Allevamento biologico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allevamento biologico"

Transcript

1 Progetto di ricerca e sperimentazione L.R. 37/99 D.GR. 1234/05 Titolo: Sviluppo di filiere agro-zootecniche OGM free, sia convenzionali che biologiche, nella regione Marche (Numero: 13). Responsabile tecnico-scientifico: Prof. Stefano Tavoletti Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze degli Alimenti Riassunto del 1 anno di attività progettuale. Il progetto ha come obittivo l identificazone di parametri tecnico-economici per lo sviluppo di filiere agrozootecniche OGM free nella regione Marche. Il progetto è articolato in 8 Attività che riguardano lo svolgimento di azioni inerenti la produzione locale di materie prime per uso zootecnico, l allevamento di bovini da carne e da latte, suini ed avicoli in agricoltura convenzionale e biologica, la costituzione di una rete sperimentale a livello territoriale basata sul coinvolgimento di aziende agro-zootecniche marchigiane, la valutazione di fattibilità tecnico-economica di filiere OGM free nella regione Marche e la divulgazione dei risultati ottenuti. Si riportano di seguito i risultati conseguiti nel corso del 1 anno del progetto, distinti per ciascuna attività e relativi alle attività ed azioni previste per il 1 anno. Attività 1. Sperimentazione sulle colture. Azione 1.1: Sviluppo di una rete territoriale di sperimentazione su cereali e leguminose da granella. L Azione 1.1, svolta in stretta collaborazione la Cooperativa Stalla San Fortunato di Serra de Conti (Partner del progetto), ha consentito l identificazione di aziende agrarie situate nella provincia di Ancona che nel 2007 hanno seminato favino e pisello proteico. I risultati ottenuti nel primo anno hanno permesso di identificare aziende situate nell area dei comuni di Serra de Conti, Arcevia, Montecarotto, Barbara e comuni limitrofi, che hanno seminato complessivamente 88 ha di favino, 114 ettari di pisello proteico, per un totale di 202 ettari di leguminose da granella per uso zootecnico. L identificazione di ulteriori aziende, situate entro l area oggetto di studio, che hanno seminato favino o pisello proteico è attualmente in corso, al fine di costituire un gruppo rappresentativo di aziende in grado di fornire informazioni sull andamento di queste colture nell annata agraria Inoltre, visto l andamento negativo mostrato nella stagione dal pisello proteico e soprattutto dal favino, nell ambito del presente progetto è stata impiantata una prova sperimentale su parcelloni di 0,5-1 ha presso 4 aziende biologiche ed 1 azienda convenzionale. Delle 4 aziende biologiche coinvolte, 3 sono ubicate in provincia di Macerata (Azienda Angeli Mirko Pievetorina, Azienda Aureli Maccario Pievebovigliana, Azienda Bordò Flaviano Monte San Martino) ed una è ubicata in provincia di Ascoli Piceno (Azienda Scibè Doriano). L azienda convenzionale, situata in provincia di Ancona, è un azienda della Cooperativa San Fortunato di Serra de Conti, e verrà utilizzata come campo dimostrativo nel Complessivamente la prova ha coinvolto superfici di circa 8 ettari per favino ed 8 ettari per pisello proteico, distribuiti nelle 5 aziende implicate nella sperimentazione. Le semine sono state eseguite nel mese di novembre 2007 e l andamento stagionale, inizialmente sfavorevole alle colture per la siccità che ha caratterizzato l inverno , è notevolmente migliorato in primavera determinando un evidente recupero dello sviluppo vegetativo di favino e pisello. Le colture hanno manifestato una elevata capacità competitiva con le erbe infestanti, particolarmente evidente nei terreni delle aziende biologiche dove non è stato eseguito ovviamente il diserbo chimico. La fioritura, iniziata nel mese di marzo, è proceduta regolarmente senza il verificarsi di gelate che avrebbero potuto danneggiare l allegazione. I risultati finali relativi alla produzione di granella verranno ottenuti ovviamente nel corso del Attività 2. Prove di alimentazione zootecnica. Azione 2.1: Sperimentazione su bovini da carne. Sotto-Azione 2.1.1: Prove di alimentazione su bovini da carne presso aziende convenzionali e biologiche. Allevamento convenzionale. Nel primo anno è stata eseguita una prova di alimentazione in agricoltura convenzionale su bovini da carne di razza marchigiana in collaborazione con il partner Bovinmarche presso l Azienda Ca Lippo. La prova è stata condotta utilizzando 2 gruppi di 25 animali che sono stati alimentati con razioni prive di mais e soia. La formulazione delle razioni è stata modificata rispetto a quanto previsto inizialmente nel progetto in quanto sono state completamente escluse razioni contenenti soia e mais poiché informazioni precedentemente acquisite avevano già mostrato che per ottenere accrescimenti medi giornalieri compresi tra 1,1 e 1,3 kg/giorno, tipici della realtà marchigiana, era possibile impiegare razioni

2 contenenti solo orzo, favino e pisello proteico. Per approfondire le conoscenze sulle possibilità di impiego di queste materie prime la prova è stata eseguita utilizzando una singola formulazione della razione, differenziata soltanto per il trattamento tecnologico a cui è stata sottoposta la miscela delle farine dei concentrati proteici ed energetici: estrusione vs. semplice pellettatura. La prova è stata condotta nel periodo gennaio-luglio 2007 determinando a scadenza mensile il peso vivo degli animali e valutando il livello medio di accrescimento giornaliero. I risultati dell analisi della varianza, eseguita considerando il rilievo dei dati con misure ripetute nel tempo sugli stessi animali (ANOVA con misure ripetute), hanno messo in evidenza che il peso medio degli animali nei due gruppi non ha mostrato differenze statisticamente significative, indicando una sostanziale equivalenza delle due razioni nel periodo di prova considerato. Interessante è stato l aver riscontrato una significatività nell interazione tempo x razione dovuta ad un diverso comportamento degli animali alimentati con razioni differenti nel corso della prova. Infatti il gruppo alimentato con farina estrusa ha mostrato una tendenza verso incrementi di peso leggermente più elevati dell altro gruppo nella prima metà del periodo di prova (18 gennaio 29 marzo 2007). Nel mese di marzo è stata interrotta la somministrazione del mangime estruso, sostituito con la stessa miscela ma distribuita in farina. Complessivamente la prova eseguita in collaborazione con il partner Bovinmarche ha fornito interessanti risultati in quanto hanno confermato che l impiego di razioni formulate impiegando solo materie prime coltivabili nel territorio marchigiano (favino, pisello proteico ed orzo) ha permesso di ottenere accrescimenti medi giornalieri su animali di razza Marchigiana di 1,20-1,27 kg/giorno, valori estremamente interessanti visto che indagini condotte in precedenza hanno messo in evidenza che mediamente gli accrescimenti medi riscontrati nelle aziende marchigiane è di 1 kg/giorno. Interessanti sono anche i risultati sull impiego dell estrusione nell alimentazione dei bovini da carne. Infatti il trattamento di estrusione sembra essere interessante in quanto ha determinato inizialmente un incremento più elevato di crescita. I dati ottenuti hanno comunque sottolineato, come in parte atteso, che l impiego esclusivo di concentrati estrusi nei bovini da carne non è consigliabile per l eccessiva fermentescibilità degli amidi. Sarebbe quindi interessante poter verificare successivamente l impiego di razioni contenti diverse percentuali di prodotto estruso. -Allevamento biologico. Relativamente all allevamento di bovini da carne in agricoltura biologica è stata eseguita una prima prova di alimentazione presso l Azienda Agraria di Scibè Doriano (Partner del Progetto). Due gruppi di 4 animali ciascuno (2 di razza marchigiana e 2 meticci) sono stati alimentati durante la fase di accrescimento con razioni differenziate ed ottenute senza utilizzare soia e mais ma solo orzo, favino e pisello proteico. Il finissaggio, avviato a fine gennaio 2008 per gli animali di peso maggiore, è stato eseguito con concentrato costituito da orzo e pisello proteico. Gli animali sono stati pesati ad inizio prova e verranno pesati al momento della macellazione. I dati sono quindi in corso di rilevamento ed i risultati sugli accrescimenti si avranno nel 2 anno. Comunque, valutazioni morfologiche sembrano mettere in evidenza un più elevato ritmo di accrescimento degli animali alimentati con la seconda razione contenente un più elevato quantitativo di favino e pisello proteico. Questi risultati sono estremamente interessanti in quanto stanno ad indicare che anche rispettando i vincoli dell agricoltura biologica, ed in particolare il rapporto 60:40 tra sostanza secca da foraggi e concentrati, è possibile ottenere incrementi medi giornalieri interessanti visti i vincoli dell allevamento biologico. Sotto-Azione 2.1.2: Sviluppo sul territorio di una rete di rilevamento ed elaborazione dati produttivi nel settore dei bovini da carne relativi a filiere OGM free sia convenzionali che biologiche. L azione è stata avviata nel 1 anno ed i risultati ottenuti hanno portato alla identificazione di ulteriori aziende interessate a partecipare alla rete territoriale, alcune delle quali hanno dato la disponibilità ad ospitare una eventuale prova di alimentazione. Azione 2.2: Sperimentazione su bovini da latte. Sotto-Azione 2.2.1: Prove di alimentazione su Bovini da latte di razza Frisona. Prima prova di alimentazione. Le prove sono state eseguite presso l allevamento della Cooperativa San Fortunato di Serra de Conti (Partner del Progetto). Nel 1 anno sono state eseguite 2 prove di alimentazione per verificare la possibilità di sostituire la soia con favino e pisello proteico sottoposti a trattamento di estrusione. La prima prova è stata eseguita nel periodo 8 gennaio- 12 marzo 2007 utilizzando 2 gruppi di animali. Un gruppo di animali è stato alimentato con una razione di controllo a base di mais, soia f.e. e cotone, mentra l altro gruppo di animali con una razione a base di mais, favino e pisello proteico sottoposti ad estrusione. I risultati ottenuti non hanno messo in evidenza differenze nella produzione quantitativa e qualitativa del latte tra i due gruppi. In particolare, la produzione media di latte è risultata di 35,1 e 34,9 kg per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente. Il tenore lipidico del latte è risultato del 3,6% per il

3 gruppo favino-pisello e 3,55% per il gruppo di controllo, ed anche il contenuto proteico è risultato simile tra i due gruppi in prova (3,2% e 3,25% nei gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente).i risultati ottenuti hanno indicato come la sostituzione della soia sia effettivamente possibile utilizzando leguminose da granella quali favino e pisello proteico coltivabili nelle aree interne della regione Marche. Poiché l estrusione aumenta notevolmente la fermentescibilità dell amido con possibili conseguenze negative per gli animali, è stata eseguita una Seconda prova di alimentazione basata sull impiego di una razione con favino e pisello caratterizzata dall estrusione del favino, dall impiego di farina di mais e di pisello proteico in parte estruso ed in parte come farina tal quale. Questa prova è stata eseguita dal 22 maggio al 3 luglio 2007 utilizzando le seguenti razioni: I dati sono stati elaborati mediante analisi della varianza (ANOVA) con misure ripetute. Anche in questo caso i risultati ottenuti non hanno messo in evidenza differenze significative nella produzione quantitativa e qualitativa del latte dei due gruppi. Infatti la produzione media di latte nel periodo della prova è stata di 36,3 kg per entrambe i gruppi messi a confronto, con un tenore lipidico medio di 3,43 e 3,47% per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente. Il contenuto proteico medio del latte è stato del 3,13 e 3,11% per i gruppi favino-pisello e controllo, rispettivamente, confermando la sostanziale equivalenza delle due razioni. L ANOVA ha comunque messo in evidenza una interazione razione x tempo significativa per la variabile contenuto in grasso. Infatti gli animali alimentati con la razione contenente estruso al termine della prova hanno fatto registrare un contenuto in grasso (3,33%) inferiore a quello mostrato dagli animali alimentati con la razione di controllo (3,45%). Terza prova di alimentazione. Vista l importanza del grasso come parametro qualitativo e visti i prezzi di mercato del seme di cotone, è stato deciso in accordo con il partner Cooperativa Stalla San Fortunato di eseguire una terza prova in cui tentare di equiparare il tenore lipidico della razione con favino e pisello a quello mostrato dalla razione di controllo eliminando contemporaneamente il seme di cotone dalla razione. Sulla base di questi risultati e dell andamento dei prezzi di mercato delle materie prime, soprattutto del cotone, è stata eseguita nel 1 anno una nuova prova di alimentazione per sostituire il cotone, prova che doveva essere eseguita nel 2 anno. La prova è stata eseguita dal 12 dicembre 2007 al 15 gennaio Nella razione con favino e pisello è stata aggiunta una quota di soia integrale (semi) per compensare l apporto lipidico che nell altra razione veniva garantito dal cotone. I risultati di questa prova non hanno messo in evidenza differenze significative nella produzione quantitativa e qualitativa del latte dei due gruppi. Anche il tenore lipidico non ha mostrato variazioni imputabili alla razione, essendo variato da 3,97 a 3,51% nel gruppo alimentato con cotone e da 4,03 a 3,56 nel gruppo alimentato con la razione senza cotone. Complessivamente la sperimentazione eseguita ha permesso di verificare che sia la soia sia il cotone possono essere validamente sostituiti totalmente o in parte inserendo nella razione favino e pisello proteico. Ovviamente, in un ottica di filiera OGM free, l eventuale impiego di soia e cotone implica un costante controllo delle materia prime al fine di evitare l impiego di materie prime OGM o inquinate da OGM. Per questo, i risultati ottenuti mostrano come il controllo della produzione delle materie prime impiegate nella filiera come alimenti zootecnici è il punto crucuale per lo sviluppo di filiere OGM free. Sotto-Azione 2.2.2: Sviluppo nel settore dei bovini da latte di una rete sperimentale territoriale inerente lo sviluppo di una filiera OGM free. Nel corso del primo anno, ed in particolare alla fine del primo anno, sono stati avviati contatti con il partner LatteMarche per avviare nel 2 anno, sulla base della sperimentazione condotta nel primo anno, il reperimento di altre aziende marchigiane produttrici di latte bovino da inserire nella rete territoriale sperimentale. Diverse aziende hanno mostrato interesse verso l iniziativa, ma accordi definitivi sulle attività da svolgere e sulle modalità da seguire per svolgerle verranno presi nella prima parte del 2 anno. Azione 2.3: Sperimentazione su suini. Sotto-Azione 2.3.1: Prova di alimentazione su suini. Come indicato nella variante del progetto, le prove di alimentazione sui suini verranno eseguite a partire dal 2 anno in collaborazione con APA Ancona e con Suinmarche. Sono stati inoltre presi accordi con l Azienda Biologica Scibè per eseguire la prova di alimentazione su suini in agricoltura biologica. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Sotto-Azione 2.3.2: Sviluppo nel settore dei suini di una rete sperimentale territoriale inerente filiere OGM free sia convenzionali che biologiche. Da eseguire a partire dal 2 anno dopo aver eseguito le prove di alimentazione. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Azione 2.4: Sperimentazione su avicoli. Sotto-Azione Prova di alimentazione su polli da carne in allevamento biologico.

4 Le prove su avicoli verranno eseguite a partire dal 2 anno del progetto presso aziende biologiche marchigiane. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Sotto-Azione Sviluppo sul territorio di una rete di rilevamento ed elaborazione dati produttivi nel settore avicolo in agricoltura biologica. Da avviare nel 2 anno in collaborazione con AMAB (Partner del progetto). NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 3. Valutazione di fattibilità tecnico economica. Azione 3.1: Definizione dei parametri tecnico-economici nell ambito delle singole filiere. Da svolgere a partire dal 2 anno. BOVINMARCHE, AMAB, SUINMARCHE e LATTE MARCHE. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Azione 3.2: Redazione e confronto di bilanci economici riferiti a filiere standard e OGM free. Da svolgere a partire dal 2 anno da parte dei fornitori di servizi BOVINMARCHE, AMAB, SUINMARCHE e LATTE MARCHE. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 4. Collaborazione nella definizione di disciplinari di produzione OGM free per la regione Marche. Azione 4.1. Sviluppo di sistemi analitici per filiere OGM free. E stato avviato il lavoro di ricerca per definire una metodica basata sull impiego dei marcatori molecolari per identificare le materie prime presenti nei mangimi, ed in particolare pisello proteico e favino. L estrazione del DNA è stata eseguita da 19 varietà di favino, 27 di pisello proteico, 24 di orzo, 30 di grano duro, 25 di grano tenero, 24 di sorgo e 24 di soia. Inoltre è stato avviato il reperimento di un campione delle varietà di mais attualmente diffuse sul territorio marchigiano. La banca di DNA così prodotta potrà essere impiegata nel 2 anno per identificare marcatori molecolari specie specifici. A questo riguardo, utilizzando i DNA estratti, è stato possibile avviare nel primo anno la sperimentazione prevista per il 2 anno inerente lo sviluppo di marcatori molecolari da impiegare per identificare le materie prime presenti nei mangimi. La prima fase della ricerca ha riguardato lo sviluppo di marcatori molecolari AFLP (Amplified Fragment Length Polymorphism). A tal fine sono state utilizzate 19 varietà di Favino (Albus, Betty, Castel, Chiaro di Torre Lama, Espresso, Irena, Lady, Merkur, Prothabat 69, Prothabon 101, Safir, Scirocco, Scuro di Torre Lama, Sicania, Vesuvio, Vithabon, Vulcain, Polo, Spada) e 27 varietà di pisello proteico (Eden, FDP , Galactic, Hardy, Iceberg, Ideal, Isard, Javlò, Jovial, Pacific, Pactol, Pepone, Prelude, Royal, Speleo, Spirale, Standal, Alliance, Amical, Apache, Athos, Attika, Cartouche, Chambord, Cherokee, Cordial, Starter). Complessivamente le 5 combinazioni di primer utilizzate hanno prodotto 118 bande interessanti per indentificare differenze a livello del DNA tra favino e pisello proteico. Successivamente, 24 bande (12 di favino e 12 di pisello proteico) sono state scelte come potenziali fonti di marcatori molecolari specie-specifici. Questi prodotti di amplificazione sono stati clonati in plasmidi e sequenziati. Nel 2 anno verrà eseguita l analisi delle sequenze di DNA dei cloni ottenuti al fine di identificare per ciascun clone una coppia di primer da testare per identificare marcatori molecolari specifici di favino o di pisello proteico Nell ambito dell azione 4.1, è stata eseguita anche un indagine per ottenere informazioni sulle caratteristiche qualitative di materie prime (granella di favino e pisello proteico), mangimi e foraggi campionati presso aziende della regione Marche. Infatti la conoscenza delle caratteristiche dei materiali utilizzati per l alimentazione zootecnica è fondamentale per poter impostare un sistema di alimentazione zootecnica basato su prodotti locali. Inoltre, sui mangimi campionati, è stato eseguito un controllo per verificare l eventuale inquinamento da OGM. In collaborazione con l Istituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria e Marche, fornitore di servizi nel progetto, sono state eseguite le analisi di granella di favino e pisello proteico, di un campione di mangimi e di foraggi prelevati presso alcune aziende marchigiane per verificare sia la composizione qualitativa (analisi di cartellino) del mangime sia l eventuale presenza di contaminazioni da OGM. Per ottenere informazioni sulla qualità dei foraggi impiegati presso aziende zootecniche marchigiane sono stati prelevati campioni di foraggi di graminacee e leguminose presso un campione di aziende marchigiane. Questi foraggi sono stati sottoposti ad analisi di cartellino presso i laboratori dell ASSAM. Le aziende presso cui sono stati eseguiti i campionamenti allevano prevalentemente bovini da carne. I risultati ottenuti sono in fase di elaborazione ma i dati sembrano indicare che nel settore dei bovini da carne: - la formulazione delle razioni deve essere eseguita considerando la qualità dei foraggi impiegati, soprattutto quando vengono utilizzate come fonte proteica leguminose quali favino e pisello proteico;

5 - le aziende sottovalutano spesso il valore delle colture foraggere, che al contrario risultano indispensabili nell ambito di filiere ecocompatibili, integrate con il territorio e basate sull impiego di un sistema di alimentazione basato su materie prime di origine locale; - l impiego di favino e pisello proteico spesso è limitato dalla mancanza di prodotto, altrimenti molte aziende hanno manifestato interesse verso l eventuale impiego di razioni basate su materie prime locali; - spesso la composizione dei mangimi non è adeguiata alla qualità e quantità dei foraggi utilizzati, aspetto interessante per ottimizzare l attività di allevamento in relazione all impiego di materie prime prodotte localmente; - un controllo regolare della qualità degli alimenti non viene quasi mai fatto dalle aziende, aspetto di fondamentale importanza per una ottimizzazione del processo produttivo e per una razionale programmazione della produzione futura di materie prime in relazione alle richieste delle aziende zootecniche. - infine sono stati identificati mangimi inquinati da OGM. Questo risultato, sebbene limitato ad un ristretto numero di aziende, conferma come alla base dello sviluppo di filiere locali OGM free debba essere posta particolare attenzione alla origine ed alla produzione delle materie prime, fase su cui bisogna attuare un controllo accurato e puntuale per evitare l introduzione nella filiera di inquinamenti da OGM che potrebbero avere ricadute negative sugli aspetti legati all immagine ed alla affidabilità della filiera Azione 4.2: Identificazione dei parametri idonei per la stesura di disciplinari OGM free per le filiere agro-zootecniche della regione Marche. Da eseguire a partire dal 2 anno in collaborazione con tutti i Partner e Fornitori di Servizi. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 5. Analisi dei costi della razione alternativa rispetto alla tradizionale. Azione 5.1: Confronto tra costo della razione OGM free con prodotti locali e costo della razione utilizzata dall azienda. Da svolgere a partire dal 2 anno. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 6. Verifica degli incrementi ponderali e degli effetti sul prodotto (latte e carne per i bovini) rispetto all alimentazione con soia. La valutazione degli incrementi ponderali è stata eseguita come parte integrante dell Attività 2. Azione 6.1. Bovini da carne: qualità della carne. Da eseguire nel 2 anno. Azione 6.2: Bovini da latte: qualità del latte. Da eseguire nel 2 anno. Azione 6.3: Qualità della carne nei suini. Da eseguire nel 2 anno dopo aver completato le prove di alimentazione. Azione 6.4: Qualità della carne in avicoli. Da eseguire nel 2 anno dopo aver completato le prove di alimentazione. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 7. Analisi economica della sostituzione della soia per l azienda. Azione 7.1. Valutazione di fattibilità economica della sostituzione della soia in ciascun settore oggetto di studio. Da eseguire a partire dal 2 anno. NESSUN RISULTATO PREVISTO PER IL 1 ANNO. Attività 8. Divulgazione dei risultati. Nel corso del 1 anno è stata avviata l organizzazione di un Convegno che si terrà nel corso delle prime fasi del 2 anno per motivi logistici legati alla conclusione del primo ciclo di prove sperimentali su bovini da latte. Il Convegno è in fase di organizzazione in collaborazione con la Cooperativa Stalla San Fortunato, partner del progetto, e con il Comune di Serra de Conti che ospiterà il convegno presso la propria Sala Convegni. Prof. Stefano Tavoletti (Responsabile tecnico-scientifico)

Identificativo della proposta Progettuale

Identificativo della proposta Progettuale 15 Sezione II - Risultati del Progetto I ANNO Identificativo della proposta Progettuale TITOLO (1) Sviluppo di filiere agro-zootecniche OGM free, sia convenzionali che biologiche, nella regione Marche.

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Mario Monotti. Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Università degli Studi di Perugia. seconda parte

Mario Monotti. Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Università degli Studi di Perugia. seconda parte Mario Monotti Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Uniersità degli Studi di Perugia Pisello proteico e faino seconda parte Seminario di presentazione dei primi risultati del progetto: Azioni di

Dettagli

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO ZOOALIMSOST è un progetto finalizzato

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Prospettive per lo sviluppo di una filiera OGM free nella Regione Marche Perspectives for developing an OGM free production chain in the Marche Region

Prospettive per lo sviluppo di una filiera OGM free nella Regione Marche Perspectives for developing an OGM free production chain in the Marche Region Prospettive per lo sviluppo di una filiera OGM free nella Regione Marche Perspectives for developing an OGM free production chain in the Marche Region Prof. Stefano Tavoletti Facoltà di Agraria - Università

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative

NATURA VERA MALDERA SRL. Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro. tecniche mangimistiche innovative NATURA VERA MALDERA SRL Titolo Progetto Valorizzazione del farinaccio di grano duro nell alimentazione li i delle specie avicole mediante tecniche mangimistiche innovative Denominazione/Ragione sociale:

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Roberto Defez Istituto di Genetica e Biofisica del CNR, Napoli Sviluppo sost-edibile Roma, 9 ottobre 2013 Gli Ogm li vende chi li combatte Ecco

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 1) Premessa PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE 1 II biennio Il secondo

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna)

Dettagli

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane D Ottavio P. 1, Trombetta M. F. 2, Trobbiani P. 1, Santilocchi R. 1 Dipartimenti 1 SAPROV e 2 SAIFET Facoltà di Agraria - Università

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Utilizzo dei sottoprodotti del biodiesel (panello di girasole e glicerina grezza) nell'alimentazione del suino pesante Descrizione estesa del risultato Dal 2003 ad oggi l'

Dettagli

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco Materie prime Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini Giuseppe Baricco La composizione fondamentale di un mangime per suini Gli apporti energetici provengono Dai cereali Dai grassi

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Raccomandazione varietale di erba medica per i sistemi biologici italiani Descrizione estesa del risultato Il comparto biologico riconosce un ruolo fondamentale all'erba

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Progetto PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Finanziamento: Regione Marche Bando Ricerca e Sperimentazione L.R. 37/99

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it Il carrello utilizzato per la raccolta dei prodotti alimentari per cani e gatti. ALIMENTA Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it La salvaguardia dell ambiente, la

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero.

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. composizione consumo di lettiera* Materiale N P 2 O 5 K 2 O kg/capo al giorno % t.q. %

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica L impegno Manta, Creso Consorzio di Ricerca Sperimentazione e Divulgazione per l'ortofrutticoltura Piemontese 12 novembre 2012 La presentazione di oggi L impegno a sostegno della Ricerca Scientifica Gli

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

Valutazioni tecnico-economiche

Valutazioni tecnico-economiche Valutazioni tecnico-economiche Sommario VALUTAZIONE TECNICA ED ECONOMICA DELL'INTRODUZIONE DI GRANELLE PROTEICHE NON OGM NELLA RAZIONE ALIMENTARE DI BOVINI DA CARNE E OVINI...3 VALUTAZIONE TECNICA ED

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for:

Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-5-STP-007 (I) 6 2015-11-13 5 1 of 6 Prepared by: Reviewed by: Approved Valid for: by: D. Capra S. Bianchini, M. Bonadonna CSI All in DNV GL Business Assurance

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI SETTORE ECONOMICO - GESTIONALE 1. INTERVENTI DIVULGATIVI coerenti con gli obiettivi del progetto. la spesa ammissibile verrà valutata in base alla caratteristiche

Dettagli

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in Il progresso tecnico in agricoltura le dimensioni del progresso tecnico in agricoltura gli effetti del progresso tecnico (il caso del progresso tecnico risparmiatore dei costi) la nuova rivoluzione tecnologica

Dettagli

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA Il metodo biologico presuppone uno stretto legame fra l allevamento e l azienda agricola, che mediante opportune rotazioni colturali deve essere in grado di fornire la maggior

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Progetto di ricerca Birra da farro

Progetto di ricerca Birra da farro Articolo ON LINE Progetto di ricerca Birra da farro Soggetti coinvolti Il progetto di ricerca Birra da farro finanziato con la LR 37/99 è stato realizzato dal Dipartimento SAIFET, Università Politecnica

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO BOVINI DA LATTE PRINCIPI GENERALI: l allevamento zootecnico viene considerato come complementare alla produzione vegetale dell azienda

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile L allevamento delle bovine da secondo metodo biologico segue le indicazioni definite nella normativa comunitaria (Reg. CE 2092/91, Reg. CE 1804/99, Reg. CE 834/07, Reg CE 899/08) integrata da successivi

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0013173-20/06/2014-DGSAF-COD_UO-P Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO Fattoria Didattica e Visite La BioFattoria Solidale del Circeo opera su un terreno di 175 ettari all interno della Tenuta Mazzocchio (Azienda storica dell Agro Pontino che

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Il biologico in Basilicata

Il biologico in Basilicata Quaderno della Il biologico in Basilicata 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Con.Pro.Bio Lucano è il Consorzio dei Produttori Biologici della Basilicata che conta una ventina di

Dettagli

A cura di EMANUELE VICENTINI

A cura di EMANUELE VICENTINI L.R. N. 32/1999: ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SVILUPPO AGRICOLO DGR N. 2222 DEL 18.07.2006 INTERVENTO: ATTIVITÀ DI COLLAUDO DELL INNOVAZIONE, DIVULGAZIONE ED INFORMAZIONE A cura di EMANUELE VICENTINI

Dettagli

Il biologico in Piemonte

Il biologico in Piemonte Quaderno della Il biologico in Piemonte 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Agri.Bio. Piemonte è stata fondata, nel 2007, quale associazione regionale di promozione dell agricoltura

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria (IBBA) Tuesday, October

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrero: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU2 14/01/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 14 dicembre 2015, n. 16-2596 Approvazione dello schema di accordo, ai sensi dell'art. 15 L.241/90 e art.22 L.r. 14/2014, tra la Regione

Dettagli

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità ed autogesione IL PROGETTO IRIS E UN PROGETTO DI ECONOMIA

Dettagli

Sperimentazione in soia 2012

Sperimentazione in soia 2012 Sperimentazione in soia 202 Marco Signor cell.3346825 E-mail: marco.signor@ersa.fvg.it Udine, 26 gennaio 203 Superfici coltivate a soia.. Dati Istat Ha x 0 80 60 40 20 80 60 40 20 0 2007 2008 2009 200

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA PRODOTTO 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 1.INTRODUZIONE 3 2.TERMINOLOGIA 3 2.1 PRODUTTORE 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO 3 2.3 CAMPIONATURA 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ

Dettagli