Valutazione dei Foraggi Tradizionali e Alternativi e Sostenibilità delle Aziende Zootecniche Lombarde

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione dei Foraggi Tradizionali e Alternativi e Sostenibilità delle Aziende Zootecniche Lombarde"

Transcript

1 Progetto "FORGE" (n 688) della D.G. gricoltura - Regione Lombardia Valutazione dei Foraggi Tradizionali e lternativi e Sostenibilità delle ziende Zootecniche Lombarde G. Matteo rovetto Dipartimento di Scienze nimali - Università degli Studi di Milano omposizione chimica e valore nutritivo dei principali foraggi lombardi MTERILI E METODI La valutazione qualitativa e nutrizionale è stata effettuata su 178 campioni prelevati in 48 aziende iscritte al Servizio di ssistenza Tecnica agli llevamenti (ST) in due annate agrarie (2004 e 2005) e provenienti dall intero comprensorio lombardo. Sono stati quindi raccolti i principali foraggi, insilati ed essiccati, correntemente utilizzati nel razionamento di bovine da latte di aziende zootecniche della Lombardia, per un totale di 94 foraggi insilati e 84 foraggi essiccati. In particolare per i foraggi insilati sono stati analizzati i seguenti campioni: mais (15), frumento (15), loiessa (11), prato polifita (7), orzo (5), sorgo da granella (3), medica (15), segale (3), sorgo da foraggio (18), panico (1), triticale (1). Per i foraggi essiccati sono stati analizzati i seguenti campioni: fieno di frumento (2), fieno di loiessa (2), fieno di erba medica (32), erba medica disidratata (4), fieno di panico (6), fieno di prato polifita (33), fieno di sorgo da foraggio (2), paglia di orzo e frumento (3). Tutti i campioni sono stati essiccati in stufa a ventilazione forzata fino a peso costante, ad una temperatura di 55, e successivamente macinati con mulino da laboratorio con vaglio da 1 e 0,5 mm. Quest ultima granulometria è stata necessaria per la determinazione della concentrazione in proteine grezze, amido e zuccheri solubili. Tutte le analisi chimiche sono state effettuate dal laboratorio dell RL di rema e ciascun campione è stato analizzato per i seguenti parametri: ceneri, NDF (Mertens, 2002), DF e DL (Van Soest, 1991), proteine grezze (O, 1990), estratto etereo (O, 1990), azoto non proteico (NPN), azoto solubile, azoto legato all NDF (NDFIP) e azoto legato all DF (DFIP) (Licitra et al., 1991), amido (Mcleary et al., 1997) e zuccheri solubili (Dubois et al., 1956). Le frazioni fibrose (NDF, DF, DL) sono state determinate ed espresse al netto delle ceneri insolubili. I campioni insilati, inoltre, sono stati analizzati anche per azoto ammoniacale, ph, acidi lattico, acetico, propionico e butirrico ed etanolo (Fussel e Mcalley, 1987). Tali analisi sono state effettuate sul prodotto tal quale. Le analisi biologiche sono state condotte presso il entro sperimentale per l innovazione zootecnica (esizoo) della sezione di Zootecnica graria del Dipartimento di Scienze nimali (Università degli Studi di Milano). Queste analisi sono state finalizzate alla determinazione del valore nutritivo mediante lo studio della: fermentescibilità ruminale determinata con il metodo della gas production (GP, ml/200 mg SS) a 24 ore (Menke e Steingass, 1988); digeribilità in vitro della sostanza secca (IVTDDM) e della fibra neutra detersa (IVTDNDF) - con un tempo di incubazione di 48 ore - mediante l utilizzo dell nkom Daisy II Incubator. pplicando il metodo della gas production, le equazioni applicate per il calcolo della digeribilità della sostanza organica (dso), dell energia metabolizzabile (EM), dell energia netta latte (EN L ) e della relativa unità di misura (UFL) sono state le seguenti (Menke e Steingass, 1988): 1

2 dso (%) = 15,38 + 0,8453 GP24 + 0,0595 PG + 0,0675 en EM (MJ/kg SS) = 2,20 + 0,1357 GP24 + 0,0057 PG + 0, EE 2 EN L (MJ/kg SS) = 0,54 + 0,0959 GP24 + 0,0038 PG + 0, EE 2 UFL (n/kg SS) = EN L /7,113 Dove: GP24: produzione di gas, espressa in ml/200mg SS in 24 ore PG: proteine grezze, espresse in g/kg SS en: ceneri, espresse in g/kg SS EE: estratto etereo, espresso in g/kg SS Il valore nutritivo è stato quindi determinato in tre diversi modi: 1) UFL GP = Unità foraggere latte calcolate a partire dalla produzione di gas (GP) secondo il metodo di Menke e Steingass (1988); 2) UFL NR = calcolate mediante equazioni NR (2001) utilizzando i valori della digeribilità dell NDF ottenuti con le prove in vitro (IVTDNDF) e riferite al livello di mantenimento (1X) per poterle confrontare con le UFL GP; 3) UFL NR H. = calcolate mediante equazioni NR (2001) utilizzando i valori della digeribilità dell NDF (dndf) ottenuti in base alla sola composizione chimica, in particolare ai valori di NDF, NDFIP e DL, e riferite al livello di mantenimento (1X) per poterle confrontare con le UFL GP. Per quanto riguarda invece la digeribilità in vitro della SS e dell NDF, va sottolineato che la digeribilità dell NDF è un parametro che influenza marcatamente il valore nutritivo dei foraggi calcolato tramite il modello NR Tale sistema infatti determina il valore energetico di un alimento zootecnico a partire dai TDN (% s.s.), costituiti dalla somma di PG, EE, NF (carboidrati non fibrosi) e NDF realmente digeribili. Il tdndf (truly digestible NDF) si può calcolare a partire dai soli parametri chimici (NDF, NDFIP, DL) tramite la formula proposta dall NR 2001: tdndf (%) = 0,75 * (NDF - NDFIP - DL) * (1 - (DL / (NDF-NDFIP)) 0,667 ) oppure, come caldamente consigliato dal sistema stesso, a partire da un valore di digeribilità ruminale in vitro determinato a 48 h, utilizzando la formula: tdndf (% s.s.) = NDF (% s.s.) * (IVTDNDF/100) La digeribilità dell NDF caratterizza la qualità della fibra di un foraggio: infatti ad ogni incremento pari all 1% della digeribilità dell NDF dell intera razione corrisponde un aumento dell ingestione giornaliera di SS della bovina (+0,17 kg) e conseguentemente un incremento della produzione giornaliera di latte corretto al 4% di grasso (+0,25 kg FM) (Oba e llen, 1999). L analisi statistica è stata effettuata mediante pacchetto statistico SS vers. 8. In particolare è stata effettuata l analisi della varianza (GLM) per ciascun gruppo (insilati o fieni e paglie) applicando il test di Duncan per il confronto delle medie di tutte le specie. Per i campioni di triticale e panico insilati non si è potuto operare tale confronto poiché la numerosità è stata uguale ad 1 (n=1). Per i foraggi raccolti sia come insilati sia come fieni è stata inoltre effettuata l analisi della varianza per valutare l effetto della conservazione all interno della stessa specie. 1 - Insilati RISULTTI In tabella 1 è indicata la composizione chimica media dei foraggi insilati. Gli insilati di erba medica, di prato polifita e, in minor misura, di loiessa, sono caratterizzati da un maggiore tenore in 2

3 sostanza secca (SS) in conseguenza del preappassimento in campo cui sono stati soggetti. Per la medica, in particolare, è infatti ben nota la difficoltà di insilamento a causa del basso tenore in sostanza secca al taglio e dell alto potere tampone che ne impediscono un rapido abbassamento del ph. Fortina et al. (2003) riportano valori di sostanza secca inferiori (48,2%) a quelli da noi riscontrati, per insilati di erba medica raccolti in diversi areali della pianura dell Italia settentrionale. naloghi i valori riportati al riguardo da Krizsan et al., (2007), mentre Ishler et al. (1992) consigliano valori di SS, al momento dell insilamento, variabili in funzione della tipologia di silo. Per quanto riguarda la sostanza secca degli insilati di orzo, frumento e mais non vi sono state differenze significative e i valori sono tendenzialmente in linea con quelli consigliati per questi cereali prodotti ad uso foraggero. Interessante considerare anche il tenore in sostanza secca dei sorghi; infatti anche per questa specie è fondamentale raccogliere e trinciare nel momento ottimale. In particolare il valore considerato ottimale per questa specie è del 25% circa; un insilamento della pianta al di sotto di questo valore comporta infatti elevate perdite di sostanza secca e fermentazioni indesiderate come quelle butirriche (Miron et al., 2005). I sorghi lombardi sono quindi stati insilati nel momento ottimale per garantirne la qualità. Molto bassa è stata invece la sostanza secca dei campioni di segale. questo riguardo si nota come siano stati analizzati solo tre campioni non essendo questo insilato largamente utilizzato nella razione di bovine in lattazione delle aziende lombarde. Il mancato o comunque insufficiente appassimento in campo di questo foraggio ne penalizzano fortemente la qualità inducendo una bassa acidificazione, rilevanti fermentazioni butirriche ed esagerati fenomeni di proteolisi (tab. 2). I valori medi in ceneri risultano legati alla tecnica di insilamento: la trinciatura contemporanea allo sfalcio e l insilamento diretto (mais, frumento, orzo, sorgo da granella e segale) hanno comportato tenori in ceneri inferiori al 10% s.s., mentre i foraggi preappassiti in campo hanno sempre superato tale valore, evidenziando un inquinamento con terra. In particolare la medica e il prato stabile, che hanno fatto registrare i tenori più alti in SS e quindi hanno avuto un appassimento in campo più spinto, hanno avuto anche i valori di ceneri più elevati (12,3 e 12,1% s.s., rispettivamente). onsiderando il tenore in proteine grezze e le diverse frazioni proteiche, com era prevedibile, l insilato di erba medica ha avuto livelli significativamente superiori (P<0,05) di PG, NPN e azoto solubile (21,0 9,2 10,6% s.s., rispettivamente), rispetto agli altri foraggi insilati. È da evidenziare comunque l elevato tenore in PG (17,0% s.s.) dei prati, dovuto presubibilmente alla presenza di leguminose nei campioni indagati. I valori di NPN (5,5% s.s.) e di azoto solubile (6,7%) dei prati sono risultati inferiori a quelli della medica ne non statisticamente diversi rispetto agli altri insilati. In proposito, va ricordato che un eccesso di azoto nella razione ed in particolare di quello solubile, se non adeguatamente integrato con carboidrati rapidamente fermentescibili, comporta un aumento dell escrezione azotata e conseguentemente dei nitrati nel terreno e dell ammoniaca in atmosfera, oltre che un maggior costo della razione stessa. I prati sono caratterizzati inoltre da un superiore tenore in NDFIP (4,4% s.s.) (P<0,05), cioè da una frazione proteica a lenta degradabilità ruminale, evidenziando complessivamente un buon equilibrio nelle diverse frazioni proteiche ornell. L erba medica, com era da attendersi, ha fatto registrare il valore più alto di proteina indigeribile (DFIP=1,8% s.s.), imputabile al fatto di avere i valori più alti sia in proteine grezze sia in lignina. Per quanto riguarda le frazioni fibrose, gli insilati di segale e sorgo da foraggio hanno avuto valori di NDF più elevati (rispettivamente 66,7 e 60,5% s.s.) rispetto agli altri insilati (P<0,05). Per contro, e come atteso, il silomais e la medica hanno invece fatto registrare i valori più bassi (39,5 e 42,7% s.s., rispettivamente) e non statisticamente diversi tra loro. ome gli altri parametri, del resto, anche il contenuto di NDF è variabile all interno di uno stesso foraggio; ne è una riprova il fatto che la concentrazione in NDF di insilati di mais raccolti nello stesso areale, riportata da Rapetti et al., (2005) è risultata leggermente superiore. 3

4 È stata inoltre studiata la correlazione tra SS ed NDF ed essa, in parte inaspettatamente, è risultata negativa (r = -0,24; P<0,05). onsiderando però la correlazione per ciascuna specie essa è risultata positiva per erba medica, loiessa, prato e frumento e negativa per mais, orzo, segale, sorgo da granella e da sorgo da foraggio. on l esclusione del sorgo da foraggio, questi ultimi insilati sono caratterizzati da un discreto/buon tenore in amido (accumulato nella granella) che ha diluito conseguentemente la frazione fibrosa. Ferreira e Mertens (2005) hanno trovato una correlazione negativa significativa tra SS e NDF in 32 campioni di insilato di mais, mentre quella tra SS e amido è stata positiva e sempre significativa. La correlazione tra SS e amido e SS e NF, nei 15 campioni di insilato di mais analizzati nell ambito del presente progetto FORGE, è stata significativa (P<0,05) con valori di r rispettivamente pari a 0,53 (SS e amido) e 0,74 (SS e NF). Per quanto riguarda la concentrazione in amido l analisi statistica ha consentito di dividere i foraggi in tre gruppi (P<0,05): il primo gruppo rappresentato dagli insilati di mais con un valore medio di 32,3% s.s.; un secondo gruppo (valore medio di 12,6% s.s.) con i campioni di sorgo da granella, frumento e orzo, ed infine un terzo gruppo (media 1,2% s.s.) con i campioni di sorgo da foraggio, medica, segale, prato polifita e loiessa. Le concentrazioni in amido dei foraggi dei primi due gruppi sono state confrontate con i valori riportati nel database PM-Dairy Ration nalyzer ver 3.07 e dal confronto è emersa una buona corrispondenza per i campioni di mais, frumento e sorgo da granella; nel caso dell orzo invece i valori riportati dal database statunitense per un insilato con il 35% di SS sono stati nettamente inferiori (4.1 vs 12.2% s.s.); per contro, la concentrazione di zuccheri solubili negli insilati di orzo lombardi è stata decisamente inferiore rispetto a quella riportata nel database americano (0.9 vs 8.2% s.s.) e in linea con quanto atteso per un foraggio insilato, dove la quasi totalità degli zuccheri idrosolubili viene di norma convertita in acidi organici. La concentrazione in amido degli insilati di orzo lombardi è paragonabile a quella riportata da hvenjärvi et al., (2006) e Mustafa et al., (2004), ma inferiore a quella indicata da Zahiroddini et al., (2004) ed Eun et al., (2004). Queste differenze possono essere imputabili al un diverso stadio di raccolta e ambiente di coltivazione; si evidenzia quindi l importanza di caratterizzare chimicamente i foraggi per un loro corretto inserimento nella razione. Per quanto riguarda il profilo fermentativo degli insilati (tab. 2), il primo parametro considerato è stato il ph. nche in questo caso si sono differenziati tre gruppi ben distinti (P<0,05): un primo gruppo con un valore medio di 5,34 con i campioni di: medica, prato stabile e segale; un secondo gruppo 4,63 il valore medio con gli insilati di loiessa e sorgo da foraggio; infine un terzo gruppo media di 3,94 con i campioni di mais, frumento, orzo e sorgo da granella. Il valore di ph dei campioni del primo gruppo è stato elevato e certo non ottimale; nel caso dell erba medica, per esempio, i valori di ph riportati da Kriszan et al., (2007) utilizzando diverse modalità di stoccaggio sono stati inferiori (da 4,48 a 4,68). Va però detto che che in tale studio la sostanza secca degli insilati era minore e questo può aver favorito le fermentazioni lattiche e il conseguente abbassamento del ph. In un lavoro di olombari et al. (2001) invece la medica insilata con un analogo tenore di SS aveva un ph di 5,6, analogo al nostro. La correlazione tra ph e SS negli insilati di medica lombardi è risultata infatti statisticamente significativa (P<0,001) e positiva (r = 0,81) mostrando quindi che l insilamento a valori di sostanza secca troppo elevati impedisce un acidificazione ottimale. ome atteso il valore di ph è stato inferiore per i cereali e complessivamente vi è stata una correlazione tra ph e amido significativa (r = -0,60, P<0,001). Per quanto riguarda gli acidi organici, i cereali (mais, frumento, orzo e sorgo da granella) raccolti mediamente allo stadio latteo-ceroso o ceroso della granella sono caratterizzati da una buona concentrazione in acido lattico. Lo stesso dicasi per la loiessa (8,6% s.s. in media). Nel caso degli insilati di frumento si evidenzia un contenuto in acido lattico (6,9% s.s.) superiore a quanto indicato da rovetto et al., (1998) per insilati di frumento prodotti nel medesimo areale. uono anche il rapporto tra acido lattico ed acetico, quasi sempre >3, anche se recenti studi indicano che sia proprio l acido acetico, con la sua azione inibente nei confronti dei lieviti, a garantire una miglior resistenza al deterioramento aerobico una volta aperto il silo (orreani e Tabacco, 2007). 4

5 Il sorgo da foraggio e, soprattutto, la segale risultano i due insilati qualitativamente peggiori, con elevati contenuti di acidi propionico e butirrico, oltre che di azoto ammoniacale. Gli insilati di segale hanno avuto la minor sostanza secca al momento dell insilamento perchè la raccolta della segale avviene molto precocemente, quando la pianta si trova in fase di fioritura o al massimo nello stadio di maturazione lattea della granella. In questo modo si dovrebbe ottenere il miglior foraggio di segale (Juskiw et al., 2000), è quindi probabile che le tecniche di insilamento, adottate dagli allevatori lombardi, non siano state quelle ottimali per questo tipo di foraggio. Nel caso della segale, inoltre, è fondamentale la scelta varietale, in quanto recentemente sono state immesse sul mercato nuove varietà specifiche particolarmente adatte all insilamento (Smith, 2004). La tabella 3 riporta i risultati delle analisi biologiche dei foraggi insilati (compresi panico e triticale, entrambi con un solo campione). I dati della gas production sono riferiti alle 24 ore e da essi sono state calcolate la digeribilità della sostanza organica (dso), l energia metabolizzabile (EM) e le unità foraggere latte (UFL GP). La tabella 3 riporta quindi i valori di digeribilità in vitro a 48 ore della sostanza secca (IVTDDM) e della fibra neutro detersa (IVTDNDF) e il il valore di UFL calcolato con il sistema NR 2001 in base ai valori della IVTDNDF prima citata. Infine sono riportati i valori della digeribilità dell NDF calcolata con le equazioni NR 2001 in base alla sola composizione chimica (dndf) e le UFL calcolate conseguentemente, a partire da questa dndf. Per quanto riguarda la fermentescibilità, mais, frumento e loiessa sono risultati, nell ordine, i foraggi con la maggiore GP, il che si riflette sul loro elevato contenuto in EM e in UFL (0,93 0,86 0,85 UFL GP, rispettivamente). nche la dso di questi tre foraggi è stata elevata (>70%) e solo il prato stabile e l erba medica l hanno avuta simile, in ragione del loro alto contenuto proteico. Interessante anche notare che, mentre per il mais e il frumento l alto valore nutritivo è imputabile di fatto al loro contenuto in amido (infatti la digeribilità della loro NDF è decisamente bassa: 42,2 e 45,8%, rispettivamente, come del resto per gli altri due cereali, orzo e sorgo da granella), per la loiessa è imputabile invece all alto valore di IVTDNDF (66,1%), più alto di tutti i foraggi insilati. Solo il prato stabile avvicina (64%) tale valore e ha, con la loiessa, un NDF significativamente più digeribile degli altri foraggi. I valori di UFL NR risentono fortemente della digeribilità dell NDF e vedono quindi la supremazia del prato polifita e della loiessa che, con 0,91 UFL/kg SS, equivale al silomais. Valori inferiori per erba medica e sorgo da granella ma nessuna differenza significativa tra questi primi cinque foraggi. Valori significativamente inferiori invece per gli altri insilati. Nel mais il confronto per la IVTDNDF ha evidenziato valori molto diversi per gli insilati lombardi (42.2%) e quelli statunitensi (61.2%). Queste differenze possono essere dovute alla scelta dell ibrido: negli Stati Uniti infatti sono diffusi ibridi a ridotto contenuto di lignina (MR, brown mid-rib) e maggiore digeribilità dell NDF, che non sono invece presenti sul mercato italiano a causa di rese inferiori e problemi di allettamento. Va inoltre evidenziato che i valori di digeribilità dell NDF del silomais, foraggio largamente utilizzato nella razione della lattifera, registrati in pianura padana non sono particolarmente elevati. Uno studio di Rapetti et al., (2005) effettuato su insilati di mais raccolti nella pianura padana, ha evidenziato un valore medio di digeribilità dell NDF pari al 46,3%, paragonabile a quello ottenuto dall analisi degli insilati del presente progetto. nche uno studio di Weiss e Wyatt (2002) riporta valori medio/bassi di digeribilità in vitro dell NDF (48 h), in campioni di insilato di mais caratterizzati da un diverso tenore in NDF (IVTDNDF = 41,5 e 46,3%). nalizzando più nel dettaglio la distribuzione di frequenza degli insilati di mais lombardi si nota come la classe con maggior numerosità sia stata comunque quella con valori di digeribilità dell NDF compresi tra il 44 e il 52%. Va aggiunto che, per quanto riguarda gli ibridi tradizionali, non vi è grande variabilità genetica per i valori di digeribilità dell NDF (Owens, 2008). Ne consegue che l ambiente e la tecnica agronomica sono i fattori più importanti nel determinare i valori di digeribilità dell NDF. 5

6 questo riguardo, sempre per i silomais, è stata evidenziata una correlazione negativa tra contenuto in ceneri e digeribilità dell NDF (r = -0,56; P<0,03) che potrebbe essere dovuta ad una differente altezza di taglio dal terreno al momento dell insilamento. L altezza di taglio maggiore ha infatti un effetto positivo sulle caratteristiche qualitative del prodotto, anche se comporta una diminuzione della resa (Schwab e Shaver, 2001). Va infine sottolineato come il silomais sia un ottimo apportatore di amido nella razione, elemento di grande importanza visto il notevole incremento dei costi della farina di mais e più generalmente di tutti i cereali negli ultimi mesi, ma presenta un valore nutritivo mediocre se considerato come foraggio e quindi apportatore di fibra degradabile dai microrganismi ruminali. tal proposito gli insilati di loiessa e di prato stabile presentano caratteristiche qualitative nettamente superiori. om era da attendersi la digeribilità della fibra diminuisce all aumentare del suo livello di lignificazione e ciò emerge sia per le foraggere amidacee sia per quelle prative, che rispetto alle prime fanno comunque registrare valori di IVTDNDF di circa 20 punti percentuali superiori (fig. 1). Infine i valori di digeribilità della fibra neutro detersa determinati in vitro (IVTDNDF) sono stati confrontati con quelli calcolati a partire dalla sola analisi chimica utilizzando l equazione proposta dall NR 2001 (dndf). Questa comparazione ha messo in evidenza due situazioni ben distinte fra loro che ci portano a considerare separatamente le foraggere amidacee (mais, sorgo da granella, cereali autunno-vernini) dalle altre foraggere testate, prive di apprezzabili quantità di amido (loiessa, medica, prato polifita e panico). Fa eccezione l insilato di sorgo da foraggio, il quale nonostante l assenza di amido è risultato assimilabile al raggruppamento delle foraggere amidacee. Nel caso delle foraggere non amidacee il dato di digeribilità dell NDF calcolato è risultato essere minore (talvolta marcatamente) rispetto a quanto determinato ricorrendo all analisi in vitro. l contrario i dati di digeribilità relativi ai foraggi contenenti amido mostrano dei valori di digeribilità dell NDF calcolata superiori rispetto a quanto determinato in vitro. Sembra opportuno sottolineare quindi che l equazione dell NR per la stima della digeribilità della fibra neutro detersa è un metodo relativamente poco accurato per procedere alla determinazione del valore nutritivo. Questo fattore viene messo in luce anche dai coefficienti di correlazione che sono stati calcolati fra i valori di IVTDNDF e dndf considerando tutti i campioni ovvero valutandoli separatamente in base alle due tipologie di insilati sopra descritte (foraggere amidacee e non). Si nota infatti che i coefficienti sono relativamente alti se gli alimenti vengono studiati separatamente (rispettivamente r = 0,75 per le essenze non dotate di granella e r = 0,29 per gli insilati contenenti ingenti quantità di amido). l contrario, valutando contemporaneamente tutti i campioni è stato determinato un coefficiente molto contenuto (r = 0,11) ad indicare che non esiste una buona corrispondenza fra risultati ottenuti dall analisi biologica e quelli relativi al computo basato sui soli parametri chimici. Le UFL calcolate dalla dndf stimata solo in base alla composizione chimica (UFL NR H.) premiano i foraggi contenenti amido e penalizzano invece quelli non amidacei come loiessa, prato e medica. 2 Fieni e paglie Per quanto riguarda i foraggi essiccati, nelle tabelle 4 e 5 sono indicati composizione chimica e valore nutritivo delle foraggere analizzate. In figura 2 è illustrata la diversa fermentescibilità ruminale dei vari foraggi essiccati, in termini di gas production: quest ultima è maggiore per la medica nelle prime 8 ore di incubazione, ma risulta più elevata per i fieni di graminacee dopo 24 ore; come atteso, il prato polifita presenta valori intermedi e la paglia i valori più bassi, specie nelle prime ore. 6

7 In figura 3 è invece riportata, sempre per i foraggi essiccati, la regressione tra il valore nutritivo (UFL) calcolato con la gas production e quello calcolato in base alla digeribilità dell NDF (IVTDNDF): quest ultimo tende ad essere più alto di quello calcolato in base alla fermentescibilità. Nelle tabelle 6 e 7 sono indicati invece i principali costituenti chimici e il valore nutritivo (con i tre metodi: UFL-GP, UFL-IVTDNDF in vitro; UFL- dndf calcolata) che sono risultati statisticamente significativi in funzione della modalità di conservazione, insilato o fieno, per ciascuna foraggera con l esclusione della loiessa. Per questa specie infatti non si sono avute differenze significative tra insilamento e fienagione; va però detto che la numerosità dei campioni di fieno di loiessa è stata molto limitata per cui, per questa foraggera, i due gruppi (insilato vs affienato) erano numericamente molto sbilanciati evidenziando un trend che vede nell insilamento la modalità di conservazione maggiormente diffusa per questa specie. La tabella 6 evidenzia come le mediche e i prati affienati hanno presentato un tenore in NDF superiore e un tenore proteico inferiore rispetto al prodotto insilato; questo probabilmente è dovuto a uno sfalcio più tardivo dei foraggi destinati alla fienagione che consente di massimizzarne le rese, ma a scapito della qualità. Si specifica però che l effetto taglio, che può essere importante per questo parametro, non è stato considerato poiché la numerosità dei campioni, suddivisi per numero di taglio, era limitata. La minor qualità dei prodotti affienati per mediche e prati è risultata anche dalle analisi biologiche (tab. 7) che hanno mostrato differenze significative (P<0,01) per la digeribilità dell NDF, risultata significativamente superiore negli insilati rispetto ai fieni (49,5 vs 41,5% per le mediche; 64,0 vs 53,2% per i prati). Questo ha comportato una differenza statisticamente significativa nel valore nutritivo del prodotto insilato rispetto a quello affienato, determinato sia con il metodo di Menke e Steingass sia secondo l NR con i valori di IVTDNDF ottenuti dalla prova in vitro. Non vi è stata invece alcuna differenza per il valore nutritivo derivato dalla sola composizione chimica secondo il modello NR. Questo dimostra la poca affidabilità del modello nel valutare i foraggi campionati nell areale lombardo, confermando l importanza delle analisi biologiche nella valutazione nutrizionale dei foraggi. Per quanto riguarda il frumento, anche in questo caso, si sono evidenziate differenze significative per la concentrazione in NDF, che è stata maggiore nei campioni affienati, e per l amido che al contrario è stato superiore negli insilati. Interessante il fatto che la digeribilità dell NDF è stata statisticamente superiore nei fieni; ciò indica che il prodotto insilato è stato raccolto in uno stadio di maturazione successivo per aumentarne la concentrazione in amido. Il minor tenore in NDF del frumento insilato e raccolto più tardivamente è, come visto per il silomais, da attribuirsi all effetto diluizione dell amido. nche per questa specie le diversità evidenziate confermano l importanza e la necessità di formulare razioni diversificate a seconda della modalità di conservazione. Per il sorgo da foraggio non vi sono state differenze rilevanti per quanto riguarda la composizione chimica: come sempre, l essiccazione comporta, rispetto all insilamento, una minor presenza di zuccheri e un maggior contenuto di azoto non proteico e di azoto solubile nel foraggio, ma i tenori in fibra totale e proteine grezze è sostanzialmente uguale nei due tipi di foraggio. L effetto del tipo di conservazione è stato invece significativo per la digeribilità dell NDF e il valore nutritivo che sono risultati maggiori nei sorghi affienati. Gli insilati di sorgo, infatti, hanno avuto valori di IVTDNDF molto bassi e inferiori a quelli riportati da Miron et al. (2004). nche per questo foraggio, inoltre, il calcolo del valore nutritivo in base alla sola analisi chimica si rivela non solo in accurato ma addirittura fuorviante, attribuendo un valore numericamente maggiore al foraggio insilato. Si evidenzia inoltre come in tutte le specie considerate, le concentrazioni di azoto non proteico e di proteina solubile siano state significativamente superiori (tab. 6) nei prodotti insilati, a causa dell attività di proteolisi durante la conservazione in silo. È inoltre importante fare una considerazione generale riguardante la relazione tra composizione chimica e valore nutritivo. differenza di quanto avvenuto per gli insilati, per i quali non vi è stata 7

8 una correlazione significativa tra IVTDNDF e DF e tra IVTDNDF e DL, probabilmente per l effetto di diluizione dell amido anche rispetto all DF e all DL, per i foraggi essiccati vi è stata una correlazione significativa e negativa tra IVTDNDF e DF (r= -0,38; P<0,001) e tra IVTDNDF e DL (r = -0,40; P<0,001) il che evidenzia una miglior corrispondenza con le equazioni di stima NR basate solo sulla composizione chimica. ONLUSIONI L indagine svolta con i numerosi campionamenti e le molteplici analisi chimiche e biologiche effettuate su diversi foraggi dell areale lombardo in oltre un biennio, rivela una notevole variabilità analitica e di valore nutritivo sia tra i foraggi stessi sia all interno delle medesime specie. ltro fattore determinante è il tipo di conservazione del foraggio: l insilamento consente il più delle volte di contenere meglio le perdite di valore nutritivo, ma un ritardo nell epoca di sfalcio o peggio ancora una cattiva tecnica di insilamento compromettono irrimediabilmente la qualità finale del foraggio. Il silomais tra i cereali e la loiessa tra i foraggi prativi non amidacei emergono come le specie a maggior valore nutritivo, il primo grazie al suo tenore in amido, la seconda grazie all eccellente qualità della componente fibrosa, purchè raccolta ad uno stadio precoce di sviluppo (botticella-inizio spigatura). nche i prati polititi e l erba medica si sono rivelati ottimi foraggi, grazie a un elevato tenore proteico e a una buona fermentescibilità nelle prime ore di incubazione. Il sorgo, da granella o da foraggio, appare una foraggera qualitativamente inferiore alle precedenti, anche se uno sfalcio anticipato consente di ottenere una fibra di buona digeribilità. Si conferma l importanza di effettuare sempre un analisi dei foraggi prodotti e utilizzati in azienda, che non si limiti ai parametri chimici ma che, direttamente o indirettamente (per es. tramite NIR), utilizzi analisi biologiche per una stima accurata del reale valore nutritivo del foraggio impiegato nella razione. 8

9 Tab. 1 - omposizione chimica (media e deviazione standard) dei foraggi insilati. (Tutti i valori analitici sono espressi in % s.s., tranne la SS, espressa in % s.t.q.) Mais Frumento Loiessa Prato Sorgo Sorgo Orzo Medica Segale polifita granella foraggio N SS 34,4 36,1 39,3 57,6 31,1 26,4 61,0 20,4 24,9 3,6 5,8 16,2 22,5 5,1 3,0 16,2 2,6 10,0 SO PG NPN Pr. Sol EE NDF DF DL NDFIP DFIP NF c. Org. Zuccheri mido E 95,8 93,4 89,5 DE 87,9 92,1 D 95,0 87,7 E 91,3 D 89,0 0,5 1,7 0,0 3,0 2,9 0,3 3,1 0,8 4,5 8,2 10,0 10,8 17,0 10,3 11,0 21,0 8,6 10,0 0,6 1,6 2,0 3,8 2,4 0,6 3,6 1,1 2,1 3,9 6,3 5,0 5,5 5,2 5,8 9,2 3,5 4,1 1,4 1,1 1,2 2,0 1,2 0,7 4,0 0,8 1,6 4,3 6,6 5,5 6,7 6,3 6,2 10,6 4,5 4,6 1,3 1,2 1,2 2,2 1,7 0,8 4,2 1,4 1,8 D 2,5 1,8 2,4 2,4 1,7 D 2,9 1,6 1,8 D 2,0 0,4 0,5 0,9 0,7 0,3 0,6 0,6 0,5 0,4 39,5 D 49,4 52,4 50,7 50,6 49,2 42,7 D 66,7 60,5 5,0 4,5 5,8 10,1 5,4 6,2 7,8 1,2 4,8 22,7 D 31,1 33,7 31,3 28,8 28,6 33,5 42,4 37,9 2,9 5,5 3,3 3,7 2,7 2,6 5,4 2,0 4,1 2,1 3,6 2,7 3,7 2,9 2,8 6,2 3,4 3,2 0,7 1,7 0,9 0,7 1,5 1,0 1,9 2,4 1,5 DE D 1,3 E 1,8 2,3 4,4 1,8 DE 1,8 3,1 2,0 DE 2,8 0,2 0,5 0,5 1,8 0,4 0,1 0,9 0,3 0,4 0,7 1,1 1,1 1,4 1,0 1,0 1,8 1,2 1,4 0,3 0,6 0,3 0,4 0,3 0,1 0,6 0,5 0,3 DE 47,0 33,9 26,3 D 22,2 31,3 33,7 25,5 D 16,2 E 19,2 4,7 6,0 5,8 7,4 5,1 5,6 4,7 1,7 4,5 D 9,5 9,4 10,6 5,3 13,9 12,4 3,7 11,4 8,0 2,7 4,3 6,7 7,8 2,8 2,3 3,6 2,1 2,9 1,1 4,3 5,3 4,4 0,9 0,4 4,4 0,2 2,0 1,4 3,3 4,7 4,1 0,8 0,5 3,7 0,4 2,0 32,3 12,0 0,8 1,1 12,2 13,7 1,3 1,3 1,5 4,6 5,3 0,6 1,0 5,5 1,9 1,0 1,0 2,4 DE D D DE D E D 9

10 Tab. 2 Profilo fermentativo (media e deviazione standard) dei foraggi insilati. Mais Frumento Loiessa Prato Orzo Sorgo da Medica Segale Sorgo da polifita granella foraggio n ph 3,8 4,0 4,6 5,4 4,0 4,0 5,4 5,2 4,6 0,1 0,3 0,7 0,9 0,2 0,3 0,4 0,2 0,6 c. lattico 6,9 6,9 8,6 4,3 10,4 8,0 2,9 2,4 3,6 (% s.s.) 2,8 4,0 6,1 6,3 3,2 4,2 2,9 1,2 2,0 c. acetico 1,9 1,8 1,5 0,7 2,5 3,1 0,7 4,3 2,7 (% s.s.) 0,8 1,2 0,9 0,9 0,9 1,5 0,7 0,2 1,4 c. propion. 0,3 0,1 0,2 0,0 0,1 0,5 0,0 1,4 0,3 (% s.s.) 0,4 0,1 0,4 0,1 0,2 0,5 0,0 0,5 0,3 c. butirr. 0,0 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0 0,0 2,5 0,5 (% s.s.) 0,0 0,3 0,2 0,0 0,0 0,0 0,0 1,1 0,7 Etanolo 0,4 0,5 0,3 0,4 0,7 0,8 0,1 0,5 0,8 (% s.s.) 0,2 0,4 0,2 0,6 0,7 0,2 0,1 0,1 0,5 NH 3 -N 7,4 7,9 6,0 3,3 5,9 9,5 4,5 45,9 14,7 (% N tot) 2,2 2,9 3,1 1,6 2,0 3,2 3,5 34,8 9,5 Fig. 1 Regressione fra il contenuto di DL e il valore di IVTDNDF (%) negli insilati di foraggere amidacee e in quelli di foraggere prative IVTDNDF (% y = -1,1773x + 52,589 R 2 = 0,0932 y = -1,443x + 72,551 R 2 = 0,5302 FORGGERE PRTIVE FORGGERE MIDEE DL (%NDF) 10

11 Tab. 3 - nalisi biologiche (media e deviazione standard) dei foraggi insilati. n GP 24h (ml/200 mg SS) dso 1 (% ) EM 1 (MJ/kg SS) UFL GP 1 (n/kg SS) IVTDDM 2 (% ) IVTDNDF 2 (% ) UFL dndf 4 NR 3 (% ) UFL NR H. 5 (n/kg SS) Mais 15 58,6 72,6 10,81 0,93 76,7 42,2 0,91 59,0 1,02 3,5 2,8 0,48 0,05 4,9 10,5 0,09 3,3 0,04 Frumento 15 53,2 70,8 10,10 0,86 72,0 45,8 0,79 55,5 0,88 7,7 5,1 0,96 0,10 4,7 7,0 0,10 5,7 0,08 Loiessa 11 51,8 72,7 10,04 0,85 80,6 66,1 0,91 58,3 0,84 4,9 3,4 0,61 0,06 4,4 9,7 0,10 2,9 0,06 Prato polifita 7 45,7 D 72,2 9,54 D 0,80 D 78,4 64,0 0,94 51,2 0,83 D 4,7 4,3 0,63 0,06 5,1 6,7 0,05 3,5 0,04 Orzo 5 47,3 66,8 9,29 D 0,78 D 68,3 39,9 0,71 D 58,4 0,87 5,1 4,4 0,59 0,06 4,2 6,0 0,05 4,9 0,05 Sorgo granella 3 45,2 D 63,5 9,21 D 0,77 D 72,2 45,8 0,86 57,9 0,96 0,7 1,0 0,03 0,00 3,1 2,7 0,07 2,5 0,07 Medica 15 41,7 D 71,4 9,13 D 0,76 D 75,9 49,5 0,86 41,4 0,80 DE 3,4 3,2 0,37 0,04 2,4 7,2 0,06 6,7 0,05 Segale 3 44,0 D 63,6 8,75 DE 0,72 ED 61,5 D 47,0 0,61 D 59,6 0,76 E 5,9 5,0 0,84 0,08 6,3 7,8 0,09 7,1 0,09 Sorgo foraggio 18 40,0 D 62,6 8,32 E 0,68 E 66,8 D 49,9 0,67 D 58,3 0,76 DE 5,8 4,4 0,74 0,07 7,2 10,9 0,15 4,1 0,08 Panico 1 48,4 69,5 9,28 0,78 71,5 56,9 0,72 52,8 0,68 Triticale 1 51,8 67,4 9,66 0,81 71,7 56,6 0,79 63,0 0,86 1 dso: Digeribilità della sostanza organica da Gas production (GP); EM (Energia metabolizzabile) da GP, UFL da GP 2 IVTDDM (In vitro true digestibility dry matter) e IVTDNDF (In vitro true digestibility NDF) determinate in vitro con incubatore nkom Daisy, a 48 ore 3 UFL calcolate secondo il sistema NR 2001 con i valori di IVTDNDF, facendo riferimento al livello alimentare di mantenimento (UFL=NE L (MJ) 1X/7,113). 4 digeribilità dell NDF calcolata dalla sola composizione chimica secondo le equazioni NR UFL calcolate secondo il sistema NR con i valori di dndf 11

12 Tab. 4 - omposizione chimica (media e deviazione standard) dei foraggi essiccati. (Tutti i valori analitici sono espressi in % s.s., tranne la SS, espressa in % s.t.q.) Frumento Loiessa Panico Sorgo foraggio Prato polifita Medica Medica dis. Paglie N SS 88,1 85,0 85,1 86,2 86,6 87,6 86,9 87,5 3,7 0,5 2,7 1,1 2,8 3,9 0,3 1,0 SO 90,8 90,0 89,3 88,9 91,6 89,9 88,0 93,0 4,4 2,2 0,9 0,8 2,1 1,8 1,7 1,0 PG 12,2 11,5 12,2 10,7 12,0 17,7 18,0 3,5 3,5 2,7 4,2 0,6 2,7 3,4 2,1 0,7 NPN 3,3 3,5 3,8 1,8 2,2 5,0 4,9 0,0 1,3 2,1 2,0 0,1 1,1 1,7 1,2 0,1 Pr. Sol. 4,4 5,0 3,8 2,7 D 3,6 6,5 6,4 0,3 D 0,8 2,8 2,0 0,0 1,4 1,9 1,9 0,3 EE 0,9 1,4 1,2 1,0 1,3 1,1 1,4 0,8 NDF DF DL NDFIP DFIP NF Zuccheri mido 0,2 0,0 0,6 0,0 0,6 0,3 0,4 0,1 59,2 56,8 62,0 58,8 57,6 47,9 D 43,1 D 79,9 0,0 0,8 4,6 0,0 5,5 7,3 3,4 4,5 36,1 33,1 34,5 32,0 33,8 35,9 34,4 50,0 0,8 1,9 3,3 0,1 3,6 5,7 2,5 1,8 4,2 2,3 3,6 6,1 3,0 6,3 6,0 5,8 0,8 0,8 1,6 4,9 1,8 3,0 3,6 3,8 2,5 3,2 4,6 3,9 4,1 3,3 2,9 2,2 1,3 0,8 2,3 0,3 1,0 1,4 1,5 0,7 0,8 D 1,3 D 0,9 D 0,6 D 1,3 1,6 1,7 1,1 D 0,0 0,0 0,3 0,1 0,6 0,3 0,3 0,1 21,0 23,6 18,6 22,2 24,8 26,5 28,3 10,9 6,4 5,0 4,3 0,5 3,6 5,4 1,6 5,3 7,8 10,8 6,6 4,6 8,9 5,5 4,9 1,0 8,7 4,9 5,0 0,4 3,2 2,7 2,1 0,9 0,7 0,3 1,7 0,6 0,8 1,3 1,1 1,9 0,0 0,1 1,0 0,0 0,6 1,4 0,5 2,8 12

13 Tab. 5 - nalisi biologiche (media e deviazione standard) dei foraggi essiccati. Frumento Loiessa Panico Sorgo da Prato Medica Medica foraggio polifita disidr. Paglie N GP 24h 49,2 49,7 47,5 49,4 45,1 40,0 40,6 33,6 (ml/200 mg SS) 7,1 0,3 4,9 0,7 4,3 3,5 3,7 5,8 dso 1 70,5 71,0 70,0 71,0 66,3 66,6 68,5 50,6 (%) 1,0 3,4 4,4 0,4 4,8 4,2 2,5 5,4 EM 1 9,60 9,66 9,39 9,54 9,06 8,67 8,79 6,98 (MJ/kg SS) 0,78 0,21 0,65 0,13 0,62 0,55 0,39 0,80 UFL GP 1 0,81 0,81 0,79 0,80 0,75 0,71 0,72 0,55 (n./kg SS) 0,08 0,02 0,06 0,01 0,06 0,05 0,04 0,08 IVTDDM 2 72,6 79,2 72,5 79,6 70,8 69,9 73,4 47,4 (%) 1,4 0,1 4,6 0,7 5,9 5,2 2,3 6,1 IVTDNDF 2 61,8 69,8 58,3 68,1 53,2 41,5 D 44,8 D 35,7 D (%) 4,5 0,4 6,6 0,3 8,4 6,5 4,3 11,9 UFL NR 3 0,85 0,93 0,80 0,90 0,80 0,77 0,79 0,33 (n./kg SS) 0,08 0,02 0,14 0,02 0,11 0,10 0,03 0,11 UFL NR 4 0,77 0,82 0,77 0,70 0,84 0,79 0,79 0,61 (n./kg SS) 0,07 0,01 0,06 0,15 0,07 0,10 0,07 0,11 dndf 5 54,8 59,6 55,3 48,8 56,6 44,5 44,1 56,1 (%) 3,8 2,0 6,4 12,5 5,7 9,4 14,3 9,8 1 dso: Digeribilità della sostanza organica da Gas production (GP);EM (Energia metabolizzabile) da GP, UFL da GP 2 IVTDDM (In vitro true digestibility dry matter) e IVTDNDF (In vitro true digestibility NDF) determinate in vitro con incubatore nkom Daisy, a 48 ore 3 UFL calcolate secondo il sistema NR con i valori di IVTDNDF,, facendo riferimento al livello alimentare di mantenimento (UFL=NE L (MJ) 1X/7,113). 4 UFL calcolate secondo il sistema NR con i valori di dndf 5 digeribilità dell NDF calcolata dalla sola composizione chimica secondo il sistema NR 13

14 Tab. 6 - onfronto per i parametri chimici risultati significativamente diversi (P<0.05) tra foraggi insilati ed essiccati. Medica Prato Frumento Sorgo da foraggio Insil. Fieno P Insil. Fieno P Insil. Fieno P Insil. Fieno P NDF 42,7 47,9 0,031 50,7 57,6 0,014 49,4 59,2 0,009 58,9 58,8 0,983 PG 21,0 17,7 0,004 17,0 12,0 0,002 10,0 12,2 0,130 10,1 10,7 0,690 NPN 9,2 5,0 0,001 5,5 2,2 0,001 6,3 3,3 0,003 4,4 1,8 0,038 Prot. Sol. 10,6 6,5 0,001 6,7 3,6 0,001 6,7 4,4 0,019 4,8 2,7 0,110 mido 1,3 1,3 0,817 1,1 0,9 0,368 12,0 0,7 0,010 3,2 0,6 0,469 Zuccheri 4,4 5,5 0,279 4,4 8,9 0,003 4,3 7,8 0,255 1,8 4,6 0,062 Tab. 7 - onfronto tra il valore nutritivo dei foraggi insilati ed essiccati. Medica Prato Frumento Sorgo da foraggio Insil. Fieno P Insil. Fieno P Insil. Fieno P Insil. Fieno P UFL-GP 0,76 0,71 0,007 0,80 0,75 0,087 0,86 0,81 0,508 0,69 0,80 0,054 IVTD-NDF 49,5 41,5 0,000 64,0 53,2 0,003 45,8 61,8 0,008 49,3 68,1 0,018 UFLvitro NR 0,86 0,77 0,001 0,94 0,80 0,002 0,79 0,85 0,478 0,70 0,90 0,091 UFLchim NR 0,80 0,79 0,863 0,83 0,84 0,881 0,88 0,77 0,102 0,79 0,70 0,247 14

15 Fig. 2 Fermentescibilità dei diversi foraggi essiccati. Volume di gas prodotto (ml) Fieno di frumento, loiessa, panico e sorgo da foraggio Fieno di prato polifita Erba medica disidratata e Fieno di erba medica Paglia Tempo di incubazione (ore) Fig. 3 Foraggi essiccati: regressione tra le UFL calcolate in base alla gas production e quelle calcolate con equazione NR in base alla digeribilità in vitro della fibra (IVTDNDF). 1,2 1 0,8 y = 1,4x - 0,2541 R 2 = 0,5595 UFL NR 0,6 0,4 0, ,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 UFL GP 15

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

La filiera del Parmigiano Reggiano

La filiera del Parmigiano Reggiano I SUPPLEMENTI DI La filiera del Parmigiano Reggiano Latte, produzione, mercato 56 Copyright Regione Emilia-Romagna - Anno 2014 Coordinamento redazionale MAGDA C. SCHIFF - Crpa SpA, Reggio Emilia OLGA CAVINA

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Il foraggio migliore.

Il foraggio migliore. Il foraggio migliore. Animali sani. Maggior successo. 97+401.05.1013 La qualità del foraggio è fondamentale per il vostro successo. Come una qualità ottimale del foraggio si ripercuote sul latte e sul

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

VALORIZZAZIONE ENERGETICA

VALORIZZAZIONE ENERGETICA ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VALORIZZAZIONE ENERGETICA del BIOGAS La produzione di biogas in Italia La digestione anaerobica Le biomasse per la produzione di biogas Il digestato:

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE Per gli studenti del 1 Anno della Facoltà di Agraria APPUNTI DALLE LEZIONI (A.A. 00/003) Andrea Onofri Dipartimento di Scienze Agroambientali e della

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \

LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \ LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \ Gli attori della umificazione Lombrichi Assicurano il mescolamento nel suolo dei residui organici Portano

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 Loredana De Gaetano 2 Sommario Lo scopo della tipologia comunitaria consiste nel fornire uno

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli