Vacche da latte, un mercato alimentato dalla ricerca e dalla formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vacche da latte, un mercato alimentato dalla ricerca e dalla formazione"

Transcript

1 PERIODICO DELLA ZOOTECNIA PRODUTTIVA NUMERO 14 ANNO VII (n 2) OTTOBRE 2012 Vacche da latte, un mercato alimentato dalla ricerca e dalla formazione Esperienza e innovazione Dell Aventino, gli ingredienti giusti per un latte di qualità

2 Detto tra noi Gentili Lettrici e Gentili Lettori, a distanza di tempo siamo di nuovo a parlare dell aumento dei prezzi delle materie prime (mais, orzo, soia, etc.) indispensabili per l alimentazione animale. Questi incrementi degli ultimi mesi sono dovuti essenzialmente alla siccità che ha colpito i principali Paesi produttori di tali commodities; la drastica riduzione della resa per ettaro, e quindi la disponibilità per i mercati di approvvigionamento, ha sconvolto quella che sembrava essere una normale estate dal punto di vista dei raccolti. Come accade quando si è in piena burrasca, bisogna navigare a vista. Di conseguenza faremo di necessità virtù, muovendo i listini dei nostri prodotti di pari passo con l andamento delle principali materie prime. A fare da contraltare alla tempesta dei mercati, c è un ottima notizia per tutto il comparto agro-zootecnico: il 24 ottobre, infatti, entrerà in vigore l articolo 62 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27 (il cosiddetto decreto liberalizzazioni). In sostanza, la normativa citata è finalizzata alla tutela dei prodotti agricoli e alimentari di produzione nazionale. Al fine di garantire un giusto rapporto di forza tra le parti della filiera (agricoltori-allevatori-mangimifici-trasformatori-dettaglio/gdo), la normativa prevede: 1) la forma scritta per i contratti; 2) i termini di pagamento che saranno inderogabili (30 giorni per i prodotti deperibili e 60 per gli altri); 3) sanzioni a carico delle parti che non rispetteranno la normativa (pratiche commerciali sleali). Vi rimando a pag. 17 di questo numero per ulteriori dettagli. Volete vedere che per una volta è stata concepita una normativa a favore del nostro settore?! A questo punto non resta che augurarsi che l entrata in vigore avvenga senza ritardi. La mia personale sensazione è che la sensibilità verso la parte più debole della filiera (allevatori in primis) è alta e che si farà di tutto per permetterle di continuare a produrre eccellenze alimentari. In questo numero, inoltre, potrete leggere l articolo del Dott. Paolo Colturato, professionista esperto che pone l accento sull importanza della formazione in ambito mangimistico (ma utile sempre a tutti i livelli, aggiungo io!) e propone un nuovo approccio critico e costruttivo che la rete commerciale e tecnica deve maggiormente adottare negli allevamenti. Anche l allevatore - mi rivolgo soprattutto ai giovani - deve vedere la sua azienda con una rinnovata dimensione critica, rimettendosi in discussione, per affrontare al meglio questo particolare momento di mercato. Ringrazio il Dott. Colturato per il suo articolo e per l impegno profuso nel Corso Avanzato per Specialist nel campo delle vacche da latte in via di svolgimento in Dell Aventino. In ultimo, vorrei pubblicamente inviare da queste pagine un ringraziamento diretto ad Antonello Ceccarani che per motivi di salute ha dovuto abbandonare l incarico di Direttore Commerciale della Dell Aventino Mangimi. Dalla redazione di Zoo-Zoom e da me in particolare, l augurio di una pronta e totale guarigione. A tutti i lettori, invece, auguriamo un buon autunno e una buona lettura di Zoo-Zoom. Nereo Dell Aventino Amministratore Unico - Dell Aventino Srl S.U. PERIODICO DELLA ZOOTECNIA PRODUTTIVA NUMERO 14 ANNO VII (n 2) OTTOBRE 2012 Primo piano...pag 3 Allevamento da latte: nella formazione una ricetta per pensare positivo La parola al tecnico...pag 5 Le atlete metaboliche Buone nuove...pag 8 Le ultime novità in casa Dell Aventino Noi&Voi... Pag 10 A domanda rispondiamo Sotto i riflettori...pag 12 Az. Agr. Marcone In Basilicata ma soprattutto in vetta L esperienza positiva... Pag 14 Coop. Agr. Zootecnica Falode Castello del Matese (CE) In linea con il mercato... Pag 16 Il momento è caldo A rigor di legge... Pag 17 Norme e regolamenti Area marketing... Pag 18 Progetto AGRIDELL Vita d azienda...pag 19 Filo diretto tra Dell Aventino e i suoi collaboratori Nota bene...pag 19 Appuntamenti da non perdere Editore Dell Aventino S.r.l. - S. U Fossacesia (CH) - S.P. Pedemontana, 8 Tel r.a. - Fax Progetto grafico Sinergia Advertising - Pescara Stampa Litografia Botolini - Rocca S. Giovanni (Ch) Tiratura copie 2

3 Primo piano L articolo di apertura Dott. Paolo Colturato del TEAM PARAGON Technical Innovation & Marketing Consulting Allevamento da latte: nella formazione una ricetta per pensare positivo Nella stretta e dinamica collaborazione con le aziende mangimistiche una risposta agli interrogativi del momento Problemi storici e contingenti affliggono il settore zootecnico ed impongono una profonda rilettura dei meccanismi non sempre virtuosi che lo regolano, soprattutto nel particolare momento che stiamo vivendo. Alti sono gli ostacoli che riguardano aspetti come la produzione, la trasformazione e la vendita. Se per la parte commerciale nuove e più eque norme in via di attuazione restituiranno probabilmente più dignità e potere contrattuale ai produttori, sulla gestione aziendale i margini di miglioramento appaiono ancora ampi, anche grazie alle possibilità di sviluppo garantite da una più intensa collaborazione con i fornitori partner. Management evoluto e supporto dalle aziende mangimistiche in termini di specialisti di campo, formazione continua ben oltre i prodotti, sostegno spinto: questa è la ricetta per cambiare marcia e gettarsi fantasmi da recessione alle spalle. migliorare le risorse umane aziendali. La Direzione dell Azienda Dell Aventino ha ribadito il suo dinamismo allestendo un Corso Avanzato strategico per il proprio personale tecnico-commerciale e questo patrimonio d esperienza - inevitabilmente - verrà riversato sul mercato, a vantaggio anche dei clienti. Specie nel centro-sud Italia, i territori sono ancora caratterizzati da una zootecnia alle prese con un forte cambiamento generazionale che comporta che i nuovi giovani debbano essere preparati e debbano avere al loro fianco partner competenti per interpretare il lavoro quotidiano in modo diverso dal passato. Va sicuramente perseguito ed alimentato un approccio in linea con le specificità dei territori e delle tradizioni allevatoriali d area. In questa prospettiva, anche per un azienda mangimistica, la formazione appare un tassello fondamentale perché il mondo va avanti, la tecnologia progredisce, le esigenze dei clienti aumentano; possedere nuove conoscenze è determinante per 3

4 Momenti del Corso Avanzato organizzato da Dell Aventino in collaborazione con Team Paragon, società all avanguardia nella formazione. Un attività di apprendimento volta a creare spirito di squadra, condivisione di esperienze e risultati, innalzamento delle conoscenze tecniche di nutrizione e management dei ruminanti e di aggiornamento sulle recenti evoluzioni non solo nel campo della loro nutrizione. Il programma è stato stilato rispettando le esigenze interne ma soprattutto tenendo conto delle esigenze più importanti della clientela: reddito e performance di alto livello e soprattutto raggiungimento di risultati economicamente soddisfacenti e sostenibili nel tempo. Team Paragon, punto di riferimento internazionale per la formazione manageriale e aziendale, è stato coinvolto in questo progetto ed ha messo a punto un programma formativo per veri specialist delle vacche da latte. La mia stretta collaborazione con la Direzione Tecnica, la Direzione Commerciale e con il Team Tecnico Dell Aventino ha consentito di articolare gli incontri in aula e presso allevamenti selezionati per dare la svolta pratica spesso ignorata negli stage classici. Ritengo che anche per un azienda mangimistica la formazione non sia un insieme di nozioni statiche ma debba essere il modo di trasferire conoscenza da applicare nel lavoro di tutti i giorni, con uno scambio di esperienze utile a scoprire e soddisfare al meglio i bisogni ed i desideri del cliente attraverso la fornitura di servizi mirati. Il personale tecnico e di vendita, come per Dell Aventino, dovrà essere sempre più preparato, motivato ed efficiente per raggiungere l obiettivo oggi importante: supportare il cliente nell attuale difficile fase di mercato. Una rinnovata ottica, quindi, che prevede anche lo scambio di esperienze: gli specialist amplificheranno sempre più - per mezzo della formazione acquisita - anche capacità di osservazione e ascolto, pianificazione delle attività e offerta di servizi e competenze. Verranno migliorate le abilità comunicative e di apprendimento sui fattori di efficacia della comunicazione al cliente e sviluppate capacità di negoziazione e strategie di soluzione dei problemi, senza trascurare le capacità di adattamento creativo di fronte a situazioni inconsuete. Attraverso il percorso con Team Paragon, verrà messa in atto anche la nota disciplina formativa denominata coaching (processo mutuato dagli ambiti sportivi americani) che tende ad aiutare la persona ad acquisire una maggiore competenza professionale e a superare barriere che ostacolano il miglioramento della sua performance o di quella dei clienti. Il coach non solo guida la squadra e la allena, ma la segue dal punto di vista emotivo e dell autostima, la stimola, crea spirito di gruppo per affrontare il mercato ed i clienti con maggiore fiducia e sicurezza. Il successo di servizi di consulenza gestionale, trasferito all ambiente dell allevamento da latte, richiede un impegno congiunto del consulente (tecnico, commerciale) e del cliente fino a un vero e proprio coinvolgimento completo. Oggi, la veste di semplice fornitore di mangimi diventa sempre più stretta per le aziende più proattive: ecco perché Dell Aventino fornisce, in piena indipendenza, la consulenza e l assistenza in materia di gestione degli animali, delle razioni e della nutrizione specifica. Offre inoltre soluzioni e azioni appropriate nell attuazione dei progetti definiti con costante monitoraggio. In sintesi, lo scopo di questo percorso formativo è di aiutare i clienti a raggiungere risultati definiti nel tempo, concordati nel metodo e nei modi, per contribuire da un lato a limitare rischi e incertezze e dall altro a dare vita ad una sinergia con il fornitore di mangimi. Oggi, non bisogna trasferire solo conoscenza (anche perché l accesso all informazione è quasi immediato per tutti, si pensi al ruolo di Internet!) ma assieme all allevatore bisogna individuare una nuova dimensione critica della stalla, bisogna anche studiare ed esporre persino i segnali degli animali e la loro interpretazione che costituiscono base fondamentale per l anticipazione delle problematiche e delle opportunità, anche al di fuori della sfera strettamente alimentare. Tutto questo è oggetto del Corso Avanzato in essere in Dell Aventino, sviluppato anche attraverso test e lavori di gruppo. E certamente un investimento sugli uomini dell Azienda affinchè entrino direttamente in sintonia con gli allevatori con approccio costruttivo, per affrontare le sfide di tutti i giorni supportandoli con soluzioni tecniche moderne, redditizie ed economiche. Paolo Colturato 4

5 La parola al tecnico Il punto di vista dei professionisti del settore su un tema di interesse generale Clotilde Villeri Laureata in Medicina Veterinaria presso l Università di Parma è Direttore Area Tecnica Dell Aventino Le atlete metaboliche Nel delicato periodo della transizione si traccia il solco tra una bovina con performance medie e una con prestazioni super Le performance produttive e riproduttive delle vacche da latte dipendono da complessi meccanismi metabolici e dall interazione di fattori ambientali e manageriali. Le vacche da latte ad alta produzione sono state descritte come le atlete metaboliche. Le bovine, nel 30-50% dei casi, sono soggette a patologie metaboliche che si manifestano principalmente nel periodo di transizione e causano notevoli perdite economiche, come la diminuzione della produzione lattea, la maggiore riforma e l aumento delle spese sanitarie (prestazioni veterinarie, farmaci, etc.). I problemi metabolici possono essere collegati ad un deterioramento dello status energetico che influenza negativamente l attività fisiologica di diversi organi. L insulina, in questo contesto, assume un importanza rilevante; in sostanza tutte le bovine nel periparto sperimentano un periodo di insulino-resistenza caratterizzato da una ridotta assunzione alimentare, da un bilancio energetico negativo, dalla lipolisi, dal dimagramento all inizio della lattazione e dalla diminuita Insulino-resistenza I cambiamenti ormonali associati alla lipomobilizzazione fanno diminuire il consumo di glucosio da parte dei tessuti extramammari conservandolo per la mammella. funzione immunitaria. Una delle priorità nei mammiferi è quella di assicurare l energia al neonato attraverso il latte. Infatti, alla ghiandola mammaria confluiscono importanti quantità di glucosio per formare il lattosio e i tessuti extramammari utilizzano le riserve energetiche sia del tessuto adiposo sia di quello muscolare. Accanto a questa metabolizzazione delle riserve energetiche, il fegato deve aumentare la produzione di glucosio; infatti all inizio della lattazione cresce drasticamente il fabbisogno energetico a causa della repentina domanda di produzione di latte (esso può aumentare di ben tre volte rispetto a quello richiesto dall utero gravido). L elevata richiesta di principi nutritivi glucogenici per la produzione del latte e l insufficiente 5 apporto degli stessi, determina uno stato energetico negativo (BEN: Bilancio Energetico Negativo). La diminuita ingestione di sostanza secca, stimata del 5% a partire dai 215 giorni di gestazione per arrivare sino al 30% nelle prime due settimane di lattazione, determina il grado del BEN che raggiunge il livello più basso attorno ai 14 giorni di lattazione. La gravità e la durata di esso sono soggette ad enormi variazioni tra le vacche stesse. La bassa ingestione determina la lipomobilizzazione con un aumento dei NEFA (Acidi Grassi Non Esterificati) che contribuiscono al rischio di steatosi. Situazioni di grave bilancio energetico negativo espongono le bovine a gravi rischi patologici perché elevati livelli di NEFA inibiscono la risposta immunitaria. La compromessa attività immunitaria aumenta il rischio di metriti, di endometriti e di ritenzione di placenta.

6 GESTIONE NUTRIZIONALE Il principale obiettivo della gestione nutrizionale nel periodo di transizione è proprio quello di sostenere i cambiamenti metabolici per ridurre i rischi di patologie e massimizzare la lattazione successiva. Carboidrati fermentescibili Durante il periodo preparto si hanno effetti positivi attraverso l apporto di carboidrati fermentescibili (cereali, fiocchi di cereali, buccette, polpe). Recenti ricerche suggeriscono che la forma dei carboidrati (amido e fibre molto digeribili) può essere di minor importanza e che i risultati in termini di aumento d ingestione di sostanza secca e diminuzione di NEFA sono da attribuire ad un aumento della concentrazione energetica della razione che, di fatto, offre più precursori glucogenetici e una migliore risposta all insulina. Inoltre i CNS (Carboidrati Non Strutturali) promuovono lo sviluppo delle papille ruminali e favoriscono l adattamento della microflora ruminale a diete maggiormente concentrate. Questa strategia è pensata per preparare la vacca alle maggiori richieste metaboliche di lattazione e quindi per ridurre al minimo la lipomobilizzazione nel post parto. Lipidi Gli acidi grassi a lunga catena sono assorbiti nel sistema linfatico e non passano attraverso il fegato. Secondo alcuni autori possono fornire energia per i tessuti periferici e la ghiandola mammaria. In molte ricerche però non si è osservata la diminuzione di NEFA con l integrazione di lipidi nella dieta. Molti studi negli ultimi anni si sono concentrati sui ruoli metabolici dei singoli acidi grassi. Essi indicano che ci possono essere effetti diversi sul metabolismo del fegato, ma bisogna attendere ulteriori risultati per caratterizzarne ulteriormente gli effetti metabolici. Proteine Le proteine nobili ad elevato by-pass (soia trattata, glutine di mais) garantiscono un apporto qualitativo in aminoacidi che agisce favorevolmente sulla salute e sulle prestazioni produttive. Un buon livello quali-quantitativo di esse garantisce un adeguata produzione anticorpale e una buona funzionalità delle cellule immunitarie. Una carenza in metionina riduce l attività del sistema immunitario predisponendo gli individui ad infezioni uterine. Colina Oltre alle strategie nutrizionali impiegate per diminuire i NEFA esiste la possibilità di includere nella dieta la colina che potrebbe influenzare positivamente il metabolismo lipidico epatico. Monitoraggio Alcuni autori suggeriscono che gli animali che subiscono un moderato stress metabolico dopo il parto sacrificano la funzione immunitaria per sostenere la produzione di latte, dicono inoltre che essendo i bovini animali preda, hanno sviluppato una particolare risposta comportamentale al dolore e alla malattia che rende difficile la diagnosi precoce di malattia nella vacca da latte. Pertanto è fondamentale applicare metodi di monitoraggio/ osservazione della mandria per rilevare in anticipo i problemi di salute e limitarne i costi conseguenti. Registrazioni dei casi clinici di malattia Un buon punto di partenza per la valutazione dello stato di salute di una mandria è di avere accurate registrazioni degli eventi clinici. Devono comprendere le incidenze per Distocia, Ritenzione di Placenta metrite, Dislocazione Abomaso, animali riformati o morti. La valutazione dei casi clinici è necessariamente retrospettiva e non permette l individuazione di casi sub-clinici. Ingestione E necessario valutare la razione alimentare nei suoi equilibri nutrizionali e misurare l ingestione di sostanza secca sia in preparto sia in post parto. L assunzione di sostanza secca in preparto è correlata positivamente con quella dopo il parto, perciò è necessario massimizzare gli sforzi per favorire l ingestione, il cui aumento dovrebbe iniziare prima del parto. Produzione e temperatura corporea L aumento di produzione di latte deriva da un buono stato sanitario e da un adeguata ingestione. Pertanto rilevare giornalmente la produzione di latte nelle prime tre settimane dopo il parto può essere un mezzo per identificare i soggetti con problemi sub clinici. Il calo di produzione può precedere la manifestazione clinica. Bisogna tener presente che la produzione di latte, soprattutto nei primi mesi di lattazione, è influenzata da molti fattori (meteo, cambiamenti alimentari, organizzazione dei gruppi). Molti tecnici suggeriscono di associare il rilievo termometrico a quello produttivo. BCS (Body Condition Score) La condizione corporea riflette lo stato nutrizionale e metabolico della bovina ed è un segnale anamnestico della gestione nutrizionale dei periodi precedenti. Molti studi hanno valutato la correlazione tra BCS e salute e quindi ripresa produttiva. In generale le vacche che partoriscono con un BCS eccessivo hanno una maggiore probabilità di ammalarsi. La malattia clinica è in genere solo la punta di un iceberg rispetto ai problemi sanitari. Per migliorare l ingestione è importante non creare sovraffollamento e rinfrescare la zona del preparto (caldo e umidità riducono l ingestione); per limitare le infezioni occorre mantenere la zona pulita. In questo periodo l assunzione di alimento fisiologicamente declina ed è indispensabile evitare quindi di accentuare questo fenomeno attraverso limitazioni strutturali e gestionali. E importante assicurare un adeguato spazio in mangiatoia ma è anche necessario che siano sempre presenti alimenti freschi ed appetibili ed acqua per incoraggiare il consumo. In animali obesi prima del parto si ha un aumento della severità delle infezioni e dei fenomeni infiammatori. 6

7 NEFA e BHB La concentrazione ematica di NEFA e BHB (ß idrossibutirrato) misura l adattamento metabolico al bilancio energetico negativo. I NEFA riflettono la grande mobilitazione del grasso di deposito e quindi sono lo specchio della capacità d ingestione, mentre il BHB riflette la capacità ossidativa dei grassi a livello epatico. Alta concetrazione di NEFA (> 0.4 mmol/l) tra 7-10 giorni prima del parto atteso è correlata a: - rischio di Dislocazione Abomasale 2-4 volte maggiore; - rischio di ritenzione placentare 2 volte maggiore; - probabilità di riforma 2 volte maggiore; kg di latte al giorno in meno per i primi 4 mesi. Con valori di BHB pari a mmol/l nella prima e nella seconda dopo il parto si hanno: - rischio di Dislocazione Abomasale 3-8 volte maggiore; - rischio di metrite 3 volte maggiore ; - rischio di chetosi clinica 4-6 volte maggiore; - aumento probabilità di endometriti; - maggiore gravità di mastite (non aumenta l incidenza). Purtroppo il monitoraggio di routine della concentrazione dei NEFA non è fattibile per via dei costi e dei ritardi dei Alla chetosi è associata una ridotta capacità riproduttiva. risultati analitici mentre test diagnostici rapidi per la valutazione della chetosi sub-clinica offrono soluzioni pratiche ed economiche. Abbiamo esaminato l importanza del metabolismo energetico nelle vacche da latte durante il periodo di transizione e la sua correlazione con le patologie metaboliche e alcuni sistemi di monitoraggio con l obiettivo di creare spunti di discussione tra tecnici ed allevatori, per giungere ad una corretta gestione di questa particolare fase d allevamento. La conoscenza dei fattori fisiopatologici non è infatti sufficiente a prevenire il rischio di patologie metaboliche; è necessario saper trasferire le conoscenze nelle diverse realtà aziendali e soprattutto valutare l allevamento come un sistema integrato. Una componente importante è quella di motivare gli allevatori ed attuare metodi ben progettati. E questo è il primo passo per realizzare una buona prevenzione delle malattie. Il Team Tecnico Dell Aventino ha studiato una particolare strategia nutrizionale da inserire nel programma di gestione del periodo di transizione, con l obiettivo in questa delicata fase di minimizzare gli effetti negativi del cambiamento metabolico sullo stato di salute della bovina per ottenere una ripresa produttiva e riproduttiva efficiente. AS MULTITECH, la strategia nutrizionale per il periparto, è un supplemento da somministrare da 3 settimane prima del parto a due settimane dopo il parto. AS MULTITECH apporta: carboidrati fermentiscibili (fiocco di mais) e lievito per modulare la microflora ruminale e aumentare la densità energetica della razione; proteine di elevata qualità (in parte da siero di latte e in parte da soia) per veicolare aminoacidi indispensabili a migliorare la risposta immunitaria; colina protetta per migliorare il metabolismo epatico; farina di alghe per incrementare la funzione immunitaria attraverso l attività antiossidante; zinco e manganese chelati per potenziare le difese immunitarie; pool di lipidi da differenti fonti lipidiche compreso il seme di lino apportatore di AGPI (Acidi Grassi Poli Insaturi); La glassatura migliora l appetibilità e stimola l ingestione di sostanza secca. Clotilde Villeri 7

8 Buone nuove Uno sguardo attento alle ultime novità firmate Dell Aventino Dott. Stefano Albanese, Laureato in Medicina Veterinaria presso l Università di Bari, da oltre un decennio è in Dell Aventino con l incarico di Area Manager e dal 2011 è anche Product Manager per il settore Ruminanti. NEW CONCEPT FEED Linea Opti-Syncro Nutrienti in sincronia per risultati eccellenti. La vacca da latte ha bisogno di proteine degradabili e Azoto Ammoniacale sempre disponibile per sincronizzare le fermentazioni ruminali e renderle efficienti. Le fermentazioni ruminali producono: Acidi Grassi Volatili, principale fonte di energia per la produzione di latte e per la riproduzione. Batteri e Protozoi, fonti di proteine nobili. CARBOIDRATI FERMENTISCIBILI PROTEINA DEGRADABILE/NPN Molti nutrizionisti per migliorare la digestione della fibra forniscono Azoto Ammoniacale. Per ottenere una buona digestione della fibra il livello minimo di concentrazione ruminale di Azoto Ammoniacale è intorno ai 10 mg/dl. Al di sotto di tale concentrazione è come avere un carburatore ingolfato dove manca l aria per bruciare il carburante. La carenza di Azoto Ammoniacale ruminale provoca: minor efficienza ruminale calo dell ingestione calo della digeribilità dei foraggi Il Team Tecnico Dell Aventino ha ottenuto brillanti risultati apportando fonti di Azoto sempre disponibile per il rumine, ma a lento rilascio. La principale fonte di Azoto Ammoniacale è l Urea. Quando essa raggiunge il rumine viene scissa in anidride carbonica e ammoniaca; quest ultima viene in parte captata dalla popolazione microbica e in parte assorbita e messa in circolo sanguigno. L Urea, utile per coprire il fabbisogno proteico, ha però due limiti enormi: l effetto positivo sulla proliferazione microbica termina dopo poche ore dal pasto e possono entrare in circolo quantità eccessive di Azoto Ammoniacale % PROTEINE TOTALI ACIDI GRASSI VOLATILI PROTEINA MICROBICA 60-70% FABBISOGNO ENERGETICO Semplificando possiamo individuare due popolazioni microbiche: quella che produce energia dalla degradazione degli amidi e quella che utilizza come substrato cellulose ed emicellulose presenti nei foraggi sempre per produrre energia. La prima popolazione, per coprire il suo fabbisogno di azoto, utilizza per due terzi gli aminoacidi e per un terzo l Azoto Ammoniacale; la seconda utilizza come fonte principale di Azoto quello ammoniacale. E comunque possibile sfruttare i benefici degli effetti conseguenti ad una adeguata 8

9 disponibilità di Azoto Ammoniacale a livello ruminale evitando però i rischi di pericolose oscillazioni di concentrazioni. Esistono in commercio prodotti a base di Urea (Optigen ) ai quali è stata applicata una speciale tecnologia che consente di rilasciare lentamente e in maniera controllata nel rumine le quantità di azoto non proteico idonee ad ottimizzare la produzione di proteine di origine microbica. Le razioni formulate con il principio OPTI-SYNCRO Dell Aventino - new concept feed, apportando Optigen come fonte di Azoto non proteico a lento rilascio migliorano la digeribilità della fibra, in molti casi con aumento delle performances produttive. Sono stati osservati gli effetti sul metabolismo ruminale attraverso la valutazione fisica delle feci tramite l utilizzo del Digester Analyzer, valido strumento di lavoro per i Tecnici Dell Aventino. Nella foto seguente si può osservare la quantità di feci ritenuta dai setacci (prima dell aggiustamento della razione) che non rientrava nei parametri ottimali. un doppio vantaggio per l allevatore: 1. aumento dell efficienza alimentare (la razione è trasformata in più latte e più qualità); 2. contenimento dei costi delle materie prime proteiche per razione. Perché funziona OPTI-SYNCRO La somministrazione di azoto a lento rilascio determina un cambiamento del metabolismo ruminale. Si assiste ad un risparmio degli aminoacidi necessari per il metabolismo dei batteri che digeriscono la fibra; nel contempo si assiste ad una crescita costante dei batteri cellulosolitici per la costante disponibilità di Azoto Ammoniacale. Pertanto a livello duodenale si ha una maggiore quantità di aminoacidi disponibili per essere assorbiti. Il miglioramento dell efficienza microbica a livello ruminale sembra determinare aumenti delle performances produttive anche a fronte di una diminuzione del tenore proteico della razione. Per questo motivo il Team Tecnico Dell Aventino propone prodotti in grado di modificare la popolazione batterica a favore di quella cellulosolitica per migliorare la digeribilità del foraggio e diminuire i costi della razione. LINEA VACCHE DA LATTE VL OPTI-SYNCRO 22 (pellet) - cod VL COTTON OPTI-SYNCRO 18 (farina+cotone) - cod VL COTTON OPTI-SYNCRO 21 (farina+cotone) - cod VL N OPTI-SYNCRO 32 (farina) - cod VL N COTTON OPTI-SYNCRO 32 (farina+cotone) - cod VL OPTI-SYNCRO COTTON MASH 2033 (sbric.+fiocchi+cotone) - cod.3406 La razione riformulata con la tecnica OPTI-SYNCRO Dell Aventino ha determinato un miglioramento delle performances produttive in termini qualitativi (grasso e proteine). Le analisi delle feci (vedi foto seguente) evidenziano i risultati dopo 7 giorni di trattamento (foraggio più digerito). Questa esperienza positiva in un contesto di continui rincari delle materie prime proteiche offre LINEA BUFALE BU OPTI-SYNCRO 22 (pellet) - cod BU OPTI-SYNCRO 227 (pellet) - cod BU OPTI-SYNCRO 247 (sbriciolato) - cod BU OPTI-SYNCRO 248 (pellet) - cod BU COTTON OPTI-SYNCRO 18 (farina+cotone) - cod BU N OPTI-SYNCRO 32 (farina) - cod I prodotti, apportando urea a lento rilascio (Optigen ) che modula la produzione nel rumine di ammoniaca rendendola disponibile per i microbi ruminali (soprattutto quelli che digeriscono il foraggio), ottengono: aumento delle proteine microbiche ricche di aminoacidi essenziali, indispensabile per bilanciare gli apporti di aminoacidi; più aminoacidi a livello intestinale; più energia disponibile per la produzione; migliore efficienza di trasformazione degli alimenti. Stefano Albanese 9

10 Noi&Voi A domanda rispondiamo Volete saperne di più su un argomento che vi sta a cuore? Intendete soddisfare una curiosità? Inviateci i vostri quesiti per all indirizzo oppure per posta a Redazione Zoo-Zoom c/o Dell Aventino Srl S. U., S.P. Pedemontana 8, Fossacesia (CH). Esperti e studiosi del settore saranno lieti di rispondervi dalle colonne di questa rubrica. Risponde il Dott. Cristiano Chiappa Laureato in Scienze della Produzione Animale presso l Università degli Studi della Basilicata, si è inoltre specializzato in Alimentazione Animale presso l Università degli Studi di Napoli. In Dell Aventino dal 2010, svolge il ruolo di Tecnico Alimentarista. D. Il latte della mia mandria presenta valori di proteina bassi (3,12) associati a valori di urea elevati (34 mg/dl). Come devo fare per aumentare le proteine e al contempo riportare l Urea entro parametri normali? Vito R. - Campagna (SA) R. L Urea è una molecola che si forma nel fegato e nei reni a partire dall ammoniaca (NH3) che viene a sua volta prodotta dalla degradazione delle proteine grezze nel rumine. Quando nel rumine è presente troppa proteina degradabile l ammoniaca che non viene utilizzata dai microrganismi passa nel sangue attraverso la parete ruminale e giunge al fegato dove viene convertita in urea che a sua volta viene secreta con le urine o viene riciclata tramite la saliva e la diffusione diretta attraverso la parete ruminale. L Urea si diffonde velocemente nei tessuti corporei passando dal sangue al latte. Tra i fattori alimentari in grado di influenzare la concentrazione di Urea c è la quantità di proteine degradabili immesse con la razione; in particolare la quota è bassa in carenza di azoto degradabile, alta in caso di eccessi. L urea diminuisce con l innalzarsi del livello energetico della razione, in particolare è importante l apporto di energia fermentescibile, in relazione anche alla disponibilità di proteine degradabili; bassi valori di Urea vengono associati ad eccesso di energia fermentescibile. Le situazioni in cui ci si può imbattere sono tendenzialmente 4: - Urea alta e proteina alta: esiste un problema in razione di eccesso proteico; - Urea bassa e proteina bassa: esiste un problema di carenza proteica; - Urea alta e proteina bassa: esiste una carenza di energia fermentescibile; - Urea bassa e proteina alta: esiste una carenza di proteina solubile. Nel caso in discussione c è sicuramente una carenza di energia fermentescibile che può essere risolta inserendo in razione una quota di polpe di barbabietola o di orzo in farina o fiocchi bilanciando così l energia fermentescibile con le proteine solubili. D. Quanto e come incide una cattiva alimentazione sulla riproduzione dei ruminanti da latte? Antonio C. - Altavilla Silentina (SA) R. Da sempre è nota la stretta interazione esistente tra nutrizione e riproduzione. Gli elementi necessari al mantenimento, alla crescita ed alla produzione di latte - acqua, energia, proteina, vitamine e minerali - sono utilizzati anche per assicurare la capacità riproduttiva. Squilibri alimentari durante la gravidanza possono indurre alla predisposizione di malattie metaboliche quali chetosi, dislocazione abomasale, collasso puerperale, ecc. SQUILIBRI PROTEICI - In generale, quantità inadeguate di proteina hanno ripercussioni negative tanto sulla produzione di latte che sulla sfera riproduttiva, ma anche gli eccessi, soprattutto di quelle solubili e degradabili, sono da evitare. In questo caso alti livelli nel sangue di urea e/o ammoniaca sono altamente correlati ad una diminuzione dei livelli di fertilità interferendo con l azione del progesterone sul microambiente uterino, causando condizioni non ottimali per lo sviluppo e la sopravvivenza embrionale. Nella pratica, poi, un eccesso proteico in razione ha bisogno di energia extra per essere normalmente neutralizzato con il conseguente aumento dei costi alimentari. SQUILIBRI ENERGETICI - All insorgenza della lattazione, la produzione di latte ha la massima priorità rispetto ai nutrienti disponibili: per tale motivo i componenti della razione vengono totalmente utilizzati ed in più l animale deve necessariamente mobilizzare le riserve corporee in grado di fornire energia. Tale situazione è aggravata da inappetenza, con conseguente scarsa ingestione di sostanza secca e perdita di condizione corporea. Si verifica così un bilancio energetico negativo che si annulla a 70 giorni circa. Questa situazione è causa di scarsa fertilità nelle bovine, per ritardo della ripresa di un normale ciclo estrale ed aumento nell incidenza di calori silenti: in altre parole, maggior è l entità di questo bilancio negativo, più lungo è l intervallo parto-prima ovulazione e maggiore sarà il tempo necessario perché l utero sia 10

11 pronto a garantire la sopravvivenza di un ovulo fecondato. La perdita di condizione corporea raggiunge il picco tra i 30 e i 45 giorni. La portata di questo bilancio energetico negativo può essere monitorata dal rilevamento del BCS (Body Condition Score) e verificando l eventuale presenza di corpi chetonici ematici. Per ridurre al minimo il tempo di deficit energetico è necessario, oltre ad una razione corretta, anche un adeguata gestione aziendale (soprattutto un idoneo raggruppamento degli animali rispetto alla produzione). Per quanto concerne la razione si raccomanda di usare foraggi di buona qualità per stimolare l assunzione di sostanza secca ma soprattutto si deve tendere ad aumentare la concentrazione energetica della razione addizionando la stessa con glicole propilenico o altri additivi glicogenici i quali, essendo precursori del glicogeno, si rendono immediatamente disponibili nel sangue per scopi energetici. In conclusione, risulta chiaro lo stretto nesso tra riproduzione e alimentazione. Carenze, eccessi o squilibri sono fattori in grado di alterare le potenzialità della sfera riproduttiva. E quindi indispensabile una buona gestione della razione controllando i parametri nutritivi dei foraggi ogni volta che vengono sostituiti come tipo e qualità verificando che gli animali assumano effettivamente la razione loro distribuita. Per aumentare le possibilità di un rapido ripristino delle capacità di concepimento dopo il parto è perciò consigliabile: - distribuire una razione bilanciata; - impiegare foraggi di buona qualità; - assicurare acqua fresca, abbondante e pulita; - massimizzare l assunzione di sostanza secca soprattutto nelle primissime fasi di lattazione; - ristabilire una giusta condizione corporea nella seconda fase di lattazione che sarà determinante per la lattazione successiva. 11

12 Sotto i riflettori Allevatori, rivenditori e personaggi di successo alla ribalta In Basilicata ma soprattutto in vetta A Tramutola (PZ), in Val d Agri, l Az. Agr. Marcone Carmela punta su innovazione e qualità ed è al primo posto nelle classifiche della regione. Per i protagonisti di questo numero di Zoo-Zoom ci spingiamo a sud, per l esattezza in Val d Agri, dove ci accoglie la Sig.ra Carmela Marcone che, affiancata dal marito Silvio Barbella e dal figlio Michele, è a capo della classica realtà d allevamento a conduzione familiare ma che trionfa tra le classifiche della Basilicata. Dettagli costruttivi della struttura dell Az. Marcone: come le soluzioni presenti in Israele, tutto è pensato per massimizzare il benessere dei capi. Abbiamo cominciato - racconta la Sig.ra Carmela - con appena 8 vacche e la gestione di mio padre Vito; poi nel 1998 c è stato il passaggio di consegne ed oggi annoveriamo circa 100 capi, quasi tutti di razza frisona con 4 brune e una pezzata rossa. Attualmente il latte viene conferito ad un noto e rinomato caseificio della zona che vanta diversi punti vendita anche fuori della Basilicata. Fiordilatte, caciocavalli e scamorze sono le specialità di questa zona d Italia, spesso inspiegabilmente lontana dalle luci della ribalta ma sicuramente al top per quanto riguarda il patrimonio agro-zootecnico e la vocazione alla sua tutela. Foto d insieme nell Azienda Marcone: Franco Nitti (Collaboratore commerciale Dell Aventino) a sinistra, i signori Michele e Silvio Barbella, il Dott. Stefano Albanese (Product Manager Ruminanti Dell Aventino) e la Sig.ra Carmela Marcone. 12

13 GRADUATORIA DI MERITO DEGLI ALLEVAMENTI PER KG DI PROTEINE/2011 Provincia di Potenza N. ORD. COGNOME NOME - LOCALITÀ LATTE KG PRODUZIONI PROTEINE KG FRISONA ITALIANA 1 MARCONE CARMELA * TRAMUTOLA Bollettino AIA Nel giro di dieci anni - interviene Michele - l azienda ha compiuto un autentico salto di qualità, lavorando molto sulla genetica e sul benessere, realizzando nel 2006 una stalla moderna a stabulazione libera con cuccette. Abbiamo optato per una struttura molto alta, pensata per garantire la giusta ventilazione e la giusta temperatura nell ambiente del paddock, progettata e realizzata secondo i moderni criteri in uso in territori caratterizzati da una zootecnia d avanguardia come Israele. Nonostante le elevate temperature di queste zone, il benessere complessivo per gli animali è molto alto. Termometro alla mano, nei giorni della realizzazione di questo servizio per Zoo-Zoom si toccavano i 40 C ma la temperatura massima riscontrata in stalla era di soli 30 C, il tutto senza l ausilio di ventilatori e di tecniche di umidificazione tese ad abbassare la temperatura dell aria. Di notte invece la temperatura riscontrata è stata di 20 C circa, una condizione ambientale ottimale, quindi, per l allevamento e il benessere dei capi. Se l azienda Marcone oggi è realtà di spicco in Basilicata lo si deve ad una visione molto innovativa dell attività. L alimentazione avviene tramite tecnica Unifeed e con un Nucleo personalizzato (Nucleo Marcone), studiato dal Team Tecnico Dell Aventino ad hoc per questa realtà con l ausilio in razione di azoto non proteico che favorisce le fermentazioni ruminali, soprattutto quelle che digeriscono la fibra. Da anni viene prevista nella razione giornaliera anche un integrazione di alghe marine, utilizzata per i suoi aspetti nutraceutici e i suoi indubbi benefici a favore del sistema immunitario e di quello riproduttivo. Razione utilizzata, cocktail perfetto per produzioni di altissima qualità: Insilato di mais kg 20 Fieno di medica kg 3 Fieno di loietto kg 2 Farina di mais kg 5 Nucleo Marcone Dell Aventino kg 6,5 Il rapporto con l Azienda mangimistica Dell Aventino è ormai consolidato da 6 anni ed entrambi possono gioire dei risultati ottenuti. 13 Un altra chiave di lettura del successo di questa realtà aziendale è sicuramente il lavoro del team familiare, la determinazione e la specializzazione. In casa Marcone-Barbella - spiega il sig. Silvio - non viene praticata un altra attività: tutte le energie fisiche e mentali vengono indirizzate all azienda, ogni eventuale e sporadico problema viene analizzato nel dettaglio e diventa occasione di miglioramento. Come diceva mio figlio, lavorando sulla genetica, nel giro di dieci anni siamo passati da poche vacche ad essere la prima tra le stalle della Lucania (considerando le due mungiture) per quintali prodotti e per qualità del latte. I signori Silvio e Michele Barbella, tra il Dott. Stefano Albanese e Franco Nitti. Qualità del latte e performances dei capi hanno dunque fatto guadagnare all azienda Marcone un meritato posto anche sotto i riflettori di Zoo-Zoom! A proposito di performance, va sottolineata la notevole produttività media per capo: nessuno scende sotto un determinato quantitativo e tutte le vacche in lattazione contribuiscono al risultato d elezione. Gestione attenta e management moderno, produzione qualitativamente e quantitativamente elevata, benessere animale: in questi punti è racchiusa la filosofia vincente di questa realtà. Oggi, in un periodo certamente critico, le lamentele sul prezzo del latte passano in secondo piano rispetto alla gratificazione ed al prestigio di occupare il primo posto nelle classifiche della Basilicata. E tutti questi risultati sono stati ottenuti in soli 10 anni

14 L esperienza positiva Coop. Agr. Zootecnica Falode, Castello del Matese (CE) Un punto di riferimento per la filiera corta e per la zootecnia del terzo millennio Questa realtà ha per emblema una bussola, simbolo della ricerca continua nella giusta direzione, scelto per guidare clienti e visitatori tra gusti, sensazioni ed esperienze indimenticabili. Ad accogliere sul posto chi scrive per Zoo-Zoom (sotto un faggio secolare gigante dove si respira aria di benessere e relax, ndr) è il sig. Liberato Loffreda, general manager della Coop. Falode. Si capisce subito la complessità di una struttura bellissima ma che necessariamente ha bisogno di una gestione manageriale per far funzionare tutto alla perfezione. Infatti ogni socio è responsabile di un settore della Cooperativa: il sig. Pietro De Lellis segue il settore ovini, i signori Emilio e Guido De Lellis gestiscono l alimentazione animale mentre il sig. Cosimo Di Lello è il capostalla dei bovini. Il sig. Liberato Loffreda, general manager della Coop. Falode, tra Mauro Izzo e il Dott. Nicolino Beatrice (rispettivamente Agente di Zona e Area Manager Dell Aventino). I signori Giovanni e Pietro Mallardo, invece, si occupano della macelleria, il sig. Antonio De Lellis del Caseificio e la signora Eva Del Giudice dell Agriturismo. Se tutto l anno la Falode è raggiunta in larga parte da campani, in agosto è meta di turisti provenienti da ogni parte d Italia e non solo, attratti dalle bellezze paesaggistiche. Anche in inverno è una location appetibile per la vicinanza alle stazioni sciistiche di Campitello Matese e Bocca della Selva. Insomma, siamo al cospetto della classica azienda gestita da imprenditori sagaci, che sanno anticipare il futuro ed essere proattivi in un contesto - diciamo naturalistico - nel quale si inserisce a pieno titolo la vocazione zootecnica e alimentare. Dello scorso luglio, infatti, è l evento Gustando La Falode (assaggi di latte, yogurt, latticini e prodotti tipici allietati da spettacoli e giochi!), una tra le manifestazioni che denotano lo spirito positivo e orientato al business Il Dott. Beatrice, il sig Liberato Loffreda e Mauro Izzo nell allevamento di vacche da latte di razza bruna della Cooperativa Falode. 14

15 di questa splendida realtà imprenditoriale situata sull altopiano del Matese a mt sul livello del mare, in prossimità dell omonimo lago, nel cuore del Parco Regionale, a cavallo tra i comuni di S. Gregorio e Castello del Matese: un contesto ambientale unico. La Cooperativa, costituita nel 1982, vive nel 1985 un anno cruciale quando rileva l attuale azienda di circa 400 ettari che versava in stato d abbandono con appena un paio di ruderi. Oggi l attività impegna ben 5 famiglie e la gestione del sig. Liberato Loffreda può già contare sull apporto dei figli Annachiara e Livio, la prima con funzioni amministrative, il secondo nell area tecnica. Livio, grazie anche all imminente laurea in Veterinaria, contribuirà a dare nuova linfa a questa prestigiosa struttura. Ma ripercorriamo velocemente le tappe dell ascesa dell azienda Falode. L allevamento organizzato è partito con 500 ovini mentre allo stato attuale sono circa le pecore di razza lacaune francese; nel 1990 sono state introdotte le vacche da latte di razza bruna e oggi i capi ammontano a circa 200; diversi sono i bovini da carne di razza marchigiana pura che vivono allo stato brado. A partire dagli anni Novanta, un passo dopo l altro, l azienda ha fatto segnare una crescita esponenziale soprattutto in termini di qualità della filiera corta: prima il caseificio, poi la macelleria e per finire la realizzazione di un piccolo salumificio. Più che di chilometri zero è il caso di parlare di prodotti a metri zero poiché una grossa fetta della produzione è trasformata e commercializzata in loco nel punto vendita aziendale; la restante parte viene venduta in altri negozi delicatessen delle province di Caserta, Napoli e Roma. Il tipico Pecorino del Matese e il Caciocavallo del Matese sono fiori all occhiello che si affiancano a latte e specialità casearie come scamorze, ricotte, etc. A cominciare dal 1993 alla pratica zootecnica si è affiancata una florida attività di agriturismo, non solo fonte di reddito e di soddisfazioni ma anche volano importante per accrescere la notorietà di location e produzioni. La Falode è in grado di offrire servizi di agricampeggio, di sosta pic-nic e di escursionismo, grazie anche all ampia area a disposizione per ospiti e turisti e un totale di 100 posti letto e 200 coperti. Tornando all aspetto prettamente zootecnico, per le vacche da latte è stato scelto dal Team Tecnico Dell Aventino il prodotto con cotone VL Cotton 23, che sta dando ottimi risultati in linea con le aspettative d eccellenza della proprietà. Mauro Izzo e il Dott. Cristiano Chiappa (rispettivamente Agente di zona e Tecnico Alimentarista Dell Aventino) coordinati dal Dott. Nicolino Beatrice (Area Manager) seguono con attenzione lo sviluppo della proficua collaborazione con la Falode, nata anche grazie al prezioso contributo del Dott. Luis Marquez, esperto consulente nel settore degli ovini (nello specifico si è puntato sui mangimi Dell Aventino OV 10 Fiocco, OV Project Plus e Lamb Easy Meal). Dietro al marchio Matese Ranch, inoltre, si palesa un prestigioso allevamento (con addestramento e vendita) di cavalli Quarter Horse e Paint Horse, per un totale di circa 100 capi. L evento Matese Western Days che si svolge i primi di agosto, è la dimostrazione tangibile dell attenzione che la Falode presta anche al settore equino e sempre ad alto livello. Ricerca dell eccellenza a tutto campo e molteplicità delle specie allevate: con queste caratteristiche si intuisce perché la Falode è un cliente molto importante per l Azienda Dell Aventino. La Falode è una Esperienza Positiva su tutti i fronti, non ultimo il delicato tema del benessere animale che sappiamo quanto incida su qualità del latte e delle produzioni alimentari. Basta una rapida occhiata al punto vendita aziendale per capire come le giuste strategie arrivino alle eccellenti produzioni! Una gustosa selezione dei prodotti Falode e a destra il sig. Antonio De Lellis che cura il caseificio. 15

16 In linea con il mercato Rubrica dedicata al mercato delle materie prime, con un breve accenno alla situazione dei prezzi dei principali prodotti della trasformazione zootecnica Dott. Andrea Garzilli Dipartimento Acquisti, Produzione e Logistica Dell Aventino Il momento è caldo La peggiore siccità degli ultimi 60 anni sta mettendo in ginocchio il settore agricolo statunitense che sta vedendo i propri raccolti ridursi velocemente, nonostante le semine siano state ampiamente superiori a quelle della stagione precedente. Gli ultimi rapporti mensili pubblicati dall USDA, Dipartimento per l Agricoltura degli Stati Uniti, sono stati decisamente allarmanti per le prospettive del bilancio agricolo mondiale 2012/2013. L attesa degli operatori era concentrata in particolar modo sulla scontata revisione al ribasso delle rese del mais negli USA. C era molta incertezza sull entità dei danni che avrebbe potuto provocare la siccità che ha interessato i territori del Midwest proprio nella fase più delicata del ciclo di vita del cereale. Le previsioni rilasciate dall USDA sono state ancora peggiori di quanto si aspettavano i più accreditati analisti. Le rese per acro sono state ridotte rispetto a giugno di oltre il 25%: il taglio più consistente degli ultimi anni! E come conseguenza ci dovrebbe essere una contrazione del raccolto di circa 100 mln di tons (274 mln contro i 375 previsti a giugno). In calo anche le scorte mondiali di fine campagna 2012/2013 indicate a 123 mln rispetto ai 156 stimati a giugno e ai 135 di fine campagna 2011/2012. Il calo è stato solo in parte attenuato da una riduzione sulla stima dei consumi di circa 30 mln (252 contro 285). Anche le prospettive per il grano sono peggiorate a seguito soprattutto del clima sfavorevole in Russia, Ucraina e Kazakistan. La produzione mondiale si dovrebbe attestare a circa 665 mln di tons contro i 695 della precedente campagna e le scorte si dovrebbero ridurre in maniera significativa: 177 mln contro i 198 di un anno fa. Per la soia, infine, l USDA ipotizza un raccolto di 73 mln; solo un paio di mesi fa si parlava di 83 mln e le prime indicazioni erano per un raccolto record di 90 mln. Nel giro di poche settimane abbiamo assistito ad una impennata senza precedenti delle quotazioni dei cereali sui mercati internazionali e la soia ha continuato il suo trend rialzista, cominciato a inizio anno a seguito della forte riduzione dei raccolti sudamericani (-20% rispetto alle attese). Per i cereali, l aumento dei prezzi sul mercato di Chicago è stato repentino e particolarmente significativo in termini di entità. Negli ultimi tre mesi le quotazioni del mais sono aumentate di circa il 60% portandosi a valori record (330 dollari/ton), quelle del grano del 40% e quelle della soia del 60%, in questo caso partendo dalle quotazioni di inizio anno. E pensare che le semine primaverili erano state particolarmente positive accompagnate anche da un andamento climatico favorevole con bollettini settimanali sullo stato delle colture, emanati dall USDA, che indicavano fino a metà giugno sia per il mais che per la soia un alta percentuale (70%) di condizioni buone/eccellenti. Le aspettative degli operatori erano quindi decisamente ottimistiche e anche la speculazione ha continuato ad operare principalmente sul comparto della soia, penalizzato dai danni provocati dalla siccità nel Sud America, trascurando il comparto dei cereali per il quale, invece, si prevedevano raccolti importanti. Per rendere più evidente quanto sta accadendo sui mercati internazionali, mostriamo alcuni grafici che rispecchiano l andamento dell ultimo periodo di grano, mais e soia. In Italia la campagna cerealicola è iniziata a fine giugno nel modo migliore sia per il grano tenero che per il grano duro e l orzo. Le prime informazioni, per questi cereali, indicavano rese al di sopra della media e ottima qualità con conseguenti quotazioni cedenti rispetto a quelle di fine campagna. I timori, poi, per le notizie negative provenienti dagli USA e dai Andamento quotazioni Grano, Mais e Soia (fonte CBOT Chicago). 16

17 Paesi dell Est e le preoccupazioni per la nostra campagna del mais, messa a dura prova da una persistente siccità (le ultime stime indicano una riduzione di circa il 30% della produzione) hanno profondamente modificato lo scenario del mercato che sembrava, fino a poco più di un mese fa, destinato a mantenersi su valori inferiori a quelli registrati nella campagna appena conclusa. In particolare va segnalata la repentina impennata del mais che si è portato per merce disponibile a valori di 280 base Veneto con un incremento di oltre il 40% facendo da traino anche ai prezzi di grano e orzo che si sono portati a valori rispettivamente di 275 e 250. La situazione, allo stato attuale, si presenta ancora molto critica non solo nel nostro Paese, ma anche negli USA, in Francia e nei Paesi dell Est e non si esclude che i dati negativi rilasciati dall USDA ultimamente possano ulteriormente peggiorare. Gli operatori di fronte a questo scenario sono molto frastornati, si muovono con cautela sia nel vendere che nel comprare evitando affari sul lungo periodo. C è da tener presente, poi, che la speculazione finanziaria amplifica in maniera esponenziale le tensioni in atto sui mercati. E proprio per questo, Francia e Stati Uniti hanno sollecitato per il prossimo G20 iniziative concrete per evitare quei fenomeni di affannoso accaparramento di risorse nei Paesi importatori e di blocco delle esportazioni da parte dei Paesi esportatori, che nel 2008 e nel 2009 moltiplicarono l effetto dei cattivi raccolti. Inoltre la FAO ha già chiesto agli USA, in maniera molto decisa, di sospendere la produzione di etanolo per evitare una nuova crisi alimentare. Ci aspetta, quindi, una campagna particolarmente difficile. Andrea Garzilli A rigor di legge Come essere informati e districarsi tra norme e regolamenti Articolo 62, un punto pesante a favore della trasparenza nella filiera agroalimentare Le tanto attese nuove regole sulla vendita dei prodotti agricoli e alimentari finalmente sono in dirittura d arrivo. Entra infatti in vigore il 24 ottobre 2012 un provvedimento che fa chiarezza e dissipa dubbi su contratti e regala ragionevoli certezze ad alcune maglie deboli della catenafiliera. La normativa, infatti, nasce proprio con l intento di sostenere le parti commerciali più deboli della catena agroalimentare, i produttori agricoli e gli allevatori. L elenco dei prodotti agricoli è completo, comprende ogni prodotto proveniente da un azienda agricola (animali vivi, latte, piante, cereali, frutta, etc) e prodotti lavorati (carne, vino, etc.). Promosso dal Ministero delle Politiche Agricole e quello dello Sviluppo Economico, pone maggiormente l attenzione sulle vendite operate alla distribuzione grande e piccola ma riguarda anche il nostro settore mangimistico. E obbligatorio il contratto scritto e deve contenere gli elementi richiesti dal decreto di applicazione. Spazio anche alla condanna dei comportamenti sleali, come ad esempio condizioni ingiustificatamente gravose per la parte commercialmente più debole. Dott. Antonio De Mattia Responsabile Amministrativo Dell Aventino Ad ogni modo invitiamo i nostri Clienti ad informarsi presso le associazioni di categoria e/o i propri consulenti fiscali per l esatta comprensione dei diritti e dei doveri che scaturiscono dall entrata in vigore dell ormai famoso Articolo 62. Antonio De Mattia IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI - Si applica a cessioni di prodotti agricoli e alimentari (sono esclusi conferimento soci a cooperative o organizzazione di produttori, prodotti ittici e transazioni con pagamento cash); - Obbligo del contratto in forma scritta; N.B.: in osservanza del decreto in esame, l Azienda Dell Aventino assolverà anche all obbligo di riportare sul documento di trasporto o di consegna e nella fattura, la seguente annotazione: assolve agli obblighi di cui all art. 62 del Dl 1/ Obbligo di rispettare determinati termini di pagamento. Essi sono non superiori a 30 gg (per merci deperibili, es. latte) e non superiori a 60 gg (per merci non deperibili, es. mangimi). Tali termini decorrono dall ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura e/o della consegna. - Divieto di pratiche commerciali sleali come, ad esempio, condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose per la parte più debole commercialmente; - Decorrenza automatica degli interessi di mora a partire dal giorno successivo alla scadenza del termine di pagamento; - Il rispetto della normativa in esame è demandato all Antitrust ed alla Guardia di Finanza. 17

18 Area marketing Studi, analisi, ricerche e consigli per puntare sempre più in alto Progetto AGRIDELL A Bellante (Teramo) un giovane imprenditore per un nuovo punto vendita in un territorio nel quale agricoltura e zootecnia la fanno ancora da padrona Il nome della rivendita salta subito all occhio: Naturaverde è un caso ma è lo stesso della linea di mangimi Dell Aventino destinata all allevamento rurale; l imprenditore di cognome fa Calabrese ma è un abruzzese DOC ; è certamente meritevole d attenzione perché - di questi tempi - va premiato chi sfida la criticità del periodo per rinnovare, ammodernare e rendere più funzionale il proprio punto vendita. A Bellante, in provincia di Teramo, Naturaverde era già un nome importante nella vendita di mangimi e di prodotti e servizi per la zootecnia ma il vecchio punto vendita in pieno centro stava un po stretto a Roberto Calabrese che crede in questa professione e punta quindi a rilanciare. Per fare questo ha scelto anche di servirsi della collaborazione del Team AgriDell il quale ha favorito l identificazione del nuovo punto vendita ed ha garantito il giusto supporto per il Visual Merchandising. Roberto Calabrese - insieme ad alcuni familiari che lo supportano nell attività quotidiana - sta traendo il massimo dalla nuova organizzazione funzionale degli spazi e dal fatto di tenere sempre in ordine il nuovo punto vendita; infatti, non sempre nel mondo degli agristore si riesce a mantenere nel tempo la giusta organizzazione iniziale delle merci anche Gianluca Ricciuti Laureato in Architettura è Responsabile della Comunicazione e del Marketing Operativo in Dell Aventino Roberto Calabrese con Simone Vellante e con il Dott. Guido Massimini (rispettivamente Agente di Zona ed Area Manager Dell Aventino), nel nuovo punto vendita di Bellante (TE). perché, quotidianamente, vengono inserite nuove referenze. In questo contesto va evidenziato anche il ruolo di Simone Vellante e del Dott. Guido Massimini (rispettivamente Agente di zona ed Area Manager Dell Aventino) che hanno fatto sì che questo punto vendita prendesse forma nella giusta maniera ed avesse la giusta organizzazione. Il buon equilibrio trovato tra merce esposta su pedana (soprattutto mangimi) e articoli disposti a scaffale (in prevalenza pet-food, sementi e accessori per l agricoltura) è - e rappresenterà in futuro - il successo del nuovo Naturaverde-AgriDell. Roberto svolge anche un importante lavoro di servizio e consegna di mangimi ai piccoli allevatori locali e questo è un lavoro importante per supportare i piccoli allevamenti - soprattutto di ruminanti - in zone spesso disagiate ed impossibili da raggiungere con grandi mezzi. Anche per lui, quindi, si è rivelata molto importante la parte di formazione per la gestione di un nuovo punto vendita e di modernizzazione delle tecniche espositive: quando un nuovo negozio prende forma - per giunta di proprietà di un giovane imprenditore! - è un successo perché rappresenta la continuità in un settore, quello agrozootecnico, visto spesso come difficile ed erroneamente come marginale. In quanto a successo, in questo articolo piace evidenziare la Festa della Trebbiatura che ogni anno viene organizzata a Bellante proprio grazie all impegno tangibile di Roberto Calabrese: un intero paese fa un salto nel passato e rievoca le tecniche e l impegno che venivano messi in campo per l agricoltura di un tempo, con la consapevolezza che anche le nuove generazioni possano trovare un futuro in questo settore avendo sempre bene in mente ciò che il passato ha rappresentato per le loro famiglie e per questo bellissimo territorio. Gianluca Ricciuti 18

19 Vita d azienda Filo diretto tra Dell Aventino ed i suoi collaboratori Manutenzione, la qualità passa anche dagli ingranaggi Capita di considerare macchinari e impianti come strumenti asettici per la produzione; nell ambito delle attività di un impresa produttiva poco strutturata, tante volte ci si accorge di loro solo in caso di guasto. E invece controlli continui, verifiche e manutenzione programmata sono parte integrante di quel prestigioso ingranaggio chiamato Assicurazione Qualità che dà valore aggiunto al cliente di aziende ben organizzate. Le linee e gli impianti di produzione rappresentano il cuore pulsante dell attività del mangimificio Dell Aventino, traducono in qualcosa di tangibile gli sforzi dell Area Commerciale e dell Area Tecnica. Le persone che le controllano consentono il rispetto delle caratteristiche intrinseche dei prodotti, la loro costanza nel tempo, il rispetto dei tempi di consegna ai clienti e potremmo continuare a lungo su questa linea. Per non parlare delle certificazioni che tengono altamente conto degli impianti: dalla prestigiosa certificazione Codex Assalzoo alla ISO 9001:2008 che nobilitano la qualità dei mangimi Dell Aventino. In Azienda il compito di vigilare e verificare che tutto fili liscio è affidato a Claudio Morgione, suo il ruolo di Responsabile della Manutenzione e del Coordinamento della Sicurezza dei lavoratori. Claudio è in Azienda dal 2002 ed ha certamente portato un ricco bagaglio di saggezza acquisito in esperienze precedenti nel settore metalmeccanico. Il suo è stato un ambientamento immediato e con la sua disponibilità e la sua attenzione lavora quotidianamente anche per rendere sempre sicure le attività lavorative dei colleghi. Ad affiancarlo nelle mansioni manutentive c è Antonio Cimini - soprattutto per la parte elettrica - e non trascurabile è il ruolo dei giovani Riccardo Fucci e Matteo Silverii da pochi anni in azienda. Ci piace sottolineare la filosofia di lavoro di questo team ben oliato, un team veramente proattivo. Una manutenzione dinamica è quella che va oltre il semplice controllo, molti spiragli per l innovazione e il miglioramento si individuano proprio osservando le macchine con occhi diversi, senza appiattirsi su norme e procedure. Pensiamo, ad esempio, a quante significative evoluzioni sta introducendo a tutti i livelli l adozione in Dell Aventino del progetto denominato Percorso Verde. Tematiche come la riduzione delle emissioni in atmosfera o più in generale il rispetto dell ambiente nei cicli di produzione, implicano nei controllori delle macchine un aggiornamento costante. Forte della sua esperienza, insieme all azione dei collaboratori sempre all altezza dei compiti, Claudio Morgione si può ben definire a capo di un gruppo di lavoro di qualità. Lui stesso da queste colonne tiene a ringraziare la Direzione non solo per la fiducia accordata, ma soprattutto per l impegno dedicato al delicato tema della sicurezza sul lavoro, su un terreno dove sensibilità, cultura d impresa e adempimenti volontari fanno la differenza tra un azienda qualsiasi e una con la A maiuscola. Nota bene In ogni numero i principali appuntamenti del periodo per essere sempre aggiornati e al passo con i tempi OTTOBRE/NOVEMBRE a Fiera Int. del Bovino da latte Qualyfood - Salone Salute Animale in contemporanea a: ITALPIG - 16 Salone della Suinicoltura Italiana EXPOCASEARIA - Tecnologie per la produzione e distribuzione del latte e derivati Quartiere Fieristico - Cremona, 25/28 ottobre In basso a destra Claudio Morgione (Resp. della Manutenzione e Coordinatore della Sicurezza dei lavoratori); alle sue spalle Antonio Cimini (che cura la parte elettrica) e i giovani manutentori Matteo Silverii e Riccardo Fucci. Con il camice bianco, Michele Andreoli (Resp. Produzione). Zootecsud Fiera Nazionale della Zootecnia Quartiere Fieristico Foggia, 16/18 novembre Manifestazioni e date sono desunte, al momento della stampa di questo numero di Zoo-Zoom, da siti internet e da materiale diffuso dalle singole organizzazioni. 19

20 Linea Opti-Syncro Nutrienti in sincronia per risultati eccellenti SINERGIA ADV. NEW CONCEPT FEED Le razioni formulate con il principio OPTI-SYNCRO Dell Aventino, new concept feed, migliorano la digeribilità della fibra, in molti casi con un aumento delle performances produttive grazie a soluzioni tecnologiche avanzate a base di urea (Optigen ) che consentono il rilascio nel rumine, gradualmente e in maniera controllata, di azoto non proteico. PUNTUALI ARRIVANO I VANTAGGI PER L ALLEVATORE: aumento dell efficienza alimentare (razione trasformata in più latte e più qualità); minori costi per materie prime proteiche per razione. Dell'Aventino S.r.l. Soc. Unipersonale Fossacesia (CH) S.P. Pedemontana, 8 Tel r.a. Fax Dell Aventino S.r.l. S. U Fossacesia (CH) S.P. Pedemontana, 8 Tel r.a. Fax C/1076/2008 PERIODICO DELLA ZOOTECNIA PRODUTTIVA CH CDM

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali 13 Meeting AIA LSL Roma 4 dicembre 2013 BHB e acetone nelle analisi individuali dei CCFF: valutazioni preliminari del rischio di chetosi Dott.ssa Nicoletta Rizzi - Responsabile laboratorio Diego Vairani

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI

PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI PROGRAMMA SUINI LINEE SCROFE E SUINETTI BIVIT produce mangimi completi, premiscele ed altre soluzioni innovative per l industria mangimistica, distinguendosi per un approccio indipendente, creativo e innovativo

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte Legislazione A livello nazionale e di Comunità Europea, la legislazione basilare che interessa l'industria per gli alimenti per animali riguarda gli animali di allevamento e si occupa della produzione

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Buone pratiche di pascolamento dei caprini

Buone pratiche di pascolamento dei caprini Buone pratiche di pascolamento dei caprini Mauro Decandia & Giovanni Molle Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali L allevamento estensivo della capra in Sardegna si basa prevalentemente sull

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

Alimentazione e Sport, come scegliere?

Alimentazione e Sport, come scegliere? Alimentazione e Sport, come scegliere? Il legame fra alimentazione e sport è importante. Vediamo di fissare, una volta per tutte, le regole che legano questi due fattori. Prima di tutto per lo sportivo

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA Luciano e Mauro Comino hanno ribaltato l allevamento di famiglia situato a Rocca de Baldi (Cn) per abbattere i costi di alimentazione e ridare spazio alle foraggere aziendali. Tagliando sul silomais e

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

In asciutta La mastite si affronta così

In asciutta La mastite si affronta così Le modalità di gestione della malattia più utili per prevenire problemi futuri. La lotta alle infezioni. Le scelte alimentari più opportune In asciutta La mastite si affronta così Vacche in asciutta in

Dettagli