PROGETTO MOVING BETTER Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO MOVING BETTER Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile"

Transcript

1 PROGETTO MOVING BETTER Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile Allegato 4 POLITICHE E PROGETTI PER LA MOBILITA SOSTENIBILE IN PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA IST_02_11_ELA_TE_rev1

2 Settore Territorio Servizio Infrastrutture, Mobilità Sostenibile e Interventi Strategici Francesco Giordano Antonio Infosini Laura Casini Assessore Direttore Responsabile del Servizio Progetto Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile GRUPPO DI PROGETTAZIONE Provincia Monza e Brianza Antonio Infosini Responsabile del progetto Hanno Collaborato: Laura Casini Organizzazione e coordinamento Gianni Tripodi Indagini e rilevazioni presso gli Enti Centro Studi PIM Franco Sacchi Direttore Paola Pozzi Capo Progetto Andrea Airoldi Coordinamento contributi tematici Francesca Boeri Mobilità ciclistica Mauro Barzizza Scenari di traffico Maria Evelina Saracchi Assetti di rete e accessibilità alle stazioni Valentina Gambirasio Elaborazione immagini Alma Grieco Elaborazioni cartografiche Claudio Paraboni Elaborazione dati incidentalità Fabio Casiroli Consulente scientifico Fabio Andreoni Provincia Monza e Brianza Servizio Infrastrutture e Trasporti

3 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile POLITICHE E PROGETTI PER LA MOBILITA SOSTENIBILE - MONITORAGGIO MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' DELLA VITA: TEMPI contrastare il continuo aumento dei tempi medi di spostamento calcolato come velocità media di percorrenza della rete (su un percorso definito) SOSTENERE E VALORIZZARE IL CARATTERE ORDINATORIO DELLE INFRASTRUTTURE (correlato alla strategia "incentivare il trasferimento modale verso il trasporto pubblico") FUNZIONAMENTO DELLA RETE STRADALE GERARCHIZZATA ARMONIZZARE LE SCELTE TERRITORIALI CON GLI ASSETTI PREVISIONALI DELLE INFRASTRUTTURE E DEI SISTEMI DI MOBILITA' (correlato con la proposta "disincentivare il transito dei mezzi pesanti dai comparti urbanizzati) Definire la gerarchia della rete stradale (PTCP e/o altri strumenti) Coordinare i diversi attori con processi partecipativi Governare i processi localizzativi avviando politiche di densificazione intorno ai nodi (PTCP), considerando il livello e la qualità del servizio offerto dalle infrastrutture per la mobilità Individuare soglie di sostenibilità territoriale (livello di servizio di infrastrutture) coordinare piani di segnaletica comunale; favorire la realizzazione degli interventi di attuazione dell'assetto gerarchico della rete Comuni (nella redazione di PUM, PUT) coordinare e incentivare i Comuni Comuni, associazioni di categoria, alla redazione di Piani territoriali dei attori del sistema economico Tempi e degli Orari urbani (PTO) attivare procedure (pareri) sulla compatibilità degli interventi urbanistici/edilizi in relazione agli scenari desiderati di riferimento individuazione di un modello di simulazione del traffico a livello provinciale; coordinamento e coinvolgimento dei Comuni Comuni Migliorare lo scorrimento dei veicoli, attuare programma di risoluzione soprattutto nelle ore di punta delle criticità per fluidificare il traffico Comuni Inserire indicazioni di buona progettazione in tutti i definizione linee guida e piani/programmi/progetti provinciali divulgazione buone pratiche di riferimento Comuni che hanno redatto il PTO e gruppi di Comuni che non abbiano ancora redatto il PTO Comuni e/o altri soggetti interessati Comuni e/o altri soggetti interessati: valutare interventi di mobilità sostenibile come oneri di urbanizzazione secondaria; prevedere rilascio di concessioni solo con obbligo rastrelliere, e/o con presenza fermata TP entro 150 m, e/o con posizionamento colonnina ricarica elettrica condominiale; realizzazione corsie riservate o ZTL per mezzi pubblici (soprattutto nei centri storici) coinvolgimento dei 55 Comuni nel processo di stesura di un Piano intercomunale dell'assetto di rete attivazione di tavoli di lavoro per ambiti territoriali n. Comuni che condividono la metodologia per la valutazione del livello di servizio di aree n. di Comuni coinvolti approvazione del Piano approvazione del PTO n. pareri emessi predisposizione e validazione del modello di traffico definizione di un "percorso tipo" di attuazione del programma di alcuni chilometri composto da tratti rilevazione periodica sulle strade di stradali di diverse tipologie e interesse localizzazione n. Comuni che definiscono definizione di un set di indicatori standard condivisi da rispettare per vincolanti per il rilascio di nuove il rilascio di nuove concessioni concessioni oltre certe soglie edilizie (L.134/2012) attuazione degli interventi previsti miglioramento dei livelli di soddisfazione a seguito di variazioni d'orario dei servizi e di incremento di flessibilità oraria sul luogo di lavoro % progetti con recepimento del parere emesso n. di aggiornamenti (su base annua) con rilievi di traffico e tramite studi variazione % (incremento) della velocità commerciale di percorrenza sul "percorso tipo" n. di Comuni che adottano gli standard individuati nei propri PGT o RE MIGLIORAMENTO DELL'EFFICIENZA: INFRASTRUTTURE riduzione costi REALIZZARE LE realizzazione e/o INFRASTRUTTURE diminuzione tempi realizzazione degli interventi infrastrutturali AUMENTARE L'EFFICIENZA DEL SISTEMA DEI TRASPORTI Realizzare interventi infrastrutturali innovativi per il trasporto pubblico Realizzare interventi infrastrutturali per il trasporto pubblico su rotaia Realizzare interventi infrastrutturali ferroviari BRT (bus veloce) Vimercate- Cologno o Vimercate-Gobba Comuni, Regione, TEM prolungamento metrotranvia di Limbiate (attualmente con Comuni, Regione copertura finanziaria sino a Varedo) V binario collegamento Sestoformulazione di proposta a Regione Monza (Regione, RFI) Comuni interessati dal tragitto dell'infrastruttura Comuni interessati dal tragitto dell'infrastruttura Comuni interessati dal tragitto dell'infrastruttura avvio del procedimento per la progettazione ed esecuzione dei lavori avvio del procedimento per la progettazione ed esecuzione dei lavori avvio del procedimento per la progettazione ed esecuzione dei lavori n km infrastruttura realizzata n km infrastruttura realizzata n km infrastruttura realizzata n. utenti del servizio n. utenti del servizio n. utenti del servizio

4 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile FAVORIRE L'UTILIZZO DI SISTEMI A MINORE IMPATTO: TRASPORTO PUBBLICO +3% TPL e +27% treno su mobilità sistematica (lavoratori e studenti) ora di punta INCENTIVARE IL TRASFERIMENTO MODALE VERSO IL TRASPORTO PUBBLICO (correlato con le strategie "aumentare la qualità ambientale attraverso la diffusione della mobilità sostenibile e la diminuzione delle emissioni di CO2 e PM" e "sostenere e valorizzare il carattere ordinatorio delle infrastrutture") VALORIZZARE IL RUOLO DELLE STAZIONI FERROVIARIE VALORIZZARE IL RUOLO DELLE LINEE DI TPL MOBILITY MANAGEMENT Potenziare il servizio ferroviario nelle stazioni e sulle direttrici che presentano una alta domanda, anche potenziale Migliorare le condizioni di interscambio pubblico/pubblico Potenziare l'offerta di interscambio privato/pubblico Implementare interventi per la mobilità a breve raggio Realizzare strutture di servizio per l'utenza Razionalizzare la rete Aumentare la velocità commerciale Realizzare l'integrazione tariffaria Migliorare le condizioni di interscambio pubblico/pubblico Coordinare gli orari per facilitare l'interscambio e la fruizione delle funzioni pubbliche Migliorare la comunicazione con l'utenza Promuovere i programmi per le aziende Sostenere le iniziative aziendali private proposta di stimolo agli Enti competenti aumento frequenza e/o capacità convogli (Regione, Trenord) coordinamento orari autobus/treni; linee di adduzione da/(per) stazioni Aziende TPL, Regione, Agenzia di ferroviarie di comuni attrattori, in b acino per il trasporto pubblico particolare con presenza di istituti locale scolastici individuazione del quadro di riferimento all'interno di Moving Better individuazione del quadro di riferimento all'interno di Moving Better; promozione interventi per la micromobilità e creazione rete bike sharing individuazione del quadro di riferimento all'interno di Moving Better e proposte di stimolo ai soggetti competenti incrementare dotazione parcheggi auto (Comuni) dotare i parcheggi di idonee strutture (stazioni di ricarica elettrica, bike sharing, ecc.); rete di car sharing (Trenord); Comuni e Imprese (da coinvolgere in attrezzare fermate secondarie impresenziate con offerta di servizi (Comuni, RFI) contributo alla redazione Programma di Bacino (L.R. 6/2012); attuazione Bus; mantenimento attuali Aziende TPL, Comuni, Agenzia di percorrenze chilometriche annue; b acino per il trasporto pubblico creazione di database del sistema locale TPL e sviluppo SIT provinciale; rafforzare le relazioni con Monza e con le stazioni ferroviarie incentivare realizzazione corsie riservate; diffondere best practice a riguardo (che producono aumento della velocità commerciale) sviluppo del titolo di viaggio "Io viaggio in provincia" mantenere aggiornato il quadro conoscitivo con le indagini Moving Better riorganizzazione sistema di trasporto TPL paline informatiche con messaggi variabili; "app" e comunicazioni (sms) sul cellulare; portale Provincia interattivo e con applicazioni (GiroBrianza) promozione attività di mobiliy management incentivare realizzazione corsie riservate (Comuni, Regione, Enti gestori strade) estendere l'integrazione tariffaria (Regione); implementazione sistema rilevazione utenza (gestori TP) migliorare qualità delle fermate, pensiline e arredo (Comuni) Aziende TPL, Agenzia di bacino per il trasporto pubblico locale Aziende TPL, Trenord coordinamento orari (Comuni), coordinamento MM (Imprese) Provincia coordina e ottimizza attività aziendali (es. navette fornire servizi sul luogo di lavoro, condivise per creare effetto rete); asilo, conciergerie, spesa-on-line favorire la diffusione della figura del (Aziende); car pooling Mobility Manager attraverso azioni di supporto (albo) stazioni con livello alto di domanda, anche potenziale Comuni attrattori con presenza di stazione ferroviaria, in particolare verso i plessi scolastici significativi stazioni con livello basso e medio di offerta posti auto, prima sperimentazione nei Comuni della tratta B2 Pedemontana tutte le stazioni con livello alto e medio di offerta complessiva, oltre alle stazioni con livello medio e basso di domanda e al contempo basso di Comuni attraversati da linee TPL; Comuni attraversati da linee di forza Comuni attraversati da linee TPL Comuni attraversati da linee TPL Comuni attraversati da linee TPL, in particolare Comuni con processi di Agenda21 in atto tutte le imprese presenti sul territorio, in particolare le imprese sopra i 300 dipendenti e quelle aderenti a GHT implementazione del tavolo di lavoro per riconfigurare i servizi n. incontri con Aziende TPL per programmazione nuovi PDE aumento frequenza e/o capacità convogli redazione e diffusione informative sui nuovi orari n. progetti individuati dai Comuni incremento n. posti auto variazione % (aumento) n. passeggeri n. cittadini raggiunti dalla diffusione dei nuovi orari variazione % (incremento) n. abbonamenti venduti implementazione di tavoli di lavoro n. colonnine installate e n. auto car n. auto ricaricate e n. prelievi auto e n. Comuni e n. imprese incontrati sharing a disposizione car sharing n. commercianti incontrati n. servizi localizzati n. accessi all'area della stazione coerenza tra indicatori nelle "Linee Guida al PTS" e piano operativo di attuazione dei Bus n. Comuni coinvolti n. Bus attuati km di corsie riservate di nuova realizzazione condivisione della metodologia di diffusione e messa in vendita di suddivisione proventi tra le Aziende nuovi titoli di viaggio TPL e tutti i soggetti interessati n. Comuni e Istituti scolastici contattati n. Comuni e Istituti scolastici aderenti alle indagini implementazione del tavolo di n. incontri con Aziende TP per coordinamento per integrazione tra programmazione nuovi PDE TPL e trasporto navette aziendali preparazione piano operativo per installazione paline e sms avviamento iter procedurale per nomina mobility manager d'area n. aziende coinvolte nel tavolo di coordinamento n. paline installate e n. aderenti al servizio sms nomina mobility manager d'area n. Piani degli Spostamenti Casa- Lavoro (PSCL) aziendali redatti n. passeggeri trasportati sulle linee Bus incremento velocità commerciale su singoli percorsi n. nuovi titoli di viaggio venduti n. nuove installazioni di arredo n. modifiche ai PDE e n. modificheai servizi di navetta dedicata n. paline funzionanti correttamente n. aziende che coordinano gli orari con il mobility manager d'area n. utilizzatori dei servizi offerti ai dipendenti per migliorare la mobilità casa-lavoro o limitare gli spostamenti

5 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile FAVORIRE L'UTILIZZO DI SISTEMI A MINORE IMPATTO: INCENTIVARE BICICLETTE L'UTILIZZO DELLA +16% bici/piedi su BICICLETTA PER mobilità GLI SPOSTAMENTI sistematica DI BREVE RAGGIO (lavoratori e studenti) ora di punta Realizzare piste ciclabili POTENZIARE L'OFFERTA INFRASTRUTTURALE DEDICATA Diffondere la cultura dello "spazio condiviso" - shared space DIFFONDERE L'UTILIZZO DEL BIKE SHARING FAVORIRE LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A SUPPORTO DEGLI UTENTI DELLA BICICLETTA Realizzare stalli per la sosta delle biciclette Definire un programma di evoluzione del progetto per l'estensione della rete Definire protocollo per modalità di negoziazione/assegnazione del servizio Progettare una campagna di pubblicizzazione del progetto Istituire una struttura dedicata alla mobilità ciclistica Definire un programma di segnaletica di indirizzamento Realizzare ciclo officine e velo stazioni definizione quadro di riferimento e redazione PSMC si sensi della L.R. 7/2009; incentivare la realizzazione di piste in sede propria, in sede urbanizzazione secondaria in nuove tutti i Comuni attraversati dalla rete promiscua, ricucitura della maglia; espansioni (Comuni) provinciale individuata nel PSMC ricerca opportunità di finanziamento (bandi), sostegno ai bandi per Comuni; mantenere aggiornato il quadro conoscitivo studio di regolamentazione e cartellonistica appropriata; divulgazione promozione verso i Comuni e realizzazione di parcheggi bici custoditi/riparati con brand/arredo unico mappatura anonima percorsi utenza tramite GPS attuazione Zone30 (Comuni) parcheggi bici custoditi/riparati (Comuni, coop. sociali) eventuale partenariato con Enti e Imprese attivazione Bando per bike sharing o definizione di modalità enti pubblici o loro aggregazioni concertate/coordinate con soggetti coinvolti attivazione anticipata di spazio Internet per suggerimenti; enti pubblici o loro aggregazioni, creazione di community degli utenti Associazioni del bike sharing attribuzione competenze (eventuale ciclobus (Comuni, istituti scolastici, costituzione di Ufficio/Servizio Associazioni) Mobilità Ciclistica) standard per segnaletica informativa uniforme Promozione convenzioni, sostegno a progetti di micro-impresa posizionamento segnaletica informativa (Comuni) locali spogliatoi/docce a disposizione (Aziende, istituti scolastici) tutte le situazioni in cui la sezione della carreggiata non permetta la realizzazione di piste in sede riservata e/o di compresenza di flussi di traffico conflittuali presso tutti gli attrattori/generatori censiti, in particolare Comuni definiti dagli studi sulla rete del bike sharing Province limitrofe, Regione Lombardia Trasmissione dai Comuni alla Provincia di nuovi progetti e delle relizzazioni; redazione e approvazione PSMC preparazione del piano di diffusione dello shared space presentazione ai 55 Comuni del Piano installazione segnaletica km realizzati dai Comuni in attuazione del PSMC, in particolare tratti di collegamento intercomunali n. comuni che attuano lo shared space programma di incremento dei punti n. stalli bici realizzati livello di utilizzo aree di sosta di sosta per le bici monitoraggio del servizio di bike sharing di Vimercate piano di individuazione di aree idonee al posizionamento di stazioni del bike sharing progettare spazio Internet dedicato nel sito/portale della mobilità aggiornamento e miglioramento produzione report finale sul servizio del servizio programma di estensione del servizio di bike sharing attivazione sito/portale Internet n. di Istituti scolastici coinvolti n. di progetti ciclobus attivati definizione cartellonistica n. cartelloni installati tutte le aziende, le scuole ed eventuali ulteriori attrattori/generatori di traffico, in particolare quelli localizzati entro 200 m dalla rete provinciale individuata nel PSMC studio di fattibilità per localizzazione ciclofficina e spazi in azienda per utilities per i ciclisti n. docce e mq locali nuova realizzazione in Azienda installazione e creazione rete provinciale n. di contatti e n.di commenti n. giornate di attivazione e n. studenti partecipanti feed-back degli utenti sul portale della mobilità sostenibile n. di utenti dei servizi

6 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile INCENTIVARE LA MOBILITA' FAVORIRE ELETTRICA L'UTILIZZO DI (correlato con la SISTEMI A MINORE strategia "aumentare IMPATTO: MEZZI la qualità ambientale ELETTRICI attraverso la immatricolare 500 diffusione della mezzi elettrici (e mobilità sostenibile e ibridi plug-in) la diminuzione delle l'anno emissioni di CO2 e PM") ATTIVARE UNA RETE DI RICARICA PER AUTO ELETTRICHE FAVORIRE LA DIFFUSIONE DI MEZZI AD ALIMENTAZIONE ELETTRICA Promuovere l'estensione della rete di ricarica Definire una mappa di possibili postazioni, caratterizzate per tipologia di localizzazione e di utenza Avviare un tavolo di interlocuzione con i soggetti interessati Avviare un tavolo di interlocuzione con i soggetti dotati di flotte aziendali, sia pubblici che privati, incentivare la riconversione del parco veicolare Implementare politiche di distribuzione urbana delle merci Incentivare l'acquisizione di mezzi elettrici da parte di cittadini e Aziende Abbattere i costi di ricarica Favorire il posizionamento di colonnine per la ricarica veloce Favorire l'acquisizione di mezzi elettrici o ibridi da parte della aziende di trasporto Definizione del quadro di riferimento nell'ambito del Progetto attuazione Green Land Mobility; definizione reti di ricarica veloce, ricarica lunga; definizione caratteristiche colonnine di alimentazione (standard + Carta Regionale Servizi) favorire la nascita e il consolidamento di filiere locali tra le imprese della Brianza Comuni, eventuali partenariati pubblico/pubblico e pubblico/privato, inserire meccanismi premiali nei PGT per la presenza di parcheggi dedicati, creazione di colonne/stazioni di ricarica, realizzazione stazione di bike sharing (comuni e Associazioni di categorie come amministratori di condominio, albergatori, ristoratori, ecc.), con particolare riferimento agli attrattori/generatori di traffico: centri commerciali, hotel, ristoranti, cinema, pubblici esercizi, nodi di intercambio gomma/ferro, con particolare riferimento agli attrattori/generatori di traffico: soggetti Comuni, eventuali partenariati coinvolti nel progetto GLM; centri pubblico/pubblico e pubblico/privato Comuni, tutte le Imprese coordinamento 55 Comuni per sollecitare il rinnovo del parco Comuni, Aziende mezzi di proprietà; divulgazione alle aziende coordinare e definire il quadro di riferimento Comuni, operatori del mercato estensione rete di ricarica; divulgazione vantaggi della mobilità privati cittadini, Aziende elettrica Coordinamento per definizione di attività finalizzate a valorizzare l'energia prodotta in ambito locale, per la ricarica gratuita alla rete o a prezzi convenzionati Comuni, centri commerciali, hotel, cinema, Aziende, soggetti produttori di energia (es. CSM-AGAM, GELSIA, consorzio di Desio, impianto di Cavenago) coinvolgere stazioni di rifornimento proprietari stazioni di rifornimento; poste lungo S.P. in aree di proprietà soggetti gestori di attività ad alta della Provincia; promuovere frequentazione di veicoli individuazione di altri luoghi di (supermercati, ecc.) interesse programma di sperimentazione per navetta elettrica a Vimercate; inserire standard minimi in PTS (o Aziende TPL Programma di Bacino) e nel bando di affidamento gara (es. incentivi economici) commerciali, hotel, ristoranti, cinema, pubblici esercizi, nodi di intercambio gomma/ferro, sperimentazione a partire dalle Aziende, eventualmente, aderenti a Fondazione Distretto GHT nelle ZTL esistenti o da attivare, aree con politiche per la sosta di scarico/carico merci, partendo dal Comune di Monza % di nuovi interventi edilizi che prevedono l'installazione di una colonnina/stazione di ricarica verifica di fattibilità sui luoghi selezionati n. aziende raggiunte dal processo di comunicazione di Provincia sviluppo del piano di ammodernamento delle flotte veicolari n. Comuni e Associazioni di categoria coinvolti nel tavolo di lavoro attuazione delle direttive sulla mobilità elettrica nella L. 134/2012 definizione protocollo/convenzione con i produttori di energia n. soggetti che installano almeno una colonnina n. coloninne installate sottoscrizione di nuove partnership per l'estensione della rete di ricarica n. aziende che formulano mnifestazione di interesse sui progetti n. mezzi elettrici di nuova immatricolazione n. ZTL aperte ai mezzi elettrici (e vincoli per altre tipologie di motorizzazioni) n. ricariche effettuate (media giorno) n. soggetti dotati di colonnine che ottemperano gli standard europei di ricarica n. aziende partecipanti ai progetti sperimentali % mezzi sul totale dei mezzi sostituiti (parco rinnovato) n. mezzi elettrici che si accreditano per l'accesso alle ZTL % territorio provinciale coperto n. mezzi elettrici nuova dalla rete di ricarica (raggio di 5 km immatricolazione da ogni stazione pubblica) sottoscrizione protocollo/convenzione risparmiati grazie alla stipula del protocollo/convenzione n. colonnine installate n. ricariche effettuate definizione di uno standard minimo n. mezzi elettrici facenti parte del per la presenza di mezzi elettrici in parco offerta di gara n. corse effettuate con mezzi elettrici

7 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' DELLA VITA: RIDURRE IL TASSO SICUREZZA DI INCIDENTALITA' riduzione 50% morti SULLA RETE (UE); riduzione STRADALE incidentalità 20% sui nodi della rete provinciale AFFRONTARE LE Programmare interventi sui nodi SITUAZIONI CRITICHE maggiormente critici (in coerenza (LUOGHI AD ELEVATA con il Piano Nazionale della INCIDENTALITA') Sicurezza Stradale) FAVORIRE GLI INTERVENTI A PROTEZIONE DELLE UTENZE DEBOLI DISINCENTIVARE IL TRANSITO DEI MEZZI PESANTI DAI COMPARTI URBANIZZATI (correlato con la proposta "armonizzare le scelte territoriali con gli assetti previsionali delle infrastrutture e dei sistemi di mobilità") Realizzare itinerari ciclabili o ciclopedonali in sede riservata e/o protetta Diffondere la cultura dello "spazio condiviso" (shared space) Favorire l'accesso da parte dei Comuni ai finanziamenti per la realizzazione di interventi a protezione delle utenze deboli Definire indirizzi per la localizzazione di nuovi insediamenti generatori/attrattori di traffico merci e favorire le politiche di rilocalizzazione degli insediamenti produttivi incompatibili con il contesto Valutare compatibilità transito mezzi pesanti nell'ambiente urbano Riconvertire i mezzi per la distribuzione delle merci alle caratteristiche di strade e centri storici sezione dedicata nel Progetto al tema, in particolare alla rete di competenza provinciale; coordinamento di progetti di carattere sovracomunale; miglioramento sicurezza su SP extraurbane, anche con diminuzione velocità; promuovere Comuni, Enti gestori strade accordi tra enti (Comune-Comune; Anas ); favorire l'accesso da parte dei comuni ai finanziamenti per la realizzazione di interventi di miglioramento della sicurezza; promuovere tavoli e predisposizione Piani intercomunali per la sicurezza mettere a sistema percorsi fra Comuni confinanti Comuni (con particolare riferimento al corpo di Polizia Locale) tratti stradali e ambiti comunali individuati dall'allegato al Progetto su incidentalità Trasmissione dai Comuni alla Provincia delle statistiche relative all'incidentalità n. Comuni coinvolti in tavoli di lavoro n. interventi di miglioramento della sicurezza stradale n. progetti intercomunali progetti educazione stradale nelle Comuni, istituti scolastici e altri n. Istituti scolastici coinvolti n. classi e studenti partecipanti scuole e alla cittadinanza soggetti interessati coordinamento, per creare sinergie, Trasmissione dai Comuni alla delle azioni legate ai finanziamenti Comuni, enti che finanziano n. progetti presentati a bandi di Provincia del proprio "parco reperiti e alle risorse messe in interventi sulla sicurezza stradale finanziamento progetti" di interventi sui nodi critici campo dai Comuni piano di rilocalizzazione selettiva o previsione di interventi per razionalizzazione delle funzioni logistiche (PTCP) Comuni (redazione PGT) confermare gli itinerari delle "strade ad elevata compatibilità di traffico attuazione ZTL (Comuni) operativo" o, in futuro, individuare tracciati alternativi promozione di politiche per la sostenibilità nella distribuzione delle merci tratti stradali e ambiti comunali interessati operatori logistici per la riconversione dei mezzi con altri di dimensioni compatibili per l'uso aziendale e le tipologie di strade da percorrere; Comuni per l'attuazione di ZTL piano di rilocalizzazione selettiva degli operatori logistici studio per la compatibilità degli itinerari e la realizzazione di ZTL n. soggetti che si rilocalizzano individuazione dei tratti stradali e degli ambiti comunali interessati coinvolgimento di Comuni e Associazioni di categoria in tavoli di creazione (sperimentazione) di lavoro sulle politiche di nuove ZTL merci (e city logistics) distribuzione delle merci variazione % (diminuzione) di incidenti e morti dopo la realizzazione del progetto n. km di percorsi esistenti messi in sicurezza o realizzati ex novo in sede riservata % risposte corrette degli studenti al test di verifica di fine progetto n. progetti finanziati ed eseguiti rilievo della diminuzione dei transiti di traffico pesante/commerciale nelle strade non compatibili con traffico operativo attuazione dei progetti mantenimento delle sperimentazione di ZTL e di city logistics in via definitiva

8 Progetto - Indirizzi, strategie, obiettivi ed azioni per la mobilità sostenibile MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' DELLA VITA: QUALITA' DELL'ARIA minori emissioni di CO2 per circa tonn/anno e di PM per circa 750 kg/anno AUMENTARE LA QUALITA' AMBIENTALE ATTRAVERSO LA DIFFUSIONE DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE E LA DIMINUZIONE PROMUOVERE DELLE EMISSIONI L'INTEGRAZIONE TRA DI CO2 E PM SERVIZI DI MOBILITA' (correlato alle strategie "incentivare il trasferimento modale verso il trasporto pubblico" e "incentivare la mobilità elettrica") Promuovere l'uso di energia da fonti rinnovabili per ridurre il fabbisogno di combustibili fossili per l'autotrazione Promuovere accordi volontari con gli operatori del mercato Incentivare la diffusione di informazioni in tempo reale Realizzare e diffondere l'uso di applicativi Internet per la mobilità sostenibile Rendere operativo il controllo diretto tramite accesso a banche dati definizione di un quadro di riferimento sull'alimentazione da energie alternative per tutte le tipologie di veicoli (in particolare, bike sharing e automobili) definizione di un quadro di riferimento per rendere più efficiente la filiera della logistica e della distribuzione utilizzo sistemi ITS per la gestione del traffico (attivare servizi infotraffico a chi è già abilitato - Isoradio) portale per favorire creazione equipaggi car pooling controllo emissioni CO2 attivando polizia provinciale per azioni e campagne di verifica sui veicoli soggetti produttori di energia (es. CSM-AGAM, GELSIA, consorzio di Desio, impianto di Cavenago) operatori del mercato privati cittadini, Aziende TPL, Enti gestori delle strade accesso "protetto" al portale ai dipendenti delle Aziende del territorio, a partire dai Comuni interessati dalle prime sperimentazioni imprese del territorio, a partire dalle Aziende aderenti a Fondazione Distretto GHT controllo emissioni CO2 attivando polizia locale dei Comuni per azioni e campagne di verifica sui veicoli n. soggetti coinvolti in un protocollo/convenzione istituzione del tavolo di lavoro con associazioni di categoria n. soggetti coinvolti in un protocollo/convenzione n. pensiline fotovoltaiche installate definizione piano operativo di interventi definizione della procedura di gestione delle criticità sulla rete stradale n. utenti iscritti al portale n. equipaggi formati n. pattuglie dotate della strumentazione per effettuare i controlli n. controlli effettuati % di approvvigionamento da energia rinnovabile sul fabbisogno energetico totale dei sistemi di mobilità sostenibile % di progetti realizzati sul n. progetti previsti n. utilizzatori dei servizi di informazione associati ai sistemi ITS n. corse effettuate in car pooling e riduzione di emissioni CO2, PM e CO2eq % di mezzi che rispettano i requisiti previsti FAVORIRE L'EFFICACIA DEL PIANO: CULTURA DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE coinvolgimento 55 sindaci; raggiunto 50% popolazione territorio provinciale ATTIVARE IL PIANO DELLA COMUNICAZIONE RENDERE CONSAPEVOLE LE PERSONE DEGLI IMPATTI DEI PROPRI SPOSTAMENTI Definire il piano della comunicazione Fornire informazioni tramite materiale informativo, sito Internet, annunci su SP Comuni, imprese e/o altri soggetti interessati creazione e attivazione sito/portale della mobilità n. comunicazioni inserite n. contatti al sito/portale Internet

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS DECALOGO AMBIENTALE: MOBILITA 2 Agrate Brianza site 3 Agrate

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti 4 Forum Car-Sharing Il ruolo del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nello sviluppo dei servizi di Car Sharing sul territorio nazionale Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara

Dettagli

LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH

LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH le Aziende presentano i loro progetti 20 febbraio 2012 Hotel COSMO - Torri Bianche Vimercate (MB) GCI Group Fondazione Distretto Green & High Tech Monza Brianza

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA

LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA LE AZIONI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELL AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA I NUMERI DELL AEROPORTO Nel giorno medio affluiscono all aeroporto: aeroporto: 16.200 passengers 1.800 workers Le emissioni di CO2 dal

Dettagli

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma Arcangelo Maria Merella Infomobility spa Best practices a Parma La visione di Parma al 2020 Obbiettivi e strategie Il libro bianco parma 2020 Città sana e ecoefficiente 2 Risparmio energetico Negli edifici

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MILANO, 23 Maggio 2012 PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA IL CONTESTO TERRITORIALE CITTA di REGGIO EMILIA

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA KLIMAMOBILITY 2012, 20 Settembre PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA reggio emilia emilia-romagna abitanti: 170.000 86 giorni di sforamento

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Deliberazione n. 239

Deliberazione n. 239 Protocollo RC n. 20628/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 LUGLIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di luglio, alle ore

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO Giulia Pedrocchi www.eenergiagroup.it Perché la mobilità sostenibile? Measuring the Street: New Metrics for 21st Century Streets Secondo uno studio

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina Mobility management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina I progetti Vainbici e Circoloinbici in attuazione di Agenda 21 e del Piano Territoriale degli Orari del Comune di Varese

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21 Paola Poggipollini Settimana europea della mobilità dal 16 al 22 settembre a Ferrara Martedì 16 settembre 2004 Forum la mobilità delle persone disabili Mercoledì

Dettagli

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO

LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO LA PRIMA WEB APPLICATION PER REALIZZARE IL PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti al fine di individuarne

Dettagli

A Brescia su due ruote

A Brescia su due ruote Comune di Brescia - Assessorato alla Mobilità e Parchi A cura di E. Brunelli, V. Ventura Obiettivi per una politica a favore della mobilità ciclistica: CREAZIONE ED ESTENSIONE DELLA RETE CICLABILE SICUREZZA

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998

STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998 STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998 I # 000003 I #000002 AGRATE CORNAREDO I # 000001 CATANIA 1 Il nostro decalogo ambientale Accordi di Kyoto Leggi Nazionali Limiti e regolamenti locali

Dettagli

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010 La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese 27 ottobre 2010 Il contesto Definizione della linea verde e della linea blu Adesione, da parte del Comune di Genova, nel febbraio del

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di DESENZANO DEL GARDA Progetto: ARIA NUOVA A DESENZANO Percorso formativo di accompagnamento III seminario Milano, 25 settembre 2013 Dalla Manifestazione

Dettagli

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Città di Torino Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Ottobre 2015 I numeri chiave Circa 900.000 abitanti 130 Km2 di superficie Area metropolitana 1,5 milioni di persone con

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

sostenibile Mobilità 4 MOBILITÀ SOSTENIBILE Italy only - Not yet available to foreign clients

sostenibile Mobilità 4 MOBILITÀ SOSTENIBILE Italy only - Not yet available to foreign clients Italy only - Not yet available to foreign clients Mobilità sostenibile Pedibus a Firenze Ciclo parcheggio a Venezia Palazzo Te - Mantova L accordo fra gli stati dell Unione Europea sul tema clima-energia,

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici EPF Conference 2014 Milan March 15th 2014 DG Infrastrutture e Mobilità www.trasporti.regione.lombardia.it 1 Legge regionale 6/2012 Con la

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Fabienne Bonzanigo Dipartimento del territorio, Evento per le aziende Manno, 27 novembre 2013 Contesto La domanda di mobilità cresce

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

A Correggio si va al lavoro in car pooling - Rinnovabili Pagina 1 di 2 5.390,28 (+1,0%) HOME > MOBILITÀ > VIABILITÀ SOSTENIBILE SEGUICI SU ENERGIA AMBIENTE MOBILITÀ EVENTI GREENBUILDING Articolo A Correggio

Dettagli

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009

PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 PROGETTO I.MO.S.M.I.D. LIFE+ 2009 GREEN CITY ENERGY on the see Genova, 29 Novembre 2012 Un progetto europeo di successo per la mobilità sostenibilenei distretti industriali Luca Buzzoni - Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Azioni per la mobilità sostenibile

Azioni per la mobilità sostenibile Azioni per la mobilità sostenibile 2004: PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA e diversi interventi 1) PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA Obiettivo: individuare la rete ciclabile di collegamento degli 11 comuni

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Le trasformazioni che hanno investito la forma urbana negli ultimi anni hanno reso necessario riconsiderare le dinamiche territoriali;

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS Liceo delle Scienze Applicate AGNESI - Merate Agrate Brianza, 27 aprile 2015 Il decalogo ambientale 2 Agrate Brianza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Informata della Mobilità

Informata della Mobilità Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Il progetto GIM Gestione Informata della Mobilità Fabio Formentin Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli