Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute"

Transcript

1 Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute Responsabile della Rete WHP: dr. Lucio Raimondi Formazione e Corso di Laurea in Infermieristica - Referente della Rete WHP: dr.ssa Barbara Grecchi Formazione e Corso di Laurea in Infermieristica - Coordinatore HPH A. O. Lodi

2 La Rete WHP Lombardia dei Luoghi di lavoro che promuovono la salute Che cosa è la Rete WHP Lombardia? La rete WHP Lombardia è una rete di luoghi di lavoro che si impegnano a realizzare buone pratiche nel campo della promozione della salute dei lavoratori, secondo un percorso predefinito la cui validità è garantita da esperti delle Aziende Sanitarie Locali, della Regione e del Ministero della Salute. In Regione Lombardia la Rete ha ricevuto impulso da una serie di provvedimenti Regionali che hanno definito obiettivi e modalità di intervento delle ASL nel campo della promozione di stili di vita favorevoli alla salute negli ambienti di lavoro.

3 Step 1: verifica dei prerequisiti Occorre innanzi tutto verificare la presenza delle seguenti condizioni (*): 1) Essere in regola con gli oneri contributivi e assicurativi; 2) Aver redatto il Documento di Valutazione dei Rischi come previsto dal D.Lgs 81/08 e s.m.i. e rispettare le disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; 3) Essere on regola con le norme ambientali (D.Lgs 152/06 e s.m.i.). Step 2: Iscrizione online L iscrizione al progetto avviene semplicemente sottoscrivendo un modulo online. Entro pochi giorni l azienda sarà contattata da operatori dell ASL territorialmente competente per illustrare personalmente il programma e concordarne lo sviluppo. Per concorrere all accreditamento dell anno in corso l iscrizione deve avvenire entro il 31 luglio. Se l iscrizione avviene dopo tale data si potranno avviare le attività preliminari (step 3) e anche alcune delle buone pratiche programmate, ma si concorrerà per l accreditamento dell anno successivo. Modulo di iscrizione: https://www.surveymonkey.com/s/iscrizione_retewhp (*) Il venir meno dei pre-requisiti fa decadere l accreditamento, fino alla data del loro ripristino

4 Step 3: Attività dei primi 3 mesi 1) Incontro di presentazione del programma a tutti i dipendenti, che preveda la partecipazione delle figure di sistema aziendali 2) Somministrazione ai dipendenti, del questionario * disponibile al link: https://www.surveymonkey.com/s/retewhp_questionario_dipendenti Lo stesso questionario andrà somministrato a 12 mesi dall indagine iniziale ed a 36 mesi. Il questionario, anonimo, ha la funzione di tenere monitorata la diffusione di comportamenti, determinanti e fattori di rischio per la salute, nonché di valutare l efficacia degli interventi effettuati. 3) Pianificazione delle buone pratiche del primo anno e comunicazione all ASL territorialmente competente (ad esempio utilizzando il link: https://www.surveymonkey.com/s/whppianificazione La stessa pianificazione annuale andrà comunicata all ASL entro il 31 gennaio degli anni successivi. *l attendibilità dei dati raccolti tramite questionari si ottiene per campioni che superano il 70% dei dipendenti

5 L accreditamento dell azienda, la premiazione e la consegna del logo* Luogo di lavoro che promuove salute della rete Europea ENWHP avvengono alla fine di ogni anno, nel caso l azienda abbia avviato il numero minimo di Buone Pratiche. Il primo anno sono richieste almeno 3 buone pratiche in almeno 2 delle 6 aree tematiche del programma. Alla fine del secondo anno, per mantenere l accreditamento, occorrerà aver avviato almeno 3 buone pratiche in 4 aree tematiche. Alla fine del terzo anno, per mantenere l accreditamento, occorrerà aver realizzato almeno 3 buone pratiche in ciascuna delle 6 aree tematiche. Per tutti gli anni successivi al terzo occorrerà realizzare almeno una buona pratica in ciascuna area tematica e si avrà inoltre la possibilità di concorrere al riconoscimento Master WHP Alla fine di ogni anno l adozione delle buone pratiche verrà autocertificata dall azienda mediante inserimento di specifici dati nel database online: https://www.surveymonkey.com/s/retewhp_rendicontazione

6 LINK

7 MANUALE AZIENDALE WHP

8 L Azienda Ospedaliera di Lodi, coerentemente con la propria Mission ha voluto implementare le azioni di promozione della salute, già attuate con la Rete HPH (Promozione della Salute in Ospedale e nei Servizi), anche attraverso l adesione alla Rete WHP (Aziende che promuovono Salute nei Luoghi di Lavoro). E in programma l inserimento sulla Homepage Aziendale, come già per HPH, del logo WHP adeguatamente linkato agli eventuali eventi in programmazione.

9 Il Programma WHP prevede lo sviluppo di attività (buone pratiche) in 6 aree tematiche:

10 Area tematica 1* Promozione Corretta alimentazione Rif.. Buona pratica Azioni Tempi Responsabilità 1.1 Frutta e verdura presenti nel menù di tutti i pasti serviti in Azienda Presenza di frutta e verdura nessun intervento / Servizio Ristorazione aziendale - Approvvigionamento 1.2 Offerta nella mensa aziendale di pane a ridotto contenuto di sale e pane integrale Inserimento del pane integrale; modifica del capitolato per acquisizione pane a ridotto contenuto di sale 6 mesi Servizio Ristorazione aziendale - Approvvigionamento 1.3 Adozione dei Codici colore nella mensa aziendale (vedi progetto Arcobaleno nel Piatto trasmesso con nota ASL prot. n /12 del ) collaborazione ASL In attesa Servizio Ristorazione aziendale 1.4 Inserimento presso i distributori automatici per alimenti, ove presenti in Azienda, di snack salutari Attuato / Referente WPH 1.5 Area refezione con frutta e/o verdura fresca di stagione disponibile Presenza di frutta e verdura nessun intervento / Servizio Ristorazione aziendale Affissione nei locali mensa di cartelli su piramide alimentare, decalogo INRAN, il regolo per il calcolo dell Indice di Massa Corporea; messaggi promozionali sull alimentazione (es. stampati su tovagliette mensa aziendale,allegati alle buste paga, ecc) Incontro di formazione/sensibilizzazione per dipendenti su corrette abitudini alimentari Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti, ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenuti Collaborazione ASL In attesa ASL Lodi Collaborazione ASL. Invio tramite del Progetto Arcobaleno nel piatto - Codice Colori Adesione al Corso Animatori della prevenzione Buone prassi da attivare in collaborazione Buone prassi in essere Un mese HPH Buone prassi da implementare ASL Lodi USS Formazione AO *presente nel manuale WHP

11 Area tematica 2* Contrasto al fumo di tabacco Rif.. Buona pratica Azioni Tempi Responsabilità 2.1 Policy scritta,diffusa e attuata di un Azienda libera dal fumo Esiste una procedura aziendale / SPPA 2.2 Esecuzione regolare da parte del medico competente, durante le visite nei confronti del personale fumatore, di interventi di counselling sul fumo (minimal advice) Effettuato regolarmente alla visita / Medico competente 2.3 Campagna con messaggi promozionali sul fumo di tabacco collaborazione ASL In attesa ASL/Referente WHPAO 2.4 Incontro di sensibilizzazione in azienda aperto a tutti i dipendenti e con la partecipazione di almeno il 50 % dei dipendenti fumatori collaborazione ASL In attesa ASL/Referente WHPAO 2.5 Concorso smetti e vinci aziendale Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti,ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenuti Adesione al Corso Animatori della prevenzione / ASL Lodi USS Formazione AO Buone prassi in essere Buone prassi da attivare in collaborazione Buone prassi da implementare / *presente nel manuale WHP

12 Area tematica 3 * Promozione attività fisica Rif.. Buona pratica Azioni Tempi Responsabilità 3.1 Adozione progetto scale per la salute in ambito aziendale con affissione in corrispondenza di ascensori di cartelli che incentivino l uso delle scale Cartellonistica presente / 3.2 Promozione all uso della bicicletta nei viaggi casa lavoro attraverso: creazione di un parcheggio coperto per biciclette e altre iniziative similari Richiesta di copertura per il parcheggio 6 mesi Responsabile Servizi tecnici Campagna con messaggi promozionali su attività fisica (es. stampati su tovagliette mensa aziendale,allegati alle buste paga,manifesti.ecc) Iniziative sportive interne (tornei, marce, biciclettate, gruppi di cammino ecc.) almeno 1 evento/anno Creazione di possibilità di attività fisica all interno della azienda (es. campo calcetto,pallavolo, percorso jogging,ecc) Convenzioni o incentivi premiali che riguardino l acquisto di abbigliamento, attrezzature sportive, abbonamenti per palestre, piscine, centri sportivi, ecc Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti, ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenuti collaborazione ASL Già convenzione con CRAL Già convenzione con CRAL eventuale concertazione CRAL Attivazione iniziativa formativa formazione formatore: Gestione dello stress lavorativo e benessere con "corpo e coscienza metodo georges courchinoux" Buone prassi da attivare in collaborazione Buone prassi in essere In attesa Buone prassi da implementare / / / ASL/Referente WHP AO CRAL/Referente WHP AO CRAL/Referente WHP AO CRAL/Referente WHP AO / USS Formazione *presente nel manuale WHP

13 Area tematica 4 * Rif.. Buona pratica Azioni Criteri scritti per l acquisto di nuovi veicoli aziendali che prevedano le migliori dotazioni di sicurezza 4.1 (es. airbag anche laterali, ESP,ecc) e alternanza regolare su tutti i veicoli di pneumatici invernali ed estivi Presenti Procedura documentata per la gestione e l utilizzo dei veicoli aziendali che preveda: modalità organizzative per uso dei veicoli; informazione per i conducenti, interventi tecnologici Presenza di veicoli stradali a gas, elettrici o ibridi o programma che prevede l acquisto di auto/furgoni di questo tipo Manutenzione programmata per almeno il 50 % dei veicoli aziendali a cadenza più frequente delle revisioni obbligatorie in officine interne/esterne autorizzate Convenzioni per l acquisto in tema di sicurezza stradale (es. caschi moto, seggiolini per bambini,ecc) Sicurezza stradale e mobilità sostenibile Presente Rientra nelle indicazioni di acquisto ministeriali Tempi Presente / Già convenzione con CRAL / / / / Responsabilità USC Approvvigioname nto USC Approvvigioname nto USC Approvvigioname nto USC Approvvigioname nto CRAL/Referente WHP AO 4.6 Organizzazione di un servizio di trasporto collettivo casa lavoro, convenzioni o incentivi per l uso di mezzi pubblici o creazione di sistemi di car sharing o car pooling ; Partecipazione alla realizzazione di interventi rivolti al miglioramento della sicurezza delle infrastrutture stradali in prossimità del luogo di lavoro (es. illuminazione,attraversamenti pedonali, rotatorie,piste ciclabili,ecc) Presente / USC Servizi Tecnici 4.7 Corso di guida sicura per autisti/autotrasportatori 4.8 Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti, ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenuti Buone prassi in essere Analisi bisogno formativa Buone prassi da attivare in collaborazione mesi USS Formazione / / / *presente nel manuale WHP Buone prassi da implementare

14 Area tematica 5* Rif.. Buona pratica Azioni Regolamento aziendale su alcol diffuso e attuato che preveda: 5.1 a) assenza vendita/somministrazione/possibilità di consumo alcolici sul posto di lavoro e nella mensa aziendale; Verifica della b) procedure per la gestione dei casi di ubriachezza franco o sospetta; esistenza di c) individuazione formale e formazione figure preposte alle procedure di procedure cui al punto precedente Couselling motivazionale, nei confronti dei dipendenti, da parte del 5.2 Medico Competente su alcol e sostanze stupefacenti Presente Formazione su alcol, rischi alcol-correlati e sostanze per i lavoratori 5.3 collaborazione ASL Campagna informativa interna su alcol/sostanze e/o incidenti correlati collaborazione ASL Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti, ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenu Alcol e altre sostanze Tempi 1 mese / In attesa In attesa Responsabil ità Referente WHP Medico Competente ASL/Referen te WHP AO ASL/Referen te WHP AO / / / Buone prassi in essere Buone prassi da attivare in collaborazione Buone prassi da implementare *presente nel manuale WHP

15 Area tematica 6 Rif.. Buona pratica Azioni Raccolta dei suggerimenti dei dipendenti o altre forme di partecipazione 6.1 (forum, cassetta suggerimenti, ecc) con restituzione annuale proposte e adozione di Presenza del almeno 1 dei suggerimenti all anno GUG Promozione benessere personale e sociale Tempi 6.2 Asilo nido aziendale o convenzioni con asili nido nelle vicinanze Mappautura 1 mese Conciliazione famiglia lavoro attraverso azioni quali : flessibilità orario, part time, tele lavoro, iniziative per figli dipendenti nei periodi non scolastici, ecc. Iniziative per l integrazione dei lavoratori stranieri (es. corsi di alfabetizzazione per lavoratori o famigliari, nomina di un tutor aziendale con funzioni di interfaccia tra direzione e lavoratori stranieri individuazione facilitatori, ecc) Presente / Progetto inteculturalità 6.5 Almeno una iniziativa di socializzazione aziendale /anno Inaugurazioni / URP 6.6 Attività di supporto sociale rivolte a enti/realtà locali (donazioni,partecipazioni attive a iniziative culturali, di formazione, di ricerca, di solidarietà) Presente / 6.7 Sponsorizzazione di associazioni sportive giovanili del territorio o di eventi sportivi locali Presente / Adesione a programmi strutturati per lo sviluppo di un sistema di gestione per la salute e la sicurezza negli ambiti di lavoro (es. Progetto SOBANE) Iniziativa proposta dalla azienda diversa dalle precedenti, ma attinente all area tematica e con misurazione dei risultati ottenuti Monitorato dalle norme Formazione conciliazione Buone prassi in essere Buone prassi da attivare in collaborazione Buone prassi da implementare 6.1 / / / / / Responsabili tà Presidente CUG Presidente CUG USS Formazione Formazine/H PH Formazione/H PH/URP/Resp onsabili Progetti Internazionali CRAl/Referen te WHP Responsabile SPPA USS Formazione *presente nel manuale WHP

16 Il Programma WHP prevede lo sviluppo di attività (buone pratiche) in 6 aree tematiche:

17 PER L ACCREDITAMENTO È NECESSARIO ATTUARE ALMENO 3 BUONE PRATICHE 1.1 OBBLIGATORIA* Promozione di un alimentazione corretta Frutta e verdura presenti nel menù di tutti i pasti serviti in azienda (senza pagamenti aggiuntivi e non sostituibili con dolce o altri piatti), pane a basso contenuto di sale (1,7% sulla farina: vedi dettagli all.1a) e pane integrale.

18 CAMPAGNA MENO SALE NEL PANE Promozione di un alimentazione corretta L elevata assunzione di sale con gli alimenti è legata all aumento della pressione arteriosa (PA) e costituisce un fattore di rischio per morbilità e mortalità cardiovascolare (prevalentemente aumenta il rischio di comparsa di infarto e di ictus). Il pane è una fonte quotidiana di sale. Non è ovviamente l unica, ma ha una diffusione vastissima e pertanto è possibile pensare a degli interventi preventivi. La Regione Lombardia ha avviato una campagna dal titolo Con meno sale nel pane c è più gusto e guadagni in salute, con la quale molti panificatori ridurranno del 20% il contenuto in sodio nel pane, senza modificare sensibilmente il gusto del pane ma ottenendo un effetto sulla salute della popolazione.

19 1.2 Distributori automatici di alimenti con le seguenti caratteristiche: Frutta e/o verdura (possibilmente fresca e di stagione) sempre disponibile; Presenza di almeno il 30% di alimenti con i requisiti di cui all all.1b; Presenza nell area dei distributori di cartelli che riportino la piramide alimentare e/o il decalogo INRAN e/o il regolo per il calcolo del BMI.

20

21 Promozione di un alimentazione corretta 1.3 Area refezione con: Frutta e/o verdura fresca di stagione disponibile; Affissione di cartelli che riportino la piramide alimentare (all.1c), il decalogo INRAN (all.1d) e il regolo per il calcolo del BMI (all.1h).

22 Promozione di un alimentazione corretta

23 Promozione di MANTIENITI IN FORMA! un alimentazione corretta Sovrappeso e obesità sono fattori di rischio per infarto, ictus, diabete, tumori e mortalità precoce in genere. Incrocia il tuo peso e la tua altezza e verifica se sei sovrappeso.

24 Promozione di un alimentazione corretta 1.5 Iniziativa Codice colore presso la mensa aziendale secondo le indicazioni presenti nell all.1f.

25

26

27 Benessere Personale e Sociale e 6.1 Conciliazione Famiglia -Lavoro Raccolta di suggerimenti dei dipendenti o altre forme di partecipazione (forum, cassetta delle idee ) con restituzioni annuali delle proposte in occasione di un evento aperto ai dipendenti (Open Day o eventi specifici) con adozione di almeno uno dei suggerimenti. 6.2 Attività di formazione (almeno 1 delle seguenti): Percorso di almeno 8 ore per le prime linee di management per sviluppare una cultura aziendale attorno ai temi della conciliazione vita-lavoro, del benessere organizzativo, della motivazione dei lavoratori, della responsabilità sociale, della prevenzione dello stress o della Promozione della Salute mentale; Iniziative destinate alle lavoratrici al rientro della maternità, per il re-inserimento aziendale e l aggiornamento professionale (tutoring, coaching, training on the job e counselling); Momenti formativi per il personale in generale su temi inerenti benessere e la Salute mentale. * in grassetto le BUONE PRATICHE scelte all interno dell area tematica per l anno 2014

28 Benessere Personale e Sociale e Conciliazione Famiglia -Lavoro 6.3* Benefit aziendali (almeno 1 dei seguenti): Kit nascita per i figli dei/delle dipendenti; Voucher, buoni sconto per la spesa o per servizi socio assistenziali o sanitari, convenzioni con negozi o supermarket; Aiuti finanziari per la cura di familiari anziani o diversamente abili; Rimborsi per alcuni tipi di spese sanitarie private (es. prestazioni odontoiatriche) o assicurazioni/casse sanitarie integrative; Facilitazioni per l accesso al credito (convenzioni con istituti di credito, agevolazioni per mutui per neo genitori ); Integrazione all indennità per maternità e congedo parentale con incentivazione all utilizzo dei congedi da parte dei padri * in grassetto le BUONE PRATICHE scelte all interno dell area tematica per l anno 2014

29 6.4 Benessere Personale e Sociale e Conciliazione Famiglia -Lavoro Interventi in ambito di organizzazione del lavoro (almeno 1 dei seguenti): Part-time temporaneo reversibile previsto nella contrattazione di secondo livello o concesso di fatto; Flessibilità dell orario (secondo la definizione in all.6a); Telelavoro in alcuni giorni della settimana previsto nella contrattazione di secondo livello o concesso di fatto; Banca delle ore (secondo la definizione in all.6a); Ferie a ore (secondo la definizione in all.6a); Permessi e congedi parentali oltre gli obblighi di legge. * in grassetto le BUONE PRATICHE scelte all interno dell area tematica per l anno 2014 LA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Un opportunità per imprese e pubbliche amministrazioni Guida Operativa in materia di Conciliazione Famiglia Lavoro per imprese e pubbliche amministrazioni, realizzata da Regione Lombardia.

30 Il futuro? Implementazione delle Buone Pratiche GRAZIE.

Work place health promotion

Work place health promotion U.S.S. Formazione E Corso di Laurea in Infermieristica Dr. Lucio Raimondi Tel. 0371.372958 Fax. 0371.372987 formazione@ao.lodi.it Work place health promotion Aziende Lodigiane che promuovono Salute 2013

Dettagli

Promozione di un alimentazione corretta

Promozione di un alimentazione corretta Area tematica 1 Promozione di un alimentazione corretta 1.1 OBBLIGATORIA* Frutta e verdura presenti nel menù di tutti i pasti serviti in azienda (senza pagamenti aggiuntivi e non sostituibili con dolce

Dettagli

MANUALE WHP. Come diventare una Azienda che Promuove Salute e Conciliazione

MANUALE WHP. Come diventare una Azienda che Promuove Salute e Conciliazione MANUALE WHP Come diventare una Azienda che Promuove Salute e Conciliazione Manuale Aziende che Promuovono Salute e Conciliazione L azione di promozione della salute nei luoghi di lavoro è nata nella convinzione

Dettagli

MANUALE WHP. Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute

MANUALE WHP. Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute MANUALE WHP Come aderire alla Rete e diventare un Azienda che Promuove Salute 1 SOMMARIO MANUALE WHP - Cos è la rete WHP e introduzione metodologica; - Come far parte della rete WHP, (verifica dei pre-requisiti,

Dettagli

MANUALE WHP 2014. Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion e diventare una Azienda che promuove salute. Manuale WHP 2014 - pag.

MANUALE WHP 2014. Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion e diventare una Azienda che promuove salute. Manuale WHP 2014 - pag. MANUALE WHP 2014 Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion e diventare una Azienda che promuove salute Manuale WHP 2014 - pag. 1 BOZZA Manuale WHP 2014 - pag. 2 Indice 4 Introduzione 4 Che cosa

Dettagli

MANUALE WHP 2014. Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute. Manuale WHP 2014 - pag.

MANUALE WHP 2014. Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute. Manuale WHP 2014 - pag. MANUALE WHP 2014 Come aderire alla Rete Workplace Health Promotion Lombardia e diventare una Azienda che promuove salute Manuale WHP 2014 - pag. 1 2014 Il programma è sviluppato nell ambito di: European

Dettagli

Italia ed Europa: attori ed esperienze aziendali di promozione della salute e responsabilità sociale d impresa

Italia ed Europa: attori ed esperienze aziendali di promozione della salute e responsabilità sociale d impresa Italia ed Europa: attori ed esperienze aziendali di promozione della salute e responsabilità sociale d impresa Fiorisa Lentisco INAIL - Dipartimento di Medicina, Epidemiologia, Igiene del Lavoro ed Ambientale

Dettagli

MANUALE WHP ( Workplaces Health Promotion) AZIENDE CHE PROMUOVONO SALUTE

MANUALE WHP ( Workplaces Health Promotion) AZIENDE CHE PROMUOVONO SALUTE MANUALE WHP ( Workplaces Health Promotion) AZIENDE CHE PROMUOVONO SALUTE Metodologia e modalità di adesione alla Rete WHP 2013 della provincia di Lecco Il presente modello è stato sviluppato in armonia

Dettagli

Azienda che promuove salute Progetto WHP - Sicurezza stradale e mobilità sostenibile

Azienda che promuove salute Progetto WHP - Sicurezza stradale e mobilità sostenibile ABB S.p.A. Power Products Division Unità Operativa SACE MV, 05 dicembre 2012, Stefano Bertoncello Progetto WHP - Sicurezza stradale e mobilità sostenibile December 6, 2012 Slide 1 L Unità Operativa ABB

Dettagli

MANUALE WHP 2013. come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP

MANUALE WHP 2013. come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP MANUALE WHP 2013 come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP Campagna Europea per la Promozione della Salute nei luoghi di lavoro Indice 5 Le aziende: un ruolo attivo

Dettagli

MANUALE WHP 2013. come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP

MANUALE WHP 2013. come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP MANUALE WHP 2013 come diventare un'azienda che Promuove Salute istruzioni per aderire alla Rete WHP Campagna Europea per la Promozione della Salute nei luoghi di lavoro Indice 5 Le aziende: un ruolo attivo

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA

PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA ANNO 2010-2013 Comunità Montana Valle Brembana febbraio 2010 Il punto di partenza: cosa prevenire? Fattori di rischio modificabili per malattie cronico degenerative

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA VARIAZIONI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA ART. 9 LEGGE 8 MARZO 53/2000 Disposizioni

Dettagli

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO

PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO PREVENZIONE USO DI SOSTANZE LEGALI ED ILLEGALI:ALCoL E TABAGISMO Obiettivi prioritari TABAGISMO (CLASSI PRIME) 1. Informare scientificamente sui rischi legati al consumo di tabacco 2. Disincentivare l

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1

UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITA DI VERONA: INIZIATIVE DI MOBILITA SOSTENIBILE 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Come applicare buone pratiche di progettazione

Come applicare buone pratiche di progettazione SETTIMANA EUROPEA PER LA SICUREZZA 20-24 OTTOBRE 2014 PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: IL PERCORSO DELLA

Dettagli

WHP - WORKPLACE HEALTH PROMOTION LOMBARDIA Programma Sky Italia. Servizio di Prevenzione e Protezione

WHP - WORKPLACE HEALTH PROMOTION LOMBARDIA Programma Sky Italia. Servizio di Prevenzione e Protezione WHP - WORKPLACE HEALTH PROMOTION LOMBARDIA Programma Sky Italia Servizio di Prevenzione e Protezione L UNIVERSO SKY 6 sedi 2 aziende 6.000 lavoratori attività sul territorio ANIMA PRODUTTIVA ANIMA COMMERCIALE

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Cos è il Family Audit

Cos è il Family Audit Cos è il Family Audit Strumento che consente alle organizzazioni di adottare politiche di gestione del personale orientate al benessere dei propri dipendenti e alla crescita aziendale; aiuta le organizzazioni

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

Il welfare aziendale

Il welfare aziendale Il welfare aziendale Insieme coordinato di iniziative nelle quali l impresa si fa carico dei bisogni del lavoratore concedendo dei benefit nonindenaro,bensìsottoformadibenieservizi. I piani di welfare

Dettagli

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action HRM Evolution, Vision Knowledge Action paolo.benedetti@etass.org Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB Paolo Benedetti ETAss Avviso Regione Lombardia Anno 2013 Regione Lombardia

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Ufficio V - Relazioni sindacali e benessere psicofisico UGROB

Ufficio V - Relazioni sindacali e benessere psicofisico UGROB 1 Il CUG Salute ha radici in una storica attenzione che l Amministrazione pone alla promozione della cultura della Parità Pari opportunità Benessere organizzativo Benessere psicofisico delle donne e degli

Dettagli

PROGETTO PREVENZIONE

PROGETTO PREVENZIONE PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA ANNO 2010-2012 Indice Introduzione...1 Metodi di lavoro...1 Obiettivi generali...2 Obiettivi specifici...3 Azioni...4 Valutazione del raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE E SALUTE

Dettagli

Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte

Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte PROGETTO CCM RER PROMOZIONE DELL ATTIVIT ATTIVITÀ FISICA - AZIONI PER UNA VITA IN SALUTE Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte Renza Berruti, Gabriella Bosco, Adriana Centonze, Erika Ghiazza,,

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE Convegno nazionale SIAN Vicenza 21 settembre 2012 Priorità ed aspetti emergenti della nutrizione in Italia LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE EMILIA GUBERTI Servizio

Dettagli

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014

SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE. a.s 2013-2014 LICEO ARTISTICO STATALE GIACOMO E PIO MANZU BERGAMO SCUOLA CHE PROMUOVE LA SALUTE a.s 2013-2014 Nonostante i seri problemi e i continui tagli che gravano sulla scuola, la Commissione Salute continua a

Dettagli

COSA DEVE FARE L AZIENDA

COSA DEVE FARE L AZIENDA COSA DEVE FARE L AZIENDA COSA DEVE FARE L AZIENDA INDIVIDUARE E REALIZZARE BUONE PRATICHE (interventi evidence based) Scelta tra interventi di comprovata efficacia proposti dalla rete Possibilità di mantenere

Dettagli

Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo

Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo Il programma Workplace Health Promotion e la Rete WHP Bergamo Marco Cremaschini Coordinatore Scientifico della Rete WHP Bergamo ASL Bergamo - Servizio Promozione della Salute mcremaschini@asl.bergamo.it

Dettagli

1. Benvenuto! 2. Scelta aree tematiche Dati compilatore. 2. Sede Aziendale. 3. ASL di Competenza. 1. Area tematica ALIMENTAZIONE: nmlkj.

1. Benvenuto! 2. Scelta aree tematiche Dati compilatore. 2. Sede Aziendale. 3. ASL di Competenza. 1. Area tematica ALIMENTAZIONE: nmlkj. 1. Benvenuto! 1. Dati compilatore Cognome Nome Telefono Indirizzo e mail Ti chiediamo pochi minuti per segnalarci le attività che avete programmato per quest'anno nell'ambito del programma WHP. Questa

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

1. Benvenuto! 1. Selezionare la vostra Sede Aziendale: Page 1

1. Benvenuto! 1. Selezionare la vostra Sede Aziendale: Page 1 1. Benvenuto! Gentile Referente Aziendale per il progetto WHP, Ti chiediamo pochi minuti per segnalarci le attività che avete programmato di realizzare entro la fine di quest'anno nell'ambito del progetto.

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014

WELFARE IN AZIENDA. Milano, 2 Ottobre 2014 IN AZIENDA Milano, 2 Ottobre 2014 1 MUOVERSI: I NUMERI 8,5mio beni e servizi acquistati per conto dei clienti 400.000 Dipendenti iscritti alla piattaforma Muoversi >150 clienti attivi >1.000 convenzioni

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Scegli con gusto, gusta in salute. Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013

Scegli con gusto, gusta in salute. Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013 Scegli con gusto, gusta in salute Marina Fridel Marilena Durante Bologna 28 ottobre 2013 Scegli con gusto, gusta in salute Progetto di promozione della salute che si rivolge agli Istituti / Scuole Alberghiere

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI

PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI PROMOTING HEALTH IN AUSL FORLI Magda Zignani, AUSL Forlì, Italy (Servizio Prevenzione e Protezione Aziendale) VI Conferenza Europea sulla Promozione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 REGIONE: Lazio TITOLO: Interventi par la Prevenzione dell Obesità nella Regione Lazio Il

Dettagli

Programmi di promozione della salute nelle aziende

Programmi di promozione della salute nelle aziende Promozione della salute in azienda, il miglioramento del benessere nei luoghi di lavoro Programmi di promozione della salute nelle aziende Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento Area della Medicina

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: Promozione della salute verso i neo genitori Identificativo della

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Assessorato alla tutela della salute e sanità Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Incoraggiare i datori di lavoro a: offrire nelle mense

Dettagli

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI Emanuela Balocchini Regione Toscana Regione Campania Regione Marche Regione Puglia Ministero della Salute - Roma, 25 Ottobre

Dettagli

Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged

Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged Regole 2011 - Dipendenze Attuare, nel territorio di ciascuna ASL, i Programmi Preventivi Regionali con particolare

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO

BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO BANDO PER LE TRE MIGLIORI BUONE PRASSI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE DI TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEFINIZIONE DEL CONCORSO Legacoop Veneto, su proposta della Commissione Pari Opportunità bandisce un

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

Distribuzione automatica e promozione della salute: le strategie di marketing sociale. Dott. Giuseppe Fattori (Azienda USL di Modena)

Distribuzione automatica e promozione della salute: le strategie di marketing sociale. Dott. Giuseppe Fattori (Azienda USL di Modena) Distribuzione automatica e promozione della salute: le strategie di marketing sociale Dott. Giuseppe Fattori (Azienda USL di Modena) Patto per la salute Enti Locali Aziende Sanitarie Terzo Settore Imprenditori

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL vicolo Gerosa, 15 27020 San Giorgio Lomellina (PV) tel. 0384/43102 cellulare: 340/7973742 Fax 0384/439870 e-mail: adi.demetra@gmail.com CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 MONZA, 2011 AGENDA 1. SERVIZI DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA 2. IL BANDO, NUOVI FINANAZIAMENTI PER PROGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 1 Istituzione e finalità della Commissione mensa La Commissione Mensa Comunale (di seguito CMC) è una forma democratica di partecipazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1944/2014 ADOTTATA IN DATA 11/12/2014

DELIBERAZIONE N. 1944/2014 ADOTTATA IN DATA 11/12/2014 DELIBERAZIONE N. 1944/2014 ADOTTATA IN DATA 11/12/2014 OGGETTO: Convenzione con l azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano per attività di tirocinio degli studenti del corso di

Dettagli

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio 26 Marzo 2013-CCIA

Dettagli

Premio Sociale Aziendale

Premio Sociale Aziendale Premio Sociale Aziendale Vademecum In questa guida la FABI intende illustrarti brevemente le caratteristiche dell accordo «Premio sociale aziendale» firmato il 30 Luglio 2014 tra azienda e organizzazioni

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città TIPO DI PROGETTO Promozione della salute AREA TEMATICA SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città Stili di vita Alimentazione,

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione

La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione La conciliazione vita- lavoro per la Pubblica Amministrazione Percorso forma7vo per figure dirigenziali degli en7 pubblici del territorio di Milano Modulo 3 17 dicembre 2012 Il percorso: calendario e contenu7

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Fabienne Bonzanigo Dipartimento del territorio, Evento per le aziende Manno, 27 novembre 2013 Contesto La domanda di mobilità cresce

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Obiettivi di miglioramento

Obiettivi di miglioramento Obiettivi di miglioramento Capitolo 5 - OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO Piano di miglioramento Si riportano di seguito gli obiettivi così come definiti nel Piano di Miglioramento predisposto nel corso del processo

Dettagli

Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori

Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori Informati e competenti: Percorsi per la promozione della salute Istituto Superiore di Sanità - 6 maggio 2010 Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori B. De Mei, C.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli