La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile"

Transcript

1 La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile Salimei E. a, Fantuz F. b a Di STAAM, Università degli Studi del Molise (CB, Italy) b Dip. Scienze Ambientali, Università di Camerino (MC, Italy) Autore corrispondente Elisabetta M. Salimei Di STAAM, Università degli Studi del Molise Via De Sanctis, Campobasso (CB), Italy telefono fax Riassunto Il latte di asina ha destato negli ultimi anni un notevole interesse scientifico in quanto è risultato ben tollerato da bambini affetti da allergia alle proteine del latte vaccino ed il suo uso può essere indicato per la prevenzione dell aterosclerosi. Il presente articolo riassume i risultati scientifici pubblicati in letteratura circa la produzione e le caratteristiche di composizione del latte di asina, evidenziando le similitudini e le differenze rispetto al latte umano e vaccino, anche da un punto di vista igienicosanitario. Il latte, alimento di elezione per la crescita neonatale, non è solo una fonte di antigeni alimentari ma è anche vettore di componenti nutraceutiche. Tra queste, nel latte di asina sono stati determinati alcuni peptidi dotati di attività umano simile, di notevole interesse scientifico. Nel richiamare l importanza della nutrizione per i suoi effetti sulla produzione di latte e sullo stato di benessere delle asine, il presente articolo esamina alcune caratteristiche dietetiche di fondamentale importanza per il monogastrico erbivoro. La diffusione, attualmente in corso, dell allevamento asinino per la produzione di latte da destinare a lattanti, anziani o soggetti allergici può contribuire alla rivitalizzazione di microeconomie nelle aree marginali e collinari, con positivi risvolti in termini di salvaguardia del territorio e della biodiversità animale. Abstract In the last few years donkey s milk is raising a remarkable scientific interest since it has been demonstrated that such a milk is well tolerated by infants suffering of cow s milk protein allergy and its use could be of great interest for the prevention of atherosclerosis. The current paper reviews the scientific results published in literature about milk production and compositional characteristics of donkey s milk, marking similarities or differences compared to human and bovine milk. Hygienic parameters are also considered. Milk, the best food for neonatal growth represents not only a source of antigens but also a source of nutraceutical compounds. Among them some peptides showing human-like activity are observed in donkey s milk. Reminding the importance of nutrition in affecting milk production and jennies welfare the current paper considers some dietary characteristics crucial for the herbivorous monogastric. Breeding of donkeys for production of milk for infants, elderly or allergic 25

2 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 people is currently developing and this can contribute in improving micro-economies in marginal or hilly areas with positive effects on environment preservation and animal biodiversity. Parole chiave: Latte di asina, proprietà salutistiche, aspetti di filiera, nutrizione animale. Keywords: Donkey s milk, health promoting properties, dairy food chain, animal nutrition. Introduzione L asino (Equus asinus, Ordine Perissodactyla, Famiglia Equidae) è stato addomesticato prima del cavallo, probabilmente in Numidia, almeno 5000 anni fa. Questa specie ha umilmente accompagnato l uomo nella lunga evoluzione economica e sociale: la principale utilizzazione dell asino per il trasporto di beni e persone ha infatti sostenuto gli interscambi tra Continenti (Beja-Pereira et al., 2004; Rossel et al., 2008) e rappresenta ancora oggi un importante risorsa nell economia rurale domestica di numerosi Paesi in via di sviluppo (Pearson e Ouassat, 2000). Gli asini, erbivori monogastrici, si sono adattati ad ambienti spesso assai difficili, caratterizzati essenzialmente da scarsa disponibilità di acqua e pascoli molto poveri (NRC 2007), anche grazie ad un maggiore utilizzo dell energia metabolizzabile di diete ad elevato contenuto fibroso (>70% NDF) rispetto a quanto si osserva nei ruminanti, considerati erbivori per eccellenza (Van Soest, 1994). Anche in ambienti difficili, l impiego dell asino come animale da latte ha radici antiche ma è solo recente l interesse scientifico nei confronti dell utilizzo del latte di asina nel trattamento alimentare di lattanti affetti da allergia al latte vaccino (APLV) (Iacono et al., 1992; Monti et al., 2007; Vita et al., 2007; Jarvinen e Chatchatee, 2009; Restani et al, 2009; Tesse et al., 2009). È infatti sempre più sentita la necessità di ampliare la gamma di alimenti destinati a lattanti con diagnosi confermata di allergia al latte vaccino, qualora l allattamento al seno sia sconsigliato o non sia possibile ed i formulati ipoallergenici per l infanzia non possano essere utilizzati. Tra le possibili soluzioni a questa problematica emergente, sono incoraggiati gli studi sulla produzione di latte di specie tassonomicamente lontane dalle convenzionali specie lattifere. Tale approccio consente infatti di e- videnziare differenze e similitudini tra latte prodotto da differenti mammiferi come, per esempio, un maggiore titolo proteico nel latte di Artiodactyla rispetto a quello di Perissodactyla (Restani et al., 2009). Recenti studi immunologici evidenziano inoltre come l impiego del latte di asina possa essere indicato anche nel trattamento di distrubi immunomediati e nella prevenzione dell aterosclerosi (Tafaro et al., 2007). Date le potenzialità salutistiche del latte di asina, si intende con questo lavoro delineare alcune caratteristiche essenziali della produzione di latte di asina, nello scenario di un innovativa filiera agroalimentare destinata a consumatori di fascia sensibile, quali lattanti, anziani e soggetti con allergie alimentari. La produzione di latte di asina La produzione quantitativa e qualitativa del latte di asina si discosta notevolmente da quella delle specie lattifere tradizionali per differenze anatomiche e fisiologiche. Per esempio, la ghiandola mammaria negli equini è caratterizzata da una limitata capacità: ciò implica lo svuotamento della mammella più volte al giorno. Inoltre, dal momento che la vigente normativa comunitaria (reg. EC 853/ 2004 e 1662/2006) prevede, senza distinzione tra specie lattifere, la fornitura diretta di latte crudo dal produttore al consumatore o a dettaglianti locali che forniscono direttamente il consumatore finale, è fortemente consigliato che la produzione di latte di asina avvenga su richiesta. Per motivi sia fisiologici sia economici connessi con l innovativa filiera è dunque necessario che i puledri vengano allevati con le madri, dalle quali vengono separati 3 ore prima di ogni mungitura, sulla base dell esperienza maturata nel settore equino (Drogoul et al., 1992; Salimei et al., 2004 a,b). Normalmente, il latte prodotto nel primo mese 26

3 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile dopo il parto è destinato esclusivamente al puledro; successivamente, la produzione di latte si presenta assai variabile nei dati di letteratura (Figura 1). In analogia con quanto osservato nella cavalla (Doreau e MartinRosset, 2002), l ampia variabilità osservata può essere ricondotta allo stadio di lattazione delle fattrici, alle caratteristiche della dieta e alla condizione corporea delle fattrici, al sistema di mungitura adottato (manuale o meccanico) e a numerosi altri fattori ambientali, oltre che genetici. Va tuttavia segnalato che, secondo studi di genomica, le più diffuse popolazioni asinine italiane sono risultate, ad esclusione dell asino Bianco dell Asinara, geneticamente simili nonostante le differenze morfologiche anche notevoli (Blasi et al., 2005; Cosseddu et al., 2001). Nell asina da latte, la produzione di latte presenta un graduale declino nei primi 4-5 mesi di lattazione (Salimei et al., 2005a; Giosuè et al., 2008; Ivankovi et al, 2009) e, allo stato attuale delle conoscenze, appare ragionevole in termini economici e di benessere dell animale che la latta- tazione non sia protratta oltre i 270 giorni. Considerato che la durata media della gestazione è giorni e che l efficienza riproduttiva nell asina non è costante nell arco dell anno (Carluccio et al., 1995), per assicurare la disponibilità di latte di asina appare essenziale una competente gestione riproduttiva delle fattrici. La mungitura dell asina Come già accennato, la mungitura delle fattrici avviene previa separazione fisica dal puledro. Sebbene la mammella si presenti alla mungitura assai più pulita rispetto a quello della vacca per ovvie ragioni anatomiche e gestionali, l igiene in pre-mungitura deve essere sempre rigorosa. Da un analisi più approfondita di quanto riportato in Figura 1, emerge come il sistema di mungitura manuale sia associato a livelli produttivi mediamente più bassi e assai più variabili rispetto alla mungitura meccanica ( d.s. ml/ munta vs ml/munta) (Salimei e Chiofalo, 2006; Ivankovi et al., 2009; Giosuè et al., 2008; Alabiso et al., 2009a; Alabiso et al., 2009a). Figura 1. Produzioni di latte per mungitura secondo quanto riportato nella letteratura consultata ml latte/mungitura Salimei et al., 2000 Chiofalo et al., 2004 Simoni et al., 2004 Salimei et al., 2005 Fantuz et al., 2007 Guo et al., 2007 Giosue et al., 2008 Ivankovic et al Alabiso et al. 2009a Alabiso et al 2009b Autori 27

4 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 L emissione di latte durante la mungitura risulta incompleta nell asina (Salimei et al., 2004a) e nella cavalla (Dzidic, 2004), come atteso in specie non ancora sottoposte a specifici controlli funzionali e di selezione: un efficace sistema di monitoraggio e di registrazione degli eventi nell allevamento da latte appare dunque essenziale per una gestione sostenibile delle fattrici (Dzidic, 2004), oltre che come strumento di rintracciabilità della qualità del latte. Qualità igienica del latte Come già evidenziato, la produzione di latte di asina, il cui prezzo in ambito comunitario oscilla da 8 a 15 euro/l, avviene in condizioni ambientali e gestionali assai difformi, il che determina ampia variabilità non solo dei livelli produttivi (Figura 1) ma anche della qualità del latte prodotto, con preoccupante riferimento ad alcuni aspetti igienici. I dati riportati in letteratura evidenziano infatti come la carica microbica del latte di asina possa variare da 3.66 a 5.87 log CFU/mL (Salimei e Chiofalo, 2006). Ai fini della sicurezza alimentare, è importante ricordare a questo punto che la produzione di latte di asina crudo è regolamentata a livello comunitario e a livello regionale, mediante accordi Stato-Regioni, che meriterebbero un approfondita trattazione. La bassa carica microbica mediamente riscontrabile nel latte crudo può essere imputata all azione benefica esplicata dalla naturale attività antimicrobica esercitata da enzimi, quali lisozima e lattoferrina (Fantuz et al., 2001; Fox e Kelly, 2006). D altra parte, studi di microbiologia hanno evidenziato come il latte di asina sia un buon substrato per la crescita di batteri lattici ad attività probiotica (Coppola et al, 2002; Chiavari et al., 2005; Chiofalo et al., 2006a) ma anche di coliformi, enterobatteri ed eumiceti (Sorrentino et al., 2005; Conte e Passantino, 2008; Zhang et al., 2008). Giova ricordare a questo proposito che il latte crudo, ottenuto mediante mungitura meccanica, ha evidenziato una qualità microbiologica nettamente superiore ed una frigoconservabilità reale superiore a tre giorni rispetto a quanto osservato in latte munto a mano, immediatamente refrigerato e conservato a 4 C (Sorrentino et al., 2010). La conta delle cellule somatiche (SCC) nel latte rappresenta uno strumento per valutare lo stato di salute della ghiandola mammaria. A riprova della buona condizione della mammella, la conta delle cellule somatiche nel latte di asina e- videnzia valori di molto inferiori rispetto al latte di ruminante: in particolare, Salimei e Chiofalo (2006) riportano valori compresi tra 3.52 e 4.55 logscc/ml. Inoltre, a differenza delle specie lattifere tradizionali, dove nel latte proveniente da mammella sana prevalgono i macrofagi, nel latte di asina risultano dominanti i neutrofili (Beghelli et al., 2009). Anche se la mastite è rara negli equini e normalmente di origine traumatica (Svendsen, 1997), un eccessivo sfruttamento dell asina da latte anche associato ad errori alimentari possono facilmente condurre al peggioramento dello stato di salute della ghiandola mammaria: D Alessandro et al. (2007) hanno infatti osservato una più elevata conta di cellule somatiche nel latte di asine munte 6 volte al giorno rispetto al latte di asine munte 3 volte/d. Per quanto brevemente esposto, la produzione di latte crudo di asina deve essere sottoposta a rigorosi protocolli di controllo, a tutela del consumatore e del prodotto alimentare, data la sua particolare destinazione (Regg. CE 178/2002, 852/2004, 853/2004, 2073/05, 1662/2006 e 1881/2006). Composizione chimica del latte di asina Per quanto riguarda le componenti chimiche del latte di asina, in Figura 2 vengono illustrati i tenori medi di proteina, grasso, lattosio ed il valore energetico medio osservati in 17 studi. Come noto fin dagli inizi del secolo scorso (D Arval, 1912), il latte di asina presenta una forte somiglianza con il latte umano ma il confronto dei costituenti del latte tra differenti mammiferi evidenzia come le sole percentuali di lattosio e proteine siano prossime a quanto si ritrova nel latte umano (Tabella I). Nel latte di asina è evidente l elevato contenuto in lattosio, che è stato correlato alla buona accettabilità del latte di asina da parte di bambini con allergie alimentari (Iacono et al., 1992; Vita et al., 2007). 28

5 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile Figura 2. Contenuto medio ( d.s.) in proteine, grasso, lattosio (g/100g) ed energia (MJ GE/kg) del latte di asina, secondo alcuni Autori (n=17) 8,00 7,00 g/100 g latte - MJ GE/kg latte 6,00 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 proteine grasso lattosio Contenuto energetico, GE valori rilevati in letteratura (n-17) Tabella I. Composizione centesimale del latte di differenti mammiferi g/100g latte Mammifero Residuo secco Lattosio Proteine Grasso Ceneri Donna Asina Cammella Delfina n.d. Bovina Capra Pecora Legenda: ( 1 ) Alais, 2000; ( 2 ) Salimei e Chiofalo, 2006 ( 3 ) Haddadin et al., 2008; ( 4 ) West et al., Tra gli aspetti maggiormente studiati in quanto correlati al potenziale ruolo antigenico, il tenore proteico del latte di asina è caratterizzato da un rapporto tra caseine (0,62%) e sieroproteine (0,66) assai inferiore a quanto rilevato nel latte bovino, i cui valori sono prossimi a 80:20 (Fantuz et al., 2001; Restani et al., 2009). Inoltre, studi di proteomica documentano le similitudini tra latte equino (asina e cavalla) ed umano (D Auria et al., 2005; Miranda et al., 2004; Restani et al., 2009). Più in dettaglio, le maggiori sieroproteine nel latte di asina sono rappresentate da -lattoglobulina, -lattoalbumina e lisozima, con una percentua- 29

6 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 le media sulle sieroproteine totali pari a 29.8%, 22.6%, 21.0%, rispettivamente (Fantuz et al., 2001). È importante a questo punto ricordare che la - lattoglobulina e le caseine del tipo s- sono considerati i maggiori antigeni nel latte vaccino, rispettivamente per il bambino e per l adulto (Docena et al, 1996; Carroccio et al, 1999; Wal, 2002) e a tal proposito va anche segnalato che la -lattoglobulina nel latte bovino può rappresentare fino al 50% delle sieroproteine mentre risulta assente nel latte umano (Alais, 2000; Chatterton et al., 2004). È anche rilevante considerare che, sebbene rappresentato in percentuale minore, il contenuto in -lattoglobulina del latte di asina (3.75 mg/ml) è prossimo a quanto osservato nel latte bovino (3.3 mg/ml) (Miranda et al., 2004; Vincenzetti et al., 2008). Inoltre, la percentuale di lisozima risulta molto elevata se confrontata con le tracce o i livelli e- stremamente bassi osservati nella componente sieroproteica del latte bovino e umano (Malacarne et al., 2002), mentre la percentuale di -lattoalbumina sulle sieroproteine totali è leggermente superiore rispetto a quella riportata per il latte di vacca (20%) ma inferiore rispetto al latte umano (42.4%) (Martuzzi e Doreau, 2006). Le sieroproteine minori del latte di asina sono rappresentate da sieroalbumina (6.1% SP), lattoferrina (4.2% SP) e immunoglobuline (11.5% SP) (Fantuz et al., 2001). È inoltre opportuno segnalare i polimorfismi genetici osservati nel latte di asina per alcune sieroproteine, quali lisozima (varianti A e B) (Godovac-Zimmerman et al., 1988; Herrouin et al., 2000), -lattoglobulina I (varianti A e B) e -lattoglobulina II (varianti A, B, C e D) (Godovac- Zimmerman et al., 1990; Herrouin et al., 2000; Cunsolo et al., 2007a; Cunsolo et al., 2007b). Anche la frazione caseinica del latte di asina, determinata secondo diversi approcci metodologici, presenta importanti peculiarità: nel latte di asina è stata infatti osservata la presenza di - e di s1-caseina mentre non è stata rilevata la presenza di k- e di s2-caseina (Vincenzetti et al., 2008; Criscione et al., 2009). È opportuno sottolineare anche che nel latte umano non è stata dimostrata la presenza di s2-caseina mentre la stessa proteina rappresenta fino al 10% delle caseine nel latte bovino. Inoltre, la k-caseina rappresenta circa il 23% delle caseine totali nel latte umano e circa il 13% nel latte vaccino (Malacarne et al., 2002). Nel latte di cavalla è stata invece osservata la presenza di bassi livelli di k-caseina (7.71% delle caseine totali) e la s2-caseina, quantunque identificata, non sarebbe stata sufficientemente caratterizzata a causa del livello molto basso (Egito et al, 2002; Malacarne et al., 2002). In una sperimentazione con 59 asine in stadio intermedio di lattazione, Criscione et al (2009) hanno osservato un profilo proteico eterogeneo: rispetto al profilo proteico dominante, solo in rari casi le asine hanno prodotto un latte privo di s1- caseina mentre circa il 23% delle fattrici ha prodotto latte privo di -lattoglobulina II. Un estrema attenzione all igiene in tutte le fasi della produzione primaria si impone in un alimento destinato a consumatori di fascia sensibile, dato il ruolo del danno termico a carico dei costituenti del latte nel favorire la sensibilizzazione alle proteine del latte vaccino (Donnet-Hughes et al., 2005; RothWalter et al., 2008; Restani et al., 2009). È il caso di segnalare che la percentuale di sieroproteine nel latte di asina varia da 44.8 g/100g N totale nel latte crudo, a 38.5 g/100g N totale nel latte scaldato a 70 C per 1 min, a 14.5 g/100g N totale nel latte scaldato a 90 C per 1 min (Sorrentino et al., 2005). Gli stessi Autori riportano anche un contenuto medio di furosina nel latte di asina crudo pari a mg/100g proteina e valori fino a mg/100g proteina, osservati dopo trattamento a 90 C per 1 min. Il latte di asina ha un contenuto percentuale in residuo secco mediamente basso (tabella 1) e variabile, in accordo con quanto riportato per il latte di cavalla (Doreau e Martin-Rosset, 2002; Salimei e Chiofalo, 2006; Guo et al., 2007; Giosuè et al., 2008; Ivankovi et al., 2009; Alabiso et al., 2009 a; Alabiso et al., 2009 b). Il tenore in ceneri risulta invece leggermente superiore rispetto a quanto osservato nel latte di donna (Tabella I) anche se la composizione minerale del latte di asina risulta alquanto variabile (Tabella II). 30

7 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile Tabella II. Composizione in elementi minerali del latte di asina (Salimei et al, 2004b; Fantuz et al, 2009) Minerale Media Min. Max. Ca P K Na Cl Mg Fe Zn Cu Il titolo ipolipidico del latte (Tabella I), direttamente correlabile al basso contenuto energetico del latte di asina (Figura 1) rispetto a quello umano, è in parte da attribuire ad un rilascio di ossitocina non sufficiente per assicurare il completo svuotamento della mammella nell asina sottoposta a mungitura. L asina trattiene in media il 37% del latte e la componente lipidica del latte di ritenzione è mediamente pari 1.73 g/100g ovvero 4 volte superiore a quello normalmente rilevato nel latte di asine munte sia a mano che a macchina (Salimei et al., 2004 a). Ciò rafforza la necessità di ulteriori studi nei settori della selezione genetica e/o di tecnica di mungitura, finalizzati ad una più completa e naturale emissione del latte. Componenti bioattive e funzionali nel latte di asina Il latte, alimento di origine animale di elezione per la crescita neonatale, non è solo una fonte di antigeni alimentari ma è anche vettore di composti funzionali e bioattivi (metaboliti, enzimi, fattori di crescita cellulare, ecc.) in grado di supportare il complesso processo di accrescimento nel neonato (Savino e Liguori, 2008). In analogia con quanto osservato nel latte u- mano (Fox e Kelly, 2006), tra le proteine funzionali studiate nel latte di asina si annoverano enzimi attivi anche nella protezione antimicrobica, come il già citato lisozima i cui livelli sono assai elevati nel latte di asina a differenza di quanto rilevato nel latte umano (Guo et al., 2007). Va tuttavia segnalato che il tenore in lisozima misurato nel latte di asina ( mg/ml) è fortemente influenzato dal metodo analitico impiegato (Fantuz et al., 2001; Coppola et al., 2002; Chiavari et al., 2005; Vincenzetti et al., 2008) e che tale naturale componente antimicrobica è attiva anche dopo trattamento termico (Sorrentino et al., 2005). Anche la lattoferrina già evidenziata nella frazione sieroproteica contribuisce alla naturale attività antibiotico simile del latte di asina: grazie alla sua capacità nel sequestrare il ferro, è verosimile che l attività contro batteri, virus e funghi si svolga lungo tutto il tratto digerente in virtù della resistenza alle proteasi osservata per la lattoferrina del latte umano (Emmet e Rogers, 1997; Lonnerdal, 2003). Si ricorda inoltre che la lattoferrina umana lega la maggior parte del ferro e, in vitro, ne facilita l uptake da parte di enterociti umani, mediato dalla presenza di specifici recettori (Lonnerdal, 2003). Buona parte delle componenti funzionali del latte sono composti azotati (proteine o peptidi) ma anche nella classe dei lipidi si ritrovano principi in grado di condizionare indirettamente o direttamente l ambiente intestinale e le funzioni immuno-infiammatorie (Laiho et al., 2002). Nonostante le informazioni relative alle componenti lipidiche del latte di asina siano ancora incomplete, la recente letteratura scientifica ne evidenzia l interessante contenuto di acidi grassi liberi, caratterizzato da un rapporto bilanciato tra PUFA n6 e n3, fattori proinfiammatori e antinfiammatori, rispettivamente (Kanwar et al., 2007; Chiofalo et al., 2006a). Gli osservati indici aterogenico (in media pari a 0.80) e trombogenico (in media 0.32) confermano il latte di asina come alimento indicato nella prevenzione delle patologie dell anziano 31

8 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 (Chiofalo et al., 2006a; Tafaro et al., 2007), anche se richiamano l attenzione sui contenuti di principi dalle note proprietà antiossidanti, quali vitamina A (1.67 g RE) e vitamina E (5.14 g RE) (Sorrentino et al., 2005). Tali livelli risultano infatti inferiori a quanto riportato per il latte di vacca, cavalla e umano (Marconi e Panfili, 1998; Evangelisti e Restani, 2003). È tuttavia interessante ricordare che la variabilità del profilo acidico del latte equino è maggiormente condizionata dalla dieta delle lattifere rispetto a quanto avviene nei ruminanti (Van Soest, 1994; Salimei et al., 1995; Chiofalo et al., 2005; Falaschini et al., 2009). Inoltre, Chiofalo et al. (2007) evidenziarono come il trasferimento dal sangue al latte degli acidi grassi polinsaturi (PUFA) della serie n3 sia più efficiente della serie n6 PUFA probabilmente a causa delle molteplici destinazioni metaboliche dei PUFA n6 plasmatici e/o della massima tesaurizzazione metabolica dei PUFA n3 circolanti, in accordo con quanto osservato nella cavalla da Bontempo et al. (2000). Oltre alle componenti funzionali azotate e lipidiche, nel latte di asina crudo e congelato è stata rilevata anche la presenza di ormoni e fattori di crescita ad attività umano-simile, quali leptina, grelina, IGF-1 ed ormoni tiroidei (Salimei, in press; Todini et al., 2010). La presenza di questi peptidi bioattivi nel latte potrebbe essere coinvolta nella regolazione non solo della crescita e nello sviluppo dell apparato digerente ma anche del sistema immunitario o neuroendocrino del lattante (Peeters, 2005, Liu et al., 2005), qualora ne fossero stabilite le modalità di assorbimento. Caratteristiche fisico-chimiche Le principali caratteristiche fisico chimiche del latte di asina mostrano valori simili per il latte ottenuto da mungitura manuale o meccanica (Tabella III). Il ph risulta sub alcalino come riportato per il latte umano (Guo et al, 2007; Slutzah et al., 2010) mentre il ph del latte vaccino, o di piccoli ruminanti, è compreso tra 6.50 e 6.85 (Park et al., 2007). Il ph elevato, associato ad una bassa acidità titolabile (2.72 SH) (Salimei et al, 2004b), può essere messo in relazione al basso contenuto in caseina ed in fosfati rispetto al latte vaccino. La densità è simile a quanto riscontrato nella latte bovino mentre il punto crioscopico del latte di asina presenta valori inferiori rispetto al latte di ruminante ( ) (Park et al, 2007), probabilmente in funzione del già menzionato basso contenuto in solidi totali. Tabella 3. Caratteristiche fisico-chimiche medie del latte di asina ph Densità g/l Punto crioscopico C Mungitura manuale Mungitura meccanica Conte, 2005, Guo et al, 2007; 2 Salimei et al, 2004b, Sorrentino et al, 2005, Chiavari et al, 2005, Maglieri et al, Le componenti dietetiche della produzione di latte di asina Oltre che da fattori fisiologici, è noto che la composizione del latte è influenzata da fattori genetici e ambientali, quali la dieta, la gestione degli animali e della mungitura, l igiene degli animali, ma è anche stato dimostrato che la mammella ha la capacità di mantenere relativamente costanti i livelli di alcuni nutrienti secreti nel latte (Lonnerdal, 2007). Nonostante il numero ancora esiguo di studi sulla produzione di latte di asina, sono già stati evidenziati alcuni effetti significativi sia della gestione alimentare delle fattrici sia della gestione di animali e della mungitura sul profilo nutrizionale delle fattrici (Maglieri et al., 2006; D Alessandro et al., 2006; D Alessandro e Martemucci, 2007; Salimei et al., 2007; Fantuz et al., 2007) e su alcuni aspetti della produzione (Simoni et al., 2004; Salimei et al., 2006; Giosuè et al., 2009; Alabiso et al., 2009b). Inoltre, dei 30 composti chimici (acidi grassi, esteri, terpeni, alcoli, chetoni, aldeidi) identificati nel latte di asina ed associati ad aromi ben defini- 32

9 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile ti, terpeni e acidi grassi risultano essere derivati direttamente da foraggi e concentrati mentre aldeidi, alcoli e chetoni potrebbero derivare dalle complesse modificazioni degli ingesta nel tratto gastroenterico (Chiofalo et al., 2005). Gli studi da noi considerati suggeriscono pertanto come la valorizzazione del latte di asina non possa essere disgiunta dalla conoscenza dell utilizzazione metabolica della dieta da parte di Equus asinus, monogastrico considerato un ruminante capovolto, in quanto l assorbimento dei principi non fibrosi della dieta avviene prevalentemente nel piccolo intestino mentre le componenti fibrose sono degradate dall intensa attività del microbiota a livello cieco-colon. Nell allevamento dell asina da latte è necessario porre in grande considerazione gli aspetti a- limentari e nutrizionali di questa specie nell innovativo indirizzo produttivo, ricordando che le tecnopatie -neologismo coniato da Ballarini negli anni 80 per l allevamento intensivo dei bovinipossono influire sull insorgenza di patologie digitali e gastroenteriche. Si ricorda infatti che il grosso intestino dell equino è particolarmente esposto a rischi di malfunzionamento in termini di posizionamento, fermentazione, assorbimento e motilità, spesso in relazione a disordini di origine nutrizionale (Frape, 1986; Ferro et al., 2001). Si pensi infatti agli adattamenti fisici oltre che comportamentali cui equini allevati intensivamente vanno incontro rispetto a quando sono al pascolo: l entità dei pasti consumati in ambiente confinato dovrà pertanto rispettare le peculiarità digestive di una specie il cui consumo di sostanza secca è fortemente condizionato da strategie alimentari diversificate (Mueller et al., 1998). A motivo dell origine della specie e della sua evoluzione e diffusione, oltre a bassi fabbisogni idrici e ad un efficiente riciclo dell urea gli asini sono infatti in grado di modificare la capacità di selezione alimentare e/o di assunzione, per soddisfare le proprie esigenze nutrizionali (NRC 2007). Inoltre, Mueller et al. (1998) osservarono che, a parità di contenuto in fibra (NDF) della dieta, il tenore proteico non influisce su condizione corporea e consumo di sostanza secca di asini adulti. Questa osservazione riconduce alla centralità della componente fibrosa nella dieta dell asina in lattazione e, inevitabilmente, alla qualità della base foraggera e alla sua costanza nel corso dell anno, ovvero la composizione della parete della cellula vegetale in cellulosa, emicellulosa, lignina e fibra solubile. La qualità della fibra assunta, infatti, influisce sui tempi di masticazione degli alimenti, che a loro volta agiscono sulla produzione di saliva nonchè sulla motilità dello stomaco, che favorisce la progressione degli ingesta e l attività secretoria del tratto gastroenterico (Ferro et al., 2001; Hoffman et al., 2001). L ecosistema del grosso intestino è condizionato dalla natura della fibra ingerita; la popolazione microbica intestinale dell equino infatti non differisce da quella ruminale, anche se risulta meno abbondante (Bontempo et al., 1993). Inoltre, la mucosa del grosso intestino (cieco, colon ventrale, colon distale, piccolo colon) presenta significative differenze nel tasso relativo di trasporto degli acidi grassi volatili (acido acetico, propionico e butirrico) rispetto alla mucosa ruminale ed è noto che la sintesi ex novo di acidi grassi C18, oltre a quella di acidi grassi da C4 a C 14 e parte di C16, possa avvenire nell equino dai prodotti della fermentazione del grosso intestino, come descritto per altre specie erbivore non ruminanti (Van Soest, 1994). Recenti ricerche in nutrizione equina suggeriscono anche che un elevato tenore di fibra dietetica promuove un corretto funzionamento dell intestino del cavallo, cieco-colon in particolare (Hoffman et al., 2001; Miraglia et al., 2004; Bailoni et al., 2005) mentre nell asina da latte sono stati evidenziati gli effetti del contenuto in fibra solubile della dieta sul profilo acidico del grasso del latte nonché sul profilo plasmatico acidico ed e- nergetico delle fattrici (Salimei et al., 2005; Maglieri et al., 2006; Chiofalo et al., 2006 b,c) Nel rispetto dell ecosistema del grosso intestino, di fondamentale importanza per la salute ed il benessere dell asina allevata intensivamente, occorre inoltre considerare l influenza esercitata dalla granulometria delle particelle alimentari, dalla loro capacità di idratazione e di scambio cationico sulla velocità di transito a livello intestinale (Van Soest et al., 1983; Salimei et al., 2000; 33

10 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 Hoffman et al., 2001) che, di conseguenza, può modificare la digeribilità degli alimenti ingeriti (Casini et al., 2006) nonchè, in alcune circostanze, rappresentare una probabile concausa nutrizionale delle coliche, grave patologia ostruttiva correlata all anatomia del tratto gastroenterico e all alterazione dell ecosistema del grosso intestino. Per quanto brevemente esposto, le conoscenze relative alla definizione dei fabbisogni nutrizionali dell asino nell innovativo indirizzo produttivo necessitano di specifici studi soprattutto per quanto concerne le fasi di gestazione avanzata e per la produzione di latte in quanto non appare corretto applicare tout-court i fabbisogni del cavallo, a motivo dei differenti percorsi evolutivi (NRC, 2007; Casini et al., 2006). La corretta gestione dei foraggi e delle scorte alimentari dovrà essere mirata anche al contenimento delle muffe, in quanto importanti componenti del microambiente in un sistema di allevamento intensivo, che nell equino possono predisporre a patologie respiratorie e oculari (Ferro et al., 2000; Salimei, 2010). Ma la qualità igienico sanitaria dei foraggi e dei concentrati somministrati alle lattifere rientra in un argomento di portata ben maggiore, quale la contaminazione naturale degli alimenti con micotossine; il target salutistico dell innovativa filiera non può dunque prescindere dalla conoscenza di una più ampia gamma di alimenti da destinare all asina da latte, al fine di minimizzare l assunzione di tali metaboliti fungini con alimenti inadeguati da un punto di vista igienico, che si riflette sul livello di contaminazione del latte, oltre che sullo stato di salute degli animali. Considerazioni conclusive Nell innovativa innovativa filiera latte di asina destinata a consumatori di fascia sensibile descritta qui nelle sue linee essenziali, la valorizzazione delle componenti salutistiche del latte di asina dovrebbe considerare con estrema attenzione gli effetti di tutti i fattori della produzione primaria e di eventuali trattamenti tecnologici o biotecnologici, al fine di tutelare i consumatori, le proprietà salutistiche endogene del prodotto ed il benessere delle fattrici e dei puledri. Numerose sembrano essere le ricadute positive correlate allo sviluppo sostenibile di questa innovativa filiera, che allontana il pericolo di estinzione per la specie asinina nei Paesi più industrializzati, grazie all enorme versatilità e allo spirito di sopravvivenza di questi Perissodattili, nobili e antichi. Bibliografia ALABISO M., MANIACI G., ALICATA M.L., IANNO- LINO G., D AMICO A., BAUMAN D.E., GIOSUÈ C., Effects of the foal at the milking and dietary supplementation with extra virgin olive oil on jennet milk production. Ital. J. Anim. Sci. 2009a, vol. 8 (Suppl. 2), ALABISO M., GIOSUÈ C., ALICATA M. L., MAZZA F., IANNOLINO G., The effects of different milking intervals and milking times per day in jennet milk production. Animal 2009 b, 3:4: ALAIS C., Scienza del latte. Ed. Tecniche Nuove, Milano Italy, BAILONI L., SCHIAVON S., PAGNIN G., TAGLIAPIE- TRA F., BONSEMBIANTE M., Quanti-qualitative evaluation of pectins in the dietary fibre of 24 foods. It. J. Anim. Sci. 2005, 4: BEJA-PEREIRA A., ENGLAND P.R., FERRAND N., JOR- DAN S., BAKHIET A.O., ABDALLA M.A., MA- SHKOUR M., JORDANA J., TABERLET P., LUIKART G., African Origins of the Domestic Donke. Science 2004, 304, (june): BEGHELLI D., ROSCINI A., VALIANI A., VINCENZET- TI S., CAVALLUCCI C., POLIDORI P., Somatic (CSS) and differential cell count (DCC) during a lactation period in ass s milk. It. J. Anim. Sci. 2009, 8 (suppl 2): BLASI M., PERROTTA G., LANZA A., IAMARTINO D., PILLA F., Genetic diversity in three Italian donkey populations assessed by microsatellite markers. Ital. J. Anim. Sci. 2005, 4 (suppl.2): 127. BONTEMPO V., CHIOFALO B., POLIDORI M., TEDE- SCO D., SALIMEI E., Somministrazione di olio di fegato di merluzzo a giumente in lattazione: studio sul profilo acidico del latte e del tessuto adiposo. 2 Convegno SIDI Nuove acquisizioni in materia di alimentazione, allevamento e allena- 34

11 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile mento del cavallo sportivo, Campobasso (CB) ottobre 2000: BONTEMPO V., SALIMEI E., DELL ORTO V., Alimentazione del cavallo: Ruolo dei fieni. Summa 1993, 9: CARLUCCIO A., VILLANI M., CONTRI A., TOSI U., VERONES, MC., Rilievi ecografici della gravidanza precoce nell asina di Martina Franca. Ippologia 2005, 16 (4): CARROCCIO A., CAVATAIO F., IACONO, G., Crossreactivity between milk proteins of different animals. Clin Exp Allergy 1999, 29: CASINI L., SGORBINI M., MAGNI L., CORAZZA M., GATTA D., Apparent digestibility of two diets in the Amiata breed of donkey in late pregnancy. In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare, EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006: CHATTERTON D.E.W., RASMUSSEN J.T., HEEGAARD C.W., SORENSEN E.S., PETERSEN T.E., In vitro digestion of novel milk protein ingredients for use in infant formula: research on biological function. Food. Sci. Technol. 2004, 15: CHIAVARI C., COLORETTI F., NANNI M., SORRENTINO E., GRAZIA L., Use of donkey s milk for a fermented beverage with lactobacilli. Lait 2005, 85: CHIOFALO B., DROGOUL C., SALIMEI E., Other utilisation of mare s and ass s milk, In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare. EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006a: CHIOFALO B., PICCOLO D., RIOLO E.B., MAGLIERI C., SALIMEI E., Different fiber sources in dairy ass s diet: I. Effects on milk fatty acid composition. In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.), Nutrition and feeding of the broodmare, EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006b: CHIOFALO B., PICCOLO D., RIOLO E.B., MAGLIERI C., SALIMEI E., Different fiber sources in dairy ass s diet: II. Effects on plasma fatty acid profile. In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare, EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006c: CHIOFALO B., PICCOLO D., MAGLIERI C., RIOLO E.B., SALIMEI E., Transfer of fatty acids from blood to milk in dairy asses: effect of different fibre sources. Ital. J. Anim. Sci. 2007, 6 (suppl.1): 285. CHIOFALO B., POLIDORI M., COSTA R., SALIMEI E., Fresh forage in dairy ass s ration: effect on milk fatty acid composition and flavours. Ital. J. Anim. Sci. 2005, 4 (suppl. 2): CONTE F., Osservazioni sul punto crioscopico del latte di asina. Il latte 2005, 12: CONTE F., PASSANTINO A., Isolation of Enterobacter sakazakii from ass milk in Sicily: Case report, safety and legal issues. Travel Med Infect Dis. 2007, /j.tmaid COPPOLA R., SALIMEI E., SUCCI M. ET AL., Behaviour of Lactobacillus rhamnosus strains in ass s milk. Annals of Microbiology 2002, 52: COSSEDDU G.M., FRAGHÌ A., MURA L., CARTA A., CHERCHI R., PAU S., Relazioni genetiche tra le popolazioni asinine della Sardegna. Analisi con marcatori molecolari. Ippologia 2001, 2 (June): CRISCIONE A., CUNSOLO V., BORDONARO S. ET AL., Donkey s milk protein fraction investigated by electrophoretic methods and mass spectrometry analysis. Int. Dairy J. 2009, 19: CUNSOLO V., COSTA A., SALETTI R., MUCCILLI V., FOTI S., Detection and sequence determination of a new variant of donkey s -lactoglobulin II. Rapid Comm. Mass Spectrom. 2007a, 21, CUNSOLO V., SALETTI R., MUCCILLI V., FOTI S., Characterization of the protein profile of donkey s milk whey fraction. J. Mass Spectrom. 2007b, 42: D ALESSANDRO A.G., MARTEMUCCI G., Influence of milking number and frequency on milk production in Martina Franca breed asses. Ital. J. Anim. Sci. 2007, 6 (suppl. 1): D ALESSANDRO A.G., MARTEMUCCI G., PALAZZO M., SIMONE N., COLELLA G.E., PIZZO R., CASAMASSIMA D., Values on serum metabolites in lactating jennies of Martina Franca breed. In: Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds) Nutrition and feeding of the broodmare. EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006: D ARVAL C., Il latte nella produzione e nell igiene dell alimentazione. Antonio Vallardi Ed., Milano (Italy),

12 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 D AURIA E., AGOSTONI C., GIOVANNINI M. ET AL., Proteomic evaluation of milk from different mammalian species as a substitute for breast milk. Acta Pædiatrica 2005, 94: DOCENA G.H., FERNANDEZ R., CHIRDO F.G., FOS- SATI C.A., Identification of casein as the major allergenic and antigenic protein of cow s milk. Allergy 1996, 51: DONNET-HUGHES A., DUC N., SERRANT P., VIDAL K., SCHIFFRIN E.J., Bioactive molecules in milk and their role in health and disease: the role of transforming growth factor-. Immunol. and Cell. Biol. 2000, 78: DOREAU M., MARTIN ROSSET W., Dairy animals: Horse. In Fuquay J., Roginski H., Fox P. (Eds.) Encyclopedia of Dairy Sciences, Elsevier, 2002: DROGOUL C., PREVOST H., MAUBOIS J.L., Le lait de juments, un produit, une filière a développer? Proc. 18 Jurnéè d Etude. CEREOPA ed., Paris, France, 1992: DZIDI A., Studies on milk ejection and milk removal during machine milking in different species. PhD Thesis Univ Munchen, 2004, 84 pp. EGITO A.S., MICLO L., LOPEZ C., ADAM A., GIRARDET J.M., GAILLARD, J.L., Separation and characterization of mare s milk as1-, -, k-caseins, -casein-like and proteose peptone component 5-like peptides. J. Dairy Sci. 2002, 85: EMMET, P.M.,ROGER I.S., Properties of human milk and their relationship with maternal nutrition. Early Human Dev. 1997, 49 (Suppl. 1), S7-S250. EVANGELISTI F., RESTANI P., Prodotti dietetici. Chimica, tecnologia e impiego. Ed. Piccin-Nuova Libraria, Padova, Italy, FALASCHINI A., CANESTRARI G., MANTOVANI S., PANCIROLI A., TROMBETTA M.F., Influence of extruded linseed supplementatation on ass milk quality. It. J. Anim. Sci. 2009, 8 (suppl.2): 732. FANTUZ F., VINCENZETTI S., POLIDORI P., VITA A., POLIDORI F., SALIMEI E., Study on the protein fractions of donkey milk. Proc. XIV Congress ASPA, Firenze (FI) June 2001: FANTUZ F., MAGLIERI C., CASAMASSIMA D., PALAZ- ZO M., CHIOFALO B., SALIMEI E., Nutritional status of dairy asses managed with different machine milking strategies. Ital. J. Anim. Sci. 2007, 6 (suppl. 1): FANTUZ F., MAGLIERI C., LEBBORONI G., SALIMEI E., Ca, Mg, Zn, Fe, Cu and Mn content of ass s milk. It. J. Anim. Sci. 2009, 8 (suppl 2): FERRO E., SALIMEI E., ZUCCA E. ET AL., Ulcera gastrica e suoi rapporti con gli aspetti del management del cavallo sportivo: considerazioni preliminari. Proc. 3 Convegno SIDI Nuove acquisizioni in materia di alimentazione, allevamento e allenamento del cavallo sportivo, Campobasso (CB) luglio 2001: FERRO E., FERRUCCI F., SALIMEI E., ANTONINI M., CODAZZA D., CANIATTI M., Relationship between the conditions of lower airways in healthy horses, environmental factors and air quality in stables. Pferdeheilkunde 2000, 16: FOX P.F., KELLY A.L., Indigenous enzymes in milk: Overview and historical aspects. Part 1. Int Dairy J. 2006, 16: FRAPE D.L., Equine nutrition and feeding. Logman Group UK Limited, Singapore, GioSUÈ C., ALABISO M., RUSSO G., ALICATA M.L., TORRISI C., Jennet milk production during the lactation in a sicilian farming system. Animal 2008, 2: GIOSUÈ C., CAPPER J.L., MANIACI G., BAUMAN D.E., MAZZA F., ALABISO M., Effects of foal presence at milking and dietary extra virgin olive oil on jennet milk fatty acids profile. Ital. J. Anim. Sci. 2009, 8 (Suppl. 2): GODOVAC-ZIMMERMANN J, CONTI A, JAMES L, NA- POLITANO L., Microanalysis of the Amino-Acid Sequence of Monomeric -Lactoglobulin I from Donkey (Equus asinus) milk Biol. Chem. Hoppe-Seyler 1988; 369: 171. GODOVAC-ZIMMERMANN J., CONTI A., SHEIL M., NAPOLITANO L., Covalent structure of the minor monomeric -lactoglobulin II component from donkey milk. Biol. Chem. Hoppe-Seyler 1990: 371: 871. GUO H.Y., PANG K., ZHANG X.Y., ZHAO L., CHEN S.W., DONG M.L., REN F.Z., Composition, physiochemical properties, nitrogen fraction distribution, and aminoacid profile of donkey milk. J. Dairy Sci. 2007, 90:

13 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile HADDADIN M.SY., GAMMOH S.I., ROBINSON R.K., Seasonal variations in the chemical composition of camel milk in Jordan. J. Dairy Res. 2008, 75: HERROUIN M., MOLLÉ D., FAUQUANT J., BALLESTRA F., MAUBOIS J.L., LEONIL J., New genetic variants identified in donkey s milk whey protein. J. Protein Chem. 2000, 19: HOFFMAN R.M., WILSON J.A., KRONFELD D.S., COOPER W.L., LAWRENCE L.A., SKLAN D., HARRIS P.A., Hydrolyzable carbohydrates in pasture, hay, and horse feeds: Direct assay and seasonal variation. J. Anim. Sci. 2001, 79: IACONO G., CARROCCIO A., CAVATAIO F., MONTAL- TO G., SORESI M., BALSAMO V., Use of ass s milk in multiple food allergy. J. Pediatric Gastroent. Nutr. 1992, 14: IVANKOVI A., RAMLJAK J., ŠTULINA I., ANTUNAC N., BAŠI I., KELAVA N., KONJA I M., Characteristics of the lactation, chemical composition and milk hygiene quality of the Littoral-Dinaric ass. Mljekarstvo 2009, 59 (2), JARVINEN K.M., CHATCHATEE P., Mammalian milk allergy: clinical suspicion, cross-reactivities and diagnosis. Curr. Opin. Allergy and Clin. Immunol. 2009, 9: KANWAR R.K., MACGIBBONW A.K., BLACK P.N., KANWAR J.R. ET AL., Bovine milk fat enriched in conjugated linoleic and vaccenic acids attenuates allergic airway disease in mice. Clin. Exp. Allergy 2007, 38: LAIHO K., OUWEHAND A., SALMINEN S., ISOLAURI I., Inventing probiotic functional foods for patients with allergic disease. Ann. Allergy Asthma Immunol. 2002, 89 (Suppl.): LIU Z., LI N., NEU J., Tight junctions, leaky intestines, and pediatric diseases. Acta Paediatrica 2005, 94: LONNERDAL B., Nutritional and physiologic significance of human milk proteins. Am. J. Clin. Nutr. 2003, 77 (suppl. 1): 1537S-43S. LONNERDAL B., Trace Element Transport in the Mammary Gland. Annu. Rev. Nutr. 2007, 27: MAGLIERI C., ROSI F., MAGISTRELLI D., POLIDORI M., FANTUZ F., SALIMEI E., Different fibre sources in dairy ass s diet: effects on body condition and plasma leptin level. In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare, EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL), 2006: MALACARNE, M., MARTUZZI F., SUMMER A. MA- RIANI P., Protein and fat composition of mare s milk: some nutritional remarks with reference to human and cow s milk. Int. Dairy J. 2002, 12: MARCONI E., PANFILI G., Chemical composition and nutritional properties of commercial products of mare milk powder. J. Food Comp. Anal. 1998, 11: MARTUZZI, F., DOREAU M., Mare milk composition: recent findings about protein fractions and mineral content, in Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare. EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL), 2006: MIRAGLIA N., POLIDORI M., PEIRETTI P.G., BERGE- RO D., Digeribilità in vivo di due mangimi composti ricchi in fibra in razioni per cavalli. 6 Convegno Nuove acquisizioni in materia di ippologia Campobasso 7-9 Luglio 2004: MIRANDA G., MAHE M-F., LEROUX C., MARTIN P., Proteomic tools to characterize the protein fraction of Equidae milk. Proteomics 2004, 4: MONTI G.E., BERTINO M.C., MURATORE A. ET AL., Efficacy of donkey s milk in treating highly problematic cow s milk allergic children: an in vivo and in vitro study. Pediatr. Allergy Immunol. 2007, 18: MUELLER P.J., PROTOS P., HOUPT K.A., VAN SOEST P.J., Chewing behaviour in the domestic donkey (Equus asinus) fed fibrous forage. Appl. Anim. Behav. Sci. 1998, 60: NATIONAL RESEARCH COUNCIL (NRC), Nutrient requirements of Horses. 6 th revised edition. Committee on Nutrient Requirements of Horses of, The National Academies Sciences Press, Washington DC, USA, 2007, 341 pp. PARK Y.W., JUAREZ M., RAMOS M., HAENLEIN G.F.W., Physico-chemical characteristics of goat and sheep milk. Small Rum. Res. 2007, 68: PEARSON R.A., OUSSAT M., A guide to live weight estimation and body condition scoring of donkeys. Great Britain: University of Edinburgh, PEETERS TL., Ghrelin: a new player in the control of gastrointestinal functions. Gut 2005, 54:

14 LA RIVISTA DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE, NUMERO 1, GENNAIO-MARZO 2010, ANNO 39 RESTANI P., BALLABIO C., DI LORENZO C., TRIPODI S., FIOCCHI A., Molecular aspects of milk allergens and their role in clinical events. Anal. Bioanal. Chem. 2009, 395: ROSSEL S., MARSHALL F., PETERS J., PILGRAM T., ADAMS M.D., O CONNOR D., Domestication of the donkey: timing, processes, and indicators. PNAS 2008, 105: ROTH-WALTER F., BERIN M.C., ARNABOLDI P. ET AL., Pasteurization of milk proteins promotes allergic sensitization by enhancing uptake through Peyer s patches. Allergy 2008, 63: SALIMEI E., Animals that produce dairy foods: donkey. in Fuquay J.W. Fox P.F. McSweeney P. (Eds.) Encyclopedia of Dairy Sciences 2 nd ed, Elsevier, in press (MS 41). SALIMEI E., BONTEMPO V., FANTUZ F. ET AL., Somministrazione di olio di pesce a cavalle in lattazione: effetti sulle caratteristiche qualitative del latte. Proc. IL Congresso Naz. S.I.S.Vet., Salsomaggiore Terme (PR) Italy, settembre 1995, 49: SALIMEI E., CHIOFALO B., Asses: milk yield and composition. In Miraglia N. Martin-Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare, EAAP publication 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL), 2006: SALIMEI E., MAGLIERI C., POLIDORI M., SOCCI R., CHIOFALO B., GAMBACORTA M., VARISCO G., Machine milking of dairy asses as related to milk production and body condition. In Miraglia N. Martin- Rosset W. (Eds.) Nutrition and feeding of the broodmare. EAAP publication n. 120, Wageningen Academy Press, Wageningen (NL) 2006: SALIMEI E., ROSI F., MAGLIERI C., MAGISTRELLI D., FANTUZ F., Leptin in milk and plasma of dairy asses. Ital. J. Anim. Sci. 2007, 6 (suppl.1): SALIMEI E., FANTUZ F., SIMONI A., VARISCO G., CHIARI C., Mungitura meccanica (dell asina): risultati preliminari sul latte residuale. Proc. VI Convegno SIDI, Campobasso (CB) Italy, 7-9 luglio 2004 a, SALIMEI E., FANTUZ F., COPPOLA R., CHIOFALO B., POLIDORI P., VARISCO G., Composition and characteristics of ass s milk. Anim. Res. 2004b, 53: SALIMEI E., ROSI F., MAGLIERI C., POLIDORI M., FANTUZ F., VARISCO G., Effetti di differenti fonti fibrose nella dieta di asine sul contenuto di leptina e dei principali costituenti del latte. Proc. 7 Convegno SIDI, Lodi (LO) luglio 2005a, SALIMEI E., FANTUZ F., VARISCO G., MAGLIERI C., POLIDORI M., Different fiber sources in dairy ass s diet: effects on milk yield and composition. Ital. J. Anim. Sci. 2005b, 4 (suppl. 2): SALIMEI E., MIRAGLIA N., POLIDORI M., TEDESCO D., Capacità di idratazione di foraggi destinati all alimentazione del cavallo. Proc. 2 Convegno SIDI Nuove acquisizioni in materia di alimentazione, allevamento e allenamento del cavallo sportivo, Campobasso (CB) ottobre 2000: SAVINO F., LIGUORI S.A., Update on breast milk hormones: leptin, ghrelin and adiponectin. Clin. Nutr. 2008, 27: SIMONI A., SALIMEI E., VARISCO G., Struttura e routine di mungitura e caratteristiche della produzione di latte di asina, alimento ipoallergenico per l infanzia. Proc. VI Convegno SIDI, Campobasso (CB) 7-9 luglio 2004: SLUTZAH M., CODIPILLY C.N., POTARK D., CLARK R.M., SCHANLER R.J., Refrigerator storage of e- xpressed human milk in the neonatal intensive care unit. J. Pediatrics, 2010, 156, 1: SORRENTINO E., SALIMEI E., SUCCI M., GAMMARIEL- LO D., DI CRISCIO T., PANFILI G., COPPOLA R., Heat treatment of ass s milk, a hypoallergenic food for infancy. In Severini C., DePilli T., Giuliani R. (Eds.) Technological innovation and enhancement of marginal products, Claudio Grezi Ed., Foggia (FG), Italy, 2006: SORRENTINO E., DIRENZO T., SUCCI M. ET AL., Microbiological characteristics of raw ass s milk: manual vs. machine milking. Proc. 61 st EAAP Annual Meeting, 23 August 2010, in press. SVENDSEN E.D., The professional handbook of the donkey, The Donkey Sanctuary. Whitter Books Limited, London, GB, TAFARO, A., MAGRONE T., JIRILLO F., MARTEMUCCI G., D ALESSANDRO A.G., AMATI L., JIRILLO E., Immunological properties of donkey s milk: its potential use in the prevention of atherosclerosis. Curr. Pharmac. Des. 2007, 13: TESSE R., PAGLIALUNGA C., BRACCIO S., ARMENIO L., Adequacy and tolerance to ass s milk in an Italian 38

15 Salimei E., Fantuz F. La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile cohort of children with cow s milk allergy. It. J. of Pediatr. 2009, 35: 19. TODINI L., FANTUZ F., MALFATTI A., BRUNETTI V., SALIMEI E., Thyroid hormones in blood and milk of lactating donkey: preliminary results. 61st EAAP Annual Meeting, Heraklion, Greece, 23 august 2010, in press. VAN SOEST P.J., Nutritional ecology of the ruminant. 2nd ed., Cornell University Press, Ithaca & London, 1994, 476 pp. VINCENZETTI S., POLIDORI P., MARIANI P., CAMMER- TONI N. ET AL., Donkey s milk protein fractions characterization. Food Chem, 2008, 106, VITA D., PASSALACQUA G., DI PASQUALE G., CA- MINITI L., CRISAFULLI G., RULLI I., PAJNO G.B., Ass s milk in children with atopic dermatitis and cow s milk allergy: Crossover comparison with goat s milk. Pedriatr Allergy Immunol 2007, 18: WAL J.M., Cow s milk protein allergens. Asthma Immunol. 2002, 89: WEST K.L., OFTEDAL O.T., CARPENTER J.R., KRAMES B.J., CAMPBELL M., SWEENEY J.C., Effect of lactation stage and concurrent pregnancy on milk composition in the bottlenose dolphin. J. Zool. 2007, 273: ZHANG X.Y., ZHAO L., JIANG L., DONG M., REN F., The antimicrobial activity of donkey milk and its microflora changes during storage. Food Control 2008, 19:

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Convegno: Dal pascolo alla tavola: sicurezza e qualità dei prodotti BovGrAI

Convegno: Dal pascolo alla tavola: sicurezza e qualità dei prodotti BovGrAI Convegno: Dal pascolo alla tavola: sicurezza e qualità dei prodotti BovGrAI Zungoli (AV), 29 ottobre 2011 Caciocavallo Podolico : profilo lipidico in funzione del tempo di maturazione Donato Matassino

Dettagli

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO SCIENZA E TECNICA LATTIERO-CASEARIA, 60 (4), 309-314 2009 LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO Federico RIGHI 1 *, Simone ROMANELLI 1, Enrico VEROLI

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

LATTE D'ASINA: PERCHÉ?

LATTE D'ASINA: PERCHÉ? LATTE D'ASINA: PERCHÉ? Da 7000 anni l asino lavora al fianco dell uomo svolgendo i lavori più faticosi: tirando l aratro e l erpice, facendo girare la macina del grano e il frantoio per le olive. Trainando

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

Gli equini non sono tradizionalmente considerati produttori CHIMICA & PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO SPETTROMETRIA DI MASSA

Gli equini non sono tradizionalmente considerati produttori CHIMICA & PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO SPETTROMETRIA DI MASSA Vincenzo Cunsolo, Salvatore Foti, Vera Muccilli, Rosaria Saletti Dipartimento di Scienze Chimiche Università di Catania sfoti@unict.it PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO Un indagine sistematica del latte di asina,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO F. Paravati Crotone Allergia Alimentare epidemiologia 3-5% della popolazione pediatrica fino a 8 aa: (6-8% dei lattanti) convinzione nei genitori per una possibile

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come:

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come: IL LATTE CRUDO Il latte crudo può essere definito come: «Latte prodotto mediante secrezione della ghiandola mammaria di vacche, pecore, capre e bufale, non sottoposto ad una temperatura superiore a 40

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte Legislazione A livello nazionale e di Comunità Europea, la legislazione basilare che interessa l'industria per gli alimenti per animali riguarda gli animali di allevamento e si occupa della produzione

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Amedeo Conti Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR, Torino Torino, 9 novembre 2012 Il latte d asina Composizione e proprietà

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPERSENSIBILITA ALIMENTARE Allergia alimentare (reazioni agli alimenti scatenate da meccanismo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO (Pisum sativum) IN DIETE PER OVINI NUTRITIVE VALUE OF DIETS BASED ON PEA SEEDS (Pisum sativum) IN SHEEP Gian Battista LIPONI (1), Lucia CASINI (1), Sergio

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 PRIME CURE pulizia di naso e bocca disinfezione ombelico Sol. Iodata 7% - Betadine NON esterna NO pinze, mollette, legature,

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 MATRICE PROVA METODO Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

METODOLOGIE ANALITICHE PER LA TUTELA DEI FORMAGGI A LATTE CRUDO OVINO.

METODOLOGIE ANALITICHE PER LA TUTELA DEI FORMAGGI A LATTE CRUDO OVINO. II Congresso Lattiero-Caseario Torino, 21 settembre 2010 METODOLOGIE ANALITICHE PER LA TUTELA DEI FORMAGGI A LATTE CRUDO OVINO. C. Piga, M. F. Scintu, G. Sanna, P. Piu, G. Piredda Agenzia regionale per

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti ANALISI del LATTE Le centrali del latte e gli stabilimenti di trattamento sono dotati di laboratorio in cui viene analizzato il latte in entrata ed il latte in uscita. Le analisi devono: Comunque, come

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo

Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo Anna Nudda Dipartimento di Scienze Zootecniche Università degli

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA Dott. Antonio Verginelli Concetto di salute Anni 50: Anni 80: Assenza di malattia Prevenzione 2000: Benessere psico-fisico Assenza di malattia OMS 1948 «La

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia

Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia 1 Composizione chimica del latte Bovino Capra Pecora Acqua % 87-89 83-89 79-82 Residuo % 11-13

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

La nutraceutica e i prodotti dell'ovinicoltura

La nutraceutica e i prodotti dell'ovinicoltura La nutraceutica e i prodotti dell'ovinicoltura Anna Nudda & Giuseppe Pulina Università degli Studi di Sassari In Sardegna le pecore sono alimentate prevalentemente al pascolo. Ancora oggi il pascolamento

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

IL LATTE D ASINA AL TRAGUARDO DELLA RICERCA Gli acidi grassi nel corso della lattazione

IL LATTE D ASINA AL TRAGUARDO DELLA RICERCA Gli acidi grassi nel corso della lattazione Large Animals Review, Anno 10, n.?,????? 2004 1 IL LATTE D ASINA AL TRAGUARDO DELLA RICERCA Gli acidi grassi nel corso della lattazione BIAGINA CHIOFALO, VALERIA AZZARA, DOMENICA PICCOLO, LUIGI LIOTTA,

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un alimentazione ricca di zuccheri semplici è associata all insorgenza di diabete, patologie cardiovascolari e

Dettagli

Fondamenti di nutrizione umana

Fondamenti di nutrizione umana Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 12 Fondamenti di nutrizione umana Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi L alimentazione dell

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL SETTORE INTERVENTO: ZOOTECNIA (SUINO) TITOLO PROGETTO: Ricerca avanzata in genomica e innovazioni tecnologiche per la filiera produttiva del suino pesante italiano (HEPIGET) Advanced research in genomics

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI Opuscolo C.R.P.A. 4.34 N. 5/2009 (spedito nel luglio 2009) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 387

Dettagli

PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI

PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI Centro Interdipartimentale di Ricerca Nutraceutica e Alimentazione per la Salute NUTRAFOOD, Università di Pisa Research Center NUTRAFOOD, University of Pisa,

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

Il latte, un alimento poli-funzionale

Il latte, un alimento poli-funzionale Il latte, un alimento poli-funzionale Intervento scientifico Il latte, un alimento poli-funzionale non presentato dal Professor Cannella bensì dal Dottor Alessandro Pinto, ricercatore presso il Dipartimento

Dettagli

LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE

LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE LA CARNE ROSSA: FONTE DI NUTRIENTI, RISCHIO DI PATOLOGIE, IMPATTO AMBIENTALE Laura Rossi, Ph.D. Is0tuto Nazionale di Ricerca per gli Alimen0 e la Nutrizione, Roma Roma, 11 Dicembre 2012 Una alimentazione

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Buone pratiche di pascolamento dei caprini

Buone pratiche di pascolamento dei caprini Buone pratiche di pascolamento dei caprini Mauro Decandia & Giovanni Molle Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali L allevamento estensivo della capra in Sardegna si basa prevalentemente sull

Dettagli

Alghe. Principali. Macroalghe. Konbu (Laminaria) Wakame (Undaria) Nori (Porphyra) Hizikia (Hizikia) Due gruppi di piante. Macroalghe e microalghe

Alghe. Principali. Macroalghe. Konbu (Laminaria) Wakame (Undaria) Nori (Porphyra) Hizikia (Hizikia) Due gruppi di piante. Macroalghe e microalghe Corso ECM «Igiene dei nuovi modi di mangiare» Genola (CN), 10 aprile 2015 Alghe Due gruppi di piante Valerio Giaccone Università di Padova e microalghe Più di 9.000 specie Tre grandi gruppi in base al

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

BODY CONDITION SCORING

BODY CONDITION SCORING BODY CONDITION SCORING IN LAMA E ALPACA di Giulia Frezzato e Calogero Stelletta 1. Introduzione Il controllo del peso all interno di un gregge è una pratica molto importante per avere un idea generale

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

Associazione El Ouali Bologna per la libertà del Sahara Occidentale

Associazione El Ouali Bologna per la libertà del Sahara Occidentale PROGETTO PER LA PREVENZIONE SANITARIA MATERNO-INFANTILE E PER L EMERGENZA ALIMENTARE PRESSO I CAMPI PROFUGHI SAHARAWI. ACQUISTO DI DROMEDARI DA LATTE E LORO MANTENIMENTO NELLA WYLAIA DI DAJLA PER ALIMENTAZIONE

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli