DERIVATI Tutti i prodotti forniti devono essere di prima qualità, in perfetto stato di conservazione e freschezza. Su ogni confezione devono essere riportati chiaramente

Dettagli

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Alta Qualità Terra di San Marino è riservata al latte fresco intero pastorizzato che rispetta le condizioni

Dettagli

Il Latte. Informazione&Zootecnia

Il Latte. Informazione&Zootecnia ARA Umbria Informazione&Zootecnia: IL LATTE ARA UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Il Latte A.R.A. Umbria Associazione Regionale Allevatori dell Umbria SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi,

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE Como, 20 giugno 2011 Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como Nutrienti per miscele e loro fonti Liquidi Azoto acqua

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE)

a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE) a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE) I grassi nella piramide alimentare Forniscono molta ENERGIA!!! Danno gusto al cibo Trasportano alcune vitamine o LIPIDI Però se se ne mangiano

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sezione di Mantova

Istituto Zooprofilattico Sezione di Mantova Istituto Zooprofilattico Sezione di Mantova ASL di Mantova Provincia di Mantova THINK MILK Grafica ed impaginazione a cura delle 3LA e 4LAB del Liceo d Arte Giulio Romano di Mantova indirizzo Arti e Comunicazione

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Etichettatura e Rintracciabilità del Latte Fresco

Etichettatura e Rintracciabilità del Latte Fresco Ispettorato Centrale Repressione Frodi Sede Centrale di Roma Ufficio III Etichettatura e Rintracciabilità del Latte Fresco Dott.ssa Stefania Morena Università degli Studi di Macerata Master in Gestione

Dettagli

La filiera del la*e. Dario Sofia 2C. I.S.I. Duca Degli Abruzzi a.s. 2011-2012

La filiera del la*e. Dario Sofia 2C. I.S.I. Duca Degli Abruzzi a.s. 2011-2012 La filiera del la*e Dario Sofia 2C I.S.I. Duca Degli Abruzzi a.s. 2011-2012 Indice Stalla Alimentazione Lattazione Mungitura Il burro Il latte Lo yogurt Il formaggio La stalla Le stalle da latte possono

Dettagli

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Prodotto della maturazione della cagliata, ottenuta mediante coagulazione acida o presamica del latte intero, totalmente o parzialmente scremato, o della

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

UNITà 11 la conservazione degli alimenti

UNITà 11 la conservazione degli alimenti unità La conservazione degli alimenti I termini e i concetti fondamentali 1 cause dell alterazione degli alimenti e metodi di conservazione Le trasformazioni a cui vanno incontro gli alimenti freschi li

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure (gusto cioccolato n lista M990) (gusto vaniglia n lista M 713) Integratore nutrizionale completo, in polvere, per bambini da 1 a 10 anni. INDICAZIONI PRINCIPALI Pediasure

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

ETICHETTATURA DEL LATTE ALIMENTARE

ETICHETTATURA DEL LATTE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEL LATTE ALIMENTARE Alfredo Rossi - veterinario dirigente ASL Benevento Massimo Renato Micheli veterinario dirigente AUSL Modena Anita Bove - veterinario libero professionista INTRODUZIONE

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Il latte A seguito del parto si ha la produzione del colostro Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Nel giro di pochi giorni il colostro si trasforma in latte

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MORFOLOGICHE UTILIZZO DELLA TECNICA DI ULTRAFILTRAZIONE PER

Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MORFOLOGICHE UTILIZZO DELLA TECNICA DI ULTRAFILTRAZIONE PER Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MORFOLOGICHE XXIII ciclo UTILIZZO DELLA TECNICA DI ULTRAFILTRAZIONE PER LA PRODUZIONE DI PRODOTTI CASEARI FRESCHI LOW- FAT E A VALENZA

Dettagli

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Patrizia Cappelli Vanna Vannucchi Scienza e cultura dell alimentazione. Idee per il tuo futuro. Gli alimenti SCIENZE

Patrizia Cappelli Vanna Vannucchi Scienza e cultura dell alimentazione. Idee per il tuo futuro. Gli alimenti SCIENZE 1 2 3 Idee per il tuo futuro Patrizia Cappelli Vanna Vannucchi Scienza e cultura dell alimentazione Gli alimenti SCIENZE Patrizia Cappelli Vanna Vannucchi Scienza e cultura dell alimentazione Gli alimenti

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca.

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. IL Burro Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. Il burro si può considerare un concentrato della frazione

Dettagli

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole I LIPIDI I parte FUNZIONI DEI LIPIDI Energetica Strutturale Precursori di biomolecole CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA DEI LIPIDI a) Lipidi di deposito: a) trigliceridi o triacilgliceroli (TAG) b) Lipidi strutturali:

Dettagli

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP Descrizione Formaggio semigrasso, a pasta dura, cotta ed a lenta maturazione, prodotto con coagulo ad acidità di fermentazione, dal latte crudo di vacca, proveniente da

Dettagli

TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1. Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari

TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1. Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE DEL LATTE ---1 Luciano NETTUNO - ASL Napoli 1 Centro - Servizi Veterinari LATTE: COMPOSIZIONE MEDIA % 4% 3% 1% 5% Acqua Glucidi Lipidi Protidi Sali minerali 87% Il latte prodotto

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

UNITà 10 La cottura degli alimenti

UNITà 10 La cottura degli alimenti unità La cottura degli alimentie I termini e i concetti fondamentali 1 Perché si cuociono gli alimenti La cottura è indispensabile affinché molti alimenti possano essere mangiati; causa infatti numerosi

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Le uova Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Acqua Proteine Lipidi Albume Tuorlo Albume Tuorlo Tuorlo Uovo da 60g 87.7 53.5 10.7 15.8 29.1 I lipidi del tuorlo sono costituiti da trigliceridi,

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati L'alimentazione è uno dei fattori che maggiormente

Dettagli