Allevamento biologico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allevamento biologico"

Transcript

1 Progetto di ricerca e sperimentazione L.R. 37/99 D.GR. 1234/05 Titolo: Sviluppo di filiere agro-zootecniche OGM free, sia convenzionali che biologiche, nella regione Marche (Numero: 13). Responsabile tecnico-scientifico: Prof. Stefano Tavoletti Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze degli Alimenti Riassunto del 1 anno di attività progettuale. Il progetto ha come obittivo l identificazone di parametri tecnico-economici per lo sviluppo di filiere agrozootecniche OGM free nella regione Marche. Il progetto è articolato in 8 Attività che riguardano lo svolgimento di azioni inerenti la produzione locale di materie prime per uso zootecnico, l allevamento di bovini da carne e da latte, suini ed avicoli in agricoltura convenzionale e biologica, la costituzione di una rete sperimentale a livello territoriale basata sul coinvolgimento di aziende agro-zootecniche marchigiane, la valutazione di fattibilità tecnico-economica di filiere OGM free nella regione Marche e la divulgazione dei risultati ottenuti. Si riportano di seguito i risultati conseguiti nel corso del 1 anno del progetto, distinti per ciascuna attività e relativi alle attività ed azioni previste per il 1 anno. Attività 1. Sperimentazione sulle colture. Azione 1.1: Sviluppo di una rete territoriale di sperimentazione su cereali e leguminose da granella. L Azione 1.1, svolta in stretta collaborazione la Cooperativa Stalla San Fortunato di Serra de Conti (Partner del progetto), ha consentito l identificazione di aziende agrarie situate nella provincia di Ancona che nel 2007 hanno seminato favino e pisello proteico. I risultati ottenuti nel primo anno hanno permesso di identificare aziende situate nell area dei comuni di Serra de Conti, Arcevia, Montecarotto, Barbara e comuni limitrofi, che hanno seminato complessivamente 88 ha di favino, 114 ettari di pisello proteico, per un totale di 202 ettari di leguminose da granella per uso zootecnico. L identificazione di ulteriori aziende, situate entro l area oggetto di studio, che hanno seminato favino o pisello proteico è attualmente in corso, al fine di costituire un gruppo rappresentativo di aziende in grado di fornire informazioni sull andamento di queste colture nell annata agraria Inoltre, visto l andamento negativo mostrato nella stagione dal pisello proteico e soprattutto dal favino, nell ambito del presente progetto è stata impiantata una prova sperimentale su parcelloni di 0,5-1 ha presso 4 aziende biologiche ed 1 azienda convenzionale. Delle 4 aziende biologiche coinvolte, 3 sono ubicate in provincia di Macerata (Azienda Angeli Mirko Pievetorina, Azienda Aureli Maccario Pievebovigliana, Azienda Bordò Flaviano Monte San Martino) ed una è ubicata in provincia di Ascoli Piceno (Azienda Scibè Doriano). L azienda convenzionale, situata in provincia di Ancona, è un azienda della Cooperativa San Fortunato di Serra de Conti, e verrà utilizzata come campo dimostrativo nel Complessivamente la prova ha coinvolto superfici di circa 8 ettari per favino ed 8 ettari per pisello proteico, distribuiti nelle 5 aziende implicate nella sperimentazione. Le semine sono state eseguite nel mese di novembre 2007 e l andamento stagionale, inizialmente sfavorevole alle colture per la siccità che ha caratterizzato l inverno , è notevolmente migliorato in primavera determinando un evidente recupero dello sviluppo vegetativo di favino e pisello. Le colture hanno manifestato una elevata capacità competitiva con le erbe infestanti, particolarmente evidente nei terreni delle aziende biologiche dove non è stato eseguito ovviamente il diserbo chimico. La fioritura, iniziata nel mese di marzo, è proceduta regolarmente senza il verificarsi di gelate che avrebbero potuto danneggiare l allegazione. I risultati finali relativi alla produzione di granella verranno ottenuti ovviamente nel corso del Attività 2. Prove di alimentazione zootecnica. Azione 2.1: Sperimentazione su bovini da carne. Sotto-Azione 2.1.1: Prove di alimentazione su bovini da carne presso aziende convenzionali e biologiche. Allevamento convenzionale. Nel primo anno è stata eseguita una prova di alimentazione in agricoltura convenzionale su bovini da carne di razza marchigiana in collaborazione con il partner Bovinmarche presso l Azienda Ca Lippo. La prova è stata condotta utilizzando 2 gruppi di 25 animali che sono stati alimentati con razioni prive di mais e soia. La formulazione delle razioni è stata modificata rispetto a quanto previsto inizialmente nel progetto in quanto sono state completamente escluse razioni contenenti soia e mais poiché informazioni precedentemente acquisite avevano già mostrato che per ottenere accrescimenti medi giornalieri compresi tra 1,1 e 1,3 kg/giorno, tipici della realtà marchigiana, era possibile impiegare razioni

2 contenenti solo orzo, favino e pisello proteico. Per approfondire le conoscenze sulle possibilità di impiego di queste materie prime la prova è stata eseguita utilizzando una singola formulazione della razione, differenziata soltanto per il trattamento tecnologico a cui è stata sottoposta la miscela delle farine dei concentrati proteici ed energetici: estrusione vs. semplice pellettatura. La prova è stata condotta nel periodo gennaio-luglio 2007 determinando a scadenza mensile il peso vivo degli animali e valutando il livello medio di accrescimento giornaliero. I risultati dell analisi della varianza, eseguita considerando il rilievo dei dati con misure ripetute nel tempo sugli stessi animali (ANOVA con misure ripetute), hanno messo in evidenza che il peso medio degli animali nei due gruppi non ha mostrato differenze statisticamente significative, indicando una sostanziale equivalenza delle due razioni nel periodo di prova considerato. Interessante è stato l aver riscontrato una significatività nell interazione tempo x razione dovuta ad un diverso comportamento degli animali alimentati con razioni differenti nel corso della prova. Infatti il gruppo alimentato con farina estrusa ha mostrato una tendenza verso incrementi di peso leggermente più elevati dell altro gruppo nella prima metà del periodo di prova (18 gennaio 29 marzo 2007). Nel mese di marzo è stata interrotta la somministrazione del mangime estruso, sostituito con la stessa miscela ma distribuita in farina. Complessivamente la prova eseguita in collaborazione con il partner Bovinmarche ha fornito interessanti risultati in quanto hanno confermato che l impiego di razioni formulate impiegando solo materie prime coltivabili nel territorio marchigiano (favino, pisello proteico ed orzo) ha permesso di ottenere accrescimenti medi giornalieri su animali di razza Marchigiana di 1,20-1,27 kg/giorno, valori estremamente interessanti visto che indagini condotte in precedenza hanno messo in evidenza che mediamente gli accrescimenti medi riscontrati nelle aziende marchigiane è di 1 kg/giorno. Interessanti sono anche i risultati sull impiego dell estrusione nell alimentazione dei bovini da carne. Infatti il trattamento di estrusione sembra essere interessante in quanto ha determinato inizialmente un incremento più elevato di crescita. I dati ottenuti hanno comunque sottolineato, come in parte atteso, che l impiego esclusivo di concentrati estrusi nei bovini da carne non è consigliabile per l eccessiva fermentescibilità degli amidi. Sarebbe quindi interessante poter verificare successivamente l impiego di razioni contenti diverse percentuali di prodotto estruso. -Allevamento biologico. Relativamente all allevamento di bovini da carne in agricoltura biologica è stata eseguita una prima prova di alimentazione presso l Azienda Agraria di Scibè Doriano (Partner del Progetto). Due gruppi di 4 animali ciascuno (2 di razza marchigiana e 2 meticci) sono stati alimentati durante la fase di accrescimento con razioni differenziate ed ottenute senza utilizzare soia e mais ma solo orzo, favino e pisello proteico. Il finissaggio, avviato a fine gennaio 2008 per gli animali di peso maggiore, è stato eseguito con concentrato costituito da orzo e pisello proteico. Gli animali sono stati pesati ad inizio prova e verranno pesati al momento della macellazione. I dati sono quindi in corso di rilevamento ed i risultati sugli accrescimenti si avranno nel 2 anno. Comunque, valutazioni morfologiche sembrano mettere in evidenza un più elevato ritmo di accrescimento degli animali alimentati con la seconda razione contenente un più elevato quantitativo di favino e pisello proteico. Questi risultati sono estremamente interessanti in quanto stanno ad indicare che anche rispettando i vincoli dell agricoltura biologica, ed in particolare il rapporto 60:40 tra sostanza secca da foraggi e concentrati, è possibile ottenere incrementi medi giornalieri interessanti visti i vincoli dell allevamento biologico. Sotto-Azione 2.1.2: Sviluppo sul territorio di una rete di rilevamento ed elaborazione dati produttivi nel settore dei bovini da carne relativi a filiere OGM free sia convenzionali che biologiche. L azione è stata avviata nel 1 anno ed i risultati ottenuti hanno portato alla identificazione di ulteriori aziende interessate a partecipare alla rete territoriale, alcune delle quali hanno dato la disponibilità ad ospitare una eventuale prova di alimentazione. Azione 2.2: Sperimentazione su bovini da latte. Sotto-Azione 2.2.1: Prove di alimentazione su Bovini da latte di razza Frisona. Prima prova di alimentazione. Le prove sono state eseguite presso l allevamento della Cooperativa San Fortunato di Serra de Conti (Partner del Progetto). Nel 1 anno sono state eseguite 2 prove di alimentazione per verificare la possibilità di sostituire la soia con favino e pisello proteico sottoposti a trattamento di estrusione. La prima prova è stata eseguita nel periodo 8 gennaio- 12 marzo 2007 utilizzando 2 gruppi di animali. Un gruppo di animali è stato alimentato con una razione di controllo a base di mais, soia f.e. e cotone, mentra l altro gruppo di animali con una razione a base di mais, favino e pisello proteico sottoposti ad estrusione. I risultati ottenuti non hanno messo in evidenza differenze nella produzione quantitativa e qualitativa del latte tra i due gruppi. In particolare, la produzione media di latte è risultata di 35,1 e 34,9 kg per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente. Il tenore lipidico del latte è risultato del 3,6% per il

3 gruppo favino-pisello e 3,55% per il gruppo di controllo, ed anche il contenuto proteico è risultato simile tra i due gruppi in prova (3,2% e 3,25% nei gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente).i risultati ottenuti hanno indicato come la sostituzione della soia sia effettivamente possibile utilizzando leguminose da granella quali favino e pisello proteico coltivabili nelle aree interne della regione Marche. Poiché l estrusione aumenta notevolmente la fermentescibilità dell amido con possibili conseguenze negative per gli animali, è stata eseguita una Seconda prova di alimentazione basata sull impiego di una razione con favino e pisello caratterizzata dall estrusione del favino, dall impiego di farina di mais e di pisello proteico in parte estruso ed in parte come farina tal quale. Questa prova è stata eseguita dal 22 maggio al 3 luglio 2007 utilizzando le seguenti razioni: I dati sono stati elaborati mediante analisi della varianza (ANOVA) con misure ripetute. Anche in questo caso i risultati ottenuti non hanno messo in evidenza differenze significative nella produzione quantitativa e qualitativa del latte dei due gruppi. Infatti la produzione media di latte nel periodo della prova è stata di 36,3 kg per entrambe i gruppi messi a confronto, con un tenore lipidico medio di 3,43 e 3,47% per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente. Il contenuto proteico medio del latte è stato del 3,13 e 3,11% per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente, confermando la sostanziale equivalenza delle due razioni. L ANOVA ha comunque messo in evidenza una interazione razione x tempo significativa per la variabile contenuto in grasso. Infatti gli animali alimentati con la razione contenente estruso al termine della prova hanno fatto registrare un contenuto in grasso (3,33%) inferiore a quello mostrato dagli animali alimentati con la razione di controllo (3,45%). Terza prova di alimentazione. Vista l importanza del grasso come parametro qualitativo e visti i prezzi di mercato del seme di cotone, è stato deciso in accordo con il partner Cooperativa Stalla San Fortunato di eseguire una terza prova in cui tentare di equiparare il tenore lipidico della razione con favino e pisello a quello mostrato dalla razione di controllo eliminando contemporaneamente il seme di cotone dalla razione. Sulla base di questi risultati e dell andamento dei prezzi di mercato delle materie prime, soprattutto del cotone, è stata eseguita nel 1 anno una nuova prova di alimentazione per sostituire il cotone, prova che doveva essere eseguita nel 2 anno. La prova è stata eseguita dal 12 dicembre 2007 al 15 gennaio Nella razione con favino e pisello è stata aggiunta una quota di soia integrale (semi) per compensare l apporto lipidico che nell altra razione veniva garantito dal cotone. I risultati di questa prova non hanno messo in evidenza differenze significative nella produzione quantitativa e qualitativa del latte dei due gruppi. Anche il tenore lipidico non ha mostrato variazioni imputabili alla razione, essendo variato da 3,97 a 3,51% nel gruppo alimentato con cotone e da 4,03 a 3,56 nel gruppo alimentato con la razione senza cotone. Complessivamente la sperimentazione eseguita ha permesso di verificare che sia la soia sia il cotone possono essere validamente sostituiti totalmente o in parte inserendo nella razione favino e pisello proteico. Ovviamente, in un ottica di filiera OGM free, l eventuale impiego di soia e cotone implica un costante controllo delle materia prime al fine di evitare l impiego di materie prime OGM o inquinate da OGM. Per questo, i risultati ottenuti mostrano come il controllo della produzione delle materie prime impiegate nella filiera come alimenti zootecnici è il punto crucuale per lo sviluppo di filiere OGM free. Sotto-Azione 2.2.2: Sviluppo nel settore dei bovini da latte di una rete sperimentale territoriale inerente lo sviluppo di una filiera OGM free. Nel corso del primo anno, ed in particolare alla fine del primo anno, sono stati avviati contatti con il partner LatteMarche per avviare nel 2 anno, sulla base della sperimentazione condotta nel primo anno, il reperimento di altre aziende marchigiane produttrici di latte bovino da inserire nella rete territoriale sperimentale. Diverse aziende hanno mostrato interesse verso l iniziativa, ma accordi definitivi sulle attività da svolgere e sulle modalità da seguire per svolgerle verranno presi nella prima parte del 2 anno. Azione 2.3: Sperimentazione su suini. Sotto-Azione 2.3.1: Prova di alimentazione su suini. Come indicato nella variante del progetto, le prove di alimentazione sui suini verranno eseguite a partire dal 2 anno in collaborazione con APA Ancona e con Suinmarche. Sono stati inoltre presi accordi con l Azienda Biologica Scibè per eseguire la prova di alimentazione su suini in agricoltura biologica. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Sotto-Azione 2.3.2: Sviluppo nel settore dei suini di una rete sperimentale territoriale inerente filiere OGM free sia convenzionali che biologiche. Da eseguire a partire dal 2 anno dopo aver eseguito le prove di alimentazione. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Azione 2.4: Sperimentazione su avicoli. Sotto-Azione Prova di alimentazione su polli da carne in allevamento biologico.

4 Le prove su avicoli verranno eseguite a partire dal 2 anno del progetto presso aziende biologiche marchigiane. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Sotto-Azione Sviluppo sul territorio di una rete di rilevamento ed elaborazione dati produttivi nel settore avicolo in agricoltura biologica. Da avviare nel 2 anno in collaborazione con AMAB (Partner del progetto). NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 3. Valutazione di fattibilità tecnico economica. Azione 3.1: Definizione dei parametri tecnico-economici nell ambito delle singole filiere. Da svolgere a partire dal 2 anno. BOVINMARCHE, AMAB, SUINMARCHE e LATTE MARCHE. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Azione 3.2: Redazione e confronto di bilanci economici riferiti a filiere standard e OGM free. Da svolgere a partire dal 2 anno da parte dei fornitori di servizi BOVINMARCHE, AMAB, SUINMARCHE e LATTE MARCHE. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 4. Collaborazione nella definizione di disciplinari di produzione OGM free per la regione Marche. Azione 4.1. Sviluppo di sistemi analitici per filiere OGM free. E stato avviato il lavoro di ricerca per definire una metodica basata sull impiego dei marcatori molecolari per identificare le materie prime presenti nei mangimi, ed in particolare pisello proteico e favino. L estrazione del DNA è stata eseguita da 19 varietà di favino, 27 di pisello proteico, 24 di orzo, 30 di grano duro, 25 di grano tenero, 24 di sorgo e 24 di soia. Inoltre è stato avviato il reperimento di un campione delle varietà di mais attualmente diffuse sul territorio marchigiano. La banca di DNA così prodotta potrà essere impiegata nel 2 anno per identificare marcatori molecolari specie specifici. A questo riguardo, utilizzando i DNA estratti, è stato possibile avviare nel primo anno la sperimentazione prevista per il 2 anno inerente lo sviluppo di marcatori molecolari da impiegare per identificare le materie prime presenti nei mangimi. La prima fase della ricerca ha riguardato lo sviluppo di marcatori molecolari AFLP (Amplified Fragment Length Polymorphism). A tal fine sono state utilizzate 19 varietà di Favino (Albus, Betty, Castel, Chiaro di Torre Lama, Espresso, Irena, Lady, Merkur, Prothabat 69, Prothabon 101, Safir, Scirocco, Scuro di Torre Lama, Sicania, Vesuvio, Vithabon, Vulcain, Polo, Spada) e 27 varietà di pisello proteico (Eden, FDP , Galactic, Hardy, Iceberg, Ideal, Isard, Javlò, Jovial, Pacific, Pactol, Pepone, Prelude, Royal, Speleo, Spirale, Standal, Alliance, Amical, Apache, Athos, Attika, Cartouche, Chambord, Cherokee, Cordial, Starter). Complessivamente le 5 combinazioni di primer utilizzate hanno prodotto 118 bande interessanti per indentificare differenze a livello del DNA tra favino e pisello proteico. Successivamente, 24 bande (12 di favino e 12 di pisello proteico) sono state scelte come potenziali fonti di marcatori molecolari specie-specifici. Questi prodotti di amplificazione sono stati clonati in plasmidi e sequenziati. Nel 2 anno verrà eseguita l analisi delle sequenze di DNA dei cloni ottenuti al fine di identificare per ciascun clone una coppia di primer da testare per identificare marcatori molecolari specifici di favino o di pisello proteico Nell ambito dell azione 4.1, è stata eseguita anche un indagine per ottenere informazioni sulle caratteristiche qualitative di materie prime (granella di favino e pisello proteico), mangimi e foraggi campionati presso aziende della regione Marche. Infatti la conoscenza delle caratteristiche dei materiali utilizzati per l alimentazione zootecnica è fondamentale per poter impostare un sistema di alimentazione zootecnica basato su prodotti locali. Inoltre, sui mangimi campionati, è stato eseguito un controllo per verificare l eventuale inquinamento da OGM. In collaborazione con l Istituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria e Marche, fornitore di servizi nel progetto, sono state eseguite le analisi di granella di favino e pisello proteico, di un campione di mangimi e di foraggi prelevati presso alcune aziende marchigiane per verificare sia la composizione qualitativa (analisi di cartellino) del mangime sia l eventuale presenza di contaminazioni da OGM. Per ottenere informazioni sulla qualità dei foraggi impiegati presso aziende zootecniche marchigiane sono stati prelevati campioni di foraggi di graminacee e leguminose presso un campione di aziende marchigiane. Questi foraggi sono stati sottoposti ad analisi di cartellino presso i laboratori dell ASSAM. Le aziende presso cui sono stati eseguiti i campionamenti allevano prevalentemente bovini da carne. I risultati ottenuti sono in fase di elaborazione ma i dati sembrano indicare che nel settore dei bovini da carne: - la formulazione delle razioni deve essere eseguita considerando la qualità dei foraggi impiegati, soprattutto quando vengono utilizzate come fonte proteica leguminose quali favino e pisello proteico;

5 - le aziende sottovalutano spesso il valore delle colture foraggere, che al contrario risultano indispensabili nell ambito di filiere ecocompatibili, integrate con il territorio e basate sull impiego di un sistema di alimentazione basato su materie prime di origine locale; - l impiego di favino e pisello proteico spesso è limitato dalla mancanza di prodotto, altrimenti molte aziende hanno manifestato interesse verso l eventuale impiego di razioni basate su materie prime locali; - spesso la composizione dei mangimi non è adeguiata alla qualità e quantità dei foraggi utilizzati, aspetto interessante per ottimizzare l attività di allevamento in relazione all impiego di materie prime prodotte localmente; - un controllo regolare della qualità degli alimenti non viene quasi mai fatto dalle aziende, aspetto di fondamentale importanza per una ottimizzazione del processo produttivo e per una razionale programmazione della produzione futura di materie prime in relazione alle richieste delle aziende zootecniche. - infine sono stati identificati mangimi inquinati da OGM. Questo risultato, sebbene limitato ad un ristretto numero di aziende, conferma come alla base dello sviluppo di filiere locali OGM free debba essere posta particolare attenzione alla origine ed alla produzione delle materie prime, fase su cui bisogna attuare un controllo accurato e puntuale per evitare l introduzione nella filiera di inquinamenti da OGM che potrebbero avere ricadute negative sugli aspetti legati all immagine ed alla affidabilità della filiera Azione 4.2: Identificazione dei parametri idonei per la stesura di disciplinari OGM free per le filiere agro-zootecniche della regione Marche. Da eseguire a partire dal 2 anno in collaborazione con tutti i Partner e Fornitori di Servizi. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 5. Analisi dei costi della razione alternativa rispetto alla tradizionale. Azione 5.1: Confronto tra costo della razione OGM free con prodotti locali e costo della razione utilizzata dall azienda. Da svolgere a partire dal 2 anno. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 6. Verifica degli incrementi ponderali e degli effetti sul prodotto (latte e carne per i bovini) rispetto all alimentazione con soia. La valutazione degli incrementi ponderali è stata eseguita come parte integrante dell Attività 2. Azione 6.1. Bovini da carne: qualità della carne. Da eseguire nel 2 anno. Azione 6.2: Bovini da latte: qualità del latte. Da eseguire nel 2 anno. Azione 6.3: Qualità della carne nei suini. Da eseguire nel 2 anno dopo aver completato le prove di alimentazione. Azione 6.4: Qualità della carne in avicoli. Da eseguire nel 2 anno dopo aver completato le prove di alimentazione. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 7. Analisi economica della sostituzione della soia per l azienda. Azione 7.1. Valutazione di fattibilità economica della sostituzione della soia in ciascun settore oggetto di studio. Da eseguire a partire dal 2 anno. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 8. Divulgazione dei risultati. Nel corso del 1 anno è stata avviata l organizzazione di un Convegno che si terrà nel corso delle prime fasi del 2 anno per motivi logistici legati alla conclusione del primo ciclo di prove sperimentali su bovini da latte. Il Convegno è in fase di organizzazione in collaborazione con la Cooperativa Stalla San Fortunato, partner del progetto, e con il Comune di Serra de Conti che ospiterà il convegno presso la propria Sala Convegni. Prof. Stefano Tavoletti (Responsabile tecnico-scientifico)

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 Loredana De Gaetano 2 Sommario Lo scopo della tipologia comunitaria consiste nel fornire uno

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia.

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia. (S20/21). Non gettare i residui nelle fognature (S29). Non disfarsi è un erbicida selettivo per il diserbo in postemergenza viene assorbito dalle foglie delle piante trattate e, con sintomi visibili (ingiallimento,

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA Art. 8 - Ulteriori indicazioni Art. 9 - Targa identificativa Si pubblica di seguito il testo del regolamento emanato con decreto

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE Per gli studenti del 1 Anno della Facoltà di Agraria APPUNTI DALLE LEZIONI (A.A. 00/003) Andrea Onofri Dipartimento di Scienze Agroambientali e della

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi.

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Doc. 263A0281.900.htm di Origine Nazionale emanato da: Presidente della Repubblica e pubblicato su: Gazzetta Uff.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione UFFICIO VI SICUREZZA ALIMENTARE PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO UFFICIALE SULLA PRESENZA DI ORGANISMI GENETICAMENTE

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA)

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA) Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 4: Analisi della varianza (ANOVA) Analisi della varianza Analisi della varianza (ANOVA) ANOVA ad

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli