Fiera di Cremona Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati Lodi (LO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)"

Transcript

1 Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati Lodi (LO)

2 Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di alta qualità, da trasformare in formaggio. La Relazione tratterà brevemente l aspetto dell alimentazione dei bovini per la produzione di latte da caseificazione. La produzione del latte risulta dall effetto combinato di tre fattori: Ambiente Genetica Salute Questi capisaldi, per la produzione quali-quantitativa del latte di nostro interesse, si possono raggruppare in: Fattori endogeni Fattori esogeni - Specie animale - Razza - Corredo genetico individuale - Età degli animali - Stadio fisiologico - Stati patologici - Alimentazione dei bovini - Tecniche di mungitura - Igiene della stalla - Temperatura ambientale - Fotoperiodo - Stati di stress

3 La composizione del latte delle varie specie ha valori diversi in termini percentuali. (Tab.1) Tab.1: Composizione del latte di specie diverse Considerando solamente le specie di interesse caseario (bovini, ovini, caprini, bufalini), il latte prodotto presenta caratteristiche diverse. (Tab.2) Tab.2: Composizione del latte delle specie di interesse caseario Frisona italiana Comisana Bionda dell Adamello Bufala italiana

4 Anche nell ambito della stessa specie esistono differenze di composizione del latte prodotto da razze diverse. (Tab.3) Tab.3: Composizione media del latte di alcune razze bovine Bruna italiana Frisona italiana (Red) Jersey Valdostana (P.R.) Inoltre, sulla composizione del latte, interagisco i caratteri genetici individuali, l età (meglio numero di lattazioni - Tab.4) e lo stadio fisiologico (periodo di lattazione). Tab.4: Numero di lattazione e rapporto caseina/proteina totale (Coulon et al., 1998) Diversa è la composizione del latte nella fase iniziale (colostro) rispetto a quella della fase intermedia e rispetto a quella della fase finale della lattazione.

5 Altro fattore endogeno che interagisce sulla qualità del latte è lo stato patologico delle bovine. A dimostrazione pratica dello stato patologico basta osservare il colore e/o la struttura di un latte mastitico (colore giallo/trasparente; presenza di coaguli). Mentre, dal punto di vista analitico, risulta evidente dalla Conta delle Cellule Somatiche (CCS / ml). Latte mastitico Latte normale Fattori esogeni - Alimentazione dei bovini - Tecniche di mungitura - Igiene della stalla - Temperatura ambientale - Fotoperiodo - Stati di stress Passando a parlare dei fattori esogeni, l alimentazione dei bovini è l elemento di massima importanza per la produzione quali-quantitativa del latte, argomento della Relazione.

6 Molti sono gli studi eseguiti per verificare l interferenza esercitata dall alimentazione sulla qualità del latte bovino. Tali studi hanno dimostrato che con l alimentazione è possibile modificare la composizione del latte nei limiti della genetica e della fisiologia delle vacche. Grande importanza viene data all alimentazione delle bovine che producono latte da caseificare, specie per l alimentazione degli animali che producono latte per la trasformazione in formaggi DOP. A tale proposito esistono Regolamenti e/o Disciplinari di alimentazione delle bovine redatti dai Consorzi di tutela dei formaggi tipici, esemplificativi sono il Regolamento del Consorzio del Parmigiano Reggiano ed il Disciplinare del Consorzio Grana Padano, ai quali i Produttori consorziati debbono attenersi scrupolosamente. Foraggio Latte Formaggio

7 IL REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE ESTRATTO DA REGOLAMENTO (UE) N. 794/2011 DELLA COMMISSIONE - agosto Omissis -

8 Disciplinare GRANA PADANO D.O.P. - Omissis -

9 In questi Regolamenti e/o Disciplinari vengono indicati: Principi generali di razionamento Foraggi ammessi e loro origine Foraggi e sottoprodotti vietati Mangimi e loro uso Materie prime e prodotti vietati Alimentazione con foraggi insilati Alimentazione con piatto unico Nuovi prodotti e tecnologie Obiettivo dei Regolamenti è produrre latte migliore per trasformarlo in formaggio migliore. L influenza dell alimentazione sulla qualità tecnologica e sulla attitudine alla trasformazione del latte in formaggi è da ricondursi in: - Controllo delle caratteristiche igienico sanitarie (cellule somatiche, carica batterica, sporigeni) - Interazione con le caratteristiche chimiche e reologiche (lattosio, grasso, proteine - caseine, attitudine alla coagulazione, resa in formaggio) Da osservare è l approccio con il quale i Consorzi di Tutela regolano l impiego di alcuni alimenti, in particolare l utilizzo nella razione di foraggi insilati. Onde evitare problemi, i vari Consorzi di Tutela dei Formaggi Tipici hanno redatto Regolamenti, che vietano o permettono di adottare processi tecnologici (uso del lisozima) nel caso vengano utilizzati i foraggi insilati nell alimentazione delle bovine da latte. E noto che viene maggiormente attribuita ai foraggi insilati la responsabilità dell inquinamento batterico del latte, in particolare per l inquinamento da Sporigeni (Clostridium tyrobutyricum).

10 Qui sotto è raffigurato il ciclo dei Clostridi: Le spore del Clostridium tyrobutyricum Coltivazione del suolo Raccolta dei foraggi - Passano dal terreno ai foraggi - Arrivano alla mangiatoia degli animali - Attraversano l apparato digerente - Vengono espulse con le feci - Contaminano gli ambienti - Inquinano il latte - Rimangono vitali durante la caseificazione - Sviluppano durante la stagionatura Conservazione dei foraggi Lettiera degli animali Stagionatura del formaggio Alimentazione degli animali Mungitura degli animali Lavorazione del latte

11 La presenza di spore clostridiche nel latte è riconducibile ad una questione di inquinamento ambientale, ad una scarsa igiene della mammella, a polvere e/o presenza di foraggi contaminati nei locali di mungitura. Nei formaggi, prodotti con latte contenente spore clostridiche, si può avere l effetto gonfiore delle forme, nella fase di stagionatura, per la produzione di acido acetico e butirico, di idrogeno e di anidride carbonica. Forma difettosa Forma normale Il gonfiore delle forme è un difetto che preoccupa molto i Produttori di formaggio (specie per i formaggi a lunga stagionatura) in quanto questo difetto porta ad un deprezzamento del prodotto, fino ad arrivare all esclusione dalla marchiatura per i formaggi tipici. Sempre facendo riferimento all utilizzo di alimenti insilati, essendo diventato di grande interesse l impiego di insilati di mais (come silomais e come pastoni) nelle razioni per bovine, molti Ricercatori hanno studiato e sperimentato l influenza che possono avere questi alimenti sui requisiti tecnologico-caseari del latte destinato alla trasformazione in formaggio. Spesso la produzione di latte anomalo, cioè con ridotta capacità di coagulazione, viene attribuita all impiego nell alimentazione degli insilati. Importante rimane sempre la qualità di tutti i foraggi utilizzati nell alimentazione delle bovine da latte, qualità che si ottiene partendo dal campo per arrivare fino alla bocca dell animale (corretta coltivazione - adeguata raccolta - idonea conservazione - congrua somministrazione).

12 Prima di entrare nella trattazione dell alimentazione dei bovini qui sotto è riportato (esempio) un cartellino per evidenziare le analisi che vengono effettuate, 2 o 3 volte al mese, su campioni di latte. I parametri rilevati vengono utilizzati per il pagamento dei premi di qualità, come convenuto nel contratto di fornitura del latte fra le Parti (Produttori e Trasformatori).

13 Alimentazione dei bovini L alimentazione delle bovine è il fattore esogeno più importante per la produzione quali-quantitativa del latte. Vacca Reggiana L effetto dell alimentazione sul contenuto nel latte bovino del lattosio, del grasso e della proteina dipende dalle caratteristiche dietetiche degli alimenti, dalla loro modalità di somministrazione e dalla loro condizione igienica. Considereremo le interferenze sui componenti del latte da parte dell alimentazione: Lattosio Grasso Proteine Minerali

14 Grasso Componenti del latte - loro origine - Lattosio Acido propionico carboidrati non strutturati della razione (amidi - Acidi aceticobutirico Grassi alimentari Grassi di riserva corporea zuccheri) fibra degli alimenti (qualità, struttura, quantità) grassi della razione (quantità e composizione) tamponi (sostanze con potere tamponante) modalità somministrazione alimenti Proteine Amminoacidi derivati da: sintesi dei batteri (ruminali) alimenti riserva corporea carboidirati e fonti azotate (materia organica fermentata nel rumine) grassi della razione (quantità e composizione) fattori nutritivi protetti (rumino-protetti) modalità somministrazione alimenti

15 Lattosio Il lattosio fa parte degli zuccheri contenuti nel latte e contribuisce al valore nutrizionale, al sapore dolce e costituisce il substrato principale per le fermentazioni microbiche (lattosio acido lattico). Le razioni per bovine da latte, con scarso contenuto in energia da carboidrati, permettono una ridotta produzione di propionato, precursore del glucosio ematico, con conseguente riduzione di lattosio nel latte. Le razioni a basso livello energetico portano più facilmente ad un calo di produzione piuttosto che alla riduzione del lattosio nel latte. Essendo il lattosio il regolatore osmotico della ghiandola mammaria, le variazioni di questo zucchero nel latte risultano essere minime (valori compresi fra 4,80 e 5,00 %), poco influenzate dall alimentazione e maggiormente influenzate dallo stato sanitario della mammella. Nella trasformazione del latte in formaggio, il lattosio si ritrova in piccola parte nella cagliata (5 %), mentre si ritrova quasi totalmente nel siero (95 %).

16 Grasso Il grasso è un componente del latte importante, in quanto influenza la resa in formaggio ed ha un elevato potere energetico nutrizionale. Altra prerogativa di questo componente è quella di essere responsabile del sapore e dell aroma del latte, fattori che condizioneranno il sapore e l aroma dei formaggi derivati. La composizione del grasso contenuto nel latte dei bovini è costituita quasi completamente da trigliceridi (97-98 %) il resto è dato da fosfolipidi e steroli. Nella trasformazione del latte in formaggio, al contrario del lattosio, il grasso si ritrova in minima parte nel siero (8 %) mentre si ritrova quasi totalmente nella cagliata (92 %). La percentuale del grasso del latte risulta influenzata dall alimentazione. Un ruolo importante è svolto dal rapporto tra gli acidi grassi volatili (AGV) prodotti nel rumine, in particolare il rapporto tra acido acetico ed acido propionico, in condizioni normali tale rapporto si aggira attorno a 3:1. L acido acetico è il precursore degli acidi grassi contenuti nel latte mentre il propionato è il precursore del glucosio nel sangue. Una riduzione del rapporto fra acido acetico ed acido propionico determina una riduzione del grasso nel latte.

17 L acido acetico è il prodotto della degradazione dei componenti fibrosi della razione, l acido propionico è il prodotto della degradazione degli amidi. Una razione con insufficiente tenore in fibra riduce l attività della microflora cellulosolitica che comporta la riduzione del grasso contenuto nel latte. Grande importanza va attribuita alla struttura della fibra contenuta nella razione, infatti la presenza di fibra lunga e strutturata è indispensabile per facilitare la motilità ruminale e la produzione di saliva, fattori indispensabili per il mantenimento del ph ruminale con valori idonei all attività della microflora cellulosolitica (ph = 6 7). Una razione ricca di concentrati, con alto contenuto in carboidrati fermentescibili, tende a favorire l attività della microflora amilolitica con produzione di propionato e lattato che portano ad una riduzione del ph ruminale con conseguente riduzione dell attività della microflora cellulosolitica. Al fine di limitare il rischio di un abbassamento del ph ruminale, evitando i problemi di acidosi (ph < 4), si deve mantenere un giusto rapporto foraggi/concentrati ed un buon equilibrio della quantità e qualità degli amidi nelle razioni per le vacche da latte. Importante diventa anche la modalità di somministrazione degli alimenti componenti la razione in quanto, con la distribuzione dei pasti, delle dosi di concentrati e di foraggi, si può evitare repentine variazioni del ph ruminale (fermentazione equilibrata). Un aiuto, per mantenere costante i valori del ph ruminale, può venire dall impiego di sostanze tampone che simulano l effetto della saliva (bicarbonato di sodio, ossido di magnesio, ecc...).

18 Altra possibilità per migliorare il tenore di grasso nel latte è l impiego nella razione di una quota parte di grassi, tenendo ben presente la quantità e la composizione acidica degli stessi. L aggiunta di grassi nella razione può avere effetti positivi o negativi, per evitare l effetto negativo non si deve imbrattare la fibra di grasso, in quanto si arriva ad impedire l attività della microflora cellulosolitica. Un accorgimento per la somministrazione di grasso alle bovine (senza provocare la riduzione dell attività dei cellulosolitici) consiste nel fornire grassi con alto punto di fusione oppure sotto forma protetta attraverso semi integrali di oleaginose e sali di calcio degli acidi grassi (saponi). La somministrazione di grassi, in forma protetta, può consentire un miglioramento del contenuto lipidico ed aumentare la quantità di latte prodotto per l aumento di energia della razione. L utilizzo di grassi nelle razioni determina facilmente una modificazione della composizione acidica del latte con ripercussioni sulle caratteristiche qualitative dei prodotti derivati (formaggio e burro). Anche con la somministrazione nella razione di alimenti contenenti zuccheri (melasso, siero di latte) sembra che si possa influenzare il tenore lipidico del latte. Gli zuccheri semplici vengono trasformati nel rumine in acido butirico che costituisce la base per l allungamento della catena degli acidi grassi sintetizzati a livello mammario. Con l utilizzo di lieviti nella razione viene favorito lo sviluppo della flora microbica ruminale, in particolare dei cellulosolitici con conseguente miglioramento del tenore lipidico del latte.

19 Proteine Le proteine sono una componente importante per la loro influenza nella resa in formaggio, oltre ad avere un elevato valore nutrizionale. Le proteine, come vengono indicate nei cartellini di analisi del latte, sono composte da: - sostanze azotate non proteiche (urea, nucleotidi, aminoacidi liberi) - sostanze proteiche (caseine, albumine, globuline). La percentuale di proteine del latte dipende dai fattori genetici e fisiologici delle bovine e viene influenzata dall alimentazione. Una razione con un alto livello energetico ed un adeguato contenuto in amidi consentono di aumentare la produzione di latte e migliorare il contenuto in proteine. Prove effettuate con la somministrazione di amidi a bassa fermentescibilità (mais) hanno dimostrato di poter incrementare il tenore di proteine nel latte. La concentrazione di amido nella razione, somministrata a vacche da latte, può modificare anche il rapporto fra le frazioni caseiniche. Un buon livello energetico della razione favorisce lo sviluppo della microflora ruminale e conseguente produzione di proteine batteriche che, insieme alle proteine alimentari (non degradate nel rumine), verranno utilizzate dalle bovine per la produzione di proteine del latte a livello intestinale. L incremento di urea nel sangue si trasforma in aumento di contenuto di urea nel latte a sfavore della concentrazione della caseina.

20 Nei ruminanti, l acido propionico è il principale precursore del glucosio e svolge un ruolo determinante in quanto funge da substrato per la sintesi proteica a livello mammario. Anche le proteine contenute nella razione svolgono un ruolo importante nel determinare la percentuale di proteine nel latte. Nel calcolo delle razioni per le bovine va posta molta attenzione al livello proteico considerato, inoltre si deve tener conto del grado di fermentescibilità delle proteine in rapporto alla fermentescibilità dei carboidrati a livello ruminale. Aumentando il tenore proteico della razione, oltre ai fabbisogni delle bovine da alimentare, può determinare un peggioramento della qualità del latte con particolare riferimento alle attitudini casearie. L elevato tenore proteico della razione porta allo sviluppo di una elevata quantità di ammoniaca prodotta nel rumine che, passando nel circolo del sangue, viene trasformata dal fegato in urea con un notevole spreco di energia, portando ad una riduzione della concentrazione di caseina nel latte. Da quanto si è detto fino ad ora, si evidenzia la necessità di fornire alle bovine da latte razioni equilibrate per energia e proteine perseguendo l obiettivo di: - aumentare la produzione di proteina microbica a livello ruminale; - fornire una buona quantità di proteina alimentare by-pass da utilizzare a livello intestinale. L aumento della proteina microbica può essere ottenuto con: - un adeguato apporto bilanciato di carboidrati fermentescibili e proteine degradabili a livello ruminale; - l impiego di tamponi per mantenere il ph ruminale nei valori idonei allo sviluppo della microflora; - l apporto di sostanze utili ai microrganismi (minerali, vitamine, ecc ).

21 L aumento della proteina alimentare by-pass può essere ottenuto con l utilizzo di alimenti a bassa degradabilità ruminale e con l utilizzo di aminoacidi protetti tecnologicamente per evitare l attacco da parte dei microrganismi ruminali. La possibilità di regolare, attraverso la razione, la quantità e la qualità delle proteine che raggiungono l intestino delle bovine porta a: - aumento del tenore proteico del latte; - un miglioramento dell efficienza di utilizzazione dell azoto alimentare; - una riduzione di residui azotati nei reflui animali; - un beneficio per l ambiente. Schema dell apparato digerente della bovina da latte

22 Minerali Carbonato di calcio I minerali contenuti nel latte svolgono un ruolo importante per la nutrizione e sono utili per la loro influenza sulla trasformazione in formaggio. Il contenuto di minerali del latte può essere influenzato dall alimentazione. Nel calcolo della razione per le bovine da latte, si deve tener conto degli apporti di minerali in termini quantitativi oltre che agli equilibri dei loro rapporti. Importanti sono il calcio (Ca) ed il fosforo (P), macroelementi che vanno considerati attentamente nel calcolo di una razione per soddisfare i fabbisogni delle bovine, quantitativi differenti secondo lo stadio fisiologico degli animali (vacche in lattazione, vacche in asciutta). L equilibrio del rapporto Ca / P nelle razioni per bovine, durante la fase di lattazione, si attesta fra 1,7-2,0 e la quantità di Ca è pari a 0,60 0,85 % ss, mentre quella del P è pari a 0,35 0,42 % ss. L importanza di somministrare razioni adeguate alle bovine, deriva dal fatto di poter ottenere un latte con le caratteristiche idonee alla caseificazione. Il calcio (Ca in forma ionica) svolge un ruolo fondamentale nell aggregazione delle micelle di paracaseina. Il fosforo (P in forma solubile) ha una grande importanza per l acidità naturale del latte, insieme alla caseina.

23 Attualmente, sempre più frequenti si riscontrano alterazioni nel latte per un inadeguato rapporto Ca / P, riconducibili per buona parte a squilibri metabolici, situazioni patologiche che riducono notevolmente le caratteristiche di caseificazione. Altro elemento da considerare nella razione per bovine da latte è lo zolfo (S), importante per la sintesi di amminoacidi solforati (metionina) da parte della microflora ruminale. L integrazione con zolfo diventa indispensabile nel caso che la razione contenga azoto non proteico (urea), elevati quantitativi di insilato di mais e di insilato di erba (di scarsa qualità). Mattonella di sali Rulli di sali

24 Altri fattori del latte influenzati dall alimentazione Aromi Sono componenti delle essenze vegetali che vengono trasferiti attraverso l alimentazione come componenti volatili nel latte e di conseguenza nei formaggi. Gli aromi vegetali sono costituiti da: - alcoli; - aldeidi; - chetoni; - terpeni; - sesquiterpeni. Questi componenti variano al cambiare della composizione floristica della dieta, dallo stadio fenologico delle erbe e si evolvono in modo differente nel corso delle stagioni. Recentemente alcuni Ricercatori hanno dimostrato che ogni essenza foraggera trasmette una importante caratteristica olfattiva al latte e successivamente ai formaggi derivati. Pigmenti Sono componenti delle essenze vegetali ed in particolare della parte floreale. I pigmenti vegetali sono costituiti da: - carotenoidi; - clorofille; - flavonoidi. Questi componenti vengono trasferiti nel latte portando una particolare colorazione che verrà trasmessa anche nei formaggi prodotti.

25 Conlusioni Evidente risulta l interazione della dieta somministrata alle bovine sui componenti principali del latte di interesse caseario. Attraverso l alimentazione delle bovine è possibile controllare le proprietà tecnologiche del latte e trasferire aromi caratteristici per la produzione di formaggi di alta qualità. Somministrando alle bovine da latte una buona alimentazione costituita da foraggi con caratteristiche ottimali, da una razione idonea ai loro fabbisogni, si possono ottenere formaggi tipici con caratteristiche peculiari legati alla territorialità. Riferimenti bibliografici: Pagine allegate

26 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte 2011 Fondazione Edmund

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

La filiera del Parmigiano Reggiano

La filiera del Parmigiano Reggiano I SUPPLEMENTI DI La filiera del Parmigiano Reggiano Latte, produzione, mercato 56 Copyright Regione Emilia-Romagna - Anno 2014 Coordinamento redazionale MAGDA C. SCHIFF - Crpa SpA, Reggio Emilia OLGA CAVINA

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE

Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE Allegato A: Disciplinare di produzione Denominazione d Origine Protetta (DOP) SILTER Articolo 1 - DENOMINAZIONE La Denominazione di Origine Protetta (DOP) Silter è riservata esclusivamente al formaggio

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA

Dossier. Quell oro bianco chiamato latte. verde. Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte LOMBARDIA 01 cover Dossier Latte 4-12-2007 17:33 Pagina 2 LOMBARDIA verde Tiratura 500.000 copie Dossier Quell oro bianco chiamato latte Tesoro di campagna Dalla stalla alla tavola, un viaggio nel regno del latte

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli