Pacchetto di azioni per l attrattività e la competitività dell area SIPRO di San Giovanni di Ostellato. 08 Luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pacchetto di azioni per l attrattività e la competitività dell area SIPRO di San Giovanni di Ostellato. 08 Luglio 2015"

Transcript

1 Pacchetto di azioni per l attrattività e la competitività dell area SIPRO di San Giovanni di Ostellato 08 Luglio 2015

2 L APEA DI OSTELLATO UN QUADRO Le politiche di attrattività e di valorizzazione del territorio devono prevedere azioni (soprattutto in tema di innovazione) che accreditino il sistema produttivo locale anche agli occhi degli investitori internazionali, senza perdere di vista l importante tema della sostenibilità. Contestualmente le imprese, e in particolare le PMI, per competere necessitano di servizi innovativi. L APEA di San Giovanni di Ostellato è uno degli ambiti produttivi più estesi della Provincia di Ferrara ed ospita al suo interno diverse tipologie di aziende e servizi.

3 L APEA DI OSTELLATO COSA E STATO FATTO Sulla base della ricognizione dei fabbisogni effettuata presso le imprese, SIPRO ha impostato un programma di lavoro per implementare le priorità individuate dalle imprese: 1. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

4 2. AUDIT ENERGETICI PRESSO LE IMPRESE L APEA DI OSTELLATO COSA E STATO FATTO

5 L APEA DI OSTELLATO COSA E STATO FATTO 3. MOBILITY MANAGEMENT Questionario per gli addetti, definito in collaborazione con AMI, l Agenzia per la Mobilità: formulato in modo anonimo, è stato allegato alle buste paga dei dipendenti. Le domande del questionario sono state finalizzate a raccogliere informazioni riguardanti: la distanza percorsa ed il tempo impiegato i mezzi di trasporto utilizzati e la motivazione i luoghi di parcheggio dei veicoli gli spostamenti accessori la propensione ad utilizzare altre modalità di trasporto Il questionario è stato consegnato a tutte le imprese presenti nell'area. -11 imprese hanno partecipato all indagine (una grande impresa, 340 addetti; due medie, 179 e 61 addetti; 8 piccole imprese, per un totale di 79 addetti) -risposta pari a circa il 49% degli addetti totali (331 questionari compilati suuntotaledi659addetti). Ipotesi di azioni: Car pooling Incentivazione dell autonomia negli spostamenti casa scuola (per separarli da quelli casa-lavoro) Incentivazione all utilizzo del trasporto pubblico Servizi off work di area

6 L APEA DI OSTELLATO COSA E STATO FATTO 4. PIATTAFORME CLOUD Presentazione di tre piattaforme web a disposizione delle imprese per la gestione di problemi quotidiani (gratuita nei primi 12 mesi). Presentazione a gennaio 2014 Energia Impresa-portale che consente la raccolta documentale di tutti gli elementi tecnici e contabili indispensabili per richiedere l accesso ai TEE Sicurcloud-piattaforma informatica concepita per rispondere ai requisiti dei sistemi di gestione per la sicurezza (OHSAS 18001, Uni-Inail, minisistemi di gestione) Ecotraccia-un sistema di gestione sicuro e di facile utilizzo, aggiornato con le normative vigenti, che permette di gestire i registri di carico/scarico/giacenza dei rifiuti e il MUD e offre consulenza sull analisi, sul deposito temporaneo e su altre questioni relative agli obblighi di legge per l impresa.

7 L APEA DI OSTELLATO COSA E STATO FATTO 5. CONVENZIONE CON AREA SpA Tariffe agevolate per: -Conferimento diretto dei propri rifiuti -Attivazione o modificazione dei processi produttivi per ridurre la produzione dei rifiuti -Riduzione per l attivazione di servizi sperimentali di raccolta differenziata(es. cassonetti intelligenti)

8 APEA COSA FAREMO 1) Accesso ai finanziamenti 1.1. le opportunità: Il POR FESR La LR attrattività 1.2. lo sportello SIPROMUOVE 2) Adattamento climatico Progetto LIFE- IRIS(Improve Resilience of Industrial Sector) 3) Gestione dei rifiuti(in collaborazione con AREA) 4) Supporto alla gestione aziendale(in collaborazione con Federmanager) 5) Azioni per i lavoratori: welfare aziendale (in collaborazione con Ferrara Prossima)

9 ACCESSO AI FINANZIAMENTI QUALCHE DATO Nella programmazione il nostro territorio ha dimostrato tassi contenuti di partecipazione ai bandi promossi con i fondi europei e altrettanto moderati tassi di successo nell ottenimento dei contributi, soprattutto per i soggetti privati(sul totale delle imprese che hanno ricevuto fondi sul precedente POR FESR, solo il 6% erano ferraresi. POR FESR EMILIA ROMAGNA ESITI BANDI IMPRESE TOT finanziate TOT FE % Attività I.1.2 Progetti di ricerca collaborativa delle Pmi ,2% Attività I.2.1 Sostegno allo start-up di nuove imprese innovative ,0% Attività I.2.1 Sostegno allo start up di nuove imprese innovative ,9% Sostegno a progetti di introduzione di Ict nelle Pmi e sostegno a Attività II progetti per la creazione di reti di imprese, per l'innovazione II.1.2 tecnologica e organizzativa nelle Pmi ,6% Attività II.1.2 Sostegno a progetti e servizi per la creazione di reti d'imprese, per l'innovazione tecnologica e organizzativa nelle Pmi ,6% Attività II.1.2 Nuove imprese ,8% Attività II.1.2 Innovazione tecnologica per l'attività di proiezione cinematografica ,2% Sostegno a progetti innovativi nel campo delle tecnologie Attività III.1.2 energetico-ambientali volti al risparmio energetico e all'utilizzo di ,5% fonti rinnovabili Attività III.1.2 Rimozione dell'amianto e installazione di impianti fotovoltaici negli edifici ,5% Attività IV.2.1 Sostegno alla qualificazione delle attività di servizio a supporto della fruibilità del patrimonio culturale ed ambientale ,1% Attività IV.3.2 Sostegno al riavvio delle attività delle imprese" colpite dal sisma ,6% ,8%

10 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA POR FESR ASSE IMPORTO (FESR+STATO) Asse prioritario 1 Ricerca e innovazione ,00 Asse prioritario 2 Sviluppo dell'ict ed attuazione dell'agenda Digitale ,00 Asse prioritario 3 Competitività ed attrattività del sistema produttivo ,00 Asse prioritario 4 Promozione della low carbon economy nei territori e nel sistema produttivo ,00 Asse prioritario 5 Valorizzazione delle risorse artistiche, culturali ed ambientali ,00 Asse prioritario 6 Città intelligenti, sostenibili ed attrattive (in attuazione dell Agenda Urbana) ,00 Asse prioritario 7 Assistenza tecnica ,00 TOTALE GENERALE ,00

11 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA POR FESR Asse prioritario 1 ASSE Ricerca e innovazione AZIONE BENEFICIARI RISORSE Azione Sostegno a progetti di ricerca delle imprese che prevedano l'impiego di ricercatori (dottori di ricerca e laurea magistrali con profili tecnico - scientifici presso le imprese stesse Azione Sostegno per l'acquisto di servizi per l'innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese Azione Sostegno alla valorizzazione economica dell'innovazione attraverso la sperimentazione e l'adozione di soluzioni innovative nei processi e nei prodotti e nelle formule organizzative nonché attraverso il finanziamento dell'industrializzazione d Azione Sostegno alle attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi Azione Azioni di sistema per il sostegno alla partecipazione degli attori dei territori a piattaforme di concertazione e reti nazionali di specializzazione tecnologica come i cluster tecnologici nazionali e aprogetti finanziati con altri programmi e Azione Supporto a progetti complessi di attività di ricerca e sviluppo su aree tematiche di rilievo; - applicazioni di soluzioni tecnologiche funzionali alla realizzazione della S3 Azione Sostegno alla creazione e al consolidamento di start up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e alle iniziative di spin off della ricerca in ambiti in linea con le S3 Azione 1.5 Sostegno alle infrastrutture della ricerca considerate critiche/cruciali per i sistemi regionali Imprese in forma singola o associata PMI in forma singola o associata Imprese in forma singola o associata, centri per l'innovazione Imprese in forma singola o associata Laboratori accreditati della Rete Alta Tecnologia; strutture di ricerca di università, enti ed organismi di ricerca, loro consorzi; centri per l innovazione. Laboratori accreditati della Rete Alta Tecnologia; strutture di ricerca di università, enti ed organismi di ricerca; centri per l innovazione; partenariati pubblicoprivati PMI in forma singola, Centri per l'innovazione, Incubatori di imprese , , , ,00 Bandi attualmente aperti

12 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA POR FESR Bandi aperti: Azione e Azione Sostegno a progetti collaborativi di ricerca e sviluppo delle imprese per nuove tecnologie, prodotti e servizi Tipologia1:progettiapartireda250mila Tipologia2:progettiapartireda750mila Contributo: 45% per spese ricerca; 20% per spese di sviluppo(incrementabili) Apertura dal 2 settembre al 30 ottobre 2015 Disponibilità di risorse complessive per il bando: 31 mln Azione Supporto alla realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica rivolti agli ambiti prioritari della Strategia di Specializzazione Intelligente Da realizzarsi in partenariato: almeno 2 laboratori e 1 struttura di trasferimento (imprese non contributo ma utilizzo dei risultati della ricerca) Contributo: 70% per organismi di ricerca. Aperturadal4Agostoal30settembre2015 Disponibilità di risorse complessive per il bando: 35 mln

13 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA POR FESR ASSE AZIONE BENEFICIARI RISORSE Azione Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro-finanza Azione Supporto a soluzioni ICT nei processi produttivi delle PMI, coerentemente con la strategia di smart specialization, con particolare riferimento a: commercio elettronico, cloud computing, manifattura digitale e sicurezza informatica Azione Progetti di promozione dell export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale PMI in forma singola e associata PMI in forma singola o associata PMI in forma singola o associata, Consorzi per l internazionalizzazione , ,00 Asse prioritario 3 Competitività ed attrattività del sistema produttivo Azione Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio anche attraverso l integrazione tra imprese delle filiere culturali, turistiche, sportive, creative e dello spettacolo e delle filiere dei prodotti tradizionali e tipici Azione Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche attraverso interventi di qualificazione dell offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa Azione Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale. L'azione si può attivare sia attraverso tradizionali strumenti di aiuto, sia attraverso fondi rotativi di garanzia o prestito Azione Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche per l espansione del credito in sinergia tra sistema nazionale e sistemi regionali di garanzia, favorendo forme di razionalizzazione che valorizzino anche il ruolo dei confidi più efficienti ed efficaci PMI in forma singola o associata, partenariati pubblicoprivati PMI in forma singola o associata, partenariati pubblicoprivati ,00 PMI in forma singola o associata ,00 PMI attraverso l azione degli intermediari finanziari ,00 Azione Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili: apertura prevista entro fine 2015

14 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: EFFICIENZA ENERGETICA Delibera G.R. Emilia Romagna n. 776/ Programma regionale per la realizzazione di diagnosi energetiche o l adozione di sistemi di gestione conformi allenormeiso50001dapartedellepmi Obiettivo del programma Il programma è finalizzato a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche o l adozione di sistemi di gestione conformi alle norme ISO da parte delle PMI che non ricadono negli obblighi di cui all articolo 8, comma 3 del D.Lgs. 102/2014 Misure di intervento ammissibili -la realizzazione di diagnosi energetiche nelle PMI -l'adozione di sistemi di gestione dell'energia conformi alle norme ISO Modalità di attuazione Gli incentivi sono concessi dalla Regione alle PMI selezionate attraverso apposito bando a seguito dell effettiva realizzazione da parte di ciascuna impresa di almeno un intervento di efficientamento energetico. Datadiavvioeduratadelprogramma Ilprogrammaèavviatoafardatadal15ottobre2015esiconcludeil15ottobre2018

15 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: EFFICIENZA ENERGETICA Entità del cofinanziamento L ammontare del cofinanziamento del programma concesso dal Ministero dello sviluppo economico rispetta i seguenti criteri: a) le diagnosi energetiche ammesse sono finanziate nella misura massima del 25 % dellespeseammissibilifinoadunmassimodi 5.000,alnettodiIVA b) le procedure di attuazione di un sistema di gestione conforme alla norma ISO ammesse sono finanziate nella misura massima del 25 % delle spese ammissibili,finoadunmassimodi , alnettodiiva L ammontare dell ulteriore cofinanziamento del programma concesso dalla Regione sarà definito con l atto di approvazione del bando in attuazione del programma. Gli interventi di efficientamento energetico realizzati tra quelli suggeriti dalla diagnosi potranno essere incentivati attraverso strumenti di finanza agevolata dei programmi regionali in attuazione del Piano Energetico Regionale (PER) e/o dell Asse4 del POR FESR Asse prioritario 4 ASSE Promozione della low carbon economy nei territori e nel sistema produttivo AZIONE BENEFICIARI RISORSE Azione Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza Imprese in forma singola o associata, società d area, soggetti gestori di aree produttive, ESCo ,00

16 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA LEGGE REGIONALE 14/2014 Accordi per l'insediamento e lo sviluppo aventi per oggetto: nuovi insediamenti produttivi, progetti di crescita delle imprese, programmi di riconversione produttiva che si caratterizzino per: a) l'elevato valore degli investimenti a carico delle imprese; b) l'accrescimento delle specializzazioni delle imprese, della capacità competitiva e delle specializzazioni della filiera e del sistema produttivo regionale, anche con riferimento ai mercati esteri; c) i livelli di ricerca, tecnologia e capacità di innovazione; d) la sostenibilità ambientale e sociale; e) gli effetti positivi, qualitativi e quantitativi, sulla tutela o sull'incremento dell'occupazione. La Regione sostiene gli interventi di cui sopra attraverso agevolazioni alle imprese sotto forma di contributi in conto capitale o contributi sugli interessi di finanziamento, anche mediante i fondi di rotazione previsti all'interno dei programmi regionali di settore. La Regione può sostenere altresì gli interventi mediante incentivi di natura fiscale da definirsi con apposito provvedimento. Le spese istruttorie previste per il rilascio delle autorizzazioni ambientali sono ridotte del venticinque per cento per l'impresa che all'atto del rilascio dell'autorizzazione risulti registrata ai sensi del regolamento (CE) n. 1221/2009 o del quindici per cento per quella che risulti certificata secondo la norma UNI EN ISO Nel caso in cui la localizzazione dell'insediamento produttivo sia prevista in un'area ecologicamente attrezzata, l'accordo per l'insediamento e lo sviluppo si attua con intervento diretto convenzionato esonerato dal pagamento del contributo di costruzione.

17 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA Articolo c Essere localizzato in area c significa beneficiare di Aiuti a finalità regionale agli investimenti ai sensi delle norme UE in materia di aiuti di Stato e fissa i livelli massimi di aiuto (cosiddette "intensità di aiuto") per le imprese. In linea con i nuovi orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale, le intensità di aiuto sono pari al: -10% per le grandi imprese; -20% per le medie imprese; -30% per le piccole imprese.

18 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: LE OPPORTUNITA CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI IN TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA Sono mirati a sostenere gli investimenti in tecnologie per la sicurezza i contributi per i quali le imprese ferraresi potranno fare richiesta a partire dal prossimo 8 settembre. Il bando presenta un plafond complessivo di euro, dei quali: messi a disposizione dalla Camera di Commercio di Ferrara; messi a disposizione dal Comune di Codigoro; messi a disposizione dal Comune di Ferrara; e messi a disposizione dall'unione Comuni Valli e Delizie. I fondi comunali interverranno a finanziare esclusivamente le domande delle imprese localizzate nei rispettivi territori e solo dopo l'esaurimento del fondo camerale a copertura provinciale. Il bando prevede le seguenti tre tipologie di interventi finanziabili e relative intensità di contributo: Tipologia A: sistemi di video-allarme antirapina, collegati con le sale e le centrali operative della Polizia di Stato e dell'arma dei Carabinieri Contributo fino a euro(nel limite del 50% delle spese ammesse e sostenute); Tipologia B: sistemi di video-allarme antirapina (ad es. controllati con telecamere e/o con sistemi di rilevamento satellitare collegati con Istituti di vigilanza) e sistemi di video-sorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico Contributo fino a euro(nel limite del 40% delle spese ammesse e sostenute) Tipologia C: casseforti, sistemi antitaccheggio, serrande e saracinesche, vetrine antisfondamento, sistemi biometrici, telecamere termiche, sistemi di pagamento elettronici: POS e carte di credito, Contactless, Phone payment, sistemi di rilevazione delle banconote false, dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna, casseforti e blindature antiesplosione, automazione nella gestione delle chiavi Contributo fino a euro(nel limite del 40% delle spese ammesse e sostenute). Sono inoltre ammissibili gli interventi di edilizia o adeguamento impianti elettrici nel limite del 30% della somma delle voci di spesa elencate ai punti precedenti(tipologie A, B e C) di intervento.

19 ACCESSO AI FINANZIAMENTI: SIPROMUOVE Punto di accoglienza sul territorio SIPROMUOVE Cos è: Sportello sul territorio, aperto su appuntamento mezza giornata a settimana Cosa fa: 1-Monitoraggio bandi Monitoraggio di bandi, agevolazioni e premi a disposizione delle imprese del territorio. Il monitoraggio, oltre alle fonti ufficiali, è esteso a strumenti messi a disposizione da Istituti bancari, fondazioni, ecc. 2-Orientamento Supporto personalizzato per conoscere le migliori agevolazioni da utilizzare per sviluppare il progetto aziendale: incontri per informative su agevolazioni, incentivi e finanziamenti disponibili, possibilità di consultazione di una banca dati on line, informazione mirata sulle specifiche esigenze di investimento dell azienda. 3-App incentivi App scaricabile per ogni device (PC, smartphone, ecc.) con un sistema di avviso in occasione dell apertura dei bandi

20 ADATTAMENTO CLIMATICO PROGETTO IRIS IRIS(Improve Resilience of Industrial Sector) Programma: LIFE Oggetto: la resilienza e l adattamento dei sistemi industriali(filiere e cluster) ai cambiamenti climatici in atto. Il progetto fornirà indicazioni pratiche (linee guida) e studi ai sistemi locali (aree produttive e imprese) utili a resistere agli eventi che sono effetto del cambiamento del clima, al momento considerati eccezionali, ma che probabilmente aumenteranno di frequenza in futuro. Inizio: settembre 2015 Aziende che hanno manifestato l interesse a partecipare: TRW e LTE

21 TRASFERIMENTO DI CAPACITA EDIFICATORIA Trasferimento di capacità edificatoria Sipro, in qualità di Soggetto Responsabile dell APEA e in accordo con il Comune di Ostellato, può mettere a disposizione delle aziende già insediate nell APEA di San Giovanni l indice di superficie coperta (Q) non sfruttato dei lotti in cui abbiamo realizzato gli impianti fotovoltaici. Questo garantirebbe, per le aziende che hanno già esaurito, o quasi esaurito, l analogo indice sul proprio lotto e che non hanno la possibilità di acquisire un lotto confinante, una possibilità di sviluppo e di crescita all interno dell area e quindi un maggiore ed ulteriore radicamento. Questo trasferimento di indici edificatori sarà regolato da apposita Convenzione tra Sipro e Comune di Ostellato.

22 nuova sede Ferrara, via Cairoli n. 13 Tel

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Umberto Fava Agenzia di sviluppo Langhe Monferrato Roero Alessandria, 1 Dicembre 2014 Palatium Vetus Fondazione Cassa

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020 REGIONE PIEMONTE Comitato di Sorveglianza Torino, 30 maggio 2014 I RIFERIMENTI INTERNI PER LA COSTRUZIONE

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione"

Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione" Programma Operativo della Regione Lombardia Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Decisione C(2015) 923 del 12/02/2015

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA IL MODELLO DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO DELLE MARCHE E LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA Simona Teoldi ECONOMIA E CULTURA Cultura come volano trasversale

Dettagli

IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020. Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013

IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020. Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013 IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020 Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013 La filiera della programmazione Regolamento generale sui fondi che introduce gli obiettivi tematici

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO REGIONALE Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020

Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020 Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020 10 marzo 2015 Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L approccio unitario della nuova programmazione IL POR FESR 2014-2020 Con la

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale Predisposizione delle domande entro il 14 marzo 2013. Invio delle domande dopo

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI Scheda di Presentazione della bozza dell Avviso AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI SmartPuglia 2020 è un percorso promosso dalla Regione Puglia, avviato in vista del prossimo ciclo di programmazione

Dettagli

Mauro TERZONI. Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche

Mauro TERZONI. Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche Mauro TERZONI Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche Costruire il POR a partire dai bisogni Quali sfide? del territorio Unamodesta performance regionale in materia

Dettagli

Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico

Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico Le opportunità di finanziamento per l efficientamento energetico Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE SENIGALLIA, 26 giugno 2015 Cinque Fondi strutturali

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale MISURE PER LO SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE GIOVANILE NEL SETTORE DELLA GREEN ECONOMY

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis:

A relazione del Vicepresidente Reschigna e dell'assessore De Santis: REGIONE PIEMONTE BU47S2 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 18 novembre 2014, n. 24-591 Programma Operativo Regionale - FESR 2007/2013 - Obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione" -

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015 1. BANDI ATTIVI 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINALITA' Il bando ha l obiettivo di favorire lo sviluppo, il potenziamento

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONE MARCHE, P.F. Innovazione, Ricerca e competitività dei settori produttivi POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 1 AZIONE

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA

FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2015 REGIONE IMPRESE REGIONE PMI aventi sede legale e/o operativa in Emilia Romagna Start Up Innovative e persone fisiche che intendano costituire una start up innovativa

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Roma 29 ottobre 2014 Invitalia Invitalia, Agenzia Nazionale

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI LUGLIO 2014 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE VOUCHER FORMAZIONE LAVORATORI CUNEO CONTRIBUTI IMPRESE

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

Newsletter 28/03/2013

Newsletter 28/03/2013 Newsletter 28/03/2013 Finanza Agevolata Bandi Nazionali CONTRIBUTO DEL 50% A FONDO PERDUTO PER L'AVVIO DI DITTE INDIVIDUALI FINO AD UN MASSIMALE DI 25.000 EURO + IVA Fondo per l'auto impiego costituito

Dettagli

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN Il Movimento 5 Stelle presenta l innovativo progetto, realizzato con il taglio e la restituzione di parte degli stipendi dei parlamentari pentastellati, rivolto

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Newsletter Ottobre 2013

Newsletter Ottobre 2013 Newsletter Ottobre 2013 Finanza Agevolata RICERCA: A META DICEMBRE I PRIMI BANDI HORIZON 2020 La Commissione europea pubblicherà a metà dicembre i primi bandi di Horizon 2020. E questo l obiettivo al quale

Dettagli

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica nelle strutture sanitarie Claudia Carani AGENZIA PER L ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena Progetto MARTE/IEE/13/465

Dettagli

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014 Il fund raising per la sostenibilità Belluno forum energia 20 giugno 2014 La Commissione Europea Common Strategic Framework 2014-2020 raccomanda un approccio metodologico all impiego degli Strumenti finanziari

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1916 Seduta del 30/05/2014

DELIBERAZIONE N X / 1916 Seduta del 30/05/2014 DELIBERAZIONE N X / 1916 Seduta del 30/05/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

Curriculum 2015 INFORMAZIONI GENERALI

Curriculum 2015 INFORMAZIONI GENERALI Curriculum 2015 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione: S.I.PRO. Agenzia provinciale per lo sviluppo SpA Sede Legale: Castello Estense, 44121 Ferrara Sede operativa: Via Cairoli n. 13 44121 Ferrara Telefono:

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 FONDO SOCIALE EUROPEO e FONDO EUROPEO SVILUPPO REGIONALE Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante Comitato di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA NEWSLETTER n. 3 SETTEMBRE 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime informazioni relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. Evidenziamo, fra le opportunità nella sezione Regione Lombardia,

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

L importanza dell efficienza energetica per l industria

L importanza dell efficienza energetica per l industria L importanza dell efficienza energetica per l industria Massimo Di Domenico Responsabile Unità Energia Assolombarda Sesto San Giovanni, 26 marzo 2015 Copyright 2015 Assolombarda L evoluzione normativa

Dettagli

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE APPROFONDIMENTO SULLE MISURE Asse 1 Competitività delle imprese La ricerca,l innovazione, la valorizzazione e la protezione degli intangibili sono gli elementi che informano tale Asse. Nell ambito dell

Dettagli

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO La collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e le imprese per l innovazione: efficacia, modalità e finanziamenti Maria Gabriella

Dettagli

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica LA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica ing. Piergabriele Andreoli Alessandria, 25 Maggio 2015 1 AESS è una associazione no profit per lo sviluppo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL QUADERNO TECNICO STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL CREDITO OTTOBRE 2013 STRUMENTI E AZIONI: ACCORDO ABI-CONFINDUSTRIA 2013 FONDO JESSICA TRANCHED COVER (EX DGR ACCELERAZIONE DELLA SPESA DEI FONDI EUROPEI)

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020

I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020 I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020 LA PROGRAMMAZIONE 14/20: LE PRINCIPALI NOVITA 3 fasce di Regioni (più sviluppate, meno sviluppate e in transizione); L accordo di partenariato La

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 8 Agosto 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 8 Agosto 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 8 Agosto 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO RETI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2013 Regione Emilia Romagna CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LA

Dettagli

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO 12 Maggio 2015 Con il sostegno di: Servizio Energia ed economia verde PREMESSA

Dettagli

Decreto 102/2014: contenuti e attuazione

Decreto 102/2014: contenuti e attuazione Decreto 102/2014: contenuti e attuazione Ilaria Bertini Unità Tecnica Efficienza Energetica UTEE Direttore Aggiunto www.efficienzaenergetica.enea.it 1 D.Lgs. 102/2014 Strategia Europa 2020 e in attuazione

Dettagli

Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015.

Adesione di Regione Piemonte all' Accordo per il credito 2015 sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. REGIONE PIEMONTE BU21 28/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 25 maggio 2015, n. 16-1465 Adesione di Regione Piemonte all' "Accordo per il credito 2015" sottoscritto dall'abi e dalle associazioni

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici Cosimo Antonaci 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione (o politica regionale comunitaria) è la politica

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL BEI La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria istituita nel 1958 con il Trattato di

Dettagli

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO)

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO) Allegato B Strumenti finanziari assistiti da agevolazione pubblica cui si applica l accodo per Nuove misure per il credito alle PMI firmato dal Ministero dell Economia e delle Finanze, dal Ministero dello

Dettagli

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento.

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento. Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di e per Fonti di Finanziamento. Anno 2010 I Asse I - Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Società dell'informazione 10,00% 299.824.005

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1: OBIETTIVI E FINALITÀ Promozione di maggiore intensità e qualità degli investimenti in Ricerca e Sviluppo; Potenziamento degli investimenti

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura o nuove modifiche) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive.

Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive. Qualità ambientale nei sistemi produttivi e successo competitivo per le imprese: dalla logica APEA alle Eco-aree produttive Virginia Lopez Monfalcone, sabato 18 aprile 2015 APEA (Aree produttive ecologicamente

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE La città di Bologna occupa il secondo posto nella classifica italiana delle città smart. Gli indicatori elaborati confermano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL "FONDO PER LA SICUREZZA A BENEFICIO DELLE IMPRESE MAGGIORMENTE ESPOSTE A FATTI CRIMINOSI

REGOLAMENTO DEL FONDO PER LA SICUREZZA A BENEFICIO DELLE IMPRESE MAGGIORMENTE ESPOSTE A FATTI CRIMINOSI REGOLAMENTO DEL "FONDO PER LA SICUREZZA A BENEFICIO DELLE IMPRESE MAGGIORMENTE ESPOSTE A FATTI CRIMINOSI ART.1 - FINALITA 2015 Il presente intervento è rivolto all istituzione, da parte della Camera di

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli