3. Materiali e Metodi 3. MATERIALI E METODI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Materiali e Metodi 3. MATERIALI E METODI"

Transcript

1 3. MATERIALI E METODI 46

2 3.1 Campionamento Sono stati campionati complessivamente 29 formaggi, di cui 8 caprini, 12 pecorini e 9 caciotte, di cui 2 da latte bovino e 7 da latte misto (bovino ed ovino). Di questi, le produzioni ottenute con latte crudo locale (19 campioni) sono state prelevate presso caseifici artigianali della regione Marche, mentre i formaggi a latte pastorizzato aggiunto di starter commerciali (10 campioni) sono stati acquistati presso supermercati della provincia di Ancona. I campioni sono stati trasportati in laboratorio in condizioni refrigerate e sottoposti ad analisi microbiologiche, chimico-fisiche e molecolari. Parallelamente al campionamento, per ciascuna produzione oggetto di studio sono state raccolte informazioni relative agli ingredienti utilizzati, la tecnologia di lavorazione e le condizioni di stagionatura. 3.2 Analisi microbiologiche Dieci g di ciascun campione sono stati addizionati di 90 ml di acqua peptonata (0,1 %, p/v) sterile ed omogenati con un omogenizzatore peristaltico (Stomacher 400 Circulator, International PBI), per 2 minuti a 260 rpm, in sacchetti in polietilene ad alta resistenza meccanica, dotati di filtro (SEWARD, UK). Ciascun omogenato (10-1 ) è stato sottoposto a diluizioni seriali ( ); aliquote di 0,1 ml dell omogenato e di ciascuna diluizione sono state distribuite per spatolamento su mezzi agarizzati selettivi per la conta di (i) lattobacilli (MRS agar Oxoid, addizionato di 170 mg/l di cycloeximide (Hatzikamari et al., 1999) ed incubato a 37 C per 48 h in anaerobiosi); (ii) lattococchi mesofili (M17 agar Oxoid, incubato a 22 C in aerobiosi per 48 h); (iii) cocchi termofili (M17 agar Oxoid incubato a 45 C in aerobiosi per 24 h). Tutti i campioni sono stati testati per Salmonella spp, Listeria monocytogenes ed enterotossina stafilococcica utilizzando l apparecchio minividas (Biomerieux ) con metodo ELFA (Enzyme Linked Fluorescent Assay), come descritto nel protocollo validato ANFOR (Vitek Immuno Diagnostic Assay System; BIO 12/10 09/02; BIO 12/11 03/04). 3.3 Analisi chimico-fisiche Per ciascuna analisi, sono state effettuate tre misurazioni indipendenti. I risultati sono stati espressi come valore medio ± deviazione standard. 47

3 3.3.1 Determinazione del ph Il ph è stato misurato al cuore del prodotto e nella sottocrosta, utilizzando un phmetro dotato di un elettrodo da solidi (HI2031, HANNA INSTRUMENTS) Attività dell acqua (a w ) L attività dell acqua (a w ) è stata misurata con un indicatore idrometrico elettrico (AW Win, PBI INTERNATIONAL) Determinazione del contenuto in cloruro di sodio Il contenuto in cloruro di sodio dei campioni è stato determinato utilizzando il metodo VOLHARD (Haouet et al., 2006), basato sulla precipitazione dei cloruri, in seguito all aggiunta di nitrato d argento in eccesso, come argento cloruro, che può essere titolato con una soluzione di ammonio solfocianuro, fino alla comparsa di una colorazione rosa persistente. La quantità di cloruro di sodio è calcolata in relazione al volume di titolante utilizzato, secondo la seguente procedura: si pongono 1,5 g di campione in un becher da ml; si addizionano 100 ml di acqua distillata, 10 ml di acido nitrico e 25 ml di nitrato d argento 0,1 N; si porta la soluzione ad una leggera ebollizione per circa 10 min, fino a precipitazione dell argento cloruro, favorita dalla agitazione frequente; si chiude il becher con carta stagnola e si lascia raffreddare al buio; si aggiungono 5 ml di soluzione satura di allume ferrico e si lavano le pareti del becher con alcuni ml di acqua distillata; si titola con ammonio solfocianuro 0,1 N fino alla comparsa di un colore rosa persistente. In relazione al volume di ammonio solfocianuro utilizzato, viene calcolato il contenuto in cloruro di sodio, espresso in g/100 g di campione, utilizzando la seguente formula: [(V 1 x M 1 ) - (V 2 x M 2 )] x P x 1000 V 1 = volume in ml di nitrato d argento M 1 = molarità del nitrato d argento V 2 = volume in ml di ammonio solfocianuro M 2 = molarità dell ammonio solfocianuro P = peso in grammi del campione = PM del cloruro di sodio x

4 3.3.4 Determinazione del contenuto in azoto e proteine Il contenuto in azoto totale (azoto organico più azoto ammoniacale) dei campioni è stato determinato secondo il metodo Kjeldahl (Suppl. ordinario G.U , Serie generale n. 229, 13). Più in dettaglio, la procedura prevede una fase iniziale di mineralizzazione dell azoto totale presente nel campione, che porta alla formazione di ammoniaca, successivamente distillata e titolata con acido cloridrico. In relazione al volume di acido cloridrico utilizzato, viene calcolato il contenuto in azoto. Tale valore viene poi moltiplicato per una costante specifica per il latte ed i prodotti lattiero-caseari, al fine ottenere il contenuto in proteine dell alimento. Questa procedura prevede l utilizzo di un unità di mineralizzazione ed un analizzatore automatico Kjeldahl, utilizzato nelle fasi di distillazione e titolazione. Fase di mineralizzazione: si pesa 1 g di campione in un contenitore di vetro compatibile con l unità di mineralizzazione e con l analizzatore automatico Kjeldahl; si aggiungono due pasticche di catalizzatore (pasticche Kjeltab) e 15 ml di acido solforico concentrato, agitando delicatamente; si accende l abbattitore di fumi acidi e si pone l apposito contenitore in vetro nell unità di mineralizzazione che provvede al riscaldamento del campione, prima moderatamente fino a scomparsa della schiuma, quindi più intensamente fino ad ebollizione regolare della soluzione; si mantiene in ebollizione fino a quando la soluzione non diventa limpida e di colore verde pallido; si spegne l unità di mineralizzazione e si lascia raffreddare il campione per almeno mezz ora, mantenendo l abbattitore dei fumi acceso; si toglie il campione dall unità di mineralizzazione e si lascia ulteriormente raffreddare a temperatura ambiente. Fase di distillazione e titolazione: si imposta, nell analizzatore automatico Kjeldahl, il programma necessario per la distillazione e la titolazione dell azoto totale; si esegue la taratura dell elettrodo usando i tamponi di riferimento a ph 4,0 e 7,0; si eseguono almeno tre prove con acqua distillata, di cui la prima è di lavaggio, le altre sono bianchi (prove in bianco): 49

5 - si inserisce un opportuno contenitore contenente acqua distillata nel condensatore dell analizzatore automatico Kjeldahl: lo strumento erogherà in automatico circa 90 ml di NaOH al 40 % (p/v); - nel recipiente di raccolta defluiranno 60 ml di acido borico al 4% (v/v) a ph 4,65 che rappresenta il punto finale della reazione; - conclusa la distillazione (circa 5 min) inizierà la titolazione con acido cloridrico 0,2 N; si pone, quindi, il campione nell analizzatore automatico Kjeldahl e si ripetono le operazioni descritte al punto precedente (prove in bianco), rilevando il volume in ml di acido cloridrico 0,2 N usato per la titolazione. Si sottrae dal volume di titolazione del campione il volume medio ottenuto dalle prove in bianco (senza considerare il valore relativo al lavaggio con acqua distillata). [(V x B) x N x 14 x 100] P x 100 V = volume di acido cloridrico usato per la titolazione B = media di volumi di acido cloridrico usati per la titolazione dei bianchi N = normalità dell acido cloridrico 14 = PM dell azoto P = peso del campione usato Il contenuto in proteine espresso in g/100 g di campione è dato dalla seguente formula: Azoto (g / 100 g) x C C = fattore di conversione dell azoto in proteine (specifico per ogni alimento): 6.38 latte e prodotti lattiero caseari Determinazione del numero di perossidi della sostanza grassa Il numero di perossidi della sostanza (espresso in milliequivalenti di ossigeno attivo per Kg di formaggio) è stato valutato utilizzando il metodo proposto da Martillotti e collaboratori (1987), e di seguito brevemente illustrato. Estrazione delle sostanze grasse si pesano almeno 50 g di campione e si introducono in una beuta a collo smerigliato da ml; si aggiunge una soluzione di cloroformio-metanolo (2:1) in un volume pari al doppio del peso del campione, agitando delicatamente; si lascia in estrazione per almeno 2-3 h a riposo, oppure per circa 30 min in agitazione continua; si filtra su filtro a pieghe in un imbuto separatore da ml; si aggiungono 80 ml di cloruro di sodio al 2 % (p/v); 50

6 dopo alcuni secondi di agitazione, si lasciano riposare le fasi; si raccoglie il cloroformio in un pallone da ml; si porta a secco con un evaporatore rotante, applicando una temperatura massima di circa 40 C ± 5 C e una bassa velocità di rotazione; si lascia il pallone a temperatura ambiente per circa 30 min. Il numero di perossidi è determinato utilizzando il seguente protocollo: si pesa 1 g di materia grassa, in una beuta da ml; si aggiungono 25 ml della miscela acido acetico glaciale-cloroformio e si agita fino a completa dissoluzione; si aggiungono 0,5 ml di una soluzione satura di ioduro di potassio avendo cura di chiudere subito la beuta. si agita con un movimento rotatorio per circa 1 min; si lascia riposare a temperatura ambiente al buio per 5 min esatti; si diluisce la soluzione con 75 ml di acqua distillata e si aggiungono 0,5 ml di salda d amido come indicatore (la soluzione acquista un colore grigioviola di intensità variabile in funzione del numero di perossidi); si titola con una soluzione di tiosolfato sodico 0,01 N fino a un viraggio della soluzione ad un colore bianco latte; si effettua in parallelo una prova in bianco, effettuando una titolazione con reagenti, senza campione. Il numero di perossidi, espresso in milliequivalenti di ossigeno attivo per Kg di sostanza grassa, è calcolato utilizzando l espressione: V = volume di tiosolfato di sodio N = normalità del tiosolfato di sodio m = quantità di sostanza grassa in grammi (V x N x 1000) m Determinazione del contenuto di lipidi Il contenuto lipidico dei campioni è stato determinato attraverso l estrazione delle sostanze grasse con etere di petrolio, previa idrolisi acida (G.U. n. 88 del 2 ottobre 1986). Dopo evaporazione del solvente, il tenore lipidico è stato determinato per via gravimetrica, come di seguito brevemente descritto: si pone un pallone da ml a condizionare a 105 C ± 5 C in stufa, per almeno 1 h; 51

7 si lascia raffreddare in essiccatore per almeno 30 min, e si pesa il pallone su bilancia analitica; 3 g di campione sono addizionati di 8-10 ml di una soluzione di acido cloridrico al 25% (v/v) in un cilindro da 100 ml dotato di tappo; si pone il cilindro in acqua bollente, agitando leggermente, per circa 30 min; si raffredda a temperatura ambiente; si aggiungono 10 ml di alcool etilico e si mescola; si aggiungono 25 ml di etere etilico, si chiude il cilindro e si agita vigorosamente per circa 1 min; si apre il cilindro delicatamente e si aggiungono 25 ml di etere di petrolio; si chiude ancora il cilindro, e lo si agita per inversione, per circa 30 sec; si lascia riposare fino a separazione completa delle fasi; si raccoglie accuratamente, con una pipetta, la fase limpida superiore, che viene posta nel pallone precedentemente condizionato e pesato; si procede ad ulteriori due passaggi di estrazione con 15 ml di etere etilico e 15 ml di etere di petrolio (prelevando sempre la fase limpida superiore); si porta a secco in un evaporatore rotante ad una temperatura non superiore a C; si pone il pallone in stufa a 105 C ± 5 C per almeno 2 h; si lascia raffreddare in essiccatore, per circa 30 min e si pesa il campione utilizzando una bilancia analitica. Il contenuto in lipidi (espresso in percentuale/100 g di campione) è calcolato sulla base della seguente formula: (C 2 C 1 ) x 100 M C 2 = peso del pallone contenente grasso C 1 = peso del pallone vuoto dopo condizionamento M = massa in grammi del campione 3.4 Analisi PCR-DGGE (Denaturing Gradient Gel Electrophoresis) Estrazione di DNA batterico da formaggio L estrazione di DNA batterico da formaggio è stata eseguita seguendo la procedura proposta da Rantsiou e collaboratori (2008) ed in parte modificata come di seguito descritto: 52

8 si aggiungono 2 g di campione finemente tritato a 20 ml di una soluzione di sodio citrato (2% trisodio citrato di-idrato) e si incuba a 45 C per 30 min; si vortexa per 5 min e si centrifuga a rpm per 10 min; si rimuove il sovranatante e si risospende il pellet in 300 µl di tampone TE (10mM TrisHCl; 1mM EDTA, ph 8); si centrifuga alla massima velocità per 10 min e si elimina il sovranatante; si risospende il pellet in 120 µl di proteinasi K buffer ( 50mM Tris-HCl; 10mM EDTA; 0.5% SDS, ph 7,5); si trasferisce la sospensione in un nuovo tubo contenente 0,3 g di sfere di vetro con diametro di 0,5 mm; si aggiungono 20 µl di una soluzione di proteinasi K (25 mg/ml) e lisozima (140 mg/ml) e si incuba a 50 C per 1 h; si aggiungono 150 µl di 2X breaking buffer (4% Triton X-100; 2% SDS; 200mM NaCl; 20mM Tris; 2mM EDTA, ph 8); si aggiungono 300 µl di fenolo/cloroformio/alcol isoamilico 25:24:1; si vortexa 3 volte per 30 sec intervallati ogni volta da 10 sec; si centrifuga a 4 C a rpm per 10 min; si trasferisce la fase acquosa in un nuovo tubo; si aggiunge 1 ml di etanolo assoluto e si mescola delicatamente; si centrifuga a 4 C a rpm per 10 min; si lascia asciugare il pellet all aria; si dissolve il DNA in 50 µl di acqua sterile; si aggiunge 1 µl di RNasi DNasi-free (10 mg/ml) e si incuba a 37 C per 1 h Preparazione dei bulk di colonie di batteri lattici Le piastre di MRS e M17, utilizzate per la conta di lattobacilli, lattococchi mesofili e cocchi termofili (paragrafo 3.2), sono state utilizzate per la preparazione dei bulk di colonie come suggerito da Ercolini e collaboratori (2001). La patina batterica sviluppatasi sulle piastre corrispondenti a due diluizioni seriali (- 2 ed una piastra contabile, ovvero con un numero di colonie compreso fra 30 e 300) è stata risospesa in 53

9 1,5 ml di acqua peptonata (0,1 %, p/v) sterile; 300 µl della sospensione cellulare così ottenuta sono stati trasferiti in tubi sterili ed utilizzati per l estrazione del DNA batterico Estrazione di DNA dai bulk di colonie L estrazione di DNA batterico dai bulk di colonie è stata effettuata secondo la procedura descritta da Hynes e collaboratori (1991) ed in parte modificata come di seguito descritto: si centrifuga a rpm per 5 min; si rimuove il sovranatante e si risospende il pellet cellulare in 1 ml di tampone STE (10mM Tris- HCl, ph 8; 100 mm NaCl; 1 mm EDTA, ph 8) contenente saccarosio (20%, p/v) e lisozima (25mg/mL); si incuba a 37 C per 3 h; si centrifuga a rpm per 3 min; si risospende il pellet in 1 ml di tampone di lisi (50 mm KCl; 10 mm Tris-HCl, ph 8.3; 0,1 mg/ml gelatina; 0,45% Triton X-100; 0,45% Tween 20) contenente proteinasi K (100 µg/ml); si incuba a 60 C per 3 h; si tratta il campione a 95 C per 10 min allo scopo di inattivare la proteinasi K contenuta nel tampone Quantizzazione spettrofotometrica Concentrazione e purezza del DNA estratto sono state determinate spettrofotometricamente (Spectrophotometer Cary 1E UV-visible, Varian, Australia, Pty. Ltd), misurando l assorbanza a 260 nm, 280 nm e 234 nm, come descritto da Sambrook e collaboratori (1989) Amplificazione della porzione del gene per il 16S rrna compresa tra le regioni variabili V6 e V8 L amplificazione delle regioni variabili V6-V8 del gene codificante il 16S rrna è stata effettuata utilizzando i primer U968-f [5 -AAC GCG AAG AAC CTT AC -3 ] e L1401-r [5 -GCG TGT GTA CAA GAC CC-3 ] (Randazzo et al., 2002). Il primer U968-f è stato disegnato inserendo all estremità 5 la CGclamp descritta da Muyzer e collaboratori (1993). Centoventi ng di DNA templato sono stati amplificati in un volume finale di 25 µl, contenente: tampone di reazione 1X; MgCl 2 3 mm; dntps 0,2 mm; primer 0,1 µm; Taq polimerasi (EuroTaq, CelBio) 0,625 U, utilizzando le condizioni illustrate in Figura 3.1. Le amplificazioni sono state condotte nel ciclatore termico My cycler Thermal cycler (Biorad, Hercules, Canada). 54

10 94 C 5 94 C C C C C Figura 3.1. Ciclo termico utilizzato per l amplificazione via PCR delle regioni variabili V6-V8 del gene codificante il 16S rrna Elettroforesi su gel di agarosio I prodotti di PCR sono stati preliminarmente visualizzati mediante elettroforesi su gel di agarosio 1,5% (p/v), contenente 2,5% (v/v) di etidio bromuro (10 mg/ml), in tampone TBE (Tris Borato-EDTA) 0,5X (Sambrook et al., 1989). La migrazione elettroforetica è stata condotta ad un voltaggio di 4 V/cm per 45 min utilizzando il marcatore molecolare DNA Ladder Mix (Fermentas M-Medical, Milano, Italia). Gli ampliconi sono stati visualizzati agli UV (λ 320 nm) utilizzando l acquisitore Gel Doc 1000 (BioRad) ed il programma Multi-Analyst (BioRad) Reconditioning-PCR 35 cicli Al fine di ridurre il numero eventuali molecole eterologhe (Thompson et al., 2002), 5 µl del prodotto di PCR sono stati re-amplificati (reconditioning-pcr) in una miscela di reazione di 50 µl contenente: tampone di reazione 1X; MgCl 2 3 mm; dntps 0,2 mm; primer 0,1 µm; Taq polimerasi (EuroTaq, CelBio) 0,625 U. La reazione è stata effettuata utilizzando il ciclo termico illustrato in Figura C 5 94 C C C C 30 3 cicli 15 C Figura 3.2: Reconditioning - PCR 55

11 3.4.8 Elettroforesi su gel di poliacrilamide in gradiente denaturante Gli ampliconi sono stati separati come descritto da Cocolin e collaboratori (2001), utilizzando l apparato Dcode Universal Mutation System (Biorad) (Figura 3.3). Aliquote di 20 µl dei prodotti di PCR sono state caricate su gel di poliacrilamide (acrilamide-bisacrilamide 37.5:1) contenente un gradiente denaturante lineare (50-70,6%) [una soluzione 100% denaturante contiene urea 7 M e formamide 40 % (p/v)]. Figura 3.3: Apparato Dcode Universal Mutation System. Preparazione della cella elettroforetica Preliminarmente alla migrazione elettroforetica, vetri, pettini e spacer sono stati lavati con una soluzione detergente di metanolo e KOH 5 % (p/v) (Sambrook et al.,1989), risciacquando accuratamente prima con acqua e poi con etanolo. Preparazione della soluzione denaturante La soluzione denaturante (V f = 20 ml) è stata preparata aggiungendo: Urea (7 M) 8,4 g Formamide (40%) 8 ml H 2 O distillata sterile 12 ml Preparazione del gel di poliacrilamide Il gel di poliacrilamide è stato realizzato utilizzando due soluzioni contenenti differenti concentrazioni di agente denaturante. Low solution (50 % agente denaturante, V f =15 ml): agente denaturante 7,5 ml acrilamide 4 ml APS 10% (Ammonio Persolfato) 0,105 ml TAE 50 X 0,3 ml [trizma base; 1M acido acetico glaciale; 50 mm EDTA; ph 8,0] H 2 O distillata sterile 3,09 ml TEMED 5,25 µl High solution (70,6 % agente denaturante, V f =15 ml): agente denaturante 10,6 ml acrilamide 4 ml APS 10% 0,105 ml TAE 50X 0,3 ml TEMED 5,25 µl Le due soluzioni sono state trasferite in due siringhe opportunamente montate su di un generatore di gradiente e versate, per mezzo di tale strumento, nell intercapedine tra i due vetri (Figura 3.4). 56

12 Dopo aver versato il gel, è stato inserito immediatamente il pettine, evitando quanto possibile la formazione di bolle. Al termine della polimerizzazione (dopo circa 60 min a 25 C), il pettine è stato rimosso ed i residui di acrilamide non polimerizzata nei pozzetti rimossa con un puntale contenente TAE 1X. Figura 3.4. Allestimento del gel di poliacrilamide mediante un generatore di gradiente Costruzione del ladder Al fine di identificare preliminarmente le specie microbiche presenti nei campioni di formaggio in esame, tre colture pure di batteri lattici, i cui ampliconi ottenuti con i primer U968-f e L1401r hanno prodotto su gel profili costituiti da una singola banda, sono stati selezionati per la preparazione di un ladder di identificazione, ottenuto miscelando uguali quantità di ampliconi (10 µl). I tre ceppi, Streptococcus thermophilus DSMZ 20617, Lactococcus lactis subsp. lactis DSMZ e Lactobacillus brevis NCIMB 8664, sono stati ottenuti dalla Deutsche Sammlung von Mikrorganismen und Zellkulturen (http://www.dsmz.de/) (Braunsweig, Germany) e dalla National Collection of Industrial Marine and Food Bacteria (NCIMB, Aberdeen, Scotland, UK) (http://www.ncimb.com/culture.html) Estrazione di DNA da banda e purificazione Le bande visualizzate su gel sono state excise con opportuni puntali monouso; il DNA è stato eluito ponendo ciascuna banda excisa in 50 µl di tampone TE ed incubata a 4 C overnight. Sei µl di eluito sono stati sottoposti ad amplificazione utilizzando il primer U968-f privo di GC-clamp, come descritto al paragrafo Gli ampliconi sono stati, quindi, purificati utilizzando microcolonne cromatografiche (il GFXTM PCR DNA and Gel Band Purification Kit, GE Healthcare, Buckingamshire, UK), seguendo la procedura suggerita dal fornitore Sequenziamento Il DNA eluito dalle bande excise dal gel è stato quantificato mediante migrazione elettroforetica su gel di agarosio all 1,5 % (p/v) utilizzando il marcatore di peso molecolare MassRuler TM DNA Ladder Mix (Amersham Bioscience, Piscataway, USA) caricato nel gel in due aliquote di 5 µl e 10 µl. Le reazioni di sequenza sono state effettuate dalla MWG Biotech (Ebersberg, Germany) a partire da aliquote di 20 ng/100-bp di DNA essiccato. 57

13 Allineamento delle sequenze di 16S rdna Le sequenze in formato FASTA ottenute dalla MWG Biotech sono state allineate alle sequenze depositate nella banca dati GenBank, utilizzando il software BLAST disponibile liberamente in rete al sito (Altschul et al., 1997). 3.5 Analisi SPME-GC (Solid Phase Microextraction Gas Chromatography) L analisi SPME-GC è stata effettuata seguendo la procedura proposta da Pinho et al. (2001) e di seguito descritta: si pongono 3 g di campione finemente grattugiato in una fiala di vetro da 15 ml dotata di setto in PTFE (politetrafluoroetilene) (SUPELCO); si aggiunge 1 ml di acqua deionizzata, miscelando delicatamente; si incuba a 60 C per 40 min, ponendo la fiala in un bagnetto termostatico (fase di Figura 3.5. Rappresentazione schematica della fase di adsorbimento. equilibratura); si inserisce attraverso il setto in PTFE della fiala un supporto manuale (SUPELCO) per SPME equipaggiato con una fibra in poliacrilato di lunghezza 2 cm e spessore 85 µm (SUPELCO); si espone la fibra allo spazio di testa del campione, incubando a 60 C per 30 min (fase di adsorbimento); si inserisce la fibra nella porta dell iniettore (posto in modalità splitless) del gascromatografo SHIMADZU GC Le analisi cromatografiche sono state effettuate secondo le condizioni riportate da Pinho et al (2001) e di seguito descritte: colonna DB-WAX (J&W Scientific): 30 m di lunghezza, 0,25 mm di diametro interno e 0,25 mm di spessore della fase stazionaria; temperatura della colonna: 40 C per 2 min seguiti da un incremento di 5 C/min fino ad una temperatura finale di 230 C mantenuta per altri 10 min (durata totale del programma 50 min); 58

14 caratteristiche e temperatura dell iniettore: modalità splitless, 230 C; gas carrier: azoto con un flusso di 1,47 ml/min; caratteristiche e temperatura del rivelatore: FID, 230 C. Al fine di determinare i tempi di ritenzione dei principali composti volatili che generalmente caratterizzano le produzioni casearie (Pinho et al, 2001; Chiofalo et al, 2004; Guillén et al, 2004), sono stati selezionati ed analizzati, sia singolarmente sia in miscela, 13 composti standard (SIGMA ALDRICH) (Tabella 3.1). n atomi di n di doppi Peso Nome IUPAC Nome COMUNE Carbonio legami Molecolare Etilacetato 4-88,11 Acetone 3-58,8 Etanolo 2-46,07 Acido acetico ,5 Acido butanoico Acido butirrico ,11 Acido esanoico Acido caproico ,16 Acido eptanoico Acido enantico ,18 Acido ottanoico Acido caprilico ,21 Acido nonanoico Acido pelargonico ,24 Acido decanoico Acido caprico ,26 Acido undecanoico ,29 Acido undecenoico ,28 Acido Acido laurico ,32 dodecanoico Tabella 3.1. Composti standard selezionati per l identificazione dei composti aromatici nei campioni di formaggio. A partire dalle soluzioni pure, sono state realizzate soluzioni in N-esano (concentrazione 150 mg/ml): 1 ml di ciascuna soluzione è stato, quindi, iniettato direttamente in colonna. 3.6 Elaborazione statistica I dati ottenuti mediante analisi chimico-fisiche, microbiologiche, molecolari e gas-cromatografiche sono stati sottoposti ad analisi della varianza (ANOVA) ad una via in associazione al calcolo del coefficiente di Tukey Kramer (P > 0,05) utilizzando il software JMP v 8 (Cary, NC, USA). Gli stessi dati sono stati sottoposti anche ad analisi PCA (Principal Component Analysis) e PLS-DA (Partial Least Squares-Discriminant Analysis) utilizzando il software SIMCA-P v 11.5 (UMETRICS). 59

15 3.7 Consumer test Otto dei 29 formaggi oggetto di studio sono stati selezionati e sottoposti ad un Consumer test. In totale sono stati reclutati 144 giudici non addestrati, che ci hanno consentito di ottenere, per ciascuna tipologia di formaggio, un numero di responsi (72) tale da garantire l attendibilità dei dati (Resurreccion AVA, 1998). La selezione dei giudici è stata basata su sesso ed età, con la finalità di definire un gruppo di potenziali consumatori rappresentativo del profilo demografico nazionale (ISTAT 2005). I formaggi testati sono stati acquistati in forme intere, conservati secondo le modalità indicate dai produttori e successivamente porzionati in aliquote delle dimensioni di 1,5 x 1,5 x 5 cm, come proposto da Lavanchy et al., Gli otto formaggi selezionati per il presente Consumer test sono stati suddivisi in 4 differenti tipologie, quali Caprino, Pecorino, Caciotta e Caserotto; quest ultimo, che risulta incluso nella categoria delle caciotte per le analisi chimico-fisiche, microbiologiche e relative al profilo aromatico, consiste in realtà in una produzione casearia innovativa ottenuta con latte crudo vaccino addizionato, in fase di coagulazione, di olio di oliva di varietà Raggia, tipica della provincia di Ancona. Ad ogni consumatore sono state servite due coppie di formaggi, ognuna comprendente due formaggi appartenenti alla medesima tipologia, di cui uno a latte crudo ed uno a latte pastorizzato aggiunto di starter commerciali; il Caserotto in questo caso è stato confrontato con un prodotto che ovviamente non presenta le medesime caratteristiche peculiari ma viene ottenuto comunque con latte vaccino, analogamente al Caserotto stesso. La somministrazione dei formaggi, serviti a temperatura ambiente, è stata effettuata seguendo uno schema monadico sequenziale (Resurreccion AVA, 1998). I quesiti sottoposti ai giudici sono stati formulati evitando risposte aperte e prevedendo una scala di valutazione in 9 punti (Peryam e Pilgrim, 1957). Al termine del questionario è stato chiesto di esprimere, per ciascuna tipologia di formaggio, la preferenza verso la produzione a latte crudo o pastorizzato. La necessità di presentare i campioni in forma anonima ha portato alla scelta di una procedura di codifica degli stessi, utilizzando un codice randomizzato a 3 cifre. Il Consumer test è stato condotto in un laboratorio di analisi sensoriale per garantire: i) la standardizzazione delle condizioni ambientali; ii) la riduzione delle distrazioni psicologiche e delle interazioni tra i soggetti chiamati a svolgere il test; iii) il raggiungimento di un livello di comfort adeguato. L elaborazione statistica dei dati è stata condotta utilizzando il software Statistica (versione 5.1, StatSoft Inc., Tulsa) attraverso l analisi della varianza (ANOVA) ad una via in associazione al calcolo del coefficiente di Tukey Kramer (P > 0,05). 60

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Elettroforesi degli acidi nucleici

Elettroforesi degli acidi nucleici Elettroforesi degli acidi nucleici Una volta che i frammenti del DNA o del RNA da analizzare sono stati amplificati con la reazione PCR è necessario separarli ed identificarli. A tale scopo si utilizza

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno).

Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Esercitazione di Laboratorio corso Prof Tuberosa Biotecnologie genetiche agrarie Laurea in Biotecnologie (terzo anno). Programma: Giorno 1Preparazione di DNA genomico da foglie 2 - Controllo qualità DNA

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

LABORATORIO MULTIFUNZIONE

LABORATORIO MULTIFUNZIONE LABORATORIO MULTIFUNZIONE (Chimica Fisica Scienze) ELENCO ESPERIMENTI ATTUALMENTE DISPONIBILI ANALISI LATTE vedi Balestrieri pag. 409 e seguenti DETERMINAZIONE DELL ACIDITÀ TOTALE Si prelevano 20 ml di

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi Corso di Laurea in Ottica e Optometria, Università di Padova Insegnamento di Biologia Dr. Stefania Bortoluzzi, Prof. David Baroni, Dr. Francesca Boaretto III Esercitazione 14-15 gennaio 2015 Sommario schematico

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO

ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di Ingegneria Genetica e Microbiologa Applicata Prof. Renato Fani Percorso1: Analisi della variabilità genetica di popolazioni

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

25. Idrocarburi policiclici aromatici

25. Idrocarburi policiclici aromatici Gennaio 1990 25. Idrocarburi policiclici aromatici 25.1 Principio del metodo II metodo si basa suil analisi gascromatografica di un estratto purificato, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini DETERMINAZIONE DEL FOSDORO ASSIMILABILE COME P2O5 METODO OLSEN PRINCIPIO Il fosforo viene estratto con una soluzione di NaHCO 3 0.5 N (ph 8.5). Sull estratto il fosforo viene dosato per via spettrofotometrica

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi

PROGETTO DNA chiavi in mano. Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano Le Biotecnologie in classe e in laboratorio 11/03/2015 Prof.ssa Paola Cazzani I.T.E. A. Bassi - Lodi PROGETTO DNA chiavi in mano PROGETTO DNA chiavi in mano IFOM PROGETTO DNA

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

Elettroforesi in gel di Agarosio

Elettroforesi in gel di Agarosio Elettroforesi in gel di Agarosio Le molecole di DNA possono essere separate in base alla loro dimensione, facendole migrare attraverso una matrice polimerica sotto l attrazione di un campo elettrico 1

Dettagli

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine?

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? I gel di poliacrilammide hanno una trama piu compatta I pori hanno dimensioni minori che nei gel di agarosio Le proteine sono molto piu piccole

Dettagli

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis)

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) NORMAL GEL AGAROSE (1%): - SOLUZIONI (Preparazione e Conservazione) - 1,071g in 100ml di PBS - - --> si fanno sciogliere in agitazione a 100-150 C.

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

4. Risultati e discussione 4. RISULTATI E DISCUSSIONE

4. Risultati e discussione 4. RISULTATI E DISCUSSIONE 4. RISULTATI E DISCUSSIONE 61 4.1 Analisi delle tecnologie di produzione Sono stati campionati complessivamente 29 formaggi appartenenti alle tre tipologie considerate, 8 caprini, 12 pecorini e 9 caciotte,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008 Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica Dott. Marcello MEROLA Parziale purificazione dell enzima Alcool Deidrogenasi

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN)

Verifiche qualitative dell RNA e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme. Massimo Degan, CRO Aviano (PN) e cdna in ambito dei trials BCR/ABL e AML translocation programme Massimo Degan, CRO Aviano (PN) perchè è importante verificare l RNA La verifica della qualità dell RNA nei saggi diagnostico-molecolari

Dettagli

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test

U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare. Unità di misura. Repertorio. 200 ml 10.000 U. 500 test U.O.C. di Epatologia Clinica e Biomolecolare Lotto N. DESCRIZIONE PRODOTTO Quantità annua richiesta Unità di misura Repertorio CND Codice Prodotto, Confezione Offerta e nome commerciale Prezzo unitario

Dettagli

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin RIDASCREEN FAST T-2 Toxin Saggio immunoenzimatico per l analisi quantitativa della tossina T-2 Cod. R5302 Test in vitro Conservare a 2-8 C R-Biopharm AG, Darmstadt, Germany Tel.: +49 (0) 61 51 81 02-0

Dettagli

Protocollo SAFE. Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo

Protocollo SAFE. Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo Scopo Protocollo SAFE Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo Separazione di frammenti di DNA in funzione della sequenza Reagenti 1.

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Scheda tecnica TRI118

Scheda tecnica TRI118 TRI REAGENT - RNA / DNA / PROTEIN ISOLATION REAGENT Cat. No. TR 118/50 Cat. No. TR 118/100 Cat. No. TR 118/200 Produttore: Molecular Research Center Distributore: Bio-Optica Conservare a 4-25 C DESCRIZIONE

Dettagli

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto ALLEGATO 4 Inv. FASCIA Tipo/Classe Cod. Ente 1230 A INCLUSORE AUTOMATICO DI PARAFFINA RM04 1231 A GRUPPO DI CONTINUITA' (UPS) RM04 1256 A PRODUZIONE ACQUA PURA, APPARECCHIO PER RM01 1257 A PRODUZIONE ACQUA

Dettagli

Capitolo 5. Materiali e metodi. 5.1 Animali. 5.2 Stabulazione

Capitolo 5. Materiali e metodi. 5.1 Animali. 5.2 Stabulazione Capitolo 5 Materiali e metodi 5.1 Animali Gli esemplari di gambero di fiume turco, Astacus leptodactylus, della lunghezza di circa 10 12 cm, sono stati acquistati da un rivenditore locale il quale li importa

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni

Corso di: GESTIONE FAUNISTICA. Prof. Bernardino Ragni Corso di: GESTIONE FAUNISTICA Prof. Bernardino Ragni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali Corso di laurea in Scienze Naturali LAUREA MAGISTRALE Caso di studio:

Dettagli

METODO DI PROVA INTERNO PER LA RICERCA DEL VIRUS DELL EPATITE A IN ALIMENTI, ACQUA E CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE seminested PCR

METODO DI PROVA INTERNO PER LA RICERCA DEL VIRUS DELL EPATITE A IN ALIMENTI, ACQUA E CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE seminested PCR Pag. 1 di 14 B. Bertasi M.N. Losio A. Petteni G. Varisco Correzione refusi: - range di temperatura termoblocchi, - preparazione del campione Prodotti vegetali (esclusi frutti di bosco) Inserimento molarità

Dettagli

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di

Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di Dopo aver effettuato la PCR, all interno della soluzione oltre al tratto amplificato sono presenti: primers, dntps, Taq polimerasi e tampone di reazione Inizialmente i 20 µl dell amplificato vengono

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Pagina 1 di 40 RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Nel periodo di luglio-ottobre 2001 sono state eseguite 2500 prove per verificare il funzionamento dello strumento FoodLab,

Dettagli

Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni di mesofilia

Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni di mesofilia Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l nergia e lo Sviluppo conomico Sostenibile RICRCA DI SISTMA LTTRICO Studio delle popolazioni microbiche riguardanti processi di fermentazione anaerobica in condizioni

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 Cromatografia??? La cromatografia è un metodo chimico-fisico che sfrutta la tendenza delle sostanze a distribuirsi

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 Indice Introduzione...1 Specificazioni...2 Procedura per l utilizzo standard del Hoefer PR648...3 Impostazione

Dettagli

Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a punto una procedura di microestrazione in fase solida in

Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a punto una procedura di microestrazione in fase solida in Determinazione di sostanze amfetamino-simili in matrici biologiche convenzionali e non convenzionali in HS-SPME e GC-MS Scheda tecnica a cura di: Stefano Gentili Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a

Dettagli

LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 PROTOCOLLO FISH. lezione 12. By NA

LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 PROTOCOLLO FISH. lezione 12. By NA PROTOCOLLO FISH lezione 12 LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 cromosoma sul vetrino sintesi di una sonda complementare marcata con un fluorocromo FISH denaturazione doppia elica di DNA AT C

Dettagli

RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO?

RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO? RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO? Premessa In base alla raccomandazione CE del 04.02.05, n. 2004/108/CE, la Regione Marche

Dettagli

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014 DOT136v1 Instructions for Use Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Pagina 1 di 7 Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Revisione 2 Luglio

Dettagli

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE 1 STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE Abbiamo visto in precedenza le strategie (basate essenzialmente su tecniche centrifugative) per l isolamento di organelli subcellulari. Spesso, però, l interesse

Dettagli

Cuvette. Cuvette. Monouso. Cuvette. per Spettrofotometria. per Fluorimetria Semimicro-Micro per spettro. per Comparatori e Accessori

Cuvette. Cuvette. Monouso. Cuvette. per Spettrofotometria. per Fluorimetria Semimicro-Micro per spettro. per Comparatori e Accessori Cuvette Monouso per Fluorimetria Semimicro-Micro per spettro per Comparatori e Accessori Cuvette 490 Monouso Monouso Cuvette UV Micro Altezza del centro: 8,5 mm o 15 mm 22MR01AA In plastica monouso. Particolarmente

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP A.I.Te.L 4 Congresso Lattiero-caseario, Padova 12 settembre 2014 Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP Enrico Salvatore, Massimo Pes, Stefano Furesi, Margherita

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010 ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L acetato di isobutile è comunemente usato come solvente, nelle lacche e nella nitrocellulosa. E un liquido molto infiammabile. Il metodo proposto

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2030. Conducibilità Si definisce conducibilità elettrica (o conduttanza) di un mezzo omogeneo il reciproco della sua resistenza (espressa in ohm). Per conducibilità elettrica specifica (o conduttività)

Dettagli

1 Metodi di analisi del prodotto inoculante la micorrizosfera (consorzio di micorrize, batteri e funghi), denominato inoculante- micorrizosfera

1 Metodi di analisi del prodotto inoculante la micorrizosfera (consorzio di micorrize, batteri e funghi), denominato inoculante- micorrizosfera A LLEGATO METODI DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI FERTILIZZANTI Supplemento n. 10 1 Metodi di analisi del prodotto inoculante la micorrizosfera (consorzio di micorrize, batteri e funghi), denominato

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: NANOMATERIALI NATURALI

QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: NANOMATERIALI NATURALI QUADERNO DI LABORATORIO PER GLI STUDENTI ESPERIMENTO A: Nome dello studente: Data:.. NANOMATERIALI NATURALI OBIETTIVO: - Apprendere nozioni sui nanomateriali naturali - Interazione della luce con i colloidi

Dettagli

ADULTERAZIONE DI LATTE E DERIVATI

ADULTERAZIONE DI LATTE E DERIVATI ADULTERAZIONE DI LATTE E DERIVATI Crioscopio monocampione con testina a movimento manuale CryoSpecial 1 Nuovo crioscopio economico per la rapida determinazione della variazione del punto crioscopico di

Dettagli

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN 2 Analisi chimica strumentale 47 Lo stesso accade per le titolazioni conduttimetriche. 48 Queste misure, fra l altro, risultano anche più veloci di quelle effettuate vicino al punto di equivalenza perché

Dettagli

INFORMAZIONI PER L ORDINE

INFORMAZIONI PER L ORDINE HI 83748 Acido tartarico, specifico per analisi enologiche L acido tartarico è caratteristico dell uva. Il suo contenuto è variabile e tende ad essere più basso nelle regioni meridionali dove le temperature

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio

Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio Relazione conclusiva delle esperienze di laboratorio Emiliano Giovanni Vavassori e.vavassori@sssup.it Allievo Ordinario Settore di Agraria Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

5110. Policlorobifenili e policloroterfenili

5110. Policlorobifenili e policloroterfenili 5110. Policlorobifenili e policloroterfenili I policlorobifenili (PCB) costituiscono una classe di 209 composti, aventi da 1 a 10 atomi di cloro come sostituenti nella molecola del bifenile. La struttura

Dettagli

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA La materia La materia MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA Il mondo che ci circonda è costituito da materia. La chimica studia le proprietà della materia e i suoi cambiamenti.

Dettagli

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO

SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO REPARTO GENOMICA LABORATORIO ANALISI GENOMICHE SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO AUTOMATICO DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DEL SERVIZIO DI SEQUENZIAMENTO ACIDI NUCLEICI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Dettagli

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini

Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero. Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Protocollo di Real-Time RT-PCR per la diagnosi del fitoplasma della Moria del Pero Claudio Ratti, Chiara Lanzoni e Carlo Poggi Pollini Moria del pero (Candidatus Phytoplasma pyri) Fitoplasmi: Microrganismi

Dettagli

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Una nuova realtà per il laboratorio e l industria DASIT GROUP, con l acquisizione di CARLO ERBA Reagents,

Dettagli

Purificazione e determinazione di proteine

Purificazione e determinazione di proteine Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Purificazione e determinazione di proteine O H N R O H N Cu 2+ N H O R N H O N N O- O O- O Acido bicinconico Lezione n.xxi-26.05.14 Estrazione

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Le proteine. Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà.

Le proteine. Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà. Le proteine Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà. Una proteina per poter essere purificata deve, dapprima, essere

Dettagli

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA PROGETTO ISPESL/CNR: COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA - INTRODUZIONE 2 - MATERIALI E METODI:..

Dettagli

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini Cod. EM6U4 Prove di stabilità dei Vini Test di tenuta all aria Operazione: Prelevare 1 bicchiere di vino da testare; lasciare all aria per 12 24 ore; Vino limpido, quasi invariato, senza depositi; giudizio:

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico SINTESI DELL' ASPIRINA R 25 S 36/37/39-45 chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico UN P' DI STRIA Tavolette di argilla risalenti all età sumerica descrivono l uso delle foglie di salice come rimedio

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Strategie di purificazione di proteine

Strategie di purificazione di proteine Laurea Magistrale in Scienze e Biotecnologie degli Alimenti Strategie di purificazione di proteine Lezione n.xx-2-23 PRINCIPIO - ALIMENTI DA MATRICI SOLIDE E LIQUIDE MATRICI SOLIDE - ROMPERE LA STRUTTURA

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE Never waste pure thoughts on an impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE PURIFICARE Purificare significa ottenere solamente la nostra molecola di interesse. Purificare una proteina per: Determinarne la

Dettagli

IL SAPONE. PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata. La storia del sapone

IL SAPONE. PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata. La storia del sapone PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata La storia del sapone IL SAPONE Il sapone ha una storia molto antica, basti pensare che già nel 2800 a.c. era conosciuto tra i babilonesi;

Dettagli