Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione"

Transcript

1 Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione dell ente/azienda candidata al Premio FamigliaLavoro, ma anche stimolare possibili ulteriori soluzioni e azioni sul tema della conciliazione. Verrà considerata nota di merito, ai fini della partecipazione al concorso, la compilazione puntale della Scheda e una dettagliata descrizione delle specifiche iniziative intraprese. Queste potranno essere di due tipi: - interne, rivolte ai dipendenti dell ente/azienda; - esterne, rivolte alla collettività. Istruzioni per la compilazione Scaricare il file della scheda e salvarla sul desktop del proprio computer. Per spuntare la risposta desiderata, posizionarsi con il cursore sulla casella grigia prescelta e clickare. Per inserire le descrizioni aggiuntive nelle caselle di testo, posizionarsi con il cursore nello spazio grigio e digitare. (È possibile inserire anche testi di alcune righe). Terminata la compilazione, salvare il file e inviarlo via . Scadenza invio scheda e materiale Si prega di restituire via la scheda, entro e non oltre le ore del 21 gennaio 2011, alla Dott.ssa Enrica Castignola, Team PA - Premio FamigliaLavoro: Per informazioni: T dal lunedì al venerdì, orario E indispensabile inviare materiale cartaceo e multimediale (brochure, foto digitali, video, ) di approfondimento dell iniziativa/programma alla Segreteria del Premio FamigliaLavoro: alla c.a della Dott.ssa Sara Annoni Manager Premio FamigliaLavoro c/o Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS via Carducci, 28/ Milano >>

2 (Per la compilazione: posizionarsi con il cursore sui campi grigi e digitare) 01. Scheda anagrafica Dati del referente aziendale Cognome Nome Ruolo/Posizione Tel. diretto Cell. Dati dell ente / azienda Denominazione Indirizzo sede lombarda Città Sito internet Cap Tel. Composizione dell organico (al 31/12/2009) Numero di persone per fasce di età Donne Uomini Totale < 25 anni anni anni anni anni > 65 anni Totale occupati Numero di persone per impegno Donne Uomini Totale Full-time Part-time Numero di persone per tipo di impiego Donne Uomini Totale Tempo indeterminato Tempo determinato Atipici Numero di dirigenti per genere Donne Uomini Totale 2

3 02. Presentazione dell iniziativa/programma di conciliazione Titolo dell iniziativa/programma: Descrizione dell iniziativa/programma: (Dettagliare le azioni del programma attuato, specificando quali sono rivolte esclusivamente ai dipendenti e quali alla collettività) Quali motivazioni hanno spinto l'ente/azienda a sviluppare questa iniziativa/programma? Prima di avviare l iniziativa/programma è stata realizzata un analisi dei bisogni? Se sì, come e con quali strumenti? (Questionari, focus group, ) Prima di avviare l iniziativa/programma è stato realizzato un monitoraggio di eventuali azioni di conciliazione già in essere all interno dell organizzazione? Se sì, come e con quali strumenti? Prima di avviare l iniziativa di conciliazione è stata predisposta un analisi delle iniziative realizzate da altre organizzazioni? Se sì, quali sono stati i casi da voi analizzati e con quali modalità? (Best-practice nazionali e internazionali, progetti di altre organizzazioni, pubblicazioni, ecc.) Il personale è stato coinvolto nell ideazione e implementazione dell iniziativa? Se si, con quali strumenti e in quali momenti? Per lo sviluppo dell iniziativa/programma sono state create partnership con altre aziende, organizzazioni e/o istituzioni? Se sì, qual è stato il contributo di ogni singolo partner? Nel caso in cui l iniziativa/programma sia realizzata in collaborazione con partner esterni, quale ruolo svolge l Ente/Azienda? 3

4 Come è stata comunicata l iniziativa/programma all interno e all esterno dell ente/azienda? (Descrivere strumenti, modalità e tempi della comunicazione. Si richiede di allegare il materiale comunicativo: brochure, immagini, video, bilancio, campagne, ) L ente/azienda ha approntato un sistema di misurazione dei benefici ottenuti dai destinatari dell iniziativa? Se sì, con quali strumenti? L ente/azienda ha approntato un sistema di valutazione dei ritorni dell iniziativa? Se sì, quali sono stati i principali risultati raggiunti? Quali sono stati i principali benefici ottenuti dall organizzazione? (es: riduzione del turn-over / dell assenteismo; miglioramento del clima aziendale; grado di attrattività dell ente/azienda; ) A quanto ammonta l investimento dell ente/azienda sull iniziativa/programma? Totale dalla nascita del progetto: Nell ultimo anno: euro euro Come è stato finanziato? (budget interno, finanziamenti pubblici, finanziamenti privati, ecc.) Avete intenzione di proseguire con l iniziativa nel prossimo anno? Se sì, come intendete implementarla? 4

5 03. Conciliazione come leva strategica 1. La conciliazione famiglia-lavoro è formalizzata tra i valori e/o nella mission aziendale? Sì, nella mission Sì, tra i valori No, in nessuno 2. Esistono policies aziendali formalizzate in ambito conciliazione famiglia-lavoro? N.B. Se esiste un documento ufficiale, inviarlo tra gli allegati alla scheda di candidatura 3. Le politiche di conciliazione trovano riscontro negli strumenti di rendicontazione sociale dell Ente/Azienda? N.B. Se esiste un documento ufficiale, inviarlo tra gli allegati alla scheda di candidatura 4. Per quali delle seguenti categorie sono previsti specifici percorsi formativi sulla conciliazione tra famiglia e lavoro? 5. Sono previste forme di incentivazione dedicate ai manager/ responsabili di servizio che si fanno promotori attivi dell applicazione di queste policies? Se sì, quali? 6. Il modello organizzativo dell Ente/Azienda prevede un responsabile/settore dedicato allo sviluppo di politiche di conciliazione? Se sì, quale? Dirigenti Quadri Impiegati/operai Collaboratori, atipici Nessuna 7. Quali settori/servizi dell Ente/Azienda sono normalmente coinvolti nel processo di progettazione delle iniziative? Specificare 8. A quale livello della struttura organizzativa vengono assunte le decisioni finali? 9. Negli ultimi 3 anni qual è stato il trend delle risorse impiegate per lo sviluppo di politiche di conciliazione? Organi politici Direttore Generale/Segretario Generale Dirigente/Responsabile di servizio Crescente Più o meno uguale Decrescente 5

6 04. La conciliazione Interna: strumenti di conciliazione famiglia lavoro per i propri dipendenti 10. Quali dei seguenti bisogni sono stati evidenziati dai lavoratori? Indicare fino ad un massimo di 5 opzioni. Bisogno più rilevante Bisogno meno rilevante 10.1 Flessibilità dell orario lavorativo 10.2 Possibilità di riduzione temporanea dell orario di lavoro 10.3 Possibilità di periodi di congedo 10.4 Supporto alla cura dei bambini 10.5 Supporto alla cura dei ragazzi 10.6 Supporto alla cura dei familiari anziani, malati e/o disabili 10.7 Disbrigo pratiche e incombenze domestiche 10.8 Supporto al rientro dal congedo 10.9 Facilitare lo spostamento casa lavoro Polizze assicurative estendibili in vari gradi anche ai familiari Remunerazione integrativa (oltre la legge) in caso di congedo Altro (specificare) Nella realizzazione delle iniziative quante persone sono state coinvolte (FTE 1 )? FTE 11.1 Personale interno all Ente/Azienda 11.2 Consulenti/personale esterno all Ente/Azienda 12. Per le seguenti iniziative di conciliazione si indichi la disponibilità per i collaboratori e il loro livello di utilizzo Iniziative Disponibilità Grado di utilizzo Ogni domanda E formalizzato dei Non come diritto di ogni Molto collaboratori è Nullo Basso Medio Alto disponibile lavoratore che ne alto soggetta a faccia richiesta valutazione ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Flessibilità dell orario di entrata e uscita Flessibilità dell orario lavorativo (su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale) Permessi o riduzione temporanea dell orario Lavoro term time 2 Job sharing Telelavoro Congedi (ad es. maternità, paternità, malattia) 1 Numero di persone FTE, ovvero Full Time Equivalent. 2 possibilità di avere un congedo non retribuito durante l estate e le vacanze scolastiche per i genitori che hanno figli in età scolare 6

7 12. Per le seguenti iniziative di conciliazione si indichi la disponibilità per i collaboratori e il loro livello di utilizzo Iniziative Disponibilità Grado di utilizzo Ogni domanda E formalizzato dei Non come diritto di ogni Molto collaboratori è Nullo Basso Medio Alto disponibile lavoratore che ne alto soggetta a faccia richiesta valutazione SERVIZI Servizi di cura per bambini (ad es. asilo nido, scuola dell infanzia) Servizi di cura per ragazzi (dopo scuola, centri estivi) Supporto alla ricerca di servizi di cura per anziani, malati e/o disabili Servizi di Time saving (es. servizio di disbrigo pratiche) Percorsi per favorire il rientro dopo il congedo Servizi che agevolano lo spostamento casa-lavoro SUPPORTO FINANZIARIO Bonus Bebè Voucher per la cura dei figli (es. per l acquisto di libri, rimborso delle rette) Voucher per la cura degli anziani Polizze assicurative estendibili ai familiari Remunerazion e integrativa (oltre la legge) in caso di congedo Altro (specificare) 7

8 13. Con quali strumenti è stata diffusa, all'inter dell'ente/azienda, l iniziativa di conciliazione famiglia-lavoro attivata? 13.1 Lettera d intenti/carta della conciliazione aziendale (diffusa attraverso canali vari) 13.2 Brochure dedicata al personale 13.3 Affissioni negli spazi comuni (atrio, mensa, sale riunioni, ecc.) 13.4 Spazio dedicato nella intranet aziendale 13.5 Mailing mirata ai dipendenti 13.6 Strumenti specifici di employee care (es: sportello/contact center, help desk, ecc.) 13.7 Personale interno dedicato 13.8 Contatto diretto (colloqui personali/incontri periodici d area) 13.9 Eventi aziendali interni Altro (specificare) 14. Con quali strumenti è stata diffusa, all'ester dell'ente/azienda, l iniziativa di conciliazione famiglia-lavoro attivata? 14.1 Brochure aziendale 14.2 Spazio dedicato nel sito internet aziendale 14.3 Mailing rivolta agli stakeholder 14.4 Company profile, rendicontazione societaria e/o sociale (Bilancio Sociale, ecc.) 14.5 Campagna pubblicitaria e promozionale ad hoc 14.6 Attività mirata di ufficio stampa 14.7 Testimonianze in incontri/convegni 14.8 Organizzazione di eventi 14.9 Coinvolgimento in network esterni (specificare) Altro (specificare) 15. Durante la realizzazione dell iniziativa, quali dei seguenti aspetti sono stati valutati? Specificare le modalità EFFICACIA 15.1 Soddisfazione del dipendente e della sua famiglia 15.2 Rilevanza intervento Riduzione dello Stress 15.4 Coinvolgimento dei lavoratori EFFICIENZA 15.5 Riduzione dei costi aziendali 15.6 Incremento della produttività 15.7 Riduzione dei tassi di turn over e assenteismo 15.8 Incremento della motivazione del personale 15.9 Incremento della capacità di attrarre talenti Miglioramento della relazione con la comunità locale 16. L Ente/Azienda come giudica i risultati raggiunti in termini di: Pienamente soddisfatto Per nulla soddisfatto EFFICACIA Soddisfazione del dipendente e della sua famiglia 16.2 Rilevanza intervento Riduzione dello stress 16.3 Coinvolgimento dei lavoratori EFFICIENZA 16.4 Riduzione dei costi aziendali 16.5 Incremento della produttività 16.6 Riduzione dei tassi di turn over e assenteismo 16.7 Incremento della motivazione del personale 16.8 Incremento della capacità di attrarre talenti 16.9 Miglioramento della relazione con la comunità locale 3 Ampio numero di beneficiari dell intervento in un determinato contesto aziendale 4 Ampio numero di beneficiari dell intervento in un determinato contesto aziendale

9 05. La conciliazione esterna: strumenti di conciliazione famiglia-lavoro per la collettività (sezione riservata agli enti locali) 17. Sono previste azioni di promozione della conciliazione famiglia lavoro da parte dell Ente Pubblico verso soggetti esterni? (imprese, organizzazioni non profit, ) Se, quali? (specificare) 18. Quali azioni di sensibilizzazione sul tema della conciliazione famiglia lavoro sono state implementate dall Ente? 18.1 Brochure informative 18.2 Campagne di stampa 18.3 Incontri pubblici 18.4 Momenti di concertazione con imprese, associazioni di categoria, organizzazioni non profit, ecc 18.5 Sito web dedicato 18.6 Altro (specificare) 19. Da quanto tempo sono state attivate iniziative di conciliazione verso l esterno? Da meno di 1 anno Da 1 a 2 anni Da 2 a 5 anni Da più di 5 anni 20. Quali sono i bisogni che gli stakeholders evidenziano come più critici? È possibile indicare più opzioni. Bisogno più rilevante Bisogno meno rilevante Flessibilità dell orario lavorativo 20.2 Contributi economici 20.3 Armonizzazione degli orari (uffici pubblici, attività commerciali, ecc..) 20.4 Supporto alla cura delle fasce deboli 20.5 Facilitare gli spostamenti 20.6 Altro (specificare) 21. Quali strumenti di conciliazione esterna vengono adottati dall Ente? 21.1 Piano Tempi e Orari della Città 21.2 Mobilità sostenibile 21.3 Inserimento della figura del mobility manager 21.4 Servizi di car pooling, bike sharing 21.5 Servizi di mentoring 21.6 Tata Sociale 21.7 Sostegno a progetti di telelavoro 21.8 Sportello conciliazione (servizi a supporto delle imprese per l adozione di politiche di conciliazione) 21.9 Sportello badante Sportello Unico del Cittadino Centro di prenotazioni unificato degli esami e visite mediche con gli enti di sanità (Sovra-cup) Servizi di difesa integrata (parcheggi illuminati e riservati, sicurezza notturna nei luoghi pubblici, ecc ) Banca del Tempo Servizi di prossimità (animazione per bambini, domicilio allargato e servizi di sollievo per anziani, ecc ) Altro (specificare) 9

10 22. Quali sono gli strumenti che vengono maggiormente apprezzati? Molto apprezzato Per nulla apprezzato Piano Tempi e Orari della Città 22.2 Mobilità sostenibile 22.3 Inserimento della figura del mobility manager 22.4 Servizi di car pooling, bike sharing 22.5 Servizi di mentoring 22.6 Tata Sociale 22.7 Sostegno a progetti di telelavoro 22.8 Sportello conciliazione (servizi a supporto delle imprese per l adozione di politiche di conciliazione) 22.9 Sportello badante Sportello Unico del Cittadino Centro di prenotazioni unificato degli esami e visite mediche con gli enti di sanità (Sovra-cup) Servizi di difesa integrata (parcheggi illuminati e riservati, sicurezza notturna nei luoghi pubblici, ecc ) Banca del Tempo Servizi di prossimità (animazione per bambini, domicilio allargato e servizi di sollievo per anziani, ecc ) Altro (specificare) 23. L Ente pubblico coordina i Tempi della città? 23.1 Orari di apertura degli esercizi commerciali 23.2 Orari di apertura al pubblico dei servizi pubblici e privati 23.3 Orari di apertura degli uffici della pubblica amministrazione 23.4 Orari di apertura delle attività culturali e dello spettacolo 23.5 Altro (specificare) 24. Quante risorse sono state stanziate nel bilancio di previsione 2009 per iniziative di conciliazione? 25. Nella realizzazione delle iniziative di conciliazione esterna quante persone sono state coinvolte (FTE 5 )? 25.1 Personale interno all Ente 25.2 Consulenti/personale esterno all Ente 26. Quali strumenti di coinvolgimento degli stakeholders sono stati utilizzati nella progettazione degli interventi di conciliazione esterna? 26.1 Consulta dei cittadini 26.2 Comitati creati ad hoc 26.3 Gruppi di contatto 26.4 Organismi circoscrizionali 26.5 Momenti di concertazione con associazioni (di categoria, di volontariato, professionali, ecc ) 26.6 Indagini di customer satisfaction 26.7 Altro (specificare) FTE 5 Numero di persone FTE, ovvero Full Time Equivalent. 10

11 06. Sezione speciale Servizi per l infanzia 27. Si tratta di strutture realizzate da: Esperti interni all Ente/Azienda Società di consulenza Altro (specificare) Società di franchising Cooperative 28. Orari del servizio: Apertura: Chiusura: 29. E possibile una flessibilità nella frequenza del servizio? 29.1 Sono previste uscite pomeridiane su più fasce orarie 29.2 È possibile frequentare solo la mattina o solo il pomeriggio 29.3 È possibile frequentare solo alcuni giorni 29.4 È possibile concordare orari, tempi, modalità di frequenza 29.5 Altro (specificare), su richiesta del dipendente, per contratto 30. Chi si occupa della stesura del progetto educativo? Esperti interni all Ente/Azienda Società di consulenza Coordinatrice dell'asilo Altro (specificare) Società di franchising Cooperative Maestre stesse 31. Per gli operatori che gestiscono il servizio, quali delle seguenti attività sono previste? 31.1 Formazione 31.2 Supervisione 31.3 Riunioni d equipe 31.4 Verifiche interne 31.5 Programmazione attività 31.6 Incontri con i genitori 31.7 Altro (specificare), in modo informale, in modo strutturato 32. Quali delle seguenti occasioni d incontro con le famiglie sono previste? I genitori (o altri familiari) s incontrano, quasi sempre, al momento dell accoglienza I genitori (o altri familiari) s incontrano, di solito, al momento dell uscita. Sono state organizzate feste con i genitori/familiari Sono state organizzate gite con i genitori/familiari Sono state organizzate riunioni con i genitori/familiari Altro (specificare) 33. Con quali strumenti è stata fatta una valutazione della soddisfazione del servizio offerto dall azienda? Colloqui in cui sono considerate le esigenze familiari Questionario Casella dei suggerimenti Mailing aziendale informale Altro (specificare) 34. Come tenete conto di quanto emerso? Grazie per il tempo dedicato alla compilazione. 11

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE SINDACALE Da: Nicoletta Cortinovis Per: DIREZIONE DEL PERSONALE SM/ nc Rif. n u2982/08 del 25/09/08 NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Scadenze: 24

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

"qs PREMIO REALTA' AMICA DELLA FAMIGLIA MEDIANTE L'ISTITUZIONE DEL CULTURA DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA - LAVORO

qs PREMIO REALTA' AMICA DELLA FAMIGLIA MEDIANTE L'ISTITUZIONE DEL CULTURA DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA - LAVORO "qs I PROVINCIA DI PIACENZA La Consigliera di Parita della Provincia di Piacenza Ar.v. Rosarita Mannina ln collaborazlone con UNIVERSITA CATTOLICA del Sacro Cuore Ce.C.A.P. Centro di ricerca per il Cambiamento

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012

WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE. Mario Molteni 22 maggio 2012 WELFARE AZIENDALE: PROCESSO PER LA CREAZIONE DI VALORE Mario Molteni 22 maggio 2012 1 Welfare aziendale, al cuore della CSR PROFIT Equitable Sustainable Bearable Viable PLANET PEOPLE CULTURA ed ENGAGEMENT

Dettagli

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile

Famiglia - Lavoro: un binomio possibile Milano, 1 ottobre 2015 Famiglia - Lavoro: un binomio possibile La voce delle aziende Daniela Bianco Partner, The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A.. TUTTI I DIRITTI

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index

Iniziative di Welfare per i dipendenti. Index Iniziative di Welfare per i dipendenti Index Storia Nel 1948, a Milano, Valerio Gilli fonda Inaz Un azienda familiare, oggi condotta da Linda Gilli Una storia di innovazione continua dedicata ai professionisti

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE Telelavoro in Poste Italiane 1 TELELAVORO IN POSTE ITALIANE 10 novembre 2008 Telelavoro Customer Services 2 Il Il risultati Employee Satisfaction Index 2008 nel CS Focus sul Telelavoro ESI Customer Services

Dettagli

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011

Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale. Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 Il percorso verso un sistema integrato di Welfare aziendale Milano, Alessia Coeli e Mario Molteni, 24 novembre 2011 1 Sostenibilità: centralità delle persone WA 2 Welfare aziendale: perché adesso? Valori

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati)

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Gent.mo/a. Per WELFARE AZIENDALE si intende un insieme di soluzioni che l'azienda

Dettagli

Gruppo Nestlé in Italia

Gruppo Nestlé in Italia Gruppo Nestlé in Italia 6 febbraio 2013 Il Sistema di Welfare Aziendale e le politiche di conciliazione del Gruppo Nestlé in Italia Descrizione, Elementi Distintivi, Benefici, Strumenti, Prospettive di

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014 IN AZIENDA Milano, 2 Ottobre 2014 1 MUOVERSI: I NUMERI 8,5mio beni e servizi acquistati per conto dei clienti 400.000 Dipendenti iscritti alla piattaforma Muoversi >150 clienti attivi >1.000 convenzioni

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

WYN WHAT YOU NEED. VII Workshop nazionale sull impresa sociale Riva del Garda 10, 11 settembre 2009

WYN WHAT YOU NEED. VII Workshop nazionale sull impresa sociale Riva del Garda 10, 11 settembre 2009 WYN WHAT YOU NEED EUREKA! COOPERATIVA SOCIALE info@coopeureka.it viene selezionata tra le imprese italiane per raccontare la sua esperienza di conciliazione al VII Workshop nazionale sull impresa sociale

Dettagli

Allegato 1) REQUISITI PER L'ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PRIMA INFANZIA: NIDI, MICRONIDI E NIDI FAMIGLIA

Allegato 1) REQUISITI PER L'ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PRIMA INFANZIA: NIDI, MICRONIDI E NIDI FAMIGLIA Allegato 1) REQUISITI PER L'ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI PRIMA INFANZIA: NIDI, MICRONIDI E NIDI FAMIGLIA Approvato dall ASL MI1 con Deliberazione n. 471/2013 e dall Assemblea dei Sindaci dell Ambito di Garbagnate

Dettagli

La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema

La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema La conciliazione famiglia lavoro: un introduzione al tema Giovanna Rossi Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica di Milano Perché la conciliazione famiglia lavoro è oggi un

Dettagli

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Moms@Work: la mamma come risorsa per le aziende 24 giugno 2010 Direzione Risorse Umane La nostra missione Azienda solidale e responsabile, partner

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Benessere Welfare e non solo!

Benessere Welfare e non solo! Benessere Welfare e non solo! Roma, 19 settembre 2013 1 L Azienda Dipendenti 1073 Indotto 1000 Personale Operativo 862 Età Media 31 Donne 47% Centro Sud 60% 2 Il Contratto Collettivo di Lavoro NTV Il 25

Dettagli

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEFINIZIONE DEL CONCORSO Legacoop Veneto, su proposta della Commissione Pari Opportunità bandisce un

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Roma 16-19 Maggio 2012 Forum PA 1 Forum Pa 2012 Seminario 17 Maggio 2012 ore 10-12 Servizi all utenza

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

NOI CITTADINI COME VOI

NOI CITTADINI COME VOI TITOLO DEL PROGETTO: NOI CITTADINI COME VOI SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Disabili LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE N. VOLONTARI

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI Mario Giuseppe Napoli, Responsabile Risorse Umane, Gruppo UBI Banca Roma, Palazzo Altieri,19

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali

Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali Conciliazione famiglia lavoro e innovazione sociale: introduzione a buone pratiche aziendali Sara Mazzucchelli Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica di Milano Che cos è

Dettagli

- Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete»

- Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete» - Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete» 06 giugno 2012 STMicroelectronics 2 ST è una delle maggiori compagnie mondiali nel campo dei semiconduttori

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI. art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI. art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008 Allegato 3 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n. 23/99 Politiche regionali per la famiglia art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008 Progetto presentato all

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti CHE COS E LA CARTA SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento attraverso il quale si forniscono alle

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Passport ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto intende coniugare stili di vita e intenzionalità educativa, all interno di un rinnovato quadro

Dettagli

PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino

PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino ANNO EDUCATIVO 2015/16 1. REQUISITI PER L AMMISSIONE Al servizio di Asilo Nido sono ammessi i bambini di

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Allegato 1 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO D.G.R. n. X/1081 del 12 dicembre 2013 e Decreto. n. 2058 del 11 marzo 2014

Dettagli

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme.

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme. A seguito della riunione del 18 Giugno 2008 delle segreterie dei Circoli di lavoro del PD era in fase di predisposizione il modulo per la raccolta delle firme. Prendendo atto con grande soddisfazione della

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Competenze Richieste:

Competenze Richieste: Informazioni sulla posizione di Camp Coordinator PER NON PERDERE TEMPO ASSICURATI DI POSSEDERE LE COMPETENZE E LA DISPONIBILITÀ DI TEMPO RICHIESTE. Periodo di lavoro: Riunioni preparatorie del campo e

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Progetto La.Fem.Me. Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Federico Isenburg AGENDA COME E QUALI SERVIZI DARE? ALCUNI CASI

Dettagli

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Denominazione DATI ANAGRAFICI Sigla/Acronimo Preferenza per la sigla: Sì No Sede legale Sede operativa (se diverso da sede legale) per

Dettagli

Welfare Aziendale: finalità

Welfare Aziendale: finalità Progetto WELFA-RE Welfare Aziendale: finalità Il Welfare Aziendale (WA) è un insieme di misure consistenti in beni, servizi e prestazioni che l Azienda offre ai Dipendenti in via unilaterale o bilaterale

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc.

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc. a.s. 2014/2015 Caratteristiche del Servizio È un servizio integrativo al nido, che intende garantire risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie (genitori e nonni) e dei bambini. Risponde

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Caregiver & conciliazione

Caregiver & conciliazione Caregiver & conciliazione Esperienze europee Licia Boccaletti Progetto realizzato con il contributo di I caregiver lavoratori in Europa La maggioranza dei caregiver in età lavorativa in Europa è occupata.

Dettagli

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006 Premio alle migliori azioni per rendere accessibili le amministrazioni e i servizi ai disabili e alle fasce deboli una iniziativa promossa da Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego delle

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Italo Personal Il Welfare secondo noi!

Italo Personal Il Welfare secondo noi! Italo Personal Il Welfare secondo noi! Milano, 9 luglio 2013 1 L Azienda Dipendenti 1073 Indotto 1000 Personale Operativo 862 Età Media 31 Donne 47% Centro Sud 60% 2 Il Contratto Collettivo di Lavoro NTV

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa sociale Area Azzurra a r.l. 2) Codice di accreditamento: NZ01031 3) Albo e classe

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

Risultati indagine di customer satisfaction

Risultati indagine di customer satisfaction Risultati indagine di customer satisfaction Il Comune di Lecco ha avviato un indagine di customer satisfaction per il 2013. L obiettivo era mirato a raccogliere elementi di valutazione del gradimento da

Dettagli

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO 27 maggio 2014 Brescia Lo schema di ragionamento 1 I partecipanti dell Officina hanno presentato esperienze ed approcci diversi, a partire dai quali abbiamo

Dettagli

carta del servizio a chi si rivolge finalità

carta del servizio a chi si rivolge finalità carta del servizio CAD il punto Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto si fa garante delle prestazioni rese, la

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

"La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali"

La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali 6.1 Famiglia: l amministrazione deve avere un ruolo significativo nell'analisi e nel confronto con le associazioni familiari e con gli enti che a vario titolo si occupano della famiglia per valorizzare

Dettagli

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio 26 Marzo 2013-CCIA

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli