Provincia di Bergamo Settore Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità CONCILIAZIONE VITA LAVORO VADEMECUM PER LE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia di Bergamo Settore Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità CONCILIAZIONE VITA LAVORO VADEMECUM PER LE IMPRESE"

Transcript

1 Provincia di Bergamo Settore Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità CONCILIAZIONE VITA LAVORO VADEMECUM PER LE IMPRESE

2 Indice 2 Introduzione 3 Lo Sportello Welfare della Provincia di Bergamo 4 La Rete nel territorio di Bergamo 5 La Riforma del mercato del lavoro 6 I principali riferimenti normativi e le opportunità di finanziamento per le imprese 7 I premi per le aziende 8 Come fare Conciliazione: strumenti di lavoro 10 Documenti utili 11 Il Bando di Regione Lombardia per le PMI 12 Il Welfare Integrato e il Sistema Dotale 14 Glossario

3 2 INTRODUZIONE Il presente Vademecurn sulla Conciliazione è destinato principalmente alle imprese locali e nasce da una approfondita analisi del territorio e delle sue dinamiche. LO SPORTELLO WELFARE Lo Sportello Welfare, della Provincia di Bergamo, è dedicato alle imprese che intendono realizzare progetti per favorire la conciliazione tra vita professionale e privata dei lavoraton. 3 Si tratta di una guida pratica agli strumenti normativi e alle fonti di finanziamento, per lo svi luppo di progetti di conciliazione vita-lavoro per i dipendenti. La necessità di promuovere buone prassi soprattutto in tema di protezione sociale, sicurezza e salute sul lavoro, parità uomo-donna ed integrazione delle categorie svantaggiate, è evidenziata dalla Strategia Europea 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Conciliare vita privata e professionale non riguarda solo scelte individuali, ma è un fattore di interesse pubblico che coinvolge aziende ed istituzioni, in particolare quelle territoriali. L'Accordo territoriale, sottoscritto da Regione Lombardia, ASL, Provincia, Comune, camera di Commercio e Consigliera Provinciale di Parità di Bergamo, nel 2011, rappresenta un importante momento di co-responsabilizzazione degli attori locali, per promuovere politiche di welfare vicine alle esigenze delle persone e delle imprese. La sperimentazione attivata dalla Provincia di Bergamo, attraverso l'apertura dello "Sportello Welfare", rappresenta un sostegno alle imprese al fine di favorire la diffusione di nuovi modelli di organizzazione del lavoro. Enrico Zucchi Assessore all'istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità /&-" ~_) Ettore Pirovano Presidente della Provincia di Bergamo Per le aziende che sperimentano buone prassi sulla conciliazione vita e lavoro è previsto il riconoscimento di azienda "family friendly" Lo sportello offre consulenza in merito a: accesso a fonti di finanziamento progettazione di azioni sperimentali premi el o riconoscimenti pubblici e privati modelli di conciliazione vita-lavoro legislazione comunitaria, nazionale e regionale Lo Sportello Welfare riceve su appuntamento, dallunedl al giovedl, dalle 9.00 alle e dalle alle 17.00, telefonando ai seguenti numeri: presso il Settore Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità (Viale Papa Giovanni XXIII, Bergamo)

4 LA RETE NEL TERRITORIO DI BERGAMO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 5 Nel 2011 è stato siglato un Accordo di Collaborazione Territoriale tra Regione Lombardia, ASL, Provincia, Comune, CCIAA e Consigliera di Parità di Bergamo. L'accordo intende sostenere la costruzione e lo sviluppo di un coerente sistema di politiche e di azioni volte alla conciliazione famiglia -lavoro. La Provincia di Bergamo ha avviato la sperimentazione sull'azione 2. con l'apertura dello Sportello Welfare per la Conciliazione Vita-Lavoro. Il successivo Piano di Intervento Territoriale ha definito le azioni da intraprendere sul territorio per dare avvio alla sperimentazione sulla Conciliazione Vita Lavoro. Il Piano coinvolge, attraverso il tavolo tecnico territoriale, oltre ai soggetti sottoscrittori dell'accordo, CISL, CGIL e UIL di Bergamo, Ambiti Territoriali, Consulta delle Politiche Famigliari, Ufficio Sindaci e rappresentanti del Terzo Settore. Si articola in 5 AZIONI: 1. Azione informazione e formazione 2. Promozione progetto sperimentale per incentivare lo sviluppo di servizi per la conciliazione da parte delle Imprese 3. Sperimentazione centri per minori interaziendali per figli dei lavoratori dipendenti 4. Promozione della conciliazione nelle aziende del sistema regionale 5. Coinvolgimento di alcune scuole nella sperimentazione del prolungamento dell'orario di apertura per minori con disabilità LEGGE N. 92 DEL 28 GIUGNO 2012 PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.153 DEL 3 LUGLIO 2012 La Riforma prevede l MISURA: Il comma 24, lettera a), prevede una prima misura due misure sperimen- sperimentale consistente nell'obbligo per il padre lavoratore tali, in materia di dipendente, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, di maternità e paternità, astenersi dal lavoro per un periodo di un giorno. Entro il meper gli anni desimo periodo, il padre lavoratore dipendente può astenersi 2015, con l'obiettivo per ulteriori due giorni, anche continuativi, previo accordo di dare sostegno alla con la madre e in sua sostituzione in relazione al periodo di genitorialità, promuo- astensione obbligatoria spettante a quest'ultima. vendo "una cultura Per questi giorni di astensione viene riconosciuta: di maggiore condivi un'indennità giornaliera a carico dell'inps pari alloo per sione dei compiti di cento della retribuzione per il periodo di due giorni goduto in cura dei figli all'in- sostituzione della madre; terno della coppia e un'indennità pari alloo per cento della retribuzione per il per favorire la conci- giorno di astensione obbligatorio sopra indicato. liazione dei tempi di vita e di lavoro". Il MISURA: Il comma 24, lettera b), prevede una seconda misura sperimentale, consistente nella corresponsione di voucher alla madre lavoratrice per l'acquisto di servizi di baby-sitting ovvero per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati, di cui usufruire al termine del periodo di congedo di maternità e per gli undici mesi successivi, in alternativa al congedo parentale.

5 Le opportunità di FINANZIAMENTO per le imprese:

6 COME FARE CONCILIAZIONE: STRUMENTI DI LAVORO PER LE IMPRESE 1. Organizzazione del lavoro Agire sull'organizzazione dell'attività lavorativa: 4 Assi di sviluppo Come? Part-time temporaneo e reversibile; Telelavoro in alcuni giorni della settimana; Permessi e congedi parentali oltre gli obblighi di Legge; Banca delle ore (possibilità per il dipendente di accantonare su un conto individuale il numero delle ore prestate in eccedenza, rispetto al normale orario di lavoro, per godere di riposi compensativi attingendo al proprio conto- in sinergia con i colleghi); Banca del tempo (scambio di servizi tra i dipendenti in modo gratuito); Ferie "a ore"; Flessibilità dell'orario (flessibilità oraria giornaliera, flessibilità su base settimanale/mensile, elasticità in entrata e uscita). 2. Cultura, informazione e supporto alla carriera Attività di formazione e sensibilizzazione rivolte alle prime linee di management per sviluppare una cultura aziendale attorno ai temi della conciliazione e della responsabilità sociale: Come? Forum interni di discussione; Eventi aziendali (giornate destinate ad attività di volontariato, motivazione del personale, uscite esterne); Comunicazione e cooperazione con le istituzioni pubbliche attive sul territorio in tema di conciliazione e politiche attive del lavoro (partecipazione ad eventi pubblici); Giornata di accoglienza per le dipendenti neo mamme; Formazione al rientro dalla maternità, per il re-inserimento aziendale e aggiornamento professionale (tutoring, coaching, training on the job e counselling); Introduzione di misure per combattere i pregiudizi legati al genere, in fase di selezione RH. 3. Benefit aziendali Supporto economico alle famiglie: Come? Integrazione all'indennità per maternità e congedo parentale (incentivando i padri nell'utilizzo dei congedi); Fornitura di Kit di beni utili per la cura dei figli; Contributo per acquisto di libri per i figli dei dipendenti; Rimborsi spese universitarie per i figli dei dipendenti; Borse di studio, stage per i figli dei dipendenti; Voucher e buoni sconto per la spesa (convenzioni aziendali con supermercati e negozi); Aiuti finanziari per cura di familiari anziani e disabili; Rimborsi spese sanitarie private (convenzioni aziendali con le cliniche private); Facilitazione nell'accesso al credito (convenzioni aziendali con gli Istituti di credito) e prestiti aziendali per neo genitori; Contributo al pagamento delle rette dei nidi; Assicurazioni sanitarie integrative. 4. Servizi di cura e time saving Offerta di servizi per supportare il lavoratore nell'adempimento di alcune incombenze legate alla vita familiare, in modo diretto o ricorrendo a società e/o cooperative esterne: Come? Servizi generali Trasporti collettivi (stesura di piani di spostamento casa-lavoro, introduzione mobility manager, taxi aziendale, bike sharing, car sharing, car pooling, convenzioni particolari con società di trasporti privati); Maggiordomo aziendale (accordi/convenzioni con cooperative per la fornitura di personale per attività domestiche come pagamento bollette, pulizie o spesa); Stireria e lavanderia aziendale (accordi/convenzioni con cooperative e/o negozi per ritiro e consegna in azienda); Organizzazione di gruppi di acquisto; Bancomat e posta in azienda; Disbrigo pratiche burocratiche, anche attraverso l'innovazione tecnologica (formazione per l'utilizzo di servizi pubblici e privati online); Riparazione auto (convenzioni con meccanici).

7 11 Servizi legati all'infanzia e assistenza di anziani e disabili Servizi di assistenza famigliare per gli anziani a carico dei dipendenti (convenzioni con società e cooperative esterne); Nidi aziendali e interaziendali; Servizi di baby sitting (convenzioni con agenzie che offrono servizi per le famiglie); Servizi extra scuola per i figli dei dipendenti nei periodi di chiusura degli istituti scolastici (ludoteche, centri ricreativi estivi, periodi soggiorno vacanze, campus tematici sportivi, campus dedicati all'apprendimento di lingue straniere). Servizi legati al benessere Programmi di medicina preventiva (offerta di check up gratuiti in azienda per la prevenzione); Zone "break areas" per benessere e relax all'interno dell'azienda (palestra aziendale, area massaggi, area lettura); Servizi legati all'alimentazione e mensa aziendale (inserimento di un dietista, momenti di informazione sulla salute alimentare); Corsi di genitorialità in azienda per offrire un aiuto nella soluzione degli aspetti pratici e psicologici tenuti da professionisti psicologi, pediatri o pedagoghi. IL BANDO DI REGIONE LOMBARDIA PER LE PMI Dal2011 Regione Lombardia ha istituito un bando per promuovere e co-finanziare progetti innovativi in materia di welfare aziendale ed 1nteraziendale. Le imprese vincitrici nel territorio di Bergamo nel 2011: LAMIFLEX SPA di Ponte Nossa con il progetto: "Maggiordomo Digitale: la tecnologia al servizio del Welfare". L'iniziativa mirava a risolvere il problema del digitai-divide offrendo ai dipendenti gli strumenti e le conoscenze utili per l'assolvimento online di pratiche della vita famigliare e lavorativa. DOCUMENTI UTILI PER APPROFONDIRE IL TEMA DELLA CONCILIAZIONE (disponibili su pen-drive) PM PLASTIC SRL di Almenno San Bartolomeo con il progetto: "Welfare PM Plastic Materials". L'iniziativa aveva come obiettivo la sperimentazione di un accordo di secondo livello innovativo, soprattutto per una PMI, che possa offrire un beneficio economico, ma non solo, attraverso l'adesione ad un Fondo Aperto di Assistenza Sanitaria Integrativa, non prevista dal CCNL applicato. Libro verde Regione Lombardia Libro bianco Regione Lombardia Libro Dipartimento per le Politiche della Famiglia Vademecum AL TIS

8 Il sistema dotale

9 14 15 BANCA DELLE ORE: La banca delle ore si affianca al lavoro in flessibilità e consente di monetizzare il lavoro straordinario, permettendo al lavoratore di cumulare un monte ore di permessi dal quale attingere per fruire, secondo le previsioni contrattuali, di riposi supplementari da collocare temporalmente a sua scelta. Nel corso dell'anno il singolo lavoratore può attingere dal suddetto conto per godere di riposi compensativi secondo le modalità previste dalla contrattazione collettiva. Lo scopo della Banca delle Ore è di gestire la flessibilità individuale dell'orario di lavoro e di monetizzare le ore effettuate oltre l'orario normale solo in via residuale. BANCA DEL TEMPO: Una tipologia di associazione che si basa sullo scambio gratuito di "tempo". L'associazione può anche essere un gruppo informate di persone che collaborano per lo scambio di servizi. Le attività delle BdT sono molto diverse: lezioni di cucina, manutenzioni casalinghe, accompagnamenti e ospitalità, babysitteraggio, cura di piante e animali, scambio, prestito o baratto di attrezzature varie, ripetizioni scolastiche e italiano per stranieri, etc. Anche il tempo dedicato all'organizzazione, all'accoglienza, e alle riunioni o feste viene in genere valutato come tempo scambiato e quindi accreditato o addebitato nel conto personale del socio. BIKE SHARING: Il bike sharing traducibile come "condivisione della bicicletta è uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione delle amministrazioni pubbliche che intendono aumentare l'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici (autobus, tram e metropolitane), integrandoli tra loro (trasporto intermodale). È quindi una possibile soluzione al problema dell"'ultimo chilometro", cioè quel tratto di percorso che separa la fermata del mezzo pubblico alla destina- GLOSSARIO zione finale dell'utente, per raggiungere ad esempio il luogo di lavoro. CAR SHARING: Il car sharing (dall'inglese auto condivisa o condivisione dell'automobile) è un servizio che permette di utilizzare un'automobile su prenotazione, prelevandola e riportandola in un parcheggio vicino al proprio domicilio, e pagando in ragione dell'utilizzo fatto, anche per poche ore. Questo servizio viene utilizzato all'interno di politiche di mobilità sostenibile, per favorire il passaggio dal possesso del mezzo all'uso dello stesso (cioè all'accesso al servizio di mobilità}, in modo da consentire di rinunciare all'automobile privata ma non alla flessibilità delle proprie esigenze di mobilità. L'auto, in questo modo, passa dall'ambito dei beni di consumo a quello dei servizi. Tipicamente si tratta di un servizio commerciale erogato da apposite aziende, spesso con l'appoggio di associazioni ambientaliste ed enti locali. CAR POOLING: Il car pooling (dalla lingua inglese, traducibile in italiano come auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. È uno degli ambiti di intervento della mobilità sostenibile. Uno o più dei soggetti coinvolti mettono a disposizione il proprio veicolo, eventualmente alternandosi nell'utilizzo, mentre gli altri contribuiscono con adeguate somme di denaro a coprire una parte delle spese sostenute dagli autisti. Tale modalità di trasporto è diffusa in ambienti lavorativi o universitari, dove diversi soggetti, che percorrono la medesima tratta nella stessa fascia oraria, spontaneamente si accordano per viaggiare insieme. CONGEDO PARENTALE: La possibilità da parte di entrambi i genitori di astenersi dal lavoro facoltativamente e contemporaneamente entro i primi 8 anni di vita del bambino (Legge 8 marzo 2000, n.53}. Nel caso di parto plurimo, è previsto il diritto al congedo parentale per ogni bambino. La nuova Riforma del Mercato del Lavoro prevede una misura sperimentale, consistente nella corresponsione di voucher alla madre lavoratrice per l'acquisto di servizi di baby-sitting ovvero per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati, di cui usufruire al termine del periodo di congedo di maternità e per gli undici mesi successivi, in alternativa al congedo parentale. CONSIGLIERA DI PARITA': E' la figura istituzionale prevista dalla legge 126/91, preposta al controllo e alla tutela contro le discriminazioni nel lavoro in ragione del sesso ed è a disposizione di uomini e donne che ritengano di aver subito atti discriminatori. Nell'esercizio dei compiti che la legge le affida è un pubblico ufficiale ed ha pertanto l'obbligo di rapporto all'autorità giudiziaria. Inoltre ha il compito di promuovere e valorizzare l'occupazione femminile, anche incentivando l'adozione di progetti di azioni positive, e di dare sostegno alle politiche attive del lavoro. COACHING: E' una forma di consulenza atta ad attivare nell'individuo o nel gruppo un processo di sviluppo e di innovazione che fa leva sull'autoconsapevolezza, sul senso di autoefficacia, sulla responsabilità personale e sull'azione. Il coach aiuta a individuare obiettivi salienti per la propria vita e il proprio business a renderli concreti e raggiungibili e ad elaborare e realizzare un piano d'azione che permetta di raggiungerli. Egli fornisce un supporto per il superamento degli ostacoli e la consapevolezza delle proprie risorse. COUNSELLING: E' un processo di apprendimento interattivo che consente ai dipendenti che fruiscono dell'intervento l'opportunità di scoprire e rendere chiari gli schemi di pensiero e di azione, aumentando il livello di consapevolezza, facendo un uso migliore delle proprie risorse rispetto ai propri bisogni e desideri e pervenendo a un grado maggiore di benessere. DIVERSITY MANAGEMENT: E' un processo aziendale di

10 16 17 cambiamento, che ha lo scopo di valorizzare e utilizzare pienamente il contributo, unico, che ciascun dipendente può portare per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, e che serve ad attrezzare al meglio l'organizzazione di fronte alle sfide e all'incertezza provenienti dal mercato esterno. Questo contributo scaturisce dalla possibilità della persona di sviluppare e applicare, all'interno dell'organizzazione, uno spettro ampio e integrato di abilità e comportamenti che riflettono il suo genere, la sua nazionalità, l'età, il background culturale e l'esperienza. DOTE: La dote rappresenta l'ammontare delle risorse in capo al destinatario in possesso di determinati requisiti, al fine di poter accedere ad una gamma di servizi. Il sistema dotale di Regione Lombardia prevede l'erogazione di finanziamenti principalmente attraverso tre strumenti: Dote Scuola, Dote Formazione e Dote Lavoro. MOBILITY MANAGER: Il Decreto interministeriale Mobilità sostenibile nelle aree urbane del 27/03/1998, ha introdotto la figura professionale del responsabile della mobilità. Gli enti pubblici con più di 300 dipendenti per "unità locale" e le imprese con complessivamente oltre 800 dipendenti, devono individuare un responsabile della mobilità del personale. Nell'ambito del decreto si delineano due figure professionali: Mobility Manager di azienda e Mobility Manager di area. Il Mobility Manager di azienda ha l'incarico di ottimizzare gli spostamenti sistematici dei dipendenti. Egli ha l'obiettivo di ridurre l'uso dell'auto privata adottando, tra l'altro, strumenti come il Piano spostamenti casa-lavoro (PSCL), con cui si favoriscono soluzioni di trasporto alternativo a ridotto impatto ambientale (car pooling, car sharing, bike sharing, trasporto a chiamata, navette, ecc.). PARTTIME REVERSIBILE: La reversibilità del part-time è data dalla possibilità concessa al lavoratore di tornare, dopo un periodo di tempo concordato e su base volontaria, al normale orario di lavoro. Il part-time può essere: orizzontale: nel caso in cui si scelga di lavorare un numero ridotto di ore in una giornata lavorativa verticale: nel caso in cui si effettuano giornate a tempo pieno, ma solo per alcuni giorni della settimana o in alcuni periodi del mese o dell'anno misto: quando si combinano il part-time orizzontale e quello misto. Le modalità di attuazione del part-time sono regolamentate dai contratti collettivi. PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DELLA CITTA' (PTO): Il PTO promuove politiche di qualità che riguardano sia la vita dei cittadini che il funzionamento della città secondo tre linee strategiche di intervento: mobilità sostenibile, accessibilità spazio-temporale ai luoghi e servizi della città e rigenerazione urbana intesa come rivitalizzazione sociale e il miglioramento della qualità degli spazi pubblici. POLITICHE TEMPORALI URBANE: Sono politiche di qualità della vita che hanno per finalità una migliore conciliazione dei tempi famigliari, degli orari di lavoro e dei tempi di cura e per sé e una migliore organizzazione funzionale della città per garantire l'accessibilità ai servizi, la qualità e sicurezza degli spazi pubblici e la qualità dell'ambiente. TELELAVORO Tipologia che permette al dipendente di lavorare da casa o in uno spazio diverso dal tradizionale luogo di lavoro, rimanendo in contatto con il proprio ufficio. Può essere continuativo o alternato con periodi di permanenza in sede. Per l'attuazione del telelavoro è necessario stipulare un accordo aziendale formale tra il datore di lavoro e il lavoratore. Può essere di tre tipi: telelavoro a domicilio, telelavoro in altra sede o telelavoro mobile. TRAINING ONTHEJOB: Attività di formazione attivata direttamente sul luogo di lavoro, tramite l'assistenza da parte di tutor o tramite l'affiancamento da parte di esperti dotati della specifica competenza richiesta. TUTORING: Tutor di formazione è un particolare lavoratore della conoscenza (knowledge worker) che, operando generalmente all'interno di un'istituzione di educazione formale in base ad uno specifico progetto educativo, accompagna gli allievi di un corso di formazione nel processo di apprendimento. A questa figura corrispondono profili anche molto diversi come il Tutor d'aula, il Tutor aziendale e il Tutor dei circoli di studio. VOUCHER: E' un certificato a cui corrisponde un determinato valore monetario, che può essere speso per servizi o beni. Nell'ambito dell'art.9 della Legge 53/2000 il voucher può essere utilizzato per fruire di servizi come l'assistenza domiciliare ad anziani non autosufficienti, servizi di babysitting, l'accesso a centri estivi o strutture dedicate.

11 i t!:iniziativa nasce nell'antito deii'aa:drdo di rete tenitoriale per la Cllllàliaziane p11111c15so d& l!.efjane r..cnmrdia in cdlabcraziane con ASL di llerpmo. l'rovincia di Berpmo. Canu!e di Berpmo, CCAA di Berpmo e Consigliera provinciale di parità f'ji Regtorut Kllil LOtnbotd.ia ASLe.rgomo D :.;.> (!t ( :;:;. 1 o

Conciliazione Vita Lavoro Vademecum per le Imprese

Conciliazione Vita Lavoro Vademecum per le Imprese Conciliazione Vita Lavoro Vademecum per le Imprese Guida pratica ai principali strumenti normativi e ai fondi per lo sviluppo di progetti di conciliazione per i lavoratori. Indice 2 3 4 5 6 7 8 10 11 12

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Promozione di un alimentazione corretta

Promozione di un alimentazione corretta Area tematica 1 Promozione di un alimentazione corretta 1.1 OBBLIGATORIA* Frutta e verdura presenti nel menù di tutti i pasti serviti in azienda (senza pagamenti aggiuntivi e non sostituibili con dolce

Dettagli

Altroconsumo un asta fra i fornitori di energia

Altroconsumo un asta fra i fornitori di energia Abbassa la bolletta è un iniziativa di Altroconsumo che permetterà ai sottoscrittori di ottenere e sottoscrivere la tariffa migliore per la fornitura di luce e gas. Come? Gli iscritti formeranno un gruppo

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Il lavoro al femminile. Welfare e worklife balance. Uno sguardo alle Riforme.

Il lavoro al femminile. Welfare e worklife balance. Uno sguardo alle Riforme. Donne, banche e sviluppo: l Italia che cambia passo per crescere Il lavoro al femminile. Welfare e worklife balance. Uno sguardo alle Riforme. Roma, 26 settembre 2012 Tiziana Tafani Ufficio Relazioni Sindacali

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI VITA/LAVORO CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA

INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI VITA/LAVORO CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI VITA/LAVORO CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA ANNO 2013 CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA, LA MOBILITA' E GLI INTERVENTI DA

Dettagli

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA VARIAZIONI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA ART. 9 LEGGE 8 MARZO 53/2000 Disposizioni

Dettagli

Legge 8 marzo 2000, n.53

Legge 8 marzo 2000, n.53 Legge 8 marzo 2000, n.53 Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. (G.U. n. 60 del 13.03.2000)

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 22 dicembre 2012 Introduzione, in via sperimentale per gli anni 2013-2015, del congedo obbligatorio e del congedo facoltativo del padre, oltre a forme

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 ITALIA GERMANIA SPAGNA FRANCIA GRAN CERDITI DI CURA I contributi figurativi per malattia del bambino sono utili per il diritto e per la misura di tutte le

Dettagli

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro CONTRIBUTO DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA AL DOCUMENTO ELABORATO IN SENO AL GRUPPO DI LAVORO SULLE PARI OPPORTUNITA DELL UNI (COMMISSIONE RESPONSABILITA SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI) Esempi di buone prassi

Dettagli

Gruppo Nestlé in Italia

Gruppo Nestlé in Italia Gruppo Nestlé in Italia 6 febbraio 2013 Il Sistema di Welfare Aziendale e le politiche di conciliazione del Gruppo Nestlé in Italia Descrizione, Elementi Distintivi, Benefici, Strumenti, Prospettive di

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro

Conciliare famiglia e lavoro Conciliare famiglia e lavoro La conciliazione famiglia-lavoro nella L. 53/2000 Il tema della conciliazione tra lavoro e famiglia ha guadagnato una centralità strategica nel dibattito politico europeo e

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Pari opportunità: legislazione nazionale

Pari opportunità: legislazione nazionale Pari opportunità: legislazione nazionale Costituzione della Repubblica italiana L Articolo 3 sancisce la pari dignità sociale dei cittadini, eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

CONCILIAZIONE tra famiglia e lavoro

CONCILIAZIONE tra famiglia e lavoro CONCILIAZIONE tra famiglia e lavoro CONFERENZA STAMPA di presentazione dell avviso di finanziamento 2011 (art. 9 legge 53/2000) Roma, 8 giugno 2011 Sala Stampa Palazzo Chigi Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014 IN AZIENDA Milano, 2 Ottobre 2014 1 MUOVERSI: I NUMERI 8,5mio beni e servizi acquistati per conto dei clienti 400.000 Dipendenti iscritti alla piattaforma Muoversi >150 clienti attivi >1.000 convenzioni

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Focus Isfol Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Donatella Gobbi ISSN: 1974-4986 collana Focus Isfol numero 2009/2 dicembre www.isfol.it tema coesione sociale

Dettagli

Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro

Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro Gli strumenti qui presentati, che traggono spunto da modalità già sperimentate in realtà aziendali private e pubbliche,

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

LE GUIDE DELLA UGL CREDITO TUTTO SULLA MATERNITA' E LA PATERNITA'

LE GUIDE DELLA UGL CREDITO TUTTO SULLA MATERNITA' E LA PATERNITA' LE GUIDE DELLA UGL CREDITO TUTTO SULLA MATERNITA' E LA PATERNITA' 1 INDICE Introduzione pag. 3 Congedo di Maternità pag. 4 Assenza obbligatoria pag. 4 Flessibilità del congedo di maternità pag. 4 Adozione

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI Una guida utile Giovanna Magistro (a cura di) POR PUGLIA 2000-2006 misura 3.14 azione e) N.E.T.T.IN.G. NUOVE ENERGIE SUL TERRITORIO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute I TEMPI DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO ALLA LUCE DELLE RECENTI RIFORME T.V.B.FAMIGLIA Cisl MBL 25 giugno 2015 Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute 1 ALCUNI DATI NAZIONALI INTERESSANTI Negli

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

I benefici a tutela della maternità e della paternità per gli anni 2013-2015

I benefici a tutela della maternità e della paternità per gli anni 2013-2015 Nota Informativa I benefici a tutela della maternità e della paternità per gli anni 2013-2015 (introdotti dalla Legge 92/2012 in via sperimentale) Redatto da: RUO/RI/NL Verificata da: RUO/RI Approvata

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Rientro al lavoro delle madri lavoratrici. I chiarimenti dell INPS sull erogazione del voucher Gentile cliente con la presente intendiamo informarla è stato pubblicato

Dettagli

Congedo obbligatorio e facoltativo dei padri lavoratori dipendenti

Congedo obbligatorio e facoltativo dei padri lavoratori dipendenti INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://www.cgil.bergamo.it/sito_inca/index.htm 18 APRILE 2013 Numero 10 Congedo obbligatorio e facoltativo dei padri

Dettagli

Associazione Sviluppo Commercio, Turismo, Servizi e Piccole Medie Imprese PROGETTO SPERIMENTALE IN ARMONIA LAVORO E FAMIGLIA

Associazione Sviluppo Commercio, Turismo, Servizi e Piccole Medie Imprese PROGETTO SPERIMENTALE IN ARMONIA LAVORO E FAMIGLIA Associazione Sviluppo Commercio, Turismo, Servizi e Piccole Medie Imprese PROGETTO SPERIMENTALE IN ARMONIA LAVORO E FAMIGLIA Premessa L idea di realizzare un progetto che mirasse a promuovere iniziative

Dettagli

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE Attività di supporto ed informazione in tema di parità di genere e conciliazione LE TEMATICHE

Dettagli

Proposta da presentare in ogni tavolo di contrattazione.

Proposta da presentare in ogni tavolo di contrattazione. PIATTAFORMA Di proposte della CISL FP Lombardia sulla CONCILIAZIONE TEMPI DI VITA e DI LAVORO. Proposta da presentare in ogni tavolo di contrattazione. Elaborato dai risultati dei lavori svolti il 30 settembre

Dettagli

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Progetto di gemellaggio Agire POR PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGIONEPUGLIA IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Bari 25 settembre 2012 AGIRE POR - PROGETTO

Dettagli

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler 2014 Family Audit: cos è? Linee Guida Aiuta le organizzazioni a realizzare un efficace, consapevole, duraturo ed economicamente

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE SINDACALE Da: Nicoletta Cortinovis Per: DIREZIONE DEL PERSONALE SM/ nc Rif. n u2982/08 del 25/09/08 NPCG: SEGNALAZIONE INIZIATIVA REGIONE LOMBARDIA - UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Scadenze: 24

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

- Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete»

- Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete» - Fiera della Conciliazione - «Gli attori della Provincia di MB si confrontano e fanno rete» 06 giugno 2012 STMicroelectronics 2 ST è una delle maggiori compagnie mondiali nel campo dei semiconduttori

Dettagli

Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro

Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro www.adapt.it, 8 marzo 2011 Le prassi della contrattazione collettiva integrativa in materia di conciliazione vita lavoro a cura di Roberta Caragnano CONTRATTO DISPOSIZIONI INTERESSANTI E/O NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n.

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n. Maternità e congedi L art.4, commi 24, 25 e 26 della legge 28 giugno 2012, n.92, introduce in via sperimentale, per gli anni 2013-2015, due istituti sostegno della genitorialità. 2 Maternità e congedi

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali)

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) In Regione Lombardia il tasso di attività delle donne tra i 15 e 64 anni si attesta al 62,8 %contro

Dettagli

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 MONZA, 2011 AGENDA 1. SERVIZI DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA 2. IL BANDO, NUOVI FINANAZIAMENTI PER PROGETTI

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

SMART WORKING I CONTENUTI DI ALCUNI ACCORDI DI AZIENDE METALMECCANICHE E DI ALTRI SETTORI

SMART WORKING I CONTENUTI DI ALCUNI ACCORDI DI AZIENDE METALMECCANICHE E DI ALTRI SETTORI 5 Marzo 2016 SMART WORKING I CONTENUTI DI ALCUNI ACCORDI DI AZIENDE METALMECCANICHE E DI ALTRI SETTORI Gli accordi aziendali di Smart working, il lavoro cosiddetto ''intelligente'' o agile sull'organizzazione

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo

Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Impatto di genere nel passaggio dal sistema retributivo al contributivo Contributo della CISL a cura di: - Sociale, Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale

Dettagli

Caregiver & conciliazione

Caregiver & conciliazione Caregiver & conciliazione Esperienze europee Licia Boccaletti Progetto realizzato con il contributo di I caregiver lavoratori in Europa La maggioranza dei caregiver in età lavorativa in Europa è occupata.

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE Porre al centro i bisogni della persona e della famiglia Disegnare e coordinare in una prospettiva sussidiaria Politiche integrate che promuovano opportunità, risposte e soluzioni

Dettagli

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action HRM Evolution, Vision Knowledge Action paolo.benedetti@etass.org Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB Paolo Benedetti ETAss Avviso Regione Lombardia Anno 2013 Regione Lombardia

Dettagli

MANUALE WHP. Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute

MANUALE WHP. Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute MANUALE WHP Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute 1 SOMMARIO MANUALE WHP - Cos è la rete WHP e introduzione metodologica; - Come far parte della rete WHP, (verifica dei pre-requisiti,

Dettagli

La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione

La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione Percorso forma7vo per figure dirigenziali degli en7 pubblici del territorio di Milano Modulo 3 17 dicembre 2012 Il percorso: calendario e contenu7

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

Circolare N.98 del 13 Giugno 2013

Circolare N.98 del 13 Giugno 2013 Circolare N.98 del 13 Giugno 2013 Asili nido. Scade il 20 giugno 2013 l'accreditamento per ricevere l importo del bonus bebè spettante alle lavoratrici madri Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE LE GUIDE DELLA FABI 1 IL JOBS ACT IN PILLOLE Il Consiglio dei Ministri venerdì 20 febbraio, ha approvato i Decreti attuativi del Jobs Act, la Riforma del lavoro. In sintesi riassumiamo i punti più salienti

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli