Zuccheri e proteine per il rumine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Zuccheri e proteine per il rumine"

Transcript

1 CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001:2000 Zuccheri e proteine per il rumine studio pagina ravenna ED&F MAN LIQUID PRODUCTS ITALIA Srl Via A. Majani, Bologna - Tel: Fax:

2 L importanza degli zuccheri nella razione della vacca da latte Per migliorare la produttività ed il benessere della bovina da latte è necessario che siano fornite delle diete bilanciate, che rendano disponibili tutti i nutrienti necessari per esaltare una crescita rapida ed armonica dei microorganismi ruminali e per garantire all organismo i substrati necessari a soddisfare i fabbisogni di mantenimento e produzione. Fra tutti i fabbisogni, quelli in energia sono i più difficili ad essere soddisfatti, specie nelle prime fasi della lattazione, ma più in generale in tutte le situazioni nelle quali la capacità di ingestione è insufficiente (stress, scarsa qualità dei foraggi, condizioni ambientali sfavorevoli, ecc.). È proprio in questi casi che si fa ricorso ad un uso prevalente di mangimi e amidi, aumentando così di conseguenza i rischi di disordini fermentativi ruminali, di dismetabolie e di alterazioni qualitative del latte. Fra queste ultime sono ben note la chetosi e l acidosi ruminale, che rappresentano le cause principali di numerosi stati morbosi che mettono a repentaglio l attesa di vita produttiva dell animale. Il problema è dunque quello di apportare alle popolazioni batteriche ruminali ed alla bovina la maggior quantità di energia possibile, senza correre rischi. Gli zuccheri, fra i diversi principi alimentari, presentano caratteristiche di grande interesse e possono svolgere ruoli assai interessati in questo contesto. Proprio dell aggiunta degli zuccheri alle razioni si è occupata la relazione del dottor Jeffrey L. Firkins, del Dipartimento di Scienze Animali della Ohio State University, Addition of Sugars to Dairy Rations, presentata nel corso della Tri-State Dairy Nutrition Conference, svoltasi a Fort Wayne, Indiana, lo scorso aprile. Trattandosi di una relazione molto lunga ma anche molto interessante, è stato deciso di dividerla in varie parti. I capitoli successivi a questa prima parte saranno pubblicati sui prossimi numeri di EXdairyPRESS. 1 a PARTE - Zuccheri, ph ed ecosistema microbico ruminale Un esempio classico utilizzato per rappresentare la dinamica di fermentazione degli zuccheri nel rumine è il modo in cui si comporta la carta quando viene usata per accendere il fuoco nel camino: brucia rapidamente e completamente in brevissimo tempo. È per questo che alcuni esperti, pur riconoscendo agli zuccheri il ruolo di ottimi starter per le fermentazioni ruminali, temono degli squilibri del ph. In realtà, questi timori appaiono del tutto ingiustificati se si pensa che l animale si alimenta in più pasti giornalieri, per cui il ph ruminale non si abbassa e rispetto all attività dei batteri prevale decisamente l effetto starter. Per i batteri, l utilizzo di zuccheri è vantaggioso da un punto di vista energetico, grazie alla loro completa digeribilità ruminale; infatti, a parità di condizioni, i glucidi disponibili ai batteri che derivano, per esempio, da melassi, sono molti di più rispetto a quelli che derivano dagli amidi. Considerando che il tasso di degradazione oraria degli zuccheri è del % per ora e che quella degli amidi è compresa fra l 8 e il 30%, si comprende come la disponibilità temporale di energia apportata dal melasso sia quasi doppia rispetto a quella apportata dagli amidi; se poi si dovessero considerare le fibre, le differenze si accentuerebbero ancor di più. 2

3 Bibliografia: La degradazione ruminale della fibra è uno dei punti chiave per migliorare l efficienza delle bovine e salvaguardarne lo stato di salute. Perché le fermentazioni della fibra abbiano luogo, è necessaria la colonizzazione batterica della superficie vegetale; questo processo è imprescindibilmente legato al valore del ph all interno del rumine. È noto che i principali batteri cellulosolitici sono più sensibili a bassi valori di ph, e questo è il motivo per cui, se si usano quantità elevate di amidi, la digeribilità della fibra si riduce. Recenti lavori hanno dimostrato che animali con valori di ph relativamente bassi (<6.0) possono contenere comunità microbiche simili a quelle di animali con ph più elevati 1, e questo lascia pensare che forse l animale sia più sensibile alle variazioni giornaliere di ph che si osservano in presenza di pasti poco frequenti e abbondanti, o nel caso di cambi repentini della dieta. In ricerche che hanno studiato gli effetti degli zuccheri sulla degradazione della fibra 2, è stato osservato che nelle razioni ricche di amido si producono dei composti azotati che inibiscono la crescita dei batteri cellulosolitici. Alcuni di questi prodotti, inoltre, stimolano l attività di taluni batteri amilolitici, i quali hanno una spiccata attività proteolitica (degradazione delle proteine) e sono in grado di liberare molto velocemente ammoniaca 3. Il risultato è che si riduce rapidamente la disponibilità di aminoacidi necessari a stimolare la crescita di altri batteri, fra i quali quelli cellulosolitici. Fra le popolazioni ruminali, un importante distinzione che fanno i microbiologi è quella legata alla loro posizione nel rumine; in particolare, si distinguono i batteri adesi alle particelle di cibo e quelli liberi nel liquor ruminale. I batteri adesi sono quelli che degradano la cellulosa e, per svolgere al meglio la loro attività, utilizzano alcuni prodotti del metabolismo dei batteri liberi. Gli zuccheri nutrono specificatamente i batteri liberi, i quali a loro volta sostengono l attività fermentativa di quelli adesi. Perciò, un adeguato apporto di zuccheri consente di : - esaltare la fermentazione della fibra favorendo un ecosistema microbico più efficiente; - ridurre l uso di amidi; - limitare lo sviluppo di batteri proteolitici e mantenere concentrazioni più elevate di peptidi e amminoacidi. In conclusione, si può affermare che gli zuccheri inclusi nelle razioni (in concentrazioni del 6-7% sulla sostanza secca) svolgono un ruolo interessante nel modulare lo sviluppo e l equilibrio della micro popolazione ruminale, consentendo di limitare nella razione l impiego degli amidi ma anche quello delle proteine. Nel prossimo articolo saranno approfonditi gli aspetti collegati alle relazioni esistenti fra zuccheri e produzione di acidi grassi volatili nel rumine. 1. Khafipour, E., S. Li, J.C. Plaizier, and D.O. Krause Rumen microbiome composition determined using two nutritional models of subacute ruminal acidosis. Appl. Environ. Microbiol. 75: Palmonari, A., D.M. Stevenson, D.R. Mertens, C.W. Cruywagen, and P.J. Weimer ph dynamics and bacterial community composition in the rumen of lactating dairy cows. J. Dairy Sci. 93: Piwonka, E.J., and J.L. Firkins Effect of glucose fermentation on fiber digestion by ruminal microorganisms in vitro. J. Dairy Sci. 79: Walker, N.D., C.J. Newbold, and R.J. Wallace Nitrogen metabolism in the rumen. Pages in Nitrogen and Phosphorus Nutrition of Cattle. E. Pfeffer and A. Hristov, eds. CABI Publishing, Cambridge, MA Jeffrey L. Firkins è professore di Nutrizione Animale presso la Ohio State University, dipartimento di Scienze Animali. I suoi principali campi di ricerca sono: migliorare l efficienza di sintesi della proteina microbica e incrementare il suo trasferimento nella proteina del latte; studiare le interazioni fisiche, chimiche e microbiologiche dei processi legati alla digeribilità della fibra e al tasso di passaggio per migliorare l utilizzo di fibra e amido nelle vacche da latte; migliorare la predizione quantitativa della digestione e del metabolismo delle proteine e dei carboidrati nelle vacche da latte. Ha collaborato e collabora con altri progetti che riguardano il metabolismo dei carboidrati nell uomo. Tratto da: Addition of Sugars to Dairy Rations Autore: Jeffrey L. Firkins, Dipartimento di Scienze Animali, Ohio State University, Presentato nel corso della Tri-State Dairy Nutrition Conference, Aprile Revisione: Prof. Andrea Formigoni e Dottor Alberto Palmonari della Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Bologna 3

4 L importanza degli zuccheri nella razione della vacca da latte 4 Jeffrey L. Firkins è professore di Nutrizione Animale presso la Ohio State University, dipartimento di Scienze Animali. I suoi principali campi di ricerca sono: migliorare l efficienza di sintesi della proteina microbica e incrementare il suo trasferimento nella proteina del latte; studiare le interazioni fisiche, chimiche e microbiologiche dei processi legati alla digeribilità della fibra e al tasso di passaggio per migliorare l utilizzo di fibra e amido nelle vacche da latte; migliorare la predizione quantitativa della digestione e del metabolismo delle proteine e dei carboidrati nelle vacche da latte. Ha collaborato e collabora con altri progetti che riguardano il metabolismo dei carboidrati nell uomo. Per migliorare la produttività ed il benessere della bovina da latte è necessario che siano fornite delle diete bilanciate, che rendano disponibili tutti i nutrienti necessari per esaltare una crescita rapida ed armonica dei microrganismi ruminali e per garantire all organismo i substrati necessari a soddisfare i fabbisogni di mantenimento e produzione. Fra tutti i fabbisogni, quelli in energia sono i più difficili ad essere soddisfatti, specie nelle prime fasi della lattazione, ma più in generale in tutte le situazioni nelle quali la capacità di ingestione è insufficiente (stress, scarsa qualità dei foraggi, condizioni ambientali sfavorevoli, ecc.). Gli zuccheri, fra i diversi principi alimentari, presentano caratteristiche di grande interesse e possono svolgere ruoli assai interessanti in questo contesto. Dell aggiunta degli zuccheri alle razioni si è occupato il dottor Jeffrey L. Firkins, del Dipartimento di Scienze Animali della Ohio State University, nella sua relazione Addition of Sugars to Dairy Rations, presentata nel corso della Tri- State Dairy Nutrition Conference, svoltasi a Fort Wayne, Indiana, nell aprile 2010, che per problemi di spazio abbiamo suddiviso in vari capitoli. Ecco la seconda parte (la prima parte è apparsa sul numero 6/2010 di Ex-dairyPress). 2 a parte - L influenza degli zuccheri sulle fermentazioni ruminali e sulla performance dei ruminanti Adeguati apporti di zuccheri prevengono l acidosi ruminale e mantengono più elevato e stabile il ph durante la giornata. Le fermentazioni ruminali portano alla formazione di acidi grassi volatili (AGV), che sono rappresentati principalmente da acido acetico (50-55%), propionico (25-35%) e butirrico (5-15%). Quando si usano razioni ricche di amido, si forma anche dell acido lattico che, rispetto agli altri AGV, è capace di far abbassare il ph ruminale in maniera molto più veloce e intensa. Se l acido lattico non è prontamente eliminato, si corre il rischio che il ph del rumine si abbassi troppo e si instauri una condizione di acidosi ruminale che, come sappiamo, è chiamata in causa come responsabile di svariate patologie di stalla quali laminiti, turbe digestive, mastiti, ecc.. Per fortuna, in condizioni di normale attività fermentativa, sono presenti nel rumine dei batteri specializzati nel consumare velocemente l acido lattico che si forma. Questi batteri, che a tutti gli effetti possono essere considerati degli spazzini del lattato e dei veri e propri gendarmi nei confronti dell acidosi ruminale, si nutrono di zuccheri semplici che ne favoriscono la crescita e l attività. In una speri-

5 mentazione effettuata su vitelli alimentati con razioni che contenevano il 4,7% di saccarosio (lo zucchero del melasso), si è misurato un ph ruminale mediamente più elevato e, cosa molto importante, si sono mantenuti valori superiori a 5.8 per più ore al giorno, consentendo un miglior equilibrio fermentativo del rumine. Favoriscono lo sviluppo e l attività dei ceppi batterici specializzati nella degradazione della fibra La possibilità di mantenere il ph del rumine a valori più elevati e stabili nel corso della giornata rappresenta la condizione essenziale per favorire lo sviluppo e l attività dei batteri che degradano la fibra; ci si può dunque aspettare che gli zuccheri, mantenendo un ph ruminale più elevato, possano favorire la digestione della fibra; Broderick e Radloff lo hanno dimostrato in due diversi studi condotti in bovine in lattazione. La presenza di zuccheri facilita la colonizzazione batterica delle particelle di foraggio e l attività di digestione dei carboidrati della parete della cellula vegetale procede con maggiore costanza e intensità; ciò si può spiegare alla luce del fatto che l uso di zuccheri ha effetti positivi sulla produzione di valerato e di acidi grassi a catena ramificata, che sono nutrienti essenziali per la crescita e l attività dei batteri cellulosolitici; la maggiore degradazione della cellulosa promuove la sintesi di grasso nel latte e per questo possiamo giustificare come, impiegando corrette dosi di zuccheri, il grasso del latte tenda a aumentare. Migliorano l efficienza alimentare L utilizzo di zuccheri migliora la capacità di assorbimento della mucosa ruminale. Infatti, la fermentazione degli zuccheri nel rumine favorisce anche la liberazione di acido butirrico, che rappresenta la fonte di energia preferita da parte delle cellule della mucosa ruminale; essa risulta di conseguenza più efficiente nell assorbire i nutrienti che si liberano dai processi digestivi, e tutto ciò giustifica la migliore efficienza alimentare delle razioni nelle quali sono presenti livelli maggiori di zuccheri. Stimolano l ingestione La sostituzione di amido con saccarosio determina un aumento dell ingestione di sostanza secca, mentre l impiego di elevate quantità di amido degradabile può avere un effetto di depressione dell appetito. Il responsabile di questo effetto negativo sarebbe l acido propionico, che è prodotto in maggiore quantità quando nel rumine è fermentato più amido. Il propionato è il principale precursore che il fegato usa per produrre glucosio, e la mammella è avida di glucosio, che serve per la sintesi del lattosio del latte; una maggiore sintesi di lattosio stimola la produzione di latte, poiché richiama acqua nella mammella (funzione osmotica). In generale si può quindi dire che, a fronte di una maggiore disponibilità di propionato, ci si può attendere una maggiore produzione di latte. Ma il fenomeno non è sempre valido; si ritiene infatti che, quando la produzione di glucosio da parte del fegato sia superiore ai fabbisogni della mammella, si manifesti una inibizione del centro della fame, con la limitazione dell assunzione di cibo. In conclusione, migliorano lo stato di salute, il benessere e la performance delle bovine. Alla luce dei risultati emersi in numerosi studi, si può affermare che l utilizzo nelle razioni di adeguate quantità di zuccheri (pari al 6-7% della sostanza secca) in sostituzione di una parte degli amidi, apporta vari benefici alle bovine e determini: - un miglior equilibrio ecologico nel rumine, con una maggiore differenziazione microbica; - un azione probiotica favorevole allo >>> 5

6 < L importanza degli zuccheri nella razione della vacca da latte sviluppo dei batteri cellulosolitici, cui consegue una maggiore utilizzazione della fibra ed un aumento dei titoli di grasso nel latte; - uno stimolo alla moltiplicazione dei batteri che, consumando acido lattico, ne prevengono l accumulo nel rumine e quindi i conseguenti rischi di acidosi ruminale; - un aumentata produzione di butirrato, che rappresenta la fonte energetica privilegiata delle cellule della mucosa ruminale; a ciò conseguono benefici sull assorbimento di nutrienti e sull efficienza alimentare; - un aumento dell ingestione alimentare. * La terza parte riguarderà il rapporto tra zuccheri e alimentazione azotata. Tratto da: Addition of Sugars to Dairy Rations Autore: Jeffrey L. Firkins, Dipartimento di Scienze Animali, Ohio State University, Presentato nel corso della Tri-State Dairy Nutrition Conference, Aprile Revisione: Prof. Andrea Formigoni e Dottor Alberto Palmonari, Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Bologna Bibliografia: - Nagaraja, T.G., and E.C. Titgemeyer Ruminal acidosis in beef cattle: The current microbiological and nutritional outlook. J. Dairy Sci. 90 (E. Suppl.): E17- E38. - Khafipour, E., S. Li, J.C. Plaizier, and D.O. Krause Rumen microbiome composition determined using two nutritional models of subacute ruminal acidosis. Appl. Environ. Microbiol. 75: Penner, G.B., and M. Oba Increasing dietary sugar concentration may improve dry matter intake, ruminal fermentation, and productivity of dairy cows in the postpartum phase of the transition period. J. Dairy Sci. 92: Mouriño, F., R. Akkarawongsa, and P.J. Weimer Initial ph as a determinant of cellulose digestion rate by mixed ruminal microorganisms in vitro. J. Dairy Sci. 84: Broderick, G.A., and W.J. Radloff Effect of molasses supplementation on the production of lactating dairy cows fed diets based on alfalfa and corn silage. J. Dairy Sci. 87: Heldt, J.S., R.C. Cochran, G.L. Stokka, C.G. Farmer, C.P. Mathis, E.C. Titgemeyer, and T.G. Nagaraja Effects of different supplemental sugars and starch fed in combination with degradable intake protein on low-quality forage use by beef steers. J. Anim. Sci. 77: Kristensen, N.B Splanchnic metabolism of volatile fatty acids in the dairy cow. Anim. Sci. 80: Guan, L.L., J.D. Nkrumah, J.A. Basarab, and S.S. Moore Linkage of microbial ecology to phenotype: correlation of rumen microbial ecology to cattle s feed efficiency. FEMS Microbiol. Lett. 288: Ribeiro, C.V.D. M., S.K.R. Karnati, and M.L. Eastridge Biohydrogenation of fatty acids and digestibility of fresh alfalfa or alfalfa hay plus sucrose in continuous culture. J. Dairy Sci. 88: Broderick, G.A., N.D. Luchini, S.M. Reynal, G.A. Varga, and V.A. Ishler Effect on production of replacing dietary starch with sucrose in lactating dairy cows. J. Dairy Sci. 91: Gencoglu, H., R.D. Shaver, W. Steinberg, J. Ensink, L.F. Ferraretto, S.J. Bertics, J.C. Lopes, and M.S. Akins Effect of feeding a reduced-starch diet with or without amylase addition on lactation performance in dairy cows. J. Dairy Sci. 93: Allen, M.S., B.J. Bradford, and M. Oba Board invited review: The hepatic oxidation theory of the control of feed intake and its application to ruminants. J. Anim. Sci. 87:

7 L importanza degli zuccheri nella razione Terza e ultima parte della relazione del dottor Jeffrey L. Firkins, del Dipartimento di Scienze Animali della Ohio State University, su Addition of Sugars to Dairy Rations. La prima e la seconda parte sono state pubblicate sul numero 6/2010 e 1/2011, rispettivamente. Zuccheri e proteina rumino degradabile Gli zuccheri, fra i diversi principi alimentari, presentano caratteristiche di grande interesse e possono svolgere ruoli assai interessanti nella razione della vacca da latte. Dell aggiunta degli zuccheri alle razioni si è occupato il dottor Jeffrey L. Firkins, del Dipartimento di Scienze Animali della Ohio State University, nella sua relazione Addition of Sugars to Dairy Rations, presentata nel corso della Tri-State Dairy Nutrition Conference, svoltasi a Fort Wayne, Indiana, nell aprile Per problemi di lunghezza, abbiamo suddiviso la traduzione in tre parti. La prima e la seconda parte sono state pubblicate sul numero 6/2010 e 1/2011, rispettivamente. Questa è la terza ed ultima parte. Nei precedenti capitoli sono state dimostrate le capacità che gli zuccheri hanno di stimolare la crescita batterica, e in particolare quella di alcuni microorganismi che sono capaci di consumare l acido lattico nel rumine riducendo così i rischi di acidosi. Il Megasphaera elsdenii è il principale attore di questo metabolismo (Nagaraja and Tigemeyer, 2007; Khafipour et al., 2009). Quando si parla di crescita delle popolazioni batteriche ruminali, non va mai dimenticato che insieme all energia deve essere disponibile sempre dell azoto; questo è vero soprattutto per i batteri che digeriscono e utilizzano la fibra, ma anche per quelli che consumano l acido lattico. Gli zuccheri come stimolo per i batteri I batteri hanno la necessità di disporre di fonti azotate diverse; in particolare, sono necessari i peptidi e gli amminoacidi (i mattoni che costruiscono le proteine) e l ammoniaca. Le proteine che sono fornite con le razioni sono degradate da batteri specializzati che si chiamano proteolitici e che agiscono al servizio degli utilizzatori finali. Fra i batteri che svolgono il ruolo di smontare le proteine, è stata di recente messa in luce l importanza della specie Prevotella, per il quale è stato suggerito un ruolo chiave nel favorire lo sviluppo indiretto di tutti quei batteri che richiedono azoto sotto forma di amminoacidi e peptidi. Fra questi vi è il già più volte citato Megasphaera elsdenii, la cui crescita è quindi fortemente stimolata se c è la presenza di Prevotella. È interessante ricordare che anche il Prevotella cresce preferenzialmente utilizzando gli zuccheri, esattamente come accade per il Megasphaera elsdenii. Questo significa che gli zuccheri riescono a promuovere lo sviluppo di una comunità batterica equilibrata che agisce in sinergia stretta (Walker et al., 2005) e che, nell insieme riesce a ridurre significativamente il rischio di accumulo di lattato nel rumine, e quindi il rischio di acidosi. Questo è il motivo per cui taluni autori suggeriscono come il Prevotella abbia la potenzialità di fungere da >>> 7

8 < L importanza degli zuccheri nella razione della vacca da latte 8 Tratto da: Addition of Sugars to Dairy Rations Autore: Jeffrey L. Firkins, Dipartimento di Scienze Animali, Ohio State University, Presentato nel corso della Tri-State Dairy Nutrition Conference, Aprile Revisione: Prof. Andrea Formigoni e Dottor Alberto Palmonari, Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Bologna probiotico per ridurre l incidenza di acidosi sub acuta, ma anche per migliorare la digeribilità della fibra. Gli amminoacidi ed i peptidi sono elementi essenziali per lo sviluppo dei batteri amilolitici e di quelli che usano le piccole frazioni dei glucidi che si liberano durante i processi di degradazione della cellulosa e della emicellulosa (fibra). Ricerche svolte utilizzando aminoacidi marcati supportano la tesi che, in carenza di amminoacidi e peptidi liberi e disponibili ai batteri, si riduce la digeribilità della fibra (Walker et al., 2005). L attività proteolitica dei batteri come Prevotella appare importante anche per aumentare l esposizione delle superfici degli alimenti, che così possono essere più facilmente attaccate dagli enzimi digestivi; questa è una delle ulteriori ragioni grazie alle quali si può spiegare lo stimolo della digeribilità della fibra che si osserva utilizzando adeguati quantitativi di zuccheri nelle razioni (Colombatto and Bauchemin, 2009). Al contrario, l impiego di amido provoca variazioni brusche del ph, che rendono impossibile lo svolgimento di questi fenomeni. CONCLUSIONI In sintesi possiamo ricordare i punti toccati dalla relazione del dottor FIRKINS. Gli zuccheri divengono un elemento importante nelle razioni delle vacche da latte per la loro pronta disponibilità a livello ruminale dove rappresentano il substrato ottimale per promuovere l azione fermentativa di un variegato numero di popolazioni batteriche che, singolarmente ma in stretta sinergia fra loro, possono utilizzare al meglio tutti gli altri componenti della razione. In particolare gli zuccheri impiegati al 6-7% della sostanza secca della razione: Forniscono energia pronta per l ecosistema ruminale per una migliore efficienza alimentare Stimolano l ingestione di sostanza secca Favoriscono la degradazione della fibra Permettono un minore apporto di amido in razione Limitano l azione dei batteri proteolitici Prevengono l acidosi ruminale (SARA) stimolando i batteri lattico-fermentanti Favoriscono la sintesi di grasso nel latte Permettono un minore apporto di proteine in razione Miglior utilizzo delle proteine Le proteine nel rumine non forniscono solo peptidi per lo sviluppo microbico, ma possono anche degradare ad ammoniaca e, come noto, se la quantità di ammoniaca libera è superiore alle necessità viene assorbita dalla parete del rumine e trasformata in urea nel fegato. In uno studio di Firkins (Oelker et al., 2009) e in molti altri citati, si è osservato che l addizione di melasso provoca un calo della concentrazione di ammoniaca nel rumine. Questo calo non dipende da una maggiore captazione di ammoniaca operata dai batteri, ma dipende dal fatto che gli zuccheri esercitano un ruolo favorevole alla crescita dei batteri che degradano e riducono le proteine alimentari a peptidi e amminoacidi, senza però produrre ammoniaca; in poche parole si può affermare che gli zuccheri promuovono la liberazione di peptidi e amminoacidi senza però che questi siano ulteriormente degradati in ammoniaca. Il fenomeno è particolarmente evidente nelle razioni nelle quali non si apportano elevate quantità di proteine degradabili. Un razionale uso di zuccheri può quindi stimolare la formazione e l evoluzione ottimale di un consorzio batterico in grado di utilizzare più efficientemente le proteine, permettendo che siano resi disponibili peptidi e amminoacidi e limitando la liberazione di ammoniaca. In questo modo si possono contenere i livelli di urea nel sangue e nel latte. Un razionale uso di zuccheri (in ragione del 6-7% della sostanza secca), consente di ridurre la degradazione nel rumine delle proteine vere fino ad ammoniaca e di utilizzare fonti di azoto degradabili e meno costose, come l urea, permettendo un minor impiego di fonti proteiche nobili, senza andare a penalizzare l ecosistema batterico, grazie ad una maggiore disponibilità di proteine microbiche.

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

Nutrire in lattazione

Nutrire in lattazione Zootecnia Nutrire in lattazione Mario Pirondini Il profilo aminoacidico della razione è fondamentale nella nutrizione della vacca in lattazione. Il bilanciamento aminoacidico delle razioni per vacche da

Dettagli

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO

LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO SCIENZA E TECNICA LATTIERO-CASEARIA, 60 (4), 309-314 2009 LA STRUTTURA FISICA DELLA RAZIONE INFLUENZA PRINCIPALMENTE LA QUANTITÀ DI LATTE PRODOTTO Federico RIGHI 1 *, Simone ROMANELLI 1, Enrico VEROLI

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione RUMINAZIONE È DEFINITO COME QUEL COMPLESSO DI ATTIVITÀ AVENTI COME SCOPO LA RI-MASTICAZIONE DI PORZIONI DELLE INGESTA CHE GIÀ HANNO SOGGIORNATO NEL RUMINE SUBENDO PARZIALE DIGESTIONE FERMENTATIVA FASE

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo

Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it Assolac, Castrovillari,20 marzo 2012 Il problema dell estate La condizione di stress

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI Opuscolo C.R.P.A. 4.34 N. 5/2009 (spedito nel luglio 2009) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 387

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Alternative al mais, i primi suggerimenti

Alternative al mais, i primi suggerimenti Alternative al mais, i primi suggerimenti La decisione di destinare parte della superficie agricola alla produzione di mais ed altri cereali per la produzione di biodisel e biogas, sottrarrà questo cereale

Dettagli

DIGESTIONE della CELLULOSA

DIGESTIONE della CELLULOSA DIGESTIONE della CELLULOSA I RUMINANTI MANGIANO VEGETALI, MA SI NUTRONO DI MICROORGANISMI Gli animali non sono in grado di digerire enzimaticamente la CELLULOSA (legami 1-4-β-glicosidici) detta anche fibra

Dettagli

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari

Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati. A. Formigoni & A. Palmonari Studio delle dinamiche di fermentazione dei substrati A. Formigoni & A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 9 InfoBiogas- Montichiari- 24-1- 2013 Indici di efficienza biologica Utilizzo

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

Gli aminoacidi della razione vanno sempre bilanciati

Gli aminoacidi della razione vanno sempre bilanciati Gli aminoacidi della razione vanno sempre bilanciati Rendere le razioni più efficienti e meno costose è possibile, ma occorre lavorare sulla componente azotata, tenendo ben presente il metabolismo ruminale

Dettagli

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI Agosto 2011 Rev. 1.01 Dr. F. Appendino Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 PRIME CURE pulizia di naso e bocca disinfezione ombelico Sol. Iodata 7% - Betadine NON esterna NO pinze, mollette, legature,

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

Erba medica: non solo proteine

Erba medica: non solo proteine DAI CAMPI ALLA MANGIATOIA Erba medica: non solo proteine Quando si parla di erba medica nell alimentazione animale, ci si sofferma soprattutto sul suo elevato contenuto di proteine (circa il 20% del peso

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas CAPITOLO 18 - Quanto sono sicure le vitamine? Una delle cose che sembrano confondere di più il pubblico e gli scienziati nel campo della salute

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

GUIDA TECNICA. Linee guida per l uso razionale dei foraggi nell alimentazione delle bovine che producono latte per il Parmigiano Reggiano

GUIDA TECNICA. Linee guida per l uso razionale dei foraggi nell alimentazione delle bovine che producono latte per il Parmigiano Reggiano Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano GUIDA TECNICA Linee guida per l uso razionale dei foraggi nell alimentazione delle bovine che producono latte per il Parmigiano Reggiano CONSORZIO DEL FORMAGGIO

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

l integrazione sportiva nella pratica della MTB

l integrazione sportiva nella pratica della MTB l i lintegrazione i sportiva nella pratica della MTB Integrazione Sportiva L integrazione sportiva serve a sostenere la PRESTAZIONE dello sportivo nel pieno rispetto dei suoi PROCESSI FISIOLOGICI, con

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO (Pisum sativum) IN DIETE PER OVINI NUTRITIVE VALUE OF DIETS BASED ON PEA SEEDS (Pisum sativum) IN SHEEP Gian Battista LIPONI (1), Lucia CASINI (1), Sergio

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale I foraggi tornano al centro della gestione aziendale L Associazione regionale allevatori del Piemonte punta su un cambio nella gestione agronomica delle aziende da latte. In nome del greening e della sostenibilità

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un alimentazione ricca di zuccheri semplici è associata all insorgenza di diabete, patologie cardiovascolari e

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini

Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini Silomais e insilati di sorgo nel razionamento della bovina da latte S. Colombini SILOMAIS: Foraggio base di molte aziende irrigue da latte e da carne della pianura padana grazie al suo elevato potenziale

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB L alimentazione nella ll disciplina di i li Bocce Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma Centro Tecnico Federale FIB Michelangelo Giampietro

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Catalogo Integratori. www.raggiodisole.it

Catalogo Integratori. www.raggiodisole.it Catalogo Integratori Una gamma completa di prodotti per il benessere animale Gli Integratori QuBA Raggio di Sole sono una linea completa di prodotti liquidi, in polvere e in blocchi studiati per aiutare

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli