Frodi nel settore lattiero-caseario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Frodi nel settore lattiero-caseario"

Transcript

1 Frodi nel settore lattiero-caseario Prof. Luisa Pellegrino Ordinario di Chimica e Tecnologia del Latte Dipartimento Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche Università degli Studi di Milano Le frodi alimentari: aspetti tecnici e giuridici Rovigo, 5 giugno 2009

2 L Italia produce 10,8x10 6 t di latte vaccino, pari a circa il 50% del proprio fabbisogno e importa il restante 50%

3 Composizione dell import italiano 2006 nel settore lattiero-caseario (*) Concentrati del latte 27,0% Yogurt e latti fermentati 4,6% Formaggi 23,9% Altri prodotti 6,3% (*) Quantità in equivalenti latte Latte liquido 38,3%

4 Latte italiano 42% 30% 28% Formaggi DOP Formaggi generici Latte alimentare

5 Principali problemi nel controllo dei prodotti lattiero-caseari Oltre a una sostanziale obsolescenza della legislazione: Complessità della materia prima Numero enorme strutture di trasformazione Non esiste l azienda mono-prodotto Riutilizzo di co-prodotti o sottoprodotti Difficile tracciabilità Semilavorati

6 PRINCIPALI FILIERE DI LAVORAZIONE DEL LATTE LATTE CRUDO INTERO SCREMATURA CREMA CASEINA CONCENTR ESSICCAZIONE TRATT. TERMICO LATTE PARZ. SCREMATO TRATT. TERMICO LATTE MAGRO SEPARAZIONE COMPONENTI DEL LATTE SIERO PROTEINE LATTOSIO LATTE in POLVERE FORMAGGI CASEIFICAZIONE TRATT. TERMICO CREMA ALIMENTARE FERMENTAZIONE LATTI FERMENTATI (es. yogurt) RICOTTA SIERO TRATT. TERMICO SCRE- MATURA TRATT. TERMICO BURRIFICAZIONE LATTICELLO BURRO LATTE ALIMENTARE CONCENTR. CONCENTR. CONCENTR. LATTE PASTORIZZATO SCOTTA ESSICCAZIONE ESSICCAZIONE ESSICCAZIONE LATTE UHT LATTE STERILE IN BOTTIGLIA LATTOSIO SIERO IN POLVERE LATTE MAGRO IN POLVERE LATTICELLO IN POLVERE

7 SCHEMA LAVORAZIONI DI UN CASEIFICIO (es. PASTE FILATE) LATTE in INGRESSO TRASPORTO LATTE tank stoccaggio latte SCAMBIATORE TERMICO latte LAVORAZIONE CALDAIA cagliata cagliata FILATRICE FORMATRICE acqua calda CONFEZIONAMENTO latte siero estratto SCAMBIATORE TERMICO 5% latte +95% siero SCAMBIATORE TERMICO acqua di filatura SCOTTA ricotta SIERO tank stoccaggio siero SIERO crema tank maturazione crema crema tank stoccaggio acqua di filatura FORMAGGIO STAGIONATO COAGULAZIONE RICOTTA SCAMBIATORE TERMICO SCREMATRICE tank stoccaggio SCAMBIATORE TERMICO crema SCREMATRICE CONFEZIONAMENTO RICOTTA SIERO MAGRO siero magro LATTICELLO BURRIFICATRICE CONFEZIONAMENTO BURRO

8 N stabilimenti italiani riconosciuti per produzione e immissione sul mercato Reg. (EC) 852/2004 e Reg. (EC) 853/2004 Latte e derivati Carni fresche Prodotti pesca Pollame 830

9 Produzione nazionale di latte vaccino (2007) : 10,9 x10 6 t

10 Situazione 2007 rilevata da dati Assolatte e Ministero Salute LOMBARDIA PUGLIA SICILIA Produzione latte (t) N aziende di trasformazione Latte trasformato (t/anno) media per azienda Formaggio prodotto* (Kg/giorno) media per azienda * Calcolato su base E.L.= 10

11 Latte crudo Sommario Latte alimentare (pastorizzato e UHT) Formaggi DOP Formaggi generici Formaggi destinati alla trasformazione Burro

12 Latte crudo

13 Latte crudo Battofugazione alla stalla Annacquamento Riduzione contenuto grasso (calcolo consegne quote)

14 Battofugazione alla stalla Latte crudo Dati Istituto Zooprofilattico Lombardia e Emilia Romagna

15 Latte crudo Annacquamento - Abrogato art. 4 Dir 92/46 che fissava p.c.< C - Reg. (CE) N. 2597/97: il latte alimentare deve avere p.c. che si avvicini a quello medio del latte crudo della stessa zona - Il controllo del p.c. non è previsto dai Regolamenti del Pacchetto Igiene - E ancora inserito nei capitolati di acquisto

16 Dati Istituto Zooprofilattico Lombardia e Emilia Romagna Latte crudo - Annacquamento 10,9 9,7 11,4 6,5 5,3 6,7 9,3

17 Latte crudo! L aggiunta fino al 5% di una soluzione di NaCl isotonica (9g/L) al latte non è rilevabile sulla base del p.c. e non modifica la composizione salina (Na e Cl) del latte Annacquamento

18 Riduzione contenuto in grasso Latte crudo - Ai fini del conteggio delle quote latte (Reg. (CE) 1788/2003), la quantità di latte prodotta mensilmente dal singolo conferente viene corretta rapportando il contenuto di grasso rilevato sul quel latte con il contenuto di grasso di riferimento assegnato allo Stato Membro (per l Italia: g/kg ). - Se il contenuto di grasso del latte risulta inferiore al valore di riferimento, la quantità di latte conteggiata al conferente viene diminuita dello 0,18 % per ogni 0,1 g di grasso in meno per Kg di latte.! E stata individuata l aggiunta di latte magro in campioni di latte prelevato per l analisi del contenuto di grasso

19 Latte alimentare

20 Latte pastorizzato Latte Alimentare In Italia la Legge 169/1989 definisce e tutela: Latte Fresco Pastorizzato di Alta Qualità Latte Fresco Pastorizzato Latte Pastorizzato - confezionato entro 48h dalla mungitura - 1 solo trattamento term. - limite max trattamento (metodo di controllo) - contenuto min proteine -scadenza max7 gg - può essere pastorizz. 2 volte - limite max trattamento (metodo di controllo) -scadenza max7 gg

21 Latte pastorizzato Latte Alimentare Il DM prevede un livello massimo di 8.6 mg di furosina /100g proteine per il latte crudo e per il latte pastorizzato perossidasi-positivo. Questo parametro garantisce che nel latte non sia presente latte in polvere ricostituito, latte sterilizzato, altri ingredienti proteici del latte trattati a temperatura elevata o essiccati. Dunque, il latte pastorizzato prodotto in Italia è controllato sia dal punto di vista qualitativo (limite al danno termico) che della genuinità (assenza di altri derivati lattieri)

22 Latte Alimentare Il consumo di latte UHT in Italia oggi supera quello di latte pastorizzato Ripartizione per tipo del latte alimentare (dati Assolatte, 2007)

23 Latte sterilizzato UHT Latte Alimentare La qualità del latte UHT non è tutelata, né in Italia né nella UE nessun limite max al trattamento termico nessun parametro di qualità e genuinità nessun metodo di controllo ufficiale nessun limite alla conservabilità

24 Lattulosio e furosina in latte UHT del commercio nazionale Latte Alimentare , = UHT diretto, n=43 = UHT indiretto, n=22 Lactulose (mg/l) Limite max proposto Intervallo di confidenza a ±2σ rilevato da Pellegrino et al (1995) Cattaneo et al Furosine (mg/100 g protein)

25 Condizioni che determinano un eccesso di lattulosio a parità di furosina Abuso di temperatura (ricircolo latte nell impianto di sterilizzazione) Recupero latte scaduto Neutralizzazione latte acidificato Aggiunta siero o permeato da UF Latte Alimentare

26 Formaggi DOP

27 Protezione della denominazione Regg. (CE) N. 509/2006 e 510/2006 DOP - origine e caratteristiche legati ad un area geografica definita - materia prima, produzione, confezionamento vincolati a quell area - tecnologia di lavorazione secondo usi leali e costanti IGP - origine e una caratteristica o qualità legati ad un area geografica definita; - produzione e/o stagionatura devono avvenire in quell area STG (no legame con territorio) - tecnologia di lavorazione tradizionale descritta in un disciplinare oppure - composizione tradizionale - con o senza riservazione del nome

28 Formaggi DOP italiani (31) Asiago Bitto Bra Caciocavallo Silano Canestrato Pugliese Casciotta d'urbino Castelmagno Fiore Sardo Fontina Formai de Mut Gorgonzola Grana Padano Montasio Monte Veronese Mozzarella di Bufala Campana Murazzano Parmigiano Reggiano Pecorino Romano Pecorino Sardo Pecorino Siciliano Pecorino Toscano Provolone Valpadana Quartirolo Lombardo Ragusano Raschera Robiola di Roccaverano Spressa delle Giudicarie Taleggio Toma Piemontese Valle d'aosta Fromadzo Valtellina Casera

29 Produzione casearia italiana (t)! 5 DOP assorbono 50% del LATTE ITALIANO Latte impiegato Prodotto ottenuto Grana Padano Mozzarella e simili Parm.- Reggiano Crescenza Gorgonzola Provolone Asiago Pecorino Romano Altri

30 Formaggi duri stagionati Import 2007 t pari al 6% della produzione di GP + PR Grattugiato

31 Quasi forme di Grana Padano (11% produzione) diventano grattugiato Grana Padano grattugiato Il D.P.C.M. 4/11/1991 ha esteso la D.O.P. del Grana Padano al prodotto grattugiato Requisiti essenziali: essere ottenuto esclusivamente da forme intere stagionate almeno 9 mesi la composizione amminoacidica deve essere quella specifica del GP quantità di crosta presente non superiore al 18%

32 Parametri per il controllo del Grana Padano grattugiato Composizione in amminoacidi liberi Rapporto tra peptidi specifici Attività fosfatasica Caseine e peptidi del Grana Padano (CZE) Separazione della crosta in gradiente di saccarosio Assorbanza relativa (mau a 234 nm) ,4 0,4-1,4 4,0-6,0 αs-p αs2'-cn Minuti Crosta > 18% GP stagionato <9mesi formaggi difettati formaggi diversi da GP Formaggi da latte pastorizzato

33 Investigation on marketed grated GP cheese Effect of adoption of quality control scheme Irregular GP samples %

34 Formaggi generici

35 Definizione di Formaggio Regio D.L. n del 1925 Prodotto ottenuto dal latte intero o parzialmente o totalmente scremato, oppure dalla crema, in seguito a coagulazione acida o presamica, anche facendo uso di fermenti e di sale da cucina

36 Schemi di fabbricazione della Mozzarella e dei prodotti di imitazione MOZZARELLA NATURALE CAGLIO LATTE LIQUIDO FORMAGGIO FRESCO INNESTO NATURALE (o ACIDO CITRICO) SOSTITUTI DELLA MOZZARELLA PROTEINE del LATTE, CASEINE, CASEINATI, CAGLIATA, SIERO POLV. BURRO ACQUA FERMENTAZIONE LATTICA (solo quando è presente l innesto) (fino a ph ) MISCELAZIONE A CALDO (65-70 C) FILATURA E FORMATURA (70-80 C) FILATURA E FORMATURA (57-62 C) RAFFREDDAMENTO (a 4 C) RAFFREDDAMENTO (a 4 C) SALATURA SALATURA CONFEZIONAMENTO CONFEZIONAMENTO

37 Dalla scheda tecnica di prodotto surgelato destinato alla GDO Pizza rustica: Ingredienti per la farcitura (50,0%): polpa di pomodoro 28,2%, speck 12,7% (carne suina, ecc.), provola affumicata 9,1% (acqua, formaggio fuso, proteine del latte, cagliata di latte, burro, sale, correttore di acidità: E330, E331, trattata in superficie con aroma di fumo liquido), sale, origano. Aspetto: il prodotto ha forma circolare e presenta il tipico aspetto di una pizza classica, farcita con speck e tipico formaggio affumicato.

38 Derivati del latte essiccati - Latte in polvere - Caseine e caseinati separati dal latte per acidificazione o coagulazione, sciolti a ph 9-10, essiccati - Proteine del latte essiccate (MPC, WPC): - separate dal latte o dal siero per UF o per coagulazione acido-termica, essiccate - miscele varie (es. caseinato + siero in polvere) - contenuto proteico (e prezzo) variano molto Tutti sono importati: tracciabilità?

39 Perché si usano? Consentono di: Standardizzare il contenuto proteico del latte da caseificare e quindi le caratteristiche strutturali del prodotto finito Ridurre i costi di produzione Incrementare la resa (anche del 6-7% rel)

40 Si possono usare nei formaggi? - Latte in polvere: vietato in tutti i tipi di formaggio (Legge n. 138/74) - Caseine e caseinati: solo se necessari e previa autorizzazione (formaggi fusi) (Regg. CE 1234/2007 e 760/2008) - Proteine del latte essiccate: vietate in tutti i tipi di formaggio * (Regio D.L. 1925, Circolare ICRF , Circolari MIPAF , e ) * I Ministeri della Salute e delle Attività Produttive non la pensano così!!! (Circolare MinSal )

41 La Dir. CE 92/46 (recepita dal DPR n. 54/97) prevedeva, per il latte da destinarsi alla fabbricazione di prodotti a base di latte, l aggiunta o la sottrazione di suoi costituenti naturali Le proteine del latte essiccate sono costituenti naturali del latte?! Non esiste una loro definizione tecnologica!

42 Reazioni a carico delle proteine del latte a seguito di trattamento termico In presenza di lattosio In assenza di lattosio (es. latte polvere) (es. caseine, caseinati, proteine del latte) Reazione di Maillard FUROSINA Reazione di β-eliminazione LISINOALANINA

43 Campioni commerciali di formaggio a pasta filata Pellegrino et al., FUR mg/100g proteina Limite MAX Fur DM Nel formaggio genuino non c è LAL! LISINOALANINA mg/1000g proteina

44 Nel 2006 l Italia ha importato t di derivati lattieri in polvere per un valore di 288 milioni di euro (3 a voce nelle importazioni lattiere, dopo formaggi e latte liquido)! Questi ingredienti sono utilizzati in molti formaggi senza essere dichiarati in etichetta

45 Formaggi destinati alla trasformazione (?!?)

46 Ingredienti lattieri vari MIXER CICLO DI LAVORAZIONE PER PRODUZIONE DI SEMILAVORATI 5 mm T: 6-10 C C t : 90 min SCAMBIATORE A SUPERF. RASCHIATA 1 mm T: 60 C 85 C t : min SCAMBIATORE A SUPERF. RASCHIATA 300 μm VIBROVAGLIO CONFEZ. SOTTOVUOTO FORMAGGIO SEMILAVORATO? SCAMBIATORE A SUPERF. RASCHIATA 100 μm SCAMBIATORE A SUPERF. RASCHIATA T: 85 C 120 C t : 120 min Degaser BATCH DI FUSIONE Altri ingredienti (caseina) T: 80 C t : 15 min LEGENDA ----= ricircolo prodotto T = temperatura t = tempo In blu = dispositivo di filtrazione (Ф pori) ESSICCATORE A LETTO FLUIDO T aria: C 1 mm FORMAGGIO IN POLVERE?

47 Burro tradizionale

48 Burro tradizionale In base al Reg. No 2991/94, il burro può essere denominato tradizionale solo se ottenuto direttamente dal latte o dalla crema (di latte) In Italia vi è moltissima crema di siero (deriva dalla scrematura del siero, sottoprodotto della caseificazione) L utilizzo di crema di siero in burrificazione viene riconosciuto rilevando nel burro la presenza del caseino-macropeptide (peptide che il caglio stacca dalla caseina durante la produzione di formaggio) (metodo HPLC, EU Reg. No 213/2001)

49 L identificazione del caseino-peptide richiede HPLC/ESI-MS AU Burro da crema di siero Minutes : : 100 : : CMP A mass AU Genuine butter Minutes? pseudo CMP mass k-casein pseudo CMP

50 Conclusioni L innovazione tecnologica mette a disposizione mezzi per produrre derivati del latte in maniera più economica e quindi competitiva La legislazione italiana vigente vieta in gran parte il ricorso a detti mezzi Alcune di queste tecniche potrebbero essere autorizzate per i prodotti generici senza scadimento qualitativo In attesa di ciò, occorre accertare il rispetto delle norme vigenti: per garantire concorrenza leale tra produttori italiani e per correttezza verso il consumatore Implementere e coordinare il sistema dei controlli

51 Grazie per l attenzione!

Frodi e alterazioni dei prodotti lattiero-caseari

Frodi e alterazioni dei prodotti lattiero-caseari IV Meeting nazionale sulla sicurezza alimentare Roma, 23-24 maggio 2008 Frodi e alterazioni dei prodotti lattiero-caseari Luisa Pellegrino Ordinario di Chimica e Tecnologia del Latte DISTAM Sez. Industrie

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

O) DERIVATI DEL LATTE FORMAGGI E BURRO

O) DERIVATI DEL LATTE FORMAGGI E BURRO O) DERIVATI DEL LATTE FORMAGGI E BURRO 304. Ordinazione e prenotazione. Tutti i formaggi, sia a pasta molle che a pasta dura o semidura, possono essere oggetto di compravendita anche prima che inizi la

Dettagli

Composizione di formaggi DOP italiani

Composizione di formaggi DOP italiani Composizione di formaggi DOP italiani Manzi P., Marconi S., Di Costanzo M.G., Pizzoferrato L. Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina 546, 00178 Roma Tel. +3906514941

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

Grana Padano Forme. Grana Padano Tranci 00.. - FORME PV 1 004.. - FORME MARCHIATO (16 MESI) PV 1.. - FORME RISERVA (20 MESI) PV 1

Grana Padano Forme. Grana Padano Tranci 00.. - FORME PV 1 004.. - FORME MARCHIATO (16 MESI) PV 1.. - FORME RISERVA (20 MESI) PV 1 1 PRODUTTORE AL MONDO In Lombardia il settore lattiero-caseario inizia a organizzarsi nei primi anni del 1900. Sorsero allora i primi caseifici sociali e nel 1928 si costituì il Consorzio del Grana Tipico

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

COMMERCIO DEL LATTE E SUOI DERIVATI

COMMERCIO DEL LATTE E SUOI DERIVATI l) Latte e derivati COMMERCIO DEL LATTE E SUOI DERIVATI Sommario DEFINIZIONI 1. Definizioni di latte 2. Definizioni di colostro 3. Definizione di produttore di latte 4. Definizioni di industriale del latte

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Che cos'è il formaggio? 2. Come si produce? 3. Che usi si possono fare del formaggio? 4. Che importanza riveste il formaggio per l'organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare PRODOTTI CASEARI CONFINDUSTRIA CUNEO Sportello Alimentare Corso Dante 51 - Cuneo Rif.: d.ssa Elisabetta Nocera 31.12.2013 Revisione 1 TELEFONO 0171 455408

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

catalogoformaggi - A-C

catalogoformaggi - A-C catalogoformaggi - A-C Denominazione Regione di produzione Tipologia di latte Classificazione Anno assegnazione DOP Immagine Asiago Veneto Trentino Alto Adige pasta semidura Maturazione lenta Bitto Pasta

Dettagli

Latticini e formaggi confezionati

Latticini e formaggi confezionati Denominazione Descrizione Unità Foto Bianco di Montegalda Burro soster Burro Hombre Formaggio semi-stagionato a pasta molle a coagulazione lattico/presamica con sviluppo di muffa bianca sulla crosta (pennicillum

Dettagli

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Unione Nazionale Consumatori 1 Convegno Istituzionale Trasporto di Qualità per alimenti sicuri. Parte Terza: Linee guida per un protocollo

Dettagli

Valutazione della formazione

Valutazione della formazione Valutazione della formazione 1.2: separare e standardizzare la materia prima con separatore centrifugo Autovalutazione della persona in formazione sulle proprie competenze operative Secondo me, le mie

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 14/15 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti ANALISI del LATTE Le centrali del latte e gli stabilimenti di trattamento sono dotati di laboratorio in cui viene analizzato il latte in entrata ed il latte in uscita. Le analisi devono: Comunque, come

Dettagli

Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione

Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione VOLUME 2 Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione Capitolo 21 - Il confezionamento dei prodotti lattiero caseari Flavio Levati 21.1 I materiali di confezionamento... 21-3

Dettagli

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari

progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari P.R.U.S.S.T - CALIDONE PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO progetto pilota per l implementazione di filiere agroalimentari 1^ annualità Quadro Forestali posti a capo

Dettagli

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE COS È UN MINICASEIFICIO Sistema di trasformazione sufficiente per il latte di produzione

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE Aprile 2012 Disposizioni generali Il presente Regolamento riporta le norme e le procedure necessarie per

Dettagli

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP Descrizione Formaggio semigrasso, a pasta dura, cotta ed a lenta maturazione, prodotto con coagulo ad acidità di fermentazione, dal latte crudo di vacca, proveniente da

Dettagli

Bozza UNI Riproduzione riservata

Bozza UNI Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U59099510 Yogurt con aggiunta di altri ingredienti alimentari Definizione, composizione e caratteristiche Yogurt and yogurt with addition of food ingredients Definition,

Dettagli

IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1

IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1 IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1 Bonazzi G., Manghi E. 2 1. Premessa In Italia sono riconosciuti 31 formaggi a Denominazione di Origine Protetta,

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria

PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo Statale Amaseno/Scuola Primaria Associazione SERAF Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto EUREKA Uno PROGETTO per la rappresentazione della produzione della Mozzarella di Bufala Scuola: Istituto Comprensivo

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I LATTICINI I prodotti derivati dal latte sono : i formaggi, la panna, il burro e lo yogurt FORMAGGIO Il formaggio, è il prodotto ottenuto dalla coagulazione acida o presamica

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE CARATTERISTICHE MICROBIOLOGICHE E CHIMICO-FISICHE DEGLI ALIMENTI, DEGLI AMBIENTI E DELLE STOVIGLIE Allegato n. 2 AL CAPITOLATO

Dettagli

Docente di Scienze e Tecnologie Alimentari Università àdegli Studi di Bari

Docente di Scienze e Tecnologie Alimentari Università àdegli Studi di Bari 29 Aprile 2011 Un marcatore molecolare di freschezza a tutela della qualità della mozzarella vaccina Prof. Michele Faccia Docente di Scienze e Tecnologie Alimentari Università àdegli Studi di Bari IL MADE

Dettagli

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE (g/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 48 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo

Dettagli

Biodiversità e globalità

Biodiversità e globalità CFP Clusone SCUOLA 21 Biodiversità e globalità Clusone, 27 febbraio 2015. 1 TUTELA & VALORIZZAZIONE 2 Già da tempo in Italia si cerca di tutelare una serie di prodotti alimentari come vino, olio, salumi,

Dettagli

Formaggi di tipo Grana:

Formaggi di tipo Grana: Formaggi di tipo Grana: Qualità del latte ed idoneità della caseificazione sui risultati produttivi Sermide (MN), 7 giugno 2013 Prof. Gian Battista Castagnetti Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari

Dettagli

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati L'alimentazione è uno dei fattori che maggiormente

Dettagli

Formaggio & dintorni 1

Formaggio & dintorni 1 Formaggio & dintorni 1 2 DEFINIZIONE Secondo la legislazione italiana: prodotto che si ottiene da latte intero o scremato, oppure dalla crema, in seguito a coagulazione acida (mediante fermenti lattici),

Dettagli

ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05.

ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05. ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05. Il piano è programmato in esecuzione della L.R. 3/05.

Dettagli

applicativi nel settore caseario Dr.ssa Lucia Monti CRA-FLC, Settore lattiero-caseario - Lodi

applicativi nel settore caseario Dr.ssa Lucia Monti CRA-FLC, Settore lattiero-caseario - Lodi Aflatossine: Disposizioni e decreti applicativi nel settore caseario Dr.ssa Lucia Monti CRA-FLC, Settore lattiero-caseario - Lodi (lucia.monti@entecra.it) L aflatossina M 1 (AFM 1 ) Contaminazione in campo

Dettagli

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza)

CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza) CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza) DIREZIONE AFFARI GENERALI E SERVIZI AL CITTADINO CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI NECESSARIE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA COMUNALE

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia

Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Appunti del modulo di tecnologia lattiero-casearia Parte 2 - Il latte alimentare ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO LATTE MICROFILTRATO

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2484 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO Disposizioni per il contrasto delle frodi nella produzione

Dettagli

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico

Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Parliamo di latte per capirne il percorso tecnologico Il recepimento della Direttiva Comunitaria n. 43/93 sull igiene dei prodotti alimentari ha introdotto il principio dell autocontrollo, da parte delle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE

STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE Febbraio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TD15U Produzione

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero (Ordinanza sul sostegno del prezzo del latte, OSL) 916.350.2 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 febbraio 2002) Il Consiglio

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

UN APPROCCIO CHIMICO PER INDIVIDUARE LE FRODI NEL SETTORE LATTIERO-CASEARIO STEFANO CATTANEO

UN APPROCCIO CHIMICO PER INDIVIDUARE LE FRODI NEL SETTORE LATTIERO-CASEARIO STEFANO CATTANEO UN APPROCCIO CHIMICO PER INDIVIDUARE LE FRODI NEL SETTORE LATTIERO-CASEARIO STEFANO CATTANEO stefano.cattaneo@unimi.it Bilancio autoapprovvigionamento latte in Italia (2014) (I) Consegne e importazioni

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Consworld. di Savoi Massimo. L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte. newhey. destinata a tutti i Caseifici. In collaborazione con :

Consworld. di Savoi Massimo. L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte. newhey. destinata a tutti i Caseifici. In collaborazione con : L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte newhey destinata a tutti i Caseifici In collaborazione con : Ing.E.Vezzadini& C srl Nòrea Pancolini srl COSA SI OTTIENE DAL SIERO DEL LATTE PANNA BURRO

Dettagli

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP A.I.Te.L 4 Congresso Lattiero-caseario, Padova 12 settembre 2014 Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP Enrico Salvatore, Massimo Pes, Stefano Furesi, Margherita

Dettagli

Aree di produzione e prospettive delle DOP casearie italiane

Aree di produzione e prospettive delle DOP casearie italiane Scuola di Sicurezza Alimentare La valorizzazione del prodotto agroalimentare prospettive-strategie-comunicazioni Aree di produzione e prospettive delle DOP casearie italiane Vincenzo Bozzetti D.T. IL LATTE

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 STANDARD DEI VALORI MICROBIOLOGICI E CHIMICO- FISICI DELLE DERRATE ALIMENTARI E DEGLI AMBIENTI

Dettagli

La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario

La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario Sviluppo sollecitato dal mercato Relazioni di lungo termine con il cliente Noi della DSS cooperiamo coi clienti e con altri partner commerciali

Dettagli

www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it

www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it - www.unpisi.it SEGNALAZIONI LEGISLATIVE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 16-01-2006 COM. MPAF. "Domanda di registrazione della denominazione «Chouriça de carne de Barroso - Montalegre», ai sensi dell'articolo

Dettagli

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo A cura del dott. Franco Parola Tracciabilità - Rintracciabilità Lotti - Filiera Dal campo alla tavola La filiera è l insieme di

Dettagli

GIOVANNI BALLARINI FORMAGGI FORMAGGI D ITALIA

GIOVANNI BALLARINI FORMAGGI FORMAGGI D ITALIA Agricoltura oggi 109 D ITALIA L Italia è il Paese dell Unione Europea che ha il maggior numero di formaggi DOP, ben 41, ed il mggiore consumo annuale di formaggi a testa, circa 20 Kg. Il formaggio è una

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 STANDARD DEI VALORI MICROBIOLOGICI E CHIMICO- FISICI DELLE DERRATE ALIMENTARI E DEGLI AMBIENTI Allegato

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

Il Mondo Dei Formaggi

Il Mondo Dei Formaggi Tesina Di Terza Area dell alunno frequentante nell Anno 2010/11 il Corso 5/03 presenta: Il Mondo Dei Formaggi Indice 1. Due passi nella storia 2. Dal latte al Formaggio - Il sapore del latte; - La pastorizzazione

Dettagli

Ordinanza sulle derrate alimentari

Ordinanza sulle derrate alimentari Ordinanza sulle derrate alimentari (ODerr) Modifica del 27 marzo 2002 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 1 marzo 1995 1 sulle derrate alimentari è modificata come segue: Art. 3 cpv.

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI

All. D) SCHEDA RELATIVA AI PRODOTTI BURRO E FORMAGGI CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI OCCORRENTI ALLA FONDAZIONE DON MOZZATTI D APRILI PER LA DURATA DI TRE ANNI DALLA DATA DI AGGIUDICAZIONE. CIG - 6478550C93 All.

Dettagli

BACCALA PASTELLATO PANZEROTTINI PUGLIESI A PIZZAIOLA PANZEROTTINI PUGLIESI AI 4 FORMAGGI

BACCALA PASTELLATO PANZEROTTINI PUGLIESI A PIZZAIOLA PANZEROTTINI PUGLIESI AI 4 FORMAGGI BACCALA PASTELLATO Ingredienti: BACCALA 80% (GADUS MORHUA), pastella (farina di FRUMENTO, semola di GRANO duro, amido di mais, agenti lievitanti: E500(ii), E341(i), sale, correttore di acidità: E330, stabilizzante:

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

E600-E699 (esaltatori di sapidità)... 86 E900-E999 (vari)... 87 E1000-E1999... 88 Recenti studi... 89 Note... 90 IL CREMOR TARTARO...

E600-E699 (esaltatori di sapidità)... 86 E900-E999 (vari)... 87 E1000-E1999... 88 Recenti studi... 89 Note... 90 IL CREMOR TARTARO... INDICE PRIMO VOLUME Introduzione:... 3 La cucina è una moda?... 4 La cucina moderna:... 6 Cucina tradizionale e la cucina del Territorio:... 9 Cucina destrutturata:... 11 Gastronomia molecolare:... 12

Dettagli

Allegato B2 Scheda caratteristiche qualitative obbligatorie dei prodotti richiesti (elenco da non considerarsi esaustivo)

Allegato B2 Scheda caratteristiche qualitative obbligatorie dei prodotti richiesti (elenco da non considerarsi esaustivo) Allegato B2 Scheda caratteristiche qualitative obbligatorie dei prodotti richiesti (elenco da non considerarsi esaustivo) (da inserire nella busta B Offerta economica) B2.1 - Pane comune ed integrale a

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

L idea dei latticini ci è venuta dai cugini di nostro padre, andati a lavorare a Roma, anche loro nel settore lattiero-caseario.

L idea dei latticini ci è venuta dai cugini di nostro padre, andati a lavorare a Roma, anche loro nel settore lattiero-caseario. zienda La storia della Latteria Mortaretta si fonde con l esperienza diretta dei fratelli Ballesini Nedo e Alessandro, che nei primi anni 60 avviano una piccola impresa artigiana. l azienda La storia della

Dettagli

Denominazione Corso:

Denominazione Corso: CODICE: 254 Addetto all approvvigionamento della cucina, conservazione delle materie prime e realizzazione di preparazioni di base Opera nelle diverse aziende della ristorazione commerciale e collettiva.

Dettagli

SEITAL SEPARATION TECHNOLOGY - SEPARATORI, CHIARIFICATORI. Separazione nell industria lattiero-casearia

SEITAL SEPARATION TECHNOLOGY - SEPARATORI, CHIARIFICATORI. Separazione nell industria lattiero-casearia SEITAL SEPARATION TECHNOLOGY - SEPARATORI, CHIARIFICATORI Separazione nell industria lattiero-casearia Scrematura e pulitura efficiente e conveniente Le necessità attuali e future dei clienti sono sempre

Dettagli

Il confezionamento dei formaggi in pellicole estensibili: aspetti qualitativi e fenomeni di migrazione

Il confezionamento dei formaggi in pellicole estensibili: aspetti qualitativi e fenomeni di migrazione 2 Congresso Lattiero-Caseario 21 Settembre 2010, Torino Il confezionamento dei formaggi in pellicole estensibili: aspetti qualitativi e fenomeni di migrazione S. Limbo 1, S. Panseri 2, G. Battelli 3, L.

Dettagli

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca.

Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. IL Burro Generalità e definizione Il nome burro è riservato al prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca. Il burro si può considerare un concentrato della frazione

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

DAL LATTE AL FORMAGGIO

DAL LATTE AL FORMAGGIO DAL LATTE AL FORMAGGIO Prof. Gian Battista Castagnetti 24 novembre 2010 Repubblica di San Marino Produzione ed utilizzazione latte in Italia fonte CLAL, 2008 Produzione latte bovino ( x 1.000 Ton) 11.286

Dettagli

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE:

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE: YOGURT di FATTORIA Latte di vacca, fermenti lattici Il latte, di provenienza aziendale, viene pastorizzato secondo le previsioni della normativa vigente; dopo un'idonea fase di raffreddamento del latte

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

FOOD. revolution. rivoluziona il tuo modo di mangiare

FOOD. revolution. rivoluziona il tuo modo di mangiare FOOD revolution rivoluziona il tuo modo di mangiare rivoluziona il tuo modo di mangiare il mondo revolution un mondo interamente gluten free, dove l uso di materie prime selezionate, è il punto di partenza

Dettagli

ASSOCIAZIONE MANI D ORO I MAESTRI DELLA PIZZA

ASSOCIAZIONE MANI D ORO I MAESTRI DELLA PIZZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA SPECIALITA TRADIZIONALE GARANTITA PIZZA CLASSICA NAPOLETANA Art. 1 Nome del prodotto La pizza è una preparazione alimentare costituita da un supporto di pasta lievitata,

Dettagli

Campolongo una storia di Alta Qualita

Campolongo una storia di Alta Qualita Campolongo una storia di Alta Qualita Alle pendici dei Monti della Maddalena, in una verde ed estesa valle circondata tutt intorno da crinali di montagne lussureggianti, da oltre trenta anni, l azienda

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P.

La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P. La Mozzarella Di Bufala Campana D.O.P. (Fonte: Mozzarella di Bufala.org) La Mozzarella di Bufala Campana D.O.P. è un formaggio da tavola di pasta filata molle derivato da latte intero di bufala; il disciplinare

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

3 CONGRESSO NAZIONALE SULL'ALLEVAMENTO DEL BUFALO

3 CONGRESSO NAZIONALE SULL'ALLEVAMENTO DEL BUFALO 3 CONGRESSO NAZIONALE SULL'ALLEVAMENTO DEL BUFALO 1st BUFFALO SYMPOSIUM OF EUROPE AND THE AMERICAS Allevamento del Bufalo in Italia e in Europa Dott. Raffaele Garofalo 14 OTTOBRE 2005, PAESTUM (SA) 1 PATRIMONIO

Dettagli

PRODOTTI FRESCHI. www.timebiotime.com PRODOTTI FRESCHI

PRODOTTI FRESCHI. www.timebiotime.com PRODOTTI FRESCHI www.timebiotime.com PRODOTTI FRESCHI BARRE LATTICINI BERCHTESDADENER LAND Latte Vaccino Uht LN2FR03 Latte Vaccino Uht 2 lt intero LN2FR04 Latte Vaccino Uht 2 lt parzialmente scremato LN2FR0 Latte Fresco

Dettagli

QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015

QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015 Università degli studi di Napoli Federico II Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015 "I

Dettagli

1.0 REQUISITI GENERALI

1.0 REQUISITI GENERALI Tortellini con ripieno alla carne Tortellini con ripieno al prosciutto crudo e parmigiano reggiano Tortellini con ripieno ricotta e spinaci Tortellini con ripieno alla carne qualsiasi natura, non che da

Dettagli

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare Convegno DAIRYTECH - Milano, 2 dicembre 2014 STIMA DELLA SITUAZIONE PRODUTTIVA

Dettagli

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista BREGANZE 16.12.2010 ORIGINE DEI COMPONENTI DEL LATTE IL LATTE INTERO

Dettagli

Composizione del latte

Composizione del latte Secondo il RD 9/5/1929 «Il latte è un liquido alimentare, ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione.» 1 Il latte rappresenta una delle

Dettagli

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Pagina 1 Associazione Regionale Allevatori della Lombardia NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Luglio 2007 Pagina 2 INDICE LABORATORIO LATTE: ANALISI LATTE QUALITA LABORATORIO LATTE: ANALISI MICROBIOLOGICHE

Dettagli