3. LATTE E LATTICINI Proteine.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. LATTE E LATTICINI Proteine."

Transcript

1 3. LATTE E LATTICINI Dal punto di vista legale per latte alimentare si intende: il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Il latte è il liquido secreto dalle ghiandole mammarie della femmina dei mammiferi; contiene quasi tutte le sostanze nutritive necessarie per il sostentamento. Sebbene l uomo abbia usato fin dall antichità il latte di capra, pecora, vacca come alimento, al giorno d oggi il termine latte è sinonimo di latte vaccino. Quindi il termine latte da solo, indica quello di provenienza vaccina; per latti di provenienza diversa, occorre specificare l origine (per esempio: latte di pecora, latte di capra, ecc.). Il latte di asina si avvicina più di ogni altro a quello di donna: un tempo infatti era usato nei casi di impossibilità di allattamento umano (madre o nutrice). La composizione del latte, nell'ambito della stessa specie animale, varia con l'alimentazione, la fisiologia individuale, l'età e la stagione dell'anno, per cui i dati riportati in letteratura devono essere considerati come valori medi. In funzione dei suoi contenuti nutrizionali, il latte è un alimento raccomandato nella dieta di bambini, adulti e anziani; in particolare rappresenta una importante fonte di calcio. Anche il contenuto proteico di elevato valore biologico, i grassi e gli zuccheri di facile digestione, il contenuto in sali minerali e vitamine fanno del latte un alimento di grande valore nutrizionale. Tuttavia il latte ha un basso contenuto di ferro e di vitamina C. Per il bambino neonato fino ai primi mesi di vita, il latte rappresenta la fonte in grado di coprire tutti i fabbisogni necessari all accrescimento. I tipi di latte in commercio sono diversi e differiscono tra loro per il contenuto in grassi e per il processo di risanamento e conservazione subiti. In particolare il latte può essere intero, parzialmente scremato o totalmente scremato. Ciò che varia fra i tre tipi di latte è la quantità di lipidi presenti: circa 3,4-3,5 % nel latte intero, 1,8% in quello parzialmente scremato e 0,2% nel totalmente scremato (secondo la normativa vigente il latte scremato deve contenere meno dello 0,3 % di grasso, mentre quello parzialmente scremato tra l 1,5 e l 1,8 %). Resta invece più o meno costante il contenuto proteico (3,1-3,6 g di proteine per 100 g) e quello glucidico (4,8-5,3 %). L'apporto energetico nei 3 tipi di latte, intero, parzialmente e totalmente scremato, risulta rispettivamente di circa 61, 49 e 36 kcal per ogni 100 g di prodotto. Il latte è un liquido bianco opaco (l'opacità è dovuta alla presenza di caseina, fosfato tricalcico e globuli di grasso), di densità e acidità poco superiore a quella dell'acqua (densità circa uguale a 1,03 e ph circa uguale a 6,6), contenente: - in emulsione lipidi e vitamine liposolubili; - in fase dispersa proteine e parte dei fosfati di calcio e di magnesio; - in soluzione glucidi, sali minerali, vitamine idrosolubili. Proteine. Costituiscono il 3-3,5% del prodotto, posseggono un elevato coefficiente di digeribilità. La loro composizione media è: % caseina, il restante 20-22% è costituito dalle proteine del siero: lattoalbumine, lattoglobuline, (fino a 20% lattoalbumina, 2-3,4 % lattoglobulina) ed altre proteine quali sieroalbumina, lattoferrina, immunoglobuline (quest ultime derivano dal sangue dell animale, abbondano nel colostro e conferiscono attività immunologiche al latte). La maggior parte delle proteine viene sintetizzata nelle cellule della ghiandola mammaria (caseina, lattoglobulina, lattoalbumina). La caseina, elaborata esclusivamente dalle ghiandole mammarie, contiene fosforo e pertanto, unitamente alla vitellina contenuta nell'uovo, costituisce l'unica sorgente di fosfoproteine che svolgono un ruolo di primaria importanza soprattutto nell'organismo in formazione. In realtà si tratta di una famiglia di proteine costituita da vari tipi (α, β, γ, k), di ognuno dei quali si riconosce un certo numero di varianti genetiche. Queste proteine si trovano nel latte sotto forma di micelle, ossia complessi macromolecolari di circa 100 nm di diametro, che inglobano sali minerali (fosfato di Ca, Mg, citrati). Le micelle disperdono la luce e conferiscono colore bianco al latte. 1

2 Le proteine del siero sono quelle che non sedimentano per centrifugazione, precipitazione acida o presamica (caseificazione). Le principali sieroproteine sono la β-lattoglobulina e la α-lattoalbumina. In particolare la La β-lattoglobulina è abbondante nel latte vaccino (quasi la metà delle proteine del siero), ma scarseggia in quello umano; nei ruminanti avrebbe la funzione di facilitare la digestione e l assorbimento di lipidi e vitamina A. La α-lattoalbumina è più abbondante nel latte umano, rispetto al latte vaccino (circa 3,4 %), è una proteina globulare dotata di un certo potere batteriostatico e anticancerogeno. Le 2 proteine sopra descritte possono esplicare azione allergizzante. Le proteine del siero hanno un valore biologico superiore alla caseina, contengono meno acido glutammico e prolina e più aminoacidi solforati; in particolare la α-lattoalbumina contiene triptofano in quantità notevoli. Le proteine del siero coagulano al calore. Lipidi. Il contenuto di lipidi varia da specie a specie soprattutto in rapporto all habitat naturale. Gli animali dei climi freddi presentano percentuali più elevate di grasso: ciò assicura la sopravvivenza dei neonati. Nel latte vaccino i lipidi ammontano mediamente al 3,5 %. I lipidi sono costituiti da gliceridi (98-99 %), fosfolipidi (1%), frazione insaponificabile comprese le vitamine liposolubili. Risultano di facile digeribilità e assimilazione essenzialmente per due motivi: - si trovano sottoforma di globuli finemente emulsionati di circa 3 μm di diametro, formati all interno da trigliceridi e all esterno da una membrana di lipoproteine (ve ne sono da 200 a per m1 3, di diametro diverso e tutti rivestiti da una membrana proteica), facilmente aggredibili dagli enzimi digestivi; - presentano un basso punto di fusione. Il colesterolo varia da 3 mg (in 100 g di latte scremato) a 10 mg (in 100 g di latte intero). Il grasso del latte quindi si trova sotto forma di goccioline o globuli circondati da una membrana ed emulsionati nel siero. I globuli con il tempo tendono a separarsi dal siero; quindi il latte sottoposto a centrifugazione o a un lungo riposo si divide in uno strato superiore di crema (costituita da globuli di grasso e da buona parte delle vitamine liposolubili) e uno inferiore di latte scremato (comprendente gli altri componenti e i globuli di grasso più piccoli). Come citato precedentemente, a seconda del contenuto lipidico si ha: latte intero 3,5%, latte parzialmente scremato 1,8%, latte scremato 0,2%. Glucidi. Costituiscono circa il 5% del prodotto e sono rappresentati per la quasi totalità da lattosio, disaccaride elaborato dalla ghiandola mammaria a partire da glucosio ematico, presente solo nel latte, con un sapore dolce notevolmente minore del fruttosio e del saccarosio. La sintesi del lattosio, nelle cellule del tessuto mammario, avviene a partire dal glucosio presente nel sangue, previa trasformazione di una parte di questo in galattosio. In generale, latti con elevati tassi lipidici presentano percentuali più basse di lattosio. Il latte vaccino ne contiene 4,5 g/l. Il latte dei primati (compreso l uomo) è il più dolce in assoluto La principale funzione del lattosio è quella di fornire al neonato galattosio per la sintesi delle strutture nervose (guaine mieliniche). Nel corso della digestione il lattosio si divide in una molecola di glucosio e in una di galattosio: quest'ultima unendosi a determinati lipidi, dà luogo a composti (cerebrosidi o galattocerebrosidi) che entrano nella costituzione di tutte le cellule dell'organismo e in particolar modo di quello del tessuto nervoso. Il lattosio fermenta meno facilmente rispetto agli altri zuccheri, per cui è più tollerato durante le dilatazioni di stomaco di natura fermentativa; inoltre, non essendo molto dolce, evita al latte un sapore stucchevole. Vitamine. Sono quasi tutte presenti nel latte crudo, anche se in quantità estremamente variabili (con l'alimentazione, la stagionatura ecc.) e non sempre sufficienti. In particolare risultano carenti la vitamina PP o niacina (tale deficienza è tuttavia ricompensata da discreta percentuale di triptofano, precursore biogenetico della vitamina PP) e la vitamina C. La concentrazione di vitamina A (e delle vitamine liposolubili in genere) è apprezzabile nel latte intero ma diminuisce notevolmente nel latte scremato. La vitamina A e i caroteni sono presenti soprattutto nel periodo estate-autunno. Tra le idrosolubili hanno importanza significativa la B 1, la B 2, la B 12 e l acido pantotenico. Il contenuto di vitamina B 1, che presiede al metabolismo dei glucidi, è discreto. 2

3 Le liposolubili si ritrovano associate ai grassi, nei globuli, le idrosolubili in soluzione nel siero. Il patrimonio di vitamine del latte subisce riduzioni anche significative in seguito a processi di risanamento e conservazione. Sali minerali. Rappresentano circa l 1%. Tra gli elementi plastici o macroelementi prevalgono: fosfati, citrati, Ca e K. Il contenuto di calcio è proporzionale alla velocità di accrescimento del piccolo, quindi è più abbondante nel latte di vacca rispetto a quello umano. I microelementi più significativi sono Zn, Mg, Fe, Cu. Il latte, unitamente ai suoi derivati, svolge un ruolo insostituibile nella calcificazione delle ossa (particolarmente importante durante lo sviluppo e come alimento antirachitico), dato che, contrariamente a quanto si verifica nella quasi totalità degli alimenti, contiene calcio ( mg per 100 g) e fosforo (90-95 mg per 100 g) in quantità e rapporto ideale per la formazione (anche in assenza di vitamina D) del fosfato tricalcico. Indubbiamente risulta importante l'elevato contenuto di potassio ( mg per 100 g) rispetto al sodio (50-60 mg per 100 g) analogamente a quanto si verifica nei tessuti organici. La presenza di ferro (0,1 mg per 100 g) è invece assai scarsa per cui, da questo punto di vista, il latte non può essere considerato un alimento completo, se non limitatamente ai primi mesi di vita. Il suo valore nutritivo, tuttavia, può essere facilmente integrato con la contemporanea assunzione di cereali o loro derivati. Il latte contiene diversi tipi di enzimi: amilasi, lipasi, proteasi, lactenina ecc. Amilasi, lipasi e proteasi favoriscono rispettivamente la digestione di amidi, grassi e proteine. La lactenina svolge un'importante azione antibatterica (poiché è termolabile a 80 C, i germi si sviluppano con maggiore rapidità nel latte bollito, esposto all'aria, rispetto a quello crudo in analoghe condizioni). Esistono anche latti speciali, addizionati di vitamine (latti dietetici) o privati di lattosio (delattosati), questi ultimi sono adatti per chi presenta intolleranza a tale zucchero. Tale intolleranza, che può essere congenita (trasmessa dai genitori) o acquisita (in seguito a coliti, gastriti o malattie epato-biliari) va sempre più diffondendosi nei soggetti adulti e negli anziani. In questi soggetti si suggeriscono oltre al latte delattosato (in commercio ce ne sono diversi tipi), lo yogurt e i formaggi, ambedue privi di lattosio in quanto trasformato dai batteri. Anche dalla soia viene prodotto un latte di origine vegetale, simile come aspetto e valore proteico a quello vaccino, per coloro che hanno intolleranza alle proteine del latte. DIGERIBILITÀ DEL LATTE Il latte, giunto nello stomaco, a causa dell'acidità ivi presente, si rapprende sottoforma di coagulo la cui digeribilità dipende dalla presenza di diversi enzimi ed è tanto maggiore quanto minore è la sua durezza, grandezza, compattezza e gommosità. Per aumentare la digeribilità del latte risulta quindi opportuno adottare i provvedimenti elencati di seguito. Diluire il latte con altri liquidi (decotto d'orzo, caffè ecce) e assumere contemporaneamente cibi solidi amilacei (pane, cereali soffiati, crackers, biscotti, crusca ecc.) che, oltre a ridurre la compattezza dei coaguli, ne valorizzano il potere nutritivo e ne elevano l'assorbimento a circa il 100% (il latte somministrato da solo viene infatti assorbito solo per il 90% nell'adulto e per il 95% nel bambino). Assumere latte trattato termicamente, in quanto questo tipo di operazione provoca la trasformazione dei sali di calcio solubili (fosfati acidi, bicarbonati) in sali insolubili (fosfato neutro, carbonato), impedendo la loro reazione con la caseina, che darebbe luogo a coaguli gommosi. Nei casi di dispepsia causata da iperacidità gastrica è bene evitare l'assunzione di latte, in quanto si formerebbero coaguli troppo duri. Fenomeni di intolleranza al latte si manifestano in alcuni casi per la deficienza di enzimi proteolitici (chimosina nei primi anni di vita, pepsina negli adulti) e assai più spesso per la penuria di lattasi (enzimi che scindono il lattosio in glucosio e galattosio). La carenza di lattasi, a livello della mucosa intestinale, può essere di origine: primaria, per scarsa abitudine al latte (è il caso che si verifica più frequentemente); secondaria, per infezioni o lesioni gastriche; congenita, per un fenomeno ereditario. 3

4 Per consentire l'utilizzazione del latte a coloro che presentano una carenza di lattasi, ve ne è in commercio un tipo in cui il lattosio si trova per la maggior parte (almeno il 75%) già scisso in glucosio e galattosio. Nel caso non si abbia a disposizione questo prodotto, è bene ingerire gradualmente piccole dosi quotidiane di latte diluito, in modo che gli enzimi si rigenerino man mano. RISANAMENTO DEL LATTE Il latte crudo, anche se munto nelle migliori condizioni igieniche, contiene una sua naturale carica di microrganismi che ne pregiudica la conservazione e quindi la distribuzione. Tali microrganismi comprendono batteri, muffe e lieviti. Per poter procedere al risanamento del latte si possono utilizzare diversi procedimenti, tutti basati sull'impiego del trattamento termico come mezzo per eliminare o ridurre drasticamente i microrganismi. In base ai diversi procedimenti di risanamento e conservazione si possono distinguere diverse tipologie di latte, di seguito descritte. Latte pastorizzato: intero o parzialmente scremato, si conserva per 2-3 giorni, dopo di che inacidisce, con conseguente precipitazione della caseina. In genere la pastorizzazione è un trattamento ad elevata temperatura per brevi periodi di tempo (75-80 C per secondi, o qualsiasi altra combinazione equivalente, facendo passare il latte in uno strato sottile tra piastre riscaldate). La pastorizzazione non provoca sostanziali alterazioni dei principi nutritivi e del gusto e non consente una conservazione a lunga durata. Per evitare la separazione della fase lipidica da quella acquosa durante la conservazione, prima del trattamento termico il latte viene sottoposto ad una fase di omogeneizzazione, che consiste nel far passare il latte sotto pressione attraverso un orifizio, in modo tale che lo sbalzo di pressione provochi la frantumazione dei globuli di grasso (rottura delle membrane). Latte sterilizzato: immesso in bottiglie di vetro, ha un sapore di «cotto» che lo distingue dal latte pastorizzato. In genere il latte viene sterilizzato in autoclave in contenitori ermeticamente chiusi a circa 120 C per min e successivamente viene raffreddato nella stessa autoclave per immissione di acqua fredda. Con la sterilizzazione si ottiene un latte conservabile per alcuni mesi a T ambiente in quanto il contenuto microbico è pressoché nullo. Tale tipologia di latte, pur essendo reperibile in commercio, ha poco mercato, in quanto è stato sostituito dal latte UHT, che si conserva meno a lungo, ma ha migliori caratteristiche organolettiche e nutrizionali. Latte a lunga conservazione (UHT): confezionato generalmente in cartoni si conserva sino a tre mesi a temperatura ambiente, mantenendo intatte le caratteristiche del latte crudo originale (tuttavia dopo 15 gg le caratteristiche organolettiche vanno via via a scendere). Può essere intero, parzialmente scremato o totalmente scremato. È ottenuto mediante applicazione al latte crudo di un procedimento di riscaldamento continuo ad almeno 135 C, per non meno di un secondo, in modo da inattivare i microrganismi e le spore. Il trattamento UHT, detto anche uperizzazione, può essere diretto o indiretto. Nell UHT diretto il latte viene riscaldato per iniezione di vapore (il prodotto e il mezzo di riscaldamento, costituito dal vapore, sono in diretto contatto) nell UHT indiretto viene riscaldato mediante degli scambiatori di vapore a piastre (il prodotto e il mezzo riscaldante sono separati da una parete di scambio termico). Una volta aperta la confezione il prodotto deve essere conservato a T di refrigerazione e consumato entro pochi giorni. Il latte va bollito solo se crudo, cioè se proveniente direttamente dalla mungitura. Il latte pastorizzato, quello sterilizzato e quello UHT non vanno bolliti ma solo riscaldati, in quanto non contengono germi patogeni per l'uomo. Con la bollitura, inoltre, si provoca la coagulazione di alcune proteine del latte, che formano la «pellicola» chiamata erroneamente panna che, generalmente scartata, impoverisce il contenuto proteico del latte. Nel caso in cui si abbia a disposizione del latte crudo, il risanamento viene effettuato tramite ebollizione. Il sistema che limita al minimo i danni di tale operazione consiste nel sottoporre per 5 minuti il latte contenuto in una bottiglia di vetro tappata alla temperatura del bagnomaria bollente e a un successivo rapido raffreddamento a temperatura ambiente. L'ebollizione protratta oltre i 5 minuti altera alcune caratteristiche del latte riducendone il valore nutritivo. Diminuisce infatti il contenuto di vitamina C (20%), B1 (10%), delle vitamine termolabili in genere, di enzimi attivi, di calcio solubile; si forma la caratteristica pellicola superficiale costituita da caseina, lattoalbumina, lipidi, e fosfato tricalcico. 4

5 È purtroppo assai diffusa la cattiva abitudine di far bollire il latte proveniente dalla Centrale che, essendo già bonificato, non ha certo bisogno di ulteriori trattamenti termici. Per consumare il latte caldo è sufficiente portarlo a una temperatura di 60 C (controllando la temperatura con apposito termometro) onde evitare la perdita di preziosi principi nutritivi. In base ai trattamenti termici subiti e, di conseguenza, al valore nutrizionale si possono distinguere: latte pastorizzato; latte fresco pastorizzato tradizionale; latte fresco pastorizzato tradizionale di alta qualità. Il primo ha subito un trattamento termico più elevato, quindi risulta parzialmente depauperato di nutrienti tremolabili. Il latte fresco pastorizzato deve subire la pastorizzazione entro 48 ore dalla mungitura e presenta un buon valore nutrizionale. Il latte fresco pastorizzato di alta qualità deriva da allevamenti selezionati e viene pastorizzato dopo un intervallo di tempo limitato dalla mungitura ed è un ottimo prodotto dal punto di vista nutrizionale e organolettico. La scadenza del latte fresco pastorizzato e di quello fresco pastorizzato di alta qualità, viene stabilita dal sesto giorno successivo a quello di trattamento termico. Il latte pastorizzato e fresco pastorizzato sono reperibili in commercio in 3 diverse tipologie: - intero: sostanza grassa > 3,5 % ; - parzialmente scremato: sostanza grassa compresa tra 1,5 e 1,8 % ; - scremato: sostanza grassa < 0,3 %. RAZIONE GIORNALIERA DI LATTE Il latte è un alimento completo fino ai 6-8 mesi di vita, in seguito va opportunamente integrato con altri alimenti che completino l'apporto nutritivo richiesto dai vari organismi. Esso tuttavia, eccettuate alcune forme di dispepsia ed enteriti, in cui peraltro può essere sostituito dai suoi derivati, deve essere considerato un componente fisso della dieta di ogni individuo secondo le indicazioni della tabella sotto riportata. Le razioni giornaliere di latte consigliate sono le seguenti: Bambini (da 2 anni alla pubertà) 1/2 litro Adolescenti 3/4 litro Gestanti 3/4 litro Nutrici 3/4-1 litro Persone anziane 1/2 litro Adulti 1/4 litro DERIVATI DEL LATTE Latte condensato. Si ottiene evaporando a circa 60 C il 50% di acqua del latte e sostituendola con zucchero (saccarosio) per assicurare la conservazione. Al momento dell'uso viene diluito con acqua dando luogo a un latte più energetico, ma meno ricco di sostanze plastiche rispetto a quello originale. Latte in polvere. Si ottiene dal latte intero, semiscremato, scremato, o dal siero di latte riducendo, con procedimenti termici, il contenuto d'acqua dal 90 al 3,5%. Durante tale trattamento il latte subisce alcune modificazioni chimico-fisiche che tuttavia non ne alterano sensibilmente il potere nutritivo; si ha una parziale degradazione degli amminoacidi (in particolare della lisina: 10-15%) e di alcune vitamine idrosolubili (B 1, B 2, B 6, PP, C), gli enzimi vengono inattivati, il coagulo si riduce di dimensioni, risultando più digeribile. Questo prodotto trova utile impiego nell'allattamento artificiale dei bambini e nelle località ove risulti problematico il rifornimento di latte fresco. 5

6 Crema di latte. È costituita dalla parte più grassa del latte, contenuta in percentuali diverse dipendentemente dal tipo di prodotto posto in commercio: crema leggera da caffè o da tavola (20% di lipidi); crema per panna montata (30-36% di lipidi). La panna montata si compone di una miscela di crema, zucchero, stabilizzanti, aromi ed emulsionanti, compressa in bombole e in grado di inglobare aria quando, premendo il becco di uscita della bombola, si diminuisce la pressione al suo interno. Dato l'elevato contenuto lipidico di questo prodotto, se ne consiglia comunque un uso moderato. Yogurt. È un alimento di origine bulgara. È un crema densa, di sapore acido gradevole, priva di batteri patogeni, digeribile, particolarmente indicata per combattere un'eccessiva flora batterica putrefattiva intestinale e per disintossicare l'organismo. Lo yogurt si ottiene mediante l'aggiunta al latte di microrganismi specifici (in genere Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) che provocano l'aciclificazione del lattosio e la coagulazione delle proteine (caseina) in piccoli fiocchi; fenomeno quest'ultimo che conferisce al prodotto un aspetto denso e cremoso Noto fin dai tempi antichi presso i pastori nomadi asiatici, e oggi assai diffuso ovunque, lo yogurt si prepara utilizzando latte intero o parzialmente scremato. Il suo valore nutritivo e calorico è generalmente analogo a quello del latte da cui deriva, eccetto che per l'assenza di lattosio. Gli yogurt alla frutta sono prodotti mediante l'aggiunta di preparati a base di frutta ed eventualmente zucchero; hanno pertanto una maggior quantità di glucidi, sapore dolce e un contenuto energetico più elevato. Lo yogurt presenta le seguenti virtù dietetiche e terapeutiche: - Grazie al suo elevato potere tampone, regola il PH gastrico; - Esercita sui microrganismi intestinali patogeni un azione antibiotica dovuta ai metaboliti prodotti dai lattobacilli; - Stimola lo sviluppo della flora intestinale fermentativa a danno di quella putrefattiva. Gioddu. Di origine sarda, si prepara essenzialmente con latte di pecora. La sua composizione chimica è analoga a quella dello yogurt. Koumis. Prodotto acido effervescente, di origine tartara, ottenuto per fermentazione del latte di cavalla. Kefir. Prodotto acido effervescente, di origine turca, ottenuto per fermentazione del latte di mucca, capra o pecora, tramite i "grani di Kefir" (masse di lieviti, muffe e bacilli acidofili). Gelati. Gli ingredienti tradizionali del gelato sono: latte, panna, zucchero, tuorlo d'uovo e piccole quantità di aromi naturali; la sua composizione media percentuale è: glucidi 21%, lipidi 9%, protidi 5%. Queste percentuali vengono notevolmente ridotte nel caso di gelati a base di succhi di frutta, infusi di caffè ecc. Vanno sempre più diffondendosi i surrogati del gelato, costituiti dai succedanei delle tradizionali materie prime quali: grassi idrogenati, essenze artificiali, addensanti, ecc FORMAGGI Il formaggio è un alimento dalle origini remote e rappresenta una delle prime trasformazioni biotecnologiche messe in atto dall uomo. Dal punto di vista legale il formaggio è: il prodotto ottenuto dal latte intero, parzialmente scremato o scremato, oppure dalla crema, in seguito a coagulazione acida o presamica, anche facendo uso di fermenti o cloruro di sodio. Il coagulo (cagliata) subisce poi una serie di trattamenti diversi a seconda del tipo di formaggio. La trasformazione del latte in formaggio è da considerarsi il risultato di tre tappe tecnologiche fondamentali: la coagulazione del latte che dà origine alla cagliata, lo spurgo del siero, la maturazione e stagionatura della cagliata spurgata. La somma di queste tre fasi, che possono essere anche molto diverse da un formaggio all'altro, dà come risultato la possibilità di ottenere una larga gamma di prodotti. Per avere un buon formaggio il latte deve avere idonee qualità microbiologiche e chimico-fisiche. 6

7 LAVORAZIONE DEI FORMAGGI MATERIA PRIMA: Viene generalmente impiegato latte vaccino (ma anche di pecora, bufala e capra) intero, semiscremato o scremato. PRINCIPALI FASI DI LAVORAZIONE: 1. Eventuale pastorizzazione del latte. Viene generalmente effettuata nella preparazione industriale di formaggi freschi al fine di avere maggiori garanzie circa l'inattivazione microbica. La temperatura del latte non supera i 70 C per evitare di danneggiarne le proprietà coagulanti. 2. Coagulazione della caseina con formazione della cagliata. Questa operazione consente di separare la caseina dagli altri componenti del latte sfruttando la sua proprietà di precipitare sottoforma di coagulo (cagliata), quando il ph varia da 6,6 (valore normale) a 5,3-4,6. Per abbassare il ph è possibile ricorrere all'acidità naturale o all'acidità di fermentazione. Nel primo caso i fermenti naturalmente contenuti nel latte, trasformano lentamente il lattosio in acido lattico che agisce sul fosfocaseinato di calcio facendo precipitare la caseina pura. Nel secondo caso si introducono nel latte i fermenti, freschi o essiccati, contenuti nella mucosa dello stomaco dei bovini e ovini, denominati presami. La contemporanea presenza di un acido (acido lattico formato, come nel caso precedente, durante la fermentazione del latte) e di enzimi proteolitici (in grado di scindere le proteine come per esempio la caseina) dà luogo a un coagulo di paracaseinato di calcio. Il coagulo, sia nel primo sia nel secondo caso, ingloba, durante la precipitazione, i grassi del latte e percentuali varie di lattosio, lattoalbumina, globulina, vitamine, sali minerali. Una discreta quantità di principi nutritivi rimane nel siero (residuo liquido del latte), utilizzabile nella preparazione della ricotta. 3. Separazione della cagliata dal siero. Dopo aver precipitato il coagulo occorre separarlo quanto più possibile dal siero. A questo scopo viene dapprima raccolto e successivamente rotto (frammentato, tagliato con attrezzi vari) e sgocciolato. 4. Eventuale cottura della cagliata. Questa operazione viene effettuata solo per alcuni tipi di formaggi che pertanto si suddividono in: - crudi, se la cagliata viene mantenuta a temperatura ambiente; - semicotti, se la cagliata viene riscaldata tra i 38 e i 48 C; - cotti, se la cagliata viene riscaldata tra i 48 e i 58 C. In particolare, per i formaggi a pasta levigata ed elastica detta «filata» (mozzarella, provola, scamorza, caciocavallo ecc.), la cagliata si fa brevemente fermentare a C e successivamente si immerge in acqua calda (80-90 C), sottoponendola a stiramenti (filatura). 4. Pressatura e forgiatura della cagliata. Durante questa fase si conferisce al formaggio la forma definitiva. 5. Salatura. Questa operazione può essere effettuata sia immergendo le forme in salamoia sia cospargendole a secco con sale; i formaggi dolci non subiscono questa procedura. 6. Maturazione o stagionatura. È quel periodo di maturazione che può variare da qualche settimana a mesi e anche anni, durante il quale avvengono profonde trasformazioni. In queste fase il formaggio deve essere considerato un elemento vivo in continua evoluzione nei suoi componenti principali. Il mantenimento della temperatura esterna a 20 C favorisce la maturazione. Le composizioni chimiche delle cagliate sono, nei vari tipi di formaggi, assai simili: le tipiche differenze di gusto, aroma e consistenza insorgono durante la maturazione, dipendentemente dalla durata di maturazione e dal tipo di attività microbica ed enzimatica esplicata. Agendo sulla durata della maturazione, si modificano concentrazione e attività batterica e, conseguentemente, le numerosissime reazioni chimiche che caratterizzano le proprietà organolettiche del prodotto. Della maturazione sono responsabili anche gli enzimi che agiscono soprattutto sulle proteine, sul lattosio e sulle sostanze grasse del formaggio; la loro azione è regolata da differenti parametri quali la temperatura, il contenuto residuo di acqua, la presenza e la penetrazione del sale, l'acidità. 7

8 Queste diverse condizioni possono esaltare alcune attività enzimatiche e inibirne altre contribuendo perciò al divenire dell'aroma e del sapore. Le sostanze che subiscono queste trasformazioni sono soprattutto le proteine, in minor misura gli zuccheri, generalmente assenti, e i grassi (solo alcuni formaggi come il gorgonzola subiscono importanti trasformazioni nei lipidi). I formaggi vengono classificati seguendo vari criteri: - Secondo il latte impiegato formaggio di vacca, di pecora, di capra, di bufala, formaggio misto, ecc.); - Secondo la consistenza della pasta (formaggi molli, semiduri, duri); - Secondo la T di cottura (formaggi crudi, semicotti, cotti); - Secondo il periodo di maturazione (formaggi freschi, a breve, media e lunga stagionatura). In base alla particolare tecnologia di lavorazione si possono altresì distinguere: - Formaggi a pasta filata (fior di latte, mozzarelle, scamorze): in questi formaggi, dopo una maturazione di 3 h la cagliata viene modellata con la filatura (in trecce, matasse, gomitoli); quest ultima è possibile grazie alla demineralizzazione della cagliata provocata dall acido lattico; - Formaggi fusi (sottilette, formaggini): si ottengono da formaggi precostituiti fatti fondere in caldaie sotto vuoto a C; durante la lavorazione si possono aggiungere burro, margarina, e additivi quali coloranti, conservanti fosfati, polifosfati e citrati che facilitano la fusione e mantengono la pasta con la sufficiente idratazione. Un formaggio che si distingue dagli altri per essere prodotto non con il latte ma con la crema è il Mascarpone: la crema viene riscaldata a C e aggiunta di acido citrico; l acidità e il calore provocano la coagulazione. Dal punto di vista nutrizionale vanno distinti i formaggi freschi da quelli stagionati. I primi ricordano molto il prodotto originario, in concentrazione diversa a seconda delle varie tipologie. Le differenze maggiori riguardano il contenuto in acqua e in grassi; lattosio e parte delle vitamine passano nel siero mentre vengono mantenuti i minerali fra cui soprattutto calcio e fosforo. I formaggi stagionati invece si caratterizzano per un apporto calorico relativamente alto, dovuto principalmente alla loro bassa umidità e al loro tenore di grassi, anche se possono registrarsi notevoli differenze tra un prodotto e l'altro (la percentuale di grassi oscilla tra il 20 e il 30% sul totale). Per classificare un formaggio occorre tenere conto di quattro caratteristiche: tipo di acidità (naturale o di fermentazione); tipo di cottura (crudi, semicotti o cotti); tipo di maturazione (extrarapida, rapidissima, rapida, media, lenta o lentissima); contenuto lipidico (magri, semigrassi o grassi). Da un punto di vista dietetico possiamo considerare magri i formaggi a contenuto lipidico inferiore al 20%; semigrassi quelli a contenuto lipidico compreso tra il 20 e il 32%; grassi quelli a contenuto lipidico superiore al 32%. RESA IN FORMAGGIO: Da 100 kg di latte si ottengono mediamente, a seconda del tipo, kg di formaggi freschi o poco stagionati (fa eccezione la mozzarella di bufala che presenta una resa molto superiore: kg) e 7-10 kg di formaggi stagionati. CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI DEI FORMAGGI Sotto il profilo nutrizionale i formaggi posseggono le proprietà elencate di seguito. 1. Elevato valore plastico: maggiore concentrazione delle proteine rispetto al latte; 2. Elevato valore energetico: fornito dai lipidi, che variano dal 15% (mozzarella di bufala) al 47% (mascarpone). 3. Discreto valore biodinamico (pur essendo un'ottima fonte di vitamina A, riboflavina, calcio e fosforo, risulta carente di vitamina C e ferro). 4. Buon indice di digeribilità (durante la maturazione le molecole più complesse vengono demolite risultando più solubili). Alcuni tipi, particolarmente ricchi di grasso, offrono qualche difficoltà nella digestione, in quanto i lipidi formano uno strato impermeabile che impedisce ai succhi gastrici di attaccare la caseina. 8

9 Per evitare tale inconveniente è necessaria un'adeguata masticazione o, nel caso di lattanti e bambini in tenera età, l'utilizzazione di formaggio grattugiato. Occorre tuttavia precisare che le eventuali difficoltà digestive si manifestano solo a livello di stomaco, dato che nell'intestino l'assorbimento è pressoché completo (90%). I formaggi a basso contenuto di lipidi e quelli duri stagionati sono più facili a digerirsi. I formaggi molli con muffe e quelli grassi lo sono meno. Gli anziani, coloro i quali seguono diete ipocaloriche o che hanno difficoltà nella digestione, è bene si orientino verso i formaggi magri (fino al 20% di grassi), evitando anche quelli troppo forti, specie nel caso di disfunzioni renali o cardiache. Il formaggio risulta indicato a: dispeptici, sofferenti di enterite, enterocolite ecc. (per le qualità antifermentative); diabetici (per la quasi totale carenza di zuccheri); gottosi (per la mancanza di purine). Nelle campagne anticolesterolo il formaggio viene demonizzato per la qualità prevalentemente dei grassi di tipo saturo, ma ciò non può togliere i meriti a questo alimento «nobile» che costituisce uno dei migliori vettori di minerali e di nutrienti proteici digeribilissimi. Il formaggio ha salvato nel passato intere popolazioni dalla pellagra dovuta alla carenza di un aminoacido assente nel mais; e salva ancora dall'osteoporosi, soprattutto i soggetti intolleranti al lattosio del latte che sono in progressivo aumento presso la nostra popolazione adulta (circa 1/3). Il problema del colesterolo deve essere affrontato razionalizzando lo stile di vita e le scelte alimentari in tutto il loro complesso. Per quanto riguarda i formaggi si possono attuare criteri che riguardano la quantità giornaliera, la frequenza settimanale e la qualità. Una tecnologia così diversificata può corrispondere a qualsiasi esigenza sia di carattere edonistico-gastronomico che salutistico. È bene ricordare che i formaggi costituiscono da soli un ottimo secondo piatto e quindi non devono essere consumati in aggiunta a questo o come fine pasto. In conclusione, dal punto di vista nutrizionale i formaggi rappresentano gli alimenti più ricchi di proteine animali, Calcio e Fosforo, vitamine A e gruppo B (bisogna tenere conto che sono prodotti concentrati). Hanno un elevato potere energetico per l elevata presenza di lipidi. Mancano di carboidrati, ma abitualmente vengono associati con alimenti amilacei: pane, pasta, riso, ecc. Come il latte scarseggiano di vitamina C e ferro, per cui è bene accompagnarli con verdura. DESCRIZIONE DI ALCUNI FORMAGGI TIPICI Parmigiano. È ottenuto da latte di mucca, privato della panna affiorante, riscaldato a 35 C, inoculato con fermenti lattici che gli conferiscono una modica e gradevole acidità, coagulato per aggiunta di caglio liquido. Il caratteristico color paglierino, di tonalità uniforme dalla crosta al centro (la discontinuità cromatica è indice di cattiva riuscita del formaggio), risulta tanto più intenso quanto maggiore è la percentuale di grassi. Gorgonzola. Formaggio caratterizzato dall'innesto di muffe del tipo penícillum che impediscono determinate fermentazioni (es. butirriche) promuovendone altre (es. fenoliche), per cui aspetto e sapidità risultano estremamente caratteristici. Le venature brune, anziché verdi, sono indice di cattiva conservazione. Formaggi fusi. Appartengono a questa categoria, da non confondere con i formaggi a "pasta fusa" (mozzarella, provola, scamorze, caciocavallo), i cosiddetti "formaggini". Questi prodotti si ottengono per fusione a circa 80 C di vari tipi di formaggi, mediante aggiunta di citrati, tartrati e fosfati di sodio (questi sali agevolano la fusione e consentono la caratteristica spalmabilità). La cottura offre inoltre il vantaggio di eliminare germi e sapori sgradevoli. La ricotta. Una volta era considerata l'ultimo dei prodotti della caseificazione, oggi viene rivalutata per il suo minore contenuto in grassi e in sale e quindi in calorie. Si ottiene per riscaldamento (ri-cotta) a C del siero di latte (cioè della parte che rimane dalla lavorazione del formaggio) di pecora o di vacca, dopo aggiunta di un acidificante (leggera acidificazione con acido acetico, o citrico, o tartarico, ecc). Le sostanze proteiche, costituite essenzialmente da lattoalbumina, coagulano sottoforma di fiocchetti bianchi che si agglomerano in superficie. 9

10 Va consumata freschissima in quanto non matura, presenta composizioni diverse dipendentemente dal latte di origine. ll contenuto lipidico della ricotta di pecora è più elevato di quello della ricotta di vacca e, conseguentemente, anche il loro apporto energetico è differente. I tipi preparati con latte di pecora sono più ricchi di grasso rispetto a quelli preparati con latte vaccino, sia per la maggiore quantità contenuta nella materia prima, sia per la minore dimensione dei globuli lipidici (questi ultimi sfuggono alla cagliata rimanendo nel siero). Il valore biologico delle proteine della ricotta è superiore a quello dei formaggi, inferiore è invece il suo contenuto di calcio e vitamine (specie le liposolubili). Nota: l"occhiatura" caratteristica di alcuni formaggi (emmental, fontina ecc.) è dovuta alla trasformazione del lattosio (per azione della zimasi alcolica) in alcol etilico e acido carbonico. L'acido carbonico si trasforma in acqua e anidride carbonica (gas) che tende a portarsi verso l'esterno lasciando libero il volume occupato. Nell'emmental l'occhiatura è regolare e leggermente luccicante, nella fontina è rara, piccola e distribuita irregolarmente (quando invece la si nota in formaggi che normalmente non la posseggono, è indice di cattiva conservazione). BIBLIOGRAFIA De Pasquale C. - Manuale di Dietologia - BCM EDITRICE, Milano, Cappelli P., Vannucci V. - Chimica degli Alimenti - ZANICHELLI, Bologna, Murray M., Pizzorno J., Pizzorno L. - Enciclopedia della nutrizione - TECNICHE NUOVE, Milano, Muti E. - La bibbia delle calorie - GIUNTI EDITORE, Firenze,

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI?

illatte Di che latte sei? DI CHE LATTE SEI? di chelatte sei? DI CHE LATTE SEI? Di che latte sei? è l opuscolo creato dal Centro Latte Rapallo (Latte Tigullio) con l obiettivo di informare i consumatori sulle peculiarità proprie di ogni latte, aiutandoli

Dettagli

Introduzione Con il latte / senza il latte

Introduzione Con il latte / senza il latte Introduzione Con il latte / senza il latte è un modulo didattico del curriculum MaestraNatura, un programma sperimentale di educazione alimentare attraverso il cibo. Obiettivo del modulo è permettere ai

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Composizione del latte

Composizione del latte Secondo il RD 9/5/1929 «Il latte è un liquido alimentare, ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione.» 1 Il latte rappresenta una delle

Dettagli

COS È E COSA CONTIENE

COS È E COSA CONTIENE SOMMARIO 6 INTRODUZIONE 8 LA STORIA 22 COS È E COSA CONTIENE 50 PER LA SALUTE 80 PER LA BELLEZZA 100 FATTO IN CASA 118 IN CUCINA LO YOGURT INTRODUZIONE Siamo abituati a pensare ai batteri come a nemici

Dettagli

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Prodotto della maturazione della cagliata, ottenuta mediante coagulazione acida o presamica del latte intero, totalmente o parzialmente scremato, o della

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Che cos'è il formaggio? 2. Come si produce? 3. Che usi si possono fare del formaggio? 4. Che importanza riveste il formaggio per l'organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche

Dettagli

Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione;

Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione; LATTE Latte alimentare: prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione; quando non sia altrimenti specificato, si tratta di latte

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1 I FORMAGGI Utili o dannosi? 18/06/12 1 Dal latte al formaggio Bisogna tener presente che il formaggio è un alimento totalmente diverso dal latte, sia per le caratteristiche nutrizionali, sia per l azione

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

La chimica negli alimenti

La chimica negli alimenti La chimica negli alimenti Come rendere attuale una materia astratta e far divertire i ragazzi Daniela Tofani 1 Chimica laboratoriale Alto contenuto didattico Ampio spazi di discussione con gli studenti

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I LATTICINI I prodotti derivati dal latte sono : i formaggi, la panna, il burro e lo yogurt FORMAGGIO Il formaggio, è il prodotto ottenuto dalla coagulazione acida o presamica

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Il recepimento della Direttiva Comunitaria n. 43/93 sull igiene dei prodotti alimentari ha introdotto il principio dell autocontrollo, da parte delle

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Alta Qualità Terra di San Marino è riservata al latte fresco intero pastorizzato che rispetta le condizioni

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

Pesce al mercurio, carne alla diossina,

Pesce al mercurio, carne alla diossina, Pesce al mercurio, carne alla diossina, latte contaminato con inchiostro, mozzarelle blu, verdura e frutta con pesticidi: ma allora cosa possiamo mangiare? Martedì 16 ottobre 2012 Dr.ssa Vera Merzario

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Caprini de la Bergamasca è riservato esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Prova di ammissione alla Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario. Modulo specifico 33. 30 domande

Prova di ammissione alla Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario. Modulo specifico 33. 30 domande Prova di ammissione alla Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Secondario Indirizzo Scienze Naturali Modulo specifico 33 30 domande 1) Quale, fra quelli indicati, è un sistema operativo? a) MSWord

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria Il calcio..

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria Il calcio.. Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria Il calcio.. Prof. Vincenzo Gerbi Il calcio È il minerale presente in maggior quantità nel corpo umano, circa 1.200 gr Il 99% costituente di scheletro

Dettagli

Trattamenti industriali e rintracciabilità

Trattamenti industriali e rintracciabilità Il Divulgatore n 4/2009 LATTE ALIMENTARE Trattamenti industriali e rintracciabilità Pastorizzazione, microfiltrazione, sterilizzazione Un excursus sui trattamenti cui è sottoposto il latte alimentare,

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto L ETICHETTA ALIMENTARE Carta d identità del prodotto Alcune informazioni sono obbligatorie e regolamentate per legge e sono molto utili per la sicurezza alimentare Altre sono facoltative o complementari

Dettagli

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE

ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE ESEMPI DI BEVANDE INNOVATIVE BEVANDE ESTRATTE DA SEMI O CEREALI - Latte di soya - Latte di riso - Latte di mandorla, di cocco, Prodotti ottenuti da processi di estrazione con soluzioni acquose delle materie

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE

PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE PUNTOGEL SRL: AGORA DEI PIACERI GIORNATA DIMOSTRATIVA DEL 10/12/12 PROPOSTE DI GELATI ARTIGIANALI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE Senza zucchero (saccarosio): con edulcoranti, senza aspartame. Senza grassi:

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica Abbazia di Spineto via Molino di Spineto,8 Sarteano (SI) 13 settembre 2014 Giornata di Studio Il Pecorino Toscano e Sardo- Due esperienze a confronto in terra di Siena Pecorino Toscano protagonista nel

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio.

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Mangiando pallavolo 2 Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Questo è valido per qualsiasi persona "normale, ma ancor di più lo è per coloro che praticano

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE VIRTÙ DI LATTE, YOGURT, FORMAGGI E BURRO. Premessa

PICCOLA GUIDA ALLE VIRTÙ DI LATTE, YOGURT, FORMAGGI E BURRO. Premessa PICCOLA GUIDA ALLE VIRTÙ DI LATTE, YOGURT, FORMAGGI E BURRO Tutte le verità certificate su latte, yogurt, formaggi e burro Il risultato è un documento agile, piacevole da leggere ed assolutamente veritiero,

Dettagli

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE Il gruppo Elcomex attualmente rappresenta uno dei player più significativi nel comparto energetico Rumeno (soprattutto energia proveniente

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013

Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013 Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013 Aspetto nutrizionale Principi nutritivi Funzione dei nutrienti Classificazione Dieta equilibrata Aspetto Tecnologico Produzione e trasformazione

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Il Mondo Dei Formaggi

Il Mondo Dei Formaggi Tesina Di Terza Area dell alunno frequentante nell Anno 2010/11 il Corso 5/03 presenta: Il Mondo Dei Formaggi Indice 1. Due passi nella storia 2. Dal latte al Formaggio - Il sapore del latte; - La pastorizzazione

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

VANTAGGI Tutti i frappè sono senza lattosio senza glutine senza zuccheri aggiunti

VANTAGGI Tutti i frappè sono senza lattosio senza glutine senza zuccheri aggiunti Nuova composizione VANTAGGI Tutti i frappè sono senza lattosio senza glutine senza zuccheri aggiunti Tutte le zuppe sono senza lattosio senza glutine (solo la zuppa di patate) Un alto valore biologico

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P.

La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P. La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P. (Fonte: Mozzarella di Bufala.org) La Mozzarella di Bufala Campana D.O.P. è un formaggio da tavola di pasta filata molle derivato da latte intero di bufala; il disciplinare

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone Viaggi di gusto IRASE UIL Il latte vegetale di Daniela Leone Questo articolo prende in rassegna le caratteristiche dei diversi tipi di latte vegetale: da quelli più utilizzati, come quello di soia o di

Dettagli

LATTE D'ASINA: PERCHÉ?

LATTE D'ASINA: PERCHÉ? LATTE D'ASINA: PERCHÉ? Da 7000 anni l asino lavora al fianco dell uomo svolgendo i lavori più faticosi: tirando l aratro e l erpice, facendo girare la macina del grano e il frantoio per le olive. Trainando

Dettagli

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte

Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia. Il Latte Anna Maria Caroli AgriFood Lab Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale Università degli Studi di Brescia Il Latte http://www.unibs.it/sites/default/files/ricerca/allegati/agrifood%20lab%20notte%

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli