EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO"

Transcript

1 Torino, 23 aprile 2013 SANITA E BENESSERE NELL ALLEVAMENTO DELL ASINA EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Dott.ssa Giovanna Monti Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell Adolescenza Servizio di Allergologia Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino

2 ALLERGIA alle PROTEINE del LATTE VACCINO ( APLV ) 3 % dei bambini nei primi 3 ANNI di vita è la PIU FREQUENTE ALLERGIA ALIMENTARE dell etàetà pediatrica PARADIGMA dell allergia alimentare Sampson HA. JACI 2004; 113:

3 COMPARSA della TOLLERANZA ORALE 50% ENTRO 1 AA dalla diagnosi 75% ENTRO 2 AA dalla diagnosi 85% ENTRO 3 AA dalla diagnosi 15 % forme IgE - MEDIATE: ALLERGIA PERSISTENTE 35 % APLV: ALLERGIA ad ALTRI ALIMENTI Sampson HA. JACI 2004; 113:

4 CARDINE TERAPEUTICO dell APLV: TOTALE ELIMINAZIONE delle PROTEINE DEL LATTE VACCINO NECESSITA di un ALIMENTO SOSTITUTIVO indisponibilità del LATTE MATERNO PRIMA INFANZIA allergie alimentari MULTIPLE forme GI di allergia alimentare con MALASSORBIMENTO e DEFICIT di CRESCITA Fiocchi A et al. DRACMA Guidelines. PAI 2010;21:1-125.

5 ALIMENTO SOSTITUTIVO nella TERAPIA dell APLV IPO - ANALLERGENICITA NON CROSS - REATTIVITA con il LV CARATTERISTICHE IDEALI: ADEGUATEZZA NUTRIZIONALE PALATABILITA COSTI CONTENUTI

6 APLV : I LATTI FORMULATI ALTERNATIVI IDROLISATI ESTENSIVI di PLV ( caseina, sieroproteine ) NON ESISTE INTERROGATIVI ATTUALMENTE LA APERTI FORMULA IDEALE IDROLISATO ESTENSIVO di SU CHE SOIA ALCUNI SODDISFI e collagene ASPETTI TUTTI suino NUTRIZIONALI I REQUISITI LINEE-GUIDA LIMITE INTERNAZIONALI: PRINCIPALE: IDROLISATO ESTENSIVO di RISO SAPORE NON VI ESTREMAMENTE E CONSENSO SGRADEVOLE UNANIME GRANDI SULLA DIFFICOLTÀ FORMULA DI NEL PRIMA FARLE SCELTA ACCETTARE FORMULE a base di AMINOACIDI GIÀ NELLE A PARTIRE DIVERSE DALL ANNO FORME DI DI APLV ETÀ FORMULE a base di proteine INTERE di SOIA Fiocchi A et al. DRACMA Guidelines. PAI 2010;21:1-125.

7 APLV : altri LATTI ALTERNATIVI BEVANDE di RISO o di altri cereali ( es. avena ) BEVANDE di SOIA LATTI di ALTRI MAMMIFERI BUFALA ( studi in vitro ) CAMMELLA ( due studi in vitro ) CAPRA, PECORA ( studi in vitro e in vivo ) CAVALLA, ASINA ( studi in vitro e in vivo )

8 LATTE EQUINO

9 LATTE EQUINO: i primi studi LATTE di CAVALLA studio in vitro e in vivo 1 25 bambini APLV IgE-mediata minima cross-reattività in vitro tollerato da 24/25 (96%) al challenge LATTE di ASINA studio in vivo 2 9 lattanti APLV per lo più IgE -mediata allergia alla soia e agli ehf tollerato da 9/9 (100%) al challenge e al f-up palatabilità e accrescimento buoni studio in vivo 3 21 lattanti APLV per lo più IgE -mediata allergia alla soia e agli ehf Businco L et al. JACI 2000; 105: Iacono G et al. JPGN 1992; 14: Carroccio A et al. CEA 2000; 30: tollerato da 18/21 (85.7%) al challenge e al f-up palatabilità e accrescimento buoni

10 LATTE EQUINO: studi clinici recenti

11

12 RISULTATI DELLO STUDIO 23/26 ( 88.4% ): CHALLENGE POSITIVO AL LATTE DI CAPRA (LC) 1/23: reazione grave orticaria generalizzata sternuti in serie difficoltà respiratoria 22/23: reazioni lievi peggioramento della DA e/o lieve orticaria 1/26 ( 3.8 % ): CHALLENGE POSITIVO AL LATTE DI ASINA (DM) reazioni lievi peggioramento della DA e/o lieve orticaria

13 DA dopo i primi 6 mesi: RISULTATI DELLO STUDIO significativamente migliorata nei 14 bambini che assumevano DM stabile o peggiorata nei 12 bambini che assumevano il LC DA nei 3 mesi successivi peggioramento del quadro cutaneo nei bambini passati a LC netto miglioramento nei bambini passati a DM

14 25 bambini ( 24 M, età range 6 mesi 10 anni, mediana 4.5 anni ) diagnosi accertata di APLV, per lo più IgE-mediata (nessuno forme gravi) tollerato da 24/25 (96%) al challenge e al f-up ( 4-6 mesi ) palatabilità e accrescimento buoni parametri nutrizionali stabili (dati non mostrati)

15 UTILIZZO DEL LATTE D ASINA (DONKEY S S MILK, DM) NEI BAMBINI AFFETTI DA ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO: L ESPERIENZA TORINESE

16 ANNI bambini ( 24 M, età range mesi, mediana 24 mesi, media 36 mesi ) diagnosi accertata di APLV, in 33 ( 71.7% ) IgE-mediata quadri clinici 1 a osservazione: forme MEDIO-GRAVI di APLV forme CUTANEE e/o GI acute e croniche ANAFILASSI da APLV ( n = 5 ) FPIES ( n = 1 )

17 PROSECUZIONE DELLO STUDIO 1 : ANNI bambini ( 55 M, età range mesi, mediana 19.5 mesi, media 27.3 mesi ) diagnosi accertata di APLV, in 69 ( 75% ) IgE-mediata quadri clinici 1 a osservazione: forme MEDIO-GRAVI di APLV forme CUTANEE e/o GI acute e croniche ANAFILASSI da APLV ( n = 11 ) FPIES ( n = 2 ) 1. Monti G ET AL, Tolerability of donkeys milk in 92 highly-problematic cows milk allergic children. J Biol Reg Homeos Ag 2012;26:75-82.

18 non disponibilita del LM PAZIENTI PROBLEMATICI IMPOSSIBILITA ad utilizzare le formule a base di SOIA ALLERGIA alla SOIA 35/46 ( 76 % ) 28/92 ( 30.4% ) SOIA controindicata 11/46 ( 24 % ) 53/92 ( 57.6 % ) IMPOSSIBILITA ad utilizzare gli ehf / RHF / AAF ALLERGIA agli EHF 7/46 ( 15 % ) 7/81 ( 8.6% ) RIFIUTO ehf/rhf/aaf 39/46 ( 84.8 % ) 74/81 ( 91.4% ) volontà dei genitori di non utilizzare SF, ehf, AAF 8/92 ( età media 28 mesi ) volontà dei genitori di utilizzare il DM ( + SF ) 3/92 ( età media 16 mesi ) AA MULTIPLA 35/46 ( 76 % ) 82/92 ( 89% )

19 DISEGNO dello STUDIO consenso informato challenge in doppio cieco vs placebo per il DM, preceduto da RAST e PbP per il DM esecuzione del DBPCFC: 15gg - 3 mesi dall ultimo challenge per il LV (DBPCFC) bilanciamento della dieta ( dietiste ospedale ) follow-up clinico e auxologico ( T 0 T 6 ), diario alimentare secondo studio: valutazione dei principali parametri nutrizionali al T 0 e dopo 6-12 mesi ( T C )

20 RISULTATI CHALLENGE NEGATIVO 38/46 ( 82.6 % ) 83/92 ( 90.2 % ) LATTE di ASINA GRADITO e TOLLERATO per l intero follow up DIFFERENZE NON SIGNIFICATIVE tra forme IgE-mediate e non IgE -mediate ANAFILASSI da APLV - tollerabilità 8/46 E 9/92 1/5 BAMBINI 11/11 NON HANNO TOLLERATO IL LATTE DI ASINA AL CHALLENGE totale: 12/16 ( 75% ) MAI REAZIONI SEVERE FPIES da APLV ( CL - tollerabilità POSITIVO, LIEVE ORTICARIA, 1/1 VOMITO, DIARREA, 2/2 DA ) totale: 3/3 ( 100% ) ASSUNZIONE del DM 2 30 m ( m 10 ) 1 69 m ( m 16 ) media 300 ml/die media 300 ml/die

21 RISULTATI CASISTICA 46 PAZIENTI Table 3. Temporal Z-score variations in Weight and Length/Stature. peso => trend significativamente in ascesa tra T 0 e T 1,T 3, T 4, T 5 T 1 T 2 T 3 T 4 T 5 T 6 lunghezza/altezza => trend significativamente in ascesa tra T 0 e T 1,T 3 Time from T 0 (months) Cases (n) Weight ( z-score) 0.06(0.16) * 0.07(0.28) 0.18(0.31) * 0.18(0.42) * 0.37(0.34) * 0.37(0.79) Length/stature ( z-score) 0.11(0.29) * 0.14(0.46) 0.26(0.52) * 0.17(0.46) 0.13(0.51) 0.25(0.47) pz con Z-score peso < -2DS al T 0 => incremento a T 1 (p 0.001) e T 2 (p 0.04) Data presented as mean (SD). * p < 0.05 compared with Z-score at To. confronto tra variazioni medie dello Z-score

22 RISULTATI CASISTICA 92 PAZIENTI Z score Weight Lenght/stature mesi INCREMENTO SIGNIFICATIVO ( P< ) DEL PESO E DELLA LUNGHEZZA /ALTEZZA DURANTE TUTTO IL PERIODO VALUTATO

23 DATI AUXOLOGICI dati auxologici rilevati per gli 83 bambini (49 M) al T 0 e al T end T 0 Media (DS) T end Media (DS) Significatività statistica peso (Kg) (3.10) (3.09) lunghezza/statura (cm) (11.64) (10.38) Z-score per il peso (1.15) (1.19) p < 0.01* Z-score per lungh/statura (1.15) 0.01 (1.13) p < 0.01* * t-test per dati appaiati

24 variazioni dello Z-score per il peso e per la lunghezza/statura nel primo anno di assunzione ininterrotta di DM ( n= 55 ) INCREMENTO SIGNIFICATIVO DELLO Z-SCORE PER IL PESO (p<0.001; F=17.52) PER LA LUNGHEZZA/STATURA (p<0.001; F=9.29) PER TUTTO IL PERIODO DELLA VALUTAZIONE

25 RISULTATI CASISTICA 92 PAZIENTI 24/83 ( 29% ) => follow-up nutrizionale valutazione principali PARAMETRI NUTRIZIONALI al T 0 e a 8 mesi ( in media ) dal reclutamento AUMENTO SIGNIFICATIVO (p <0,05) Hb, sideremia, saturazione transferrina prealbumina PARAMETRI STABILI ( nella norma ) bilancio lipidico bilancio calcio-fosforico

26 Parametri nutrizionali T 0 media (DS) mediana (IQR) T c media (DS) mediana (IQR) Significatività statistica emoglobina (g/dl) (0.99) (1.55) (0.95) (1.00) p = 0.008* sideremia (µg/dl) (43.36) (39.50) (35.25) (42.50) p = 0.006# transferrina satura (%) (9.50) (9.50) (9.71) (13.50) p = 0.005# Vitamina D 1,25- (OH) 2 (pg/ml) (15.06) (14.85) (15.69) (13.65) p = 0.019# prealbuminemia (mg/dl) (4.29) (4.50) (3.81) (6.50) p = 0.039* * t-test per dati appaiati # Wilcoxon-test per dati appaiati

27 RISULTATI ( 2 studio ) IMMUNOBLOTTING LATTE d ASINA sottoposto a elettroforesi in condizioni native, non denaturanti I CINQUE PAZIENTI ALLERGICI AL DM (NR. 7, 8, 10, 15 E 17) HANNO MOSTRATO SPECIFICHE BANDE DI REAZIONE (BANDE 6, 7 E 8) CHE NON SONO STATE EVIDENZIATE NEI SOGGETTI ALLERGICI SOLTANTO ALLE PLV CHE HANNO TOLLERATO IL DM

28 LE BANDE IMMUNOREATTIVE HANNO DIMOSTRATO CONTENERE β-caseina E β-lattoglobulina II Identificazione delle proteine tramite spettrometria di massa MALDI TOF e MALDI TOF/TOF

29 CONCLUSIONI - 1 é stato importante poter usufruire per i 112 (38+83) bambini che hanno potuto assumere il DM di un alimento alternativo, gradito e tollerato, nonostante la restrittività della dieta cui erano sottoposti il DM ha favorito in tutti un corretto accrescimento staturo-ponderale e una normalizzazione o un mantenimento in range di normalità dei parametri ematochimici valutati (nei 24 pazienti) vantaggio psicologico del poter usufruire di un latte propriamente detto alternativo al LV, che i bambini hanno consumato sia come tale, sia sotto forma di derivati ( gelato ) o di altri alimenti a base lattea ( torte, budini, biscotti fatti in casa ).

30 CONCLUSIONI -2 4 studi prospettici, 2 in vitro e in vivo sull efficacia del DM in bambini con APLV 189 bambini studiati; forme da lievi a gravi di APLV risultati INCORAGGIANTI ( tollerabilità [ %], palatabilità, adeguatezza nutrizionale ) necessità di CONFERME su più ampie casistiche e su POPOLAZIONE GENERALE dei bambini con APLV ( studi randomizzati, in doppio cieco )

31 CONCLUSIONI -3 prescrizione nell ambito di trials clinici controllati CAUTELA nel prescrivere il DM nei bambini con APLV, soprattutto se pregressa anafilassi IL LATTE DI ASINA E INADEGUATO COME ALIMENTO ESCLUSIVO NO nei bambini sotto i 12 mesi, bilanciamento della dieta NEL PRIMO ANNO DI VITA necessaria più FACILE REPERIBILITA e COSTI più BASSI rigorose NORME e CONTROLLI di tipo IGIENICO - SANITARIO e ALLERGOLOGICO (CEE)

32 GRAZIE PER L ATTENZIONEL ATTENZIONE

33 LATTE di ASINA CARATTERISTICHE COMPOSIZIONALI elevato contenuto in lattosio, come il LM; azione prebiotica e favorente assorbimento del Ca Ca/P ( 1.48 ) intermedio tra LM e LV contenuto in K, Na e Mg simile al LM contenuto in Fe e Zn simile al LM Salimei E, Fantuz F. Equid milk for human consumption. International Dairy Journal 2012;24:

34 Salimei E, Fantuz F. Equid milk for human consumption. International Dairy Journal 2012;24:

35 LATTE di ASINA CARATTERISTICHE COMPOSIZIONALI azoto non proteico: intermedio tra LV e LM contenuto in urea simile al LV e lievemente più basso rispetto al LM elevata concentrazione in aminoacidi essenziali, lievemente inferiore rispetto al LM tenore in caseine e sieroproteine simile al LM elevata concentrazione BASSO di lisozima, CARICO LF, RENALE lattoperox; DI SOLUTI, solo in COME tracce IL nel LM LV; azione antibatterica Salimei E, Fantuz F. Equid milk for human consumption. International Dairy Journal 2012;24:

36 LATTE di ASINA CASEINE 1 alfa-s1-caseina (cavalla) alfa-s2-caseina κ-caseina β-caseina maggiore identità con l αs1-cas del LM rispetto all l αs1-cas del LV presente in tracce, assente nel LM; allergene maggiore del LV presente in minima quantità; κ-cas bovina discreta capacità sensibilizzante predominante, come nel LM; β-cas bovina bassa capacità sensibilizzante SIEROPROTEINE 1 α-lattoalbumina β-lattoglobulina due varianti (β-lg I e II), entrambe glicosilate (simili a glicodelina del LM) 1. Bertino E, Gastaldi D, Monti G, et al. Detailed proteomic analysis on DM: insight into its hypoallergenicity. Frontiers in Bioscience 2010

37 LATTE di ASINA LIPIDI: ridotto contenuto lipidico totale (basso apporto calorico: 408 Kcal/l) pochi AG saturi pochi AG monoinsaturi; AG polinsaturi come LV bassi livelli di Ac ARA e DHA (importanti nello sviluppo SNC, retina, apparato riproduttivo) lipidi ALTAMENTE BIODISPONIBILI (posizione degli AG sullo scheletro del glicerolo, simile a LM) contenuto relativamente elevato di MCT elevata concentrazione in acidi grassi polinsaturi a lunga catena, come nel LM basso rapporto ω 6 /ω 3, come nel LM Gastaldi D, Bertino E, Monti G, et al. Donkey s milk detailed lipid composition. Frontiers in Bioscience 2010

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Amedeo Conti Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR, Torino Torino, 9 novembre 2012 Il latte d asina Composizione e proprietà

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA?

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Assemblea Nazionale di Federsanità ANCI Torino, 6-7 dicembre 2007 PARTECIPARE AL PROGETTO SALUTE Stili di vita e generazioni ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Dott.ssa Giovanna

Dettagli

! ALICAMENTO! ? ALIm e n t o o m e d icamento? Latte d asina in polvere

! ALICAMENTO! ? ALIm e n t o o m e d icamento? Latte d asina in polvere Latte d asina in polvere Alimento Tradizionale Ipoallergenico nel segno della Biodiversità e della Eco-Sostenibilità? ALIm e n t o o m e d icamento?! ALICAMENTO! INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Vitamine Vitamina

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

Normali fabbisogni proteicocalorici. secondo indicazione della Dietista e/o del Medico

Normali fabbisogni proteicocalorici. secondo indicazione della Dietista e/o del Medico ELENCO PRODOTTI PER NUTRIZIONE ENTERALE (NE) * 3.1 Nutrizione enterale a composizione standard 3.2 Nutrizione enterale nel paziente pediatrico 3.3 Nutrizione enterale a composizione particolare 3.1 Nutrizione

Dettagli

CHIARIMENTO N. 4 1 5761832E2B

CHIARIMENTO N. 4 1 5761832E2B _... _i LOTTI 1 ANNI DI LATTE, ALIMENTI PRIM A INFANZIA, PER NUTRIZIONE ENTERALE ED 1 misura ' CHIARIMENTO N. 4 A ) LATTI E ALIM ENTI PER LATTANTI 1 5761832E2B 2 5761853F7F 3 5761869CB4 Latte liquido,

Dettagli

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova NUTRIZIONE ENTERALE NEL BAMBINO CRITICO 13 novembre 2014 Dietista Anna Battistin LA REALTA PEDIATRICA I pazienti pediatrici rappresentano una popolazione particolarmente vulnerabile, con specifiche necessità

Dettagli

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO F. Paravati Crotone Allergia Alimentare epidemiologia 3-5% della popolazione pediatrica fino a 8 aa: (6-8% dei lattanti) convinzione nei genitori per una possibile

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

Ipersensibilità alimentare

Ipersensibilità alimentare ! " # $ " %% " # %& EAACI : European Academy of Allergology and Clinical Immunology Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica IgE mediata Non IgE mediata Allergy, 2001;56:813

Dettagli

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Iride Dello Iacono Unità Operativa di Pediatria, Ospedale Fatebenefratelli, Benevento iridedello@hotmail.com

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale allattamento al seno è il modo naturale di alimentare L il lattante ed il bambino. L allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi assicura una crescita, uno sviluppo ed una salute ottimali. Dopo

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida, completa,

Dettagli

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPERSENSIBILITA ALIMENTARE Allergia alimentare (reazioni agli alimenti scatenate da meccanismo

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A CIG 628875901A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida,

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

Salerno 19 febbraio 2011

Salerno 19 febbraio 2011 Salerno 19 febbraio 2011 Jessica: non ancora 3 mesi arriva di corsa al Pronto Soccorso per episodio acuto caratterizzato da vomiti ripetuti e ravvicinati, gli ultlimi biliari, accompagnati da stato colassiale

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età)

Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età) Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età) E l età in cui l allergia alimentare è più frequente = 2,5-3 % > 8%? A seconda dei metodi di diagnosi e della popolazione studiata L alimento più

Dettagli

ProSure. Miglioriamo la compliance al trattamento radiochemioterapico. 5 gusti per migliorare la compliance dei pazienti NUOVO NUOVO

ProSure. Miglioriamo la compliance al trattamento radiochemioterapico. 5 gusti per migliorare la compliance dei pazienti NUOVO NUOVO Affi anca al piano terapeutico, per raggiungere il traguardo Nei soggetti con perdita di peso involontaria indotta da neoplasia, il supporto nutrizionale Prosure, con la sua formulazione unica e specifi

Dettagli

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara :

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara : Via Unità Italiana, 28-81100 Caserta SERVIZIO PROVVEDITORATO/ECONOMATO Tel. 0823/44.5226 Fax 0823/279581 Prot. n. 803/PROV Del 12/02/2014 OGGETTO: Procedura Aperta per la fornitura biennale di diete per

Dettagli

Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13

Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13 giunta regionale Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13 Allegato 5 al Disciplinare di Gara REGIONE VENETO Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

Dettagli

La Filiera del latte d asina in Piemonte: situazione attuale, criticità e proposte di intervento da parte del mondo produttivo

La Filiera del latte d asina in Piemonte: situazione attuale, criticità e proposte di intervento da parte del mondo produttivo La Filiera del latte d asina in Piemonte: situazione attuale, criticità e proposte di intervento da parte del mondo produttivo Contributo a cura di: Gandolfo Barbarino (Direzione Sanità, Regione Piemonte),

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard

ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard 2.2 Supplemento orale a composizione specifica 2.3 Supplemento orale modulare (fornisce solo un

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

LATTE D'ASINA: PERCHÉ?

LATTE D'ASINA: PERCHÉ? LATTE D'ASINA: PERCHÉ? Da 7000 anni l asino lavora al fianco dell uomo svolgendo i lavori più faticosi: tirando l aratro e l erpice, facendo girare la macina del grano e il frantoio per le olive. Trainando

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

DEL CONVEGNO CENTRO CONGRESSI COLDIRETTI

DEL CONVEGNO CENTRO CONGRESSI COLDIRETTI II CONVEGNO NAZIONALE SUL LATTE DI ASINA Latte d asina: perché ATTI DEL CONVEGNO CENTRO CONGRESSI COLDIRETTI Via XXIV Maggio, 43 (Piazza del Quirinale) Roma 22 MARZO 2007 Ministero della Salute II CONVEGNO

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA

CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA DISFAGIA E DISTURBI DELLA DEGLUTIZIONE Milano, 4 e 7 aprile 2014 CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA Dietista Valentina Valentini Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica - Istituto Geriatrico Riabilitativo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 SVEZZAMENTO, principi e qualità Maura Sticco Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 (o, forse, Svezzamento, quando, cosa, quanto?) Quando ESPGHAN Co. N. 2008 L allattamento al

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare.

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare. Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare Gianni Cadario Rete Regionale di Allergologia e Osservatorio Gravi Reazioni Allergiche

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere. Anna Maria Ferrara

Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere. Anna Maria Ferrara Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere Anna Maria Ferrara I LATTI Il latte materno Il latte materno è il migliore prodotto nel più gentile contenitore Rappresenta

Dettagli

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Napule è... PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE 30 APRILE - 3 MAGGIO 2015 Hotel Royal Continental, Napoli ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Cristiana Indolfi

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo Master di II livello Università Cattolica del Sacro Cuore Malattie Allergiche Severe (alimenti, farmaci, imenotteri, lattice, anafilassi ed asma grave) Anno Accademico 2014 2015 Programma definitivo 21

Dettagli

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra Come svezzare e fare prevenzione Gabriella Metzger Alimenti da svezzamento Mercato italiano (volumi) Anno 2006 34% 66% Babyfood Farine&Biscotti

Dettagli

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone Viaggi di gusto IRASE UIL Il latte vegetale di Daniela Leone Questo articolo prende in rassegna le caratteristiche dei diversi tipi di latte vegetale: da quelli più utilizzati, come quello di soia o di

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

IL BAMBINO CON ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO

IL BAMBINO CON ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Università degli studi di Parma - Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Dipartimento Materno-Infantile U.O.C. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia

Dettagli

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Nunzia Maiello Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria infantile M Miraglia del Giudice Dipartimento di Pediatria Seconda Università

Dettagli

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin. Allergia al Grano Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.it Interesse nelle patologie correlate al glutine Catassi

Dettagli

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE Il gruppo Elcomex attualmente rappresenta uno dei player più significativi nel comparto energetico Rumeno (soprattutto energia proveniente

Dettagli

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive Mod.1.01 SCHEDA DI REGISTRAZIONE Questa scheda deve essere compilata ed inviata al più presto per ogni paziente affetto da XLA, CGD, CVID, THI, WAS, AAR. Centro

Dettagli

Favorire le scelte sull alimentazione. Dr.ssa Luciana Biancalani Pediatra di Famiglia Prato

Favorire le scelte sull alimentazione. Dr.ssa Luciana Biancalani Pediatra di Famiglia Prato Favorire le scelte sull alimentazione Dr.ssa Luciana Biancalani Pediatra di Famiglia Prato Perché una corre,a alimentazione è fondamentale per la salute futura? Esistono periodi cri8ci dello sviluppo in

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

I bambini allergici a scuola

I bambini allergici a scuola I bambini allergici a scuola Qualche numero.. Le allergie alimentari interessano l 8% dei bambini nei primi 3 anni di vita, il 3-4% di quelli in età scolare, e rimangono persistenti nel 2% dopo i 10 anni.

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI?

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? A cura di Antonio Sebastiano, Francesca Scolari e Roberto Pigni Castellanza, 7 febbraio 2013

Dettagli

L alimentazione attuale

L alimentazione attuale L alimentazione attuale The Bridge Srl Via Marcigaglia 22 36070 San Pietro Mussolino VICENZA info@thebridgesrl.com - www.thebridgesrl.com Tél./Fax 0444 687880 Scheda tecnica BEVORISO BEVOAVENA VANTAGGI

Dettagli

Latte d asina crudo in polvere liofilizzato Prodotto interamente naturale

Latte d asina crudo in polvere liofilizzato Prodotto interamente naturale Latte d asina crudo in polvere liofilizzato Prodotto interamente naturale Altissime proprietà L alimentazione è importante per tutti e diventa fondamentale per chi pratica sport o per chi ha bisogno di

Dettagli

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto Dermatite Atopica : verità e luoghi comuni Quante volte e sempre più frequentemente nell ambulatorio di dermatologia pediatrica ci sentiamo dire da genitori preoccupati: nostro figlio ha una dermatite

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali.

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. Renato Rossi Rete di Allergologia Regione Piemonte Rivarossa Team Alba (CN) Negli ultimi anni l impiego di tecniche di biologia molecolare ha

Dettagli

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA

PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA PEG E PATOLOGIA CRONICA IN ETA PEDIATRICA La Fibrosi Cistica come modello Marco Cipolli, Ciro D Orazio Centro Fibrosi Cistica Azienda Ospedaliera di Verona Verona, 27 ottobre 2000 FIBROSI CISTICA La piu

Dettagli

Avvertenza per allergici

Avvertenza per allergici RITTER-SPORT.IT Buono a sapersi Avvertenza per allergici Le reazioni positive prevalgono. chocolate makes you happy. For 5% of Germans, this is not necessarily true, however, as they have an allergy

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello Allergia Alimentare: il labirinto del latte Vito L. Miniello Clinica Pediatrica S. Maggiore Dip.to di Biomedicina dell Età Evolutiva Università di Bari Ipersensibilità EAACI (the European Academy of Allergology

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO Eczema e allergie alimentari: una rivoluzione copernicana TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO La terra gira intorno al sole Due teorie

Dettagli

International Master in Clinical Pharmacy

International Master in Clinical Pharmacy International Master in Clinical Pharmacy Universidad de Granada Granada, 25 Marzo 2014 Dpto. Nutrición y Bromatología Dtt.ssa Mª L. Lorenzo Tovar ALLATTAMENTO MATERNO E ALLATTAMENTO ARTIFICIALE. FORMULE

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE Como, 20 giugno 2011 Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como Nutrienti per miscele e loro fonti Liquidi Azoto acqua

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

Metodologie per la Nutrizione

Metodologie per la Nutrizione Metodologie per la Nutrizione D IETOSYSTEM Il benessere come scienza Impedenziometria in multifrequenza La risposta innovativa nella valutazione dei compartimenti corporei Affidabilità, praticità e versatilità

Dettagli

L ATTIVITA DEL SERVIZIO

L ATTIVITA DEL SERVIZIO Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Area Nutrizione L ATTIVITA DEL SERVIZIO A partire da settembre 2002, l unità operativa Nutrizione del SIAN di Modena ha

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli